Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Il Parlamento Nazionale Napoletano per gli anni 1820 e 1821 - memorie e documenti
Author: Various
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Il Parlamento Nazionale Napoletano per gli anni 1820 e 1821 - memorie e documenti" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



              BIBLIOTECA STORICA DEL RISORGIMENTO ITALIANO

       pubblicata da T. Casini e V. Fiorini. — _Serie_ II, N. 10


                                   IL
                          PARLAMENTO NAZIONALE
                               NAPOLETANO

                        per gli anni 1820 e 1821


                          MEMORIE E DOCUMENTI

                               A CURA DI
                          VINCENZO FONTANAROSA



                                  ROMA
                    SOCIETÀ EDITRICE DANTE ALIGHIERI
                                  1900



                          PROPRIETÀ LETTERARIA
                 DELLA SOCIETÀ EDITRICE DANTE ALIGHIERI

     _Gli esemplari di questo volume non firmati dal gerente della
                  Società si ritengono contraffatti._

                 (017) Roma, Tipografia Enrico Voghera.



PARTE PRIMA

IL PARLAMENTO.



PARTE I.


                               _Viva Dio, il Re e la Costituzione!_

  Agli albori del 2 luglio 1820, due sottotenenti, Morelli e
  Salvati[1], e centoventisette fra sergenti e soldati del reggimento
  Reale Borbone cavalleria, disertarono dai quartieri di Nola,
  secondati dal prete Menichini e da venti settari carbonari,
  volgendo tutti ad Avellino per unirsi ad altri settari giorni
  innanzi sbanditi da Salerno e riparati colà, dove la sètta era
  numerosa e potente. Da Nola ad Avellino si cammina dieci miglia
  fra città e sobborghi popolosi, essendo fertile il terreno, l'aere
  salubre, gli abitatori disposti alla fatica, d'animo industrioso
  ed avaro. In mezzo a tante genti quel drappello, fuggitivo, non
  frettoloso, andava gridando: — _Viva Dio, Re, Costituzione!_ —
  e poichè il senso della politica voce non era ben compreso dagli
  ascoltanti, e direi dai promulgatori, ma per universali speranze
  i tributari vi scorgevano la minorazione dei tributi, i liberali
  la libertà, i buoni il bene, gli ambiziosi il potere, ognuno il
  suo meglio, a quel grido dissennato dei disertori rispondevano gli
  evviva di affascinato popolo. Vogliono le rivoluzioni una parola,
  sebben falsa, lusingatrice degli universali interessi; perocché le
  furie civili, mostrate nude, non troverebbero amatori o seguaci.

  Giunto il Morelli a Mercogliano, pose il campo, e scrisse lettere
  al tenente colonnello De Concilj, che stava in Avellino con
  autorità militare e potenza civile, essendogli patria quella città
  ed egli ricco, nobile, audace. Le lettere dicevano ch'eglino,
  primi, non soli, promulgavano il comune voto di governo piú libero;
  aiutasse l'impresa, desse gloria eterna al suo nome. Prima delle
  lettere, la fama aveva divulgato quelle mosse e costernate le
  autorità, concitate le milizie, sollevato e rallegrato il popolo.
  De Concilj restava incerto tra il secondar Morelli e combatterlo;
  aveva il pensiero, intanto, volto al governo[2].

Cosí cominciò quel moto che costrinse Re Ferdinando a dare la
Costituzione e giurarla[3]. La sedizione aumentava. Un reggimento
alloggiato a Foggia s'era aggiunto ai rivoltosi. La Puglia ed il
Molise eransi levate in armi, cosí pure Terra di Lavoro. A Napoli
furono aumentate le guardie a custodia della Reggia e pattuglie armate
percorrevano la città. Il generale Nunziante[4], dopo breve racconto
dell'animo avverso dei soldati, in un rapporto al Re scriveva:

— _Sire, la Costituzione è desiderio universale del vostro popolo; il
nostro opporre sarà vano. Io prego V. M. di concederla._

Al generale Pepe — tenuto come sospetto — si fece credere che il
governo del Re volesse incarcerarlo ed egli andò verso Monteforte,
seguito da due reggimenti di cavalleria che trovavansi pronti al ponte
della Maddalena. Piú tardi lo stesso Pepe si giustificò di questa sua
fuga. Nelle sue Memorie, a proposito d'una visita da lui fatta al Re,
dice:

  — Il duca di Calabria m'interruppe, per farmi cosa grata, dicendo:

  — Maestà, il generale Pepe se ne andò colla brigata in Monteforte
  perché gli dissero che qui sarebbe stato arrestato.

  A ciò risposi:

  — Altezza reale, io mal giustificherei la fidanza di cui mi onora
  in questo momento Sua Maestà, se confermassi ciò che a torto
  v'hanno riferito... La mossa dello squadrone di Nola fu un mero
  accidente senza del quale pochi giorni dopo, con ordini migliori,
  sarebbe successo quel che è successo: dacché ogni cosa era da
  me preparata: anzi ove alcuni miei ordinamenti non fossero stati
  ritardati, la sollevazione avrebbe avuto luogo negli ultimi giorni
  di giugno.

La voce del supposto arresto di Pepe fe' sí che cinque Carbonari, di
notte, penetrassero nella reggia fino agli appartamenti privati del Re
e dicessero al duca d'Ascoli, don Trojano Marulli:

— Siamo delegati di dire al Re che la quiete della città non può durare
se Sua Maestà non concede la bramata Costituzione. E settarî, cittadini
e popolo sono in armi: i Carbonari sono pronti, tutti attendono la
risposta del Re.

Il duca rispose: — Andrò a prenderla; — ed indi a poco tornato,
aggiunse che il Re aveva in animo di dare la Costituzione e ne studiava
in quel momento i termini coi suoi Ministri.

Gli fu chiesto:

— Quando sarà pubblicata?

— Subito.

— Ossia?

— Tra due ore.

Uno dei Carbonari si mosse e, distesa la mano senza parlare al
pendaglio dell'orologio del duca, glielo tirò di tasca inurbanamente
e vôlto il quadrante in modo ch'egli e il duca ne vedessero le ore,
aggiunse:

— È un'ora dopo mezzanotte: alle tre la Costituzione verrà pubblicata.

L'audace Carbonaro fu il duca Piccolelli, genero dell'Ascoli.

Realmente i Ministri, in quell'ora, circondavano il Re intimorendolo,
ed il marchese Circello in ispecie fu quello che lo convinse e lo fece
arrendere.

L'editto fu il seguente:

  ALLA NAZIONE DEL REGNO DELLE DUE SICILIE.

  Essendosi manifestato il voto generale della nazione del regno
  delle Due Sicilie di volere un governo costituzionale, di piena
  volontà consentiamo e promettiamo nel corso di otto giorni di
  pubblicarne le basi. Sino alla pubblicazione della Costituzione le
  leggi veglianti saranno in vigore.

  Soddisfatto in questo modo al voto pubblico, ordiniamo che le
  truppe ritornino ai loro corpi ed ogni altro alle sue ordinarie
  occupazioni.

  Napoli, 6 luglio 1820.

                                                         FERDINANDO

Questo editto fu anche firmato dal Segretario di Stato ministro
cancelliere, marchese Tommasi, e fu pubblicato nel _Giornale delle
Due Sicilie_, che dal giorno 8 luglio prese il nome di _Giornale
costituzionale delle Due Sicilie_.

Nelle prime ore del giorno il Re s'affacciò al balcone centrale
della reggia e fu accolto dai gridi del popolo: — Viva il Re! Viva la
Costituzione[5].

Però i torbidi ricominciarono piú furiosi nella stessa giornata per
la lettera scritta dal Re al figliuolo, duca di Calabria, colla quale
deponeva nelle sue mani l'autorità regia, dichiarandosi infermo, e per
l'editto al popolo in cui s'annunziava la medesima cosa[6].

Col cadere del giorno le grida aumentarono sí che nella reggia ne
furono spaventati, ed il duca, vicario generale, invitò (l'invito
diceva: _comunque vestiti_, tanta era la paura) pochi fidi generali ed
alcuni antichi consiglieri, e disse loro di tentare di porre argine in
un modo qualsiasi al movimento. Dopo molto discutere prò e contro si
venne a conchiudere nel decreto che riporto integralmente:

  La Costituzione del regno delle Due Sicilie sarà la stessa adottata
  per il regno della Spagna nel 1812 e sanzionata da S. M. Cattolica
  nel marzo di quest'anno corrente, salvo le modificazioni che la
  rappresentanza nazionale, costituzionalmente convocata, crederà
  di proporci per adattarla alle circostanze particolari dei reali
  dominii.

                                               FRANCESCO, _Vicario_

Questo però non bastò, perché il popolo diceva che il decreto doveva
essere firmato dal Re; e di qui nuovi tumulti sino a che lo stesso
decreto ricomparve firmato da Ferdinando di Borbone.

Le cose allora cambiarono d'aspetto: tornò la calma e l'allegrezza; la
sera tutti gli edifizi di Toledo furono illuminati. Piú ricca d'ogni
altra riuscí l'illuminazione nel palazzo del Nunzio Apostolico al largo
della Carità.

Il giorno 9 l'esercito costituzionale comandato dal tenente generale
Guglielmo Pepe[7] fece il suo solenne ingresso nella capitale e la sera
nel reale teatro _San Carlo_ si rappresentò _Solimano secondo_ e _Gli
amanti_ alla presenza del Vicario generale, della principessa e del
principe di Salerno. Erano presenti allo spettacolo anche il principe
di Danimarca ed il principe di Benthneim. Quel giorno fu vista la nuova
bandiera tricolore: rosso, nero ed azzurro[8].

I nuovi ministri furono: il conte Zurlo, il conte Ricciardi, il duca
di Campochiaro, il generale Carascosa, il cav. Macedonio e Ruggero
Settimo, parte designati dal Re, in parte imposti dal campo di
Monteforte.

Con decreto del giorno nove fu creata una giunta provvisoria di
quindici persone che dovevano essere consultati dal Vicario e dal
governo fino all'installazione del Parlamento, e l'incarico di formare
detta giunta fu dato al tenente generale Giuseppe Parisi, al cavaliere
Melchiorre Delfico, al tenente generale Florestano Pepe, al barone
Davide Whinspeare ed al cavaliere Giacinto Martucci.

La lista fu presentata e sulle venti persone proposte il Vicario
scelse le seguenti: monsignor Cardosa vescovo di Cassano, il duca di
Gallo, il procuratore generale della Suprema corte di giustizia Troysi,
l'avvocato generale della stessa Felice Parrilli, il giudice della Gran
corte civile di Napoli Angelo Abbatemarco, il colonnello Ferdinando
Visconti, il colonnello di cavalleria Giovanni Russo[9], tutti
Napoletani; il tenente generale Fardella, il principe di Camporeale ed
il capitano di vascello Staiti, di Sicilia.

Fu fissato il giorno tredici[10] di luglio per la cerimonia del
giuramento che ebbe luogo nella cappella privata di Palazzo Reale alle
undici di mattina.

Il re aveva alla dritta[11] il duca di Calabria principe ereditario ed
a sinistra il principe don Leopoldo di Salerno. Dietro si collocarono i
ministri, il generale in capo dell'armata costituzionale Guglielmo Pepe
ed i capi di Corte. Il cappellano maggiore, don Gabriele Maria Gravina
arcivescovo di Melitene, era vicino all'altare. Il re, dopo di aver
ricevuto dal presidente e da tutti i membri della giunta gli omaggi
secondo l'etichetta di Corte, dichiarò che intendeva mandare ad effetto
la sua ferma risoluzione di giurare l'osservanza della Costituzione;
quindi avverti la giunta di avvicinarsi all'altare, disse al cappellano
maggiore di presentargli i libri santi e pronunziò il seguente
giuramento:

  Io, Ferdinando di Borbone per la grazia di Dio e per la
  costituzione della Monarchia Napoletana, re, col nome di Ferdinando
  I, del regno delle due Sicilie, giuro in nome di Dio e sopra i
  Santi Evangeli che difenderò e conserverò....... (_seguivano le
  basi ordinarie della costituzione_). Se operassi contra il mio
  giuramento e centro qualunque articolo di esso non dovrò essere
  ubbidito, ed ogni operazione con cui vi contravvenissi sarà nulla
  e di nessun valore. Cosí facendo, Iddio mi aiuti e mi protegga;
  altrimenti me ne domandi conto.

Il giuramento profferito era scritto; finito di leggerlo il re alzò gli
occhi al cielo, li fissò alla croce e spontaneamente aggiunse:

  Onnipotente Iddio che collo sguardo infinito leggi nell'anima e
  nell'avvenire, se io mentisco o se dovrò mancare al giuramento,
  tu in questo istante dirigi sopra il mio capo i fulmini delle tue
  vendette.

