Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Miei Pensieri di varia Umanità
Author: Pascoli, Giovanni
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Miei Pensieri di varia Umanità" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                            GIOVANNI PASCOLI


                             Miei Pensieri
                            di varia Umanità



                                MESSINA
                       VINCENZO MUGLIA — EDITORE
                                  1903



                          PROPRIETÀ LETTERARIA

          _a senso del testo unico delle Leggi 25 Giugno 1865,
                    10 Agosto 1875, 18 Maggio 1882,
         approvato con R. Decreto e Regol. 19 Settembre 1882._

           Catania — Stab. tip. a vap. CAV. S. DI MATTEI & C.



A VINCENZO MUGLIA

EDITORE

CHE S'ARMA E NON PARLA



  _Caro Vincenzo_


_Voi sapete che io amo la Sicilia; e non solo nel suo cielo e nel suo
mare, ma nella sua terra; e non solo nelle sue memorie, ma nel suo
presente; e non solo nei suoi ruderi, ma nel suo popolo._

_O popolo taciturno e severo! S'arma e non parla, anch'esso, tutto,
come voi, uno._

_Chi osservi quanti artefici del bello e scopritori del vero, col
libro, col quadro, con la statua, dalla cattedra, dalla tribuna,
dall'officina, onorino fin d'oggi la Sicilia, può indovinare qual
fermento agiti l'isola del fuoco. =Virum seges.= Spunta una gran messe
d'uomini, la quale non fa più rumore dell'erba che cresce. Chè questa è
una fantasia di tanti che discorrono del mezzogiorno: darsi a credere
che voi altri gesticoliate, chiacchieriate, cantiate continuamente
come folli. Oh! sì! I gesti? Il cenno di Giove =cuncta supercilio
moventis=. La chiacchiera? Il monosillabo del Lacone. I canti? Li ho
uditi, nell'alta notte, i vostri canti: flebili melopee che riconducono
al cuore il sogno di ciò che è di là della morte; della morte piccola
e della morte grande: oltre i millenni della storia e oltre il passato
della nostra vita: tra le colonne abbattute di Selinunte e dentro le
nostre domestiche tombe. Qual «dolcezza amara» in quel canto che voi
ripetete così bene:_

    _Lu suli sinni va: dumani torna:_
    _si minni vaiu ju, non tornu chiù!_

_Voi altri siete un popolo che tace. — Oh! oh! — dirà alcuno — tu
consenti nel rimprovero che si fa appunto ai siciliani: di tacer
troppo, di amare, essi così prediletti dal sole, l'ombra e la tenebra —
Ahimè! La mafia... Dobbiamo parlarne? Due parole._

_Tristo il silenzio intorno al delitto! Un uomo è calato nel sepolcro
prima del tempo. Una famiglia piange senza mai fine. Chè non le è
possibile la rassegnazione. Essa non potrà alzar gli occhi al cielo,
donde viene la rugiada e l'oblio: li gira attorno a sè, gli occhi, per
cercare nella terra chi ha presa, a danno infinito di lei, la parte
dell'«antico uccisore». Tristo allora il silenzio degli altri, se è
indifferenza! Orribile, se è compiacimento! Abbietto, se è viltà! Ma se
è l'assenso dei molti, dato con dolore, al pensiero di quelli infelici,
cui nulla ormai può consolare nemmeno la giustizia?..._

_Io ho dovuto fare spesso nella mia vita (al fine, confesso, di non
odiare i miei simili) le riflessioni che pongo qui a capo di questo
libretto, e ci sono anche in fondo. Mi par bene che si trovino al
principio e alla fine, a mostrare che per me la questione umana è
precipuamente morale. Ecco dunque. Dove sono, non dico in Italia ma nel
mondo, quelli che illuminano volentieri la giustizia? e dove è, nel
mondo civile o barbaro, la giustizia che sembri alle coscienze buono
illuminare? Se in qualche popolo trovate un vero furore di giustizia;
tanto che si fucili, impicchi, bruci senza esitazione e formalità;
guardate a fondo: troverete che quello è un furore sì, ma non di
giustizia; un furore di conservare e di preservare: interesse, paura,
egoismo. In quei paesi, ancor nuovi, in cui la parola vela già, ma
pochino pochino, la cosa, un buon cittadino non disdegna, qualche volta
di farsi carnefice; sebbene... si mette la maschera! Ma da noi chi
vorrebbe farsi esecutore della giustizia? Ma da noi chi, in fondo in
fondo, prova sentimenti, poniamo, di gratitudine per i carcerieri, che
sono ministri, sebbene non tanto vistosi, della giustizia? E via e via.
In verità la giustizia intralcia la nostra coscienza che rifugge dal
fare il male, e, quanto al punirlo già fatto, oh! vedete! approva che
si perdoni. E dunque?_

_Dunque la coscienza d'un popolo, se è retta o torta, s'ha a giudicare
non dall'aiuto che il popolo presta, o no, alla giustizia che viene,
a pie' zoppo, dopo il male fatto; ma dall'osservanza, o no, che abbia
per la giustizia che precede il male da fare e impedisce che si faccia.
Questa è la giustizia che deve bandir quell'altra, la quale par che si
chiami così, giustizia, dallo aggiustare, ch'ella tenta, le cose dopo.
No, non si possono aggiustare l'anima e la vita umana, una colta rotte:
bisogna non romperle prima. E bisogna che ciò si sappia e si veda, che
ci son cose che non si possono riparare. Se non ci fossero i concini,
chi sa? si romperebbero meno stoviglie._

_Ma torniamo a noi, mio buon Vincenzo, che tacete, come tace il vostro
popolo. Oh! voi non fate chiasso attorno ai libri che pubblicate,
con tanto vostro dispendio e tanto poco favore degli italiani. Voi
non volete creare, con arte che è così facile a tutti, e che a voi
intelligentissimo sarebbe facilissima, nella mente dei lettori e
compratori di libri, un'opinione sul merito del libro prima che lo
comprino e leggano. E io sono di accordo con voi, che fate, a vostre
spese, esperienza del guaio che affligge tutta l'umanità presente. Ella
è schiava, capite? e nel suo tutto e nelle sue parti. Non si pensa con
la propria testa, capite? ossia, non si pensa più. E tutti i progressi,
pur così evidenti, delle scienze lasciano perplesso l'osservatore
e amatore degli uomini; perchè, in vero, qual fede si può avere nei
guizzi lunghi d'una lampada in cui l'olio viene a mancare? qual fede
nella ricca fioritura d'una pianta, la cui radica è rósa? I frutti non
terranno. La lampada si spegnerà._

_Libertà! Libertà! Questa è l'idea che pervade il libricciolo, che
io v'offro: libertà da cima a fondo. E perciò lo dedico a voi, che
non solo assomigliate a me, nel disdegnare ciò che mette i ceppi al
pensiero, ma che, nel mio cuore, figurate, uno, giovane, ardente di
fede e parco di parole, franco ma a monosillabi, libero ma a cenni,
la vostra Sicilia. La Sicilia, con tutti i discorsi che si sono fatti
sulla =mafia= siciliana, non è terreno da piantarvi la selva
oscura del partito, ossia del non-volere, ossia del non contar più se
non come uno sterpo in un gran viluppo inerte e infecondo. Che! In ogni
siciliano il proprio io è lì che negli occhi grandi e profondi sta in
guardia della persona, piccola (come la vostra) e cara! E la Sicilia
tutta non vuol liquefarsi nel resto d'Italia: bene! E, per questo suo
medesimo sentimento, non vuole che l'Italia sia annullata dal resto del
mondo: benissimo!_

_Caro Vincenzo, e io non ho trovato in Sicilia uno più siciliano di
voi e più italiano di voi. E perciò vi amo. E siete fiero. E perciò
vi ammiro. E lavorate in silenzio. E perciò vi venero. E vi arriderà
il successo? cioè, avrete mai la ricchezza, e quella, che non pare si
possa avere, se non dopo avuta la prima, e ciò per la forza delle cose
piuttosto che per mal volere degli uomini, la croce del lavoro? Voi vi
armate: sarete mai armato cavaliere?_

_Di codesto, dubito. Ma eccomi qua. Ricordate che in certi casi
i nobili guerrieri si davano la accollata a vicenda nel campo di
battaglia, sparso del loro vivo sangue?_

_Ebbene, vi faccio cavaliere del lavoro, io!_

_Prendetela da un compagno d'armi l'attestazione del vostro valore;
prendetela, la croce, da uno che della croce ne ha avuta sin troppa; da
un lavoratore, il premio del lavoro._

                                                   _GIOVANNI PASCOLI_

  _31 dicembre del 1902._



IL FANCIULLINO


I.

È dentro noi un fanciullino[1] che non solo ha brividi, come credeva
Cebes Tebano, che primo in sè lo scoperse, ma lagrime ancora e tripudi
suoi. Quando la nostra età è tuttavia tenera, egli confonde la sua
voce con la nostra, e dei due fanciulli che ruzzano e contendono tra
loro, e, insieme sempre, temono sperano godono piangono, si sente un
palpito solo, uno strillare e un guaire solo. Ma quindi noi cresciamo,
ed egli resta piccolo; noi accendiamo negli occhi un nuovo desiderare,
ed egli vi tiene fissa la sua antica serena maraviglia: noi ingrossiamo
e arrugginiamo la voce, ed egli fa sentire tuttavia e sempre il suo
tinnulo squillo come di campanello. Il quale tintinnio secreto noi non
udiamo distinto nell'età giovanile forse così come nella più matura,
perchè in quella occupati a litigare e perorare la causa della nostra
vita, meno badiamo a quell'angolo d'anima donde esso risuona. E anche,
egli, l'invisibile fanciullo, si pèrita vicino al giovane più che
accanto all'uomo fatto e al vecchio, chè più dissimile a sè vede quello
che questi. Il giovane in vero di rado e fuggevolmente si trattiene col
fanciullo, chè ne sdegna la conversazione, come chi si vergogni d'un
passato ancor troppo recente. Ma l'uomo riposato ama parlare con lui e
udirne il chiacchiericcio e rispondergli a tono e grave; e l'armonia
di quelle voci è assai dolce ad ascoltare, come d'un usignolo che
gorgheggi presso un ruscello che mormora.

O presso il vecchio grigio mare. Il mare è affaticato dall'ansia della
vita, e si copre di bianche spume, e rantola sulla spiaggia. Ma tra
un'ondata e l'altra suonano le note dell'usignuolo, ora singultite
come un lamento, ora spicciolate come un giubilo, ora punteggiate
come una domanda. L'usignuolo è piccolo, e il mare è grande: e l'uno è
giovane, e l'altro è vecchio. Vecchio è l'aedo, e giovane la sua ode,
Väinämöinen è antico, e nuovo il suo canto.[2] Chi può imaginare, se
non vecchio l'aedo e il bardo? Vyàsa è invecchiato nella penitenza e
sa tutte le cose sacre e profane. Vecchio è Ossian, vecchi molti degli
skaldi. L'aedo è l'uomo che ha veduto (_oide_) e perciò sa, e anzi
talvolta non vede più; è il non veggente (_aoidos_) che fa apparire il
suo canto.[3]

Non l'età grave impedisce di udire la vocina del bimbo interiore, anzi
invita forse e aiuta, mancando l'altro chiasso intorno, ad ascoltarla
nella penombra dell'anima.[4] E se gli occhi con cui si mira fuor
di noi, non vedono più, ebbene il vecchio vede allora soltanto con
quelli occhioni che sono dentro lui, e non ha avanti sè altro che la
visione che ebbe da fanciullo e che hanno per solito tutti i fanciulli.
E se uno avesse a dipingere Omero, lo dovrebbe figurare vecchio
e cieco, condotto per mano da un fanciullino, che parlasse sempre
guardando torno torno. Da un fanciullino o da una fanciulla: dal dio
o dall'iddia: dal dio che sementò nei precordi di Femio quelle tante
canzoni, o dall'iddia cui si rivolge il cieco aedo di Achille e di
Odisseo.[5]

Ma il garrulo monello o la vergine vocale erano dentro lui,
invisibilmente. Erano la sua medesima fanciullezza, conservata in cuore
attraverso la vita, e risorta a ricordare e a cantare dopo il gran
rumorìo dei sensi. E la sua fanciullezza parlava per ciò più di Achille
che d'Elena, e s'intratteneva col Ciclope meglio che con Calipso.
Non sono gli amori, non sono le donne, per belle e dee che siano, che
premano ai fanciulli; sì le aste bronzee e i carri da guerra e i lunghi
viaggi e le grandi traversie. Così codeste cose narrava al vecchio
Omero il suo fanciullino, piuttosto che le bellezze della Tindaride
e le voluttà della dea della notte e della figlia del sole.[6] E le
narrava col suo proprio linguaggio infantile.

Tornava da paesi non forse più lontani che il villaggio che è più
vicino ai pastori della montagna; ma esso ne parlava ad altri fanciulli
che non c'erano stati mai. Ne parlava a lungo, con foga, dicendo i
particolari l'un dopo l'altro e non tralasciandone uno, nemmeno, per
esempio, che le schiappe da bruciare erano senza foglie. Chè tutto
a lui pareva nuovo e bello, ciò che vi aveva visto, e nuovo e bello
credeva avesse a parere agli uditori. La parola «bello» e «grande»
ricorreva a ogni momento nel suo novellare, e sempre egli incastrava
nel discorso una nota a cui riconoscere la cosa. Diceva che le navi
erano nere, che avevano dipinta la prora, che galleggiavano perchè
ben bilanciate, che avevano belli attrezzi, bei banchi; che il mare
era di tanti colori, che si moveva sempre, che era salato, che era
spumeggiante. I guerrieri? Portavano i capelli lunghi. I loro caschi?
Avevano creste che si movevano al passo. Le loro aste? Facevano una
lunga ombra. Per non essere frainteso ripeteva il medesimo pensiero
con altra forma; diceva «un pochino, mica tanto!», «vivere, mica
morire!», e anche «parlò e disse», «si adunarono e furono tutti in
un luogo». Non mancava di quelle spiegazioni che chiudono la bocca:
«ubbidite, perchè ubbidire... è meglio», «solo devo rimanermene senza
dono? Non sta bene». La chiarezza non è mai troppa: «I pulcini erano
otto, e nove con la madre, che aveva fatti i pulcini», «Aias, quello
più piccolo, non grande come l'altro, ma molto più piccolo: era
piccino...». Qualche volta riusciva sublime, ma senza farlo apposta:
saltava qualche circostanza, per giungere a ciò che importava più e
che era più sensibile. Un divino arciere tirava l'arco «e per tutto
si vedevano cataste accese per bruciare i morti». Il dio supremo
mosse il sopracciglio e scosse i capelli, «e sgrollò l'Olimpo che
è così grande». Sopra tutto, per far capire tutto il suo pensiero,
in qualche fatto o spettacolo più nuovo e strano, s'ingegnava con
paragoni tolti da ciò che esso e i suoi uditori avevano più sott'occhio
o nell'orecchio. E in ciò teneva due modi contrari: ora ricordava un
fatto piccolo per farne intendere un grande, ora uno maggiore per farne
vedere uno minore. Così rappresentava un mare agitato che con le grosse
ondate spumeggianti si getta contro la spiaggia, e strepita e tuona,
per dar l'idea d'una moltitudine d'uomini che accorre in un luogo; e
descriveva uno sciame di mosche intorno ai secchielli pieni colmi di
latte, per esprimere il confuso e vasto agglomerarsi d'un esercito di
guerrieri.

Questo era il suo solo artifizio, se pure si può chiamare artifizio
ciò ch'egli faceva così ingenuamente che spesso la cosa, mediante
il suo paragone, riusciva più piccola, sebbene sempre paresse più
chiara; come quando confrontava il fluido parlare di alcuni vecchi
savi all'incessante frinire delle cicale, o la resistenza d'un grande
eroe all'indifferenza d'un asino che séguita a empirsi d'erba nel
prato d'onde i bimbi vogliono cacciarlo a suon di bastonate. No no:
il fanciullino del cieco non tanto voleva farsi onore, quanto farsi
capire: non esagerava; perchè i fatti che raccontava, gli parevano già
assai mirabili così come erano. Ed egli sapeva, nè per altro argomento
se non perchè parevano anche a lui, che mirabili dovevano parere anche
agli altri bambini come lui, che erano nell'anima di tutti i suoi
uditori. I quali ora come allora lo ascoltano con maraviglia. E non
sarebbe ragionevole, di cose che dopo trenta secoli non si credono
più verosimili. Ma dopo pur trenta secoli gli uomini non nascono
di trent'anni, e anche dopo i trent'anni restano per qualche parte
fanciulli.


II.

Ma è veramente in tutti il fanciullo musico? Che in qualcuno non sia,
non vorrei credere nè ad altri nè a lui stesso: tanta a me parrebbe di
lui la miseria e la solitudine. Egli non avrebbe dentro sè quel seno
concavo da cui risonare le voci degli altri uomini; e nulla dell'anima
sua giungerebbe all'anima dei suoi vicini. Egli non sarebbe unito
all'umanità se non per le catene della legge, le quali o squassasse
gravi o portasse leggiere, come uno schiavo o ribelle per la novità
o indifferente per la consuetudine. Perchè non gli uomini si sentono
fratelli tra loro, essi che crescono diversi e diversamente si armano,
ma tutti si armano, per la battaglia della vita; sì i fanciulli che
sono in loro, i quali, per ogni poco d'agio e di tregua che sia data,
si corrono incontro, e si abbracciano e giocano.

Eppure è chi dice che veramente di generi umani ve ne ha due, e non si
scorge che siano due, e che l'uno attraversa l'altro, sempre diviso
ma sempre indistinto, come una corrente dolce il mare amaro. Vivono
persino nella stessa famiglia, sotto gli occhi della stessa madre, e
vivono in apparenza la stessa vita germinata da uguale seme in unico
solco; e questi sono stranieri a quelli, non d'un solo tratto di
cielo e di terra, ma di tutta l'umanità e di tutta la natura. Essi si
chiamano per nome e non si conoscono nè si conosceranno mai. Ora se
questo è vero, non può avvenire se non per una causa: che gli uni hanno
dentro sè l'eterno fanciullo, e gli altri no, infelici!

Ma io non amo credere a tanta infelicità. In alcuni non pare che
egli sia; alcuni non credono che sia in loro; e forse è apparenza e
credenza falsa. Forse gli uomini aspettano da lui chi sa quali mirabili
dimostrazioni e operazioni; e perchè non le vedono, o in altri o in
sè, giudicano che egli non ci sia. Ma i segni della sua esistenza e
gli atti della sua vita sono semplici e umili. Egli è quello, dunque,
che ha paura al buio, perchè al buio vede o crede di vedere: quello
che alla luce sogna o sembra sognare, ricordando cose non vedute mai:
quello che parla alle bestie, agli alberi, ai sassi, alle nuvole, alle
stelle: che popola l'ombra di fantasmi e il cielo di dei.[7] Egli è
quello che piange e ride senza perchè, di cose che sfuggono ai nostri
sensi o alla nostra ragione. Egli è quello che nella morte degli esseri
amati esce a dire quel particolare puerile che ci fa sciogliere in
lacrime, e ci salva.[8] Egli è quello che nella gioia pazza pronunzia,
senza pensarci, la parola grave che ci frena. Egli rende tollerabile
la felicità e la sventura temperandole d'amaro e di dolce, e facendone
due cose ugualmente soavi al ricordo. Egli fa umano l'amore, perchè
accarezza esso come sorella (oh! il bisbiglio dei due fanciulli tra un
bramire di belve), accarezza e consola la bambina che è nella donna.
Egli nell'interno dell'uomo serio sta ad ascoltare, ammirando, le fiabe
e le leggende, e in quello dell'uomo pacifico fa echeggiare stridule
fanfare di trombette e di pive, e in un cantuccio dell'anima di chi
più non crede, vapora d'incenso l'altarino che il bimbo ha ancora
conservato da allora. Egli ci fa perdere il tempo, quando noi andiamo
per i fatti nostri, chè ora vuol vedere la cinciallegra che canta,
ora vuol cogliere il fiore che odora, ora vuol toccare la selce che
riluce. E ciarla intanto, senza chetarsi mai, e, senza lui, non solo
non vedremmo tante cose a cui non badiamo per solito, ma non potremmo
nemmeno pensarle e ridirle, perchè egli è l'Adamo che mette il nome
a tutto ciò che vede e sente. Egli scopre nelle cose le somiglianze
e relazioni più ingegnose. Egli adatta il nome della cosa più grande
alla più piccola, e al contrario. E a ciò lo spinge meglio stupore
che ignoranza, e curiosità meglio che loquacità: impiccolisce per
poter vedere, ingrandisce per poter ammirare. Nè il suo linguaggio
è imperfetto come di chi non dica la cosa se non a mezzo, ma prodigo
anzi, come di chi due pensieri dia per una parola. E a ogni modo dà un
segno, un suono, un colore, a cui riconoscere sempre ciò che vide una
volta.

C'è dunque chi non ha sentito mai nulla di tutto questo? Forse il
fanciullo tace in voi, professore, perchè voi avete troppo cipiglio,
e voi non lo udite, o banchiere, tra il vostro invisibile e assiduo
conteggio. Fa il broncio in te, o contadino, che zappi e vanghi, e
non ti puoi fermare a guardare un poco; dorme coi pugni chiusi in te,
operaio, che devi stare chiuso tutto il giorno nell'officina piena di
fracasso e senza sole.

Ma in tutti è, voglio credere.

Siano gli operai, i contadini, i banchieri, i professori in una chiesa
a una funzione di festa; si trovino poveri e ricchi, gli esasperati
e gli annoiati, in un teatro a una bella musica: ecco tutti i loro
fanciullini alla finestra dell'anima, illuminati da un sorriso
o aspersi d'una lagrima che brillano negli occhi de' loro ospiti
inconsapevoli; eccoli i fanciullini che si riconoscono, dall'impannata
al balcone dei loro tuguri e palazzi, contemplando un ricordo e un
sogno comune.


III.

Se è in tutti, è anche in me. E io, perchè da quando s'era fanciulli
insieme, non ho vissuto una vita cui almeno il dolore, che fu tanto,
desse rilievo, non l'ho perduto quasi mai di vista e di udita. Anzi,
non avendo io mutato quei primi miei affetti, chiedo talvolta se io
abbia vissuto o no. E io dico sì, perchè ivi è più vita dove è meno
morte, e altri dice no, perchè crede il contrario. Comunque, parlo
spesso con lui, come esso parla alcuna volta a me; e gli dico:

Fanciullo, che non sai ragionare se non a modo tuo, un modo
fanciullesco che si chiama profondo, perchè d'un tratto, senza farci
scendere a uno a uno i gradini del pensiero, ci trasporta nell'abisso
della verità...

— Oh! non credo io che da te vengano, semplice fanciullo, certe filze
di sillogismi, sebbene siano esposte in un linguaggio che somiglia
al tuo, e disposte secondo ritmi che sono i tuoi! Forse quei ritmi
ce le fanno meglio seguire, quelle filze, e quel linguaggio ce lo fa
meglio capire, quel ragionamento; o forse no, chè l'uno, abbagliando,
ci distrae, e gli altri, cullando, ci astraggono; sì che il fine del
ragionatore non è ottenuto come sarebbe senza quelle imagini e senza
quella cadenza. Ma mettiamo che sia: ora il tuo fine non è, credo, mai
questo, che si dica: Tu mi hai convinto di cosa che non era nel mio
pensiero. E nemmeno quest'altro: Tu mi hai persuaso a cosa che non
era nella mia volontà. Tu non pretendi tanto, o fanciullo. Tu dici
in un tuo modo schietto e semplice cose che vedi e senti in un tuo
modo limpido e immediato, e sei pago del tuo dire, quando chi ti ode
esclama: Anch'io vedo _ora_, _ora_ sento ciò che tu dici e che era,
certo, anche prima, fuori e dentro di me, e non lo sapeva io affatto o
non così bene come _ora_! Soltanto questo tu vuoi, seppure qualche cosa
vuoi dal diletto in fuori che tu stesso ricavi da quella visione e da
quel sentimento. E come potresti aspirare ad operazioni così grandi tu
con così piccoli strumenti? Perchè tu non devi lasciarti sedurre da una
certa somiglianza che è, per esempio, tra il tuo linguaggio e quello
degli oratori. Sì: anch'essi gli oratori ingrandiscono e impiccoliscono
ciò che loro piaccia, e adoperano, quando loro piace, una parola che
dipinga invece di un'altra che indichi. Ma la differenza è che essi
fanno ciò appunto quando loro piace e di quello che loro piaccia. Tu
no, fanciullo: tu dici sempre quello che vedi come lo vedi. Essi lo
fanno a malizia! Tu non sapresti come dire altrimenti; ed essi dicono
altrimenti da quello che sanno che si dice. Tu illumini la cosa, essi
abbagliano gli occhi. Tu vuoi che si veda meglio, essi vogliono che
non si veda più. Il loro insomma è il linguaggio artifiziato d'uomini
scaltriti, che si propongono di rubare la volontà ad altri uomini non
meno scaltriti; il tuo è il linguaggio nativo di fanciullo ingenuo, che
tripudiando o lamentando parli ad altri ingenui fanciulli.

Non è così? —

Fanciullo, dunque, che non ragioni se non a modo tuo, dicendo di
quando in quando le sentenze più comuni e più sublimi, più chiare e più
inaspettate, tu puoi per altro in ciò che ti riguarda più da presso,
e intendere la mia e dire la tua ragione. Per questo ti parlo con più
gravità che io non soglia, e vorrei avere da te una risposta meno...
come ho a dire? infantile?... poetica, che tu non costumi.

Tu sai che io ti amo, o mio intimo benefattore, o invisibile coppiere
del farmaco _nepenthes_ e _acholon_, contro il dolore e l'ira, o
trovatore e custode d'un segreto tesoro di lagrime e sorrisi! E sai
ancora che io non ti credo, come fanciullo, così irragionevole, nè
stimo un perditempo l'ascoltarti quando detti dentro. Oh! no, molto
ci corre. Sebbene qualche volta, a vedere le tiritere isosillabiche
e omeoteleute (non ti spaventare! è come dire «versi rimati») con le
quali certi orecchianti vogliono far credere di far l'arte tua, anch'io
rischio di pensare, come molti, che codesto parlare cadenzato e sonoro
non è naturale nè ragionevole. Ma è un momento. Dimentico quelle
tiritere, e dico a te che per quel momento mi fissi tra spaurito e
malcontento con codesti occhi che vedono con maraviglia; dico a te:

No no: non temere. Tu sei il fanciullo eterno, che vede tutto con
maraviglia, tutto come per la prima volta. L'uomo le cose, interne ed
esterne, non le vede come le vedi tu: egli sa tanti particolari che tu
non sai. Egli ha studiato e ha fatto suo pro' degli studi degli altri.
Sì che l'uomo poi dei nostri tempi sa più che quello dei tempi scorsi,
e, a mano a mano che si risale, molto più e sempre più. I primi uomini
non sapevano niente; sapevano quello che sai tu, fanciullo.

Certo ti assomigliavano, perchè in loro il fanciullo intimo si fondeva,
per così dire, con tutto l'uomo quanto egli era. Meravigliavano essi,
con tutto il loro essere indistinto, di tutto; che era veramente allora
nuovo tutto, nè solo per il fanciullo, ma per l'uomo. Meravigliavano
con sentimento misto ora di gioia ora di tristezza, ora di speranza ora
di timore. Se poi tale commovimento volevano esprimere a sè e ad altri,
essi traevano fuori dalla faretra, per dirla con te, certi preziosi e
numerati strali di cui non si doveva far gettito.

Pronunziavano essi, i primi uomini, con lentezza uniforme, con misurata
gravità, la difficile parola che stupivano volasse e splendesse e
sonasse, e fosse loro e diventasse d'altri, e recasse attorno l'anima
di chi la emetteva dopo la lunga silenziosa meditazione. Oh! non le
gettavano essi, come cose vili che soprabbondano, le parole pur mo
nate, legate coi più sottili nodi, segnate con le più vive impronte,
lavorate coi più ingegnosi nielli! Ne vedevano essi tutti i pregi,
e il peso e il timbro del loro metallo, e il suono col quale in
principio rompevano dalle labbra schiudentisi, e quello col quale in
fine ronzavano nelle orecchie aperte. Or tu, fanciullo, fai come loro,
perchè sei come loro.

Fai come tutti i bambini i quali non solo, quando sono un po'
sollevati, giocano e saltano con certe loro cantilene ben ritmate,
ma quando sono ancora poppanti, e fanno la boschereccia, con misura e
cadenza balbettano tra sè e sè le loro file di _pa pa_ e _ma ma_.

E in ciò è ragione perchè è natura. Tu sei ancora in presenza del mondo
novello, e adoperi a significarlo la novella parola. Il mondo nasce
per ognun che nasce al mondo. E in ciò è il mistero della tua essenza
e della tua funzione. Tu sei antichissimo, o fanciullo! E vecchissimo
è il mondo che tu vedi nuovamente! E primitivo il ritmo (non questo o
quello, ma il ritmo in generale) col quale tu, in certo modo, lo culli
e lo danzi! Come sono stolti quelli che vogliono ribellarsi o all'una o
all'altra di queste due necessità, che paiono cozzare tra loro: veder
nuovo e veder da antico, e dire ciò che non s'è mai detto e dirlo
come sempre si è detto e si dirà! E si ribellano, gli uni con schifi
gesti di pedanti: Questa metafora non è in... (e qui il nome d'un
poeta a mano a mano più recente); gli altri con pugnaci atteggiamenti
di novatori: Questo non è assai inaudito e inaudibile! Quelli sono in
generale vecchi che nella vecchiaia credono riposta ogni autorità; e
questi, giovani che nella giovinezza imaginano insita ogni forza; più
noiosi questi di quelli, perchè l'un vanto è sempre con impertinenza,
e l'altro non è mai senza tristezza, e perchè se gli uni non intendono
più, per senile sordità, l'arguto chiacchiericcio del fanciullo, gli
altri non lo intendono ancora, per quello schiamazzare che fanno,
miseramente orgoglioso, intorno al loro _io_ giovane. E, in verità,
giovani non sono, chè d'essere, se fossero, non si accorgerebbero.
D'essere vecchio uno s'accorge sì, qualche volta, e allora si veste, si
tinge, grida a giovane. È forse il caso di voi, vecchiastri?

A ogni modo, pace. Sappiate che per la poesia la giovinezza non basta:
la fanciullezza ci vuole!


IV.

Tu sei savio, e mi contento. Non vuoi nè ripetere il già detto nè
trovare l'indicibile: non vuoi essere nè un'inutilità nè una vanità.
Vuoi il nuovo, ma sai che nelle cose è il nuovo, per chi sa vedervelo,
e non t'indurrai a trovarlo, affatturando e sofisticando. Il nuovo non
s'inventa: si scopre. Mi contento dunque, a dirla tra noi, vale a dire,
tra _me_... Ma intendiamoci subito: di ciò non ti attribuisco gran
lode, perchè non ci vedo gran merito. Come? Aspetta e sii paziente, chè
mi conviene andar per le lunghe. E prima vorrei farti una domanda. Un
fine, l'hai tu? Fuori, s'intende, di quello appunto di dire o dittare?
E puoi dirmi, quale? Ho bisogno di saperlo. Non rispondi? Pensi? esiti?
dubiti? Imagino che codesto fine non sia, per esempio, quello di dare
un po' d'aiuto, di fornire un poco d'oro al tuo vecchio ospite, che ne
ha tanto bisogno. Imagino, anzi so, che tu non conosci altro oro che
metaforico, cioè che non si spende. Ridi? Intendiamoci. So per certo
che tu non credi di procacciarmi direttamente un utile materiale, ma
sospetto che ti figuri di procacciarmelo indirettamente, aggiungendo
non saprei che favore alla mia povera persona e che pregio alle mie
umili virtù, sì che l'industria, che sai che esercito, mi profitti
qualche cosa più. Ebbene, ti inganneresti. Sappi che è il contrario;
e che è ragionevole che sia il contrario. Tu sei un fanciullo: ora
non tutti sanno distinguere te fanciullo da me vecchio, e perchè mi
sentono e vedono bamboleggiare qualche volta, credono volentieri che io
bamboleggi sempre, anche quando lavoro _sul serio_, per guadagnarmi la
vita. Per ciò essi meno apprezzano quei lavori serii, e io minor utile
ne ricavo. E hanno torto. Sempre? Sappi che non hanno torto sempre.
Hanno, per esempio, ragione (nè parlo soltanto di me, ma di molti
altri), quando tra i miei ragionamenti, che non dovrebbero essere se
non giusti e chiari, vedono comparire i tuoi sorrisi e le tue grida.
Vedi: i passeri sono graziosi uccelli (anch'essi: perchè no?); ma nei
seminati i contadini non ce li vogliono, per graziosi che sieno. Le
spadacciole sono bellissimi fiori; ma tra il grano sarebbe molto meglio
che non ce ne fosse. Ma fanno così bel vedere! Non nego che possano
dilettare qualcuno: non dilettano però colui che spera l'utile di quel
grano. Capisci? Se anche c'è qualcuno a cui piacciono i tuoi frulli e i
tuoi lampeggiamenti in mezzo a un ragionare che avrebbe a essere serio,
ai più non può essere che non dispiaccia. E sai che cosa succede?
Questi, trovandoti così fuori di posto, non pensano che tu sia il
fanciullo dalla voce argentina, ma credono sentire in te l'uomo roco,
l'uomo che parla per ingannare; e gridano: _Retorica!_ Ora per evitare
tale scambio a te e tale danno a me, non sarebbe male che quando io
bado ai fatti miei, tu te ne andassi lontano e dormissi nei profondi
boschi d'Idalia tra l'odoroso cespuglio dell'amaraco. Se tu conoscessi
Platone, ti direi che come egli ha ragione nel volere che i poeti
facciano _mythous_ e non _logous_, favole e non ragionamenti, così non
ho torto io nel pretendere che i ragionatori facciano _logous_ e non
_mythous_.[9] Ma pur troppo è difficile trovare chi si contenti di fare
solo quello che deve. E Platone stesso... Ma egli era Platone.

Tornando a noi, dunque, nessun utile nè diretto nè indiretto mi viene
da te, o fanciullo. Checchè tu possa dire, nessuno. Quale invero
sarebbe? Parla!

    — =il fanciullo= —

    _A te nè le gemme nè gli ori_
    _fornisco, o dolce ospite; è vero;_
    _ma fo che ti bastino i fiori_
    _che cogli nel verde sentiero,_
    _nel muro, sulle umide crepe,_
    _dall'ispida siepe._

    _Non reco al tuo desco lo spicchio_
    _fumante di pingue vitella;_
    _ma fo che ti piaccia il radicchio_
    _non senza la sua selvastrella,_
    _con l'ovo che a te mattutina_
    _cantò la gallina._

    _Per me tu non ari, o poeta,_
    _nè vigne sassose, nè grasse_
    _maggesi; ma dimmi se più_
    _di vigne e maggesi s'allieta_
    _quel cupo signore, od il passero_
      _garrulo e tu!_

    _Non fragili coppe di Cina_
    _la lampada d'oro t'irradia;_
    _ma tu la tua scabra cucina_
    _tu ami e la provvida madia;_
    _la fiamma che lustra, tu ami,_
    _sui nitidi rami._

    _Non hai che dal ciglio ti penda,_
    _nè paggio nè florida ancella;_
    _ma lieta, ma grata sfaccenda_
    _per te la tua dolce sorella;_
    _che cinge il grembiule, e sorride;_
    _lo scinge e s'asside_

    _con te... E per letto di morte,_
    _che a tutti è sì duro e sì grave,_
    _che cosa ti serbo, sai tu?_
    _Oh! rose per letto di morte,_
    _cadute dal pruno: il soave_
    _dolore che fu!_


V.

Bene! Tu hai cantato e detto: hai cantato strofe e detto verità. E mi
viene in mente che oltre codeste verità, diremo così, usuali, di cui
io ti sono testimone, ci sia sotto il tuo dire una verità più riposta
e meno comune, a cui però la coscienza di tutti risponda con subito
assenso. Quale? Questa: che la poesia, in quanto è poesia, la poesia
senza aggettivo, ha una suprema utilità morale e sociale. E tu non
hai mica ragionato, per rivelare a me il tuo fine. Tu hai detto quel
che vedi e senti. E dicendo questo, hai forse espresso quale è il
fine proprio della poesia. Ora tocca a me ragionarci sopra. Chi ben
consideri, comprende che è il sentimento poetico, il quale fa pago
il pastore della sua capanna, il borghesuccio del suo appartamentino
ammobiliato sia pur senza buon gusto ma con molta pazienza e diligenza;
e vai dicendo. O è il contrario? E il pastore che, parando le pecore,
sogna una bottega da avviare nel borgo vicino, e il borghesuccio che
fantastica d'un palazzo in città grande e rumoreggiante, sono, essi
sì, poeti fantasiosi e sognatori, e gli altri no? Già, per me, altro è
sentimento poetico, altro è fantasia: la quale può essere bensì mossa
e animata da quel sentimento, ma può anche non essere. Poesia è trovare
nelle cose, come ho a dire? il loro sorriso e la loro lacrima; e ciò si
fa da due occhi infantili che guardano semplicemente e serenamente di
tra l'oscuro tumulto della nostra anima.

A volte, non ravvisando essi nulla di luminoso e di bello nelle cose
che li circondano, si chiudono a sognare e a cercar lontano. Ma pur
nelle cose vicine era quello che cercavano, e non avervelo trovato, fu
difetto, non di poesia nelle cose, ma di vista negli occhi. Direte voi
(non parlo a te, ora, o fanciullo, ma a cotali fanciulloni), direte voi
che il sentimento poetico abbondi più in chi, torcendo o alzando gli
occhi dalla realtà presente, trovi solo belli e degni del suo canto i
fiori delle agavi americane, o in chi ammiri e faccia ammirare anche le
minime nappine, color gridellino, della pimpinella, sul greppo in cui
siede? E non voglio dire che non abbondi nel primo, quel sentimento, e
non si trovi anzi unito ad altre virtù di scienza e di fantasia che lo
facciano giustamente ammirabile; sebbene, come più agevolmente muove,
così più presto annoia il suo lettore, e, a ogni modo, poichè le cose
assenti, o non viste mai, sono sempre a tutti meravigliose, egli fa
come l'uomo che pretenda d'aver rallegrato con sue novellette l'uditore
che, pure ascoltando, abbia bevuto largamente del vino letificante.
Egli è stato, forse, arguto e festevole: ma chi rallegra con la parola
sua schietta, senza bisogno di calici, ha maggior merito.

Or dunque intenso il sentimento poetico è di chi trova la poesia in ciò
che lo circonda, e in ciò che altri soglia spregiare, non di chi non la
trova lì e deve fare sforzi per cercarla altrove. E sommamente benefico
è tale sentimento, che pone un soave e leggiero freno all'instancabile
desiderio, il quale ci fa perpetuamente correre con infelice ansia
per la via della felicità. Oh! chi sapesse rafforzarlo in quelli
che l'hanno, fermarlo in quelli che sono per perderlo, insinuarlo in
quelli che ne mancano, non farebbe per la vita umana opera più utile di
qualunque più ingegnoso trovatore di comodità e medicine? E non so dire
quanto la comunione degli uomini ne sarebbe avvantaggiata; specialmente
in questi tempi in cui la corsa verso l'impossibile felicità è con
tanto fulmineo disprezzo in chi va avanti, con tanta disperata invidia
in chi resta addietro. Già in altri tempi vide un Poeta (io non sono
degno nemmeno di pronunziare il tuo santo nome, o _Parthenias_!), vide
rotolare per il vano circolo della passione, le quadrighe vertiginose:
e quei tempi erano simili a questi, e balenava all'orizzonte la
conflagrazione del mondo in una guerra di tutti contro tutti e d'ognuno
contro ognuno: e quel Poeta sentì che sopra le fiere e i mostri aveva
ancor più potere la cetra di Orfeo che la clava d'Ercole. E fece
poesia, senza pensare ad altro, senza darsi arie di consigliatore, di
ammonitore, di profeta del buono e del mal augurio: cantò, per cantare.
E io non so misurare qual fosse l'effetto del suo canto; ma grande
fu certo, se dura sino ad oggidì, vibrando con dolcezza nelle nostre
anime irrequiete. O rimatori di frasi tribunizie, o verseggiatori di
teoriche sociali, che escludete dall'ora presente ogni poesia che non
sia la vostra, vale a dire, escludete la POESIA, ditemi: Era o non era
al suo posto, nel secolo d'Augusto, il cantore delle Georgiche? Sì, non
è vero? Egli insegnava ad amare la vita in cui non fosse lo spettacolo
nè doloroso della miseria nè invidioso della ricchezza: egli voleva
abolire la lotta tra le classi e la guerra tra i popoli. Che volete
voi, o poeti socialisti, che dite cose tanto diverse e le dite tanto
diversamente da lui?

Dei due fraterni poeti Augustei (chè non si può parlare di Virgilio
senza soggiungere Orazio) voi direte che fu la filosofia che li addusse
a quella ragione sana e pia di considerare la società e la vita. E
no: fu il fanciullino che li portò per mano, dicendo: Vi dirò io dove
è nel tempo stesso la poesia e la virtù. Fu il fanciullino che, se
mai, fece che trascegliessero tra le opinioni dei filosofi quelle che
confermavano il loro sentimento.

Considerate. Catone e Varrone scrissero di agricoltura prima di
Virgilio. Erano uomini di molto giudizio e sapere, essi. Per esempio,
Catone, suggerendo al _pater familias_ che cosa deve dire e fare,
quando si reca alla villa, conclude: «Venda l'olio, se si vende bene;
il vino, il frumento che avanzi, lo venda. I buoi incaschiti, le
fattrici non più buone, così le pecore, la lana le pelli, un barroccio
vecchio, ferramenti vecchi, uno schiavo attempato, uno schiavo
ammalazzito, e altra roba che ci sia di troppo, la venda. Un padre di
famiglia deve tirare a vendere, non a comprare.»[10] Quegli schiavi,
tra la ferraglia vecchia e l'altra roba d'avanzo, a noi fanno un certo
senso; eppure era naturale che si nominassero a quel punto. Varrone in
fatti riferisce questa elegante distinzione delle cose con le quali si
coltivano i campi: «Altri le dividono in tre generi: strumento vocale,
semivocale e muto; vocale, in cui sono gli schiavi, semivocale in cui
sono i bovi, muto in cui sono i carri».[11] È naturale, s'intende, che
Virgilio scrivendo di proposito sull'agricoltura, in versi bensì ma
non a fantasia, in versi ma dopo avere studiato l'argomento anche sui
libri degli altri, parlasse a ogni momento, oltre che dei plaustri e
dei bovi, di quello strumento precipuo della coltivazione che erano
gli schiavi. Noi, per esempio, dobbiamo aspettarci che come insegna
quale profenda dare, erbe in fiore e biada, al polledro da razza,[12]
e ai manzi in tanto che si domano, non sola erba e frasche di salcio
e paleo di padule, ma anche piantine di grano appena nato;[13] così
ammaestri il buon massaio sul pane e companatico, vino e vestimenta, da
fornirsi alla _familia_. Parlando di olive, è certo che egli penserà
al _pulmentarium familiae_. Catone, gran maestro, dice pure:[14]
«Indolcisci quanto più puoi, di olive caschereccie. Quindi le olive
anche buone, da cui non possa uscire che poco olio, indolciscile:
e fanne grande risparmio, perchè durino il più possibile. Quando le
olive saranno mangiate, dà _allec_ e aceto». Tornava bene, mi pare,
discorrere di codeste olive da riporre per gli schiavi, e così anche
dei vestimenti; che poteva cadere in taglio, a proposito della lana,
fare per esempio un'osservazione di tal genere: «quando a uno schiavo
dài una tunica o un pastrano nuovo, prima ritira il vecchio, per farne
casacche a toppe (_centones_)». Insomma queste e simili provvidenze
erano buone a mettersi in bei versi con quel tanto garbo del poeta che
sa parlare con solennità e gravità di umili cose.

Oh! sì! Non ci sono schiavi per Virgilio. Nei suoi poemi non c'è mai
nemmeno la parola _servus_: c'è _serva_ due volte, e a proposito di
altri tempi e di altri costumi:[15] tempi e costumi in cui il poeta
vede bensì i re serviti da molti schiavi; eppur chiama questi _famuli_
e _ministri_, non _servi_.[16] Ma i suoi campi, quelli che esso
insegnava a coltivare, quelli che arava e seminava con i suoi dolci
versi, quelli non hanno gente incatenata e compedita. Il poeta che
nella prima delle ecloghe pastorali mette sè in persona d'uno schiavo
liberato, ha proclamato nelle campagne italiche quella parola che
con tanta enfasi suona dalla sua bocca di Titiro: LIBERTAS.[17] Gli
agricoli di Virgilio nè sono schiavi nè mercenari. Essi sono di quelli
di cui parla Varrone,[18] che coltivano la terra da sè, come tanti
possidentucci con la loro figliolanza. Questi ha in mente Virgilio,
quando esclama che sarebbero tanto felici, se conoscessero la loro
felicità, con tanta pace, con tanto fruttato, tra tanto bello, senza
il rodìo o della miseria o della soverchianza altrui, lavorando alla
sua stagione, godendosi la famiglia in casa e le care feste fuori.[19]
Di gente che lavori per altri, nemmeno una traccia. L'ideale del poeta
è quel vecchiettino Cilice, trapiantato dalla sua patria nei dintorni
di Taranto. Aveva avuto pochi iugeri di terra non buona nè a grano
nè a prato nè a vigna: una grillaia, uno scopiccio. Ebbene il bravo
vecchiettino ne aveva fatto un orto, con non solo i suoi cavoli,
ma anche gigli e rose, e alberi da frutta, e bugni d'api, e vivai
di piante.[20] Sì: il poco e il piccolo era il sogno dei due grandi
fraterni poeti. Virgilio diceva: loda la campagna grande, e tienti alla
piccina.[21] E Orazio: Questo era il mio voto: un campicello non tanto
grande, con l'orto, con una fonte, e per giunta un po' di selvetta.[22]
Chi non dovrebbe preferire la campagna grande alla piccola, quando non
toccasse di coltivarla a lui? Ma ai due poeti, quando erano poeti,
non si presentava al pensiero questa considerazione così semplice.
A dir meglio, il fanciullo che era in loro, preferiva, come tutti i
fanciulli, ciò che è piccolo: il cavallino, la carozzina, l'aiolina.
Oh! c'è chi ha rimproverato a Orazio quest'amor della mediocrità!
Ma esser poeta della mediocrità, non vuol dire davvero essere poeta
mediocre. Il contrario, anzi, è vero. Non ama, chi dice di amare un
serraglio di donne. Non è poeta, chi non si fissa in una visione che
i suoi occhi possano misurare. E le cose grandi, le cose ricche, le
cose sublimi non riescono poetiche, se non sono sentite o dette in
persona di chi stupisce avanti loro, perchè appunto esso è piccolo,
è povero, è umile. Il poeta è il poverello dell'umanità, spesso anche
cieco e vecchio. E se tale non sembra, se anzi è gran signore e giovane
e felice, ebbene vuol dire che se è ricco lui, è _pauperculus_ però
il fanciullino che è in lui; cioè si è conservato povero, come a dire
fanciullo. Perchè poverino è sempre il bimbo, sia pur nato in una
culla d'oro, e tende sempre la mano a tutto e a tutti, come non avesse
niente, e desidera il boccon di pan duro del suo compagno trito, e
vorrebbe fare il duro lavoro del suo compagno tribolato. Per questo non
Virgilio proprio, ma il fanciullo che egli aveva in cuore, non voleva
gli schiavi nei campi. Diremo noi che Virgilio attingesse dai libri di
qualche filosofo o di qualche profeta questa legge di libertà? No: egli
stesso ne era forse inconsapevole, di questa libertà che proclamava.
Era la sua poesia che aboliva la servitù, perchè la servitù non era
poetica. Non era poetica, e il divino fanciullo che non vede se non
ciò che è poetico, non la vedeva. Tanto che noi se non avessimo dei
tempi di Virgilio altro testimone che Virgilio, dovremmo credere che
non esistesse allora più questa miseria e vergogna che non è cessata
nemmeno ai nostri, di tempi. Oh! dovremmo credere che il Cristo non
anco nato ispirasse al poeta contadino dell'Esperia, come il vaticinio
del suo avvento, così il presentimento della grande fratellanza umana!
Non c'è la schiavitù nell'Italia Virgiliana: nemmeno c'è il salariato,
nemmeno il mezzadro!

Così il poeta vero, senza farlo apposta e senza addarsene, portando,
per dirla con Dante, il lume dietro, anzi no, dentro, dentro la cara
anima portando lo splendore e ardore della lampada che è la poesia; è,
come si dice oggi, socialista, o come si avrebbe a dire, umano. Così
la poesia, non ad altro intonata che a poesia. è quella che migliora
e rigenera l'umanità, escludendone, non di proposito il male, ma
naturalmente l'_impoetico_. Ora si trova a mano a mano che impoetico
è ciò che la morale riconosce cattivo e ciò che l'estetica proclama
brutto. Ma di ciò che è cattivo e brutto non giudica, nel nostro
caso, il barbato filosofo. È il fanciullo interiore che ne ha schifo.
Il quale come narrando le imprese dei suoi eroi, e dicendo tutto di
loro, e, oltre le battaglie e i discorsi, anche i pasti e i sonni, e
figurando a noi, per esempio, i loro cavalli, e ridicendo che brucavano
e sudavano e spumavano, pur non dice mai (tu vedi che procuro quanto
posso, che tu non torca il nasino) non dice mai che stallavano; così
della nostra anima non racconta che il buono e della nostra visione non
ricorda che il bello. Che per cantare il male bisogna fare uno sforzo
continuo su sè stesso, a meno che non si tratti di pazzia. E in questo
caso, la pazzia sta appunto in questo, di pensar da buoni e cantar da
cattivi.

Così, caro fanciullo, hanno gran torto coloro che attribuiscono, per
ciò che tu non vedi che il buono, qualche merito di bontà a colui che
ti ospita. Il quale può essere anche un masnadiero, e aver dentro sè
un fanciullo che gli canti le delizie della pace e dell'innocenza, e la
casa dove non deve più riposare, e la chiesa dove non sa più pregare.


VI.

