Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Virgilio nel Medio Evo, vol. II
Author: Comparetti, Domenico
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Virgilio nel Medio Evo, vol. II" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                                VIRGILIO
                             NEL MEDIO EVO

                                  PER

                          DOMENICO COMPARETTI

                               Volume II.


                    2ª edizione riveduta dall'autore



                                FIRENZE
                            BERNARDO SEEBER
                            Libraio-Editore
                                  1896



                              FIRENZE-ROMA
                      Tipografia Fratelli Bencini
                                  1896



PARTE SECONDA

VIRGILIO

NELLA LEGGENDA POPOLARE



VIRGILIO

NELLA LEGGENDA POPOLARE

                                      Maint autres grant clerc ont
                                            esté
                                      Au monde de grant poesté
                                      Qui aprisrent tote lor vie
                                      Des sept ars et d'astronomie;
                                      Dont aucuns i ot qui a leur
                                            tens
                                      Firent merveille por lor sens;
                                      Mais cil qui plus s'en
                                            entremist
                                      Fu Virgiles qui mainte en fist,
                                      Por ce si vos en conterons
                                      Aucune dont oi avons.
                                                 _L'Image du Monde._



CAPITOLO I.


All'uomo odierno la poesia volgare del medio evo e la poesia classica
appariscono come due cose tanto diverse per qualità di forme, per
sentimenti e tendenze, che la prima pare debba essere figlia di una
rivoluzione, prodotta e governata da una ragione antagonistica rimpetto
all'altra. Ma quella lotta fra classicismo e romanticismo che si è
potuta verificare nei tempi moderni, e sulla quale questa idea si basa,
non ebbe luogo realmente nel medio evo. Le lettere volgari non nacquero
da una ribellione o reazione vera e propria contro le antiche, più di
quello nascessero da una rivoluzione antimonarchica le repubbliche del
medio evo. Perchè la cosa avesse luogo, conveniva ci fosse un giusto
e vivo sentimento della classicità antica, quale noi abbiamo veduto,
nella prima parte del nostro lavoro, non esservi stato. Il concetto
dell'arte antica non era molto più profondo e più vero nel chierico di
quello fosse nel laico. Il latino, che allora aveva un uso assai simile
a quello di una lingua vivente, serviva di veicolo fra la tradizione
antica e la produzione nuova, che aveva una ragione indipendente da
quella. Mentre esso serbava nel pensiero comune elementi antichi, era
anche organo di sentimenti vivi, e per piegarsi a questi aveva anche
assunto forme speciali nella poesia, e in generale aveva subito quel
cambiamento che, rispetto all'ideale classico, chiamasi corruzione.
È difficile trovare una narrazione tanto esclusivamente medievale
quanto quella che serve di tema al _Waltharius_; pure questa vien
trattata in latino, neppure in forma ritmica, ma in esametri, e con sì
frequente ricorrenza di reminiscenze virgiliane, che si vede chiaro
chi la scrisse essere stato un uomo di scuola e, come ogni altro
chierico, lettore assiduo di quel poeta[1]. E questo può dirsi di una
quantità di scritti latini del medio evo, in versi o in prosa, che
hanno tema desunto dalla poesia volgare. La poesia volgare poi non
disprezza l'antichità e la poesia antica, ma ne parla sempre come
di grande cosa, e in certo modo si subordina ad essa, invocandone
l'esempio e l'autorità, talvolta mostrando anche di rammentarne la
parola[2]. Frequentissimo e quasi di moda è fra i narratori romantici
indicare come fonte della loro narrazione qualche libro latino reale o
imaginario[3].

Ben v'ha un più antico periodo della poesia volgare, presso taluni
popoli d'Europa, in cui questa è esclusivamente nazionale e non si
mescola ancora con elementi estranei alla nazione di cui è propria. È
questo il periodo in cui i popoli scandinavi, germanici e celtici, nei
canti epici dei padri loro, serbano ancora la memoria del loro passato
anteriore alla civilizzazione romana e alla loro cristianizzazione.
Ma, in quella parte che è rappresentata nei monumenti scritti oggi
superstiti, questo periodo è d'assai breve durata. Già lo stesso porre
in iscritto quei canti è un fatto che rivela l'influenza di una cultura
non nazionale, tanto per sè stesso quanto per la forma in cui si
compie, essendo latina la lettera di quelle scritture. Ben più numerosa
è la classe di quelle poesie volgari medievali nella quale a quelle
caratteristiche che ne fanno riconoscere la speciale origine nazionale
si uniscono caratteristiche di natura più universale, quelle cioè
che son dovute agli elementi che cementavano in un consorzio comune,
civile, intellettuale e religioso più nazioni diverse. E per ultimo
più ricca di ogni altra è quella in cui gli elementi specialistici
nazionali si perdono di vista, e rimangono soltanto visibili, come
moventi poetici, gli elementi comuni del sentimento, della civiltà e
della religione. Questa categoria, meno propriamente epica delle altre,
si risolve in una moltitudine di narrazioni fantastiche in verso e in
prosa, e nella lirica romantica, organo di una subbiettività che non è
esclusivamente locale in alcun paese. Nella poesia di queste due ultime
categorie, singolarmente nella prima delle due, la grande fucina in
cui è avvenuta la fusione, la permutazione e la trasformazione dei vari
elementi nazionali fra loro e con le idee universali, quelle sopratutto
dovute alla religione e alla cultura, ed in cui ebbe luogo il trapasso
dei testi volgari al latino e nuovamente poi dei latinizzati al
volgare, fu la società monastica, portatrice e dominatrice dell'idea
civile e religiosa, ossia degli elementi assimilatori.

In tutta quest'opera di fusione e, dicasi pure, di confusione, la
fantasia ebbe una parte enorme, godendo di una libertà smodata che
risultava da una condizione eccezionale dello spirito. Ben si vede che
le menti del medio evo hanno abitudini e procedimenti diversi da quelle
di epoche più normali, e la prevalenza in quell'età dell'allegoria
nelle più serie e profonde funzioni intellettuali già mostra chiaro
come il ravvicinamento di idee disparate dovesse divenir familiare,
come si stesse lontani dall'investigar per diritta via la reale
natura delle cose e dal rappresentarsele giustamente, e come quindi la
fantasia, sempre prona a sconfinare, non potesse trovare nell'azione
del pensiero quelle remore e quei correttivi che trova in epoche
avvezze universalmente alla critica. Fatto è che se per alcune fasi
della produzione fantastica medievale trovasi un movente razionale
che le spiega e le nobilita, ve n'ha una più estrema nella quale essa
apparisce come cosa di ragion patologica e che mal si spiegherebbe se
non si conoscessero le leggi di certi naturali tralignamenti. Chi ben
consideri le diverse nature della poesia antica e della medievale,
troverà facilmente che il fantasticare vuoto e il sentimentalismo
convenzionale con cui finisce questa ha, in ultima analisi, la stessa
ragione che ha la retorica e la declamazione in cui si spegne l'altra.

Con questo prevalere della fantasia identificavasi uno straordinario
amore del maraviglioso, e quell'intenso universale desiderio di
narrazioni d'avventure che conduceva alla personificazione di monna
Avventura[4]. E poichè tutti amavano abbeverarsi a quella fonte,
l'impegno di alimentarla era grande, nè v'era angolo da cui non
si andasse ad attingere per soddisfare l'avido desiderio di nuovi
racconti. L'antichità forniva anch'essa il suo contingente, e la
narrazione antica come ogni altra si romantizzava travestendosi secondo
gl'ideali del tempo. Questo fatto, strano per noi, accadeva allora
senza sforzo, e quindi senza effetto ridicolo, poichè quel che noi
chiamiamo travestimento non appariva allora quale a noi pare e non era
in fatti che una formulazione un poco più recisa della maniera ingenua
in cui quei fatti concepivansi assai generalmente; come si vede pure
nell'opere di pittura che rappresentano gli uomini della società antica
ebrea, cristiana, pagana con vesti, armi, suppellettili, abitazioni,
edifizi del tempo del pittore. Tutti i vari temi, qualunque fosse
la loro origine, venivano ad acquistare un colorito comune, e poichè
minima era la forza che lo spirito adoperava per fare astrazione dai
concetti della vita presente, sui quali ergevasi l'opera fantastica,
tutto si riduceva a tipi, a ideali determinati e sempre identici,
comunque cambiassero i nomi, i luoghi, le cose narrate. La narrazione
chiesastica, la classica, la orientale, la mitologia e la storia, la
leggenda celtica, scandinava o germanica, tutto è capace di servire
alla narrazione romanzesca. La società antica viene imaginata simile
alla società feodale, l'antico eroe è un cavaliere, l'eroina antica una
dama, gli dei del paganesimo sono specie di maghi che hanno ciascuno
una sua specialità; i pagani antichi non si distinguono gran fatto
dagli altri non cristiani, Nerone passa per un adoratore di Maometto,
come i Saracini hanno per dio Apollino; l'amore di cui parla la favola
e la storia antica è l'amore romantico del sentimento contemporaneo; il
poeta, lo scrittore antico diviene un filosofo, un savio, un chierico,
di proporzioni e qualità medievali, colle esagerazioni e i travisamenti
che già trovansi nella tradizione scolastica e dotta d'allora e che
crescono naturalmente in questo libero regno della fantasia.

Uno dei nomi dell'antichità che più rimangono in evidenza in questa
peripezia è il nome di Virgilio, il quale nella regione romantica
serba in mezzo ai nomi degli altri antichi scrittori quello stesso
posto più elevato, e quella più larga ed intensa celebrità che serbò
nella regione dotta e scolastica. Qui però non soltanto il nome del
poeta era esposto a nuovi casi, ma anche la stessa sua opera, come
narrazione, doveva subirne; due fatti questi che hanno luogo affatto
separatamente, ma che pure non sono senza rapporto e senza proporzione
fra loro. Ciò che la poesia, la favola e la storia antica offrivano
di più attraente pei compositori di romanzi era l'impresa eroica o
guerresca, l'avventura maravigliosa, gli avvenimenti d'amore. Quanto
la letteratura antica e la letteratura latina medievale basata su
quella, offrivano per questi lati, fu adoperato in quelle composizioni,
sia come tema sia come suppellettile. La storia Troiana desunta da
Virgilio, dalla pseudo-Darete e da altri testi latini, la Tebana da
Stazio, le favole maravigliose su Alessandro, desunte da testi latini
provenienti da greci, la storia di Cesare e dei grandi conflitti romani
tolta da Lucano, tutti i vari avvenimenti mitologici di cui il gran
deposito allora usitatissimo erano le Metamorfosi d'Ovidio[5], tutto
ciò diviene cosa domestica in quella letteratura, e serve anche di
tema a lavori che sono traduzioni libere o rifacimenti nei quali al
concetto antico si sostituisce l'idea e il sentire romantico. Centro e
focolare di questa maniera di composizioni è la Francia dalla seconda
metà del XII secolo in poi; di là esse si diffondono in traduzioni,
imitazioni, rimpasti in tutta Europa; singolarmente allato alla Francia
in ciò distinguesi la Germania. Benoit di Sainte-More, Lambert li Cors,
Enrico di Veldeke, Alberto di Halberstadt, Herborto da Fritzlar ed
altri produssero opere in tal genere che godettero di molto favore e
notorietà[6].

Già il compiacersi della favola e del racconto antico ed anche il
fantasticare su quelli, era cosa anteriore al romantismo propriamente
detto; prima che le lettere volgari si producessero, prima che si
combinassero cogli elementi della cultura e della tradizione, un
lavoro simile erasi fatto nella letteratura dotta del medio evo fra
i chierici, benchè taluni sentimenti ancora non vi avessero luogo
e prevalesse in quello l'idea scolastica dell'antico e la tendenza
chiesastica alla moralizzazione. Fra le altre favole antiche la più
notoria e più spesso narrata in varie forme era la favola troiana[7].
Virgilio, che era la prima autorità per quella tradizione mitica che
congiungeva le origini di Roma con Troia, e che, come vedemmo, avea
reso di moda fra i popoli vari e le famiglie principesche del medio
evo questa maniera di origini come principal titolo di nobiltà, aveva
singolarmente influito a dare gran voga alla favola della guerra
troiana e a tutto quanto con questa si connetteva, e singolarmente a
determinare le simpatie piuttosto pei Troiani che pe' Greci. Questo
vedesi già nel fatto notevole che il testo attribuito a Darete,
supposto quindi scritto da un troiano contemporaneo degli avvenimenti
e scritto realmente in senso troiano, avea più favore e più uso che
quel di Ditti scritto in senso greco, e faceva anche dar del mentitore
ad Omero là dove si sapeva che questi avea narrato taluni fatti
diversamente[8].

Come tutta la parte nota della favola troiana messa e tenuta in
evidenza per la celebrità dell'Eneide, fu romantizzata, a più
forte ragione doveva esserlo l'Eneide stessa. Ed infatti Benoit di
Sainte-More che componeva il _Romanzo di Troia_, fu anche il probabile
autore del _Romanzo di Enea_[9]. Nell'Eneide considerata in questa
regione così diversa dalla regione propriamente scolastica, rimaneva
d'entità secondaria tutto quanto avesse significato storico, o troppo
con idee mitologiche o altre serbasse presente l'indole antica del
poema. V'era nell'Eneide un elemento più attraente d'ogni altro per
l'opera romanzesca da fare su quel tema, e che fissava in modo preciso
quel che in un'opera tale doveva prevalere; era l'elemento amoroso
e sentimentale, la donna innamorata o disputata, Didone e Lavinia.
Così, col materiale dell'Eneide, altro sopprimendo, altro cambiando,
altro sviluppando, facevasi una composizione romantica in cui i nomi
erano antichi, ma la natura de' fatti, i titoli de' personaggi, gli
usi descritti, il colorito generale come il sentimento erano cose
proprie della vita contemporanea, e rispondenti all'idea cavalleresca
e cortigiana d'allora. E quella composizione ebbe grande successo;
singolarmente più che il testo francese del Romanzo di Enea ebbe
celebrità e influenza letteraria considerevole l'opera su quello
composta dal limburgese Enrico di Veldeke, il quale per la sua _Eneit_
figura come capo di una grande scuola di poeti tedeschi che lo venerano
come maestro[10].

Questa trasformazione romantica di narrazioni antiche non è
propriamente, come parrebbe a prima giunta, opera popolesca che si
effettui fuori della conoscenza delle lettere classiche. È cosa
fatta per una società superiore ed aristocratica, è un prodotto
delle lettere volgari divenute cortigiane; gli autori sono uomini
colti, laici o chierici che fossero di stato, e fanno quel lavoro di
proposito, tenendo dinanzi agli occhi il testo latino, di cui anche
sovente invocano l'autorità nel loro lavoro[11]. Essi non facevano
niente di strano, per cui già tutto non fosse preparato e disposto,
ma solo formulavano e riassumevano con opera più speciale e con certa
intelligenza dello scopo e della cosa, ciò che già trovavasi elaborato
nelle lettere romantiche e nella poesia volgare in generale. I nomi
e i fatti antichi, separati com'erano anche nelle menti dei chierici
da un giusto sentimento dell'antichità, eran passati nel modo il più
naturale, come elementi del pensiero, nelle lettere volgari e nell'arte
nuova; in queste trovaronsi a contatto coll'idea e il sentimento
che le governava, si approssimarono a quello e si connaturarono con
quello. Ogni poeta volgare conosce e rammenta i nomi di Enea, Didone,
Lavinia, come tanti altri nomi antichi[12], servendosene naturalmente
nell'interesse della sua poesia, e fra le varie narrazioni che i
trovatori vantansi di sapere trovasi un numero di soggetti antichi
mescolati a soggetti intieramente romantici[13]. Il fecondo Chrestien
de Troies in un suo poema romanzesco (_Erec_) parla di una ricchissima
sella sulla quale era scolpita tutta la storia d'Enea[14]. Naturalmente
per tutti costoro, come anche per lo stesso chierico quando diveniva
poeta di quella natura, il concetto del fatto antico non poteva essere
antico, chè come tale avrebbe stonato. Ogni forma d'arte per la sua
ragione psicologica impone uno special modo di vedere. D'altro lato
però quella tal forma d'arte per cui questo avea luogo non assorbiva
intieramente tutta l'opera del pensiero, ma coesisteva allato ad una
cultura tradizionale, ad una operosità letteraria e dotta, anch'essa
tradizionale, che passava dai chierici ai laici appunto nell'epoca
in cui più si moltiplicano e diffondono que' romanzi. E così accade,
fatto sorprendente per noi, che il rifacimento romantico gode di grande
notorietà e favore, mentre la stessa notorietà gode il testo classico
da cui tanto si diparte, e mentre anche si fanno in volgare per uso
dei laici, traduzioni propriamente dette di quel testo; tutto ciò senza
che il lavoro romantico appaia come parodia o cosa bizzarra e ridicola.
Nè è questo il solo campo in cui il medio evo potè trovare naturale il
connubio di cose che oggi a noi appariscono inconciliabili.

A questa peripezia dell'opera avremmo anche potuto passar sopra se
un certo rapporto con quella del nome dell'autore essa non avesse.
Ed invero un Virgilio ideale a cui si possa attribuire un'Eneide
così rifatta si trova, e noi già lo abbiamo incontrato, benchè
disgiunto da un'attività che possa dirsi poetica. È il Virgilio del
_Dolopathos._ Quel tipo di grandissimo clerc presentato così in una
società interamente feodale, contornato di duchi, baroni, vescovi,
abati, fra cortigiani, damigelle e tornei, è anche poeta, e l'autore
lo dà per tale[15], benchè per la parte che ha nel poema non abbia
luogo a manifestare questa sua qualità. Se l'autore avesse voluto farlo
agire come poeta, e ideare un poema su Enea da attribuirgli, che fosse
proporzionato a quel tipo e a quell'ambiente, è chiaro che questo
non avrebbe potuto essere l'Eneide reale, ma il _Romanzo d'Enea_.
Ed infatti v'ha nel Dolopathos un racconto di ragione morale che è
attribuito a Virgilio, e questo è per forma e per natura cosa del tutto
romantica[16].

Noi abbiamo veduto che questo tipo di Virgilio nel Dolopathos
proviene direttamente dalla idea letteraria e scolastica medievale.
Il _clerc_ e la _discipline di clergie_ sono l'uomo di scuola e la
dottrina di scuola quali si concepivano e si vedevano nella società
reale del tempo. Nella poesia romantica affatto libera e indipendente
dalla scuola, tutto quanto proviene da questa acquista un carattere
specioso, come di cosa mirabile veduta da lungi e quasi da un altro
mondo; il maraviglioso, che tanto ha parte in quella poesia, cinge
facilmente della sua aureola i nomi che hanno quella provenienza.
Questo accadeva per Virgilio anche più facilmente che per altri, poichè
anche nell'ordine propriamente letterario e scolastico una buona dose
di maraviglioso, d'imponente e d'incompreso contornava già il suo
nome. S'intende dunque che il Virgilio della scuola nella regione
romantica dovesse divenire il Virgilio del Dolopathos, come l'Eneide
diveniva il Romanzo di Enea. In quel tipo di chierico c'è un'idea
intieramente laica e popolesca del sapere, di cui la natura e i limiti,
per l'effetto, diciam così, ottico del mezzo da cui è veduto, divengono
fantasmagorici e miracolosi, anche quando l'autore sia chierico di
stato o di cultura. Come ogni gran sapiente, Virgilio è astrologo,
o come dicevano, astronomo, e dalla osservazione degli astri può
conoscere fatti e avvenimenti lontani per ispazio o per tempo. Era cosa
questa che allora niuno credeva impossibile, niuno negava intieramente,
tutt'al più, come fa l'autore del Dolopathos, restringendosi i più
scrupolosi a notare che solo per permissione di Dio poteva aver luogo.
Fino a questo punto conduceva e poteva condurre l'idea letteraria
trapassata nel romantismo, fino al concetto di un dotto, di un _savio_
versato in tutte le discipline che allora costituivano la scienza,
compresa l'astrologia più mirabile e più fantastica fra tutte.

Però il maraviglioso, essenziale ed integrante elemento dell'invenzione
romantica, aveva una sua assai ricca suppellettile nella quale un
posto notevole occupava l'idea e il tipo del _mago_, sì ovvio in
que' romanzi, sorgente poco finamente poetica invero[17], ma pure
speciosa ed efficace in tempi di tanta credulità, di avvenimenti
fantastici, sovrumani e sorprendenti. È chiaro che ogni mago è un
sapiente; non però ogni sapiente è mago; i due tipi esistono distinti
e indipendenti uno dall'altro. Il mago è propriamente un accrescitivo
del gran sapiente, in certo senso è anche un peggiorativo, come
caratteristica morale; v'ha però un'idea intermedia secondo la quale
la magia in certi limiti e con certi mezzi appare cosa lecita e di
ragione puramente scientifica. Ma, conviene avvertirlo, l'idea del mago
ha la sua origine fuori della scuola e della disciplina scientifica
propriamente detta. Chi domandasse se di per sè solo il tipo scolastico
di Virgilio, dovesse senz'altra occasione, per trasformazione naturale
e per associazione d'idee, cambiarsi in quel tipo di mago che poi
descriveremo, io non esiterei a rispondere di no. Che l'antico _savio_
si cambi in _mago_ è fatto di cui rari sono gli esempi, e quando accade
ha luogo per puro cambio di nome e in modo momentaneo; non v'ha antico
che arrivi mai a quel largo e completo ciclo di leggenda biografica che
ebbe il Virgilio mago. Accadde bensì assai volte che uomini studiosi
di matematica, meccanica, astronomia, astrologia, fisica che sono le
risorse della così detta _magia bianca_, o _naturale_, passassero
per maghi ed anche per maghi diabolici come accadde per Gerberto,
per Alberto Magno e simili; ma la tradizione ed anche la leggenda
letteraria che fece Virgilio onnisciente non dimenticò mai il suo
primo essere di poeta e come vediamo in Dante non lo ridusse mai ad
un fisico, astrologo, matematico capace di operar prodigi e fabbricar
talismani ed altre simili opere magiche. Perchè ciò si producesse
conveniva che su Virgilio esistesse un'idea speciale già elaborata
presso il popolo indipendentemente dalla letteratura; ed infatti le
indagini sull'origine di quella leggenda rivelano chiaro che l'idea
di Virgilio taumaturgo e mago è di origine del tutto popolare, benchè
accettata poi nella letteratura per gli elementi affini che trovava
già preparati in questa. La paternità di quell'idea spetta ad un volgo
italiano.

Uno dei caratteri pei quali il popolo italiano, anche nel medio evo,
dà segno della sua superiorità storica e civile dinanzi agli altri
popoli d'Europa, è l'essere esso quello che fra tutti gli altri
più scarseggia di produzione fantastica. Il romantismo, in quanto è
invenzione narrativa, poco si ebbe da noi, e in questo, come anche
nella cavalleria che è un suo movente principale, l'Italia mostrasi in
una condizione che può dirsi passiva; subisce per fatto d'infiltrazione
inevitabile, ma dal poco che produce in quell'ordine vedesi chiaro
esser quello cosa poco sua, e poco omogenea alle sue tendenze attive.
Insieme a tanti altri romanzi venuti dal di fuori e allora sparsi
dappertutto, ebbero qualche voga anche qui i testi francesi della
Storia Troiana; ben poca ne ebbe il Romanzo d'Enea[18]. Virgilio,
Ovidio e altri antichi furono presto tradotti in volgare[19] prosa
italiana, senza grandi cambiamenti, salvo la giunta delle solite
moralizzazioni, singolarmente per Ovidio. Guido da Pisa scrivendo i
fatti di Enea mostrava invero talvolta in alcune espressioni l'influsso
di certe idee del suo tempo, ma era lungi dal fare un'opera romantica,
e non deviava dalla narrazione virgiliana che sull'autorità di altri
antichi. La fantasia ebbe più remore qui che altrove, sia pel prevalere
di facoltà più elette e più razionali nella tempra dell'ingegno
italiano, sia perchè la cultura tradizionale, comunque molto abbassata
anche in Italia, avesse qui più salde radici che altrove e più che
altrove fosse cosa domestica. L'Italia nel medio evo, benchè vinta e
dilaniata e anche imbarbarita, moralmente e idealmente figura sempre
come un centro storico e civile, e di questo essere suo non si perde
mai la coscienza fra gli italiani[20]. Perciò mal si cercherebbe qui
ciò che può solo trovarsi in paesi nei quali meno fortemente e meno
immediatamente agiva il peso di grandi ricordanze storiche, tanto
universalmente intese come tali da non potere esse in alcuna guisa
acquistare natura e forma epica. Con questo non s'intende dire che
il popolo italiano fosse sfornito di leggende; ebbe anch'egli le sue
aventi per soggetto l'antichità, e il passato e i primordi delle varie
città italiane. Può credersi che col procedere degli studi storici
fra noi, concepiti in quella più larga maniera che è loro propria
oggidì, molte di queste leggende finora dispregiate, saranno messe
a luce e accresciuta così la conoscenza, troppo insufficiente, che
oggi abbiamo di tal materia. Però rimarrà sempre vero questo fatto,
del resto ben naturale, che l'impressione fantastica prodotta dalle
memorie dell'antico mondo romano, fu assai più vivace e feconda fra i
barbari che fra gli italiani. Si può senza gran fatica provare che il
numero delle leggende relative all'antichità romana nate in Italia è
assai minore di quelle nate in suolo straniero, e che anzi non poche
di quelle che si ritrovano in Italia, singolarmente nella letteratura,
furono qui introdotte dal di fuori.

Le leggende nate in Italia hanno per soggetto talvolta antichi fatti
storici o mitologici, più spesso antichi monumenti, e spesso ancora
d'antico non hanno che i nomi dei personaggi che in esse figurano.
Molti nomi illustri dell'antica Roma rimasero fluttuanti nella memoria
del popolo, segregati dai fatti coi quali la storia li mostrava
uniti, ma pur non del tutto sprovvisti di certe caratteristiche
distintive procedenti dalle loro caratteristiche storiche, concepite
queste com'era capace di farlo la mente limitata del popolano o della
narratrice casalinga, di cui Dante dice che:

    «.... traendo alla rocca la chioma,
    Favoleggiava colla sua famiglia
    De' Troiani, e di Fiesole, e di Roma.»

Attorno a questi nomi la fantasia popolare aggruppava racconti
favolosi, comunque originati, attenendosi però alla special categoria
d'idee popolari a cui ciascun nome per sua natura apparteneva. Quindi
è che anche divenuti personaggi leggendari serbano un carattere
ben distinto fra loro Cesare, Catilina, Nerone, Traiano, e simili.
Nondimeno, siccome il numero dei tipi rappresentati dalle leggende
è limitato ai soli ideali più spiccanti che il popolo è capace di
concepire, da ciò viene che più nomi s'incontrino sotto una data
categoria, come quella del savio, del mago, del tiranno ecc., e siano
quindi compartecipi delle leggende a quella appartenenti, le quali
talvolta all'uno, talvolta all'altro dai narratori vengono riferite.

Uno dei più luminosi esempi di quanto qui si dice è la leggenda
virgiliana, di cui in questa parte del nostro lavoro vedremo come
nascesse a Napoli e come di là poi si divulgasse nelle letterature
d'Europa, assai più e prima fuori d'Italia che in Italia. Essa era
originariamente in Italia un prodotto del tutto plebeo, estraneo
ad ogni moto poetico e letterario, una credenza popolare di natura
superstiziosa, fondata su ricordi locali, sul fatto della lunga dimora
di Virgilio in Napoli, la presenza e la celebrità del suo sepolcro in
quella città. Si riferiva a luoghi di Napoli, ad immagini, a monumenti
che la decoravano, ai quali si credeva che Virgilio avesse dato un
potere telesmatico. Questa credenza era rimasta propria di quel popolo,
ingenuamente ritenuta da esso, senza essere espressa in alcuna forma
che avesse carattere poetico o artistico in alcuna maniera; poco se
ne sapeva nel resto d'Italia e poco ad essa si badava qui, mentre da
forestieri che visitavano Napoli era raccolta e trasportata dalla sfera
plebea alla sfera letteraria e colta, e passava contemporaneamente
in opere volgari e romantiche, ed in opere latine di natura dotta.
Nell'una e nell'altra sfera essa trovava Virgilio già ridotto ad un
tal tipo di savio da poterla facilmente comportare. E dal XII secolo
in poi, ossia dall'origine della poesia e prosa romanzesca di proprio
nome, incontrasi quindi nei monumenti letterari una nuova fase del
nome virgiliano che ha vari momenti e vari accrescimenti, e tutta
una sua storia che deve servire di soggetto alla presente parte del
nostro libro. Questa fase ha la sua natura in questo distinta dalle
altre già da noi studiate, ch'essa procede originariamente da idee su
Virgilio nate e sviluppatesi, non propriamente nella scuola, ma fra il
popolo, benchè per la natura generale del pensiero, che si riconosce
naturalmente in ogni strato della società, potesse esservi e vi fosse
realmente certa proporzionalità ed anche continuità fra il concetto
popolesco e l'ultimo concetto letterario del poeta. Non la diciamo
popolare perchè rimasta estranea alle lettere e ai dotti, chè anzi
ne dovremo desumere la storia da una moltitudine di scritti che in
massima parte non hanno carattere di scritti popolari; ma perchè nata
dal popolo, alimentata con idee popolesche. Senza questo, per quanto
corrotta e imbarbarita, la tradizione letteraria a quella leggenda non
avrebbe potuto condurre, nè difatti trovasi traccia di questa nelle
epoche della più grande barbarie, prima del XII secolo, prima cioè che
ci fosse chi dalla plebe napoletana l'attingesse e le desse adito nella
letteratura.

Le opere dotte dell'ultimo medio evo, repertori, riassunti,
enciclopedie, manuali o altri simili lavori scritti in latino o in
volgare, mescolano ogni cosa con una assenza di critica tanto strana
quanto strano è lo sfrenato moltiplicarsi delle produzioni fantastiche
d'allora. C'è di tutto; tutto il _detritus_ medievale di idee
classiche, cristiane, e romantiche, mito, storia, leggenda, romanzo,
tutto posto alla pari. Il _Novellino_ che diverte le brigate, il
_Gesta romanorum_ che le edifica con racconti moralizzati stranamente,
Vincenzo di Beauvais col caos del suo _Speculum historiale_, e tanti
altri in tante opere di erudizione, parlano egualmente di Cesare, di
Arturo, di Tristano, di Alessandro, di Aristotele, del Saladino, di
Carlomagno, di Merlino senza distinzione di sorta, e con serietà eguale
per tutti. Gualtiero Burley in un'opera che non vuol punto essere un
romanzo, nelle _Vite de' filosofi_, scrive gravemente anche la vita
di Virgilio che è filosofo perchè mago, perchè conoscitore di riposti
segreti della natura. Così non v'ha libro di que' tempi in cui non
possiamo aspettarci di trovare leggende virgiliane. In una epoca di
credulità universale, il popolo non è soltanto quello che non ha parte
alla cultura e al moto letterario; quantunque nel medio evo il numero
della gente colta fosse assai minore di quello fu ed è dal risorgimento
in poi, la distanza che allora separava l'animo dei colti e degli
incolti era assai meno grande di quella che separa queste due classi
nei tempi moderni.

Se difficile sempre riesce cogliere l'esatto punto di separazione fra
le creazioni poetico-fantastiche popolari e le letterarie, ciò, più
che in ogni altra età, si sente nel medio evo, e sopratutto in quelle
peripezie che allora subiscono gli antichi nomi storici nel passare
che fanno, già assai fantasticamente tramutati, dai letterati e dai
semicolti al popolo, e nel tornar poi anche più tramutati da questo
a quelli. Fra la tradizione letteraria tralignata e creatrice essa
pure di leggende e i fantasmi popolari v'è continuità senza dubbio,
poichè non altrimenti che pel tramite letterario, direttamente o
indirettamente, i grandi nomi storici possono giungere e rimaner
presenti all'animo delle plebi. Ma pur deve avvenire che entrando quei
nomi in un ambiente intellettuale diverso, sian diversamente ideati ed
acquistino un nuovo carattere per tratti fantastici novelli di indole
affatto popolesca, comunque motivati od occasionati da quanto già
imaginarono menti più colte ma non tanto nè così finamente da riuscir
per certi lati molto superiori all'animo popolare. Chiaro esempio
di tal fatto è il carattere diverso con cui si presenta il nome di
Virgilio in queste due parti dell'opera nostra, le quali quantunque
diversamente intitolate, pure sono tanto connesse fra loro che nei
fatti esposti nella seconda ognuno che ci abbia ben seguiti potrà
riconoscere gli effetti e l'ulteriore sviluppo di quelli riferiti
e studiati nella prima, e vedere in qual rapporto sia col Virgilio
delle scuole e della tradizione letteraria del medio evo inoltrato
questo Virgilio, non più poeta, ma operatore di magici prodigi, questo
Virgilio di quella che noi crediamo dover chiamare _leggenda popolare_,
che ora ci facciamo ad esporre narrandone la storia, investigandone
le origini e le fasi diverse. A scansar equivoci e malintesi che con
nostra sorpresa abbiamo veduto prodursi fra taluni cultori di questi
studi[21] ricordiamo che il _popolare_ si distingue dal _letterario_
anzitutto per la natura e l'indole sua e de' vari elementi suoi, sia
qualsivoglia la condizione di chi lo riferisce e vi crede od anche lo
idea; tale leggenda, pur sublimata dal sommo dei poeti, come quella
p. es. di Traiano e della vedova in Dante, sarà e rimarrà una leggenda
_popolare_, quand'anche si riesca a provare che scaturì dalla fantasia
di un chierico che la scrisse in latino, come _popolari_ sono le
leggende relative ai monumenti di Roma nel _Mirabilia_ e tante altre,
quantunque, riferite e credute da chierici, possano anche essere state
originate in menti di quella classe.



CAPITOLO II.


Dopo tutto quanto abbiamo premesso non parrà strano che le più antiche
notizie che si abbiano intorno a leggende popolari relative a Virgilio
trovinsi in iscritti, non già di provenienza plebea o destinati
comunque alla plebe, ma bensì dettati da persone colte e di posizione
elevata, non in volgare ma in latino, e destinati a gente della classe
la più distinta della società. Fra gli altri autori, i più notevoli
per ubertà di notizie rilevanti per le nostre ricerche, sono un Corrado
di Querfurt cancelliere dell'imperatore Arrigo VI, suo rappresentante
a Napoli ed in Sicilia, e poi vescovo di Hildesheim, un Gervasio di
Tilbury che fu professore dell'università di Bologna e maresciallo del
regno di Arles, un Alessandro Neckam fratello di latte di Riccardo Cuor
di Leone, professore nell'università di Parigi, abate di Cirencester
ed uno dei più sopportabili facitori di versi latini del suo tempo,
un Giovanni di Salisbury ed altri di cui parleremo. Qui però, prima
d'ogni altro, debbono fissare la nostra attenzione Corrado e Gervasio,
come quelli che non solo sono i primi a farci conoscere in modo assai
diffuso le leggende virgiliane, ma ci additano eziandio la loro origine
napoletana, che sarà confermata da quanto poi avremo da aggiungere a
questo primo indizio. Infatti essi riferiscono quelle leggende come
viventi fra il popolo napoletano, dalla bocca del quale le raccolsero.

Corrado ne parla in una lettera[22] scritta di Sicilia nel 1194 ad
un suo vecchio amico, preposto del convento di Hildesheim, nella
quale narra le impressioni del suo viaggio in Italia. Questa lettera,
oltre a quanto contiene di notevole per le nostre ricerche, è un
curioso monumento che ci rivela lo stato dell'animo degli stranieri,
anche colti, che in quel tempo visitavano l'Italia. Il gran nome di
questo nostro paese esaltava talmente la loro immaginazione, e tale
era l'ideale fantastico che se ne formavan da lungi, da non cedere
neppure alla realtà veduta dappresso. Mille racconti strani già uditi
rammentare, mille memorie classiche serbate in mente, non sempre
con egual lucidità, dopo la scuola, si affollavano e si confondevano
bizzarramente nello spirito del visitatore che, come in un paese fatto
d'incanto, credeva vedere altro e più di quello realmente vedesse.
È impossibile spiegare altrimenti certi grossi svarioni del bravo
cancelliere messi giù con una serietà da far disperare. Quante cose non
ha egli viste nell'Italia meridionale! Ivi l'Olimpo, ivi il Parnaso,
ivi l'Ippocrene, ch'egli è beato di trovare dentro i confini del
dominio tedesco. Poi, dopo esser passato con orrore profondo fra Scilla
e Cariddi, trova, non so in qual luogo, Sciro dove Teti tenne Achille
nascosto, e giunto a Taormina è lietissimo di trovarsi sott'occhio
il labirinto del Minotauro, prendendo per tale l'antico teatro, e
d'aver fatto conoscenza coi Saraceni, gente dotata, come già S. Paolo,
dell'invidiabile facoltà di uccidere serpenti con la saliva. Chi si
rammenta di Mandeville che dice d'aver veduto il sasso a cui fu legato
il «gigante Andromeda», e de' tanti strani racconti dei viaggiatori
d'allora non troverà sorprendente la lettera di Corrado. La rende
però assai singolare la qualità dell'autore, il quale non era venuto
in Italia come semplice dilettante d'archeologia, o come _touriste_,
ma bensì come ministro di quell'esecrabile padrone che fu Arrigo VI,
da cui ebbe ordine di smantellare la città di Napoli, cosa da lui
eseguita puntualmente. Ad onta di ciò egli non esita di riferire, con
piena fede, l'idea allora propria del popolo napoletano, che Virgilio
avesse fondato quelle mura, come la città stessa di Napoli, e che di
più egli ponesse in questa, come palladio, un piccolo modello della
città racchiuso in una bottiglia fornita di collo strettissimo. Questo
palladio, che dovea preservare Napoli da ogni attentato nemico,
non impedì certamente che fosse presa dagl'imperiali, e se c'era
qualcuno che potesse legittimamente dubitare della sua efficacia,
tale doveva essere Corrado. Ma come non c'è uomo più sordo di chi non
vuole udire, così non c'è fede più incrollabile di quella di chi vuol
credere. Corrado osserva che se quel palladio virgiliano non fece il
suo effetto, ciò va attribuito ad una screpolatura che gl'imperiali
rinvennero nel cristallo quando l'ebbero in mano. Si crederebbe
volentieri ad una celia, se a ciò non si opponesse il tono generale
del suo scritto e gli altri assurdi che vi si trovano esposti con tutta
serietà.

Altre opere maravigliose attribuite dai napoletani a Virgilio,
sono, secondo Corrado, un cavallo di bronzo che, finchè rimase sano,
preservava i cavalli dal fiaccarsi la groppa, una mosca di bronzo posta
su di una porta fortificata che, finchè rimase intatta, allontanava le
mosche dalla città, un macello nel quale la carne poteva conservarsi
fresca per sei settimane. Inoltre, essendo Napoli infestata da una
moltitudine di serpenti che scorrevano in essa per le molte cripte e
costruzioni sotterranee, Virgilio li relegò tutti sotto una porta detta
_Ferrea_ e gl'imperiali, come dice Corrado stesso, nell'abbattere le
mura esitarono dinanzi a quella porta, non volendo dar la via a tutti
quei serpenti con grande molestia degli abitanti.

Temibile ed incomodo vicino è per Napoli il Vesuvio, ma Virgilio pensò
a rimediare ponendogli incontro una statua di bronzo che rappresentava
un uomo coll'arco teso e la freccia pronta a scoccare. Ciò pare
bastasse a tenere per molto tempo in soggezione quel monte ignivomo;
se non che un bel dì un contadino, non potendosi capacitare che colui
stesse così eternamente coll'arco teso, fece in modo che la freccia
scoccò, e questa andò a colpire l'orlo del cratere il quale d'allora in
poi ricominciò a mandare fuori fumo e fuoco.

Premuroso di provvedere in ogni modo al pubblico bene, Virgilio fece
presso Baia e Pozzuoli dei bagni pubblici, utili a tutte le malattie,
ornandoli con immagini di gesso che rappresentavano le varie infermità
e indicavano i bagni appropriati a ciascuna di esse.

A queste opere maravigliose di Virgilio Corrado aggiunge ciò che
a Napoli si credeva intorno alle ossa del poeta. Queste, dic'egli,
trovansi in un castello circondato dal mare, e se vengano esposte
all'aria si fa subito scuro d'ogni dove, si ode lo strepito di una
tempesta, il mare si commove tutto, si solleva, e mettesi a procellare,
«e questo, soggiunge, noi abbiam veduto e provato.»

Gervasio di Tilbury che nei suoi _Otia imperialia_[23], dettati nel
1212 per servir di passatempo all'imperatore Ottone IV, raccoglie in
una specie d'enciclopedia, notizie d'ogni sorta e assurdità d'ogni
calibro, è una sorgente preziosa per chi fa indagini sulle credenze
popolari[24]. Le sue idee intorno al maraviglioso ce le dice egli
stesso in poche parole. «Maravigliose (dic'egli) chiamiamo quelle cose
che sfuggono al nostro intendimento, quantunque siano naturali. Le
rende mirabili l'ignoranza del perchè così siano.» Qui cita gli esempi
della salamandra che vive nel fuoco, della calce che non si accende se
non con acqua ed altri simili, quindi soggiunge: «Niuno creda sien cose
favolose quelle che io scrivo.... Eccedono esse le forze della mente
umana, e quindi è che spesso sieno stimate false, quantunque anche di
quelle cose che vediamo tutti i giorni non possiamo render ragione.»
È chiaro che con principî di questo genere si può andar lontano, e
veramente l'autore se ne vale senza la menoma parsimonia. I lettori mi
accorderanno il permesso di citar qui per intero un passo di quanto ei
dice a proposito di Virgilio, il quale è sommamente caratteristico,
come quello che ci trasporta a Napoli sul declinare del XII secolo e
ci fa assistere ad una scena nella quale possiamo scorgere la leggenda
vivente appunto nella sede sua prima.

Dopo aver narrato anch'egli il fatto del macello e dei serpenti, «un
terzo fatto, soggiunge, è questo che io stesso sperimentai, benchè
allora non ne fossi consapevole; però un caso fortuito avendomene
dato la notizia e la prova, fui costretto ad esser convinto di una
cosa che, se non l'avessi sperimentata, appena avrei potuto crederla
possibile sulla relazione altrui.... L'anno in cui fu assediata San
Giovanni d'Acri (1190), mentre io mi trovava a Salerno, mi sopraggiunse
all'improvviso un ospite.... Filippo figlio dell'illustre patrizio,
conte di Salisbury.... Dopo alcuni giorni deliberammo di recarci a
Napoli, se per caso ci si offrisse occasione di far la traversata fra
non molto tempo e senza molto dispendio. Arrivati in città ci recammo
alla casa dello spettabile mio uditore in diritto canonico a Bologna,
Giovanni Pinatelli, arcidiacono napoletano, illustre per sapere, per
opere e per nascita; dal quale lietamente accolti gli spieghiamo il
perchè della nostra venuta e saputolo, egli, per favorire il nostro
desiderio, mentre si preparava il desinare, recossi con noi al mare.
Appena in un'ora, con poche parole, si noleggia una nave pel prezzo che
noi volevamo, e a nostra istanza viene accelerato il dì della partenza.
Nel tornare a casa si andava discorrendo come mai e per quali buoni
auspici così speditamente avessimo incontrato tutto quanto per noi si
bramava. Vedendoci ignari, ed attoniti di tanto buon successo: — Dite
su, dice l'arcidiacono, da qual porta siete voi entrati? — Avendogli
io detto qual porta fosse, egli, uomo perspicace, soggiunse: — Sta
bene adunque che così di leggeri v'abbia la fortuna favoriti; ma, di
grazia, ditemi la verità appuntino, da qual parte dell'ingresso siete
voi entrati? — Noi rispondemmo: — Giungendo innanzi alla porta, più
prossimo era per noi entrare a sinistra, quando eccoti all'improvviso
un asino carico di legna ci vien dinanzi per di là, sì che per evitarlo
siamo stati costretti a prendere a dritta: — E l'arcidiacono: — Onde
sappiate quali mirabili cose abbia fatte Virgilio in questa città,
andiamo sul luogo e vi mostrerò come in quella porta egli abbia
lasciato un bel ricordo di sè sulla terra. — Arrivati colà ci mostra
infissa nella parete della porta a destra una testa di marmo pario in
atteggiamento di riso e di grande ilarità; a sinistra stava infissa
un'altra testa dello stesso marmo, ma molto diversa dall'altra, come
quella che con occhi torvi offriva piuttosto l'aspetto di persona che
pianga e si crucci deplorando le iatture di un triste avvenimento. Da
queste così diverse configurazioni asseriva l'arcidiacono sovrastare
a tutti coloro che entravano due contrarie fortune, purchè non si
faccia, per espressa volontà, deviamento alcuno a destra o a sinistra,
ma, trattandosi di destino, si vada a caso, e come viene viene. —
Chiunque, diceva, entra in città da destra sempre riesce in ogni cosa
e tutto gli va a vele gonfie; chi però si volge a sinistra fallisce
in tutto e vien fraudato in ogni suo desiderio. Or dunque vedete come
avendo voi dovuto, per lo scontro dell'asino, piegare a destra, presto
e con successo compieste il vostro viaggio. — » Questo fatto, che
colpì in modo strano la mente di Gervasio, poco manca non lo faccia
diventar fatalista; dalla qual cosa però ei si difende esplicitamente
umiliandosi dinanzi a Dio e ripetendo: «Dal voler tuo, o Signore,
dipende ogni cosa e nulla v'ha che al tuo volere possa resistere.»

Parecchie delle leggende virgiliane raccontate da Gervasio sono
in fondo identiche con quelle raccontate da Corrado, se non che,
avendo ambedue attinto direttamente alla tradizione orale del popolo
napoletano, offrono nei loro racconti tutta quella differenza di
particolari che suol trovarsi appunto nelle versioni orali delle
leggende[25]. Così il macello della carne incorruttibile, secondo
Gervasio, deve la sua qualità ad un pezzo di carne posto da Virgilio
in una delle sue pareti, ed in esso la carne si conserva non per sei
settimane soltanto, ma per un tempo indefinito; i serpenti furono
racchiusi da Virgilio sotto ad una statua (_sigillum_) presso porta
Nolana. In ciò che riguarda i bagni di Pozzuoli van d'accordo ambedue;
così pure quanto alla mosca. Quanto poi alla statua opposta da Virgilio
al Vesuvio la versione di Gervasio offre una differenza assai notevole.
Quella statua trovavasi sul Monte Vergine e non aveva in mano un
arco colla freccia, ma bensì una tromba alla bocca, e questa tromba
avea la virtù di ricacciare indietro il vento che trasportava verso
quelle campagne il fumo e la cenere del Vesuvio. Disgraziatamente
però, soggiunge Gervasio, sia che l'età l'abbia logorata, sia che
gl'invidiosi l'abbiano abbattuta, ora per parte del Vesuvio si
rinnovano sempre i guai di prima.

Gervasio non parla nè del cavallo di bronzo nè del palladio di Napoli,
nè delle mura di questa città fatte da Virgilio, ma oltre alle due
faccie di pietra della porta Nolana, delle quali non parla Corrado,
egli è anche il primo a farci sapere che Virgilio «per arte matematica»
seppe fare in modo che nella grotta di Pozzuoli non potesse mai aver
luogo insidia nè agguato veruno, e che sul Monte Vergine egli pose un
giardino nel quale trovavasi ogni sorta d'erbe dotate di proprietà
medicinali. Fra queste, soggiunge, trovasi l'erba _Lucia_ che tosto
venga toccata da una pecorella cieca, le rende la vista.

Se si volesse stare a quanto asserisce Roth[26] nel suo interessante
articolo intorno a Virgilio mago, anche Alessandro Neckam sarebbe
stato a Napoli, e quindi avrebbe raccolto quanto racconta di
leggende virgiliane dalla bocca del popolo napoletano. Il fatto è
però che Neckam non solo non dice di aver visto egli stesso la mosca
maravigliosa, conforme crede Roth, ma di questa non parla neppure.
Vero è che il trattato _De naturis rerum_ non era ancora stato posto
in luce[27] quando Roth scriveva, e che questi non avea potuto
procurarsi la dissertazione assai rara di Michel, nella quale il
passo di quell'opera relativo a Virgilio mago trovasi riprodotto per
intiero[28].

Le notizie che abbiamo sulla vita di Neckam sono così scarse[29] che è
difficile stabilire in un modo positivo se ei fosse o no a Napoli. Nel
poema _De laudibus divinae sapientiae_, scritto da lui in vecchiaia,
egli parla della sua ripugnanza ai lunghi viaggi, alle nevi del
Moncenisio, ed alle vie percorse da Annibale, e dice che non ha nessuna
voglia di andare a Roma, allegando ragioni punto onorevoli per la
capitale del cristianesimo[30]. Da ciò sembra potersi congetturare che
Neckam non venisse mai in Italia. La data della sua opera _De naturis
rerum_ è incerta. Considerando però che egli nacque nel 1157 e morì
nel 1217, che la sua opera si trova già nota verso la fine del XII
secolo e che egli cita in essa altri suoi lavori di lunga lena[31], si
può asserire con tutta verosimiglianza che quest'opera dovesse essere
scritta nel penultimo decennio di quel secolo. Da ciò si rileverebbe
che le leggende virgiliane aveano a quell'epoca già cominciato a
rendersi note in Europa anche indipendentemente dagli scritti di
Gervasio e di Corrado. Ma, come vedremo, la leggenda era nata a Napoli
già prima della venuta di costoro, ed altri visitatori di questa città
doveano averla diffusa.



CAPITOLO III.


Dopo avere escluso Neckam dal novero degli autori che impararono a
conoscere le leggende virgiliane nel luogo stesso dov'erano nate, è
tempo che ci occupiamo di esaminarle quali esse sono in questo più
antico loro periodo storico, affine di determinare la vera natura e le
ragioni dell'esser loro. I lettori avranno già notato che Virgilio,
in questa più antica forma della leggenda, apparisce come protettore
della città di Napoli, e che le opere maravigliose a lui attribuite
consistono principalmente in talismani. Oltre alle tradizioni
dell'antichità, oltre alle idee diffuse nel medio evo in Europa da
popoli di stirpe semitica, la credenza nei talismani fu certamente
rinvigorita nell'Italia meridionale dalla dominazione bizantina.
Infatti come molte opere di tal genere furono a Napoli attribuite
a Virgilio, così in Costantinopoli molte ne furono attribuite ad
Apollonio Tianeo. Com'è naturale, certi monumenti della città eran
quelli che dovean farne le spese. Così il famoso tripode di bronzo,
di cui si vede una parte tuttora nell'ippodromo, fu per lunghi secoli
considerato come un talismano. La leggenda[32] diceva che a tempo di
Apollonio Tianeo Bizanzio fosse visitata dal flagello dei serpenti
e che quindi fosse colà chiamato quel savio, onde allontanasse
quella piaga. Costui elevò una colonna sulla quale era un'aquila
che teneva nei suoi artigli un serpente, e d'allora in poi quegli
animali scomparvero. Ai tempi di Niceta Coniate († 1216)[33] questa
colonna coll'aquila esisteva tuttora; fu distrutta però, come tanti
altri monumenti, quando la città cadde in potere dei latini. Ma la
leggenda, che non si distrugge così facilmente, rimase, e fu applicata
al nobile residuo dell'antico tripode, il quale appunto è costituito
dalle spire di tre serpenti avviticchiati assieme. Inoltre le leggende
costantinopolitane raccontavano anch'esse che Apollonio bandisse
le mosche dalla città con una mosca di bronzo, e le zanzare con una
zanzara di bronzo, e così pure gli scorpioni ed altri insetti[34]. La
credenza poi a talismani di questo genere era ben lungi dal limitarsi
a Napoli ed a Costantinopoli. A' tempi di Gregorio di Tours (VI sec.)
la troviamo anche a Parigi. «Si diceva, ei narra, che anticamente la
città fosse stata consecrata per preservarla dagl'incendi, dai serpenti
e dai topi. Nel nettare la chiavica del Ponte-Nuovo, per togliere via
il fango che l'ostruiva, non ha guari vi si trovò un serpe e un topo
di bronzo[35]; furon portati via di là, e d'allora in poi innumerevoli
topi e serpenti si videro, e cominciò la città a soffrire incendi»[36].

Vecchie tradizioni del paganesimo parlavano anche esse di mosche e
d'altri insetti perseguitati da esseri superiori all'uomo. Così,
delle mosche dicevasi ch'esse erano state bandite dal tempio di
Ercole nel foro boario, e da una montagna dell'isola di Creta[37].
«Le cicale presso Reggio son mute, dice Solino[38], ciò che non è in
alcun altro luogo, e questo silenzio è cosa tanto più miracolosa che
quelle dei Locresi vicini si fan sentire anche più delle altre. Granio
ci fa sapere il perchè: un giorno ch'esse facevano strepito mentre
Ercole dormiva in quei luoghi, il Dio ordinò loro di stare zitte,
e così d'allora in poi quel silenzio prese ad essere permanente.»
Il cristianesimo, che tanto dovette concedere alle antiche credenze
pagane, ebbe poi anch'esso non solo santi che scomunicarono mosche ed
altri insetti, come san Bernardo, san Goffredo, san Patrizio ecc., ma
anche formole di anatema ufficialmente stabilite per questi casi[39].

Non è da credere che a Napoli la credenza in questi talismani fosse
semplicemente allo stato di racconto, senza un qualche oggetto a cui si
riferisse[40]. Certamente anzi essa dovette nascere dalla presenza di
opere di arte, sia antiche, sia bizantine, alle quali il popolo, come a
Costantinopoli, attribuisse un'origine telesmatica. Una volta poi così
avviata potè la fantasia popolare, od anche quella degli scrittori,
amplificar la cosa, aumentando il novero dei talismani «che c'erano un
tempo ed ora non esistevan più.»

Principale, e forse uno dei più antichi fra questi talismani, pare
essere stata la mosca di bronzo. Uno scrittore anteriore a Corrado
e Gervasio non solo ne parla, ma ci riferisce anche per intero la
leggenda ad esso relativa. Questi è Giovanni di Salisbury che conosceva
bene Napoli e l'Italia come colui che nel 1160 diceva di aver già
passato le Alpi dieci volte e di aver percorso due volte l'Italia
meridionale[41].

Quest'uomo veramente superiore, pieno d'ingegno e di spirito,
ci racconta l'aneddoto seguente: «Dicesi che il poeta mantovano
interrogasse Marcello mentre era fortemente intento a fare strage
d'uccelli, se gli piacerebbe meglio che fosse fatto un uccello col
quale si acchiappassero tutti gli uccelli, o una mosca che esterminasse
tutte le mosche. Avendo Marcello parlato di ciò con Augusto, per
consiglio di lui prescelse che si facesse una mosca che scacciasse da
Napoli le mosche, e liberasse la città da questa piaga. E il desiderio
fu compiuto; dal che si riduce che al proprio piacere è da preferire
l'utile dei più»[42].

I nomi di Marcello e d'Augusto posti così in rapporto con Virgilio
potrebbero forse a prima giunta destar dubbio circa l'origine popolare
di questa leggenda applicata a quel tal talismano. Notiamo però che
la leggenda popolare napoletana considerava appunto Marcello come
governatore di Napoli, e Virgilio come suo ministro. Nella _Cronica
di Partenope_ della quale parleremo a suo luogo, i fatti di Virgilio
sono riferiti «in nel tempo quando Octaviano ordenao Marcello duca de
li Napoletani.» È questo il lato pel quale la leggenda napoletana si
mostra connessa, come vedremo colla leggenda letteraria sorta sulla
antica biografia del poeta. — L'autore anonimo di una poesia satirica
contro gli ecclesiastici, dell'anno 1180, allude anch'egli alla mosca
di Virgilio col verso:

    «Formantem (video) aereas muscas Virgilium»[43].

Non altra mosca Virgiliana trovasi mai menzionata se non quella di
Napoli, alla quale certamente si riferisce questo anonimo come pure
esplicitamente Giovanni di Salisbury; e Giovanni è il solo a narrare
per quale occasione fosse fatta da Virgilio quella mosca; non lo
crederei però autore di quel racconto, il quale, come ognun vede,
è ideato nello spirito delle moralizzazioni del _Gesta Romanorum_ e
simili, e si può attribuire a qualche chierico napoletano che volle
dare un edificante involucro storico alla superstizione popolare
su quella mosca. Questa mosca, della grandezza di una rana, che
secondo Corrado trovavasi su di una porta fortificata, poi passò ad
una finestra nel castel Capuano e poi in castel Cicala (chiamato in
seguito castel Sant'Angelo, e diroccato dai preti di Santa Chiara),
dove perdette la sua efficacia. La _Cronica di Partenope_ cita un
tale Alessandro il quale dice d'averla veduta. Nel testo oggi noto di
Alessandro Neckam della mosca non è parola.

Le due facce di pietra nella porta Nolana, che, come dice un vecchio
scrittore napoletano[44], «chiamavasi di Forcella» esistevano
realmente, e questo scrittore, che è lo Scoppa, dice di averle vedute
nel portico di quella mentre era ancor fanciullo, prima che il re
Alfonso II d'Aragona lo demolisse e le trasferisse in Poggio Reale. Il
cavallo di bronzo esisteva anch'esso; Eustazio da Matera sulla fine del
sec. XIII ne parlava nel suo poema, oggi perduto, Planctus Italiae[45],
e nel 1322 trovavasi ancora nella corte della primaziale di Napoli.
Il tempo e la barbarie l'avean guasto; il popolo però diceva che i
manescalchi, ai quali quel cavallo avea fatto danno, gli sfondarono il
ventre, talchè venne a perdere la sua efficacia e quindi parve giusto
che i preti della primaziale, per farlo servire a qualche cosa, lo
trasformassero in campane nel 1322. Altri dice fosse distrutto per
toglier di mezzo la superstizione popolare ad esso relativo[46]. Rimase
la testa che si conserva tuttora nel museo nazionale di Napoli e che
può darci un'idea delle proporzioni colossali di quella notevole opera
d'arte[47]. Il racconto della statua che Virgilio contrappose al vento
che veniva dalla parte del Vesuvio, par fondato sulla real presenza
di una qualche statua che desse, in qualche modo, motivo a quella
leggenda. Scoppa dice che essa trovavasi nella porta già chiamata
_Ventosa_ poi _Reale_ «dove (soggiunge) rimangon tuttora alcune statue
di marmo»[48]. Quanto al palladio di Napoli, di cui parla Corrado,
esso certamente dovette essere quel ch'ei dice d'aver visto e toccato,
cioè un modello della città posto in un fiasco di cristallo. Sono note
queste curiosità che anche oggi sbalordiscono il volgo, nè v'ha di che
maravigliarsi se nel medio evo producevano l'impressione di cose fatte
con arti soprannaturali, e se vi si annettevano idee telesmatiche.
Forse quel cimelio andò perduto fra le mani degl'imperiali. Fatto è
che in seguito la leggenda ad esso sostituisce un uovo[49] posto in
un fiasco di vetro, questo stesso riposto in un recipiente di ferro.
Questa forma della leggenda, assai posteriore, si sostituì alla prima
dopo che l'antico castello fabbricato nel 1154 da Guglielmo I, ed
ampliato da Federigo II, ebbe mutato il suo nome di Castello marino
o di mare[50] in quello di Castel dell'uovo. Non si conoscono, a mia
notizia, documenti che adoperino quest'ultima denominazione prima del
XIV secolo. Negli statuti dell'Ordine dello Spirito Santo, fondato nel
1352 da Luigi d'Anjou, esso è chiamato «Castellum ovi incantati»[51].
In un MS. napoletano della metà del secolo XIV si parla di questa
leggenda sull'autorità di Alessandro Neckam, il quale però non ne dice
nulla[52]. Alla denominazione e alla leggenda si riferisce pure la
iscrizione enimmatica, anch'essa del secolo XIV, che ci ha conservato
la raccolta Signorili[53]:

    «OVO MIRA NOVO SIC OVO NON TUBER OVO,
    DORICA CASTRA CLUENS TUTOR TEMERARE TIMETO.»

Quella stessa idea che presentando Virgilio come protettore benefico
di Napoli avea fatto attribuire a lui quei talismani e le mura della
città, e la città stessa, dovea fare a lui attribuire i salutari bagni
di Pozzuoli che godettero di molta celebrità nel medio evo, per le
loro virtù medicinali[54]. L'uso di porre nei bagni di questo genere
delle iscrizioni[55] indicanti le malattie a cui potevano essere utili,
particolarmente quando le sorgenti eran varie, non lo troviamo soltanto
in quei di Pozzuoli, ma anche in altri bagni celebri dell'epoca, come,
p. es., in quelli di Bourbon l'Archambault[56]. Beniamin di Tudela
(morto nel 1173) parla[57] di una sorgente di petrolio che trovavasi
in vicinanza di Pozzuoli, e parla anche dei bagni medicinali ivi
esistenti e visitati da moltissimi malati; non dice nulla però di
Virgilio. Riccardo Eudes[58] nel suo poema, composto nel 1392, mentre
parla anch'egli delle iscrizioni, non dice nulla di Virgilio. Così pure
La Sale in un trattato di morale citato da Le Grand d'Aussi[59], così
Burcardo[60] che visitava quei luoghi nel 1494, ed altri. Che questi
ed altri scrittori non parlino di Virgilio, prova che l'attribuzione di
quei bagni al Mantovano era un fatto tanto esclusivamente popolare che
o non giunse a loro notizia, o, se pure, non ne tenner conto come di
fola puerile. Certamente non potè ignorarla, ma non ne fece caso Pietro
da Eboli[61] che nel suo poemetto su quei bagni non ne dice parola,
mentre il suo protettore ed amico Corrado di Querfurt, più credulo
di lui e prono a fantasticare col popolo, raccoglieva e seriamente
riferiva la leggenda, come fecero altri della stessa tempra quali
Gervasio, Elinando e il napoletano autore della _Cronica di Partenope_.
La leggenda popolare aggiunse alla realtà della cosa il nome di
Virgilio e l'idea che quei bagni fossero utili per ogni malattia.
Il benefico Mantovano avrebbe voluto così principalmente provvedere
ai poveri onde potessero dispensarsi dai medici «li quali (come dice
la _Cronica di Partenope_[62]) senza alcuna charità domandano essere
pagati.» I medici però che, come dice a tal proposito un vecchio poema
francese, «ont fait maint mal et maint bien»[63] non trovavano in
ciò il loro tornaconto, e particolarmente i celeberrimi della scuola
salernitana videro talmente diminuire gli affari, che recatisi di
soppiatto ai bagni virgiliani disfecero le iscrizioni; sicchè i poveri
malati non seppero più da dove rifarsi. Ma Dio punì coloro, soggiunge
la leggenda, poichè nel ritorno furon colti da una così furiosa
tempesta che «annegaro intra Capre et la Minerva escepto uno lo quale
manifestò questa cosa[64]. Questo fatto, anche narrato da Gervasio e
Corrado, lo è pure da Burcardo e da altri che non mescolano al racconto
il nome di Virgilio. La favola dandosi l'aspetto della storia riferiva
anche un preteso istrumento notarile del 1409, nel quale si asseriva
essersi trovata in Pozzuoli presso al luogo detto _Tre Colonne_ la
seguente iscrizione:

«Sir Antonius Sulimela, Sir Philippus Capogrossus, Sir Hector de
Procita, famosissimi medici salernitani supra parvam navim ab ipsa
civitate Salerni Puteolos transfretaverunt, cum ferreis instrumentis
inscriptiones balneorum virtutum deleverunt et cum reverterunt, fuerunt
cum navi miraculose submersi»[65].

Da quanto siamo venuti dicendo fin qui i lettori avran potuto farsi
un concetto di ciò che era la leggenda virgiliana nell'origine sua.
C'è un'idea prima e fondamentale, ed è questa, che Virgilio non solo
abbia vissuto a Napoli, ma abbia avuto in mano il governo di quella
città, o almeno per le alte sue relazioni in corte, abbia avuto parte
a quel governo, ed in ogni caso abbia spiegato il più grande amore pel
pubblico bene dei napolitani. Inoltre, esistevano in Napoli parecchi
monumenti d'arte, antica o medievale, ai quali il popolo napolitano,
come accadeva fra altri popoli altrove, attribuiva qualità maravigliose
e telesmatiche. Abbiamo veduto di quale aureola di sapienza fosse
stato decorato il nome di Virgilio presso i letterati del medio evo. Il
popolo napoletano per la idea che universalmente si aveva di questo suo
protettore, non poteva attribuire quei talismani ad altri che a lui.

Il mago propriamente detto non è ancora sorto. Quantunque Corrado
parli di una _ars magica_ o di _magicae incantationes_ per mezzo delle
quali Virgilio sarebbe riuscito a fare quei talismani, è chiaro che
ciò va inteso in senso benigno di magìa naturale, o di cognizione dei
più riposti segreti della natura[66]. Infatti la credenza d'allora
portava che mediante certe combinazioni meccaniche, astrologiche e
matematiche si potesse riuscire a produr cose maravigliose. Tutto ciò
si considerava come affatto indipendente da arti diaboliche, e non
rendeva necessariamente odioso il personaggio a cui si attribuiva,
tanto meno quando le sue arti tendessero a bene. E realmente, come
abbiamo veduto, Virgilio apparisce nella prima forma della leggenda
non solo come innocuo, ma come grande benefattore, e nessuno degli
scrittori che riferiscono le idee del popolo napoletano intorno a lui
parla di arti diaboliche. Gervasio attribuisce le opere virgiliane ad
una _ars mathematica_ o _vis mathesis_. Boccaccio, il quale visse in
un'epoca in cui, come vedremo, la leggenda avea già cambiato natura,
non teme di offendere la fama del poeta da lui tanto venerato, dicendo
che quelle tali cose furono da lui operate a Napoli «con l'aiuto della
strologia», essendo egli «solennissimo strologo»[67], idea che già
vedemmo anticamente sostenuta fin da Servio e da altri.

Il popolo adunque non faceva altro a Napoli se non trarre conseguenze
materiali dal concetto che i letterati d'allora si formavano
di Virgilio, e questo era tale che i letterati stessi non si
maravigliavano di quei racconti. Siccome però quel concetto era
universale e la leggenda è di origine esclusivamente napoletana, si
può domandare come mai il nome di Virgilio fosse così familiare al
popolo di Napoli, che questi se lo trovasse così alla mano quando
volle dare un autore ai talismani a cui avea preso a credere. E questa
è appunto l'ultima e più semplice formola a cui si riduce il problema
dell'origine di queste leggende. Prima però di farci a dire la nostra
opinione intorno a ciò, è d'uopo far parola di un fatto che non
possiamo qui lasciar passare inosservato.

Gervasio di Tilbury narra quanto segue: «Ai tempi di Ruggero re di
Sicilia un tal uomo dotto, inglese di nazione, si presentò al re
chiedendo gli fosse dato qualcosa dalla generosità di lui. E pensando
il re, chiaro di stirpe e di vita, che a lui questi richiedesse
un qualche beneficio, rispose: — chiedi tu stesso il beneficio che
vuoi ed io volentieri tel farò. — Imperocchè colui il quale chiedeva
era un sommo letterato, forte assai ed acutissimo nel trivio e nel
quadrivio, grandemente operoso negli studi fisici, e grandissimo
astronomo. Disse dunque al re ch'ei non chiedeva efimeri piaceri,
ma bensì ciò che agli uomini sembrerebbe cosa da poco, le ossa di
Virgilio, dovunque potessero trovarsi dentro i confini del suo regno.
Il re annuì, e il dotto, fornito di lettere regie, recossi a Napoli
dove Virgilio in molte cose avea esercitato il suo ingegno. Presentate
ch'egli ebbe le lettere, il popolo si preparò ad obbedire, e ignaro
del luogo della sepoltura, facilmente promise ciò che gli parve dover
credere impossibile. Finalmente però il dotto, guidato dall'arte
sua, ritrovò le ossa nel loro sepolcro, nel bel centro di un monte,
là dove neppur la menoma apertura o fenditura ne dava segno veruno.
Si scava in quel luogo, e dopo lunga fatica si discopre un sepolcro
nel quale si trova intero il corpo di Virgilio, e sotto al capo di
questo un libro nel quale era scritta _l'arte notoria_[68] con altre
scritture relative agli studi di lui. Si tolgon via le ossa e la
polvere, e il dotto estrae il volume. Il popolo napoletano ponendo
mente alla speciale affezione che Virgilio avea portato alla città, e
temendo che, sottratte via le sue ossa, la città intiera ne venisse a
soffrire un danno enorme, preferì eludere l'ordine regio piuttostochè,
obbedendo, occasionare la rovina di una sì grande città. Imperocchè
credeva che Virgilio appunto per ciò avesse posta sua sepoltura nel
recesso segreto del monte, affinchè col portar via delle sue ossa non
venisse meno l'efficacia degli artifici suoi. Il duca dei napoletani
con una schiera di cittadini, riunite assieme le ossa e postele in un
sacco, le recarono nel Castel di Mare dove dietro a certe spranghe di
ferro si mostrano a chi voglia vederle. Interrogato il dotto che cosa
avrebbe voluto fare delle ossa, rispose che per mezzo di uno scongiuro
egli avrebbe fatto sì che quelle, dietro sua richiesta, rivelassero
a lui tutta l'arte di Virgilio; diceva anzi ch'ei sarebbe soddisfatto
se avesse potuto averle a sua disposizione per soli quaranta giorni.
Contentandosi però di portar via il libro soltanto, ei se ne andò,
e noi per mezzo del venerabile Giovanni da Napoli[69], cardinale del
tempo di Papa Alessandro, vedemmo alcuni estratti di esso libro e _con
esperienza concludentissima ne facemmo la prova_.»

Questo strano racconto di Gervasio trovasi riprodotto da Andrea
Dandolo[70] verso il 1339 e trovasi pure nella _Cronica di Partenope_
che lo ha anch'essa da Gervasio, e in Andrea Scoppa che lo ha dalla
_Cronica di Partenope_. All'infuori di Gervasio, l'unico scrittore
contemporaneo che alluda ad un fatto di questo genere è Giovanni di
Salisbury, il quale nel suo _Polycraticus_ dice di aver conosciuto
un tal Lodovico «che (dic'egli) io vidi trattenersi a lungo nelle
Puglie, onde dopo molte vigilie, lunghi digiuni, e moltissime fatiche e
sudori, come prodotto di un siffatto inutile e triste esilio, riportare
in Gallia le ossa, piuttostochè il senno, di Virgilio»[71]. È assai
probabile che, come crede Roth, qui trattisi della stessa persona di
cui parla Gervasio, sapendosi che Giovanni di Salisbury fu a Napoli
appunto a' tempi di re Ruggero, e non formando grave difficoltà
l'espressione _in Gallias_, di cui egli si vale parlando di un uomo che
Gervasio qualifica di _Anglus_[72]. Il Roth però vuol vedere in questo
fatto la principal circostanza che mise in moto sul conto di Virgilio
la fantasia dei napoletani, e qui mi duole di non poter approvare
l'opinione di questo dotto uomo.

Il fatto narrato da Gervasio presuppone l'esistenza della leggenda.
Non è punto impossibile che un eccentrico inglese si ponesse in capo di
ottenere le ossa di Virgilio, onde cavarne, per mezzo di una operazione
magica, quel tesoro di scienza riposta che il mondo attribuiva allora
al poeta. L'avere però il popolo napoletano ricusato di dargliele, e
la ragione stessa di questo rifiuto, mostra evidentemente che già il
nome del poeta erasi reso celebre a Napoli per la protezione che le
sue opere telesmatiche, e le sue ossa stesse porgevano alla città.
L'idea che in quella occasione si scoprisse il sepolcro di Virgilio, e
che questa scoperta facesse grande impressione sul popolo napoletano a
me pare non resista alla critica, quantunque Gervasio pretenda che il
popolo napoletano fosse, prima di quel fatto, «ignaro della sepoltura.»
Infatti quando si rifletta alla colossale rinomanza ed autorità di
Virgilio nel medio evo, è chiaro che questo solo fatto della scoperta
del suo sepolcro, avvenuta, per soprappiù, in modo così strano, sarebbe
stato un avvenimento tale da commuovere non solo i napoletani, ma
tutto il mondo letterario d'allora. Invece noi troviamo intorno a
ciò un silenzio generale non interrotto che dal solo Gervasio. Se poi
esaminiamo da vicino il racconto di costui, a me pare possa rilevarsene
che il fatto dell'inglese a cui allude Giovanni di Salisbury, si
complicò con una leggenda intesa a dare spiegazione di un sacco pieno
di ossa che si mostrava dietro una inferriata in Castel di Mare, come
quello che si credeva contenesse le ossa di Virgilio, e nello stesso
tempo questa leggenda servì ad autenticare od accreditare (come soleva
farsi allora e dopo) un qualunque libro d'arti segrete, che Gervasio
dice aver veduto, dando ad intendere che esso provenisse dal sepolcro
di Virgilio. Non dimentichiamo che lo stesso Giovanni di Salisbury
parlando di quel tal Lodovico da lui conosciuto, ce lo presenta nel suo
aspetto reale, e quindi ridicolo, mentre Gervasio, che scriveva qualche
decennio più tardi, ce lo presenta con circostanze evidentemente
leggendarie, e che di più lo stesso Giovanni di Salisbury conosce già
la storia della mosca di bronzo, vale a dire che il nome di Virgilio,
indipendentemente dalle pazze voglie di quel tal messer Lodovico,
trovavasi già in Napoli applicato a talismani. Quindi a me pare debba
del tutto eliminarsi l'idea che nel fatto narrato da Gervasio stia la
principal causa dell'origine o dello sviluppo delle leggende virgiliane
in Napoli[73]. È noto poi nel modo il più positivo che l'idea del
protettorato di Virgilio su Napoli e del governo da lui ivi esercitato
è anteriore al re Ruggero, poichè ne fa esplicita menzione Alessandro
di Telese nel 1136, dicendo che per quel distico «Nocte pluit tota»
ecc. Virgilio ebbe da Augusto in feudo la città di Napoli e la
provincia di Calabria[74].