Giurarono i figliuoli, dopo, ed immediatamente tutti gli altri; e il
Pepe racconta:

  Si avvicinò a me, che per debita modestia tenevami lungi fra
  gli ultimi, e mi disse col volto bagnato di lagrime: «Credimi,
  generale, questa volta ho giurato dal fondo del cuore»[12].

La sera vi fu spettacolo e grande illuminazione. A San Carlo fu
rappresentato _Khoa-Kang, la donna del lago_; al Teatro Nuovo: _La
giardiniera abruzzese_; al San Carlino: _Le cantanti_ ed alla Fenice
_L'impostore_[13].

Data la Costituzione, giuratala cosí solennemente, bisognava dar
principio alle nuove riforme ed ai novelli ordinamenti, e cosí
infatti si fece, col decretare le elezioni dei deputati al Parlamento
Nazionale[14].

                                   *
                                  * *

Ecco il decreto col quale si davano le norme per le elezioni:

                             FERDINANDO I.

  PER LA GRAZIA DI DIO E PER LA COSTITUZIONE DELLA MONARCHIA RE
  DEL REGNO DELLE DUE SICILIE, RE DI GERUSALEMME, ECC.: INFANTE
  DI SPAGNA, DUCA DI PARMA, PIACENZA, CASTRO, ECC.: GRAN PRINCIPE
  EREDITARIO DI TOSCANA, ECC. ECC.

  _Noi, Francesco duca di Calabria principe ereditario e vicario
  generale._

  Intesa la Giunta provvisoria consultiva di governo abbiamo risoluto
  di decretare e decretiamo quanto segue:

  _Art. 1._ Il Parlamento nazionale per gli anni 1820 e 1821 si
  convoca secondo il prescritto degli articoli 104 e 108 al Capitolo
  VI Titolo III della Costituzione Spagnuola, adottata per lo regno
  delle due Sicilie.

  Sarà convocato in Napoli.

  _Art. 2._ A tale effetto si procederà alle elezioni conformemente
  a quanto ordina la Costituzione nei Capitoli I-V del Titolo III e
  secondo la forma che qui si prescrive.

  _Art. 3._ Per questa prima volta l'apertura delle sessioni del
  Parlamento avrà luogo nel dí primo d'ottobre del corrente anno.

  _Art. 4._ Attesa l'urgenza delle convocazioni del Parlamento
  non saranno per questa volta osservati gli intervalli stabiliti
  dalla Costituzione tra le Giunte parrocchiali, distrettuali
  e provinciali. Le parrocchiali si uniranno nella domenica 20
  d'agosto, le distrettuali nella domenica 27 del suddetto mese
  d'agosto, e le provinciali nella domenica 3 di settembre;
  procedendosi in tutte conformemente alle istruzioni che
  accompagnano il seguente decreto.

  _Art. 5._ Verificate le elezioni dei deputati, dovranno questi
  trovarsi nella città di Napoli dieci giorni innanzi l'apertura del
  Parlamento.

  _Art. 6._ I deputati, nell'arrivare, assisteranno il Segretario di
  Stato ministro degli affari interni, onde far registrare i loro
  nomi e quello della provincia che gli ha eletti, come dovrebbesi
  praticare, se esistesse la deputazione permanente del Parlamento,
  in virtú dell'articolo III della Costituzione. Il Segretario
  di Stato farà comunicazione di tutto alla Giunta provvisoria
  consultiva di governo.

  _Art. 7._ I deputati dovranno portare le ampie facoltà degli
  elettori, secondo la formola inserita nelle istruzioni che
  accompagnano il presente decreto.

  _Art. 8._ Non esistendo la deputazione permanente che deve
  presiedere le Giunte preparatorie del Parlamento, e raccorre i nomi
  dei deputati, i deputati per supplire a tale mancanza si uniranno
  il dí 22 settembre in prima giunta preparatoria e nomineranno
  tra di loro a pluralità di voti e per questo solo oggetto il
  presidente, il segretario e gli esaminatori dei quali parla l'art.
  112 della Costituzione in luogo delle commissioni di cinque e tre
  individui che prescrive l'art. 113 per l'esame delle facoltà. La
  seconda Giunta preparatoria si unirà il dí 25 di settembre, e le
  altre se fossero necessarie infino al dí 28 di questo mese, in
  cui si terrà l'ultima giunta provvisoria. A questo modo resterà
  costituito e formato il Parlamento che darà principio alle sue
  sessioni il dí 1º d'ottobre conformemente agli articoli 114-123
  della Costituzione.

  _Art. 9._ Sarà destinato con altro decreto un locale per le
  sessioni del Parlamento[15] in questo anno, salvo a determinare per
  le future sessioni di accordo col Parlamento un locale stabile.

  _Art. 10._ In quanto alle variazioni contenute nel presente
  decreto per rispetto alla convocazione del Parlamento, alle giunte
  elettorali ed all'epoca dell'apertura del Parlamento medesimo,
  dichiariamo esser questo l'effetto indispensabile delle circostanze
  e della imminenza che è di stabilire il nuovo regime; dovendosi,
  col tempo successivo, eseguire letteralmente tutto quello che
  è stabilito nella Costituzione politica adottata, salvo le
  modificazioni che verranno proposte nel Parlamento medesimo.

  _Art. 11._ Il nostro Segretario di Stato, ministro per gli affari
  interni è incaricato dell'esecuzione del presente decreto.

      Napoli il dí 22 di luglio 1820.

                      FRANCESCO, VICARIO GENERALE.

                    _Il Segretario di Stato per gli affari interni_
                                                    GIUSEPPE ZURLO.

Cosí gli animi si volsero alle cure delle prossime elezioni.

In questo spazio di tempo Palermo insorse, e fu mandato a domare la
sedizione, dopo molte preghiere, Florestano Pepe fratello di Guglielmo,
ed una squadriglia al comando di Bausan che salpò da Napoli sul finire
d'agosto. Palermo si arrendeva agli 11 d'ottobre ed eccone l'avviso
ufficiale[16]:

                      _Ultime notizie di Palermo:_

  Palermo s'è resa. Le nostre truppe l'ànno tutta occupata. Una
  perfetta tranquillità è succeduta al disordine che ivi è dominato
  finora. Trentasette morti e 200 feriti è tutta la perdita che
  contiamo: tra i primi con rammarico si annovera il prode capitano
  Cosa[17].

  Abbiamo questa lieta novella per mezzo d'una bombardiera comandata
  dal signor Michele Astarita, proveniente da quella città in 34 ore,
  ed ha recato sul suo bordo l'aiutante di campo di S. E. il generale
  don Florestano Pepe.

  Tra le condizioni fissate fra questo bravo generale ed i
  Palermitani, per ora si sa che questi ultimi pagheranno le spese
  della guerra. Villafranca perseguitato s'è rifuggito in Trapani.

      Napoli 11 ottobre 1820.

Per quella prima ed unica volta fu nominato un _delegato speciale_
per presiedere la giunta preparatoria d'ogni provincia, nominato
dal governo su triplice lista presentata dalla giunta provvisoria
consultiva di governo.

Questi delegati speciali furono: per la provincia di Napoli, Tommaso
de Liso; Terra di Lavoro, Carlo Cianciulli; Principato Ulteriore, il
colonnello dei militi De Filippis; Principato Citeriore, Giustiniano
Vecchio; Capitanata, Giulio Cassitti; Terra di Bari, Domenico Acclario;
Terra d'Otranto, Benedetto Mangarelli; Molise, Eugenio Palassolo;
Basilicata, Saverio Carelli; Calabria citeriore, il barone Ferrari;
Calabria Ulteriore (seconda), Gregorio Rossi; 1ª Calabria Ulteriore,
Giacinto Sacco; 2ª Abruzzo Ulteriore, marchese Quinzio; 1ª Abruzzo
ulteriore, il presidente Arcovito; Abruzzo Citeriore, Francesco
Mezzanotte; Valle di Palermo, Salvatore Finocchino; Messina, monsignor
Grano; Catania, Carlo Pagliari; Siragusa, Gerolamo Bartolini;
Caltanisetta, Mauro Cominelli; Girgenti, Giuseppe Sileggio; Trapani,
Giuseppe Lombardo[18].

Ciascuno di questi delegati con un ecclesiastico ed un capo di
famiglia nominarono altri quattro cittadini per precisare le diverse
giunte preparatorie. Ognuna di esse poi, avvenuta l'elezione, doveva
presentare al Segretariato di Stato degli affari interni le _mappe_
relative, col nome di tutti gli elettori. Alla Nazionale di Napoli è
conservato[19] il rapporto del delegato speciale de Liso per la giunta
preparatoria della provincia di Napoli.

Ecco gli articoli della Costituzione Spagnuola dell'anno 1812
concernenti il sistema delle elezioni[20].

  CAPITOLO II.

  DELLA NOMINA DEI DEPUTATI PER LE CORTI.

  _Art. 34._ Per la nomina di questi deputati si convocheranno le
  _Giunte_ elettorali di _parrocchia, partito_ e _provincia_.


  CAPITOLO III.

  DELLE GIUNTE ELETTORALI DI PARROCCHIA.

  _Art. 35._ Le giunte elettorali di parrocchia si comporranno
  di tutti i cittadini domiciliati e residenti nel territorio
  rispettivo: fra i quali sono compresi gli ecclesiastici secolari.

  _Art. 36._ Nella penisola, nelle isole e nelle possessioni
  adiacenti si convocheranno sempre queste _Giunte_ la prima
  domenica del mese di ottobre dell'anno precedente a quello della
  convocazione delle _Corti_.

  _Art. 37._ Nelle provincie di oltremare si convocheranno tali
  _Giunte_ la prima domenica del mese di dicembre, e quindici mesi
  prima della convocazione delle _Corti_, in seguito dell'avviso
  che per le une e per le altre dovranno dare anticipatamente le
  pubbliche autorità.

  _Art. 38._ Nelle _Giunte_ di parrocchia si nominerà un elettore
  parrocchiale per ogni 200 capi di famiglia.

  _Art. 39._ Quando il numero de' capi di famiglia della parrocchia
  ecceda quello di trecento, sebbene non giunga a 400 si nomineranno
  due elettori, quando ecceda il numero di 500, ne saranno nominati
  tre e cosí progressivamente.

  _Art. 40._ Nelle parrocchie, il di cui numero di capi di famiglia
  non ascende a dugento né a cencinquanta almeno, si nominerà un
  elettore: nelle parrocchie in cui non si abbia almeno questo
  numero, i capi di famiglia si riuniranno a quei dell'altra
  immediata, che riuniti nomineranno l'elettore, o gli elettori, in
  proporzione del numero che risulti dalla loro riunione.

  _Art. 41._ La _Giunta_ parrocchiale eleggerà a pluralità di voti
  undici _compromessarî_:[21] ed essi nomineranno in seguito un
  elettore parrocchiale.

  _Art. 42._ Quando nella _Giunta_ parrocchiale dovessero eleggersi
  due elettori parrocchiali, si nomineranno preventivamente ventuno
  _compromessarî_. Quando il numero degli elettori fosse di tre,
  quello dei _compromessarî_ sarà di trentuno. Lo stesso numero di
  trentuno compromessarî dovrà impiegarsi in tutti gli altri casi
  successivi che progressivamente potranno occorrere, onde schivare
  la confusione.

  _Art. 43_. Ad oggetto di proporzionare dei mezzi facili e pronti
  anche alle piú piccole popolazioni, rimane stabilito che la
  parrocchia, i di cui capi di famiglia ascendano a venti nominerà un
  _compromessario_: la parrocchia che abbia trenta o quaranta capi di
  famiglia, nominerà due _compromessarî_ e cosí via. La parrocchia
  che avesse meno di venti di detti capi, si riunirà alla piú
  immediata per la elezione dei _compromessarî_.

  _Art. 44._ I _compromessarî_ delle parrocchie delle piccole
  popolazioni eletti nel modo additato, si riuniranno nel sito
  piú atto all'uopo: o quando il numero monti a undici o a nove
  almeno nomineranno un elettore parrocchiale; se il numero dei
  _compromessarî_ monti a ventuno o almeno a diciassette, nomineranno
  due elettori parrocchiali; quando il numero dei _compromessarî_
  monti a trentuno, nomineranno tre elettori o quelli che
  corrispondano al loro numero.

  _Art. 45._ Per essere nominato elettore parrocchiale si richiede
  la qualità di cittadino, l'età di 25 anni compiti ed essere
  domiciliato nella parrocchia.