Il poeta, se è e quando è veramente poeta, cioè tale che significhi
solo ciò che il fanciullo detta dentro, riesce perciò ispiratore di
buoni o civili costumi, d'amor patrio e familiare e umano. Quindi
la credenza e il fatto, che il suon della cetra adunasse le pietre a
far le mura della città, e animasse le piante e ammansisse le fiere
della selva primordiale; e che i cantori guidassero e educassero i
popoli. Le pietre, le piante, le fiere, i popoli primi seguivano la
voce dell'eterno fanciullo, d'un dio giovinetto, del più piccolo e
tenero che fosse nella tribù d'uomini salvatici. I quali, in verità,
s'ingentilivano contemplando e ascoltando la loro infanzia. Così Omero,
in tempi feroci, a noi presenta nel più feroce degli eroi, cioè nel più
vero e poetico, in Achille, un tipo di tal perfezione morale, che potè
servire di modello a Socrate, quando preferiva al male la morte. Così
Virgilio, in tempi più gentili, avendo la mira soltanto al poetico,
ci mostra lo spettacolo tanto anticipato, ahimè! d'un'umanità buona,
felice, tutta al lavoro e alle pure gioie dei figli, senza guerre
e senza schiavi. Gli uomini, al suo tempo, parrebbe che avessero
impetrato, ciò che è ancora il desiderio inadempiuto de' nostri operai,
le otto ore di lavoro per ogni otto di sonno e altre otto di svago. —
Oh! qualche volta presso lui il contadino aggiunge la notte al giorno!
— Sì: ma che dolcezza di lavoro, quella, tra l'uomo che col pennato
fa il capo a spiga a suoi rami di pino, che hanno a essere fiaccole,
e la donna che o tesse la tela o schiuma il paiolo cantando.[23] E
nell'Eneide Virgilio canta guerre e battaglie; oppure tutto il senso
della mirabile epopea è in quel cinguettìo mattutino di rondini o
passeri, che sveglia Evandro nella sua capanna, là dove avevano da
sorgere i palazzi imperiali di Roma.[24]

Ma Omero, ma Virgilio non lo facevano apposta. Ma il poeta non deve
farlo apposta. Il poeta è poeta, non oratore o predicatore, non
filosofo, non istorico, non maestro, non tribuno o demagogo, non uomo
di stato o di corte. E nemmeno è, sia con pace del maestro, un artiere
che foggi spade e scudi e vomeri; e nemmeno, con pace di tanti altri,
un artista che nielli e ceselli l'oro che altri gli porga. A costituire
il poeta vale infinitamente più il suo sentimento e la sua visione,
che il modo col quale agli altri trasmette l'uno e l'altra. Egli,
anzi, quando li trasmette, pur essendo in cospetto d'un pubblico, parla
piuttosto tra sè, che a quello. Del pubblico, non pare che si accorga.
Parla forte (ma non tanto!) più per udir meglio esso, che per farsi
intendere da altrui. È, per usare imagini che sono presenti ora al
mio spirito, è, sì, per quanto possa spiacere il dirlo, un ortolano;
un ortolano, sì, o un giardiniere, che fa nascere e crescere fiori o
cavolfiori. Sapete che cosa non è? Non è cuoco e non è fiorista, che
i cavolfiori serva in bei piatti, con buoni intingoli, che i fiori
intrecci in mazzetti o in ghirlandette. Egli non sa se non levare al
cavolo qualche foglia marcia o bacata, e legare i fiori alla meglio,
con un torchietto che strappa lì per lì a un salcio: come a dire,
unisce i suoi pensieri con quel ritmo nativo, che è nell'anima del
bimbo che poppa e del monello che ruzza.

Ora il poeta sarà invece un autore di provvidenze civili e sociali?
Senza accorgersene, se mai. Si trova esso tra la folla; e vede passar
le bandiere e sonar le trombe. Getta la sua parola, la quale tutti gli
altri, appena esso l'ha pronunziata, sentono che è quella che avrebbero
pronunziata loro. Si trova ancora tra la folla: vede buttare in istrada
le masserizie di una famiglia povera. Ed esso dice la parola, che si
trova subito piena delle lagrime di tutti.

Il poeta è colui che esprime la parola che tutti avevano sulle labbra
e che nessuno avrebbe detta. Ma non è lui che sale su una sedia o su un
tavolo, ad arringare. Egli non trascina, ma è trascinato; non persuade,
ma è persuaso.

Perchè pensi alla patria e alla società, bisogna proprio che sia un
momento che tutti intorno a lui ci pensino. Se no, è un guaio serio.
Quello per la mamma, è il più soave degli affetti. Ma che direste voi
d'uno che facesse la cronaca, giorno per giorno, di sua mamma? Stamane
s'è levata, cara mamma! Io l'ho guardata, povera mamma! M'ha dato
il caffè e latte, povera cara mamma! Costui è un imbecille, quando
non è uno che finga e abbia bisogno di darsi l'aria di amare quella
che è così facile amare! Oh! la madre è malata, la madre è lontana,
la madre è morta! Ecco che allora ci si pensa, alla mamma, e ci si
strugge. Oppure la mamma ha una gran consolazione; e noi siamo più
che consolati, e ci sentiamo invasi da un impeto di canto. Così per la
patria. Non ci accorgiamo di lei, se non nelle sue feste e nelle sue
(nostre) disgrazie. E allora prorompe anche dal cuore del fanciullo il
grido di gioia e il grido di dolore; ed è grido che ha subito mille
echi. Ma il bambino non è un babbino che s'impanchi a far lezione
quotidiana d'amor patrio o d'amor paterno e materno ai suoi fratellini,
e anzi ai suoi zii e nonni. Chi pretende che faccia questo, vuole
che il vispo fanciullo sia un vecchio noioso: vuole, insomma, che non
esista la poesia. Perchè la poesia, costretta a essere poesia sociale,
poesia civile, poesia patriottica, intristisce sui libri, avvizzisce
nell'aria chiusa della scuola, e finalmente ammala di retorica, e
muore. E noi di questa pseudopoesia ne abbiamo tanta, sin da quando
morto Virgilio, invecchiando Orazio, chiusa la grande rivoluzione che
cominciò, si può dire, e finì con la morte di due donne, di Giulia e
di Cleopatra, la figlia e la amante di Cesare: ebbene i corvi, quali
Pindaro li avrebbe chiamati, si gettarono gracchiando sull'immenso
campo di battaglia, per beccare non occhi di uccisi, ma semi di
poesia. E che facevano essi? Raccontavano un fatto storico, di quelli
ultimi; lo condivano con declamazioni, esclamazioni, maledizioni; e lo
mettevano in esametri. Ma anch'essi capivano che non bastano i versi
a far poesia; e perciò incorniciavano la loro storia verseggiata e
declamata con una descrizione di alba e un'altra di tramonto; e il
poema era fatto.[25] Ecco Giulio Montano. Questi era un poeta come
tant'altri. A ogni tratto inseriva albe e tramonti. Pertanto, poichè
un tale s'era seccato ch'egli avesse recitato per tutto un giorno, e
diceva che non si doveva andare alle sue recite; Natta Pinario esclamò:
«O che io posso essere più condiscendente con lui? Io sono pronto a
starlo a sentire da un'alba a un tramonto!» — Voleva dire, il buon
Natta, che la seccaggine sarebbe durata poco, e che dopo due o tre
versi esso poteva andare pei fatti suoi.[26] È inutile. Già Orazio
ammoniva che non bastavano le descrizioncelle, le digressioncelle, le
belle toppe rosse e gialle, per far di prosa poesia.[27] Bisogna che il
fatto storico, se vuol divenir poetico, filtri attraverso la maraviglia
e l'ingenuità della nostra anima fanciulla, se la conserviamo ancora.
Bisogna allontanare il fatto vicino allontanandocene noi. Volete una
prova a cui distinguere la poesia dalla pseudopoesia, in siffatto
genere storico? Se la narrazione, che il verseggiatore vi fa, vi
commuove meno che la stessa, fatta in prosa, dallo storico e dal
cronista, dite pure che il verseggiatore ha tradotto, e male; non ha
poetato. E ha perduto il suo tempo e ha fatto perdere a noi il nostro.

Ma in Italia la pseudopoesia si desidera, si domanda, s'ingiunge.
In Italia noi siamo vittime della storia letteraria! Per vero, nè
in Italia soltanto, mi pare che delle lettere si sia ingenerato un
concetto falso. Le lettere sono gli strumenti delle idee, e le idee
fanno di sè tanti gruppi che si chiamano scienze. Ma noi, fissati sugli
strumenti, abbiamo finalmente dimenticato i fini. Siamo agricoltori
che non pensano se non alle vaghe e non parlano se non di aratri, e
più delle loro bellurie che delle loro utilità. Delle semente, della
terra, dei concimi non ci curiamo più. Quindi avviene che abbiamo, come
fisici, filosofi, storici, matematici, così letterati; modo di dire,
come coltivatori di canapa, di viti, di grano e d'ulivi, così periti
di vanghe e d'aratri, i quali non s'occupano di altro, e credono che
non ci si debba occupar d'altro, e stimano, io vedo, che la loro sia
la più nobile delle occupazioni. E almeno li facessero loro, codesti
strumenti: no, li «giudicano» e li «collezionano». Codest'ozio noi
chiamiamo ora critica e storia letteraria. E ognun può vedere che ci
sono cose molto più utili e belle da fare: cioè coltivare e seminare.
Ma c'è pure, tra le tante branche della letteratura, la poesia che
sta a sè, la poesia che comprende in sè tutto ciò che si dice e scrive
per diletto, amaro o dolce, suo o altrui. Questa non è rispetto alle
scienze quello che lo strumento rispetto al fine. È una coltivazione,
poniamo, anch'essa, ma d'altro ordine e specie. È, poniamo, la
coltivazione, affatto nativa, della psiche primordiale e perenne. Ma
noi la mettiamo insieme con l'altra letteratura «strumentale», e ne
ragioniamo allo stesso modo. La dividiamo per secoli e scuole, la
chiamiamo arcadica, romantica, classica, veristica, naturalistica,
idealistica, e via dicendo. Affermiamo che progredisce, che decade,
che nasce, che muore, che risorge, che rimuore. In verità la poesia è
tal maraviglia, che se voi fate una vera poesia, ella sarà della stessa
qualità che una vera poesia di quattromila anni sono. Come mai? Così:
l'uomo impara a parlare tanto diverso o tanto meglio, di anno in anno,
di secolo in secolo, di millennio in millennio; ma comincia con far gli
stessi vagiti e guaiti in tutti i tempi e luoghi. La sostanza psichica
è uguale nei fanciulli di tutti i popoli. Un fanciullo è fanciullo
allo stesso modo da per tutto. E quindi, nè c'è poesia arcadica,
romantica, classica, nè poesia italiana, greca, sanscrita; ma poesia
soltanto, soltanto poesia, e... non poesia. Sì: c'è la contraffazione,
la sofisticazione, l'imitazione della poesia, e codesta ha tanti nomi.
Ci sono persone che fanno il verso agli uccelli: e al fischio sembrano
uccelli; e non sono uccelli, sì uccellatori. Ora io non so dire quanta
vanità sia la storia di codesti ozi. Eccola in due parole. Un poeta
emette un dolce canto. Per un secolo, o giù di lì, mille altri lo
ripetono fiorettandolo e guastandolo; finchè viene a noia. E allora
un altro poeta fa risonare un altro bel canto. E per un secolo, o più
o meno, mille altri ci fanno su le loro variazioni. Qualche volta il
canto iniziale non è nè bello nè dolce; e allora peggio che mai!

Ma in Italia, e altrove, non stiamo paghi a questo compendio.
Ragioniamo e distinguiamo troppo. Quella scuola era migliore, questa
peggiore. A quella bisogna tornare, a questa rinunziare. No: le
scuole di poesia sono tutte peggio, e a nessuna bisogna addirsi. Non
c'è poesia che la poesia. Quando poi gl'intendenti, perchè uno fa,
ad esempio, una vera poesia su un gregge di pecore, pronunziano che
quel vero poeta è un arcade; e perchè un altro, in una vera poesia,
ingrandisce straordinariamente una parvenza, proclamano che quell'altro
vero poeta pecca di secentismo; ecco gl'intendenti scioccheggiano
e pedanteggiano nello stesso tempo. Qualunque soggetto può essere
contemplato dagli occhi profondi del fanciullo interiore; qualunque
tenue cosa può a quelli occhi parere grandissima.

Voi dovete soltanto giudicare (se avete questa mania di giudicare) se
furono quelli occhi che videro; e lasciar da parte secento e Arcadia.
La poesia non si evolve e involve, non cresce o diminuisce; è una
luce o un fuoco che è sempre quella luce e quel fuoco; i quali, quando
appariscono, illuminano e scaldano ora come una volta, e in quel modo
stesso.

Solamente s'ha a dire che raramente appariscono. Sì: la poesia, detta
e scritta, è rara. Proprio rara la poesia pura. Ma c'è la poesia
«applicata». La poesia «applicata» è dei grandi poemi, dei grandi
drammi, dei grandi romanzi. Ora, molto ci corre che questi siano tutta
poesia. Imaginate che siano un gran mare, ognuno. Nel mare sono le
perle: ma quante? Ben poche; però in quale più, in quale meno. Occorre
anche dire che in essi poemi, drammi, romanzi la poesia pura di rado si
trova pura. Faccio un esempio. Una di queste perle, nel grande oceano
perlifero che è la divina Comedia, diremo la campana della sera:

    Era già l'ora che volge il disio
    ai naviganti, e intenerisce il core
    lo dì ch'han detto ai dolci amici addio;

    e che lo nuovo peregrin d'amore
    punge, se ode squilla di lontano,
    che paia il giorno pianger che si muore.

In questa rappresentazione, che di più poetiche non se ne può trovare
(Dante ci rappresenta l'ora in cui ridiventiamo per un momento
fanciulli!), il tocco più poetico è l'ultimo. È l'ultimo; sebbene la
squilla lontana che piange il giorno che muore, sia di quei tocchi che
noi verseggiatori abbiamo fatti tornare a noia, a forza di ripeterli.
E così quel suono di squilla può essere stinto e fioco per alcuno,
assordato da tanti doppi. Ma tant'è. Orbene: il poeta ha dovuto
mettere, per la necessità dell'arte, un pochino di lega nel suo oro
puro. Quale? Quel «paia». L'ha dovuto mettere, perchè egli racconta
un sentimento poetico altrui, sebbene anche di sè. E allora ha detto
che la squilla pare piangere, non piange veramente. A un tratto il
fanciullo (qui un poco, e molto altrove, molto presso altri), il
fanciullo a mezza via si riscuote, e par che si vergogni d'esser
fanciullo e di parlar fanciullesco, e si corregge. «Pare, non è,
intendiamoci». Ma, caro bimbo, lo sapevamo da noi, che la campana non
piange, ma par che pianga: anche però il giorno par che muoia, e non
muore.[28]


VII.

La poesia benefica di per sè, la poesia che di per sè ci fa meglio
amare la patria, la famiglia, l'umanità, è, dunque, la poesia pura,
la quale di rado si trova. In Italia poi, che è la mia patria (non la
tua, o fanciullo: tu sei del mondo, e non sei d'ora ma di sempre), in
Italia è più rara che altrove. Invero non mai da noi fu amata la poesia
elementare e spontanea. Come in genere la nostra letteratura, così in
ispecie la nostra poesia ha avuto innanzi sè dei modelli. Noi abbiamo
specchiato il nostro stile nell'arte latina, come i latini avevano
fatto coi greci. Ciò può aver giovato a dare concretezza e maestà alle
nostre scritture; ma quanto a poesia, ciò l'ha soffocata: la poesia non
si fa sui libri. Poi amiamo troppo l'ornamentazione; e questo gusto lo
dimostriamo specialmente in ciò che meno lo comporta: nella poesia.
Il fanciullino italico non ruzza che ben vestito e ben pettinato: le
noci con le quali fa a filetto, devono essere coperte di carta d'oro
e d'argento. Noi vogliamo farci sempre onore: invece di badare al
giuoco, badiamo a noi: ci stiamo a sentire e ammicchiamo alla nostra
ombra. E anche più che a noi, badiamo al pubblico: guardiamo con la
coda dell'occhio i grandi che stanno a vederci: e così facciamo tutto
senza garbo e senza scioltezza. E siccome, particolarmente ai nostri
giorni, tutto da noi si fa a concorso e tutto si dà all'asta e tutto
si conclude con la aggiudicazione e la premiazione, così ci proponiamo,
più che altro, di sopraffare l'un l'altro e di conquistarci con qualche
grazietta il favore dei giudici. Nei giochi dei nostri fanciulli,
c'entra per molta parte la gherminella che è cosa da attempati. Sono
troppo scaltriti, i nostri fanciulli, e cercano meglio di esser primi,
che d'esser loro. Perciò la nostra poesia (per chiamarla così) è per lo
più d'imitazione, anzi di collezione, e sa di lucerna, non di guazza
e d'erba fresca. Noi studiamo troppo, per poetare: ed è superfluo
aggiungere che, per sapere, studiamo troppo poco. Mettiamo lo studio,
insomma, dove non c'entra.

O come? Non c'entra nel poetare lo studio? Sì, ma diretto al fine, che
Dante mostrò. Virgilio che è lo studio, conduce Dante a Matelda che
è l'arte; l'arte in genere e in ispecie. L'arte di Dante è appunto la
poesia. Dunque lo studio condusse Dante alla poesia. Ebbene Matelda,
o la poesia, è nel giardino dell'innocenza, sceglie cantando fior da
fiore, ha gli occhi luminosi, purifica nei fiumi dell'oblio e della
buona volontà. Ossia, il poeta, mercè lo studio, è riuscito a ritrovare
la sua fanciullezza, e puro come è, vede bene e sceglie senza alcuna
fatica, sceglie cantando, i fiori che pare spuntino avanti i suoi
piedi. Io, senza insistere sul valore morale del mito tanto esatto e
bello, dico, interpretando il Poeta per il rispetto artistico, che lo
studio deve essere diretto a togliere più che ad aggiungere: a togliere
la tanta ruggine che il tempo ha depositata sulla nostra anima, in
modo che torniamo a specchiarci nella limpidezza di prima; ed essere
soli tra noi e noi. Lo studio deve togliere le scorie al puro cristallo
che noi troviamo quasi casualmente; e quel cristallo pur con le scorie
val più d'un vetro che noi dilatiamo e formiamo soffiando. Lo studio
deve rifarci ingenui, insomma, tal quale Dante figura sè come avanti
Beatrice così rispetto e Matelda; che se dall'una è sgridato e fatto
piangere e vergognare come fanciullo battuto, dall'altra è, come
bambino che non vuole o non può fare da sè, preso e tuffato nell'acqua
e menato a bere alla fonte. Lo studio deve togliere gli artifizi,
e renderci la natura. Così dice Dante. La sua arte è impersonata
in Matelda, che è la natura umana primordialmente libera, felice,
innocente.

Ma noi italiani siamo, in fondo, troppo seri e furbi, per essere
poeti. Noi imitiamo troppo. E sì, che studiando si deve imparare a
far diverso, non lo stesso. Ma noi vogliamo far lo stesso e dare a
credere o darci a credere di fare meglio. Perciò sovente ci pare che,
incastonando la gemma altrui in un anello nostro, noi abbiamo trovata
e magari fatta la gemma; e più sovente ci imaginiamo che, dorando la
statua di bronzo, quella statua non solo sia più bella, ma diventi
opera nostra.

Noi non gettiamo più il martello contro i blocchi di marmo: ci
accontentiamo di pulire e lustrare le statue belle e fatte. Al più al
più, noi facciamo l'arte di Giovanni da Udine: eleganti stucchi: ma non
ricordiamo quel che Giovanni disse, mi pare, a Pietro Aretino che ne lo
ammirava: Bambocci vogliono essere!

E le scuole ci legano. Le scuole sono fili sottili di ferro, tesi tra
i verdi mai della foresta di Matelda: noi, facendo i fiori, temiamo a
ogni tratto d'inciampare e cadere. L'ho già detto: se uno si abbandona
alle delizie della campagna, teme, che lo chiamino arcade; se un altro
si vede avanti un'antitesi, sta un pezzo tra il sì e il no, temendo
d'essere chiamato secentista. Mentre la mandra degli imitatori si
butta alla rinfusa dietro qualche ariete maggiore, e tutti si mettono a
belare o mugliare a un modo; sì che in certi tempi pare che gl'italiani
(giudicandoli da quelli che scrivono in versi) non abbiano che l'amica,
in certi altri non abbiano che la mamma; i poeti veri sono pieni del
contrario affetto: vogliono cioè non essere imbrancati nè nel verismo
nè nell'idealismo nè nell'euforionismo (penso un poco all'Euforione
Calcidico, e molto a quello Germanico): vogliono non passare per
Stecchettiani, per Carducciani, per d'Annunziani. Queste preoccupazioni
li rendono troppo circospetti, troppo irresoluti, troppo sforzati. E
Matelda si allontana da loro, facendo echeggiare sempre più lungi il
suo dolce salmo che finisce per confondersi con lo stormir delle foglie
e col gorgoglio del ruscello, e morire.

Ma poi, per la poesia vera e propria, a noi manca, o sembra mancare, la
lingua.

La poesia consiste nella visione d'un particolare inavvertito, fuori e
dentro noi.

Guardate i ragazzi quando si trastullano seri seri. Voi vedete che
hanno sempre alle mani cose trovate per terra, nella loro via, che
interessano soltanto loro e che perciò sol essi sembrano vedere:
chioccioline, ossiccioli, sassetti. Il poeta fa il medesimo. Ma
come chiamare questi lapilli ideali, questi cervi volanti della
sua anima? Il nome loro non è fatto, o non è divulgato, o non è
comune a tutta la nazione o a tutte le classi del popolo. Pensate ai
fiori e agli uccelli, che sono de' fanciulli la gioia più grande e
consueta: che nome hanno? S'ha sempre a dire uccelli, sì di quelli
che fanno _tottavì_ e sì di quelli che fanno _crocro_? Basta dir
fiori o fioretti, e aggiungere, magari, vermigli e gialli, e non far
distinzione tra un greppo coperto di margherite e un altro gremito di
crochi? Ora se vi provate a dire il nome proprio loro, ecco che il
nome di Linneo non va, per cento ragioni, e il nome popolare varia,
quando c'è, da regione a regione, anzi da contado a contado. Se il
popolo italiano badasse a queste tali cose, fiori, piante, uccelli,
insetti, rettili, che formano per gran parte la poesia della campagna,
il nome che esse hanno in una terra, avrebbe finito per prevalere su
quello dominante in altre. Ma gl'italiani, abbarbagliati per lo più
dallo sfolgorio dell'elmo di Scipio, non sogliono seguire i tremolii
cangianti delle libellule. E così il poeta, se vuol poetare, bisogna
che si lasci ogni tanto dire «E questo che è? che vuol dire? o poeta
saccente e seccante!». E tuttavia così il poeta deve fare, e lasciar
dire così, sperando, se non altro, che se ne avvantaggino i poeti
futuri, i quali troveranno divulgati tanti nomi prima ignoti e perciò
chiamati oscuri. In verità non è egli l'Adamo che per primo mette i
nomi? Così deve operare, facendo a ogni momento qualche rinunzia d'amor
proprio. Perchè l'arte del poeta è sempre una rinunzia. Ho detto che
deve togliere, non aggiungere: e ciò è rinunzia. Deve fare a meno di
tanti ghirigori, così facili a farsi, di tante bellurie, così piacevoli
alla vista, di tante dorature, che dànno tanta idea della propria
ricchezza: e questa è rinunzia. Deve lasciar molto greggio e molto
imperfetto. Oh! come è necessaria l'imperfezione per essere perfetti!
Lo sapeva anche Marziale che derideva quel Matone che voleva dir tutto
_belle_. Di', egli esclama, qualche volta soltanto bene, anche nè ben
nè male, magari male! La continua eleganza è sommamente stucchevole.
È come quel pranzo descritto dal De Amicis nel Marocco, che tutto vi
sapeva di pomata. Questa bellezza in tutto e per tutto è totalmente
antipoetica; chè la poesia è ingenuità; e quel fanciullo, che ogni cosa
che fa e dice, la fa con una moina e con una smorfietta, e la dice con
paroluccie smaccate e dolciate; che scapaccioni chiama quel fanciullo
consapevole della sua fanciulleria!


VIII.

Con tutto questo, che speri tu? che fine hai? Ritorno, come vedi, al
primo detto. Essere utile a me? No, s'è detto. Recar utile agli altri?
S'è detto che, se mai, non lo fai apposta: dunque non è il fine tuo,
codesto. Dilettar te stesso? Ecco: se questo fosse il tuo fine, tu
chiuderesti dentro te la tua visione, e te la goderesti tra te e me,
senza quei tanti struggimenti che ci sono, per comunicare la visione
agli altri. O dunque?

La gloriola...

O povero fanciullo!

Pensa, o fanciullo, quante altre cose potrei fare con maggiore
rispondenza a codesto fine. Da condurre un esercito a volare sulla
bicicletta, tutto, o quasi tutto, meglio porta alla meta della vittoria
e della gloria. Ma poniamo che ci si arrivi anche «sulle ali del
canto». Qual disgrazia sarebbe mettersi in questa via, e per te e
per me! Prima di tutto, ne andrebbe molto tempo. La gloriola vuole
mutui uffici. Io devo conversare, e per lettere e a voce, sì con
quelli che coltivano medesimi campi, e chieder loro e averne notizie
sull'efficacia d'un concime che usiamo, e dar loro e riceverne augurii
e rallegramenti per un buon raccolto che speriamo d'avere o abbiamo
avuto; sì con quelli che professano soltanto di fornir le pianticelle,
i semi, i concimi chimici, gli strumenti agricoli, a mano e a vapore.
Quanto studio, quanta diligenza e pazienza si richiede per siffatta
coltivazione! Bisogna raccattare tutti i cocci, come fanno i contadini,
per seminarci e trapiantarci le tante pianticelle; anche i caldani
rotti raccattiamo; anche quei vasi, dove cresceva il garofano di Geva
contadinella. E star sempre lì ad annaffiare, a mondare, a potare; e
sbirciare i vasi del vicino, e struggerci ch'egli abbia papaveri più
grandi e girasoli più vistosi, e buttare a lui il malocchio, e contro
il malocchio di lui tener molta ruta, e guardare che non ci si secchi.

Ma tu dirai: Anche il tempo si raccatta! Bene: parliamo d'altro. Non
miete, chi non s'inchina. Ora, per la gloriola, ci s'inchina troppo,
tanto umile sovente è la pianticella, e ci s'inchina troppo spesso,
tante sono. Voglio dire che la nostra anima (l'anima, intendi!) si
deforma, si fa gobba, come è la schiena dei poveri contadini che
s'inchinano per il grano. E tu devi essere diritta, serena, semplice,
o anima mia! Non c'è forse sentimento al mondo, nemmeno l'avidità
del guadagno, che sia tanto contrario all'ingenuità del poeta,
quanto questa gola di gloriola, che si risolve in un desiderio di
sopraffazione! Quando sei preso da questo morbo, tu (ma tu non c'entri,
allora), io, non cerco il poetico, il buono e il bello, ma il sonante e
l'abbagliante. Oh! non cerco allora i lapilli, i nicchi, i fiori per la
mia via, ma veglio inquieto spiando i quaderni altrui, magari leggendo
di sulle spalle dello scrittore ciò che egli scrive. Allora io smetto
il mio verso, e mi metto a far quello d'altri: come un merlo noioso
che canta, in questo mentre, non le sue arie mattinali di bosco, ma
la _ritirata_: perchè, se non per voglia di gloriola, nel suo padrone
e forse in lui? O merlo dal becco giallo, tu hai voluto esser troppo
furbo! Come puoi credere che il tuo «_Io ti vedo!_» che risonava tra il
cader della guazza, sia peggio di codesto insopportabile «_Ritìrati,
cappellon!_»? Ma è pur vero che «merlo» vuol dire sì furbo e sì il
contrario! O anche, insistiamo troppo su un nostro verso o motivo o
vezzo o genere, che sia una volta piaciuto: o riusciamo stucchevoli:
non basta, diventiamo falsi. Imitiamo da noi medesimi, col vetro d'un
bicchiere, il diamante puro che una volta trovammo. E sempre, pensando
o scrivendo, siamo distratti dalla preoccupazione dell'effetto: che ne
diranno? vincerò, con questo, il tale o il tal altro? E la tua grazia,
che non è grazia se non è spontanea, si perde per sempre. Tu non vedi
più giusto e limpido; anzi non guardi più; seppure, ciò che sarebbe
peggio, non guardi, come ho detto, negli altri, e non baratti le vesti
e magari l'anima con altri, che tu veda o creda più pregiati di te!

Non pensare alla gloriola, fanciullo: non è cosa da te. Ella è troppo
difficile, o facile, a raggiungersi. Difficile: non ho già detto,
quanto è raro che t'intendano? Tu non fai se non scoprire il nuovo nel
vecchio. Gli altri, ossia i tuoi lettori e uditori, non dovrebbero dire
o pensare se non: «Come è vero! e io non ci avevo pensato». Ma questo
assentimento non ti vien sempre e nemmeno spesso. Gli occhi della
gente sono oggi così fissi nell'ombelico della propria persona, che non
hanno visto, si può dire, altro. E perchè hanno le luci velate dalla
catalessi del loro egoismo, dicono che sei tu oscuro. Puoi, quando tu
voglia, descrivere un mattino, per esempio, in campagna: chi non l'ha
mai veduto sorgere, il sole, nè in campagna nè in città, non capisce
e non approva nulla di ciò che dici. Sei inoltre oscuro, sovente per
un'altra ragione: perchè sei chiaro. Sono tanto avvezzi i lettori oggi
alle girandole, agli andirivieni, ai viluppi dei pensieri e sentimenti;
perchè gli autori, attingendo questi e quelli di sui libri s'ingegnano
con gli stucchi e gli ori a dar loro un aspetto nuovo, o fanno come
le lepri, le quali, per nascondere al cacciatore le loro traccie, si
mettono a girare e pestare su esse; sono i lettori tanto abituati ai
misteri o gherminelle degli autori, i quali, troppo comodi, vogliono
perpetuamente che s'intenda dagli altri meglio che da lor si ragioni;
che quando tu dici nel tuo semplice modo le tue semplici cose, ecco che
non ti capiscono più. Essi cercano in te quello che non c'è, e perchè
non lo trovano, ci rimangono male. E se anche ti capiscono, vale a dire
se capiscono che non vuoi dire se non quel che dici, e non sottintendi
nulla, e non hai la pretesa, assurda e comune, che il senso, nelle
tue cose, ce lo mettano i lettori, allora i più non ti apprezzano. Ai
più pare che il bello sia nei fregi e che il poetico sia nella foga
oratoria. E infine quasi tutti, come vuoi che ascoltino lo stormire
delle foglie o il gorgoglio del ruscello o il canto dell'usignuolo o il
suono della tua avena, se lì presso la banda del villaggio assorda la
campagna coi tromboni e i colpi di gran cassa?

No no, fanciullo. La gloria o gloriola si forma con l'assenso di molti,
e tu non sei udito, ascoltato, approvato, che dai pochi. È vero che
tu ti rivolgi a tutti, ma ricordati: non agli uomini proprio, ma ai
fanciulli, come te, che sono negli uomini. Ora codesti fanciulli, dato
che in nessuni manchino, in pochi però prestano ascolto. E sai quali
sono questi pochi? Sono generalmente poeti. Cioè il loro fanciullo
o ti sta a sentire solo perchè anch'esso canta e vuol sapere se tu
canti meglio o peggio di lui, o standoti a sentire finisce con cantare
anche lui. E che succede? Succede che un giorno o l'altro comincia a
fare il tuo verso. Prima fa solo qualche nota, poi qualche battuta,
infine tutta la tua canzone. E allora? Allora diventa tuo imitatore.
Ebbene? Ebbene l'imitatore è un debitore; e il debitore, presto o
tardi, parlerà male del creditore. E così, anche di quei pochi, molti
si sottrarranno dal dir le tue lodi, per assicurar le loro. E la tua
gloriola o non nascerà o intisicherà appena nata.

Ma poi ti sentiresti d'accettarla codesta gloriola? Sai come ella
nasce. Nasce in generale dalla affermazione tua stessa. È pensiero
giustissimo del nostro Leopardi: «La via forse più diretta di acquistar
fama, è di affermare con sicurezza e pertinacia, e in quanti più modi
è possibile, di averla acquistata».[29] E altrove: «Rara è nel nostro
secolo quella persona lodata generalmente, le cui lodi non sieno
cominciate dalla sua propria bocca... Chi vuole innalzarsi, quantunque
per virtù vera, dia bando alla modestia».[30] E tu, fanciullo, vorresti
che io da una seggiola o da un palco mi mettessi a gridar le tue lodi o
affermare la tua fama? «Questo ragazzo è un ragazzo miracoloso... noto
in tutto il mondo...». In questo modo la gloriola sarebbe facile. Ma tu
no, non vorresti. Eppure gli uomini non crederanno mai che sia grande
un merito che non sia tanto grande da vincere persino la modestia di
colui che l'ha. Se la tua modestia è grande, contentati d'una grandezza
assai modesta. Sarai considerato un poeta mediocre, e poichè mediocre
non deve essere il poeta, sarai proclamato non poeta. Ovvero tu, non
credendo all'amara considerazione del Leopardi, aspetterai che la
tua lode cominci dalle bocche altrui? Perchè questa lode sia tale da
crearti una vera fama, occorre ch'ella possa propagarsi per gran numero
di persone; le quali ti loderanno poi a lor volta senza conoscerti,
senza averti udito, senza averti letto! Ti loderanno per «suggestione».
Oh! il pessimo fatto che sarebbe allora il tuo! Tutto quel che tu
facessi, sarebbe ugualmente lodato: ciò che tu sentissi d'aver fatto
di meglio, sarebbe pareggiato a ciò che tu conoscessi d'aver fatto di
peggio. Persino cosa che non avessi fatto tu, ma comparisse col tuo
nome, sarebbe levata alle stelle, e così preferita a quelle che proprio
tu avessi fatte e credessi buone e belle! E che ne faresti di tale
gloriola?

Tanto più che bisogna vedere da che ti venne quella lode iniziale,
che avviò tutte quell'altre lodi. Da che? Da qualche cosa più atta
delle altre ad accecare, ad inebbriare, a far delirare la gente. Dalla
politica, per esempio: dal partito o dalla setta. Badaci, ragazzo. È
il fatto di qualcuno che vuol procacciarsi la popolarità, mettendo la
cannella a una botte, e che tutti bevano. La gran botte è la politica,
il vino che ognuno ne beve, è il proprio sentimento che si riscalda
alla botte comune: la sbornia generale è la tua gloria!

O gloriola indegna del tuo desiderio! E poi è amara. Sai che siamo al
tempo dei concorsi; al tempo delle classificazioni e premiazioni. Il
divertimento più grande che si diano gli uomini, è quello di giudicare.
In Atene fu in altri tempi una consimile mania di seder nell'Eliea
e deporre le sue pietruzze. Oggi non c'è più solo qualche pazzo, ma
molti; e non giudicano, in mancanza d'altro, i cani e gatti di casa,
ma gli scrittori e i poeti di casa e fuori. Giudicano, e classificano:
questo è il primo, quello il secondo, l'altro il terzo, e va dicendo.
Ahimè! tu, fanciullo, fai il tuo discorsino, esprimi un tuo sentimento,
esponi un tuo pensiero, mostri un tuo sorriso, versi una tua lagrima,
senza riguardarti, senza saperlo, si può dire, senza perchè; al primo
venuto, sfogando il cuore, quasi fuori di te: a mezzo le tue parole,
al tuo riso, al tuo pianto, ecco senti che il tuo uditore piglia
appunti, pesa le frasi che dici, disegna, col pollice, in aria la linea
del tuo sorriso, esamina l'acqua e il cristallo della tua lagrima: e
mormora: «Non c'è male! Benino! Bene! Benissimo! Peggio però del tale!
Anche meglio del tal altro! Primo! Secondo! Terzo! Poeta maggiore!
Poeta minore!». Certo tu, se non sei un vanarello o un frignone,
cancelli il sorriso, ribevi la lagrima, e te ne vai. Forse giuri in
quel momento di non andar più da altri, e godere o piangere tra te,
un'altra volta. Ma sei fanciullo, e torni sempre da capo, trovando però
ogni volta che per i fanciulli non c'è più luogo in questo mondo! Il
fatto è che, oltre la noia di quel sentirti sempre paragonato, come
se tu facessi un esercizio scolastico, puoi provare anche l'amarezza
d'essere posposto, con giudizio spiccio o maligno, e anche d'essere
preposto, a tali che tu non ti sogni nemmeno di emulare, a tali a cui
tu non pensavi nemmeno, a cui non dovevi, non potevi pensare, assorto
come eri nel tuo piacere o nel tuo dolore. Ti paragoneranno con gli
altri e anche con te stesso. Ti conteranno gli anni e le rughe agli
occhi e i capelli bianchi e non vedono l'ora di dirti che decadi, che
rimbecillisci, che muori. Bella carità! E un bel giorno ti butteranno
in un canto, dimenticandosi di te, e a torto. A torto sempre, perchè
ciò che hai fatto di buono non deve essere annullato da ciò che poi
faccia di men buono; e perchè non può nascere mai un portento tale da
far dimenticare, per esempio, il Leopardi. Sia grande quanto si voglia
il poeta che si aggiunge al canone, egli deve sedere su una seggiola,
o vogliam dire trono, sola: non ha bisogno di due o di tutte, e che un
altro o tutti gli altri si rizzino e se ne vadano.

La gloriola non è per te, fanciullo! La poesia pura, quando si legge,
fa che il lettore dica: Come si potrebbe far meglio e più! È vero che
codesta è illusione d'ornatista... E io penso ai panforti fiorati che
sono tanto più belli, e si contemplano così, a lungo: ma finalmente gli
ornati si gettano e si mangia il panforte solo. Tuttavia ricòrdati,
anche per via di questo esempio fanciullesco del panforte fiorato,
che generalmente si ammira e loda quel che sta sopra, non quello ch'è
sotto.

Ricòrdati che la poesia vera fa battere, se mai, il cuore, non mai le
mani.


IX.

Dunque... Ma intendo. Tu non aspiri alla gloriola ma alla gloria; e
così distingui, come se la gloriola fosse tra i vivi, e la gloria dopo
morte. Non voglio dirti (le tue illusioni mi sono care), non voglio
dirti che dopo morte non sentiremo nulla, di ciò che si dice di noi.
Sentirò o almeno sentirai: non rabbuiarti. Ma sentirai belle cose? Qui
sta il punto. Prima di tutto: diranno nulla? Si ha fretta, ai nostri
giorni, di vivere; e le visite ai camposanti fanno perder tempo. Ci
si assorda, ai nostri giorni, con la nostra vita: e non è possibile
udire lo stridìo leggiero delle ombre. I morti, ai nostri giorni,
non contano più. Un poeta disse che il dì della morte era il dì della
lode; ma il detto, pochi anni dopo che fu detto, non era più vero; e
il Prati stesso lo sa, se nel sepolcro qualcosa si sa! E questo oblìo
che preme subito i morti, non è, quanto ai letterati, senza ragione
e senza giustizia. Noi letterati vogliamo in vita occupar troppo il
mondo di noi. Se stessimo nel nostro angolo, se non ci sbracciassimo
tanto nel mezzo della gente, se non vociassimo tanto, non avverrebbe
questo compenso di silenzio dopo morte. Dunque, diranno nulla di te? E
se mai, diranno bene e giusto? O credi che allora sarà cessata la mania
della classificazione, l'artifizio della suggestione, la cecità del
partito o della setta? Vedi: spesso i morti sono disturbati nel loro
riposo, e tratti fuori per dare addosso ai vivi. Spessissimo. L'invidia
sai in che forma si esercita per lo più. Tu dai a uno la debita lode
in presenza d'alcuno. Questi conferma breve: poi a lungo si volta
a lodare un altro, il quale può essere inferiore o superiore al tuo
lodato, ma che quasi sempre è morto. Ora tu, fanciullo, vorresti essere
disseppellito a questo fine? Poichè sarai un'ombra, avresti piacere
d'essere adoperato a far ombra a qualche buon fanciullo saldo, che
viva e canti? Questo non ti piacerebbe: meglio dormire dimenticato. E
meglio esser morto tutto, che continuare a comparire avanti i tribunali
ed essere giudicato e classificato: tanto più, che i giudici si
trasmettono, cursori che stanno eternamente fermi, le fiaccole de' loro
giudizi.

Tu non vuoi giudizi: vuoi commozione, vuoi assenso, vuoi amore; e non
per te, ma per la tua poesia. Ebbene, morto che tu sia, se la tua voce
fu pura, se fu la voce dell'anima e delle cose, non l'eco, o più fioco
o più forte, d'altrui voce; ebbene codesta voce sarà inavvertita,
quando non sia dimenticata. In vero se è spesso ripetuta, come forse
è ragione, si fonderà, col tempo, non so se nel silenzio o rumore
circostante: come il cinguettìo delle rondini sotto la tua grondaia,
che quando è un pezzo che lo senti, non lo senti più...

Tu vuoi parlare? Aspetta: non ho finito.

A ogni modo perchè dovrebbe essere altrimenti? Che cosa fai tu,
veramente, che sia degno di lode e di gloria? Tu ridi, tu piangi: che
merito in ciò? Se credi d'averci merito, è segno che ridi e piangi
apposta: se lo fai apposta, non è poesia la tua: se non è poesia,
non hai diritto a lode. Tu scopri, s'è detto; non inventi: e ciò che
scopri, c'era prima di te e ci sarà senza te. Vorresti scriverci il
tuo nome su? Ti adiri, che ti vogliano giudicare e anche premiare per
quello che non è se non la tua natura e la tua manifestazione di vita,
che importa a te del nome?...

    — =Il fanciullo= —

    _Il nome? il nome? L'anima io semino,_
    _ciò ch'è di bianco dentro il mio nòcciolo,_
      _che in terra, si perde,_
        _ma nasce il bell'albero verde._

    _Non lauro e bronzo voglio; ma vivere:_
    _e vita è il sangue, fiume che fluttua_
      _senz'altro rumore,_
        _che un battito, appena, del cuore._

    _Nei cuori, io voglio, resti un mio palpito,_
    _senz'altro vanto che qual d'un brivido_
      _che trema sull'acque,_
        _fa il sasso che in fondo vi giacque._

    _Nell'aria, io voglio, resti un mio gemito:_
    _se l'assiuolo geme voglio essere_
      _tra i salci del rio_
        _anch'io, nelle tenebre, anch'io_.

    _Se le campane piangono piangono,_
    _io nelle opache sere invisibile_
      _voglio essere accanto_
        _di quella che piange a quel pianto._

    _Io poco voglio; pur, molto: accendere_
    _io sulle tombe mute la lampada_
      _che irraggi e conforti_
        _la veglia dei poveri morti._

    _Io tutto voglio; pur, nulla: aggiungere_
    _un punto ai mondi della Via Lattea,_
      _nel cielo infinito;_
        _dar nuova dolcezza al vagito._

    _Voglio la vita mia lasciar, pendula,_
    _ad ogni stelo, sopra ogni petalo,_
      _come una rugiada_
        _ch'esali dal sonno, e ricada_

    _nella nostr'alba breve. Con l'iridi_
    _di mille stille sue nel sole unico_
      _s'annulla e sublima..._
        _lasciando più vita di prima._

Bene! Dunque riassumo, come uomo serio che sono. La poesia, per ciò
stesso che è poesia, senz'essere poesia morale, civile, patriottica,
sociale, giova alla moralità, alla civiltà, alla patria, alla società.
Il poeta non deve avere, non ha, altro fine (non di ricchezza, non
di gloriola o di gloria) che quello di riconfondersi nella natura,
donde uscì, lasciando in essa un accento, un raggio, un palpito nuovo,
eterno, suo. I poeti hanno abbellito agli occhi, alla memoria, al
pensiero degli uomini, la terra, il mare, il cielo, l'amore, il dolore,
la vita; e gli uomini non sanno il loro nome. Chè i nomi che essi
dicono e vantano, sono, sempre o quasi sempre, d'epigoni, d'ingegnosi
ripetitori, di ripulitori eleganti, quando non siano nomi senza
soggetto. Quando fioriva la vera poesia, quella, voglio dire, che si
trova, non si fa, si scopre, non s'inventa; si badava alla poesia e non
si guardava al poeta; se era vecchio o giovane, bello o brutto, calvo
o capelluto, grasso o magro: dove nato, come cresciuto, quando morto.
Siffatte quisquilie intorno alla vita del poeta si cominciarono a
narrare a studiare a indagare, quando il poeta stesso volle richiamare
sopra sè l'attenzione e l'ammirazione che è dovuta soltanto alla
poesia. E fu male. E il male ingrossa sempre più. I poeti dei nostri
tempi sembrano cercare, invece delle gemme che ho detto, e trovare,
quella vanità che è la loro persona. Non codesta quei primi. E tu, o
fanciullo, vorresti fare quello che fecero quei primi, col compenso
che quei primi n'ebbero; compenso che tu reputi grande, perchè, sebbene
non nominati, i veri poeti vivono nelle cose le quali, per noi, fecero
essi.[31]

È così?

    — =Il fanciullo= —

    _Sì._



IL SABATO


I.

Era un sabato, il più bel giorno dei sette: e io uscito «in sul calar
del sole» dalla porta di Monte Morello mi recava al colle detto
Monte Tabor. Della primavera tuttavia irresoluta avevo visto già
dal mattino, venendo dal Porto alla città di Recanati, inalberare la
terra due insegne tra il pallore degli ulivi; una candida, una rosea,
d'un mandorlo e d'un pesco. E nelle prode e per i greppi vedevo ora
le margherite richiudere per la notturna vigilia i petali sfumati di
carmino che candidi erano apparsi nel giorno (spose biancovestite che
tingonsi di rossore allo sbocciare della stella); mentre io adorava le
orme del Poeta, lasciandomi alle spalle la «piazzuola» piena del «lieto
romore» dei fanciulli e avviandomi all'«ermo colle» donde egli aveva
sentito nell'anima gl'«interminati spazi» e i «sovrumani silenzi». Il
colle non è più quello, essendo stato in parte tagliato per dar luogo
a una strada nuova, e piantato e ripulito e pettinato per diventare
un giardino pubblico, il Pincio; ma «ermo» era anche quella sera di
sabato. E si udivano bensì grida di fanciulli, felici della festa del
domani; ma di qua e là, di lontano; e velavano appena la taciturnità
del tramonto. Tornava un contadino con la vanga sulla spalla, dando la
faccia rugosa ai bagliori del sole. Tornava una vecchierella con sul
capo un piccolo fascio di stecchi. Un'altra le si fermava di contro.
Stettero, nereggiando tra uno scintillìo diverso e continuo, parlando
tra uno scampanìo fioco di voci remote. Parlavano a lungo: tentennavano
la testa. Il «buon tempo» pareva non lo avessero conosciuto mai.


II.

«Donzellette» non vidi venire dalla campagna col loro fascio d'erba.
Non ancora la lupinella insanguinava i campi. Avrei voluto vedere il
loro mazzolino, se era proprio «di rose e di viole». Rose e viole
nello stesso mazzolino campestre d'una villanella, mi pare che il
Leopardi non le abbia potute vedere. A questa, viole di Marzo, a
quella, rose di Maggio, sì, poteva; ma di aver già vedute le une in
mano alla donzelletta, ora che vedeva le altre, il Poeta non doveva
qui ricordarsi. Perchè il Poeta qui rappresenta a noi cose vedute e
udite in un giorno, anzi in un'ora; e bene le rappresenta, come non
solevano i poeti italiani del suo tempo e dei tempi addietro. E come
queste, così altre; e in ciò è la sua virtù principale e, aggiungerei
se non fosse ozioso e noioso a proposito di poesia parlar di gloria,
la principale sua gloria. Vedere e udire: altro non deve il poeta. Il
poeta è l'arpa che un soffio anima, è la lastra che un raggio dipinge.
La poesia è nelle cose: un certo etere che si trova in questa più, in
quella meno, in alcune sì, in altre no. Il poeta solo lo conosce, ma
tutti gli uomini, poi che egli significò, lo riconoscono. Egli presenta
la visione di cosa posta sotto gli occhi di tutti e che nessuno vedeva.
Erano forse distratti gli occhi, o forse la cosa non poteva essere
resa visibile che dall'arte del poeta. Il quale percepisce, forse,
non so quali raggi X che illuminano a lui solo le parvenze velate e
le essenze celate. Ora il Leopardi (io pensavo fermandomi a guardare i
monti di Macerata, sui quali si contorcevano alcune nuvole in fiamma,
come dolorando), il Leopardi questo «mazzolin di rose e di viole»
non lo vide quella sera: vide sì un mazzolino di fiori, ma non ci ha
detto quali; e sarebbe stato bene farcelo sapere, e dire con ciò più
precisamente che col cenno del fascio dell'erba, quale stagione era
quella dell'anno. No: non ci ha detto quali fiori erano quelli, perchè
io sospetto che quelle rose e viole non siano se non un _tropo_, e non
valgano, sebbene speciali, se non a significare una cosa generica:
fiori. E io sentiva che, in poesia così nuova, il poeta così nuovo
cadeva in un errore tanto comune alla poesia italiana anteriore a lui:
l'errore dell'indeterminatezza, per la quale, a modo d'esempio, sono
generalizzati gli ulivi e i cipressi col nome di alberi, i giacinti e
i rosolacci con quello di fiori, le capinere e i falchetti con quello
di uccelli. Errore d'indeterminatezza che si alterna con l'altro del
falso, per il quale tutti gli alberi si riducono a faggi, tutti i
fiori a rose o viole (anzi rose e viole insieme, unite spesso più nella
dolcezza del loro suono che nella soavità del loro profumo), tutti gli
uccelli a usignuolo. Ma non erano usignuoli quelli che io sentivo tra
gli uliveti della valle sottoposta; sebbene d'usignuolo sembrassero tre
o quattro note punteggiate che promettevano, a ogni momento e sempre
invano, il prorompere e il frangersi della melodia: preludio eterno.
Quelle note d'usignuolo mal riuscito erano di cingallegre; e io le
udivo a quando a quando dare in quegli striduli sbuffi d'ira o timore,
che sembrano piccoli nitriti chiusi in gola d'uccello; le udivo, ora
qua ora là, strisciare a lungo la loro limina mordace su un ferruzzo
duro duro.


III.

Quante volte si sarà soffermato il Leopardi ad ascoltare quelle
risse vespertine, risse sull'ora di scegliere il miglior posto per
attendervi, con una zampina su, l'aurora! Egli amava «le più liete
creature del mondo», il filosofo solitario. Pure nell'elogio che ne
scrisse, non riuscì a infondere la poesia che sentiva in quello che
egli chiama loro «riso», in quella vispezza e mobilità per la quale
egli le assomiglia a fanciulli. Ciò che ne dice, è troppo generico,
lasciando che non è tutto esatto. Per quanto l'assunto del filosofo
dovesse in quell'elogio contrastare al sentire del poeta, tuttavia
noi vi desideriamo il particolare perchè sia e legittima l'induzione
del filosofo e viva l'esposizione del poeta. Ma non un nome di specie:
tutti uccelli, tutti canterini. Nè molta varietà è, a questo proposito,
nelle poesie: in una canta al mattino «la rondinella vigile» e la
sera il «flebile usignol»; e il «musico augel» in un'altra canta il
rinascente anno e lamenta le sue antiche sventure «nell'alto ozio de'
campi»; e in un'altra è «il canto de' colorati augelli» insieme col
murmure de' faggi; e via dicendo. Ora da questi e simili esempi si
potrebbe inferire (io pensava) che il Leopardi non fosse quel poeta
che tutti dicono, o perchè non colse quel _particolare_ nel quale è,
per così dire, come in una cellula speciale, l'effluvio poetico delle
cose, o non lo colse per primo. Ma il nuovo e il vivo abbonda. E così
mi rivolgeva nella mente, come un uomo pio sussurra un'orazione per
iscacciare un brutto pensiero, i tanti luoghi coi quali il poeta della
mia giovinezza, della giovinezza di tutti, destava in me i palpiti
nuovi nel riconoscere le vecchie cose. Ripensavo le sue notti. Ecco
una notte tormentata dalla tempesta: a un tratto non più lampi, non
più tuoni, non più vento: buio e silenzio. Un'altra: una notte buia:
la luna sorge dal mare e illumina un campo di battaglia tutto ancora
vibrante del fracasso del giorno: gli uccelli dormono, e appena
rosseggerà il tetto della capanna, gorgheggeranno come al solito.
Un'altra ancora: una notte illuminata: la luna tramonta, spariscono
le mille ombre «e una Oscurità la valle e il monte imbruna», e il
carrettiere saluta con un melanconico stornello l'ultimo raggio. Oh!
i canti e i rumori notturni! il fanciullo che non può dormire e ode
un canto «per li sentieri Lontanando morire a poco a poco», o, mentre
sospira il mattino, sente, portato dal vento, il suono dell'ora!
Nessuno in Italia, prima e dopo il Leopardi, rappresentò così bene
l'estasi di una notte estiva:

                              allora
    Che, tacito, seduto in verde zolla,
    Delle sere io solea passar gran parte
    Mirando il cielo, ed ascoltando il canto
    Della rana rimota alla campagna!
    E la lucciola errava appo le siepi
    E in su l'aiuole, sussurrando al vento
    I viali odorati, ed i cipressi
    Là nella selva: e sotto al patrio tetto
    Sonavan voci alterne e le tranquille
    Opre dei servi.