Se da quel che narra Gervasio noi non deduciamo le conseguenze che ne
deduce Roth, non esitiamo d'altro lato ad affermare che la presenza a
Napoli del sepolcro di Virgilio è uno dei fatti principali che spiegano
la permanenza del nome di lui nelle tradizioni del popolo napoletano.
Sia qualsivoglia l'autenticità di quello che oggi si crede essere il
sepolcro di Virgilio, o di quello che forse nel medio evo passava per
esser tale[75], è un fatto storico, sul quale non è possibile dubbio
di sorta, che Virgilio volle esser seppellito a Napoli, e che ivi fu
seppellito realmente, come dice la sua biografia, «sulla via puteolana
a circa due miglia»[76]. Questa notizia deriva, molto probabilmente,
nella Vita di Virgilio attribuita a Donato, dalla biografia del poeta
scritta da Svetonio (98-138 d. Cr.) nel suo _De viris illustribus_,
ed è confermata da altre notizie che mostrano come il sepolcro di
Virgilio divenisse l'ornamento principale di Napoli, ed attirasse
visitatori quasi come un tempio di una qualche divinità. Silio Italico,
come abbiamo già notato altrove, era solito recarvisi come ad un
tempio, _adire ut templum_, e Stazio chiama senz'altro il sepolcro
di Virgilio _un tempio_. Nel V secolo Sidonio Apollinare considera
ancora il sepolcro di Virgilio come vanto di Napoli[77]. È chiaro che
il popolo napoletano, spettatore di questa specie di culto reso alla
memoria del poeta, dovea, per lo meno, serbarne il nome nella mente.
Le notizie ci mancano pel più fitto medio evo, poichè gli scrittori
che avrebbero potuto darcene avevano allora la mente altrove. Da
quello però che sappiamo intorno alla rinomanza grandissima e sempre
continuata del poeta, possiamo conchiudere che il popolo napoletano
per ben molti secoli dovette essere avvezzo a sentir ripetere il
nome di Virgilio, e chieder della tomba di lui da quanti forestieri
un po' colti visitassero la città. Nel X sec, cioè ne' tempi della
più grande barbarie, l'autore della Vita di S. Atanasio tessendo un
elogio entusiasta di Napoli, da lui ben conosciuta, se pur non era sua
patria, ricorda Virgilio e la nota epigrafe da lui dettata per la sua
tomba[78]. Più tardi, a mezzo il sec. XII, il trovatore provenzale
Guilhem Augier per indicar Virgilio si limita a dire «cel que jatz
en la ribeira — lai a Napols» ben sicuro che ognuno intenderebbe di
chi volesse parlare[79]. Certo, non furono i Normanni che rivelarono
o ricordarono alla piccola repubblica Partenopea, fiera della sua
antica romanità, l'esistenza del sepolcro di Virgilio nel suo classico
suolo[80].

Così non è impossibile che sia d'antica data l'idea popolare che il
sepolcro di Virgilio fosse intimamente connesso col bene della città
e l'altra da questa dipendente, che, come riferisce Corrado, le ossa
di lui quando si ponessero all'aria suscitassero turbini e tempeste.
E veramente abbiamo potuto notare che il sepolcro di Virgilio figura
nelle più antiche leggende virgiliane, fra le quali notevolissima, da
questo punto di vista, è quella dell'inviolabilità quasi sacra della
grotta di Pozzuoli, vicino all'ingresso della quale scorgesi anche oggi
il sepolcro creduto del poeta. Leggende di questo genere erano assai
comuni anche ai tempi pagani. È noto come il possedere le ossa di Edipo
fosse tenuto qual causa di prosperità dagli Ateniesi, e come la stessa
cosa, per altre ossa, si credesse da altri popoli. Un'altra leggenda,
relativa al colle che serviva di sepolcro ad Anteo, diceva che quando
da questo toglievasi un poco di terra pioveva immediatamente, nè
cessava di piovere finchè non si fosse rimessa al posto[81].

Il poeta che nato presso Mantova volle esser seppellito a Napoli
molto dovette amare quella città in vita sua. E veramente da quanto
ci resta di notizie autentiche intorno a lui rileviamo che molto egli
visse colà, godendo in pace le agiatezze procurategli dall'eccelso suo
protettore, e che in quell'incantevole soggiorno gran parte dei suoi
versi immortali fu da lui composta. Come rileviamo da un passo della
principale sua biografia, familiare era al popolo napoletano la sua
figura dolce e modesta, e caratterizzandone il tipo e l'espressione
in una parola, solean chiamarlo per soprannome _Parthenias_[82]. A me
poi pare indubitato che il suo nome dovesse esser conservato anche da
alcune terre da lui possedute in quelle contrade.

In prova di ciò è d'uopo richiami alla mente del lettore quel tal
giardino che Virgilio, secondo la leggenda, ebbe sul Monte Vergine,
del quale parla Gervasio dicendo che vi si trovavano erbe d'ogni
sorta dotate di proprietà mediche. Il nome di questo monte ha subito
vari cangiamenti. Oggi chiamasi Monte Vergine, ma in latino lo trovo
chiamato nei documenti e negli scrittori _Mons Virginis_, _Mons
Virginum_, _Mons Virgilianus_. Giovanni Nusco autore della Vita
di san Guglielmo da Vercelli[83], fondatore della congregazione e
della chiesa del Monte Vergine, dice che il monte chiamossi dapprima
Monte Virgiliano, denominazione della quale egli stesso si serve
esclusivamente. Questa asserzione è negata da Roth[84], il quale nota
che in alcuni documenti contemporanei del Santo il monte è chiamato
«Mons qui Virginis vocatur», e la chiesa «S. Maria Montis Virginis.»
Che però, quando il monte cominciò a cambiar denominazione alcuni
seguitassero a chiamarlo col nome antico, altri col nuovo, è cosa che
non ha nulla di straordinario. L'autore della Vita di san Guglielmo
fu anch'egli contemporaneo del Santo, come colui che fu ricevuto nella
congregazione dei preti del Monte Vergine nel 1132[85] cioè dieci anni
prima che san Guglielmo morisse, e sei anni dopo la consecrazione di
quella chiesa. Quando egli tenendosi alle tradizioni locali seguita
ad adoperare il nome di Monte Virgiliano, il voler porre in dubbio
la sua autorità è un volersene sbarazzare ad ogni costo, tanto più
che nella sua qualità di ecclesiastico e di aderente alla nuova
congregazione, se non avesse trovato una tradizione ed un uso più
forti di lui, certo avrebbe dovuto preferire il titolo di Monte della
Vergine Maria al titolo pagano di Monte di Virgilio. Se poi alcuni
devoti, in certi loro atti di donazione, si affrettarono ad adottare
il titolo di Monte Vergine, la tradizione veniva tuttavia rispettata
anche dalla suprema autorità ecclesiastica nel 1197, nella bolla di
papa Celestino III, relativa a quel monastero, nella quale questo più
d'una volta è chiamato «Monasterium sacrosanctae Virginis Mariae de
Monte Virgilii»[86]. Non essendo punto strano che una località abbia
più nomi ad un tempo, può essere che, oltre al chiamarsi Virgiliano,
questo monte, prima di intitolarsi dalla Vergine Maria, si chiamasse
anche _Mons Virginum_ col qual nome appunto lo designa Gervasio. La
presenza, probabile a' tempi pagani, del culto di Vesta e di Cibele in
quei luoghi spiegherebbe ottimamente questa denominazione[87]. Comunque
sia di ciò, il nome indubitato di Monte Virgiliano, e la leggenda
napoletana e locale[88] che poneva ivi un giardino di Virgilio, non
potrebbe meglio spiegarsi che colla reale esistenza di una possessione
avuta da Virgilio in quei luoghi. Ora, stabilire positivamente che ciò
fosse non si può, ma ben si può provare con tutta evidenza che appena
un secolo e mezzo, e forse neppur tanto, dopo la morte del poeta c'era
chi parlava di possessioni avute da lui in quei dintorni.

Aulo Gellio[89] dice di aver trovato scritto «in quodam
commentario»[90] che quei versi

    «Talem dives arat Capua et vicina Vesevo
    Ora iugo, etc.»
fossero da Virgilio recitati e pubblicati dapprima colla lezione
«Nola iugo», ma che poscia, avendo egli chiesto ai Nolani di poter
portare l'acqua nella prossima sua campagna, e i Nolani questo favore
non avendogli accordato, il poeta offeso per ciò, quasi a toglier via
dalla memoria degli uomini il nome della loro città, lo espungesse dai
versi suoi sostituendovi _ora_ che poi sempre si lesse in quel luogo.
Qui Gellio soggiunge che egli non si mette punto in pena per sapere
se il racconto sia vero o falso, e noi faremo altrettanto. Notiamo
però che uno scrittore del secondo secolo, basandosi sull'autorità
di scrittori anteriori, accenna nel modo più esplicito a possessioni
che si credette Virgilio avesse nei dintorni di Nola, cosa che niente
distoglie dal creder vera[91] singolarmente trattandosi di un uomo che
tanto soggiornò in quella regione. Ora, la leggenda pone il giardino
maraviglioso di Virgilio a non molta distanza da Nola, cioè presso
Avella[92] alle falde del Monte Vergine, rannodandosi così dopo dieci
secoli alla notizia che desumiamo da Aulo Gellio, nella quale trova
un precedente che le serve di spiegazione[93]. Quanto alle qualità
speciali che a quel giardino attribuisce la leggenda, non è impossibile
che l'idea ne provenga da un orto di piante medicinali che ivi
esistesse realmente, come solevano trovarsene anche nel medio evo[94].

Su questo fatto ho voluto trattenermi alquanto, poichè a me sembra
sia uno di quelli che meglio provano la permanenza continua del nome
di Virgilio nelle tradizioni del popolo di quelle contrade, anche per
quelle epoche nelle quali la storia e i documenti non ci dicono nulla
intorno a ciò. Molte leggende medievali presentano lo stesso fenomeno.
Preparate ed elaborate di lunga mano nell'oscurità, esse si presentano
nella letteratura ad un tratto belle e formate. Questa di Virgilio è
più notevole, poichè la storia ci fa assistere al primo contatto di
quest'uomo col popolo napoletano, e alle prime profonde impressioni da
lui lasciate fra questo, di mezzo al quale il suo nome dopo vicende di
secoli rivien fuori, come dal crogiuolo di un chimico, tutto trasmutato
e coronato dall'aureola della leggenda. In questa leggenda non si
ravvisa più, è vero, il poeta augusteo, la più preziosa gemma della
poesia romana, ma ben vi si ravvisa ciò che più interessava il popolo
napoletano, cioè un ingegno altissimo e d'eterna rinomanza, che avea
in modo invidiabile onorato la città di Napoli, ponendola talmente in
cima ad ogni suo affetto che volle esserle vicino anche nella tomba.
Quindi è che la parte più antica della leggenda debba essere l'idea
di un protettorato che Virgilio esercitò in vita sua sulla città di
Napoli; e realmente questa idea accompagna le più antiche notizie che
noi possediamo di un Virgilio leggendario napoletano, quella cioè
di Giovanni di Salisbury relativa alla mosca di bronzo, e quella
più antica di Alessandro di Telese il quale parla di Napoli e della
Calabria, date da Augusto in feudo a Virgilio. Con questa idea prima
e fondamentale, in cui veramente la leggenda ha le sue radici, si
collega un fatto curioso del tutto degno dell'erudizione medievale.
Seneca nel sesto delle questioni naturali parla, in sul principio,
di un fortissimo tremuoto che desolò la Campania sotto il consolato
di Regolo e di _Virginio_, soggiungendo che mentre altre città della
Campania ne soffrirono grandemente, Napoli non fu che «leniter ingenti
malo perstricta.» Ora, è certo che vi fu chi in questo passo di Seneca
lesse _Virgilio_ in luogo di _Virginio_ e, ignaro di ciò che fosse un
console ai tempi del mantovano, ne dedusse che Virgilio fu «console di
Napoli.» Il padre Giordano, abate di Montevergine, che raccolse nel
1649 le tradizioni e le cronache del suo monastero, seguita ancora a
dire che, essendo Virgilio andato a Napoli, Augusto lo fe' console, e
che ebbe per collega nel consolato Regolo, e parla poi dell'eruzione
del Vesuvio, citando il luogo di Seneca summenzionato[95]. Vedendo che
Alessandro di Telese, cioè un ecclesiastico che viveva nel Sannio a
poca distanza da Napoli, parla di questa città come feudo di Virgilio,
possiam supporre che a questa idea non fosse estraneo quel tal passo di
Seneca, il quale, frainteso da qualche monaco dell'Italia meridionale,
sarebbe venuto ad afforzare l'idea popolare del protettorato di
Virgilio su Napoli.

Napoli che da Giustiniano fino a metà del sec. XII mantenne quasi
costantemente intatta, quantunque non senza molti e grandi travagli,
la sua indipendenza, fu in condizione di serbare meglio che altre
città italiane le tradizioni antiche. L'abbassamento però della
cultura, nei secoli della barbarie, non fu meno grande là che altrove,
talchè gl'illustri nomi antichi serbati vivi nella memoria del popolo
letterato o illetterato, con una coltura così ridotta, trasformaronsi
allora tutti nelle menti di ogni grado, contornandosi di leggende.
Già invero a metà del IX secolo si osserva qualche progresso sulla
ruvida barbarie dei tempi anteriori; in taluni duchi quali Sergio e
Gregorio III in taluni vescovi quali Atanasio I ed altri ecclesiastici
si riscontrano segni notevoli di studi anche profani; nè senza sorpresa
nelle tenebre del X secolo troviamo in questa Napoli medievale, tanto
oscura per noi, il duca Giovanni III che, pieno di nobili istinti,
come un piccolo Carlomagno, ama e predilige gli studi latini e anche
i greci, si procaccia da ogni parte, anche da Costantinopoli, libri
così sacri come profani nelle due lingue, e Giuseppe Ebreo, e Dionigi
e la storia di Alessandro Magno in greco e nella traduzione latina
e Tito Livio e altri scrittori, storici, cronografi ecc., chiamando
anche alla sua corte, e ben ricompensando, dotti e scrivani che
traducessero e copiassero opere greche[96]. Quanto poi fosse vivace
il sentimento patrio dei Napoletani allora, qual vanto menassero
della loro romanità, del nobile passato della antica città loro
«non ad altra seconda in Italia che a Roma»[97] lo mostra l'enfatico
elogio di Napoli in cui prorompe l'autore della Vita di S. Atanasio
nell'esordio del pio suo scritto. Questo sentimento che traluce pure
in tutta la più antica leggenda virgiliana ed è la più manifesta prova
dell'essere essa essenzialmente napolitana, è il lievito che colà
pone in moto le menti dei rozzamente colti e degli incolti, generando
leggende sull'antica storia di Napoli romana; poichè anche gli uomini
iniziati allora agli studi profani, lo erano poi tanto poco e così
malamente che a fraintendere i nomi e i fatti e i monumenti antichi,
a travisarli secondo le loro imaginazioni, a crear fantasmi su di essi
ed a crederci poi, eran facilmente pronti quanto qualsivoglia dei più
incolti. Un saggio ne dà lo stesso autore della Vita di S. Atanasio
quando scrive: «La qual città quanto egregia sia lo mostra Marone
Mantovano nei chiari versi dell'epitafio che morendo dettava per sè,
quando la chiama Parthenope, cioè vergine, da certa fanciulla nubile
che un tempo vi abitava. Per ultimo Ottaviano Augusto ordinò che fosse
chiamata Napoli, cioè dominatrice di nove città (ἐννεάπολις) o come
alcuni vogliono Città Nuova, il che è tanto assurdo da stentare a
crederlo, poichè come si possa chiamare nuova una città tanto antica
che se ne ignora l'origine, non è facile intendere, tanto più che non
si ritiene fondata da lui»[98]. In questo cumulo di strafalcioni va
notata la favola di Ottaviano che dà il nome a Napoli, la quale mostra
come già la leggenda virgiliana dovesse esistere a Napoli nel X secolo,
almeno in quanto concerne i favolosi rapporti fra Virgilio, Ottaviano,
Marcello quali son presentati più tardi da Alessandro di Telese, da
Giovanni di Salisbury, dalla Cronica di Partenope ecc. Infatti l'abate
del monastero di San Salvatore presso Telese, il quale, quantunque
vivesse in tempi più avanzati, non era men grosso in fatto di cultura
classica dell'anonimo hagiografo napoletano del X secolo, non fa che
_ricordare_ nella dedica a re Ruggero il fatto di Virgilio che ebbe
da Ottaviano per due versi in premio Napoli e la Calabria, come cosa
ben nota; e doveva già esserlo certamente anche all'autore della Vita
di S. Atanasio, poichè l'interesse leggendario di Ottaviano per Napoli
va sempre accompagnato all'interesse suo per Virgilio ch'ei fa signore
di quella, e ne è anzi nello sviluppo della leggenda una conseguenza.
Altrettanto va detto di Giovanni di Salisbury il quale riferisce
con un _fertur_ la leggenda napoletana della mosca maravigliosa, ove
intervengono Ottaviano e Marcello; leggenda pur questa che da tempo
assai più antico deve essere stata messa in corso fra i rozzi chierici
napoletani che, ai tempi certamente del ducato, aveano immaginato
Marcello fatto da Augusto «duca dei napoletani.»

Tutta questa parte della leggenda virgiliana nella quale figurano
insieme Napoli, Augusto, Marcello, Virgilio, mentre è per ispirito
affatto napoletana e quindi popolare a Napoli come le leggende che
la continuano di Virgilio taumaturgo, benefattore di Napoli, mostra
col ricordo, che pur è storico, dei rapporti fra Ottaviano, Marcello
e Virgilio d'esser nata fra il popolo letterato, fra il volgo dei
chiostri e delle scuole monastiche medievali dell'Italia meridionale,
animato da sentimento napoletano. Per questa parte ed in questo
senso limitato, si può riconoscere l'origine prima _letteraria_
della leggenda _popolare_ napoletana su Virgilio. Infatti, come per
ogni leggenda relativa all'antichità, si trova per questa un punto
di partenza ed il movente primo nella tradizione letteraria delle
scuole ed in qualche monumento superstite, cioè nella biografia del
poeta letta e appresa nelle scuole e nel sepolcro del poeta, col
suo epitafio, esistente a Napoli. La notizia che è nella biografia
e nei commenti, del dono da Augusto fatto a Virgilio pei noti versi
_Tu Marcellus eris_ ecc. vien combinata colle parole dell'epitafio
«Calabri rapuere, tenet nunc Parthenope» intese con popolesca libertà
e napoletanamente, e se ne cava fuori che Augusto diede per quei versi
a Virgilio, oltre a molto danaro, anche la signoria di Napoli e della
Calabria. Virgilio che, secondo la biografia stessa, molto amò vivere
a Napoli e volle esservi sepolto, diviene il protettore di Napoli, che
pure è amata da Marcello, il quale per volere di Augusto ne fu signore
con lui, ed Augusto stesso molto amò Napoli a cui diede il nome ed
anche mura e torri[99].

Queste idee storico-fantastiche procedenti dalla biografia del poeta,
si collegano e si continuano colle idee popolari dei tanti benefizi
fatti a Napoli dal sapiente Virgilio, non più poeta, ma taumaturgo.
C'è di mezzo la superstizione comune ai letterati ed al popolo,
della prodigiosa efficacia del sepolcro di Virgilio per la salute ed
incolumità di Napoli. Che questa città per la sua forte cinta di mura
e più ancora per la sua posizione fosse difficile a prendere ed anche
imprendibile lo vide già Belisario[100] e lo dice poi e lo ripete
più di uno scrittore del medio evo. Ma la superstizione popolare,
certamente assai antica, attribuiva questa imprendibilità di Napoli
alla presenza in essa di un palladio che la preservava, anzi di più
d'uno, poichè ve n'era uno profano ed uno cristiano, v'erano le ossa
di Virgilio, protettore antico e profano della città di Napoli, e
quelle pure dei due suoi protettori sacri S. Agrippino e S. Gennaro.
Gli scrittori medievali, generalmente ecclesiastici, ricordano più
volentieri il protettorato dei santi, ma non ignorano e neppur sempre
passano sotto silenzio la credenza popolare e laica del protettorato
di Virgilio. L'autore della Vita di S. Atanasio per l'indole religiosa
del suo scritto non ricorda che il protettorato dei due santi pei quali
la città è imprendibile[101]; ma Alessandro di Telese che, quantunque
ecclesiastico, narra le gesta di un principe laico, si sente più libero
e laicamente dimenticando S. Gennaro, ricorda invece Virgilio[102].
Una propagine di questa idea è l'ampolla contenente un modello della
città di Napoli che si credeva al tempo di Corrado di Querfurt Virgilio
dicesse per servir di palladio ad essa. Ma anche allora viveva tuttavia
la credenza che il principal palladio fossero le ossa di Virgilio,
come si vede nella storia di quel tal Ludovico che le richiedeva e i
napoletani gliele rifiutarono temendo ne venisse danno alla città.

Tutte queste idee e leggende volgari, germogliate già in antico tempo,
cresciute e propagatesi lungo i secoli del ducato, rimasero lungamente
cosa domestica dei napoletani, poco o punto trasparendo al di fuori.
Colla caduta del ducato col sorgere di un'era affatto nuova sotto
la monarchia normanna, coll'invasione brutale degli imperiali che
smantellano la vecchia città virgiliana, l'_operosum opus Virgilii_
come la chiama il cancelliere stesso di Arrigo VI, l'incanto fu rotto,
violato il penetrale delle credenze patrie, spento il fuoco sacro
di quel sentimento che le vivificava e le nutriva. Gli stranieri ai
quali poco diceva il nome, tutto locale, di S. Gennaro e molto il
nome universale di Virgilio, con avida curiosità e ingenua credulità,
già convinti della illimitata sapienza virgiliana, le raccolsero e le
propalarono, e mentre in Napoli trasformata, non più romana e quindi
non più virgiliana, ne cessava la produzione e se ne affievoliva la
ricordanza, si propagavano e diffondevano crescendo e snaturandosi per
tutta Europa.

Qui avendo esaurito tutti i dati che abbiam potuto trovare per gittar
luce sulle origini di queste leggende napoletane, sarà opportuno
restringerne il risultato in poche parole.

Nella sua più antica forma questa leggenda ci offre due elementi
distinti, cioè 1º il nome di Virgilio accompagnato dall'idea di uno
speciale affetto da lui portato alla città di Napoli, ch'ei vivente
beneficò colla sua sapienza, morto proteggeva dal suo sepolcro, 2º
la credenza in alcuni pubblici talismani attribuiti a lui, che li
avrebbe fatti per bene della città. Il primo di questi due elementi
è esclusivamente napoletano; fondato, come abbiam potuto vederlo,
su fatti reali e su tradizioni locali provenienti da questi, esso è
certamente tanto antico da poter risalire fino all'epoca stessa in cui
il poeta visse a Napoli ed ivi presso si fece seppellire. Il secondo
elemento non è esclusivamente napoletano, ed è in ogni caso posteriore
al primo, dal quale è realmente distinto come quello che fa parte
delle molte leggende che nei secoli della barbarie nacquero intorno
ad antichi monumenti. Il rapporto pel quale questi due elementi si son
fusi assieme, sta in ciò, che l'idea medievale della infinita sapienza
di Virgilio combinata colla antica memoria napoletana dell'affetto
portato da lui alla città di Napoli, fecero che ivi a lui fossero
attribuite opere credute d'utile pubblico, e considerate come prodotti
di profonda e riposta sapienza, quali in altre città ad altri venivano
attribuite. In questa prima forma della leggenda Virgilio non è mai
presentato sotto un aspetto ridicolo, ed è affatto esclusa ogni idea
di maleficio o di arti diaboliche. La leggenda infine è essenzialmente
_napoletana_ di sentimento e di origine, ed è _popolare_ quantunque
per taluna parte si connetta colla biografia del poeta e vi si scorga
l'opera della fantasia di rozzi chierici napoletani.

Nello stabilir così le origini della leggenda, possiamo constatare
come la natura stessa ch'essa presenta in questa prima sua fase, ben
si accordi con queste sue origini e con certe osservazioni generali
da noi già fatte. Virgilio in essa figura come conoscitore profondo
dei segreti della natura e come tale che ne usa in pro del suo popolo
prediletto. Piuttosto che il mago, egli è il dotto per eccellenza
che sa fare cose inaccessibili ai comuni ingegni. Ond'è che nel
trasformarsi della rinomanza di Virgilio noi scorgiamo una legge presso
a poco identica seguìta egualmente e presso il popolo napoletano,
che serbava memoria del suo vecchio amico, e presso i letterati che
avean continuato a leggerne i versi per consuetudine, e ad ammirarli
per tradizione. Dal che proviene che quelle tali leggende napoletane
appena riferite nel mondo letterario, pel concetto che i letterati
allora aveano di Virgilio, trovarono il terreno così ben preparato ad
accoglierle che vi allignarono ed anche, propagandosi, vi tralignarono
con una rapidità veramente sorprendente.



CAPITOLO IV.


Che le leggende popolari trasmettendosi di bocca in bocca o anche
passando da scrittore a scrittore vadan soggette a modificazione,
è legge costante e notissima. Piccoli nuclei di leggenda sogliono
crescere a dimensioni considerevoli per due modi diversi, sia, cioè,
per una esagerazione ed amplificazione del dato primitivo creata in
corso di tempo dalla fantasia popolare, sia coll'aggrupparsi attorno
ad esso di altre leggende che già esistevano, vaganti, solette ed
anonime, ovvero appartenenti ad altri cicli leggendari. Generalmente
però la prima, più profonda modificazione è quella che subiscono le
leggende nell'uscire dal suolo in cui sono nate, particolarmente quando
ad esse abbia dato motivo un fatto locale, storico o tradizionale. Nel
cambiar di paese una leggenda di tal genere, non potendo incontrare
quei sentimenti affatto locali ai quali corrispondeva nella patria sua,
deve necessariamente andar soggetta ad essere fraintesa ed a cambiar
di natura. Se quindi nella sua prima forma napoletana, la leggenda
di Virgilio non poteva parlare di arti diaboliche, perchè ripugnava
al sentimento popolare dei Napoletani il credere che la loro città
andasse debitrice ad arti siffatte di tutti quei pretesi benefizi, e
se Virgilio, figurando in essa come protettore di Napoli, non poteva
essere posto in una luce poco onorevole per lui e per la città, tutto
ciò non aveva ragione di essere quando la leggenda uscendo da Napoli si
diffuse in Europa. Ed infatti noi la vediamo, col traslocarsi, entrare
in una seconda fase ben distinta dalla prima.

Dall'_arte matematica_, dalla _scienza astrologica_ all'_arte
diabolica_, com'è noto, non c'era che un passo, e se per le ragioni
che ho dette, il popolo napoletano si trattenne dal farlo, quando
la leggenda uscì di Napoli niente impediva che a Virgilio toccasse
la sorte che toccò a Gerberto e ad altri illustri cultori di studi
astrologici e matematici, divenendo un negromante nel senso più
_negro_[103] di questa parola. Questo passaggio poi si rendeva tanto
più facile trattandosi di un nome pagano. Imperocchè, come già provai
altrove, molti fra i chierici amavano screditare gli scrittori illustri
dell'antichità presentandoli come adoratori del diavolo, e come tali
che dell'esimio sapere e talento principalmente alle potenze infernali
da loro venerate andassero debitori; pregiudizi che, quantunque
non divisi pienamente da tutto il clero, pur vedemmo esser durati
lungamente.

Tenuto conto di tutto ciò, non sarà difficile spiegarsi le mutazioni
e gl'incrementi che subì la leggenda virgiliana, allorchè percorrendo
l'Europa civile con grande rapidità cadde in mano alla sbrigliata
fantasia dei cantastorie e dei poeti da piazza. Posti nella necessità
d'interessare l'uditorio sicchè non volgesse loro le spalle, stimolati
anche dalla concorrenza che si faceano reciprocamente, essi doveano
attendere non solo a narrare in modo da fissar l'attenzione e destar
l'interesse, ma ad avere eziandio un ricco repertorio di racconti, in
modo da poterli scegliere a seconda dei gusti dell'uditorio, e da poter
sostituire un racconto ad un altro, in caso di disapprovazione[104].
Così taluni di essi nei loro cantari sciorinavano la lunga
filastrocca di tutte le storie che dicean di sapere e d'esser pronti
a narrare[105]. Intende ognuno con quanta avidità e con quale zelo
di mestiere costoro s'impadronissero di un soggetto nuovo. Appena
la leggenda virgiliana cominciò ad esser nota fuori di Napoli,
cadde subito nelle loro mani, e sul bel principio del secolo XIII la
troviamo già in loro balìa. In una lunga poesia del trovatore Giraud
de Calançon, che dovette essere scritta fra il 1215 e il 1220[106],
si parla a lungo delle abilità necessarie ad un giullare. Dopo avere
annoverato i vari strumenti ch'ei deve saper suonare, i giuochi di
destrezza e le capriole che deve saper fare, segue una lunga litania di
racconti ch'ei deve sapere, siano romanzi, siano novelle verseggiate.
Fra questi figurano anche le leggende virgiliane[107], fra le quali
quella del giardino maraviglioso, ed altre, d'origine non napoletana,
delle quali parleremo in seguito. Poeti, saltimbanchi e buffoni ad un
tempo, quali erano i più di questi _cantores francigenarum_, unicamente
intenti a divertire il pubblico per cavargli l'obolo di tasca, si può
facilmente immaginare con quale libertà trattassero certi personaggi
leggendari, cercando di renderli più interessanti o più divertenti
che fosse possibile, ed è quindi superfluo il chiedere se in mano loro
Virgilio dovesse o no divenire un negromante con tutti i fiocchi.

Non diversi gran fatto dai fati che il Virgilio leggendario incontrava
su per le piazze, erano quelli a cui soggiaceva presso gli scrittori.
È notevole che nel _Dolopathos_, quantunque Virgilio vi figuri come
un personaggio affatto ideale, grossolana conseguenza di quel ch'egli
era divenuto nella tradizione letteraria[108], pur nondimeno nessuna
leggenda relativa a magia venga ad esso applicata. Nella versione
francese in versi che ne faceva Herbers nel XIII secolo, la sola cosa
che alluda alla magia virgiliana è un passo nel quale parlando del
piccolissimo libriccino in cui, per comodo del suo discepolo Luciniano,
Virgilio racchiuse tutte le sette arti liberali, è detto che quando
Virgilio morì, serbò chiuso in mano quel libretto sì fortemente che non
fu possibile trarnelo fuori, e che ciò ei seppe fare

    «Par engin et par nigromance
    Dont il sot tote la science»[109].

È una negromanzia, come ognun vede, di genere assai innocuo[110]. È
difficile stabilire se Don Gianni, il primo autore del _Dolopathos_,
eliminasse quei racconti per propria volontà, o non ne parlasse perchè
quand'egli scriveva non fossero ancora tanto diffusi da giunger fino a
lui. Certo è però che, già a quell'epoca, cioè anteriormente a Gervasio
e, benchè di poco, anche a Corrado, parla delle maraviglie virgiliane
il Neckam, il quale come abbiam veduto, non pare fosse a Napoli.

Oltre al macello che rendeva la carne incorruttibile, Neckam
racconta[111] che Virgilio, con una sanguisuga d'oro[112], liberò
Napoli da una miriade di sanguisughe che ne infestavano le acque, che
costruì un ponte aereo per mezzo del quale poteva trasportarsi dovunque
volesse, e che circondò il suo maraviglioso giardino d'aria immobile,
impenetrabile come un muro: aggiunge poi un'altra leggenda di cui
parleremo fra poco.

Un altro scrittore che, prima della pubblicazione dell'opera di
Gervasio, già conosceva parecchie leggende virgiliane, è Elinando
monaco, autore ben noto di una cronaca scritta in latino[113], inserita
da Vincenzo di Beauvais nel suo _Speculum historiale_ e molto letta nel
medio evo. Questa cronaca va fino al 1204, ed è notevole perchè offre
già a quell'epoca qualche dettaglio intorno alle maraviglie virgiliane,
non menzionato da quelli che ne scrissero prima. Oltre alla mosca di
bronzo, ai bagni, al macello, al giardino, nel quale, egli aggiunge,
non piove mai, Elinando attribuisce a Virgilio un campanile che, quando
si suonavan le campane, si muoveva a tempo con queste[114] e parla
anch'egli, come Neckam, della _Salvatio Romae_. Le notizie che abbiamo
intorno ad Elinando[115] e la natura stessa di qualcuna delle leggende
da lui riferite non ci autorizzano a credere ch'ei fosse mai a Napoli.
In lui come in Neckam ritroviamo i segni delle alterazioni subite dalla
leggenda fuori del suo paese nativo. Non è poi da lasciar passare
inosservato che Elinando prima d'esser monaco fu trovero illustre
nel gran mondo d'allora, a cui molto piacquero le sue canzoni. Egli
stesso, parlando di quel tempo, dice, deplorandolo[116], che ei menò
allora ben lieta vita, nè v'era luogo di pubblico convegno, non festa o
divertimento in cui non si facesse udire la sua voce. Forse per questo
avviene che in tutta la parte della sua cronaca relativa ai suoi tempi,
invece di raccontar fatti, egli narri ogni sorta di fantasticherie,
come sogni, visioni, apparizioni, prodigi e leggende, le virgiliane fra
le altre, nelle quali ben si riconosce l'antico trovero e che nondimeno
furono diligentemente riferite da Vincenzo di Beauvais e da Alberico di
Trois-Fontaines.

Certamente dai poeti popolari o colti della Francia appresero a
conoscere Virgilio, come mago, i poeti imitatori di essi in Germania.
Wolframo di Eschenbach nel suo _Parzival_, scritto fra il 1203 e il
1215, e tratto appunto da sorgenti francesi[117], fa discendere da
Virgilio il mago Klinschor, nato, dic'egli, in Terra di Lavoro, e
poi altri poeti tedeschi di quella scuola parlano di Virgilio nello
stesso senso durante tutto il XIII secolo. Tali sono Boppo, Frauenlob,
Rumeland, l'autore del _Reinfrit von Braunschweig_ ecc.[118].
Così mentre da un lato giullari, menestrelli e poeti d'ogni sorta
propagavano oralmente e per iscritto le leggende virgiliane, dall'altro
grande notorietà era loro procacciata nel mondo letterario dal
trovarsi consegnate in repertori e opere di erudizione, molto lette e
consultate, come erano quelle di Gervasio, Neckam, Elinando, Vincenzo
di Beauvais ecc.



CAPITOLO V.


Se ben si considerino le condizioni del mondo letterario del medio evo
si troverà facilmente che il Virgilio leggendario, quale era uscito da
Napoli, presentava un'anomalia da non poter sussistere a lungo, come
quella che non permetteva alla leggenda di adattarsi a tutta intera
la cerchia d'idee colla quale il nome del poeta trovavasi congiunto.
Infatti, come i lettori han potuto notare, fin qui la leggenda, nata
com'era a Napoli ed espressione di ricordi e di sentimenti napoletani,
non poneva Virgilio in rapporto con altra città che con Napoli. Ciò
non poteva durare allorchè essa fu uscita da quella città. Dinanzi alla
tradizione letteraria i rapporti del poeta con Napoli non presentavano
che un dettaglio affatto secondario della sua biografia. Virgilio era
uno dei più eminenti personaggi dell'antico mondo latino, e il suo nome
anche nella leggenda non poteva rimanere del tutto segregato dal gran
centro di quello. Roma e Virgilio rappresentavano una grandezza tale e
talmente omogenea, che questi due nomi dovevano per necessità attrarsi
reciprocamente, ogniqualvolta s'incontrassero in uno stesso ambiente
d'idee, e il Virgilio leggendario non poteva esistere indipendentemente
dalla Roma leggendaria. Come pensare che delle arti sue egli tanto
avesse usato in pro di Napoli e non avesse fatto nulla per Roma, Roma
_aurea_, Roma _caput mundi_, egli che con un poema immortale ne avea
immortalato le origini? La lacuna che da questo lato presentavano
le leggende napoletane doveva esser colmata, e lo fu appena quelle
cominciarono a diffondersi in Europa. Infatti in Alessandro Neckam e in
Elinando troviamo già alle leggende napoletane aggiunta una leggenda
romana. Grande lavoro di fantasia non si richiedeva, poichè, come a
Napoli abbiam veduto che la credenza in quelle tali opere maravigliose
ebbe luogo anche indipendentemente dal nome di Virgilio, e che il
popolo napoletano non fece che applicare ad esse questo nome, così
esistevano da lungo tempo racconti di un ordine presso a poco simile,
relativi a Roma, e ci volle poco ad unire a questi il nome di Virgilio
dopo l'esempio napoletano. La differenza sta per noi, in questo, che
le leggende di Napoli divennero virgiliane in Napoli stessa e per
opera del popolo napoletano, mentre quelle relative a Roma divennero
virgiliane fuori di quella città, per opera degli scrittori e dei
poeti, ed in ogni caso, in conseguenza delle napoletane.

Alessandro Neckam racconta che Virgilio costruì a Roma un bel palazzo
nel quale erano statue rappresentanti i varii paesi soggetti al popolo
romano, ciascuna delle quali avea un campanello in mano. Tosto che una
qualche provincia pensasse a tendere insidie alla maestà dell'impero,
la statua che la rappresentava facea suonare il campanello. Allora un
guerriero di bronzo che trovavasi in vetta a quel palazzo, brandita la
lancia, rivolgevasi dalla parte di quella provincia, e così avvertiti,
i Romani inviavano truppe a reprimere i moti sediziosi e a punirne gli
autori. Notiamo che lo stesso Neckam che qui attribuisce a Virgilio
quella maraviglia, non mentova punto il nome di lui parlando di essa
nel suo poema _De laudibus divinae sapientiae_[119], nel quale riassume
il suo libro _De naturis rerum_. Con alcune varianti di poca entità,
ma che mostrano non avere egli tolto questo racconto da Neckam, narra
le stesse cose Elinando. Neppur egli è ancora ben sicuro che Virgilio
sia autore di quell'opera, ma tempera l'asserto aggiungendo «creditur a
quibusdam.»

Che il popolo romano nell'ignoranza in cui il clero e i barbari
l'avean gittato nel medio evo, non sapesse più rendersi ragione dei
monumenti che ancora rimanevano in Roma, e che ad essi applicasse molte
leggende, è cosa tanto più facile a indovinarsi, che non ne mancano
esempi fra le plebi neppure in epoche colte. L'ammasso di memorie che
si era accumulato su Roma era talmente imponente, che il sapere il
vero nome e scopo di ciascun monumento avrebbe richiesto cognizioni
storiche superiori a quelle che possono aspettarsi dal popolo di una
città qualsivoglia. Il sentimento d'essere romani e nobili figli d'un
gran popolo non mancava, e la grandiosità dei monumenti superstiti lo
manteneva, ma la memoria dei fatti speciali non poteva esistere che in
qualche nome o in qualche leggenda. Quella grandezza però piuttostochè
fra i Romani doveva far nascere molte leggende fra gli stranieri, che
arrivando a Roma con quella freschezza d'animo che è propria dei popoli
di recente inciviliti, e ignari affatto delle maraviglie che è capace
di produrre una potenza ed una civiltà come fu la romana, rimanevano
attoniti dinanzi ai residui sempre imponenti e maestosi dell'abbattuto
colosso. Tornati alle loro case descrivevano quel che avean veduto,
esagerando; chi ripeteva esagerava anch'egli, e così la leggenda si
formava.

In molti racconti che ci rimangono, per lo più riferiti da scrittori
stranieri, noi possiamo scorgere il prodotto di forti impressioni,
elaborato dalla fantasia di chi era assente dai luoghi a cui le
leggende si riferivano. Molto più semplici e meno fantastiche le
leggende romane si riferivano a qualche monumento realmente esistente,
che nella leggenda rimaneva tale qual'era, solo cambiando di nome
e di scopo. Così la presenza di una nave votiva, accordata colle
favole relative ad Enea, facea vedere in quella la barca con cui
Enea avea approdato in Italia[120]. Il racconto di Traiano e della
vedova, immortalato da Dante, esisteva già prima d'esser riferito a
Traiano[121]. Probabilmente però un bassorilievo d'arco trionfale
rappresentante quell'imperatore trionfante a cavallo, e dinanzi a
lui la provincia sottomessa, in sembianza di donna in ginocchio,
fece attribuir quel racconto a Traiano. Nell'opera che abbiam veduto
attribuita da Neckam ed Elinando a Virgilio, ben nota nel medio
evo sotto il titolo di _Salvatio Romae_[122], in versioni diverse
che non istaremo ad esaminare, noi troviamo uno strano miscuglio di
reminiscenze confuse del Pantheon, del Colosseo, e del Campidoglio, e
delle statue delle varie nazioni che adornavano il teatro di Pompeo,
dalle quali, nei momenti del rimorso, Nerone, credea vedersi aggredito;
il tutto cementato con una idea superstiziosa sul modo come la
vigilanza necessaria, in sì vasto impero, potesse esercitarsi. Questa
leggenda, certamente nata fuori d'Italia, fu comunissima nel medio
evo e narrata senza il nome di Virgilio assai prima che a questi fosse
attribuita. Essa incomincia col riferirsi al Campidoglio e per essa il
Campidoglio figura fra le sette maraviglie del mondo presso il greco
Cosma nell'VIII secolo[123] e presso altri scrittori; il che m'induce a
credere che il primo motivo di questa leggenda stia nel noto racconto
delle oche del tempio di Giove, che dovette accompagnare la celebrità
del Campidoglio e da Bizanzio divulgarsi in Oriente. Mi conferma in
questa idea il trovare una reminiscenza di questo racconto in alcune
leggende arabe, fra le quali per una notevole coincidenza ricorre,
senza troppo essenziali modificazioni, l'idea della _Salvatio Romae_
applicata all'Egitto, e quella altresì dello specchio maraviglioso di
cui or ora dovremo parlare[124]. Più tardi essa è riferita da taluni al
Pantheon[125] e da altri anche al Colosseo. Oltre a Cosma, uno scritto
dell'VIII secolo attribuito al venerabile Beda l'annovera anch'esso
fra le sette maraviglie del mondo[126]; se ne parla pure in un ms. di
Wessobrunn parimente del secolo VIII[127]; nel X ne fa parola l'anonimo
Salernitano[128] e poi un ms. vaticano nell'XI[129]. Ne parla pure
quella guida di pellegrini nota sotto il titolo di _Mirabilia urbis
Romae_[130], che subì varii cambiamenti in varie epoche, ma che certo
era già conosciuta e adoperata nel XII secolo[131], e ne parla pure
Iacopo da Voragine[132] nel XIII secolo, il quale, come molti altri,
l'attribuisce ad arte diabolica[133]. Tutti questi ed anche altri
posteriori parlano di quella maraviglia senza attribuirla a Virgilio,
quantunque altri dopo Neckam ed Elinando a lui l'attribuissero[134].
Nell'applicare però questa leggenda a Virgilio, si volle unirla al
suo nome con una specie di legame che è appunto l'ultima parte del
racconto, nella quale il poeta riprende la sua figura ben nota nella
tradizione letteraria del medio evo, di profeta di Cristo. Ma di ciò
parleremo in altro capitolo. Per ispiegare come una così bella cosa non
si vedesse più, l'anonimo Salernitano scriveva che quelle statue furono
recate a Bizanzio e che ivi Alessandro imperatore († 915) per trattarle
coi riguardi che meritavano, le vestì con abiti di seta; ma in seguito
di ciò San Pietro apparve a lui di notte gridandogli crucciato: «Sono
io il Principe de' Romani!» e il giorno dopo l'imperatore morì.

Tale è il primo rapporto in cui veggasi posto Virgilio con Roma
dalla leggenda. Quantunque sappiamo che Virgilio possedeva una casa
sull'Esquilino[135], pure dalle notizie che ci dà la sua biografia non
pare che ei risiedesse abitualmente in quella città[136], e quand'anche
vi avesse dimorato a lungo, non avrebbe potuto lasciarvi le memorie
che lasciò a Napoli. Il popolo che abitava la capitale del più grande
impero che sia mai esistito, avvezzo com'era a grandezze d'ogni sorta,
non poteva ricevere grandi e durature impressioni dalla personalità di
Virgilio, quantunque sapesse distinguerla ed apprezzarla in mezzo ad
una folla di grandi d'ogni specie. Quindi se in Roma troveremo qualche
monumento a cui si connetta il nome di Virgilio, troveremo ancora
che ciò non avvenne per una tradizione qualsivoglia relativa al poeta
serbata dal popolo romano, ma bensì ebbe luogo in epoca assai recente,
per un riflesso delle leggende virgiliane nate altrove, mescolate colle
leggende relative a quella città, e in questa portate dal di fuori.



CAPITOLO VI.


Nel secolo decimoterzo, essendosi pienamente diffusa in Europa la
leggenda virgiliana, noi la troviamo ben nutrita ed assai accresciuta
in opere volgari in versi, particolarmente in alcuni poemi francesi
che furono molto letti. Tali sono l'_Image du Monde_, specie di
enciclopedia[137], scritta nel 1245, e attribuita, senza buon
fondamento, a Gualtiero di Metz, il _Roman des sept Sages_[138]
scritto in versi e in prosa, tradotto in molte lingue e uno dei libri
più popolari d'Europa, ed il romanzo in versi intitolato _Cleomadès_
scritto da Adénès nell'ultimo scorcio del XIII secolo[139].

Nel 1319 trovasi la leggenda di Virgilio introdotta anche nel _Renart
contrefait_, tuttora inedito[140] e nello stesso secolo XIV alcune
leggende virgiliane, o comunque rese tali, furono introdotte in alcune
raccolte di racconti e d'aneddoti fatte particolarmente per uso degli
asceti, dei moralisti e dei predicatori, perchè se ne servissero,
secondo l'uso che era invalso, interpretandole allegoricamente
per edificazione de' fedeli. Tali sono alcune redazioni del _Gesta
Romanorum_[141], e proveniente da questo il _Violier des histoires
romaines_[142]. Al XIII secolo appartiene la Cronaca universale scritta
in versi tedeschi di Gianni Enenkel cittadino di Vienna (1250) nella
quale trovansi riuniti parecchi racconti virgiliani[143].

In queste versioni, come doveva essere, Roma era il principal campo
dell'attività di Virgilio. Le leggende napoletane rimanevano, talvolta
però trasportate a Roma e variate, e le leggende romane aumentavano.
La leggenda del _Castel dell'Ovo_ avea preso proporzioni formidabili;
non si trattava più di un semplice talismano serbato in quel castello,
ma si trattava, secondo l'_Image du Monde_, nientemeno che di tutta la
città posta in bilico su di un uovo, in modo che se l'uovo si muoveva
la città crollava tutta:

    «Que quant aucuns l'uef remuait
    Toute la cité en crolait.»

Il _Cleomadès_ invece dice che eran due castelli in mare, fondati
ciascuno su di un uovo, e che una volta vi fu chi si volle provare a
rompere uno di quegli uovi, e tosto un castello andò giù; rimase però
l'altro, che è ancora visibile _sul suo uovo_ a Napoli:

    «Encor est là l'autres chastiaus
    Qui en mer siet et bons et biaus:
    Si est li oes, c'est vérités,
    Seur quoi li chastiaus est fondés.»

L'idea della _Salvatio Romae_ fu ravvicinata ad una vecchia idea nota
già anche fra gli orientali, che cioè ci fosse modo di fare degli
specchi nei quali si potesse vedere tutto quello che avveniva a grandi
distanze. Uno di questi specchi si diceva esistesse in cima al faro
d'Alessandria, postovi, secondo Beniamin di Tudela[144], da Alessandro,
e con esso si poteva vedere fino alla distanza di più di 500 parasanghe
tutti i bastimenti da guerra che venissero contro l'Egitto[145]. La
_Salvatio Romae_ si cambiò in uno specchio consimile che a Virgilio
si trova attribuito nel _Roman des sept Sages_, nel _Cleomadés_ e nel
_Renart contrefait_[146]. Ma disgraziatamente, come ogni cosa mortale,
lo specchio maraviglioso doveva finire anch'esso, e il _Roman des sept
Sages_ ci dice come finì. Un re straniero, ungherese, cartaginese,
tedesco, pugliese, secondo le varie versioni, non potendo soffrire
d'essere tenuto così in soggezione dai Romani accettò l'offerta
che tre cavalieri gli fecero di abbattere quello specchio. Venuti
a Roma costoro, sotterrarono oro in più luoghi e si spacciarono per
«trovatori di tesori.» L'imperatore avido di ricchezze, volle provare
il loro sapere, e fecero bella figura trovando l'oro che avean messo
essi stessi sotterra. Quando videro l'imperatore bene invogliato,
dissero che un gran tesoro doveva trovarsi sotto il pilastro dello
specchio, e subito furono incaricati di cercarlo. Dopo aver disfatto il
piedistallo, posero sotto lo specchio puntelli di legno ai quali poi di
notte diedero fuoco e fuggirono. Così lo specchio cadde in mille pezzi.
Il popolo romano indignato per la perdita di una cosa tanto preziosa,
onde punire l'avidità dell'imperatore lo condannò a ingoiare oro fuso.
— Questo racconto, di cui la fine rammenta un aneddoto ben noto della
storia romana, esisteva indipendentemente da Virgilio e dallo specchio
maraviglioso. Lo ritroviamo nel _Pecorone_, nella novella che porta
il titolo seguente: «Chello et Ianni di Velletri si fingono indovini
per vituperare il comune di Roma. Sono ricevuti alla corte di Crasso,
per cui scavano certi danari che avean nascosi in diversi luoghi. Gli
dicono poi che sotto la torre detta del Tribuno v'è un gran tesoro.
Crasso la fa mettere in puntelli ed essi vi appiccano il fuoco. Intanto
si dilungano da Roma, e la mattina cade la torre con grande uccisione
di Romani.»[147] Virgilio e lo specchio maraviglioso non hanno luogo in
questa versione, nella quale trattasi soltanto di un monumento, detto
la _Torre del Tribuno_, in cui «erano intagliati dal lato di fuori,
di metallo, tutti coloro che ebbero mai triumfo o fama, et era tenuta
questa torre la più degna cosa che avesse Roma.» Questa novella è in
rapporto assai stretto con un curioso racconto riferito da Flaminio
Vacca[148], archeologo del XVI secolo, il quale attribuisce la cosa ai
Goti.

Divenuto che fu Virgilio mago per bene, non solo si attribuirono a
lui parecchie maraviglie che si raccontavano di Roma, ma gli furono
applicati ancora racconti già riferiti ad uomini a cui toccò la
stessa sorte. Uno di questi, com'è notissimo, era il papa Silvestro
II, o Gerberto, che colla rinomanza di magia pagò il torto che ebbe
di occuparsi di meccanica e di matematica in un tempo in cui ciò in
un ecclesiastico, e più in un papa, pareva uno scandalo. Fu tanto più
facile confondere la leggenda sua colla virgiliana, che molti degli
scrittori notissimi che riferivano questa, riferivano anche l'altra;
tali sono, per esempio, Gervasio di Tilbury, Elinando e quindi Vincenzo
di Beauvais, Alberigo ecc. Un esempio di questa confusione l'abbiamo
nei poemi che ho già citati.

Leggesi nel _Mirabilia_, che dov'è la chiesa di Santa Balbina in
Roma fu il _mutatorium Caesaris_ e che ivi fu un candelabro fatto
della pietra chiamata _asbestos_, il quale una volta acceso e posto
all'aria, non poteva essere spento in alcun modo, secondo dice
etimologicamente quel vocabolo greco. Questa leggenda è applicata a
Virgilio nell'_Image du monde_, colla sola differenza che il candelabro
è cambiato in due ceri ed una lampada inestinguibile. Nel _Cleomadés_
e nei _Sette Savi_[149] però esso è mutato in un fuoco sempre ardente,
dinanzi al quale trovavasi la statua d'un arciere pronto a scoccare
la freccia contro di esso, e questo arciere portava una scritta in
ebraico che diceva: _Se alcun mi tocca, io ferirò_. Uno sfaccendato
che probabilmente non sapeva l'ebraico, toccò un giorno la statua,
la freccia scoccò, il fuoco si estinse, nè mai più d'allora in poi si
riaccese. Questa leggenda che qui è applicata a Virgilio[150] avea già
servito per Gerberto. A proposito di costui dicevasi che nel Campo di
Marte a Roma era una statua la quale teneva teso l'indice della mano
destra e portava scritto in fronte: _hic percute_. Nessuno avea saputo
capire il senso di questa iscrizione, ma Gerberto l'indovinò. Quando il
sole trovavasi allo zenit della testa della statua, egli osservò dove
cadeva l'ombra dell'indice, e, segnato il luogo, di notte andò con un
servo a farvi scongiuri, e la terra spalancandosi diedegli adito ad
un sotterraneo pieno d'ogni sorta di tesori. In questo era una sala
nella quale di sopra a uno scudo raggiava un carbonchio, profondendo
una luce maravigliosa. Una quantità di cavalieri tutti d'oro erano
schierati nei portici all'intorno, e rimpetto al carbonchio era un
fanciullo coll'arco teso. Appena si toccasse qualcosa di questi tesori,
tosto i cavalieri facean risuonare le armi. Il famiglio che avea menato
seco Gerberto, non resistendo alla voglia di portar via qualcuna delle
tante belle cose che vedeva, tolto un piccolo coltellino lo intascò.
Allora subito dall'arco del fanciullo scoccò il dardo, si spense il
carbonchio, e se vollero uscire, convenne riporre il coltellino al
posto[151]. — La prima parte di questo racconto, cioè il fatto della
statua e del tesoro, trovasi anch'essa attribuita a Virgilio, con
qualche variante, da Ians Enenkel[152]. Altri testi però riferiscono
tutto il racconto, senza attribuirlo nè a Gerberto nè a Virgilio, ma ad
un clericus qualsivoglia[153]. Notiamo per ultimo che questa leggenda
non è che una variante del racconto di Zobeide nelle _Mille ed una
notte_[154].

Nella stessa maniera, come si disse che Gerberto fece una testa che
parlava[155] e prediceva l'avvenire, e che la sua morte accadde appunto
per non aver egli bene inteso una predizione di essa[156]; un fatto
simile raccontano intorno a Virgilio l'_Image du monde_ e il _Renart
contrefait_[157]. Un giorno che egli consultava quella testa per un
viaggio che avea da fare, essa gli rispose che se ben custodisse la
_sua testa_ non gliene verrebbe che bene. Egli credette si trattasse
della testa profetica, ma postosi in viaggio, senza troppo guardarsi
dal sole, una infiammazione di cervello il tolse di vita. E qui abbiamo
un fatto da unirsi ai molti altri che provano come l'applicazione di
queste leggende a Virgilio avesse luogo, piuttostochè fra le plebi
illetterate, fra la gente più o meno colta. E veramente che Virgilio
morisse di malattia prodotta in viaggio dal calor del sole[158] è
fatto storico narrato nella principale biografia del poeta. Di esso
non sa nulla la leggenda napoletana, che è tutta d'origine sicuramente
popolare nel senso odierno della parola.

Molti racconti puerili ho dovuto narrare fin qui, tediosi certamente
pel lettore, al quale debbo chiedere scusa se non ho saputo
presentarglieli in modo da diminuirgli la noia. Tanto più poi ho
bisogno della sua indulgenza che, quantunque arrivato assai innanzi,
non posso annunziargli di aver finito. Per quanto possa riuscir gravoso
a lui ed a me l'andare anatomizzando queste fantasticherie, oso sperare
che il frutto che se ne trae per la spiegazione di un fenomeno pur
singolarissimo, conforterà lui, come me, a proseguire.



CAPITOLO VII.


All'epoca a cui appartengono tutte queste leggende della magia
virgiliana erasi resa popolare l'idea che la Sibilla avesse profetato
la venuta di Cristo. Questa idea nata dapprima fra gli apologeti,
divulgatasi fra i padri e gli scrittori ecclesiastici, erasi fissata in
un modo stabile nel medio evo: uscita dalla letteratura teologica era
giunta a far parte delle nozioni volgari e comuni che accompagnavano
l'idea religiosa, e dal XII secolo in poi la troviamo molto familiare
così ai laici come ai chierici. Frequente è quindi la menzione della
Sibilla anche nelle lettere volgari e romantiche come frequente è quel
personaggio nelle rappresentanze artistiche fino al XVI secolo[159].
Era una di quelle idee più accessibili a tutti, desunte dalla parte
più trita della dottrina cristiana elaborata dai teologi medievali, con
cui la fede affermava sè stessa e su di cui intendeva essere saldamente
appoggiata; ognuno intendeva bene che cosa volesse dire nel notissimo
canto sacro del poeta francescano «teste David cum Sibylla»[160].
Questa grande notorietà data alla Sibilla o alle Sibille che si voglia
dire, era opera della chiesa e risultava dai suoi modi di comunicare
coi fedeli e di porgere ad essi la dottrina religiosa. Singolarmente
l'ammaestramento religioso, la predicazione ed anche quel prodotto
posto di mezzo fra le cerimonie liturgiche e la poesia popolare che
sono le rappresentazioni sacre o Misteri, erano potenti mezzi per la
diffusione di conoscenze e vedute siffatte. Quel drammatizzare credenze
religiose fatto in modo ingenuo, intieramente popolare e scevro da ogni
pretensione letteraria, era istrumento di popolarità che per la natura
sua speciale, e i rapporti che ha colle origini e la storia del teatro
moderno, contribuiva notevolmente ad introdurre quelle idee nelle nuove
letterature che andavansi svolgendo.

Noi vedemmo già come e quanto il nome di Virgilio andasse unito, in
quest'ordine d'idee, a quello della Sibilla, e quanto familiare fosse
ai chierici del medio evo la quarta ecloga pel vaticinio sibillino
che riferivano a Cristo. Virgilio seguì le sorti di questo personaggio
nel suo farsi popolare, tanto più facilmente che anche, per altra via,
era divenuto popolare egli stesso[161]. Nelle prediche, singolarmente
in quelle del Natale, v'era occasione di rammentarne il nome con
quello della Sibilla; nell'arte cristiana di soggetto sacro spesso
dov'era rappresentata la Sibilla lo era anche Virgilio, o almeno
venivano segnate le note parole della quarta ecloga[162]; ed in più
di un Mistero fra gli altri personaggi aveano luogo anche Virgilio
e la Sibilla[163]. Già nell'XI secolo nel noto Mistero latino della
Natività che rappresentavasi nell'abbazia di S. Marziale a Limoges avea
parte Virgilio fra gli altri profeti di Cristo[164]; e similmente in
quello che recitavasi a Reims[165]. Dopo Mosè, Isaia, Geremia, Daniele,
Habacuc, David, Simeone, Elisabetta, Giovanni Battista, il _Procentor_
chiamava Virgilio dicendogli:

    «Vates Maro gentilium
    Da Christo testimonium»

e Virgilio facevasi innanzi in aspetto e in abito di giovane uomo, e
diceva:

    «Ecce polo, demissa solo, nova progenies est.»

Poi a render ciascuno la sua testimonianza venivan chiamati
Nabuchodonosor e la Sibilla; dopo di che il _Procentor_ rivolgevasi ai
Giudei dicendo:

    «Iudaea incredula
    Cur manes adhuc, inverecunda?»

Simile ufficio ha Virgilio nel Mistero delle Vergini folli[166], ed in
altri Misteri scritti anche in lingue volgari, in tedesco, in olandese
ecc.[167] In una grande composizione drammatica di Arnoldo Immessen
(XV sec), per una singolare inversione di parti, la Sibilla Cumea cita
Virgilio come sua autorità[168].

Non sempre però nei Misteri ha luogo Virgilio; talvolta la Sibilla è
sola a rappresentare i profeti gentili. In un Mistero latino del Natale
la Sibilla conosce la venuta di Cristo dalla stella che guidò i re
magi[169]. Questa stella secondo un antico poeta spagnuolo fu anche
veduta da Virgilio[170].

In ordine a questa idea divenuta popolare e penetrata nel romantismo
ha luogo una produzione leggendaria che, passando per varie forme,
arriva a combinarsi colla leggenda del Virgilio mago. Già alle presunte
disposizioni di Virgilio pel cristianesimo si riferiscono i versi
latini che cantavansi a Mantova, da noi già citati[171], i quali
parlano della visita di S. Paolo al sepolcro del poeta secondo una
leggenda che non è esclusivamente mantovana, e trovasi più estesamente
narrata nella _Image du monde_[172]. San Paolo (così dice questa
leggenda), ch'era uomo di molta dottrina, allorchè venne a Roma,
trovò che di fresco era morto Virgilio, e ne fu dolente; tanto più se
ne addolorò quando nei libri del poeta trovò quei versi che sì bene
applicavansi alla venuta del Salvatore. Vide ch'era un'anima disposta
a diventar cristiana, e deplorò non essere arrivato a tempo per farla
tale:

    «Ah! se ge t'éusse trouvé
    Que ge t'éusse à Dieu donné!»

come appunto dicono i versi latini. Prese tanto interesse pel morto
poeta che arrivò a scoprire un luogo sotterraneo in cui trovavasi
riposto. La via per arrivarvi era terribile; soffiava un vento
impetuoso, e si udivano tuoni spaventevoli. L'apostolo potè vedere
Virgilio assiso fra due ceri ardenti, tutto attorniato da libri gittati
in terra alla rinfusa; alla volta era appesa una lampada, e dinanzi a
Virgilio stava ritto in piedi un arciere che coll'arco teso la teneva
di mira. Questo si vedeva dal di fuori, ma entrare era difficile,
chè all'ingresso stavano due uomini di bronzo i quali con martelli
d'acciaio facevano dinanzi alla porta un tal continuo martellare che
guai a chi si attentasse a valicare la soglia. Tanto fece l'apostolo
che riuscì a far cessare l'opera di quei martellatori; ma allora
l'arciere scoccò la saetta contro la lampada e tutto cadde in polvere.
San Paolo che avrebbe voluto prendere i libri del poeta, dovè tornare
colle mani vuote.

Fra le leggende relative ai miracoli che precedettero immediatamente
la venuta di Cristo e la fecero presentire ai pagani, celebre è quella
che concerne la chiesa di S. Maria in _Ara coeli_ di Roma. Augusto,
secondo questa leggenda, fece venire a sè un giorno la Sibilla per
interrogarla sugli onori divini che a lui aveva decretati il senato.
La Sibilla risposegli che dal cielo verrebbe il re il quale regnerebbe
in eterno; e tosto si aprirono i cieli ed Augusto vide una vergine di
maravigliosa bellezza seduta su di un altare con un bambino in braccio,
e udì una voce che disse, «questo è l'altare del figlio di Dio.»
L'imperatore si prostrò pregando, e poscia rivelò la visione al senato.
Là dove la visione ebbe luogo, sul Campidoglio, fu poi edificata quella
chiesa che anche oggi porta il nome di S. Maria in _Ara coeli_. Questa
leggenda trovasi già fino dall'VIII secolo in scrittori bizantini;
poi fu introdotta nella _Leggenda aurea_, nel _Gesta romanorum_, nel
_Mirabilia_ e in altri libri molto letti che la resero notissima[173].
L'arte la rappresentò più volte, e frequentemente se ne trova menzione
negli scrittori dal XII secolo in poi. Petrarca ne parla anch'egli in
una sua lettera[174]. Il _Mirabilia_ che riferisce questa leggenda, ne
riferisce un'altra di simile significato e che trovasi pure in altri
scritti dell'epoca[175]. Nel suo palazzo, ov'erano i tempi della Pietà
e della Concordia, Romolo pose una statua d'oro, dicendo: «non cadrà
finchè una vergine non partorisca»; e Cristo nacque e la statua cadde
a terra[176]. Altri riferisce questo fatto al tempio di Pallade, altri
a quello della Pace, che sarebbero caduti quando nacque Cristo; altri
finalmente riferisce il fatto alla _Salvatio Romae_ e la predizione
di esso a Virgilio. Così Alessandro Neckam, dopo aver parlato della
_Salvatio Romae_, soggiunge: «Allorchè veniva interrogato il glorioso
poeta fino a quando gli Dei conserverebbero quel nobile edificio,
soleva rispondere: rimarrà in piedi finchè una vergine non partorisca.
Nell'udir ciò applaudivano e dicevano: dunque rimarrà in eterno. Quando
però nacque il Salvatore dicesi che quel mirabile palagio rovinasse
immantinente[177]. Così la leggenda, coll'introdurvisi del nome di
Virgilio, perde il suo significato primitivo. La parola di Romolo è
un vanto che poi il fatto fece riescir vano; la parola di Virgilio,
dato il rapporto in cui era questo poeta con la Sibilla nella idea
leggendaria, e il suo posto fra i profeti di Cristo, ha valore di
profezia.

Uno sviluppo di questa leggenda, divenuta virgiliana, trovasi in
un poema francese inedito, di cui esiste un esemplare MS. nella
biblioteca di Torino[178]. È una strana rapsodia di più poemi,
due dei quali già noti, che sono il poema di _Vespasiano_ o della
_Vendetta di Gesù contro gli Ebrei_, e la _Gesta dei Lorenesi_[179].
Per congiungere questi due poemi viene intercalato un terzo poema
che serve d'introduzione all'ultimo e narra i fatti di S. Severino,
congiunto genealogicamente con Vespasiano da un lato, con Hervis
e Garin di Lorena dall'altro. Ma il rapsodo non si è contentato di
questo. Nel romanzo di Vespasiano essendo narrata la vendetta della
morte di Cristo, egli ha voluto premettere anche gli antecedenti di
questo fatto, ed ha quindi aggiunto tutto un lungo poema, che comincia
colla creazione del mondo, narra tutti i fatti dell'antico e del nuovo
testamento e finisce colla morte di Cristo. Non ha creduto però dover
esporre direttamente, come desunta dalla Bibbia, ed in proprio nome, la
storia sacra. Ha inventato invece un racconto fondamentale fantastico,
con cui, prendendo per base la leggenda di cui sopra abbiamo parlato,
fa sì che Virgilio sia appunto il narratore di tutta quella lunga
storia. L'unico manoscritto a me noto manca del principio; però quel
che rimane di questa parte basta a farci capire di che cosa si tratta.
Invece del buon Ottaviano o di Romolo, abbiamo qui un _Noirons li
arabis_, un tristo imperatore, rispondente all'ideale di Nerone che
troviamo nelle leggende medievali, adoratore del diavolo e di Maometto,
personaggio intieramente fantastico, il quale edifica in onore de'
suoi Dei un palagio votivo tutto ricco e splendente d'oro e di gemme;
poi fa venire a sè Virgilio, e gli domanda: «tu che tutto sai, dimmi
quanto durerà il mio palagio!» — Virgilio risponde: «durerà finchè una
vergine non partorisca.» — «Dunque durerà in eterno, chè quel che tu
dici non sarà mai.» — «Eppure un giorno sarà» soggiunge Virgilio. E
infatti trent'anni dopo nasce Cristo e il palazzo di Nerone rovina.
Grande ira di Nerone che fa chiamare Virgilio, e: «dunque, dice, tu
sapevi che questa vergine partorirebbe; perchè non me l'hai detto?»
E Virgilio entra a parlargli della nuova fede e ne nasce un alterco:
chè Nerone di questa non vuol saperne. Infine l'imperatore stabilisce
che abbia luogo una disfida fra di loro; quello dei due che vincerà
taglierà la testa all'altro. Virgilio accetta, ma desidera, prima di
scendere nell'arringo, dare una corsa a casa sua a vedere la sua gente
e Ippocrate e i sapienti amici e parenti suoi. E va, e li riunisce
tutti ed espone loro il suo caso. Ippocrate si dà a cercare ne' suoi
libri e trova tutto quanto concerne la venuta di Gesù; comunica il
tutto a Virgilio, il quale, fornito di questa invincibile armatura,
parte sicuro del fatto suo. Nerone s'accorge che il suo avversario
porta seco armi troppo poderose, prevede la propria fine, e dichiara
a Virgilio l'essere proprio. Gli narra l'antica storia di _Lucibello_
o di _Lucifero_ e degli angeli ribelli cambiati in demoni: dice che
egli è uno di questi; parla della loro missione sulla terra, della
edificazione di Babilonia e di altre simili cose. Virgilio gli risponde
ponendosi di piè fermo a narrare tutta la storia sacra, cominciando
dalla creazione del mondo. Qui il rapsodo arrivato al suo scopo,
sciorina giù un profluvio di versi a migliaia, perdendo affatto di
vista Virgilio, e dimenticando anche alla fine di dirci come terminò la
sfida fra Nerone e Virgilio; v'ha però in fondo una scena finale che
ha luogo in inferno, nella quale parlano Nerone e Maometto, e da cui
si desume che Nerone fu decapitato da Virgilio. — Questo poema, anche
nella forma, è una delle più goffe cose che si possano immaginare.

Pel rapporto leggendario di Virgilio col Cristianesimo si connette
con questa fantasticheria del trovero francese quella di un tedesco
quasi contemporaneo, l'autore del _Reinfrit von Braunschweig_[180],
col quale si accorda in ciò anche chi scrisse la _Tenzone poetica di
Wartburgo_ (Wartburgkrieg)[181]. Ecco la leggenda, quale si desume
da queste due composizioni tedesche. Sulla Montagna della Calamita
(_Magnetberg, Agetstein_, di cui è spesso menzione in queste poesie
germaniche medievali)[182] stavasi un gran negromante, principe
babilonese o greco, di nome Zabulon (Diavolo) il quale già avea letto
nelle stelle la venuta del Salvatore 1200 anni prima che questa avesse
luogo, e adoperava tutte le sue arti per impedirla o allontanarla. Egli
fu l'inventore della negromanzia e dell'astrologia e scrisse su tal
materia più libri, sempre con questi mirando allo scopo sopra detto. I
milledugento anni erano già quasi passati, e fra i viventi trovavasi
Virgilio, uomo pieno di virtù, il quale per beneficare altrui erasi
ridotto in grande miseria. Virgilio seppe di questo Zabulon e delle
sue arti e del suo malvolere; e tosto si mise in mare e navigò verso il
Monte della Calamita. Grazie all'aiuto datogli da uno spirito che era
stato racchiuso in forma di mosca in un rubino che ornava un anello,
Virgilio arrivò ad impadronirsi dei libri e dei tesori del mago; e
intanto i milledugento anni si compivano e la Vergine partoriva Gesù.

Così la primitiva idea del Virgilio profeta di Cristo, modificandosi e
passando per fasi diverse, veniva a combinarsi con una delle leggende
relative alla magia virgiliana, quella che narrava come Virgilio fosse
divenuto mago, ossia come si fosse procurato il libro che gli comunicò
la conoscenza di quelle arti[183]. Riconosciamo qui il libro di _ars
notoria_ che, secondo il racconto di Gervasio, era stato trovato da
quel tale inglese nel sepolcro di Virgilio, e che qui diviene il libro
di Zabulon, come presso altri diviene il libro negromantico scritto da
Salomone, il quale com'è noto ha gran parte nella letteratura della
magia. Nella tenzone poetica di Wartburgo parlasi di questo libro
di Zabulon con grande fatica conquistato da Virgilio[184]. — Ma la
leggenda trovasi in altre versioni spoglia di ogni rapporto colla
venuta di Cristo.

Verso la stessa epoca Enenkel nel suo _Weltbuch_ narra in qual
modo Virgilio, questo «figlio dell'inferno»[185] com'ei dice, si
procacciasse le straordinarie sue cognizioni magiche. Mentre un giorno
lavorava in una vigna, approfondò tanto la zappa nella terra che giunse
a scoprire una bottiglia nella quale trovavansi racchiusi 12 diavoli.
La tolse su e si rallegrò del suo trovato. Allora parlò un di quei
diavoli e disse che s'ei li mettesse in libertà gl'insegnerebbero
ogni sorta di arti segrete. «Insegnatemele prima, rispose Virgilio,
e prometto di liberarvi.» E coloro insegnarongli tutta la magia, ed
ei ruppe la bottiglia e li lasciò andar liberi. Enrico da Müglin,
che visse verso la metà del sec. XIV, pose in versi anch'egli questo
fatto in una forma più prossima alla versione del _Reinfrit_, ma senza
parlare neppure egli della venuta di Cristo[186]. Virgilio parte da
Venezia per far fortuna in compagnia di altri, e si mette in mare
alla volta della Montagna della Calamita[187]. Colà trova uno spirito
chiuso in una bottiglia il quale, per prezzo della libertà, gl'insegna
il luogo dov'è riposto, sotto il capo di un morto, un libro di magia.
Virgilio trova infatti quel libro e appena apertolo gli si fa dinanzi
una legione di ottantamila diavoli che si pongono ai suoi comandi e
ch'egli incarica di lastricare una lunga strada. Più tardi, nel secolo
XV, Felice Hemmerlin[188] narra anch'egli come uno spirito ponesse
Virgilio in possesso del libro magico di Salomone, nella speranza di
esser liberato. Virgilio però fattolo uscire dalla bottiglia e vedutolo
prendere grandi proporzioni, pensò non esser bene lasciar libero pel
mondo un galantuomo di quella fatta. Con maniera astuta si fece a
dirgli: «di certo tu ora non potresti rientrare in quella bottiglia.»
Il diavolo affermava che sì e Virgilio negava, finchè, messo sul
punto, il diavolo si rimpiccolì e fecegli vedere che avea detto vero;
ma, ridotto che fu nuovamente nella bottiglia, Virgilio ripose su di
questa il suggello di Salomone e lo lasciò chiuso là dentro per sempre.
Così dal secolo XIII al XV vediamo, in questo fatto dello spirito
imprigionato che pone le sue facoltà soprannaturali ai servigi del suo
liberatore, applicata a Virgilio una leggenda ben nota, di provenienza
rabbinica e maomettana, che non può certamente riuscir nuova ai lettori
i quali devono già in essa aver riconosciuto un racconto che figura
nelle _Mille e una notte_ e serve di base al notissimo _Diavolo zoppo_.
Come a Virgilio, così anche a Paracelso trovasi applicato questo stesso
fatto il quale forma pure soggetto di alcuni racconti tuttora viventi
sulla bocca del popolo[189].