  _Art. 46._ Le Giunte delle parrocchie saranno presiedute dal
  corpo politico o dell'_alcaide_[22] della città, paese o villaggio
  dove si congregassero: e dovrà assistervi il parroco per maggiore
  solennità dell'atto. Se in uno stesso luogo, per ragione di numero,
  dovessero congregarsi due o piú _Giunte_ una di queste verrà
  presieduta dal capo politico o dall'_alcaide_ del luogo, l'altra
  dall'altro _alcaide_ e le rimanenti da _reggitori_ eletti a sorte.

  _Art. 47._ Giunta l'ora della riunione che seguirà nelle case
  comunali, o ne' luoghi ove sia solito riunirsi, dopo che i
  cittadini vi sieno giunti, passeranno insieme riuniti col di loro
  presidente alla parrocchia. In questa sarà quindi celebrata la
  messa solenne dello Spirito Santo dal parroco che pronunzierà
  altresí un discorso analogo alla circostanza.

  _Art. 48._ Terminata la messa ritorneranno al luogo donde
  partirono, ed in esso si darà principio alla _Giunta_, nominando a
  questo riguardo, due scrutinatori ed un segretario tra i cittadini
  presenti: tutto a porta aperta.

  _Art. 49._ Ciò seguito, domanderà il presidente se alcuno dei
  cittadini avesse doglienza alcuna da esporre, subornazione o
  corruzione, onde l'elezione ricada su qualche persona determinata
  che quando ciò fosse, dovrà immantinenti farsene pubblico processo
  verbale. Risultando certa l'accusa, saranno i delinquenti privati
  di voce attiva e passiva; risultando calunniosa, soffriranno i
  calunniatori la stessa pena: e di tal giudizio non si ammetterà
  gravame alcuno.

  _Art. 50._ Se sorgessero dubbi su d'alcuno dei presenti, quanto
  alla concorrenza in questi delle qualità richieste per votare,
  la stessa _Giunta_ deciderà sull'istante ciò che ne pensa; e le
  sue decisioni si eseguiranno senza gravame alcuno per questa sola
  volta, e per questo solo effetto.

  _Art. 51._ Si procederà in seguito e senza ritardo alcuno alla
  nomina dei _compromessarî_. A tal uopo ogni cittadino si avvicinerà
  alla tavola presso di cui seggono il presidente, gli scrutinatori
  ed il segretario, e nominerà un numero di persone uguale a quello
  dei _compromessarî_ da eleggersi. Il segretario formerà un elenco
  dei nomi delle persone nominate, e ciò in presenza del nominatore.
  Tanto in questo, quanto negli altri atti d'elezione, niuno potrà
  dare il voto a se stesso sotto pena di perdere il dritto di votare.

  _Art. 52._ Terminato questo primo atto d'iscrizione, il presidente,
  gli scrutinatori ed il segretario scrutineranno le liste formate,
  indi verranno pubblicati ad alta voce dal segretario i nomi dei
  cittadini eletti compromessarî per aver riunito un numero maggiore
  di voti.

  _Art. 53._ I _compromessarî_ nominati si ritireranno in luogo
  separato da scegliersi dalla _Giunta_ e conferendo fra essi
  procederanno alla nomina dell'elettore o degli elettori di quella
  parrocchia, eleggendo la persona o le persone che riuniscono piú
  della metà dei voti. Ciò fatto si nominerà tal nome dalla _Giunta_.

  _Art. 54._ Il segretario distenderà un atto firmato da esso dal
  presidente e dai _compromessarî_ e ne darà copia firmata dalle
  stesse persone all'eletto o agli eletti onde possano far constare
  la di loro nomina.

  _Art. 55._ Niun cittadino potrà scusarsi a queste funzioni per
  qualsivoglia motivo o pretesto.

  _Art. 56._ Nella _Giunta_ parrocchiale niun cittadino potrà
  presentarsi armato.

  _Art. 57._ Seguita che sarà la nomina degli elettori, la _Giunta_
  verrà immantinenti sciolta; e sarà nullo qualunque altro atto in
  cui volesse ingerirsi.

  _Art. 58._ I cittadini che han composta la _Giunta_ si
  trasferiranno nuovamente alla parrocchia, ove si canterà un _Te
  Deum_ solenne, conducendo l'elettore ossia elettori fra essi, il
  presidente gli scrutinatori ed il segretario.


  CAPITOLO IV.

  DELLE GIUNTE ELETTORALI DI PARTITO[23].

  _Art. 59._ Le Giunte elettorali di Partito si comporranno di
  elettori parrocchiali che dovranno congregarsi nel capoluogo di
  ogni _partito_ ad oggetto di nominare l'elettore o gli elettori, i
  quali debbono in seguito trasferirsi nel capoluogo della provincia,
  onde eleggere i deputati per le _Corti_.

  _Art. 60_. Queste _Giunte_ si convocheranno sempre nella penisola,
  nelle isole e nelle possessioni adiacenti, la prima domenica del
  mese di novembre dell'anno antecedente a quello in cui debbono
  formarsi le _Corti_.

  _Art. 61._ Nelle provincie d'oltre mare si convocheranno tali
  _Giunte_ la prima domenica del mese di gennaio prossimo seguente
  a quello di dicembre in cui siensi convocate le _Giunte_ di
  parrocchia.

  _Art. 62._ Per conoscere il numero degli elettori che ogni partito
  deve nominare si attenderà ai seguenti precetti:

  _Art. 63._ Il numero degli elettori di partito sarà il triplo di
  quello dei deputati che debbonsi eleggere.

  _Art. 64._ Se il numero dei _partiti_ della provincia fosse
  maggiore di quello degli elettori che si richiedono in conformità
  dell'articolo precedente, per la nomina dei deputati che gli
  corrispondono, si nominerà, ciò non ostante, un elettore per ogni
  partito.

  _Art. 65._ Se il numero dei partiti fosse minore di quello degli
  elettori che debbonsi nominare, ciascun partito ne eleggerà uno,
  due, tre o piú, fino al completo del numero che si richiede. Se
  mancasse un elettore, verrà questi nominato dal _partito_ che abbia
  maggiore popolazione; se ne mancasse un secondo sarà nominato
  dal partito immediato che piú abbondi in popolazione e cosí
  successivamente.

  _Art. 66._ Dopo ciò che si è stabilito negli art. 31, 32, 33 e
  nei tre ultimi precedenti, il censimento determina quanti deputati
  corrispondono ad ogni provincia e quanti elettori ad ogni partito.

  _Art. 67._ Le Giunte elettorali di _partito_ verranno presiedute
  dal capo politico o dal primo _alcaide_ del capoluogo del partito:
  ed a questi funzionari si presenteranno gli elettori parrocchiali
  muniti dei documenti che assicurino la di loro elezione, onde i di
  loro nomi vengano registrati nel libro in cui debbono distendersi
  gli atti della Giunta.

  _Art. 68._ Nel giorno stabilito si riuniranno gli elettori di
  parrocchia col presidente nelle sale decurionali, a porte aperte,
  e daranno principio alle di loro funzioni colla nomina d'un
  segretario e di due scrutinatori scelti tra' medesimi elettori.

  _Art. 69._ Gli elettori presenteranno in seguito il certificato
  della di loro nomina, onde essere esaminati da essi segretario
  e scrutinatori, ove dovranno nel giorno seguente informare se i
  certificati presentati siano o no in regola. I certificati del
  segretario e degli scrutinatori saranno quindi esaminati da una
  commissione composta di tre individui della Giunta nominati a
  questo oggetto: ed essi dovranno del pari nel giorno seguente
  informare della validità di tali documenti.

  _Art. 70._ In questo giorno, dopo che saranno nominati gli elettori
  parrocchiali, si leggeranno gli informi che risulteranno da'
  certificati presentati: e se vi sia cosa da opporre agli accennati
  documenti, o agli elettori per mancanza di alcuna delle circostanze
  richieste, la _Giunta_ deciderà definitivamente, senza interrompere
  le sue funzioni, ciò che ne giudichi: e tali giudizi verranno
  eseguiti senza gravame.

  _Art. 71._ Terminato questo atto gli elettori parrocchiali col
  di loro presidente si trasferiranno alla Chiesa maggiore, ove si
  canterà la messa solenne dello Spirito Santo dall'ecclesiastico di
  maggiore dignità che pronunzierà altresí un discorso analogo alle
  circostanze.

  _Art. 72._ Dopo quest'atto religioso si restituiranno tutti alle
  case comunali: gli elettori si sederanno senza preferenza alcuna;
  ed il segretario leggerà alla di loro presenza questo capitolo
  della Costituzione. Il presidente quindi farà la stessa domanda
  enunciata nell'art. 49 ed a questo riguardo si osserverà quanto si
  prescrive nel medesimo articolo.

  _Art. 73._ Si procederà immantinente alla nomina dell'elettore, o
  degli elettori di _partito_, eleggendoli da uno in uno per mezzo
  di scrutinio segreto, e con cartelli, nei quali sia notato il nome
  della persona che si elegge.

  _Art. 74._ Tosto che siensi presi tutti i voti nella forma
  prescritta, il presidente, il segretario e gli scrutinatori li
  ordineranno, e rimarrà eletto quegli che ne abbia avuto almeno un
  voto piú della metà: ciò fatto, il presidente pubblicherà ciascuna
  elezione. Se niuno avesse riunito la pluralità assoluta di voti,
  pe' due che abbiano ottenuto il maggior numero si praticherà un
  secondo scrutinio, e rimarrà eletto quegli che abbia raccolto il
  maggior numero di voti. Nel caso di parità deciderà la sorte.

  _Art. 75._ Per essere eletti di _partito_ si richiede la qualità
  di cittadino nell'esercizio dei suoi diritti: l'età di venticinque
  anni almeno compiti e quella di capo di famiglia residente nel
  _partito_ benché sia secolare, o ecclesiastico secolare. Nel
  fissare la circostanza di residente nel _partito_ si è avuto
  presente quella elezione che potrebbe ricadere o nei cittadini che
  compongono la _Giunta_ o in quelli assenti da questa.

  _Art. 76._ Il segretario distenderà un atto firmato da esso, dal
  presidente e dagli scrutinatori e ne darà copia firmata dalle
  stesse persone all'eletto, o agli eletti, onde possano far constare
  la di loro nomina. Il presidente della _Giunta_ rimetterà altra
  copia conforme firmata da esso e dal segretario al presidente della
  _Giunta_ della provincia ove l'elezione avvenuta sarà iscritta nei
  pubblici fogli.

  _Art. 77._ Nelle Giunte elettorali di _partito_ si osserverà quanto
  si previene per le _Giunte_ elettorali di parrocchia negli art. 55
  e 58.


  CAPITOLO V.

  DELLE GIUNTE ELETTORALI DI PROVINCIA.

  _Art. 78._ Le Giunte elettorali di provincia si comporranno dagli
  elettori di tutti i _partiti_ della medesima, che si riuniranno
  nel capoluogo ad oggetto di nominare i corrispondenti deputati
  per assistere presso le _Corti_ in qualità di rappresentanti della
  nazione.

  _Art. 79._ Queste Giunte si convocheranno sempre nella penisola
  e nelle isole adiacenti la prima domenica del mese di dicembre
  dell'anno antecedente a quello della formazione delle _Corti_.

  _Art. 80._ Nelle provincie d'oltremare si convocheranno la seconda
  domenica del mese di marzo dell'anno stesso in cui si convochino le
  Giunte di partito.

  _Art. 81._ Le Giunte elettorali di provincia saranno presiedute dal
  capo politico del capoluogo della provincia a cui si presenteranno
  gli elettori di partito muniti del documento della di loro
  elezione, onde i nomi di essi vengano notati nel libro in cui si
  debbono distendere gli atti della Giunta.

  _Art. 82._ Nel giorno designato si riuniranno gli elettori col
  presidente, a porte aperte, nelle case comunali, o in altro
  edifizio che si giudichi piú convenevole per adempire un atto
  cosí solenne. Daranno quindi principio alle di loro funzioni colla
  nomina a pluralità di voti d'un segretario e di due scrutinatori
  scelti fra gli stessi elettori.

  _Art. 83._ Se ad alcuna provincia corrisponda un sol depurato,
  concorreranno nella di lui nomina almeno cinque elettori;
  distribuendosi questo numero tra i partiti che compongono la
  provincia o formandone dei nuovi per questo solo effetto.

  _Art. 84._ Si leggeranno i quattro capitoli della presente
  Costituzione che trattano dell'elezione ed indi gli atti
  delle elezioni fatte nei capiluoghi dei _partiti_, rimesse dai
  rispettivi presidenti. Dovranno del pari gli elettori manifestare
  i certificati della di loro nomina, ond'essere esaminati dal
  segretario o dagli scrutinatori; e questi nel giorno seguente
  dovranno rappresentare se quei documenti sieno o no in regola. I
  certificati del segretario e degli scrutinatori sono esaminati da
  una commissione composta di tre individui della Giunta nominati a
  quest'oggetto, e dovranno essi altresí dare nel giorno susseguente
  il di loro parere dei medesimi documenti.