E nessuno meglio sentì la poesia d'un risvegliarsi in campagna al
picchierellare sui vetri della pioggia mattutina; e nessuno espresse
meglio il riprendere della vita dopo un temporale: lo schiamazzar
di galline, il grido dell'erbaiuolo, che s'era messo al coperto,
il rumoroso spalancarsi delle finestre, che erano state chiuse, e
in ultimo il tintinnìo dei sonagli e lo stridere delle ruote d'un
viaggiatore che riprende il suo viaggio; e nessuno dirà meglio mai la
sensazione d'un canto di donna, udito di notte, in una passeggiata,
dentro una casa serrata, a cui ci si soffermò per caso; o di giorno,
nel maggio odoroso, misto al cadenzato rumore delle calcole e del
pettine. Un grande poeta, o cingallegre che fate sentire le stridio
assiduo delle vostre piccole lime in questo dolce sabato sera! un
grande poeta, sebbene egli forse non distinguesse i vostri squilli
dallo spincionare del fringuello, a cui assomigliano! Così pensavo, e
venne il suono delle ore dalla torre del borgo, e io pensai all'altra
torre, la torre antica del Passero solitario. Era proprio alle mie
spalle. La primavera brillava nell'aria, sebbene non esultasse ancora
per li campi: qualche belato, qualche muggito si udiva: dei passerotti
saltabeccavano sul tetto della chiesa di Sant'Agostino, che ora è una
prigione; le cingallegre stridivano sempre. Il passero solitario però
non faceva più il nido nella torre, di cui fu abbattuta la «vetta»: mi
dissero che più tardi ne avrei sentito i sospiri d'un gufo. Più tardi:
ora il sole dirimpetto, facendo lustrare e avvampare tutti i vetri
delle case

                  tra lontani monti
    Cadendo si dilegua, e par che dica
    Che la beata gioventù vien meno.


IV.

Il sole non si dileguava così presto dietro il Sanvicino: esso colorava
qua in rosa tenue, là in rosa carico, qua in oro, là in violetto, le
nuvole che parevano essere convenute per assistere alla sua discesa. A
un volger d'occhio, quella si scolorava in ardesia, questa trascolorava
in porpora. E non mi pareva che il sole dicesse cadendo quelle triste
parole. Già con me erano di troppo: ma mi ricordo che quando ero, non
un poeta giovane, ma un giovane proprio, il sole al tramonto mi diceva
sempre, come dirà anche oggi ai giovani lettori del Leopardi:

    Che la beata gioventù vien meno.

Il Passero solitario dicono che sia concezione, se non lavoro, della
prima giovinezza del Poeta: dell'anno 19 che fu a lui il più ricco di
ispirazioni. Fu concepito, in vero, quando il poeta non curava più

                  sollazzo e riso,
    Della novella età dolce famiglia.

quando non era più quel fanciullo giocondo di cui egli stesso narra:

            In queste sale antiche,
    Al chiaror delle nevi, intorno a queste
    Ampie finestre sibilando il vento,
    Rimbombaro i sollazzi e le festose
    Mie voci al tempo che l'acerbo, indegno
    Mistero delle cose a noi si mostra
    Pien di dolcezza.

Giacomo godè il suo Sabato, «giorno d'allegrezza pieno, Giorno chiaro,
sereno». La sua fanciullezza passò, come raccontava il suo fratello
Carlo, tra giuochi e capriole e studi; ma passò in un collegio. Carlo
lodava suo padre «d'averli tenuti presso di sè»; ma certo questi li
tenne più da _rettore_ che da padre. Monaldo credeva d'avere ricevuto
una _instituzione_ molto imperfetta. «L'ottimo Torres» egli dice «fu
l'assassino degli studi miei, ed io non sono riuscito un uomo dotto,
perchè egli non seppe studiare il suo allievo e perchè il suo metodo
di ammaestrare era cattivo decisamente». Ora sin dall'età di anni
quattordici egli aveva detto fra sè che avendo figli non avrebbe
permesso ad alcuno lo straziarli tanto barbaramente. Come tenne il suo
proponimento? In una cosa intanto: nel non mandare in monastero la
figlia Paolina, come vi era stata mandata la sorella di lui, con la
quale e col fratello finchè gli visse, aveva trascorso i suoi primi
anni. Egli sofferse molto di quell'allontanamento e non volle dare a
Giacomo e a Carlo il dolore che aveva provato esso. Poi: avrà certo
raccomandato ai precettori che forniva ai suoi figli, di non essere
così pedanti da esigere da essi la recitazione a memoria di «libri
intieri senza il più piccolo errore». Ma i precettori volle che fossero
preti: don Giuseppe Torres per primo (il suo maestro «di una severità
intollerabile»); poi don Sebastiano Sanchini. Egli diede inoltre ai
figli un pedagogo, che sempre li accompagnasse, «un pedante vermiglio,
grasso, florido», don Vincenzo Diotallevi, buon bevitore. Quelli erano
i maestri o professori, questo il prefetto; il rettore, s'intende, era
Monaldo. I giuochi dei ragazzi erano quali si fanno anche oggidì nei
collegi un poco all'antica; quali mi ricordo d'aver fatti anch'io nel
collegio dei buoni Scolopi, ai quali sono grato dal profondo del cuore:
battaglie romane. Intanto che Napoleone (Monaldo nel 1797 avrebbe
potuto vederlo. «Passò velocemente a cavallo, circondato da guardie le
quali tenevano i fucili in mano col cane alzato. Tutto il mondo corse
a vederlo. Io non lo vidi, perchè quantunque stessi sul suo passaggio
nel palazzo comunale, non volli affacciarmi alla finestra, giudicando
non doversi a quel tristo l'onore che un galantuomo si alzasse per
vederlo») intanto che Napoleone combatteva ad Austerlitz o a Iena, i
piccoli Leopardi ed i piccoli cugini Antici, battagliavano a Canne o
a Zama, nel grande salone, al chiarore delle nevi, o nel giardino;
e Giacomo mostrava, sotto il nome o di Scipione o di Annibale,
quell'ardore guerresco, che si adempiè poi nel 18 coi celebri versi:

    L'armi, qua l'armi: io solo
    Combatterò, procomberò sol io.

Sanno di collegio le passeggiate fatte sempre insieme e sempre col
prefetto o pedagogo; sa di collegio la burla fatta al buon prete, che
Giacomo descrisse nella poesiola «la Dimenticanza»; sa di collegio quel
porsi nomi finti (Giacomo era Cleone; Carlo, Lucio; Paolina, Eurilla).
Si narra persino del romanzo letto di nascosto... Nè mancavano gli
esami e le premiazioni. «Noi tre», racconta Carlo, «fratelli più
grandi, Giacomo, io e la Paolina, davamo talvolta in casa saggi quasi
pubblici dei nostri studi». E da questa vita di soggezione continua e
di regolarità uniforme veniva quel bisogno delle fole e delle novelle,
che Giacomo raccontava e Carlo ascoltava a lungo; e derivò presto
quell'opposizione di pensieri col loro padre, che nei collegi è solita
tra alunni e superiori. Giacomo «l'onorare i genitori non intendeva
esserne schiavo». Ciò nei tempi in cui si confessava, poichè «ne fu
dichiarato empio dal prete». Il noto dissidio tra padre e figlio,
che ha diviso gli studiosi del Leopardi in due fazioni, quella dei
Monaldiani e quella dei Giacomiani, nacque, o almeno fu reso facile
o possibile, da questo fatto: che Giacomo, come i suoi fratelli, vide
da fanciullo nel padre più il superiore che il genitore; e ciò attenua
la colpa sì di Monaldo, se è di Monaldo, perchè egli operava a fin di
bene, sì di Giacomo, se è di Giacomo, perchè egli non credeva di fare
tanto male. Col tempo, Carlo lodò suo padre e della severa educazione
e dell'istruzione «forse migliore di quella dei collegi», come lodiamo
noi ora quel buon rettore di cui da ragazzi dicevamo tanto male. Certo
noi ameremmo o amiamo i nostri figliuoli in modo diverso; ma non si
può dire che Monaldo non li amasse a modo suo. Oh! egli avrebbe fatto
meglio, dico io non ostante le lodi di Carlo, a metterli a dirittura
in un collegio vero e fuori di casa. Nella tristezza della solitudine,
che si fa in esso così fiera nella celletta dopo il chiasso del giorno
e il brusìo della sera, si sarebbero essi con tutta l'anima rivolti
alla famiglia lontana. Pare assurdo il dirlo; eppure è così: al poeta
del dolore mancò nella sua fanciullezza, un po' di dolore. Non ne ebbe
assai, di dolore, Giacomo Leopardi, da fanciullo!

Io ricordo che strette al cuore sentivo quando mi giungeva, la notte,
nella veglia non consolata, «il suon dell'ore». Era la voce della
città straniera; non del borgo natio. E io pensavo a babbo e mamma. E
Giacomo non poteva nemmeno fuggendo dal padre, correre al seno della
madre. Essa, tutta occupata nel restaurare il patrimonio Leopardi, non
accarezzava i figli che con lo sguardo. Se era così dolce, come so io
d'un'altra, come sanno tutti, o quasi, d'una, poteva bastare. Ma...


V.

Nell'_instituzione_ di Monaldo era sopra tutto un vizio che egli con
meraviglia s'intenderebbe rimproverare. Egli coltivò troppo in Giacomo
il desiderio della gloria. È un'ambizione questa che si suole chiamare
nobile; in verità non può esservi ambizione nobile, se nobile vuol dire
buona. Ma lasciamo lì: io non voglio, nè so nè devo fare il moralista:
certo mi piacerebbe che l'uomo facesse bene, senza aver sempre di
mira un altro, di cui far meglio; e che specialmente nell'arte e
in particolare nella poesia, la quale non è nessun merito far bene,
perchè non si può far male; o si fa o non si fa; l'artista e il poeta
si contentasse di piacere a sè senza cercare di piacere a tutti i
costi agli altri e più d'altri. Lasciamo, ripeto: io voglio soltanto
dire che questo smodato desiderio di gloria fu cagione d'infelicità
a Giacomo Leopardi. Che smodato fosse in Giacomo ancor fanciullo,
dice Carlo: «Mostrò fin da piccolo indole alle azioni grandi, amore
di gloria e di libertà ardentissimo». Notiamo quell'amore di libertà,
figlio, non fratello, di quello di gloria, come è chiaro a chi legge
il secondo de' Pensieri: «Scorri le vite degli uomini illustri, e
se guarderai a quelli che sono tali, non per iscrivere, ma per fare,
troverai a gran fatica pochissimi veramente grandi, ai quali non sia
mancato il padre nella prima età...» E più giù: «la potestà paterna
appresso tutte le nazioni che hanno leggi, porta seco una specie di
schiavitù ne' figliuoli, che per essere domestica, è più stringente
e più sensibile della civile». E che Giacomo adattasse al caso suo, o
piuttosto ne derivasse, questo principio generale, non può esser dubbio
a chi ripensi le sue parole: «Io non vedrò mai cielo nè terra, che non
sia Recanatese, prima di quell'accidente, che la natura comanda ch'io
tema e che oltracciò secondo la natura avverrà nel tempo della mia
vecchiezza: dico la morte di mio padre». Nel tempo della vecchiezza!
nel quale, come egli osserva nel pensiero citato, l'uomo «non prova
stimolo... e se ne provasse, non avrebbe più impeto, nè forza, nè tempo
sufficienti ad azioni grandi». Tuttavia osserviamo che egli conclude
come sia utilità inestimabile trovarsi innanzi nella giovinezza una
guida esperta ed amorosa, sebbene aggiunga che ne deriva «una sorta di
nullità e della giovinezza e generalmente della vita». Ebbene che cosa
poteva da ragazzo temer più che tale nullità, chi nel 17 affermava: «Io
ho grandissimo, forse smoderato e insolente, desiderio di gloria; io
voglio alzarmi, farmi grande ed eterno coll'ingegno e collo studio»; e
nel 19: «Voglio piuttosto essere infelice che piccolo»? Questo voto,
povero Giacomo, si adempiè. Ora come in lui, ancora fanciullo, fu
coltivato il funesto desiderio, che dissi? Già il padre era stato da
fanciullo (e continuò sempre a essere) animato dal medesimo sentimento.
Egli dice di sè, tra molte altre note che se ne potrebbero riferire:
«È singolare però che io nutrivo brama ardentissima di sapere, e che
allettato pochissimo dai trattenimenti puerili leggevo sempre, e più
ostinatamente, quelle cose che meno intendevo, _per avere la gloria_
di averle intese». E poi: «Mi sono rassegnato a vivere e morire senza
essere dotto, quantunque di esserlo avessi nudrita cupidissima voglia».
E la cupidissima voglia si trasfuse in Giacomo che «dai 13 anni ai
17» scrisse da sei a sette tomi non piccoli sopra cose erudite; come
dice egli stesso aggiungendo: «la qual fatica appunto è quella che
mi ha rovinato»; e in altro luogo afferma d'essersi rovinato con 7
anni di studio matto e disperatissimo, e si sa che studiava sino a
tardissima notte, ginocchioni avanti il tavolino, per potere scrivere
fino all'ultimo guizzo del lume morente. Eppure, a differenza del
padre, da fanciullo era allettato dai trattenimenti puerili: dal che si
deve dedurre, che del disperatissimo studio suggerito dallo smoderato
desiderio di gloria, fosse, almeno in parte, causa l'educazione stessa
che riceveva dal padre. Il quale nel 1801, per dirne una, aveva eretto
in casa sua una accademia poetica, che vi durò tre o quattro anni e poi
perì, quando non ebbe più la sua «casa paterna». Perchè Monaldo l'aveva
eretta? Perchè «queste accademie sono un piccolo teatro in cui si può
fare una qualche pompa di ingegno comodamente e senza bisogno di grandi
capitali scientifici, eccitano alcun principio di emulazione, accendono
qualche desiderio di gloria, impongono l'amore per lo studio o per lo
meno la necessità di simularlo...».

A quelle accademie erano poi succeduti i saggi quasi pubblici dei
figliuoli con presso a poco il medesimo intendimento. E Monaldo
mostrava certo il suo compiacimento per la splendida riuscita del suo
primogenito più che non lasciasse vedere la sua pena nell'accorgersi
come, per usare le parole della contessa Teia-Leopardi, «il gracile
corpo del figlio si sconciasse e alterasse pel faticoso e continuo
maneggio di enormi in-folio e dei pesanti volumi della Poliglotta e
dei SS. Padri». La medesima afferma che il conte Monaldo accarezzò
grandemente questa tendenza del figlio. È vero che in altro luogo
ricorda che il conte Monaldo stesso animava i figli a quegli esercizi
che giudicava molto atti a svilupparne le membra. Nel che peraltro è
da osservare che si tratta dei giuochi romani, e che con essi, sempre
secondo la contessa Teia, il conte Monaldo voleva fomentare il gusto
delle cose elevate, delle gesta e delle rappresentazioni eroiche.
Io non intendo biasimare questo padre; ma certo egli stesso sarebbe
stato più felice dell'amore dei figli, se ne avesse coltivato più le
tendenze umane che quelle eroiche, e li avesse voluti più affettuosi
che gloriosi. È vero che non avremmo avuto forse un Giacomo Leopardi,
ma egli non sarebbe stato così infelice. Ma è vero ancora che Giacomo
comprendeva di poter scegliere tra la infelicità e la mediocrità, e che
scelse la prima.

Forse non avremmo avuto... E se avessimo un Leopardi più legato di
quello che pur è, alle memorie della fanciullezza? più poeta di quello
che noi possiamo appena sognare che si possa essere?


VI.

Il più dolce e il più bello della sua poesia sta nel rimpianto di
quello _stato soave_, di quella _stagion lieta_. Stato soave, stagion
lieta, se crediamo a lui che tante volte e in tante forme lo dice.
Ma si può avere qualche ragionevole dubbio che fosse così. _Grato
occorre_, dice egli stesso,

    Il rimembrar delle passate cose,
    Ancor che tristo, e che l'affanno duri!

La qual sentenza, dell'Idillio XIV, parve al poeta troppo lata negli
ultimi anni della sua vita: onde la limitò aggiungendo:

    Nel tempo giovanil, quando ancor lungo
    La speme e breve ha la memoria il corso.

Certamente accade in noi questo inganno continuo, che altri spiegherà,
ma che tutti, credo, possono avere sperimentato: che pensiamo sempre
che la felicità sia avanti noi, nell'avvenire, e proviamo sempre che è
dietro noi, nel passato. Ciò in un andare di vita comune, senza scosse
soverchie. Questa illusione era anche del Leopardi, poichè grato gli
era il rimembrare il passato, ancorchè tristo. E più doveva ubbidirle
a proposito della sua fanciullezza di piccolo trionfatore nei giuochi
romani, di vincitore nei primi studi, in quanto che egli non ebbe,
si può dire, che fanciullezza. La sua fanciullezza appassì come un
fiore insidiato da un baco segreto, senza nè esser colto nè allegare.
Anche l'aspetto era, non si sapeva se di fanciullo o di vecchio: di
giovane, non fu mai. Nè si sa, se di vecchio o di fanciullo fossero
più certi suoi gusti, certe sue ripugnanze, certe sue golosità,
certe sue ritrosie. Anche i suoi amori somigliano a quei grandi tuffi
di sangue, che ognuno ha provato da ragazzo, quando il genio della
specie dorme ancora o ha appena un occhiolino aperto. Lasciamo Aspasia
all'ammirazione degli uomini fatti: Nerina e Silvia sono le fanciulle
che si vedono lontano, dalla finestra del collegio, e si rivedono da
presso, nella passeggiata, con un sussulto che rende immobili, con una
vampa che agghiaccia. Non ebbe giovinezza, dunque, e il ricordo della
sua prima età addolcì o amareggiò, non so bene, quasi per intero, la
sua vita di poeta e di pensatore, come di tale che, studiando sempre
sè stesso dalla sua esperienza e qualche volta dalla sua imaginazione
e prendendo gli argomenti de' suoi giudizi, allargava sino alla storia
del genere umano e dei popoli la conclusione che egli aveva preso
intorno a sè stesso.

Nè solo è vero quello che un nobilissimo pensatore scrisse di lui,
che «il ricordare trascorsi, il rimpiangere perduti (i primi anni) fu
l'unica sorgente della sua poesia», ma altresì che della sua politica
e della sua filosofia bisogna cercare la fonte in questo suo tempo
migliore. Parrà strano a chi crede, come credono quasi tutti, a un
mutamento radicale avvenuto nelle idee e nei sentimenti del Leopardi
dopo il 17. Ma io penso che nella sua vita accadesse invece come un
cataclisma intimo, che la spezzò in due. Tra le due parti è un baratro;
ma le due parti sono della stessa formazione. Quando avvenisse questo
discidio, non si può dire a puntino: ci fu forse una lenta corrosione,
piuttosto che un improvviso schianto; ma avvenne. Negli ultimi anni
della sua vita egli derideva quel generale austriaco-papalino che si
portò così bene alla battaglia di Faenza: i papalini fuggirono, e li

    .... precedeva in fervide sonanti
    Rote il Colli gridando: Avanti avanti.

Ebbene, più che dalla voce popolare, egli dovè udire, fanciullo, questo
motto in casa del padre; che nella sua autobiografia ne riferisce
altri, da quell'uomo mordace che era: «Il giorno 2 di febbraio del
1797, alla mattina, i Francesi attaccarono... Ben presto..., l'inimico
si accinse a guadare il fiume; e vistosi dai popolani (papalini?)
che i Francesi non temevano di bagnarsi i piedi: «Addio» si gridò nel
campo «si salvi chi può» e tutti fuggirono per ducento miglia». E più
giù racconta che i cannoni vennero caricati con fagioli, aggiungendo:
«questa mitraglia figurò nella guerra fra il Papa e la Francia». Nella
villetta di Posilipo in cui il poeta scriveva la Ginestra, sonò forse
una sera la stessa risata che trent'anni prima aveva fatto eco, nel
palazzo di Recanati, al racconto di Monaldo. E ci sono in vero molte
differenze tra l'autore dei Paralipomeni e quello dei Dialoghetti sulle
materie correnti? Il figlio scherniva, il padre malediceva: per le male
barbe Giacomo invocava il barbiere: Monaldo il boia. Ma infine i loro
sentimenti s'incontravano, sebbene non paresse nè agli altri nè a loro
stessi.

Giacomo amava la patria italiana. Egli scrive al Giordani: «mia patria
è l'Italia; per la quale ardo d'amore, ringraziando il cielo di avermi
fatto italiano». Ma aggiunge «perchè alla fine la nostra letteratura,
sia pur poco coltivata è la sola figlia legittima delle due sole vere
tra le antiche». È un amore dunque letterario quale poteva averlo da
bambino, sebbene aspirasse allora più a erudizione che a letteratura.
Ma avesse il suo amore ardente avuto altre origini o fini, Giacomo non
potrebbe con ciò essere chiamato «patriota» come intenderemmo noi ora.
Bene lo credettero ai suoi tempi: «Quando Giacomo (dice Carlo) stampò
le prime canzoni, i Carbonari pensarono che le scrivesse per loro o
fosse uno dei loro. Nostro padre si pelò per la paura». Eppure Giacomo
scrisse quelle canzoni con lo stesso animo con cui tre o quattro anni
prima aveva con un suo discorso plaudito alla caduta dell'oppressore e
maledetto il tentativo di re Murat. E se ne accorsero poi i liberali
e i carbonari, e presero in sinistro la sua canzone sul monumento di
Dante: al che il Poeta risponde «che non la scrisse per dispiacere
a queste tali persone, ma parte per amor del puro e semplice vero e
odio delle vane parzialità e prevenzioni; parte perchè non potendo
nominar quelli che queste persone avrebbero voluto, metteva in iscena
altri attori, come per pretesto e figura». Che non potendo parlare di
Austriaci, egli parlasse di Francesi, e adombrasse col nome di questi,
che avevano, per esempio, degli itali ingegni

    Tratte l'opre divine a miseranda
    Schiavitude oltre l'Alpi,

quelli che, cogli altri alleati, erano stati autori di rincondurle in
patria; e potesse sperare che ad altri che a Francesi, si attribuisse,
per esempio,

                la nefanda
    Voce di libertà che ne schernia
    Tra il suon delle catene e dei flagelli,

a me non pare verosimile. Del resto, io non altro voglio indurre da
questi fatti, se non che de' sentimenti suoi di prima del 14, è traccia
ben distinta e nel 18, nel qual anno scriveva le due canzoni, e negli
ultimi anni della sua vita, nei quali dettava i Paralipomeni. In
politica, in somma, sentì presso a poco sempre a un modo. I sentimenti
che apprendeva in casa e certo ebbe da giovinetto sino almeno il
15, restarono in lui quasi immutati. Ce ne dispiace? Pensiamo che se
per i grandi anni del riscatto avremmo voluto altro, ora però, ora e
sempre, dobbiamo trovar giusto il suo «odio delle vane parzialità e
prevenzioni».


VII.

E in religione? Egli era da fanciullo veramente pio: pativa anche di
scrupoli e giocava all'altarino con la sua sorella. Recitava alla
Congregazione dei Nobili, nella chiesa di San Vito, i suoi sacri
discorsi, e abbozzava inni cristiani. Come tetri questi inni! Al
Redentore egli diceva: «Tu hai provato questa vita nostra, tu ne
hai assaporato il nulla, tu hai sentito il dolore e l'infelicità
dell'esser nostro...» A Maria: «È vero che siamo tutti malvagi, ma
non ne godiamo: siamo tanto infelici! È vero che questa vita e questi
mali sono brevi e nulli, ma noi pure siamo piccoli, e ci riescono
lunghissimi e insopportabili. Tu che sei grande e sicura, abbi pietà di
tante miserie!» Oh! certo il piccolo Giacomo leggeva un libretto, uno
forse de' molti della sua madre severa, così severa, che appena appena
sfiorava il suo visetto sparuto con la mano offerta a un bacio; uno
di quei libri, nei quali ella segnava le morti de' suoi. Vi leggeva la
terribile massima dello Ecclesiaste: _Vanità delle vanità ed ogni cosa
vanità!_ Ma in quei primi anni egli che abbozzava l'inno al Redentore
(«dice Gesù: dall'ora del mio nascimento infino alla morte mia sulla
croce mai non fui senza dolore») doveva confortarsi con l'aggiunta,
che trovava nel libretto: _fuorchè l'amar Dio e servire a lui solo_. E
amava e serviva. Ma intanto s'imprimeva sempre più nella tenera mente,
disposta alla mestizia e alla devozione: «Rammenta che l'occhio non
si sazia per vedere, nè l'orecchio riempiesi per ascoltare». Ruzzava
e trionfava nel giardino paterno; e non importava che Carlo facesse
l'uffizio di schiavo ammonitore: esso poteva leggere nel libretto: «Non
esaltarti per gagliardia o per beltà di corpo; la quale per piccola
malattia si guasta e si disforma». Ardeva del desiderio di gloria:
leggeva: «Dove sono... quei maestri...? di loro, si tace». In verità a
me par di vedere nel lugubre libretto la traccia, o volete l'embrione,
di tante poesie e prose del nostro Poeta. «La natura è scaltra e
trae a sè molti, allaccia e inganna e sempre ha sè stessa per fine».
Indifferente di noi fa il Leopardi la natura:

                Ma da natura
    Altro negli atti suoi
    Che nostro male o nostro ben sì cura.

«La natura fatica per proprio agio» commenterebbe il monaco pensoso.
Altra considerazione: «povero ed esule in terra nemica dove incontro
guerra ogni dì e grandissime sciagure...» Non pensava ad essa Giacomo
non più devoto, non più pio, Giacomo negli ultimi tempi della vita,
quando nella Ginestra stima gli uomini tra sè confederati contro
l'_Inimico_? Non ricordava, sia pure inconsciamente, il modo cristiano
di figurarsi la morte, come un soave abbandono del capo stanco sul
petto del divino Redentore, quando diceva:

    Quel dì ch'io pieghi addormentato il volto
    Sul tuo vergineo seno?

Vero che non è più il seno di Gesù. Il Leopardi ha trasformato Gesù
nella Morte, adornandola delle bianche vesti che indossava la donna che
comparve a Socrate e gli disse:

    Giungere fra i tre dì tu puoi a le zolle di Ftia.

Non ricordava egli l'umile preghiera «Percuotimi gli omeri e il collo»,
l'umile confessione, «Non son degno se non di essere flagellato e
punito», quando diceva, ribelle ai pensieri che alitavano dalla lontana
fanciullezza.

    La man che flagellando si colora
    Del mio sangue innocente.
    Non ricolmar di lode,
    Non benedir com'usa
    Per antica viltà l'umana gente,
    Ogni vana speranza...?

Vana anche quella speranza, vano anche quel conforto! Egli aveva
cancellato la seconda parte di quella prima affermazione, e restava,
nuda terribile la sentenza di Salomone:

    Vanità delle vanità e tutto vanità.

Nè paia strano che il Leopardi attingesse da libri cristiani o
religiosi la sua sconsolata filosofia. Lo osservò il Gioberti: «quando
lo scrittore deplora la nullità di ogni bene creato in particolare,

    E l'infinita vanità del tutto,

non fa se non ripetere le divine parole dell'Ecclesiaste e
dell'Imitazione». E, non so se dietro lui, la Teia scriveva: «Quale è
il pensiero dominante negli scoraggiamenti, nei disgusti del figliuol
di Monaldo? L'infinita vanità del tutto. E non è questo il mesto gemito
di Salomone già da tanti secoli? _Vanitas vanitatum_». Egli tutta la
sua vita impiegò in commentare, ampliare, provare ciò che quei libri
affermavano seccamente e solennemente. Ma ne aveva tolto già una
paroletta di tre lettere, senza la quale quei libri divenivano vangeli
di dolore: =Dio=.

Alle tante vanità proclamate nei libri sacri e più, il grande
pessimista ne aggiunse una: una sola!


VIII.

Dal cristianesimo egli certo prese un suo paragone che riassume il
concetto ch'egli ha, della vita umana:

    Vecchierel bianco, infermo
    Mezzo vestito e scalzo,
    Con gravissimo fascio in su le spalle
    . . . . . . . . . . . . . . .
    Corre via, corre, anela,
    Varca torrenti e stagni,
    Cade, risorge...

Non è questo il cristiano, che a imitazione del divino maestro, deve
prendere la croce, cadendo sott'essa, risorgendo sempre con essa?
«Dalla tua mano ricevetti la croce, la porterò e la porterò sino alla
morte, così come m'imponesti». Quella del vecchierello non è una croce
ma un fascio. Il poeta dissimula, il poeta sdegna l'immagine vera, che
certo gli si era affacciata alla mente, ma è quella. Il Petrarca ha
dato qualche colore e non altro: che il fanciullo antico si è ridestato
nel giovane trentenne e ha parlato col suo linguaggio d'allora. Solo in
fine, in vece della gloria e della felicità ultima, è un

    Abisso orrido, immenso
    Ov'ei precipitando il tutto oblia.

Un altro paragone è in lui che compendia la sua filosofia. Il paragone
del letto. Ognuno ricorda sì questo del Leopardi, sì l'altro del
Manzoni; i quali furono ingegnosamente paragonati tra loro da un terzo
valentuomo. Il Manzoni e il Leopardi si assomigliano molto in quello in
cui differiscono: sono due convertiti; ma l'uno a rovescio dell'altro.
Il loro piccolo sunto di filosofia sembra ritratto e ricorretto di
su un modello comune. Che non è di Dante, di Dante proprio, nè del
Petrarca, nè d'altri, sebbene vi si trovi. È del cardinale Melchiorre
di Polignac nel suo poema postumo _Anti-Lucretius_. Il poema fu
tradotto due volte in versi italiani; e tutte e due le traduzioni, una
col testo a fronte, si trovano nella biblioteca dei conti Leopardi. Il
paragone del cardinale arcade è questo: «Come un malato si avvoltola
nel letto con le membra inferme, ora adagiandosi sul lato sinistro, ora
sul destro: e non giova: di che alza gli occhi, resupino: e non trova
il sonno e sempre lo cerca; ciò che prima gli piaceva, poi lo tormenta
e tortura; e non guarisce il suo male e nemmeno ne inganna la noia». Si
vede che dai tre versi di Dante «simigliante a quella inferma Che non
può trovar posa in sulle piume Ma con dar volta suo dolore scherma», si
sono svolti alcuni particolari, che poi si ritrovano nel Manzoni e nel
Leopardi.

Dice per esempio il Polignac: «_quod illi Primum in deliciis fuerat_»;
dice il Manzoni «e si figura che ci si deve star benone». Dice il
Polignac: «_Ceu lectum peragrat... In latus alternis laevum dextrumque
recumbens: Nec iuvat... Nusquam inventa quies; semper quaesita_»; e
il Leopardi «comincia a rivolgersi sull'uno e sull'altro fianco...
sempre sperando di poter prendere alla fine un poco di sonno... senza
essersi mai riposato, si leva». Ma si può opporre che tutto era già
in Dante o prima di lui in Giobbe, e che non c'è bisogno di credere
che il Leopardi e il Manzoni vedessero il Polignac. Or bene: nella
prefazione dell'_Anti-Lucretius_, si racconta che il Cardinale, malato
a morte, non trovando pace nel suo letto di dolore, si ricordò di quei
suoi versi «nei quali paragona l'anima che ammalata e agitata dalla
passione delle cose terrene non trova mai pace, a un corpo infermo». Si
ricordò di quei versi e ripetè quel suo pensiero in alcuni altri versi
bellissimi, cui gli astanti, nel loro dolore, dimenticarono tutti fuori
di uno;

    _Quaesivit strato requiem ingemuitque negata._

verso imitato dal Virgiliano:

    _Quaesivit caelo lucem ingemuitque reperta._

Questo racconto è tale, che i due nostri grandi scrittori doveva
fermare, invogliare e commuovere. Il Polignac morendo applicava, in
certo modo, il suo paragone non più all'anima insaziata dell'epicureo,
ma alla vita umana. E la reminiscenza di Virgilio colpì particolarmente
il Leopardi. Si direbbe che, sulla fine della lugubre comparazione,
egli lasciasse il Polignac per Virgilio. Non c'è in lui quel gemito
che chiude così tristamente la lotta; ma l'uomo, per lui, muore, come
Elissa, quando vede la luce: la luce, ossia la morte. «Venuta l'ora,
senza essersi mai riposato, si leva». Qual ora? L'ora del mattino,
poichè ha durato a rivolgersi, «sempre sperando (_spem elusam_, ha
il Polignac) tutta la notte». Con l'aurora la morte, disse il mantis
a Leonida. Ma possiamo noi esser certi che il Leopardi conoscesse
quel poema? Certo egli l'aveva nella biblioteca; e si può supporre
facilmente che egli ammiratore di Lucrezio (che negli _Errori Popolari_
è citato spessissimo) dovesse sin da fanciullo, quando la mente è di
cera, leggere l'Anti-Lucrezio. Il padre non doveva lasciargli bere il
veleno senza propinargli il contraveleno. Così questo, si può dire,
lasciò nella sua anima più traccie di quello. Egli ricavò bensì dal
poeta Romano la descrizione dei primi momenti della vita dell'uomo,
quando «La madre e il genitore Il prende a consolar dell'esser nato»;
ma quanto più ha ricavato dal poeta franco-gallo! «Che ha a far teco
la Natura? Matrigna certo, non madre la dirai, e invano la chiamerai,
molto gemendo». Non aveva egli con queste parole appreso, fin da
fanciullo, forse, a maledire la natura? Non discendono da queste parole
i suoi rimproveri, tante volte poi ripetuti e in tante forme, a quella
che «dei mortali È madre in parto ed in voler matrigna»? «O natura, o
natura, perchè non rendi poi Quel che prometti allor? perchè di tanto
inganni i figli tuoi?». In questo libretto, forse, egli apprese a
disprezzare la felicità umana: «Appena le hai ottenute, le prendi a
noia, cercando sempre in cose nuove ciò stesso che ti deluse quando
lo provasti, e ti lasciò avido e desideroso di meglio». Da questo
libretto forse egli apprese il presentimento di quel vano pentirsi, di
quel volgersi indietro, quando la vecchiezza abbia inaridito le fonti
del piacere, e siano «le pene Sempre maggiori e non più dato il bene».
Trovava egli infatti qua e là nel savio e pio libro: «Ti staranno
avanti gli occhi le gioie della vita trascorse e ti trafiggeranno il
memore cuore, come saette. Reo di lesa voluttà quegli che a sè fiero
nemico si astenne dall'amore e dal vino, seguendo più gravi consigli».
E il Leopardi scrisse:

    A me se di vecchiezza
    La detestata soglia
    Evitar non impetro,
    Quando muti questi occhi all'altrui core
    E lor fia voto il mondo, e il dì futuro
    Del dì presente più noioso e tetro,
    Che parrà di tal voglia?
    Che di quest'anni miei? che di me stesso?
    Ahi pentirommi, e spesso,
    Ma sconsolato, volgerommi indietro.

Nel libro declamatorio e, diciamolo, pedantesco egli notò forse prima
che in Giovanni le lugubri parole: «Tu segui, invece della luce, dolci
tenebre. Già, ti piacciono; la morte ti piace!» Potrei fare altre
citazioni; potrebbe, chi volesse, trovare altri raffronti, sfuggiti
a me. S'intende che il Pastore errante dell'Asia e il Gallo silvestre
cantano con ben altra dolcezza e altezza! Ma qualche loro lugubre nota
risonò nell'anima del poeta dalla lettura destinata forse dal padre a
premunirlo o guarirlo. Sono, per esempio, al bel principio del libro
V alcuni versi, che dovettero fermarsi nella mente del giovinetto
lettore, per poi più tardi ridestarsi e riecheggiare: «non sei simile a
quelli cui, dopo aver fatti dolci sogni, è in uggia veder la luce del
giorno quando... l'Aurora... li sveglia mal loro grado e dissipa le
ombre soavi. Chè l'errore piace più e sogliono sospirare trovando la
luce, per la quale ritornano le noie del Vero». Pensate come comincia
il suo cantico il Gallo silvestre: «Su, mortali, destatevi. Il dì
rinasce: torna la verità in su la terra e partonsene le imagini vane.
Sorgete, ripigliatevi la soma della vita; riducetevi dal mondo falso
nel vero».

Dunque il cardinale di Polignac è un ispiratore del Leopardi? In vero
questi vuol dimostrare, nel primo libro e altrove, che la felicità
umana è nulla e falsa senza e fuori di Dio. E le argomentazioni sue
s'impressero nel fanciullo credente. Poi Dio gli tramontò dall'anima...
e allora, «all'apparir del vero» la Speranza cadde e mostrava a lui «La
fredda morte ed una tomba ignuda», ignuda, senza la felicità infinita
ma postuma, che sola è, se è.

E intanto il Manzoni, sulla fine del suo Romanzo tirava «un po' cogli
argani» una morale nuova dal vecchio paragone, di cui non poteva
disconoscere la giustezza, e concludeva «E per questo si dovrebbe
pensare più a far bene che a star bene, e così si finirebbe a star
meglio».


IX.

Queste cose io ripensavo aggirandomi per i luoghi dove Giacomo Leopardi
soffrì più che non visse, e meditò che la vita è dolore. Il sole era
veramente dileguato, gli uccelli si erano taciuti, pace avevano infine
le nuvole, i monti di Macerata spiccavano appena nell'azzurro, la valle
del Potenza era bruna e silenziosa. Appena appena gli ulivi facevano
sentire qualche brivido secco, e un cipresso nereggiava sul colle dello
«Infinito». E io imaginai il Poeta, ancora giovinetto, seduto ancora
dietro la siepe: un fanciullo macilento, dal viso pallido e senile, coi
capelli neri e gli occhi azzurri. Erano i primi anni del secolo, e a
me pareva che quel fanciullo che si rifiutava di guardare così bello
e lontano accavallamento di monti, la valle e il fiume, e si faceva
riparo d'una siepe di sterpi per veder più lungi, in una lontananza
senza fine, rappresentasse la coscienza umana di quei primi anni. Un
soffio di vento che muove appena le foglie è la voce del presente,
della vita. Che è essa rispetto all'infinito silenzio? Un canto
d'artigiano che passa, ecco il suono dei popoli antichi, ecco il grido
degli avi famosi:

    Tutto è pace e silenzio, e tutto posa
    Il mondo, e più di lor non si ragiona.

Così meditava dopo il grande fragorìo della rivoluzione e dell'impero
il giovinetto smunto, dal viso senile, in questo borgo solitario. Egli
era ben disilluso degli sforzi umani per raggiungere l'inafferrabile
felicità, e non credeva nel progresso e non credeva nella scienza.
Altri, presi dal medesimo sconforto, nei medesimi tempi, si volgeva
a Dio: egli non credeva nemmeno a Dio. E tutta la vita egli rivolse
all'Ignoto interrogazioni, le quali sapeva dover restare senza
risposta.

E il fanciullo senile è ancora là, sente stormire le foglie e naufraga
nel mare dell'Infinito. O siede, in forma di pastore, su un sasso della
prateria, guardando la luna (appunto la luna falcata si mostrava su
Monte Lupone) e chiedendo:

              Che vuol dir questa
    Solitudine immensa? ed io che sono?

Sì: la coscienza umana chiede ancora quello che chiedeva allora.
Dobbiamo credere che ciò sia un sintomo di malattia o degenerazione? O
dobbiamo credere che sia naturale del pastore in tal modo affannarsi,
come della sua greggia il posare? Non so: certo io rammento che
qualunque sia la risposta che noi ci sentiremo dare, ella ci consiglia
il bene. Che il fare bene non è solo la conclusione ultima della
filosofia cristiana del Manzoni, ma anche di quella sconsolata del
Leopardi. Poichè questi dopo avere mostrata la vanità del tutto, a
parte a parte, della gloria, della libertà, del progresso, della vita;
ha la visione dell'umanità futura, stretta insieme e ordinata, «negli
alterni perigli e nelle angosce della guerra comune».

Il poeta del dolore conclude adunque, non troppo diversamente dal poeta
della speranza, così: noi stiamo tutti male: aiutiamoci dunque tra noi
infelici, difendiamoci, amiamoci.

Non diversa la conclusione, come non dissimili le premesse. Perchè?
Elle furono poste, ripeto, da tutti e due in quei primi anni del
secolo, durante e dopo quel tanto «affaticare» che parve non fosse
giovato a nulla. Parve al Leopardi nella sua fanciullezza, e seguitò
a parer dopo, perchè in lui la fanciullezza fu tutta la vita. E per
ciò egli è il poeta a noi più caro, e più poeta e più poetico, perchè
è il più fanciullo; sto per dire l'unico fanciullo che abbia l'Italia
nel canone della sua poesia. O mesta voce di fanciullo, ineffabilmente
mesta, quando anche si volgeva a Gesù! La dolce fede divina già
non gl'impediva, nel suo tempo felice, nel suo sabato, di credere
all'immedicabile infelicità umana; come il mancare poi di essa fede non
gli impedì di credere al grande ma unico e non solito, ahimè, nè facile
conforto: allo amore!



LA GINESTRA


Imaginiamo d'essere trasportati al 1835, e di conoscere di Giacomo
Leopardi quello che allora il pubblico poteva conoscerne, cioè quanto
ne abbiamo fin ora[32] alle stampe, meno il Tramonto e la Ginestra.
Leggiamo l'ultima delle operette morali: il dialogo di Tristano e un
amico. Già il dialogo è alla sua fine. Dice Tristano: «Se ottengo la
morte, morrò così tranquillo e così contento come se mai null'altro
avessi sperato nè desiderato al mondo. Questo è il solo benefizio che
può riconciliarmi al destino...».

L'_amico_ tace. Egli sente sopra il capo senile del giovane poco più
che settilustre il ventilare delle ali della _bellissima fanciulla_.
La fronte dell'aspettante è eretta, il suo cuore ha gettato da sè
_ogni vana speranza_. La fanciulla che sottoporrà dopo due anni il suo
virgineo seno a quel volto esile e smunto, la fanciulla non ha per mano
il suo gemello, ch'ella gode

    accompagnar sovente;
    e sorvolano insiem la via mortale.

Tristano continua e conclude «Se mi fosse proposta da un lato la
fortuna e la fama di Cesare e di Alessandro netta da ogni macchia,
dall'altro di morir oggi, e che dovessi scegliere, io direi, morir
oggi, e non vorrei tempo a risolvermi».

L'_amico_ tace. Ma ogni lettore di Giacomo Leopardi si sente a questo
punto di prendere le parti di quel freddo personaggio di giudizio,
e parlare al poeta. Io voglio parlare per lui. Il poeta è presente
nell'opera sua, _usque recens_. Voglio parlare al poeta, e dirgli:


I.

— O Tristano, o tetro amante della morte, sei tu davvero così _morto
spiritualmente_ come affermi? è vero proprio che in cotesto desiderio
di morte, non ti turbano più, come solevano, la ricordanza dei sogni
della prima età e il pensiero d'essere vissuto invano?

Altra volta ciò ti parve, o Tristano, e il cuore ti parve perduto e
morto, incapace di provare pure il dolore. Quella volta non potevi
nemmeno più piangere la sparizione degl'inganni primi, dei _dolci
inganni_, delle _vaghe immagini_. La tua vita era un deserto allora,
come ora. La dicevi allora _spogliata, esanime_. Mancavano allora

                all'anima
    alta, gentile e pura,
    la sorte, la natura,
    il mondo e la beltà;

sapevi che l'infelicità umana era immedicabile, che la natura era
sorda e nemica, che gli uomini non ti volevano e potevano dare nè la
gloria nè la pietà, e che vano, in ultimo, vano era anche l'amore.
Nè ti ricredesti, so bene, ma il tuo cuore riacquistò la potenza di
rimpiangerlo, quel _beato errore_; e il _dolore_, secondo una tua
parola di grande virtù nelle nostre anime, _ti venne a consolare_. E da
quel rimpianto noi avemmo nova gioia di canti; gioia: perchè il dolore
del poeta è di così mirabile natura che anche quando il suono ne è
triste, l'eco ne è dolce.

E ora? Aggiungi che ora, o Tristano, si appressa il momento che tu
dormirai per sempre. E noi vogliamo la tua ultima parola. E sappiamo
che questa, che hai pronunziata or ora, non è per essere utile, come
certo non è dolce ai tuoi fratelli. Ma dei poeti grandi come sei tu, è
somiglianza col frumento della terra, che solo dopo battuto e franto,
dà il pane di vita. Dà a noi, o poeta, che abbastanza, credo io, sei
stato battuto e franto dalla natura e dagli uomini, dà ora a noi il
pane di vita, il supremo ammonimento del tuo dolore. Ma sarà possibile?
Tu sei morto _spiritualmente_, dici.


II.

Vediamo. La gloria non ti sorride dunque più? Eppure, a me pare che
questo sogno di fanciullo ti debba rimanere. Da fanciullo, meno che
ventenne, professavi: «Io ho grandissimo, forse smoderato e insolente,
desiderio di gloria». Certo poi, sett'anni dopo, la gloria che sola
t'era concesso di cogliere, quella «a cui si viene talora colla
sapienza e cogli studi delle buone dottrine e delle buone lettere»,
ti parve tale da essere tenuta «in piccolo conto per comparazione
alle altre», e ti parve che fosse ben difficile a conseguire tra i
viventi, e non senza compenso di fastidi e dolori, e pur difficile a
ottenere e conservare tra i posteri e senza tuttavia alcun frutto di
felicità. Ti parve che ella portasse a' suoi cultori il destino «di
condurre una vita simile alla morte, e vivere, se pur l'ottengono, dopo
sepolti». Ironia! E dopo ancora t'accorgesti che il _tristo secolo_ non
apprezzava ingegno e virtù, e che pur quest'inutile gloria mancava _ai
degni studi_. Non ostante mi parrebbe che ora tu dovessi sentire nella
pallida fronte la ventata dell'avvenire: il soffio che viene dall'isola
lontana la quale interrompe l'infinito mare della morte.

No. Se ti si offrisse invece di questa gloria inferiore, che viene
dallo scrivere, quella maggiore che nasce dal fare, e ti si offrisse
in sommo grado e senza alcuna macchia, e ti si desse a scegliere tra
quella e la morte, tu sceglieresti la morte. La gloria è vanità.


III.

Ma in vero c'è qualche cosa di meglio. Tu dicesti, quattr'anni sono:
«Io non ho bisogno di stima, nè di gloria, nè d'altre cose simili, ma
ho bisogno d'amore!» E per il tuo cuore basterebbe, credo, anche quello
che tu, così vivamente, chiamasti «amor di sogno», simile a quelle
meteore spirituali che scoppiano nel silenzio del sonno, e lasciano,
al risveglio, l'anima rinverdita e rinnovata come dal refrigerio d'una
tempesta. Al tuo cuore basterebbe dell'amore il lampo, che da lontano
esso, nuvola temporalesca e fecondatrice della nostra vita, manda,
quel lampo che è illusione, o quell'ombra che getta pur da lontano,
trascorrendo via, quell'ombra che è dolore. Ti basterebbe ripensare,
con un risveglio di palpiti, quella _cara beltà_ che ti appariva,
quand'eri poco più che fanciullo, ti appariva, ma sempre lontana e
_nascondendo il viso_; ti basterebbe sperare che, quando puro spirito
movessi per vie inusitate ad ignoto soggiorno, ella ti si facesse
incontro, viva, e venisse con te compagna. Ti basterebbe risentire
l'_affetto acerbo e sconsolato_ nel ricordare il suono della voce e il
rumorio del telaio di Silvia; ti basterebbe riprovare i palpiti della
_rimembranza acerba_, rivedendo la finestra deserta, nei cui vetri
si riflettono le stelle, e donde già ti parlava Nerina! O vorresti
ritornare alla ancor recente primavera di Firenze, quando tra i novelli
fiori ti apparve _novo ciel, nova terra?_ ti apparve l'allettatrice,
vestita di viola,

              inchino il fianco
    sovra nitide pelli e circonfusa
    d'arcana voluttà?

E nella tua mente dileguarono tutti gli altri pensieri e solo
quel pensiero d'amore vi stette come una torre, e quel pensiero vi
verdeggiò come un'oasi, e quel pensiero vi dominò come un incantesimo
meraviglioso che t'inalzava a un'immensità nova! Sogno, sì, anche quel
dolce pensiero, ma di natura divina:

        perchè sì viva e forte
    che incontro al ver tenacemente dura,
    e spesso al ver s'adegua,
    nè si dilegua pria, che in grembo a morte.

Solo con quel pensiero la vita poteva vincere in gentilezza la morte...
sebbene quanta, per quello, era pur la gentilezza del morire! Ecco la
morte prendere la figura della donna apparsa nella prigione a Socrate,
e le ali dell'angelo, e il seno del Redentore in cui volentieri
si riposa. Tutto ciò che di più grande, di più alto, di più santo,
imaginarono, sognarono, soprasentirono gli uomini, tu lo richiamasti
al tuo pensiero, per adornarne la sorvolatrice della nostra via, la
compagna dell'amore. Oh! tu la desiderasti sempre la bella morte, sin
dal cominciar degli anni, quando contemplavi la fontana, con gli occhi
pensosi della fine; ma il tuo desiderio si mescolava poi al pianto
amaro. Ora no: il desiderio nasceva _languido e stanco_ insieme con
l'effetto d'amore, ed era gran parte della soavità di quello. Ma anche
cotesta dolciura dell'anima passò: sottentrò la notte senza stelle,
invernale. Era un inganno e tu ti accorgesti con ira dell'errore e
dello scambio. Aspasia era una figlia della tua mente...

Anche l'amore, vanità!


IV.