Per tal guisa il concetto della magia virgiliana facevasi pieno ed
intero, diveniva ovvio e volgare in tutti i paesi latini e germanici;
non v'era scrittore di qualsivoglia ordine che non ne sapesse; ricca
di fatti vari e di grande notorietà era quella leggenda, e quindi
tanto più disposta ad aumentare, poichè anche per queste rinomanze
leggendarie vale il proverbio «on ne prète qu'aux riches.» Una
espressione più astratta di quel concetto di Virgilio che risultava
da tutte queste favole trovasi in un curioso libro latino il quale,
quantunque non contenga alcuna leggenda virgiliana, si collega con
queste pel nome che si attribuisce l'autore e la natura delle cose in
esso contenute. È intitolato _Virgilii cordubensis philosophia_[190],
e questo Virgilio cordubense sarebbe stato un filosofo arabo e l'opera
sua, scritta in arabo, sarebbe stata tradotta in latino a Toledo nel
1290[191]. Di certo l'autore non era arabo, e neppure sapeva gran
fatto di cose arabiche, poichè non avrebbe mai potuto pensare che un
filosofo arabo si potesse chiamare Virgilio, e molto meno a dare per
suoi contemporanei a Cordova Seneca, Avicenna, Averroe e Algazel. È
un cerretano qualunque il quale ha voluto darsi autorità, assumendo
il nome di Virgilio e la qualità speciosa di sapiente arabo. Con una
sfacciataggine mirabile ei racconta, in principio del suo scritto,
che tutti i grandi dotti e studiosi che accorrevano da varie parti
a Toledo, nei gravi problemi che discutevano sentirono il bisogno di
rivolgersi a lui, poichè sapevano quanto grande fosse la conoscenza
di ogni segreta ed astrusa cosa da lui acquistata mediante quella
scienza «che, dic'egli, altri chiama negromanzia, noi chiamiamo
_Refulgentia_.» Mandarono a pregarlo che si recasse a Toledo; ma
egli non volle muoversi da Cordova, e invitolli a recarsi da lui, e
vennero. Nel libro adunque vengono riferite le gravi discussioni che
ebbero luogo intorno alla causa prima, al mondo, all'anima umana, e
le importanti comunicazioni che l'autore fece a tutti quei filosofi
su tali materie, secondo le rivelazioni avute dagli spiriti da lui
interrogati in proposito. Di questi spiriti parla pure, come anche
della _ars notoria_, che è scienza santa, di cui solo chi è senza
peccato può sapere; autori di questa furono i buoni angeli i quali la
comunicarono al re Salomone[192]. Questi rinchiuse li spiriti in una
bottiglia, salvo uno che era zoppo il quale riuscì a rimaner fuori
e liberò poi tutti gli altri. Quando Alessandro venne a Gerusalemme,
Aristotele suo maestro, che era allora uomo dappoco e rozzo, riuscì
a sapere dov'erano riposti i libri che Salomone scrisse su quella
scienza, trovò modo d'impadronirsene e così divenne quel grand'uomo
che tutti sanno. — La latinità di quest'opera è tutta piena delle
più goffe sgrammaticature; l'idea filosofica è una mescolanza strana
in cui si riconoscono idee giudaiche e rabbiniche miste a principî
cristiani, fra i quali quello del Dio trino ed uno. Di Virgilio non c'è
propriamente che il nome attribuitosi dall'autore. Però, come vedesi
dalla natura dell'opera, la causa per cui questi assume quel nome sta
nell'ideale del Virgilio mago, appunto come nella prima parte di questo
lavoro abbiamo veduto l'ideale di Virgilio risultante dal rapporto di
questo poeta collo studio grammaticale, condurre il non meno strano
Virgilio grammatico a prendere questo nome. Questa corrispondenza fra i
risultati di due fasi diversissime del nome virgiliano è veramente uno
dei fatti più considerevoli nella storia di questo nome, il quale nelle
sue peripezie, non solo subisce la influenza di più vicissitudini del
pensiero, ma molte di queste riassume in sè tanto profondamente che ne
diviene il simbolo e il rappresentante.

Nulla di quanto l'idea popolare attribuiva al mago, la leggenda lasciò
mancare a Virgilio. Stabilita una volta e completata saldamente questa
sua qualità, e reso volgarmente noto il nucleo leggendario da cui si
desumeva, il resto veniva facilmente da sè. Siccome non c'era buon
mago che non avesse fatto i suoi studi a Toledo, anche Virgilio, come
Gerberto e tanti altri, doveva avere studiato in quella città. «I
chierici, dice Elinando, vanno a Parigi a studiare le arti liberali,
a Bologna i codici, a Salerno i medicamenti, a Toledo i diavoli e in
nessun posto i buoni costumi»[193]. La rinomanza però di Virgilio mago
e la parte che in quella aveva Napoli fece considerare anche Napoli
come sorella di Toledo nel dare origine alla negromanzia[194]. Inoltre
era inevitabile che nel mondo romantico, in cui s'incontravano tanti
altri nomi di maghi, Virgilio si trovasse in rapporto con qualcuno di
questi. Nel _Parzival_ di Wolframo da Eschembach il mago Klinsor è
nativo di Terra di Lavoro, e Virgilio è un suo antenato[195]. Anche
qualche contatto col mago Merlino non mancò[196]. Per tal guisa la
leggenda non era più un semplice catalogo di opere maravigliose alle
quali si univa il nome di Virgilio, ma veniva a contenere una quantità
di fatti particolari che definivano la personalità di questo mago
e offrivano anche gli elementi di una biografia. Già abbiamo veduto
come nella _Image du monde_ e nel _Renart contrefait_ la narrazione
si chiuda colla morte di Virgilio. La persona del poeta trovasi così
descritta nel primo di questi due poemi:

    «Il fu de petite estature
    maigres et corbes par nature,
    et aloit la teste baissant,
    toz jors vers terre resgardant:
    Car coustume est de soutil sage
    c'à terre esgarde par usage.»

Anche nel _Dolopathos_:

    «Virgile de poure estature
    et petite personne estoit;
    com philosophe se vestoit.»

V'ha poi nelle leggende virgiliane una parte che può dirsi sporadica,
come quella che è costituita da racconti ai quali il nome di Virgilio
non trovasi applicato che di rado, nè entrano mai a far parte di
alcuna raccolta di fatti relativi alla magia di Virgilio. Questo nome
viene arbitrariamente introdotto in essi, per associazione d'idee, da
qualche rifacitore o compilatore, senza che la cosa abbia seguito o
si ripeta con qualche stabilità. Questo si ravvisa singolarmente nel
_Gesta Romanorum_, repertorio che ha subìto le più varie vicissitudini.
Certamente ebbe in mente la _Salvatio Romae_ e lo specchio
maraviglioso colui che sostituì il nome di Virgilio a quello di un
magister qualunque in un racconto del _Gesta_ relativo ad una statua
maravigliosa che denunziava tutti i trasgressori della legge[197]. Così
pure allo specchio magico di Virgilio pensò colui che diede questo nome
nel racconto 102 al _clericus_, il quale mostra ad un marito la moglie
e l'adultero che fanno un incantesimo per ucciderlo, e fa in modo che
l'incantesimo uccide invece l'adultero. In simil guisa trovasi il nome
di Virgilio introdotto in altri racconti del _Gesta_, singolarmente
nei testi tedeschi ed inglesi, là dove nelle redazioni più antiche non
c'è[198]; fra gli altri anche in quello del mercante di Venezia. Questa
libertà di fantasia non sorprende, e solo prova quanto familiare fosse
il nome di Virgilio mago ad ogni sorta di narratori. Così gli autori
di narrazioni fantastiche, conoscendo dalla leggenda Virgilio come
fondatore di Napoli facilmente attribuivano a lui edifici e città[199],
singolarmente d'Italia. Nell'Italia meridionale, anche all'infuori
di Napoli, venivano attribuiti a Virgilio taluni edifici, quali, ad
esempio, quelli[200] dell'isola di Ponza non lontana da Gaeta. L'autore
di un poema franco-italiano, tuttora inedito, attribuisce a Virgilio la
fondazione di Brescia[201].

Chiudiamo queste notizie sulla parte sporadica della leggenda
Virgiliana con un racconto poco diffuso, ma pur notevole, che combina
la leggenda di Virgilio con quella di Giulio Cesare.

Il popolo romano credeva nel medio evo che la palla dorata posta
in cima all'obelisco vaticano, racchiudesse le ceneri di Giulio
Cesare[202]. Quindi l'iscrizione medievale che, insieme alla relativa
leggenda, figura nel _Mirabilia_ e che si attribuisce a Marbodo,
vescovo di Rennes:

    «Caesar, tantus eras quantus et orbis,
    Et nunc in modico clauderis antro»[203].
Questa iscrizione, con due versi d'aggiunta:

    «Post hunc quisque sciat se ruiturum
    Et iam nulla mori gloria tollat.»

è da Elinando, in un suo sermone, attribuita a Virgilio[204]. Secondo
una leggenda riferita nel _Victorial_ di Gutierre Diaz de Games (XV
sec), quell'obelisco fu fatto da Salomone, il quale volle che nella
palla fossero riposte le sue ossa. Quando Giulio Cesare morì, Virgilio
andò a Gerusalemme e chiese quel monumento agli Ebrei, i quali credendo
burlarsi di lui, gli dissero che glielo darebbero purchè ei sborsasse
loro una certa somma giornalmente, finchè l'obelisco non fosse arrivato
a Roma. Ma Virgilio si burlò invece di loro, poichè fece colle sue arti
in modo che l'obelisco in una notte passò da Gerusalemme a Roma: e così
le ossa di Giulio Cesare presero il posto di quelle di Salomone[205].

Queste leggende che trovansi così isolate e sparpagliate non aggiungono
gran cosa alla fisionomia del Virgilio mago; sono un effetto di quanto
in questo tipo è già fissato da leggende più stabilmente connesse
col nome del Mantovano; effetto di cui potrebbero moltiplicarsi gli
esempi senza aggiungere gran che di essenziale al nostro studio. Però
questo tipo leggendario, quale lo abbiamo descritto fin qui, non può
ancora dirsi completo. Un personaggio così accetto e familiare al mondo
romantico non poteva in tanto varia attività sua e in tanta celebrità
dei suoi fatti rimanere del tutto estraneo al bel sesso. La leggenda
infatti non lasciò per lui una lacuna che sarebbe stata tanto anormale,
ed ora noi dobbiamo rivolgerci a quella parte di essa che mostra
appunto Virgilio alle prese col sesso femminile.



CAPITOLO VIII.


Coloro i quali sostengono che di molto vada debitrice la donna al
cristianesimo e alla cavalleria, evidentemente vogliono farsi illusione
in favore di questi agenti storici, contro l'autorità dei fatti.
L'ideale della santa e quello della dama degli antichi romanzi, sono
prodotti d'idee utopistiche affatto inconciliabili coll'ordine sociale.
Ognuno può domandarsi che cosa diverrebbe la società umana se ogni
donna fosse una santa Teresa od una Isotta; due opposti egualmente
esiziali per essa come quelli che, quantunque in modo diverso, ne
escludono il principale fondamento, la famiglia. Gran bisogno delle
inesauribili forze sue ebbe nel medio evo l'umanità, costretta a
lottare contro questi due potenti principi: l'uno de' quali avrebbe
voluto cambiarla in un vasto eremo dove la famiglia cessasse e
rimanesse l'individuo puro e semplice, l'altro in una casa di dementi
posti in continua opposizione colla morale e col senso comune. Da un
lato i padri e gli scrittori ecclesiastici ad una voce encomiavano il
celibato, come quello fra gli stati dell'uomo che solo è capace di
condurre a perfezione: dottrina non solo assurda, ma eminentemente
immorale perchè egoistica, perchè contraria alla prima base della
società umana, e perchè tale che pone il perfezionamento umano in
aperta contradizione colle leggi naturali e sociali e coll'esistenza
stessa dell'umanità. L'aver santificato il matrimonio, che a molti
sembra uno dei grandi meriti della chiesa cristiana, fa l'effetto di
una derisione a chi conosce il medio evo ed ha veduto dappresso tutta
quella immensa falange di uomini autorevoli, che ad ogni occasione il
matrimonio e la donna pongono in iscredito colla voce, coll'esempio e
collo scritto. Dall'altro lato e per via opposta, alle stesse mortifere
conseguenze spingeva la cavalleria, fiaccando ogni saldezza dei
vincoli coniugali, privando la donna della prima base su di cui possa
riposare la dignità sua, che è l'onestà ed il rispetto di sè stessa.
Così avveniva che, ad onta di certe purissime imagini presentate
dall'hagiografia e dalla leggenda cristiana, ad onta degli incensi
prodigati al sesso femminile nei romanzi, nei tornei e nelle corti
d'amore, in verun'altra epoca fosse la donna più turpemente insultata,
beffata, svillaneggiata di quello fu nel medio evo, cominciando dai
più serii scritti dei teologi e scendendo fino alla poesia ed al
teatro da piazza. Una incredibile quantità di racconti e di aneddoti,
spesso triviali ed osceni, la cacciavano nel fango e, quel che oggi
pare impossibile, non figurano soltanto nei repertori dei giullari che
avevano il solo scopo di divertire, ma nei repertori dei predicatori
che li narravano dal pergamo col pretesto di cavarne una morale
qualsiasi, ma spesso in realtà, giullari in cocolla, per far ridere
anch'essi[206]. Chi conosce quei repertori spiega lo sdegno del nostro
poeta che grida:

      «Ora si va con motti e con iscede
    A predicare, e pur che ben si rida,
    Gonfia il cappuccio, e più non si richiede.»

A questo spirito persecutore è informata tutta la parte più antica
della leggenda virgiliana che si riferisce a donne. Nel primo e
più comune racconto in cui Virgilio figura come innamorato, egli è
posto in relazione con una giovane figlia di un imperatore di Roma.
La viva fiamma che gli arde in petto non solo non è corrisposta, ma
incontra grandissima crudeltà nell'oggetto amato, che non resiste alla
tentazione di farsi beffe del grande uomo. Fingendo di accettare la
sua dichiarazione e di piegarsi ai suoi voti, la giovane gli propose
di introdurlo nascostamente nelle proprie stanze, facendolo tirar su di
notte dentro una cesta fino alla finestra della torre da essa abitata.
Tutto gioia, Virgilio accettò; e all'ora designata corse a mettersi
nella cesta che trovò pronta appuntino, e con sua grande soddisfazione
non tardò a sentirsi sollevare in aria. E fino ad un certo punto la
cosa andava bene; ma giunta la cesta a mezza strada lì si fermò e vi
rimase fino a giorno. Grandi furono le risa e il chiasso che fece la
mattina appresso il popolo romano, a cui Virgilio era notissimo, quando
vide un sì grave personaggio in quella pensile situazione. Nè qui
finiva la cosa: chè, informato di tutto l'imperatore, Virgilio messo a
terra di grave pena era minacciato, se coll'arte sua non avesse saputo
sottrarvisi. Ma lo smacco rimaneva, e l'oltraggio non era perdonabile.
La vendetta ch'egli immaginò fu terribile. Ei fece che il fuoco tutto
quanto era in Roma si spegnesse a un tratto, notificando che, chi ne
volesse, soltanto sulla persona della figlia dell'imperatore avrebbe
potuto procurarsene, e che il fuoco così ottenuto non si potrebbe
comunicare dall'uno all'altro, ma ognuno dovesse prenderne direttamente
nel modo indicato. Fu duopo piegarsi ai voleri del mago. La figlia
dell'imperatore posta sulla pubblica piazza nella più indescrivibile
posizione, dovette soggiacere a quel lungo supplizio: i Romani riebbero
il fuoco e Virgilio fu vendicato.

Questa novella consta di due parti distinte che in essa trovansi
riunite, ma che esistettero anche separate: quella cioè della burla e
quella della vendetta. Virgilio non figura veramente come mago che in
quest'ultima. La prima appartiene al vasto ciclo dei racconti relativi
alle astuzie femminili, ed esprime l'idea che non v'ha grandezza d'uomo
a cui la malizia donnesca non si mostri superiore, come la stessa idea
esprimevano mille altri racconti comunissimi nel medio evo, taluni
desunti dalla storia sacra e profana e dalle tradizioni dell'antichità,
altri totalmente leggendari. Cominciando da Adamo, David, Sansone,
Ercole, Ippocrate, Aristotele e mille altri illustri figuravano nella
lunga lista delle vittime degli inganni muliebri. Alcuni di questi
non faceano che prestare un nome illustre ad un racconto favoloso, e
se a ciò avean soggiaciuto Ippocrate e Aristotele, non poteva a meno
di soggiacervi Virgilio, celeberrimo qual'era per infinita sapienza.
Citiamo come esempio i seguenti versi francesi d'anonimo:

    «Par femme fut Adam deceu
    et Virgile moqué en fu,
    David en fist faulx jugement
    et Salemon faulx testament;
    Ypocras en fu enerbé,
    Sanson le fort deshonnoré;
    femme chevaucha Aristote,
    il n'est rien que femme n'assote»[207]

Eustachio Deschamps (XIV sec.) scrive anch'egli:

    «Par femme fu mis à destruction
    Sanxes li fort et Hercules en rage,
    ly roy Davis à redargucion,
    si fut Merlins soubz le tombel en caige;
    nul ne se puet garder de leur langaige.
    Par femme fut en la corbaille à Romme
    Virgile mis, dont ot moult de hontaige.
    Il n'est chose que femme ne consumme»[208].
E più tardi Bertrando Desmoulins nel suo _Rosier des Dames_ faceva dire
alla Verità:

    «Que fist à Sanson Dalida
    quant le livra aux Philistins,
    n'à Hercules Dejanira
    quant le fict mourir par venins?
    une femme par ses engins
    ne trompa-elle aussi Virgile
    quant à uns panier il fut prins
    et puis pendu emmy la ville?[209]»

E questa idea e questi esempi sono un luogo comune della poesia
satirica, morale e burlesca nelle varie letterature d'Europa dal sec.
XIII al XVI, di cui si potrebbero citare saggi innumerevoli[210]. Ad
Aristotele era toccato un racconto d'origine orientale, secondo il
quale il filosofo sarebbesi assoggettato a portare il basto per volere
d'una donna da lui amata[211]. Ad Ippocrate toccò in un _Fabliau_[212]
quella stessa avventura della cesta che toccò anche a Virgilio, e che a
quest'ultimo rimase poi attribuita in modo assai più permanente[213].
Ma anche senza il nome di Virgilio nè d'Ippocrate, essa costituisce
il soggetto di una novella del Fortini[214], di un canto popolare
tedesco[215] e d'uno francese tuttora vivente[216].

La seconda parte affatto staccata dalla prima, incontrasi nella
letteratura europea più secoli innanzi ch'essa fosse attribuita a
Virgilio. Essa ricorre in un antico testo degli _Atti_ di S. Leone
taumaturgo[217], ov'è attribuita ad un mago Eliodoro vissuto in Sicilia
nell'VIII secolo. Questi atti sono tradotti dal greco, ed il racconto è
certamente d'origine orientale. Infatti noi lo ritroviamo con varianti
di poco momento, in una storia dei Khan mongoli del Turkestan e della
Transossiana, scritta in persiano e tradotta dal Defréméry[218] e in un
aneddoto che serve di fondamento ad un proverbio arabo[219]. Certamente
esso si divulgò, con altre leggende e novelle, fra i bizantini; in un
libro neogreco del secolo scorso troviamo la prima e la seconda parte
riunite, riferite ambedue all'imperatore Leone il filosofo[220]. E
prima che ambedue le parti attribuite a Virgilio si fondessero assieme,
ricorre applicata a lui questa seconda solamente. Il più antico esempio
che io ne conosca, è quella poesia, già da me citata, del trovatore
Giraud de Calançon, non posteriore al 1220, nella quale, fra gli altri
fatti di Virgilio che il giullare deve conoscere, è annoverato anche
quello «del fuoco ch'ei seppe estinguere» (del foc que saup escantir).
Poi nella _Image du monde_ tutta la seconda parte dell'avventura è
narrata senza la prima. Non sarebbe impossibile però che questa si
fosse unita al nome di Virgilio in un'epoca anteriore anche all'idea
del mago, e quindi indipendentemente dalla seconda. Infatti in essa
Virgilio figura soltanto come uomo di grande sapienza, e il suo
gran nome serve a renderla più ridicola come novella, più autorevole
come esempio. La seconda parte che ad essa fu aggiunta, quantunque
dapprima sembri adattarvisi assai bene, pure lascia troppo visibile la
commettitura. Virgilio che in essa figura come potentissimo mago, non è
certamente tale nella prima, nella quale non sa nè prevedere la burla,
nè sottrarvisi.

Così riunite le due parti in un solo racconto, questo ricorre in
un testo latino del XIII secolo[221] e nella Cronica universale di
Ians Enenkel[222]. Poi si ripresenta nel _Renart contrefait_ e in un
gran numero di scritti dei secoli XIV, XV e XVI, francesi e tedeschi
particolarmente, ma parecchi anche inglesi, spagnoli e italiani. Anche
fra le _Rimur_ islandesi ve ne ha una[223] che narra lo sfregio e la
vendetta, ma lo sfregio è doppio poichè la donzella dopo aver burlato
Virgilio colla cesta lo riduce anche a servirle da cavalcatura,
come altri narrarono di Aristotele. Indipendentemente da quelli che
ne parlano insieme alle altre leggende virgiliane, i più narrano o
richiamano questo racconto, particolarmente nella sua prima parte,
con molti altri, nel declamare da burla o sul serio contro le donne
e i peccati carnali. Così il poeta spagnuolo Juan Ruiz de Hita(1313)
riferisce quel fatto a proposito del _Pecado de Luxuria_. Più tardi
però ai tempi di Ferdinando e Isabella, quando appunto Diego de
Santo Pedro nel suo _Carcel de amor_ diceva, propugnando la causa
delle donne, che: «le donne ci dotano delle virtù teologali non meno
che delle cardinali e più che gli apostoli ci rendono cattolici»
l'avventura di Virgilio era citata in vilipendio delle donne in un
poemetto spagnuolo di cui neppure il titolo si può citare[224].
Combinato così colla morale, quel racconto non solo fu ripetuto
a sazietà nella letteratura[225], ma fu spessissimo rappresentato
dall'arte, e fin nelle chiese posto sott'occhio ai fedeli, scolpito in
marmo, in legno, in avorio[226]. Servì pure di soggetto a molte pitture
e incisioni, delle quali talune appartengono ad artisti illustri
come Luca di Leida, Giorgio Pencz, Sadeler, Hopfer, Sprengel e più
altri[227].

In Italia il più antico scrittore che, a mia notizia, racconti questa
novella col nome di Virgilio è, oltre all'Aliprando di cui parleremo in
seguito, il Sercambi (1347-1424) che la riferisce nella sua cronica,
dalla quale essa fu già estratta e pubblicata a Lucca[228]. La fama
del fatto era tanto diffusa, che si finì col designare una delle varie
torri di Roma come quella che fu testimone della scena. Così spiego il
nome di _Torre di Virgilio_ dato in Roma alla torre dei Frangipani[229]
e l'aneddoto stesso introdotto nella versione tedesca del _Mirabilia_
del secolo XV, ed in uno scritto, parimenti tedesco e dello stesso
secolo, intorno alle sette chiese principali di Roma[230]. Quel capo
ameno del Berni annovera[231] fra le antichità che «pellegrini o romei»
andavano a vedere a Roma:

    «E la torre ove stette in due cestoni
    Virgilio spenzolato da colei.»

Enea Silvio nel suo _De Euryalo et Lucretia_ (1440), cita la prima
parte dell'avventura come avvertimento morale. Come imprecazione però,
fra le altre mille, figura essa nella _Murtoleide_:

    «Possa come Virgilio in una cistola
    Dalla fenestra in giù restar pendente.»

Nei testi a stampa dell'antico poemetto italiano _Il padiglione di
Carlomagno_ leggesi la seguente ottava:

    «Ancora si vede Aristotil storiare
    E quella femmina che l'ingannò,
    Che come femmina lo facea filare
    E come bestia ancor lo cavalcò,
    E 'l morso in bocca gli facea portare,
    E tutto lo suo senno gli mancò;
    Da l'altra parte Virgilio si mirava
    Che nel cestone a mezza notte stava»[232].
E molti altri testi italiani dei secoli XV e XVI potrebbero citarsi che
provano come quell'avventura virgiliana fosse allora così popolarmente
conosciuta qui come altrove. Mi limito a citare, perchè inedita, una
_Canzone morale in disprezzo d'amore_[233] che leggesi in un codice
magliabechiano del secolo XV, nella quale agli esempi di Giove,
Aristotele, Salomone ecc. si aggiunge quello di Virgilio:

    «Lett'hai d'una donzella che ingannava
    Virgilio collocato in una cesta,
    E fuor della finestra
    Attaccato lasciollo infino a giorno.»

In un poemetto inedito contro amore, pur di quell'epoca, leggiamo:

    «E tu Virgilio parasti le botte
    Che sanno dar le donne a' loro amanti.
    Tu ti pensasti rimetter le dotte
    Con colei che ti fea inganni tanti.
    A casa sua tu andasti una notte
    . . . . . . . . . . . . . . . . . .
    Fatto lo 'mposto cenno, ella fu presta,
    E pianamente aperse la finestra.
    Con una fune una cesta legoe,
    Per dimostrare di farti contento,
    E fuor della finestra la mandoe
    Dove tu eri e tu v'entrasti drento;
    Tirotti a mezza via e poi t'appiccoe
    A un arpion per tuo maggior tormento
    E fino al giorno istesti appiccato,
    Dal popolo e da lei fosti beffato.»[234]

Nicolò Malpiglio in una canzone per Nicolò d'Este[235] scriveva,
parlando ad amore:

    «El Mantuan poeta nel canestro
    Pose quest'altra cui tu lusingasti
    E non ti vergognasti
    Dar di tanta virtù solazzo al volgo.»

Nel _Contrasto delle donne_ di Antonio Pucci[236], fra i numerosi
esempi favorevoli e contrari al bel sesso, si rammenta in due ottave
quello di Virgilio:

    «Diss'una che Virgilio avia 'n balìa:
    — Vieni stasera, ed entra nella cesta
    E collerotti a la camera mia. —
    Ed ei v'entrò, ed ella molto presta
    Il tirò su; quando fu a mezza via
    Il canape attaccò, e quivi resta;
    E la mattina quando apparve il giorno
    Il pose in terra con suo grande scorno.

    _Risp_. Virgilio avea costei tanto costretta
    Per molti modi con sua vanitade
    Ch'ella pensò di farli una beffetta
    A ciò che correggiesse sua retade;
    E fe' quel che tu dì non per vendetta
    Ma per difender la sua castitade;
    Ver'è che poi, con sua grande scienza,
    Fece andar sopra lei aspra sentenza.»

In altra poesia assai più antica, forse del XIII sec., nei _Proverbi
sulla natura delle donne_[237] lo stesso fatto è attribuito al filosofo
Antipatro:

    «D'Antipatol filosofo udisti una rasone
    Con la putana en Roma ne fe derisone
    Q'entr'un canestro l'apese ad un balcone
    Ogni Roman vardavalo con el fose un briccone.»

Così pure l'arte italiana di quel tempo spesso tolse a soggetto questo
fatto della leggenda. Una stampa d'ignoto autore, ma d'antica scuola
italiana, rappresenta la beffa e la vendetta, colla seguente scritta
che è desunta dalle due ottave del Pucci sopra riferite:

    «Essendo la mattina chiaro il giorno
    Il pose in terra con suo grande scorno;
    Ver'è che poi, con sua gran sapienza
    Contr'a costei mandò aspra sentenza.»[238]

Una pittura di Perin del Vaga rappresentante la scena della vendetta fu
riprodotta da E. Vico in una incisione che porta la data di Roma 1542
e la scritta: «Virgilium eludens meritas dat foemina poenas»[239]. In
un manoscritto dei _Trionfi_ del Petrarca, esistente nella biblioteca
Laurenziana, una miniatura che illustra il Trionfo d'Amore rappresenta
quattro fra le più illustri vittime dell'alato Dio: Ercole che fila,
Sansone tosato, Aristotele col basto e Virgilio nella cesta[240].
Esiste tuttora vivente sulla bocca del popolo un racconto simile a
Sulmona, ma in esso la vittima è Ovidio, che veramente per le sue
poesie e avventure galanti lo meritò più di Virgilio[241].

La seconda parte della novella trovasi in uno dei tanti libretti
popolari italiani che si ristampano continuamente e si diffondono fra
la plebe. Essa però non è riferita a Virgilio ma ad altro mago, Pietro
Barliario (scambiato a torto da taluni con Pietro Abelardo)[242], il
quale, come Virgilio, più d'un fatto prodigioso ereditò dall'antico
mago Eliodoro:

    «Adirato si parte indi comanda
      A' demoni che tosto abbiano spento
      Tutto il fuoco che fosse in ogni banda,
      Fosse da loro estinto in un momento.
      Onde per compir l'opera nefanda
      La donna fè pigliar con gran tormento,
      E in piazza fu portata di repente,
      Nuda, parea che ardesse in fiamme ardente.
    Correa il popol tutto in folta schiera
      A provveder di fuoco le lor case.
      Fra le piante di quella in tal maniera
      Sorgea la fiamma, onde ciascun rimase.
      E l'uno a l'altro darlo invano spera
      Chè presto si smorzava; intanto sparse
      La Dea ch'ha cento bocche un gran romore
      E l'avviso n'andò al governatore.»

Questo racconto, nato, come abbiam veduto fuori d'Italia, non era il
solo che ponesse il mago Virgilio in rapporto col sesso femminile. —
Residui di alcune antiche idee del mondo greco-romano e orientale, e
più ancora le usanze nazionali proprie dei barbari invasori, resero nel
medio evo familiare e comune, anche nella parte più nobile dell'Europa,
l'idea fondamentale e l'uso dei giudizi di Dio; secondo i quali la
divinità era chiamata a far trionfare, per mezzo di un miracolo, il
vero ed il giusto. Nello scredito in cui la donna era caduta, queste
forme di giuramento[243] rimanevano sempre fra i mezzi coi quali
era chiamata a giustificare la propria condotta. Se la fantasia dei
gelosi assai feconda si mostrava nel trovare difficili generi di
prove, più feconda era in ciò la fantasia dei novellatori, romanzieri
e moralisti e di quanti da burla o sul serio perseguitassero il sesso
femminile, i quali nello scopo di mostrare che non c'era prova o
terribile giuramento che una donna non sapesse deludere, inventavano
a provar ciò, aneddoti d'ogni sorta. In questo l'Europa avea il torto
di trovarsi d'accordo coll'oriente, e quindi di accettare racconti
beffardi e disonorevoli per la donna, quali di là, dove la sua
condizione era ed è la più bassa possibile, provenivano.

Ad uno di questi, che fu assai in voga in oriente e in Europa, fu
mescolato il nome di Virgilio, sempre assecondando l'idea inerente
all'avventura della cesta, quella cioè della più grande sapienza
umana insufficiente contro le astuzie femminili. Virgilio[244],
secondo questo racconto, fece in Roma una figura di pietra colla
bocca aperta; le persone chiamate a dar prova della loro castità o
fedeltà coniugale ponevano la mano in quella bocca, e se mentivano
eran sicure di lasciarvi dentro le dita. Una donna però che avea una
relazione illecita, chiamata a giustificarsi con questa prova dal
marito venuto in sospetto, trovò modo di renderla vana. Disse al suo
amante che, preso abito e maniere di pazzo, si trovasse là dove il
giuramento doveva aver luogo, e appena la vedesse arrivare, corresse
a lei e folleggiando l'abbracciasse. Così fu; essa finse sdegnarsi di
quell'atto, ma il marito e gli astanti, trattandosi di un povero pazzo,
non ne fecero caso. Allora la donna giurò che mai in vita sua non avea
sofferto abbracciamenti di altr'uomo che di suo marito e di quel pazzo
che tutti aveano visto abbracciarla; e siccome era ciò la pura verità,
la sua mano uscì intatta dalla terribile bocca. Virgilio, a cui nulla
si celava, accortosi dell'inganno, dovette confessare che le donne la
sapevano più lunga di lui.

Questo racconto, cambiati i nomi e le circostanze locali, trovasi
tal quale nel _Çukasaptati_, libro di novelle indiano, e nella
storia di _Ardschi Bordschi Chan_, libro mongolico d'origine indiana
(_Sinhâsanadvâtrinçat_)[245]. In Europa però esso era già noto da tempi
assai antichi; trovo in Macrobio un aneddoto (desunto certamente da
antichi scrittori latini) il quale, ad eccezione dell'elemento amoroso,
è del tutto simile a questo[246]. Come astuzia di donna galante,
circolò poi in Europa indipendentemente dal nome di Virgilio, anche
dopo che questo nome gli era stato da taluni narratori applicato. Ne
abbiamo esempio nel romanzo francese di Tristano[247], nelle novelle
di Straparola, in quelle di Celio Malispini, nel _Mambriano_ del
Cieco da Ferrara[248], nel _Patrañuelo_ di Timoneda ecc. ecc.[249].
Il più antico scritto, a mia conoscenza, in cui si trovi applicato a
Virgilio, è una poesia anonima tedesca, della prima metà del secolo
XIV, intitolata: «di una effigie in Roma che strappava coi denti le
dita alle donne adultere»[250]. Il racconto così attribuito a Virgilio
e localizzato a Roma, riferivasi ad un monumento che ivi esiste tuttora
in Santa Maria in Cosmedin e chiamasi _Bocca della verità_. È un
antico mascherone da fontana, o da sbocco d'acqua piovana, di cui il
_Mirabilia_ dice che era considerato come una bocca che pronunziava
oracoli. Una iscrizione postavi dappresso nel 1632 asserisce che servì
a giurare ponendovi dentro la mano, il che è confermato dal titolo
di _Bocca della verità_ dato anche alla piazza adiacente e che di
certo[251] risale al medio evo. Tutto ciò spiega come si arrivasse a
dire che quel fatto fosse accaduto a Roma appunto alla _Bocca della
verità_, e questa si considerasse quindi come opera di Virgilio.
Infatti nella versione tedesca del _Mirabilia_ fatta nel XV secolo,
è introdotta a proposito di quella pietra la menzione di Virgilio e
dell'aneddoto per cui poi la pietra perdette la sua efficacia[252].



CAPITOLO IX.


Tutti questi racconti che andavano attorno col nome di Virgilio, erano
già, come ognun vede, assai numerosi; e chi avesse voluto riunirli
assieme, ordinarli, sviluppare certi dati o supplire a certe lacune
con un po' di fantasia, c'era da tessere tutta una biografia romanzesca
dell'illustre mago. Ed infatti non mancò chi ciò facesse. Prima però di
parlare di quest'ultimo e definitivo stadio della leggenda virgiliana,
credo opportuno gittare uno sguardo su quel che essa era divenuta
nel paese in cui avea avuto la sua prima origine, cioè in Italia ed
a Napoli specialmente. I lettori avranno notato che ad eccezione di
quelle udite a Napoli da Gervasio e da Corrado, tutte le altre leggende
furono applicate a Virgilio fuori d'Italia; e quantunque queste fossero
riferite in iscritti letterari molto conosciuti e letti nel medio
evo, pur nondimeno ben poche di esse penetrarono presso gli scrittori
italiani. Il più notevole documento napoletano che noi abbiamo intorno
alle leggende virgiliane è la _Cronica di Partenope_[253] attribuita
nella prima edizione falsamente a Giovanni Villani, e poi anche a
«Bartolomeo Caraczolo dicto Carafa, cavaliere di Napoli» il quale
però propriamente non è e non si professa autore che della seconda
delle tre scritture di cui si compone questo curioso zibaldone di
storia napoletana compilato verso la metà del sec. XIV. La prima e
la più antica di quelle scritture è opera di un ignoto napoletano
che la compose probabilmente poco dopo il 1326; essa consiste in una
raccolta di narrazioni relative alle antichità sacre e profane di
Napoli, ricavata da fonti diverse, anche da tradizioni orali, senza
alcuna critica e con mescolanza di favole e leggende di varia specie,
fra le quali sono pure le virgiliane[254]. Quantunque napoletano, il
rozzo autore non si è tenuto soltanto a quel che di Virgilio dicevasi
a Napoli ai tempi suoi, ma ha riferito nel suo scritto tutto quanto ha
trovato in Gervasio ch'ei cita, e nell'opera di un tale Alessandro. Se
questi fosse Alessandro Neckam, dovremmo dire aver egli letto il _De
naturis rerum_ in un codice mutilo e interpolato, oppure in un estratto
incompleto e variato, presso qualche altro scrittore[255].

Quanto trovasi in Gervasio ritrovasi presso a poco in questa Cronica
e, ad eccezione di alcune poche aggiunte fatte nello stesso spirito
del rimanente, la leggenda rimane in essa tal quale l'abbiamo trovata
a Napoli nel XII secolo. Virgilio vi figura come gran benefattore
di Napoli nel tempo in cui era «consiliario et quasi rectore o vero
maistro di Marcello» eletto da Ottaviano «duca de li napolitani.» Da
lui furono fatti gli acquedotti, le fontane, i pozzi, le cloache di
Napoli; egli istituì il _Gioco di Carbonara_[256] simile al _Gioco
del Ponte_ in Pisa, che cominciò come esercizio guerresco con finti
attacchi, e finì con baruffe micidiali. Al novero dei soliti talismani
si aggiunge una cicala di rame che scacciò tutte le cicale da Napoli,
e un pesciolino di pietra posto nel luogo che serbò il nome di «preta
de lo pesce», il quale attirava pesci in abbondanza[257]. Anche la
leggenda relativa al _Castello dell'Ovo_ che abbiamo veduto tanto
trasmutata all'estero, rimane quel che era prima, cioè l'idea di un
talismano che serviva come di palladio alla città. Il fatto narrato
da Gervasio intorno alla richiesta di quell'eccentrico inglese
è riferito, con qualche variante di nessun rilievo, anche nella
_Cronica_. Come poi quel tale trovò il libro di segreti sotto il capo
di Virgilio, così Virgilio stesso lo trovò, «secondo che se legge ad un
chronica antiqua», (che non sappiamo qual possa essere, ma certamente
napoletana) sotto il capo di Chironte in una grotta dentro Monte
Barbaro, di dove egli andò a trarlo in compagnia di un certo Filomelo
o Filomeno[258]. Quantunque questo libro chiamisi di _negromanzia_, e
quantunque di negromanzia e di magia talvolta si parli nella Cronica
a proposito delle opere virgiliane, pure l'autore ci fa in più luoghi
capire chiaramente che per ciò egli intende quanto si può operare
conoscendo la «mirabile influenza de le pianeta.» E realmente mai nulla
di diabolico è da lui attribuito a Virgilio, del quale parla sempre
col più grande rispetto e non cessando di chiamarlo «esimio poeta.» La
grotta di Pozzuoli non è più soltanto, per le arti del poeta, protetta
contro ogni misfatto, ma il poeta stesso l'ha fatta fare, non però col
mezzo de' diavoli, come poi si disse altrove, ma per «Geometria.»

Certo, trovandosi il sepolcro di Virgilio sulla via Puteolana, appunto
all'ingresso di quella grotta, s'intende ch'essa dovesse essere il
centro delle tradizioni virgiliane. Più tardi lo Scoppa, riferendo
quanto trovava di leggende virgiliane nella _Cronica di Partenope_,
aggiunge a proposito della grotta di Pozzuoli «non ignoro che alcuni,
appoggiandosi all'autorità di Plinio, sostengono a spada tratta che
Lucullo e non Virgilio la facesse. Io però sto a quel che dicono le
nostre croniche, imperocchè in fatto di antichità va creduto ai più
antichi, particolarmente quando sono del paese.» Ed infatti quanto
volgare fosse a Napoli quest'opinione lo mostra non solo il nome di
_Grotta di Virgilio_, ma il fatto eziandio del Petrarca, il quale,
com'egli stesso racconta, fu seriamente interrogato su tal proposito
da re Roberto, e rispose: «non ho a mente aver mai letto che Virgilio
facesse il tagliapietre[259].»

Da tutto ciò possiamo conchiudere che la leggenda esisteva a Napoli
ancora nel secolo decimoquarto e nel decimoquinto, e che in essa non
c'è ombra di quel Virgilio diabolico e innamorato che trovammo altrove.
Un sol fatto pare venuto dal di fuori, ed è la leggenda che troviamo
nella _Cronica_ di quattro teste di morto poste da Virgilio in Napoli,
le quali rivelavano al Duca quel che si faceva in tutto il mondo.
Questa leggenda ha per fondamento l'idea della _Salvatio Romae_ e dello
specchio maraviglioso, combinata con quella della testa parlante che
vedemmo attribuita a Virgilio come a Gerberto, e può credersi venuta
dal di fuori.

L'autore della _Cronica_ sì è guardato bene dall'aggiungere alcun che
di suo alla leggenda, per renderla più fantastica o per meglio farla
spiccare. Quantunque rozzo, egli è scrittore ed ha una certa coltura
che lo distingue dal volgo illetterato; vuol essere storico, e come
tale nel narrare le leggende virgiliane, non solo ricorda il Virgilio
reale della scuola e della poesia, ma applicando a questo Virgilio
quelle leggende compila ed anche affetta di compilare da libri, non
mai riferendosi alla tradizione popolare vivente, a lui ben nota.
Alessandro Neckam, come abbiam visto, è da lui citato di seconda mano
e quindi anche a sproposito facendogli dire quel che non da lui ma
da altri fu detto; Gervasio di Tilbury, malamente e indirettamente
conosciuto, sia dall'autore sia da altri che poser le mani in questa
Cronica, diviene _Santo Gervasio Pontefice_ ed i suoi _Otia Imperialia_
i _Responsi_ (vuol dire _Riposi_) Imperiali. Prevale però la conoscenza
delle fonti indigene sia citate, sia adoperate senza citarle, quali
una anonima _Cronica antica_, l'oggi perduto _Planctus Italiae_ di
Eustazio da Matera, ed anche Alessandro di Telese e la Vita di S.
Atanasio, o forse altri a noi ignoti, dai quali fu desunto quel che si
narra di Virgilio e Ottaviano e Marcello e l'elogio di Napoli «signora
di nove città» ecc.[260]. Ma registrate o no presso altri scrittori,
le leggende qui riferite vivevano ancora, se non tutte, certo in gran
parte nella tradizione popolare napoletana quando dapprima la Cronica
fu scritta, e poi quando da numerose mani fu variamente trascritta
e per ultimo quando con assai libertà di ricompilazione fu stampata.
Traluce chiarissima la vivente leggenda là dove l'autore vuol farla da
critico, correggendo l'errore volgare della gente _grossa_, benchè in
verità ei non si mostri ben fino. Così, certamente popolare e vivente
da antica data era la leggenda da lui riferita circa la grotta di
Pozzuoli costruita da Virgilio che ivi presso ebbe la sua sepoltura;
il popolo però aggiungeva che Virgilio quella prodigiosa opera facesse
in un sol giorno, e questo pare poi troppo allo scrittore, il quale
pur riferendo seriamente tutto il resto, fa qui una riserva: «E la
preditta grotta, lo grosso popolo tene che Virgilio fatta la avesse in
uno dì; e questo non è possibile se no a la divina potencia, _quae de
nihilo cuncta creavit_»[261]. Così pur si vede che la leggenda circa
il _Castel dell'Uovo_, mantenuta dal nome stesso che questo portava,
seguitava ad esistere nella tradizione; ma che quel telesma virgiliano
preservasse la città o il castello, non si credeva più nè si poteva
dopo gli avvenimenti dal XII sec. in poi; quindi l'autore circa tal
credenza si limita a riferire che v'era stata già fra «gli antiqui
napolitani.» Quando la Cronica fu messa a stampa sulla fine del XV
sec. col titolo promettente di «nobilissima et _vera_ antica cronica»
malgrado la falsa attribuzione nel titolo stesso a Giovanni Villani,
e quando fu poi nel 1526 riprodotta, qualche passo fu soppresso, altro
fu aggiunto raffazonando liberamente; ma che la leggenda seguitasse ad
esistere e molto ancora si narrasse oralmente dal popolo su Virgilio
oltre a quanto nella Cronica è riferito, si rileva chiaramente
dalle seguenti parole onorevoli pel buon senso italiano che a nome
dell'antico autore furono aggiunte in ossequio alla verità dall'Astrino
che preparò la Cronica per la stampa nel 1526[262]: «Io potria del
dicto Virgilio dicere molte altre cose le quali ho sentito dicerese de
tale uomo, ma perchè in maior parte mi pareno favolose e false, non ho
voluto al tutto implire la mente de li homini de sogni; et perchè molte
cose sono state dicte de sopra de Virgilio a le quale io scriptore de
quelle meno che gli altri credo, prego ciascuno lettore me habbia per
excusato, perchè non ho voluto fraudare la fama de lo ingeniosissimo
poeta, o vera o falsa, et la benivolenza la quale ipso portava a questa
inclita cità di Napoli. Ma la verità de tutte le cose, la cognobbe
et conosce solo Dio; questo ben dirò, che io non scrivo cosa falsa nè
fabolosa che de quella lo lectore non sia facto accorto.»

Le leggende napoletane non si diffusero che poco e lentamente
nell'Italia superiore: esse però erano ben note, anche fuori di Napoli,
nell'Italia meridionale. La più antica menzione che io ne conosca fra i
nostri poeti volgari trovasi in un componimento di Ruggeri Pugliese che
non crederei posteriore alla prima metà del XIII secolo:

    «Aggio poco senno alla stagione,
    E saccio tutte l'arti di Virgilio»[263].

Nel resto d'Italia la leggenda virgiliana non si diffonde nella
letteratura che nel secolo XIV, mescolando però all'elemento originale
e indigeno l'elemento ascitizio e straniero, pei noti rapporti delle
nostre lettere d'allora colla produzione letteraria forestiera. Taluni
autori toscani però la conoscono, allora e prima, come quelli che
furono a Napoli e dal popolo di quella città poterono udirla. Boccaccio
che ben conosceva Napoli, nel suo commento a Dante (1373) parlando
delle opere maravigliose fatte da Virgilio in quella città, non ne
cita che tre, già ben note: cioè la mosca e il cavallo di bronzo e
le facce di marmo di porta Nolana. Egli nota che Virgilio visse molto
più a Napoli che a Roma e che ivi recossi da Milano[264] perchè avendo
l'ingegno pronto alla poesia, avea saputo essere i poeti «nel cospetto
d'Ottaviano accetti.» Prima di lui Cino da Pistoia[265] alludeva alla
mosca maravigliosa nei versi satirici contro Napoli che il Ciampi non
ha intesi:

    «O sommo vate, quanto mal facesti
    A venir qui; non t'era me' morire
    A Pietola colà dove nascesti?
    Quando la mosca, per l'altre fuggire,
    In tal loco ponesti
    Ov'ogni vespa doveria venire
    A punger quei che su ne' boschi stanno.»

Il poeta popolare fiorentino Antonio Pucci, nel XIV secolo, fra gli
altri appunti d'ogni specie che raccoglieva in un suo zibaldone di cui
si hanno due MS. in Firenze[266], notava parecchie delle maraviglie che
la leggenda attribuiva a Virgilio, la mosca, il cavallo, il castello
posto in bilico sull'uovo, il giardino, due doppieri e una lampada
sempre ardenti, la burla della donna, e la vendetta, la testa che
parlava, e la relativa storia della morte del poeta, e quanto credevasi
sull'efficacia delle sue ossa. Egli però, come molti romanzatori
stranieri, colloca il sepolcro di Virgilio a Roma. È noto che questo
cantastorie italiano conobbe e adoperò i prodotti dei cantastorie
forestieri[267]. Egli però non parla di arti diaboliche, ma attribuisce
le maraviglie virgiliane all'«arte della stronomia.» A conoscenza dei
riposti segreti della natura le attribuisce, nello stesso secolo,
Gidino da Sommacampagna, alludendo ad esse in un suo sonetto a
Francesco Vannozzo[268], nel quale cita l'autorità:

    «Dell'eccellente fisico Marone
    Che circa il natural pose sua cura.»

In un bizzarro suo sonetto[269] di quel genere che poi prese il nome
dal Burchiello, Andrea Orcagna, il grande artista del sec. XIV, dice

    «E l'ampolla di Napoli s'è rotta»

certamente alludendo alla famosa ampolla di Castel dell'Uovo che da un
pezzo avea perduta la sua virtù _quia modicum fissa est_, come scriveva
già Corrado di Querfurt[270].

Se però i rapporti in cui la leggenda poneva Virgilio con la città
di Napoli non aveano permesso che in questa s'introducesse quel
personaggio parte ridicolo e parte anche odioso a cui Virgilio s'era
ridotto altrove, la stessa cosa non aveva luogo pel resto d'Italia.
Qualche eco della leggenda secondo la versione forestiera, noi
ritroviamo a Roma nel nome di Virgilio annesso a qualche monumento o
qualche località[271]. Così sappiamo che la _Meta sudans_ fu chiamata
dal popolo romano _Torre di Virgilio_[272], che questo nome diedesi
agli avanzi della Torre dei Frangipani[273], e che il Settizonio fu
chiamato _Scuola di Virgilio_[274]; su quest'ultimo leggesi nel curioso
poemetto (XV-XVI sec.) intitolato _Prospettiva milanese_:

    «Eravi di Virgilio un'academia
    edificata nel più bel di Roma
    et hor dintorno a lei vi si vendemia;
    erano septe scole» ecc.[275].

Se queste denominazioni le poniamo assieme colla notizia dei guai che
per parte della corte romana soffrì il Petrarca a causa dei suoi studi
virgiliani, ci sarà facile indovinare che in Roma a quell'epoca il
nome di Virgilio non fosse esente dalla taccia di magia nel più cattivo
senso della parola. Notiamo però che tutto questo non va al di là del
secolo in cui abbiamo veduto prodursi anche altrove, relativamente
a Virgilio quella tale idea, ed è meramente una conseguenza di essa.
Quando si pensi come in queste leggende virgiliane fosse mescolato il
nome di Roma, come s'introducessero nelle guide di cui si servivano i
numerosi visitatori di questa città, sarà facile comprendere come ciò
bastasse a rendere noto ai Romani il nome di Virgilio mago, ed a fare
che da essi o dai forestieri fosse applicato a monumenti e località di
Roma. Infatti nei più antichi manoscritti del _Mirabilia urbis Romae_,
che risalgono al secolo XII, Virgilio non è mai nominato, neppur come
autorità come lo è p. es. il _martirologio_ (i _Fasti_) d'Ovidio,
e neppure come profeta del Cristo là dove è riferita la leggenda
d'Ottaviano e la Sibilla. È più che probabile che se a quell'epoca
il nome di Virgilio fosse stato annesso a qualche luogo della città,
il _Mirabilia_ ne avrebbe parlato. Dopo la diffusione della leggenda
incomincia però questo nome ad introdursi nel _Mirabilia_, e quindi
s'introduce a Roma; poichè credevasi, secondo le fantasie estere,
che propriamente a Roma Virgilio avesse esercitato la negromanzia
ed anche tenutone _scuola_. Nel XIV secolo infatti Hans Folz, il
barbiere-cerusico-poeta di Norimberga, scriveva in certa sua burlesca
novella, che un tempo «correva voce esservi a Roma un maestro dotto
in negromanzia, detto Virgilio, che dava risposta a tutti i quesiti
rivoltigli da ogni parte del mondo»; e narra pure di tre curiose
risposte date da lui a tre curiose domande[276].

In un MS. del _Mirabilia_, del XIII secolo, trovasi a proposito del
monte Viminale, l'aggiunta: «di dove Virgilio preso dai Romani,
invisibilmente se ne andò a Napoli; ond'è che si dice _vado ad
Napulum_.» Questa rozza etimologia si riferisce al nome di una strada,
che chiamasi tuttora _Magnanapoli_ (corruz. di _Balnea Pauli_) e che
conduce al Viminale. La leggenda virgiliana che le serve di base non è
altro se non il seguito dell'avventura della cesta e dell'estinzione
dei fuochi. Come quest'ultima parte dell'avventura abbiamo veduto
essere un racconto d'antica data, riferito prima al mago Eliodoro, dopo
di lui a Virgilio, e poscia anche a Pietro Barliario tuttora noto al
nostro popolo meridionale, così anco il seguito di quella avventura, al
pari di altri fatti attribuiti a Virgilio ed a Barliario, era già stato
appropriato ad Eliodoro. Costui, diceva la leggenda, per sottrarsi alla
pena meritata, si mise a disegnare sulla parete con un bastoncello una
nave colle sue vele e i suoi marinari, e per arte diabolica cambiato
il disegno in nave reale, vi si pose dentro e fuggì di Sicilia[277].
Così di Virgilio si disse che anch'egli dopo aver fatto quel brutto
tiro alla donzella che lo aveva burlato, fu posto in prigione, da cui
però seppe liberarsi disegnando sulla parete un vascello, che divenuto
reale e sollevatosi in aria, trasportò da Roma a Napoli lui e tutti gli
altri carcerati[278]. Questo fatto che ricorre anche nella leggenda
di Barliario[279], lo troviamo applicato a Virgilio, non solo nel
_Mirabilia_ ma anche nella cronica mantovana detta _Aliprandina_ perchè
scritta in versi da Bonamente Aliprando nel 1414, della quale appunto
qui dobbiamo parlare.

In nessuna delle tre città principali che si collegano alla vita di
Virgilio questi lasciò le impressioni che lasciò in Napoli. Mantova
presso alla quale egli nacque, ma dove non istette, a quanto sembra,
che poco, non diede alcun prodotto fantastico intorno a lui. Nel medio
evo senza dubbio Mantova non dimenticò mai di esser patria di Virgilio,
e come vediamo da Donizone[280], alcune località di quei dintorni
portavano il nome del poeta o si congiungevano con questo come abitate
o frequentate da lui. Ma ciò si riferiva, a torto o a ragione, alle
reali memorie biografiche del poeta e non includeva in alcuna guisa
l'idea di una sua attività miracolosa. Se Mantova coniò moneta colla
sua effigie[281], se gli eresse una statua[282], ciò fu un omaggio
a lui reso dalla classe istruita del paese, nel quale è impossibile
riconoscere la presenza di tradizioni fantastiche relative al poeta.
Una prova di questo che io asserisco è appunto il poema in terzine che
sopra ho menzionato[283]. La rozzezza della composizione e le assurdità
in esso accumulate mostrano nel modo più evidente che se Mantova avesse
avuto tradizioni leggendarie speciali intorno a Virgilio, l'autore
sarebbe stato uomo da conoscerle e da riferirle scrupolosamente. Ma in
esso non troviamo assolutamente nulla di simile. Egli parla di Virgilio
come di una delle glorie mantovane, e ne tesse una biografia in parte
desunta da quella di Donato, ed in parte dalle leggende virgiliane
dell'epoca, estranee a Mantova. Incomincia dal parlare, seguendo
l'antico biografo, del babbo e della mamma di Virgilio, e del sogno
fatidico avuto da questa, dopo il quale:

    «La donna fece l'animo giocondo
    E quando venne lei al partorire
    Nacque il figlio maschio tutto e tondo.»

Poi parla delle fattezze, degli studi e delle opere di Virgilio, delle
terre da lui perdute, ma che poi riacquistò, facendosi conoscere da
Ottaviano mediante il famoso _Nocte pluit tota etc. etc._

Dopo aver parlato della profezia del Cristo, viene l'Aliprando a
narrare l'avventura del paniere, la vendetta, e la prigionia del poeta,
il quale da questa si libera nel modo che ho detto di sopra. Aggiunge
che in viaggio, Virgilio per procurarsi vivande mandò uno spirito a
prenderne dalla mensa di Ottaviano, il quale vedendole sparire:

    «. . . . senza mancamente,
    Disse: Virgilio questo ha fatto fare;
    E della beffa rallegrò la mente.»

È noto come, all'infuori del nome di Ottaviano, lo stesso fatto
siasi raccontato di altri maghi; e del resto anche esso ritrovasi nel
libretto popolare che ho già citato, relativo a Pietro Barliario[284].
Delle opere maravigliose di Virgilio l'Aliprando non conosce che poche.
Quelle ch'ei nomina si riducono alla mosca incantata, che, secondo quel
ch'ei dice, era una mosca posta in un _vetro_, ed al _Castel dell'ovo_
ch'ei dice fabbricato in mare da Virgilio. A queste però aggiunge una
fontana d'olio[285] fatta dal poeta per uso del popolo napoletano. La
morte di Virgilio è da lui narrata a tenore della biografia attribuita
a Donato, e dopo avere aggiunto qualche notizia sulla sepoltura,
conchiude con la seguente orazione funebre, capo d'opera d'eloquenza,
ch'ei pone in bocca ad Ottaviano:

    «Di scienza è morto lo più valente
      Non credo che nel mondo il simil sia.
    Prego Dio che grazia gli consente,
      Che l'anima sua debba accettare;
      Le sue virtudi non m'usciran di mente.
      Ben mi dolgo. Non posso io altro fare.»

Ad onta però di questa orazione funebre e ad onta della predizione
del Cristo, Virgilio presso l'Aliprando è un mago in piena regola, in
ottimi rapporti con Satanasso, e munito del suo indispensabile libro
magico. Giunto a Napoli dopo la sua fuga da Roma, s'accorse d'aver
dimenticato questo libro, e mandò a Roma Milino[286] suo discepolo
a prenderlo, raccomandandogli di non aprirlo; il che era lo stesso
come dirgli: «aprilo.» Infatti postosi Milino in via, gli venne
voglia d'aprire quel libro e, senza troppo lottare colla tentazione,
l'aprì. Tosto una moltitudine di spiriti gli si fece innanzi, urlando:
che vuoi? che vuoi? Allora Milino, per levarseli d'attorno, ordinò
che selciassero tutta la strada da Roma a Napoli. — Questo racconto
era una semplice ampliazione dell'altro che abbiamo già menzionato,
relativo alla grotta di Pozzuoli, alla quale infatti lo riferisce
Felice Hemmerlin che nel 1426 aveva visitato Napoli[287]. Con lievi
varianti esso ritrovasi nella poesia, già citata, di Enrico da Müglin
(XIV sec.)[288], e ad esso certamente allude Fazio degli Uberti
quando, descrivendo il suo passaggio da Roma a Napoli, rammenta nel
_Dittamondo_[289]

    «quella fabbricata e lunga strada
    che di Virgilio fa parlare assai.»

L'Aliprando mescolando com'ei fa la leggenda e le notizie storiche, ci
conduce ad occuparci della biografia virgiliana che porta il nome di
Donato. Come io già feci notare nella prima parte di quest'opera[290],
questa biografia contiene interpolazioni di diverso genere, le più di
origine affatto letteraria, taluna di origine popolare. Quanto v'ha
di estraneo all'attività propria e reale del poeta, si riduce ad un
racconto nel quale Virgilio figura come un savio che principalmente
si fa notare da Augusto per la sua abilità in fatto di mascalcia.
Generalmente la ricompensa che Augusto gli facea dare consisteva
in pane, trattandolo come uno stalliere qualsivoglia. Avendo egli
un giorno perfettamente indovinato da quali genitori provenisse
un cavallo. Augusto che avea qualche dubbio sulla propria origine,
volle mettere il talento di lui alla prova, interrogandolo su di ciò.
Virgilio rispose ch'ei doveva essere figlio d'un fornaio, e richiesto
da che lo deducesse, soggiunse ch'ei se ne accorgeva dalle ricompense
che aveva da lui ricevute. Ognun vede che qui trattasi piuttosto di una
risposta più o meno spiritosa, che di un fatto in cui Virgilio figuri
come mago. Il solo rapporto che vi troviamo coll'idea fondamentale
della leggenda, è la sapienza quasi soprannaturale del poeta per la
quale anche in fatto di mascalcia sa cose che altri non avrebber
saputo. Da ciò il Roth argomenta che questo racconto possa essere
stato introdotto nella biografia di Virgilio in Italia, da qualche
napoletano, nella prima metà del XII secolo. Noi invece crediamo che
ciò sia accaduto in epoca assai più recente. Il Roth nota egli stesso
che l'aneddoto non s'incontra in esemplari di Donato anteriori al XV
secolo, e che in un codice di Berna del X secolo esso manca affatto;
di più, lo stesso aneddoto ricorre attribuito ad un savio greco nel
_Novellino_ (seconda metà del secolo XIII)[291] e ricorre pure nelle
_Mille ed una notte_[292]. Noi aggiungiamo che Buonamente Aliprando,
il quale fa tanto uso di quella biografia, ignora affatto l'aneddoto,
e che questo non si incontra attribuito a Virgilio in veruno scrittore
anteriore al secolo XV, che parli o no di Virgilio mago; mentre se,
come crede il Roth, fra questo racconto e il cavallo di bronzo della
leggenda napoletana ci fosse qualche rapporto, l'aneddoto dovrebbe pur
trovarsi presso gli scrittori che riferiscono leggende virgiliane.
Dopo tutte queste considerazioni a me par difficile persuadersi che
l'aneddoto possa essere stato introdotto nella biografia virgiliana
prima del secolo XV[293]. Comunque sia, certo è che esso sta da sè,
e che quella biografia mentre si è ingrossata con racconti d'origine
puramente letteraria, pochissimo ha subìto l'influenza delle leggende
d'origine popolare. Piuttosto essa ha servito, come abbiam veduto,
a dar qualche notizia a taluni scrittori di leggende virgiliane, i
quali ne hanno fatto uso adattandola ai loro intenti. In qualche altra
biografia del poeta scritta in latino per uso scolastico, in questa
ultima epoca del medio evo, si ritrova anche più apertamente l'idea
del mago e dell'astrologo, ma senza grandi sviluppi. In una biografia
latina inedita che già ebbi occasione di citare[294], Virgilio è
detto grande mago, medico e astrologo, e viene descritta la mirabile
_Salvatio Romae_ a lui attribuita.

Gittando uno sguardo su tutto questo che abbiamo notato intorno alla
leggenda virgiliana in Italia, noi possiamo conchiudere che nel nostro
paese essa non prese mai quelle proporzioni a cui giunse all'estero.
La parte di essa che meglio trovò passo fra noi, fu l'avventura della
cesta che, raccomandata dalla morale o dal burlesco, fece il giro
dell'Europa. All'infuori di questo racconto, che, come abbiam visto,
riconosce un'origine affatto separata dal resto della leggenda, il
Virgilio mago e diabolico è fra noi un'eco vaga di quanto ripetesi al
di fuori, piuttostochè un tipo riccamente caratterizzato come lo è
altrove. Nel XIV secolo, mentre la leggenda avea avuto fuori quello
sviluppo che abbiamo veduto, l'autore della _Cronica di Partenope_
non ne sa gran cosa di più di quello se ne raccontava a Napoli prima
che la leggenda si diffondesse in Europa. Boccaccio conosce appena
due o tre fatti della leggenda napoletana; l'Aliprando, infine, sul
principio del secolo XV non ha del Virgilio mago che una idea mal
determinata e rozzamente contradittoria, mentre ignora la massima parte
della leggenda, tanto napoletana che estera. Nè la _Cronica_ inoltre
nè l'Aliprando, nel narrare fatti leggendari, perdono mai di vista il
Virgilio poeta, contrariamente a ciò che vediamo accadere presso tanti
altri all'estero. Nel XVI secolo poi troviamo un fatto che mostra come
in Italia poco piacesse veder mescolato il nome del poeta a quelle
fiabe. L'anonimo scrittore dei _Compassionevoli avvenimenti_ di Erasto
nel rifare il testo del _Roman des sept Sages_ che avea sott'occhio,
riferisce bensì il fatto del fuoco inestinguibile e l'altro dello
specchio maraviglioso che in quello trovava, ma in pari tempo sopprime
il nome di Virgilio ed a Roma sostituisce Rodi. E veramente ben si
può intendere come poco potessero quei racconti prosperare fra noi,
quando si rifletta come fra noi appunto avesse luogo in quell'epoca il
risorgimento degli studi classici. Quanto meglio si venivano studiando
gli antichi scrittori con metodo serio, e nella realtà dell'esser loro,
svincolandosi dalla cieca ammirazione tradizionale, tanto più si veniva
dissipando l'aureola fittizia o leggendaria di cui il medio evo ne avea
attorniato il nome. È chiaro adunque che essendo noi stati i primi
a rialzare accesa la face del sapere, le leggende virgiliane dovean
bruciarsi le ali fra di noi, e tenersi a distanza, solo in piccola
parte circolando timidamente, a mala pena protette dalla superstizione,
o dal burlesco.



CAPITOLO X.


Ed ora possiamo farci a dir qualcosa in succinto dell'ultima fase per
cui passò la leggenda all'estero. Come abbiamo già detto, quest'ultima
fase doveva essere una specie di sintesi delle antecedenti, e come
la risultante di esse; e tale fu realmente. Riunite e sviluppate in
un'ampia biografia, trovansi le leggende virgiliane nella cronica
liegese di Jean d'Outremeuse intitolata _Myreur des histors_[295].
Questa cronica è una compilazione tolta da molti scrittori (di varie
epoche fino al sec. XIV) che l'autore stesso nomina in principio e
da molti altri che non nomina; particolarmente in ciò che concerne
la storia antica, è un enorme guazzabuglio d'ogni sorta di leggende
e di fantasticherie innumerevoli. La biografia di Virgilio trovasi
in essa mescolata con altri racconti che l'interrompono a quando a
quando, poichè l'autore non dimentica che, scrivendo una cronica,
prima sua guida devono essere le date; ed a queste tiene talmente che,
non avendole, le inventa; il che, trattandosi per lo più di leggende,
gli avviene nella massima parte dei casi. Nondimeno lasciando a parte
tutte le date immaginarie che la legano e la mescolano al resto,
quella biografia può benissimo considerarsi come un lavoro staccato che
l'autore ha composto separatamente prima di distribuirne le varie parti
nella cronica secondo le date. E questo lavoro è curiosissimo a più
d'un riguardo.

L'autore ha avuto sott'occhio l'_Image du monde_ principalmente, ed
oltre a questa altri testi francesi e latini nei quali si parlava di
maraviglie virgiliane. Egli ha cercato di riunire più fatti leggendari
che potesse, talvolta anche dando come fatti diversi due o più versioni
di uno stesso fatto[296]. Altri fatti ha aggiunto del suo, altri ha
sviluppati con un lavoro di fantasia che poteva esser meglio impiegato.
In tutto questo però egli ha cercato di tener più lontano che fosse
possibile il personaggio reale, e si è guardato bene dal fare come
l'Aliprando ed altri, che mescolano le notizie tratte da Donato alle
leggende. Il Virgilio ch'egli ci presenta offre tre differenti aspetti,
tutti e tre leggendari, cioè il mago, il profeta di Cristo, il galante.
L'esclusione di ogni fatto storico è tanto più notevole che essa è
fatta di proposito, poichè l'autore era senza alcun dubbio uomo da
conoscere le poesie e le antiche biografie virgiliane, e nel suo lavoro
si vede chiaro ch'egli s'è dato da fare per accumular più notizie che
poteva. Se poi egli ha tenuto ad allontanare ogni idea che rammentasse
in modo troppo preciso il personaggio storico, ha anche rincarato
sul personaggio leggendario, spingendo al massimo grado tutto quanto
potesse caratterizzarlo nei tre aspetti summentovati.

La scena dei fatti di Virgilio riman sempre Roma e Napoli, ma la sua
origine non è italiana: Virgilio era figlio di Gorgilio re di Bugia
in Libia. Partito in cerca d'avventure, arrivò nel regno dei Latini
dove il re, che era zio di Giulio Cesare, tanto gli parlò di Roma,
che s'invaghì d'andarvi e vi andò. Tedioso però ed inutile sarebbe
riferire qui tutta la farragine di bizzarre e balorde fantasticherie
che trovansi ammassate in questa biografia. Noterò solamente quanto
può servire a mostrare il rapporto di essa colle leggende che già
conosciamo, in modo generale. — Tutto quanto abbiamo riferito intorno
a Virgilio mago era più che sufficiente a caratterizzarlo con colori
assai vivi come tale, e quindi Jean d'Outremeuse non avea bisogno per
questo lato di aggiungere gran cosa a quanto aveva raccolto da varie
parti. Nondimeno egli alcune cose ha aggiunto, talune delle quali
non servono che ad aumentare in qualche modo il grandioso del genere
di vita che la magia dovea procurare a Virgilio. Così, fra le altre,
nuova è l'aggiunta di certi desinari che dà il mago, nei quali, per
divertimento degli invitati, egli fa eseguire dai suoi folletti ogni
sorta di giuochi e di beffe ridicole[297].

Molto più notevole è lo sviluppo che Jean d'Outremeuse ha dato all'idea
di Virgilio profeta di Cristo. Abbiamo veduto altrove come e quando
nascesse questa idea, di origine non popolare, ma poi divenuta tale.
Alle leggende relative a Virgilio mago essa veramente non si mescolò
che poco[298], quantunque non mancassero taluni contatti da noi già
notati; ma Jean d'Outremeuse, che in questo genere faceva di ogni erba
fascio, s'incarica di mescolarcela per bene. S'era detto che Virgilio
nel riferire le parole della Sibilla avesse servito di testimonio alla
fede, senza saperlo; ma s'era anche detto da qualcuno ch'egli coi noti
versi della quarta ecloga intendesse realmente profetare il Cristo.
Jean d'Outremeuse va più oltre, e siccome non pare che ami parlare dei
versi del poeta, come quelli che ricorderebbero il personaggio reale,
egli non rammenta nè quei versi nè la Sibilla, ma introduce Virgilio a
fare ogni sorta di sermoni ai Romani ed anche agli Egiziani, nei quali
non si contenta di predire la venuta di Cristo, ma entra in tutti i
particolari della vita e morte del Salvatore, spiega l'unità di Dio, la
trinità e tutti gli articoli del _Credo_, e così converte molti alla
fede che dovea venire. Tutto ciò non gl'impediva di fare il mago; ma
quando la famosa testa gli predisse la sua morte prossima, allora mandò
in malora tutti i folletti che lo servivano, e s'umiliò dinanzi a Dio
facendo il suo atto di fede, scrisse un libro sulla dottrina cristiana,
diede un ultimo desinare per congedarsi e inculcar nuovamente le
credenze cristiane, si fece anche battezzare in modo provvisorio, e
finalmente si dispose a morire tenendo dinanzi un libro di teologia e
stando seduto su di un seggiolone, sul quale di sua mano avea scolpito
tutti i fatti del nuovo testamento, dall'Annunziazione all'Assunzione.
E così rimase che neppur parea morto, finchè venuto San Paolo in
cerca di lui e tiratolo pel manto, cadde in cenere. L'apostolo pianse
credendolo morto pagano, ma si consolò leggendo il libro ch'ei lasciò
scritto.

Come all'idea del profeta, così Jean d'Outremeuse ha saputo dare grande
sviluppo all'avventura della cesta che, amplificata e modificata,
costituisce il fondo di tutta la parte galante della sua biografia
virgiliana. Poche donne furono così perdutamente innamorate quanto fu
di Virgilio, che pur non avea mai veduto ma di cui molto avea inteso
parlare, la bella Febilla figlia di Giulio Cesare. Tanto cocente ed
irrefrenabile fu questo amore, che posto da banda ogni riguardo,
chiamato a sè Virgilio, l'imperiale donzella gli fece la seguente
troppo disinvolta dichiarazione: «Sire Virgile, dites-moy se vos
aveis amie; car se vos me voleis avoir, je suis vostre por prendre à
femme ou estre vostre amie; s'il vos plaiste.» Virgilio rispose che
veramente, quanto a prendere moglie, non era ne' suoi desiderî, ma che
l'amerebbe volentieri, se così le piaceva. Così incominciò fra loro una
tresca amorosa che durò a lungo. Intanto Virgilio operava prodigi, e
col crescere della sua fama, cresceva in Febilla a dismisura l'amore
e la voglia di chiamarsi sua legittima consorte. Ogni volta però
che Febilla toccasse questo tasto, e ciò accadeva sovente, Virgilio
rispondeva che pel momento aveva altro a pensare, «ilh moy convient
penser à outres chouses», e che i suoi studi non gli permettevano di
ammogliarsi; se però un giorno gli venisse questa voglia, essa sarebbe
la preferita. Ma quel giorno non arrivava mai, e Febilla insisteva;
e Virgilio duro. Finalmente stanca di vedersi rimandare alle calende
greche, un bel giorno inventò una favola del babbo che aveva tutto
scoperto e minacciava terribili punizioni. Non l'avesse mai detto!
Virgilio che la sapeva più lunga di lei, rispose che raccontasse ad
altri quelle fandonie, e che di matrimonio egli non ne voleva sapere;
però se le piacesse, volentieri continuerebbe la loro relazione come
prima. Febilla sdegnata finse accettare, meditando vendetta; disse che
il padre, per impedire ogni rapporto fra loro, voleva rinchiuderla in
una torre; ch'essa però gli proponeva di farlo entrar dalla finestra,
facendolo tirar su in una cesta. E qui ha luogo il fatto che già
conosciamo, ma in modo ben diverso. Jean d'Outremeuse s'è accorto
di ciò che abbiamo notato, che cioè il Virgilio mago della seconda
parte del racconto mal si poteva accordare col Virgilio beffato
della prima; quindi ha introdotto in questa una variante che toglie
la contradizione. Virgilio, secondo il suo racconto, s'accorse della
trappola che gli era tesa, ma per fare che a Febilla succedesse come
ai pifferi di montagna, finse di non accorgersene, e nella cesta fece
entrare uno spirito che animava un fantoccio di sembianza affatto
eguale alla sua. Lo spirito recitò benissimo la sua parte, e quando il
giorno dipoi l'imperatore, chiamato a punire lo scellerato seduttore
di sua figlia, sguainata la spada, diede un gran colpo sul capo al
supposto Virgilio, rimase tutto sconcertato vedendo uscire dalla
ferita, in luogo di sangue, un fumo puzzolente e così denso che i
Romani si trovarono al buio come di notte.