  _Art. 85._ Riuniti che saranno in questo giorno gli elettori
  di partito si leggeranno gli informi rispettivi sui documenti
  manifestati e se sorgessero dei dubbî da apporre a tali documenti,
  agli elettori per deficienza di alcuna delle qualità richieste la
  Giunta risolverà definitivamente, e senza interruzione delle sue
  funzioni ciò che le sembri opportuno. Queste risoluzioni saranno
  eseguite senza gravame.

  _Art. 86._ Gli elettori di _partito_ col di loro presidente si
  dirigeranno in seguito alla cattedrale, ove si canterà la messa
  dello Spirito Santo; ed il vescovo pronunzierà un discorso[24].

  _Art. 87._ Terminato quest'atto religioso, ritorneranno tutti al
  luogo donde partirono; ed a porte aperte dopo che gli elettori
  sieno seduti senza preferenza alcuna, farà il presidente la stessa
  domanda esposta nell'art. 49, osservandosi pienamente a questo
  riguardo, quanto si prescrive nell'articolo medesimo.

  _Art. 88._ In seguito si procederà dagli elettori che sono presenti
  alla elezione del deputato, o dei deputati, da uno in uno; gli
  elettori a questo oggetto si avvicineranno alla tavola presso di
  cui seggono il presidente, gli scrutinatori ed il segretario, e
  questi nella presenza dei nominatori scriverà nei registri il nome
  della persona da essi eletta. Il segretario e gli scrutinatori
  saranno i primi a dare il loro voto.

  _Art. 89._ Subito che siensi presi tutti i voti; il presidente,
  il segretario e gli scrutinatori gli ordineranno, e rimarrà eletto
  quelli che abbia raccolto almeno un voto piú della metà. Se niuno
  avesse raccolto la pluralità assoluta dei voti, pei due che ne
  avessero ottenuto il maggior numero si praticherà un secondo
  scrutinio, e rimarrà eletto quegli che riunisca la pluralità.
  Terminata l'elezione sarà immantinente pubblicata dal presidente.

  _Art. 90._ Dopo l'elezione dei deputati si procederà a quella dei
  supplenti collo stesso metodo e forma; ed il di loro numero sarà in
  ogni provincia la terza parte dei suoi corrispondenti deputati. Se
  ad alcuna provincia spettasse soltanto la elezione di uno, o di due
  deputati, eleggerà ciò non ostante un deputato supplente. Questi
  assisteranno presso le _Corti_ sempre quando si verifichi la morte
  del proprietario o a parere delle stesse Corti la sua impossibilità
  di rappresentare, e ciò in qualunque tempo che avvenga o l'uno o
  l'altro accidente, dopo seguita la elezione.

  _Art. 91._ Per essere deputato si richiede la qualità di cittadino
  nello esercizio dei suoi diritti: l'età di venticinque anni
  compiuti, e la nascita nella stessa provincia, o il domicilio in
  essa con sette anni almeno di residenza, tanto se sia del ceto
  secolare quanto dell'ecclesiastico secolare.

  Nel fissare l'accennata residenza si è avuto presente che
  l'elezione può ricadere nei cittadini che compongono la Giunta e
  nei cittadini assenti di questa.

  _Art. 92._ Per essere deputato di Corti si richiede altresí il
  possesso d'una proporzionata rendita annuale procedente dai beni
  proprî.

  _Art. 93._ La disposizione dell'articolo precedente rimane sospesa
  sino a che le _Corti_ che dovranno riunirsi, dichiarino essere
  giunto il momento e disegnino cosí la quota della rendita, come
  la qualità dei beni da cui debba procedere. Ciò che le Corti
  decideranno a quell'epoca, si terrà per costituzionale, e come se
  fosse qui espresso.

  _Art. 94._ Se avvenisse che la stessa persona sia eletta dalla
  provincia di sua nascita, e da quella in cui sta domiciliata
  sussisterà la elezione per causa di domicilio; e per la
  provincia di sua nascita verrà presso le Corti il supplente a cui
  corrisponda[25].

  _Art. 95._ Le segreterie di Stato, i consiglieri di Stato, e tutti
  coloro che occupano impieghi della casa reale non potranno essere
  eletti deputati.

  _Art. 96._ Neppure potrà essere eletto deputato qualunque
  straniero; sebbene abbia ottenuto decreto di nazionalità.

  _Art. 97._ Niuno impiegato pubblico nominato dal governo potrà
  essere eletto deputato per la provincia in cui esercita le sue
  funzioni.

  _Art. 98._ Il segretario distenderà l'atto della elezione, e lo
  firmerà una col presidente e con tutti gli elettori.

  _Art. 99._ Tutti gli elettori in seguito, senza esenzione, daranno
  a tutti, ed a ciascuno dei deputati eletti ampli poteri nella
  forma che in appresso si prescrive, onde presentarsi nelle _Corti_.
  Ciascun deputato dovrà separatamente ricevere una copia uniforme di
  tali poteri.

  _Art. 100._ I poteri saranno concepiti nei termini seguenti:

  Nella città, o villaggio di..... il giorno..... del mese di.....
  dell'anno.... nella sala di.... essendosi congregati i signori
  (_seguiranno i nomi del presidente e degli elettori_) hanno
  dichiarate innanzi a me pubblico notaro ed a testimoni chiamati
  a quest'oggetto, che essendosi proceduto in conformità della
  Costituzione politica della Monarchia Spagnola, alla nomina
  degli elettori parrocchiali e di partito, con tutte le solennità
  prescritte dalla stessa Costituzione, siccome constava dai
  certificati originali a questo riguardo; ed essendosi riuniti
  in seguito gli elettori suddetti dei _partiti_ della provincia
  di...... del corrente anno...... mese...... giorno...... hanno
  nominato i deputati che in nome di questa provincia debbano
  concorrere per rappresentarla alle Corti, e che furono eletti per
  tali deputati dalla stessa provincia i signori N. N. N. siccome
  consta dall'atto disteso e firmato. Per conseguenza i nominati
  elettori concedono ampli poteri ai medesimi deputati insieme
  riuniti ed a ciascuno d'essi in particolare, onde adempiere e
  disimpegnare le auguste funzioni dei di loro incarichi[26].

  E perché riuniti cogli altri deputati di Corti come rappresentanti
  della Nazione Spagnola possano concedere e risolvere quanto
  giudichino convenevole al bene generale della stessa, dovendo in
  ciò usare delle facoltà fissate dalla Costituzione, e conservarsi
  nei limiti prescritti da questa, senza poter derogare, alterare o
  variare in modo e sotto pretesto alcuno niuno dei suoi articoli,
  gli stessi elettori quindi in virtú di tutte le facoltà ad essi
  concedute per l'adempimento del presente atto si obbligano, tanto
  in nome proprio quanto in quello di tutti i capi di famiglia di
  questa provincia a tener per valido, ubbidire ed adempiere tutto
  ciò che i nominati deputati di Corti facessero, e tuttociò che
  da queste si risolvesse in conformità della Costituzione politica
  della Monarchia Spagnola[27]. Tanto hanno dichiarato e concesso in
  presenza dei testimoni N. N. che insieme con essi elettori si sono
  firmati. Di tutto ciò fò fede, ecc.

  _Art. 101._ Il presidente, gli scrutinatori e il segretario
  rimetteranno immantinenti una copia da essi firmata dell'atto
  seguito delle elezioni alla deputazione permanente delle _Corti_,
  e procureranno che tali elezioni si pubblichino per mezzo della
  stampa, e di queste si spedisca copia ad ognuna delle popolazioni
  della provincia.

  _Art. 102._ I deputati godranno d'una indennità a carico delle
  rispettive Provincie e la di cui quantità verrà fissata dalle
  _Corti_ nel second'anno d'ogni deputazione generale. A' deputati
  d'oltremare si abbonerà altresí per ispesa di gita e ritorno la
  somma che giudichino necessaria le rispettive Provincie a cui
  appartengono.

  _Art. 103._ Nelle _Giunte_ elettorali della Provincia si osserverà
  quanto si prescrive negli art. 55-58. In queste Giunte rimarrà
  luogo ciò che si prescrive nell'art. 328[28].

Stabilite cosí le cose, niente altro rimaneva a fare che nominare i
deputati al solenne Congresso.

Nei tre mesi che precedettero le elezioni è fama che Ferdinando I
passeggiando pei dorati saloni della sua reggia esclamasse in presenza
dei suoi cortigiani piú devoti: — Sono nato libero e voglio morir
libero! Significando che la sua libertà non era compatibile con
quella dei suoi popoli. Certo che in quei giorni si mostrò sempre poco
inchinevole al nuovo ordine di cose e non solo cessò di frequentare i
teatri dei quali era amantissimo, ma si astenne dall'andare alla parata
di Piedigrotta, il dí 8 di settembre, cosa che destò quasi uno scandalo
in Napoli[29].

Ora bisogna notare che le provincie essendo tenute in ordine
dall'esercito, ed essendo i militari elettori di primo grado, grande fu
la loro influenza sugli elettori. I ministri ne aspettavano con ansia i
risultati temendo che fossero scelti a deputati i patriotti piú caldi e
piú avventati.

Pure fra i settantadue eletti nel Napoletano pochissimi avevano voce di
sfrenati Carbonari. Dei deputati uno era cardinale[30], nove sacerdoti,
ventiquattro possidenti, otto professori di scienze, undici magistrati,
due impiegati del governo, nove dottori, cinque militari e tre
negozianti.

Le elezioni furono fatte _onestissimamente_ ed il Colletti si lagna che
vi furono eletti due nobili unicamente. Ecco le sue precise parole:

  I collegi elettorali mostraronsi avversi all'antica nobiltà, cui
  spesso disonestamente impedivano il diritto comune di dare il
  voto. Furono ingiusti ed ingrati, perciocchè la legge non esclude
  i nobili; e non vi ha in Napoli altra nobiltà che di nome e questi
  nomi, Colonna, Caracciolo, Pignatelli, Serra diedero alla scure il
  primo sangue per amore di nobiltà[31].

Terminate le elezioni, venuti gli eletti a Napoli si ebbero le sessioni
preparatorie, che si tennero nell'antica biblioteca di Monteoliveto, e
si fissò il giorno della solenne apertura.

Ferdinando I avrebbe voluto che mai fosse realmente giunto questo
giorno, e, quando vide che non era piú possibile indietreggiare d'un
passo solo, fece sentire pel Conte Zurlo che avrebbe dato l'incarico
d'assistere alla cerimonia al figlio Francesco quale suo vicario.

I deputati energicamente risposero che ove il Re perseverasse in tale
idea, essi non si sarebbero radunati ed avrebbero invitato il generale
Pepe[32], a nome del bene pubblico, a non deporre il comando. Il Re
intimidito promise di recarsi all'apertura del Congresso e di giurare.

Nell'ultima seduta tenuta dalla Giunta preparatoria si diede lettura di
una lettera del ministro dell'interno, colla quale invece della chiesa
di San Sebastiano si prescriveva per la cerimonia quella dello Spirito
Santo a Toledo, molto piú vasta ed adatta all'uopo[33].

In quest'ultima adunanza furono eletti il presidente, il
vicepresidente, ed i segretari del Parlamento, che nello stesso giorno
28 di settembre si recarono al Palazzo dove furono, pomposamente,
ricevuti dal Re. Prese pel primo la parola il Cardinale Firrao
proponendo che s'ordinasse un triduo all'Altissimo. Il Re approvò
la proposta e promise formalmente d'intervenire all'apertura del
Congresso.

Ed eccoci alla cerimonia che entusiasmò fino al delirio i Napoletani,
accorsi da tutte le parti della città e dei paesi vicini nella strada
antica di Toledo fin dalle prime ore del giorno gremendone le tre vaste
piazze maggiori[34].

Il primo d'ottobre milleottocentoventi capitò anche di domenica ed
appunto perciò fu maggiore il concorso del popolo.

Dalle prime ore del mattino il corpo delle truppe della guarnigione di
Napoli e dei militi nazionali della Capitale e delle provincie erano
disposte in due ale del reale palazzo lungo la strada di Toledo fino
all'ingresso della chiesa dello Spirito Santo.

Il recinto in essa riserbato al Parlamento era separato dal resto della
chiesa da una ringhiera _che lo_ rendeva _visibile a tutti ma separato
dagli spettatori_[35].