Ma ti restavano con la loro infinita bellezza la terra e il cielo. Non
ricordi, Tristano, gli occasi del tuo borgo, fiammeggianti dietro monti
lontani, e la siepe dell'_ermo colle_, e la luna pendente su esso, e
la pioggerella mattutina che picchiava alla tua villetta, e le stelle
dell'Orsa scintillanti sul giardino, e le lucciole erranti per le
siepi, e lo schiarirsi del cielo dopo la tempesta, e il suo incupirsi
dopo il crepuscolo, e il ritornare sotto la luna le ombre sparite allo
sparire del sole? Non ricordi i gorgheggi dell'usignolo nell'ozio dei
campi; e il canto del passero solitario dalla torre: il canto che erra
in disparte nella valle, mentre nel borgo è il rombare delle campane
e il crepitare dei mortaretti; e il cadenzato gracidìo delle rane
e lo stormire dei cipressi e i silenzi altissimi dei meriggi, e il
cantarellare di donna che sfaccenda nella casa serrata, e la canzone
che nella notte del dì di festa muore a poco a poco lontanando per i
sentieri, e i tocchi della campana che veniva a farti compagnia nelle
notti di veglia e di paura? Ricordi, certo. Ma ora giaci sull'erba,
neghittoso e immobile; guardi il mare, la terra e il cielo; e sorridi
d'un sorriso amaro.

Vanità anche quest'infinite bellezze.


V.

Non c'è che la morte.

Ed anche la morte non è più la bellissima fanciulla alata che ti
apparve in quella scossa d'amore. La donna che sognò Socrate, era
ammantata di bianco. Ora tu la dici velata di neri panni, cinta d'ombra
trista. Ella ti conduce a Ftia zollosa, al porto; ma il porto tu lo
dici più spaventoso d'ogni tempesta.

E poi, se chi muore può dirsi libero del peso della vita e si ha da
considerare avventurato, che ne è di chi resta? di chi rimane senza sè
stesso, e si vede portar via

              la diletta persona
    con chi passata avrà molti anni insieme,
    e dice a quella addio, senz'altra speme
    di riscontrarla ancora
    per la mondana via!

E quella è diventata polvere e scheletro, ossa e fango, fango e
ossa: vista vituperosa e terribile da nascondersi agli occhi di chi
pur l'amò. Tu dicevi che agli uomini non era stato dato di bello che
l'amore e la morte. L'amore era un inganno, l'estremo inganno. Perì.
Nè speranza più, nè desiderio. Non restava che il morire, dunque. Tu
dicevi:

        al gener nostro il fato
    non donò che il morire.

Ora anche il morire è infelice e la natura anche in questo è crudele.
Tu non lo sapevi poco fa, quando pur suggerivi al tuo cuore stanco:

                Omai disprezza
    te, la natura, il brutto
    poter che, ascoso, a comun danno impera,
    e l'infinita vanità del tutto.


VI.

Del tutto! E la tua patria italiana, o Tristano, la tua patria, per la
quale _ardevi d'amore, ringraziando il cielo d'averti fatto italiano_,
quella a cui ventenne, nel compiere anzi il ventesimo anno, dicevi con
voce di delirio: «O patria, o patria mia: non posso spargere il sangue
per te, che non esisti più»; quella a cui, nella tua veemente canzone,
auguravi la gloria e il ferro, a cui consacravi il tuo sangue, che
doveva essere _foco agl'italici petti_; quella tua patria che intanto
ha cautamente, lentamente, alzata la faccia di tra le ginocchia, e s'è
guardata attorno, e s'è provata di alzarsi su' due piedi, e s'è alzata,
e già fa tintinnire le catene di cui è avvinta? Più tardi dicevi che
dalle donne non poco aspettava la patria, e volevi la nuova stirpe
amante del pericolo e della virtù, della sudata virtù; e, con una
penetrazione dell'avvenire meravigliosa in un giovine conte dello stato
pontificio, cresciuto nell'ombra della biblioteca e della chiesa, sotto
lo sguardo d'un uomo ligio al governo clericale e nemicissimo d'ogni
novità, volevi educazione forte, e armi.

E ora dunque, o Tristano? Leggo in una tua lettera: «Sapete che io
abbomino la politica, perchè credo, anzi vedo che gli individui sono
infelici sotto ogni forma di governo, colpa della natura che ha fatto
gli uomini all'infelicità».

Ad Aspasia scrivevi così. Eppure in altri tempi dalla considerazione
dell'infelicità umana traevi ben altre conclusioni. Dicevi che, poichè
la nostra vita non vale se non a spregiarla, poichè è beata solo
nell'oblio di sè stessa tra i pericoli mortali e nella gioia d'essersi
da quelli poi sottratta, il forte non poteva far cosa più a sè utile,
oltre che bella, che cimentare quella vita per la patria.

Come la conclusione oggi è così diversa? Perchè quel sogghigno di
malaugurio nel vedere

    le barbe ondeggiar lunghe due spanne;

nell'udire, la setta sorta tra i topi ragionar con forza e leggiadria

    d'amor patrio, d'onor, di libertade?

Non fuggiranno già sempre i topi congiurati! Nè sempre, già allora,
erano fuggiti, avanti i granchi! E s'avvicina il tempo in cui
apprenderanno a resistere e ad assalire, a morire e a vincere; e molte
nobili teste, con le barbe o no, o Tristano, saranno strette dal laccio
o recise dalla scure. Sta per fluire, o Tristano, il sangue generoso, a
fiotti, il sangue che sarà fuoco, fuoco inestinguibile, che ridurrà in
cenere il passato di schiavitù e abbiezione, che pur hai detestato con
la parola giovanile!

Vanità, vanità: dice il tuo cuore, stanco.


VII.

Vanità i severi economici studi, vanità ogni speranza di miglioramento
sociale. Tu ridevi, scrivendo ad Aspasia, della felicità delle masse,
perchè, aggiungevi: «il mio piccolo cervello non concepisce una massa
_felice_, composta d'individui _non felici_». Tu aggiungevi ancora: «I
miei amici si scandalizzano; ed essi hanno ragione di cercare gloria
e di beneficare gli uomini; ma io che non presumo di beneficare, e che
non aspiro alla gloria, non ho torto di passare la mia giornata disteso
su un sofà, senza battere una palpebra». E tu confermi queste terribili
parole col tuo presente ragionamento e coi gelidi amarissimi versi
al candido Gino. Felicità comune? vanità! Scienza? vanità! Progresso?
vanità! Anche la poesia, che non può essere utile, che non può cantare

                                i bisogni
    del secol nostro e la matura speme,

anche la poesia è dunque vanità.

Tristano! Eppure io non sono come gli altri amici tuoi che si
_scandalizzano_.

Io so il perchè.

E io so che, per grande poeta che tu sia, il tuo tempo non è ancora
venuto. Tu non sei il vate delle ardenti rivoluzioni nazionali; tu non
sei il profeta delle cupe secessioni sociali. Riconquistati i confini
delle patrie, ricostituiti i diritti delle classi, verrà il tuo evo.
Perchè in vero tu contempli il genere umano da così sublime vetta
di pensiero e dolore, che non puoi scoprire, da così lungi e da così
alto, tra gli uomini, differenza di condizioni, di parti, di popolo, di
razza.

È un formicolìo di piccoli esseri uguali: e se n'alza un murmure
confuso di pianto.


VIII.

O Tristano! Tristano! E tu dunque avrai avuto per tua parte il cuore
così nobile, l'intelletto così alto, e così singolare di sventura
il destino, senza utile nostro, di noi, che siamo tuoi fratelli in
dolore? Abbomini la politica, ridi della felicità delle masse: _colpa
della natura_, ripeti. Non c'è dunque nulla da fare? Non c'è più che
da _guardare stupidamente in viso questa ridicola esistenza?_ Vano
cercare, come la panacea, così il farmaco che faccia obliare, sia
pure per brevi momenti, il dolore e l'ira? che li attenui almeno?
Sei tu davvero, ripeto, così morto spiritualmente? Sei tu già
davvero di là, e come l'Aiace omerico, insensibili alle dolci parole,
silenzioso e irato, te ne andrai «tra le altre anime verso l'Erebo dei
morti»? —

Questo io imagino si potesse dire al poeta di Recanati, quando de' suoi
canti erano noti quelli dell'edizione del 1835, insieme con le operette
morali. Dopo quell'anno egli fu sulla terra altri due anni appena. Non
avrebbe dunque risposto all'interrogatore?

Rispose.

Dopo la sua morte, ott'anni dopo, comparvero altre due poesie di lui:
il Tramonto della luna e la Ginestra. Fu come se il poeta del dolore e
della morte parlasse d'oltre tomba. E in vero sono due canti che hanno
della tomba la risonanza solenne, l'efficacia persuasiva. Sembrano due
supreme testimonianze.

Egli lontano, per così dire, tra una luce pallida, cui sottentrò il
buio eterno. Il paese illuminato dalla luna, già al confine del cielo,
era ridente, variato di vaghe ombre. Ma la luna tramontò. Tutto divenne
oscuro.

Risuona un canto mesto di saluto all'ultimo raggio. Il viatore è
rimasto senza più guida. Così nella vita umana, quando è finita la
giovinezza. Gl'inganni, i dolci errori, le speranze che si appuntano in
un remoto avvenire, rientrano nell'oscurità. La quale oscurità non sarà
mai vinta dall'aurora. Ancora un po' di notte, poi la tomba. Quali sono
quelle _lontane speranze?_ quale l'_altra luce_ e l'_altra aurora_ che
è vano sperare dopo il tramonto della giovinezza?

Si allude, forse, a ciò che nell'Amore e Morte già disse:

    Ogni vana speranza onde consola
    sè _coi fanciulli_ il mondo,
    ogni conforto stolto.

Il canto che salutava

    con mesta melodia
    l'estremo albor della fuggente luce,

è un canto di disperazione. D'oltre tomba il Poeta sembra reiterare le
lugubri parole: «Vanità! vanità! Nella vita umana non c'è di buono che
la giovinezza, ed anche in essa il bene non è che l'aspettazione del
bene o la interruzione del male. Sparita la giovinezza, in cui non sono
pur se non _ombre e sembianze_ al lume della luna, non aspettatevi, o
uomini, che sorga l'alba _dall'altra parte_.

Ombra, inganno, sogno, o uomini, la vostra speranza di rivivere
morendo! La morte è».


IX.

Ma non quella fu l'ultima voce del poeta. Il Poeta, lontanando tra
la luce pallida della luna occidente, accennò a una ginestra. Ad
essa parlò nella tenebra che cresceva e in cui correva un bagliore
d'incendio. Le parole che egli indirizzò agli umili steli, sono pur
tristi; ma quegli steli hanno un fiore. Come nel Tramonto della luna,
tra lo sparir delle ombre, nell'ombra unica e totale e sempiterna,
s'inalza quel mesto canto del carrettiere, dalla sua via (dalla via
umana, dalla vita); così nell'ultimo lugubre poema, tra una che io
direi desolata macerie di pensieri e di imagini sinistre, spicca quel
fiore col suo profumo che _il deserto consola_.

C'è dunque nel deserto della filosofia Leopardiana un _fiore gentile_
che manda il suo profumo d'odore dolcissimo

                              quasi
    i danni altrui commiserando, al cielo.

Oh! quali danni! Ecco un deserto di lava e di cenere, ecco al ricordo
una silenziosa campagna memore d'un impero perduto, ecco su noi un
cielo notturno gremito di stelle, ecco sotto noi una terra che ha
nel suo seno città sepolte: vediamo uno scheletro di città messo
all'aperto, una fiamma che guizza tra le rovine come una fiaccola
misteriosa che si aggiri in un palazzo vuoto. Su tutto domina il
simbolo della distruzione: il monte sterminatore. E si hanno un volo e
una caduta di una terribilità vertiginosa. Sopra il monte ardente, il
cielo stellato. Guardate quelle stelle, poi quella nebbia di stelle,
concepitene la grandezza. Ecco, il monte è sparito, la terra non è che
un granello di sabbia. Un pomo cade dall'albero, senza sforzo, per la
sua maturità. Questo piccolo tonfo vuol dire la rovina d'un popolo di
formiche. I boati profondi del Vesevo sterminatore non sono nemmeno
comparabili a quel lieve tonfo d'un pomo marcio che si schiaccia a
terra. Noi inabissiamo in pensiero, come ci accade talora in sogno,
quando ci abbandona a un tratto il peso.

Nessun commento potrebbe farsi più espressivo alla massima funerea

                       da Natura
    altro negli atti suoi
    che nostro male e nostro ben si cura!


X.

Il poeta mette gli uomini tra la tenebra, _tò scótos_ e la luce, _tò
phôs_. Essi hanno preferito _tò scótos_.

«E gli uomini amarono meglio la tenebra che la luce». Quale è la luce?
la sinistra fiaccola che gira nel palazzo vuoto? il baglior della lava?
Certo è la verità, e la verità discopre, per il Leopardi, la rovina e
la morte, la morte totale ed eterna; come quel bagliore,

    che di lontan per l'ombre
    rosseggia e i lochi intorno intorno tinge,

non rivela che macerie, nell'orrore della notte, e vacui teatri e
templi deformi e rotte case, uno scheletro di città; rivela che tutto
è in balia del caso, che non esiste legge di progresso, che aspra è la
nostra sorte e depresso il loco, e tutto passa e tutto muore.

La vita umana è un deserto su cui domina la minaccia eterna dello
sterminio. Questo è _tò phôs_. Ma l'uomo alla luce rivolge il tergo
vigliaccamente; gli piace d'illudersi, sogna progresso, libertà,
civiltà, grandezza, provvidenza, eternità. Superbe fole! che già
cominciate a distruggere, tornano ora a rifiorire. L'uomo ha paura
della morte e pargoleggiando si dà a credere di essere immortale.
Questo dice l'ultima voce del poeta; e fin qui si può dire che
si ripeta. Si può anzi domandargli: — E perchè invidiare la soave
illusione a' tuoi simili, o Tristano? Perchè chiamare, in certo modo,
vigliacco il povero bambino che teme del buio? che utile c'è nel
confermargli la sua paura? nello accrescergliela? Egli è adunque al
buio, il povero bambino, ma pensa: Di là c'è mamma che ha il lume
acceso o lo accenderà a una mia chiamata. No: tu suggerisci al suo
cuore: no, no: non è tua madre, e non è là col lume acceso o da
accendersi a un tuo lamento: è la matrigna, matrigna in volere se
anche madre in parto; ed è uscita, perchè non si cura di tuo bene o
di tuo male, e pensa a tutt'altro. Trema, piangi e dispera: il buio è
infinito. L'alba non verrà mai. Quando canterà il gallo, tu ti leverai
per adagiarti nella sepoltura.

O poeta, è questa l'ultima tua parola? —


XI.

Ricordiamo una sua frase: «che i miei principii sieno tutti negativi,
io non me ne avveggo». Si sbagliava? Sarebbe inverosimile. Egli sentiva
che dalla sua filosofia negativa scendeva una grande affermazione.
L'affermazione che egli stupiva non balenasse ai lettori delle sue
sconsolate prose e poesie, egli la esprime qui, nel suo poema lugubre e
ultimo. Egli dice che la morale risultante dalle credenze religiose non
è efficace:

                           superbe fole
    ove fondata probità del volgo
    così star suole in piede
    quale star può quel ch'ha in error la sede.

L'aveva già detto nel dialogo di Plotino e Porfirio, questo, adombrando
nelle credenze di Platone, altre a lui care nella sua fanciullezza.
Egli aveva detto che «quei dubbi e quelle credenze (circa lo stato
nostro dopo morte) spaventano tutti gli uomini in sulle ore estreme,
quando essi non sono atti a nuocere», e spaventano i buoni e i timidi,
non gli altri. Egli aveva detto che non tali sospetti di pene e di
calamità future, ma «le buone leggi, e più la educazione buona, e la
cultura dei costumi e delle menti, conservano nella società degli
uomini la giustizia e la mansuetudine». Egli aveva negato insomma
che dalle credenze religiose derivasse alcun frutto di virtù per gli
uomini, affermando che non ne deriva se non una maggiore infelicità per
quelli che trovando insopportabile la vita, avessero voluto cambiarla
con la morte.

Troppo più egli dice nella Ginestra, nella quale riassume e compie,
e in parte, direi, corregge tutti i suoi principii sparsi nei canti
e nelle operette morali. Egli proclama che nella sua filosofia è un
principio sul quale può edificarsi un inconcusso sistema di morale; e
questo principio è la coscienza della nostra bassezza e fralezza.

Ecco la luce. E il poeta del dolore, il filosofo del nulla, parla ora
come un sacerdote: il sacerdote, per così dire, della irreligione.


XII.

Egli aveva detto: Uomini, felice la greggia che giace placidamente al
lume della luna! Essa non sa la sua miseria, non sa di dover morire.
Voi sì lo sapete, o mortali.

Egli aveva detto: «Laddove tutti gli altri animali muoiono senza timore
alcuno, la quiete e la sicurtà dell'animo sono escluse in perpetuo
dall'ultima ora dell'uomo».

Ora egli dice:

Il solo progresso umano possibile sta nel procedere della conoscenza
del vostro destino.

È l'orrore avanti la natura che vi minaccia continuamente, e ciecamente
vi affligge e stermina, che deve essere base, _radice_, della giustizia
e della pietà. E quest'orrore bisogna che non lo vinciate dando retta
ad ingannevoli promesse; voi lo dovete provare intero e assoluto.
Progredire la società umana non può che verso la verità, e la verità è
questa: la morte. Avanti dunque verso la morte!

Ma voi volete arretrare.

E io vi dico che dovete avanzare, dovete gettare le illusioni,
dovete acquistare la coscienza della vostra piccolezza, della vostra
solitudine, della vostra miseria, del vostro essere fortuito ed
effimero.

Perchè da cotesta coscienza verrà in voi lo appaciamento degli odi e
delle ire fraterne, _ancor più gravi_ d'ogni altro danno; verrà il vero
amore che vi farà finalmente abbracciare tra voi, porgendo _valida e
pronta ed aspettando aita negli alterni perigli e nelle angoscie della
guerra comune_.

Da cotesta coscienza verrà insomma la bontà, come dal deserto di lava e
di cenere spunta l'odorato fiore.


XIII.

E guardate le stelle. Pensate, che fu un tempo in cui esse erano
credute come appaiono, piccole, atomi di luce.

E la terra allora pareva grandissima al suo abitatore il quale credeva
_sè stesso dato signore e fine al tutto_.

Invece è la terra che è piccola, minima, un granello di sabbia. Credere
la terra grande e le stelle piccole; o credere, come sono, infinite
di numero e di grandezza le stelle e minima la terra: ecco le due
religioni, ecco lo _scòtos_ e il _phôs_, la tenebra e la luce.

Guardate il Vesevo sterminatore, il bagliore di lava fiammeggiante
nelle tenebre, la fiaccola che s'aggira in un palazzo vuoto, guardate
la morte.

Guardatela in faccia senza piegare codardamente il capo e senza
erigerlo orgogliosamente. Voi sentirete la necessità di essere in pace
coi vostri simili.

E non dite che sì, che tutti lo sanno di essere mortali, ma che ciò
nessuno ha trattenuto mai dal male.

Io vi dico che non basta saperlo, bisogna averne satura l'anima e non
avere nell'anima che questo.

Sanno anche, gli uomini, che le stelle sono grandi, o a dir meglio
se ne rimettono con ozioso assentimento ai dotti che lo affermano. Lo
sanno insomma, ma non lo pensano ancora. Verrà tempo che lo penseranno.

Giova sperarlo per il bene o per il meno male del genere umano;
giova sperare che gli uomini i quali cominciarono come la greggia
col non sapere di essere mortali e che poi dalla loro greggia si sono
distinti, si può dire, per questo solo sapere di essere mortali, ma
via via vigliaccamente hanno adombrata o nascosta questa conoscenza,
hanno cercato, infelici! di uccidere la morte e di frodare il destino;
si rimetteranno coraggiosamente nella loro via: nella via oscura,
solitaria, tutta rovina, tutta cenere infeconda, avanti cui guizza la
fiamma della morte, su cui splendono le stelle dell'infinito.

Infelici siete, infelici sarete; ma allora, i vostri compagni di via,
voi li amerete, o uomini mortali.


XIV.

Questo dice Giacomo Leopardi nel suo poema postumo. Che egli dica
il vero non voglio affermare nè negare. Ma consideriamo. Egli è un
precursore. Egli dopo la caduta dell'impero Napoleonico e prima d'ogni
moto italico, prorompeva nel suo fatidico grido:

    l'armi, qua l'armi!

preannunziando Vittorio Emanuele e Garibaldi. Ma andava anche più
lungi. Egli prima ancora che l'Italia si fosse cominciata a fare,
sentiva il rumore d'una marea lontana. Quella che noi ascoltiamo ora
con profondo terrore, con profonda tristezza, con profonda dubbiezza,
egli la sentiva allora.

L'Italia è fatta, e sui nostri capi passa il presentimento d'un
disastro; d'un disastro che sta per cogliere il genere umano; d'un
disastro contro il quale, aver fatta l'Italia è per noi come per
il contadino aver messo al coperto il grano avanti la minaccia d'un
temporale che porterà via la casa e tutto.

Egli lo provava sin d'allora questo medesimo presentimento, e gittava,
anche per questo, il suo grido fatidico: Non incolpate, o uomini gli
uomini delle vostre miserie! Abbracciatevi, o stolti: amatevi.

Egli c'invitava a salir con lui a quell'altezza di pensiero e di dolore
dalla quale chi abbassa lo sguardo, non vede che simili.

Ci siamo noi ancora saliti?

Ad ogni modo, io sento che questa è parola che l'umanità deve
tesaurizzare, perchè è fatta per sopire l'odio. Ve n'è un'altra, di
parole, che ha questo medesimo fine, sebbene venga da tutt'altre
premesse. La parola della disperazione e quella della speranza
somigliano. Si può solo disputare, quale sia per avere maggior
efficacia; ma somigliano.

Io ricordo che per me (non sembri irriverente qui un mio ricordo di
fanciullezza), prima che la ginestra fosse il fiore del deserto, il
fiore della negazione, era quello che in più gran copia mietevamo, noi
fanciulli, per i greppi d'Urbino, nelle feste religiose dell'estate.
Quei giorni portavamo nelle nostre passeggiate pomeridiane, dopo la
_benedizione_ celebrata nella chiesa del collegio con tanti ceri e
fiori e suoni e canti un non so che di dolce e di solenne, di tenero
e di nuovo, come un profumo d'incenso, un'eco di inni, nel nostro
cuore pio. Spogliavamo le ginestre nel nostro cammino a gara; poi
tutti insieme nella strada maestra dipingevamo con gli odorosi petali
d'oro una ghirlanda, con in mezzo le sigle così ingenue e grandi: I.
M. I. Chi doveva porre il piede su quel tappeto di gloria, fatto da
fanciulli, tessuto di fior di ginestra? Tramontava il sole dietro le
Cesane e la schiera ritornava al collegio per le vie già ombrate. E
il tappeto? Rimaneva là aureo in mezzo alla strada, mentre sui monti
ardeva il crepuscolo.

Quando poi lessi là in quella erma terra marchigiana il poema più bello
del poeta marchigiano, quando lessi:

    Tuoi cespi solitari intorno spargi,
    Odorata ginestra,
    Contenta dei deserti,

io sentii nell'anima un profumo di religione e d'amore. Sentii quel non
so che di dolce e di solenne, di tenero e di nuovo, come un profumo
d'incenso, come un'eco d'inni, di cui era pieno il nostro cuore pio
la sera di una festa. Il fiore era sempre quello, e a me non pareva
contradizione tra queste parole che pur sono un annunzio di dolore, e
altre che erano novella di gioia: tra questa apocalissi e quel vangelo.

Il fiore della ginestra pareva qua attendere nel crepuscolo il piede
d'un profeta, d'un apostolo, d'un Dio lontano; là avanti la fiamma
inestinguibile della natura distruggitrice, aspettare paziente la sua
fine mortale. Ma ne usciva il medesimo profumo, come le due leggi si
concludevano tutte e due con un insegnamento di amore, di perdono, di
pace!



L'ÈRA NUOVA


È un giorno come un altro il dì che chiude un secolo e ne apre uno
nuovo?[33] Si deve, quel dì, inalzare al sole, al vecchio e giovane dio
di nostra gente, un inno più fervido e più alto?

    Sol di vita che con il fiammeo carro
    porti e celi il giorno, che sempre un altro e
    sempre quello sei, non veder di Roma
            nulla più grande!

Ecco: per ripetere o rinnovare quell'inno, bisognerebbe aspettare la
fine non solo d'un secolo, ma d'un _anno mondano_, dopo la quale è la
_palingenesia_; dopo la quale

    Torna la Vergine già, il buon tempo è già di Saturno:
    genere d'uomini nuovo dai ceruli culmini scende;
con la quale

    Fede e Pace, Onore e Costume antico ed
    osa la negletta Virtù tornare e
    già si mostra l'universal Ricchezza
            piena di doni.

È da aspettarsi col nuovo secolo questo rinascimento? la giustizia e
la pace, la bontà e la ricchezza? Nessuna Sibilla ha parlato. Oppure
ella scrisse in foglie di palme il suo vaticinio, e le pose in ordine;
ma il vento le confuse e portò via. Chi potrà _iungere carmina_ più?
Non io, nè altri; e tanto io quanto altri, nel cercare di indurre da
idee e fatti del secolo che muore, un preconio del secolo che nasce,
sembreremo leggere l'una dopo l'altra le foglie d'un vaticinio disperso
dal vento. Su questa si legge _pace_, su quella _guerra_, su un'altra
_amore_, su un'altra _lotta_; ancora, _scienza_, ancora, _fede_. Che
sarà? Noi sappiamo che avremo dei _ludi secolari_, più grandiosi di
quelli che celebrò Augusto e che cantò Orazio; avremo a Parigi (nella
Roma nuova?) la festa del lavoro universale. E prima della fine del
secolo avremo, convocata dal Cesare Russo (dall'Augusto nuovo?), la
conferenza sul disarmo. Il secolo muore bene, il secolo nasce bene:

    Fede e Pace, Onore e Costume antico ed
    osa la negletta Virtù tornare e
    già si mostra l'universal Ricchezza
            piena di doni.

Oh! gli uomini si guardano attorno, cercando l'Orazio migliore che
canti l'Augusto più benefico e la Roma più magnifica... E questo
poeta non osa ancora, forse, staccare la cetra dal chiodo, e siede
in disparte e crolla il capo glorioso e mormora: Non forse il mio
inno, lento e sublime, sarà interrotto da ululati d'odio? Non forse
il sacro tintinno delle corde sarà concluso da rombi di cannone? E il
poeta continua a meditare: Canterò il trionfo della fede antica? Ma se
ella in tanti secoli non è riuscita a distruggere il lievito cattivo
per il quale sono ora temute a un tempo guerre coloniali, nazionali
ed etniche; di che ha ella trionfato? Canterò il vanto della scienza
nuova? Ma se ella, con altri suoi mirabili e benefici ritrovati, ha
pur fabbricato i battelli aerei, per cui deve piovere la distruzione
dal cielo, e i battelli sottomarini, per cui dal fondo del mare la
distruzione ha da erompere, di che, di che mai ella può vantarsi?


I.

No! no! il poeta aggiunge: io non potrei cantare con vera, profonda,
sopraumana ispirazione, se non la bontà, se non l'integrazione del
genere umano, se non l'ammansamento vero e perpetuo dei miei fratelli
semiferi. E voi non siete meno fiere, o miei fratelli, perchè, con
l'aiuto della Scienza, prolunghiate con l'acciaio del pugnale o della
spada la portata delle vostre unghie, o aumentiate e allarghiate,
col fragore funereo della bomba o del siluro, la potenza del vostro
ruggito. E non siete meno fiere, o miei fratelli, se, col pur soave
suggerimento della fede, rendete vana la scoperta che da fiere vi fece
uomini: la lugubre ma benefica scoperta... che siete mortali.

Perchè fu quella, per usare una parola cara a uno degli ultimi e più
soavi poeti della fede, fu quella la vostra _ascensione_; un'ascensione
che, com'è il fatto di tali parole, non sapremmo dire se fu per il su
o per il giù; vi trovaste sopra i bruti per il pensiero, e sotto, per
la felicità. Oh! e voi aspiraste a discendere; e sempre, a quando a
quando, avete richiamato a terra il vostro pensiero fuggitivo, come
sciame d'api dall'arnia, col suon dei cembali e de' timpani de' vostri
baccanali. Oh! voi voleste dimenticare la infelice scoperta; e sempre,
ad ora ad ora, vi stordite e dimenticate; e così vi rifate simili ai
bruti e, nell'oblio della morte, date la morte. Ogni volta che scendete
dall'inamabile altezza, alla quale eravate ascesi, voi vi trovate nelle
dita i vecchi artigli e nelle mandibole le vecchie zanne e nel cuore la
vecchia ferocia di cannibali. Come il gigante della favola, nel toccar
terra cadendo, riprendete la vostra forza pugnace; e non vi ricordate
se non di essere bruti, e credete di non essere nati, come essi, se non
a combattere.

E ora, ora che si poteva credere che aveste messe le ali a dirittura,
ora che si poteva sperare che le cadute dall'alto e i ritorni al bruto
avessero a essere sempre più rari e singolari, ora... eccovi là tutti
per terra, quanti uomini, quante classi, quanti popoli, quante razze
siete, eccovi là per terra, rotolare, ansimare, bramire nello spasimo
dell'odio! Questa è l'antica ascensione!


II.

Un poeta del nostro secolo non credo che possa parlare altrimenti che
così. E credo che ad esso alcuno potrebbe rispondere dicendo: Ma ne hai
colpa tu, di codesto: tu e i tuoi compagni. Sei tu poeta, e non altri,
colui che deve spogliare gli uomini della loro ferità! Tu sei un Orfeo
che siedi ozioso sotto un albero di Rodope: qualcuno ti si appressa
e ti domanda, perchè non canti; e tu rispondi: perchè le fiere sono
fiere. Ma devi tu, Orfeo, ammansarle, condurle dietro te, queste fiere,
e renderle uomini con la virtù persuasiva del tuo canto. In verità se
la condizione morale degli uomini nel nostro secolo non ha migliorato,
sì che una proposta di disarmo si può considerare come un'occasione,
voluta o no, di guerra, e una festa universale del lavoro non si può
credere se non una sosta avanti la rincorsa, un momento di silenzio
avanti l'uragano, l'ultima esitazione avanti la strage e lo sterminio;
se tale è lo stato degli spiriti umani in questa sera e in questa alba
di secolo; la colpa ne va data principalmente a chi ha la missione di
sacerdote e di pacificatore. E questo è il poeta e la poesia. S'intende
che non bisogna limitare troppo il concetto di poeta e poesia; non
bisogna incarnarlo in questa o quella troppo lieve parvenza; bisogna
anzi dimenticare molte cose e persone, e molti molti molti _versi_, e
ricordare, anzi, una cosa sola: che il poeta è quello e la poesia è ciò
che DELLA SCIENZA FA COSCIENZA. La scienza può dire alla poesia: Io ho
lavorato, e tu no: dal mio lavoro non è nato tutto il bene che doveva,
ed è nato anche del male che non doveva, perchè tu non hai cooperato
con me. Io ho dato il grano; ma tu non ne hai fatto il pane. Io ho
pòrto il grappolo; ma tu non ne hai spremuto il vino. Io ho fornita la
verità; ma tu non ne hai nutrite le anime. Io non posso far tutto io
sola.


III.

In vero la scienza ha lavorato nel secolo che sta per morire! Intorno
ai suoi principii l'uomo conquistava l'aria e domava la folgore. Un
poeta esclamava allora:

    Umano ardir, pacifica
    filosofia sicura,
    qual forza mai, qual limite
    il tuo poter misura?

E la _pacifica filosofia_ ha fatto di tutto, e fa, per ottenere
quelle promesse. Non posso io certo enumerare le conquiste del secolo
decimonono: accenno solo che la folgore, la quale suggerì nei primi
tempi l'idea d'una mano invisibile e infinita che di tra le nuvole
saettasse quaggiù, la folgore, veramente mansuefatta, reca da una parte
all'altra della terra la parola umana, la fissa e la riproduce, e già
porta, a gara col vapore d'acqua (la nuvola temporalesca asservita
agli uomini, col suo carro di vapori e coi suoi cavalli d'elettricità)
vertiginosamente per il globo la... infelicità umana. Forse è in queste
parole — infelicità umana — la ragione della nota discordante nell'inno
che la scienza meriterebbe, alla fine del secolo della sua più grande
operosità? Perchè, anzi, l'inno non è cominciato ancora, e già nella
folla circola la voce che vuol impedire che si cominci: come in un
teatro. La voce è: La scienza ha fallito!

Ha fallito! In che? In questo che doveva essere illimitabile, e ha
trovato il suo limite? In questo, insomma, per dirlo con le parole
dello stesso grande poeta, che non ha potuto

                infrangere
    anche alla morte il telo,
    e della vita il nettare
    libar con Giove in cielo?


IV.

In questo. Sì: noi diciamo; in questo! Che c'importa del rimanente?
La morte doveva ella cancellare. Viaggiare più velocemente, sapere più
presto e dare le proprie notizie, aver qualche agio di più, che cosa è
mai se non un rimpianto maggiore per chi deve morire? Il morire doveva
essere tolto dalla scienza; ed ella non l'ha tolto. A morte dunque
la scienza! Noi torniamo alla fede che (è verità? è solo illusione?
ma illusione, a ogni modo, che ci vale per verità) che non solo ha
abolita la morte, ma nella morte ha collocata la vita e la felicità
indistruttibile!

E così alla scienza, sulla fine del secolo del suo maggior lavorìo, è
fatto, invece dell'inno che poteva aspettarsi, il rimprovero più amaro.
Non solo essa non ha fatto nulla di bene novello al genere umano, ma
ha tentato di togliergli il bene che già possedeva. Anzi glielo ha in
parte tolto. È vero, si dice, che noi torniamo, disingannati e uggiti,
alla fede antica; ma qual cambiamento! Le acque del già purissimo lago,
che era nella nostra anima, in cui si specchiava il cielo stellato:
il lago così piccolo, il cielo così grande, il cielo con tutte le sue
stelle: quelle acque sono intorbidate o almeno mosse: le parvenze vi
sono offuscate, o girano girano, si alzano, si abbassano. Non c'è più
la tranquilla immobilità. Noi siamo costretti (da te, scienza crudele
e inopportuna) a interpretare le parole d'un nostro sacro libro in un
modo affatto nuovo. Siamo costretti a pensare che quel libro contiene
la verità sì, ma una verità che cambia col tempo, che va interpretata
secondo i progressi delle altre umane conoscenze: verità che era vera
a un modo per Dante, a un altro per noi, omiciattoli che non siamo
Dante. Siamo costretti a sofisticare con tuoi colori, o scienza,
gl'ingenui prodotti della fede. Siamo costretti a prendere in prestito
da Crookes le fotografie degli spiriti immateriali e materializzati,
per rinforzare la vecchia metafisica: a far la riprova con un tavolino
che gira, della sublime visione di Ezechiele.[34] Oh! tu sei fallita, o
scienza: ed è bene: ma sii maledetta, che hai rischiato di far fallire
anche l'_altra!_ La felicità, tu non l'hai data, e non la potevi dare:
ebbene, se non distrutta, hai attenuata, oscurata, amareggiata quella
che ci dava la fede.


V.

Vero! Ma di chi la colpa? Non della scienza, ma della poesia. E
qui, contro questa recisa affermazione, si pronunziano nomi e si
riferiscono fatti, con sicura meraviglia; tanti quanti contro l'altra
affermazione pur recisa del fallimento della scienza. Come? non sono
poeti Goethe, Shelley, Tennyson, Lamartine, Hugo, Musset? Zorrilla
e Campoamor, Manzoni, Leopardi, Carducci, Mickiewitz e Tolstoi?
Certo, e tali e tanti, che si può dire, a ragione, di questo secolo,
che è il secolo della poesia, come annoverando tali altri e tanti
altri scienziati, da Volta a Roentgen — io non mi arrischio nemmeno
a tentarla, questa enumerazione — si può dire che è il secolo della
scienza. Eppure... Eppure dico subito che, non ostante qualche accenno,
qualche preparativo e qualche tentativo, quella tanta luce di poesia
è un rossor di tramonto, come quella tant'altra luce di scienza è un
albore d'aurora; e che quella chiude una giornata dell'umanità, con
tutte le fiamme, rosse, purpuree, cangianti, d'una sera che ha, qua
e là, nel cielo purificato e intenerito le nuvole d'un temporale;
e che questa ne apre un'altra, un'altra giornata che quanto, quanto
ha a essere serena, non sappiamo, ahimè! non sappiamo: vi sono nel
cielo larghi spazi sereni e sono anche nuvole, nuvole che ricoprono
il sole o lo riflettono, che fanno sperare o temere, che sono belle e
che sono terribili. Quella sera e quest'alba si sono viste, si sono
salutate; perchè tutto porta a credere che questo secolo sia nella
storia dell'umanità quello che è il circolo polare nel nostro globo: un
secolo nel quale il tramonto s'è incontrato con l'aurora e la fine col
principio. Ma per un attimo. La vecchia èra sparisce e sorge la nuova.

Ora la poesia del nostro secolo è l'ultima emanazione (giudico che sia
l'ultima, oltre che da molte ragioni, dal suo maggiore splendore) del
concepimento primitivo della vita interna ed esterna; concepimento
fondato sull'illusione e sull'apparenza. È cominciato il secondo
concepimento: quello fondato sulla realtà e sulla scienza. L'emanazione
poetica di questa nuova èra del genere umano è cominciata? Non pare,
non credo. Qualche bagliore sì, si vede: ma chi mi dice non sia
piuttosto un ultimo raggio di tramonto che si spenge, piuttosto che un
primo strale dell'alba che nasce...? Siamo di nuovo al polo, vedete.
E siamo all'èra prima della poesia: a quella dell'apparenza: perchè il
tramonto in realtà non si spenge, e l'alba non nasce e non ha strali.
Io sono dei vecchi, anch'io!


VI.

Nell'èra, per dir così, illusiva, il poeta interpretava il fenomeno,
ciò che gli appariva, con sue penetranti parole. Ecco. I pastori
errano per le steppe. Il sole ogni mattina apparisce all'orizzonte,
ogni sera sparisce dietro quello. Forse nelle notti era un dubbio nel
pensiero di quei primi, che però vegliavano e presero ad amare la luna
che faceva le veci del sole. Ogni mattina il loro dubbio svaniva: ogni
sera ricominciava. Come il sole che era sparito da una parte, poteva
ricomparire dalla parte opposta? Quello che ogni mattina sorgeva era
dunque _altro_ da quello che ogni sera calava. Ma era pure _lo stesso_.
Era ben lontano dai quei primitivi Orazio che pur disse al sole:
_aliusque et idem nasceris!_ Tant'è. La parola del poeta de' primi
tempi che rese in una formula memorabile le esperienze di mille e mille
suoi compagni d'errore e di dubbio, risonò ben lontana! Ma insomma non
si può essere sè ed altri. Il sole era uno, era sempre quello. Come
dunque poteva trovarsi all'alba pronto ad alzarsi dal punto opposto
a quello donde era disceso la sera? Nella notte certo viaggiava, sur
una conca, che doveva sprizzare raggi trascorrendo rapida l'oscurità
dell'oceano che è sotto i nostri piedi...

Così pensava il pastore e s'addormentava. Il pastore dorme: è assente.
Non trova più sè. Si trova in luoghi remoti, dove non è mai stato o
dove certo non è. Egli è pur lì dove giace sopra le pelli delle sue
pecore. Dunque in lui è qualcuno che va e viene, mentre un altro
resta. Dunque è doppio. In vero, questo qualcuno che va e viene,
insensibilmente ma veramente, è qualcosa d'impalpabile, di nullo, come
l'ombra che lo segue o lo precede o gli si sotterra sotto i piedi: come
l'ombra, che esso vide, poniamo, al suo Capo, quella notte che errava,
per la prateria, al lume della luna, e che andava e veniva con lui.
E il Capo morì; cioè, si addormentò d'un sonno più lungo. Il qualcun
altro ch'era in lui, e che era come l'ombra, come quell'alito che nelle
giornate fredde di caccia vaporava visibile dalla sua bocca anelante,
non torna ancora. Aspettiamo. Un giorno, una notte, ancora un giorno,
ancora una notte. Si è smarrito. Non torna. Nascondiamo lui sotterra, e
poniamo a lui vicini i suoi utensili necessari e gli oggetti suoi cari,
perchè allo svegliarsi, ossia al ritorno, li trovi.


VII.

Esso non è certo finito nel nulla. Ieri comparve nel sonno del suo
amico,

    simile a lui sì nella grandezza e ne' suoi belli occhi,
    sì ne la voce, e vestia tal quali a le membra le vesti.
    Stettegli dunque sul capo dicendogli queste parole:
    Dormi, e di me sei tu già fatto dimentico, Achille?
    Tu mi curavi da vivo, ma tu mi trascuri da morto...»

_Essere morto_ non voleva dire _non essere_. Tra _essere morto_ ed
_essere vivo_ c'era bensì differenza:

    Oh! ma mi sta più presso: abbracciandoci un attimo appena,
    l'uno con l'altro, tra noi ci si goda il lamento di morte!
    Detto ch'egli ebbe così, gli si tese con ambe le mani
    ma non lo prese; chè l'anima sua, qual fumo, sotterra
    con uno strido vanì. Sobbalzò stupefatto il Pelide...

C'era una differenza! E quale! Il vostro amato morto, la vostra madre,
il vostro padre non li potete abbracciar più, quando sono morti...
Non si abbraccia l'aria, il fumo, l'ombra. I morti tornano a noi,
ma in sogno soltanto, e da qual delle due porte essi escano, o da
quella che è d'avorio, come i denti, o da quella che è di corno, come
l'occhio, parlano bensì e si vedono; ma non altro: non si toccano. O
infinitamente soavi poeti dell'illusione, quale scopritore di mondi,
quale banditore di verità, quale inventore di farmachi può all'uomo
fare benefizio che pareggi e compensi quello che voi recaste al figlio
che aveva perduto la madre, alla madre che aveva perduto il figlio?
Oh! certo la folgore, condotta su fili metallici, può annunziarmi
con rapidità di baleno: quella tua cara persona muore! E il vapore,
costretto in una caldaia, può condurmi con rapidità di procella, al
letto di quella che muore. E l'aria, decomposta nei suoi elementi,
può fornirmi di che prolungare la vita, per un'ora, per un giorno,
di quella che mi muore... Ma voi, o infinitamente benefici, non me
la facevate morire, me la facevate vivere e per sempre, sia pure
intangibilmente. Che cosa potranno fare i poeti sacerdoti della scienza
o della realtà che non sia nè l'ombra del bene che facevano gli altri?
Che cosa faranno?


VIII.

Direi: quello che non hanno fatto ancora, e che dovevano fare, per
impedire che la scienza fosse quello che è sinora, un sole senza
calore, luce e non vita. Essi devono far penetrare nelle nostre
coscienze il mondo quale è veramente, quale la scienza l'ha scoperto,
diverso, in tante cose, da quel che appariva e appare. Per un esempio:
il sentimento, che proviamo alla visione del cielo stellato, è in
noi molto diverso da quello che era nel nomade dei primi tempi?
Esso fissava l'occhio in qualche gruppo di stelle che facevano un
disegno ricordevole. Unendo i punti luminosi trovava che quel gruppo
assomigliava a una bestia o a un uomo o a una cosa: bestie, uomini,
cose del suo vicinato. In questa lenta e oziosa operazione l'occhio
del pastore che disegnava nel cielo, si velava e si chiudeva. Quando
si riapriva, dopo qualche po' di tempo, trovava che il suo leone o
il suo plaustro o il suo cacciatore aveva viaggiato. Si trovava in
un luogo diverso del primo. E così vedeva che il cielo si moveva
incessantemente. Non anche per noi si move il cielo, e noi restiamo
immobili? Chi di noi, pur sapendo di astronomia molto più di me che non
ne so nulla, sente di roteare, insieme col piccolo globo opaco, negli
spazi silenziosi, nella infinita ombra constellata? Ebbene: è il poeta,
è la poesia che deve saper dare alla coscienza umana questa oscura
sensazione, che le manca, anche quando la scienza gliene abbonda. E
non dico che la poesia non ci si sia provata; ma in parte ed ancora
in modo imperfetto. Ricordo un punto sul quale si esercita la poesia:
la infinita piccolezza nostra a confronto dell'infinita grandezza
e moltitudine degli astri. Ricordo il Leopardi e il Poe, e potrei
ricordare molti altri. Tuttavia sulle nostre anime quella spaventevole
proporzione, non ostante che i poeti nuovi fossero aiutati, nel
segnalarla allo spirito, dai poeti della prima èra, quella spaventevole
proporzione non è ancora entrata nella nostra coscienza. Non è ancora
entrata... perchè, se fosse entrata, se avesse pervaso il nostro essere
cosciente, _noi saremmo più buoni._


IX.

Io dico che l'emanazione poetica della scienza, il giorno che l'avrà,
è destinata a render buono il genere umano. O poeti dell'avvenire, voi
dovete riuscire in ciò in cui i poeti del passato hanno fallito. Hanno
fallito: e questo oppongo a chi dice fallita la scienza. Hanno fallito:
perchè, non consolare questo o quello, non tergere qua una lagrima, là
abbreviare un brivido, ma dovevano diminuire la somma dell'infelicità
umana. A tale somma non si poteva e non si può sottrarre se non
quella parte che non è originaria e connaturata; se non il dolore
che l'uomo reca all'uomo; se non il male. E in ciò quei poeti non
sono riusciti. Dovete riuscire voi, o poeti della nuova èra. E per
questo fine voi dovete prendere l'infula e lo scettro di sacerdoti,
che quelli si sono lasciati strappare dalla fronte e dalla mano. Voi
dovete essere sinceri: rinunziare subito, se già nel vostro spirito ne
è qualche tentazione, a fingere di credere: voi dovete credere. Ora
la vostra sincerità è per me affatto dubbia, quando, dopo tanta luce
di scienza, voi vi atteggiate a felici, ad egoarchi, a superuomini.
La scienza ha ricondotto le nostre menti alla tristezza del momento
tragico dell'uomo; del momento in cui acquistando la coscienza
d'essere mortale, differì, istantaneamente, dalla sua muta greggia
che non sapeva di dover morire e restò più felice di lui. Il bruto
diventò uomo, quel giorno. E l'uomo differì dal bruto per l'ineffabile
tristezza della sua scoperta. Ma non ebbe il coraggio di continuare ad
ascendere, di guardare in faccia il suo destino, di essere veramente
superiore alla greggia che _aveva accanto._

Cercò le illusioni e le trovò. Il bruto non sa di dover morire: l'uomo
disse a sè di sapere di non dover morire. Tornarono ad assomigliarsi.
E penetrò nella sua coscienza qualche cosa di analogo al lento
passeggiare per il cielo dei leoni, dei plaustri, dei cacciatori,
composti di stelle. E d'allora in poi la morte, una volta negata,
non ebbe più dall'animo dell'uomo il suo mesto e totale assentimento.
L'uomo non temè di contristare il suo simile, non teme di ucciderlo,
non temè di uccidersi, perchè non sentì più l'irreparabile. Io so
il _Peisithanatos_, qual è. Io so chi persuade a violare, in sè e in
altrui, la vita. È chi, nel nostro animo, prima violò la morte.


X.

Ma questa è la luce? Oh! la morte, a fissarla, abbarbaglia. Meglio la
penombra nella quale si stende il pianoro Elisio, più utile l'ombra
nella quale stridono le Emmenidi. Sì? Ecco uno scellerato che non crede
alla morte. Lo imagino oppresso da un suo delitto. Lo vedo anelante
di terrore. A un tratto qualcuno sa introdurre nella sua coscienza
l'assoluta convinzione che quelle vendicatrici sono fantasmi, e che
esso non sarà punito. Lo scellerato respira; mette forse un urlo, non
che un sospiro, di sollievo e di gioia. Il qualcuno si allontana. Colui
è ora solo, e, poichè l'altro ha veramente mutata la sua coscienza,
_sente il nulla_.

Se io sapessi descrivervi la sensazione del nulla, io sarei un
poeta di quelli non ancor nati o non ancora parlanti. Non so, non so
descriverla; perchè nè anche la mia coscienza (confesso) si è arresa
alla scienza. Anche nel mio pensiero la morte è violata. Ma ricordo
qualche oscuro e fuggevole momento, nelle tenebre della notte: il
vertiginoso sprofondamento in un gorgo infinito, senza più peso, senza
più alito, senza più essere... Oh! tutto tutto tutto, mi pare che dica
lo scellerato, fuorchè l'annullamento! L'ucciso nel nulla, l'uccisore
nel nulla: non resta che il delitto, senza castigo e senza perdono:
incancellabile! irreparabile! eterno!

Questa è la luce. La scienza in ciò è benefica, in cui si proclama
fallita. Essa ha confermata la sanzione della morte. Ha risuggellate
le tombe. Ha trovato, credo, che non si può libare il nettare della
vita con Giove in cielo. Il rimprovero che le si fa, è il suo vanto.
O meglio sarà, quando da questa negazione il poeta sacerdote avrà
tratta l'affermazione morale: il poeta, cioè il fanciullo che d'or
innanzi veda, con la sua profonda stupefazione, non più la parvenza,
ma l'assenza. Chi sa imaginare le parole per le quali noi sentiremo
di girare nello spazio? per le quali noi sentiremo di essere mortali?
Perchè noi sappiamo e questo e quello; non lo sentiamo. Il giorno che
lo sentiremo... _saremo più buoni_.


XI.

E saremo anche più mesti. Sia pure. Ma non vedete che appunto nella
mestizia l'uomo differisce dalle bestie? e che progredire nella
mestizia è progredire nell'umanità? E poi, che gioia è veramente in
quell'alcoolismo morale, con cui l'uomo cerca di nascondersi il proprio
destino? E poi che gioia è negli ululi dello sfrenato carnovale,
con cui l'uomo protesta contro la sua evoluzione? Uomo, abbraccia il
tuo destino! Uomo, rassegnati ad essere uomo! Pensa nel tuo solco:
non delirare. L'amore, pensa, è ciò che non solo di più dolce, ma di
più sacro e di più tremendo tu possa fare; perchè è aggiungere nuovi
sarmenti al grande rogo che divampa nell'oscurità della nostra notte.

Pensiamo dunque, sempre, in tutto, e siamo pur mesti. Ma saremo _tutti_
più mesti. E riconosceremo, a questo segno, a quest'aria di famiglia,
a questa traccia di dolore immedicabile, i nostri fratelli per nostri
fratelli. E non saremo pazzi di perseguire una gioia, che ridondi a
dolore del nostro simile, e che non diminuisca d'una linea il dolor
nostro. E i mali che ora ci appariscono come fatali, la lotta delle
classi e la guerra dei popoli, saranno tolti.

E sarà dunque una religione, la religione anzi, che scioglierà il nodo
che sembra ora insolubile. La religione: non questa o quella in cui il
terrore dell'infinito sia o consolato o temperato o annullato, ma la
religione prima e ultima, cioè il riconoscimento e la venerazione del
nostro destino.


XII.

Quella sarà la _palingenesia_; la povera e melanconica _palingenesia_
che sola può toccare a questi poveri e melanconici esseri che
abitano così piccolo pianeta, il quale è sulla via di tante comete
distruggitrici. Avverrà nel secolo che sta per aprirsi? Aspettiamo. Io
non oso dire: speriamo.