Non contento di ciò, Virgilio se ne andò da Roma portando via il fuoco,
ma mosso dalle preghiere dell'imperatore e del popolo romano, si piegò
a far la pace. Non potè tenersi però dal fare un altro brutto scherzo
alla povera Febilla, poichè dispose in modo coi suoi incanti che tutte
le donne che trovavansi in un certo tempio, si mettessero a proclamare
ad alta voce ogni loro segreto; e fra queste era Febilla, che pare ne
raccontasse delle belle. Intanto ha luogo la morte di Giulio Cesare,
a cui succede Ottaviano, a dispetto della vedova che pretendeva il
trono toccasse a lei. D'accordo colla figlia Febilla, essa cerca il
modo di sbarazzarsi di Ottaviano e di Virgilio, grande ausiliare di
lui. Ma Virgilio, che tutto sa e tutto prevede, organizza col mezzo
dei suoi spiriti una nuova burla, che qui per brevità non raccontiamo,
in seguito della quale le due donne, credendo avere ucciso Ottaviano
e Virgilio, s'accorgono d'avere ucciso due mastini. Virgilio che però
alla burla volea far seguire la punizione, va su tutte le furie quando
sa che le due colpevoli si son dileguate per opera del senato, e,
nell'ira, abbandona Roma per sempre, portando via il fuoco e facendo
sapere ai Romani che se ne vogliono avere vadano a procurarsene sulla
persona di Febilla. Costei costretta a sottoporsi a quel supplizio,
muore di vergogna e di rabbia. E qui finiscono i rapporti di Virgilio
col sesso femminile, secondo il _Mireur des histors_. Della _Bocca
della verità_ parla anche Jean d'Outremeuse, ma dell'aneddoto a questa
relativo non fa parola.

Come i lettori avranno già osservato, Jean d'Outremeuse non ha
fatto che amplificare più che ha potuto i vari dati della leggenda,
riducendola ad un assieme più compatto, ritoccandone e rafforzandone
i tratti principali. Ma questa sua versione rimasta confinata in una
cronica voluminosa e di poco grido, mentre come sintesi ci offre il
quadro di tutto uno stadio della leggenda, rimane un'opera individuale
affatto sprovvista di conseguenze nella vita della leggenda stessa
che non ne subì l'influsso. Infatti il libretto popolare relativo a
Virgilio, che troviamo notissimo e diffuso in Europa fin dal secolo
XVI, ha un carattere affatto diverso da questa versione, colla quale
non ha in comune che alcuni racconti attinti alle stesse sorgenti.
Basta un leggero esame per accorgersi che questo libro è nato
certamente in Francia[299]. Non se ne conoscono manoscritti, ma non
pare che la sua composizione sia anteriore all'invenzione della stampa,
e la più antica versione stampata che se ne conosca è la versione
francese, intitolata: _Les faits merveilleux de Virgille_, della quale
esistono più edizioni rarissime del principio del secolo XVI e due
stampe moderne, anch'esse assai rare[300]. La popolarità di questo
libretto fu tale che passò tradotto a varie nazioni. Se ne conoscono
a stampa tre traduzioni, inglese[301], olandese[302] e tedesca[303],
oltre ad una inedita islandese[304]. Come accade nelle traduzioni dei
libri popolari, queste presentano delle varianti, ma di poca entità,
come quelle che se aggiungono un racconto o ne sostituiscono talvolta
uno ad un altro, non alterano punto il carattere generale del romanzo.

L'idea del profeta, che è tanto sviluppata ed ha sì gran parte nella
favola tessuta da Jean d'Outremeuse, manca totalmente nel libretto
popolare. In questo inoltre, quanto ai fatti maravigliosi operati
da Virgilio, non s'incontra quell'opera d'erudito che offre Jean
d'Outremeuse, il quale ne cerca dappertutto, e non vuole ometter nulla
di quanto ha trovato scritto intorno a ciò. Nei _Faits marveilleux_
una quantità di queste opere, particolarmente di quelle che consistono
in talismani, come la mosca, il cavallo e simili, sono omesse. In
compenso, altre parti della leggenda sono trattate con assai maggior
libertà, di quello lo siano presso Jean d'Outremeuse.

Incomincia il libretto con una leggenda relativa alla fondazione
di Roma e della città di Reims, leggenda che esisteva già
indipendentemente dal libretto virgiliano e che incontriamo nel _Roman
d'Atis et Profilias_[305]. Virgilio nacque da un cavaliere delle
Ardenne, non molto dopo fondata Roma, e quand'ei venne alla luce tutta
Roma tremò. Mentre studiava a Toledo seppe che alla madre erano stati
usurpati i beni, e chiamato da essa, accorse a Roma. Non avendo potuto
ottenere giustizia dall'imperatore[306], egli perseguita i suoi nemici
con incanti, e assalito dall'imperatore stesso nel suo castello, sa
fare in modo colle arti magiche che questi deve rinunziare a fargli
guerra, e deve reintegrarlo nei suoi beni. In questa aggiunta è facile
riconoscere, come idea fondamentale, una reminiscenza di un fatto
biografico tramandato dall'antichità intorno a Virgilio, e ben noto
a chiunque ha letto la prima ecloga. L'avventura della cesta che in
Jean d'Outremeuse ha subito tutti quei cambiamenti che abbiamo visto,
nel libretto rimane intatta. A questa però ed all'aneddoto relativo
alla _Bocca della verità_ (cambiata in questa versione nella bocca
di un serpente di bronzo), sono venuti ad aggiungersi altri fatti
che danno al libretto tutte le caratteristiche del romanzo. Virgilio
era ammogliato; e fra le tante cose di pubblica utilità avea fatto
una statua che si teneva librata in aria ed era visibile da ogni
punto della città. Questa statua avea la proprietà di scacciare da
qualsivoglia donna la vedesse ogni men casto pensiero[307]. Ciò non
parve bello alle Romane, che istigarono la moglie di Virgilio a toglier
di mezzo quell'impaccio; e costei di fatti, in un momento in cui suo
marito era assente, servendosi di un maraviglioso ponte fatto da lui,
la buttò giù. Virgilio tornò, si crucciò, e ripose la statua al posto;
la moglie di nuovo esortata dalle Romane, volle gittarla giù; ma questa
volta il marito la colse sul fatto, e la mandò a raggiungere la statua.
Scoraggiato allora ei rinunziò a lottare colle male voglie femminili:
«pour bien je l'avoye faite (la statue); mais plus ne m'en meslerai et
facent les dames à leur voulentè»[308].

Se anche questo aneddoto è aggiunto agli altri due nello stesso
spirito persecutore del sesso femminile, non così le altre avventure
galanti che a questo fan seguito. Disgustato della moglie, Virgilio si
rammenta d'aver udito parlare di una bellissima figlia del Soldano di
Babilonia. In un baleno arriva presso di lei, la seduce, e la trasporta
per l'aria fino a Roma. Quando però la damigella volle tornare presso
suo padre, egli immediatamente la riportò là dove l'avea presa e
tornò a Roma. Il Soldano chiese alla figlia dove fosse stata e con
chi, e questa raccontò tutto l'accaduto, tranne il nome del rapitore,
a lei ignoto. — Quando egli ritorni, le disse il Soldano, pregalo di
darti alcune frutta del suo paese. — E così essa fece; e il Soldano
conobbe di qual paese fosse il seduttore di sua figlia. Ma ciò non
bastava. — Quando egli ritorni, ingiunse di nuovo il Soldano alla
figliuola, tu farai in modo che, prima di porsi a giacere, beva di
una pozione soporifera che io ti darò; così sapremo chi egli sia. —
Ma la vera ragione di questo agguato, era ch'egli voleva impadronirsi
del seduttore per punirlo. Ed infatti Virgilio e la sua druda presi e
legati e posti in prigione, furon condannati ad essere arsi vivi. Ma il
giorno dell'esecuzione Virgilio fece un incanto tale che al Soldano e
a tutti quanti lì erano parve che il fiume straripato allagasse. Tutti
credendosi sott'acqua e minacciati d'affogare, facevano atto di nuotar
disperatamente, mentre il mago, dinanzi agli occhi loro sollevatosi in
aria, trasportava a Roma la sua bella. Proponendosi di darle marito e
volendo accrescerle la dote, fondò per lei la città di Napoli, tanto
bella, che l'imperatore di Roma, invogliatosi d'averla, l'assediò;
ma Virgilio coi suoi incanti lo costrinse a ritirarsi, e la damigella
allora fu maritata ad un nobile di Spagna che aveva aiutato Virgilio
nella difesa della sua città[309]. In Napoli egli pose una scuola di
negromanzia, fece un ponte per uso dei trafficanti, e molte altre belle
cose, fissandovi la sua dimora finchè morì.

La leggenda per lo innanzi, come abbiam visto, aveva accettato,
aggiungendovi certe circostanze, la tradizione storica relativa alla
morte di Virgilio. Ma a chi compose i _Faits merveilleux_ non parve
degno di un tanto uomo il morire d'una semplice e volgare infiammazione
cerebrale. Secondo la versione francese di questo libretto popolare,
Virgilio un dì, essendosi posto in mare per diporto, fu sorpreso da
una forte burrasca e non si rivide più, nè se ne seppe più nuova. Più
grandioso e più degno della sua vita è il genere di morte che a lui
fa fare la versione inglese, olandese e tedesca. Virgilio accortosi
d'esser vecchio, volle aver ricorso alle sue arti per ringiovanire.
Dopo aver dato tutte le istruzioni necessarie al suo servo fedele, si
fece tagliare a pezzi e salare da costui. Tutto essendo stato eseguito
con esattezza, la cosa procedeva assai bene e la rigenerazione già
cominciava ad effettuarsi. L'imperatore però che, divenuto amico
grande di Virgilio, molto stava in pena non vedendolo da più giorni,
sopraggiunto inopportunamente, ruppe, senza saperlo, l'incanto. Allora
fu visto un fanciullino tutto nudo fare tre volte il giro della tina
che conteneva le carni di Virgilio, gridando: «maledetta l'ora che qui
venisti»; dopo di che sparì, e il poeta rimase morto. Questo racconto
che rammenta l'antica favola di Medea e Pelia, s'incontra non di rado
negli scrittori del medio evo[310] senza il nome di Virgilio, al quale
lo troviamo applicato assai tardi. Per una singolare combinazione esso
fu applicato anche a Paracelso che nelle sue opere parla di Virgilio
mago!

L'avventura colla figlia del Soldano affatto diversa nell'indole
sua da tutte le altre, nelle quali Virgilio figura alle prese colle
astuzie femminili e in guerra col bel sesso, è in questo libretto
un'aggiunta presa certamente, come le altre aggiunte d'altro genere,
da altri racconti popolari[311] e forse da qualche romanza spagnuola.
Certo, benchè da lontano, non ad altro che a questo dei racconti
virgiliani può ravvicinarsi il _Romance de Virgilio_[312] che troviamo
nel _Romancero_ del 1550. In esso il Virgilio della leggenda è appena
riconoscibile; il mago potente e prepotente s'è dileguato, non però
per cedere il posto al profeta, all'enciclopedico e molto meno al
poeta. L'unica caratteristica che rammenti il Virgilio leggendario in
questa romanza è quella dell'innamorato. Virgilio in essa è un buon
_hidalgo_ che punito per una colpa amorosa, sopporta la pena con santa
pazienza, ed in premio della sua rassegnazione ottiene l'oggetto dei'
suoi desideri, da cui è riamato, e con cui si marita in grazia del re e
di monsignore arcivescovo[313]. Riferirò qui la romanza stessa tradotta
pedestremente:

«Comandò il re che Virgilio fosse arrestato e posto in luogo sicuro
per cagione di un tradimento ch'ei commise nel palazzo reale, poichè
fece violenza ad una giovane chiamata donna Isabella. Sette anni lo
tenne in prigione senza che di lui si rammentasse. E una domenica
stando a tavola[314] di lui si rammentò. — Miei cavalieri, e Virgilio?
che n'è di lui? — Allora parlò un cavaliero che a Virgilio portava
affetto: — «prigione lo tiene tua Altezza, in carcere lo tiene.» —
«Su mangiamo, mangiato che avremo si andrà a veder Virgilio.» — Allora
parlò la regina: — «Senza di lui non mangerò io.» — Alle carceri sen
vanno là dove Virgilio sta. — «Che fate qui Virgilio, Virgilio che
fate?» — «Signore, pettino i miei capelli e pettino la mia barba. Qui
mi crebbero e qui dovranno incanutire, che oggi compiono sette anni
da che mi facesti arrestare.» — «Chetati, chetati Virgilio, che a
dieci ne mancano tre.» — «Signore, se l'ordina tua Altezza, tutta la
vita mia ci rimarrò.» — «Virgilio, in premio di tua pazienza verrai a
mangiar meco.» — «Lacere sono le mie vesti, nè così posso presentarmi.»
— «Io te ne darò, Virgilio, io ordinerò che te ne diano.» Ciò piacque
ai cavalieri e piacque alle donzelle, e molto più piacque a una dama
chiamata donna Isabella. Chiamano un arcivescovo e con Virgilio la
maritano. Ei la prende per mano e seco la mena in un verziere.»


Così si chiude la lunga storia delle varie e bizzarre vicende che subì
la grandiosa nominanza del poeta fino a tutto il medio evo. Dopo il
secolo XVI le leggende virgiliane si dileguano e solo ne rimane la
notizia agli eruditi. Il regno della credulità vacillava e cadeva;
le fole e i fantasmi ch'esso generò, nudrì, e accreditò sparivano
dinanzi alla luce viva della ragione e della critica irresistibilmente
progredienti e trionfanti, dinanzi alla filosofia dell'esperienza che
segnava per sempre la via unicamente sicura alla indagine del vero.
Da queste irradiata, la più alta e nobile regione dell'attività umana
liberavasi dai prodotti degli spiriti incolti, dai sogni di un'epoca
di aberrazione, e li eliminava dall'opera del pensiero scientifico
ed artistico. La cosa però non avveniva senza contrasti, e poichè già
propriamente scientifica era la nuova via sulla quale il pensiero si
spingeva, le tracce delle leggende virgiliane incontransi ancora per
qualche tempo in talune opere dotte che hanno per soggetto le scienze
occulte. Già nei secoli XV e XVI Tritemio, Paracelso, Vigenère, Le
Loyer ed altri in opere di tal natura rammentavano le leggende della
magia virgiliana, e ci credevano, ed anche le aumentavano[315]. Poi
nel secolo XVII agitavasi fervidamente la questione se la magia e
la stregoneria fossero veramente cosa reale[316], questione puerile
adesso, ma paurosamente seria quando essa era sollevata dalle
fiamme dei roghi e dalle grida dei torturati; e quelli che opinavano
affermativamente rammentavano talvolta anche la magia virgiliana come
verità storica. Uomini che per la tempra dell'animo e la forma del loro
pensare aderivano ancora al medio evo, non riuscivano a persuadersi
che un _cancelliere_ quale fu Gervasio di Tilbury, avesse potuto
narrare cose non vere[317]. Ma l'assennato e dotto Gabriele Naudé
distruggeva quelle e tante altre simili favole in un libro che rimase
celebre[318], e che oggi può parere opera facile ed ingenua, ma non era
tale allora, nè infatti le mancarono oppositori. Il progresso ulteriore
e il completarsi del rinnovamento intellettuale fece poi dimenticare
a lungo il medio evo e vederlo come cosa lontana, poco degna di
attenzione e poco intelligibile. Le leggende virgiliane rimasero
allora rammentate talvolta dagli eruditi come una curiosità, e come
curiosità si conservavano in talune raccolte di oggetti antichi alcuni
specchi magici ai quali trovavasi attribuito il nome di Virgilio[319].
Nei tempi più prossimi a noi, quando cominciava quel movimento di
studi sul medio evo che tanto ha arricchito e illuminato la scienza
ai nostri giorni, l'idea che si aveva dell'antico poeta latino era
tanto lontana dall'idea medievale che mal s'intendeva come mai quelle
leggende avessero potuto prodursi, e più d'un dotto ricusò di credere
che in esse si trattasse del grande poeta latino, preferendo riferirle
a Virgilio vescovo di Salisburgo, o ad un altro qualunque Virgilio
medievale[320]. L'idea era erronea certamente ed avea contro di sè ogni
sorta di fatti evidenti che è facile rilevare dal nostro volume, certo
però essa era più sbrigativa di quella via lunga e intralciata che noi
abbiam dovuto seguire per intendere nelle sue cause, nella sua natura e
tutto intiero il Virgilio delle menti del medio evo.

In quanto è tradizione orale popolare, le leggende virgiliane non
rimasero vive dopo il medio evo che a Napoli e nel resto dell'Italia
meridionale, ove nacquero prima[321]. Sul Monte Vergine erano in piena
vita nel secolo XVII. Il P. Giordano, abate di quella congregazione, le
accetta come cosa storica, tessendo una strana biografia del poeta, con
opera di erudito, per la quale, oltre alle fonti storiche e leggendarie
già conosciute, si appoggia anche alla tradizione orale, aggiungendo
però anche molto che è evidentemente di sua invenzione[322]. Secondo il
P. Giordano, Virgilio aveva l'idea fissa di intendere il significato
dei libri sibillini, nei quali alludevasi alla venuta di Cristo. I
versi che segnò nella 4.ª ecloga erano desunti da quelli, ma senza
ch'ei ne intendesse il vero valore. Tanto studiò per intenderli e tanto
si rammaricò di non riescire che ne ammalò; per rimettersi in salute
chiese d'andare a Napoli, e Ottaviano lo fece console di questa città.
Per riposarsi delle gravi cure del consolato andò a passare alcuni
giorni in Avella, ove intese parlare del famoso oracolo di Cibele
che allora trovavasi su quel monte che poi fu chiamato Montevergine.
Andò ad interrogarlo sul significato delle profezie sibilline, ma non
ottenne risposta; rinnovò la domanda e l'oracolo disse: «Satis est;
discedite»; importunato però sempre più, l'oracolo rispose: «satis est;
nondum tempus.» Credendo ciò promettesse una risposta per l'avvenire,
Virgilio fecesi una villa su quel monte per dimorarvi e posevi il noto
giardino maraviglioso e medicinale. Ma risposta non ebbe mai; di che
venne in tanta malinconia che sempre gemeva e sospirava. Finalmente
perduta ogni speranza, risolvette di abbandonare i libri sibillini
e darsi alla composizione dell'Eneide e intraprese quel viaggio di
Grecia e d'Asia che gli fu fatale. — In questa narrazione, esposta
molto prolissamente dall'autore, troviamo una combinazione di elementi
storici e leggendari con elementi fantastici del tutto nuovi, dovuti
certamente al P. Giordano, che per essi non cita alcuna autorità orale
o scritta, come suol fare quando può.

A Napoli seguitarono quelle leggende, non senza modificarsi, a vivere
a lungo sulla bocca del popolo, ed ancora al principio di questo
secolo ne fanno menzione parecchi visitatori di quella città[323].
Uno di questi parla di una visita ch'ei fece alla _Scuola di
Virgilio_[324] e riferisce, non sappiamo quanto fedelmente, parte
della sua conversazione con un vecchio pescatore da lui trovato colà
e che dimorava ivi presso. Questi gli diceva: «Si sieda colà su quel
muricciuolo; là soleva sedersi Virgilio. Ivi l'hanno spesso veduto
col libro in mano. Era un uomo bello e florido; con arti magiche avea
saputo conservar la sua gioventù. Su tutti questi muri stavan disegnati
circoli e linee. Qui egli stava col principe Marcello e gl'insegnava i
segreti del mondo degli spiriti. Spesso nelle più orribili tempeste,
quando nessun pescatore ci si sarebbe arrischiato, essi si ponevano
in mare su di una barca. Non v'era rematore che temesse quando egli
trovavasi nella barchetta; e quando più orribilmente imperversava la
tempesta, più si compiaceva di trovarsi qui. Spesso si poneva a stare
su in cima al monte e di là contemplava il golfo. Molte cose furono
da lui scritte colà. Potrebbe darsi che fossero profezie, perchè non
era tempesta ch'ei non predicesse. Ei visitava i giardinieri e gli
agricoltori, dava loro molti utili consigli, ed insegnava loro sotto
quali segni meglio convenisse porre in terra la semenza. Spesso con
potenti parole magiche soleva disperdere la tempesta e la bufera appena
mostrasse venir giù dalla parte del Vesuvio, e per notti intiere lo
vedevano rimanere collo sguardo fisso sul monte, quando fin sul suo
capo sfolgoravano i lampi, probabilmente in tranquillo colloquio con
gli spiriti. — Da lungo tempo si aveva l'idea di fare una strada che da
Napoli passasse pel Posilipo. Ei vi provvide a un tratto. In una notte
i suoi spiriti compirono la strada che va per la grotta scavata nel
monte. Un'altra volta egli giovò ai napoletani in un modo maraviglioso.
Le zanzare si erano tanto moltiplicate in questi luoghi quanto in
Egitto ai tempi di Mosè. Ei fece una grossa mosca d'oro, che al suo
comando sollevatasi in aria scacciò tutti quegli ospiti incomodi. Così
pure una volta tutte le sorgenti e le fonti del regno eran divenute
pericolose per le innumerevoli sanguisughe che v'erano nate; con una
sanguisuga d'oro ch'ei fece e che gittò in una fonte tolse di mezzo
anche questo guaio. —

Il vecchio (aggiunge il viaggiatore) avrebbe ancora continuato a lungo,
ma già si era fatto scuro nella grotta. Lo ringraziai pei suoi racconti
e tornai via[325].

Oggi però anche in Napoli quelle leggende si vanno spegnendo; qualche
giovane dotto napoletano, studioso di cose popolari, mi assicurava
di non averne udito mai nulla; tuttavia qualche traccia ancora se ne
trova, singolarmente presso la grotta di Pozzuoli, ove un popolano
descrivevami la casa che su quel monte ebbe Virgilio, e narravami
come rimanesse forata da quella grotta; un altro diceva, circa uno
de' spiragli che veggonsi in questa, esser quella la finestra da
cui Virgilio era solito parlare colla sua bella. Neppure in altri
luoghi dell'Italia meridionale ed in Sicilia la memoria del grande
mago è ancora estinta. A Borghetto in Sicilia si narrava ancora due
o tre decenni fa una curiosa novella[326] di «Virgillu magu putenti
e putirusu che cummannava l'arti arbolica (diabolica) megghiu
di qualunqui magu,» nella quale vediamo il ricordo vivente della
magia virgiliana mescolato alle reminiscenze dei romanzi popolari
di cavalleria o _Rinaldi_, tanto cari a quegli isolani, e posto in
rapporto Virgilio con Malagigi, il gran mago di quelli. Si narra
che Virgilio era ammogliato per sua sventura con una donna cattiva e
infedele che davagli guai infiniti. Disperato ei si rivolse a Malagigi
che erasi fatto amico ed era «lu chiu forti maestru di cummannari
a spiriti e cavarcari la scupa», e confidategli le sue afflizioni
tanto lo commosse che colui lo iniziò ai segreti dell'arte magica e
al comando dei folletti, come solo mezzo a sottrarsi al dominio di
quella megera, perchè «Senza forza di magarìa, La mugghieri cummanna
e duminia.» Virgilio usò e abusò di questa sua potenza tanto facendo
tormentare la mala donna dai diavoli, che, comunque lo meritasse,
i diavoli stessi, pur costretti ad obbedire, ne erano impietositi;
chè sempre è proprio così «cu' havi virga 'n manu, si jetta allura a
l'abusu di potiri.» Quando però Virgilio venne a morte e l'anima sua
dannata si presentò all'inferno, trovò la porta sbarrata, e i diavoli
tutti d'accordo, temendo la sua prepotenza, ricusarono di riceverlo.
Ciò dispiacque a Malagigi, il quale pensò a provvedere; raccolte le
ossa e l'anima spersa di Virgilio le portò in un'isola vasta e fonda
e le ripose in una sepoltura di pietra grande come una bella casa,
senza coperchio, e dopo fattivi sopra potenti scongiuri, colà le
lasciò. Chi vada a quella sepoltura e guardi le ossa, tosto il cielo si
oscura rannuvolato e lampeggia e tuona e saetta, e il mare si mette in
terribile burrasca ingoiando barche e bastimenti. — In questa novella,
più che il riflesso del Virgilio alle prese col sesso femminile,
d'origine non napoletana, è notevole quello della leggenda, certamente
napoletana e antica, circa le ossa di Virgilio delle quali, come
vedemmo[327] già almeno nel XII secolo, secondo Corrado di Querfurt,
credevasi a Napoli che si trovassero lì presso in un castello tutto
cinto dal mare «e se vengano esposte all'aria si fa subito scuro d'ogni
dove, si ode lo strepito di una tempesta, il mare si commove tutto, si
solleva e mettesi a procellare.»

Quella sapienza maravigliosa e riposta per cui si credette a Napoli
che Virgilio facesse la grotta di Pozzuoli e altre mirabili opere
di utilità pubblica, divenuta stregoneria e già applicata, come
vedemmo[328], in leggende simili a Roma e ad altri luoghi, ritrovasi
ricordata ancora a Taranto nella tradizione popolare che attribuisce a
Virgilio quell'antica opera colossale che è l'acquedotto del Triglio.
Dicesi colà che «lo stregone Virgilio disputava alle streghe il dominio
di Taranto e quindi cercava di affezionarsi i tarantini con opere
ad essi accette. I tarantini in quel tempo erano afflitti da lunga
e penosa siccità, e niente avrebbe potuto essere a loro più gradito
che di avere acqua. Onde Virgilio dalla parte del Triglio cominciò a
costruire un acquedotto e lo condusse a termine in una notte; della
qual cosa furono oltremodo contenti i tarantini. Le streghe dalla parte
loro, non volendo rimanere inferiori al rivale, cominciarono anch'esse
l'acquedotto di Saturo; ma sul far dell'aurora non avevano compiuto
che la metà del condotto quando fu loro annunziato che l'acqua era
già in Taranto per opera di Virgilio a cui la città faceva festa e
plauso»[329].

A quell'estremo lembo d'Italia vedemmo giunta già la rinomanza della
magia virgiliana nel XIII sec., in Ruggieri Pugliese che vi alludeva
dicendo «e saccio tutta l'arte di Virgilio»[330]. Bello è vedere
tuttora vivente colà dopo parecchi secoli la ricordanza di quelle «arti
di Virgilio» a cui alludeva il rozzo benchè aulico poeta della scuola
siculo-provenzale, nel seguente ben più fino, sincero e grazioso canto
d'amore udito sulla bocca di una contadina in un piccol villaggio
presso Lecce, a non molta distanza da Brindisi ove il poeta morì[331]:

    «Diu! ci tanissi[332] l'arte da Vargillu!
    'Nnanti le porte to' 'nducìa[333] lu mare,
    Ca da li pisci me facìa pupillu[334]
    'Mmienzu le riti to' enìa[335] 'ncappare;
    Ca di l'acelli me facìa cardillu,
    'Mmienzu lu piettu to' lu nitu a fare;
    E suttu l'umbra de li to' capilli
    Enìa de menzugiurnu a rrepusare.»


  FINE.



TESTI

DI LEGGENDE VIRGILIANE



I.

CORRADO DI QUERFURT

(Ved. vol. II, pag. 24).


Vidimus etiam operosum opus Virgilii Neapolin, de qua nobis mirabiliter
Parcarum pensa dispensaverunt, ut muros civitatis eiusdem, quos
cantus fundavit et erexit philosophorum, imperialis iussionis mandato
destruere deberemus. Non profuit civibus illis civitatis eiusdem
imago, in ampulla vitrea magica arte ab eodem Virgilio inclusa,
arctissimum habente orificium, in cuius integritate tantam habebant
fiduciam, ut eadem ampulla integra permanente, nullum pati posset
civitas detrimentum. Quam ampullam sicut et civitatem in nostra habemus
potestate, et muros destruximus, ampulla integra permanente. Sed forte
quia ampulla modicum fissa est, civitati nocuit. In eadem civitate
est equus aereus, magicis incantationibus a Virgilio sic compositus,
ut ipso integro permanente nullus equus possit redorsari, cum tamen
de vitio naturali sit illi terrae proprium, ut ante equi illius
compositionem, et post eiusdem equi quantulamcunque corruptionem,
nullus equus sine dorsi fractura possit equitem aliquandiu vehere.
Ibidem est porta firmissima, instar castelli aedificata, valvas
habens aereas, quas nunc satellites tenent imperiales, in qua
constituerat Virgilius muscam aeream, qua integra permanente, nec
una musca civitatem potuit introire. Sunt ibidem in castro vicino
in supercilio civitatis, undique mari incluso, ossa Virgilii, quae
si libertati exponuntur aëris, totius facies aëris obscuratur,
mare funditus evertitur, et tumidis aestuat procellis, insperateque
consurgit strepitus tempestatis; quod nos vidimus et probavimus. Sunt
in vicino loco Baiae quarum meminerunt auctores, apud quas sunt balnea
Virgilii... Caeterum ad mentem reducimus quod apud Neapolin est quaedam
porta, quae Ferrea nuncupatur, in qua Virgilius omnes serpentes illius
regionis inclusit, qui propter aedificia subterranea et cryptas, quae
ibi plurimae sunt, abundant, quam solam inter caeteras portas destruere
timebamus, ne serpentes inclusi de carcere egredientes terram et
indigenas molestarent. Est in eadem civitate macellum, sic a Virgilio
constructum, ut caro animalis occisi in ipso per sex hebdomadas maneat
recens et incorrupta; si exportetur, foetet et apparet putrida. Est
ante civitatem Vesevus mons, ex quo ignis multos involvens cineres
foetidos intra decennium semel solet exhalare. Cui Virgilius opposuerat
hominem aereum, tenentem balistam tensam, et sagittam nervo applicatam.
Quem quidam rusticus admirans, eo quod semper balista tensa nunquam
percuteret, impulit nervum. Sagitta prosiliens percussit os montis, et
continuo flamma prosiliit, nec adhuc certis vicibus cohibetur.



II.

GERVASIO DI TILBURY

(Ved. vol. II, pag. 27).


_De domibus Podiensibus._

In Galliis, provincia Biturricensi, civitate Aniciensi, quam vulgus
Podium S. Mariae nominat, est ecclesia miraculorum frequentia celebris,
reliquiis sanctorum ditata, clero populoque honorata, et inter alias
praecipuas sanctae Dei genitricis Mariae memoriis frequentata... In hac
est refectorium ab antiquo aedificatum, in quo nulla musca detineri
potest. Huius rei novitatem mihi per auditum cognitam ad probationem
per experimentum ducturus, accessi sedulus exploraturus: ficomellis
vel cuiusvis pinguedinis linimento scutellis repletis cum muscae, ut
assolent, insiderent, profecto rem rumore comperiens veriorem, volens
fallaciam ingeniosam cogitationis humanae frustratam quadam violentia
adiuvare, muscarum venator effectus, praedam in refectorio melli, lacti
ac pinguedini supersterno. Tunc maior excrevit admiratio, cum vim animi
et violentiam corporis a me tentatam perpendo cassari, sicque tum fide
facta de auditis stupor est augmentatus. Porro in Campania, civitate
Neapolitana, scimus Virgilium arte mathematica muscam erexisse aeneam,
quae tantae virtutis in se habuit experimentum, quod, dum in loco
constituto perseveravit integra, civitatem late spatiosam nulla musca
ingrediebatur.


_De carne imputrescibili macelli._

Iam nunc ad civitatem Campaniae Neapolin redeamus, in qua macellum
est, in cuius pariete insertum perhibetur a Virgilio frustum carnis
tantae efficaciae, quod dum illic erit inclusum in ipsius macelli
continentia, nulla caro quanto tempore vetusta nares olefacientis aut
intuentis adspectum aut comedentis saporem offendet. Est et in eadem
civitate porta dominica Nolam, Campaniae civitatem olim inclytam,
respiciens, in cuius ingressu est via lapidibus artificiose constructa;
sub huius viae sigillo conclusit Virgilius omne genus reptilis nocui:
unde provenit, quod cum civitas illa in ambitu plurimum spatiosa,
tota columnis subterrenis innitatur, nusquam in cavernis aut rimis
interioribus, aut hortis infra urbis moenia conclusis vermis nocivus
non reperitur. Tertium est quod illic expertus sum, tunc quidem ipsius
ignarus, sed fortuito casu reapse mihi dante scientiam et probationem,
coactus sum esse sciens eius, quod si non praeventus essem periculo,
vix aliena relatione fieri posse assererem. Nempe anno, quo fuit Acon
obsessa, circa imminens S. Johannis Baptistae festum cum essem Salerni,
de subito supervenit mihi hospes iucundus, cuius sincera dilectio
cum dignatione cum diutina in scholis et curia domini mei regis
vetustioris Angliae, avi vestri, serenissime princeps, commansione
firmata, non iam alterum a me, sed in ipso me alterum mihi obvenisse
faciebat. Exultavit cor meum propter singularitatem affectionis, et
propter rumores, quos recensiare mihi tam fidelis nuncius poterat,
de nostrorum prosperitate propinquorum, quorum omnium hic non tam
sanguine quam amore fuit propinquissimus. Properantem ad transitum et
transfretationem diu reluctantem vici precum instantia. Philippus hic
erat, filius patricii olim illustris comitis Sarisberiensis, cuius
neptis ex fratre comitatum Sarisberiensem iure matrimonii transfundit
in istum avunculum vestrum, domine imperator. Inter volentem et invitum
meliore consilio trahitur amicus ad civitatem Nolanam, ubi tunc ex
mandato domini mei illustris regis Siculi Guillielmi mansio mihi
erat ob declinandos Panormitanos tumultus ac fervores aestivos. Quid
plura? post aliquos dies deliberavimus ad Neapolitanum mare accedere,
si quo fortassis eventu paratior ac minus sumtuosa nobis illuc
occurreret transfretatio. Civitatem advenimus, in hospitio venerabilis
auditoris mei in iure canonico apud Bononiam, Johanis Pinatelli,
Neapolitani archidiaconi, scientia, moribus, et sanguine illustris, nos
recipientes, a quo iucunde suscepti, causam adventus nostri pandimus,
ipseque, comperta voti nostri instantia, dum parantur epulae, mare
nobiscum accedit. Facto vix unius horae spatio, succinta brevitate
verborum navis conducitur pretio optato, et ad instantiam viatorum
dies data ad navigandum accelerat. Ad hospitium redeuntibus sermo est,
quo successu quibusve auspiciis omnia nobis desiderata tam celeri manu
occurrerint. Ignorantibus et stupentibus nobis de tanta felicitate
successuum: «Heus! inquit archidiaconus, per quam civitatis portam
intrastis?» Cumque, quae fuerit porta, explicarem, ille perspicax
intellector adiecit: «Merito tam brevi manu vobis fortuna subvenit. Sed
oro, mihi veridica relatione dicatis, qua parte aditus ingressi estis,
dextra vel sinistra?» Respondemus: «Cum ad ipsam veniremus portam, et
paratior nobis ad sinistram pateret ingressus, occurrit ex improviso
asinus lignorum strue oneratus, et ex occursu compulsi sumus ad dextram
declinare.» Tunc archidiaconus: «Ut sciatis, quanta miranda Virgilius
in hac urbe fuerit operatus, accedamus ad locum, et ostendam, quod in
illa porta memoriale reliquerit Virgilius super terram.» Accedentibus
nobis ostendit in dextra parte caput parieti portali insertum
de marmore Pario, cuius rictus ad risum et eximiae iucunditatis
hilaritatem trahebantur. In sinistra vero parte parietis erat aliud
caput de consimili marmore infixum, sed alteri valde dissimile, oculis
siquidem torvis flentis vultum ac irati, casusque infelicis iacturam
deplorantis praetendebat. Ex his tam adversis vultuum imaginationibus
duo sibi contraria fortunae fata proponit archidiaconus omnibus
ingredientibus imminere, dummodo nulla fiat declinatio ad dextram
sive ad sinistram, et ex industria procuratio, sed sicut fatalia
sunt, fato eventuique committantur. «Quisquis, inquit, ad dextram
civitatem istam ingreditur, semper dextro cornu ad omnem propositi sui
effectum prosperatur, semper crescit et augetur; quicumque ad sinistram
flectitur, semper decidit et ab omni desiderio suo fraudatur. Quia ergo
ex asini obiectione ad dextram deflexistis, considerate, quam celeriter
et quanta prosperitate iter vestrum perfecistis.» Non tamen haec
scripsimus, quasi Sadducaeorum sectam comprobemus, qui omnia dicebant
in Deo et marmore consistere, hoc est in fato et casu fortunae; cum
omnia in sola Dei voluntate sint posita, secundum illud: «In voluntate
tua, Domine, cuncta sunt posita, et non est, qui possit resistere
voluntati tuae» etc. Sed admirationem artis mathematicae Virgilii
memorabimus.


_De horto Virgilii et tuba aenea._

Erat in confinio eiusdem civitatis Neapolitanae velut ex opposito
mons Virginum, in cuius declivo, inter praerupta saxorum aditu gravi,
Virgilius hortum plantaverat multis herbarum generibus consitum. In hoc
invenitur _herba Lucii_, quam oves coecae quandoque tangentes statim
acutissimum visum recipiunt. In eodem erat imago aenea buccinam ad
os tenens, quam quoties Auster ex obiecto subintrabat, statim ipsius
venti flatus convertebatur. Quid autem conversio ista Noti commodi
portabat, audite. Est in confinio civitatis Neapolitanae mons excelsus,
mari infixus, subiectam sibi terram Laboris spatiosam prospectans.
Hic mense Madio fumum teterrimum eructuat, et interdum ardentissima
ligna proiicit, exusta in carbonis colorem. Unde illic quoddam
inferni terreni spiraculum asserunt ebullire. Flante ergo Noto pulvis
calidus segetes omnesque fructus exurit, sicque terra feracissima ad
sterilitatem ducitur. Ob hoc tanto regionis illius damno consulens
Virgilius in opposito monte statuam, ut diximus, cum tuba erexit, ut
ad primum ventilati cornu sonitum, et in ipsa tuba flatus subintrantis
impulsum Notus repulsus vi mathesis quassaretur. Unde fit, quod
statua illa vel aetate consumpta vel invidorum malitia demolita, saepe
pristina damna reparantur.


_De balneis Puteolanis._

Est etiam in civitate Neapolitana civitas Puteolana, in qua Virgilius
ad utilitatem popularem et admirationem perpetuam balnea construxit,
miro artificio aedificata, ad cuiusvis interioris ac exterioris
morbi curationem profutura, singulisque cochleis singulos titulos
superscripsit, in quibus notitia erat, cui morbo quod balneum
deberetur. Verum novissimis diebus, cum apud Salernum studium
physicorum vigere coepisset, Salernitani invidia tacti titulos
balneorum corruperunt, timentes, ne divulgata balneorum potentia lucrum
practicantibus auferret aut diminueret. Ipsa tamen balnea pro maxima
parte intacta, diversis morborum generibus medelam tribuunt. Suspecta
quoque sunt illa, quae certam incolarum non habent notitiam, aut ad
virtutem memoriam, eo, quod inter duo contrariorum effectuum infirmitas
infici quandoque posset quam curari.


_De rupe incisa, quae nullas admittit insidias._

In eodem confinio mira virtute est ad modum cryptae mons concavus,
cuius tanta est longitudo, quod medium tenenti vix duo capita
comparent. Arte mathematica haec operatus est Virgilius, quod in illo
montis opaco inimicus inimico si ponit insidias, nullo dolo nullove
fraudis ingenio suae malitiae in nocendo dare potest effectum.



III.

ALESSANDRO NECKAM

(Ved. vol. II, pag. 31).


Sed quid? Diebus nostris nec in Aegypto nec in Graecia vigent
scholarium exercitia. Floruit in Italia studium, dubiumque est utrum
plus armis debuerit an litteratoriae professioni. Iulii Caesaris
virtus orbem subiugavit; Tulliana eloquentia totum mundum illustravit.
Sed o felicia antiquorum tempora, in quibus et ipsi imperatores
mundum subhastantes, seipsos philosophiae subdiderunt! Senecam et
Lucanum nobilis genuit Corduba, Mantuano vati servivit Neapolis,
quae cum infinitarum sanguisugarum peste lethali vexaretur, liberata
est proiecta a Marone in fundum putei hirudine aurea. Qua evolutis
multorum annorum curriculis a puteo mundato et eruderato extracta,
replevit infinitus hirudinum exercitus civitatem, nec sedata est pestis
antequam sanguisuga aurea iterato in puteum suum mitteretur. Notum
est etiam quia macellum Neapolitanum carnes illaesas a corruptione diu
servare non potuit, unde et carnifices summa vexati sunt inedia. Sed
hanc incommoditatem excepit Virgilii prudentia, carnem nescio qua vi
herbarum conditam in macello recludentis, quae quingentis annis elapsis
recentissima et saporis optimi suavitate commendabilis reperta est.
Quid quod dictus vates hortum suum, acre immobili vicem muri obtinente,
munivit et ambivit? Quid quod pontem aërium construxit, cuius beneficio
loca destinata pro arbitrio voluntatis suae adire consuevit? Romae
item construxit nobile palatium, in quo cuiuslibet regionis imago
lignea campanam manu tenebat. Quotiens vero aliqua regio maiestati
Romani imperii insidias moliri ausa est, incontinenti proditricis icona
campanulam pulsare coepit. Miles vero aeneus, equo insidens aeneo, in
summitate fastigii praedicti palatii hastam vibrans, in illam se vertit
partem quae regionem illam respiciebat. Praeparavit igitur expedite se
felix embola Romana iuventus, a senatoribus et patribus conscriptis
in hostes imperii Romani directa, ut non solum fraudes praeparatas
declinaret, sed etiam in auctores temeritatis animadverteret. Quaesitus
autem vates gloriosus quandiu a diis conservandum esset illud nobile
aedificium, respondere consuevit: «Stabit usque dum pariat virgo.» Hoc
autem audientes, philosopho applaudentes, dicebant: «Igitur in aeternum
stabit.» In nativitate autem Salvatoris, fertur dicta domus inclyta
subitam fecisse ruinam.



IV.

L'IMAGE DU MONDE

(Ved. vol. II, pag. 81).


      Maint autres grand clerc ont estè
    Au monde de grand poesté
    Qui aprisrent tote lor vie
    Des sept ars et d'astrenomie;
    Dont aucuns i ot qui a leur tens
    Firent merveille par lor sens;
    Mais cil qui plus s'en entremist
    Fu Virgile qui mainte en fist
    Por ce si vos en conterons
    Aucune dont oi avons.
      Devant Jhesucrist fu Vergiles
    Qui les arz ne tint pas a guiles,
    Ains y usa toute sa vie
    Tant qu'il fist par astrenomie
    Maintes granz merveilles a plain.
    Il fist une mousche d'arain;
    Quant la drecoit en une place,
    Si faisoit des autres tel chace,
    Que nule autre mousche qui fust
    Vers li aprochier ne péust
    De deus archiës tout entour,
    Qu' ele ne morust sanz retour
    Tout maintenant qu' ele passoit
    La bende qu' il li compassoit.
      Si refist d'arain un cheval
    Qui garissoit de chascun mal
    Les chevaus qui malade estoient,
    Maintenant que véu l'avoient.
      Si fonda une grant cité
    Sur un uef, par tel poesté
    Que qant aucuns l'uef remuoit,
    Toute le cité en croloit,
    Et com plus fort le croloit on,
    Tant croloit plus tout environ
    La vile et en haut et en plain.
    La monche et li chevaus d'arain,
    Et la cage ou li uef estoit
    Sont encor a Naples tout droit.
    Ce diënt cil qu' en sont venu,
    Q'aucune foiz les ont véu.
      En une cite faillir fist
    Tout le feu, ausi com on dist,
    Que nus point avoir n'en pooit
    Se la chandoile n'alumoit
    A la naissance d'une femme,
    Fille d'emperéor, mout dame,
    Qui li ot fet aucun anui;
    Ne cil ne pooit a autrui
    Point doner, ains lor couvenoit
    Chascun feu prendre la endroit;
    Et a cele pas n'abeli:
    Ensi se vancha cil de li.
      Et fist par mi une eve un pont,
    Le plus grant c'onques fust au mont;
    Ne sé ou de pierre ou de fust,
    Mes nus autres, tant soutis fust,
    Cherpentier, macon ne ovrier,
    Tant séussent bien encerchier
    Dedenz eve, ne dedenz terre
    Qu'il péussent raison enquerre
    En quel point cil ponz faiz estoit,
    Ne coument il se soutenoit
    Por desoz, au chief, né enmi
    Et passoit on bien tout par mi.
      Un jardin fist tout clos entour
    De l'air, tout sanz plus autre atour,
    Espessement com une nue,
    De terre mout haut estendue.
      Deus cierges fist toz jorz ardanz,
    Et une lampe a feu dedenz,
    Qui toz jorz sanz estaindre ardoient
    N'onques de rien n'amenrissoient.
    Ces trois enclost il si souz terre
    Q'on n'es péust trover pour guerre:
    Jusq'a tant qu'il devroit faillir,
    Ne sai s'on i porroit venir.
    Mes qui autant comme il sauroit,
    Ou ceus ou autres bien r'auroit.
      Et un livre fist brief et petit
    Comme son poins, ou il descrit
    Totes les sept arz en tel forme
    C'uns hons séust toute la forme
    Dedenz l'espace de trois anz,
    Mes qu'il éust ordene sens.
    Celui livret tint il si chier,
    Que nus hons n'i pourra prechier,
    Fors un suen clerc qui fu sanz guile
    Le filz a un roi de Cesile.
      Il fist une teste parlant
    Qui li respondoit erramment
    De tout ce qu'il li demandoit,
    Qui en terre avenir pooit.
    Tant qu'une fois li demanda
    D'un suen afaire ou il ala;
    Mes ele li dist une chose
    Dont il n'entendi pas la glose,
    Que s'il gardoit sa teste bien
    Il ne l'en anvenroit for(s) bien.
    Lors s'en ala séurement;
    Mes li solaus qui chalor rent,
    Le cervel si li eschaufa,
    Dont pas garde ne se dona,
    Q'une maladie l'en prist
    Dont il morut si com on dist.
    Qant il parla a cele teste
    N'entendi pas la soë teste;
    De la teste q'a lui parloit
    Entendi se bien la gardoit;
    Mes miex avenist toute voie
    Q'il éust bien garde la soie.
    Qant morust, si se fist porter
    Fors de Romme, pour enterrer,
    A ung chastel devers Cezile,
    Pres de la mer, a une vile;
    Encor i sont les os de lui
    Q'en garde miez que les autrui.
    Qant on les soloit remuer
    Et lui en l'air en haut lever,
    Si s'enfloit la mers maintenant
    Et venoit au chastel corrant,
    Et com plus le levoit on haut
    Tant croissoit plus la mers enhaut
    Que le chastel tantost néast
    Se on jus ne le ravalast;
    Et qant en son droit leu estoit
    Tantost la mers se rabaissoit,
    Ensi com ele estoit avant;
    Et cé a l'en prove sovent:
    Encore i dure la vertu:
    Ce diënt cil qui sont venu.
      Soustis fu Vergiles et sages
    Et vost prover touz les langages
    Des clergiës a son pooir,
    De tant com plus em pot savoir.
    Et fu de petite estaiure
    Le dos tort un peu par nature.
    Et aloit la teste baissant
    Et devers terre resgardant.



V.

L'IMAGE DU MONDE

(_Da un MS. parigino; bibl. naz._ 7991^2)

(Ved. vol. II, pag. 94).


      Saint Pol qui fu si haut prodom
    Ala par mainte regïon
    Pour aprendre et pour encerchier
    Les boens clers qu'il avoit tant chier.
    Apres la mort Virgile avint
    Que Saint Pol a Romme s'en vint;
    Qui mult sot des ars de clergie,
    Ainz qu'il créust le filz Marie;
    Dont maint Juys et maint païen
    Converti et torna a bien.
    Quant il fu venu en la vile
    Et il sout la mort de Virgile
    Qui mort estoit novelement,
    Si l'en pesa moult durement:
    Quar moult convertir le vousist
    Par son sens dont maint bien féist.
    Lors quist ses livres ou il sot
    Et trova en l'un un haut mot
    De la plus bele prophecie,
    C'onques fust de païen oïe,
    De la venue Jhesu Crist,
    Qu'il méismes avoit escrit:
    Qué une novele lignie
    S'estoit del ciel haut abessie,
    Et la virge estoit ja venue
    Qui en rendroit la terre drue.
    Quant saint Pol ot léu cel mot,
    Si dist de Virgile un tel mot:
    Ha! se ge t'éusse trouvé,
    Que ge t'éusse a Dieu donné!
    Puis quist tant qu'il trouva un lieu
    Qu'il avoit claïte de feu
    D'une lampe qui ardroit cler
    Et deus cierges pour alumer.
    Cil lieu parfont en terre estoit;
    Mes nus hons entrer n'i osoit:
    Quar la voie estoit si orrible,
    Estroite, hisdouse et penible,
    Plaine de vent et de tonnoirre,
    Qu'a paine le péust l'en croirre;
    Ne nus hons n'i povoit porter
    Lumiere qui péust durer.
    Toute voiës si pres s'en mist
    Que l'ymage Virgile vit
    Séant sus une grant chaiere,
    Et ses livres en tel maniere,
    Tout environ lui par monceaus,
    Moult riches par semblant et biaus.
    El poing destre tint un fermé,
    Aussi comme par grant chierté.
    Les deus cierges vit lez lui estre,
    Ardanz a destre et a senestre:
    Devant lui un archier estoit,
    Qui droit vers la lampe visoit;
    Mez la dedenz ne pout entrer
    Pour chose qu'il séust penser:
    Quar a l'entree avoit deu homes
    De cypre, de moult laides formes,
    Qui grans martiaus d'achier tenoient,
    Dont vers terre tels cox dounoient
    Qué on s'i n'osist aprechier,
    Que nus ne s'i osast lanchier,
    Ne n'i péust mettre riens nee
    C'au premier coup ne fust cassee,
    Et se la chose si fort fust
    C'au premerain coup rechéust:
    Le lieu crolloit si au ferir,
    Qu'il sembloit tout déust finir.
    Quanqu'en pres fuste a une mile,
    Que Saint Pol ne tint pas a guille;
    Mes tant fist puis, si comme on dist,
    Que les deus martiaus cesser fist:
    Et li archier tantost bruisa
    La lampe, et tout en poudre ala.
    Saint Paul qui bien quidoit avoir
    Les livres, n'i pout riens véoir
    Qui ne fust en poudre et en cendre:
    Si s'en retourna sanz riens prendre.



VI.

ADENÈS LI ROIS

ROMAN DE CLEOMADÈS

(Ved. vol. II, pag. 81).


      Bien savez que Virgiles fist
    Grant merveile, quant il assist
    Deus chastiaus seur deus oes en mer;
    Et si les sot si compasser,
    Que qui l'un des oes briseroit,
    Tantost li chastiau fonderoit,
    Ouens on auroit l'uef brisie.
    Encor dist on qué essaie
    Fu d'un des chastiaus, et fondi:
    A Naples le dist on ainsi.
    Encor est la l'autres chastiaus,
    Qui en mer siet et bons et biaus:
    Si est li oes, c'est vérités,
    Seur quoi li chastiaus est fondés.
      Pres de Naples une vile a,
    Puchole la claime on pieca,
    Ou Virgiles fist pluseurs bains
    Qui faisoiënt malades sains;
    Tot seur chascun baing (a) escrit
    De quel maladië garit
    Estoiënt (_sic_) cil qui s'i baignoient,
    Par l'escripture le savoient;
    Mais sachiez que fisicïen.
    Qui ont fait maint mal et maint bien,
    Depecierent tous les escrits;
    Car ce n'estoit pas leur pourtis:
    Encor se de tels bains estoient,
    Croi je que pou les ameroient.
      A Naples fist il de metal
    Seur un piler un tel cheval
    Qui chascun cheval garissoit
    D'aucun mechaing sé il l'avoit,
    Mais c'on le loiast au piler:
    Ca y pour voir oy conter.
    Li marechal qui lors estoient
    Enz ou pays, ne gaaignoient
    Nule riens a mareschaucier;
    Pour ce le firent depecier;
    Dont il firent mal et outrage,
    Mais trop leur faisoit grant damage.
    Je croi qui a Naples iroit,
    K'encor le cheval trouveroit.
      A Ronme fist, c'est verités,
    Virgiles plus grant chose assez:
    Car il i fist un miréoir,
    Par quoi on povoit bien savoir,
    Par ymage qu'il y avoit,
    Se nus vers Ronme pourchacoit
    Ne faussete ne trayson,
    De ceaus de leur subjection.
      Et fist une mousche d'arain,
    De quoi encor le pris et ain.
    A Naples cele mousche mist
    Et de tel maniere la fist,
    Que tant com la mousche fu la,
    Mousche dedenz Naples n'entra.
    Mais je ne sai que puis devint
    La mousche, ne qu'il en avint.
      Encor Virgiles fist un fu;
    Qui longuement a Ronme fu;
    Ades, et nuit et jour ardoit,
    Grant aise a pluseurs gens faisoit.
    Devant ce feu ot un arcier,
    Qui n'ert ne de fer ne d'acier,
    Ainsi ert de coivre; si sambloit
    Qu'il vousist traire ou feu tout droit.
    En son front escrites estoient
    Lettres qui en ebrieu disoient:
    _Qui me ferra, je trairai ja;_
    Et uns musars passa par la
    Qui d'un baston l'arcier ferì
    Et il traist el feu, s'estaint si
    Qué ains puis ne fu ralumés:
    Ainsi avint, c'est verités.
      Molt ot en Virgile sage honme
    Et soutieu; car il fist a Ronme
    Une chose molt engingneuse,
    Molt soutieu et molt merveilleuse:
    Briement la vous deviserai
    Au plus a droit que je porrai.
    Ne cuidiez pas que ce soit guile,
    Car as quatre cors de la vile
    Seur quatre tours de la cité
    Qui erent de la fermeté,
    Fist quatre grans homes de piere
    De tres merveilleuse maniere.
    Car fait erent par nigromance;
    La longueur d'une droite lance
    Erent grant et d'une facon:
    Seur chascune tour tout enson
    En mist un, quant si fais les ot
    Comme lui sist et com lui plot.
    En tel maniere fait estoient
    Que tout droit ades se tenoient:
    Chascuns tous ses menbres avoit,
    Tels com au cors apartenoit.
    Or vous dirai qui la faisoient
    Cil home, ne de quoi servoient.
    En la main d'un des homes mist
    Virgiles, au jour qu'il les fist,
    Une grant pomme de laiton:
    Par cele pomme savoit on
    Des quatre tans la verité,
    Si com de printans et d'esté,
    Et de gayn qui apres vient,
    Et puis d'yver. Or me convient
    K'entendre face clerement
    De ces tans le departement:
    Pour ce furent li honme mis
    Seur les tours que je vous devis.
    L'une des tours ot nom _Printans_;
    La seconde, _Estes_ li plaisans;
    La tierce, _Gayns_ li amés;
    La quarte, _Yver_ li redoutés.
    Si tost comme printans passoit
    Et li tans d'este revenoit,
    Li hons qui ert desus la tour
    De printans, ert de tel atour,
    Qué il getoit droit en la main
    Del home d'este tout a plain
    La pomme que tenue avoit,
    Et li hom d'este la getoit
    Tout droit a l'oume de gayn
    Quant ses termes avoit pris fin;
    Et li hom de gayn l'avoit
    Tant que ses droits termes venoit.
    Adont la getoit, a ce point,
    A l'oume d'yver tout a point.
    Chascune main ert si bendee
    De fer et si bien atornee,
    Qué ele brisier ne povoit
    Quant la pomme en li s'asséoit.
    Ainsi aloit, n'i faillist ja,
    Cele pomme qui doot fu la;
    Car ades a point s'esmouvoit,
    De l'une tour a l'autre aloit.



VII.

RENARS CONTREFAIS

(Ved. vol. II, pag. 81).


    Virgille plus fu sapïens,
    Plus clerc, plus sage et plus scïens
    Que nul qui a son temps vesquist,
    Et plus de grans merveilles fist.
    Pour voir il fist de grans merveilles;
    Homs naturel ne fist pareilles:
    Et si fut il bien dechéu
    Cil qui fut tant sage scèu.
    Ung peu de son sens vous diray,
    Et puis apres je vous liray
    Comment dechut fu sans fausser,
    Tout par deffault de bien gloser
    Combien qu'il fu(s)t de gran sens duits.
    Il fist de Naples les conduits:
    Parsouls terre de pierre estoient,
    Qui vin grec a Romme livroient;
    De dix journeés la venoit
    Par les conduits que fait avoit.
      Il fist un pont sur la riviere,
    Que ad ce temps si sage n'yere
    Qui sceust de quoy fait il estoit
    Ne d'ont le fondement venoit,
    Et comment la pierre on y mist.
      Cil une mouche d'arain fist
    Que toutes mouches qui estoient
    Celle approchïer ne povoient
    D'un jet d'une pierre tenant,
    Qu'el'(ne) morusse(nt) maintenant.
      Il refist ung cheval d'arain,
    Que tout cheval plain de mehain,
    Tantost que ce cheval véoient,
    De ce mehaing se garissoient.
      Enmy Romme ung miroir fist,
    Et tout enmy Romme le mist,
    Que tous ceulx qui le regardoient
    D'une journeë voir povoient
    Toute humaine créature
    Qui avoit volenté ou cure
    De Romme nuire ou grever:
    La le porrent v(o)ir et trouver.
    Illec(ques) véoit qui venoit
    (A) Romme, ou qui nuire y vouloit.
      Mainte grant chose faire osa:
    Or oyer comment mal glosa.
    A une dame du pays
    Fut il par grant amour bays,
    Et a grant merveilles l'ama
    Et son coeur en elle sema:
    Pluseurs fois en veille et en pense,
    Tant qu'il en pert la contenance.
    Ceste dame est de grant atour,
    Et demouroit en une tour
    Qui fut plus haute de dix lances.
    Cil qui la mist ses contenances
    Lui tramist une mesagiere
    Qui de s'amour lui fist prïere,
    Qué elle le voulsist amer
    Et de fait son amy clamer;
    Et, se elle vouloit richesses,
    Terrïennetes et noblesses,
    Tant lui donroit a dire voir
    Qué elle en voulroit avoir.
    Celle qui eust le coeur faintif,
    Qui eust au coeur moult de despit,
    Et lui manda par malvais tour
    Qué elle bien volloit s'amour
    Et que sa voulente feroit
    Et que de coeur bien l'ameroit,
    Mais ne pooit a lui aller;
    Mais s'il se volloit tant pener
    Et que trop il ne lui anuit,
    Tantost quant viendra a minuit
    Qu'il veinst au pië de la tour,
    La metteroit a point son atour;
    Une corbeille descendroit,
    Et Virgille ens se metteroit,
    Et amont tantost vous trairons;
    S'il vous plaist, ainsi le ferons:
    A tirer ne faulrons nous mie,
    Ainsi l'ordonne vostre amie.
    Cil ne pensa ne ne glosa,
    Tant a celle dame pensa;
    A la tour est la nuit venus.
    Illecques s'est tous quois tenus,
    Et tant se vault illec tenir
    Qu'il vit la corbeille venir,
    Et cil s'est tost dedens bouté:
    Adont fut il amont tiré.
    Quant au droit millieu fut saquie,
    Adont illec fut atacquie
    Qu'il ne pot monter n'avaller:
    Or poeult illec des mains voller,
    Et illecques lyës se tint
    Jusques par tout le beau jour vint.
    Tout le monde y est venu
    Et chascun s'est illec tenu;
    Disoiënt: Vez cy grant merveille;
    Véez Virgille en la corbeille.
      Virgille qui tant ot savoir,
    Pot illecques grant honte avoir:
    Toute Romme y acourut;
    A tout chascun cecy parut,
    Et quant le mydi fu allé
    Adonc fu de corde avallé...
    Quant Virgille fut avalé,
    De son meschief fut demalé
    Et de honte qu'il pot avoir;
    Lors prisa moult peu son savoir
    Et dit: Jamais ne sara chier
    Se de ce ne se poeut vengier.
    Et lors mist sa scïence en coche,
    Comme a la chose qui lui touche.
    Il y a pensé et dité:
    Lors fist qu'en toute la cité,
    De dix lïeueës tout a point,
    Il ne demoura de feu point;
    Tout fust estaint sans detrïer.
    Lors fist par ung varlet crïer:
    Qui du feu voulroit acquerir,
    Le voit a tel dame querir;
    Entre ses jambes en ara,
    Né ailleurs n'en recouvera.
    Nul ne sceust ailleurs feu trouver:
    Qui dont véyst la gent ouvrer;
    Tantost fu celle tour brisee
    Et celle grant dame escoursee;
    Droit enmy la ville fu mise
    Et en ung hault lieu fu assise.
    Illec chascun son... tenoit,
    Et chascun du feu y prenoit;
    A son... chandeilles metoient,
    Et a son... les alumoient,
    Et cil qui alumé avoit
    A aultrui aidier n'en pooit.
    Il n'en pooit aidier nullui,
    N'en avoit mestier que a lui.
    Celle fu illec ordonnee
    Tout le jour, de la matinee.
    Jusques il fust la nuit obscure,
    Toute nuë sans couverture,
    Toutes jour chandeilles boutoient
    Et toute jour les y alumoient.



VIII.

LI ROUMANS DE VESPASIEN[336]

(MS. TORINESE)

(Ved. vol. II, pag. 97).


    A Roume fu Noirons li arabis
            (_mancano undici versi_)
    ....ssement li fist Noirons merir,
    Quant il le fist si faitement morir;
    Mes c'est vretes on le trueve en escrist:
    Qui mauvais sert maus gueredons i gist.
    Quant ot ce fait li felons arabis
    Il a fait faire un tel palais votis
    Tout d'escharboncles ainsi safirs petis;
    Li morcier fu de fin or esclarci.
    Quant li palais fu fais et bien polis,
    Ainsi reluist con solaus esclarcist;
    Vergile apelle son mestre, si li dist:
    Mestres, dist il, entendes envers mi,
    Pour le grant sens que Dex a en toi mis,
    Me lieve jou ades en contre ti;
    Car le conseil ses tout de paradis.
    Et jou d'emfer, car g'i ai des amis
    Or me di, mestres, garde n'i ait menti.
    Combien durra mes grans palais votis
    Qu'il n'a si bel tant con chieus puet couvrir,
    N'est hons el monde c'achater le peuist.
    Et dist Vergiles: il durra trop petit.
    Et dist Vergiles: vos palais tant durra
    Que une verge pucelle enfant aura.
    Lors le perdres en habisme cherra;
    Ne ja puis ame en enfer n'entenra,
    Duch'a ce jour que chieus qui tout crea
    Au grant juisse son jugement tenra;
    Encore ne sai ge se nus i entenra.
    Et dist Noirons: grant piece duera,
    Che ne puet estre, ne ja chou n'avenra
    Que une verge pucelle enfant aura.
    Et dist Vergiles: par ma foi si aura;
    Et s'ensi n'est, trop mallement nos va.
      Or entendes li grant et li petit
    Si ores ja chancon de grinour pris
    C'oisies onques tres que le tans David;
    Coument li siecles fu en IIIJ partis
    Com furent fait moustier et cruchefis
    Saintes eglises et crois sus les chemins,
    XXX. ans apre que Vergile ot ce dit,
    Que damel dex en la virge se mist,
    Perdi li rois son grant palais votis
    Si que la terre reclot pardesus lui.
    Dolans en fu li felons arabis;
    Son maistre apelle maintenant si li dist:
    Fis a putain, fel treitres mastins,
    L'avenement savies bien Jhesu Crist,
    Sachies de voir se le m'euissies dit
    Je n'eusse mie si grant oevre asouvit
    Voes tu donc dire, ne penses tu ensi,
    Que Dex rait ja sa gent ne ses amis
    Que nous avons par dedens enfer mis
    V. M. ans a peu pres acomplis?
    Nes puet rauoir que g'i ai garde pris,
    Se pour jaus nest ses cors en present mis,
    Et se vos Dex estoit mors ne ocis
    Pour rachater ses gens et ses amis,
    Coument porroit en vie revenir?
    Se tu le ses, bons clers, si le me di;
    Se tu nel fais, t'aras le chief parti.
      Ce dist Vergiles: Noiron or m'entendes;
    Dex rara bien ce que saisi aves
    Et tout par droit, si le vous voel moustrer.
    Vou saves bien de fine verite
    Quant Dex ot fait Adam, le premier fe
    Dont tous li mondes est partis et sevres;
    Ne peut il mie ne venir ne aler
    Oir, sentir ne veoir ne parler
    Tres qu'il li eut en son cors alene,
    Et tint sa bouche close em poeste,
    Tant que le pris de la grant maieste
    Li fu au cors atachies et fermes,
    Coumanda lui le cors a gouverner
    Qu'il le fesist et venir et aler
    Oir, sentir et veoir et parler.
    Quant peut chou faire de la grant maieste
    Le roi des chieus fu dont fis apelles
    Adans nos peres, dont nous sons tout jete,
    Encore en puet Dex faire .I. trestout tel
    De lui meismes, li grans de maieste,
    Comme il ot ou cors Adam boute
    Dont tous li peulles est partis et sevres
    En une verge le puet faire aombrer,
    Et penre vie, sane et charnalite,
    Et peut par terre et venir et aler,
    Et peut .I. honme confundre et sourmonter,
    Puis puet morir celle charnalite
    Pour nos armes ravoir et rachater
    Que vos volles ens en enfer mener.
    Mes li sains esperis dont vous m'oes parler
    S'en puet lasus em paradis raler,
    Avoec son pere, le grant de maieste,
    Com li solaus resache sa clarte,
    Et com les iaues entrent toutes en mer.
    Ja n'en sera ne ocis ne tues,
    Et s'en seront tout afait rachate.
    Et dist Noirons: tu as dit verite;
    Car en tel guise l'avoie jou pense,
    Et ensi puet et venir et aler,
    Et descendre et es chieus remonter,
    Et ses amis ravoir et racheter.
    Mes se li abres, par coi fumes dampne
    Eust eut ame et vie com aves,
    Ja pour tel chose ne fussies rachete;
    O le fil dieu convenist demorer,
    Et cors et ame tous en enfer aler,
    Ou tous fussies perdu sans recouvrer.
    Or te tien coi, je voel a toi parler
    De loi contre autre voel a toi estriver;
    Qui ert vaincus le chief ara cope. —
    L'espee prent si l'aficha oupre.
    Et dist Vergiles: .I. respit me dounes,
    Tant que jou aie a Ypocras parle
    Et a Florent et au boin conte Yde,
    Et a Jehan, qui dou Latran est nes,
    A Bonnifasse, mon oncle le sene,
    Et Musicle, ma serour au vis cler,
    Qui a le son des grans cloches trouve.
    Et dist Noirons: faites, si vos hastes.
    Et dist Vergilles: sire, ja me rares.
    Ou cheval monte s'entra a la cite
    Dusc a majour ne se vot arester.
    Tout son lignage a Vergile asamble:
    Signour, dist il, nous sons tout vergonde
    Chis empereres c'avons tant hounere,
    Est anemis, il le m'a bien moustre
    A par .I. peu que il ne m'a tue
    De loi contre autre doit a lui estriver.
    Conselies moi ou plus ne me verres.
    Ipocras l'ot, le sens cuide derver;
    En son milleur livre a regarde
    Les haus nons trueve Jhesu de maieste
    Et sa grans force et sa grans dinite.
    Il les trait hors, si les a embrieves,
    Vient a Virgile, es dens li a glues;
    Pui li a dit: biaus fis, tu es armes
    N'est riens el monde qui te puisse griver;
    Va t'ent ariere au diable estriver;
    Se tu le vains si ait le chief cope.
    Et puis ferons son enfant bien garder
    De par sa mere et nos amis carnes.
    Et chieus respont: peres, a vostre gre.
    Ou cheval monte, sest ariere tornes.
    Enpre Noirons est maintenant entres
    Voille li rois sest contre lui leves.
    Maistre, dist il li, soies mau trouves
    Car t'as tel chose avoec toi aporte
    Dont je seroi honnis et vergondes.
    Or te voel dire la pure verite
    De vostre Dex coument il a ouvre.
    LX. M. ans et plus asses
    Que ne poroie dusqua M. ans nombrer
    Et encor plus que nauroit li celers
    Que n'ait de gouttes d'iaue dedens la mer,
    Fu vostres Dex, li rois de maieste,
    En lui meismes et en sa dignite
    Et en sa force et en sa poeste,
    La sus eschiel en grant maieste,
    Avoec ses angles, que je ne sai noumer,
    Qui cherubins sont d'aucuns apelles
    Et seraphin, ce sai par verite,
    Ainsi qu' il vosist nulle chose former
    Une cure fu de cest siecles apenses.
    Lors deronpi les tenebres de mer
    De sus turmie s'en vient dont reposer
    Une gran roche qui stet de sus la mer,
    Li aiemans est par non apelles,
    La fist Michiel, .I. angle en pene,
    Et puis Abel et puis mon parente,
    Puis en fist tant en celle maieste;
    Car en la roche ne poiens retourner,
    La sus el chiel si lor presta oster
    Avoec les angles que je ne sais noumer.
    Puis retourna vostre Dex en la mer,
    De sus la roche de viel antiquite,
    La fist infer qui tout voet engouller,
    La serpentine toute jeta en mer
    Et l'ordeure quan qu'il en puet trouver.
    Et lors crea les poissons pour noer,
    Fist la serainne, le sturjon de son gre
    Et maint autre que je ne sai noumer.
    Mais quant il vot en paradis entrer
    Lussiabiaus si li vot deneer,
    .I. mauvais angles qui fu fais en la mer
    Et vot Dex estre et contre lui aler
    Maint felon angle fist au fait acorder
    J'en suis li .I. si men doit mult peser.
    Ain quans par force Dex ne nos vot grever,
    Par jugement nous vot trestous mater;
    Adont nos fist en abisme entrer
    Et en enfier nous fist trestous verser;
    M. ans i sumes acomplis et passes.
    Puis retourna vos Dex a nous parler,
    Si me manda moi et mon parente.
    Grant joie eumes en enfer par vrete;
    Car nous cuidiens bien la pais recovrer
    Et par sa grase emparadis entrer;
    Et il nos vot plus tranciller asses.
    Coumanda nous la terre a trouver;
    Ain quans pour lui n'i vosimes aler,
    Car plus de mal ne poiens endurer
    Tres qu'il nous eut baguingnies et loe.
    Il nous pourmist .I. bel pumier rame
    Quant il aroit de la terre a son gre
    Et il aroit les ylles enmelles
    De sa grant grase et de sa dignite.
    Lors nous plungaumes plus de C. M. en mer,
    .I. si grant tro feismes en la mer
    C'on i poroit mucer XXX. contes.
    De Sathanie est li goufre apelles.
    De XXX. lieues que de lonc que de le
    Ne la protroit barge, dromons, ne nes
    Ne gogne nulle ne nus bargiaus ferres,
    Ne fust pardue sans jamais recouvrer;
    Car nous cuidiens tout le siecle effondrer,
    Le fiermament abatre et verser.
    Cheus ons nous fait quant Dex nos fis cesser.
    Lors prist l'iaue tantost a avaler
    Et ens ou goufre par tel forche a entrer
    Comme .I. quariaus quant on le lait aler;
    Si parut terre en mult de lieus par mer
    Quil nest nus hons qui le peut nonbrer.
    Et Dex sour terre si prist a labourer,
    Si fist mainte herbe et maint abre rame
    Et mainte beste et maint oisel voler,
    Paradis fist qu'e terrestre clames
    D'escharboucles est li vergies fermes,
    Qui plus reluisent que solaus en este
    Li mur per haut quan c'om puet regarder.
    Entour les murs a .I. mult grant fosse,
    Qui purgatoire est par non apelles,
    M. ans apres quant Dex fu pourpenses
    Fourma Adam et Evain autrestel
    Dont estes tout et parti et sevre;
    Si lor livra en tel vergier ostel
    Tout quanqu'il virent lor fu abandonne,
    Fors le pumier qu'il nous avoit donne.
    Ils en mangierent et nous furent livre.
    Et la lignie que dials s'ert puis sevre
    Ravoir les voet, nos anemis mortes,
    Qu'en la verge est de nouvel aombres.
    Et quant je vi la fine verite,
    Que tous li mondes nos fu quite clames,
    G'issi d'infer jou et Esgarines
    Babiaus, .I. autres li angles foursenes;
    Adont fesimes Babilone funder,
    Une cite outre la rouge mer,
    XXV. lieues d'achainte a la cite
    Et XX. portes e XX. ponts leves,
    Et la ens croist et pains et vins et bles;
    Dedens XX. ans ne seroit afames
    Tous li gens puelles qui est en la cite.
    Et la gran tour nos feimes lever,
    La tour Babel, en ois tu parler,
    Quantois c'on soit au daerains degre
    XXX. C. M. i poroit ont conter
    VIJ. lieues d'ombre peut bien la tour durer.
    Que nous volimes a damel dex aler
    Qui le quidiens guerroiier et grever,
    Mes dames dex nelvot mie endurer.
    La tour rompi .I. soir a la vesprer.
    Li rois Babiaus la cuida recombler;
    Mes vostres Dex nel vot mie endurer,
    Que li langage si furent la mue.
    Li uns a l'autre ne sot onques parler.
    Quant demandoient le mortier destempre,
    Ou la pierre dont devoit machonner
    On lor portoit a boire et a disner.
    Adont cuida li rois Esgarines
    Que li ouvrier d'Inde l'eussent gabe
    Tous maintenant ster bani dou regne;
    Et si le mist dedens nonnante nes,
    Fames, enfans lor fist oans mener,
    Si lor donna et farines et bles
    Pourpens compas et gens pour aus garder
    Aviaisons faire et fours a mouliner;
    Et il s'esparsent par les yles de mer,
    Si sunt jeant, sarrazin et escler.
    Adont prist fame li rois Esgarines
    Li rois Babiaus et l'autres malhaines;
    IX. fiex en orent dont Mahons est l'ainnes.
    Par Mahonmet qu'est de nos parente
    Nous est dou monde IIJ. pars delivre
    Paiens, juis, sarrazin et escler,
    Turc et anfage et indois doutre mer
    Seront tout nostre, n'en puet arier aler,
    Li rois des chieus quant si nos voet grever
    Qui de la verge est noviel aombres.
    Et quant je vi la fine verite
    Tous mes lignages s'est fors moi bien prouves;
    Et je fis Ronme et faire et funder
    Et si fis faire .I. palais liste
    Tout d'escharbondes et d'or fin esmeres.
    Tolut le m'a en abisme est entres.
    Vien si me trenche le chief sans demorer,
    Je ne puis plus sus terre demorer,
    Ains me convient en enfer retourner,
    Pour les portes et tenir et garder
    En contre Dex que il nous voet grever.
    Jou ai .I. fil, Floriens est noumes,
    Je le clainc quicte le roi de maieste.
    Et dist Vergilles: merveilles me contes;
    Ne place a Dex que vous ramenteves
    Que de par moi soies mors ne tues,
    Se ne vous puis par jugement mater.
    Sire Noiron, dist Vergille dausit
    Se vous fustes banis de paradis
    C'est a bons drois, si le vous dirai chi,
    On ne doit mie garder son anemi,
    C'est verites nous l'avons en escrit,
    Que Moyses, sachies, le nous y mist.
    Quant Adans fu banis de paradis,
    Dou bon roiaume ou damel diex l'ot mis
    Et il sen vient el mont de Sineis,
    Ne cuidies mie, il fu mult abaubis.
    II. C. ans fu sans Evain la gentis,
    Ains ne degna retourner envers lui.
    Souvent li dist: ne t'es maier amis,
    Pour toi m'estuet mult gent paien soufrer.
    Adonques jut Adams avoecques li,
    Si engenra VIJ. enfanchons petis
    Les IIIJ. filles et li IIJ. furent fil
    Li .I. Abiaus et li autres Chains
    L'autres fut Sept, si fu li plus gentis.