Il Re uscí dal palazzo alle dodici, quando già i deputati ed i
ministri erano al luogo convenuto nel quale entrarono, come poco
dopo anche il Sovrano, per una porta interna che dà nel Conservatorio
omonimo. Precedevano il Re la scorta della cavalleria della guardia
e le carrozze, nella prima delle quali era la duchessa di Calabria,
Maria Isabella infante di Spagna[36], col duca di Noto Ferdinando suo
figlio, che allora aveva soli dieci anni compiuti[37]; nella seconda
gli infanti Carlo principe di Capua e Leopoldo conte di Siracusa; nella
terza il principe di Salerno Leopoldo Giovanni[38]; e nella quarta
le principesse Cristina e Antonietta, che dovevano andare incontro
al Re al suo arrivo alla sala della cerimonia. Una deputazione di
22 rappresentanti della Nazione ricevettero questi personaggi reali
accompagnandoli alla tribuna[39]. Seguiva il corteggio del Re, che
era aperto da un distaccamento di usseri e dragoni della guardia di
sicurezza _in avanti_ che serviva al buon ordine della strada, lo stato
maggiore del governo di Napoli, lo stato maggiore dei militi nazionali
di Napoli, un distaccamento delle guardie nazionali a cavallo, gli
alabardieri, i battitori della cavalleria della guardia, le carrozze
con la corte di Sua Maestà[40]. Dopo un distaccamento di cavalleria
della guardia, incedeva pianamente fra gli applausi dei popolani — dice
il Pepe nelle sue Memorie — senza entusiasmo[41] la carrozza del Re col
principe ereditario. Immediatamente cavalcava allo sportello Guglielmo
Pepe come generale in capo dell'esercito costituzionale. Chiudeva lo
splendido corteggio reale uno squadrone di cavalleria della guardia, ed
un distaccamento della guardia reale a piedi.

Una salva d'artiglieria annunziò il suo arrivo ed una commissione di
deputati venne ad incontrarlo[42].

Il Re era assistito dal suo maggiordomo maggiore, dal capitano
delle guardie, dal cavallerizzo maggiore e dal somigliere del corpo
che stavano dietro la sedia del Sovrano. I ministri ed il generale
comandante dell'esercito costituzionale e tutta l'assemblea era in
piedi al suo arrivo. Seduto sul trono aveva alla destra il principe
ereditario, ed il principe di Salerno e i Segretari di Stato lo
circondavano. Alla sua destra era un _tabouret_, sul quale erano
deposte la corona e lo scettro d'oro. Il presidente del parlamento era
a mano destra del trono, ma dopo gli scalini e sul pavimento della
sala; i segretarii dirimpetto al presidente di contro ad un piccolo
tavolo sul quale era il libro degli Evangeli.

Il Re fece un cenno, il presidente si accostò col libro santo nelle
mani ed il Sovrano stesa su di esso la destra pronunciò il giuramento
mentre il segretario Berni leggeva la formola scritta, da noi ripetuta
già poco innanzi. Le ultime parole erano appena pronunziate che furono
ricoperte dalle grida di gioia del popolo[43]. Dopo, il cavaliere Galdi
sorse quale presidente del nuovo Parlamento a parlare:

  Sacra reale maestà.

  L'eterne leggi con le quali la Provvidenza regola e compone
  l'ordine dell'Universo, la loro costanza e la loro apparente
  discordia stessa, considerate dall'uomo religioso non men che
  filosofo, e quindi ridotte a chiari teoremi ed a formole generali,
  costituiscono il codice delle verità di uso comune a tutti i popoli
  inciviliti.

  Se al contemplator geologo faran meraviglia il cangiato aspetto
  delle isole e delle terre, i laghi, ed i mari disseccati, i
  nuovi continenti sorti dal seno delle onde, l'abbassamento delle
  montagne, le piante e gli animali totalmente spariti dalla
  superficie del globo, e quelli che vi si rinvengono di nuova
  creazione; non minor maraviglia recar debbono al filosofo politico
  le vicessitudini delle nazioni, delle monarchie, delle repubbliche
  ed i cangiati costumi, le cangiate leggi, ed i cangiati governi e
  la loro grandezza e decadenza le cause che le producono.

  Quell'energica forza della natura che fa cambiare di continuo
  l'aspetto del mondo fisico, tende ancora di continuo a far lo
  stesso del mondo morale. Ma l'Autor del tutto sostiene da solo
  con l'onnipossente mano, e conserva la gran mole dell'Universo;
  ed affida all'uomo, ai monarchi, ai governi il conservar l'ordine
  morale e civile dei popoli; quindi solo all'uomo di squisiti sensi,
  di ragion penetrante, un raggio infuse dell'eterna luce, lo rese
  inclinato alla sociabilità, a riunirsi in famiglia, in città e
  quindi a comporsi uno Stato bene organizzato, onde gradatamente poi
  nacquero le grandi società ed i grandi Imperi.

  Finché l'uomo seguí i dettami della ragione e della giustizia,
  di poche semplicissime leggi ebbero bisogno le società civili:
  non vi furono ostinate guerre e frequenti: i vecchi Patriarchi
  ressero il tutto e non trovarono nei loro figli e concittadini che
  obbedienza e rispetto. Ma sopraggiunsero le ricchezze e l'ambizione
  di dominio, crebbero i bisogni delle società, crebbero i delitti,
  e divennero necessarii complicati codici di legislazione. In mezzo
  a queste vicissitudini nacque la funesta discordia civile, mostro
  che ha mille diverse lingue, mille aspetti e sotto mendicati
  pretesti va divorando le popolazioni della terra. Si credé di
  poter rimediare a tanti mali con nuove leggi, ma spesso inefficaci,
  perché mal sostenute dai costumi; si ricorse alla viva forza, e si
  aberrò fra gli eccessi della tirannide e della demagogia.

  Talvolta per accrescere la felicità dei popoli si affrettò la loro
  rovina, facendo pompa d'uno spirito esagerato d'innovazione e di
  perfettibilità; e dall'altra parte, credendosi tanti mali della
  società prodotti dal filosofismo, si gridò contro le scienze e gli
  scienziati e si corse verso la barbarie.

  Per questi vizii caddero in rovina i piú fiorenti imperi, quando
  credeansi giunti all'apice della loro grandezza e perché dominati
  dalla superbia e dall'avarizia, mentre senza tali sforzi della
  politica astratta, e solo per qualche resto di virtú antica, si
  rivelarono vegeti e robusti quelli che credeansi prossimi al loro
  decadimento. Restava ed ancor resta a sciogliersi il gran problema
  di moderare l'orgoglio delle nazioni nella loro grandezza e
  prosperità e di rincorarne lo spirito abbattuto dall'oppressione e
  dalle ingiustizie; ma il dito solo della Provvidenza, coll'onorata
  scuola delle sventure poteva indicare ai monarchi ed alle nazioni,
  la stella polare che doveva salvarli dall'oceano dei mali.

  Questa stella consisteva in una Costituzione saggia, moderata,
  figlia di maturo sapere e di matura esperienza. Questa dovea
  consistere in un patto sociale che sottraesse i popoli dalle
  violenze dei governi arbitrari, e i governi moderati dalle
  esagerate pretensioni dei popoli; in un patto voluto dall'utile
  universale, sanzionato dalla religione piú augusta, e che giungesse
  finalmente a comporre le due cose pria credute insociabili, la
  libertà ed il principato. Verso il declinare del passato secolo,
  le cose d'Europa giunsero a tale di esser divenuto necessario il
  ricomporre i patti sociali. Ma dov'erano i Re, padri amorosi dei
  popoli? E dove erano i popoli figli obbedienti dei Re? I rimedi
  ai quali si ricorse furon veleni per l'ordine sociale; fummo
  minacciati di nuova barbarie e delle tenebre di notte eterna. Ed
  ancora non poche nazioni vanno fluttuando nell'incertezza di loro
  sorte: non trovano il vero punto di equilibrio ove fissarsi e nol
  troveranno per lungo tempo, se la divina mano del Creatore non le
  ricompone in miglior ordine, come intorno al sole, per le leggi di
  gravità, stabilí le orbite dei pianeti nel dí che trasse il mondo
  dal caos.

  In mezzo alle sventure universali di Europa, le ultime Spagne erano
  state vie maggiormente afflitte da tutti i mali, onde Iddio suol
  fare esperienza della costanza d'un popolo. Quasi soggiogate da
  un bellicoso, e fino a quel momento creduto invincibile esercito
  straniero; il commercio distrutto, le colonie ribellate, espugnati
  i baluardi della penisola, incenerita la marina, sbaragliato
  l'esercito, prigioniero il Re; quando alla voce della religione e
  dell'onor nazionale si rammentano gli Ispani esser discendenti dei
  Consalvi e dei Mendozza corrono alle armi, debellano il nemico,
  liberano dai suoi timori l'Europa, riconquistano le loro franchigie
  e riconquistano il loro Re; si formano una Costituzione che ha
  servito a noi di modello, e che non sarà inutil monumento di ragion
  politica alle nazioni dell'universo.

  Signore, questa costituzione è figlia di lunga esperienza, e di
  quel che meglio dettarono i pubblicisti d'Europa dalla metà del
  passato secolo finora. Ella sembra aver colto il vero punto di
  riposo e di contatto fra i diritti dei popoli e le prerogative
  dei monarchi. Ella ha saputo distribuire ai figli l'avuta
  eredità, lasciando al padre una ragionevole latitudine nelle sue
  disposizioni, è lontana da tutti gli estremi viziosi che lasciano
  sempre nell'incertezza le sorti delle nazioni. Questa costituzione
  procede e s'innalza con una maestosa piramide, ne formano l'ampia
  e solida base la dichiarazione dei dritti e doveri dei cittadini;
  prosegue, nelle ben calcolale elezioni, assicurando una scelta di
  rappresentanti nazionali, cui presiede sempre la religione, assiste
  al piú ch'è possibile il voto universale, si allontanano i germi
  di corruzione, si apre la strada al merito, che si fa passare al
  vaglio di molteplici e severi esperimenti. Questa Costituzione
  estesa definisce e circoscrive i limiti del potere legislativo,
  quind'insensibilmente lo avvicina all'esecutivo per mezzo del
  Consiglio di Stato e dell'Alta corte di giustizia e pianta
  alla sommità dell'edifizio il Monarca in tutta la sua grandezza
  circondato dai suoi ministri e da tutto lo splendore e la forza
  del potere esecutivo: tutto è ordine e simmetria, tutto solidamente
  costrutto; non resta luogo di aggiungere né di togliere una pietra
  angolare del grande edifizio senza deturparlo o farlo cadere in
  rovina.

  Qual'è durerà immoto ed indistruttibile come la gran piramide
  di Egitto che da quaranta secoli sfida il tempo e le stagioni, e
  rimarrà a sostenerne gli oltraggi per quaranta secoli ancora.

  S. R. M. Signore, noi abbiamo giurata colle lagrime agli occhi e
  con religioso rispetto, questa Costituzione. Il popolo ha veduta
  la nostra commozione e le nostre lagrime. Vostra Maestà ancora ha
  giurato lo stesso, e 'l discendente e l'erede della religione di S.
  Luigi e delle virtú civili di Carlo III non giura invano.

  Ecco stabilito tra il Re ed il suo popolo un nuovo patto sociale
  che assicura ad entrambi la loro quiete e la felicità avvenire.
  Iddio d'Israele non sdegnò spesso di pattuire col popolo eletto e
  perché lo sdegnerebbero i Re?

  Con questo fatto è assicurata la grandezza vostra, la vostra gloria
  e le legittimità della vostra dinastia. Ella non riposa piú sulla
  volontà d'un solo, non su precarie alleanze straniere, ma su la
  volontà decisa di sette milioni di cittadini pronti a versare
  l'ultima stilla del loro sangue in difesa della religione degli
  Avi, della Patria e del Re.

  Quell'adorabile famiglia che vi fiorisce d'intorno, come all'ombra
  del maestoso cedro del Libano crescono le sacre palme, quei
  rampolli del vostro a noi sí caro primogenito figlio, cresceranno
  anch'essi nelle avite e domestiche virtú: dalla M. V. apprenderanno
  ad imitare le virtú degli avi, gli arcani dei governi, la sana
  politica e la dura milizia. Uno ne crescerà certamente tra essi,
  che di unita alle arti di pace saprà coltivare quella della guerra.

  Egli accoppierà al brillante coraggio ed all'alma intrepida di
  Francesco I e di Enrico IV, il saper militare del gran Condé; e se,
  tolga il cielo l'augurio, sarà chiamato a combattere, lo vedremo
  circondato dai bellicosi Marsi, di Dauni, da Sanniti, da tutti
  i popoli della Magna Grecia e della Trinacria alle frontiere del
  regno come l'Angelo del Signore con l'adamantina spada stava alla
  difesa del Paradiso terrestre.