UN POETA DI LINGUA MORTA


Questo mare è pieno di voci e questo cielo è pieno di visioni. Ululano
ancora le Nereidi obliate in questo mare, e in questo cielo spesso
ondeggiano pensili le città morte.

Questo è un luogo sacro, dove le onde greche vengono a cercare le
latine; e qui si fondono formando nella serenità del mattino un
immenso bagno di purissimi metalli scintillanti nel liquefarsi, e
qui si adagiano rendendo, tra i vapori della sera, imagine di grandi
porpore cangianti di tutte le sfumature delle conchiglie. È un luogo
sacro questo. Tra Scilla e Messina, in fondo al mare, sotto il cobalto
azzurrissimo, sotto i metalli scintillanti dell'aurora, sotto le
porpore iridescenti dell'occaso, è appiattata, dicono, la morte; non
quella, per dir così, che coglie dalle piante umane ora il fiore ora
il frutto, lasciando i rami liberi di fiorire ancora e di fruttare:
ma quella che secca le piante stesse; non quella che pota, ma quella
che sradica; non quella che lascia dietro sè lagrime, ma quella cui
segue l'oblio. Tale potenza nascosta donde s'irradia la rovina e
lo stritolio, ha annullato qui tanta storia, tanta bellezza, tanta
grandezza. Ma ne è rimasta come l'orma nel cielo, come l'eco nel mare.
Qui dove è quasi distrutta la storia, resta la poesia.

E in questo paese, sino a pochi giorni sono, era anche il poeta. Chi
me ne parlò quando io era ancora giovinetto — ahimè! più di trenta anni
fa — in collegio, a Urbino? Un vecchio frate che conosceva anch'esso i
doni delle Muse, il padre Giacoletti, il cui nome non s'aggira più, che
io sappia, che in qualche melanconico chiostro di seminario. Quel nome
era allora illustre per poemi latini sull'ottica, niente meno, e sul
vapore.

Il vecchio frate per il quale noi avevamo una ammirazione quasi
paurosa, parlava spesso di un poeta, d'un latinista, appetto al quale
egli era un nulla; che abitava lontano lontano nell'estremo lembo
d'Italia.

Io non dimenticai più quelle parole di lode suprema e quel cenno (il
buon frate trinciava l'aria come il Galdino Manzoniano), quel cenno di
distanza infinita.

Sì che quando, or sono pochi mesi, mi trovai in quel lembo d'Italia, io
ripensai subito al poeta, al _Genio del luogo_. Egli era bene un poeta,
e il poeta, sapete, è quasi un creatore, poichè è colui che con la
parola — _fiat lux_ — illumina d'un tratto l'oscurità che ne circonda.
Certo la stella e il fiore, la serenità e la tempesta erano anche
prima che il poeta ne parlasse, e voi avevate gli occhi per vederle;
ma voi non guardavate, e le cose belle era come se non esistessero:
la sua parola fu che per voi le creò. E così io pensava a questo poeta
dell'estrema Italia, dove le onde greche si fondono con le latine, come
a uno spirito misteriosamente remoto che da un suo speco vegliasse
a creare questo mondo fantastico con le Nereidi ululanti dal mare e
con le città morte pendenti nel cielo. Mi aveva l'aria, questo poeta
segregato dal mondo, se m'è lecito dirlo, d'un Proteo _vecchio marino
verace_, che sapesse _i gorghi di tutto il mare_.


I.

E vecchio era e solitario, e schivava il consorzio e la vista degli
uomini. Raccontano che si faceva portare solo in luoghi solinghi, dove
scendeva e passeggiava: per che cosa se non per ascoltare ciò che gli
avrebbero sussurrato le creature de' suoi poemi? per ritrovarsi nel
mondo suo, cui discinde dal nostro l'inguadabile oceano della morte?
Perchè egli era veramente un antico, un evaso al passato, un superstite
alla rovina della poesia pagana; e provava lo spasimo del ritorno non
senza mostrare ai lieti o indifferenti del nostro tempo, nostro e non
suo, quel corrugamento della fronte, che pare disprezzo ed è dolore.
Diceva sorridendo d'essere già vissuto tra Cicerone e Virgilio e che
si piacque di rivivere ora. Ma io risalirei più lontano. In lui era il
Greco; e qualche sua poesia sente la mollezza ardente dell'antichissimo
suo concittadino Ibyco. E non importa soggiungere che poetava anche
in greco con elegante facilità. Ma, greco o latino, egli sdegnava il
presente, nè solo in letteratura e filologia, sì un poco in tutto.
Anche scrivendo l'italiano, egli non voleva essere de' nostri, e usava
la lingua del cinquecento. In somma egli viveva di cose svanite, e
il suo pensiero aveva continuamente bisogno di risuscitare bellezze
morte. Era, se si vuole, l'ultimo degli umanisti, coi quali aveva in
comune, oltre il culto della poesia e della letteratura antica, anche
altro: per esempio, se non con molti, almeno con alcuni di essi, la
conciliazione nel proprio cuore del paganesimo, se non altro formale,
con la devozione cristiana. Ricordo di sfuggita il Poliziano e Pico
della Mirandola che vollero essere seppelliti in tonaca di domenicani.
E di lui tutti sanno, anche perchè ricordato sul suo feretro in
iscrizioni latine, che era piissimo e che diceva molti, credo cinque,
rosari al giorno. E nota è anche l'amicizia che lo legava al vecchio
Pontefice: amicizia su cui i sentimenti religiosi valevano almeno
quanto la comunanza degli studi e del gusto.

Quel gran sacerdote, vecchissimo, smunto, quasi diafano, che regge
tanti milioni di coscienze, che sta a guardia inflessibile del
passato e accenna a invadere l'avvenire del mondo, e che nel silenzio
notturno del Vaticano cesella un'umile preghiera a Maria e i precetti
di sobrietà per giungere a una lunga vita! E quest'altro vecchio che
errava lungo l'Ionio meditando l'elegia delle rose e dei due scheletri
abbracciati in Pompei! S'intendevano, i due vecchi, e si offrivano
a vicenda, in nitide edizioni, i loro gracili carmi. Oro con oro
cambiavano: non, come accade alle volte, l'uno si faceva spicciolare
dall'altro in grosse e molte palanche la sottile unica monetina sua.

E se non unica, era tuttavia oro fine un'opera dell'un d'essi.
Nessun lavoro di questi pazienti artefici di latinità aveva mai
levato tanto grido quant'uno, il primo forse, del poeta Regino: lo
_Xiphias_, premiato mezzo secolo fa da quella che ora è la R. Academia
Nederlandica e allora era l'Istituto Belgico. E a me fanciullo si
diceva che quel poemetto era il più bel ramo fatto germinare, per
dirla col Regaldi, da quell'albero morto che è l'antichità classica.
L'età non ha modificato quel giudizio. Sì che io vedendo, pochi mesi
sono, quel mare e quel lido che erano così limpidamente descritti
nel poemetto, sì, pensavo con venerazione al vecchio mago che con una
lingua morta aveva saputo creare cosa tanto viva.


II.

E avrei voluto vederlo. Solo vedendolo e parlando con lui mi pareva che
avrei avuta intera la visione che mi incantava.

Io sentiva la poesia: volevo vedere il poeta: approdare alla terra
d'Ibyco con una nave che più assomigliasse alla triere; approdarvi
un bel mattino, e recarmi peritoso, ospite tirreno, al poeta greco
rifinito dagli anni e colmo di gloria.

E quando il vecchio poeta m'avesse incoraggiato, gli avrei detto:

Poeta, perchè scrivete in un linguaggio che più non suona su labbra
di viventi? perchè volete che solo i poeti v'intendano? se cercate la
lode dei più, perchè vi rivolgete ai meno? se mirate all'utilità di
tutti, _inducendo_, come voi dite, _nei petti umani mansueto costume,
valor, senno, pietà, oneste voglie,_ perchè solo alcuni privilegiate
de' vostri ammonimenti armoniosi? E perchè cotesta solitudine?
cotesta segregazione che sembra rimproverare altrui? Ibyco, il vostro
concittadino antico, andava citareggiando d'isola in isola, di terra
in terra: voi chiudete le porte, perchè lo squillo della vostra cetra
non giunga all'orecchio del passante. Poeta, aprite la casa delle
Muse. Fateci intendere a tutti, i dolci vostri inni: cantateli nella
lingua nostra e presente, sì che tutti possiamo intenderli. Ne abbiamo
tanto bisogno! Perchè la nostra anima si deforma per le strette della
realtà, e ha bisogno della bellezza, e s'intristisce allo spettacolo
della miseria immeritata e della felicità indegna, e ha bisogno
della giustizia; e si macera d'invidia e si stempera di pietà, e ha
bisogno della purificazione. E tu puoi rivelare la bellezza e puoi
persuadere la giustizia; puoi compiere la nostra catarsi, o poeta; puoi
questo, cioè tutto, e non vuoi? Poeta, fa un passo, solo un passo per
scendere sino a noi, e noi, inteneriti rapiti, saliremo d'uno slancio
gl'infiniti gradini che tengono lontana la nostra minimezza dalla tua
sublimità.

Così gli avrei detto; così non gli dissi; chè egli intanto, il vecchio
poeta, moriva, ridestando d'un tratto con la notizia della sua morte la
sua fama quasi assopita, come il vento col suo alito incendio che covi.
Ed io non intenderò risposta alle mie parole, perchè, come diceva il
suo Ibyco, _non si può trovar più per i morti l'erba della vita!_

Eppure oso, per non so quale comunione che ha la mia mente piccola con
la sua grande, oso imaginarla, la sua risposta.


III.

Egli mi avrebbe risposto: «Ospite, io ti parlerò con antica vecchia
semplicità. Tu non mostri dubbiezza sull'arte mia perchè il linguaggio,
che ne è lo strumento, non sia inteso dall'universale degli uomini. Tu
sai bene che non potrei usare un linguaggio che fosse inteso da tutti;
perchè non esiste... ancora. E non dico solo che non c'è linguaggio
comune a tutti i popoli, ma nemmeno ce n'è che sia intelligibile a
tutti, anzi alla maggior parte degli uomini, di un singolo popolo.
Nè c'è speranza che si formi da sè, questo linguaggio o universale
o nazionale, nè c'è timore che si fabbrichi dai meccanici nostri: la
natura va dal semplice al composto, dall'omogeneo all'eterogeneo, e
non viceversa; e le lingue e i dialetti moltiplicheranno sempre d'anno
in anno e di secolo in secolo. Per questa parte, ospite, tant'è che
io usi il latino e il greco, quanto qualunque lingua parlata; anzi,
se si computa bene, devo credere di esser per avere più intenditori,
in tutto il mondo, del mio latino, che, nella sola Italia, del mio
italiano. Non è qui il tuo dubbio. In fin dei conti, tu non parli
della lingua, cioè della veste sensibile, ma dell'idea, cioè dell'anima
intellegibile. Tu osservi che anche nella tua lingua io preferisco la
parola antiquata e la costruzione fuori d'uso. Tu metti in relazione
il gusto cinquecentistico delle mie veglie Pompeiane e d'ogni mia cosa
volgare col mio culto per le lingue italiana e greca nello Xiphia,
nelle elegie, negli epigrammi, nelle iscrizioni, nelle epistole, nelle
orazioni: la parte massima dell'opera mia. E dici che io rinnego il
presente per il passato e che non voglio essere dei miei tempi. Oh!
bada. La mia idea è questa. L'uomo combatte continuamente contro la
morte. Esso alla morte deve disputare, contrastare, ritogliere quanto
può. La nostra vita è gelida e noi abbiamo bisogno di calore; la nostra
vita è oscura e noi abbiamo bisogno di luce: non si lasci spenger nulla
di ciò che può dar luce e calore: una favilla può ridestare la fiamma
e la gioia! Non si lasci morir nulla di ciò che fu bello e giocondo. E
consoliamo i banchettanti i quali dopo aver profuso sulla mensa il vino
che pareva soverchio da prima, si attristano all'ultimo per la sete
insoddisfatta: consoliamoli con l'anfora spregiata che già riponemmo
tra le loro risa. E se per ciò la nostra fama non va tanto in alto e
tanto per largo, e se la nostra voce non esce dall'ombra delle scuole,
pazienza! Io sento che poesia e religione sono una cosa, e che come la
religione ha bisogno del raccoglimento e del mistero e del silenzio
e delle parole che velano e perciò incupiscono il loro significato,
delle parole, intendo, estranee all'uso presente, così ne ha bisogno
la poesia: la quale del resto, anche in volgare, non usò mai e non usa
ancora nè la lingua nè i modi nè il ritmo abituali.

Nè credo io che la poesia debba o possa essere l'agitatrice delle
turbe, ma la beatrice dei cuori. Ella non gonfia le gote per dar fiato
alla tromba; ma attinge brevemente con le dita le corde dell'arpa.
Ella non respinge da sè, riempiendo di fracasso e di mania orecchie e
cervelli, ma attira a sè con un lontano e fievole tintinnio. Ci sono
certe musiche che bisogna allontanarsene per gustarle senza esserne
intronati: alla poesia bisogna avvicinarsi, per sentirla. Ed ella parla
ora a questo ora a quello, qua asciuga una lagrima, là aggiunge un
sorriso, con delicata modestia, come una silenziosa benefattrice. Ora
gli uomini che attrae la mia lira antica col suo giocondo strepito, e
consola e conforta, vengono da tutte le parti del mondo, e verranno
finchè si studi la lingua dei Quiriti. Oh! il grande avvenire di
quest'arte universale!»


IV.

Questo io penso che mi avrebbe risposto cercando nell'equanimità della
sua placida vecchiaia le ragioni della sua poesia. Ma la sua voce io
non intesi e non udrò più. Ho riletto, per rifarmene, la sua anima
scritta. Ho riletto le elegie Pompeiane, vibranti di passione, gli
epigrammi greci e latini dal sorriso amaro, le iscrizioni d'una nobile
romanità, le prose, a dir vero, troppe fiorite, l'Asino Pontaniano
troppo, a dir vero, acre nella sua comicità pedantesca, lo Xiphia...
Rimane questa la migliore opera sua, e gli dispiaceva sentirselo dire e
ripetere; ma è così. Il primo fiore che fece la pianta, ricca di tutti
i succhi di primavera, fu, come spesso avviene, il più grande e il più
bello. Poi era il suo mare che l'ispirava, erano le osservazioni fatte
sin da fanciullo che nutrivano la sua ispirazione.

Egli è, in questo suo primo lavoro, verista, per così dire; ma la
verità da lui veduta e resa ottimamente, egli proietta luminosamente
nel passato mitico. Caritone è un giovane pescatore de' nostri tempi
e del nostro mare che conosce tutti i pesci col loro pregio relativo;
Umbrone è un vecchio lupo di mare come ce n'è tanti per queste riviere,
che sono stati un po' da per tutto; e Clite è una bella, ardente,
faticante ragazza calabrese di nostra conoscenza: ma là in quel fondo
lontano, illuminati dall'arte del poeta, ci sembrano più grandi e più
belli.

È opera di mano moderna, e seppellita, in certo modo, perchè prendesse
la patina e muffa d'antico; ma la mano è d'un Michelangelo o, meglio,
d'un Cellini. Sì che l'illusione è grande; e ci fa dire che pochi poeti
Alessandrini e Romani avrebbero saputo concinnare con altrettanta
grazia nativa, tra lo stil de' moderni e il sermon prisco, tra le
reminiscenze del mondo Omerico ed Esiodeo e le particolarità usuali
della casa e della strada, un poema così perfetto.

Il quale oh! avessi potuto intendere dalla tua bocca, o poeta. Dicono
che tu eri recitatore armonioso e persuasivo. Avrei voluto sentirti
ripetere questi versi soavissimi, che continuano Virgilio, in faccia
al mare che tu hai popolato di ninfe, vedendo le cimbe dei pescatori
di pesce-spada, di che hai favellato al mondo. Ma tu ora non reciterai
più soave e piano. La morte ha chiuso per sempre la tua bocca di poeta
antico. Eppure non sei morto. I poeti non muoiono quando lasciano tanta
vita d'imagini.

Queste ricambiano a lui il sacro dono. Vennero alla vita per lui,
poichè prima erano confuse nell'oscurità e nel caos, per così dire,
della natura e della psiche, ed esso le trasse fuori e soffiò loro
sopra ed apparvero a tutti: ora sono esse quasi l'alito incessante
d'una sua seconda vita. E chiunque udrà in questo mare bellissimo,
ripercosse dai monti le voci dei pescatori trionfali, chiunque fermerà
gli occhi su una paranza immobile ad esplorare, chiunque udrà il
tintinnio cadenzato dei cembali, penserà a te, come a vivente, come
ad immortale, o poeta sepolto; e vedendo uscir dalla sua grotta
di conchiglie iridescenti la fata Morgana e addensare con la spola
arguta del vento sull'ordito della bonaccia la sua trama variopinta,
e distendere la meravigliosa tela in cui ondeggiano le città e si
moltiplicano le cose, ripeterà il tuo nome, come di mago non ìmpari e
non diverso, o Diego Vitrioli.



ECO D'UNA NOTTE MITICA


Oh! io torno al Manzoni e ai Promessi Sposi! Che libro vivo, fresco,
nuovo! Sì, nuovo, non ostante che d'allora in poi ci siamo provati,
dietro le orme di stranieri, in tante novità! Ma erano, dunque,
novità vecchie, nate con le grinze. Ma erano piante esotiche che, nel
terreno non loro, o non attecchivano o subito tralignavano. Eppure dai
Promessi Sposi avremmo potuto imparare a fare analisi psicologiche,
pitture d'ambiente, descrizioni naturali (la vigna di Renzo, ricordate?
e ripensate il Paradon dove tutto fiorisce a un tempo, e le piante
inselvatichite fanno doppi i loro fiori), da non invidiare Flaubert,
i Goncourt, Zola; e nei Promessi Sposi avremmo trovato in formazione
tanti generi di romanzo che poi tennero e tengono il campo, cadendo
e sparendo via via, perchè in essi è fatto elemento principale di
vita quello ch'è il più piacevole ma il più fuggevole dei pregi: la
novità. Ma i nostri vecchi dal grande capolavoro manzoniano imitarono,
non impararono; e si sa che l'imitazione in arte è ciò che è la
putrefazione in natura: dissolve un genere per dar luogo a un altro;
e imitarono poi ciò appunto che persino all'autore pareva la cosa
manchevole e assurda del suo quadro: la cornice! Quanto poi alla
freschezza, alla vita, alla grazia, all'ordine, alla proporzione, al
sorriso di malizia, al senso d'eleganza, queste cose sono rimaste nel
quadro.

Dunque io torno al Manzoni e al suo immortale romanzo. Lo lessi la
prima volta in un agosto come questo, in monti come questi:[35] quanti
anni sono? Molti, molti, molti. Lo leggevo, finite le scuole e chiusi
gli esami, in quei primi giorni di vacanza, che vi compensano, con la
loro ineffabile pace, dei molti mesi di fatica e di soggezione. Sono
come la pioggia estiva dopo l'afa a lungo durata: si gode come «in
quella rinfrescata, in quel sussurrìo, in quel brulichìo dell'erbe e
delle foglie tremolanti, gocciolanti, rinverdite, lustre»; si mettono
«certi respironi larghi e pieni!» O divino Manzoni, io risento ora
sfogliando il tuo libro quello che sentivo allora leggendo nel cassetto
del tavolino i tre piccoli tomi ben rilegati di un'edizione milanese;
quando rapito, assente, altro, provavo in me (ma allora non avrei
saputo citare Aristotele), mediante la pietà e il timore, compiersi
la catarsi di così fatte passioni. Se non sapevo citare Aristotele,
avevo per altro letto qualche poco di latino; e la mia mente, passando
dalla difficile all'agevolissima lettura, non si sentiva staccare, nè
a poco a poco nè a un tratto, dai suoi studi consueti, nei quali, per
giungere in cima a vedere la luce, bisognava farsi largo a traverso
monti di vocabolari e selve di grammatiche: no: godeva anzi come
una sensazione doppia, un piacere complesso, formato di novità e di
ricordo. Rileggo «la notte degli imbrogli e dei sotterfugi» e quel
piacere complesso, quell'incognito indistinto, si ripresenta al mio
spirito. Io vedo la casetta di Lucia «in fondo al paese» con «la chioma
folta del fico che sopravanzava il muro del cortile»; vedo anche il
casolare disabitato dove «vanno le streghe» per solito, e ora sono
postati i bravi col Griso. «Egli, col grosso della truppa, rimane
nell'agguato ad aspettare». Si fa sera, si fa «quel brulichìo, quel
ronzìo (non ci rincresca rileggere le parole del Manzoni: dacchè è
libro di testo nelle scuole, si legge più poco), quel ronzìo, che si
sente in un villaggio, sulla sera, e che, dopo pochi momenti, dà luogo
alla quiete solenne della notte. Le donne venivan dal campo, portandosi
in collo i bambini, e tenendo per la mano i ragazzi più grandini, ai
quali facevan dire le divozioni della sera; venivan gli uomini con le
vanghe e con le zappe sulle spalle. All'aprirsi degli usci si vedevan
luccicare qua e là i fuochi accesi per le povere cene: si sentiva
nelle strade barattare i salati e qualche parola sulla scarsità della
raccolta e sulla miseria dell'annata; e, più delle parole, si sentivano
i tocchi misurati e sonori della campana, che annunziava il fluir del
giorno». I promessi, con Agnese e i testimoni, vanno a sorprendere il
curato: «Zitti zitti, nelle tenebre, a passo misurato, usciron dalla
casetta e preser la strada fuori del paese... Per viottole, tra gli
orti e i campi, arrivaron vicino a quella casa, e lì si divisero».
Nelle tenebre? Dopo la sorpresa, che non riesce, il curato si affaccia
a una finestra. «Era il più bel chiaro di luna; l'ombra della chiesa,
e più in fuori l'ombra lunga e acuta del campanile, si stendeva bruna
e spiccata sul piano erboso e lucente della piazza: ogni oggetto si
poteva distinguere, quasi come di giorno». Di lì a poco Ambrogio suona
a stormo: «Ton, ton, ton, ton: i contadini balzano a sedere sul letto:
i giovanetti, sdraiati sul fienile, tendon l'orecchio, si rizzano.
Cos'è? Cos'è'? Campane a martello! Fuoco? ladri? banditi? Molte donne
consigliano, pregano i mariti di non muoversi, di lasciar correre gli
altri: alcuni s'alzano e vanno alla finestra: i poltroni, come se si
arrendessero alle preghiere, ritornan sotto: i più curiosi, i più bravi
scendono a prender le forche e gli schioppi per correre al rumore:
altri stanno a vedere». Intanto i bravi si erano mossi dalla capanna
delle streghe. Il Griso «si mise in testa un cappellaccio, sulle
spalle un sanrocchino di tela incerata, sparso di conchiglie; prese
un bordone da pellegrino, disse: — andiamo, da bravi: zitti e attenti
agli ordini —; s'incamminò il primo, gli altri dietro». Nella casetta
non trovano la lepre; «non c'è nessuno. Torna indietro, va all'uscio
di scala, guarda, porge l'orecchio; solitudine e silenzio». Poi «il
Griso sale adagio adagio, bestemmiando in cuor suo ogni scalino che
scricchiolasse; ogni passo di quei mascalzoni che facesse rumore... Si
metton tutti, con men cautele, a guardare, a tastare per ogni canto,
buttar sottosopra la casa. Mentre costoro sono in tali faccende, i
due che fan la guardia all'uscio di strada sentono un calpestìo di
passini frettolosi che s'avvicinano in fretta... il calpestìo si ferma
appunto all'uscio... Menico mette il piede dentro, in gran sospetto,
e si sente a un punto acchiappar per le braccia... Zitto! o sei
morto. Lui invece caccia un urlo». Ebbene? Ebbene, queste avventure
del paesello innominato mi fanno lo effetto d'intese o lette altre
volte, come di tutt'altri tempi e luoghi, di tutt'altre persone, con
tutt'altri costumi. Dove, quando mai? Quei passini specialmente, i
passini frettolosi di Menico, mi sembrano echeggiare da una profondità
infinita... Ah! ho trovato. Qual maraviglia! Pare un sogno, in cui una
persona ora è quella, ora un'altra, e si trovano insieme sensazioni
vecchie e recenti, intrecciate e commesse a fare mostri di visioni,
poi sparite subitamente in parte e in parte rimaste, come in un paese
montano sotto la nebbia mattutina si vedono castelli e piantagioni per
aria e un grigio uniforme tra e sotto loro. Ho trovato! ho trovato!
Quale incanto vedere il lavorìo, forse inconscio, dell'ingegno che
crea, e assistere alla genesi dell'opera d'arte!

Badiamo, io non dico di aver trovato una delle fonti del Manzoni,
nè intendo fare uno studio critico e un lavoro d'indagini. Nemmeno
pretendo che quello che dico sia proprio e infallantemente vero:
mi accontento del verosimile. Sopratutto non si pensi a imitazione.
Già tra l'imitazione e le fonti spesso noi confondiamo; e scoprendo
fonti di qualche opera d'arte, noi diciamo o intendiamo o facciamo
involontariamente credere d'aver tolto qualche fronda alla corona di
lauro dell'artista. Il che è curioso parecchio, specialmente se si
tratta di poeti epici, che di necessità, per istituto dell'arte loro,
raccontano per disteso cose già in parte sapute, e raccontano quelle
perchè proprio l'uditore vuol di quelle conoscere maggiori particolari,
e le avventure che le precederono e quelle che le seguirono. Sicchè
il poeta, quando per caso deve narrare d'un personaggio nuovo e
straniero ai soliti cicli, è costretto a prestargli, a fingergli,
ad asseverargli una fama che non ha. Insomma, e per tutti i generi
oltre che per l'epico, quando si fanno o si leggono certi studi
«crenologici», bisogna aver in mente due cose per tenere in misura e
in tono i nostri giudizi; due cose: l'una, che lo scrittore non può
inventare propriamente, chè non è la natura esso, o Dio; l'altra, che,
se anche lo scrittore potesse inventare proprio, il lettore gliene
sarebbe tutt'altro che grato, e respingerebbe l'opera sua. Dunque io
non parlo d'imitazione che il Manzoni abbia fatto, nè di fonti a cui
abbia derivato: voglio fare un cenno, un cenno solo, di qualche cosa
di più e di meno nel tempo stesso; adombrare appena lo studio d'una
grande mente nell'atto stesso che genera l'opera grande, la quale a lui
medesimo, se volesse o potesse fare l'analisi degli elementi semplici
di cui è composta, parrebbe più mirabile di un sogno scomposto nelle
sue spirituali molecole. Premesso questo, sapete donde io sento che
echeggiano i passini frettolosi di Menico? Dalla più grande e famosa
città dei miti, dalla città degli Dei, da Troia, nella sua ultima
notte.

Manzoni amava e studiava Virgilio, da cui derivò anzi, si può dire,
un, non voglio dire se pregio o difetto, carattere della sua maniera:
quel prender parte con un sorriso, con un sogghigno, con una lagrima a
ciò che narra; quell'assistere i suoi personaggi con un cenno ora di
compassione, ora di rimprovero, ora d'ironia. Un esempio o due, come
vien viene. Renzo lascia Lucia e Agnese la sera di quel giorno che
doveva essere, e non fu, così felice per lui, «col cuore in tempesta,
ripetendo sempre quelle stesse parole: — a questo mondo c'è giustizia,
finalmente. — _Tant'è vero che un uomo sopraffatto dal dolore non
sa più quel che si dica_». Don Abbondio si scervella su Carneade:
«Tanto _il pover uomo_ era lontano dal prevedere che burrasca gli si
addensasse sul capo!» È il momento decisivo per Geltrude (così sin
allora egli la chiama), che deve rispondere al prete sulla sincerità
e libertà della sua vocazione. «Per dare quella risposta, bisognava
venire a una spiegazione, dire di che era stata minacciata, raccontare
un storia... L'_infelice_ rifuggì spaventata da quest'idea». La madre
di Cecilia (chi non capisce subito di chi voglio parlare?) «stette a
contemplare quelle così indegne esequie della prima, finchè il carro
non si mosse, finchè lo potò vedere; poi disparve. E che altro potè
fare se non posar sul letto l'unica che le rimaneva, e mettersele
accanto per morire insieme? Come il fiore già rigoglioso sullo stelo
cade insieme col fiorellino ancora in boccia al passar della falce che
pareggia tutte le erbe del prato». Quest'ultimo passo mi dispensa dal
cercare i tanti luoghi di Virgilio dove egli mostra, per così dire,
il suo viso o commosso o sdegnato tra i personaggi e i fatti da lui
creati (ricordate Aen. I 716 e segg.: 'Essa con gli occhi, essa con
tutta l'anima, sta fissa in lui, e talora nel grembo lo tiene, e non sa
_Didone_ qual potente Dio a lei _infelice_ sia sopra!'); mi dispensa,
dico, dal cercare altri esempi, perchè me ne suggerisce uno che val per
molti: la chiusa dell'episodio di Eurialo e Niso (Aen. IX 435 e segg.),
in cui la commozione tenera e forte del poeta si rivela con una soave
comparazione di fiori e con una promessa calda, divina, d'immortalità.
Mutate il romano antico in cristiano moderno, il poema in romanzo:
il «_Fortunati ambo_» di Virgilio diventa il «_tiratela a voi, lei e
la sua creaturina_» del Manzoni, in persona di Renzo. Ma qui dunque
il Manzoni avrebbe imitato Virgilio? Non credo: il Manzoni, che certo
aveva pianto più d'una volta nel leggere quella chiusa, nel momento in
cui scriveva la sua «madre di Cecilia», forse non la ricordava nemmeno.
A ogni modo, egli ha creato, e precisamente dove non si può negare che
abbia imitato: nel paragone del fiore, così comune nella poesia antica
e moderna. Ha creato per quel particolare nuovo del bocciuolo che cade
col fiore sbocciato: il bambino del fiore! Piccola cosa? Queste piccole
cose sono la poesia, solo queste: le grandi sono sovente vampate di
retorica, che è una bella, bellissima arte, ma non è la poesia.

Come dunque per queste lagrime, così anche per i passini di Menico
può darsi che il Manzoni non pensasse a Virgilio, mentre scriveva. Ma
la sua fantasia, senza che esso se ne rendesse forse conto, elaborava
elementi virgiliani. La notte degli imbrogli e dei sotterfugi è
l'ultima notte di Ilio trasformata in modo che nessuno, nemmeno
Manzoni, sospetterebbe la strana trasformazione. Eppure è così.
L'impressione generale è la stessa. In tutte e due le mirabili
creazioni, al brusìo, festivo e straordinario in Virgilio, consueto
nel Manzoni, della sera, succede il silenzio notturno interrotto poi
da grida, suoni, apparizioni, che finiscono là a un vecchio tempio
di Cerere, dove si sono raccolti i destinati all'esilio — spunta sui
cocuzzoli del monte la stella del mattino — qua nella chiesa d'un
convento, donde i fuggiaschi vanno alla riva del lago e s'imbarcano.
«Non tirava un alito di vento; il lago giaceva liscio e piano, e
sarebbe parso immobile, se non fosse stato il tremolare e l'ondeggiar
leggiero della luna, che vi si specchiava da mezzo il cielo».[36]
Con una grande pace, pace di singhiozzi dopo lo scroscio del pianto,
pace di dolore tutto in sè raccolto, quando il dolore si gusta nel
nostro segreto come un piacere, terminano le due notti. Gli esuli di
Ilio si volgono al chiaror del giorno, a rivedere la patria — i Danai
occupavano in armi le soglie —; al chiaror della luna guarda Lucia il
palazzotto di Don Rodrigo e il suo paesello e la sua casetta, col fico
che sopravanzava il muro del cortile. L'esilio... Si direbbe che il
Manzoni, nell'anima semplice di Lucia, abbia voluto fare l'analisi,
che Virgilio non poteva fare, dei sentimenti di quelli antichi, che
lasciavano piangendo i lidi della patria, le nude spiagge, dove la
patria non era più se non qualche maceria e qualche fumacchio.

Nell'una notte e nell'altra è un bel lume di luna. Notevole è che
nella narrazione di Virgilio ora c'è', ora pare non ci sia (cf. II
340 e 360, 397, 621). Era giuoco di nuvole? d'ombre? Ma sopra tutto
un verso, molto «suggestivo» ci ferma, il 255: _A Tenedo, tacitae
per amica silentia lunae._ Tutti ammirano, e inclinano, bontà loro, a
concedere, per questo e alcuni altri versi, a Virgilio un sentimento
quasi moderno della natura. Nel fatto, che cosa vuol dire quel verso?
Ha voluto veramente il poeta mescolare e far tutt'una della sensazione
della vista e di quella dell'udito? O ha voluto significare che la luna
non s'era ancora levata, o che, levatasi, si era, per provvidenza di
Dei in favore de' Greci, nascosta tra le nuvole? Qualche argomento, che
non è opportuno riportare qui, mi farebbe credere quest'ultima cosa:
che fosse tra le nuvole, allora. Ma io vorrei saperne un'altra: che
cosa ne pensasse il Manzoni, il quale, secondo me, deve aver derivata
da quella frase, consciamente o inconsciamente, molta ispirazione. In
vero è curioso osservare che anche nella sua notte la luna vien fuori
dopo, come quella che non era nel primo quarto — parrebbe — essendo che
Renzo continua la sua strada «nelle tenebre crescenti», e si avvia con
Lucia e gli altri alla casa del curato «nelle tenebre», mentre poco
dopo, quando esso curato apre la finestra, può vedere che è il «più
bel chiaro di luna». Era la luna spuntata nel frattempo? Può darsi,
e può anche darsi che il Manzoni interpretasse il luogo di Virgilio
in un modo analogo. Ma ogni modo, a questo solo volevo concludere che
il chiaro di luna nella notte manzoniana serve a segnare il contrasto
tra le inquiete operazioni degli uomini e la placida indifferenza
della natura. «I passeggieri silenziosi, con la testa voltata indietro
guardavano i monti, e il paese rischiarati dalla luna, e variato qua e
là di grand'ombre». Virgilio, tutto insieme, se ne è passato; ma quel
famoso verso, così dubbio, sembra a molti che basti a suggerire una
quantità di idee poetiche. Ha, per esempio, ispirato il Leopardi nel
suo Bruto:

    E tu, dal mar cui nostro sangue irriga,
    Candida luna, sorgi,
    E l'inquïeta notte e la funesta
    All'ausonio valor campagna esplori.

Che, in fatti, il Leopardi pensasse a Virgilio e a Troia, si presume da
quel che segue:

       dalle somme vette
    Roma antica ruina;

che deriva dalle parole di Ettore, pronunziate poco dopo quel
tranquillo veleggiare al lume silenzioso della luna: _ruit alto a
culmine Troia_.

Ma i passini di Menico? Eccoli. Il doloroso gruppo della famiglia
fuggente era già alla porta della città e si poteva considerar salvo
«quando a un tratto all'orecchio parve che venisse un trito scalpitio».
Però nella mente del Manzoni (ripeto, forse ne era conscio, forse
no) questo minuto calpestìo si contaminò, si confuse coi passi di
Iulo, di cui poco prima Enea racconta: «alla destra si aggavignò il
piccolo Iulo e segue il babbo coi suoi passettini non misurati ai
miei». Il Manzoni sentì il suono di tali piccole péste di bimbo sul
suolo della patria morta, nell'oscurità notturna. E la casa in fondo
al paese? col fico sul cortile? Eccola: «quantunque la casa d'Anchise,
appartata, sia in fondo, coperta d'alberi». Ben altro rumore è quello
che sente al suo svegliarsi Enea: tuttavia l'effetto dei _ton, ton,
ton, ton_, è proporzionalmente, e con un sapor di comico, lo stesso
che quello del grande incendio o della grande piena. Panto che fuor
di sè corre alla casa di Enea, ricorda quel tale «tutto trafelato,
che stentava a formar le parole»; e le parole di Panto, pur nella
solennità epica degli esametri, quando accennano al cavallo che
versa armati, richiamano alla mente queste altre, sebbene contadine:
«che fate qui, figliuoli? non è qui il diavolo: è giù in fondo alla
strada, alla casa d'Agnese Mondella: gente armata; son dentro; par
che vogliano ammazzare un pellegrino; chi sa che diavolo c'è». E
il pellegrino, cioè Griso, or mi pare Sinone, or, coi suoi bravi in
agguato, fa pensare ai Greci nascosti nel cavallo, or ha l'aria dei
Troiani travestiti da Greci (sebbene questi li ricordi più il bravo da
Bergamo: Corebo che diventa Grignapoco!), or assomiglia nè più nè meno
che a... Enea che arringa gli ultimi campioni d'Ilio. Si sa: il bravo
non ha l'eloquenza dell'eroe: maggior concisione, per altro: «andiamo
da bravi: zitti e attenti agli ordini». Così una volta, e l'altra:
«Presto, presto! pistole in mano, coltelli in pronto, tutti insieme;
e poi anderemo: così si va. Chi volete che ci tocchi, se stiam ben
insieme, sciocconi? Ma, se ci lasciamo acchiappare a uno a uno, anche i
villani ce ne daranno. Vergogna! Dietro a me, e uniti». Qui la salvezza
è nell'unione; in Virgilio, può essere solo nella disperazione. E gli
eroi di Enea somigliano nelle tenebre della notte un branco vagabondo
di lupi famelici, e i bravi del Griso, una mandria di porci, cui il
cane rimette in ordine.

Sì, sì: è un sogno pieno di bizzarre e incerte parvenze; il «casolare
diroccato» ha ora l'idea della macchina «_feta armis_», ora le
sembianze del «vecchio tempio deserto di Cerere», nello stesso modo
che Menico ora è Iulo, che sgambetta vicino al babbo, ora par tutto...
Androgeo: «a un tratto... si accorse d'essere incappato in mezzo
ai nemici. Stupì; e ritirò indietro a un punto il piede e la voce.
Come chi pestò un serpente, che non aveva veduto... Così Androgeo
esterrefatto... voleva andarsene». Ma non tutto vorrei credere effetto
dell'immemore accozzarsi d'idee e sensazioni. Come a me pare che il
Manzoni con la sua analisi della divulgazione misteriosa del segreto
(cap. XI), «che d'amico fidato in amico fidato gira e gira... tanto
che arriva all'orecchio di colui o di coloro» ecc., abbia, dirò così,
tradotto in sorriso vernacolo la stupenda descrizione epica della Fama
(_Aen._ IV, 173); così credo che volutamente e pensatamente in un altro
luogo dei _Promessi Sposi_, nel cap. VII che precede la notte degli
imbrogli, abbia trasformato, volgarizzando ma vivificando, in Renzo e
Lucia, nientemeno che Enea e Anchise. Oh! Lucia! Eppure è così. Lucia
non si vuol persuadere al matrimonio di sorpresa, e pensa al filo che
ha il padre Cristoforo. Come finalmente si persuade? Renzo comincia a
andare in su e giù per la stanza, a proferire parole sempre più chiare
di minaccia contro Don Rodrigo, tra lo spavento e i pianti delle due
donne, finchè: «Ebbene! gridò Renzo, con un viso più che mai travolto:
io non vi avrò; ma non v'avrà neanche lui. Io qui senza di voi, e lui
a casa del...» E allora Lucia piange, supplica, con le mani giunte,
gli si butta in ginocchioni davanti; e Renzo: «Che bene mi volete voi?
che prova mi avete data? Non v'ho io pregata, e pregata, e pregata?
E voi: no! no! — Sì, sì, rispose precipitosamente Lucia...» Or bene,
leggete del solito libro dell'Eneide i versi 634-704. Anchise, il
vecchio fulminato, ricusa di salvarsi. Nulla può smuoverlo. Enea allora
dichiara che non sopravivrà nemmeno lui e tornerà tra i nemici per
morire: morire senza vedere la strage de' suoi: «_Arma, viri, ferte
arma_... La moglie gli si oppone sulla soglia, abbracciandogli le
ginocchia (era dunque in ginocchioni) e tendendogli il figlioletto. Qui
avviene un prodigio e il vecchio finalmente cede, dopo avere avuta di
quel prodigio la sanzione divina. Era più ostinato di Lucia, Anchise!
Ma si assomigliano, non è vero? Salvo che in Lucia è, oltre Anchise,
anche Creusa. E Renzo a Enea? Oh! più che non si possa credere. Enea
sta per fare una cosa irragionevole: glielo dice bene Creusa: «Se vai
per morire, porta anche noi; se hai qualche speranza dell'effetto delle
tue armi, resta qui a difenderci». Come sarebbe andata a finire la
cosa, se non interveniva il prodigio? Probabilmente, Enea non avrebbe
messo in opera il suo proposito e Anchise si sarebbe persuaso. E qui
ci domanderemmo: «Aveva _Enea_ pensato di che profitto poteva essere
per lui lo spavento di _Anchise_ e _Creusa_? E non aveva adoperato
un po' d'artifizio a farlo crescere, per farlo fruttare? Il nostro
autore protesta di non ne saper nulla...» Queste parole del Manzoni,
mutati quei due nomi, sembrano suggerite dalla lettura di Virgilio.
Noi sappiamo, noi Italiani, fedeli al genio italiano, che due grandi e
perfette anime ha guidate e ispirate l'anima cortese Mantovana: Dante e
Manzoni.

Per questo, io ragazzo, leggendo nel collegio, dentro il cassetto
del mio tavolino, i bei tre tomi dell'edizione milanese, provava una
sensazione doppia, di cui un elemento mi sfuggiva. Nella scuola io
aveva già studiato il secondo libro dell'Eneide, e mi ero commosso
all'esclamazione: «_O patria, o divum domus Ilium!_» come ora mi
commovevo per l'addio ai monti, alla casa natia, alla chiesa del
paesello. E così allora, senza rendermi conto delle somiglianze,
seguii trepidando, nella loro fuga, sì la famiglia d'Enea, sì Renzo
e Lucia, con un amore e una tenerezza particolari per i due bimbi che
camminavano tra i grandi facendo due passini per ognun de' loro.



LA SCUOLA CLASSICA

                                                 A FERDINANDO MARTINI


Guardo e riguardo il suo punto fermo, onor. Martini.[37] Cedo alla
tentazione e metto una mia virgola sotto il suo punto. Permette?

Ella è stato il ministro dell'istruzione più caro alla gioventù
studiosa. Poichè questo aggettivo è diventato ambiguo, come «sacro»,
che vale anche «esecrando», e può, nell'un dei sensi, della frase
che le ho indirizzata fare un'ingiuria che ella avrebbe ragione di
respingere, mi affretto a dichiararle, onor. Martini, che la gioventù
studiosa di cui parlo, è quella... degl'insegnanti.

Purtroppo, in Italia non studiano se non i professori (così ci
chiamano), e più tra loro studiano, e meglio, il che è consolante, i
più giovani. Dalla tribuna e dai giornali si annunzia ogni giorno, che
l'Italia ha fatto un passo più giù per i gradini delle fatali Gemonie;
e intanto, in parte, ove codesti giornalisti e uomini politici non
guardano o non vedono, si ascende: si lavora a rimettere a nuovo le
vecchie glorie, a conquistarne di nuove, a guadagnare, se non quelle
cime donde un tempo vedevamo gli altri in basso, almeno tali alture
dove gli altri, e siano pure più su, ci possano scorgere e dirci:
«Ah! ci siete anche voi? Da bravi!» Oh! sarà una bella sorpresa per i
nostri valentuomini che non guardano, come altezzosi, non vedono, come
presbiti che sono, se non in su e lontano, e che, predicando di anno
in anno che il nuovo non è ancora e il vecchio non è più, finiranno un
bel giorno con l'annunziare finita l'Italia; sarà per loro uno stupore,
voglio credere, progrediente in letizia, sentirsi ripetere in coro:
«Come, finita? e l'arte italiana? e la scienza italiana?» Stupiranno
e si allieteranno allora codesti uomini dalla mala luce e dalle ciglia
alzate; per ora trovano, credo, magro il compenso che questa gioventù
studiosa prepara al danno che, in fin dei conti, essi procacciano o non
evitano alla patria. E lo sanno anche loro, i bravi e modesti giovani,
non consolati nè d'un poco di agiatezza nè d'un lampo di gloriola
nè d'un sorriso di assentimento; lo sanno anche loro che il compenso
è magro: essi fanno il loro mestiere, nè è di loro cambiarlo con un
altro, nemmeno più facile, come, per esempio, il vostro, o reggitori e
sindacatori nostri, che non vedete o non guardate!

È dunque tale gioventù studiosa d'insegnanti, onor. Martini, quella
che le vuol bene e da lei sperò ed ebbe, e spera (senza far torto a
nessuno) e avrà ancora. Io ho cercato qualche volta e credo d'aver
trovato perchè, in un crocchio qualunque d'insegnanti, il suo nome
come di ministro passato o futuro (specialmente futuro, peraltro)
ha minor numero d'oppositori: minore dico; chè non si può, anzi non
si deve, piacere a tutti. Ecco il perchè, o meglio, uno dei perchè;
il principale però, a mio parere. I ministri che l'hanno preceduto,
on. Martini, buoni, bravi, cortesi tutti, ebbero quasi tutti rivolta
l'industria del loro ingegno ed esplicata la tenerezza del loro cuore a
prò bensì della gioventù studiosa, ma di quell'altra... di quella che
studia poco. Si sono accontentati gli scolari: quanto ai maestri... È
stato come in una rissa; dove chi accorre a sedarla, nell'accarezzare
il piccino frignone, guarda a stracciasacco il grandicello. Oh! si
capisce la premura maggiore per l'avvenire più integro e più lungo di
promesse e speranze, la maggiore simpatia per il passato più breve
e puro di pensiero e di tristezza; ma pietà pietà per quelli che
appena entrati nella vita guardano già l'avvenire con diffidenza e il
passato con rimpianto! Questi sono giorni di «passo»:[38] migrano in
questi giorni da nord a sud, e da sud a nord, i giovani professori,
con appena un po' più di masserizie che le rondini, accompagnati quasi
sempre da una loro mogliettina che non ebbe più dote d'una rondine e fu
sposata per amore e primavera. Sono giovani: amateli. Che importa, se
li invecchia un poco qualche visetto (patitino, per lo più) di bimbo?
È la prima cova, quella. Che fa se li invecchia, prima delle rughe,
quello star sopra sè, gravi e quasi tristi, per l'abitudine d'avere
avanti a sè gli scolari, per la necessità di dover fare da babbi ai
loro fratelli minori? Fratelli, fratelli, e non più. Ma è come nelle
famiglie chiuse e solette; che la mamma, per accarezzare i piccini, si
dimentica, e a poco a poco si disavvezza, di accarezzare i grandicelli;
e questi per il mancare delle carezze della infanzia prendono a poco a
poco la serietà dell'adolescenza; e la madre si sente da quella serietà
nuova sempre più contrariata a riprendere con loro la soavità antica:
oh! ma si provi! Appena ella preme con la mano quasi sospesa, un poco,
i capelli del suo fanciullone, questo le concede tutto il collo, tutto
il capo, tutto il viso, e ritrova con la sua bocca la cara adorata
bocca, e scivola sulle ginocchia materne, e dà e riceve i baci d'una
volta, e risente e ripete le paroline d'un tempo. C'è solo, di qua e di
là, qualche lagrima ora, che allora non c'era.

Dove ero rimasto? Ah! A lei i giovani vogliono bene, onor. Martini,
perchè ella mostra loro quel, diciamolo affetto, ma è un sentimento,
che esercitato tra uguali, e da inferiore a superiore, si chiamerebbe
più propriamente «rispetto». Perciò sperano da lei i giovani; e lo
dico io che non sono più giovane e non uso sperare più, e non sarò
quindi sospettato; e lo affermo io, che sperimentai codesta sua
bontà riguardosa, che era di superiore perchè pareva d'uguale; io con
altri molti, e quindi sarò creduto. Fu per la famosa Commissione, si
ricorda? quando ella convocò una ventina di professori secondari (che
scandalo!) di latino, per ragionare e consultare... di che. Dio mio? di
banchi, di scuola, di abbecedari? No: lo scandalo fu grande, perchè ci
convocò a discorrere appunto di latino. Noi? Proprio noi. Ma secondari
proprio? Secondarissimi: c'era l'Ercole, il Ronca, il Brilli, il Cima,
il Decia, il Setti, il Murero, il Tincani, il Bonino: c'ero anch'io.
C'erano da un venti (e potevano essere quaranta e cento) di questi
anfibi che hanno il loro pascolo nello stagno, a volte melmoso, della
scuola, e il loro svago nel prato sempre fiorito della scienza; di
questi cari esseri che tirano con la forte rassegnazione dell'alfana
la carretta dell'insegnamento tutto il giorno, e alla sera aprono le
ali dell'ippogrifo nel cielo libero dell'arte: gente che meglio d'ogni
altro «al mondo» aveva decifrate e illustrate iscrizioni osche, che
meglio d'ogni altro «al mondo» aveva descritta la cultura del Medio
Evo, che aveva derivato dalla ricca Germania tesori d'erudizione
per l'Italia immiserita, che aveva scritto volumi, non solo grossi
ma belli. Povera gente! di cui non si parla mai nei giornali, e
non si parlò, per esempio, in una recente disputa sul decadimento
della letteratura italiana, perchè non scrive romanzi. Ebbene quei
professori, giovani allora dal più al meno, molto amarono lei, on.
Martini, per quella sua fiducia, alla quale risposero come poterono.
E meglio avrebbero risposto, se la fiducia fosse stata — ma non era a
lei lecito concederla — più piena. Non le era lecito, perchè sa quale
e quanta avrebbe dovuto essere quella fiducia, per fruttare? Tale
e tanta: «Cari amici, eccovi regolamenti, programmi, orari, leggi e
decreti: bruciate tutto e rifate tutto!»