    Quant li prumier enfanchons furent ne etc.


fol. 82 (ved. vol. II, p. 99)

    Et Mahons a l'aneme conjure,
    Che fu Noirons qui tant le sieut amer.
    Il vint a lui, puis dist: mes que voles?
    Et dit Mahons: je suis pour vous ires;
    Rois deussies estre, servi et honneres,
    Et deussiez Roumenie garder;
    Mes par Virgille eustes le chief cope.



IX.

JANS ENENKEL

(Ved. vol. II, pag. 82).


    Ain man ze Rôme saz alsus,
    Der was genant Virgilius,
    Der was ze Rôme alsô kluok,
    Daz er zaubers vant genuok,
    Als ich eu wil beschaiden,
    Er was ain rechter haiden,
    An rechtem glauben was er blint,
    Er was gar der helle kint,
    Ich wil eu sagen, wie er gewan,
    Virgilius der helbe man,
    Daz er kunde zaubers vil,
    Vor nieman ich daz heln wil,
    Ich sage eu ze rechte
    Von dem selben knechte,
    Wie er dâ daz zauber vant.
    Daz ist mir von im bekant:
    In ainem wein garten haut'er
    Vil gar nâch seines herzen ger,
    Vil vast er in die erde slouk,
    Daz ez deu hauwe kaum vertrouk;
    Sô grôz sein hauwen, sein slag was,
    Daz er kam auf ain glas,
    Daz was teuvel alsô vol,
    Daz ich sein nicht sagen sol;
    Daz glas er auz der erde nam:
    «Vil wurme ich in dem glase hân,»
    Sprach der selb' Virgilius
    «Ich wil ez hie behalten sus,
    Des hân ich vrum und êre,
    Swa ich in dem land' hin kêre.»
    Dô sprach der teuvel auz dern glas,
    Der dar in verslozzen was:
    «Virgilius, lâz uns varn,
    Wir wellen dich immer bewarn
    Vor aller hande laide:
    Lâz uns vam auf die haide,
    Wir wellen dich kunst lêren vil,
    Daz dû hâst vröude unde spil
    Immer unz an deinen tôt,
    In disem glas ist grôzeu nôt,
    Zwên und sibenzig ist unser schar,
    Wir sagen dir sicherleich vür wâr.»
    Dô sprach Virgilius der man:
    «ich mag mich nicht an euch gelân.
    Lêrt ir mich granze lêre,
    Sô swer ich eu des sêre,
    Daz ich daz glas zerbrechen wil;
    Lêrt ir mich kunst alsô vil,
    Daz ich sein vrum gewinnen mak,
    Ich swer eu noch an disem tak,
    Daz diz glas von meiner hant
    Zerbresten muoz sâ ze hant.»
    Ze hant die teuvel alle
    Lêrten in mit schalle
    Die zauber list ân' ârbait,
    Als sie noch in der Kristenhait
    Allenthalben umbe gât,
    Wer zaubern kan, ân' missetât.
    Dô er die kunst von in enpfie,
    Ze ainem staine er dô gie,
    Er brach daz glas, und lie sie varn,
    Die teuvel alle mit irn scharn.
    Ze hant gedâcht' Virgilius:
    «Ich mouz ir kunst versuochen sus,
    Seit die teuvel sint von hinnen,
    Nu getrauw' ich wol gewinnen,
    Baideu, êre unde guot,
    Wie wol daz meinem herzen tuot,
    Daz ich vrum und êre
    Gewinn' ân, herzen sêre!»
      Virgilius der selbe man
    Begunde nû ze Rôme gân
    Unt versuocht' sain maisterschaft,
    Ob ez waer' wâr der teuvel kraft.
    Er macht' ze Rôm' ain stainein wei,
    Von künste deu het ainen leip,
    Swann' ain schalk, ain bœser man
    Wolte ze ainem weibe gân,
    Daz er gie ze dem staine,
    Der bœse, der unraine,
    Daz im was bei des staines leip,
    Recht als ob er wær' ain weip.
    Nicht vür baz ich eu sagen sol,
    Mein mainung' wizt ir alle wol.
      Des zaubers traib er genuok,
    Er was ain man unmâzen kluok,
    Ich mag ez nicht gar gesagen,
    Der wârhait muoz ich vil verdagen,
    Wan ainez waiz ich vür wâr,
    Daz sag' ich eu offenbâr,
    Daz er umb ainer vrauwen min
    Warb, deu was ain burgærin
    Und was ze Rôm' in der stat
    Gesezzen, wan er sie dikke bat,
    Daz sie seinen willen tæte:
    Doch was deu vrauwe stæte,
    Daz sic in nicht wolte gewern,
    Des er an sie mochte gern.
    Doch liez er nicht sein werben,
    Er jach, er muest'ê sterben,
    «E daz ich von eu lâze;
    Eur minne kumt mir ze mâze.»
    Sie sprach: «euer unsin eu lait gebirt,
    Wan ich sag' ez meinem Wirt;
    Und wært ir schœner dann' Absolôn,
    Mein minne ist eu versaget schôn;
    Ich wil eu sein gar ze rain;
    Ez muesten bresten alle stain'
    E ich eu wærleich wolt' gewern,
    Des ir welt an mich begern.
    Gêt hin, lât mich âne nôt,
    Mein man tuot eu den tôt,
    Dem wil ich ez sagen sicherleich,
    Euwer red' ist gar unbilleich.»
    Virgilius sein nicht enliez,
    Silber, gold er ir gehiez,
    Der vrauwen sicherleiche,
    Er was ân' mâzen reiche.
    Dô er die vrauwen wol getân
    Von dem gewerb nicht wolte lân,
    Dô gie sie zuo irm wirt
    Und sprach: «ain weiser man ir birt,
    Unde seit nicht ze alt;
    Achtet nû, wie ich behalt'
    Meine weipleiche êr',
    Die ich von meiner kinthait her
    Mit züchten hân behalten;
    Mit êren muoz ich alten,
    Ob ez nû euwer wille ist.
    Nû râtet mir in kurzer vrist,
    Daz ich Virgiliô engê;
    Der tuot mir nôt unde wê
    Z'wâr umb meine minne;
    Nû nemt in euwer sinne,
    Wie ich sein kunst umbe gê,
    Daz mir mein êr' von im bestê.»
    Ir êleich man sprach ze hant:
    «Vrauw', dein laster und dein schant
    Wære mir von herzen lait;
    Swie vol er ist der kündikait,
    Sô wil ich trachten, vrauwe mein,
    Daz er muoz geschant sein.
    Nû volg', vrauw', meinem râte,
    Sende nâch im drâte,
    Und glob' im, liebeu vrauwe mein,
    Dû wellest gar den willen sein
    Laisten heint bei diser nacht,
    Des habest dû dich vil wol bedacht
    Dû solt im deu mæere
    Sagen, ich sei mit swære
    Von dir geriten und mit zorn,
    Dû habst mein huld umb sust verlorn.
    Sag' im, er müge nicht schier
    In daz haus komen zuo dir,
    Ich habe dich in starker huot;
    Sprich: «mich dunket guot,
    Daz ich eu liez' ainen korp ze tal,
    Dar in sô sizt ir âne schal;
    Deu sorge euch vil gar verbirt,
    Wan sein nie man innen wirt;
    Eurn willen tuon ich sicherleich,
    Auf zeuch ich euch vrôleich
    In den turn den ich hân,
    Euwern willen wil ich begân.»
    Sô er sicht den willen dein,
    Sô wil ich ân' angest sein.
    Swaz ir der wirt vor sprach,
    Deu vrauwe tet ez alleznâch:
    Sie sante nach Virgilium,
    Sie sprach: «seit ir ein degen vrum,
    Daz sült ir mir heint erzaigen:
    Ich gib' mich eu vür aigen
    Heinte bei diser nacht;
    Mein man hât sich nicht bedâcht,
    Wan er mich sêr geslagen hât:
    Dâ von sô ist daz mein rât,
    Daz ir heinte kumt ze mir,
    Des ir mich bit, daz tuon ich schier
    Heint bei dirre nachte zeit;
    Mir ist in den landen weit
    Nicht sô laides, sô mein man;
    Laides ich im vil wol gan.»
      Dô der her Virgilius
    Von der vrauwen hôrt' alsus
    Die rede die sie het getân,
    Er sprach: «sol ich heint zuo eu gân?»
    Sie sprach: «ich vürchte die huot,
    Ich râte, daz ir sô wol tuot:
    Lât euch in ainem korbe schier
    Her auf sicherleich zuo mir
    Ziehen, daz ist recht getân.»
    «Vil gerne, vrauwe» sprach der man.
    «Wan ich ez immer dienen sol,
    Ir seit aller tugent vol.»
      Des nachtes dô ez spate wart,
    Virgilius gie auf die vart
    Zuo dem selben turne hin,
    Er warf mit ainem stainlin
    In daz venster, daz ez erhal.
    Dô gie deu vrauwe âne schal
    Und entslôz daz venster schier,
    Ir êleich man gie mit ir;
    Sie sach her ab, und sprach alsus:
    «Seit ir dâ, her Virgilius?»
    Er sprach: «vrauwe wol getân,
    Den korb sült ir her abe lân.
    Dâ wil ich sizzen in.» —
    «Ir habt dar an weisen sin.»
    Ze hand sie den korb liez,
    Als sie Virgilius dâ hiez.
    Dâ saz schôn Virgilius in:
    «Ir habt dar an weisen sin.»
    Wan sie in auf mit sinne gar
    In den turn zôch z'wâr
    Wol dreier gadem hôch ;
    Nicht vür baz sie in auf zôch,
    Sie strikt' in zuo, und liez in hangen;
    Sein wille was nicht ergangen;
    Sie was ein vil reinez weip,
    Keusch und schœne was ir leip.
      Des morgens dô ez tagte,
    Den Rômern man ez sagte,
    Daz der weis' her Virgilius
    Wær' an ainen turn erhangen sus;
    Dô sprach vil manig man :
    «Ich glaub' sein nicht, ich seh' ez an;
    Wan z'wâre, sein weiser leip
    Ist weiser, denne man oder weip ;
    Dâ von ez nicht ergên mak,
    Sein leip ist weise nacht unt tak.»
    Dô sagt' man in deu mære,
    Daz ez deu wârhait wære ;
    Dô giengen die Rômære dar
    Und nâmen seiner nôt war.
    Ze jungest kam ir êleich man
    Schôn zuo im geriten dan,
    Sam er wær' von dannen gewesen.
    Virgilius mochte kaum genesen.
    Wan er het swær' und ungemach.
    Iegleich Rœmer zuo im sprach:
    «Wie ist daz komen, Virgilius,
    Daz ir hie hanget alsus?»
    Virgilius sprach in stille:
    «Ez was z'wâr mein wille.»
    Dô sprach der vrauwen êleich man:
    «Wer brâcht euch zuo dem turne dan,
    Daz ir hangt an meiner maur?
    Ich wæn', ez sei eu worden saur.
    Doch ist ez mir an eu lait,
    Ir habet erliten smâchait.»
    Der wirt ze hand den weisen man
    Liez in von dem turne dan,
    Daz in daz volk allez sach.
    Er het grôzen ungemach
    Unt vil grôzen smerzen
    An leibe und an herzen.
      Dô man Virgilium her ab geliez
    Als in des hauses wirt hiez,
    Dô begund' er sêre trachten
    Und in dem herzen achten,
    Wie er dem getæte
    Daz deu vrauwe stæte
    Von im laid gewünne,
    Und auch alz ir künne
    Von dem laid geschant würde,
    Daz was ain swæreu bürde.
    Dâ mit der ungeheure
    Schuof, daz daz veure
    Erlasch, daz in Rôme was;
    Wunder was, daz icht genas,
    Man mochte nicht gebachen,
    Noch ezzen gemachen,
    Man mocte nicht gebreuwen;
    Sie beten vil der reuwen,
    Sie wâren nâch des hungers tôt
    Da von sie liten grôze nôt.
    Dô die Rômære
    Liten grôze swære
    Dô begunden sie trachten,
    Wie sie daz gemachten,
    Daz sie gewunnen veuwer;
    Daz vas nie man sô teuwer,
    Der ez betrachten kunde.
    In der selben stunde
    Sprach ain Rômær' under in:
    «ich wil eu sagen meinen sin,
    Ich rât', daz man Virgilius
    Bite vleizikleich alsus,
    Der ist gar ain herre,
    Dem sagen wir, waz uns werre,
    Sô wirt unser ungemach
    Verkert» alsô der Rômêr sprach.
    Der rât begund' in allen
    Vil rechte wol gevallen;
    Dô giengen leicht' unde vrum,
    Alle vür Virgilium,
    Und sprâchen: «herre, euwern rât
    Suochen wir, umb ain missetât,
    Sie tuot uns alsô grôze nôt,
    Vor hunger wellen wir ligen tôt,
    Wir mügen nicht gebachen,
    Wir mügen nicht ezzen machen,
    Des muezen wir verderben
    Und hie ze Rôm' ersterben:
    Nû wizzen wir, her, dein weistuom,
    Der ist uns unmâzen vrum.»
    Virgilius sprach: «ich wil eu sagen,
    Ir mügt der rede stille dagen,
    Wan sag' ich eu die wârhait,
    Daz wurd' eu âne mazen lait,
    Ir litet ser und ungemach.»
    Alsus Virgilius gen in sprach.
    Dô sprâchen gar mit swære
    Die weisen Rômære:
    «Herre, sein ist nicht ze vil,
    Swaz dü, vreunt und herre, wil,
    Daz tuon wir gern mit sinnen,
    Daz wir veur gewinnen,
    E wir alsus verderben
    Unt hie ze Rôme sterben:
    Der hunger machet uns blint.
    Uns stirbet weib unde kint.»
    Er sprach: «ist eu der hunger lait,
    Sô sweret mir des ainen ait,
    Daz ich euch haize tuon in zeit,
    Daz ir da wider nimmer seit,
    Und daz ich euwer hulde
    Hab' umb die selben schulde,
    Wan ich durch euwern willen
    Wil hie daz veuwer vinden.»
    Dô wurden sie ze râte,
    Daz sie vruo und spâte
    Im nimmer wolten wider sein.
    Sie sprâchen: «wir wellen den willen dein
    Tuon vil gar, nâch deinem rât;
    Ob sich under uns ie man hât
    Versaumt gegen dir, daz lâz dû varn,
    Wir wellen uns gen dir vür baz bewarn.
    Er sprach: «daz swert mir hie ze stet»
    Alsus Virgilius gen in ret;
    Des swuoren sie im mit laide
    Iegleicher zwên' aide. —
    «Mit hulden ich ez sprechen sol,
    Euch bewart nie man sô wol,
    Der euch von laide schaide,
    Daz sag' ich eu bei mainem aide,
    Sô deu vrauwe sicherleich,
    Deu dâ ist in dem turne reich.
    Dâ ich mit nœten an hienk.»
    Vil maniger nâch der vrauwen gienk,
    Die ir mâge wâren,
    Die sach man nâch ir vâren.
    Ir man mit vlêge und mit bet'.
    Doch er ez ungerne tet,
    Wan er muost' in des günnen,
    Er und al sein künne,
    Daz sie zuo her Virgilio gie.
    Virgilius sie schôn enpfie;
    Er sprach: vrauwe wol getân,
    Welt ir daz land nicht lân zergân
    Und die leut' dar inne,
    Sô volget meinem sinne
    Unt tuot nâch meinem râte.
    So gewint ir veuwer drâte,
    Oder ir muezt verderben
    Und mit samt in sterben.»
    Sie sprach: lieber herre mein,
    Möcht' ez in euwern hulden sein,
    Sô bæte ich euch vil gern,
    Ob ir mich woltet gewern,
    Sô liezt ez sein ain ander spil:
    Ich hân doch von eu laides vil.
    Er sprach: vrauw', des mag nicht gesein,
    Ez muest ê trukken sein der Rein,
    Ob ich ez liez' an disem tak:
    An' euch, ez nie man geschaffen mak.»
    Deu vrauwe sprach: lât mich sehen,
    Swaz mir hie sülle geschehen.»
    Dâ mit Virgilius sprach,
    Dô er sie schône vor im sach:
    «Vrauwe, seht ir disen stain,
    Dar auf sült ir sten al ain,
    Daz gewant sült ir ab ziehen,
    Ab dem stain sült ir nicht vliehen,
    Ir sült nicht haben, wan ain hemde
    Ander klaider sint eu vremde,
    Und sült ir daz after muoder z'wâr
    Hinden auf heben gar,
    Und an allen vieren stân:
    Ze hand sô sol weib und man
    Zünden vor dem hinder tail.
    Swer dan gewinnet daz unhail,
    Der zuo dem andern zünden wil.
    Sô wirt in baiden nicht ze vil,
    Wan sie erleschent baid' daz liecht;
    Daz man ez nimmer brinnen sicht;
    Wellen sie aber veuwer hân
    Sô muezen sie hin wider gân
    Und muezen wider zünden,
    So beginnet der after lünden.»
    Dô sprach deu vrauwe wol getân:
    «Ê wolt' ich den leib lân,
    E ich hete solhe schant,
    Ich wolt' ê raumen alleu lant.»
    Dô sprach Virgilius der man:
    «Alsô mag ez nicht ergan,
    Im muoz anders geschehen:
    Weln sie vröud' und wunne sehen,
    Sie muezen euch dar zuo twingen,
    Sô mag in wol gelingen.»
      Dô daz erhôrten ir mâge,
    Dô heten sie manige vrâge;
    Auch sach ez ze hand ir man,
    Daz ez nicht anders mocht' ergân;
    Dô griffen sie an mit vleg' mit bet.
    Deu vrauwe ez ungerne tet,
    Wan sie schamt' sich sêre,
    Ir laides des ward mêre;
    Sie jach: «ich láz' mich tœten ê,
    Ê ez alsô an mir ergê.»
    Dô nicht half weder drô, noch bet',
    Nû hœret, wie ir wirt tet:
    Er wolt' des nicht erwinden,
    Er hiez die vrauwen binden,
    Daz gewand hiez er ir ab ziehen,
    Des mocht' sie nicht enpfliehen,
    Er stalt' sie nider auf den stain,
    Ir scham was da nicht klain:
    Dâ muost' deu vrauwe mit schal
    Daz veuwer geben über al,
    Wan sie muost' auf dem staine stân,
    Des wolte man sie nicht erlân;
    Der aine truog ain kerzen dar,
    Der ander unslit z' wâr,
    Der dritte truok ainen schaup,
    Der vierde ainen boschen laup,
    Der vünfte truog ain buechein her,
    Der sechste ainen brand swær'.
    Alsô zunten sie alle samt:
    Daz was der vrauwen ain bitter amt;
    Alsô muost' sie ez leiden
    Und mocht' ez nicht vermeiden,
    Sie muost' die scham und die nôt
    Leiden, sie was nâhen tôt.
      Dâ mit Virgilius drât
    Vuor von Rôm, und baut' ain stat,
    Als sie heute ist bekant,
    Die ward Napels genant,
    Mit listen er ez ane vie.
    Daz ez nâch seinem willen gie,
    Rechte als er wolde
    Und als er mit listen solde,
    Wan ez ze recht alsô ergienk;
    Die stat er an dreu eijer hienk,
    Daz ez von im noch hât die kraft
    Unt von seiner meisterschaft,
    Swer sie zerbraech, deu stat versünke,
    Daz volk vil gar ertrünke.
    Daz bewart man in der stat wol.
    Swer gegen dem eije greifen sol,
    Sô zittert deu stat über al
    Und die heuser âne zal.
      Dar nâch Virgilius der her
    Vant dennoch liste mêr,
    Er macht' ain bilde êrein,
    Daz bilde muost' von gold sein,
    An dem bilde was gegraben
    Mit guldeinen buoch staben:
    «Dâ ich hin zaig', daz ist ain hort;
    Swer in begreift, daz ist ain ort
    Seiner armuot ab bekomen.»
    Dô daz die leute heten vernomen,
    Dô kamen der leut' ain michel tail,
    Iegleicher versuocht' sein hail,
    Ob im der hord würde,
    Daz im der sorgen bürde
    Muest' dâ von geringet sein
    Und ganzeu vröude werden schein.
    Die ain band het daz bilde
    Geleit auf den bauch wilde;
    Der ander arm stuond gerakt,
    Des maniger dikke lacht',
    Daz bilde dâ zaigen began
    Mit seiner hand wol getân
    An ainen berg, der gegen im lak;
    Alsô zaigt' ez nacht unt tak;
    Mit dem vinger vür sich hin:
    Dâ suochte maniger den gewin
    Und gruoben den berg umbe,
    Der weise und der tumbe.
    Sein vinger im gerekket was
    Gegen dem berg, als ich ez las;
    Der ander vinger zaigen began
    Gegen dem bauch den hort an.
    Des verstuont sich nie man dâ:
    Sie vuoren nâch dem vinger sâ,
    Der dâ stuond nâch dem berk,
    Dar inne so worchten sie manig werk,
    Wan sie wânden, daz sie dort
    Vünden in dem berg den hort:
    Den hort dâ nie man gesach,
    Aines tages ain trunken man sprach:
    Wie lang sol uns daz bilde
    Effen an dem wilde?
    Ich wil die leut' an im rechen
    Un wil ez genzleich zerbrechen.»
    Seinen kolben er bei dem orte vie,
    Vil trunken er gegen im gie,
    Und sluog ez dâ an seinen nak,
    Daz ez auf der erden lak,
    Seinen hals und seinen nak,
    Dannoch schain nicht der tak,
    Wan ez bei der nacht was:
    Daz golt viel nider auf daz gras.
    Dar an sol man gesehen wol,
    Wer grôzez guot haben sol,
    Dem muoz ez werden beschaffen,
    Ez sein laijen oder pfaffen;
    Als dem trunken manne geschach,
    Der daz bilde dâ zerbrach, —
    Diz bild' sol nie man effent sein —
    Der west' nicht, daz daz guot was sein,
    Unz er daz golt truok von dan:
    Dâ ward er ain reicher man,
    Im wart beschert grôzez guot.
    Owê, wie sanft ez manigem tuot,
    Daz er gewinnet sæld' und hail.
    Owê, wurd' uns des auch ain tail!
    Des helf' uns Got von himel reich,
    Z'wâr, sô würden wir vröuden reich.



X.

ENRICO DA MÜGLIN

(Ved. vol. II, pag. 101).


1.

    Venedig ist ein gute stat, die hôrt man lobin.
    dar in wâren edler herren vil, die wolten ziehen hin
    uber mer von kinden und von frouwen,
    si wolten gut gewinnen, dar nâch stund ir sin.
    ein schrîber hiez Virgilius der zôch mit in
    ûf einem kiel, der was sô wol erpouwen,
    si nâmen urloub sâ zehant.
    dô sprâchen si zu wiben und zu kinden:
    «und kumb wir wider her ze lant,
    wir trouwen Got, das wir ûch frôlich vinden.»
    hin an den kiel sô was in gâch.
    und ûf das mer mit alsô klûgen sinnen.
    Virgilius der volgt in nâch:
    «und wil er Got, wir wollen gut gewinnen,
    wan Got sol uns pfleger sîn, wô wir der land hin varn.
    Marîâ muter, reine meit
    bhut uns vor leit!
    wir sweben ûf wildes meres vlut, Got der sol uns bewarn.»


2.

    Si nâmen gut mit in, als vil si wolten hân,
    zwên vogel, hiezen grîfen, fûrtens mit in dan,
    gar west versmitt mit keten zu dem kiele,
    si vûren jâr und tag wol ûf dem mere preit,
    si pâten das in hulfe Got und die reine meit
    zu dem agetstein, der in sô wol geviele,
    dô si den kiel gefulten gar,
    ir herz das wart mit jâmer gar umbfangen:
    geloubend sicherlich fur wâr,
    der kiel begund in an dem agtstein hangen,
    dô si nû mit der rîchen hab
    von dannen wolten schiffen, das geloubet:
    die grifen rizzen sich beide ab
    und vlugen hin, die herren wârn petoubet:
    «ach Got thu uns din hilfe schîn in disem jâmer swinde!
    soll wir hie lîden solche nôt
    und ligen tôt,
    wir komen nimer mêr hin heim zu wiben und zu kinden.»


3.

    Virgilius der gieng hin ûf den perg gerecht,
    dâ vant er stân in einem glas des tiefels knecht,
    er sprach zu im: «wer hât dich her gesetzet?»
    der tiefel zu dem schriber sprach pald an der stat:
    «Virgilius lâst du mich ûs, ich gip dir rât,
    daz du der dinen sorgen wirst ergetzet.»
    Virgilius sprach sâ ze hant:
    «kanst du mir helfen ûf die rechten strâzen
    und wider pringen heim ze lant
    mich und mîne herren, ich wil dich selbst ûs lâzen.»
    der tiefel antwurt ûs dem glas:
    «gê ûf den perg, dâ vinst du ain besunder,
    der hât ein brief in siner nas,
    dâ leit ein tôter man ein puch dar under;
    und wirt dir das, sô pistu wis und kumbst ouch wol ze lande;
    dar in sint vil gesellen gut
    gar hoch gemut,
    die pringent dich und al dïn herren heim alsô ze lande.»


4.

    Virgilius gieng fur paz ûf den perg hin dan,
    vii schier vant er den selben vînten vor im stân
    mit enim kolbin ob eins grabes grunde.
    der selbig vînt het einen brief in siner nas
    mit einem kolm er umb sich slug in grôzem has.
    zu mittem tag rast er ein kleine stunde,
    den brief zucket er im ûs der nas,
    dâ viel der tiefel nider zu sinen gnôzen.
    als im der tiefel vore las,
    das puch begund er an dem arme vazzen.
    als pald und er das puch ûf spart,
    dar ûs sô vûren vil der helle kunder,
    achtzigtûsent tiefel ûf der vart.
    Virgilius den nam des michel wunder,
    si sprâchen pald: «wâ soll wir hin, wir megen nicht lenger piten?»
    er sprach: «vart in den grûnen walt,
    und macht mir palt
    eine gute strâz, das man dar nâch muge varen und ouch riten.»


5.

    Her wider kam das tieflische gesinde drât
    und in das puch, als in Virgilius gepôt.
    er slôz ez zu mit alsô klûgen sinnen.
    er gieng zu sînen herren an dem abend spât,
    si empfiengen in schôn und klagten im ir grôze nôt.
    si sprâchen all: «was soll wir hie beginnen?»
    Virgilius sprach sâ ze hant:
    «ich net û gern, und wolt ir min gedenken,
    ich bring ûch wider heim ze lant
    ân alles meil, dar an solt ir nicht wenken.»
    die herren globten im grôze gab,
    si sprâchen: «um das gut durft ir nit veilen.
    was wir hie pringen richer hab,
    das well wir alles frôlich mit û teilen.
    dâ mit solt in gerîchet sin, pringt ir uns heim ze lande»
    er sprach zu in: «ir herren gut
    sît wolgemut!»
    si vûren gên Venedig hin gar pald und sâ ze hande.



XI.

ANONIMO TEDESCO

(Ved. vol. II, pag. 130).

_Von einem pild ze Rôme daz den êprecherinnen die vinger ab peiz._


    Virgilius die künste sin
    ze Rôme an einem pild wol liez werden schîn,
    daz er germachet het mit sînen handen:
    swelhe frowe zerprach in êr,
    sô het daz pild die kraft, die kunst und ouch die lêr,
    daz ez sî prâcht vor männiclich ze schanden,
    vil manige frowe zwên vinger muost dem pild ze wandel geben,
    die legt im man in sînen munt,
    die peiz ez dan den valschen ab und macht si wunt,
    daz si dan fürbaz muostn in schanden leben.

    Nu hoert wie ez dar nâch ergienc,
    ein keiserin ze Rôm des pildes haz gefienc,
    wan si gedâcht wie si ez möcht zerstoeren,
    ir êr die hiet si gem zerprochn,
    sô forcht si niur daz pild liez ez nicht ungerochn,
    wie dem geschach, daz mugt ir gerne hoeren.
    die keiserin des nicht enliez, si prach ir wiplich êre
    mit einem rîtter daz geschach:
    alsâ zehant man an dem keiser wachsen sach
    ûz sînem houbt ein horn, daz muot in sêre.

    Der keiser fuor hin ûf dem mer,
    pî im sô wâren riter und knecht ein grôzez her,
    die liez er al daz wunder ane schouwen.
    er chlagt vil manigem man sin nôt:
    er sprach «und wolt ez Got, sô waere ich lieber tôt.
    ich fürcht die scham trag ich von mîner frouwen.»
    der keiser het vil wîser raet, mit den begunder sprechen.
    dô frâgt er einen wîsen man,
    er sprach «nu gib mir rât, wie sol ichz grîfen an,
    daz ich mich môcht an miner frowen rechen?»

    Der wîse man sprach wider in
    «waerlîchen, herre, ez dunket mich ein kluoger sin,
    wir sollen wider heim ze lande rîten.
    ich redez wol ân allen haz,
    doch solt ir iuch der maer ein teil erfaren paz.»
    der keiser sprach «ich wil niht langer piten.
    ich wil mîn frowen besprechen paz und frâgen umb die schulde.
    si hât unreht an mir getân,
    daz si einen andern hât zuo ir gelân:
    si hât verworcht ir êr und ouch mîn hulde.»

    Dem keiser stuont hin heim sîn gir.
    er sprach ze sîner frowen pald «nu sage mir,
    du hâst mich mit eim andern übergeben.
    ei du poese vâlentinn,
    daz horn an mînem houbt trag ich von dîner minn,
    daz gilt dir hiut din êr und ouch daz leben.»
    die frowe plict den keiser an, si gunde froelich lachen.
    si sprach «dâ für sô wil ich swern
    wol tûsent eide und wil michs mit dem rechten wern,
    daz ich kein schult gewan an disen sachen.»
    Der keiser sprach «daz muoz geschehen
    vor dem pilt, daz ez muoz menniclich an sehen,
    daz du ze schanden wirst vor alien frouwen.»
    die keiserin sprach «daz tuon ich gern,
    sît ir sîn an mir armen wîb nicht welt enpern,
    sô wil ich Got und sînen gnâden trouwen,
    wan ich der sach unschuldic pin. ich wil iu sweren rechte.
    sô fürcht ich dan daz pilde klein,
    daz recht wil ich volfüeren als ein frowe rein,
    daz sollen sehen die ritter und die knechte.

    Ê daz si für gerichte trat,
    ir hoeret wes die keiserin den keiser pat,
    einer pet si gund an ir begeren.
    si sprach «pescheid mir einen tac,
    daz ich die mînen friunt pî mir gehaben mac.
    der keiser sprach «des wil ich dich geweren,
    wan ûf den tac solt dû nâch dînen pesten friunden senden.»
    si kund der iren friunt enpern,
    und sant nâch einem ritter, wan den sach si gern.
    si sprach ze im «die sach helf mir volenden.»

    Nu hoert waz si den ritter lêrt,
    daz er sich pald in eines tôren wîs verkêrt,
    si sprach «geselle, lâ dichs niht verdriezen.
    swenn ich gê für gerichte her,
    sô wirf mich under dich, daz ist mîns herzen ger:
    mit dînen armen soltu mich umsliezen.
    smück mich ze dir, ein halsen, ein küssen daz soltu mir geben.
    villîcht vindich dann einen funt,
    dâ mit daz ich dem pilt versliuz den sinen munt,
    sô halt wir peide êr und unser leben.

    Der ritter tet swaz si in hiez.
    wie pald er im ein tôren platten scheren liez!
    tôren kleider liez er sich an snîden.
    er macht sich vor hin an die schar.
    dô er die edelen keiserin sach füeren dar,
    den iren zarten lip gunder niht miden,
    mit peiden armen ers umbfienc er gundes zuo im smücken.
    ein halsen, ein küssen was bereit
    der edelen keiserinne, daz was ir niht leit
    vil sleg und stoez der tôr dâ muost verdrücken.

    Dô si nu für gerihte gienc,
    in hoert, wie wislich ez die keiserin an fienc.
    ir rede liez si gên dem pilde schiezen.
    dô si ez zuo dem êrsten sach,
    ir hoeret, wie die frowe dem pilde dô verjach,
    dar mit begundes im der munt versliezen.
    si sprach «hie sint zwên einic man, dâ für wil ich niht sweren.
    die wil ich offenbar hie nenn,
    dâ dû si, pilt, und alle welt wol maht erkenn.»
    dâ mit begundes sich des pildes weren.

    «Nu hoer an, pild, und merk mich eben,
    ich stân alhie umb triwe umb êr und umb daz leben,
    daz du kein unreht laezest mir geschehen,
    daz mir kein man sô nâhent kam,
    wan niur der keiser und der leidic tôre sam,
    den ieder man hât hie pî mir gesehen.
    nu merk mich, pilt, waz ich dir sag: daz reht wil ich volfüren.»
    die finger legt sim in den munt.
    si sprach «nu, pilt, swer ich unreht, sô mach mich wunt.»
    das pilde stuont und torstes niender rüeren.

    Nu hoert wes ir die frowe gedâcht,
    dô si dem pilt die finger ûz dem munde prâht,
    si kêrt sich zuo dem keiser umb ze stunden.
    si sprach «sihstu, min lieber man,
    daz du mir armen frowen unreht hâst getân.
    schow an, mîn finger habent niender wunden.»
    der herre dô zer frowen sprach nâch keiserlîchen sitten
    «ich ab allez wol gesehen,
    für wâr, iu sol sîn fürbaz nimmer nôt geschehen:
    vergebt mir daz, dar umb wil ich iuch pitten.»
    Die frowe sprach «daz sî getân,
    ich will ez allez durch den Gotes willen lân,
    der mach mich mîner scham gar wol ergetzen,
    die ich al hie erliten habe.»
    alsâ zehant dem keiser spranc daz horen abe.
    er gund sîn frowen friuntlich zuo im setzen.
    der keiser zuo der frowen sprach «ir habt mit recht gewunnen.»
    dô si den eit aldâ geswuor,
    alsâ zehant daz pilt ze tûsent stücken fuor:
    ez peiz nicht mêr, der kunst was im zerunnen.



XII.

LA CRONICA DI PARTENOPE

(Ved. vol. II, pag. 132 sgg.)[337].


_Como lo Imperatore Ottaviano fece Marcello duca de Napoli, e como
Virgilio fundò le chiaviche in Napoli._

Dice Floro Agnieo ne la soa opera..... sopra Titu Livio: non solamente
de Italia, ma de tutto lo mondo, la più bella provincia è quella de
Campagnia; perchè etc.[338]. Et Eustasio de lo Pianto de Ytalia[339],
carissimo poeta et autore, dice de Napoli: la inclita Napoli, generosa,
ornata de gracie, Partenope, cità riale, molto famosa. E recita molti
altri lochi che in quillo tempo foro: volesse Dio che umde fosse remasa
la terza parte a li suoi citadini.

E quando Ottaviano imperatore de Roma ordinò Marcello Duca de'
Napolitani, in de lo tempo de quillo Marcello, essendo consiliario e
quasi rettore suo o vero maistro [un] omo sagace e discipolo delle
muse, chiamato Virgilio Mantoano, si forono fatte le chiavi[che]
sotterra, che, in de la cità de Napoli, aveno curso a lo mari [e]
li puzi propinqui per le strate maiestre, con condutti de acqui, per
diverse vie e suttile artificio. Le quale acque congregate in uno alto
de uno monticello, clamato Santo Pietro ad Cancellaria, correno a le
fontane puplice, fatte e edificate ne la ditta cità, per la sagacità
de lo ditto Marcello, e per pregaria de lo ditto Virgilio. Lo preditto
Imperatore clamò Napoli donna de nove cità, oppido o vero castello
murato. Lo quale Virgilio, ne la predicta cità[340], scrisse lo libro
de la Georgica, nel tempo quando Ottaviano ordinò Marcello Duca de li
Napolitani.


_Qui si narra como Virgilio fece la mosca in Napoli._

In de la quale cità, per lo airo delle padule, [le] quale a lei son
propinque, in quillo tempo lì era grande abundancia de mosche, in tanto
che quasi generavano mortalità. E lo sopraditto Virgilio per la gran
affectione la qual'avea a la ditta cità e a li soi citadini, sì fece
per arte de nigromancia una mosca de oro, e fecela forgiare grande
quanto una rana, sub certi punti de stelle, che [per] la efficacia e
virtù de la quale mosca, tutte le mosche create ne la cità fogeano,
secondo che Alessandro parla in una sua opera, che isso vedette la
preditta mosca in una fenestra de lo castello de Capuana. E Gervasi in
de la soa coronica, la quale se intitula li _Responsi Imperiali_, prova
questa cosa essere stata cussì. De poi, la ditta mosca levata da quillo
loco, e deportata a lo castello de Cecale, si perdio la virtù.


_Como Virgilio fece la sanguisuca in acqua._

Et eciamdio fe' fare Virgilio una rana o vero sangue suca, che al
presente cussì ei chiamata, de oro, formata sotto certe costellaciuni
de stelle, la quale fo gettata a lo profundo de uno puzo, per la
efficacia e virtù de la quale sangue suca, tutte le sangue suche forono
scazate dalle acque de la cità de Napoli, le quale [c]e abundavano [in]
gran quantitati. E como al presente manifestamente vedimo, operante
la divina gracia, senza la quale nisuna cosa si potè fare perfetta, la
preditta gracia e virtù dura fino al dì de oge, e durarà in aeternum.


_Como Virgilio fece uno cavallo de metallo, per arte di nigromancia, lo
quale guario tutti li cavalli che se appressemavano ad ipso._

Anche lo ditto Virgilio fece forgiare uno cavallo de metallo, sotto
costellacione de stelle, che per la visione sola de lo cavallo, o sulo
per se li appressemare altri cavalli stimolati da alcune infirmitati,
si aveano remedio de sanità; lo quale cavallo li menescalchi de la cità
de Napoli, avendo de ciò gran dolore, imperzò che no aveano guadagno
alle cure de li cavalli infirmi, sì andarono una notte e perforarolo in
ventre. Da poi, per la quale percussione e rottura, lo ditto cavallo
perdìo la virtute; unde de poi fo convertuto a la construccione delle
campane della maiure ecclesia de Napoli in de l'anno del nostro Singnor
Iesù Cristo MCCCXXII. Lo quale cavallo si stava guardato ne la corte
de la preditta maiore ecclesia de Napoli; de lo quale cavallo si crede
che la piaza o vero segio de Capuana porte le arme o vero insegna, zoè
uno cavallo in colore de oro senza freno. Per la quale cosa, quando
lo serenissimo prencepe re Carlo I intrao in ne la cità de Napoli,
maravegliandosi delle arme de questa piaza e de la piaza de Nido, la
quale anche per arme avea uno cavallo tutto de nigro, senza freno,
sì comandò che fossero scritti dui versi, li quali in questa forma
dissero:

    _Hactenus effrenis, nunc freni portat habenas;
      Rex domat hunc aequus Parthenopensis equum._

De li quali versi la sentencia in vulgare si ei questa, che lo re iusto
de Napoli doma quisto cavallo sfrenato; a li uomini senza freno, li
apparecchia le retene [de lo] freno.


_Como Virgilio fece forgiare una cecale, socta costillacione delle
stelle._

Et eciamdio quillo chiarissimo supra ditto poeta, sì fece fare una
cicala o vero cantatrice de rame, per arte de nigromancia incantata,
e sì la appicò ad uno arbore con una catenella; e per la efficacia e
virtù de la quale cicala, si fogieono da la dita cità tutte le cicale,
le quale erano tanto infestante e contrarie a li citatini, per loro
brutto cantare, che quasi non poteano de notte dormire, nè riposare.
La quale gracia dura per fin al dì de oge, che da quillo tempo in qua,
no sinci trova ni aude niuna, quanto gira lo circoito de la preditta
città, in niun tempo.


_Como Virgilio fe' providimento che potesse tenere la carne ad Napoli,
fresca e salata._

Niente de meno, volendo lo ditto Virgilio providere a la utilità
de quilli, li quali sentiva danno, molte volte, a la carne fresca e
salata, imperciò che molti fiate fetiva per un vento austro, lo quale
a la ditta cità è molto contrario, imperzò che quando lui suffiava
se corrumpeano le ditte carni; per la quale cosa lo ditto Virgilio
fece appendere diversi pezi de diverse carni, per la supra ditta arte
magica, in uno arco, alla bucciaria de la piaza de lo mercato vechio,
dove, in quel tempo, se vende a la carne. Per la virtù de la quale
carne appesa per Virgilio, tutta la carne che restava a vendere, sì se
conservava per più dì e semmane, senza corucione, e la carne salata se
conservava gran tempo senza macula nisuna.


_Como Virgilio fece providimento a la conservazione de li frutti e
fiuri fruttiferi, che lo vento non le guastasse._

Per lo vento, lo quale è chiamato Favonio, o vero furàno, lo quale
vento guasta li arbori, e comunemente sole ventare a la intrata de
lo mese de aprile, ne la ditta cità, et ei distrugitivo delle frundi,
frutti, fiuri teneri de li arbori, lo supraditto poeta fece forgiare
una imagine de rame, sotto certi singni e coniuraciuni de pianete, la
quale imagine tenea una tromba in bocca, la quale, percossa o spenta da
lo ditto vento favonio, per la virtù delle ditte pianete, de la tromba
uscìa uno altro vento contrario a lo ditto favonio; de che era de
necessità che tornasse in dereto. Per la quale cosa cresseano li láburi
e frutti senza nocimento, e perveneano a maturacione perfetta.


_Como Virgilio ordinò uno loco, che sinci trovassero onne raione de
erbe._

Volendo anche lo esimio autore e summo poeta providere le infermitati
de li omini con erbe salutiferi e medicinali, le quali besongnano per
li suchi e per siroppi, le quali erbe in molti parti de lo mundo non
si trovano, e massimamente la estate; unde a piedi, o vero sotto la
montagna, dove è la ecclesia de santa Maria de Monte Vergene, sopra
Avelle, presso de Mercugliano, lo quale monte al presente è chiamato
Monte Vergene, per le maravigliose soi arti ed ingegni fece ordenare
uno iardino maraveglioso e fertile de onne generacione de erbe; lo
quale iardino o vero orto, a tutti quilli che gi andano per cogliere
delle erbe, per li cure di li infirmi, le erbe e la via se demostrava
legeremente; a quilli che gi andavano per destrugerelo, o vero per
farlo seccare, o per levare le ditte erbe, per pastenare altrove, no si
lassavano vedere, e non trovavano mai via donde gi potessero andare. In
de lo quale iardino, eciamdio infine a lo nostro tempo, vi se coglieano
erbe de gran vertute e medicinali, le quali no si trovano alcune in
altro loco, se no in quillo iardino.


_Como Virgilio fece ordinare uno loco in mare, dove li Napolitani
avessero de onne tempo pesce frisco._

Allora vedendo lo preditto poeta la ditta cità, la quale con gran
voluntà desiderava de si magnificare, per fama e per recheza, recercava
in onne atto e modo, grande e piccolo, utele che lui possea fareli;
la quale cità no era fertile de pesce, per lo poco fundo de lo mari.
Volendo providere a la utilità de li citatini, fece lavorare una
preta, e fecici intagliare uno piscitello bene scolpito, lo quale fe'
frabricare in quillo loco, dove oge si chiama la Preta de lo pesce, a
lo quale loco, finchè vi stette la ditta preta, iammai non mancò che
non gli fosse de lo pesse o grande o piccolo, quando poca quantità,
quando molta copia.


_Como Virgilio fece intagliare doe imagine, l'una de omo allegro, e
l'altra de donna che piangea, le quale stavano a la porta Nolana._

In ne la intrata de la ditta cità, sopra la porta Nolana, incorrendo ad
essereli mirabile influencia delle pianete, fece mirabilmente edificare
e inscolpire doe teste umane, per fine a lo petto, de marmore; l'una
de omo allegro che redea, e l'autra de donna trista che piangea,
avendo diversi augurii et effetti. Si alcuno omo trasea a la ditta
cità, per ottenere alcuna gracia, o per espedire alcuna soa facenda, e
casualmente declinava a la soa intrata, da lo lato de la porta, dove
stava lo omo o imagine che redea, conseguitava bono augurio, e tutto
suo desiderio avea bono effetto, in tutta sua facenda; ma si inclinava
a la intrata, de lo lato de la porta, dove era la testa che piangeva,
onne male augurio era, et niuno spazamento li avenea nelle soi facende.
Le quale imagine fini al dì de oge, sì appareno sopra a la ditta porta,
la quale al presente ei chiamata porta de Forcella.


_Como Virgilio ordinò lo ioco de Carbonara, per esercitare li
Napolitani che fossero valenti._

Et in quillo tempo anche ordenò, che onne anno si facesse lo ioco de
Carbonara, non con morte de omini, come fo fatto de poi; ma ciò fece
per esercitare li omini in li fatti delle arme, e in quilli tempi se
donavano certi doni a quilli ch'erano vincitori. E lo dito ioco abe
principio de menare melerange, a le quale poi succese lo menare delle
prete, dapoi co li bastuni; vero è che gi andavano co lo capo coperto
de ferro o vero de coiro; de poi più innanti, poi la morte de lo nostro
Singnore Iesù Cristo MCCC LXXX, de quilli che gi iocavano, non ostante
che si armavano de infinite arme, molti giende moreano, e quillo loco
ei chiamato [_Caronara_ o] _Carbonara_; imperciò che là si soleno
gettare le bestie morte e la mondatura de li carbuni. Anche ordenò lo
preditto Virgilio, in de la ditta cità, per la sua arte magica, quattro
capi umani, che longo tempo innanti morti erano stati, li quale capi
davano vere resposte de tutti li fatti, che si faceano in tutti le
quattro parti de lo mundo, azò che tutti li fatti de lo mundo fossero
manifesti a lo duca de Napoli.


_Como Virgilio ordinò che dentro la cità de Napoli non senze trovasse
niuno verme nocivo, che fosse venenuso._

Anche ne la dicta cità de Napoli, a la preditta porta Nolana, la quale
al presente è chiamata la porta de Forcella, como è ditto de sopra,
et è una via de prete, artificiosamente construtta et ordinata; et
a la ditta via pose uno sigillo lo ditto Virgilio, non senza gran
ministerio, lo quale concluse e anullao onne generacione de serpenti
e altri vermi nocivi; la quale cosa, per la divina misericordia, per
fine a mo' ne ei osservata, intanto che, per niuna cava de fondamenta
de edificio, sotta terra o vero per puzo, o vero per chiaveca, mai non
fo trovato serpe ni altro verme nocivo, nè vivo nè morto, eccetto si
con feno o strama fosse portato alcuno casualemente. Et a magisterio
de dottrina de' Napolitani, nati in fertile patria et abindevele,
stando isso Virgilio a Napoli, compose lo libro de la Georgica, nelli
anni de la soa etate XXIIII. In ne lo quale libro se insengniano li
modi como et in quali tempi, se debiano arare e cultivare li campi, e
semenarelle, et in quali tempi se deveno li arbori piantare e tagliare
et incertare, secondo che isso attesta a la fine de la ditta opera,
dove dice: in quello tempo sì me notricava de la dolce Partenope,
molto nobile in ocio, e florido in de lo studio. Lo quale Virgilio,
per nacione lombardo, abbe principio de una villa mantoana, chiamata
[Andes o] Pictacolo; el quale Virgilio fiorì in fama, nel tempo de
Iulio Cesare sotto Ottaviano, ne li anni XXV de lo suo imperio. La soa
vita finìo ne la città de Brindisi; unde de poi, in poco tempo fo ratto
suo corpo per li Calabrisi, e fo portato in Napoli, e fo seppellito
a lo capo de la grotta Napolìtana, perforata per isso Virgilio, in
quillo loco, dove è oge una piccola ecclesiola chiamata santa Maria
dell'Itria, in una sepoltura a piccolo tempio quatrata, fabricata de
tegole a la antiqua manera, sotto de uno marmoro scritto e ornato de lo
suo epitaffio de antiche littere, lo quale marmoro fo integro e sano
ne li anni de lo nostro Signore MCCCXXVI; ne lo quale epitaffio erano
scritti dui versi, li quali in sentencia diceano: Mantua me generò, li
Calabresi me rapero, mò me tiene Napoli, lo quale scripsi in versi la
Buccolica, la Georgica et la Eneida[341].


_Como Virgilio ordinò li bagni, per utilità de' Napolitani, e como
li medici de Salerno ne guastaro le imagine, che insingniavano per
scrittura li remedii, secundo la infirmitate._

Considerò anche el ditto poeta, che in de la parte de Baia, de presso
de Cume, erano le acque calide, avendo certi cursi de sotto terra,
per le vene e materie de diverse operaciuni de sulfure e de lume e de
argento vivo, secundo la opinione de molti, le quale acque abundano
de certi virtuti. Considerato adunque, de là edificare, per la comune
salute de li citatini de Napoli, e per utilità de tutta la republica,
edificò molti e diversi bagni, e massimamente quillo bagnio, lo quale
ei chiamato Tritola. In de lo quale bagno erano intagliate e scolpite
cotali imagine, le quali, colle loro mano, insingniavano le infirmità;
imperciò che a lo membro zascuno le mano tenea, chi a lo capo, chi a
lo petto, chi a lo stomaco, chi a lo ventre, chi a la cossa e chi a
li pedi, e sopra de loro teste, de littere scolpite e intagliate gi
erano, incegnando li bangni chi utili erano alle preditti infirmitati,
fatti con suttile artificio e magisterio; azochè li poveri malati,
senza aiuto e consiglio de' medici, li quali senza alcuna caritati
domandavano essere pagati, potessero de la desiderata sanità remedio
trovare delle loro infirmitati. E lo quale bagnio, remedio de li
poveri infirmi, li [cattivi medici] de Salerno demostraro le loro poche
caritati e grande loro iniquitati; imperciò che una notte navigaro da
Salerno perfini a lo ditto bagnio, e deguastaro tutte le scritture e
parte delle sopraditte imagine, con feri et altri istromenti, e opere
da dirompere li ditti edificii. Per la quale cosa, la iusta e condegna
virtù de Dio le ponìo; imperciò che come li ditti medici si retornavano
a Salerno per mari, forono assaltati da una grandissima tempestate
e fortuna de mare, unde tutti si annegaro, eccetto uno che decampò,
lo quale manifestò questa cosa; e dice che anegaro intra Crapi e la
Minerva [promontorio de Salerno].


_Como Virgilio fece fare e perforare quillo monte, che se va da Napoli
a Pizuolo._

Avendo quisto poeta anche avertencia alle fatiche e tedii de li
citatini de Napoli, che voleano gire spesso a Pizuolo et a li bagni
soprascritti de Vaia, si andavano per gli arbusti de uno durissimo
monte, lo quale è principio de affanno de quilli che passare voleano
lo ditto monte, tanto allo gire, quanto allo venire indereto. E
considerando per suttile geom[etr]ia, con una retta mesura ordinò che
lo preditto monte, con molta operacione umana sotto terra cavato e
perforato [fusse]; e fece fare una cava o vero grotta de longheze de
passi milli, la quale grotta fo con tanta sottilità ordenata, co' uno
spiracelo in mezo a la ditta grotta, che per lo nascimento de lo sole
[la metate luce da parte de levante, da la matina per fi a mezo dì,
et da mezo dì per fi a posta del sole luce l'altra metate da pate de
ponente][342]. E però che quilli che passavano per la ditta grotta, la
quale ei oscura e tenebrosa, e per questo parea male secura, in tali
disposicione de pianete e cusì de stelle fo la ditta grotta cavata,
e de tale gracia dottata, che per nissun tempo nè de guerra nè de
pace, no' gi fo fatto atto disonesto, per omicidio, ni de robbaria, nè
sforzamento de femmene, per fini a' nostri tempi. Per la grotta parla
Seneca a Lucilio, ne la terza epistola dove dice: quando io dovessi
petere Napoli, mi pigliaria una grotta de Napoli chiamata Alphe: niuna
cosa è più longe de quillo carcere, ni una cosa de quelle bocche ei
più oscura. E la preditta grotta, lo grosso popolo tene che Virgilio
fatta la avesse in uno dì; e questo non ei possibile, si no a la Divina
potencia quae de nihilo cuncta creavit[343].


_Como Virgilio consacrò uno ovo, lo quale fece mettere dentro una
carrafa, e fecelo conservare ne lo castello dell'Ovo, e che lo ditto
castello dovesse tanto durare quanto dura lo ovo._

Era nel tempo de Vergilio preditto, edificato uno castello dintro mari,
sopra uno scoglio propinquo alla cità de Napoli, lo quale oge appare et
ei chiamato castello marino o vero de mari. In de la opera del quale
castello, Virgilio delettandosi, con soi arti consacrao uno ovo, lo
primo che fece una gallina, lo quale ovo pose dintro una carrafa, per
lo più stretto forame de la carrafa preditta, la quale carrafa la pose
dintro a una cabia; [et la dicta cabia] dintro a una piccola camera,
sotto lo preditto castello alogare fece. La quale camera secreta e ben
rechiusa con gran sollicitudine e diligencia guardata fo, e da quello
[ovo] lo ditto castello pigliò lo nomo; imperciò che al presente ei
chiamato castello dell'Ovo, che primo chiamato era castello de mari,
comò è ditto de sopra. E li antiqui Napolitani teneano claramente, che
da lo preditto pendeano li fatti e la fortuna de lo ditto castello, e
che durare devea tanto quanto l'ovo se conserva sano e salvo, e cusì
ben guardato.


_Como perchè Virgilio sapea operare e fare tante mirabili cose._

Onde no è da maravigliare, si lo ditto Virgilio abe tante sciencie e
tante virtute, imperò che ne lo tempo de la sua iuventute, secondo se
ce lege ad una antica coronica, intrò la grotta incantata del monte
Barbaro, cavata ad infinito profondo, con uno suo compagno chiamato
Filomeno, volendo avere chiara noticia de li ditti miracoli de la ditta
grotta o profunda cava. Avea Chironte de sotto la sua testa uno libro,
lo quale lo ditto Virgilio lo tolce, e con quillo si fece dottissimo et
ammagistrato ne la nigromancia, e poi tornò indereto de la ditta grotta
o vero cava.


_Como poi la morte de Virgilio, uno medico de re Rogeri se impetrò
l'ossa de lo ditto Virgilio, per le quale se credea sapere l'arte de lo
ditto Virgilio._

Morto finalmente lo ditto Virgilio ne la cità de Brindisi, secundo
como è ditto de sopra, che pot[ette] ave[nere] delle soe osse no è
cosa da taceresi e lassaresi sub silencio. In de lo tempo de Rogeri
re de Cicilia, de lo quale innanti faremo mencione, seguendo nostra
materia, fo uno fisico inglese inclito, de lo preditto re, lo quale,
impetra[o] littere da lo ditto re mandate a la università de Napoli,
che liberamente devessero dare a lo ditto medico l'ossa de lo ditto
Virgilio, le quale ossa isso donate li avea co onne altra cosa che
intro la sepoltura vi fosse. A la qual littera e comandamento, la
preditta università obedire non volce, temendo che, per lo rimovere
delle ditte osse da la preditta cità, non incuressero in alcuna
mortalità o alcuno altro danno. Et in parte obedienti foro; imperò
che la ditta università de Napoli, conciò sia cosa che lo ditto
fisico, una con loro, a lo sepulcro andaro, dove trovaro alcuni libri
de nigromancia e de arte magica, li quali stavano in uno vasello de
rame chiuso, e posto sotto lo capo de Virgilio, li quali libri lo
ditto fisico sinde portò, e l'ossa lassò, chè dare no le volceno li
Napolitani. Et azò che le ditte ossa furate non fussero da la ditta
sepoltura de notte da lo ditto fisico, che con gran voluntà delle avere
cercate le aveva, forono recolte le ditte ossa in uno sacco de coiro
per la università de Napoli, e reposte forono a lo castello dell'Ovo.
Le quale ossa, in quillo tempo, como una reliquia se mostravano per
una grata de ferro, a qualunca vedere le voleano. De poi, ademandato
lo fisico, che cosa volea e intendea fare delle ditte ossa; disse che
intendea fare una coniuracione, e demendare le ditte ossa de Virgilio
con coniuracione, li diceano e manifestavano tutta la arte de Virgilio,
si le avesse possute avere per quaranta dì. Ma de po' che la cità
de Napoli convertuta fo a la fede de Cristo, le ditte ossa frabicate
forono strettamente in uno muro de lo ditto castello, dentro ad uno
scringno.

De li quali libri de Virgilio, testifica santo Gervasio pontefice,
dicendo: che ne lo tempo de papa Alessio[344], vidi Joanni cardinale
de Napoli fare per quilli libri alcuni esperimenti e prove, le quale
son tutte trovate verissime. E credesi e tenesi che lo cardinale
de Spagnia, in de la notte de la nativitate de Cristo, celebrò tre
messe, in tre remote parti de lo mondo, e che isso lo fece per arte
de nigromancia acquistata per li libri de Virgilio, li quali in quillo
tempo se guardavano dintro de lo tesoro de Roma.

Le soprascritte cose foro tutte fatte innanti la venuta de Cristo,
innanti che Cristo si adorasse in Napoli. In de lo quale tempo, li
citatini napolitani, secundo la costumanza de li gentili o vero pagani,
faceano li sacrifici a li Dei, sopra uno monte appresso Napoli, lo
quale mo ei chiamato _Ara Petri_, che sta poco lontano a la cità; e in
quisto loco largo e piano, aveano in uso fare li sacrificii innanti
la venuta de Petri apostolo; e poi, ad onore e reverencia de lo
gloriosissimo apostolo preditto, vi fo edificata la ecclesia. E quisto
loco ei chiamato santo Petri ad Ara[345].



XIII.

ANTONIO PUCCI

(Ved. vol. II, pag. 141).


Prisciano portò e porta il pregio della gramaticha, Tulio della
rettoricha, Aristotile della logicha, Tubalchai della musicha, Tolomeo
della a[s]trologia, e Uclide della geumetria e Pittagra d'arismetricha:
e ciascuno de' detti filosafi fece mirabili cose e poi molti altri
per solecito istudio ne vennero in grande fama, secondo che d'alchuno
faremo mençione e poi seguiremo brievemente d'alquanti vuomini vertuosi
e valentri.

Vergilio fu fra gli altri di quegli che grande parte n'aprese, e
spetialmente seppe ottimamente astrologia, e dirovi parte delle cose
che fece mirabili per ingiengno della detta arte, e quantunche paiono
a grossi huomini favole perchè iloro chuore nolle possono conprendere,
abi quelle che udirai per vere e per molte picchole arrispetto
dell'altre che fare si potrebbono per la detta arte.

Truovasi ch'egli fece una moscha di rame che dove la posa niuna moscha
apariva mai presso a due saettate che incontanente non morissi.

Fece uno chavalo di rame che qualunche altro chavallo vivo fosse con
qualunche malitia, incontanente, veduto quello, lascia ongni difetto.

Fondò una città overo chastello insù uno vuovo, e quando l'uovo si
menava tutta la terra si grollava; e alcun'dicono che questo è il
Chastello dell'Uovo da Napoli ch'è ancora in piede.

Fece a una città manchare il fuocho per modo che niuna persona ne potea
avere sennone andasse ad acciendere alla natura d'una donna chellavea
inghannato e schernito, e non ne potea dare l'uno all'altro. Chosì si
vendichassero gli altri huomini delle donne!

Fece uno ponte lunghisimo tutto di marmo che nonne fu mai maestro che
sapesse dire in che modo per magisterio umano potesse essere fatto.

Fecie uno giardino che nonne avea altra chiusura che di nùoli bui, e
niuno ardiva d'entrarvi se dallui non fosse guidato.

Fece due doppieri che senpre ardevano e non si potevano ispegnere e
niente si logoravano.

Fece una lanpana che senpre ardeva sança mettervi olio o altra cosa.

Fece una testa d'uomo di rame con tanta maestria ch'ella rispondeva
acciò ch'egli domandava, e una volta fra l'altre la dimandò d'uno
viagio ch'egli doveva fare e come ne dovesse arrivare; la testa gli
rispuose: se guardi bene la testa arriverai bene. Virgilio intese di
quella testa e non della sua, onde per lo chammino il sole chaldissimo
gli percosse la tessta tutto giorno e gravollo sì ch'egli se ne puose a
giaciere, e crescendo il male ordinò d'essere soppellito a uno castello
fuori di Roma, nel quale poi che fu morto per la detta cagione fu
soppellito, e ivi sono ancora l'ossa sue; le quali si soleano molto
guardare, però che una volta i Romani le vollono rechare irroma, e
com'elle furon mosse il mare si turbò maravigliosamente e ghonfiò sì
forte chel chastello e Roma ne fu a pericolo; e riposte l'ossa nel
luogo loro tornò in bonaccia, e poi non si toccharo mai. E tutte le
dette cose e molte magiori fece Vergilio per l'arte della stronomia; e
questo fu quello Vergilio sopra il chui dire Dante si fonda, e di chui
disse così:

    «Or se' ttu quel Vergilio e quella fonte....
    . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
    lo bello istile che mm'à fatto onore.»

(_Dal cod. Riccardiano_ 1922 _a c._ 135ª).



XIV. BUONAMENTE ALIPRANDO

(Ved. vol. II, pag. 147 sgg.).


_Di Virgilio Mantovano gran Poeta, dalla sua natività fino alla morte._

      Mantova un suo cittadino avia,
    Per dritto nome _Figulo_ chiamato;
    Ricco e pieno tra gli altri si tenia.

      Era in natural molto riputato.
    La donna sua _Maja_ chiamava,
    Ch'era nata da un uomo scienziato.

      Una notte la donna se sognava,
    Che fuor del corpo suo producia
    Un ramo lauro, che fior si portava.

      E quello ramo poi pomi facia.
    E una verga le parea di vedire
    Che fiore e frutto assai si se avia.

      Questa donna pur si volea sapire
    Quel, che questo suo sogno le indicava
    Innanzi che venisse al partorire.

      Un astrologo grande domandava,
    Che 'l suo sogno le dovesse spianare.
    E quello a lei molto la confortava.

      Dicea: «voi vi dovete confortare
    Di questo sogno: che vi so ben dire,
    Che voi v'avete molto a rallegrare.

      Un figlio maschio avete a partorire.
    Sarà saggio, e di scienza ben'imbuto.
    Non si troverà simil', al ver dire.

      E perchè 'l sogno vostro sia compiuto,
    Per segno della verga de li fiori
    _Virgilio_ per suo nome sia mettuto.

      Il figlio alleverete con amore.
    Simil di lui alcun non sarà al mondo.
    Per lui avrete ancora grand'onore.

      La donna fece l'animo jocondo.
    E quando venne lei al partorire:
    Nacque il figlio maschio tutto, e tondo.

      Grande allegrezza si fe' con desire
    Per lo padre, e per lo suo parentado.
    Di quel figlio ciascun si avia a dire.

      _Virgilio_ per suo nome fu chiamato.
    Cresciuto al tempo a la scola 'l mandava,
    Allo maestro molto accomodato.

      Più degli altri poi s'imparava.
    Da tutta la gente era desiato.
    E da i scolari, che in scola usava.

      Nella scola si fu pronominato,
    Per la testa grossa che lui avia,
    Da' scolari _Marone_ era chiamato.

      Le fattezze dirò che lui seguia:
    Grande di persona, livido colore,
    La faccia quasi a rustican trasia.

      Omo fu saggio, e di gran valore.
    In suo tempo undici libri compose.
    I quali al mondo gli fan grande onore.

      Farotti lo nome con chiara vose:
    _Bucolica_ e _Georgica_ fece.
    E lo terzo chiamato _Eneidose_.

      Ancor _Moretum_ libro si comprese,
    Con fabulazion d'Egitto ancore,
    _Æthnam_, et _Culicem_ ancor distese.

      _Priapeja_ e _Catalecton_ di valore,
    _Epigrammata_ ancor compiloe.
    _Coppam_, e _Diras_ gli fan grande onore.

      Altre gran cose, che menzion non foe,
    Lui fece, che poi fur de grande fama.
    D'assai gran fatti per scritture trattoe.

      Al mondo ciaschedun molto si brama
    Le sue opere ciascun si desia.
    Per la virtù di quelle ogn'omo l'ama.

      Torniamo ora a Virgilio, che stasia
    Alla scola per voler'imparare,
    E tutto l'animo a quello si mettia.

      Venne saputo, che non era suo pare.
    Scienza di medicina s'imparoe.
    Quella sapea molto ben'oprare.

      D'apprender'oltre molto desidroe.
    Nel Studio de Milano e de Cremona
    Stette tempo. Poi partirsi curoe.

      Tornò a Mantova con la sua persona.
    Non li piacea ben voler lì stare.
    La terra e li suoi beni si abbandona.

      E pur'in Grecia si se mise andare,
    Dove de ogni scienza s'imparava.
    Volle ad Atene andare a studiare.

      Stette buon tempo, e poi si ritornava;
    A Mantova ritornò scienziato.
    Di sua venuta ciaschun s'allegrava.

      Dietro a questo pochi anni stato,
    Gran guerra fue tra lo Imperatore,
    E Antonio grande Romano chiamato.

      Di vittoria Ottaviano ebbe l'onore.
    A Roma con sua gente si tornava.
    Gran festa fu per Roma fatta allore.

      Ottaviano subito pensava
    Rimunerare li suoi Cavalieri.
    E in questo modo lui si se ordinava,

      In Lombardia fece suoi pensieri,
    Che quelli che servito lui avia
    D'ogni gente cavalieri e scudieri,

      Per meritar le terre li scrivia,
    Che di ben d'altri fosse dato allore,
    Di case e possessione darli balia.

      Chè quando quella guerra fu tra lore,
    Cremonesi con Antonio tenia,
    Contro d'Ottavian con suo valore.

      Per lo simil la città di Pavia,
    Piacenza, Parmigiani, e Modenesi,
    E anco Mantova pure ne sentia.

      E per questo Ottavian sì fesi,
    Che i ben di que' cittadini tolese;
    Per vendicar le ricevute offesi,

      De' suoi mandò, che stribuir devese
    Tutti li beni, come a lor piacia.
    Compito fu, chè non ci fur difese.

      Tutto quel di Cremona dato avia.
    Ario Centurione fu mandato.
    Venne a Mantova con sua compagnia.

      Tutti li beni di Virgilio dato
    Furono ad Arrio integramente.
    E Virgilio ne fu molto turbato.

      Notabilmente verso scrisse di presente:

    _Mantua vae miserae nimium vicina Cremonae!_

    Di Mantua partì immantinente.

      Verso di Roma si prese ad andare,
    Per voler esser dallo imperatore,
    Con speme de' suoi ben recuperare.

      In Mantova si era gran dolore.
    Li cittadini rubar si vedia.
    Gran pianti per la terra furo allore.

      Arrio con sua grande tirannia,
    Consentia a ciaschun ogni malfare;
    Dando loro e alturia e balia.

      La Torre del Comun fece ammezzare,
    Che Campanil ad esso si se chiama
    Di Santo Pietro, come ad esso pare.

      Ritorniamo a Virgilio che si brama
    D'essere a Roma con Ottaviano
    Male contento e con la mente grama.

      Giunto a Roma pensier fece non vano,
    Dimestichezza d'alcun non avia;
    Pur la prese di un valente romano.

      E con quello parlava, e li dicia
    Del suo fatto, e come gli era stato,
    E quali modi a lui si paria

      Tener dovesse. Lui ebbe pensato,
    Che supplicanza a Ottaviano desse,
    E per tal modo lui saria ascoltato.

      A Virgilio non parve che piacesse.
    Da lui partito, termina altro fare,
    Che a Ottavian voglia venisse

      Di volerlo conoscere, e parlare.
    Così nella sua mente ebbe pensato
    Di voler tempo un poco aspettare.

      Lo Imperatore ordin'avia dato,
    Di voler l'altro giorno cavalcare
    Fuor della terra, dov'era ordinato.

      La notte gran pioggia con gran tonare.
    Lo giorno fatto 'l tempo si chiaria.
    L'Imperator si mise a cavalcare.

      Virgilio due versi si facia
    Li quali aviano questo tenore.
    Sulla scranna imperial li mettia.

      _Nocte pluit tota: redeunt spectacula mane,_
    _Divisum Imperium cum Jove Caesar habes._

      Questi versi vide lo Imperatore.
    Volle sapere chi fatti gli avia.
    Egeus poeta si dava l'onore.
    Gran vergogna dietro ne ricevia.


_Come Virgilio messi nella Catedra imperiale d'Ottaviano altri versi,
si fece grande onore._

      Quando Virgilio questo sapia,
    Volle che l'imperator si sapisse,
    Che de' versi gli era detto bugia.

      Altri versi di subito lui scrisse,
    E in questa forma si fu lo suo dire,
    E alla scranna imperial li misse.

      _Hos ego composui versus: tulit alter honorem._
    _Sic vos non vobis._
    _Sic vos non vobis._
    _Sic vos non vobis._
    _Sic vos non vobis._

      Lo Imperatore si volle sapire,
    Qual'era che questo scritto gli avia.
    Alcuno di Virgilio viengli a dire.

      Ordinoe che per lui mandato sia.
    Volle da lui sapere la certezza,
    Se quelli versi lui pur scritto avia.

      Rispose, gli parea gran follezza,
    Ch'alcuno nome si volesse dare
    Di quello, che non era sua fattezza.

      E che dovesse per Egeus mandare,
    Che i versi manchi compire dovesse
    Chi fece gli altri, lo sapea ben fare.

      Ordinò che per Egeus si mandesse.
    Venuto, l'Imperatore gli dicia,
    Che i versi manchi compire dovesse.

      Egeus di presente rispondia,
    Che quelli versi non sapria compire.
    E Virgilio a lui sì gli dicia.

      «Imperator, questo vi so ben dire;
    Chi fece gli altri, saprà anco fare,
    Se comandate, che si dean compire.»

      Lo Imperatore si ebbe a comandare,
    Che quelli versi compir si dovesse.
    E Virgilio si ebbe a cominciare.

    _Sic vos non vobis vellera fertis oves._
    _Sic vos non vobis fertis aratra boves._
    _Sic vos non vobis mellificatis apes._
    _Sic vos non vobis nidificatis aves._

      Egeus col suo animo dimesse,
    Con vergogna disse all'Imperatore.
    Che di lui misericordia si avesse,

      Che non guardasse al suo grande errore
    Di quello che lui si se avea vantato:
    Aveal fatto per avere onore.

      Lo Imperatore gli ebbe perdonato.
    Conobbe di Virgilio 'l gran sapire,
    Di presente l'ebbe ricomandato.

      Pollione e Mecenate, al vero dire;
    Possenti eran coll'Imperatore,
    E tra di loro si ebbono a dire,

      Per fare a costui un grande onore,
    Togliemo a far con lui domestichezza,
    E a udire nello dire il suo valore.

      Furon con lui con piacevolezza.
    Virgilio con loro si parlava,
    L'ebber'udito, e n'ebber allegrezza.

      Virgilio ancor si lor contava
    Di sua venuta la vera cagione;
    E ambedue molto lo ascoltava.

      Mecenate dicea a Pollione,
    L'Imperatore dovesse pregare,
    Che render gli facesse sue ragione.

      Di presente si fecero a parlare
    Allo Imperatore gli dicia
    Di Virgilio gli viene a recitare.

      L'Imperator che volontier gli odia,
    Per Virgilio subito ebbe mandato.
    Che lui a bocca udire lo volia.

      Virgilio 'l fatto suo ebbe contato.
    Lo Imperator'allora comandava,
    Ch'a Mantova fosse scritto e mandato.

      E lettere al presente si ordinava,
    Che gli suoi beni gli fosser renduti.
    Virgilio comiato si pigliava.

      Infra certi termini compiuti
    Promise lui a Roma di tornare.
    Giunse a Mantova. Furo a lui venuti

      Tutti gli amici suoi a visitare,
    Domandando come lui fatto avia.
    Virgilio a loro gli ebbe a contare.

      Poscia da Arrio lui si se ne gia,
    Le sue lettere si gli appresentava.
    Comandò che i suoi ben renduti sia.

      Come gli ebbe lui si se ordinava
    De' suoi fatti come si dovea fare;
    E verso Roma tosto ritornava.

      Giunto a Roma si fece appresentare
    Avanti d'Ottaviano Imperatore.
    E lui lo fece ben molto accettare.

      Pollione allora e Mecenate ancore
    Lo videro con gran piacevolezza,
    Ciascun di lor mostrando grande amore.