  Ora finalmente, accettata e giurata la nostra Costituzione, non
  sarà piú chimerica e sprecata invano nell'isola la forza che ebbero
  nelle armi i nostri avi, ed il risorgimento della marina; non
  piú inceppati i progressi dello spirito umano e dell'istruzione
  pubblica; non disordinato e dilapidato l'erario; non compromessa la
  dignità del Monarca e della nazione nelle politiche transazioni. Le
  pagine del Codice di Astrea rimarranno immuni da qualunque macchia
  e custodite da incorruttibili sacerdoti; e il potente braccio e
  la volontà della maestà vostra e le assidue e regolari cura del
  Parlamento nazionale assicureranno sí bel retaggio fino alla nostra
  piú remota paternità. Risorgeranno i Geleuci e gli Architi, gli
  Archimedi ed i Tulli onore delle nostre regioni e del genere umano:
  risorgeranno i bei monumenti dell'arte antica su questa terra
  felice, riuniremo in una sola epoca tutti gli onori, onde fummo
  presenti dal fiorire degli Italo-Greci ai tempi d'Augusto, e dal
  regno di Alfonso di Aragona a quelli di Carlo III.

  Deh! tu onnipotente Iddio, arridi dal Cielo a sí felice augurio:
  conserva nel Re il padre e benefattore del popolo: conserva nel
  popolo la famiglia ed il baluardo del Re: conserva nel Parlamento
  nazionale il vigile custode delle nostre Istituzioni e delle
  nostre leggi, e fa che viva e regni per lunghi anni l'augusto
  nostro Ferdinando, sí che divenga il Nestore dei Monarchi
  Costituzionali[44].

Il re rispose brevemente cosí:

  Gradisco sommamente i bei sentimenti e leali che il Parlamento
  per l'organo del suo presidente mi esprime e spero con la sua
  cooperazione vedere sempre piú felice e tranquilla questa Nazione
  che per tanti anni ho governato e governo.

Indi Ferdinando primo, preso il discorso d'apertura, lo porse al figlio
Francesco, duca di Calabria che lesse:

      Signori Deputati,

  Incomincio dal render grazie a Dio che ha conservato la mia
  vecchiezza, circondandomi di lumi pe' miei amatissimi sudditi.
  In voi considero la nazione come una famiglia, della quale potrò
  conoscere i bisogni e soddisfare i voti. Non altro è stato mai il
  mio desiderio nel lungo regno che il Signore mi ha concesso se non
  di ricercare il bene e di seguirlo. Voi mi presterete d'ora innanzi
  la vostra mano nell'adempimento di questo sacro dovere: ed io
  raccogliendo dalla vostra propria voce i voti della nazione, sarò
  liberato dall'incertezza di doverli interpetrare. Per conseguire
  l'oggetto delle nostre comuni cure, io debbo richiamare la vostra
  attenzione alle importanti operazioni che vi sono commesse ed alle
  difficoltà che noi dobbiamo superare. Il conoscer queste sarà un
  eccitamento maggiore alla vostra saviezza ed alla vostra prudenza:
  ci farà acquistare anche la gloria, se avremo saputo trionfare
  degli ostacoli che ci presentano le circostanze dei tempi, e le
  conseguenze stesse delle stesse nostre passate vicende.

  Voi siete in primo luogo incaricati dell'importante opera delle
  modificazioni da farsi alla Costituzione Spagnuola, onde adattarla
  al nostro bisogno. Molte delle nostre istituzioni sono compatibili
  con qualsivoglia ordine politico. Tali sono la divisione del nostro
  territorio, il sistema di pubblica amministrazione, ed il nostro
  ordine giudiziario. Io sono sicuro che il Parlamento valuterà
  sopratutto il bene di evitare il piú che è possibile i cangiamenti
  dell'ordine interno, e tutto quello in generale che la nostra
  stessa esperienza ci raccomanda.

  Noi consolideremo la Costituzione, se la fonderemo sulle basi delle
  nostre antiche instituzioni e delle idee che ci sono familiari.
  Non intendo già che questa considerazione vi ritenga dal proporre
  quegli inevitabili cambiamenti che sono necessari a rendere solido,
  durevole ed utile alle generalità il nuovo ordine politico che
  oggi fondiamo. Il mio animo riposa tranquillo nella saviezza del
  Parlamento, che saprà scegliere il giusto mezzo tra la necessità e
  l'utilità.

  Vi raccomando principalmente di assicurare l'ordine pubblico,
  senza del quale ogni sistema politico e civile resterebbe privo
  d'effetto. Voi saprete dar vigore al governo, la forza del quale
  si confonde con quella delle leggi, quando il suo andamento è da
  questa diretto. Custodite gelosamente le guarentigie individuali
  dei cittadini: non sottoponete le volontà particolari alla
  generale; e rivestite l'autorità che la rappresenta di tutti i
  mezzi necessari a farla rispettare. Questo è il primo carattere
  d'ogni governo civile e d'ogni nazione che voglia far rispettare la
  propria indipendenza.

  L'inviolabile attaccamento che la nostra nazione ha dimostrato
  alla nostra cattolica religione, mi rende sicuro che il Parlamento
  ne custodirà la serietà, e conserverà con ciò il piú bel pregio
  della Costituzione. Noi non _siamo mai stati persecutori_ delle
  idee altrui ed abbiamo sempre lasciato a Dio il giudizio della
  credenza degli altri. Il nostro suolo non è stato mai macchiato
  di persecuzioni religiose, anche nel tempo del fanatismo e dei
  pregiudizii. Ma i popoli che professano un'altra credenza, non
  hanno il diritto di contaminare neppure coll'esempio, la verità
  e severità della nostra dottrina. I doveri dell'ospitalità non
  possono essere maggiori di quelli che noi abbiamo verso noi stessi.

  Stabilite felicemente, come spero, le basi del nostro ordine
  politico, ed invocata l'assistenza e la protezione del Signore
  Iddio a tutti i travagli dai quali dipendono i riordinamenti del
  Regno, noi potremo facilmente provvedere a tutti i nostri interni
  bisogni.

  Io debbo prima d'ogni altra cosa manifestarvi la soddisfazione
  che provo nel vedere intorno a me i deputati dell'una e dell'altra
  Sicilia. Queste due parti della mia famiglia egualmente a me care,
  e da ciascuna delle quali ho ricevute prove d'attaccamento, non
  sono state giammai per me divise.

  I disordini parziali non decidono della volontà né dello spirito
  d'una nazione. Io sono stato sempre persuaso che la Sicilia al
  di là del Faro non avrebbe mai smentito il nobile carattere che
  l'ha sempre distinta; e mi compiaccio che ella siasi affrettata a
  confermare col fatto la mia opinione. Da' lumi uniti di due popoli,
  ai quali la natura è stata prodiga dispensatrice d'ingegno e di
  generosi sentimenti, io non posso non ripromettermi misure, leggi e
  regolamenti tali, che assicurino con indissolubili legami di unità
  e di reciprocazione le rispettive loro facoltà.

  Affinché voi possiate avere una esatta notizia della situazione
  del regno, io ho ordinato a tutti i miei segretari e ministri di
  Stato di presentare al piú presto che potranno, un rapporto dello
  stato di ciascun ramo. Lo stesso desiderio per quanto riguarda le
  sue operazioni, ho manifestato alla Giunta provvisoria di governo,
  che ha col suo consiglio assistito il mio amatissimo figliuolo
  e vicario, che ha sí bene corrisposto alla fiducia mia e della
  nazione.

  Lo stato delle nostre relazioni coll'estero è dilicato, ma presenta
  difficoltà, a superar le quali, può forse essere bastevole la
  moderazione unita ad un contegno nobile e fermo.

  La necessità di questo contegno vi persuaderà altresí de'
  sacrifizii che la nazione dee fare nel ramo delle finanze. Lo
  stato di queste non è solamente la conseguenza della nostra attuale
  posizione; ma anche delle circostanze nelle quali ci troviamo dopo
  l'anno 1815.

  Voi vedrete dal rapporto del segretario di Stato ministro di
  questo ramo gli sforzi da me fatti, onde soddisfare a tutti
  gli straordinari bisogni e proporre alla nazione una stabile
  prosperità.

  Le medesime circostanze hanno influito e influiscono attualmente
  nel dipartimento della guerra. La vostra saviezza vi guiderà
  naturalmente a distinguere lo stato momentaneo dal permanente, onde
  l'armata serve al suo scopo e non divenga onerosa alla nazione.

  Le nostre milizie ci presentano una forza interna che non aggrava
  il tesoro e che è della piú grande utilità a mantenere l'ordine e
  la tranquillità delle persone.

  Le stesse considerazioni vi si presenteranno per la nostra marina
  che noi dobbiamo principalmente rivolgere alla protezione del
  commercio marittimo ed alla difesa delle nostre coste.

  L'interesse del nostro commercio politicamente calcolato, vi sarà
  presentato dal nostro segretario di Stato ministro degli affari
  interni. Formerà questo uno dei piú gravi ed importanti argomenti
  delle vostre deliberazioni.

  Voi troverete preparate tutte le altre instituzioni delle quali
  dipende l'interna prosperità del regno. Io ho conservato dopo il
  1815 tutte quelle che l'esperienza ed il voto nazionale indicavano
  come necessarie ed utili.

  Raccomando alle vostre cure gli stabilimenti d'educazione, di
  beneficenza e di umanità, le prigioni, sopratutto, lo stato
  delle quali è ancora lontano da quello a cui avrei desiderato di
  portarle.

  Il dipartimento della giustizia presso a poco è fondato sulle
  stesse basi che io avrei stabilite.

  Io mi sono giovato dell'esempio e dell'esperienza ed ho adottato
  le leggi che mi sono sembrate le migliori; perché di niun'altra
  passione sono stato capace fuorché del bene dei miei popoli. Il mio
  ministro di grazia e giustizia vi proporrà i progetti necessari
  per perfezionare questo ramo importante. Se altri miglioramenti
  giudicherete necessari alla libertà delle persone ed alla sicurezza
  delle proprietà voi dovete esser persuasi che proponendoli, andrete
  sempre incontro al mio desiderio.

  Quanto agli affari ecclesiastici l'ultimo concordato ha fatto
  sparire tutte le antiche controversie con la Corte romana. Per esso
  è stata restituita la calma alle coscienze. Sono stati ridotti i
  vescovadi, e si è preparata la dotazione ed il miglioramento del
  clero. Per ottenere quei vantaggi è stato d'uopo di convenire di
  molte transazioni. Io vi ho consentito, perché le ho riguardate
  come prerogative, alle quali non ho voluto sacrificare l'interesse
  principale de' miei popoli. Io sono persuaso che in tutte le future
  transazioni il Parlamento si farà sempre guidare dal rispetto
  dovuto alla Santa Sede e dalla necessità di stringere sempre piú
  le relazioni di amicizia che debbono essere fra due Stati vicini ed
  insieme legati per un comune interesse.

  Dopo questa breve esposizione dello stato nostro, mi rimane
  solamente a dirvi che non permettendomi ancora le mie forze di
  riprendere tutte le cure del governo io continuerò per ora ad
  affidarle al mio amato figliuolo ed erede Duca di Calabria nella
  qualità di mio Vicario generale. Io sono stato compiaciuto del modo
  onde egli ha corrisposto alla mia ed alla vostra fiducia.

  L'esperienza servirà a renderlo piú maturo nel governo ed a voi piú
  caro. Io avrò verso la Nazione il merito di avere, non solamente
  formato il suo cuore, ma di avergli altresí additati i mezzi di
  rendervi felici.

  Signori deputati, niun momento nella storia della monarchia è stato
  piú importante di questo. L'Europa tutta ha gli occhi sopra di noi.
  L'Onnipotente che regge il destino di tutti i popoli ci ha messi
  nella posizione di acquistare con la moderazione e con la saviezza
  la stima di tutte le nazioni.

  È nelle nostre mani di consolidare le nostre istituzioni ed
  il renderle stabili, durevoli e tali che producano la nostra
  prosperità.

  Quanto a me, non farò che secondare il voto dei miei popoli, e
  sarò unito ad essi con quella medesima fiducia che hanno a me
  dimostrata. Io desidero di portare con me nella tomba la vostra
  riconoscenza, e meritare il solo elogio di aver sempre voluto la
  vostra felicità.

Dopo le parole del Re, il Duca di Calabria baciò ripetutamente la mano
al padre ed aggiunse — dicono i contemporanei — abbastanza commosso:

  Nell'atto che ringrazio a Voi, mio amato Padre e Sovrano, della
  bontà con la quale vi siete degnato di esprimervi benignamente a
  mio riguardo, vi assicuro che tutti i miei sforzi, sinché avrò
  vita, saranno diretti al vostro servizio al vantaggio della
  Nazione.

Il presidente Galdi riprese la parola per ringraziare il Re, ed infine
il tenente generale Pepe fece la solenne rinunzia del comando in capo
dell'esercito nazionale cui re Ferdinando rispose accettando[45].