Sicuro! e noi avremmo rifatto tutto. Che meraviglia? È superbia, se
un calzolaio si assume di far nuove le scarpe che gli si portano
a rattoppare? meraviglia, se le fa? In vero io, e, credo, tutti
gl'insegnanti d'Italia, abbiamo _in pectore_, i nostri bravi orari,
regolamenti e programmi; e quelli tra noi che non sono già vecchi,
avranno probabilmente agio di decretarli e promulgarli. Sì; perchè è
impossibile che lo Stato pensi ancora per molto tempo ad essere, con
tanti altri grattacapi, il gran Preside dei Licei e il gran Direttore
dei Ginnasi, e, con tante spese, a pagare, quasi senza alcun rimborso,
l'istruzione professionale, e a pagarla, con tanto nuovo fervore
d'uguaglianza e di giustizia, quasi soltanto ai figli di quelli che
la potrebbero comprare coi loro danari. Il giorno in cui lo Stato si
libererà di questa briga, oh! sarà un gran giorno per gli spiriti
alacri, vigorosi, impazienti d'Italia! Io ho pensato (se non sarò
prima andato nel paese ricco di zolle con la donna bianco vestita),
quali saranno i miei compagni; gentili sacerdoti dell'Ideale; lassù,
a cavaliere di quella piccola, antica città, piena di memorie e di
sogni; le cui campane nell'ora del tramonto echeggiando nella valle
sembrano, udite di lassù, persuadere blandamente i vivi a ritirarsi,
a chiudersi, a dormire nelle belle case bramantesche, perchè dalle
necropoli etrusche e romane possano i morti due o più millenni prima
uscire senza timore a godersi il fresco della notte ambrosia. Il Liceo
o Ginnasio (ci decideremo per uno de' due nomi: uno è di troppo), su
quell'altura, pare il tempio di Minerva, che videro gli esuli d'Ilio,
prima apparizione di culto umano, in alto, tra quell'oscuro succedersi
di colli sotto la caligo mattinale... Non ricordate? Quattro cavalli
bianchi macchiavano il verde d'una prateria; e quegli stranieri
gridavano (la voce arrivava fioca e come stanca tra lo sciacquìo
del mare), gridavano, e c'era un bel vecchione tra loro: _Italiam!
Italiam!_

Il mio Liceo somiglia dunque a quel tempio, ed è la gemma della città,
ed è l'orgoglio e la gioia de' buoni cittadini, che vi vengono a
passeggiare intorno, nelle belle sere, per il grande viale di platani
e pioppi, scansandosi qualche volta rapidamente avanti la corsa di
due giovinetti, che fanno la ginnastica a modo loro e mio. E... come
vivremo, compagni miei? Meglio d'ora, molto meglio. Quando si parla di
scuole secondarie si sdrucciola sempre a ragionare di stipendio. Ecco,
io vorrei che non se ne parlasse e non se ne fosse parlato mai; ma per
altro un ragionamento in proposito l'ho fatto anch'io; ed è questo, e
credo che torni: se si considera e somma il valore proprio (che si deve
indurre, detraendo quello che si ha a detrarre, dall'utile che recano)
delle licenze ginnasiali e liceali d'ogni anno, si trova che fanno
un totale molto molto molto superiore al danaro che lo Stato sborsa
per paga a chi insegna e per altro. Sicchè in verità lo Stato è bensì
generoso coi discenti, ma a spese dei docenti. Vivremo dunque meglio,
cari compagni. E i poveri? Gl'ingegni sfortunati? Non dubitate: li
sapremo bene scovare noi, nelle soffitte e nei tuguri, questi ingegni
sani, semplici, primitivi; e quando li restituiremo con l'agiatezza
e la gloria alle loro mamme piangenti di gioia e di riconoscenza,
troncheremo i dolci loro ringraziamenti, con i nostri, spiegando come —
il suo caro ragazzo, signora, coi suoi ottimi successi ci ha chiamati
tanti nuovi alunni, che, non per farle torto, ma possiamo consegnarle
una buona sommetta, guadagnata da lui stesso, per i suoi primi passi
nella carriera... — Così diremo, e il nostro cuore sarà beato.

Ma ho divagato di nuovo? No, perchè questo volevo dire, on. Martini,
che, siccome nelle nostre scuole classiche avremo allora anche il
sanscrito, e leggeremo Kâlidâsa, e ci inebbrieremo delle musiche de'
Kinnara e de' Gandharva, noi ora vorremmo che, per una ragione o per
un'altra, non si pregiudicasse l'avvenire, togliendo ora o rendendo
facoltativo il nostro greco. Rendendo facoltativo! Ma ci ha pensato
abbastanza alla stranezza di questa idea? Ma non è tutto facoltativo lo
studio? Chi obbliga?... Noi, si risponde: sì, noi obblighiamo i nostri
giovani a procacciarsi un certo tipo e una certa dose di cultura,
quale ci pare adatto e sufficiente per entrare nelle Università. Ora
il greco non ci pare necessario, per tutti. Sta bene: ma perchè tanta
premura, tanto rovello, tanta insonnia, direi, a ciò che i giovani
se la procaccino questa cultura, col tipo e nella dose richiesti?
L'insegnante ha un gran registro, dove sono segnate a ogni momento le
pulsazioni di codesta cultura: sette, otto, cinque meno, cinque più.
Badate, tastate a ogni quarto d'ora, abbiate sempre tra le dita i polsi
giovanili. Adagino con la roba nuova: interrompetevi, provate. Ogni
due mesi o ogni mese (secondo ministri) rivista generale: l'uno dopo
l'altro passino tutti (trenta o quaranta in ogni scuola) avanti il
sig. professore, e ripetano il poco che egli ha potuto dire di nuovo, e
mostrino — di settimana in settimana, di mese in mese — quali progressi
hanno fatto «nella difficile arte del comporre». Alla fine dell'anno
scolastico, il professore compulsi i suoi registri, sommi e divida,
dopo aver di nuovo tastato, interrogato, rivisto: cinque e tre quarti,
può dar l'esame; cinque e un quarto, non può. Poi, esame di primo
appello: quindici o venti giorni passati in rivedere, interrogare,
tastare: sei, idoneo; cinque, non idoneo. Poi, di lì a tre mesi,
esami di secondo appello: altri quindici giorni buttati a tastare,
interrogare e rivedere. Perchè perdere tanto tempo? Donde tanta premura
minuziosa, seccante e dannosa a forza di voler essere amorevole? Lo
imaginate voi il buon legnaiolo che ha uno o due apprendisti, il quale
non seghi e non pialli, si può dire, più, per esaminare mese per mese,
giorno per giorno, ora per ora, i progressi de' suoi due garzoncelli
nel segare e nel piallare? Poveri bimbi! Por loro sono pedate, se non
imparano, e anche quando imparano; e apprendono guardando e imitando,
e se apprendono, buon per loro; se no, a casa o a un altro mestiere!
Perchè tanta pietosa cura per i nostri giovinetti delle scuole
secondarie, che sono in fin dei conti professionali e non altro; per
i giovinetti fortunati anche nel resto, che hanno tiepida, per lo più,
la casa e abbondevole la mensa? Cura pietosa che non fa poi alcun bene
a quelli per i quali pare necessaria, e porta infinito male ai pochi o
molti pei quali è superflua. Quanto sarebbe meglio fare che tutti gli
orari, programmi e regolamenti riuscissero nel loro complesso a questa
«orazion picciola»: Cari giovinetti, quando eravate nelle elementari,
noi vigilavamo su voi, perchè imparaste: vigilavamo, sì, per il vostro
bene, ma ora possiamo confessare che quel vostro bene si confondeva
col bene nostro, con quello di tutti. Ora le cose mutano. Voi studiate
principalmente per voi. Non diciamo che alla società non sia per
venire utile e onore dai bravi medici e dai bravi ingegneri; ma i bravi
medici e i bravi ingegneri non mancano alla società mai, perchè ci sono
sempre quelli che diventano tali per loro irresistibile inclinazione
contro tutti gli ostacoli, oltre ogni eccitamento. Che ce ne siano
quaranta invece di venti, è sì un bene grande, ma non necessario:
i venti lavorerebbero per quaranta, se rimanessero in venti. Dunque
noi faremo a meno di esortarvi e di vigilarvi; e far perdere il tempo
preziosissimo ai pochi o molti che vogliono riuscire e provano immenso
diletto nello studiare oggi e proveranno domani grande utile e gloria
nell'esercitare; e diminuire così anche il frutto e l'onore che la
società può ritrarre da loro; per tener dietro agli altri, molti o
pochi, che vogliono essere pregati e ripregati (carini!), lisciati,
accarezzati, per far cosa non utile che a loro stessi. Somigliano
questi ai bimbi che fanno le bizze e vogliono mangiare senza aprir la
bocca. Or bene, noi non siamo mamme, nè sopra tutto mammine tenerine,
che con le moine si mettano attorno a quella boccuccia per farla
aprire, nè infine così irragionevoli e crudeli, che, a tavola (la
scuola è un convito), facciano freddare la minestra agli altri, non
permettendo loro di cominciarla finchè non si sia deciso di assaggiarla
il bimbettino. Avete dunque tutti facoltà di studiare, libertà di non
studiare. Fate voi, chè fate per voi». Ma che assurdo è questo che nel
mercato ci sia chi offre per una certa somma un certo numero di cose —
greco, latino, matematiche, filosofia — e il compratore dica, che sì,
il prezzo gli va e la merce gli torna, ma delle cose ne vuole una meno?
Passiamo che quella sia cosa di cui non sappia che farsi. Ma via! porta
a casa anche quella, chè tu non abbia col tempo a sentirne la mancanza;
e a ogni modo non danneggiare gli altri compratori, che possano già
vederne l'utilità, e vedano in tanto i mercatini riporre e certo non
fabbricar più nè portar più in piazza la giunta mal gradita! E se
questa «giunta» non fosse poi tanto da buttar via? Se questo «greco»
non fosse poi tanto inutile?

Ma questo, onor. Martini, lo dice anche lei, che è utile, utilissimo.
O dunque? Ma lo crede meno utile che il resto. E anche tra il resto
c'è il meno e il più utile, non è vero? Per esempio, il latino è delle
discipline che avanzano, tolto il greco, la meno utile. Come no? Non
sa lei che il latino, senza greco, s'intende poco, sì come lingua,
sì come letteratura? Dirò meglio: si frantende. Pensi, onor. Martini,
allo pseudo-umanesimo succeduto all'umanesimo vero, pensi al latino de'
seminari (ora si vanno rimettendo), pensi la goffaggine di quell'arte,
la nullità, falsità e cecità di quella critica! Sapevano il latino quei
maestri d'umanità e retorica? A ogni momento ce li ricordano per farci
vergognare della nostra ignoranza; e non è vero che lo sapessero, quel
loro latino campato in aria, solo solo, pieno di licenze e bizzarrie,
che essi ammiravano, ne' suoi scrittori, per partito preso, per
astio, si può dire, alla modernità. Senza il greco non si capisce la
differenza in latino tra poesia e prosa, e tra prosa d'uno e prosa d'un
altro. Senza il greco, il latino è possibile saperlo, come (io cerco un
paragone per dispensarmi dal dimostrare io ciò che tutti gl'intendenti
dànno per dimostrato), come sapere scrivere senza saper leggere. Senza
il greco dunque il latino non può sostenersi. Ed ella lo sa di certo,
che l'uno porterebbe via l'altro e che Omero ritornerebbe con Virgilio
a braccetto nell'asfodelo prato; sebbene... Sebbene, mi ricordo,
tra i cari giorni passati per sua benignità in Roma, una sera bella
tra tutte e un conversare più d'ogni altro memorabile. La sera del
banchetto, ella ci disse: Altro che greco! si tratta di difendere il
latino minacciato anch'esso, e come! E io pensai che tanto fosse come
in un incendio gridare che bisogna salvare il primo piano e che perciò
si deve abbattere il pian terreno. E potevo anche aggiungere, venendo
da lei, così autorevole, la proposta dell'abolizione, che lei, proprio
lei, appiccava fuoco al pianterreno appunto per salvare il primo piano,
il quale, s'intende, senza quell'incendio non avrebbe corso altri
pericoli. Ma l'aggiunta sarebbe stata ingiusta, perchè è vero, pur
troppo vero, che da molti, da troppi, si parla contro il greco e contro
il latino. E contro l'antico italiano? contro Dante? Eh! io non vedrei
davvero con quali ragioni si potesse difendere lo studio della Divina
Comedia contro chi avesse costrette alla fuga l'Eneide e l'Iliade.
Non sarà certo la teologia scolastica che le parerà i colpi degli
utilitari: nè le otterrà grazia presso i pietosi della giovinezza la
sua relativa facilità. Oh sì! Destinate due fanciulli, di pari ingegno
e voglia, uno all'Iliade, l'altro alla Comedia: giungerà prima quello
a intendere l'ira d'Achille, nel testo greco, attraverso il Curtius
e lo Schenkl, che l'altro a seguire Dante nel suo viaggio dalla selva
selvaggia alla divina foresta, e da questa all'empireo.

Un paradosso? No davvero. Piuttosto è una asserzione gratuita quella
che il greco si apprende difficilmente e che in realtà nelle nostre
scuole non si apprende. I principii trovano il giovinetto quasi
sempre curioso, voglioso, animoso. Li impara, generalmente, bene, e li
ricorda con una fedeltà mirabile. Ma è vero che i suoi passi non sono
sempre così lunghi: presto è costretto (dico, costretto) a pestare
le sue orme. Come mai? Mancano nelle nostre scuole certi strumenti
necessari. E li fabbricheremo, stia certo, onor. Martini; se ci darà
tempo. Ma intanto mancano: manca, per esempio, una collezioncina ricca
e svariata di scrittori con apposito vocabolario per il passaggio
dagli ormai frusti esercizi dello Schenkl e d'altri a una lettura più
larga. Già negli esami della quarta e quinta ginnasiale noi non ci
accorgiamo di proporre a quei poveri giovinetti un logogrifo piuttosto
che un tema, una tortura più che un logogrifo, un'assurdità crudele.
Dobbiamo provarli nella grammatica, ed esigiamo che ci rispondano
in lessicografia. Essi si scervellano, con effetto, per lo più, di
nostre ignoranti risa, non a definire quale caso sia di quel nome e
quale tempo di quel verbo, ma a rintracciare fra trenta o quaranta
significati di una parola, quale sia quello che si adatti a ognuna
delle parole del tema e che non contrasti a quello della precedente
e della seguente, che è anche esso da rintracciare in due colonne di
un vocabolario usato e veduto forse quel giorno per la prima volta.
Quella è la prova che dà il primo scoraggiamento, quasi un disinganno,
al piccolo alunno. Il quale cambia spesso poi lo scoraggiamento in
disgusto e in odio, per molte ragioni che non tutte dipendono da lui,
e delle quali la più grande è quella, che di una lingua e di una
letteratura vissuta per quasi due millenni e mezzo con tante forme
e con tante differenze da dialetto a dialetto, da genere letterario
a genere letterario, da scrittore a scrittore, noi non sappiamo o
non abbiamo saputo finora circoscrivere a mano a mano i periodi da
studiare, e fornire a ciò i sussidi necessari. Ma li forniremo: intanto
si è incominciato. Con tutto questo, i giovani che escono dal Liceo
sapendo almeno tanto di greco quanto sanno di latino, non sono pochi; e
non sono rari quelli che lo ricordano poi almeno quanto la filosofia e
la matematica; e nelle facoltà letterarie è più facile trovare chi si
dedica al greco che chi si dia al latino e forse all'italiano; il che
è segno non sempre e non solo di una maggiore genialità persuasiva e
attrattiva nel professore di greco all'università sopra gli altri suoi
colleghi, ma anche di maggior frutto e di maggior diletto trovato in
quello studio dall'alunno nelle scuole secondarie. Creda, on. Martini,
che prima di cedere per cotesta ragione al decreto demolitore del
nostro greco, noi pretenderemo una perizia comparativa. Se il greco si
deve abolire perchè non si sa, cioè si sa poco dai più, noi domanderemo
quale altra materia si sappia molto da questi molti o da questi troppi.
La matematica? la filosofia? la fisica? l'italiano? Eh! via!

Di questo palio di ciuchi non daremo lo spettacolo, suppongo, e ci
appiglieremo ad altre ragioni e ad altri sistemi. Che la cultura sia
più intensa e più semplice, è desiderio comune. A proposito, che cosa è
questa cultura? Confesso che non ne ho avuto sempre idea chiara: adesso
mi pare che ella debba essere il preparamento dello spirito a ricevere
non solo una istruzione speciale e professionale, ma anche, e più,
ogni seme ideale, che sparga la scienza e l'arte. Nè si tratta solo di
fornire estimatori all'arte e propagatori alla scienza (sebbene, se
solo questo fine si raggiungesse, gli scrittori italiani potrebbero
vendere i loro libri in Italia!), ma di tener pronto il terreno ai
germi, che il genio dell'umanità semina, passando come una meteora, a
capriccio: ai germi che sbullettando e sfronzando diventano le grandi
opere d'arte e le grandi scoperte scientifiche, mirabili sempre non
tanto a vedere quali elle sono, quanto a pensare come e donde elle
nacquero.

Bene: questa cultura è dunque ben necessaria, se si vuole che l'Italia
ricominci a dare anche lei le vegetazioni singolari di cui sono così
feraci le altre nazioni e le altre razze. Semplifichiamola dunque
pure, se semplificare vale migliorare. Si dovrà per questo togliere il
greco? Strano, cominciare da quella lingua che fornisce il linguaggio
a tutte le scienze, da quella letteratura, che procaccia ispirazione e
dà norma e regola a tutte le arti, da quello spirito che anima ancora
del suo primo impulso, già così lungi, il pensiero umano! O non sarebbe
meglio provare, niente più che provare, con altro? Prima di tutto si
potrebbe diminuire l'orario delle lezioni, cessando d'insegnare quello
che si suole imparare da sè e non si può imparare se non da sè. Ci sono
complessi di cognizioni cui l'industria degl'ingegni moderni presenta
in giornali e libri con precisione, diremo, uguale, con chiarezza
uguale, se si vuole, e con ampiezza e allettamento molto maggiori
di quelli con cui possa presentarli un povero professore che ha due
polmoni soli e insegna quando vuole l'orario e non quando lo scolare
è più disposto ad attendere e intendere. Si pretenda che i giovani
li abbiano, tali complessi di cognizioni, si dia loro anche qualche
utile avviso in proposito, si forniscano loro biblioteche sufficienti
a questo fine, e si veda ogni anno, ogni tre anni, ogni cinque anni,
ogni quanti anni vi pare, se li hanno acquistati e conservati: ma non
si facciano perdere loro nell'ascoltare dall'insegnante, nel riudire
dai compagni, nel dire alla loro volta una piccola parte di quei
complessi, tante ore quante agli occhi rapidi e alla mente raccolta
basterebbero per acquistarli e capirli tutti interi. Per questo verso
dunque c'è da semplificare, e non importa che io dica in quante e
quali discipline. Ma ce n'è una, tra esse discipline, alla quale chi
comanda, vorrebbe dare sempre più ore e lavoro, per la quale invece e
il lavoro e le ore potrebbero essere diminuite. È l'italiano. Prima
di tutto quel famoso esercizio di comporre a che cosa è diretto? A
fare degli scrittori? Gli scrittori, degni di questo nome, che hanno
cioè uno stile, vale a dire una individualità, una ragione di essere
chiamati scrittori, sono necessariamente «autodidatti». A dare l'abito
del pensiero e del ragionamento? Ma a ciò non servono forse meglio
le scienze che s'insegnano, dalla filosofia alla matematica o dalla
matematica alla filosofia? E si badi che questo esercizio del comporre
è propriamente in contrasto o almeno non è mai d'accordo con le dette
scienze ragionative. Domando io ai miei bravi colleghi di italiano, se
pur assegnando spessissimo temi di etica e di politica, si accorgano
mai che i giovani scrittori hanno appunto un altro maestro per
provvederli d'idee e agguerrirli di ragionamenti in proposito a tali
temi. Domando poi ai miei bravi colleghi di filosofia, se hanno mai
trovato un professore d'italiano che non abbia respinte, riempiendole
di segnacci e di punti ammirativi, le pagine delle loro lezioni che i
poveri alunni (caso strano, perchè gli alunni non se ne accorgono quasi
mai, che un tema filosofico loro assegnato è filosofico di quella tale
filosofia che insegna appunto il professore di filosofia) abbiano,
i poveri alunni, trascritte, per rispondere al tema del professore
di italiano. E quante altre domande farei se potessi dilungarmi. Chi
può accorgersi mai, leggendo un «componimento», che il suo autore è
istradato a osservare e conoscere la natura, dai professori di storia
naturale e di fisica? Quando mai vi apparisce un argomento matematico?
Anche la storia, che pure vi fa capolino, è generalmente solo quella
dei rapporti tra le vicende politiche e le letterarie; storia così
arbitraria, falsa, convenzionale, appassionata, noiosa, che nulla più.

Dunque, semplifichiamo, semplifichiamo! Smettiamo di oltraggiare nel
tempo stesso la scienza e l'arte, di collare ogni settimana buoni
ragazzi, invitandoli a dimostrare (niente meno nel secolo di Darwin!)
con ragionamenti ed esempi (sì deduttivamente e sì induttivamente,
come Platone e come Aristotele) la verità di... un assioma. Chè per lo
più è un assioma, e più è chiaro e indimostrabile (per quanto in tal
proposito non sia luogo a più o meno), più il tema pare bello e adatto.

Toccano quindi per lo più questi temi chiari ai bimbetti delle prime
classi del ginnasio, i quali se la cavano ripetendo prima l'enunciato,
poi negando il suo contrario, quindi interrogando in forma positiva e
forma negativa per ribadire che l'enunciato è vero e il suo contrario
è falso; dopo di che vien la volta dello esempio: Viveva nei contorni
della Toscana una famiglia composta di padre e madre e un figliuolo
chiamato Luigi... Nè solo l'esercizio di comporre è troppo, per non
dir di troppo, in questa forma. Dall'orario dell'italiano si può
sottrarre tutto il tempo che si dà alla lettura in iscuola dei libri
o supremamente dilettevoli o supremamente noiosi. I primi lasciateli
godere al giovinetto liberamente, in casa, nelle ore in cui la sua
mente apre le ali; gli altri rimandateli ai topi di biblioteca, che se
li rodano.

Del resto io dico di semplificare e non di restringere. Io non intendo
una ragione che per molti è la massima e forse l'unica. Vogliono questi
meno ore, meno materie, punte lingue difficili, punte materie astruse,
perchè la salute dei giovani ci patisce. Quanto a questo, bisogna, cari
babbi e care mamme, rassegnarsi. Sapete dell'Aedo, cui la Musa, amò
sopra tutti? «Degli occhi bensì lo privò, ma gli dava l'arguto canto».
Così è, presso a poco, per tutti quelli cui la Musa, la dea d'ogni
scienza e di ogni arte, ama, per poco che ami. Non li accecherà a
dirittura, ma li renderà, presto o tardi, più o meno, miopi. Ben altro
fa la Terra, che pure è madre, di quelli che zappano la sua corteccia o
frugano le sue viscere! Ed ella dà il dolore senza adeguato compenso,
nè ideale nè materiale. E i vostri figli, il compenso, l'hanno, e
qualche volta insigne, e spesso superiore ai loro meriti: e non si
dà quasi più il caso, per lo studio, di divenire gobbi, come si dà, e
senza che ne facciate troppi lamenti, per la bicicletta.



UNA SAGRA


In mezzo a una settimana di lotta e di passione[39] cominciano, o
giovani dell'Ateneo Messinese, le vostre feste. Tra il fragore della
battaglia, che si combatte per tutta l'Italia, nessuno forse bada
al vostro inno sommesso, che s'inalza in disparte. Forse v'è a chi
spiace questo remoto scampanìo che festeggia una sagra mentre intorno
imperversa la mischia. È una chiesa, per così dire, che non sembra
accorgersi d'essere in un grande campo di battaglia, e manda, tra
le grida e i gemiti e gli scoppi e gli squilli, il suono della sua
modesta e segreta esultanza. O forse ad alcuno tocca il cuore, quel
suono, e riconduce il suo spirito convulso e irritato alle placide
memorie della prima giovinezza. Oh! anni senz'odio! oh!
ingenui fremiti di guerra contro nemici che non si vedevano e non
si credevano e non si volevano! oh! sogni di vittorie, in cui fosse
il vincitore, sì, cinto di fiori e di luce, e il vinto non fosse!
Chè questa del giovane è la divina, o diciamo, umana contradizione:
dominare, ma che nessuno sia servo; godere, ma che nessuno pianga per
la sua gioia! A qualcuno dunque può giungere con un senso di dispetto
la vostra appartata esultanza; a qualcuno forse, con una punta di
rammarico. A me fa l'effetto... perdonate l'umile paragone... del lume
che brilla, in una sera di temporale, all'impannata d'una casipola di
pescatori. Scrosciano i tuoni, mugge il vento, infuria il mare: in quel
tugurio brilla quel lume. Per il temporale non si pesca. E i pescatori
racconciano là dentro, conversando tranquillamente tra le convulsioni
del cielo e del mare, le reti per la pesca del domani.

Chè del domani, o giovani, io voglio parlarvi. Della nostra Università
nobili ingegni hanno scritta la storia e la cronaca. Voi la sapete,
questa cronaca e storia, che non è senza glorie, ma conta certo
più traversie che glorie. Una bolla papale fondava lo studio nel 16
Novembre 1548, un bando nel 29 aprile del 1550 (tre secoli e mezzo fa)
ne annunziava l'apertura.

Così fu accesa la fiaccola che languì sulle prime, combattuta da venti
contrarî, e poi divampò risoluta nel secolo decimosettimo,
e parve spenta nell'ultimo quarto di quel secolo, e a metà del secolo
seguente diede qualche guizzo, mostrando di non essere ancora spenta
del tutto, e ricominciava nel 1829 una nuova vita, e il 19 Marzo
1885 brillava come non mai, preparandosi a gettar la luce nel remoto
avvenire. Tra ottantacinque anni, o giovani, pensate (io non voglio
essere profeta malauguroso), qualcuno tra voi berrà ancora il dolce
lume: lo berrà in un calice tremulo, ne verserà molto, ma qualche
stilla pur ne berrà. Questo, forse unico, avanzato alla commemorazione
nostra secolare, questo vecchione, questo patriarca, il quale ora da
non so qual angolo sgrana su me i suoi occhioni di fanciullo destato
all'improvviso, ebbene, assisterà, questo decrepito, tremolante nel
capo e nel viso di piume candidissime, a quello che allora si chiamerà
il primo centenario della vera fondazione dell'Ateneo.

L'Ateneo, o giovani, è ancor più giovane di voi! Quel patriarca udrà in
quella lontana celebrazione, udrà appena con l'orecchio illanguidito,
pronunziare qualcuno de' nostri nomi; e, oda o non oda, sembrerà con
lo scrollìo continuo del capo antichissimo assentire a tutti quei
nomi, con un cenno benevolo di ricordo e riconoscimento e forse lode
o forse pietà. E il cenno così benevolo lo farà certo per il nome
del _vindice_, per il nome di Giuseppe Oliva (allora non
si dirà più _commendatore_), di Giuseppe Oliva che propugnò e ottenne
quel mirabile concorso del Comune, della Provincia e della Camera di
Commercio, per il quale il nostro Ateneo nacque piuttosto che rinacque.
Chè l'Ateneo sorse, o risorse (non dimentichiamo!) da un impeto d'amore
e d'orgoglio e di fede cittadina. E noi, lettori e studenti, non
dobbiamo dimenticarlo mai; e giustificare quell'impeto e assecondare
quell'orgoglio e rispondere a quella fede, sì che, in quel primo
centenario della risurrezione, quel bianchissimo vecchio, che ora freme
tra voi del brivido della vita nuova, senta passare sul capo, già sacro
alla morte, il soffio delle cose immortali.

Pensiamo all'avvenire. Il nocciolo d'olivo è deposto nella terra.
Pensiamo al molle liquore di pace che si spremerà dall'albero, quando
anche esso non debba che governare la nostra lampada sepolcrale.
Secondo l'ingiuria che spesso mi si fa, di chiamare «poeta» me lettore,
che torna a dir buon musico un condottiere d'esercito; secondo questa
ingiuria, che io tollero in pace, perchè ve n'è di peggiori; per
esempio, quella di chiamarlo carnefice, un condottiero, e pedante, un
lettore; secondo quella placida ingiuria, io sarei dunque, o giovani,
molto idoneo a quest'uffizio di indovino. In verità il poeta è o
dev'essere l'uomo che non vive se non nel futuro, il cui
mietere è il seminare stesso, e che gode il rezzo degli alberi che
pianta e che non adombreranno se non la sua tomba. Oltre tomba è la
sua vita e la sua ricchezza e la sua gioia, se il poeta è poeta, e non
modista, non cercatore di plausi e lusingatore di passioni; s'egli è
la voce nuova che cerca i cuori dove echeggiare; i quali non sempre o
non mai trova nel suo tempo; se non è l'eco, moltiplicata e compiacente
e artifiziosa delle grida che già sono nelle bocche, e che sono le
solite, e non sono sempre le buone e le vere. Io sarei dunque, se
fossi un vero poeta, idoneo all'uffizio di esploratore e narratore
dell'avvenire. Proviamoci, a ogni modo.

Ecco: prima di tutto, e qui la poesia non c'entra, il presente mi
spaura. In questi giorni due Stati europei in Africa danno gli ultimi
tratti, e sono per spirare dopo una lunga guerra. Chi li uccide? Chi
usa sino all'ultime conseguenze il diritto del vincitore? Il popolo
sino ad ora vindice di tutte le libertà, assertore di tutti i diritti.
Pure, si dirà, al vinto rimarrà la sua autonomia amministrativa,
rimarranno le sue tradizioni nazionali, rimarrà quel vero fuoco di
Vesta, che è la lingua. Il popolo inglese, si dirà, non conquista
all'usanza d'un altro, non dirò popolo, ma impero, che ai popoli che,
non dirò vince, ma soggioga e opprime e calpesta, confisca e la lingua
e la religione e il nome. Giova sperarlo. Ma un fatto che
sembra piccolo e che s'avvera vicino a noi e a spese nostre, limita la
mia e la vostra speranza. Eccolo. Nell'isola di Malta tra quindici anni
(e magari si promette di prorogare questa data) la lingua ufficiale
sarà quella del popolo (ma è bell'ora di dire impero anche qui), quella
dell'impero che occupa l'isola.

M'ingannerò; ma s'è aperta nel mondo una lotta, oltre le tante
altre che già ci sono, una lotta presso cui le già antiche degli
imperi orientali, e poi di Roma latina e poi di Roma, per così dire,
germanica, sono un nulla. Si stanno edificando delle Babilonie e
delle Cartagini e delle Rome, mostruose, enormi, infinite. Esse
conquisteranno, assoggetteranno, cancelleranno, annulleranno, intorno
a sè, tutto, e poi si getteranno le une contro le altre con la
gravitazione di meteore fuorviate. Che sarà di noi? Perchè ciò a me
sembra fatale e necessario; come, in un altro ordine di cose, altro
fato e altra necessità mi apparisce. Questa. Le ricchezze gravitano a
trovarsi insieme nel medesimo tesoro. Il campicello è assorbito dal
campo, il campo dalla tenuta, la tenuta dal latifondo, e via via.
Intere nazioni, sto per dire, sono espropriate della loro proprietà
fondiaria. Ahimè chi possiede i campi della terra Saturnia madre di
biade e madre d'eroi? Li possiede il creditore ipotecario. E questo chi
è? È generalmente anonimo, ed è un creditore collettivo. Ma
a poco a poco, questa collettività si riduce e semplifica; i più forti
ingoiano i più deboli: verrà tempo, in cui si potrà dinotare per nome
l'unico possessore di tutto il mondo: un tiranno al cui servizio è un
genere umano di schiavi.

Verrà tempo... Verrà davvero? Oh! non è possibile! Eppure sembra
fatale e necessario, come la progressione geometrica. Ma sarebbe
inconcepibile! E sì. E perciò il genere umano, quello almeno che
intravede se non prevede, rilutta disperatamente, come chi precipita
per un pendìo ancor dolce verso un abisso infinito, e si aggrappa a
ogni cespuglio che incontra.

Il genere umano precipita verso l'abisso della monarchia unica e del
possessore unico. Si presenta ai nostri occhi l'orribile visione della
galera terraquea in cui tutti gli uomini lavoreranno meccanicamente,
parlando, o a dir meglio tacendo, in una sola lingua, ubbidendo al
cenno invisibile del solo despota che impera nella unica Babilonia.
Ma il genere umano rilutta, in ogni modo, con ogni suo sforzo. Lo
sforzo più grande è di coloro che dicono: Se le ricchezze tendono
ad accentrarsi, lasciamole accentrare e mettiamole a disposizione
di tutti. A parer mio, il loro programma è ben semplice. Il mondo (o
diremo, il capitale) tende, pende, scende a essere d'uno? Sia di niuno,
cioè di tutti. Bene. Ma è possibile scindere questo problema
dall'altro? L'un problema è evitare che le ricchezze si accentrino in
pochi sin che vadano a finire in un solo Moloch. L'altro è evitare
che i singoli popoli siano assorbiti dai più forti sin che vadano a
finire in un solo impero. E lascio qui di trattenermi in questo campo
estraneo ai miei studii, se non alle mie angoscie, per dire e dire
alto, che logicamente quelli che repugnano a che la ricchezza sia
di pochi, devono repugnare a che i popoli più piccoli e più deboli
siano preda dei più grandi e dei più forti; e perciò, come nella lotta
economica, sostengono gli operai contro i padroni, e i meno ricchi de'
padroni contro i più ricchi, così nella lotta politica devono sostenere
le nazioni contro gl'imperi, e le idealità e tradizioni singole e
particolari contro le assorbenti ambizioni che già si mostrano come
le prime nuvole di un uragano, che livella, perchè distrugge. In
due parole semplici, e facilmente intelligibili a tutti, io, per non
concludere con un enigma, dico che io auguro come uomo all'umanità, e
come italiano e come tale che, secondo il suo dovere d'insegnante, ha
compito la catarsi d'ogni passione politica, all'Italia, l'avvento del
«socialismo patriottico»; d'una religione, dico io (vecchia o nuova?
In queste cose l'umanità fa da sè!), d'una religione che si annunzi
più e meglio con una lunga serie di fatti, di sacrifizi e
di martirii intimi, che con una fila, più o meno lunga, d'articoli di
fede o di scienza, d'una religione che abbia la sua ara massima per
tutta l'umanità, e le are minori per tutti i popoli, e le are anche più
piccole e forse più dilette, per ogni casa: are in cui non arda che un
fuoco: fuoco inconsumabile acceso da un amor solo.

In quest'attesa e speranza, qual destino sarà delle Università
nell'avvenire? della nostra in ispecie?

È fuor di dubbio ch'elle saranno autonome, o non saranno. L'Università
che emana dallo Stato, e dallo Stato è retta e diretta, è un meccanismo
dispendioso per fare avvocati e medici e professori uniformi, come
spilli e aghi, non è il grande e libero laboratorio del pensiero.
La autonomia non consisterà nella sola facoltà di amministrare da
sè le sue scarse rendite; ma si estenderà a ciò che tocca più da
vicino l'essenza stessa dell'Università: alla nomina, per esempio,
degl'insegnanti. Sarà la città e la regione, saranno gli studenti
stessi, che nell'interesse loro faranno la scelta migliore. E la
faranno, perchè di qui innanzi «non si farà di nòccioli»; non basterà,
voglio dire, agli studenti avere strappata una laurea a professori
indulgenti e compiacenti: occorrerà che da maestri seri e severi
derivino un'arte che valga alla vita e al decoro e all'onore. Non
saranno giudici dei meriti d'uno scienziato quelli che
professano la stessa scienza.

Vi sembra forse assurda questa previsione? vi sembra strano il dire
che ciò sarà bene? Rispondo interrogando: Vi sembra così giusto e così
naturale che il vasaio giudichi del vasaio e il fabbro del fabbro e il
poeta del poeta? Sin dai tempi remotissimi si riconobbe questo fatto di
debolezza umana:

    Figulo a figulo è nero, col fabbro ha ruggine il fabbro,
    l'ha col pitocco il pitocco, ce l'ha con l'aedo l'aedo.

Sono debolezze umane, ripeto; e tutti, se vogliono un consiglio sul
medico da chiamare, per un esempio, sentono che è meglio che consultino
un malato che sia tornato a salute, di quello che un altro medico.
Noi siamo abbastanza equanimi quando si tratta di portare avanti e
magari di glorificare quelli che sappiamo o crediamo nostri inferiori;
ma quando si tratta di pari? quando si tratta di superiori? Eh! via:
allora non ci sentiamo provvisti di tanta virtù, e ci sentiamo propensi
con tutto il cuore, tanto da essere ingannati sulla vera natura del
nostro sentimento, ci sentiamo propensi per il discreto ingegno e per
la attività discreta. Ma si dirà: Codesto caso, di giudici che debbono
giudicare ingegni superiori ad essi, è raro... Oh! io vi dico che, sia
o non sia raro, raro non deve essere. Sempre, in materia di
scienza, deve darsi questo caso! Noi vediamo che il mondo progredisce.
E il mondo non sarebbe progredito, se a mano a mano gli scolari non
fossero stati migliori dei maestri. E non progredirà più, se questa
vicenda non continuerà. Così è. Noi insegnanti, noi scienziati e noi
scrittori, nello stato presente delle cose, dobbiamo al progresso
dell'umanità due contributi: la nostra attività e studio e ingegno:
uno; la virtù di ravvisare e segnalare i migliori di noi, ai quali
consegnare la fiaccola accesa: e due. Non è troppo pretendere? Basti
l'attività e studio e ingegno; quanto a quella virtù, risparmiateci.
I migliori di noi, ravvisateli e sceglieteli da voi. Chè in fin dei
conti, a voi sarà più facile che a noi anche il ravvisarli. Noi abbiamo
per lo più la catalessi dello scienziato o dell'artista: malattia
originata dal guardare, fisso e sempre, un punto solo... E poi, da
codesto sistema di concorsi, possono venire altri guai. Già di per
sè la contenzione, la lotta, la guerra, che in tal modo si suscita ed
eccita, è un guaio tanto maggiore in quanto ella è, così, proclamata
necessaria in fatto e diritto. E no: nessuna guerra, nemmeno questa
così piccina, è necessaria, se non perchè necessaria la gridiamo
noi. Dacchè il genere umano s'è accorto d'essere trascinato da questa
forza, che è la lotta per l'esistenza, essa lotta ha cessato d'essere
ineluttabile. Può, sì, uno che è portato via da una forte
corrente, esserne perduto, anche dopo che se n'è accorto, d'esserne
portato e perduto; ma ella non è veramente fatale se non per chi non
se n'accorge nè prima nè dopo nè mai. A ogni modo, o voi dalla riva,
siete o crudeli o stolti quando gridate ai notatori: Non giova volere
e contrastare: lasciatevi andare! Il fatto è che il genere umano fa
da secoli e secoli (da assai prima che quella legge fosse bandita e
chiarita) sforzi _sovraumani_ contro questo fato ch'esso pretende sia
bestiale e non umano. Col promuovere e incoraggiare siffatte perpetue
risse tra gli uomini di studio e di pace, lo stato gode a provarsi di
far arretrare verso la bestialità quelli che sono più risolutamente
avviati verso l'umanità!

Ma via: si attenui col nome d'emulazione codesta gara; si affermi
ch'essa è per una ghirlanda di gattice, così poca cosa e grande onore:
io temo che il sistema dei concorsi porti ad annullare nel mondo
della scienza quella virtù che è sommamente necessaria, se non alla
salvazione eterna degli scienziati, alla vita e alla prosperità della
scienza: la virtù della modestia. Sto per dire che in un concorso a
tali alti uffizi, bisognerebbe nominare chi non ha concorso; chi s'è
tratto in disparte invece di mettersi avanti e dire: Io mi sobbarco;
chi si lascia pregare e ripregare per mostrare ai giudici il
poco o punto che ha fatto e che fa meravigliare altrui e arrossir lui.
Ma vi pare? Un lettore d'università a qualunque facoltà appartenga,
deve essere già filosofo: deve, cioè, già coordinare i suoi particolari
particolarissimi studi a un tutto organico. Chi esamina con la lente
la graffiatura d'un codice o scruta al microscopio l'intestino d'una
zanzara, deve già sapere in qual celletta della grande arnia esso,
come ape, ha da deporre il suo granellino di polline. Anzi no: l'ape
sa che a questa o quella celletta il suo granellino è buono. Non è
simile all'ape lo scienziato, e nemmeno allo scalpellino, che picchia,
sì, in disparte dagli altri sur una pietra che deve essere parte del
comune edifizio, ma ha da altri la misura e la forma. Lo scienziato è
come un lavoratore alla grande torre, che Nembrod lasciò a mezzo, e che
ora l'umanità continua a edificare verso, non contro, il cielo: egli
non può intendersela, sapete, con gli altri lavoratori: perchè il suo
lavoro sia utile, bisogna che, prima di cominciare, vada a veder da
sè l'opera tutta di tanti secoli e di tante mani e ingegni. La torre
di Babele?! direte voi. Sì; torre di Babele o di confusione, se ci
contentiamo di parole e se ci affidiamo ai discorsi, invece di andare
a riconoscere _de visu_ il pensiero, il quale, non si vede se non
dall'opera stessa, al punto in cui ora ella è.

Ora si rischia, coi nostri concorsi, di far perdere ai giovani la
conoscenza di tanta difficoltà e importanza d'uffizio, e la coscienza
della loro inferiorità al sublime compito. Si daranno essi a produrre,
prima d'aver cominciato o, almeno, prima d'aver finito di studiare. Non
faranno più studi, ma saggi, non più libri, ma titoli, non più opere,
ma contributi: soltanto saggi, titoli, contributi. O api operaie,
senz'arnia! O scarpellini rumorosi, senza fabbrica! E guai, se sia
per venir tempo in cui sembri più idoneo a insegnare e propagare una
scienza, chi vuol prevenirla e preoccuparla, che chi intende farsene
prima servo e poi padrone! Guai, se noi lasceremo che i giovani
s'innamorino prima della cattedra che dell'arte! Guai! Guai! Per
ora, non c'è che dire, tutto è andato bene; ma non bisogna, credo,
conservare un istituto che può finir male. A ogni modo il sistema non
sarà abbandonato per gl'inconvenienti che abbia presentati esso (non
se ne può, credo raccontare alcuno), quanto per i vantaggi che dà a
sperare l'altro: il sistema d'origine. Qui, come in tante altre cose,
sembra fatale il ritorno alle sorgenti.

Si tornerà dunque al sistema di origine. Quale e quanto ne sarà il
benefizio! Accennerò il principale.

Gl'insegnanti non voleranno, come ora è necessità per loro, a guisa
di spole, su e giù per l'Italia, ma si fermeranno nel
luogo dove tanto onore fu lor fatto e ivi formeranno la loro scuola
e stabiliranno una tradizione. Di più si creerà un magnifico collegio
di dottori, stretti alla studentesca e alla regione e alla città; che
si identificheranno, per così dire, con la natura e con l'anima di
quelle. Essi descriveranno la forma e la flora del paese, misureranno
e narreranno il loro mare e il loro suolo, studieranno il corpo e la
psiche del loro popolo, racconteranno di questo glorie e proclameranno
le necessità. L'Ateneo sarà la grande officina delle idee, sarà il
grande laboratorio delle esperienze, sarà il campo e la peschiera
modello, la scuola modello, l'ospedale modello, il... sì, voglio dirlo:
il parlamento modello. Lì saranno discussi i problemi, di lì saranno
illuminate le coscienze, di lì verranno, al popolo incerto, al popolo
che vagola nel buio, le designazioni politiche, non, come troppo spesso
succede, da un'anticamera o da una cassaforte. Arderà lì, o giovani
cari, il fuoco immortale che dia luce e calore, non incendio; di lì
sgorgherà la corrente calda di amore e di pietà, che feconda al bene
tutti i cuori più gelidi e nebbiosi, di lì usciranno i canti soavi o
eroici, le persuasive istorie, i libri austeri e gai che ammaestrano e
consolano, e migliorano.

Non ne usciranno, credete, soltanto avvocati o professori. Chè nemmeno
v'entreranno soltanto quelli che aspirano a essere professori
o avvocati. V'entreranno gli agricoltori per avere il consiglio del
miglior concime e del miglior aratro, vi entreranno gli operai a
perfezionare la macchina che li aiuta nel loro lavoro, vi entreranno
tutti quelli che hanno un dubbio, un cruccio, un odio, per trovare la
salute nella grande clinica, che non ha solo medici per il corpo, ma
veggenti per l'anima. Tutto il popolo vi entrerà... O a dir meglio,
sarà essa che si estenderà a tutto il popolo. Deriveranno da essa tutte
le scuole, tutti gli ospedali, tutte le officine, tutte le industrie
e coltivazioni del paese, ed essa, nel mezzo alla pacifica attività
che prese le mosse da un suo impulso, starà sempre aperta e sempre in
azione, migliorando e perfezionando sè stessa e i figli suoi.

Questo sarà il frutto della libertà. Ma mi direte, o giovani: Non
fu già profetato che le Università minori spariranno, quando saranno
lasciate sole alla lotta con le maggiori? Non è delle minori la nostra?
minore per età, minore per potenza di danaro? Io vi rispondo con
profonda convinzione che la nostra Università non è delle minori. Prima
di tutto, che vuol dire minore in fatto d'università? Quando in Messina
insegnava il Maurolyco o il Malpighi, di quale università era minore la
nostra?

Ma sia: meno di danaro porti con se meno di scienza. Bene:
ricordiamoci. Questa Università fu dai maggiori vostri domandata,
voluta, litigata, ridomandata, rivoluta, rivendicata, pagata e
ripagata, protetta anche con la forza, quasi a furia di popolo,
ostinatamente, violentemente: ciò quando poteva parer ragionevole
e paterno consiglio quello che già nel 1752 Carlo di Borbone dava a
Messina: «che rivolgesse il pensiero alle industrie e ai commerci»;
ciò quando nella desolante uniformità di principii e di metodi e di
fini poteva parere superfluo un Ateneo oltre quindici o sedici altri;
poteva anzi parere dannoso, nella esuberante fabbricazione di spostati,
che si faceva e fa nella patria nostra. Ebbene quando l'Università
sarà trasmutata in un cuore, che governi la circolazione della vita,
e dia lumi ai commerci e forze alle industrie, per non dir altro;
allora quelli che l'hanno pagata e ripagata senza averne un vantaggio
si ritrarranno quando il vantaggio lo possono avere? E poi è troppo
ben collocata questa Università, perchè si pensi mai a farla sparire.
Questo è il luogo dove si stringono due mani invisibili. È lo stretto
e, mi si perdoni il bisticcio, la stretta. Qui la penisola si tende
verso l'isola col suo selvoso Aspromonte; qui la Sicilia si protende
verso l'Italia col suo candido Faro. La Calabria e la regione Mamertina
sono le due mani, che l'Italia e la Sicilia si stringono: sono, se
volete meglio, le due labbra con le quali si danno un bacio d'amore
indissolubile.

Qui è il ponte, o giovani: e le teste di ponte, per dirla militarmente,
si fortificano. Ebbene l'Università è questa fortezza! E non cadrà
mai, se prima potrà per l'autonomia che è inevitabile, e poi se vorrà,
e vorrà certamente questa figlia della volontà ostinata de' vostri
maggiori, e poi se vorrà trasformarsi ed estendersi.

O giovani, io sto per dirvi cosa che vi prego di accogliere e meditare
nell'anima. È una specie di rimprovero che io dirigo, non a voi, o
nuovi della vita, ma a noi, a noi, quasi vecchi o già vecchi.

Ecco. L'Università si deve estendere nell'avvenire, ho detto. Ora
dico: Perchè non si è estesa per il passato? E aveva un grande compito
da adempiere e non l'ha adempiuto. Essa (io parlo delle università
in genere, in genere anzi di tutti gli studi che fanno capo, tutti,
all'università), essa, l'Università italiana, ha mancato al suo dovere;
ha lasciato commettere un delitto atroce. Voi sapete che l'Italia si è
estesa, se non si è estesa l'Università italiana. Migliaia e migliaia
di lavoratori ogni anno lasciano la patria. Vanno ad aprire strade, a
forar monti, a tagliar istmi per altri popoli, coltivano anche a coloro
i campi e badano gli armenti, come gli antichi ergastoli. Altri fanno
men nobili arti, non pochi tendono la mano.

In nessun luogo neanche dove sono in gran numero e da gran tempo,
sono trattati, oh! no davvero, come meriterebbero i discendenti del
più gran popolo dei tempi antichi e i cittadini d'una grande nazione
e gli artefici, spesso, della ricchezza di quelle nazioni nuove.
C'è oltre alla nostra Italia, o giovani, un'Italia errante, che è da
per tutto e non è in nessun luogo, una Italia faticante, un'Italia
veramente schiava, che spesso riceve oltraggi per giunta al salario,
per la quale spesso tace anche la pietà. O Italia divisa ed errante e
faticante e schiava e oltraggiata e tiranneggiata e derisa e vilipesa,
tu sei il nostro rimorso, perchè potevi essere il nostro onore e la
nostra ricchezza; e sei, invece, il dolore e persino qualche volta,
la vergogna! Sei il nostro rimorso. E intendo non dell'Italia stato,
non della borghesia italiana, ma della Università italiana, prendendo
questa parola come complesso di tutto ciò che s'insegna e s'apprende,
d'arte e di dottrina: l'Italia pensante ha tradito la sua sorella
povera: l'Italia lavorante.

L'ha reietta, l'ha lasciata partir sola, l'ha dimenticata colà, dove
la fame la balestrò; l'ha dimenticata colà, dove ella si trovò priva
di chi la consigliasse, ammaestrasse, guidasse, difendesse, ornasse!
Non dovevamo lasciarli partir soli, i nostri poveri emigranti! E
non dobbiamo lasciarli più partir soli, e dimenticarli soli. Ecco
la estensione universitaria che l'Italia doveva e deve sperimentare!
Giovani ingegneri che qui non avete che costruire, e medici che siete
troppi per i malati che nel paese della malaria e della miseria sono
pur tanti, e voi eloquenti e generosi intenditori e critici delle
leggi e dello stato e della società, e voi maestri di scienze e voi
maestri di lettere ed arti, là oltre i monti e oltre i mari, sono
i vostri fratelli che non hanno difesa e non hanno assistenza e non
hanno direzione e non hanno spesso più idealità e non hanno qualche
volta più rispettabilità, e non ottengono giustizia, e sono privi
della parola della patria lontana! Possibile che alle terre vergini
la grande colonizzatrice, che fu l'Italia, non abbia saputo dare che i
picconi? Io dico queste cose con la coscienza torba. Queste cose non si
predicano a parole, ma a fatti. Per queste cose non si dice: Andate,
ma: Venite. Io non ho quindi il diritto, di dirlo. Eppure... Eppure
quelli infelici che qui erano, se volete, servi, ma là, oltre i monti
e oltre i mari, sono iloti, cioè servi di stranieri, mi sembra che mi
accennino e mi chiamino. Anche me. Sì, io, cui s'imputa piuttosto che
si riconosca la più inutile delle arti, io che sono considerato qua un
disutile, là avrei avuta la mia missione e il mio fine: narrare quei
dolori e quegli strazi e quelle ingiurie: sommuovere qua i cuori che
obliano, e là consolare quelli che non obliano; e per la mia parte, che
può essere la parte d'ognun di voi, o giovani buoni e forti, piantare
i termini, là, delle nuove terre saturnie e fondare le nuove città
pelasgiche.

La nostra Università collocata sul mare e fra terre che danno tante
vite all'emigrazione, a me par destinata più d'ogni altra a compiere,
col mezzo de' suoi alunni, la riconquista dell'Italia nomade. E ciò
ha già cominciato. Un medico che di qui parta e vada là ad esercitare
la sua arte, è più benemerito del nome italico, che qualunque uomo di
stato, sia pure il più energico e il più previdente. Una nave che tra
gli emigranti lavoratori, abbia qualche giovane laureato, dalla fronte
pensosa e dagli occhi pietosi, porta a bordo la fortuna d'Italia.
Quella nave s'incammina a ben più umana e più durevole conquista, che
le caravelle di Cortez e di Pizzarro! Oh! l'ardente e luminosa Sicilia
deve restituire all'Italia i Mille che l'hanno aiutata a redimersi!
Salpino, quando che sia; e non importa se tutti insieme, e senz'altre
armi che di luce intellettuale, salpino i mille di Sicilia, e vadano a
soccorrere, a unire, a redimere l'Italia transoceanica! Chi sa: forse
un destino fulgido pende sul nostro Ateneo: egli è forse il _lido
di Quarto_ della pacifica spedizione. E chi sa: col tempo egli avrà
fondato di là dell'Oceano un istituto filiale e fraterno; e l'uno e
l'altro sarà lambito dalla medesima corrente ideale che fa germinare
i medesimi prodotti in latitudini diverse. E tra l'uno e l'altro
una corrente di giovani generosi andrà e verrà, che qua porti lo
spirito del rinnovamento e là rechi lo spirito della tradizione. Donde
s'inalzerà la ideale città del buon vivere su fondamenta solide, perchè
ella non crolli al vento come un edifizio fantastico, e in alto in alto
s'aderga, dove è l'aria pura d'ogni miasma e d'ogni perverso fermento.