      Poco stete ch'egli ebbe un'allegrezza.
    Fatto fu Cancellier d'Imperatore,
    E 'l maggiore tenuto per certezza.

      Ciascuno gli facea grande onore.
    Filosofo, e Poeta di grandezza,
    Di Rettorica si era lo maggiore,

      L'avvenimento di Crist profetizoe:
    Nella Bucolica sua di valore
    Questi notabil versi compiloe:

    _Jam redit et Virgo, redeunt Saturnia Regna,_
    _Jam nova progenies Coelo demittitur alto._

      La gran scienza di lui si se spande.
    Pollione e Mecenate lo pregare,
    Che far lor debba una grazia grande.

      A lui piacer debba di dover fare
    Alcun'Opera, che gli renda fama,
    La qual si sia nello poetare.
    Voglia far questo, ch'e' n'hanno gran brama.


_Come Virgilio compilò tre Libri Poetici, i quali li fanno e faranno al
mondo grande onore._

      Virgilio, che molto lor si amava.
    Per Pollion la Bucolica compose,
    Per Mecenate Georgica apparava.

      Ancora Ottavian con la sua vose,
    Volle che d'Eneas si descrivesse.
    Di farlo volontier lui si dispose.


_Come Virgilio s'innamorò in una giovane figlia d'un grande Cavaliero
Romano, e come quella lo svergognò._

      In questi tempi mostra che nascesse,
    Che Virgilio si se innamorava
    D'una giovine, che assai gli piacesse.

      Quella donna poco di lui curava.
    Figlia era d'uno cavalier valente.
    Ma pur Virgilio molto la cacciava.

      Virgilio era di persona possente.
    E passati trent'anni si se avia,
    Quando a quella donna pose mente.

      Quella Donna allo suo patre dicia
    Dell'assedio che Virgilio le dava.
    Quel cavalier dispetto ne prendia.

      Il suo animo subito pensava,
    Di vergognar Virgilio grandemente.
    Colla figliuola modo si trattava.

      Questo cavalier' in Roma possente,
    Un Palazzo con una Torre avia,
    Che di bellezza era appariscente.

      Alla figliuola ordine dasia,
    Ch'essa a Virgilio dovesse mostrare
    Con tutti gli atti, che ben gli volia.

      E col suo messo dovesse trattare,
    Lo quale a Virgilio dicesse,
    Ciò ch'e' volea, era contenta fare.

      Ma una cosa volea, ch'e' sapesse.
    Che lo palazzo allora era chiavato.
    Non c'era modo ch'aprir si potesse.

      Ma una cosa si avia pensato:
    Che per la torre lui possiasi andare,
    Se lui serbasse l'ordin per lei dato.

      Con una fune si possia mandare
    Una corba, in la quale lui entrasse,
    E quella suso si faria tirare.

      Lo messo andò a Virgilio, che pigliasse
    Ordin del dì, che ciò far si dovia.
    Al cavalier grande allegrezza nasse.

      Venne lo giorno che l'ordine avia.
    Virgilio andò con quell'ordine dato.
    Di notte nella corba si mettia.

      A mezzo della torre fu tirato;
    E la fune di sopra si firmava.
    Si rimase Virgilio vergognato.

      La mattina i Romani se ne andava
    A veder Virgilio com'e' stasia
    Nella corba. E ciascuno lo beffava.

      Ottaviano, che questo sentia
    Mandò, che giuso fosse assogato.
    Fu fatto. E molto lo riprendia.


_Come Virgilio si vendicò della vergogna ricevuta dalla donzella, e
svergognolla._

      Virgilio che si vede vergognato,
    In suo animo subito pensava,
    Di far vendetta ebbe terminato.

      Fece che 'l foco tutto s'ammorzava.
    Non si trovava alcun che foco avesse.
    Lo popolo Roman si lamentava.

      Ottaviano, al qual molto rincresse,
    Per tutti gli suoi savi mandava,
    Che d'aver foco modo si trovesse.

      Tutti quanti a lui si se scusava,
    Che d'aver foco nol saperia fare.
    E per Virgilio allora si mandava.

      Lo Imperatore si prese a pregare
    Virgilio, che modo debba tenire,
    Che di foco Roma faccia abundare:

      Virgilio allora si li viene a dire,
    Che se foco si devia ritrovare,
    Convien, che 'l cavalier faccia venire

      Sua figlia in piazza, e quella acconciare
    In quattro piè col cul scoperto stia;
    Chi vorrà foco, al cul vada a impizzare.

      A lo Imperatore quest'increscia,
    Ch'era figlia di nobil cavaliere.
    E gran vergogna a lui si ne saria.

      E pur di foco si facea mestiere.
    Che senza quello non si possia stare,
    Fu mandato per quello cavaliere.

      Lo Imperator sì gli prese a parlare:
    «Io mi scuso, ma pur convien che sia,
    Che senza foco non possemo stare.

      Per tua figliuola si convien fia.
    Da Virgilio noi così si abbiemo,
    Altro modo non c'è a ricuperare.

      E pur vendetta noi ben sì veggemo,
    Che Virgilio si è ora la cagione;
    Ma fatto che sia, ben lo pagheremo.»

      Lo cavalier con mala intenzione
    Rispose: «Sia pur quello che a voi piace.»
    Di far vendetta avea cor di lione.

      La donna in quattro piè posta si giace,
    Lo culo discoperto si tenia.
    Per foco va a chi bisogno face.

      L'uno all'altro dar foco non potia,
    Perchè e l'uno e l'altro s'ammorzava.
    Per se ogni casa tor ne convenia.

      Molti giorni passati già si stava,
    Anzi che Roma di foco fornesse.
    Lo cavaliere gran dolore portava.

      Ma Virgilio che a lui non incresse
    Per vendicarsi, allegrezza facia.
    Contento era, che ciascun sapesse,

      Che quello incanto lui fatto avia,
    Per voler la sua beffa vendicare,
    Non curando di quel che si dicia.

      Di foco fornita senza mancare
    Che fue Roma tutta a compimento,
    La donna a casa fu fatta tornare,

      Lo cavalier facea gran lamento
    A lo Imperatore, e si dolia,
    Che fatto gli era sì gran tradimento.

      Che di questo giustizia far debia;
    Che la figliuola e lui son vergognati;
    O che Virgilio a lui dato ne sia.

      L'Imperator rispose: «Non dubitati,
    Che questa cosa io lasci passare.
    Sarà punito de li suoi peccati.»

      Per Virgilio allora fe' mandare.
    Presente il cavaliero a lui dicia:
    «Dura morte hai meritata fare.

      Voglio che di te giustizia si fia:
    Questo cavaliere hai vergognato;
    Gran male è stato per la fede mia.»

      Quando Virgilio ebbe ascoltato
    Lo Imperator, sì cominciò a parlare:
    «Santa corona, dite, che ho fallato?

      La verità non si può già celare.
    Qual più di me è stato vergognato?
    Chi offende, offesa convien portare.

      Questo gentilomo non ha guardato
    Nel suo fare se non a vergognarmi.
    Far lo simile a lui ho proccacciato.

      E se alcuno colpa volesse darmi
    Che quello che a me fece fu ragione,
    Perchè in diletto io volia starmi

      Con la figliuola, che mi die' cagione
    D'aver con lei piacere e diletto;
    Cercava ben di darvi compigione.

      Lui che del fatto sapea lo effetto,
    Dovea la sua fiola castigare,
    Nè vergognarmi con tanto diletto.

      Se 'l fosse savio, avria saputo fare,
    Che lui non me non saria vergognato.
    Al suo voler si volle soddisfare.

      Tutte queste ragioni v'ho allegato.
    Voi ben sapete quello, ch'è l'amore:
    Che molti saggi in quello ha fallato.»

      L'uno e l'altro udia l'Imperatore.
    Ma in effetto più duro gli paria
    La vergogna fatta e lo disonore.

      E compiacere al cavalier volia.
    Virgilio in prigion fece cacciare.
    Lo cavalier contento avia.


_Come Virgilio fu imprigionato, e come egli uscì di prigione per
incantamento._

      Le prigioni di Roma è da notare.
    Un muro d'intorno alto si gia,
    E accasato dove li posia stare.

      Nel mezzo gran cortile si se avia
    Dove lo dì li prigionieri stava,
    E lì tra lor piaceri si desia.

      Virgilio d'andarsene pensava
    Nel cortile una nave disegnoe.
    Li prigionieri tutti dimandava.

      D'andar seco tutti loro pregoe,
    Dicendo, se con lui volia andare.
    Alcun per beffa d'andar' accettoe.

      In quella nave si li fece entrare.
    A ognun per remo un baston dasia.
    In sua poppa si se mise assettare.

      E a ciascuno di loro sì dicia:
    «Quando comanderò che navigari,
    Ciascun di voi a navigar si dia;

      E niente a farlo non ve indusiati
    Da le prigioni tutti ci usciremo.
    Condurrovvi. E sarete liberati.»

      Quando gli parve, disse: «Date al remo.»
    Ciascun mostrava forte navigare.
    La nave si levò. Disse: «Anderemo.»

      Fuor del cortile si vedeva andare;
    In verso Puglia la nave tirava.
    Per aria la detta si vedea tirare.

      I prigionieri, che in prigione stava,
    Che nella nave non vollero entrare,
    Veduto il fatto, tutti lamentava.

      Virgilio la nave fece calare.
    Quando fu in luogo dov'egli volia,
    In terra piana la fece assettare.

      Que' ch'eran dentro tutti fuori uscia.
    Virgilio con loro si parlava,
    E da quelli comiato si prendia.

      La nave subito se disfantava.
    E quelli ch'eran dentro, se n'andoe.
    Virgilio verso Napoli tirava.

      La guardia de la prigione portoe
    Questa novella allo Imperatore,
    Di Virgilio fuggito recitoe.

      De li prigionier gli disse ancore,
    Ch'in una nave disegnata andoe.
    Ottavian sì maraviò allore.

      Contra li suoi baroni allor parloe,
    Dicendo: «Io credo per la fede mia,
    Che tutto il cielo seco s'accordoe,

      Tutte le scienze che nel mondo avia,
    Di darle a Virgilio integramente
    Più ch'a alcun altro che vissuto sia,

      Ch'io lo perda, sì ne son dolente.
    Se aver lo posso, pur' ancor lo voglio.
    Non è da perder' uomo sì valente.

      Se lui torna, più onore che non soglio
    In mia corte vo' che fatto gli sia.
    Di sua partita troppo me ne doglio.»

      Ritorniamo a Virgilio, che sen gia
    Con un compagno, per volere andare
    A Napoli: credia tegnir la via.

      Pur lo sentiero si venne a fallare.
    Passati li vesperi si se trovava
    Appo una casa, chiedendo albergare.

      Lo pover'uomo così gli parlava,
    «Volentier di quel ch'ho, io vi daroe.»
    Virgilio e lo compagno accettava.

      Dentro la casa loro si se entroe.
    Da ber non c'era, e poco da mangiare.
    Virgilio la femina domandoe.

      «Averemo niente da cenare?»
    La femina allora si respondia.
    «Del pane avremo, che potrai mangiare.

      Vino non c'è:» la femina dicia.
    Disse Virgilio al suo compagno:
    «Convien che teniamo un'altra via.»

      Disse al buon'uomo: «Ritrova un cavagno
    E a quella vigna si te ne va un tratto,
    Recalo pieno d'uva, nè aver lagno.»

      E a lui rispose: «Questo sarà fatto.
    L'uva non è matura. Com farete?»
    Virgilio disse: «Ben faremo patto.»

      Disse alla donna: «Un vascel troverete,
    Dove dentro l'uva farai gittare.
    Poscia d'acqua voi sì lo impierete.»

      Ordinato il vino, prese a parlare
    Virgilio al suo compagno si dicia:
    «Qualche cosa averemo da mangiare.»

      Tosto uno spirito ne mise in via,
    Che a Roma subito lui sen'andasse,
    E che alla cena d'Ottaviano sia.

      Che senza fallo lie gli portasse
    La imbandigione de Ottaviano.
    Gisse presto, e che tosto ritornasse.

     Quello spirito non andonne invano.
    Un gran tagliero di carne allesse
    Con molti polli si se portò in mano.

      Di questo a Ottaviano non incresse.
    E disse allo donzel, che lo servia,
    Se l'ha veduto chi'l taglier togliesse.

      Di vergogna il donzel si riprendia.
    Rispose: «Questo mi par'incantamente.
    Non so pensar, che cosa questa sia.»

      Ottaviano senza mancamente
    Disse: «Virgilio, questo ha fatto fare.»
    E della beffa rallegrò la mente.

      Torno a Virgilio, che vuole zenare.
    Al botticino incanto si facia.
    L'acqua perfetto vin si fe' tornare.

      A cena tutti insieme si mettia.
    Avean molto bene da mangiare,
    E molto ben da bevere si avia.

      Andossene la sera a riposare.
    La mattina per tempo si levava.
    Virgilio allo villan prese a parlare.

      E molto lui e le ringraziava.
    Del vascello del vin gli viene a dire,
    Che quel per ben'andata gli lasciava.

      Che non volesser mai loro vedire,
    Che fosse dentro di quel botticino,
    E notassero ben tutto il suo dire.

      «A questo non mancherà mai lo vino:
    Ma se dentro voi mai ci guarderete,
    Lo vascel non si renderà più vino.»

      Virgilio allora: «A Dio, rimarrete.»
    Col suo compagno a Napoli s'andava.
    In poco d'ora a Napoli si vete.

      Fece l'entrata che non demorava.
    A una osteria poi si se n'andoe.
    All'albergatore lui si parlava.

      «In lo tuo albergo io mi staroe
    Alquanti giorni. Mi farai le spese.
    Tosto verrà ch'io ti pagaroe.»

      L'oste la risposta gli fe' cortese;
    Che parve a lui homo di virtù grande.
    Rispose: «Son contento; ho ben intese.»

      Poco stette che la fama si spande.
    «Questo è Virgilio,» ciaschedun dicia.
    «Chi l'ha condotto qui?» fan parlar grande.

      Co' saggi domestichezza prendia.
    I valenti lo gian' a visitare,
    E tutti loro grande onor facia.

      Alcuno lo cominciò a pregare,
    Che in Napoli memoria lasciasse
    Del gran saper, che di lui fa parlare,
    E che questo prego lui accettasse.


_Come Virgilio, essendo in Napoli, mandò a Roma per Milino suo
discepolo, che gli portasse da Roma un libro de Negromanzia. E come
fece in Napoli gran cose, e ivi morì._

      A quel tempo si mostra, che avesse
    Virgilio uno discepolo valente,
    Che Milino per nome si dicesse.

      A Roma gli scrisse, che di presente
    A Napoli da lui debba venire.
    Del suo venire alcun non senta niente.

      Melino di Roma si fe' il partire.
    A Napoli subito si arrivoe.
    Virgilio a lui sì gli ebbe a dire.

      Tornare a Roma sì li comandoe:
    «A Roberto di', che 'l mio libro ti dia.»
    Di non legger su in quello lo pregoe.

      Melino tosto si se mise in via.
    Dì e notte non cessò di camminare,
    Tanto che lui a Roma si giugnia.

      Andò da Ruberto a dimandare
    Lo libro del suo Mastro, che 'l mandava.
    Gliel die' Ruberto senza dimorare.

      Avuto il libro in dietro ritornava.
    Di Roma uscito voglia gli venia
    Di legger lo libro lui si bramava.

      Come a legger lo libro si mettia,
    Di spiriti moltitudine granda
    Contra di lui tutti se ne venia.

      «Che voi tu; che voi tu?» tutti dimanda.
    Melino allor tutto si spaventoe
    E de morir'ebbe la tema granda.

      Melino si prese ad argumentare,
    E di presente a loro comandava,
    Che quella via debban salegare,

      Da Roma a Napoli a compimenti,
    Che sempre quella netta debba stare.
    Gli spiriti sì furono ubbidienti.

      Quella strada si fece salegare
    Di sassi vivi senza mancamenti.
    Melino a Napoli vien'a arrivare.

      Virgilio molto forte 'l riprendia.
    Dicea: «Rott'hai lo mio mandamento;
    Pena ne porterai per fede mia.

      Ancora ti dico, e sì non mento.
    Tu ti messi a risico di morire.»
    Con lui di questo facea gran lamento.

      Virgilio lasciò di più non dire.
    Ricordandosi quel, ch'era pregato
    Di fare alcuna cosa vuol vedire.

      E in suo animo ebbe deliberato,
    Nigromanzia voler operare,
    E per gran fatti esser nominato,

      Castel dell'Ovo quello si fe' fare,
    E nell'aqua quello si fabricoe,
    Che ancor si vede e per opera pare.

      Ancora oltra di quello si incantoe,
    Una mosca in un vetro incantava,
    Che tutte l'altre mosche si caccioe.

      Alcuna mosca in Napol non entrava.
    Questo al popol grandemente piacia.
    Ma un'altra fece che più si montava.

      Una fontana d'incanto facia,
    La quale sempre olio si gittava,
    E dal gettare mai non s'astenia.

      E quello olio si continuava
    A bastamento di quella cittade.
    Grand'allegrezza il popolo menava.

      Altre cose e di grandi novitade
    Virgilio in quella terra facia,
    Maravigliose e di grande beltade.

      Ottaviano, che questo sentia,
    Di Virgilio non pote comportare,
    Che fuor di Roma lui stare debia.

      E di presente fece comandare,
    Che per Virgilio sia rimandato,
    Che a Roma lui debia ritornare.

      Virgilio fue a Roma ritornato
    E appresentandosi allo Imperatore,
    Da lui fu molto bene accettato.

      Con Ottaviano si fermoe allore,
    E da lui grande onore si se avia,
    E tra li suoi si fu fatto maggiore.

      Virgilio che troppo si valia,
    Da tutta la gente era ben'amato,
    E grande onor da ciascun gli venia.

      In questo tempo ch'io t'ho recitato,
    Nacque che Ottavian convien'andare
    Nell'Asia colla sua gente armato.

      Si stette grande tempo in armeggiare,
    E in quella parte si ebbe vittoria.
    Poscia pensò a Roma ritornare.

      Virgilio, che avia grande gloria
    Del suo Signore ch'a Roma tornava,
    E che ottenuto avia tanta vittoria,

      Incontro fino a Napoli si andava,
    Come se non l'avesse mai veduto.
    In quel tempo lo sol molto scaldava.

      Dallo gran caldo si fu combattuto.
    Infermo a Brindisi si fe' portare.
    Poscia a Napoli ancor si fu riduto.

      La morte che a nessun vuol perdonare,
    L'anima dal corpo si se partia.
    Tutta la gente facia lamentare.

      In Napoli sepelito venia
    In via Puteolana a grand'onore.
    Di sua morte quel popol si dolia.

      Anni cinquantasett'avia allore;
    Ben quindici anni trapassati era,
    Quando nacque lo nostro Creatore.

      Ottavian, che venia con sua schiera,
    De la morte di Virgilio udia;
    Di gran dolor fe' lamentanza fera.

      A i suoi Baroni allora si dicia:
    «Di scienza è morto lo più valente;
    Non credo che nel mondo il simil sia.

      Prego Dio, che grazia gli consente,
    Che l'anima sua debba accettare.
    Le sue virtudi non m'usciran di mente.
    Ben mi dolgo. Non posso io altro fare.»



XV.

LES FAICTZ MERVEILLEUX DE VIRGILLE

(Ved. vol. II, pag. 163).


Cest bien raison que je vous compte des histoires de Virgille de Romme,
lequel en son temps fis moult de merveilles. Vous pouvez bien sçavoir
que Romme a esté de grant auctorité et les habitans dicelle ont esté
bien prisez durant le temps Romulus, qui fut empereur de Romme, et qui
son frere occit par envie pource quil luy sembloit qui valloit mieulx
que luy, Celuy frere avoit nom Remus, lequel quicta à son frere toute
Romme et tout le palays, quil avoit avant comme luy; mais il emporta
les tresors en lentrée d'Ardenne sur une petite riviere qui a nom
Veille, et fonda une cité qui estoit riche, noble et de grant ouvrage;
car elle estoit toute enclose de pierre et les murs estoient tous fais
en ymages par dedans et par dehors, et toute la ville estoit creuse par
dessoubz la terre, si que toutes les ordures dicelle cité sen alloient
par dessoubz la terre en la riviere de Veille qui estoit au plus prés.
Que vous en devise de la façon dicelle cité, ce fut la plus belle que
deviser on pourroit, et tant que aucuns la nommerent la seconde Romme.
Mais il la fit appeler Remus et ainsi eut nom seconde Romme Remus.


_Comment Romulus occit Remus son frere, et comment le filz de Remus
occit Romulus son oncle._

Quant Romulus son frere ouyt parler de Remus, des faictz quil faisoit
en la dicte cité de Remus, il en eust si grant dueil pource que les
murs de Remus estoient tant haulx que une arbalestre pourroit à peine
tirer jusques aux carneaulx du fons des fossez, et les murs de Romme
estoient bien bas et navoient point de fossez, et ne demoura gueres
que Remus dist quil yroit voir Romulus. Si y alla et laissa sa femme
quil avoit prinse à Ardenne, et ung petit enfant, en sa cité de Remus
et amena assez autre mesgnée. Et tant alla quil vint à Romme, et
quant il vit les murs de Romme, si dit quilz estoient trop bas de la
huitiesme partie, et dit encore quil sauldroit oultre à pied joint. Si
osta son mantel et saillit oultre pour la bassete qui estoit. Quant
Romulus louyt, si dit que mal avoit fait de saulter par dessus les
murs et quil en perdroit la teste. Quant Remus vint à son frere à son
palays à Romme, son frere le fit prendre et luy mesmes luy couppa la
teste, et puis assembla ses gens à grant erre et sen vint à Remus,
en Ardenne, et entra dedans et la fit toute destruire et abattre les
tours, le palays et les murs et tout autant quil y avoit de edifices.
Mais il ne pouvoit trouver la femme de Remus, son frere, qui sen estoit
fuye à tout son enfant par dessoubz terre en son pays en Ardenne, et
fut icelle de haulte lignée. Si eut assez fait Romulus, quant il eut
le palays ainsi destruict et la dicte cité de Remus ainsi fondue, il
sen retourna à Romme. Et quant la femme de Remus sçeut que retourné
sen estoit, se conseilla à ses amys et à ses parens et sen vit bien
accompagnée à Remus à laquelle avait serré ung grant tresor en terre.
Si le fit ouvrir, et puis manda maçons et toutes manieres d'ouvriers et
fit refaire la cité de Remus moult belle et moult riche à son povoir;
mais ne la fit pas de si grant noblesse comme par avant avoit esté,
ne si haulte, ne si riche. Etant garde la bonne dame son enfant quil
devint grant, fort, puissant à porter armes. Si lui dist sa mere ung
jour: Mon filz, quand vengerez-vous la mort de votre père, que Romulus,
Impereur de Romme, occit? Mere, dit-il, est-il vray? Et croyez que men
vengeray dedans trois moys, s'il plaist à Dieu. Lors assembla tous ses
parens et amys de par sa mere, et sen alla à Romme, à grant puissance,
et entra dedans Romme sans nulle deffense, et commanda à ses gens que
à nulz des Rommains, mal ne feissent et quilz estoient tous à luy. Si
sen allerent au maistre palays où lempereur estoit, lequel entendit
et ouyt dire que le filz de son frere venoit à gran puissance, et dit
à ses hommes: que pourray-je faire! Et que voulez-vous faire? dit un
de ses barons qui estoit ung des senateurs de Romme, vous occistes son
pere, aussi vous occira il. Ainsi le damoyseau entre dedans le palays
sans de nul estre contredit, par la grant force des gens quil avoit
avec lui. Et quant il fust entré dedans, il vit son oncle Romulus
devant son siege. Il s'approcha près de luy et le print par les crains,
que oncques ne contredist, et lui couppa la teste; puis demanda aux
barons silz luy vouloient porter guerre, lesquels luy respondirent
que non; ains luy octroyoient lempire comme au droit hoir et seigneur.
Ainsi fut fait empereur de Romme. Si manda sa mere et ses parens quilz
venssent à Romme, et ilz y vindrent et agrandirent moult Romme, et fut
fermée à murs et a fossez, et fut Romme de grant renom et le sire Remus
grandement honoré. Et quant aucuns etrangiers y venoient, ilz faisoient
faire moult dedifices belles et riches et y demouroyent. Et fut le filz
Remus fort et puissant de corps et riche de chevance et conquit bien
presque tout le monde luy et son hoir. Celluy Remus eut ung chevalier
de par sa mere, moult preux et sain, qui estoit venu devers Ardenne.
Si print à femme une moult belle damoiselle qui estoit du plus hault
lignage de Romme, et estoit fille à ung des senateurs. Si advint que
Remus quis estoit empereur mourut, et son filz quil avoit fut empereur
après luy. Et celluy chevalier qui avoit espousé la fille du senateur
meut une grant guerre qui moult le greva et fit despendre du sien.
Celluy chevalier eut ung filz de sa femme qui à grant peine nasquit, ne
naistre ne vouloit, et fut contendue grant temps la nature de la mere,
et après nasquit et le convint longuement veiller. Et pourtant fut il
nomme Virgille.


_Du naissement de Virgille et comment il fut mis à lescolle._

Et quand Virgille nasquit si crousla toute la cité de Romme de lun
des boutz jusques à lautre bout. Et si tost que celuy enfant eut
entendement, son pere le fit aprendre à lire. Mais petit luy dura son
pere, et sa mere ne voulut oncques puis retourner à mariage, tant ayma
son seigneur, ne oncques puis ne voulut autre amy avoir. Toutesfois
les siens mesmes lui vouloient ses rentes, ses chasteaulx et heritages
tollir, quelle avoit entour Romme, et ung des plus fors et vertueux
qui fust en toute la cité. Et la dame par maintesfois se clamoit à
lempereur qui estoit parent à son mary; mais il estoit dur et maulvaix
et nestoit pas aymé des barons de Romme. Celluy empereur mourut, et ung
sien filz, nommé Parcides, fut empereur après lui et ne tarda guaire
longuement quil ne soumist tous ceulx de Romme soubz lui, si durement
qu'ils ne se osoient trouver devant luy. Virgille sen estoit allé à
Tollette pour apprendre, car il apprenait trop voluntiers, et moult fut
sage des ars de nigromance. La mere de Virgille estoit devenue faible
et ne se pouvoit ayder des torts quon lui faisoit. Si dit un jour à
ung sien serviteur: Je te prie, vaten à Tollette et dis à Virgille mon
filz quil vienne ordonner de son heritage de dedans la ville de Romme
et de dehors, et quil laisse lescolle et la clergise; si fera que sage,
car il deveroit estre lun des plus grans hommes et des plus riches qui
soient en toute la dicte ville de Romme. Adonc le messagier sen partit
et vint à la cité de Tollette où il trouva Virgille qui apprenoit
des plus grans seigneurs du pays et dailleurs et estoit bel homme et
saige de toutes sciences; mais plus savoit de nigromance que nul homme
vivant.

Le messaigier luy raccompta les besongnes de sa mere et comment ses
parens lui avoient tout tollu. Virgille, qui fut moult de grant savoir
et de grant couraige et de grant autorité, ne se desconforta de chose
quil ouyst. Si print robbes, deniers et richesses tant comme il lui
pleut, à son plaisir, et fit la charge de quatre sommiers et les
envoya a sa mere, et ung petit palefroy blanc. Le messaigier revint
à Romme avec tout lavoir et le presenta à la mere de Virgille, qui
pourchassoit moult pour avoir le sien contre ceulx qui luy avoient
tollu. Et Virgille, qui fut demouré à la cité de Tollette, se pensa
quil envoyroit tout son avoir à Romme, puis sen yroit après. Et ainsi
quil le pensa il le fit et sen vint à Romme et avec luy des clercz de
grant arroy, et vint veoir sa mere qui moult voluntiers le reçupt, car
il y avoit plus de douze ans quelle ne lavoit veu.


_Comment Virgille sen vint à Romme et se complaingnit à lempereur._

Virgille vint à Romme et fut moult honorablement reçeu de ses parens
et amys, et non pas de ses plus riches parens qui avoient le sien
tollu et à sa mere, lesquelz ne firent compte de sa venue; ainsi en
estoient dolens et ne mangerent point avec luy. Et Virgille donna à
tous ceulx qui navoient detenu du sien contre la volonté de sa mere,
robbes, chevaulx, deniers en or, ou en monnoye, et joyaulx moult
riches. Et pareillement fit moult de biens à ses voisins à sa venue;
puis sejourna grant piece avec sa mere et ses compaignons, tant que le
jour des grandes assises de lempereur fust venu. Si convint que tous
ceulx de lempire qui tenoyent de luy y fussent, si que Virgille et ses
compaignons et grant foison de ses parens y fussent. Si vint Virgille
devant lempereur et fist sa clameur de ceulx qui desherité lavoyent,
et requist que ses choses luy fussent rendues. Lempereur dist quil en
auroit conseil; si se conseilla à ceulx qui naimoyent pas Virgille et
lui dirent: Sire, vous ne devez pas vos bons amys qui bien vous peuvent
ayder à vostre besoing desheriter pour ung clergastre voise gaigner à
tenir les escolles. Adonc lempereur dit à Virgille quil avoit enquis
de ce quil luy demandoit et quil navoit point droit, et quil endurast
encores quatre ou cinq ans, et lors il seroit plus certain. Mais
Virgille vit bien quil estoit forgé et qu'il ployoit la courroye. Si
en fut trop ire et dist quil sen vengeroit bien. Lors alla Virgille à
son hostel et manda tous ses bons amys et leur livra de beaulx manoirs
qu'il avait à Romme et les fit incipez et aises tant que vint à la
Saint Jehan, que blez devoient estre meurs aux champs. Lors atourna
si bien les biens de ses ennemis, que quand ilz furent meurs, ilz ny
pouvoyent advenir ne à toucher, car il les couvrait de laer en telle
maniere que ceulx à qui ilz estoient neurent rien de leurs vignes, ne
de leurs vergiers, et fist leur fruyt cueillir, moyssonner et mener à
ses manoirs. En telle maniere gouverna Virgille ses ennemys, et fist
recueillir leur bien aux champs et à la ville, si que de tous leurs
fruytz qui estoyent advenus en icelle année nen eurent la vaillance
de ung denier. Quant ilz virent celle chose, se assemblerent a
puissance et dirent quilz arderoyent tous les manoirs de Virgille et
lui prendroyent tant quil avoit, et à luy mesme couperoyent la teste.
Et quant ilz furent assemblez grant route, et bien puissans, combien
que petit de chose ilz firent tant quilz firent issir lempereur hors
de Romme tant estoient, car ilz etoient douze senateurs obeys par tout
le monde; mais ilz tenoient tous honneurs et tant quilz avoient de
par lempereur. Et Virgille en devoit estre ung des douze; mais pource
quilz lavoyent desherité, ilz lavoient debouté et sa mere, pour cause
quilz detenoient leurs biens et quilz le vouloient occire. Et luy qui
sçeut bien leur venue si fist clore ses manoirs et ses maisons et ses
possessions de laer, si que nulle creature vivante ny peust entrer ni
habiter contre la voulenté de Virgille.


_Comment lempereur de Romme assalit Virgille en son chastel._

Quant ceulx qui pour Virgille grever, guerroyer vindrent devant la
closture, ils ne peurent aller avant et si noserent. Parquoy ilz
furent moult esbahis et esmerveillez et dirent lun à lautre: Il nous
conviendra arriere retourner, de rien ne pourrons grever nostre ennemy.
Et Virgille vint bien près deulx et leur dist: Vous me voulez detenir
le mien, et si nen puis avoir raison, si vous en garderay, que jà nen
aurez pouvoir, et si vous fais sçavoir que jamais tant que je viveray,
vous ne cueillerez ne leverez aucun bien de terre tant que aurez ung
denier du mien, et pouvez dire à lempereur que doresnavant je attendray
bien pour son conseil lespace de quatre à cinq ans et ne demanderay
à playder; mais recueilleray le mien jusques à ung seul denier. De sa
guerre ne de la vostre, je nen tiens compte. Atant, retourna Virgille
avec ses parens, qui avaient esté bien poures furent bien aises et
eurent tout ce quil leur convenoit, et ses ennemys retournerent arriere
honteusement, si ne sçeurent que faire, ne quel conseil prendre. Si
vindrent à lempereur et se clamerent de Virgille et luy dirent comment
Virgille avait dit de luy, et que riens ne le doubtoit, ne tout son
pouvoir. Quant lempereur ouyt ce que Virgille avait dit, si le manda
et en fut si fort troublé, et en eut si grant dueil quil en perdit
toute contenance. Si leur dist: Or sachez que je luy confondray son
manoir, et si luy couperay la teste. Lors ne tarda plus; ainsi manda
ceulx quil pouvoit avoir et assembla les ungz par prieres, les autres
pource que venir devoient à son mandement; et quant lempereur eut tout
assemblé les ungz par amytié et les autres par mandament, si sen alla
et chevaucha tant que ses gens vindrent devant la closture que Virgille
avoit fait à lenviron de ses manoirs, et eulx là venus ne peurent
plus aller avant, pour chose quilz peussent, et quant ilz furent là,
Virgille sen alla derriere lost et fist closture de laer en telle
maniere quil les encloit, quilz ne pouvoient reculler, ne retourner, ne
aller avant vers le chastel pour chose quils sçeussent faire.


_Comment Virgille avoit enclos lempereur et son ost de murs._

Lors fist Virgille un enchantement quil sembloit à lempereur et à tous
ceulx qui avec luy estoient que grant eaue environ de lost estoit et
si en telle maniere estoient pris quilz navoient pouvoir daller avant,
ne de retourner arriere. Et quant lempereur se vit ainsi enclos, luy
et tous son ost, et quilz navoient puissance de remuer, ne de partir,
ne nulz, que dehors fust, ne pouvoit à eulx venir, se ne cetoit par le
consentement de Virgille, et en cestuy enchantement, vint Virgille à
lempereur et lui dit: Sire empereur, vous ne avez pouvoir de moy grever
pour chose quil en adviengne, et se vous etiez saige, vous feriez bien
de moy, car plus vous pourroys ayder que tous les autres. Et lempereur
luis dist: Certes, faulx cafart, je vous honniray, sentre mes mains je
vous tiens. Par mon chief, dit Virgille, je ne vous doubte; mais bien
sachez que je vous chastiray, car vous me deussiez aymer et honorer
comme celuy qui est de vostre lignage, et vous me voulez desheriter et
ma mort pourchasser. Adonc sen alla Virgille à son hostel et fit venir,
cuyre et appareiller ses viandes entre son manoir et lost en telle
maniere, que tous ceulx qui le voyoient, lodeur en avoient, et non
autre chose avoir nen pouvoient, pource que laer et la closture leur
defendait le passage. Ainsi fist Virgille à lempereur et à tous ceulx
qui avec luy estoient souffrir faim et soif et mainte autres malaise,
et ny avoit homme en lost qui sen peust destourner, ne qui an peust
conseil donner pour y remedier.


_Comment lempereur fit paix avec Virgille._

En celle maniere et en celluy point, Virgille tint lempereur et tous
ceulx qui avec luy estoient en lost que onc ne beurent, ne mangerent
en deux jours et une nuyt. Et vint Virgille à lempereur et luy dist:
Sire empereur, en ferez-vous plus, garderez-vous toujours ce chemin,
et nyrez-vous ne avant ne arriere? Et lempereur luy dist: Virgille,
oste-moy dicy et je te rendray et te delivreray ta terre et si aura du
mien à ta voulentè. Et Virgille luy dit: le promettez-vous à garantir
comme empereur de Romme? Ouy, dit-il, vrayement, et vous recongnois de
mon lignage et vous retiens de mon amytiè. Lors diffist Virgille sa
closture et emmena lempereur et ses gens à son manoir, et habandonna
son or et son avoir et si les fist servir au disner de tant de manieres
de viandes que oncques nen eurent autant. Et fut lempereur servy à
si grant estat, que oncques navoit esté et ne fut depuis, et donna
Virgille joyaulx et plusieurs autres choses à tout chacun selon son
estat. Quant ilz eurent disné bien aise et à loysir, si prindrent
congié de Virgille moult reveramment et sen retournerent chacun en son
repaire, et incontinent lempereur luy fit rendre et delivrer tout ce
quil demandoit; et fut maistre conseiller de lempereur par dessus tous.
Et tant advint que Virgille ayma une damoiselle, fille dune grant dame
des plus grans gens de Romme, et la fit requerir damour par une vieille
sorciere. Quant la damoiselle sçeut quil estoit assote delle, si se
pensa comme elle le tromperoit et decevrait, et au commencement luy
dist quil y avoit grant dangier, et en la fin luy dist quelle navoit
peur de luy octroyer sa voulenté fors que en une maniere, et que si
vouloit coucher avec elle, il convenoit venir tout quoy auprès de la
tour où elle gisoit, quant toutes gens seroient couchez, et elle luy
avallerait une corbeille à terre bien encordée, et il entreroit dedans,
et elle le tireroit à mont jusques en sa chambre. Et luy accorda, et
dit que voulentiers le feroit.


_Comment la damoiselle pendit Virgille en la corbeille._

Le jour fut prins quil devoit aller en celle tour qui seoit au marché
de Romme. En toute la cité navoit si haulte tour. Virgille alla à
la tour où la damoiselle lattendoit et de la grant haste quil eut dy
fouyr, il sen alla tout nud en pure chemise, sans robbe, sans chausses
ne brayes; et quant il trouva la corbeille descendue, il entra dedans,
et la damoiselle le fist tirer amont jusques au second estage de
la tour, et quant il fut ainsi que à dix piedz de la fenestre, ilz
attacherent la corde et le laisserent pendu là à plus de cinquante
piedz de hault. Lors luy dist la damoiselle: Maistre, vous estes
trompé, car demain sera jour de marché; vous serez de tous regardé
et verrà chacun vostre ribaudise qui cuydez avec moy coucher; sire
ribault, clerc enchenteur, vous demourez là. Et elle clouyt la fenestre
et sen alla. Et Virgille demoura toute nuyt là pendu et lendemain, tant
quil fust sçeu par tout Romme, et lempereur, qui dolent en fut, manda
la damoiselle quelle fist avaller Virgille, qui moult en fut hontoux.
Si dit par son chief quil sen vengeroit briefvement, et vint à son
palais qui estoit le plus bel de Romme, et lavoit embelli depuis qu'il
fut revenu de Tollette. Si print Virgille ses livres et fist tant que
tout le feu de Romme fut esteint et ny avait nul qui en peust apporter
en la cité de dehors Romme, et dura ce temps une journée que sans
feu Romme estoit; mais Virgille en avoit assez et nulz des autres nen
avoient point et si nen pouvoient faire.


_Comment Virgille estaingnit le feu de Romme._

Lempereur et tous les barons et toute Romme estoient tous esbahis et
emerveillez que ce pouvait estre, et dirent à lempereur quilz cuidoient
que Virgille leust fait estaindre. Si le manda lempereur et luy pria
quil les conseillast comment ilz pourroient recouvrir du feu. Et par ma
foy, dist Virgilles, vous en aurez se vous voulez, et par tout Romme.
Sire, font-ilz, dictes-nous comment. Et Virgille leur dist; Vous ferez
ung escharfault au marché, et en iceluy escharfault vous ferez monter
toute nue en sa chemise la damoiselle qui devant hier me pendit en
la corbeille, et ferez crier par toute Romme que qui vouldra avoir du
feu viennent à lescharfault en prendre, et allumer à la nature dicelle
damoiselle, ou autrement ilz nen auront point. Et sachez que lun nen
pourra donner à lautre, ne vendre, ne prester, ne autrement nen pourra
allumer.


_Comment la damoiselle fut mise en lescharfault et y allait chacun
allumer sa chandelle ou sa torche entre ses jambes._

Lempereur et tous les barons de Romme virent bien que faire leur
convenait, dont ilz furent moult dolens, et firent faire lescharfault
et venir la damoiselle. Si fut montée sur lescharfault en pure chemise,
et tous ceulx qui du feu avoient besoing en venoient querir à sa nature
entre ses jambes. Les riches y boutoient des torches et les pauvres
des chandelles ou de lestran. Trois jours convint à la damoiselle y
estre, ou aultrement ilz neussent point eu de feu, tant que Romme en
fut garnie. Lors sen alla la damoiselle honteusement et ben sçavait que
Virgille luy pourchassoit ceste villennie. Puis ne tarda guaires quil
ne se mariast et print femme. Et ung jour dist à lempereur quil faisoit
faire ung beau palays moult merveilleux et tout quarré, et quant il fut
fait et lempereur dedans, il oyoit tout ce que lon disoit en la quarte
partie de Romme en un des quarrés, et sil alloit en lautre, il oyoit ce
que lon disoit en lautre partie, et ainsi des deux autres quartiers,
et par ainsi oyoit il tout, si bas ne sçavoit on parler les ungs aux
autres.


_Comment Virgille fist une lampe qui tousjours ardoit._

Encores fist il autres choses, car il fist ung grant pilier de marbre
et une arche qui alloit jusques au palays. Et du palays alloit bien
Virgille sur le pillier. Le palays et le pillier estoient assis tout
au millieu de Romme, et sur ce pillier fist une lampe de voirre
qui tousjours ardoit sans destaindre; car pour riens estaindre ne
la pouvoit on. Et allumoit la dicte lampe la cité de Romme tout
entieremente depuis ung bout jusques à lautre. Et ny avoit rue si
estroite peut elle estre que lon ne veist aussi cler comme qui eust
mis ung sierge tout ardant. Encores fist il bien autre chose, quant
en la voye des meurs du palays en hault, sur ung des cameaux mist ung
homme de cuivre, moult grant et gros, et fort bien moullé, et tenait en
ses mains une arbalestre de cuivre et visoit celuy villain à la lampe
estaindre, jusques à ung jour que Virgille ne demouroit plus au palays
pource que Romme fut destruite, et ne fut pas refaicte si grande comme
elle avoit esté. Et tousjours ardoit la dicte lampe et allumoit par
tout Romme.

Ung jour alloyent le filles des bourgeois sesbattre parmy le palais, à
vint une delles au villain de cuivre qui tenoit larbalestre, et visait
tout droit à la lampe ferir. Si lui dist par gabbes: Ha, sire villain,
que ne tirez-vous? à quoy tient-il? puis fiert du doyt sur larbalestre,
et la vire eschappe qui fiert la lampe que Virgille avoit faicte. Bien
trois cens ans avoit duré auprès sa mort. Et à peu quelles nen yssirent
hors du sens pour la grant hideur et peur quelles en eurent; car elles
virent fouyr le villain de cuivre soubdainement, ne oncques puis ne fut
veu.


_Cy apres parle du vergier que Virgille fist à la fontaine de lestang._

De grants merveilles fist assez Virgille en son temps, et sçachez qu'il
fist ung vergier derriere le palays où il mist de toutes manieres
darbres portant fruits, et aussi dherbes portant fruits et dherbes
croissantes sur terre. Et en tous temps vissiez au vergier fruits.
fleurs et semences. Au millieu de ce beau vergier avoit une fontaine
que oncques de plus belle ne fut veue en tout le pays de Rommanie ne
ailleurs, et estoit le jardin peuplé de toutes manieres doyseaulx,
lesquelz chantoient tout le jour et toute la nuyt. Et en celui jardin
navoit paint de closture fors que de laer, si ny eust sçeu rien entrer
dedans ne aussi saillir dehors. Et oyoit on les chants des oyseaulx qui
estoient seans dedans chantans, et si ne les veoit on point, au moins
ceulx qui estoient par dehors ledit jardin. Et aussi de toutes manieres
de bestes sauvaiges et privées qui proffitables estoient, vous en
eussiez trouvé et veu leans dedans icelluy beau jardin.

Encores fist Virgille de leaue qui sailloit de celle belle fontaine
qui estoit dedans le vergier, ung bel estang tout autour du vergier, le
plus cler que oncques fut, et nestoit maniere de poissons deaue doulce
que dedans icelluy estang ny en eust et faisoit tout ce beau veoir.

Autre chose il fist bien encores, car il fist une voulte en terre où
il avoit son tresor et y mit deux grans hommes de cuyvre pour garder
lhuys, et chacun deulx tenoit ung maillet en son poing et en frappoient
lun après lautre sur une enclume si druement que nulz oyseaulx ny
eussent sçeu passer entre deux quilz ne fussent mors. Autre garde ny
mist pour son tresor garder.


_Lymage que fist Virgille à sa femme._

Encores fist il bien autre chose, car il fist ung ymage hault en laer
qui ne pouvoit nullement cheoir, et si ne pouvoient ceulx de Romme
ouvrir huys ne fenestre quilz ne veissent celluy ymage. Et estoit de
telle vertu que toute femme qui lavoit veu navoit voulenté de faire
le pechè de fournication. Et de ce furent moult courroucées les dames
de Romme qui aymoyent par amour, quand elles ne peurent mettre le
pied hors de leurs maisons quelles ne veissent celuy ymage, et si ne
pouvient avoir soulas de leurs amours. Puis le dirent à la femme de
Virgille que ainsi perdoient leurs esbattemens et deduytz, et elle leur
promist quelle mettroit peine de le faire descendre; si espia Virgille,
car aucunes fois il alloit par le pont fait en laer. Et ung jour advint
que Virgille n'estoit pas au pays, mais estoit allé dehors de la ville
de Romme pour son esbat. Si alla ladicte femme de Virgille à lymage et
le prit par lepaulle et le fit trebuscher la teste dessoubz, et de là
en avant firent les dames de Romme à leur voulenté et à leur plaisance,
et furent bien ayses de lymage qui fut abattue.


_Comment Virgille refist lymage et trabucha sa femme, et comment il
fist ung pont sur la mer._

Adonc quant Virgille revint et il ne trouva point son ymage, si en fut
dolent et dist quil le remettroit et jà rien ne leur vauldroit ce quilz
avoient fait, et jura quil sauroit qui abattue lavoit. Si la releva et
remist comme devant et demanda à sa femme si elle avoit lymage abattue,
et elle dit que non. Puis vindrent les dames à la femme de Virgille et
dirent quil valoit pis que devant, et elle leur dist quelle labattroit
encores, et Virgille, qui vouloit sçavoir qui lavoit abattue, se mist
en ung lieu secret et espia sa femme, et vit aucunes femmes qui se
complaignoient à elle dicelle ymage. Et la dicte femme de Virgille y
vint et y monta elle mesme et la print par la teste et fit trebuscher.
Et Virgille, qui caché estoit, y vint et print sa femme et la trebuscha
et au dyable la commanda et dist: Pour bien je lavoye faicte, mais plus
ne men mesleray et facent les dames à leur voulenté. Lors prit Virgille
sa femme en haine et autrefois avoit ouy parler dune damoiselle qui
estoit fille du souldan et la tenoit on la plus belle du monde. Si fist
tant Virgille quelle se consentit a sa voulenté, et si ne lavoit veu
que de nuyt. Ung jour dist la damoiselle quelle vouloit aller en son
hostel sçavoir quel homme il estoit et quelz manoirs il avoit, et il
dist que voulentiers luy meneroit et passeroit maintz pas de terre et
ne marcheroit sinon par laer, car il avoit fait ung pont en laer par
dessus la mer. Si la prist incontinent et la mena à Romme parmy laer,
et la garda que oncques homme ne la vit et ne parla sinon à Virgille.
Et Virgille luy monstra son palays et son vergier, et sa voulte, et son
tresor, et le villain qui fist semblant de ferir. Et luy monstra tout
son tresor et toute sa richesse, et luy en presenta, mais oncques nen
voulut rien emporter avec elle, car elle en avoit assez en garde qui à
son pere estoit. Et la tint Virgille longtemps en son vergier. Le pere
à la damoiselle fut courroucé et sesmerveilla de sa fille, car il ne
sçavoit quelle estoit devenue, si fut à guetter partout, mai elle ne
fut pas trouvée.


_Comment Virgille reporta la damoiselle en son pays._

Lors si advint que la damoiselle dist à Virgille quelle sen vouloit
retourner en son pays devers son pere. Lors la print entre ses bras et
la porta sur le pont en laer et la mit en la chambre de son pere, puis
la commanda à Dieu et sen revint à Romme. Quant vint le lendemain, le
grant souldan de Babilone qui moult courroucé estoit de sa fille, par
une damoiselle sçeut que venue estoit, et estoit couchée en son lict.
Et incontinent alla par devers elle et luy demanda dont elle venoit,
et de quel pays, et qui lavoit ramenée. Sire, dist la damoiselle sa
fille, ça esté ung tres bel homme; parmy laer memmena en son pays, et
quant nous fusmes là il me monstra son palays le plus beau du monde,
ainsi comme je crois, et puis après il me monstra son tresor, lequel
est grant à merveilles, et puis il me monstra son vergier, lequel est
si tres beau quil ne fault rien. Mais je ne parlay oncques à homme
ne à femme sinon à luy, et si ne sçay quel pays cest. Or entendez, ma
belle fille, la premiere fois quil vous emportera plus, demandez luy
des fruictz de son pays et men apportez, si sçauray par adventure de
quel pays il est. Sire, dist la damoiselle, voulentiers. Puis après
ne demoura gueres que Virgille sen retourna en Babilone, puis print la
belle damoiselle sa dame par amours, laquelle nen fit pas grand frime
et lemporta en son pays, et la tint tant quil luy pleut, et quant elle
se voulut retourner, elle print noix gauges et des autres fruictz ce
quil luy en pleut prendre, et quant Virgille leut retournée là ou il
lavoit prise, elle monstra à son pere ledict fruict. Si luy dist: Ha,
belle fille, il est de devers France celuy qui ainsi vous demaine.


_Comment Virgille fut pris avec la damoiselle et comment il eschappa et
emmena la damoiselle._

Lors dit le souldan à sa fille: Regardez quant il viendra; mais avant
que le faictes coucher à vostre lict, vous luy ferez semblant de grant
amytié, et je vous donneray ung breuvaige de quoy vous luy en donnerez
à boire; mais gardez que nen beuvez. Et tantost quil en aura beu il
sendormira. Lors le faictes sçavoir, si le prendrons et sçaurons quel
homme cest. La damoiselle fist ainsi comme son pere luy avoit commandé,
et Virgille fut pris, lyé et gardé jusques au lendemain matin quil fut
admené devant le souldan, et devant tous les barons de sa terre qui y
furent. La fille du souldan fut aussi menée au palays, et là monstra
à veoir à toute la baronnerie celuy qui menée lavoit et emportée par
plusieurs fois en sa contrée, mais ne sçavoit dire où cestoit. Par mon
chief, dist le souldan, tu es mal venu qui ainsi as ma fille emblée
et deçeue et fait delle à ton tallent. Tu en seras demené à nostre loy
et de toy fait justice à nostre voulenté. Sire souldan, dist Virgille,
se jeusse voulu, jamais ne leussiez veue; laissez-moy retourner à mon
pays, jamais verse elle ne retourneray. Nous nen ferons rien, dist le
souldan à tous ses barons; vous avez encouru et desservi mort villaine
et ne pouvez eschapper. Seigneur, dist la fille, si vous le mettez
à mort, je mourray avec lui. Par mon chief, dist le souldan, nous
avons assez dautres amys meilleurs que toy, tu seras arse et bruslée
avec luy. Par la foy que je dois, dist Virgille, sire souldan, vous
mentirez.


_Comment Virgille eschappa et ramena la damoiselle et fonda la cité de
Naples._

Adonc commença Virgille ung enchantement tel quil sembloit à tous
ceulx qui là estoient, que le fleuve de Babilone couroit parmy et
nageoyent tous, ce leur sembloit advis, et se gettoyent à ventrillons
et pouldrilloient comme grenouilles; et Virgille print la damoiselle,
si lemporta par laer, et quant il fut sur le pont avec sa mye, si fit
faillir ses enchantemens et le virent aller parmy laer, dont le souldan
et tous ses barons furent tous esmerveillez et dolens oultre mesure;
mais autre chose nen sçavoyent que faire. Ainsi sen revint à Romme
avec sa mye et furent bien ayses et bien heureux de la damoiselle, car
cestoit la plus belle creature que lon sçeust regarder. Et pensa quil
la mariroit bien haultement, car il avoit de moult grandes possessions,
terres et heritages sur la mer, et estoit moult riche en sa terre. Si
pensa quil feroit une cité en fonds de mer. Si y ficha ses enchantemens
et fonda cette cité moult riche et noble, et toute fut assise sur
ung œulf, et fit une tour carrée et au couplet dicelle tour fist une
empolle et y mist ung travail de fer par enchantement si que tout le
monde ne leust sçeu oster sans le briser, et en icelluy traveil mist
ung tref, et en celluy mit ung œuf et y pendit celle empolle par le
col en une chaine, et encore y pent il; et qui croulleroit icelluy
œuf, toute la cité trembleroit, et qui le briseroit la cité fondroit.
Quant Virgille eut fait celle cité il lappela Naples, et y mist de
son tresor une grande partie, et y mist sa dame par amours, la fille
du souldan; et luy donna la cité et la terre dalenviron à elle et ses
hoirs, et puis ne tarda point longtemps quil la mariast à un chevalier
d'Espaigne. Lors advint que lempereur de Romme luy voulut tollir sa
cité de Naples, pource que cestoit la plus belle et la plus noble que
en celuy temps fust en toute la contrée et province du pays, et si
estoit assise en la meilleure marche de toute Rommanie. Si sen alla
lempereur de Romme dehors couvertement à petite compagnie; mais avant
quil partist il avoit envoyé devant ses lettres à ses barons quilz se
assemblassent devant la cité de Naples. Mais celuy à qui Virgille eut
donné la damoisselle fut bon chevallier et hardy et tint bien sa cité
et le fit sçavoir à Virgille.


_Comment lempereur de Romme assiega la cité de Naples._

Quant Virgille le sçeut, si gecta ses sors et ses enchantemens en
telle maniere, que toutes les eauls douces qui estaient entour Naples
se retirerent ensemble tout ainsi comme pluye, et si nestoit homme ne
femme de lost de lempereur qui peust avoir une goutte pour besoin quil
eust, et ceuls de Naples en avoient assez. Et en ce temps Virgille
assembla son pouvoir et sen voulut venir à Naples. Mais lempereur
ne pouvoit plus demourer en lost, car les chevaulx et autres bestes
mouroient par faulte deaue, et sen retourna tout confus.

Ainsi que lempereur devoit entrer à Romme et Virgille en yssit et tous
les siens, et vint à lempereur, si luy dist; Sire, pourquoy avez vous
jà laissé le siége de Naples? Lors sçeut bien lempereur que Virgille
le gaboit, si en fut moult yre, et Virgille à tout sa route sen vint
à Naples faire serment aux seigneurs et borgeois de la cité que jà
nentreroit en leur ville homme Rommain, ne jamais tribut ne rendroient
à seigneur terrien, ains seroient francs et la cité franche


_Comment Virgille fist peupler la cité descolliers et de marchandises._

Quant Virgille eut ce fait, si sen revint à Romme et print ses livres
et de ses meubles grant partie, et fist tout mener à Naples et le
tresor quil avoit enfermé laissa à Romme, car bien sen cuydoit revenir
et son manoir laissa en garde à ses amys. Et quant il eut toutes ces
devises ordonnées et il fut retourné à Naples, si manda clercz et
fist crier escolles, et les clercz fist il venir à Naples et leur
assist rentes à la ville pour tenir escolliers en telle maniere que
qui lescolle laisseroit sa rente failloit. Quant il eut bien peuplé la
ville descolliers, si y fit ung baing bien peuplé, communs, chaulx, où
chacun se baignoit qui vouloit, et ilz sont encores à present et furent
les premiers baingz que oncques furent. Et après il fist le plus beau
pont qui oncques fust et y pouvoit-on veoir toute beaulté comme nefz
marchandes et tous vaisseaulx de mer, et si fut la ville tant belle et
tant gente et si riche que tout le monde navoit pareille, et estoit
tant renommée que de toutes autres y venoient, et Virgille lisoit de
la science de nigromance, car plus en sçavoit que les autres qui y
avoient esté devant luy et après luy. Sa femme estoit pieça morte et
navoyent nulz enfans, et sur toutes gens il cognoissoit les clercz et
leur faisoit grant feste, et leur donnoit de ses richesses pour avoir
des livres, et moult noblement se demenoit comme il pouvait faire, et
estoit lun des plus puissans hommes du monde, car sil eust voulu, il
eust estè le plus grant seigneur du monde et le plus honoré de toutes
gens.


_Comment Virgille fist ung serpent à Romme._

Par art de nigromance Virgille fist ung serpent d'airain, et quiconque
boutoit sa main en sa gueulle par cause de serment, sil se parjuroit
il perdoit sa main, et sil faisoit vrai serment il la ramenait toute
saine et sans peril. Advint que ung chevalier de Lombardie mescrut
sa femme dun sien varlet chartier, mais bien s'en deffendoit et se
offroit à faire serment à la gueulle du serpent à Romme comme dit est.
Le chevalier luy accorda, et quant ilz furent en la voie, le chartier,
par le conseil de la dame, en guise de fol leur alla au devant de tous
ses gens, et Virgille qui par lart de lennemy sçavait bien leur malice,
si pria à la dame quelle se voulist deporter de jurer; mais elle nen
voulut rien faire, mais bouta sa mains avant dedans la gueulle du
serpent, et elle jura devant son mary en faisant serment quelle navoit
eu affaire au chartier dont on chargeoit, non plus que à celuy qui au
plus près delle se tenoit, et pource quelle disait vray, elle retira sa
main toute saine de la gueulle du serpent. Lors en ramena le chevalier
sa femme, et oncque puis ne la mescrut. Et Virgille par grant despit
abattis son serpent pource que la dame deçeut son seigneur, et Virgille
dist ainsi que les femmes sont sages en leur malice. Aussi sont les
preudes femmes là où elles sont desirantes de leur salut.


_Comment Virgille mourut._

Quant Virgille eut fait toutes les choses devant dictes, il sen
entra en ung basteau et sen alla esbattre sur mer luy quatrieme
par compagnie; et ainsi quilz alloient devisant sur leau, vint ung
estourbillon de vent si merveilleux et tant horrible, quil fist lever
les ondes de la mer en telle maniere, quilz ne attendoient que lheure
de la mort. Si furent enlevez en haulte mer, puis apres nul deulx ne
fut veu ne aperçeu, ne oncques homme mortel ne vit telle aventure, et
deulx ny avoit creature qui sçeust dire quilz estoient devenus. Combien
que depuis on a dit que aucuns furent par tous les portz de mer et
aulx isles, mais nullement nen fut trouvé nouvelles et furent ravis
soudainement. En tous les clerz et escolliers de la cité de Naples et
Romme et toutes nations et contrées en furent moult troublez et dolens.
Lempereur et tous ses barons, ennemys et amys de Virgille, et tous
autres bourgeois et autres manieres de gens grans et petis, en furent
tous esmerveillez et en firent grant dueil, et par especial ceulx de
Naples que ainsi les avoit faitz et sainctement establis. Lempereur
cuydoit prendre le tresor quil avoit à Romme; mais il ne peut, et ny
avoit homme si hardy quy osast toucher; ainsi en furent tous esperdus
et estoit advis à chacun qui y alloit que les hommes de cuivre les
occiroient. Et par ainsi ne sçeut nul que le tresor que Virgille avoit
à Romme estoit devenu. Et qui de ce ne croira dampné jà ne sera. Si
fist Virgille des faitz merveilleux, qui point tous ne sont escriptz en
ce livre.



LEGGENDA

DI PIETRO BARLIARIO

(Ved. vol. II, pag. 126).


      Mille cinquantacinque anni volgea
    La mentitrice etate in lieta calma
    Vittorio Secondo il soglio avea,
    Alla Chiesa portando amica palma,
    Enrico Quarto il scettro allor reggea
    Con fausta sorte, fortunata, ed alma;
    Chè se eserciti contro altrui già spinse
    O vincente o perdente ei sempre vinse.

      Ma prima di solcar i flutti e l'onde
    Febo che mi raggiri entro l'ingegno
    Per scriver le voragini profonde,
    Acciò non si sommerga il fragil legno;
    Tu infondi al mio cantar luci gioconde
    E vegga pur de' tuoi favori un segno;
    Chè se sol da un tal raggio io sarò scorto
    Bacio l'amica terra e giungo in porto.

      Or ritornando alla mia storia ordita,
    Correa la sesta età quando in Salerno,
    Che fra l'altre cittadi è più fiorita,
    Di Partenope alzando il nome eterno,
    Nacque con gran ricchezze, e stirpe avita
    Che già mise terrore al cieco Averno,
    Nacque Pietro Barliario, e fu allevato
    Dal suo nobile e ricco parentato.

      Cresciuto poscia in tenerella etade
    Fece tutti gli studi, un gran portento,
    Tanto che ai genitori persuade
    Di un futuro sperare alto e contento;
    Ma come in petto giovanile accade
    Tentar ciò che si vuol con ardimento,
    Di desir arse (e mostra mente ria)
    Per dotto diventar nella magia.

      Ma l'inimico dell'umana gente
    Che sol per nostro male è destro ognora
    E così fa nascere sovente,
    Come a Pietro fe senza dimora,
    Fece un dì che il garzone afflittamente
    Dalla natia città n'uscisse fuora,
    E a spasso andasse ove di verdi erbette
    Eran dipinte vaghe collinette.

      E trovò quivi a caso una caverna
    Che avea oscuro e sotterraneo ingresso.
    Egli benchè la via qui non discerna,
    Vuol penetrar nel rustical recesso.
    Spintovi pur da cupidigia interna
    Pose le piante e non pensò a sè stesso,
    Come il guerrier che tanto si rinoma
    Col suo precipitar liberò Roma.

      E giunto colaggiù vidde una stanza
    Con due altre da quella separate.
    Un vecchio qui facea sua dimoranza
    Sotto dell'empie soglie disperate;
    Qual subito l'accolse con istanza
    Di cerimonie e con parole grate,
    Gli domandò chi in quelle stanze ombrose
    L'avea condotto; a cui Pietro rispose:

      La mia curiosità, dicea, m'ha spinto;
    Non cercherò altra cosa in questo mondo
    Se non che il saper vero e distinto,
    Il modo di magia sommo e profondo;
    E perchè venni in questo laberinto,
    Sperando di trovar in questo fondo...
    Volea pur dir, ma il vecchio tutto umano
    In quell'istante il prese per la mano.

      Si volse a tergo e tosto gli ha additato
    Un colosso inalzato in quel soggiorno
    Qual in mano tenea libro serrato,
    D'indegne note e stigi nomi adorno.
    Gli disse il tuo pensier pago è restato
    Di ciò che mi chiedesti in questo giorno;
    Prendilo, disse; e il prese, e una sol banda
    Da lui fu aperta, e udì tosto: comanda.

      Lieto lui gli soggiunse: io vi comando
    Che fuor da questo centro mi portiate,
    Senza insulto però vi raccomando,
    E che danno nessuno mi facciate.
    Siccome avesse dato al suono bando
    Fuori si ritrovò delle incantate
    Mura, per forza solo empia e nefanda.
    Aprì di nuovo il libro e udì: comanda.

      Comanda che in città volea andare,
    Ed in piazza trovossi immantinente
    Con gli altri cavalieri a passeggiare,
    Come solea fare continuamente.
    A casa se ne andiè senza tardare,
    Sicuro già di sua virtù potente.
    Riaprì il comando e con sua voce propria
    Disse di tutti i libri voler copia.

      Di tutti i libri sparsi in questo mondo
    Che trattin di magia voglio portiate,
    Ossian in mar ossian in cupo fondo
    Ossian in terre occulte o inabitate.
    Finì appena di dir, che con gran pondo
    Di scritture diaboliche segnate
    Venner molti; d'Averno in quell'istante
    Molti libri gli portaron davante.

      Barliario allor vedendosi arricchito
    Di quella scienza che cotanto amava
    E che il suo desiderio era compito,
    Con fervor grande notte e dì studiava,
    Talchè così perfetto era riuscito
    In quella scienza maledetta e prava
    Che fece cose di tal maraviglia,
    Che inarcherete al mio cantar le ciglia.

      Trovavasi in quel tempo abitatrice
    Donna in Salerno di sovrana bellezza
    E celebre e famosa incantatrice,
    Come la fama a noi ci dà contezza.
    Per questa Pietro ardea mesto e infelice
    Al cor portando avvelenata frezza.
    Porta Pietro nel sen immenso ardore,
    Angelina per lui di gelo ha il cuore.

      Angelina chiamavasi la bella
    Che di un vago garzon viveva amante.
    Quanto Barliario l'ama, altrettanto ella
    Crudel gli si dimostra ed inconstante.
    Così il suo cuor si strugge, mentre quella
    Del suo diletto adora il bel sembiante.
    Di questo accorto Pietro fu ripieno
    Di geloso timore, e di veleno.

      Stava a diporto un giorno la crudele
    In un giardin con il suo drudo a lato;
    Pietro vi apparse e fece all'infedele
    Veder l'amante in sasso trasformato,
    E per sfogar della sua rabbia il fele
    Fece a colei, che tanto l'ha sprezzato,
    La sua persona e il volto così bello
    Trasformar in un florido arboscello.

      Ritrasse poi le piante da quel loco;
    Mentre Angelina tutta a parte a parte
    Ricolma il seno di rabbioso foco,
    Per liberarsi opra la magica arte.
    Tanto disse e parlò e di lì a poco
    Ripigliorno ambedue le forme sparte.
    Ritorna nella sua sembianza adorna
    Angelina e l'amante ancor ritorna

      Ritornò Pietro, e vide liberati
    I due amanti e ripieno di furore
    Mormorò allora con terribil fiati
    Che spaventò sino di Pluto il cuore,
    E comandò agli Angioli dannati
    Che in un punto l'amata e l'amatore
    Diventino, con forma assai più strana,
    L'amante un tronco, ed ella una fontana.

      Finta così vedendosi la bella
    Ricorse indarno dai Stigi numi.
    Con singhiozzi interrompe la favella
    E di lagrime fa scorrer due fiumi;
    E tanto si lamenta e si querela
    Che la sua gran bellezza li consumi;
    Pietro, mosso a pietà, più non comanda,
    Scioglie l'incanto e liberi li manda.

      Attuffato i corsieri in grembo al mare
    Avea di Delo il nume e tolto il giorno,
    Quando portossi Pietro a ritrovare
    Un cavalier amico, al suo soggiorno.
    Facea costui vago festino fare
    Di canti, suoni, balli in moto adorno.
    Qui donna vi trovò di vago aspetto
    Che l'alma gli passò per mezzo il petto.

      Pietro la mira, ed arde nella mente
    E gli stimola in cuore un santo onore.
    O non s'avvede o non si cura niente
    Che per lei nutre in seno un vast'ardore.
    Di lì Pietro partissi di repente
    E la bella aspettò che uscisse fuore.
    Giunse la donna, a casa, che non pensa
    Che abbia Pietro per lei l'anima accensa.

      Era la porta chiusa e ben serrata,
    Perchè la donna allor volea dormire
    E degli abbigliamenti era spogliata,
    Quando Pietro si vidde comparire
    Che con voglia proterva ed infiammata
    Scopriva li suoi affetti e il suo desire.
    Tutta irata colei con gran baldanza
    Gli dice, che abbandoni la sua stanza.

      E in vece in lei di tema entrò lo sdegno
    E: importuno, gli disse, ed arrogante
    Scaccia di mente pure il tuo disegno
    E dalla vista mia torci le piante.
    Pietro si parte, e con turbato ingegno
    Dicea tra sè, mi schernisti amante
    Mi troverai fiero nemico e rio,
    Chè brama sol vendetta il pensier mio.

      Adirato si parte, indi comanda
    Ai demoni che tosto abbino spento
    Tutto il fuoco che fosse in ogni banda,
    Fosse da loro estinto in un momento.
    Onde, per compir l'opera nefanda,
    La donna fe pigliar con gran tormento
    E in piazza fu portata di repente
    Nuda, parea ch'ardesse in fiamma ardente.

      Correa il popol tutto in folta schiera
    Per provveder di fuoco le lor case,
    Fra le piante di quella in tal maniera
    Sorgea la fiamma, onde ciascun rimase,
    E l'uno all'altro darlo invano spera
    Chè presto si smorzava; intanto spase
    La Dea ch'ha cento bocche un gran rumore
    E l'avviso n'andò al Governatore.

      Il qual di un tal misfatto molto irato
    Il Bargello chiamar fece ben presto
    E pena il viver suo gli ha comandato
    Pietro imprigioni senza alcun pretesto;
    In altro modo non sarà scusato.
    Partì il meschin, ma molt'afflitto e mesto
    Pensando se l'andava a carcerare,
    Poco guadagno vi poteva fare.

      E, per fuggire un sì fatal comando
    Dalla città si risolvè partire;
    Ma pria di far un volontario bando,
    Volle Pietro Barliario riverire
    A lui l'ordine imposto dichiarando,
    Dirgli come per lui volea fuggire,
    E se di vendicarsi egli desira
    Contro il Governator rivolga l'ira.

      Ma Pietro già per infernale avviso
    Era stato informato del successo
    E vedendo il Bargel, dicea con riso:
    So che il Governatore appunto adesso
    Che mi mettessi in prigion t'ha commiso.
    Disse il Bargello allor tutto dimesso:
    Vero è Signor, ma per fuggir tal sorte
    Or di Salerno vuò lasciar le porte.

      Soggiunse Pietro allor: per mia cagione
    Tu giammai farai questo, così spero;
    Va corri, e di' a colui che io son prigione
    Che d'andarvi giur'io da Cavaliero.
    Scacciò allor il Bargel tanta afflizione
    E corse a darne avviso a quell'altiero
    Il qual, con volto minaccioso e tetro,
    Discese alla prigione e trovò Pietro.

      E incominciò: quanti misfatti io sento
    Di voi che siete un Cavalier di pregio!
    Perchè così oscurate in un momento
    Di vostra antica stirpe il nome egregio?
    Un Signor siete voi di gran talento
    Che racchiudete in sen animo regio;
    Tanti richiami in tribunal ci sono
    Che luogo non vi trovo di perdono.

      Volea più dir ma Pietro, interrompendo
    Disse, che se voleva predicare
    Andasse altrove, pur di lì partendo,
    Chè gran gente lo staria ascoltare:
    Chè sentir correzioni io non intendo,
    Diceali, il tuo mestiero è giudicare,
    Pensa d'amministrar d'Astrea l'impero
    Con giustizia, con senno e cor sincero.

      Tanto studio che posso in quel che vuoi
    Darti senza fallir gran correzione
    Non solo a te, ma alli ministri tuoi
    Empi ministri di un crudel Nerone.
    Più non volle ascoltar li detti suoi
    Il giudice adirato e la prigione
    Abbandonando, in stanza s'era messo
    Per fabbricar di lui il processo.

      Qual seppe ordir con tanta crudeltade
    La sentenza scrivendogli di morte;
    Quando a un tempo si vider spalancate
    Delle prigioni le serrate porte,
    E delle afflitte genti carcerate,
    Si fa lui condottiere, mago forte,
    Mirando ognuno e di letizia pieno
    Il ciel scoperto e l'aere sereno.

      Indi, aperto il comando, in quell'istante
    Alzar fur viste le prigion da terra
    Come se niuna fosse scossa innante
    L'insidioso seno al ciel disserra;
    Così per vendicarsi il dotto Atlante
    Fe veder sì rovinosa guerra,
    Ma se prestate al mio cantar orecchia,
    Udite quel che far poi s'apparecchia.

      Sorgea la notte oltre l'usato oscura
    Cinta di orride nubi in fosco velo;
    Ma pria di proseguir l'impresa dura
    Prestami aita, biondo Dio di Delo;
    Tu le nubi al mio dir discaccia e fura
    E d'un vile timore un freddo gelo;
    Sorgea, dico, la notte allora quando
    Aprì Pietro il terribile comando.

      E disse agli empi spiriti: adesso voglio
    Portiate questo rio Governatore,
    Ignudo come sta, sopra quel scoglio
    Che fra l'onde del mar spunta più fuore.
    Fu ubbidito il suo cenno e con orgoglio
    Pietro mirava quello in gran dolore
    Sopra quel sasso esposto in mezzo al mare
    Che non meno di un sasso ignudo pare.

      Ma intanto poi nel liquido elemento
    Ei disserra dai suoi chiostri i venti
    E nasce gran tempesta in un momento
    Con soffi d'Aquiloni empi e tremendi;
    Parea che contro il ciel con ardimento
    Del gran tridente i numi più possenti
    Mostri marini, gregge, la canaglia
    Insultasse per fare aspra battaglia.

      Un dì e una notte la tempesta algente
    Durò pria che tornasse in lieta calma
    Il mar furioso; il misero dolente
    Al Creator stava per render l'alma,
    Quando poi fu veduto dalla gente
    E ognun correa per riportar tal palma
    E acciò che in terra si conduca in fretta
    Fu spedita dal lido una barchetta.

      S'accostò il legno al rilevato sasso
    Et in terra buttollo immantinente,
    Ripien di doglia tutto afflitto e lasso,
    Con somma maraviglia della gente.
    Fu condotto al palazzo a lento passo,
    E sulle piume posto incontanente
    E qui gli si appresenta, in varie forme,
    Cose di gran spavento, allor che dorme.

      Pareagli ad or ad or che in aria eretto
    Fosse gran fuoco, e in cenere temea
    Spesso che il suo nobile e bel tetto
    Che rovinar volesse gli parea;
    Così di gran timor riscosso il petto
    In tal mestizia, in tal dolor cadea
    Che in quattro dì, ahi disperata sorte!
    Poichè temea morir, ebbe la morte.

      Poichè Pietro si vidde vendicato
    Di quel Governator che l'avea offeso
    Di Salerno la patria ebbe lasciato,
    Verso Palermo il suo cammino ha preso.
    Quivi giunto un compare ebbe trovato
    Che gran sospir fuor del suo petto acceso,
    Lagnandosi ad ognor, mandava all'aria,
    Per aver la fortuna empia e contraria.