Terminata la cerimonia, il Re col suo corteggio pomposo uscí di Chiesa
per tornare al palazzo. Ma il cielo che nel mattino era sereno si
fe' scuro e quando il Re giunse s'addensarono le nubi e piovve. I
superstiziosi temettero, e ricordarono il fatto quando la Costituzione
fu abolita nell'anno seguente[46].

La sera vi fu uno spettacolo _gratis_ in tutti i teatri della capitale,
gran pranzo di gala a corte, ed al massimo _San Carlo_ si recò il
principe ereditario con la moglie ed il principe di Salerno. Quella
sera il duca di Calabria indossava la divisa di colonnello di fanteria
della milizia nazionale ed il principe di Salerno quella degli usseri
della guardia di sicurezza interna.

Nella seduta del 2 ottobre[47] furono formate le commissioni — oggi
uffici — all'oggetto di facilitare l'andamento ed il disbrigo degli
affari interni. Furono, dunque cosí costituiti:

  I. COMMISSIONE. — _Legislazione:_ Lauria Francesco. Scrugli
  Francesco, Saponara Felice, Arcovito Guglielmo, Catalani Vincenzo,
  Tafuri Michele, Pelliccia Alessio, Ceraldi Pasquale, De Cesare
  Innocenzio.

  II. _Guerra, marina ed affari esteri:_ Begani Alessandro, Giovanni
  Bausan, Rossi Francesco, Morici Domenico, Macchiaroli Rosario,
  Poerio Giuseppe, De Concilii Ernesto, Firrao Giuseppe cardinale, de
  Donato Tommaso.

  III. _Milizie provinciali, gendarmeria ed altro oggetto di pubblica
  sicurezza:_ Sponsa Diodato, Perugini Pietro Paolo, Borrelli
  Pasquale, De Piccolellis Mario, Coletti Decio, Melchiorre Paolo,
  Mazziotti Gerardo, Vivacqua Francesco, Corbi Carlo.

  IV. _Finanze:_ Matera Domenico, Ginestous Cesare, Gerardi Giuseppe,
  Incarnati Francesco Saverio, Paglione Gennaro Domenico, Pessolani
  Saverio Arcangelo, Losapio Giuseppe, Dragonetti Luigi.

  V. _Commercio, agricoltura, arti ed industria:_ Angelini Gian
  Fedele, Netti Raffaele, Coletti abate Michele, Giovane Giuseppe
  Maria, Jacuzio Francesco, Riolo Paolino, Lozzi Giovannantonio,
  Corbi Vincenzo, Caracciolo Gerardo.

  VI. _Istruzione pubblica:_ Petruccelli Francesco, Semmola Mariano,
  Strano Francesco, Sonni Domenico, Jannantuono Papiniano, Lepiane
  Vincenzo, Flamma Paolo, Buonsanto Vito, Desiderio Giuseppe.

  VII. _Esame e tutela della Costituzione:_ Delfico Melchiorre,
  Ricciardi Amodio, Nicolai Domenico, Galanti Luigi, Maruggi
  Giovanni, Cassini Domenico, Vasta Tommaso, Ruggero Petrantonio,
  Imbriani Matteo.

  VIII. _Amministrazione provinciale e comunale:_ Carlino Ippazio,
  Rondinelli Benedetto, De Oraziis Biagio, Brasile Saverio, Trigona
  Salvatore Giuseppe, Fantacone Giancarlo, Castagna Michelangelo, De
  Luca Antonio Maria, Mercogliano Antonio.

  IX. _Governo interno:_ Presidente, segretario Berni, De Filippis
  Carlo, Mazzone Liberatore, Orazio Giuseppe.

I deputati entrati in carica ottennero un diploma di nomina, muniti del
suggello del Parlamento nazionale[48], di questo tenore:

  PARLAMENTO DELLE DUE SICILIE.

  _Certifichiamo noi qui sottoscritti, presidente e segretari pro
  tempore del parlamento nazionale, qualmente il signor ..... è stato
  nominato deputato al Parlamento per la provincia di Napoli, e che i
  suoi poteri sono stati esaminati e trovati in regola._

  _In fede di che, ne abbiamo sottoscritto il presente. Tutti i
  poteri in originale sono nel nostro archivio._

Cosí fu aperto il Parlamento nazionale di Napoli che doveva tanto
brevemente esistere.



PARTE SECONDA

I DEPUTATI.



PARTE II


Quadro delle abitazioni dei Deputati al Parlamento Nazionale.

MATTEO GALDI, _strada Magnovacallo n. 88_.

TITO BERNI, _salita S. Sebastiano n. 58_.

VINCENZO NATALI, _strada di Chiaia n. 66_.

NAZARIO COLANERI, _strada portici S. Tommaso d'Aquino n. 20_.

FERDINANDO DE LUCA, _strada S. Liborio n. 65, 1º piano_.

FRANCESCO LAURIA, _S. Potito palazzo Solimena_.

FRANCESCO SCRUGLI, _strada Concezione a Montecalvario n. 10_.

FELICE SAPONARA, _strada S. Potito n. 37, 3º piano_.

GIROLAMO ARCOVITO, _strada S. Matteo n. 34_.

VINCENZO CATALANO, _largo S. Maria degli Angeli a Pizzofalcone n. 7, 3º
piano_.

MICHELE TAFURI, _largo p. Piccola Rosario di Palazzo n. 17_.

ALESSIO PELLICCIA, _Materdei vico Cangi n. 6_.

PASQUALE CERALDI, _vico Bisi collegio dei Nobili N. 34_.

FRANCESCO STRANO, _Salita Trinità dei Spagnoli_.

PAOLINO RIOLO, _Salita Trinità dei Spagnoli_.

INNOCENZI DE CESARE, _strada Foria_.

ALESSANDRO BEGANI, _vico Trevaccari n. 4, 1º piano_.

GIOVANNI BAUSAN,.....[49]

FRANCESCO ROSSI, _strada Incoronata n. 24, 1º piano_.

ROSARIO MACCHIAROLI, _vico Chianche a Palazzo n. 3_.

DOMENICO MAYER, _strada S. Cristoforo all'Olivella N. 36_.

GIUSEPPE POERIO, _strada Materdei case proprie_.

LORENZO DE CONCILIIS, _nel monistero di S. Orsola a Chiaia_.

GIUSEPPE CARDINALE FIRRAO (sic), _palazzo Avellino Anticaglia n. 4, 1º
piano_.

TOMMASO DONATO, _strada di Chiaia n. 209_.

DIODATO SPONSA, _strada Baglivo n. 68, 2º piano_.

PIETRO PAOLO PERUGINI, _strada Guantari n. 99, locanda Lombardia_.

PASQUALE BORRELLI, _strada nuova Monteoliveto n. 29, 1º piano_.

OTTAVIO DE PICCOLELLIS, _largo delle Pigne n. 152_.

GERARDO MAZZIOTTI, _vico storto Sant'Agostino degli Scalzi n. 12_.

FRANCESCO VIVACQUA, _vico del Carminello n. 51, 3º piano_.

CARLO CORBI, _vico Baglivo n. 68, 2º piano_.

DECIO COLETTI, _strada Stella n. 103, 1º piano nobile_.

PAOLO MELCHIORRE, _vico largo dell'Avvocato n. 35_.

DOMENICO MATERA, _locanda dell'Incoronata_.

CESARE GINESTOUS, _largo del Castello n. 81_.

GIUSEPPE GRIMALDI, _strada Nardones n. 14_.

FRANCESCO SAVERIO INCARNATI, _strada Baglivo Uries n. 13, 1º piano_.

TOMMASO GIORDANO, _strada S. Liborio n. 65_.

GIOV. DOMENICO PAGLIONE, _Pallonetto S. Chiara n. 12, 2º piano_.

SAVERIO ARCANGELO PESSOLANI, _sopra del Sacramento, vico delle Nocelle
n. 87_.

GIUSEPPE LOSAPIO, _strada Corsea n. 65_.

LUIGI DRAGONETTI, _strada S. Mattia n. 88, 2º piano_.

GIOVAN FELICE ANGELINI, _strada Nardones n. 95_.

RAFFAELE NETTI, _strada Atri n. 3, 3º piano_.

MICHELE COLETTI, _calata S. Tomaso d'Aquino n. 6_.

GIUSEPPE MARIA GIOVENE, _Fontana Medina al palazzo Caravita_.

FRANCESCO JACUZIO, _strada S. Liborio n. 65 3º piano_.

GIOVANNI ANTONIO LOZZI, _vico Afflitto n. 28, 3º piano_.

GERALDO CARACCIOLO, _strada Foria_.

VINCENZO COMI, _strada Guantai nuovi n. 46_.

FRANCESCO PETRUCCELLI, _calata principe di S. Severo n. 20, 2º piano_.

MARIANO SEMMOLA, _vico dei Giganti n. 44, 2º appartamento_.

DOMENICO SONNI, _strada nuova dei Pellegrini n. 4, 1º piano_.

PAPINIANO JANNANTUONO, _strada S. Liborio n. 65, 2º piano_.

VINCENZO LEPIANE, _strada Vicaria n. 339, 1º piano_.

PAOLO FLAMMA, _strada Chiaia n. 160_.

VITO BUONSANTI, _dentro S. Domenico Soriano_.

GIUSEPPE DESIDERIO, _dirimpetto la porteria del Monistero del Consiglio
n. 3_.

MELCHIORRE DELFICO, _alle case del marchese de Turris dietro il palazzo
di Gravina_.

AMODIO RICCIARDI, _palazzo Monteroduni, Ponte di Chiaia_.

DOMENICO NICOLAI, _strada Nardones n. 66_.

LUIGI GALANTE, _vico Santo Spirito n. 41, 3º piano_.

GIOVANNI MARUGGI, _Magnocavallo 88, ultimo piano_.

DOMENICO CASSINI, _Pallonetto S. Chiara n. 8_.

TOMMASO VASTA, _al largo del Vescovado n. 31, a destra_.

PETRANTONIO RUGGIERO, _Cisterna dell'olio case di Petagna, 2º piano_.

MATTEO IMBRIANI, _Cisterna dell'olio n. 25, 3º piano_.

IPPAZIO CARLINO, _strada Montesanto n. 17_.

BENEDETTO RONDINELLI, _vicoletto 2 della Quercia n. 6_.

BIAGIO DE HORATIIS, _strada Foria ultimo piano in casa di Nicolini_.

LIBERANTE MAZZONE, _vico Tedeschi a Toledo sopra lo speciale S.
Giorgio_.

SAVERIO BASILE, _vicoletto Tedeschi a Toledo n. 4, 1º piano_.

SALVADORE GIUSEPPE TRIGONA, _strada Nardones n. 14, 3º piano_.

GIOVANNI CARLO FANTACONE, _vico Figurella a Montecalvario n. 10_.

MICHELANGIOLO CASTAGNA, _vico Cinquesanti n. 9, 2º piano_.

ANTONIO MARIA DE LUCA, _largo delle Pigne n. 140_.

ANTONIO MERCOGLIANO, _locanda villa di Parigi nel chiostro di S.
Tommaso d'Aquino_.

CARLO DE FILIPPIS, _strada nuova Pizzofalcone n. 45_.

GIUSEPPE ORAZIO, _strada vico Gerolomini n. 11, palazzo duca della
Castelluccia_.

FERDINANDO VISCONTI, _S. Lucia a Mare n. 64, ultimo piano, a sinistra_.

COLONELLO PEPE GABRIELE, _alla locanda dei Fiorentini_.

PRINCIPE DI BISCARI, _dirimpetto la villa_.

                                 —————

Queste notizie desunte dai documenti dell'epoca mi parvero d'un certo
interesse per la storia delle nostre provincie meridionali: epperò le
riprodussi integralmente.

  1ª _Classe_. PRETI. — Buonsanti, Coletti (Michele), De Luca
  (Antonio), De Luca (Ferdinando), Desiderio, Fiamma, Galanti,
  Geraldi, Giovane, Jacuzio, Jannantuono, Lepiane. Pelliccia, Riolo,
  Rondinelli, Semola, Sonni, Strano, Vasta — 19.

  2ª _Classe_. PROPRIETARII. — Basile, Corbo, Falletti, Fantacone,
  de Filippis, Giordani, Imbriani, Incarnati, Macchiaroli, Mazzone,
  Netti, Paglione, Rossi — 13.

  3ª _Classe_. MAGISTRATI. — Arcovito, Catalani, de Cesare, Coletti
  (Decio), Melchiorre, Orazi, Ricciardi, Saya, Saponara, Scrugli,
  Tafuri, Vivacqua — 12.

  4ª _Classe_. AVVOCATI. — Angelini, Berni, Carlini, Cassini,
  Colaneri, de Horatiis, Lauria, Losapio, Mazziotti, Pessolani,
  Poerio, Ruggero — 12.