Queste gioconde speranze mi ragionano nell'anima in questo giorno,
che ride pacifico in una settimana di lotta e di passione. Sono
queste speranze fondate su due facili previsioni: sulla previsione
che le università saranno col tempo, come tante altre cose, lasciate
a sè stesse, con tutto ciò che è ragionevole che conservino e che
acquistino; sulla previsione, che sempre più salda si farà l'unione
delle parti d'Italia. L'una previsione è conseguenza dell'altra.
Non c'è bisogno di legare insieme i fratelli, perchè si scaldino al
medesimo focolare e si assidano alla medesima mensa. Soltanto, brilli
nel focolare il fuoco, e fumi sulla mensa la vivanda! L'unione d'Italia
viene da necessità d'amore, non da fato di forza! E qui specialmente
si può bandire questa verità, in questa città che si è slanciata più
volte verso l'Italia, che ancora non esisteva politicamente, con eroica
impazienza; in questa isola, che diede, dalla nobile Palermo, il segno
dell'aurora italiana, con le sue campane; in faccia a quel lido Calabro
che portò primo quel sacro nome, e se ne ricordò sempre e sempre se ne
mostrò degno.

E voi giovani calabro-siculi avete pensato a questa verità, quando,
in tanta copia di persone più degne di me, tra tanta gloria di miei
illustri colleghi e vostri concittadini e maestri, avete scelto, a
inaugurare le vostre feste, me, benchè, anzi perchè non siciliano
o calabrese. E avete forse pensato che chi è stato adottato in una
famiglia, e, senz'obbligo alcuno da parte di lei, ospitato e amato, non
è generalmente quello che ricambia con minor affetto l'affetto della
sua madre d'elezione.

Cominciate, dunque, le vostre feste. Cominciate con un pensiero di
gratitudine per gli enti locali che conservarono questa sede di studi,
predestinata, se il cuore non mi inganna, a più alto avvenire; per
coloro che insisterono e insistono al fine che questa sede abbia ciò
che le spetta e ciò che le conviene, per i suoi diritti acquisiti e per
i suoi destini futuri.

Cominciate le vostre feste, rivolgendo un pensiero di fratellanza
ai vostri compagni e ai nostri colleghi delle due altre università
siciliane, che sono in ispirito con voi; ai vostri compagni e ai nostri
colleghi di tutte le università italiane, che lavorano al medesimo
vostro ideale e vedono le vostre medesime visioni, di libertà e di
giustizia, di conservazione e difesa patriottica ed umana pace e
concordia.

E siate felici, e ciò che è migliore augurio, fate felici.



L'EROE ITALICO[40]


_C'era molta gente, e, dietro essa e sotto molte bandiere, una fila
d'uomini vestiti di rosso. I bruni ragazzi d'oltre e citra Faro
li contemplavano. A un tratto squillarono le trombe, pronunziando
l'allarmi; e continuarono col canto della risurrezione italica. Era il
2 Giugno..._

È assai quest'inno a commemorare Garibaldi. Non è vero, Camicie rosse?
L'inno risuona: si scopron le tombe, e Garibaldi risorge.


I.

Egli s'è addormito nella sua isola. Due bambine sue gli fanno
compagnia. Il mare instancabile si muove azzurreggiando intorno a
quell'immobilità, e s'alza e s'abbassa, e s'alza ancora e sempre, come
per vedere che è. Nulla! Nulla! E il mare non cessa mai di parlare
intorno a quel silenzio, _sciusciuliando_ (come dite voi) sulla sabbia
e gemendo tra le scogliere. E forse lo vuol destare, il suo mare, e gli
dice con ripetìo eterno:

«Vieni, vieni su me! andiamo a combattere sull'Atlantico, andiamo a
sognare sul Pacifico! Vieni ad arrampicarti sulla snella alberatura
della Costanza, che era così bella! La tua giovinezza l'abbelliva. Tu
non sapevi allora che c'era una patria da redimere; ma il nome del
brigantino era già l'augurio della tua vita. Vieni sulla Speranza!
La Speranza, che ti ricondusse in Italia, si culla ancora nei mari
d'Italia: vieni a issarvi la tua bandiera, vieni a cantarvi il tuo
canto! Torniamo al Fiume di Argento. C'è tanta Italia che lavora sulle
rive del gran fiume! Si amano, colà, tra loro, Italiani e Argentini,
e lavorano concordi, parlando le due lingue, che tu, _amigo_, conosci
bene, tutte e due. Navighiamo alle porte del Tevere; andiamo a vedere
coloni più vicini, i coloni di Ravenna, che mietono. Ti farà piacere
vederli: sono tuoi soldati che hanno la vanga invece del fucile. La
tua vista farà loro dimenticare la febbre. Tanto più che non vedono
ormai un altro, il tuo amico Re, che andava a stringere le loro
mani incallite... Andiamo anche più presso: andiamo a Spezia: non ti
fermerai al Varignano. Vieni, col tuo gran cuore marino i cui palpiti
sono alisei e monsoni, ad esultare avanti la Regina Margherita... Una
nave d'Italia, non la donna d'Italia: avanti questa, _povera donna_,
ormai si piange... Ma esulterai avanti la più grande e bella nave
del mondo, che porterà «la nostra bandiera alle feconde lotte della
pace e del lavoro», e sì, quando occorra, «anche ai pericoli delle
battaglie, ove siano diritti da difendere e glorie da conquistare».
Sono parole che ha mandate la donna alla nave, da lontano, ove ella
sta tra una culla che ieri cominciò a tremare,[41] e una immobile
tomba... Andiamo! andiamo al Faro! Ti ricordi? Era tutto fiorito di
camicie rosse, nell'anno sessanta. Eri entrato nella fiera Messina,
la città fedele, che chi le si dà, non lo rende se non sepolto, se
mai, sotto le sue rovine. Eri entrato nella testa di ponte dell'unità
italiana. Ti ricordi? Il cavallo di Bosco, tra le gambe di Medici, come
faceva sonare l'unghie di ferro sul lastrico della via!... Andiamo al
Faro. Ti ricordi? Dalla Torre guardavi e guardavi verso Aspromonte...
Ah! è vero... Non ricordarti. O guardiamo, guardiamo pure, ma senza
avvicinare con le lenti del rancore le cose lontane. Guarda così,
e dimmi se vedi quel bosco e quella cascina e quel sangue. Oh! no:
tutto si fonde in un solo limpido azzurro, come di cielo che abbia
dimenticate le nuvole, come di mare che abbia perdonato alla tempesta».

Così sussurra il mare, e s'alza e s'abbassa, e torna ad alzarsi,
mollemente ed eternamente, per vedere che è quel silenzio e
quell'immobilità.

E a volte brontola e mormora e si ostina e grida e urla: «Déstati: c'è
da fare! Lontano lontano c'è una conca tra aride ambe, una valle tutta
sangue! sangue nostro! Non sono de' tuoi; sono di quelli del Re; ma
c'è tanto sangue, tanto rosso, che si crederebbero tue camicie rosse.
E poi, chi sa? Pare che a un Castel Morrone che si chiama Amba-Alagè,
sia risuscitato il tuo Pilade Bronzetti, per rimorire subito. È
il maggior Toselli: non è de' tuoi? E senti che frenetici scoppi!
Non sono le batterie di Bezzecca? No: sono le batterie siciliane;
ma è lo stesso. Vieni! Vieni! Vieni a dire la gran parola: s'ha a
restare, colà in Africa, o venir via? avanzare o retrocedere? Parla
e l'Italia dirà «obbedisco», perchè un tuo consiglio di ritrarsi non
può essere interpretato abbandono, e un tuo comando di avanzare non
può essere considerato sacrifizio. Senza il tuo avviso, gl'italiani
sono perplessi, e il nome italiano ne patisce, dovunque è il lavoro
italiano, cioè in tutto il mondo... Oh! che sogno fa il tuo gran mare!
Garibaldi che conduca in qualche terra del fuoco una dura colonia di
lavoratori enotrii con la camicia rossa sotto la blusa! una primavera
sacra che fiorisca oltre gli Oceani! un popolo nuovo di domatori
di cavalli selvaggi, che si chiami garibaldino o italiano, che è
lo stesso! Déstati, c'è da fare, molto da fare, sempre da fare. La
gioventù nostra è spersa, incerta, inerte. Non potresti fare udire uno
squillo di quella che tu dicesti «la tromba del dovere»?

E poi l'eterno mare torna a parlare sommesso, come volesse, bensì,
destare il vecchio eroe, ma lasciar dormire le piccole sue compagne.
«C'è bisogno di te, c'è bisogno di ideale e di fede, sempre mai, più
che mai».

E non tace mai, e nell'isola piena di sacro sonno erra l'odor salso
di viaggio e d'avventura. Fiammeggiano i gerani rossi, ch'egli piantò,
e ronzano le api de' suoi bugni, e s'ode qualche belato tremolante di
capre che pendono dai dirupi. Tratto tratto qualche colpo di cannone
dall'estuario o dalle navi da guerra bombisce ed echeggia a lungo. E
poi torna a sonare, uguale e continuo, il gridìo delle cicale di sui
lentischi e di sui mirti e di sulle acacie che dovevano servire al
rogo dell'eroe. E tra lo stridere delle cicale e lo _sciusciuliare_
del mare, si levano, con l'accento di chi domandi alcunchè, le voci di
sufolo delle capinere ch'erano presso la sua finestra, quando morì.

Morì? Due squilli, due gridi: si scopron le tombe, e Garibaldi è avanti
noi.


II.

È un giovane marinaio biondo, in una locanda di Taganrok, nel Mar Nero,
che si stringe al cuore chi prima gli ha parlato di Giovine Italia.
È un vecchio moribondo, tutto bianco, che viene, prima di morire, a
sentir sonare i Vespri a Palermo. È un _gaucho_ che par nato a cavallo,
e cavalca per foreste vergini con una donna a lato e un suo bambino in
un fazzoletto a tracolla; e scalda al seno e con l'alito quel piccino
ch'ha il nome d'un martire. È un capo di legioni, sporco di polvere
e rosso di sangue, acceso in viso per la battaglia _ad moenia_, che
sale il Campidoglio e si presenta così al Senato. È un mandriano delle
Pampe, che dorme all'ombra del suo cavallo accosciato, il quale sembra
vegliare su lui; ed egli, intanto, sogna l'Italia lontana. È un buon
agricoltore che pota le viti nel suo sassoso possesso di Caprera. È
il guerriero, il cui gran cuore ondeggia qua e là nel petto, prima
di partire per la guerra; e va solitario lungo la spiaggia del mare
instancabile, e sta lunghe ore immobile e taciturno. È il dittatore
che muove con un gesto tutte le anime d'un popolo, come il vento, con
un soffio, tutte le foglie d'una foresta. È l'esule che fa candele a
New-York, e non trova lavoro come marinaio o facchino nel porto. È il
grande straniero, che Lincoln voleva a capo dell'esercito dell'Unione
contro gli schiavisti. È il condottiere atteso in vano, a lungo, dai
suoi dispersi nelle praterie dell'agro Romano; e un'alba del mesto
ottobre, in mezzo alla nebbia, vestito d'una maglia di lana greggia,
come un vecchio pastore, egli si mostra. Un urlo immenso e poi silenzio
improvviso. Si sente per l'aria il rombo d'ali degli avvoltoi romulei.
Egli stende il braccio, e con la sua voce soave, soave come di donna,
manda su quelle mille teste una sola parola: a Roma! Ed è, ahimè, il
condottiere che ritorna, nella sera di Mentana:

    Il dittatore, solo, a la lugubre
    schiera d'avanti, ravvolto e tacito,
      cavalcava: la terra e il cielo
        squallidi, plumbei, freddi intorno.

    Del suo cavallo la pesta udivasi
    guazzar nel fango: dietro s'udivano
      passi in cadenza, ed i sospiri
        de' petti eroici ne la notte.

O aedo degno dell'eroe, Giosuè Carducci!

È l'eroe che marciando verso la battaglia, si ferma a sentire il
canto d'un usignuolo. È l'eroe che sa il cammino delle stelle, e
muove le sue schiere notturne, con gli occhi al cielo. È l'eroe che
scrive: Obbedisco; che rampogna: Dove andate? il nemico non è qui; che
ammonisce: Che dite, Bixio? Qui si muore!; che «pallido, rauco, cupo,
invecchiato di venti anni, ulula: Sedetevi e vincerete!»

A tutti egli è presente e caro per alcunchè di intimo e personale.
Per tutti è colui che ci redense nel sangue e nella gloria; ma più
familiar ricordo di lui è in ogni ordine e grado di cittadini: nel
Re, che nacque a Napoli che l'eroe restituì a sè stessa e all'Italia;
nei lavoratori, dei quali egli conobbe la vita, e soffrì la fame;
nell'esercito, che l'ebbe generale a Varese; nell'armata, che l'avrebbe
voluto ammiraglio a Lissa; nella nobiltà, che gli forniva le guide
per le sue schiere; nei preti... anche nei preti, sì, che gli dettero
il più alto de' suoi martiri, Ugo Bassi, e il più efficace de' suoi
salvatori, Giovanni Verità: un frate e un prete: clero regolare e
secolare. E fuori della patria, gl'italiani nel suo nome si stringono,
e nella sua memoria si consolano, quando sono spregiati, perseguitati,
_linciati_, essi che ebbero Garibaldi, Garibaldi che là avrebbe potuto
prender posto vicino a Washington e a Lincoln, ed essere Ulisse Grant,
e non volle e non potè, perchè doveva in Italia restar... Garibaldi, ed
esservi, magari, ferito, imprigionato, rinnegato! E nelle _fazendas_
del Rio Grande, i nostri infelici Iloti, nel loro esule terribile
lavoro di sradicar selve e dissodar terre altrui, ne' delirii della
fame e della febbre, sentono, gli Iloti, galoppare nelle notti, per le
_piccade_, il divino Filibustiere.


III.

Egli è però la visione patria, che apparisce da per tutto sull'Alpi e
presso i laghi, intorno a cui battagliò in tre guerre e vinse invano;
sugli Apennini che fendè con una fuga più mirabile d'ogni vittoria;
sui mari che corse tutti dalla fanciullezza sino alla vecchiaia,
e su cui diresse il Piemonte e il Lombardo; nelle isole, tra cui
riposava, sublime corsaro in agguato e in attesa dei movimenti de'
popoli; tra i giunchi d'una palude dove spariva con la sua donna in
braccio, inseguito a cannonate; nella cascina d'un monte, dove sedeva
insanguinato e prigioniero; sulla vetta del Gianicolo donde trionfa.
Ed apparisce a tutti, nelle officine e nelle campagne, nelle caserme e
nelle scuole.

A tutti. Non meraviglia che venga anche a me, povero pensatore
solitario. Ieri levai la mano da uno studio sull'Alighieri e mi posi a
scrivere di Garibaldi. La penna correva come per sè stessa mossa. Non
c'era alcun distacco tra scrivere del Generale e scrivere del Poeta.
E non vi faccio ora uno di quei soliti paragoni nei quali l'industria
della parola, qua limando là saldando, fa qualunque viso simile a
qualunque altro. No. Dite voi. Qual è il nome che proclamereste in
faccia a chi misconoscesse la vostra patria? Quale? O l'uno o l'altro
di questi due: del poeta o dell'eroe. In vero dove non giunse l'eroe,
abbiamo posto il poeta!

Se lo straniero magnificasse la civiltà della sua nazione in confronto
a quella della vostra, e v'enumerasse i suoi inventori, scrittori,
pensatori; voi rispondereste: Dante! E se lo straniero esaltasse
le glorie delle sue conquiste e i fasti delle sue rivoluzioni e le
fortune de' suoi imperi; voi rispondereste: Garibaldi! Uno de' due nomi
scegliereste, per esser brevi; chè tanti altri ne avreste; ma bastano
essi a dir tutto.

Dante, lo scultore d'anime, comprende Michelangelo; Dante che alza le
vele per acque non mai corse, somiglia a Colombo. Dante che tiene gli
occhi ora fissi alle stelle ora chini al punto a cui si traggono i
pesi, prepara Galileo.

E Garibaldi? Garibaldi non solo comprende, ma purifica in sè ed
emenda tutte le vostre passate glorie politiche e militari. Egli è un
Mario senza crudeltà, un Cesare che combatte per la libertà e non per
l'imperio, un Carmagnola o uno Sforza che vuol conciliare, anche quando
li uccide, i fratelli; un Ferruccio che non solo sa morire ma sa anche
vincere; un Ariosto che vive il suo mirabile poema; un Machiavello
ingenuo e più profondo dell'antico, che trova alfine il suo Principe
forte ma galantuomo!

Tra questi due nomi scegliereste, a seconda che il vostro orgoglio
fosse offeso a proposito (per parlare il linguaggio scolastico di
Dante, che m'avvince a sè) a proposito o della vita contemplativa o
della vita attiva. Ma se all'Italia, in vostra presenza, si negassero
i pregi di tutte e due codeste vite — ma usiamo la formula rinnovata da
colui che diede all'eroe vinto e accogliente in sè il fremito giovanile
di mille eroiche vite spente nei secoli; diede a Garibaldi vivo
l'amplesso di Dante morto; la formula rinnovata da Giuseppe Mazzini
— se si negasse all'Italia la gloria e la perfezione del Pensiero
e dell'Azione, voi allora accoppiereste, saltando agevolmente su
venti generazioni, i due grandi nomi: il pallido pensatore e il rosso
guerriero, il poeta dell'oltremondo e l'eroe de' due mondi, l'esule di
Ravenna e il solitario di Caprera; che non hanno l'uno se non una penna
e l'altro se non una spada, e fanno una grande vendetta cioè un'eterna
rivendicazione: Dante e Garibaldi.


IV.

Ma io anche più agevolmente di voi sento la somiglianza e l'unione,
nel mio spirito, dei due nomi e delle due anime, dell'eroe del pensiero
e del poeta dell'azione. Io li ho, si può dire, veduti insieme, li ho
uditi parlare! Sì: fu in una grande selva di pini. Fu in un'ombra tutta
odorata di resina e di mare, in un silenzio solenne e religioso, appena
turbato da qualche strillo d'uccello impaurito e dagli scatti delle
cavallette, che schizzavano di tra gli aghi inaspriti dei pini, via via
che il piede avanzava. E a quando a quando la brezza marina faceva di
ramo in ramo un lungo brivido e sussurro.

In quella selva antica errò Dante ed errò Garibaldi. Quella selva fu,
come è probabile, modello della divina foresta. In essa, forse, Dante
raffigurò lo stato perfetto della vita attiva, la conclusione d'un
esercizio assiduo di virtù contro il nemico interno e i turbamenti
esterni, che lo rifece innocente e imperturbabile. Dante giungeva
ad essa, alla Pineta di Ravenna, da una vita di stenti e di rischi;
con una condanna ad aver tagliata la mano ed essere arso vivo;
nell'esiglio amaro che non doveva mutare se non nella morte; dopo aver
lasciata ogni cosa diletta più caramente. E ad essa giungeva anche
Garibaldi. Vi giungeva da Roma, che aveva difesa invano, vi giungeva
dopo le traversie d'una marcia fra quattro eserciti nemici, dopo aver
lasciata la terra per il mare, dopo essere stato ributtato dal mare
nelle sterili arene del lido Adriano; vi giungeva come una rapida e
serpeggiante meteora che dalle ripe del Tevere fosse caduta, lasciando
un gran solco rosso, sulle foci del Po, e vi si fosse infranta.

E fosse svanita d'un tratto. Fu un accorrere là di infiniti nemici; era
un formicolìo di squadre austriache per ogni parte in quei luoghi dove
s'era spezzato ed era sparito l'eroe d'Italia. Dov'era? Lo cercavano
i nemici d'Italia, per addossarlo a un muro o a un albero, e finirlo a
colpi di fucile, s'egli già non era stato ingoiato dalla palude.

Non era stato ingoiato dalla palude. Egli aveva sì lasciato ogni cosa
più caramente diletta; ma viveva. La sua Anita dormiva sotto le sabbie
malfide; e i cani vaganti fiutavano già là intorno, e già raspavano là
sopra. Ma egli viveva. La Romagna silenziosa aveva accolto il profugo
tra le sue braccia invisibili, e lo avviluppava nella grande ombra
in cui si ricoverò già il grande impero di Roma e in cui ebbe già
pace il grande esule di Firenze. Tutta l'Italia era in angoscia. I
romagnoli in tanto, taciti, quasi indifferenti, senza fretta e senza
paura, si facevano passare di mano in mano, tramutavano di paese in
paese, di casa in casa, di capanna in capanna, d'albero in albero,
l'ospite loro, il dono che loro faceva la sventura d'Italia, e che essi
volevano conservare per la sua fortuna. Tutti, là, sapevano: popolani
e nobili, patrioti e clericali, carbonari e preti; e tacevano tutti, e
nessuno tradì. La Romagna ti conservava, o Sicilia, il tuo liberatore.
Don Verità, un prete di Modigliana, assicurava lo sbarco di Marsala.
Iuffina, un popolano di Ravenna, preparava Calatafimi. Somarino, un
bracciante di Sant'Alberto, che non si sfamò certo mai in vita sua, e
che non volle vendere per una buona somma un cappello che gli restò
del Generale, un cappello che conservato allora poteva procurargli
sei palle di piombo nel petto, e venduto poi gli poteva dare un po'
di sollievo per la sua famelica vecchiaia — ebbene per questa umile
scorta che il soprannome vi dice qual poteva essere, per il bracciante
Somarino, voi lo vedeste, o Siciliani, il Dittatore cavalcare
da Marsala al Faro, voi lo vedeste, Bruzziani, Lucani, Campani,
trascorrere da Reggio al Volturno; e il mondo ammirò, e l'Italia fu.


V.

Così Dante e Garibaldi si trovarono, a distanza di secoli, l'uno e
l'altro nella Pineta, esule l'uno e l'altro fuggiasco, con una sentenza
di morte, l'uno dietro sè, l'altro tutto intorno. E vissero tutti e
due, per compiere l'opera immensa, che avevano nel pensiero. E a me
pare che io li abbia veduti là ambedue e uditi parlare. La loro ombra
era ancora in quella solitudine, le loro voci echeggiavano ancora in
quel silenzio. E le ombre s'incontravano e le voci si rispondevano.
E l'una parlava di Roma che piangeva, e di Roma che piangeva, parlava
l'altra. Ciò che di essenziale è nel pensiero di Dante riguardo alla
ragion pratica, ciò che ne esce di nudo, dopo che lo spogliate delle
contingenze del tempo, è che Roma doveva essere, come della vita
contemplativa, così la fonte e il principio e la sede della attiva:
doveva albergare la giustizia legale e la prudenza regnativa, e sia
pure che col re vivesse là anche il pastore: ma una via assegnava
al pastore, e un'altra al re, sì che non potessero incontrarsi e
impacciarsi e offendersi. E da Roma tale giustizia doveva frenare il
mondo, tale prudenza doveva illuminare il mondo. Per quanto il pensiero
di Garibaldi andasse da Roma a Italia piuttosto che da Roma al mondo...
E tuttavia, no: Mazzini, il suo maestro, esclamava: il mondo! — Roma
deve essere la maestra delle genti, come fu la conquistatrice; deve
di nuovo accogliere tutti i popoli in un immenso ideale di giustizia
e di pace — Bene; ma insomma il guerriero recava da Roma le cui mura
fumavano ancora, concetto più semplice e parola più breve: o Roma o
morte! E intanto in questo s'accordavano l'esule e il fuggiasco, i due
gloriosi banditi, i condannati da Baldo d'Aguglione e da Gorzkowski,
s'accordavano nell'avere ambedue, in cima al loro pensiero, Roma.

Ma un'altra idea informa tutto il poema dell'uno e tutta l'azione
dell'altro. Che cercava in vero Dante per i suoi tre regni? Lo dice
Virgilio a Catone, che cosa cercava il viatore dell'oltremondo:
«Libertà va cercando, ch'è sì cara, come sa chi per lei vita rifiuta».

E l'altro, col suo breve modo d'uomo di fatti e non di parole, l'altro
avrebbe detto con le parole dell'inno: O morte o libertà! Libertà
è la suprema aspirazione d'ambedue; e Dante la trovò lasciando,
con l'incoercibile pensiero, la vita feroce e schiava del mondo, e
rifugiandosi di là della morte; e Garibaldi, per tutta la vita la
cercò, combattendo e soffrendo per lei, e tornando, appena potesse,
alla sua solitudine nella piccola isola rupestre. E tutti e due lo
riacquistavano quel prezioso dono che non è conosciuto se non da chi
talor lo perde: l'uno a forza di pensiero, l'altro a forza d'azione.

Ma, per intenderci, io vi dirò che è questa libertà, voluta e ottenuta
sì dall'imperiale Alighieri e sì dall'antimperiale Garibaldi; e ve
lo dirò significandone gli effetti e i segni. Dante fu libero, ossia
ridivenne libero: da che si vede? Da questo: il cacciato dei Neri,
si fece parte per sè stesso. A chi si riferiscono queste parole? Non
sembrano scritte per Garibaldi?

In vero qual è la parte o, come si dice ora, il partito di Garibaldi?
Mazziniano? — Se il Generale avesse voluto! — è l'ultimo pensiero del
maestro di Garibaldi. Dunque il guerriero non aveva voluto ciò che il
pensatore voleva. Non fu dunque mazziniano. E dunque fu monarchico?
L'aver combattuto per il segnacolo — Italia e Vittorio Emanuele — non
fa di lui un monarchico, più che non faccia di lui un tiranno essere
stato generale e dittatore. Patriota a tutti i costi? italianissimo,
come dicono i clericali? Egli salutò il sole dell'avvenire che avrebbe
illuminato una sola patria per tutti i popoli. Dunque socialista,
internazionalista? Oh! egli combattè tutta la vita per qualche popolo
e nazione, nè soltanto il suo e la sua, contro qualche altro e altra.
Partigiano della guerra? Egli amava la pace. Partigiano della pace?
Egli faceva la guerra. Dunque non sapeva che cosa volesse, tra la
monarchia e la repubblica, tra il nazionalismo e l'internazionalismo,
tra la pace e la guerra? Nessun carattere ci pare più coerente del suo.
Nessuno, ch'io sappia, vorrebbe a quella sua figura, nota a tutti come
nel suo aspetto così nella sua anima, togliere nulla, aggiunger nulla,
mutar nulla.


VI.

Eppure se si fosse chiesto a lui vivo ciò che ancora chiediamo a lui
morto, qual aggiunto dovremmo appiccare al suo nome, come par necessità
che si debba appiccare sempre e a ognuno; qual aggiunto di parte o
partito, perchè in vero chi è tale da non patir quell'aggiunto, non
ha carattere, non è uomo, non è nulla, è un degli ignavi di Dante,
nè vivi nè morti; e mettiamo ancora che sia un angelo, ma è di quelli
nè ribelli nè fedeli... Ma Dante taglia qui la parola al suo fratello
dell'azione, e risponde prima esso, dal volume eterno, e dice:

«Confondereste voi me che feci parte per me stesso, con i neutrali del
vestibolo, che non ebbero insegna? Sono io simile a coloro sdegnati
dalla giustizia e misericordia? Cieca direste e bassa la mia vita?
Direste che il mondo non lascia esser fama per me?

Quel destino di oscurità, cecità, nullità nella vita e nella morte, io
l'ho fuggito attraverso l'inferno, per il baratro e per il monte e per
le sfere, passando per il fuoco mistico e per la sventura vera, io: io
sono il supremamente diverso da quelli che restano nell'atrio, io sono
il contrapposto perfetto di colui che fece il rifiuto per viltà: io
sono Dante Alighieri e quello è l'innominato. Eppure, sì, è vero, nè
egli ebbe parte nè io.

Ma io era libero perchè la mia voce sicura, balda e lieta sonava la
mia volontà! io aveva tagliato con non so quale spada quel nodo che
n'impaccia dentro, nodo che io mi spiego in una guisa e voi vi spiegate
in un'altra, ma che c'è veramente, retaggio, per me, d'una colpa
primitiva, per voi, d'un'antica bestialità.

Ebbene io lo tagliai, quel nodo, con una spada che arrotai alla cote
della sventura, e così fui libero, e (ciò che gl'ignavi non seppero o
poterono fare) io volli volere, e mentre colui che fece il rifiuto, non
fu nulla e non ha nome che lo distingua, io fui io».

E sottentra il poeta dell'azione, Garibaldi, il quale, interrogato in
suo vivente, di che parte o partito fosse, come avrebbe risposto? «Io
mi feci parte per me stesso», avrebbe risposto. «Io sono io», avrebbe
risposto. In verità, egli aveva quella spada affilata, e tagliò via
via il nodo che impacciava la sua anima. Egli congiurò contro Carlo
Alberto, e ne fu bandito e condannato a morte ignominiosa; ed egli
combattè per Carlo Alberto. Egli aveva, a bordo della sua nave da
traffico, bevuto il verbo de' nuovi cristiani; e offriva il suo braccio
al pontefice de' cristiani vecchi. Egli aveva a Marsiglia stretto la
mano di Giuseppe Mazzini, e _ora_ gli aveva detto, e _sempre_ s'era
sentito rispondere; e a Teano salutava Vittorio Emanuele, col grido:
Salute al Re d'Italia! Dopo la battaglia del Volturno, si rivolgeva
a «coloro a cui Dio confidò la santa missione di fare il bene», e
proponeva gli stati uniti dell'Europa e la fine di ogni guerra. Da un
congresso per la pace, moveva le armi contro Roma e per Roma. E sul suo
capo incanutito in quaranta battaglie, e in nove e più fra insurrezioni
e guerre, mandava i suoi placidi raggi «il sole dell'avvenire».


VII.

O giovani, io so il dramma segreto delle vostre anime; e lo so perchè
l'ho provato e lo provo. Giovani lavoratori delle arti intellettuali e
giovani lavoratori delle arti manuali, è questo.

Prima ancora che voi abbiate determinato qual arte scegliere, prima
che sappiate fare l'arte che non vi nutrisce ancora: voi, gli uni e
gli altri, già pensate quale ha da essere il vostro pensiero nelle
questioni che dividono gli uomini, volete stabilire quale ha da
essere il vostro posto nelle lotte che inimicano gli uomini. Non ve
ne rimprovero: non se ne può forse fare a meno, e io lo so e tutti
lo sanno. Voi, nella vostra felice età, non cercate ora se non l'idea
più generosa. Ponete il problema così: Come e dove si può essere più
martiri e più eroi? Il dramma comincia.

Dice una voce che ha la soave persuasione della voce materna: «Sii
fedele, e ama ciò che io amo» o (e la voce è allora tenera e profonda)
«ciò che amai! Sii forte, e professa alla luce del sole la tua
religione, che altri beffeggia, deridendo la speranza che tu hai, di
rivedere i tuoi morti! Sii generoso, e sta coi vinti!»

E dice un'altra voce, che ha il furore della tempesta: «Sii giusto, e
pensa a quelli che soffrono! Guarda che raspano la terra, che scavano
sotterra, che picchiano sul ferro e sul fuoco, che non hanno mai
riposo e hanno sempre fame! Guardali legati dalla catena, non sempre
invisibile, della necessità sociale, alla gleba, all'incudine, alla
gogna, al ceppo! guarda quant'è il sudore della lor fronte, e come
piccolo è il pane che bagnano con esso! guarda come iniquamente da loro
si esige che sian buoni, quand'essi, soffrendo, non possono veder se
non cattivo intorno a loro! guarda come stolidamente si lascia che non
sappiano nulla e si pretende poi che sappiano appunto questo, che essi
devono rispettare la società che li trascura o li rinnega! guarda come
assurdamente non si fa nulla per toglierli dal fango o si fa qualche
cosa per gettarveli e per tenerveli, e si pretende che siano puliti!»

E la voce continua col soffio dell'uragano: «Sta coi deboli e con gli
oppressi! unisciti a quelli che si uniscono! Senti il grande scalpitìo
sordo dell'universale esercito degli scalzi? Sii generoso e va coi tuoi
fratelli infelici!»

E dice un'altra voce, che è annunziata da squilli di tromba arrochiti
dalla lontananza: «Sii grato, o giovinetto! Ricordati, appunto, che
giorno è questo. Se tu puoi deliberare ora che cosa tu voglia essere, e
se tu potrai, per la tua parte, far le leggi cui ubbidire, e scegliere
gli uomini che ti governino, fu per noi! Noi abbiamo combattuto per te,
per voi, nostri figli e figli dei nostri figli; e ora che non avete più
bisogno di noi, ci rinnegate? Ed è poi vero che non avete più bisogno,
non di noi morti, ma del nostro ideale vivo? Voi credete chiusa la
nostra missione storica, e impazienti, in così pochi anni, d'essere un
popolo unito e singolo, aspirate a fondervi nella grande umanità... Ma
se non formate nemmeno tutto e intero quel popolo! E poichè la terra
patria non basta più ai suoi abitatori, e ogni popolo si spande dove,
nel mondo, c'è posto per lui, e specialmente a voi non basta la terra,
e specialmente voi vi spandete dovunque sia lavoro e martòro; vedete:
gli altri popoli, che sono tutt'altro che stanchi d'essere uniti e
singoli; anche dove le braccia che lavorano son nostre e nostra è la
lingua nella quale là si geme e si piange, là piantano la loro bandiera
e intimano le loro leggi e impongono la loro lingua... E la nostra
missione storica è finita?»

E la voce s'appressa, e gli squilli chiareggiano, e passano ondate di
guerrieri, ora nere, ora vermiglie: il flutto alivolo dei bersaglieri,
la striscia di sangue dei garibaldini.

«Quel che volete, o figli e figli de' figli! Ma è un grande ideale,
quello per cui si muore! quello per cui si è innocenti quando s'uccide
e si è contenti quando si è uccisi! E ora quell'ideale è morto? Non
c'è più la guerra? Fosse!... Ma che fa laggiù Dewet?... Se uccide,
è innocente; s'è ucciso, è felice, e sì, quando sarà ucciso e gli
scaveranno la fossa, l'impero britannico sarà più grande che mai e si
estenderà, oltre che nell'Europa, Asia, America e Australia, anche in
Africa, perfettamente da Alessandria al Capo; ebbene quella fossa sarà
più grande di quell'impero!»

E la voce si fa sempre più vicina e gli squilli raddoppiano, e si
sente lo scalpitare dei cavalli, e suona la fanfara di Filiberto, e
passa Vittorio Emanuele. «_Fioeui_, qualcosa ho fatto anch'io, credo!
Re ho sfidato tutte le Corti di Europa, cominciando dai miei parenti.
E infine, scendendo stivalato da cavallo, mi sono andato a mettere a
sedere, imperturbabile, là, dove nessuno voleva che andassi, nella Roma
dei Cesari e dei Papi. E ci sono restato! _Fioeui_, vi raccomando mio
figlio, buono e forte!...»

=Dov'è suo figlio?=

E passa una raffica ardente che travolge tutto in un anelito infinito
d'amore e di gloria; passa la bandiera tricolore d'Italia che ci
rapisce in alto, tra mille grida — Alpi! Mare! Goito! San Martino!
Varese! Calatafimi! Custoza e Lissa... e _chi sa?_ Mentana e Porta
Pia! Fratelli Bandiera! Pisacane! Mazzini! Cavour!... — E noi vediamo
due cavalieri giganti, uno fosco come il destino, l'altro rosso come
la vita e il sangue, che di là della vita e del destino, tornano a
incontrarsi e a stringersi la mano nel cielo della patria.


VIII.

Queste e altre voci vi risuonano nel cuore, o giovani, ora, nella
vostra giovinezza docile e nobile. E voi siete commossi or dall'una or
dall'altra, se non da tutte. Lo so, perchè lo provai; e lo provo ancora
e ne soffro. La ragione via via mi dice, per esempio: Se tu odii la
guerra, perchè ti commovi al passaggio d'un reggimento che scintilla
d'armi omicide e va d'un sol passo e ha un cuore solo? E se vuoi gloria
per quella bandiera lacera, che passa, come pretendi giustizia per i
lavoratori più laceri ancora? Se vuoi la fratellanza delle nazioni,
perchè sospiri d'amore geloso per la tua nazione? Se vuoi rotte
le barriere tra popolo e popolo, come mai pendi con l'anima dalle
sentinelle dell'Alpi, che vegliano in armi alle porte della patria?

Oh! dico io: Te felice, o scomunicato dal sinodo e sorvegliato dalla
polizia, romito lavoratore, Leone Tolstoi! Te felice; nè solo perchè
tanto alto è di te l'ingegno, e l'opera così efficace e così pura
la gloria; ma specialmente perchè tu puoi liberamente assecondare la
tua coscienza animosa e veggente, e guerreggiare contro la guerra! Tu
puoi vedere e detestare in ogni cosacco della tua nazione un futuro
inconsciente omicida, e ritrarre l'occhio offeso e il cuore ribelle
dalle grandi squadre armate, che passano respirando la strage futura,
come immense bande di masnadieri! Tu così puoi giudicare e sentire,
perchè nessuno e nulla minaccia la grande Russia, ed ella può scegliere
tra l'odio e l'amore, tra la pace e la guerra; ed ella sceglie quello
che è così atroce scegliere!

Quanta differenza tra te e il barbaro poeta del sangue, che solletica
e fa ruggire la belva immane che sta accovacciata nell'altro grande
impero, che aveva la fulgida e limpida gloria d'aiutare tutti i popoli,
ed ora aspira all'altra sanguinosa di turbarli tutti; e nel tempo
stesso manda più di dugento mila uomini contro una piccola nazione
d'agricoltori e pastori, e prepara l'abolizione della nostra lingua in
un'isola che da solo un secolo è dell'Inghilterra, mentre questa lingua
risuona, forte e soave, più forte e soave che mai, in Trieste, dopo
quattro secoli che vi domina l'Austria! O Garibaldi, nostro eroe, che
amavi tanto l'Inghilterra, per poco meglio che una mezz'ora di rispitto
a Marsala, dillo tu, se è giusto! La tua camicia rossa non si vide
laggiù, sul Vaal e sull'Orange, ella che è stata veduta per tutto, in
America e in Europa, in Francia di rincontro alla Germania, in Polonia
contro i Russi, in Creta, in Erzegovina e in Tessaglia contro i Turchi;
non c'è divisione etnica in Europa, i cui militi non abbiano veduto
contro sè queste eroiche schiere, e non abbiano, nella battaglia, udite
le voci eroiche della nostra lingua; nè Latini, nè Tedeschi, nè Slavi,
nè Finni; e no, gli Anglosassoni, non hanno sentito, nella nostra
lingua, che parole amiche; e le camicie rosse non sono accorse là dove
galoppava il Garibaldi boero, rifatto nell'Africa mandriano come era
nelle Pampe d'America; e ora proprio l'Inghilterra vuol cancellare da
un'isola italiana i segni della sua italianità, e sommuovere col piede
il termine nazionale — che noi non coronavamo di memori fiori —? Ma noi
porremo, invece dell'umile termine ammuffito e corroso, noi porremo la
statua di Dante anche là; come a Trento. Porremo anche là Dante, come a
Trento, perchè tenga il posto, finchè non ci vada, nei secoli o negli
anni, tu, o Garibaldi! E intanto la lingua si purgherà delle traccie
arabe, che offesero il delicato orecchio di Chamberlain... Del resto
c'è dell'arabo anche nel vostro linguaggio, o messinesi. Messinesi,
bombardati dai Borboni, messinesi elettori di Mazzini, non siete voi
italiani?


IX.

Se tra un popolo grandissimo e potentissimo, come l'inglese, alligna
meglio Kipling che Tolstoi; se un popolo, che fu il difensore della
libertà e dell'indipendenza degli altri popoli, e si onorò sempre di
combattere per il diritto contro la forza, se persino esso vuol ora
conquistare e assorbire e annullare; possiamo noi che da quel popolo
che fu più amico di tutti, ricevemmo l'ingiuria che non ricevemmo dal
più nemico; possiamo noi abbandonarci alla dolcezza contemplativa della
pace e fratellanza universale?

Io credo, o giovani, io voglio credere che il grande grido «Operai di
tutto il mondo, unitevi!» sia per distruggere i calcoli degli imperii
che già si formano e già minacciano e già cominciano l'opera loro. Io
credo che quest'internazionalismo (e pare sulle prime assurdo) sia per
proteggere le nazioni e conservarle. Chè noi non possiamo, nè altri
può, aspirare all'ineffabile felicità della pacificazione e unione
universale a quel patto che la religione ci assegna per l'acquisto
della beatitudine eterna: la morte! Noi non vogliamo morire! un popolo
non può desiderare di morire! E d'altra parte è contro ciò che la
scienza ha di più sicuro, affermare che l'unità umana sia per ottenersi
con la fusione, dirò così, nel gas primigenio e omogeneo, sì che non ci
sia più che una lingua e un popolo.

Le varietà si moltiplicano via via, e non cesseranno mai di
moltiplicare. Ci sono stati e ci sono e ci saranno, oh! se ci saranno,
dei tentativi mostruosi, degli sforzi immani, per arrestare e cambiare
la natura. Si faranno, e pur troppo già si fanno, dai mostruosi imperii
tali sforzi per annullare in sè i singoli popoli. Ma non c'è forza
che prevalga contro la natura! E noi vediamo già quale sarà la forza
che si opporrà alla forza. Quando il più grande degli imperii, che si
vanno formando, o un immenso _trust_ di essi, si apparecchierà con la
violenza dell'armi ad assoggettare e struggere e fondere... le armi
cadranno a terra; e i preparati a uccidere e morire, si stringeranno
le destre. E i grandi imperi sfumeranno come nebbia, lasciando sereno
in un attimo il cielo dell'umanità. Ma le evoluzioni degli esseri
coscienti hanno un elemento in più che quelle degli altri esseri.
Quest'ultime sono fatti della natura; quelle prime sono macchine,
le quali si muovono, sì, con certe leggi che non facciamo noi; ma le
macchine stesse le facciamo proprio noi. La volontà è la macchina con
cui gli uomini fabbricano il loro avvenire.

Or dunque poichè il nazionalismo conserva il carattere e l'essenza
dei singoli popoli, e l'internazionalismo è per impedire le guerre
che cancellerebbero quel carattere e distruggerebbero quell'essenza
dei singoli popoli; ebbene, bisogna voler essere nazionalisti e
internazionalisti nel tempo stesso, o, come dissi già con frase molto
combattuta, socialisti e patrioti!


X.

Come si fa? Certo, si soffre. In noi _sono due anime_. Due anime erano
in voi, o generosi socialisti, che andaste a combattere coi palicari
di Creta, e poi a fianco degli euzoni dell'Oeta! Chi vi chiamava, o
socialisti generosi, quella volta, chi v'invitava a questa che era
una battaglia con voi stessi, prima che con Edhem pascià; era l'Ombra
di Garibaldi. E chiediamo dunque all'Ombra stessa, come fece egli a
solvere quel nodo, a dirimere quella battaglia interna, a essere, con
tanta semplice coerenza, socialista e patriota e anche credente (oh!
credeva all'anima delle farfalle e dei fiori, e supponeva che due
uccellini fossero le tombe canore e alate delle sue bambine), chiediamo
al nostro eroe che c'insegni e c'ispiri. Noi vogliamo poter amare tutto
ciò che tu amasti, Mazzini e il re Vittorio, il popolo e i popoli, la
guerra e la pace, il dolore de' miseri e la gloria de' forti.

Ed egli ci direbbe:

«Siate liberi! La vostra mente non si chiuda a quel tanto di vero che
si trova unito a ciò che pur credete il torto. Il vostro cuore non si
serri a quella tanta umana simpatia, che si trova anche in ciò che
vi sembra a principio ripugnare del tutto. Non ponete i parocchi al
vostro intelletto; non ponete lo zaino al vostro sentimento. Se non
si scusa, che con le necessità della difesa, il prendere dei giovani,
e vestirli d'una veste uniforme, e assoggettarli a una disciplina
di ferro, e armarli di ferro micidiale; qual necessità giustifica
questo reclutare d'anime, questo uniformare e abolire volontà, questo
inutilizzare intelligenze? Se le evoluzioni in piazza d'armi, di cento
e cento, al rauco grido d'un solo, hanno del meccanico e perciò quasi
dell'indegno d'uomini; come chiameremo degne e umane le tattiche dei
partiti? Altro è avere idee, altro, essere d'un partito. Essere di un
partito vuol dire aver rinunziato ad averne, dell'idee; e significa
credere che l'intelletto umano si sia a un tratto isterilito in modo,
da non produrne più, dell'idee! Significa, per esempio, aver giurato
che il lume a olio è il più chiaro dei lumi, e odiare perciò, con
tutto il vigore del nostro fermo carattere, il partito del gas e della
lampada elettrica. Ogni riforma utile deve trovar sempre occhi aperti a
ricevere la dimostrazione di quell'utilità e cuori pronti a consentirla
e attuarla! Non mettete le bende a quelli occhi! non mettete le catene
a quei cuori!»

E continuerebbe, l'Ombra del magnanimo, con più grave accento: «Voi
mi amate tutti, non è vero? E amerete in me l'Italia che amai. E
non c'è ancora tra voi giovani (perchè io non credo a clericali
giovani!) il partito di disfarla. E anche voi, che vi scaldate al sole
dell'avvenire, volete come io volevo, che i popoli si colleghino e
l'umanità si unisca, ma non volete certo che il popolo, che io redensi,
abbia il triste privilegio di sparire, mentre quelli contro i quali già
dovemmo combattere, rimangano.

Or bene: l'Italia è il popolo più minacciato di questo mondo, ed è nel
tempo stesso di questo mondo il popolo forse più povero. Come farà a
reggersi e vivere? Dal Gianicolo io vedo ancora deserto l'agro di Roma;
da Caprera io vedo tuttora deserta la mia Sardegna: per tutto ov'io
trasvolo, odo singhiozzi di miseria e d'angoscia. E nel tempo stesso da
Caprera e dal Gianicolo e dall'Alpi e dal Mare, invoco, invoco io per
voi, più navi e più batterie.

Ebbene, o giovani italiani, questo dissidio tra due necessità m'è
morte nella morte. Come si fa? E io dico che, se farete a tempo, voi,
giovani, potrete comporre questo dissidio e consolare la mia tomba,
presso cui rimbombano i cannoni non sufficienti dalla Maddalena. Voi
sì, o giovani, potrete risolvere questo problema che sembra insolubile;
aver più forte armata e più forte esercito, e spender meno, sì da avere
di che seccar le paludi e dissodare i deserti. Che ciò potrà avvenire
sol quando saranno sparite le diffidenze, che nascono dall'essere
l'Italia un campo, sin ora _quasi_ incruento, di battaglia, in cui
le grandi masse dei partiti stanno bensì con l'arma al piede, ma
si tengono pronte a combattere della somma delle cose, della vita o
della morte. Ora, sarà fatale, non nego, che una nazione sorta dalla
cospirazione di idealità politiche varie e diverse, non si sia ancora
acquetata alla forma di governo che è risultata; sarà fatale; ma allora
è anche fatale, che ella non possa, come può la Svizzera che tuttavia
parla quattro lingue, armarsi e difendersi con poca spesa. Ed è giusto
che tra quelli che non vogliono «la nazione armata», si annoverino
anche quelli che più dicono di volerla.

Ebbene, o giovani, contro questa fatalità ci è un rimedio. Finchè
i partiti non cessino di essere, contro la ragione e la scienza,
assoluti e antitetici, non entrate in partiti. Conservate alla patria
e all'umanità illuminato il vostro giudizio e spassionato il vostro
cuore. Non date l'anima vostra a tenere ad altri. Siate liberi!»


XI.

E io ti chiedo perdono, o morto eroe, di farmi interprete di ciò che
mi pare il tuo pensiero, sfrondato, per così dire, di quel rigoglio di
parole, cui fece germinare il calore dell'azione. Io non ho accettato
di parlare di te, se non costretto; e non ho parlato per metterti
indosso un paludamento di frasi: a te basta la tua camicia rossa. Ho
detto ciò che m'è sembrato dovere.

Io sento fierissimo dentro me il contrasto delle due anime; e ho
chiesto a te l'ispirazione per trovar pace nel cuore e unità nel
pensiero. E tu mi hai additato — anche tu lasciasti, come Napoleone
(quanto simile e diverso!) un aquilotto: un figlio morto giovane, alto,
esile e mesto — e tu mi hai additato il figlio della tua solitudine,
Manlio.

«In lui» mi pareva che tu mi dicessi «in lui guarda, e guarda come
fa e pensa lui, e avrai la pace e conoscerai la via». Ebbene Manlio,
col cuore pieno delle aspirazioni e rivendicazioni dei lavoratori
del mondo, navigava sulle torpediniere dell'Italia. Navigava, ora
non naviga più; l'aquilotto dorme vicino alla grande aquila. Dorme,
l'incolpabile giovane; cui nè i popolari saprebbero rimproverare di non
essere puro, nè il re, di non essere fedele.

Nell'isola solitaria l'eroe non è più solo con le due bambine. Anche
Manlio è con lui. E il mare s'alza e s'abbassa, e torna ad alzarsi,
con metro perenne, per chiamare il giovane, se il vecchio non vuole
più saperne di navigazione e di vita. Ma nemmeno il bello, alto, esile
figlio dell'eroe, può rispondere. Sonno eterno, mare eterno. O giovani,
rispondete voi al grande mare. Non siete voi tutti figli dell'eroe?

Fate d'essere tali che, s'egli tornasse, potesse trovare in voi i
volontari da condurre alle sue postume imprese; fate di poter essere i
Mille dell'avvenire.

Un tempo ei chiedeva un milione di fucili. Il milione di fucili c'è.
Ora chiederebbe un milione di coscienze. Siate questo milione di
coscienze, non offuscate dalla passione, non irrigidite da partiti
presi, non assordate da frasi fatte.


XII.

Formate, o giovani, col vostro Re giovane — felice della sua angioletta
che col suo piccolo vagito ha la potenza ineffabile di disserrare
le ferrate porte del carcere — formate, o giovani, un popolo forte
e sereno che sia preparato al destino; che si faccia degno e si
tenga pronto ad abbracciare gli altri popoli e a stringersi loro
nella auspicata federazione europea, o nella sovrumana fratellanza
di tutti gli uomini; quando nella pace e nel lavoro siano un mesto
ed incredibile ricordo la fame, il vizio, il delitto, la guerra; un
popolo che sia pronto ogni giorno a tale domani, e apra sin d'ora
tutti i suoi cuori a tale verbo d'amore; ma sia anche pronto, nelle
vicissitudini che ancora sono tra il presente e l'avvenire, sia
pronto, contro chi volesse togliergli il suo faticoso presente e il
suo laborioso avvenire; dalle officine fatte più liete, dalle scuole
rese più sapienti, dalle campagne divenute più floride, sia pronto,
ora e sempre, ad opporre tutti i suoi figli sull'Alpi nostre e sul Mare
nostro!