      Avea fornaci il miser'uom più d'una
    E molta robba avea del suo lavoro
    Ma la sua minacciosa e ria fortuna
    Gli dava di miserie un gran martoro.
    Pietro trovollo ch'era l'aria bruna
    E dando ai suoi lamenti un gran ristoro,
    Gli dicea: non temer, ch'io son venuto
    Per riparar tuoi danni e darti aiuto.

      Pietro intanto si parte e il cieco orrore
    Già dispiegato avea la notte, quando,
    Per consolar del suo compare il cuore,
    Aprì Pietro il terribile comando
    E costrinse il Demon, che per quattr'ore
    Venga in giù dal ciel precipitando
    Grandine tale e tanta (ahi fiero scempio!)
    Che rovini ogni casa ed ogni tempio.

      Non vuoto andò il desio, e gran spavento
    Di repente Palermo avesti in seno,
    S'ode l'aria fischiare e in un momento
    Manca di stelle amiche un sol baleno,
    E grandine sì grossa con fier vento
    Spinse dal ciel, e ognun di tema pieno,
    Colla sua famigliuola accolta intorno,
    Pensò che fosse allor l'estremo giorno.

      Dopo tanto travaglio e tanta guerra
    Portò l'aurora il bel mattin rosato;
    Quando scorse l'infelice terra
    D'ogni casa il suo tetto rovinato,
    E ai pianti ognun le luci sue disserra
    Vedendo quegli tutto al suol prostrato
    Il suo tugurio, e per destin infido
    Piange quell'altro il caro antico nido.

      Per rimediar dunque a tal danno allora
    E di tevole i tetti ricuoprire,
    Dal compare ne andiè senza dimora
    Qual volentieri ebbe tal sorte a udire,
    Nè passasse cred'io neppur un'ora,
    Che il miser fornaciar s'ebbe arricchire,
    Spacciando la sua robba; in un momento
    Pigliò gran quantità d'oro e d'argento.

      Ma divulgò la fama in un istante
    La venuta di Pietro e la sua scienza,
    Onde ogni cittadino ed abitante
    Stima per opra sua tal violenza,
    E altri dispetti ricevuti innante
    Fanno che Pietro sia di scusa senza
    E per sfogare la mente lor sdegnata,
    Fecero un stuol di molta gente armata.

      Già benissimo Pietro lo sapea
    Come a suo danno armata era la gente,
    Ma dentro del suo cuor se ne ridea,
    Che alla giustizia avea già posto mente
    E disegnando nella propria idea
    Una burla di fargli assai valente,
    In piazza si trovava allora quando
    Venne la turba contro lui infuriando.

      E di crudel ritorte circondato
    Pietro guidorno in tenebrosa stanza
    In un fondo di torre rinserrato,
    E qui facea penosa dimoranza.
    Con rigor fu il processo fabbricato,
    E conclusero alfin, senza speranza
    Di esser dalla pena liberato,
    Senza indugiar che sia decapitato.

      Venne l'ora fatal che dee morire
    E al patibolo giunto immantinente
    Già salito sul palco s'udì dire:
    Datemi un poco d'acqua amica gente.
    Un vaso d'acqua ebbe apparire;
    Ma prima che bevesse, lietamente:
    Signori di Palermo, gli ebbe detto,
    Io vi saluto e a Napoli vi aspetto.

      Ridea il popolo al dir del sventurato
    E che allor vaneggiasse ognun pensava.
    Dopo bevuto, al ministro voltato,
    Che presto oprar volesse lo pregava;
    Ma quel, tutto atterrito e spaventato,
    Temea di qualche scherzo e dubitava;
    E discacciato alfin qualche timore,
    Il colpo gli vibrò con gran furore.

      Ma chi potria ridir con molti accenti,
    Lingua non ho da raccontarvi appieno
    In ridire il sussurro delle genti
    Se tu Calliope non m'aiuti almeno
    Tanto che per più avvenimento (_sic_)
    Ne cant'io sol di meraviglia pieno.
    Sparì Pietro; il ministro in quell'istante
    Un asino trovossi in tra le piante.

      Alza la testa, e con furore tanto
    Si mise in un gridar che spaventava.
    Ma a Pietro, ch'è sparito, io torno intanto
    Che già disse che in Napoli aspettava.
    Pria che la notte spicchi il nero manto
    Di Partenope al lido si trovava,
    Quando ad un spirto di valletto in forma
    Gli dà una lettera e del suo dir l'informa.

    E che in Palermo vada indi gl'impone,
    Che la consegni a quel Governatore,
    Chi la mandi però non gli ragione.
    Sparve a quel dir allora il rio latore
    Ed in Palermo giunto in conclusione
    La lettera presenta a quel Signore;
    Vi giunse che la gente ancor ridea
    Di quel gran caso che veduto avea.

      Diede dico la lettera al superbissimo
    Giudice che ripieno era di furia
    La qual dicea: o Signor riveritissimo,
    Dottore come voi non ha l'Etruria,
    Nella vostra città vedo benissimo
    Che non ci avete d'asini penuria;
    Nel mondo mai s'intese tal notizia
    Che si facesse d'asini giustizia.

      Imparate però, e avvertite bene
    A conoscere prima le persone;
    Perchè darvi potrei tormenti e pene,
    Se conoscessi in voi senno e ragione;
    E se voi camminate queste arene
    Credete che è la mia bontà cagione,
    Chè potria ben farvi pagare il fio.
    Questo vi sia d'eterno avviso. Addio.

      Diè appen la lettera lo spirito immondo
    Che dispiega verso dell'aria i vanni
    E il giudice lasciò che con gran pondo
    Rimase d'afflizion, e di altri affanni.
    Per il dolor fu per uscir dal mondo
    E sempre mesto poi condusse gli anni
    E come di quaggiù fosse diviso
    In bocca sua non si vedea più riso.

      Or Pietro per Lisbona s'incammina
    E in un momento giunse a quelle porte
    Per virtù di sua magica dottrina
    Che avvien che altrui tante ruine apporte;
    E camminando in Lisbona una mattina
    Vidde dentro una casa un pozzo a sorte
    E ad un uom domandò con forme liete
    Un poco d'acqua per smorzar la sete.

      Ma rispose colui che se ne vada
    E ritirossi entro sue stanze allora.
    Pietro irato si parte e senza spada
    E senz'altre armi il rio punito fora.
    La mattina seguente nella strada
    Avanti quelle case il pozzo fuora
    Fu ritrovato; per far l'empio umile,
    Udite che trovò nel suo cortile.

      Le forche si vedeano ben piantate
    Nel luogo ove già il pozzo si vedea;
    Il figlio di colui con crudeltate
    A un demon da carnefice facea;
    Il capestro e l'altr'armi apparecchiate
    Il provido suo figlio allora avea.
    Tal spettacol vedendo il padre intanto
    Forte gridò spargendo un mar di pianto.

      Gli sgridava lasciar l'uffizio rio,
    Ma quel sorridendo e non curando
    La dura impresa lui già proseguia
    E sopra il rio demon giva montando.
    A tante strida a tanto mormorio
    Gran popolo concorse rimirando
    Lo spettacolo enorme e ognuno presto
    Per farlo alla giustizia manifesto.

      Che sia magico incanto ognuno crede,
    E per virtude d'infernal magia;
    Ma il tribunal che lo spettacol vede
    La cosa vuol sapere come stia.
    Il padron della casa che si avvede
    Che questo è solo per vendetta ria,
    Fu mandato a chiamar afflitto e mesto,
    Il qual fe alla giustizia manifesto

      Che in casa un forestier era venuto
    Per chieder acqua e gliel'avea negato
    E come la mattina avea veduto
    L'obbrobrio, l'ignominia, il duro fato.
    Gli disser se l'avesse conosciuto
    Se per città l'avesse riscontrato;
    Lui rispose di sì con gran duolo;
    E presto armar fu fatto un grosso stuolo.

      Qual seguitando allor le sue pedate,
    Giunsero in piazza e quivi ritrovorno
    Il forestiere, e quelle genti armate
    A quel subito corsero d'intorno,
    E la vita e le mani incatenate,
    In un oscuro carcer lo guidorno,
    Dove, senza di vita amica speme,
    Sei banditi di vita erano insieme.

      Entrato Pietro disse a quelli allora
    Cosa in quel luogo ci volean fare.
    Ma quelli, rispondendo; e voi ancora
    Per qual cagion veniste qui abitare?
    Credon che Pietro sia di mente fuora
    A quella gran stoltezza di parlare,
    E benchè dica liberar li vuole
    Non però danno fede a sue parole.

      Già il sol coi suoi bei raggi fatto il giorno
    Avea del nostro mondo come appare,
    Che Pietro cominciò con viso adorno
    Con quelli carcerati a ragionare.
    Gli domandò che cosa in quel soggiorno
    Gli dava la giustizia da mangiare.
    Rispose un di coloro in modo irato:
    Sol che pane, ed acqua ci vien dato.

      Rispose Pietro allor: povera gente
    Così trattati male ora voi siete;
    Ma vi prometto lesto qui presente
    Che tutti consolati resterete.
    Si vidde in quella grotta immantinente
    Circondare di lumi le parete
    E una mensa si vide apparecchiata,
    Di preziose vivande era adornata.

      Cena Pietro con gli altri carcerati
    Ed era ognun di maraviglia pieno,
    E sazi delli cibi che portati
    Furon dai Spiriti in quell'oscuro seno,
    Quando Pietro gli disse: amici grati,
    Io partir vuò e non fia laccio e freno;
    Se volete venir, io sarò scorta
    Per fuora uscir dalla serrata porta.

      Preso un picciol carbone a disegnare
    Incominciò una barca in quell'istante,
    Indi poi i compagni ebbe a chiamare
    Che ponessero in quella le lor piante;
    Ridevan quelli e pur per soddisfare
    Il suo pensier, che a liberarli è amante,
    Di sei ch'erano entrar un sol non vuole,
    Perchè fede non presta sue parole.

      Ma lo stolto n'avrà doglia e rancore.
    La barca è presto in aria sollevata
    E se ne uscì dalla prigione fuore,
    Benchè la porta fosse ben serrata.
    Per l'aria se n'andava, o gran stupore!
    Ed in parte lontana è già arrivata;
    E come l'aurora i raggi spase
    Ognun di quei trovossi alle loro case.

      Ma è d'uopo tornare alla giustizia,
    Che Barliario volea esaminare.
    Al carcere ne andò molta milizia
    Per farlo avanti il giudice parlare,
    Ma pieni i Saraceni di tristizia,
    La porta apriro e nol poter trovare;
    Sol trovato a dormir quel così stolto
    Che per far da sapiente in lacci è avvolto

      Il qual, interrogato, disse come
    E quanto fatto avea quell'uom straniero
    Il qual non sa chi sia, nè sa il nome
    Ma che lo stima il rio Plutone invero.
    Arricciorsi ai ministri allor le chiome
    Sentendo raccontar il caso intero;
    Condusser quello dal Governatore
    Per fargli raccontar tutto il tenore.

      Udito il tutto, il giudice in persona
    Andiè a vedere se rottura v'era,
    E la porta trovò valida e buona
    Sol v'era scritta una leggenda altiera.
    Dicea: Pietro Barliario s'imprigiona,
    Ma lui, per isfuggir tal sorte fiera,
    Con le porte serrate osò scappare;
    Andate un'altra volta a ben studiare.

      Tornò confuso nella sua maggione,
    Mentre Pietro in Salerno è già tornato,
    Che si sentia nel cor tanta afflizione
    Udendo un suono giorno e notte allato
    Che in cor gli favellava: empio fellone,
    In questa estrema età tu sei arrivato
    Nè ancor vuoi contemplar con luci vaghe
    Del Crocifisso le pietose piaghe

      Sicchè Pietro ogni giorno, benchè rio,
    Cinque Pater dicea inginocchione
    Pensando alla bontà del sommo Dio,
    Che per l'uomo patì tanta afflizione,
    Era buono il voler, ma il cor restio,
    Perchè a morbo invecchiato invan si pone
    O da chirurgo o da persone astute
    Erba ed impiastro ad apportar salute

      Ammaestrando i suoi alunni un giorno,
    Di celeste voler o gran portento!
    Li suoi nipoti in una stanza entrorno,
    Che due lustri compiti aveano a stento;
    E Fortunato, e Secondino osorno,
    Che con tai nomi rinomar li sento,
    Entrorno dico in quella libreria
    Un libro aprire d'infernal magia.

      E per scherzo pueril givan passando,
    Con una penna, quelle note atroci,
    Quando uno stuol di spiriti minacciando,
    Con urli apparve o con terribil voci;
    Sbigottiti i fanciulli allor tremando
    A quei gridi diabolici e feroci,
    Sorpresi dal timor, caddero spenti
    E dal numero uscir delli viventi.

      Corse Pietro e i parenti alla vicina
    Stanza e mirando l'infelice caso,
    L'infausta morte e la fatal ruina
    Delli nipoti suoi giunti all'occaso,
    Barliario tocco allor da man divina,
    Già dentro del suo cuor è persuaso
    Detestando abborrire in tutti i modi
    L'inganno di Satanno e l'empie frodi.

      Tutti portando i libri incontanente
    Ove a S. Benedetto è sacro tempio,
    Fe con proprie sue man un foco ardente
    E quei libri vi pose a fare scempio
    Pluto con i libri arse repente;
    Il suo gridar fu sì crudel ed empio
    Che il gran Tartareo, sbigottito e lasso,
    Guardava indarno il maledetto passo.

      Così Pietro rivolto ad un altare
    Che vi era un Crocifisso, assai divoto
    Cominciò si forte a sospirare
    E per tre giorni fu sempre immoto;
    Con un sasso alla mano a lacerare
    Incominciossi il petto e con gran core
    Di contrizione fe in un momento
    Che ondeggiasse di pianto il pavimento.

      Dicea: Signor di schiavitù comprare
    Col tuo prezioso sangue ti è piaciuto
    Me peccatore e somigliante fare
    A chi del ciel dagli Angeli ha saluto.
    Dal niente mi creasti, ed aspettare
    In questa estrema etade m'hai voluto;
    Or pentito a te vengo, o Redentore,
    D'ogni mia colpa e d'ogni altro errore.

      Lavar può solo il prezioso Sangue
    Le bruttezze ch'il cor m'hanno macchiato;
    Pietà, Signore, all'anima che langue
    Considerando ogni primier peccato;
    Pietà, se già di Stige all'orrid'angue
    Più d'un alma, d'un cor ho consagrato,
    E per giustizia io già incapace sono
    Di ricever da te grazia e perdono.

      Ma perchè tu Signor c'insegni a sorte
    Che non vuoi che si perda un peccatore,
    Ma che ben si converta e pianga forte,
    Che detesti ogni passato errore,
    E perchè avemmo sì felice sorte
    Che dell'anime foste il Redentore,
    Confido che non già tra' maledetti
    Ma scrivermi vorrai fra li tuoi eletti.

      La tua pietà la mia miseria implora,
    Nel tuo santo costato me nascondi,
    Nelle viscere tue fa ch'io muora,
    Tu che per noi di compassione abbondi
    Non far ch'io sia di redenzione fuora
    Condannato fra i spiriti empi ed immondi;
    Solo per mia cagione, ahi core atroce!
    Sei conficcato in quella dura croce.

      Con li misfatti miei ti ho flagellato,
    L'osceno fui che ti sporcai il bel viso,
    Di spine col mio oprar t'ho coronato,
    I piè, le mani t'inchiodai, m'avviso,
    Ho riaperta la piaga al tuo costato,
    Nè ancor per il dolor restò conquiso;
    Ben cieco fui che sin ad or non venni
    Ubbidïente dei divini cenni.

      Risguarda me, o Signor, con luci grate,
    Come già festi degna Maddalena;
    Rimira me con luci dispietate,
    Come già nella deserta arena
    Alla gran penitente fur mostrate,
    Che per voler di tua grazia serena
    S'ode ad esempio ognor alto ed invitto,
    La pazienza sua vantar l'Egitto.

      A questo suon di sì dolente voce
    Che allor usciva da un contrito cuore
    Il Santo Crocifisso dalla croce
    Ferì dagl'occhi il lucido splendore.
    Signor, non basta, il mio fallire è atroce,
    Pietro vorrei, dicea, segno maggiore.
    E ad un tal dir con voce mesta,
    Il Crocifisso allor chinò la testa.

      Vanne, o alma felice, all'alto regno
    A goder tra le schiere alme beate
    E di contrizion tu lascia un pegno,
    La fama il narri alla futura etade,
    E a me di Pizzo abitatore indegno
    Che già cantai di te l'opre incantate
    Intercedi da Dio tal dolce sorte
    Che alla tua paragoni la mia morte.

      Di ricche pietre e di marmoree foglie
    L'urna in quel tempio fu subito eretta,
    Al tumulo vicino della moglie,
    Estinta un tempo ed Agrippina detta.
    Ed appresso un sepolcro, il quale accoglie
    Di tenerella età coppia diletta,
    Delli due nipoti io parlo intanto
    Che causa fu del fortunato incanto.

      Anni novantatrè, sei mesi e giorni
    Visse nel maggio quel forte Atlante
    E mille quarantotto e cento adorni
    Anni gridava allor l'età volante.
    Morì di marzo allorchè pene e scorno
    Cristo soffrì per noi, pene cotante;
    La Settimana Santa estinto giacque,
    Ma all'occaso suo presto rinacque.

      Della Chiesa reggeva allora il freno
    Eugenio Terzo e con felice impero
    Di pace scintillava il bel sereno,
    Era lungi Bellona e Marte fiero,
    Nè percoteva a Teti il molle seno
    Con legni armati il timido nocchiero;
    In lieta calma allor l'età correa
    Come quando Ottaviano il scetro avea.

      Corrado Terzo Imperatore egregio
    Li suoi popoli avea fidi e costanti
    E del suo forte ardir mostrò gran fregio
    Debellando ad ognor nemici tanti,
    Regnava con valor, con spirito regio.
    Troppo sariano a dir sue glorie e canti,
    E di alloro ornandogli la chioma
    L'elesse per suo Re l'inclita Roma.

      Beato chi di divozione armato
    A questo mondo porta il seno e il cuore!
    Chè l'eterno martoro avrà scampato;
    Perchè dopo il goder alfin si muore.



INDICE


  Prefazione                                              Pag. vij-xv

  PARTE PRIMA

  VIRGILIO NELLA TRADIZIONE LETTERARIA
  FINO A DANTE.

  Cap. I     Valore dell'Eneide per la rinomanza di Virgilio.
             Tendenza dei Romani per la produzione epica e
             condizioni di questa fra loro. Ragione nazionale
             dell'Eneide e suoi rapporti col sentimento romano.
             Prime impressioni prodotte da quel poema        Pag.   5

  Cap. II    Valore dell'elemento grammaticale, retorico,
             erudito nell'opera virgiliana, e importanza di esso
             nell'apprezzamento del Poeta. Natura dei primi
             lavori critici su Virgilio e carattere dei primi
             giudizi intorno ad esso                          »    20

  Cap. III   Segni della popolarità del Poeta nei migliori tempi
             dell'impero. Virgilio nelle scuole e nelle opere
             grammaticali                                     »    32

  Cap. IV    Virgilio nelle scuole e nelle opere dei retori. Moto
             reazionario in favore dei più antichi autori e
             posizione di Virgilio in questo; Frontone e i
             Frontoniani; Aulo Gellio. Venerazione pel Poeta; le
             sorti virgiliane                                 »    45

  Cap. V     I secoli della decadenza. Notorietà dei versi
             virgiliani. I Centoni. Commentatori; E. Donato e
             Servio; interpretazioni filosofiche; esagerazioni
             dell'allegoria storica nelle Bucoliche. Virgilio
             considerato come retore e suo uso come tale:
             commento retorico di T. Cl. Donato. Macrobio; idea
             della onniscienza e infallibilità di Virgilio.
             Autorità grammaticale del Poeta; Donato e Prisciano.
             Segni della rinomanza virgiliana e natura di questa
             al cadere dell'impero                            »    66

  Cap. VI    Cristianesimo e medio evo. Sopravvivenza dell'antica
             tradizione scolastica; natura e limiti in cui
             sopravvive. Virgilio rappresentante della grammatica.
             Posizione di Virgilio e degli altri classici pagani
             in mezzo all'entusiasmo cristiano; ripugnanze,
             attrazioni e vie d'accomodamento                 »    99

  Cap. VII   Virgilio profeta di Cristo                       »   129

  Cap. VIII  L'allegoria filosofica. Natura e cause della
             interpretazione allegorica di Virgilio; Fulgenzio;
             Bernardo di Chartres; Giovanni di Salisbury;
             Dante                                            »   139

  Cap. IX    Gli studi grammaticali e retorici nel medio evo,
             e uso di Virgilio in questi                      »   159

  Cap. X     La biografia virgiliana; sue vicende; favole
             letterarie sulla vita del poeta; distinzione di
             queste dalle leggende popolari. Esercizi retorici
             di versificazione su temi virgiliani di varia
             natura                                           »   179

  Cap. XI    Considerazioni sulla poesia latina di forma
             classica prodotta nel medio evo; poca attitudine
             dei chierici medievali per questo genere di poesia;
             poesie ritmiche                                  »   207

  Cap. XII   Caratteri dell'ideale dell'antichità che fu proprio
             dei chierici del medio evo. Posizione che occupava
             Virgilio in quell'ideale e conseguente natura della
             sua celebrità in quell'epoca                     »   220

  Cap. XIII  Precedenti psicologici del risorgimento nel medio
             evo; produttività di provenienza o di ragione laica;
             lettere popolari e volgari. Condizioni speciali
             dell'Italia a tal riguardo                       »   243

  Cap. XIV   Dante. Carattere e tendenza della sua attività
             intellettuale; limiti della sua cultura classica;
             in che per questo lato si approssimi ai chierici
             medievali, in che se ne distingua, e come sia un
             precursore del risorgimento. Suo sentimento della
             poesia antica. L'antichità romana e il sentimento
             nazionale italiano in Dante. Ragione della simpatia
             di Dante per Virgilio. _Lo bello stile_ di
             Dante e Virgilio                                 »   259

  Cap. XV    Virgilio nella _Divina Comedia_; ragione storica
             e simbolica del suo collocamento in questo poema;
             perchè Virgilio è guida di Dante; perchè non
             Aristotele. In che il Virgilio di Dante differisce
             dal Virgilio del medio evo; eliminazione di talune
             idee, nobilitazione di altre. Virgilio e l'idea
             cristiana nel poema dantesco. Sapienza e onniscienza
             di Virgilio; suo carattere. La profezia di Cristo;
             rapporto fra Virgilio e Stazio. Virgilio e l'idea
             dell'impero                                      »   278

  Cap. XVI   Virgilio nel _Dolopathos_, Passaggio dall'idea
             dotta tradizionale all'idea romantica            »   308

  PARTE SECONDA

  VIRGILIO NELLA LEGGENDA POPOLARE.

  Cap. I     Le lettere romantiche nei loro rapporti colla
             tradizione classica. L'antichità classica
             romantizzata; il _Romanzo d'Enea_; ancora sul
             Virgilio del _Dolopathos_. Il _mago_ e il
             _savio_ nelle composizioni fantastiche.
             L'Italia e la produzione romantica. La leggenda
             di Virgilio mago ha origine in Napoli: accolta
             nelle lettere romantiche e nelle opere dotte. Che
             cosa s'intenda per _Leggenda popolare_          Pag.   1

  Cap. II    La leggenda a Napoli nel secolo XII; Corrado di
             Querfurt, Gervasio di Tilbury, Alessandro
             Neckam                                           »    23

  Cap. III   Natura e cause della leggenda napoletana. Efficacia
             miracolosa attribuita dai napoletani al sepolcro ed
             alle ossa di Virgilio. La leggenda in Montevergine;
             rapporti colla tradizione storica. Origine
             meridionale ed essenzialmente napoletana dell'idea
             di Napoli protetta da Virgilio con Ottaviano e
             Marcello; travisamenti in senso napoletano di notizie
             date dalla biografia e dall'epitafio del poeta, non
             meno antichi del X sec; la _Vita di S. Atanasio_,
             Alessandro di Telese; Virgilio, S. Agrippino, S.
             Gennaro protettori di Napoli                     »    33

  Cap. IV    Diffusione della leggenda fuori d'Italia. Troveri e
             dotti                                            »    66

  Cap. V     Attività leggendaria e miracolosa di Virgilio
             riferita a Roma. La _Salvatio Romae_             »    73

  Cap. VI    Accrescimenti e variazioni della leggenda nel secolo
             XIII; _Image du Monde, Roman des sept sages,_
             _Cléomadés, Renart contrefait, Gesta Romanorum,_
             Jans Enenkel                                     »    81

  Cap. VII   Combinazione dell'idea di Virgilio profeta di Cristo
             coll'idea di Virgilio mago. Virgilio e la Sibilla nei
             _Misteri_. Virgilio profeta di Cristo e la
             _Salvatio Romae; Roman de Vespasien_. Leggende
             sul libro magico di Virgilio. Espressione astratta
             dell'idea di Virgilio mago nella _Philosophia_
             del Pseudo-Virgilio Cordubense. L'idea del mago
             completata con particolari biografici. Parti
             sporadiche della leggenda                        »    90

  Cap. VIII  Virgilio mago e il bel sesso. L'avventura della cesta;
             sua provenienza e diffusione. La _Bocca della
             verità_                                          »   111

  Cap. IX    Vicende della leggenda a Napoli e nel resto d'Italia.
             _Cronica di Partenope_, Ruggeri Pugliese,
             Boccaccio, Cino da Pistoia, Antonio Pucci, etc. La
             leggenda a Roma. La leggenda a Mantova; Buonamente
             Aliprando. L'antica biografia virgiliana nei suoi
             rapporti colla leggenda                          »   132

  Cap. X     Prodotti riassuntivi della leggenda virgiliana o
             biografie romanzesche di Virgilio; _Les faits
             merveilleux de Virgille; La fleur des histoires_ di
             Jean d'Outremeuse. — _Romance de Virgilio_.

             Scomparsa della leggenda dalla regione dotta e
             letteraria dopo il secolo XVI; sua sopravvivenza
             nella tradizione orale del popolo meridionale
             italiano fino ai dì nostri                       »   156

  TESTI DI LEGGENDE VIRGILIANE.

  I     Corrado di Querfurt                                  Pag. 185
  II    Gervasio di Tilbury                                   »   187
  III   Alessandro Neckam                                     »   192
  IV    L'image du monde                                      »   194
  V      Id. »      199
  VI    Adenès li Rois, _Clèomadès_                           »   202
  VII   Renars contrefais                                     »   207
  VIII  Li Roumans de Vespasien                               »   212
  IX    Jans Enenkel                                          »   222
  X     Enrico da Müglin                                      »   237
  XI    Anonimo tedesco                                       »   241
  XII   La Cronica di Partenope                               »   246
  XIII  Antonio Pucci                                         »   258
  XIV   Buonamente Aliprando                                  »   260
  XV    Les faitz merveilleux de Virgille                     »   282

  LEGGENDA DI PIETRO BARLIARIO                                »   303



NOTE:


[1] Ved. GRIMM u. SCHMELLER, _Lateinische Gedichte des X und XI Jh_.
p. 65 sgg. e CHOLEVIUS, _Geschichte der deutschen Poesie nach ihren
antiken Elementen_, I, p. 20 sgg. Nel canto latino ritmico dei soldati
modenesi (X sec.) è citato il fatto di Sinone, certamente noto da
Virgilio. V. DU MÉRIL, _Poés. pop. lat. ant. au XII siècle_ p. 268.

[2] ZAPPERT (_Virgil's Fortleben im Mittelalt_. p. 7 sgg. not. 64
sgg.) ha consacrato una gran parte del suo lavoro alla ricerca delle
reminiscenze virgiliane nei poeti volgari del medio evo ed ha riunito
un grandissimo numero di luoghi di poeti d'ogni sorta e di varie
nazioni per provare quanta parte di colorito fosse desunta dalla
tavolozza dell'antico poeta. Ma egli si contenta di rapporti troppo
generali, e quel ch'ei sostiene non gli si può concedere che per una
piccola parte delle sue citazioni. Alla maniera sua potrebbe provarsi
che anche poeti indiani o persiani hanno letto Virgilio.

[3] Cfr. REIFFENBERG, _Chron. rimée de Philippes Mouskes_, p. CCXXXV
sgg.

[4] Cfr. GRIMM, _Frau Aventiure_, nei suoi _Kl. Schrift_. I, 83 sgg.

[5] Re ALFONSO dice: «El Ovidio mayor (Metamorfosi) non es àl entre
ellos (gli antichi cioè) sinon la theologia et la Biblia dellos entre
los gentiles.» _Grande et general estoria_ I, 8, c. 7. Cf. AMADOR DE
LOS RIOS, _Hist. crit. de la lit. españ._ III, p. 603.

[6] Una disamina storico-critica molto assennata e profonda di questo
passare e tramutarsi dei subbietti antichi nel romantismo, trovasi
nella commendevole opera di CHOLEVIUS già sopra citata, cap. 3-9. Ved.
anche DERNEDDE _Ueber die den altfranz. Dichtern bekannten epischen
Stoffe aus dem Alterthum_, Erlangen 1887, BIRCH-HIRSCHFELD, _Ueber
die den provenzalischen Troubadours d. XII n. XIII Iahrh. bekannten
epischen Stoffe_, Halle 1878.

[7] Cfr. DUNGER, D_ie Sage vom trojanischen Kriege in den Bearbeitungen
des Mittelalters und ihren Quellen_. Leipz. 1869.

[8] Così anche il nostro GUIDO DELLE COLONNE. Cfr. DUNGER, op. cit. p.
19 sg.

[9] Il Romanzo di Troia fu pubblicato dal JOLY, _Benoit de Sainte-More
et le Roman de Troie, ou les métamorphoses d'Homére et l'epopèe
gréco-latine au moyen-age_, Paris, 1870. Il _Roman d'Énéas_, è tuttora
inedito. Un brano del principio fu pubblicato nel 1856 da PAOLO HEYSE
nei suoi _Romanische inedita_ p. 31 sgg. da un MS. Laurenziano; ma
un estratto che ce lo fa conoscere a sufficienza ne ha dato il PEŸ
nello stesso anno, nel suo _Essai sur li Romans d'Énéas d'aprés les
MSS, de la bibl. imp._ Paris, 1856. Una edizione critica ne promise
il sig. SALVERDA DE GRAVE, il quale nel suo scritto _Introduction à
une édition critique du Roman d'Énéas_, La Haye 1888 giudicando dalla
lingua sostiene che l'_Énéas_ è anteriore al _Roman de Troie_ e non è
di Benoit.

[10] Pubbl. da ETTMÜLLER, _Heinrich von Veldeke_, Leipz. 1852 e da
Behagel, Leipz. 1880. Confrontato col testo francese da PEŸ, _L'Enéide
di Henri de Veldeke et le Roman d'Énéas_ (in _Jahrbuch für roman. und
engl. Literatur_, II, p. 1 sgg.). Il giudizio di GERVINUS, _Gesch. d.
deutsch. Dicht_. I, p. 272 sgg. è dettato senza alcuna conoscenza del
testo francese; meglio e più largamente, pel nostro punto di vista,
ne giudica _Cholevius_, op. cit. p. 102 sgg., benchè anch'egli ignaro
dei rapporti coll'originale allora ignoto. Quanto v'ha di aspro nel
giudizio di Gervinus ha voluto correggere E. WÖRNER nel suo lavoro
_Virgil und Heinrich von Veldeke_ (in _Zeitschr. f. deutsche Philolog.
von_ HÖPFNER _und_ ZACHER III, 126 sgg.), nel quale ha creduto rendere
un gran servizio al povero minnesinger confrontandolo col poeta latino.
Sulle lodi date ad Enrico da Wolframo di Eschenbach, Goffredo di
Strasburgo, e il motivo di queste, giustamente giudica Gervinus. Sulle
curiose miniature che accompagnano il codice berlinese di questo poema
ved. Piper, Mythologie der christl. Kunst, I, p. 246 sgg. e Kugler, Kl.
Schrift.

[11] Anche ENRICO DI VELDEKE, benchè si appoggi più direttamente sul
suo originale francese, di frequente cita Virgilio, «sô saget Virgiliûs
der mâre» «so zelt Virgilius der helt» Cfr. anche quel che dice a p.
26, l. 18 sg.

[12] Una ricca raccolta di esempi per questo che qui si dice trovasi
nel dotto lavoro di BARTSCH, _Albrecht von Halberstadt und Ovid im
Mittelalter_ (Quedlinb. und Leipz. 1861) p. XI-CXXVII.

[13]

    «Qui volc ausir diverses contes
    De reis, de marques e de comtes
    Auzir ne poc tan can si volc.
    . . . . . . . . . . . . . .
    L'autre comtava d'Eneas
    E de Dido consi remas
    Per lui dolenta e mesquina;
    L'autre contava de Lavina
    Con fes lo bren al cairel traire
    A la gaita de l'auzor traire» etc.

_Roman de Flamenca_ publ. p. PAUL MEYER v. 609 sgg. p. 19 sg. V. anche
GUIRAUT DE CALANSON, pr. DIEZ, _Poesie der Troubadours_ p. 199, e altri
luoghi simili pr. GRAESSE, _Die grossen Sagenkreise des Mittelalters_
p. 7 sgg.

[14]

    «Si fu entaillée l'estoire
    Coment Eneas mut de Troie,
    Et com à Cartage à grant joie
    Dido en son lit le reçut;
    Coment Eneas la deçut,
    Coment ele por lui s'ocist;
    Coment Eneas puis conquist
    Laurente et tote Lombardie,
    Et Lavine qui fu s'amie.»

Per altri testi di poeti volgari relativi a fatti dell'Eneide ved.
BARTSCH op. cit. p. XXI sgg. e CXXII sg. Il _Roman de Brut_ di WACE
comincia con un sunto dell'Eneide che serve alla genealogia dell'eroe
del romanzo.

[15] «Onkes poëtes ne fu tex» v. 1267.

[16] È il _Fabliau du Chevalier à la trappe_, unito ad un altro
racconto che è la novella di _Tofano e monna Ghita_ del _Decamerone_
(VIII. 4). Veggasi sulla storia di questi due racconti, D'ANCONA, _Il
Libro dei sette savi di Roma_, p. 112 sgg., 120; OESTERLEY ad PAULI'S
_Schimpf und Ernst_ p. 678 e BENFEY, _Pantschat._ I, 331.

[17] Cfr. ROSENKRANZ, _Gesch. d. deutsch. Poesie im Mittelalter_, p. 67.

[18] Nella _Fiorità_, tuttora inedita, di ARMANNINO, il _Roman d'Énéas_
è stato adoperato. Cfr. MUSSAFIA, _Sulle versioni italiane della storia
Troiana_ p. 48 sgg.

[19] Cfr. GAMBA, _Diceria bibliografica intorno ai volgarizzamenti
italiani delle opere di Virgilio_, Verona 1838; BENCI, _Sui
volgarizzamenti antichi dell'Eneide di Virgilio_ in _Antologia di
Firenze_ vol. II (1821) p. 164 sgg.; _L'Eneide di Virgilio volgarizzata
nel buon secolo della lingua da Ciampolo di Meo degli Ugurgieri_,
Firenze 1858. Questa traduzione non fu certamente fatta prima che Dante
componesse la Divina Comedia, come taluno ha preteso.

[20] «During the gloomy and disastrous centuries which followed the
downfall of the roman empire, Italy had preserved in a far greater
degree than any other part of western Europe the traces of ancient
civilisation. The night which descended upon her was the night of an
arctic summer. The dawn began to reappear before the last reflection of
the preceeding sunset had faded from the horizon.» MACAULAY, _Ess. on
Macchiavelli_ p. 64.

[21] VIETOR _Der Ursprang der Virgilsage_ nella _Zeitschrift für
romanische Philologie_ di GRÖBER, I, (1887), p. 165-178 sostiene con
critica ragionante ma pregiudicata, che la leggenda Virgiliana è tutta
d'origine letteraria e il popolo non c'entra per nulla. Così, ma con
critica più grossa, incomposta ed inesperta, TUNISON _Master Virgil
the author of the Aeneid as he seemed in the middle ages_, Cincinnati
1890. Più accorto e ragionevole GRAF _Roma nella memoria_ ecc., II,
p. 22 sgg. riconosce l'origine popolare della leggenda, ma sostiene
che non sia questa senza rapporto colla leggenda letteraria, cosa che
noi non neghiamo, ma anzi, nei dovuti termini, affermiamo. Alcuni sani
concetti esprime su tal proposito anche STECHER _La lègende de Virgile
en Belgique_ in _Bull. de l'acad. roy. de Belgique_, cl. des sciences
3me serie, t. XIX, 1890, p. 602 sgg.

[22] Pubblicata negli _Scriptores rerum brunsvicensium_ di LEIBNITZ,
voi. II, p. 695-698.

[23] Pubbl. da LEIBNITZ negli _Scriptores rerum brunsvicensium_,
vol. I, p. 881 sgg. Benchè la data dell'opera sia il 1212, i ricordi
napoletani di Gervasio risalgono, come rilevasi da qualche passo
dell'opera stessa, ad un'epoca assai anteriore. Troviamo da lui citato
un fatto del 1190 ed un altro più antico, del 1175.

[24] Tutta la parte a ciò relativa fu pubblicata separatamente con
dottissime illustrazioni dal prof. LIEBRECHT, _Des Gervasius von
Tilbury_ Otia imperialia, _in einer Auswahl_, etc. Hannover, 1856.

[25] I dubbi sollevati circa l'autorità di questi scrittori dal
VIETOR (op. cit. p. 171 sgg.) sostenendo che di queste leggende e di
Virgilio il popolo napoletano non ne sapeva nulla, mancano di ogni
buon fondamento e riposano su di un falso ragionare suggerito da falsi
preconcetti. Sono costoro creduli invero e come tali possono anche
esagerare aggiungendo qualche frangia alle fanfaluche che riferiscono
e anche credono, ma una critica sana ed impregiudicata non potrà
dedurre da ciò che inventino fatti e cose e il nome di Virgilio
introducano essi là dove il popolo non ne sapeva. Del resto quel
ch'essi riferiscono circa le credenze napoletane è confermato da altri
scrittori e dai napoletani stessi, come vedremo.

[26] _Ueber den Zauberer Virgilius_ nella _Germania_ di PFEIFFER, vol.
IV, (1859) p. 257-298. Ved. p. 264.

[27] _Alexandri Neckam De naturis rerum libri duo_, with the poem of
the same author _De laudibus divinae sapientiae_, edited by THOMAS
WRIGHT. London, 1863.

[28] _Quae vices quaeque mutationes et Virgilium ipsum et eius carmina
per mediam aetatem exceperint explanare tentavit_ FRANCISCUS MICHEL.
Paris, 1846. Vedi p. 18 sgg.

[29] Vedi WRIGHT, _Biographia Britannica literaria_ II, 449 sgg. e la
prefazione del medesimo al _De naturis rerum_; Cfr. _Hist. litt. de la
France_ XVIII, 521 sgg.; DU MÉRIL, _Poésies inédites du moyen-age_, p.
169 sgg.

[30]

    «Romae quid facerem? mentiri nescio, libros
        Diligo, sed libras respuo. Roma, vale.»
                                      Pag. 448.

[31] Così argomenta giustamente WRIGHT nella sua prefazione, p. XIII
sgg.

[32] Riferita da Niceta Coniate, Glica, Esichio Milesio. Cf. FRICK,
_Das plataeische Weihgeschenck zu Constantinopel in Jahrhb. f. Phil u.
Paed_, III _Supplmb._ p. 554 sgg.

[33] _De signis Constant._, cap. VIII, p. 861, Bk.

[34] CODIN., _De signis_, p. 30 e 36; _De aedif. Const._, p. 62; NIC.
CALLIST., _Hist. eccles._, III, 18.

[35] Spesso questi talismani venivan così sotterrati, e vi fu un
tempo in cui in questa guisa ad officio di talismani si fecero servire
uomini viventi! Vedi PLIN., _Nat. Hist._ 28, (3) e LIEBRECHT, _Eine
altrömische Sage in Philologus_, XXI, p. 687 sgg.

[36] _Hist. Fr._, VIII, 33. Cf. FOURNIER, _Hist. du Pont-neuf_, I,
p. 19 sgg. Vedi per altri esempi LIEBRECHT _ad Gervas._, p. 98 sgg.
e NAUDÉ, _Apologie des gr. personn. accusés de magie_, p. 624. Anche
ad Alberto Magno fu attribuita una mosca d'oro che scacciava tutte le
mosche. Cf. P. ANTON. DE TARSIA, _Hist. Cupersan._, p. 26 (in _Thes._
GRAEV. _et_ BURMANN. tom. IX, p. v).

[37] PLIN., _Nat. Hist._, X, 29 (45); XXI, 14 (46).

[38] _Collect. rer. memorab._ p. 40 (ed. MOMMSEN).

[39] Cf. LIEBRECHT _ad Gervas._, p. 105; LALANNE, _Curiosités des
traditions_ etc., p. 218. MENABREA, _De l'origine, de la forme et
de l'esprit des jugements rendus au moyen-age contre les animaux_.
Chambéry, 1843.

[40] Cfr. SPRINGER, _Bilder aus der neueren Kunstgeschichte_, (Bonn,
1867) p. 19 sg.

[41] Ved. SCHAARSCHMIDT, _Joh. Saresberiensis_, p. 31.

[42] _Polycraticus_ I, 4. Quest'opera vide la luce nel 1159. Vedi
SCHAARSCHMIDT, op. cit., p. 143.

[43] _Apocalypsis Goliae episcopi_, presso WRIGHT, _Early poems
attributed to Walter Mapes_, p. 4.

[44] Cf. _Jo. Scoppae Parthenopei in diversos auctores collectanea ab
ipso revisa_ etc. Neapol., 1534, p. 20 sgg. I passi di questo libro,
non facile a trovarsi, relativi a Virgilio, mi sono stati comunicati
dalla gentilezza del mio dotto amico napoletano prof. De Blasis, al
quale vado pur debitore di altre notizie e schiarimenti per questo mio
lavoro. — Il sig. MINIERI RICCIO nel _Catalogo dei libri rari_ della
sua biblioteca (Napoli 1864) vol. I, p. 110 sg. nota quanto segue:
«Lo Scoppa che scriveva nel giugno 1507, distrugge affatto lo sciocco
racconto tradizionale del _Summonte_ intorno a siffatte teste. Costui
riferisce che una giovane vassalla, essendo ricorsa ad Isabella di
Aragona per essere stata violentata dal suo feudatario, Isabella ordinò
che il barone la sposasse, e dopo le nozze lo fece decapitare; che
quindi, a memoria di questo fatto, si fossero collocate in marmo quelle
due teste su quella porta della città che guarda il mercato dove soffrì
l'ultimo supplizio il barone. Racconto ch'io confutai fin dall'anno
1844 nelle mie _Memorie degli scrittori nati nel reame di Napoli_,
prima che avessi letto il libro dello Scoppa.» Gervasio che è molto più
antico dello Scoppa dà anche meglio ragione al signor Minieri.

[45] Citato in un MS. napoletano di illustrazioni a Virgilio. Ved,
CAPASSO, _Hist. dipl. regni Sic._ p. 50.

[46] DE STEFANO, _Luoghi sacri di Napoli_ f. 15, CAPASSO, op. cit. p.
50.

[47] Cf. GALIANI, _Del dialetto napoletano_. Napoli, 1779, p. 98 sgg.
Dobbiamo però avvertire che questa testa esistente nel Museo creduta
da molti scrittori residuo di quel cavallo non pare, a giudizio di
archeologi, abbia mai appartenuto ad una statua di cavallo; ved. HELBIG
_Ann. d. Istit. arch._ 1865, p. 271; CAPASSO, op. cit. p. 51.

[48] Notiamo però che già nel V secolo trovasi menzione di una leggenda
siciliana, relativa ad una statua che tratteneva la vampa dell'Etna
ed impediva agl'invasori d'approdare in Sicilia (OLIMPIODORO, presso
FOZIO, cod. 90). Di una statua simile fa menzione anche nell'VIII
secolo la vita di S. Leone taumaturgo, vescovo di Catania. Vedi _Acta
Sanctor. Febr._, III, p. 224. Cf. LIEBRECHT _ad Gervas_., p. 106 sgg.
e 262. Come giustamente osserva questo dotto illustre, tale leggenda
sicula non è senza rapporti coi racconti favolosi dell'antichità
relativi all'agrigentino Empedocle e colla statua di bronzo ch'egli
ebbe in Girgenti.

[49] Sulle idee superstiziose a ciò relative, vedi LIEBRECHT nella
_Germania_ di PFEIFFER, V, p. 483 sgg.; X, p. 408.

[50] Così lo chiamano PIETRO D'EBOLI, FALCONE BENEVENTANO ed altri.

[51] MONTFAUCON, _Monumens de la monarchie française_, tom. II, p. 329.

[52] Cod. IX c. 24 f. 89 v. «Refert etiam (Alexander libro _de Naturis
rerum_) quod in cratere quodam vitreo ovum Virgilius inclusit quo fata
civitatis Neapolis pendere dicebat.» È un MS. acefalo che contiene
alcune illustrazioni delle opere di Virgilio, segnalato da CAPASSO,
_Histor. dipl. regni Sic._ Neap. 1874, p. 354.

[53] DE ROSSI, _Prime raccolte d'antiche iscrizioni_ ecc., (Roma 1852)
p. 92. ROTH (op. cit. p. 263) ha tentato d'interpretarla, ma senza
risultato che valga la pena di esser qui riferito.

[54] Vedi i vari scritti relativi a questi bagni riuniti nel tom. IX,
parte IV del _Thesaurus_ di GREVIO e BURMANNO.

[55] Quantunque Corrado parli d'immagini, la maggior parte degli altri
scrittori che di ciò fan parola non menzionano che iscrizioni.

[56]

    «A borbo avia risc bains;
    Quis volc, fos privatz o estrains,
    S'i pot mout ricamen bainar.
    En cascun bain pogras trobar
    Escrih a que avia obs.»

_Le Roman de Flamenca, publié par_ P. MEYER. Paris, 1865, p. 45; Cf. p.
XIII.

[57] _Itinerarium_ (ed. ASHER), I, p. 42. Vedi DU MÉRIL, _De Virgile
l'enchanteur_ nei suoi _Mélanges archéologiques et littéraires_, p.
436.

[58] Cf. MEYER, _Roman de Flamenca_, p. XIII.

[59] Vedi DU MÉRIL, l. c.

[60] _Joh. Burchardi diarium, ed. ab_ Ach. GENNARELLI, Flor. 1854, p.
317.

[61] Cfr. su questo scrittore del XII sec. e il suo poema E. PÉRCOPO _I
bagni di Pozzuoli poemetto napoletano del sec. XIV_, Napoli 1887, p. II
sgg. (Estr. dall'_Arch. stor. per le prov. napol._ XI, pp. 597-750.)

[62] Cap. 29.

[63] Vedi DU MÉRIL, l. c.

[64] _Cron. di Partenope_, cap. 29.

[65] Cf. PANVINIO, _Il forest. istr. alle antichità di Pozzuoli_ ecc.,
p. 100. DE RENZI, _Storia della medicina in Italia_, II, p. 148. MAZZA,
_Urbis Salernitanae historia_ (in _Thes._ GRAEV. _et_ BURM., tom. IX,
p. iv) p. 72 sg.

[66] I telesmi di Apollonio Tianeo sono attribuiti dallo
pseudo-Giustino (V sec.) a profonda cognizione «delle forze della
natura e delle loro simpatie ed antipatie.» Cf. ROTH, op. cit., p. 280.
Certo non può credersi sia la magia diabolica quella che Alberto Magno
dice di avere sperimentata egli stesso: «cuius etiam veritatem nos
ipsi sumus experti _in magicis_.» _Oper._, t. III (Lugd., 1625), p. 23.
Intorno alla testa che parlava fatta da costui, dice il nostro antico
scrittore: «e non fu per arte diabolica nè per negromanzia però che gli
grandi intelletti non si dilettano di ciòe; poichè è cosa da perdere
l'anima e 'l corpo, che è vietata tale arte dalla fede di Cristo.»
Sopra ha detto che ei la fè «per la sua grande sapienzia... a sì fatti
corsi di pianeti e calcola così di ragione ch'ella favellava.» _Rosario
della vita di Matteo Corsini_ ap. ZAMBRINI, _Libro di novelle antiche_,
p. 74.

[67] _Commento sopra Dante, Inf._ I, 70.

[68] L'_ars notoria_, derisa da Erasmo, non ha nulla di diabolico,
ma intende a procurare la conoscenza di varie scienze mediante
l'osservanza di talune prattiche. Cornelio Agrippa scrisse un libro
intorno a quest'arte. Ved. LIEBRECHT _ad Gervas._, p. 161. Cf. ROTH.
op. cit., p. 294. Veggasi però anche quanto ne dice il Virgilio
Cordubense di cui parleremo in altro capitolo.

[69] Morto, secondo LEIBNITZ, nel 1175.

[70] MURATORI, _Scriptores rer. ital._, XII, p. 283.

[71] _Polycraticus_, 2, 23.

[72] Cf. ROTH, op. cit., p. 295.

[73] Di quest'avviso è anche SCHAARSCHMIDT, _Johannes Saresberiensis
nach Leben_ etc, p. 99.

[74] Ap. MURATORI, _Scriptores rer. ital._, V, p. 637, 644. Lo stesso
autore crede Napoli inespugnabile e pare ciò attribuisca a Virgilio,
come vedremo più oltre riferendo le sue parole. Cf. ROTH, op. cit., p.
288 sgg.

[75] È singolare e deplorevole che fino ad oggi da archeologi di vaglia
non siasi fatta intorno al sepolcro del poeta alcuna seria ricerca.
Generalmente si ricusa di credere che sia veramente il sepolcro di
Virgilio quello che a Napoli da parecchi secoli passa per tale. Dopo lo
scritto poco serio e profondo di PEIGNOT _Recherches sur le tombeau de
Virgile_, Dijon 1840, abbiamo il recente lavoro storico-critico di E.
COCCHIA, _La tomba di Virgilio, contributo alla topografia dell'antica
città di Napoli_, Torino (Loescher) 1889 (Estr. dall'_Arch. st. per
le prov. napol._ Anno XIII, fasc. III-IV), il quale intende a provare
che il sepolcro di Virgilio è appunto quello che si crede tale presso
l'ingresso della grotta di Pozzuoli. L'indicazione data nell'antica
biografia è assai precisa e del tutto degna di fede. Essa potrebbe
servire di guida a scavi, che però devono essere preceduti da ricerche
topografiche su Napoli antica, per determinare con esattezza ove fosse
il secondo miglio da Napoli sulla via Puteolana. Tanto fa il Cocchia
provando che a tal distanza su quella via corrisponde appunto quel
sepolcro. Certo, che quello non possa essere il sepolcro di Virgilio,
è difficile provarlo, come anche trovare come e quando nascesse la
vecchia tradizione che appunto quello indica per tale.

[76] «Ossa eius Neapolim translata sunt tumuloque condita, qui est via
puteolana intra lapidem secundum.» DONAT., _Vit. Vergil_., p. 63.

[77]

    «Non quod Mantua contumax Homero
    adiecit latialibus loquelis,
    aequari sibimet subinde livens
    busto Parthenopem Maroniano.»
             SID. APOLL., _Carm_. IX.

[78] _Scriptores rerum langobardicarum_ (nei _Mon. Germ. hist_.) p. 440.

[79] BARTSCH _Chrestomathie provençale_ (4ª ed.) p. 73, 2. Sull'età
di questo trovatore ved. SELBACH, _Das Streitgedicht in der
altprovenzalischen Lyrik_, Marburg 1886 p. 18 sg.

[80] Cfr. SCHIPA, _Il Ducato di Napoli_ in _Arch. st. delle prov. nap._
XIX (1894) p. 445.

[81] POMPON. MELA, _De Chorographia_, III. 106 (ed. PARTEHY). Cfr.
anche RAWLINSON, _ad Herodot_. I, 66.

[82] «.... et ore et animo tam probum constat, ut Neapoli Parthenias
_vulgo_ appellatus sit.» DONAT. _Vit. Vergil._ p. 57.

[83] _Acta Sanctorum Jun._, V, p. 114 sgg.

[84] Op. cit. p. 287.

[85] _Acta Sanctor. Jun._, V, p. 112 d.

[86] COSTO, _La vera istoria dell'origine e delle cose notabili di
Monte Vergine_, p. 123 sgg.

[87] La tradizione locale, citata da tutti gli storici del Monte
Vergine, porta che il monte prima di chiamarsi _Virgiliano_ si
chiamasse di Cibele, per un tempio che ivi era, sacro a questa
divinità. La stessa tradizione fa derivare il nome di _Vesta_, che
porta una località alle falde dei monte, da un tempio di Vesta che ivi
si trovava. Ved. GIORDANO, _Croniche di Monte Vergine_, p. 27, 38, 45.

[88] Un antico MS. del Monte Vergine, del sec. XIII, contenente la
vita di S. Guglielmo, dice: «Nuncupatur Mons Virgilianus a quibusdam
operibus et maleficiis Virgilii mantuani poetae inter latinos
principis; construxerat enim hic maleficus daemonum cultor eorum ope
hortulum quemdam omnium genere herbarum cunctis diebus et temporibus,
maxime vero aestatis pollentem, quarum virtutes in foliis scriptas
monachi quidam nostri fide digni fratres, qui praedictum montem
inhabitant, apertis vocibus testantur, saepe casu in praedictum hortum,
non semel, dum per iuga montis solatii causa errarent, incidisse,
nihilominus intra hortum huiusmodi maleficio affectos esse, ut nec
herbas tangere valuisse, nec qua via inde egressi sint, cognovisse
retulerunt. Deinde, mutato nomine Virgilii, Virgineus appellatur a
semper Virgine Maria, cui templum positum est.» ap. GIORDANO, _Croniche
di Monte Vergine_, p. 92.

[89] _Noct. att._, II, 213. Cf. SERV. _ad Aeneid._, VII, 740.

[90] KRETSCHMER (_De A. Gell. fontib._ p. 77) e MERCKLIN (_N. Jahrbb.
f. Philol._ 1861, p. 722) pensano che questo potesse essere un
commentario virgiliano d'Igino.

[91] Così pensa anche RIBBECK, _Prolegg._, p. 25.

[92] La _Cronica di Partenope_ lo pone sopra _Avella et appresso
Mercholiano_. Mercogliano però è più prossimo ad Avellino che ad
Avella, e forse per questo Roth crede che nella _Cronica_ debba
leggersi Avellino invece di Avella (op. cit., p. 226). Ma lo SCOPPA
dice chiaramente «supra Abellam nunc Avellam quam Virgilius in _Georg._
maliferam... nuncupat.» Il padre GIORDANO (_Cron. di Monte Vergine_,
p. 85 sgg.) arriva fino ad affermare che Virgilio pose in Avella la
sua residenza estiva. Del resto è chiaro che la leggenda non poteva
indicare precisamente il luogo di un giardino così maraviglioso. Nel
MS. del Monte Vergine, del sec. XIII, già sopra citato, si parla di
alcuni monaci che asserivano di averlo veduto, essendovisi imbattuti a
caso, ma di non sapere nè come vi fossero entrati, nè come ne fossero
usciti. Altri monaci dicevan lo stesso nel sec. XVII, ed il padre
Giordano registra anche i loro nomi! _Cron. di Monte Vergine_, p. 92
sgg.

[93] È pur notevole che due delle leggende napoletane su Virgilio
(quella dei serpenti, e quella delle facce di pietra) si referiscano
appunto alla porta di Napoli che conduceva a Nola.

[94] Veggasi l'epigramma 376 dell'_Anthologia latina_ (MEYER): «De
horto domini Oageis, ubi omnes herbae medicinales plantatae sunt.»

[95] _Croniche di Monte Vergine_, p. 84.

[96] Cfr. SCHIPA _Il Ducato di Napoli_ in _Archivio st. per le prov.
napolet._ v. XVII p. 628 sgg.

[97] «post Romanam urbem nulli inferior» _Vita Athanasii in Script.
rer. Langobardicar._ p. 440.

[98] _Vita Athanasii_ loc. cit.

[99] Cfr. SCHIPA op. cit. p. 115.

[100] PROCOPIO _De Bell. Goth._ I, 9.

[101] «.. beati Agrippini ecclesia hactenus demonstratur... qui
etiam patronus et defensor est istius civitatis. Beatissimum quoque
Ianuarium, Christi martyrem, postea Neapolites meruerunt habere
tutorem, quibus assistentibus faventibusque praefata urbs, Deo favente,
tuta permansit manebitque in aevum.» _Vita Athanasii_, ed. cit. p. 440.

[102] «Quam ob rem adeo ipsa (Neapolis) inexpugnabilis constat ut, nisi
famis periculo coartata, nullatenus comprehendi queat. Nempe huiusmodi
urbis dominus olim, Octaviano Augusto annuente, Virgilius maximus
poetarum extitit, in qua etiam ipse volumen ingens hexametris composuit
versibus.» _De reb. gest. Roger._ c. XIX.

[103] Secondo l'etimologia medievale: «_mantia_, graece divinatio
dicitur, et _nigro_, quasi nigra, unde _Nigromantia_, nigra divinatio,
quia ad atra daemoniorum vincula utentes se adducit.» Quindi essa non
è un'arte liberale, perchè: «sciri libere potest, sed operari sine
daemonum familiaritate nullatenus valet.» Così in un MS. di Vienna,
presso REIFFENBERG, _Chron. rim. de Philippe Mouskes_, I, p. 628.

[104] A ciò allude un passo della _Gemma Ecclesiastica_ di GIRALDO
CAMBRENSE (1197), a proposito di certi preti: «Similes sunt cantantibus
fabulas et gesta, qui videntes cantilenam _de Lauderico_ non placere
auditoribus, statim incipiunt cantare _de Wacherio_; quod si non
placuerit, de alio.» _Giraldi Cambrensis opera_, ed. BREWER, vol. II
(Lond., 1862), p. 290.

[105] GRAESSE, _Die grossen Sagenkreise des Mittelalters_, p. 6 sgg.

[106] _Hist. litt. de la France_, t. XVII, p. 580.

[107]

           E de Virgili
    Com de la conca s saup cobrir
           E del vergier
           E del pesquier
    E del foc que saup escantir.

DIEZ, _D. Poesie d. Troubadours_, p. 199. GRAESSE, _Die grossen
Sagenkreise des Mittelalters_, p. 21 sgg. Cf. FAURIEL, _Hist. de la
poesie prov._, III, p. 495.

[108] Cfr. Vol. I, cap. 16.

[109] _Li Romans de Dolopathos, publié par_ MM. CH. BRUNET _et_ ANAT.
DE MONTAIGLON. Paris (Jannet), p. 384.

[110] ROTH ha torto di confondere, come molti altri hanno fatto, tra
i quali GRIMM (_Die Sage von Polyphem_, p. 4), il testo latino del
Dolopathos colla _Historia septem sapientum_. Quest'ultima non è che
la riduzione latina (non l'originale, come si crede comunemente) dei
_Roman des sept sapes_. Non è qui però il luogo di porre in sodo questa
idea che mi contento di avere accennata.

[111] _De naturis rerum_, cap. 174. Quel che Neckam racconta intorno a
Virgilio vien riferito, dietro l'autorità sua, da W. BURLEY, _De vita
et moribus philosophorum_, cap. 103.

[112] Altrimenti lo PSEUDO-VILLANI, NOBILE, _Descriz. della città
di Napoli_, II, p. 781, scrive quanto segue: «La cappella di S.
Giovanni a Pozzo bianco segue più innanzi al principio del vicolo
dell'arcivescovado, anticamente detto _Gurgite_; ed era così denominato
perchè l'altro vicolo che gli sta dirimpetto, aveva fino ad un secolo
fa un pubblico pozzo ornato di marmo bianco, e sovr'esso sanguisughe
scolpite, di cui il cronista nostro Giovanni Villani, seguendo
l'ignoranza del volgo, dice che Virgilio Marone sotto la costellazione
dell'Aquario aveale fatte scolpire» ecc. ecc.

[113] Pubblicata nel tomo VII della _Bibliotheca patrum cistercensium_
di TISSIER.

[114] La sola ragione per cui Vincenzo di Beauvais dubita di questo
racconto è la data dell'invenzione delle campane, posteriore a
Virgilio!

[115] Ved. _Hist. litt. de la France_, t. XVIII, p. 87 sgg.

[116] «Non scena, non circus, non theatrum, non amphitheatrum, non
forum, non platea, non gymnasium, non arena sine eo resonabat.» _De
reparat. lapsi_, p. 318.

[117] Ved. ROCHAT nella _Germania_ di PFEIFFER, III, 81 sgg. e IV, 411
sgg.

[118] Cf. V. D. HAGEN, _Gesammtabenteuer_, III, p. CXL sgg.

[119] Dist. 5ª vers. 290 sgg. (p. 447).

[120] PROCOP., _Bell. Goth._, IV, 22. BECKER crede fosse un modello
o una curiosità: _Handbuch d. röm. Alterth._, I, p. 161. Secondo
GUGLIELMO DI MALMESBURY (II, c. 13) nel 1045 sarebbesi scoperto in
Roma il sepolcro di Pallante: «tunc corpus Pallantis filii Evandri,
de quo Virgilius narrat, Romae repertum est, ingenti stupore omnium.
Hiatus vulneris quod in medio pectore Turnus fecerat quatuor pedibus
et semis mensuratum est.» Esiterei a credere che questa favola,
certamente di provenienza dotta e non popolare, si riferisca a qualche
scoperta reale, e sia dovuta a qualche antiquario romano, come pretende
GREGOROVIUS, _Gesch. d. Stadt Rom im Mittelalt._ IV, p. 626.

[121] Cf. MASSMANN, _Kaiserchronik_, III, p. 753 sgg. G. PARIS, _La
Legende de Trajan_ nel fasc. XXXV della _Bibl. de l'École des hautes
études_ p. 261-298; GRAF _Roma nella memoria ecc._ II, p. 6 sgg.

[122] Talvolta è chiamata anche _Consecratio statuarum_.

[123] MAI, _Spicilegium Romanum_, II, p. 221.

[124] Il re Sarcâf «fece un'anitra d'ottone e la pose alla porta della
città su di una colonna di marmo verde; quando uno straniero veniva
nella città questa anitra batteva le ali e gridava in modo che tutti
gli abitanti udivano, e così arrestavano lo straniero.» Ved. _Orient
und Occident_, I, p. 331; cf. p. 335 e 340; vedi anche l'articolo di
LIEBRECHT, ib., III, p. 360, 363. FLORO nel narrare il fatto di Manlio
parla di una sola oca. Virgilio nello scudo d'Enea rappresenta quella
sola oca (d'argento). _Aen._ 8, 652 sgg. DANTE, _De Monarch._ dice:
«anserem ibi ante non visum cecinisse Gallos adesse.» Il canto dei
soldati di Modena (X sec.) dice:

    «Vigili voce avis anser candida
    fugavit Gallos ex arce romulea
    pro qua virtute facta est argentea
    et a Romanis adorata ud dea.»

ap. DU MÉRIL, _Poésies pop. lat. ant. au XII sièc._, p. 269. — MASSMANN
pretende spiegar la leggenda riferendola alle statuette semoventi che
accompagnavano alcuni orologi, uno dei quali trovavasi in Campidoglio;
_Kaiserchronik_, III, p. 425. Egli l'attribuisce a Tedeschi (p. 424);
noi la crediamo piuttosto d'origine bizantina. Altrimenti GRAF (op.
cit. I, p. 201 sgg.) il quale la crede nata a Roma nel IV o V sec. per
una trasformazione delle antiche idee romane sull'arce Capitolina come
difesa e propugnacolo dell'impero di Roma.

[125] Così anche LUDOVICO DOLCE:

    «Non la Ritonda or sacra, e già profana,
    Là dove tante statue erano poste
    Che avean legata al collo una campana.»

_Il primo volume delle op. burl. del Berni_ ecc. parte II, p. 271.

[126] _Libellus de septem orbis miraculis_, in BEDAE Op., I, 400.

[127] MASSMANN, _Kaiserchronik_, III, p. 426.

[128] MURATORI, _Rer. italicar. scriptores_, II, 2, p. 272.

[129] PRELLER in _Philologus_, I, p. 103.

[130] GRAESSE, _Beitraege zur Literatur und Sage des Mittelalters_, p.
10.

[131] Una edizione critica del _Mirabilia_ ha dato per primo il
PARTHEY, _Mirabilia Romae ex codd. valt. emendata_. Berol., 1865,
quindi il JORDAN, nel suo libro: _Topographie der Stadt Rom im
Alterthum_ II, Berl. 1871, p. 605 sgg., il quale offre anche (p.
357 sgg.) un importante lavoro sulla storia di questo testo. Anche
l'URLICHS (C. L.) ha riprodotto il _Mirabilia_ nel suo: _Codex urbis
Romae topographicus_. Wicerburgi, 1871, p. 126 sgg.

[132] _Leggenda aurea_, n.º CLVII.

[133] In un MS. che abbiamo già avuto occasione di citare è attribuita
ad arte astronomica, ossia astrologica: «Per hanc artem Romae senatores
necem virorum et bella in oris barbaris facta, regumque et regnorum
detrimentum, statum et stabilimentum noverunt.» Ved. REIFFENBERG,
_Chron. rim. de Philippe Mouskes_, I, p. 628.

[134] La più ricca raccolta di testi a ciò relativi trovasi in
MASSMANN, _Kaiserchronik_, III, p. 421 sgg. Aggiungiamo il seguente
testo italiano inedito: «Una porta artificiata era in Roma sotto il
monte Gianicolo dove anticamente abitò il re Giano primo re d'Italia da
cui è nominato il monte Gianicolo. La detta porta era di metallo ornata
maravigliosamente e con grande artificio, perocchè quando Roma, quella
nobilissima città, aveva pace, stava la detta porta sempre serrata, e
quando si ribellava alcuna provincia, la porta per sè stessa si apriva.
Allora li romani correvano al Pantheon, cioè Santa Maria Rotonda, dove
erano in luogo alto statue le quali rappresentavano le Provincie del
mondo. E quando alcuna si ribellava, quella cotale statua voltava le
spalle, e però li romani quando vedevano la statua volta s'armavano le
milizie, e prestamente andavano in quella parte a riacquistare» _Libro
imperiale_, 3, 8 (cod. sacc. XV, Magliab. XXII, 9).

[135] «Habuitque domum Romae Esquiliis iuxta hortos Maecenatis,
quamquam secessu Campaniae Siciliaeque plurimum uteretur.» DONAT. _Vit.
Verg._ p. 57.

[136] «si quando Romae, _quo rarissime commeabat_, viseretur in
publico» etc. DONAT. _Vit. Verg._ p. 57.

[137] Cf. _Histoire litt. de la France_, t. XXIII, p. 309; DU MÉRIL,
_Mélanges_, p. 427 sgg.

[138] KELLER, _Li Romans des sept Sages_, p. CCIII sgg., 153 sgg.;
ID., _Dyocletianus Leben von Hans von Bühel_, p. 57 sgg.; LOISELEUR
DESLONGCHAMPS, _Essai sur les fables indiennes_, p. 150 sgg.; D'ANCONA,
_Il libro dei sette Savi di Roma_, p. 50 sgg., 115 sgg.

[139] _Histoire litt. de la France_, t. XX, p. 712 sgg.; DU MÉRIL,
_Mél. arch._, p. 435 sgg.; _Li Roumans de Cleomadès, par_ ADÉNÈS LI
ROIS, _publ. pour la prem. fois par_ ANDRÉ VAN HASSELT, Brux., 1865-66,
vol. I, p. 52-58.

[140] DU MÉRIL, _Mélanges_, p. 440 sgg.

[141] _Gesta romanorum_ hrsg. v. AD. KELLER, Stuttg. u. Tübing. 1842;
id. hrsg. (deutsch. übers.) v. GRAESSE, Dresd. u. Leipz. 1847. Cfr.
WARTON, _Dissert. on the Gesta Romanorum_ nella sua _History of english
poetry_, I, p. CXXXIX sgg. DOUCE, _Dissert. on the Gesta Romanorum_
nelle sue _Illustrations of Shakspeare_ (Lond. 1836), p. 519 sgg.;
_Gesta Romanorum hrsg. v._ H. OESTERLEY, Berl. 1871.

[142] _Le Violier des histoires romaines, nouv. édit. p._ M. G. BRUNET.
Paris (Jannet) 1858.

[143] Tutta la parte relativa a questi racconti è pubblicata in V. D.
HAGEN, _Gesammtabenteuer_, II, p. 513 sgg.

[144] _Itinerario_, I, p. 155 sgg. (ediz. ASHER). Cf. DE GUIGNES in
_Mémoires et extraits des MSS._ etc. I, p. 26; REINAUD, _Monumens
arabes, persans et turcs_, t. II, p. 418; LOISELEUR, _Essai sur les
fables indiennes_, p. 153; NORDEN, _Voyage_, t. III, p. 163 sgg.

[145] Due di questi specchi figurano anche fra le leggende arabe
pubblicate da WÜSTENFELD, _Orient und Occident_, I, p. 331-335. Nel
_Titurel_ uno specchio simile è attribuito al Preteianni. Cf. V. D.
HAGEN, _Briefe in die Heimath_, IV, p. 119; OPPERT, _Der Presbyter
Johannes in Sage und Geschichte_, p. 175 sgg. La leggenda ne attribuiva
pure uno a Caterina de' Medici; Cf. REINAUD, _Monumens arabes, persans
et turcs_, II, p. 418. G. BATT. PORTA nella sua _Magia naturalis_
(lib. XVII, cap. 2), arriva fino a dare il preteso segreto per fare _ut
speculis planis ea cernantur quae longe et in aliis locis geruntur_.

Secondo una versione medievale della leggenda troiana il famoso
palladio di Troia non consisteva in altro che in uno specchio di
questo genere; ved. CAXTON, _Troye-Boke_, l. II, cap. 22, ap. DU MÉRIL,
_Mélanges_, p. 470.

Nei racconti popolari anche a' dì nostri s'incontra assai spesso
menzione di questi specchi magici nei quali si può vedere tutto quanto
accade nel mondo e che anche rispondono ad ogni domanda. Vedi per es.
AFANASIEFF, _Narodnyia russkiia skazki_ (racconti popolari russi) VII,
n.º 2, n.º 41; VIII, n.º 18, e le note relative; SCHOTT, _Walachische
Märchen_, n.º 5, n.º 13; HALTRICH, _Deutsche Volksmärchen_, n.º
30, ecc. Per lo più son descritti come piccoli specchi portatili,
ed uno di questi è anche attribuito a Virgilio in un racconto del
_Gesta Romanorum_, (cap. 102, ediz. Keller) secondo il quale Virgilio
con questo mezzo avrebbe svelato ad un marito lontano dalla moglie
l'infedeltà di costei e le operazioni magiche che col suo amante veniva
facendo onde ucciderlo. Vedi V. D. HAGEN, _Erzählungen und Märchen_;
SCHEIBLE _Das Kloster_, II, p. 126 sgg.; SIMROCK, _Die deutschen
Volksbücher_, VI, p. 380 sgg. Forse a questa leggenda si riferiscono i
pretesi specchi magici di Virgilio serbati in taluni musei.

Sulle superstizioni medievali relative agli specchi magici, cf.
PAPENCORDT, _Cola da Rienzo_, cap. VI; ORIOLI nella _Biblioteca
italiana_, fasc. I, 1841, p. 67-90; DU MÉRIL _Mélanges_, p. 469 sgg.;
DUNLOP-LIEBRECHT, p. 201.

[146] Cf. anche GOWER, _Confessio amantis_, l. 5; FROISSART, _Poésies_,
p. 270. A ciò si riferisce anche il _Castiaus-Mirèours_ di Roma,
menzionato nel poema francese intitolato _Balan_; ved. G. PARIS, _Hist.
poét. de Charlemagne_, p. 251.

[147] _Pecorone_, giorn. 5.ª nov. 1.ª — Anche lo specchio
d'Alessandria, secondo BENIAMIN DI TUDELA, fu distrutto
fraudolentemente da un greco nemico dell'Egitto.

[148] «Mi ricordo che al tempo di Pio IV capitò in Roma un Goto con un
libro antichissimo, che trattava di un tesoro, con una serpe, ed una
figura di bassorilievo, e da un lato aveva un cornucopio, e dall'altro
accennava verso terra; e tanto cercò il detto Goto che trovò il segno
in un fianco dell'arco; ed andato dal Papa gli domandò licenza di
cavare il tesoro, il quale disse che apparteneva a' Romani; ed esso
mandato dal popolo ottenne grazia di cavarlo, e cominciato nel detto
fianco dell'arco, a forza di scarpello entrò sotto facendovi come una
porta, e volendo seguitare, li Romani dubitando non ruinasse l'arco,
a' sospetti della malvagità del Goto, nella qual nazione dubitavano
regnasse ancora la rabbia di distruggere le romane memorie, si
sollevarono contro di esso, il quale ebbe a grazia di andarsene via, e
fu tralasciata l'opera.» ap. NARDINI, _Roma antica_, ediz. NIBBY, I, p.
40.

[149] Così pure nella _Fleur des histoires_ di JEAN MANSEL. Ved. DU
MÉRIL, _Mélanges_, p. 438.

[150] Nell'_Eneide_ di ENRICO DI VELDECKE è attribuita ad un savio
chiamato _Geomatras_. Nel _Romans d'Alixandre_ (ediz. MICHELANT, p.
46), una lampada sempre ardente è attribuita a Platone:

    «En milieu de la vile ont drecié un piler.
    C. pies avoit de haut: Platons le fist lever;
    Deseure ot une lampe, en sou I. candeler
    Qui par jor et par nuit art et reluist si cler
    Que partout en peut-on et venir et aler,
    Et tous voient les gaites qui le doivent garder.»

[151] GUGLIELM. MALMESB., _De Gest. reg. angl._, lib. II, cap.
10; ALBERICO DI TR. FONT., _Chron._, par. II, p. 37 a 41; VINCENZO
DI BEAUVAIS, _Speculum historiale_, lib. 24, cap. 98 sgg.; HOCK,
_Gerbertus_, cap. 15.

[152] V. D. HAGEN, _Gesammtabenteuer_, II, p. 525 sgg.; MASSMANN,
_Kaiserchronik_, III, p. 450.

[153] _Gesta Romanorum_, cap. 107 (ediz. KELLER).

[154] Pag. 100 dell'ediz. di LOISELEUR (_Panthéon litt._). Cf. anche i
_Mille e un giorno_, p. 346 (stessa ediz.).

[155] È noto anche il racconto della testa parlante fatta da Alberto
Magno e spezzata da San Tommaso. Un'altra era attribuita al marchese
di Villena. Il TOSTADO (_Sup. num._ cap. XXI) parla di una testa di
bronzo che profetizzava nel borgo di Tabara e di cui il principale
impiego consisteva nell'indicare la presenza di qualche ebreo nel
paese, gridando «Judaeus adest» finchè l'avessero espulso. Anche
nella mitologia nordica troviamo che la testa del gigante Mimir, resa
parlante da Odino, era consultata da costui e gli rivelava molte cose
riposte. Cfr. THORPE, _Northern mythology_, I. p. 15; SIMBOCK, _Edda_,
p. 392.

[156] ALBERICO DI TROIS-FONTAINES, _Chron._, I. c.; HOCK, _Gerbertus_,
l. c.

[157] Cf. anche il regnicolo BART. SIBYLLA (fine del XV secolo),
_Peregrin. quaest. dec._, III, quest., 2.

[158] «Dum Megara vicinum oppidum ferventissimo sole cognoscit
languorem nactus est eumque non intermissa navigatione auxit, ita ut
gravior aliquanto Brundisium appelleret, ubi paucis diebus obiit.»
DONAT. _Vit. Verg._ p. 62 sg.

[159] Cfr. PIPER, _Mythologie der christichen Kunst_, I, p. 472 sgg.

[160] Già nel V secolo trovansi recitati i versi della Sibilla nelle
chiese il dì di Natale. Cfr. DU MÉRIl, _Origines latines du théatre
moderne_ p. 185 sg. e ivi altre notizie sulle Sibille nel medio evo.

[161]

    «Evvi Femonoè, quella Sibilla
    Che ridicea li risponsi d'Apollo,
    Che delle X Sibille fu quella
    E Virgilio il su' dire versificollo;
    Di Cristo disse la prima novella
    E del die del giudicio e profetollo.»

_L'Intelligenza_ ap. OZANAM, _Documents inédits_, p. 364 sg. Cfr. anche
l'antico poema tedesco _Die Erlösung_ (ediz. BARTSCH, Quedling. u.
Leipz. 1858) p. 56 sgg. v. 1903-1980.

[162] Cfr. Vol. I, p. 138 sg.

[163] Cfr. REIDT, _Das Geistliche Schauspiel des Mittelaìters in
Deutschland_; Frakf. a M. 1868, p. 27. Per la bibliografia di questa
parte importante della storia del teatro moderno ved. HANUS, _Lat.
böhm. Oster-spiele des 14-15 Jharh._ Prag, 1863, p. 17 sgg.

[164] Presso MONMERQUÉ ET MICHEL, _Théatre français au moyen-âge_,
p. 9; DU MÉRIL, _Orig. lat. du théat. mod._ p. 184; WEINHOLD,
_Weihnachtspiele_, p. 70 sg. Sulla derivazione di questi Misteri
e il loro rapporto con un sermone di S. Agostino sul Natale, ved.
SEPET, _Les prophètes du Christ; étude sur les origines du thèatre
au moyen-âge_, in _Bibl. de l'école des Chartes_, 1867 (Tom. III, 6.º
sér.) p. 1 sgg. 210 sgg.

[165] Cfr. DU CANGE, _Gloss. med. et inf. lat._ (ed. Henschel) s. v.
_festum asinorum_.

[166] WRIGHT, _Early mysteries_, p. 62.

[167] Cfr. WEINHOLD, _Weihnachtspiele_, p. 74; DU MÉRIL, _Mèlanges
arch._ p. 456; _Mittelniederländisches Osterspiel, hrsg. v._ ZACHER in
HAUPT's, _Zeitsch. f. deutsch. Alterth._ II, p. 310; PIPER _Virgil als
Theolog und Prophet in Evangel. Kalend._ 1862, p. 72; STECHER, _La lég.
de Virg. en Belg._ p. 598 sg. In un mistero francese sulla _Vendetta
di Gesù_ parlano in un consiglio presso Tiberio, in favore di Cristo,
Terenzio, Boccaccio, e Giovenale, e quest'ultimo ricorda che nell'anno
42 di Ottavio si sparse la voce che una vergine doveva partorire:

    «Le noble poete Virgille
    Qui lors étoit en ceste ville
    Composa aucuns mots notables
    Lesquels on a vu véritables
    Et plurieurs grands choses en dict
    Naguaires avant son trespas.»

V. L. PARIS, _Toiles peintes de Reims_, p. 680.

[168]

            «SIBILLA CUMANA
        quae fuit tempore Tarquinii prisci:
    Ik finde òk van dussen saken
    dat de meister Virgilius
    versch gemaket hebbe, de ludet alsus:
    Magnus ab integro etc.»

_Der Sündenfall und die Marienklage hrsg. v._ SCHÖNEMANN (Hannov. 1855)
p. 97; PIPER, _Virgil_ etc. p. 73.

[169] «Tertio loco Sibylla gesticulose procedat, quae inspiciendo
stellam cum gestu nobili cantet:

    Haec stellae novitas
    Fert novum nuntium» etc.

_Carmina burana_ hrsg. v. S(CHMELLER) Stuttg. 1847, p. 81.

[170]

    «Virgilio de Mantua fuè sabio poeta
    ca fuè el primero que vido cometa
    à partes de Grecia sus rrayos lançando.»

FRAY DIEGO DE VALENCIA, in _Cancionero de Baena_; Ved. DU MÉRIL,
_Mélanges arch._ p. 460.

[171] Vol. I, p. 132.

[172] Il testo relativo della _Image du Monde_ è riferito da DU MÉRIL,
_Mélanges_ etc. p. 456 sgg.

[173] Cfr. MASSMANN, _Kaiserchronik_, III, p. 553 sgg.; PIPER, _Mythol.
d. christl. Kunst_, I, p. 480 sgg.

[174] Cfr. PIPER, op. cit., I, p. 485 sgg.

[175] Cfr. MASSMANN, _Kaiserchronik_, p. 554 sgg.

[176] I segni della venuta di Cristo sono così enumerati nel _Flores
temporum_ di ERMANNO GIGAS; «Fons olei Romae erupit; vineae Engaddi
balsamum protulerunt; omnes sodomitae obierunt; bos et asinus ante
praesepe genua flexerunt; idola aegypti corruerunt; imago Romuli
cecidit; templum pacis corruit; mane tres soles oriebantur et in unum
paulatim iungebantur; meridie circulus aureus in coelo apparuit in quo
virginem cum puero Caesar vidit, et mox insonuit: hic est arcus coeli.»
Le varianti veggansi in MASSMANN, op. cit., p. 557 sg.

[177] _De naturis rerum_ (ed. WRIGHT), p. 310. Una versione di questa
leggenda trovasi nella poesia di GUILLAUME LE CLERC DE NORMANDIE _De
Notre Dame_; fu pubblicata in parte da MARTIN _Le Besant de Dieu_
(Halle 1869) p. XXXVII-XL, poi per intiero da STENGEL nella Memoria qui
appresso citata p. 14 sg.

[178] Cod. gall. XXXVI; v. PASINI, _Catal._ etc. II, p. 472. — Fol. 583
v. leggesi la data: «Ces livres fu escris en l'an de l'incarnation MCCC
et XI au mois de joing.»

[179] Questo MS. è rimasto ignoto ai due editori della Gesta dei
Lorenesi, PAULIN PARIS e DU MÉRIL. Qualche notizia per questa
parte ne ha dato il sig. PROST nella _Revue de l'Est_, 1864, p.
5-9. Più diffusamente e correttamente dopo di noi fu descritto
da STENGEL _Mittheilungen aus franz. Handschriften der Turiner
Universitäts-Bibliothek_ p. 12 sgg. La parte che interessa noi,
combinata com'è con altri poemi, non ha titolo proprio. Noi
l'intitoliamo dal _Romans de Vespasien_ a cui è premessa e di cui non è
infatti che un lungo preambolo.

[180] Ved. l'estratto del _Reinfrit_ dato da GÖDEKE in _Archiv. des
historischen Vereins für Niedersachsen_, N. F. 1849, p. 270 sgg. e
l'ed. datane da BARTSCH nella racc. del _Liter. Verein_, 109; ved. v.
21023-54, 21314-713, 24252-69.

[181] SIMROCK, _Wartburgkrieg_, p. 195 sgg. 303. Cfr. V. D. HAGEN,
_Briefe in die Heimath_, III, p. 169 sg. GENTHE, _Leben und Fortleben_
etc. p. 68 sg.

[182] Cfr. CHOLEVIUS, _Gesch. d. deutsch. Poesie nach ihren antiken
Elementen_, I, 96; BARTSCH, _Herzog Ernst_, p. CXLVIII sgg.

[183] Anche sul mago Eliodoro e su Pietro Barliario la leggenda ha un
racconto circa il modo come si procacciarono un simile libro.

[184]

    «Wer gab dir Zabulones buch, sage fürwert, wiser man
    Das Virgilius ûf den Agetsteine
    mit grossen nôten gewan.»

[185] «er was gar der helle kint.» ap. V. D. HAGEN, _Gesammtabenteuer_,
II, p. 513 sg.

[186] Questa poesia fu pubblicata da ZINGERLE nella _Germania_ di
PFEIFFER, V, p. 369 sgg.

[187] Nel mettersi in viaggio Virgilio, tutto sgomento, si raccomanda
devotamente alla Madonna:

    «Marià muter, reine meit,
    bhut uns vor leit!
    wir sweben ûf wildes meeres vlut, got der soll uns bewarn.»

[188] _De nobilitate_, cap. II, fol. VIII; cf. ROTH, op. cit. p. 298.

[189] Cfr. DUNLOP-LIEBRECHT, p. 185-483; GRIMM, _Kinder und
Hausmärchen_ n.º XCIX; DU MÉRIL, _Études d'Archèologie_, p. 463; JÜLG,
_Ardschi-Bordschi_, p. 70; BENFEY, _Pentschatantra_, I, p. 115 sgg.;
VERNALECKEN, _Mythen und Bräuche des Volkes in Oesterreich_, p. 262.

[190] Pubblicato da HEINE nella sua _Bibliotheca anecdotorum, seu
veterum monumentorum ecclesiasticorum collectio novissima_. Pars I,
Lipsiae 1848, p. 211 sgg.

[191] Su questa data mi esprimeva i suoi dubbi il ch.mo D.r
STEINSCHNEIDER, il quale non crede questo scritto possa essere
anteriore a Raimondo di Pennaforte.

[192] «Et unus magister legebat de arte notoria quae est scientia
sancta, et ita debet esse sanctus qui eam voluerit legere; similiter
et audientes sancti et immaculati et sine peccato debent esse» etc. p.
242. Le fantastiche notizie date da questo scrittore sugl'insegnamenti
di _ars notoria_, di piromanzia, di negromanzia, di geomanzia che
sarebbero stati professati a Cordova da uomini speciali, sono accettate
come fatti veri e importanti da AMADOR DE LOS RIOS, _Hist. crit. de la
lit. españ._ II, p. 159.

[193] Ved. TISSIER, _Biblioth. cisterc._ VII, p. 257.

[194]

    «De Toulete vint et de Naples
    qui des batailles sont les chapes
    à une nuit la Nigromance.»

_La bataille des VII arts_, ap. JUBINAL, _Oeuvres de Ruteboeuf_, II, p.
423.

[195]

    «Sin lant heitz _Terre de Labûr_.
    Von des nachkomn er ist erborn,
    der ouch vil wunder het erkorn
    von Napels Virgilius.»

_Parzival_, hrsg. V. LACHMANN, p. 309.

[196] Presso BONAMENTE ALIPRANDO di cui parleremo più sotto.

[197] Cap. 57 ediz. KELLER; Cf. la nota di BRUNET al _Violier des hist.
rom._ p. 129 sg. A questo racconto allude una poesia latina pubblicata
da FRANCOWITZ (FLACIUS ILLYRICUS) nella sua raccolta _De corrupto
ecclesiae statu_, Basilea 1557; la Giustizia dice:

    «En sic meum opus ago
    ut Romae fecit imago
    quam sculpsit Virgilius,
    quae manifestare suevit
    fures, sed caesa quievit
    et os clausit digito;
    numquam ultra dixit verbum
    de perditione rerum
    palam nec in abdito.»

[198] Cfr. WRIGHT, _The political songs of England from the reign of
John to that of Edward the II_, p. 388.

[199] ALARDO DA CAMBRAI dice nel _Diz des Philosophes_:

    «Virgiles fu aprés li sages:
    bien fu emploiés ses aages:
    grant science en lui habonda;
    mainte riche citè fonda.»

[200] RUY GONZALES DE CLAVIJO († 1412) parlando dell'isola di Ponza
dice: «hay en ella grandes edificios de muy grande obra que fizo
Virgilio.» V. TICKNOR, _Hist. of spanish lit._ I, p. 185.

[201] Trovasi questo poema in un MS. della Marciana di Venezia, del
sec. XIII. Parlando di Uggieri ivi si dice:

    «El albergò a un bon oster;
    qel fo Virgilio qi la fondò primer»

fondò cioè la città di _Besgora_ nominata nei versi precedenti, la
quale, come rilevasi dalle versioni toscane di quel racconto, non è
altra che Brescia. Debbo questa notizia al mio dotto discepolo ed amico
prof. Rajna.

[202] Cfr. GREGOROVIUS, _Gesch. d. St. Rom im Mittelalter_ III, 557,
e MASSMANN, _Kaiserchronik_ III, p. 537 sgg. Il DOLCE (_Il primo vol.
delle op. burl. del Berni_ ecc. part. II, p. 271) alludendo a ciò,
dice:

    «Non la Guglia, ov'è il pomo che accogliea
      Il cener di chi senza Durlindana
      Orbem terrarum si sottomettea.»

[203] Var.: «At nunc exigua clauderis urna.»

[204] Ap. TISSIER, _Biblioth. patr. cisterc._ VII, p. 222.

[205] Ved. _Bruchstücke aus den noch ungedruckten Theilen des Victorial
voti Gutierre Diaz de Games, hrsg._ v. L. G. LEMCKE, Marburg 1865, p.
17 sgg.; _Le Victorial par Gutierre Diaz de Games trad. de l'espagnol
par le_ C.te A. DE CIRCOURT _et le_ C.te DE PUYMAIGRE, Paris 1867,
p. 39 sg. 542 sg. Lo stesso fatto è narrato da IEAN D'OUTREMEUSE, _Le
myreur des hist._ I, p. 243 (ed. BORGNET, Brux. 1864). A questo allude
anche RABELAIS là dove dice (II c. 33): «Pour ce l'on feit dixsept
grosses pommes de cuivre, plus grosses que celle qui est à Rome à
l'aiguille de Virgile.»

[206] Cf. GRAESSE, _Gesta Romanorum_, II, p. 289: DU MÉRIL, _Poésies
populaires latines du moyen-age_, p. 315. — Per la letteratura di
questo soggetto veggansi i dotti appunti di TOBLER in _Zeitschr. f.
roman. Philol._ IX, p. 288-90, il quale crede poter scusare la fanatica
misogynia monastica e laica del medio evo ricordando i versi scritti
nel 7º sec. av. Cr. da Simonide Amorgino in vitupero delle donne.

[207] Estratti da un MS. di Berna e riferiti da CHABAILLE, _Li livres
dou Tresor par Brunetto Latini_, p. XVI. È notevole che BRUNETTO là
dove parla nel _Tesoro_ (lib. II, p. 2, cap. 89) dei mali prodotti
dalle donne, rammenta Adamo, David, Salomone, Sansone, Aristotele e
Merlino, ma tace di Virgilio.

[208] Di simile contenuto sono i versi di PAU DE BELLVIURE citati da
MILÀ Y FONTANALS, _De los trovatores en España_, p. 435:

    «Por fembre fo Salamó enganat
      lo rey Daviu e Samssó examen,
      lo payra Adam ne trencà 'l mandament
      Aristotil ne fou com ancantat,
      e Virgili fou pendut en la tor,
      e sent Ioan perde lo cap per llor
      e Ypocras morì per llur barat.»

[209] Ved. _Recueil de Poésies franç. des XV et XVI siècles réunies et
annotées par_ ANAT. DE MONTAIGLON, vol. V, p. 195. Montaiglon riferisce
ivi altri versi francesi di quell'epoca relativi all'avventura di
Virgilio, di GRACIAN DUPONT, della _Nef des princes_, del _Débat de
l'homme et de la femme_.

[210] Non vogliamo passare sotto silenzio il distinto poeta tedesco
ENRICO DA MEISSEN detto FRAUENLOB, il quale anch'egli in una sua poesia
annovera le vittime degl'inganni delle donne, cominciando da Adamo:

    «Adam den ersten menschen betroug ein wip
    Samsones lip
    wart durch ein wip geblendet» etc.

e non omette Virgilio:

    «Virgilius
    wart betrogen mit valschen sitten.»

Ma da quel galante poeta che, anche col nome che si dava, professava di
essere, Frauenlob non vede in quei grandi esempi che un incoraggiamento
a sopportare i capricci della sua bella. Ved. V. D. HAGEN,
_Minnesinger_, III, p. 355.

[211] BARBAZAN-MÉON, _Fabliaux_, III, p. 96; LE GRAND D'AUSSY,
_Fabliaux_, I, p. 214. Cf. V. D. HAGEN, _Gesammtabenteuer_, I, p. LXXV
sgg. BENFEY, _Pantschaiantra_, I, p. 461 sgg. — Quest'aneddoto ricorre
anche nel _Promptuarium exemplorum_ compilato ad uso dei predicatori.
Cf. DU MÉRIL, _Mélanges_, p. 474.

[212] LE GRAND D'AUSSY, _Fabliaux_, I, p. 232 sgg. Le Grand esprime
l'opinione che il nome d'Ippocrate sia in questo racconto anteriore
a quello di Virgilio. Nel romanzo francese del S. Graal l'avventura è
anche riferita ad Ippocrate, e c'è anche l'aggiunta della vendetta, ma
è diversa. Ippocrate fa che la bella donna da cui fu burlato diventi
perdutamente innamorata di un orrido nano. Vedi PAULIN PARIS, _Les
romans de la table ronde_, I, p. 246 sgg.

[213] È assai probabile che anche questo racconto sia d'origine
orientale: fino ad ora però non si è trovato nulla di eguale nelle
letterature orientali. Hagen ed altri han voluto ravvicinarlo ad un
racconto delle novelle tartare di Gueulette, col quale però non ha che
un rapporto molto lontano.

[214] «Un pedante credendosi andare a giacere con una gentildonna si
lega nel mezzo perchè ella lo tiri su per una finestra, resta appiccato
a mezza via: dipoi messolo in terra con sassi e randelli gli fu data
la corsa.» FORTINI, _Novella_ 5ª. Qualcuno, quali Hagen e Roth, vuol
ravvicinare a questo racconto la novella VIII, 7 del _Decamerone_ ed un
luogo del _Filocopo_ (p. 283, ediz. SANSOVINO). Ma il confronto pecca
in ciò che v'ha di più essenziale.

[215] Dei secoli XV-XVI, intit.: _der Schreiber im Korb_, in
SIMROCK, _D. deutschen Volksbücher_, VIII, p. 396. Cfr. V. D. HAGEN,
_Gesammtabenteuer_, III, p. CXLIII. Ved. gli appunti di UHLAND,
_Schriften_, IV, p. 512 sgg., e singolarmente ciò ch'ei dice circa un
curioso tafferuglio provocato da quella canzone.

[216] DE PUYMAIGRE, _Chants populaires recueillis dans li pays messin_,
p. 151 sg.

[217] _Acta sanctorum Feb._, III, p. 225. Notiamo che nella versione
inglese del libretto popolare virgiliano di cui parleremo, una burla
d'un altro genere è fatta da Virgilio alla figlia dell'imperatore. Ei
fa sì che mentre essa è in istrada le paia all'improvviso di trovarsi
in mezzo all'acqua e si alzi i panni fino alla cintura. Cf. GENTHE,
_Leben und Fortleben des P. Virgilius Maro ah Dichter und Zauberer_,
p. 56. Anche questo aneddoto figura nella leggenda del mago Eliodoro
(p. 224); «alias (mulieres) iter facientes falsa fluminis specie
obiecta, indecore nudari compulit, et per siccum pulverem quasi aquam
inambulare.» Cfr. LIEBRECHT in _Orient und Occident_, I, p. 131. Dallo
stesso prof. Liebrecht mi fu gentilmente indicata una leggenda araba
simile a questa, presso DE HAMMER, _Rosenöl_, I, 162; Cf. anche WEIL,
_Biblische Legenden der Muselmänner_, p. 267.

[218] _Journ. asiat._, IV sér. 19, 85 sgg.; LIEBRECHT in _Germania_, X,
p. 414 sgg.

[219] FREYTAG, _Arabum proverbia_, II, p. 445, n.º 124.

[220] Cfr. LIEBRECHT, _Neugriechische Sagen in Zeitschrift für deutsche
Philologie hersg._ v. HÖPFNER u. ZACHER, II, p. 183.

[221] DU MÉRIL, _Mélanges_, etc, p. 430.

[222] V. D. HAGEN, _Gesammtabenteuer_, II, p. 515 sgg.; MASSMANN,
_Kaiserchronik_, III, p. 455 sgg.

[223] Ne riferisce il sunto KÖLBING _Beitraege zur vergleichenden
Gesch. d. romant. Poesie und Prosa des Mittelalt._, Bresl. 1876, p. 220
sgg.

[224] _Cancionero de obras de burlas provocantes a risa_, p. 152. Oltre
a quanto già abbiamo citato o dovremo riferir poi, notiamo qui alcuni
scritti di varie letterature nei quali si riferisce quell'avventura
virgiliana o si allude ad essa; tali sono: il poema francese _Le bâtard
de Bouillon_ (cfr. _Hist. litt. de la Fr._ XXV, p. 613); una Cronica
anonima dei vescovi di Liegi (Ved. DE SINNER, _Catal. cod. bibl. bern_.
II, 149), SYMPHORIEN CHAMPIER, _De claris medicinae scriptoribus_,
tract. 2; MARTIN FRANC, _Champion des dames_, fol. CIV; un MS. e
l'antica edizione del _Lancillotto_ in prosa (ved. HAGEN, _Gesammtab_.
III, p. CXL); il _Reinfrit von Braunschweig_ (ved. Hagen, op. cit.
p. CXL; la donna è chiamata _Athanata_); un antico canto tedesco che
comincia: «Her Vilius von Astronomey ze schule gie» (Ved, Hagen, op.
p. CXLI); HAWES, _Pastime of pleasure_ c. XXIX; GOWER, _Confessio
amantis_, L. VIII, f. 189; la tragicomedia spagnola _La Celestina_,
att. _vii_; il _Corbacho_ dell'arciprete DE TALAVERA; _Diego Martinez_,
nel _Cancionero de Baena_, ed. Michel, II, p. 29; DIEGO DE VALENCIA,
ib. p. 87; il _Romance de don Tristà_, presso MICHEL, _Tristan_, II, p.
302 etc. etc.

[225] Un cronista di Metz, Filippo di Vigneulles, parla di una
festa ch'ebbe luogo in quella città, nella quale su cavalli o carri
figuravano illustri personaggi, come David, Alessandro, Carlomagno,
Arturo, Salomone ecc., e soggiunge «pareillement estoit en l'ung
d'iceux chariots le saige Virgile qui pour femme pendoit à une
corbeille.» Vedi PUYMAIGRE, _Chants populaires recueillis dans le pays
messin_, p. 153 e _Les vieux auteurs castillans_ del medesimo, tom. II,
p. 79.

[226] Ved. LANGLOIS, _Stalles de la cathédrale de Rouen_, p. 173; DE LA
RUE, _Essais historiques sur la ville de Caen_, p. 97 sgg.; Montfaucon,
Antiquité expliquée, tom. III, p. III, p. 356.

[227] Cf. BARTSCH, _Peintre graveur_, n. 16, 51, 87, 88, 136;
GRAESSE, _Beiträge_, p. 35 sgg.; BEKKER e VON HEFNER, _Kunstwerke und
Geräthschaften des Mittelalters und Renaissance_, disp. I.ª WOLFF,
_Niederländische Sagen_, p. 492 sgg. Al fatto del fuoco estinto
viene riferita, senza buon fondamento, una pittura di Malpicci nella
_Iconographie des estampes à sujets galants_ etc. par M. le C. d'I***
(Genève 1868) p. 501; a quello però certamente si riferisce un dipinto
di I. Steen descritto da STECHER _La lég. de Virg, en Belgique_,
p. 625. — Anche il fatto di Aristotele e Filli fu rappresentato in
parecchie opere d'arte; cf. BENFEY, _Pantschatantra_, I, p. 462, sgg.
una stampa di G. Coignet.

[228] _Novella inedita di Giovanni Sercambi_, Lucca, 1865, (tirata a
30 esemplari). Questa novella con altre dello stesso autore fu poi
ripubblicata dal prof. D'ANCONA, _Novelle di Giovanni Sercambi_,
Bologna, 1871, p. 265 sgg.

[229] MARANGONI, _Memorie dell'anfiteatro romano_, p. 51.

[230] MASSMANN, _Kaiserchronik_, III, p. 454.

[231] _Il primo libro delle opere di M. Francesco Berni e di altri_,
(Leida, 1823), parte I, p. 147. Anche nelle _Carte Parlanti_ di
PARTENIO ETIRo (Pietro Aretino), Venezia, 1650, p. 44, si allude a
quest'avventura colle parole «che Virgilio nella cesta non ebbe tanto
concorso di popolo».

[232] Questa ottava trovasi in tutte le stampe di quel poemetto. Il
prof. Rajna però che ne ha visto e studiato più d'un manoscritto mi
assicura che quella ottava, come altre undici o dodici, manca affatto
in questi. La più antica edizione conosciuta dai bibliografi è della
prima metà del cinquecento.

[233] Cod. 40, palch. II, fog. 140v 141v. Comunicatami dal professor
Rajna. La poesia che la precede nel codice portava il nome di GUIDO
DA SIENA a cui poi fu dato di frego e sostituito MESSER BARTOLOMEO DA
CASTELLO DELLA PIEVE.

[234] Questo poemetto che comincia «Or mi posso doler di te Tubbia»
e finisce «E tu ti goderai col tuo marito» trovasi in un codice di
proprietà di C. Guasti. I versi che qui comunico furono trascritti per
me dal prof. d'Ancona. Il verso sesto della prima ottava manca nel MS.

[235] Cod. Ambros. D. 524 inf.; secondo il prof. Rajna che me ne dà
notizia è di circa il 1440.

[236] Pubblicato dal prof. D'ANCONA nel _Propugnatore_, 1870, I, p.
417 sg. Diciamo «pubblicato» poichè l'antica stampa di questo poemetto
registrata dal BRUNET (IV, p. 121) è cosa rarissima, nè in essa trovasi
il nome dell'autore.

[237] Pubblicato da TOBLER in _Zeitschrift f. roman. Philol._ IX,
p. 289 sgg. (ved. p. 301, n. 31); _Monaci Crestomaz. ital. dei primi
secoli_, p. 142.

[238] L'ho vista nella raccolta di Dresda; la descrive GRAESSE,
_Beitraege_, p. 35 sg.

[239] Ved. BARTSCH, 46, e _Iconographie des estampes à sujets galants_
etc, par M. le C. d'I*** (Genève, 1868), p. 733.

[240] STROZZIANO, n.º 174. Anche il Riccardiano 1125 contiene una
simile miniatura, attribuita a Benozzo Gozzoli.

[241] Ved. DE NINO, _Ovidio nella tradizione popolare di Sulmona_,
Casalbordino, 1886, p. 38 sg.

[242] Crediamo far cosa utile riproducendo fra i documenti in
fondo a questo volume anche questo poemetto che porta il titolo:
_Vita, conversione e morte di Pietro Barliario nobile salernitano e
famosissimo mago, composta da_ FILIPPO CATALONI _romano_. Lucca, s. a.
in-12.º di p. 24. Un'altra redazione in versi, meno completa, e che non
contiene l'episodio da noi citato, porta il titolo: _Stupendo miracolo
del Crocifisso di Salerno con la vita e morte di Pietro Bailardo
famosissimo mago, opera nuova per consolazione dei peccatori posta in
ottava rima e data in luce da_ LUCA PAZIENZA _napoletano_, In Lucca,
1799, per il Marescandoli, 12 p. in-12.º Queste due redazioni mi sono
state gentilmente comunicate dal prof. D'Ancona.

Credesi che questo Pietro Barliario (detto poi _Bailardo_ o
_Baialardo_) esistesse realmente, e che per occuparsi di scienze
naturali e d'alchimia, passasse per mago. Sarebbe morto frate, fra i
Benedettini a Salerno, il 25 marzo 1149. Almeno questo asserisce il
MAZZA, il quale dice di aver veduto il suo sepolcro sul quale ei lesse:
«hoc est sepulcrum m. magistri Petri Barliarii»; _Urbis salernitanae
hisioria_, p. 33 sg. (in _Thes._ GRAEV. _et_ BURM. IX, 4). Ved.
DE RENZI, _Storia della medicina in Italia_, II, p. 118. Il popolo
napoletano attribuisce a Barliario il così detto _Ponte di Caligola_;
Ved. AMPÈRE, _L'empire romain à Rome_, II, p. 9; cfr. anche sul
Barliario o Bailiardo, BUSK _Folklore of Rome_ n.º 199. FR. SABATINI,
_Abelardo ed Eloisa secondo la tradizione popolare_, Roma 1879 il quale
malamente torna a confonderlo con Pietro Abelardo; contro questo errore
ved. D'ANCONA, _Varietà storiche e letterarie_ I serie. Milano 1883;
cfr. anche TORRACA in _Rassegna settimanale_ VI (1880) n.º 155 p. 397
sg.

[243] Vedi la ricca enumerazione che ne fa DU MÉRIL nella sua dotta
introduzione al _Floire et Blanceflor_, p. CLXV sgg.

[244] Vedi la _Fleur des histoires_ di JEAN MANSEL presso DU MÉRIL,
_Mélanges_, p. 444 sg.; i _Faits merveilleux de Virgile_ di cui
parleremo poi; _Kurzweilige Gespräch_, Francf., 1563, e presso GENTHE,
_Leben und Fortleben des P. Virgilius Maro_, p. 75. Cf. MASSMANN,
_Kaiserchronik_, III, p. 449; SCHMIDT, _Beiträge_, 139-141 sg.

[245] Cf. BENFEY, _Pantschatantra_, I, p. 457; BARTSCH nella _Germania_
di PFEIFFER, V, 94 sg. Il testo di questo racconto secondo la redazione
mongolica dell'_Ardschi Bordschi_ è stato pubblicato a parte dallo
Iülg, col titolo: _Erzählung aus der Sammlung Ardschi Bordschi ein
Seitenstüch zum Gottesgericht in Tristan und Isolde_, Innsbruck,
1867; e poi dal medesimo nel suo dotto lavoro _Mongolische Märchen_,
(Innsbruck, 1868), p. 111 sgg. Cf. il mio articolo nella _Revue
critique_, 1867, I, p. 185 sgg.

[246] «Tremellius vero Scropha cognominatus est eventu tali. Is
Tremellius cum familia atque liberis in villa erat. Servi eius, cum
de vicino scropha erraret, subreptam conficiunt; vicinus advocatis
custodibus, omnia circumvenit, ne qua efferri possit: isque ad
dominum appellat restitui sibi pecudem. Tremellius qui ex villico
rem comperisset, scrophae cadaver sub centonibus conlocat super
quos uxor cubabat; quaestionem vicino permittit. Cum ventum est ad
cubiculum, verba iurationis concipit: nullam esse in villa sua scropham
nisi istam, inquit quae in centonibus iacet: lectulum monstrat. Ea
facetissima iuratio Tremellio Scrophae cognomentum dedit.» MACROB.
_Sat._ I, 6, 30.

[247] MICHEL, _Tristan_, I, p. 199 sg.

[248] Ved. _Novelle del_ «Mambriano» _del Cieco da Ferrara esposte ed
illustrate da_ GIUSEPPE RUA, Torino, 1888, p. 65-83. — In una _Novella
del geloso_ (comunicatami dal prof. D'Ancona) che trovasi nel cod.
Perugino C. 43, p. 120v, e comincia «Per cortesia ciascun geloso» la
pietra, o _pietrone_, della verità è attribuita a Merlino:

    «Però quel pedron ha vertù tale
    Che vi lassò il bon Merlin perfetto
    Qualunque omo o dona fesse male, etc.»

[249] Vedi DUNLOP-LIEBRECHT, p. 500.

[250] Pubblicata da BARTSCH nella _Germania_ di PFEIFFER, IV, p. 237
sgg.

[251] HAGEN (_Briefe in die Heimath_, IV, p. 106) fa notare che
dove ora è Santa Maria in Cosmedin fu il tempio della Pudicizia, e
quindi spiega l'origine della leggenda. Certo quel tempio o cappella
(_sacellum_) dovette trovarsi lì presso nel fôro boario, ma oggi gli
archeologici (Cf. BEKKER-MARQUARDT, _Handbuch der röm. Alterthümer,_
I, 480 sg.) non credono fosse dove è quella chiesa, ove invece pongono
il tempio di Cerere. Del resto nella più antica notizia (_Mirabilia_)
la leggenda che a ciò si riferisce non parla di oracoli piuttosto
relativi alla castimonia delle persone, che ad altro. Ved. anche
la _Beschreibung der Stadt Rom_. di PLATNER ecc. I, III, p. 381,
CRESCIMBENI, _Storia della Basilica di Santa Maria in Cosmedin_. Roma,
1715.

[252] Cf. MASSMASN, _Kaiserchronick_, III, p. 449. — Come l'avventura
del paniere così questo aneddoto figurò in opere d'arte. Esso si
ritrova anche fra le varie stampe di Luca di Leida relative alle
astuzie femminili. Cf. (oltre a BARTSCH) PASSAVANT, _Le Peintre
graveur_, III, p. 9. Di una pittura a ciò relativa, che trovavasi in
una casa di Roma parla la _Beschreibung der Stadt Rom_. di PLATNER,
III, I, 382.

L'antico poeta tedesco HANS SACHS (XVI sec.) attribuisce a Virgilio
un ponte sul quale al suonar di una campanella non poteva reggersi
se non chi avesse serbato la fede coniugale. Con questo ei consolò
Arturo mostrandogli quanto numerosa fosse la compagnia a cui anch'egli
apparteneva. Cf. V. D. HAGEN, _Gesammtabenteuer_, III, CXXXVJ.

[253] Adottiamo il titolo di _Cronica di Partenope_ come il più breve;
ma il titolo che porta quest'opera nelle edizioni e ne' MSS. non è
sempre esattamente lo stesso. Assai comune è quello di _Chroniche
de la inclita cità de Napole con li bagni di Pozzuoli et Ischia_.
— Per le due più antiche edizioni (la prima senza data, l'altra del
1526) vedi BRUNET, _Manuel_, V, 1226 sg. I MSS. sono assai numerosi.
La parte della _Cronica_ che riguarda Virgilio trovasi riprodotta in
GRAESSE, _Beiträge_, p. 27 sgg., e dal prof. VILLARI, secondo un MS.
napoletano del 1471, negli _Annali delle Università toscane_. VIII,
p. 162 sgg. Alcuni capitoli ne ha riprodotti anco il GALIANI, _Del
dialetto napoletano_, p. 95 sgg. Dietro studi speciali fatti sui MSS.,
assai discordanti dalle edizioni, B. CAPASSO ha eliminato parecchi
errori che correvano circa l'autore di questa Cronica, la sua natura
e la sua composizione, dandone una corretta definizione, alla quale
ci atteniamo, nel suo bel lavoro _Le fonti della storia delle prov.
napoletane_ dal 560 al 1500 in _Arch. st. per le prov. nap._ I (1876)
p. 592 sgg.

[254] «Di questa parte della Cronica, che corrisponde ai primi
57 capitoli della edizione comunemente nota, o piuttosto del
raffazonamento fatto nel 1526, non si conoscono finora codici speciali
ed esclusivi» CAPASSO, op. cit.

[255] Cfr. il fatto simile da noi sopra (p. 40) notato in altra
scrittura.

[256] Cf. PETRARCA, _Epist. de rebus fam._, lib. V, ep. 6.

[257] Cfr. la novella 216 del SACCHETTI relativa ad Alberto Magno:
«Maestro Alberto della Magna giungendo a uno oste sul Po gli fa uno
pesce di legno col quale pigliava quanti pesci volea.»

[258] Chironte non è altri a mio credere se non il centauro Chirone
che figura anche nel periodo mitico della storia della medicina, e
quindi nelle antiche attinenze di questa colla magia. All'autorità di
Chirone si riferisce un libro di cui si fece assai uso nel medio evo,
l'_Herbarium Apulei Platonici traditum a Chirone Centauro magistro
Achillis_. Filomelo (nei MSS. trovasi anche scritto _Filomeno_)
credo sia l'antico medico Filumeno che diede il nome ad alcuni rimedi
casarecci punto razionali e non molto dissimili da operazioni magiche
(ved. BECKER-MARQUARDT, _Handbuch d. röm. Alterth._, IV, p. 117 sgg.).
Può credersi che questo racconto, che l'autore dice aver letto in una
cronica antica, non sia d'origine popolare, ma fosse inventato per dar
credito al libro di un qualche precursore di Cardano e di Paracelso. —
È noto che, secondo la leggenda napoletana, il Monte Barbaro contiene
ogni sorta di tesori e di cose maravigliose, e questa credenza risale
anche ai tempi di Corrado di Querfurt che la riferisce nella lettera da
noi già citata.

[259] «Nusquam memini me legisse marmorarium fuisse Virgilium.»
_Itinerarium Syriacum_, I, p. 560, (ediz. Basil., 1581); THEOD. A NIEM,
_De schismate_, II, 22. — Fra gli altri che menzionano la grotta di
Pozzuoli come opera virgiliana si può citare THERSANDER, _Schauplatz
viel. ungereimt. Meyn._, II, 308, 554; IEAN D'AUTUN, _Chroniques_, I,
p. 321 etc.; MARLOWE, nel suo _Doctor Faustus_, att. I, sc. 26 dice:

    «There saw we learned Maro's golden tombe,
    the way he cut an english mile in length
    thoroug a rock of stone, in one night's space.»

[260] Ved. sopra, p. 60. Intieramente erroneo è quel che sulla _Cronica
di Partenope_ scrive il VIETOR (op. cit. p. 177 sg.) definendola come
una compilazione dotta riferente leggende ricavate da scrittori, non
mai dalla tradizione popolare napoletana, la quale, se pur ne sapea,
non ne seppe che dietro l'opera di Gervasio diffusasi in qualche
traduzione italiana! Oltrechè Gervasio stesso, checchè dica il Vietor,
non fa che riferire leggende da lui udite a Napoli, la _Cronica_
registra leggende che non trovansi nè in Gervasio nè in altri scrittori
esteri ma in antichi autori napoletani anteriori a tutti questi.

[261] Questo passo, soppresso nelle edizioni, trovasi nei MSS.

[262] Già da tutti e da noi pure si credette che il merito di queste
parole spettasse all'antico autore della Cronica; ma il Capasso per
primo ha fatto notare che esse non trovansi nei MSS. e sono aggiunte
dall'Astrino; ved. l'op. sopra citata _Fonti_ ecc. p. 596, nota.

[263] _Le Rime antiche volgari secondo la lezione del cod. vaticano
3793 pubblicate per cura di_ A. D'ANCONA e D. COMPARETTI. Bologna, vol.
I (1875) p. 430.

[264] Questo leggesi nel testo interpolato della biografia attribuita a
Donato. Il testo più genuino fa passare il poeta direttamente da Milano
a Roma (Cf. REIFFERSCHEID, _Svetoni_ etc. p. 401), come appunto dice
nel suo commento Francesco da Buti.

[265] _Poesie di Messer Cino da Pistoia racc. da_ SEB. CIAMPI, t. II,
p. 157 (3ª ediz.). L'idea, sostenuta dal Ciampi, che quella satira
fosse scritta da Cino contro Roma e non contro Napoli, è infirmata dal
passo che citiamo, di cui il Ciampi non ha capito il senso, e dalla
satira tutta intera che soltanto a Napoli può riferirsi. L'_animal sì
vile_ che _anticamente_ diede il nome a quel regno ove _ogni senso è
bugiardo e fallace_ è la sirena Partenope.

[266] Veggasi la notizia datane dal prof. D'ANCONA nel _Propugnatore_,
1870, I, p. 397 sgg. Pubblico per prima volta, fra i documenti in fondo
a questo volume, la parte relativa a Virgilio.

[267] Cfr. WESSELOFSKY, _Le tradizioni popolari nei poemi di Antonio
Pucci_ nell'_Ateneo italiano_, Ann. I.

[268] Pubbl. dal sig. ZANELLA, _Verona_, 1858.

[269] TRUCCHI, _Poesie inedite di dugento autori_. Prato, 1846, vol.
II, p. 29.

[270] All'ampolla del sangue miracoloso di S. Gennaro non può riferirsi
quel verso dell'Orcagna morto circa il 1368, cioè prima di ogni memoria
del famoso miracolo, del quale non si trova menzione prima del sec.
XV; ved. VILLARI, _Legg. e trad. che illustrano la Div. Com._ in _Ann.
delle Univ. Tosc._ VIII, p. 219. GIOV. SCHERILLO, _Di San Gennaro
protettore della città di Napoli e della reliquia del suo sangue_ nella
_Strenna della scuola cattolica per l'anno 1875_. Napoli, p. 147 sgg.

[271] Che il nome di _Tor de' specchi_ portato tuttora da una via di
Roma si riferisca allo specchio maraviglioso di Virgilio è un'idea
falsa di Keller, Hagen, Massmann ed altri. GREGOROVIUS (_Gesch. d.
Stadt Rom. im Mittelalter_, IV, p. 629) ha ragione di credere che
il nome di quella via provenga dalla famiglia _De Speculo_ o _De'
Specchi_ che ivi ebbe la sua torre. Vero è però che chi visitava Roma,
avendo in mente le leggende virgiliane, poteva credere di trovare in
queste la spiegazione del nome portato da quella località, e forse la
_Spiegelburg_, presso a cui una versione tedesca del _Mirabilia_ pone
la scena del racconto virgiliano, non è realmente altra che _Tor de'
specchi_. Cf. MASSMANN, _Kaiserchronik_, III, p. 454.

[272] GIORG. FABRICIO, _Roma_ (1587) p. 21.

[273] Dopochè nel XIII secolo Gregorio IX l'ebbe fatta rovesciare. Vedi
MARANGONI, _Memorie dell'Anfiteatro romano_, p. 51.

[274] Ved. V. D. HAGEN, _Briefe in die Heimath_, IV, p. 118. Frequente
è la denominazione di Scuola di Virgilio nei documenti e disegni
dell'epoca relativi al Settizonio, i cui residui furon disfatti per
ordine di Sisto V; cfr. HÜLSEN _Das Septizonium des Septimius Severius_
(XLVI Winkelmannsprogr.) Berlin, 1886, p. 30, STEVENSON _Il Settizonio
Severiano_ in _Bull. della Comm. arch. comun. di Roma_ 1888, p. 272.
— Il nome di _Scuola di Virgilio_ è tuttora applicato in Napoli
ad una località posta in riva al mare, ove dicesi fosse un tempio
della Fortuna o di Venere Euplea. Ho cercato invano esempi di questa
denominazione data a quel luogo, che risalgano al medio evo. In quanto
abbiamo di leggende virgiliane poste in iscritto essa non figura mai.
Nel libretto popolare d'origine francese (_Les faits merveilleux de
Virgile_), di cui parleremo fra non molto, è menzione di una scuola
di negromanzia che Virgilio avrebbe fondata a Napoli, e quindi taluni
hanno creduto che a ciò si riferisse quel nome. Io invece credo
l'inverso, che cioè questa denominazione abbia dato luogo a quella
aggiunta fatta alla leggenda nel libretto. Un pescatore napoletano
stabilito presso alla _Scuola di Virgilio_, narrava ad un forestiero,
di cui a suo luogo citeremo per esteso la relazione, che ivi Virgilio
soleva dar lezione al principe Marcello; ed infatti ciò s'accorda
colla _Cronica di Partenope_, in cui Virgilio figura come maestro di
Marcello. Questo basta a spiegare quel nome, nè è d'uopo ricorrere,
come qualcuno ha fatto, ad una derivazione di _scuola_ da _scoglio_.

[275] Ved. _Atti della R. Accademia dei Lincei_, serie 2ª, vol. III
(1876) v. 96 sgg.

[276]

    «Nun gingen umb die zeit die mer
    wie das zu Rom ein meyster wer
    in der nigromancey erkant
    der was Virgilius genant,
    eim yden er beschidung melt
    wes man in vraget in der welt.»

ved. ZARNCKE _Vier Sprüche von Hans Folz_ in _Zeitschr. f. deutsch.
Alterth._ VIII, 1851, p. 517 sgg.

[277] _Acta Sanctor. febr._, III, p. 255. Secondo un testo latino del
sec. XIII, pubblicato da DU MÉRIL (_Mélanges_ ecc., p. 430), Virgilio
si libera di prigione facendosi portare dell'acqua in una conca nella
quale egli s'immerge e tosto sparisce. Forse a ciò si riferisce il «com
de la conca s saup cobrir» di Giraud de Calançon. Anche questo fatto
figura (due volte) nella leggenda del mago Eliodoro: «ut autem allata
est (pelvis cum aqua) continuo in eam se coniicit et ex oculis abit
cum hoc dicto: salvus sis, imperator, quaere me Catanae.» Anche nella
leggenda di Pietro Barliario lo ritroviamo, p. 13:

    «Venne l'ora fatal che dee morire,
    E al patibolo giunto immantinente
    Già salito sul palco s'udì dire:
    Datemi un poco d'acqua, amica gente.
    Un vaso d'acqua ebbe apparire
    Ma, prima che bevesse lietamente,
    Signori di Palermo, gli ebbe detto,
    Io vi saluto e a Napoli v'aspetto.»

Il «quaere me Catanae» di Eliodoro e l'«a Napoli vi aspetto» di
Barliario spiegano il «vado ad Napulum» di Virgilio nel _Mirabilia_.
Anche in un racconto dei _Quaranta viziri_ (trad. ted. di BEHRNAUER, p.
23) uno scheik immergendosi nell'acqua si libera da morte, scomparendo
e trovandosi trasportato immantinente a Damasco.

[278] L'idea di navi fatte per incanto che _volano_ per l'aria è
comune nei racconti popolari anche oggidì. Veggasi per es. il racconto
russo intitolato «la nave volante» (_letucii korabl_) nella raccolta
dell'AFANASIEFF, vol. VI, p. 137 sgg. e i numerosi confronti che a tal
proposito fa ivi l'autore nella nota, vol. VIII, p. 484 sgg.

[279]

    «Preso un piccol carbone, a disegnare
    Incominciò una barca in quell'istante;
    Indi poi i compagni ebbe a chiamare
    Che ponessero in quella le lor piante.
    Ridevan quelli e pur per soddisfare
    Il suo pensier, che a liberarli è amante,
    Di sei ch'erano entrare un sol non vuole,
    Perchè fede non presta a sue parole.
    Ma lo stolto n'avrà doglia e rancore;
    La barca è presto in aria sollevata,
    E se ne uscì dalla prigione fuore
    Benchè la porta fosse ben serrata;
    Per l'aria se n'andava, o gran stupore!
    Ed in parte lontana è già arrivata.
    E come l'aurora i raggi sparse
    Ognun di quei trovossi alle lor case.» (p. 18).

Cf. ORIOLI, _Spighe e paglie_ (Corfù, 1845), III, p. 190.

[280]

    «Haec tibi sint nota, Maronis dicitur aula
    Hactenus et sylva, per quam pascebat ovillas,
    Ast et Balista mons nascitur hanc prope sylvam
    In quo Virgilius titulum fecit hoc modo scriptum:
    Monte sub hoc lapidum etc.»

DONIZ. _Vit. Mathild._ ap. MURATORI, _Scriptt. rer. it._ v. 360.
Quanto al monte _Balista_ Muratori nota: «nunc appellatur _Monte di
Vilestra_... sed longe ante Vergilium Balistae monti nomen fuit.»

[281] Una di queste monete abbiamo riprodotta un poco ingrandita nel
frontespizio di questi nostri volumi. Cfr. intorno a questa e ad altre
monete mantovane coll'effigie e col nome di Virgilio. ZANETTI, _Nuova
raccolta delle monete e zecche d'Italia_, vol. III, p. 249 sgg., tav.
XVII.

[282] Nel XIV secolo. La statua fu fatta gittar nel Mincio da Carlo
Malatesta, il quale però si vide poi costretto a riporla al posto.
— Non so quanto possa essere antica la tradizione popolare, di cui
parla un viaggiatore moderno, secondo la quale verrebbe indicata a
due miglia dalla città la grotta in cui Virgilio si recava a meditare.
Vedi KEYSSLER, _Neueste Reisen_, p. 1016; Cf. BURCKHARDT, _Die Cultur
der Renaissance in Italien_, p. 148. Enea Silvio nel suo viaggio al
congresso di Mantova (1459) visitava la così detta _Villa di Virgilio_
sul Mincio. Cfr. BURCKHARDT, op. cit., p. 181. Nel secolo passato il
presidente De Brosses, recatosi a Pietola a vedere il villaggio e la
casa ove nacque Virgilio, scriveva: «Je n'y vis autre chose qu'une
maison de campagne assez propre où il n'est pas la plus petite question
de Virgile. Je demandai aux gens du lieu pourquoi cette maison portait
le nom de _Virgiliana_. Il me répondirent que ce nom lui venait d'un
ancien duc de Mantoue qui était roi d'une nation qu'on appelle les
Poétes et qui avait écrit beaucoup de livres qu'on avait envoyé en
France.» COLOMB, _Le président de Brosses en Italie_. Paris, 1869, p.
117.

[283] _Aliprandina, osia Chronica della città di Mantova di_ BUONAMENTE
ALIPRANDO, _cittadino Mantuano_; in MURATORI, _Antiquit. Ital. medii
aevi_, tom. V, p. 1061 sgg. Cf. CANTÙ, _St. univers._, II, p. 658 sgg.

[284]

    «Si vide in quella grotta immantinenti
    Circondare di lumi la parete,
    E una mensa si vide apparecchiata,
    Di preziose vivande era adornata.
      Cena Pietro con gli altri carcerati,
    Ed era ognun di maraviglia pieno,
    E sazi delli cibi che portati
    Pur dagli spiriti in quell'oscuro seno, ecc.» (p. 17).

[285] Secondo la leggenda, la statua ch'era in Sicilia, menzionata
da Olimpiodoro, della quale abbiamo già parlato (p. 39), da una gamba
profondeva acqua perenne, dall'altra fuoco sempre ardente. Dalle tre
teste di serpenti del famoso tripode di Costantinopoli, il popolo
credeva scaturisse un tempo nei giorni di festa acqua, vino e latte.
Vedi BONDELMONTI, _Liber insularum_ (ediz. DE SINNER), p. 123.

[286] È uno dei cambiamenti che ha subito il nome di Merlino; altri
sono Mellino, Merilino, Meriliano, Merleg ecc. Vedi per alcuni
esempi KELLER, _Romans des sept Sages_, CXCVII sgg. Anche il nome del
Virgilio leggendario andò soggetto, particolarmente in Germania, a
simili storpiature, divenendo _Filius_, _Filias_, _Filigus_. IACOPO
DA KÖNIGSHOFEN (XIV sec), parla «del gran maestro Virgilio che i laici
(gl'indotti) chiamano _Filius_,» Cf. V. D. HAGEN, _Gesammtabenteuer_,
III, p. CXLIII.

[287] _De nobilitate_, cap. 2.º Cf. ROTH, op. cit., p. 262.

[288] _Germania_, V, p. 371. Virgilio appena aperto il libro vedesi
attorniato da ottantamila diavoli che gli chiedono i suoi comandi. Ei
dice loro: — andate nella verde selva e tosto mi fate una buona strada
da potervi andare in cocchio e a cavallo. —

    «Er sprach: vart in den grünen walt,
    Und macht mir palt
    Eine gute sträz, das man dar näch muge varen und ouch riten.»

[289] Lib. III, cap. I, v. 5.

[290] Vol. I, p. 187 sgg.

[291] Cfr. anche la novella pubblicata dal PAPANTI, _Catalogo dei
novellieri in prosa_, I, p. XV sgg.

[292] Notte 459, dell'ediz. (trad.) di HABICHT e V. D. HAGEN.

[293] AMPÈRE (_L'empire romain à Rome_, I, p. 351 sg.) crede che
quest'aneddoto sia stato attribuito a Virgilio a causa del sepolcro del
fornaio M. Virgilio Eurisace che vedesi tuttora in Roma presso Porta
Maggiore, ornato di bassorilievi relativi all'arte del panattiere, e
che fu scoperto nel 1838 dopo essere per molti secoli rimasto nascosto
sotto costruzioni che risalgono ai tempi d'Onorio. Il nome di Virgilio
e le rappresentanze dei bassorilievi avrebbero, secondo Ampère, fatto
attribuire al poeta il sepolcro stesso e l'aneddoto dei pani. Oltre
alle altre obbiezioni che possono farsi, Ampère non ha veduto quanto
sia assurdo far risalire questa tarda interpolazione della biografia
virgiliana ai tempi stessi di Donato, di poco anteriore ad Onorio.

[294] Cfr. Vol. I, p. 196. Le leggende della magia virgiliana ben note
all'autore di questa biografia, che vi credeva, hanno, secondo lui, una
conferma nelle opere stesse di Virgilio, poichè la VIII ecloga mostra
quanto ei fosse perito d'incantesimi. Ciò non vuol dire, come pretende
VIETOR (op. cit. p. 169) e concede GRAF (_Roma_ ecc. II, p. 238) che,
secondo questo scrittore, la scena magica della VIII ecloga abbia
dato origine a quelle leggende, nè prova che queste abbiano un'origine
letteraria. Ognuno sa che nella VIII ecloga Virgilio non fa che imitare
Teocrito, il quale non passò mai per mago. — In un MS. oggi Laurenziano
di Virgilio, del sec. XIV (Santa Maria Novella n.º 180) trovasi una
biografia del poeta in cui si parla pur delle opere necromantiche di
lui; è però tutta desunta dalle _Vite dei filosofi_ di WALTER BURLEY.

[295] _Ly myreur des histors, chronique de Jean des Preis dit
d'Outremeuse publiée par_ AD. BORGNET, Bruxelles, 1864. Cf. LIEBRECHT
nella _Germania_ di PFEIFFER, X, p. 408 sgg., STECHER, _La légende de
Virgile en Belgique_, p. 621 sgg.

[296] Cito un esempio. Nel _Cléomadés_ è detto che Virgilio pose
in Roma quattro statue che rappresentavano le quattro stagioni e si
passavano dall'una all'altra un pomo a misura che le stagioni andavano
cambiando. Il _Roman des sept Sages_ parla invece di due sole statue
che così indicavano il passaggio da una settimana all'altra. JEAN
D'OUTREMEUSE attribuisce a Virgilio le 4 statue per le stagioni, le 2
per le settimane, e ne aggiunge altre 12 pei mesi dell'anno. Di queste
parla anche _La Fleur des histoires_ di JEAN MANSEL; cfr. DU MÉRIL,
_Mélanges_, p. 440.

[297] Son noti i desinari maravigliosi attribuiti ad Alberto Magno,
che faceva pei suoi convitati apparire la primavera in pieno inverno
ecc. Simili desinari improvvisati miracolosamente, insieme cogli
inservienti, già l'antichità attribuiva al gran mago Pasete; Cfr.
SUIDA, s. v. Πάσης e FRIEDLAENDER, _Darst. d. Sittengeschichte Roms_,
I, p. 364.

[298] È affatto estranea alla leggenda napoletana, e ciò è tanto più
notevole che, oltre alla vicinanza di Cuma, il nome della Sibilla è
serbato fra il popolo napoletano dalla famosa grotta.

[299] GÖRRES (_Die teutschen Volksbücher_, p. 228) confonde l'origine
della leggenda colla provenienza del libretto, asserendo che questo
debba essere stato scritto in Italia, il che come risulta dalle nostre
osservazioni sulle fasi della leggenda in Italia, è del tutto assurdo.

[300] Pei ragguagli bibliografici rimando al BRUNET (_Manuel_, II, 1167
sg.) il quale descrive cinque edizioni, la meno antica delle quali
non è posteriore al 1530. Una edizione fatta da GUGLIELMO NYVERD è
stata riprodotta litograficamente ed a fac-simile in piccolo numero
d'esemplari a Parigi da TECHENER nel 1831 e da PINARD nello stesso
anno. Di queste io non possiedo che quella di Techener tirata a 30
esemplari, dalla quale desumo il testo che stampo fra i documenti
in fine del presente volume. Una ristampa più recente, tirata a
100 esemplari, porta il titolo: _Les faits merveilleux de Virgille,
réimpression textuelle de l'édition sans date, publiée à Paris, chez
Guillaume Nyverd; suivie d'une notice bibliographique par_ PHILOMNESTE
JUNIOR. Genève, chez I. Gay et fils, éditeurs, 1867.

[301] _This boke treatethe of the lyfe of Virgilius and of his death,
and many maravayles that he dyd in his lyfe tyme by witchcraft and
nigromansy, thorough the help of the devylls of hell. Emprynted in
the cytie of Anwarpe by me John Doesborcke_, (s. d.) in-4.º got. d. 30
ff. con figg. in legno. Questo libretto, di cui un solo esemplare si
conosce fu riprodotto a 60 esemplari, nel 1812 a Londra, a spese del
sig. Utterson. Una ristampa ne fece il THOMS nella sua raccolta, _Early
english prose romances_, Lond. 1828 (e 2.ª ediz. Lond. 1858) n.º 2. Di
qui la traduzione tedesca di SPAZIER, _Alt-englische Sagen und Märchen
hrsg. v._ WILLIAM THOMS, _deutsch und mit Zusätzen v._ R. O. SPAZIER.
Braunschweig, 1830, I, p. 73 sgg. Un ampio sunto di questa versione
inglese dà il WRIGHT, _Narratives of sorcery and magic_, Lond. 1851, I,
p. 103 sgg.

[302] _Een schone Historie van Virgilius van zijn Leuen, Doot, ende
van zijn wonderlijke werken, di by deede by Nigromantien, ende by dat
behulpe des Duyvels._ T'Amsterdam by H. S. Muller. 1552. Su questa
versione, che ha per base la redazione inglese, ved. GÖRRES _Die
teutschen Volksbücher_ p. 225 sgg. e VAN DEN BERGH, _De Nederlandsche
volksromans._ (Amst. 1837) p. 84 sgg. Trad. ted. con aggiunte di V. D.
HAGEN, _Erzählungen und Märchen_, I, p. 153 sgg. riprod. da SCHEIBLE,
_Das Kloster_, II, p. 129 sgg.

[303] Non so che si conoscano stampe antiche di questa versione
tedesca che SIMROCK ha introdotto nella sua raccolta _Die deutschen
Volksbücher_, Frkf. a. M. vol. VI (1847) p. 323 sgg., nè saprei dire
quanto sia legittimo il titolo di «libro popolare _tedesco_» dato
a questo rifacimento moderno che ha per base il testo olandese.
Se l'illustre Simrock avesse aggiunto alla sua raccolta qualche
notizia sui testi in quella contenuti, avrebbe fatto l'obbligo suo.
Una versione libera di questo testo tedesco con parecchie aggiunte
fu pubblicata recentemente da un anonimo come secondo volume della
raccolta _Mediaeval Legends_ col titolo _The wonderful History of
Virgilius the Sorcerer of Rome as told by men of High Germany together
with many rimes made by Men of France and Italy now first put into the
English Tongue_, Printed at the Ballantyne Press and sold by David Nutt
in the Strand. MDCCCXCIII.

[304] Questa traduzione islandese fu fatta nel 1676 sul testo olandese
e conservasi manoscritta a Kopenhagen; ved. HALFDAN EINARSSON, _Hist.
litt. Isl._ 108. NYERUP, _Dän. Volksb._ p. 203. MÜLLER, _Sagabibl._
III, p.484.

[305] DU MÉRIL, _Mélanges_, p. 426.

[306] L'imperatore romano del tempo di Virgilio, secondo questo
libretto, era un tal Perside che figura anche nel _Mirabilia_. Secondo
il _Roman des sept Sages_ Virgilio visse a' tempi di Servio; secondo un
capitolo del _Gesta Romanorum_ ei visse a' tempi di Tito, e secondo un
altro capitolo dello stesso libro, sotto Dario. HANS SACHS lo pone in
Brettagna a' tempi d'Arturo.

[307] In una _Storia dei Pisani_ scritta in francese nel XV secolo e
conservata MS. a Berna è menzione di due colonne fatte da Virgilio,
e che allora trovavansi alla cattedrale di Pisa, in cima alle quali
vedeasi comparire l'effigie di chiunque avesse rubato o fornicato. Vedi
DE SINNER, _Catal. codicum mss. bibl. Bernensis_, II, p. 129; DU MÉRIL,
_Mélanges_, p. 472.

In contradizione con questo racconto in cui Virgilio apparisce come
protettore del buon costume, trovasi un altro racconto, secondo il
quale, per comodo dei Romani men pudichi, egli avrebbe fatto una donna
pubblica artificiale. Così ENENKEL nel suo _Weltbuch_; ved. V. D.
HAGEN, _Gesammtabenteuer_, II, p. 515; MASSMANN, _Kaiserchronik_, III,
p. 451. Una leggenda rabbinica parla anch'essa di una statua destinata
a quell'uso ed esistente in Roma; Ved. PRAETORIUS, _Anthropodemus
pluton._, I, p. 150, e LIEBRECHT nella _Germania_ di PFEIFFER, X,
p. 414. Notiamo un fatto curioso che forse può servir di spiegazione
a questa strana leggenda. Leggevasi nel _Mirabilia_, a proposito di
una fonte ornata da una Medusa: «femina circumdata serpentibus sedens
et habens concham ante se, significat Ecclesiam multis scripturarum
voluminibus circumdatam, quam quicumque adire voluerit non poterit nisi
prius lavetur in concha illa.» Ora, in più MSS. questo passo leggesi
corrotto nella maniera seguente: «femina circumdata serpentibus sedens
habens concham ante se (signat) pudicatores qui pudicabant eam, ut
quicumque ad eam ire voluerit non poterit nisi prius lavetur in concha
illa.» GRAESSE, _Beiträge_, p. 8 e p. VIII; Cf. anche la _Graphia
aureae urbis Romae_, presso OZANAM, _Documents inédits_, p. 170.

[308] Nel romanzo francese del _S. Graal_, ad Ippocrate tocca una
moglie che lo affligge moltissimo, e per opera di lei egli muore. Fra
questo romanzo d'Ippocrate e quel di Virgilio ci sarebbe da fare un
notevole parallelo. Ved. PAULIN PARIS, _Les romans de la table ronde_,
I, 267 sgg.

[309] ROTH crede ciò alluda alla dominazione spagnola nel Napoletano,
e quindi deduce che il libretto popolare non possa essere anteriore al
1435. Op. cit., p. 283.

[310] Cf. GRAESSE, _Die Sage d. ewig. Iude_, p. 44; SIMROCK, _Handb.
der deutschen Mythologie_, (2.ª ediz.), p. 260.

[311] Qualche elemento se ne trova nella novella 5.ª del I lib. del
Panciatantra e nelle varie sue versioni, delle quali veggasi la storia
presso BENFEY, _Pantschatantra_, I, p. 159 sgg.

[312] _Romancero castellano publ. por_ G. B. DEPPING, tom. II, n.º 82,
p. 202 sg. Cf. TICKNOR, _History of spanisch literature_, I, p. 114 sg.

[313] Il sig. BRAGA (_Historia da poesia popular portugueza_, Porto,
1867, p. 176 sgg.) trova rapporti fra questa romanza spagnola di
Virgilio, e la romanza portoghese di Reginaldo (ALMEIDA GARRET,
_Romanceiro_, II, p. 163 sgg.) secondo la quale questo paggio avendo
sedotto la figlia del re, viene condannato a morte; il re però lo ode
mentre canta nella torre, gli fa grazia, e lo marita colla propria
figlia.

[314] HINARD (_Romancero espagnol_, II, p. 242) traduce «à la messe» e
infatti DURAN, OCHOA ed altri hanno «en misa»; ma la lezione di DEPPING
«en mesa» è certamente la buona.

[315] BL. DE VIGENÈRE nel suo _Traité des chiffres et secrètes manières
d'écrire_ parla d'un alfabeto virgiliano: TRITEMIO (_Antipal._ I, c. 3)
delle tavole e calcoli fatti da Virgilio per definire l'indole delle
persone: PARACELSO a lui attribuisce immagini e figure magiche (_De
imaginibus_, cap. XI); LE LOYER, (_Des spectres_ etc. cap. VI) un'eco.

[316] Cfr. ROSKOFF, _Geschichte des Teufels_ (Leipz. 1869), II, p. 359
sgg.

[317] «Gervasium quod attinet.... haud quidem eum fabulosum et
vanum auctorem existimaverim; fuit enim Cancellarius Aulae Othonis
imperialis, cui etiam aliud opus (!) _Ocia imperialia_ inscriptum
dedicavit.... Fatendum quidem est fabulosa nonnumquam a principibus
legi, sed a _Cancellariis_ non proficiscuntur.» IAC. GAFFARELLI,
_Curiositates inauditae_, p. 160. Anche L'ANCRE nel suo libro
_L'incrédulité et mescréance du sortilège plainement convaincue_, cita
(p. 280 sg.) l'esempio di Virgilio; ved. anche BODIN, _Daemonom._ lib.
II, c. 2.

[318] _Apologie pour tous les grands personnages qui ont esté
faussement soupçonnés de magie._ Tutto il cap. XXI è consecrato a
Virgilio. Di Gervasio e del suo libro dice: «.... qui est à la verité
si rempli de choses absurdes fabuleuses et du tout impossibles, que
difficilement me pourrois je persuader qu'il fust en son bon sens quand
il le composoit» p. 611.

[319] Uno se ne trovava a Firenze nel secolo XVII; ved. NAUDÉ, op.
cit. p. 627. Un altro trovavasi ancora nel secolo passato nel tesoro di
Saint-Denis a Parigi indicato nell'antico inventario come: «Le miroir
du prince des poetes Virgile, qui est de jaiet.» Intorno a questo lesse
una memoria all'Accademia delle scienze FOUGEROUX DE BOUDAROY nel 1787.
Si spezzò cadendo di mano per caso a Mabillon che l'esaminava. Ved. DU
MÉRIL, _Mélanges_, p. 447.

[320] Così COLLIN DE PLANCY, LE GRAND D'AUSSY: cfr. anche _Mélanges
tirés d'une grande biblioth._ V, p. 182.

[321] La popolarità di Virgilio non poteva estendersi che ai paesi di
coltura e di chiesa latina; fra i Bizantini, i Neogreci e gli Slavi
di chiesa greca poco o punto penetrò; nondimeno qualche traccia del
Virgilio leggendario par di trovare nelle tradizioni popolari slave
viventi. In un giuoco di fanciulli polacco, comunicatomi già dal De
Schiefner (cfr. _Ehstnische Märchen aufgez._ v. KREUTZWALD _übrs._ VON
LÖWE, Halle, 1869, p. 357 sg.) Virgilio sta in mezzo ai suoi compagni
che tenendosi per mano gli girano attorno cantando:

    «Ojcice Wirgiliusz uczyl dzieci swoje
    Hejže, dzieci, hejže ha!
    Róbcie wszystko, co i ja!»

(«Babbo Virgilio insegnava ai suoi bambini: Attenti, bambini, attenti!
fate tutto quel ch'io fo»); e poi si fermano e imitano le sue mosse e
le sue voci; e Virgilio osserva se qualcuno non lo imita o non lo imita
bene; questi deve prendere il suo posto. Può dubitarsi che qui trattisi
del Virgilio mago: il De Schiefner credeva ciò fosse perchè in un gioco
di fanciulli inglese, simile a questo, trovasi il nome di Simone, ch'ei
pensava fosse Simon mago. Non sorprende trovare in Polonia, latina di
coltura e di chiesa, il nome di Virgilio.

Fra i Serbi e i Croati trovasi la credenza in un luogo misterioso detto
_vrzino kolo_ (cfr. VUK STEPH. KARADSCHITSCH, _Lex. Serbic._ s. v.)
che è la 13.ª scuola, quella ove si apprende a divenir negromante o
_grabanciaš_; ed in un indice slavo di libri apocrifi o condannati, non
meno antico del XIV secolo, dicesi dell'eretico prete bulgaro Ieremias
(X sec.) ch'egli _byw w nawieh na werzilowie kolou_. Questa espressione
oscura fu ingegnosamente interpretata da Iagič riconoscendo in quel
_vrzino_ e _verzilowie_ il nome di Virgilio negromante. Il prete
bogomilo Ieremias, tacciato anche di stregoneria, era ivi accusato di
essersi procacciato quel sapere e le false scritture «andando fra i
morti nel cerchio di Virgilio», e questo remoto «cerchio di Virgilio»
(_vrzino kolo_) è pur la 13.ª scuola da cui esce il negromante o
_grabanciaš_ secondo la superstizione degli odierni Serbi e Croati;
ved. _Archiv für slavische Philologie_ II (1877) p. 465 sgg., PYPIN I
SPASOWIČ _Istorija Slavianskih Literatur_, 2.º izd., Pietrob. 1879, I,
p. 84 sgg.; _Archivio per lo studio delle trad. pop._ VI, 1887, p. 266
sgg.

Una traduzione slava dei _Faits merveilleux_ non esiste, ch'io sappia;
in un racconto popolare serbo talune parti ricordano la morte di
Virgilio qual'è narrata in alcune versioni di quel libretto ed anche
l'estinzione dei fuochi; ma il nome di Virgilio non vi figura (ved.
_Archiv f. slav. Philol._ I, 1876, p. 286 sg.). Il solo libro popolare,
a mia notizia, che può aver fatto conoscere il Virgilio mago a vari
popoli slavi, anche ai Russi, è il _Libro dei sette savi_, che già nel
XIV sec. era tradotto in boemo, poi lo fu anche in polacco e quindi
in russo, diffondendosi con gran successo anche nell'alta Russia, in
manoscritti da uno dei quali di sua proprietà, del XVII sec., BUSLAIEFF
pubblicò il principio del racconto su Virgilio nella sua _Istoričeskaja
Christomatija_, Mosca, 1861, p. 1393-5; cfr. MURKO _Die Gesch. d.
Sieben Weisen bei den Slaven_, Wien, 1890 (_Sitzungsber. d. k. k.
Akad._).

[322] _Croniche di Montevergine_, p. 66-95.

[323] Cfr. V. D. HAGEN, _Briefe in die Heimath_, III, p. 180;
DUNLOP-LIEBRECHT, p. 187; ROTH, Op. cit., p. 280.

[324] Ved. p. 143 del presente volume.

[325] _Italienische Miscellen_ (Tübingen, Cotta, 1803), vol. III, p.
150 sgg. Cfr. DOBENECK, _Des deutschen Mittelalters Volksglauben und
Heroensagen_ I, p. 195.

[326] Raccolta e pubblicata da PITRÈ, _Fiabe, novelle e racconti
popolari siciliani_, Palermo, 1875, vol. II, p. 13 sgg., n.º LIII.

[327] Ved. sopra, p. 26.

[328] Ved. sopra, p. 109.

[329] È riferita questa leggenda dal Prof. L. VIOLA in una relazione
sugli scavi fatti a Taranto, pubblicata nelle _Notizie degli Scavi di
antichità_ edite dalla R. Accademia dei Lincei, 1881, p. 411 sgg. nota.
Il Viola osserva che questa leggenda ebbe origine dal fatto che il
condotto di Saturo non giungeva sino alla città.

[330] Ved. sopra, p. 139.

[331] Dal compianto prof. MOROSI che gentilmente me lo comunicava.

[332] avessi

[333] condurrei

[334] piccolo e grazioso pesciolino

[335] verrei.

[336] _Su questo titolo da noi applicato anche a questa parte del MS.
vedi quanto sopra diciamo a p. 97 nota 3. Riproduciamo il testo qual'è
nello scorrettissimo manoscritto, secondo la copia fattane per noi
dal signor prof. Giuseppe Müller, tenendo conto di alcune correzioni
indicate da E. Stengel._

[337] Il testo che riferiamo (con qualche correzione) è cavato da un
cod. della biblioteca nazionale di Napoli (XIV, D, 7) che fu copiato
nel 1471 e pubblicato, per questa parte, dal prof. VILLARI nel 1875.

[338] L'autore riferisce rozzamente tradotte le parole di FLORO I, 16
(Omnium non modo Italia — Samnitas invasit).

[339] EUSTAZIO DA MATERA nel suo _Planctus Italiae_; ved. sopra, p. 38.

[340] Ved. la _Vita di S. Atanasio_, sopra, p. 60.

[341] Mancano nel codice le parole «Mantua» ecc. che trovansi nelle
edizioni.

[342] Mancano nel codice le parole fra parentesi che riferiamo dalle
edizioni.

[343] Mancano nelle edizioni le parole: «a Lucillo — creavit.»

[344] Vuol dire Alessandro.

[345] Tutto questo capitolo, desunto per la più gran parte (benchè
forse non direttamente) da Gervasio, è molto abbreviato nelle stampe,
con aggiunta però delle parole che ho riferite a p. 139.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Virgilio nel Medio Evo, vol. II" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home