L'AVVENTO


Donne gentili, fedeli della pietà, che avete il cuore all'infanzia
abbandonata, che siete qui adunate per dare cibo e ricovero ai piccoli
dell'uomo che non hanno ciò che hanno i piccoli della bestia:

è l'Avvento! Sta per nascere l'infante che sarà involto di cenci e
deposto nella mangiatoia d'una capanna.

— Non c'era luogo per essi nell'albergo —

Ho sentito sonare la zampogna dei monti. Non era cominciato il
crepuscolo mattutino. S'udiva sul lastrico appena appena qualche
scalpiccìo che pareva d'uomini già stanchi sin dal primo principio
della faticosa giornata. In uno di quei _fondi_ ove, oltre tutto il
resto, manca l'aria, ardeva un lume rosso. Di là dentro veniva quel
dolce suono d'organo pastorale antico come gli antichi pastori che
erravano con le greggi prime addomesticate. Ne usciva la voce mesta e
soave della fanciullezza del genere umano, della fanciullezza d'ognun
di noi, con quell'accorarsi non si sapeva perchè, con quello sperare
non si sapeva di che, con quel bisogno improvviso di godersi a piangere
al collo della madre, chi l'aveva ancora.

Le stelle brillavano ancora nel cielo così bello e puro. Quel canto di
zampogna pareva dovesse avere un'eco nel firmamento. Quel focherello
di quaggiù, così umile e rossastro, pareva avere un perchè di cui le
stelle di lassù, così limpide e d'oro, fossero consapevoli.

Di lì a poco le stelle impallidirono e scomparvero insensibilmente. Il
lumino si spense e la sinfonia pastorale si tacque e il piccolo rito
finì. E all'apparire dell'alba cominciò il tramestìo e lo scalpitìo
soliti, con quel doloroso sforzo di voci strascicate, di piedi
strascicati, di vite strascicate.

Era giorno, e tutto era come prima: l'oggi come il ieri e il domani.

O povero _ciaramellaro_ dei monti, perchè hai dunque sonato l'avvento?
l'avvento di che? che cosa è questo regno che ha sempre da venire e
non viene mai? questo regno che ha da essere in terra come in cielo?
questo regno che ha da fare un cielo della terra? Oh! come ogni anno
si dice che verrà? come ogni secolo si dice che è per venire? come
ogni millennio si dice che non è venuto? Mai dunque? mai? Vano è
dunque sperare, vano sognare, vano pensare; chè gli uomini, e singoli
e insieme, sono condannati a patire o fame o rimorso; a patire l'odio
che loro si porta e, peggio, l'odio che portano agli altri; a patire,
oltre il male che la natura ci ha assegnato, anche quello che ci fanno
i nostri fratelli, e peggio quello che facciamo noi ai nostri fratelli?
Povero _ciaramellaro_, perchè canti così dolcemente e inconsciamente
l'avvento del regno che non può avvenire? Non vedi, nel tugurio dove
suoni l'organo silvestre dell'umile rito, non vedi forse un infante
involto appena in cenci, deposto su peggio che una mangiatoia? non sai
che quell'infante è destinato forse a non aver pietra su cui posare la
testa, a non aver forse cibo nè per il suo corpo nè per la sua anima,
a essere forse col tempo incatenato e segregato, privato della sua
libertà dagli uomini che gli negarono la sua educazione, spogliato del
suo nome dalla società che gli negò il suo pane? _Ciaramellaro_, riponi
la tua _ciaramella_.

Noi non ci crediamo più!


I.

Oh! credeteci! crediamoci! È l'avvento! Quel regno è cominciato:
era cominciato da prima, ma si è affermato da allora. Da quando? Da
quando prima un piccol numero di reietti, poi molti, poi tutti, felici
e infelici, civili e barbari (ma quale felicità era la loro, qual
civiltà!) si fissarono su quel fatto incredibile dell'Uomo-Dio che
nasce in una stalla, che vive non si vede di che, di pesci e di pani
che sono troppo pochi alla fame di tutti, di spighe sgranate nei campi,
di agnello avuto per carità, e muore su un patibolo, schiaffeggiato,
bestemmiato, rinnegato, flagellato, coronato di spine e inchiodato
a un legno. Che cosa sono le massime dei Vangeli, per quanto soavi o
grandi, pur non sempre chiare, che cosa è la buona novella del Cristo,
che cosa sono le predicazioni degli Apostoli e l'epistole di Paolo,
che cosa sono le dichiarazioni dei Padri e le argomentazioni dei
Dottori, rispetto a quell'oggetto continuo di meditazione, che è quella
semplice e orribile storia, d'un bambino così privo di tutto, d'un
uomo così povero, d'un condannato così innocente e così straziato? e
che è Dio? quel Dio da tanto tempo aspettato e annunziato? che pareva
dovesse apparire con tanta potenza e gloria, e mostrare tanti miracoli
di felicità? Da duemila anni il genere umano fa la sua meditazione
su quello strame e su quella croce. E _insensibilmente_, per così
dire, un _sentimento_ nuovo è entrato nei nostri cuori selvaggi.
_Insensibilmente_, ripeto: e lentissimamente, ahimè! Perchè, quando il
Cristianesimo trionfò, fu cominciato a eliminare dai supplizi quello
della Croce?[42] Fu religioso rispetto al grande simbolo, o non fu
piuttosto inconsapevole vergogna, di dare ad un uomo, anche reo, il
martòro per cui si versavano tante lagrime nelle chiese, dove pure il
crocifisso splendeva di gloria, di immortalità e divinità? Fu vergogna!
vergogna! E gli uomini erano ancora tanto ciechi e bestiali da non
comprendere che la forca era una croce con un braccio solo, e che la
ruota era una croce posta in piano, e che il rogo che distruggeva e
disperdeva il corpo dopo atroci torture, era peggio di quella croce,
da cui fu deposto il corpo di Gesù, perchè sua madre l'abbracciasse.
_Lentissimamente_, al nostro parere e credere, il Sole, con tutto il
suo corteo di pianeti, tra cui la trista Terra insanguinata, cammina
cammina verso una nuova plaga dei cieli; _lentissimamente_ il genere
degli uomini procede verso l'umanità. In tanto dopo le forche e le
ruote e i roghi dell'Evo medio, dopo l'enorme abuso, o uso che è
lo stesso, di morte per guerre e supplizi, che fu fatto anche dopo,
anche in quella rivoluzione che proclamò i diritti dell'uomo, anche
e specialmente (o antica stolidezza bestiale!) in essa, anche e
specialmente dopo, anche ai nostri giorni, e per opera del popolo
che si diceva sino a due o tre anni fa il più civile dei popoli;
ebbene dopo tutto quello strazio di vite d'uomini, noi riconosciamo
che in tanto il genere degli uomini si è spostato di qualche grado
verso la sua integrazione. L'ultima forma della croce, la forca, va
scomparendo: in Italia (o eterni bestemmiatori dell'_umile_ Italia,
ricordatelo!) non c'è più: altrove s'appiatta. E a me giova insistere
su questo punto, a preferenza d'altri che pur mostrano il progresso
dell'_umanità_: perchè l'umanità più difficilmente crede doversi
affermare in faccia a quella che è la bestialità, ossia il delitto.
Perchè, dobbiamo noi, si dice, rispettare le bestie feroci? Quel tale,
che ha appena qualche segno d'uomo e ne ha tanti di fiera, lo sguardo,
il pelame, gli zigomi, la fronte, il cranio, o che so io, è fuori
dell'umanità. Ebbene se noi troviamo che l'umanità s'esercita anche
verso codesti, noi dobbiamo credere, o sperare, che ella sia già ben
grande, e che abbracci tutti gli uomini, se già s'estende anche alle
bestie.

E questo è certissimo. Lasciamo da parte le legislazioni le quali
sono pure il prodotto e l'indice delle singole civiltà, e consultiamo
la nostra coscienza. Chi di noi non ha sentito un morso di vergogna
nel leggere il supplizio dell'assassino del Presidente Mac Kinley?
Chi non si è detto: O che Volta ha inventata la pila per sostituire
la corda e la mannaia? L'elettricità che deve essere l'anima del
lavoro umano, che illumina già le nostre notti e che già spinge a
corsa i nostri veicoli, e che ci farà volare, voi l'avete stipendiata
per vostro boia? La scienza l'ha già applicata per la salute e la
vita, e voi ne fate uno strumento di martirio e di morte? Oh! belle
descrizioni! Il corpo si tese tutto, scricchiolò, poi si sentì odore
di bruciaticcio... Chi avrebbe creduto che gli uomini, avendo potuto
strappare dalla grande mano invisibile del Tonante lo strale con cui
egli minaccia, l'usassero, essi, in modo più fine e feroce, contro i
loro simili? Noi c'indignamo, e pensiamo, a proposito sì di questo,
sì di altri e di tutti i supplizi, così: il peggior delinquente
del mondo, che uccida lentamente e non di un subito; che si diletti
degli spasimi e dei terrori della vittima; che premediti la strage
a lungo, e ne dia misteriosi indizi al destinato, sì che egli muoia
di cento morti; che lo faccia saper prima alla madre e al babbo, che
il loro figlio sarà straziato e finito; che avvisi i fratelli perchè
assistano al boccheggiare del fratello; oh! non si trova nel mondo un
delinquente, traditore e squartatore, così feroce come codesta legge
che con tanta freddezza, con tanta serenità, con tanta arte eseguisce
le sue giustizie esemplari! Bell'esempio! Noi, profondando nella
nostra coscienza, giudichiamo a nostra volta, che non c'è delinquente
pessimo degno di morte, il quale non patisca peggio di quello che ha
fatto! E così i popoli _veramente civili_, hanno abolito questo delitto
esemplare che mortificava la coscienza degli onesti, i quali non
volevano essere protetti a tal patto; e ancora alleggiava la coscienza
dei delinquenti, i quali sentivano di poter pagare il debito che
facevano, con usura tale, da acchetare ognuno e da indurre più d'uno a
dire al fine: Poveretto!...

C'è di più. Alcuni chiamano morboso e immorale questo fatto che si
rimprovera particolarmente, credo, a voi siciliani e calabresi, e che
è di tutti o almeno di molti. Ecco il fatto. L'autore d'un delitto
è subito esecrato: la folla, potendo, ne farebbe giustizia sommaria.
Di lì a qualche mese il delinquente aborrito entra incatenato in una
gabbia di ferro. Gli si fa il processo. Noi ascoltiamo o leggiamo. Che
cosa succede? Penetriamo nella nostra coscienza, e non fermiamoci alla
superficie, dove galleggiano le parole che si dicono, ma arriviamo
al fondo, dove posano i pensieri che non si dicono: che troviamo?
Il nostro odio è sbollito, il nostro orrore è diminuito, quasi quasi
sentiamo di tenerla più per la difesa che per la parte civile, quasi
quasi facciamo voti per il colpevole che avremmo voluto linciare...
Che è? siamo malfattori anche noi? Oh! no: noi non vorremmo vedere
quelle catene, quella gabbia, quelle armi nude intorno a quell'_uomo_;
vorremmo non sapere ch'egli sarà chiuso, vivo, per anni e anni e
anni, per sempre, in un sepolcro; vorremmo non pensare ch'egli non
abbraccerà più la donna che fu sua, ch'egli non vedrà più, se non reso
irriconoscibile e ignominioso dall'orrida acconciatura dell'ergastolo,
i figli suoi...

Ma egli ha ucciso, ha fatto degli orfani che non vedranno più affatto
il loro padre, mai, mai, mai! È vero: punitelo! è giusto!... Ma non
si potrebbe trovare il modo di punirlo con qualcosa di diverso da ciò
ch'egli commise?... _Così esso assomiglia troppo alle sue vittime! Così
andranno sopra lui alcune delle lagrime che spettano alle sue vittime!
Le sue vittime vogliono tutta per loro la pietà che in parte s'è
disviata in pro' di lui!_

E noi allora sognamo il grande sogno novissimo.

C'è qualcuno che fece il male? Oh! infelice! oh! supremamente infelice!
chi reggerà più alla sua vista? chi oserà più rivolgergli la parola?
Egli passa, i bambini fuggono, le madri si stringono al seno l'infante,
gli uomini gravi abbassano gli occhi. Egli passa tra il silenzio
anelante. Ode appena, quando è passato, un bisbiglio sommesso: «È
quell'infelice che ha ucciso! È un povero Caino che non dormirà
più! Egli va, cammina e cammina, chi sa? per trovare il farmaco che
resuscita i morti, e non si trova in nessun luogo!».


II.

Questo voltafaccia della psiche popolare che dal compiangere il delitto
passa a commiserare colui che l'ha commesso, si considera dai più come
una malattia dello spirito. E sia. In verità una scienza nuova, e già
gloriosa, cerca negli uomini le traccie della degenerazione; e le trova
in quelli che soli esamina; che sono o i geni o i delinquenti. Perchè
in questi due ordini d'esseri umani le trova, anzi, ella è giunta a
riconoscere una parentela tra loro. Ma perchè non istudia essa l'uomo
normale? l'uomo che nè commette crimini da esser chiuso in prigione,
nè fa capolavori da meritare il Pantheon? Chi sa? ella troverebbe che
non v'è uomo al mondo, per mediocre che sia, nè troppo santo nè troppo
cattivo, nè alto nè basso, che non abbia alcune delle anormalità da
loro segnalate nei delinquenti e nei geni.

D'ognun di noi studiando l'albero genealogico, forse troverebbe
qualche figura a cui fermarsi; studiando d'ognun di noi le abitudini,
troverebbe qualche particolarità di cui sospettare: dorme troppo,
dorme poco costui; piange per nulla, ride per nulla; è distratto, è
contratto; esce di notte, non esce di notte; s'adira all'improvviso,
ha una calma continua... Io credo che l'uomo normale non esista; e come
sarebbe a quei dotti impossibile dimostrare che esiste, cercandolo per
tutto il mondo, come colui che cercava l'uomo felice di cui aver la
camicia, così è facile a ognuno, con una sola parola, dimostrare che
non esiste: non esiste l'uomo normale, perchè questi sarebbe l'uomo non
evoluto, ossia il non-uomo ancora. Chiamerebbero essi degenerata la
Terra, perchè non è più gas? e in Giove troverebbero essi avanzata e
nel Sole già cominciata la degenerazione? È questione di parole. Essi
trovano nel tal genio o nel tal delinquente certi strani timori... Ma
non sanno essi che l'uomo è l'animale che teme ciò che le bestie non
temono? non sanno essi che l'uomo è l'animale che sa di morire? Trovano
che il tal altro, genio o delinquente, aveva tenerezza per la sorella e
per la madre. Ma non sanno essi che l'uomo è colui che ama la femmina
anche all'infuori della spinta sessuale? Trovano in tutti, credo, i
geni e i delinquenti, l'epilessia... Ma tutti, tutti portiamo in noi
lo squilibrio della fatale ascensione, per cui dal _pithecanthropos
alalos_ si svolse l'_homo sapiens_, e dall'_homo sapiens_ o ragionevole
si svolge l'_homo_, che io dirò _humanus_...

E qui, dame gentili, mi rivolgo a voi, perchè temo che vi sembri
già che io non abbia accolto il vostro pio invito, se non per farvi
ascoltare una lezione d'empietà. No, dame gentili. Io vi ricorderò
alcunchè del libro sacro a cui credete, e vedrete, che ciò che io ho
detto, non contradice a ciò che là è scritto.

Non è, questo, un vano esercizio di arte sofistica: trovare il nesso
e la somiglianza tra le idee e i sistemi e le credenze più disparate,
è servire fedelmente la causa della concordia dell'irrequieto genere
umano che non si pacificherà, credete, con la soppressione di questo
o quello, ma con la persuasione di tutti. Dice dunque la Bibbia che
l'uomo fu creato in istato di grazia e di libertà. Subito però (i
teologi computano questo tempo a poche ore) fu cacciato dall'Eden; e
ciò che si racconta di lui, dopo che fu cacciato, è subito l'uccisione
del fratello commessa dal fratello. Non vi è antropologo il quale non
debba ammettere che la bestia che diventò l'uomo, era potenzialmente
uomo anche quand'era bestia. Era una bestia quella che aveva in sè il
suo destino futuro. Nata dal limo, aveva in sè il soffio di Dio. Ma,
non ostante questo soffio, ella si mostrò più bestia delle bestie le
quali non uccidono così facilmente le loro simili. Si mostrò più bestia
delle bestie, non ostante che edificasse le case e le città. Perchè la
Bibbia appunto seguita a narrare che fu Caino, la bestia che uccise il
fratello, che edificò le prime città!

«O dunque era molto _sapiens_ questa bestia primitiva? E non era cioè
bestia, ma _homo_!» così obbiettate. E avreste ragione, se l'_homo
sapiens_ svoltosi dalla bestia primitiva, fosse l'uomo veramente uomo.
Non era, non è.

È un vecchio concetto, codesto, e non vero, che sia l'intelligenza che
distingua l'uomo dal bruto. Non è vero: le case le edifica anche la
rondine, e di fango impastato come noi; e la lucciola ha saputo, con
lunga esperienza, scegliere tali sostanze con cui aver luce nelle sue
notti, e con lunga esperienza ha saputo l'ape scegliere tale cibo con
cui fare il miele e la cera; e le formiche hanno i loro granai, e i
castori hanno le loro città. L'intelligenza e la conservazione della
vita sono tra loro in tal nesso, che se chiamate istinto naturale
quest'ultima, dovete chiamare istinto anche quella prima. E istinto
vuol dire qualcosa a cui non possiamo sottrarci e che s'impone come
una necessità. E non c'è mirabile opera umana, non c'è macchina, non
c'è traforo di monti, non c'è navigazione di mari, non c'è volo tra le
nubi, non c'è asservimento di forze cieche e libere, che, considerati
da esseri più perfetti, i quali dimorino in altri pianeti, non
facessero loro pensare che noi abbiamo ubbidito, con ciò, alla stessa
necessità a cui i conigli, che so io, gli uccelli e gli insetti alati
e le lucciole e i ragni. Quando e dove l'abitatore dei pianeti lontani
comincerebbe a pensare che noi siamo essenzialmente diversi dai ragni
tessitori e dalle lucciole fosforescenti?

Quando e dove vedesse, che noi facciamo qualcosa contro quell'istinto,
quando e dove riconoscesse che noi abbiamo conquistato o andiamo
conquistando — che cosa? — _la libertà!_ quando cioè e dove stupisse,
che alle madri degli uomini non basta dare il loro latte ai loro
piccoli e provvedere al loro sostentamento, fin che non siano atti
a fornirselo da sè; ma vogliono anche educarli, istruirli, tremare e
piangere e tribolare per loro tutta la vita; che ai padri degli uomini
non basta aver fecondata la femmina, ma si trattengono presso lei, e
non solo l'aiutano ad alimentare i piccini, ma diventano i loro più
attivi, più pensosi, più solleciti guardiani e maestri; che, cosa più
mirabile ancora, queste madri e questi padri pensano ai figli degli
altri; che, cosa da esaltarsene in sè, quel figlio più puro dei cieli,
ci sono tra gli uomini quelli che rinunziano a godere, perchè altri non
pianga, a mangiare, perchè altri non digiuni, a vivere, perchè altri
non muoia. Ora, come mai — quell'essere superiore esclamerebbe — come
mai in questa povera razza d'esseri deboli, caduchi, efimeri, ha potuto
fiorire questa pianta inseminata della _volontà_? come questo genere
d'animali bipedi senza ali ha potuto _liberarsi_ dai legami della
sua egoistica e cauta e fredda ragione? chi ha portata la _pietà_ in
terra? quando l'_homo_, così _sapiens_, ha potuto, non in virtù della
sua sapienza, ma contro contro contro la sua sapienza stessa, tanto
superiore a quella degli altri animali terreni; quando l'_homo sapiens_
ha potuto divenire _homo humanus_? per qual miracolo è avvenuto in
questo selvaggio pianeta, dopo il fiero regno della _ragione_, il dolce
regno del _sentimento_?

Ecco l'avvento! Quel che è cominciato già, sebbene non abbia ancora
conquistata tutta la terra, è il regno della pietà, cioè della volontà,
cioè della libertà! Tutto lo dice e lo grida.

La pietà vuole entrare, dove le era precluso l'adito: oltrepassa
le gabbie di ferro, tenta le massiccie porte del carcere, sulla cui
soglia sta la giustizia in armi. «Sono vittime anch'essi, i tuoi rei,
o giustizia, come le loro vittime. Portano la pena di questo movimento
intimo, che ha scossi i nervi dell'antico bruto, che ha insegnato a lui
spasimi e dolcezze nuove, che gli ha appreso a ridere e a piangere! È
un disordine nell'anima di tutti: le fibre del cervello non hanno più
in alcuno quella loro primitiva regolarità. Il sentimento, cosa nuova,
porta come il suo bene, così il suo male. Non essere così ragionevole,
o giustizia. Perdona più che puoi». — Più che posso? — Ella dice di non
potere affatto. Se gli uomini, ella soggiunge, fossero a tal grado di
moralità da sentire veramente quell'orrore al delitto, che tu dici, si
potrebbe lasciare che il delitto fosse pena a sè stesso, senza bisogno
di mannaie e catene, di morte o mortificazione. Ma... Ma non vede
dunque la giustizia che quest'orrore al delitto gli uomini lo mostrano
appunto già assai, quando abominano, in palese o nel cuore, il delitto
anche se è dato in pena d'altro delitto, ossia nella forma in cui
parrebbe più tollerabile?


III.

La pietà ha edificato tanti ospedali! tanti asili! tanti ricoveri! La
pietà bussa alle grandi sale dorate, e tende le mani e alza il suo
lamento tra il soave fragore delle musiche e il blando avvolgimento
delle danze! La pietà non permette già più di cenare in pace, perchè
Lazaro piange alla porta del banchetto! La pietà non permette già
più alla madre di contemplare in pace tra i candidi merletti il
suo angioletto addormentato... Oh! il suo sonno è così leggero; e
nell'ombra, troppo vicino suona il querulo incessante innumerevole
vagito dei bimbi che non hanno culla, che non hanno latte, che non
hanno madre...

Oh! non vi può esser più felicità per uno, se non c'è per tutti.
Il regno della schiavitù, della guerra, della conquista, dello
sfruttamento, cioè della ragion sola, sta per chiudersi. La pietà
ha indotto la ragione a escogitare strumenti e sistemi di salute e
felicità non più per le città, non più per le nazioni, non più per le
razze, ma per tutti, ma per la società, ma per tutto il genere umano.

Il socialismo! Senz'altri argomenti e fatti, basterebbe questo, del
sorgere del socialismo, a dimostrare che il regno della pietà è già
inoltrato. Esso è un fenomeno d'altruismo. Quali ne furono i messia e
gli apostoli? quali ne sono i predicatori e i confessori? Tutti (poichè
di classi si è costretti ancora a parlare) tutti, o nobili o borghesi
o, se operai, tali però che per l'ingegno e per l'abilità o sono usciti
o potrebbero uscire dalla classe degli operai propriamente detti.

Si avvera anche per il socialismo il fatto storico che l'elevamento
delle singole classi è per opera della classe superiore. È un fatto
dunque di carità e d'amore. Sono uomini, codesti predicatori e
confessori, che rinunziano già volontariamente ai beni della loro
classe, perchè non è bene quello che coincide col male degli altri. O
sublime follia di Carlo Cafiero, il quale fuggiva dal raggio di sole
che penetrava nella sua camera d'ammalato, perchè non c'era sole per
tanti altri nelle miniere, nelle officine, nelle stive, nelle prigioni!
«Io non voglio sole che non sia di tutti!»

È la follia della croce, dunque; è la follia di S. Francesco. Una
parte del genere umano si scalza, perchè l'altra parte è scalza. La
seconda grande fase della storia è già aperta: l'_homo humanus_ sta per
prendere il posto dell'_homo sapiens_.

Secol si rinnova.

Ma gl'ingrati! oh! gl'ingrati! I figli di pietà o carità, rinnegano la
loro dolce madre! essi dicono di non conoscere se non la giustizia,
quella ferrea donna che veglia sulla soglia del carcere; che impugna
anche la scure, che stringe il laccio, che sprigiona il fulmine,
addomesticato per dar morte a un uomo; che ha mosse tante guerre, che
ha voluto la schiavitù, che persino, talvolta, ha esposti su o gettati
da una rupe, non si sa bene, i figlioletti degli uomini! Giustizia o
Carità?

Essi rispondono, Giustizia; e io dico, Carità.

La giustizia non è che a mano a mano la moralizzazione del nostro
egoismo.

È cosa contingente e mutabile: non affida. Se noi dobbiamo per
giustizia rispettare la vita degli uomini, come mai la giustizia non
ci vieta di ammazzare il bove e l'agnello? È un sofisma questo? Eppure
certe legislazioni vietavano, per esempio, di macellare bovi da lavoro,
eppure certe coscienze hanno bandita dalle loro mense la carne degli
animali! La Giustizia presso questi individui e presso questi popoli,
vuole svolgersi logicamente. E dunque svolgetela anche voi, cotesta
vostra giustizia, logicamente. Se il vostro sistema non si basa se non
sulla giustizia, ebbene rispettate, oltre il bue di lavoro, oltre il
mite agnello e il festoso capretto, tutte tutte le vite: non uscite
a passeggiare, per non calpestare le formiche, non vi muovete, non
respirate, non vivete. La vita d'un essere è ineluttabilmente causa
della morte di altri esseri.

E le piante? credete voi di cibarvene con giustizia? o non sapete che
la vita è una unica, sebbene le gradazioni siano varie? La giustizia!
ma noi la ripudiamo sempre! Qual cosa direste più giusta del latte che
dà la madre al figlio? delle cure di lei intorno alla culla del suo
piccino? Ebbene interrogate voi stessi, se voi dite mai che la vostra
madre non ha fatto che il suo dovere dandovi il suo petto a suggere e
dondolando la vostra culla!

Fu pietà, carità, amore! noi diciamo. Il giorno che noi credessimo
che non fu se non giustizia, noi, capite, non riameremmo la nostra
madre e con lei tutto ciò che amiamo; non ameremmo più; e l'umanità
non tornerebbe ad essere solo quello che già fu, una bestialità, ma
diverrebbe una bestialità senza più quel soffio e quella scintilla per
cui ella potè divenire l'umanità. L'uomo si rifugierebbe nel suo covo
antico, vi si stenderebbe su, non se ne rialzerebbe più.

La giustizia non comincia se non dove giunge la pietà. Non entra la
giustizia nel modo nostro di comportarci con le formiche, perchè in noi
non si sveglia il sentimento di pietà. Non si era desto il sentimento
di pietà nelle donne spartane che lasciavano portare al Taigeto i loro
bimbi deformi; e perciò non credevano contro giustizia l'orribile cosa.
O credete che il più naturale dei sentimenti umani sia stato sempre
tal quale? L'infanticida, ai nostri giorni ancora, quando sopprime la
sua creatura, non ha avuto tempo e modo di considerare come qualcosa
o qualcuno fuori della sua carne e della sua vita, l'infante che
sopprime. Ella, io credo, crede di far male a sè stessa, a un frusto
infelice della sua povera persona. Non l'ha sentito vagire, il piccino,
e la sua pietà non s'è desta, ed ella non ha veduto di offendere la
giustizia. La giustizia poi glielo fa sapere... Ma la giustizia non
s'accorge di esercitare la sua autorità nuova contro una donna di molti
millenni prima, non punto dissimile dalla femmina di qualche animale
che nega il latte a qualcuno de' suoi piccoli o che a dirittura lo
divora.

Alle quali femmine la Giustizia non dà nessuna pena. Alla donna
infelice che vi è innanzi, o giudici, è mancato a un tratto il prodotto
dell'evoluzione di molti millenni, perchè è mancato un vagito, un
sottile vagito, un solo piccolo vagito, che le avrebbe detto. Pietà di
me; ed ella non potè udire quel gemito perchè l'avrebbe tradita. Oh!
se avesse potuto volerlo udire, oh! non ci sarebbe stato bisogno del
codice e del tribunale e del carcere per farle comprendere che cosa
era giusto che facesse. Dopo il sentimento di pietà, sarebbe sorto il
concetto di giustizia.

Ora, mi dirà alcuno che anche qui è questione di parole? No; è
questione di cose. O apostoli della rigenerazione umana, se voi
dimenticate che la base di questa rigenerazione è la pietà e il
sentimento, non la giustizia e la ragione, voi andate contro il vostro
fine; voi, cioè, agitate, combattete, soffrite perchè non avvenga ciò
che voi volete che avvenga. Proclamando presente la giustizia futura,
voi togliete la pianta dalla terra donde ella trae il nutrimento per
il fiore che forse è già in boccia, voi la separate dalla sua radice;
e l'agitate e la mostrate dicendo: Ecco il fiore. E il fiore così
non si aprirà più. O spiriti ardenti, il fiammante e soave fiore
dell'avvenire, ha bisogno del nutrimento del nostro cuore e della
rugiada dei nostri occhi! Il sole dell'avvenire che aprirà infine
quella rossa corolla, si chiama l'amore!

Ecco, io mi provo a leggere nel libro del futuro nascosto: leggo
nell'Apocalissi.


IV.

E i proletari del mondo ripeterono:

Noi non vogliamo pietà, vogliamo giustizia!

E primamente cacciarono da sè i loro maestri e apostoli dicendo: Noi
non vogliamo pietà!

Chi siete voi? Voi siete degli altri! Voi dite parole giuste, ma son
elleno anche nel vostro cuore o solo nelle vostre labbra?

A ogni modo, anche se voi sentite quel che dite, noi non vogliamo
pietà! Andatevene.

E i maestri cominciarono ad andarsene.

E presto non vi furono altri proletari che i proletari.

E il genere umano era diviso in due generi... non umani, che si
guardavano male.

Ogni tanto qualcuno del genere meglio vestito passava all'altro, e
poichè non era certo ispirato dalla pietà, egli era certo dei peggiori
di esso; e qualcuno dell'altro genere passava al primo; e questo era
dei più valenti se non dei più fedeli.

Dalle due grandi classi si elevavano continuamente le vecchie querele:
somigliavano a quelle che in tempi già remoti erano poste. come si
diceva, sul tappeto da due nazioni che volessero venire alla prova
delle armi.

Querele che erano poi sopraffatte dal fragore delle battaglie e dai
gemiti dei feriti; e che, fluita la guerra, risorgevano più maligne che
mai a preparare la guerra che di regola nasceva dalla guerra e che si
chiamava la rivincita.

Già da tempo il contadino non salutava più il proprietario: la cosa era
sembrata bella agli apostoli scacciati.

Già da tempo gli operai delle officine passavano col berretto in
capo avanti l'industriale: la cosa era sembrata magnifica ai maestri
ripudiati.

Eppure si era sempre dagli apostoli e maestri e poi dai discepoli
predicato, che non gli uomini erano in colpa; sì il sistema. A che
dunque l'odio?

Eppure! eppure! Qualche vecchio contadino si ricordava che aveva amato
i figli del padrone che ruzzavano coi suoi! qualche vecchio operaio
si ricordava d'aver tenuto in collo quel grande industriale, quand'era
piccino!

I vecchi tentennavano il grigio capo.

«Non sarebbe meglio accomodarsi?» brontolavano.

«No» replicavano irosi i giovani «no e no: essi ci derubavano, perchè
noi siamo le braccia che fanno la ricchezza, e la ricchezza se la
prendevano e prendono loro».

«Ma» rispondeva timidamente qualche vecchione che ricordava la
favoletta di Menenio Agrippa «se noi siamo le braccia, siano essi lo
stomaco o forse, almeno qualche volta, la testa, voi sapete che un
corpo può vivere senza braccia, ma senza testa o anche senza stomaco,
no».

«No: vedrete, o nonno, che non può vivere nemmeno senza braccia».

Così per un pezzo stettero l'un contro l'altro, i due generi inumani:
i bambini piangevano dall'una parte e dall'altra; dall'una parte e
dall'altra i giovani si nutrivano d'odio.

I ricchi non avevano già più chi li servisse: fortunate quelle signore
che avevano imparato a fare il bucato e la cucina!

I poveri non avevano più scuole, dove mandare i figli, non ospedali,
dove essere curati dei loro morbi, non asili per l'infanzia, non
ricoveri per la vecchiezza.

L'odio aveva avvelenati tutti i cuori: tutti gli occhi avevano lo
sguardo bieco del bandito e del prigioniero.

Sino allora restava anche una terza classe: la classe degli armati: nè
mai essi avevano sentito battere tanto di fierezza il cuore: istituiti
per la guerra, essi mantenevano la pace.

Ma una pace torbida, inquieta, piena di ululi soffocati.

Finalmente anche quella classe di mezzo spari, e si fuse parte di qua
parte di là.

E un giorno cessò ogni fragor di macchine, ogni grido d'aratore, ogni
strepito di martello. Tutto era chiuso e tacito. La pietà era da un
pezzo estinta: s'estinse il lavoro.

E allora venne la guerra: i due generi disumani si avanzarono l'uno
contro l'altro con tutte le armi dell'odio...

Avevano due grandi bandiere.

Nell'una e nell'altra si leggeva la stessa parola: _giustizia!_

Ma perchè continuare nella lugubre lettura? Cerchiamo d'ignorare il
rimanente: chi vinse? fu pace poi? il sangue non fermentò? fu poi
uguaglianza? e se fu, l'ingegno umano non si avvizzì? non diventò
sterile? nel grande opificio l'uomo non sospirò la libertà? O tutto
tornò come prima? non ci furono, di cambiati, che le persone dei
proprietari; e tutti i cuori? e infine, nei secoli dei secoli, non si
oscurò e raffreddò per sempre il sole, non lasciando sopravvivere sulla
terra, divenuta un sepolcreto enorme, nemmen la memoria di quel genere
d'animali, che con tanta intelligenza non aveva saputo assettare la
sua vita comune, nè come le api e le formiche, che vivono in pace e
fratellanza nelle loro arnie e nelle loro caverne, nè come i leoni e le
tigri, che di tutto fan preda fuorchè di leoni e di tigri, nè come le
iene che mangiano tutto quel che trovano, ma lasciano vivere i vivi?


V.

O tetra Apocalissi, io non credo in te, perchè credo nella carità!
Ecco la base del mio socialismo: il certo e continuo incremento della
pietà nel cuore dell'uomo. Tutti i fatti raccolti dai materialisti
della storia, non provano che questo: che l'uomo da solo ragionevole è
divenuto anche sentimentale.

Non è stato l'interesse che ha via via suggerite le grandi
trasformazioni sociali, ma un sentimento opposto all'interesse.
La considerazione della storia a quel modo, è un continuo e facile
sofisma.

È stata Roma che ha fatto trionfare la croce, sono stati i padroni che
hanno abolita la schiavitù, è la borghesia che predica il socialismo.
E sarà il cuore che troverà l'assetto ottimo della società, non il
cervello e molto meno il ventre. Non sarà un _dies irae_ il gran
giorno: sarà il giorno della pietà!

Io vedo moltiplicato all'infinito per tutta la terra il convito di
Elena. Si ricordano, intorno alla mensa, tutti, famigliari e ospiti,
le loro sventure. Il racconto delle miserie altrui suscita il ricordo
delle sue proprie. Il pianto si fa compianto, la passione si fa
compassione,

— Come potemmo noi odiar voi che tanto avete pensato?

— E noi come potemmo dispregiar voi che tanto avete sudato?

— E noi non riconoscemmo la vostra mente!

— E noi non baciammo le vostre mani!

— E sì: dovevamo a voi il pane dei nostri bambini!

— Oh! no: noi noi lo dovevamo a voi...

— Figli, venite a ringraziare il vostro benefattore.

— Figli, abbracciate il vecchio operaio che vi alimentò.

— No...

— Baciatevi, o piccoli, tra voi, che siete fratelli.

— Oh! quando penso, che tu non avevi sempre il pane...

— Taci: e io che t'invidiavo? Pareva che noi non sapessimo che anche a
voi erano lunghi i giorni e lunghissime le notti... e breve la vita!

— E ora? Per il meglio, lavoreremo anche noi un poco, manualmente: fa
bene alla salute e al cuore...

— E anche noi avremo un po' di tempo per l'intelletto

— Io non ho bisogno del superfluo, perchè sono certo dell'avvenire dei
miei figli, affidati all'amore del consorzio umano...

— E io ho già più del necessario, perchè oltre il cibo, il tetto e il
vestire, ho l'istruzione per i miei figli e la gioia di questa gran
pace.

— E dire che io a forza ti volevo negare ciò che è tanto mio utile
averti dato!

— E dire che io volevo aver per forza ciò che per amore mi avresti dato!

— Quanto abbiamo sofferto!

— Oh! sì: quanto!

— Ed era così facile finirla!

— Così facile e così bello!

E la divina Elena verserà nelle coppe di quelli uomini mesti il farmaco
contro il dolore e contro l'ira.

Chi mi dirà che questo è lontano e fantastico? Chi mai, al quale io non
possa opporre che l'avvenire ch'egli prevede è anche più lontano e più
fantastico?

Qual dato di scienza economica, per esempio; che, per esempio, la
ricchezza tende ad accentrarsi e la proprietà individuale a sparire;
è più certo della mia semplice intuizione che l'uomo, il quale ha già
asili e ospedali in cambio d'altrettanti ergastoli di schiavi e di
gladiatori, tende sempre a migliorare?

E dunque, mi si dirà, ce ne dobbiamo star con le mani in mano ad
aspettare l'avvento di codesto regno della carità?

Tutt'altro! tutt'altro! tutt'altro! Solamente, bisogna fare, non
dire! Noi dobbiamo adempierlo tutti, intorno a noi, il gran sogno
dell'avvenire, nel modo che meglio possiamo. Molti fatti anche piccoli,
costituiranno un gran fatto; molte parole, anche grandi, non possono
formare che un grande discorso. E la durezza dei cuori si frange
soltanto con l'esempio, quando si frange.

E sopratutto, io credo non s'abbia a parlare di lotta, se non di quella
che ognuno ha da combattere con sè stesso. Il più e il meglio che possa
fare un animoso combattente in pro' dell'ideale umano, è di ridurre
sè stesso più che può simile a quello ch'egli afferma dover essere gli
uomini futuri.

E in queste parole non è nessuna intenzione d'offesa per quelli che per
tanta parte della mia vita chiamai i miei compagni, e chiamerei ancora
così, se loro non dispiacesse: ho conosciuto, e conosco, tra loro
tanti che non solo parlano, ma e fanno. O miei vecchi amici, medici dei
poveri, avvocati gratuiti, maestri per carità, io non vi ho dimenticati
e non vi disconosco! Ma voi non solo nascondete, col pudore del bene,
la vostra opera caritatevole, ma la rinnegate a confronto della vostra
predicazione! Voi disprezzate e condannate quella che chiamate la
_filantropia_, volgendovi a questi, e la _carità_, volgendovi a quelli.
Ebbene io credo, e questo ho voluto dire, che il fatto d'amore e di
carità ha maggior importanza e consistenza, dirò così, scientifica, che
le vostre teorie economiche e sociali. Tanto che qualunque uomo sia,
qualunque sia la sua fede o il suo sistema, se fa il bene è più vostro
compagno che il vostro compagno che il bene non lo faccia.

Tanto che io, o miei buoni eroici compagni della lontana giovinezza,
io non vi ho abbandonati, se non credo a ciò a cui voi credete,
all'efficacia della lotta di classe e ai prematuri disegni
dell'avvenire, ma, se mai, vi ho rinnegati, perchè non obbedisco
all'aspirazione a cui voi obbedite, e che è la pietà; ma, se mai,
perchè non faccio quel che voi fate, non perchè non dico quel che voi
dite; ma, se mai, per l'odio o il disprezzo che io abbia conservato
e concepito per uomini più ricchi o più poveri, più potenti o più
deboli, più sapienti o più ignoranti di me, buoni o cattivi, onesti
o delinquenti, pure infelici e mortali come me e voi tutti: cui solo
l'amore può rendere, dandoci figli, meno mortali; dandoci fratelli,
meno infelici.


  FINE



INDICE


  DEDICA                    pag. VII
  PREFAZIONE                 »    IX
  Il Fanciullino             »     1
  Il Sabato                  »    67
  La Ginestra                »   105
  L'Èra nuova                »   133
  Un poeta di lingua morta   »   155
  Eco d'una notte mitica     »   169
  La scuola classica         »   187
  Una sagra                  »   193 _bis_
  L'Eroe italico             »   233
  L'Avvento                  »   263



NOTE:


[1] Plat. _Phaed._ 77 E. E Cebes con un sorriso «Come fossimo
spauriti,» disse «o Socrate, prova di persuaderci; o meglio non come
spauriti noi, ma forse c'è dentro anche in noi un fanciullino che ha
timore di siffatte cose: costui dunque proviamoci di persuadere a non
aver paura della morte come di visacci d'orchi».

[2] Che Femio sia vecchio, non si dichiara da Omero con parola
espressa, ma indirettamente con l'epiteto _periclytos_ (Od. 1, 325)
comune all'altro aedo Demodoco (ib. 8, 521 e al.), e specialmente con
ciò che Femio stesso afferma di sè (ib. 22, 347):

    Sono maestro a me io, e un dio piantò nel mio cuore
    Ogni ragione di canti...

Il che consuona con ciò che di lui dice Penelope (ib. 1, 337 seg.):

    Femïo, poi che sai molt'altre malie de le genti.
    Opere d'uomini e dei...

E il vecchio Femio canta la canzone più nuova o più giovane (ib. 351
seg.):

    Poi che gli uomini pregiano ed amano più quel canto
    che il più nuovo all'intorno de li ascoltanti risuoni.

Quanto a Väinämöinen, ricordo da quel meraviglioso frammento di
versione dovuto al mio PEPavolini (_Sul limitare_ pag. 75 seg.):

    L'_antico_ e verace Väinämöinen
    . . . . . . . .
    Quindi l'_antico_ Väinämöinen
    . . . . . . . .
    quando udirono il _nuovo_ canto,
    sentirono il dolce suono.

[3] Od. 8, 499: _phaîne d'aoidén_.

Badiamo che io non intendo affermare l'etimo di _aeidein_ da _a_
privativo e _vid_ vedere. No: intendo asseverare che cotesto etimo era
presente agli antichi cantori. Si confrontino i due versi di Od. 1,
337 seg. che terminano il primo con _oîdas_ e il secondo con _aoidoí_.
Si mediti il 64 di 8: Degli occhi, sì, lo privò, ma gli dava la soave
_aoidén_. Si ripensi l'espressione su riferita: mostrava l'_aoidén_.
Persino, oso dire, giova osservare, riguardo l'accecamento di Polifemo,
mangiator d'uomini e bevitor di vino, che _polyphemos_, oltre a essere
il nome del terribile Ciclope, è epiteto dell'_aoidos_ Femio (22, 376).
_Phemios_ il cui nome somiglia del resto a quello di _Polyphemos_. E
il Ciclope, che mostra nella Odissea la sua musicalità solo quando (9,
315)

    egli con sufoli molti parava le pecore al monte.

musicalità che del resto è nel suo nome, se esso vale, come in 2,
150, «pieno di sussurri o di voci», il Ciclope è presso Teocrito un
dolce cantor d'amore, e nessuno dei Ciclopi sa sonar la piva come lui
(Theocr. Id. 11).

[4] Ricordo che tutto porta a credere che la _Comedia_ sia stata
cominciata dal poeta nell'anno quadragesimo ottavo della sua età,
o dopo. E quello è il poema della contemplazione, opposta alla vita
attiva.

[5] Così in vero lo rappresentò il Manzoni con le Muse (bastava una)
che l'accompagnano «la mal fida Con le destre vocali orma reggendo».

[6] Non solo i poeti moderni, così assolutamente fissati sull'amore
e sulla donna, ma anche gli antichi poeti tragici e persino i poeti
corali immediatamente successi alla poesia epica, si diedero a colorire
l'elemento femminile ed erotico dei poemi omerici. E le donne designate
e mentovate in essi poemi, non bastarono, e se ne crearono di nuove.
Ciò accrebbe l'interesse dramatico del ciclo, ma segna in esso la
diminuzione di essenza poetica. Così Orlando innamorato e furioso per
amore è più dramatico ma meno poetico di Rolando della _Canzone_.

[7] Augusto Conti narra di una sua bambina: «Quando mirava la luna o le
stelle, metteva voci di gioia, e me le additava, e chiamavale come cose
viventi; offrendo loro quel che avesse in mano, anche le vesti». Rivado
col pensiero a tutte le poesie che ho lette: non ne trovo una _più
poesia_ di questa!

[8] Tale, p. e., è quello di Andromaca che piange su Ettore (II. 22,
510):

    Nudo, e sì che di vesti ce n'hai ne la casa riposte.
    Morbide e grazïose, lavoro di mani di donne!

[9] Plat. _Phaed._ 61 B.

[10] Cat. _de agri cultura_ 2, 7. _Armenta delicula, oves deliculas._
Traduco così, scostandomi dal Keil. Cf. per il significato di _armenta_
Verg. _georg._ 3. 129.

[11] Varr. _rerum rusticarum_, 1, 17.

[12] _georg._ 3, 126 sqq.

[13] ib. 174 sqq.

[14] Cat. _a. c._ 58, e leggi 56 e 57 e 59.

[15] _Aen._ 5, 284: è data, come premio a Sergesto, Foloe, una cretese,
esperta nel tessere, con due gemellini alla poppa. Ed è imitazione
di Omero: II. 23, 263. Anche è _serva_, in 9, 546, Licinnia che diede
al re dei Lidi un figlio, Elenore. E anche questo è Omerico. Inoltre
Andromaca partorisce _servitio_: _Aen._ 3, 327. E c'è l'idea e la
parola di _servitium_ a proposito di giovenchi in _georg._ 3, 168, e di
sè stesso, cioè di Titiro, in _ecl._ 1, 41.

[16] _Aen._, 1, 701 sqq. 705; 5, 391; 8, 411, 584.

[17] _Ecl._ 1, 28.

[18] RR. l. 17 _ipsi colunt, at plerique pauperculi cum sua progenie_.

[19] _Georg._ 2, 458 sqq. 1. 300 sqq. e altrove.

[20] _Georg._ 4, 125 sqq.

[21] _Georg._ 2, 412 sqq.

[22] _Serm._ 2. 6, 1 sqq.

[23] Plat. _Apol._ 28 B. sqq. _Georg._ 1, 291 sqq.

[24] _Aen._ 8, 155 sqq.

[25] Sen. _Ep._ 122, 11. cf. _Apoc._ 2.

[26] Sen. _Ep._ 122, 11. E continua a leggere il fattarello che segue.
Montano avendo subito cominciato con un'alba «Febo comincia a metter
fuori le ardenti fiamme, e il dì rosseggiante a spargersi per la terra;
e già la rondine triste comincia a recare ai garruli nidi il cibo,
con assiduo va e vieni, e a somministrarlo bene scompartito col molle
becco»; un tal Varo, esclama: È l'ora che Buta va a letto. Perchè
Buta era un fuggi-luce, un vivi-al-lume di lucerna, uno insomma che
faceva di notte giorno. Di lì a poco, Montano declamava: «Già i pastori
ricoverarono nella stalla i loro armenti; già la notte cominciava a
dare il nero silenzio alle terre assopite». E Varo: «Che dice? È già
notte. Andrò a fare la salutazione mattinale a Buta».

[27] _AP._ 15 sqq.

[28] È superfluo aggiungere che per quanto non tutto nella Comedia sia
poesia, e non tutta la poesia che v'è, sia pura, per altro quel poema è
nella sua concezione generale il più «poetico» dei poemi che al mondo
sono e saranno. Nulla è più proprio della fanciullezza della nostra
anima, che la contemplazione dell'invisibile, la peregrinazione per il
mistero, il conversare e piangere e sdegnarsi e godere coi morti.

[29] Pensiero LX.

[30] Pensiero XXIV.

[31] Il lettore ha già veduto da sè, nè tuttavia è inutile che glielo
faccia meglio notare io, che questi pensieri sulla poesia, più che una
confessione, che a volte sarebbe orgogliosa e vanitosa, sono veri e
propri moniti a me stesso, che sono ben lontano dal fare ciò che pur
credo sia da fare!

[32] Lo «Zibaldone» non era ancora edito, quando scrivevo queste parole.

[33] Così parlavo alla fine del secolo già sepolto.

[34] Lo _spiritismo_, interpretato nel modo metafisico, distruggerebbe
le religioni rivelate, perchè la rivelazione è di misteri
incomprensibili e rende perciò necessaria la virtù fondamentale della
_fede_. La quale è di «cose non parventi», che se invece appariscono,
non c'è più fede, e se non c'è fede, non ha luogo più rivelazione e
religione.

Vi pare? Di Gesù Cristo la discesa e predicazione sarebbe stata
superflua! Un tavolino parlerebbe meglio e più del figlio di Dio!

[35] I monti di prima sono quelli d'Urbino; i monti di poi, quelli di
Barga.

[36] Aen. VII 8 e 9: _nec candida cursus Luna negat, splendet tremulo
sub lumine pontus_. Per il resto: VIII 87 e segg: _tacita refluens ita
substitit unda, Mitis ut in morem stagni placidaeque paludis Sterneret
aequor aquis, remo ut luctamen abesset_.

[37] Queste sono pagine scritte alcuni anni addietro in risposta a
F. Martini, un cui scritto, in proposito del greco, aveva il titolo:
_Punto e da capo_.

[38] Scrivevo sugli ultimi di settembre.

[39] La settimana elettorale del giugno 1900.

[40] È parte d'un libretto, edito da V. Muglia, Messina, col titolo:
_Garibaldi avanti la nuova generazione_.

[41] Era il 2 di giugno del 1901.

[42] Vedi, per es. Aur. Aug. _in Ioh. Ev._ 8 Tr. XXXVI 4: _Denique modo
in poenis reorum non est apud Romanos: ubi enim domini crux honorata
est, putatam est quod et reus honoraretur, si crucifigeretur._ E vedi
_In psal._ XXXVI _En. Serm._ II 4.



                  Messina — VINCENZO MUGLIA — Editore


                            GIOVANNI PASCOLI
                           =SOTTO IL VELAME=
        _Saggio d'un'interpretazione generale del poema sacro._
                   Un grosso volume di pag. 700 L. 7.


                         =LA MIRABILE VISIONE=
                   Un grosso volume di pag. 800 L. 8.


                              =GARIBALDI=
                      AVANTI LA NUOVA GENERAZIONE
                      Elegante volumetto L. 1,25.


                   _D'imminentissima pubblicazione:_
                          =IN OR SAN MICHELE=
                         PROLUSIONE AL PARADISO


                             GIOVANNI CESCA
             Professore ordinario di Storia della Filosofia
                       =LA FILOSOFIA DELLA VITA=
                 Un volume in 16º di 226 pag. L. 2,50.


                          N. TACCONE GALLUCCI
                   =L'EVOLUZIONE DELL'ARTE ITALIANA=
                            NEL SECOLO XIX.
              Un volume in 16º di oltre 350 pag. L. 3,50.


                          G. AURELIO COSTANZO
                            =FOSFORESCENZE=
                              NUOVI VERSI
            Un elegante volumetto in 32 di pag. 250 L. 2,50.


                    Prezzo del presente volume L. 3.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Miei Pensieri di varia Umanità" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home