  5ª _Classe_. MILITARI. — Bausan, Begani, de Conciliis, Morice,
  Pepe, Piccolellis, Perugini, Sponsa.

  6ª _Classe_. NOBILI. — Principe di Biscari, Caracciolo (dei duchi
  di Martina), Marchese Dragonetti, Grimaldi di Terrasana, Nicolai
  (marchese di Canneto), Cavalier Trigona — 6.

  7ª _Classe_. MEDICI. — Castagna, Comi, Maruggi, Mercogliano,
  Petruccelli, Romeo — 6.

  8ª _Classe_. IMPIEGATI. — Borrelli, Donato, Matera, Natale — 4.

  9ª _Classe_. RITIRATI CON PENSIONI. — Delfico, Galdi — 2.

  10ª _Classe_. NEGOZIANTI. — Ginestous, Lozzi — 2.

  11ª _Classe_. CARDINALI. — Firrao — 1.

                                 —————

ESTRATTO DAL GIORNALE «LA MINERVA NAPOLETANA» (_1º trimestre 1820,
agosto, settembre, ottobre, pag. 332-333_)[50].

  Dal prospetto dei deputati, si può agevolmente osservare:

  1º Che il termine _medio_ delle loro età esclude la prima gioventú,
  e non tocca l'estrema vecchiezza; donde può sperarsi senno e
  moderazione con robustezza e virilità;

  2º Che manca affatto la tendenza verso l'oligarchia, pochi essendo
  coloro che appartengono alla 6ª classe; ove per liberalità di
  principi si distinguono eminentemente il marchese Dragonetti ed il
  marchese di Canneto;

  3º Che lo spirito _demagogico_ non può allettare persone, delle
  quali tutte può dirsi... _quobus est pater, et equus et res_;

  4º Che gli impiegati attivi del governo sono sí rari, che, ove i
  loro conosciuti sentimenti non fossero cosí onorevoli come sono,
  non sarebbe da tenersi sopra di essi alcuna ministeriale influenza;

  5º Che nel gran numero di magistrati, scelti dal popolo mentre
  vivevano in lontane provincia, si scorge una testimonianza
  lusinghiera pel corpo della magistratura e consolante per la
  Nazione;

  6º Che nel maggior numero degli ecclesiastici si vede con piacere
  premiato il merito non ordinario di molti, fra i quali giova
  ricordare Galanti, Giovane, Pelliccia, Semola, Strano, pubblici
  professori di scienza e nomi cari alle lettere.

  Né andranno privi di lode Buonsami e Coletti, educatori della
  gioventú. Gli ecclesiastici, inviati al Parlamento di Napoli, sono
  tali che saprebbero, nel bisogno, e difendere a prezzo della vita
  la patria religione, e rigettar qualunque misura contraria alla
  dignità ed agli interessi corporali della monarchia, fosse ancor la
  misura piú favorevole al loro ordine sacerdotale.

  Ma alcuni di questi e non per colpa dei vescovi, si mostrarono
  tiepidi per la causa della libertà costituzionale.

  Nelle Provincie dell'Aquila, di Chieti, i preti — si dolgono
  alcuni — non predicano abbastanza i doveri, che questa impone, ed i
  vantaggi che ne risultano; e si fanno volentieri a seguire i grandi
  esempii, che somministra loro il rimanente del clero. Il potere
  esecutivo non deve tralasciare di porvi ordine e di far conoscere
  i nomi di quelli, che si distinguono pel loro zelo, e per la loro
  virtú, come il parroco d'Orazii;

  7º Il numero degli avvocati, il quale ad alcuni sembra soverchio,
  può non credersi tale, se si riflette, che in questo ordine si
  restringeva pochi anni fa tutto il sapere civile della Nazione; e
  che in esso anche il talento poteva incontrar la fortuna, al patto,
  non rade volte, di rinunciare ai sentimenti piú generosi.

  Quindi le osservazioni sul numero degli avvocati nel Parlamento
  non cadono sulle loro persone; ma sopra alcune memorie appartenenti
  alla loro classe, alle quali essi recano una felice eccezione.

  Si desidera che l'eloquenza parlamentaria faccia dimenticar la
  forense[51]. Questa non saprebbe che oscurare l'evidenza delle
  cose, corrompere il dritto sentire, e sostituire lunghe parole alle
  forme amabili e severe della libertà.

                                 —————

Le biografie che seguono sono tratte dai protocolli di Polizia e
dell'Interno del grande archivio di Stato di Napoli, dal giornale
la «Minerva» del 1820-21, dall'«Omnibus» politico e dal «Pittoresco»
diretti dal nap. Vincenzo Torelli e dagli elogi funebri recitati nelle
varie occasioni di morte di quelli che appartennero al Parlamento del
1820.

Dei seguenti deputati non ho notizie — per quante ricerche io abbia
fatte — e quelle poche che ho, non bastano, quantunque io abbia fatto
inutile appello, nelle provincie meridionali, ai loro discendenti.

ANGELINI GIOVAN FELICE — BASILE SAVERIO — CARLINO IPPAZIO — CASTAGNA
MICHELANGELO — CASSINI DOMENICO — DE CESARE INNOCENZO — COMI VINCENZO
— COLETTA MICHELE — CONTI CARLO — GIORDANO TOMMASO — JANNANTONIO
PAPINIANO — LOSAPIO GIUSEPPE — LOZZI ANTONIO — ORAZIO GIUSEPPE —
PAGLIONE GIOVAN DOMENICO — PETRUCCELLI FRANCESCO — ROSSI FRANCESCO —
STRANO FRANCESCO.

                                   *
                                  * *

  ARCOVITO GIROLAMO[52]. — Fu uno dei difensori di Vigliena nel 1799.
  Era nato nel 1771 in Reggio Calabria da Natale e da Teresa Ranieri.
  Fu chierico, ma gettata la sottana, si diede agli studi di legge
  in Napoli. Nel 1796, fu nominato capo-cantone in Calabria. Dopo
  i fatti del '99, chiuso in prigione e dannato a morte, fu invece
  mandato nel castello d'Ischia[53] e godé dell'indulto del 1801 e si
  laureò avvocato nel 1803. Dai Francesi fu fatto commissario delle
  colonne destinate alla repressione del brigantaggio, poi giudice,
  quindi presidente di G. C. Criminale. Tornati i Borboni restò in
  carica. Nel 1820 fu deputato operoso, e combattette la partenza
  del re per Lubiana. Nel 1821 fu presidente della Camera e firmò la
  nobile protesta, nel momento stesso che gli Austriaci entravano in
  Napoli.

  Nella reazione perdette il posto di magistrato e fu latitante fino
  al 1825, anno in cui fu amnistiato; ma esiliato fino al 1829 in
  Salerno.

  Morí il 1º dicembre 1847. Fu marito d'una Musitano e lasciò erede
  il figlio adottivo Natale Musitano.

  BEGANI ALESSANDRO. — Il nome del difensore di Gaeta è stato già
  raccolto dalla Storia e la sua vita va tra quelle dei piú strenui
  generali italiani.

  Nacque in Napoli ai 20 giugno 1770 ed ebbe l'educazione nel
  nostro collegio militare che fu il vivaio di quanti, da piú
  d'un secolo, portano alta la divisa dell'esercito. Ne uscí per
  secondare la sua indole che lo chiamava alle armi, e cominciò la
  _carriera_ come uffiziale di artiglieria. L'impresa di Tolone
  fu la sua prima campagna. Ma, quando ne tornò al 1794, ebbe a
  pagare in dura prigionia il culto che egli rendeva lealmente alle
  istituzioni liberali. Compreso nel numero dei patriotti fuorusciti
  napoletani che trovarono asilo in Francia, militò in quell'esercito
  partecipando con onore alle guerre d'Italia e prese parte anche
  alla famosa spedizione che si preparava sulle spiaggie della Manica
  per l'Inghilterra.

  Reduce in Napoli nel 1806, percorse rapidamente i gradi militari
  superiori sino a quello di maresciallo di campo e prese parte in
  tutti i combattimenti del decennio[54].

  Nel 1815 gli venne affidata la difesa della prima cittadella del
  regno di Napoli: Gaeta[55].

  Il 31 maggio se ne chiusero le porte; l'8 di agosto fu resa non a
  quei che l'assediavano..... ma al Re.

  Cosí furono salve per la nazione l'artiglierie e munizioni ivi
  abbondantemente raccolte, e Gaeta non ebbe a seguire la sorte di
  Ancona e di Pescara spogliate e mezzo demolite dai Tedeschi che in
  quell'epoca stessa le occuparono senza espugnarle.

  Begani, vittima della bassa vendetta austriaca, ebbe l'esilio in
  premio della sua bella difesa. Privato d'ogni stipendio, dovette
  alla spontanea magnanimità del Re un sussidio che piacque alla...
  voracità del de Medici, risecare ancora d'un decimo!

  Il principe Vicario non tardò a richiamarlo nella patria, dalla
  Corsica, ove egli viveva dimenticato, e lo nominò ispettore
  generale d'artiglieria. I suoi concittadini lo compresero nella
  deputazione di Napoli.

  Il tenente colonnello Vinci che diresse i lavori della difesa di
  Gaeta ne pubblicò anche il giornale d'assedio.

  BERNI TITO. — Nacque nel 1788 da Federico Berni ferrarese e da
  Camilla Sagarriga in Bitonto (Terra di Bari). Passata la prima
  giovinezza nella sua patria, ed appresevi le prime istituzioni
  letterarie, fu menato in Napoli ad erudirsi nella giurisprudenza
  sotto il chiarissimo professore Nicola Valletta. Benché dedito
  al Foro, ei si piacque sempre degli studi classici nei quali si
  distinse, meritando di appartenere a molte accademie, ed alla
  _Sebezia_[56] di cui fu per parecchi anni segretario.

  D'ingenuo carattere e d'incorrotti costumi, fu chiamato alla
  deputazione quasi conformato sul modello d'un rappresentante che
  egli stesso aveva ritratto in un suo giornale: l'_Indipendente_.
  Molte sue poesie sono sparse in piccole raccolte per nozze; e
  la stamperia della _Biblioteca analitica_ nel 1819-21 cominciò a
  pubblicare due volumi di traduzioni sue dal latino e dal greco,
  sotto altro nome.

  BISCARI (_principe di_). — Nacque a Catania nel 1779. Nel 1820
  seppe con la voce e col danaro contribuire alla tranquillità di
  quella terra di cui fu eletto deputato al Parlamento. Da quel tempo
  rimase sempre in Napoli, dandosi tutto all'archeologia, passione
  ereditata dal padre, menando vita ritirata e solitaria. Grandemente
  ricco, spese immense somme nell'acquisto di oggetti antichi e
  pietre preziose, nella conoscenza delle quali era cosí dotto da
  stare molto innanzi ai piú saputi nell'arte.

  Aveva tale copia di oggetti che patí un furto di oltre dugentomila
  ducati senza alterare le collezioni. Veramente tutto fu — in breve
  tempo — riacquistato, mercé la sagacia del commissario di polizia
  Portalupi. Tra le gioie rubate erano quattordici grossi bottoni
  formati ciascuno da un rubino, da uno smeraldo e da un diamante
  l'uno nell'altro incastrati, straordinario lavoro, e un filo di
  cinquanta bellissimi diamanti ciascuno di venti grani.

  La biblioteca ed il museo passarono, poi, in eredità al fratello.
  Morí nel 1844 (6 maggio). Passò la maggior parte della sua vita
  sempre seduto, circondato da antiquari, orafi e gioiellieri, da
  quanti oggetti d'arte che d'ogni specie possono immaginarsi,
  da libri, da pappagalli e da animali non comuni di cui era
  appassionatissimo[57].

  Infermo di grave malore, non ricorse ai medici che molto tardi. Il
  principe di Biscari non credeva alla medicina: e pure aveva tanta
  fede nell'... archeologia!

  BAUSAN GIOVANNI. — Nacque a Gaeta il 14 aprile 1757 da Giuseppe,
  tenente generale nell'esercito napoletano e da Rosa Pinto y
  Fonseca.

  Fu ammesso a dieci anni nella regia accademia di marina di
  Napoli[58].

  Dal marzo al settembre 1774, e dal giugno all'ottobre 1785 navigò
  sulla _galera padrona_ e nel luglio seguente sulla fregata _Santa
  Amalia_, sulla galera _San Germano_ e sulle fregate _Santa Dorotea_
  e _Santa Chiara_.

  Serví sulle navi inglesi dove fu inviato con altri dal ministro
  Acton; nel 1782 combatté al fianco dell'ammiraglio Rodney, e
  nell'infruttuosa spedizione contro Algeri del 1774, Bausan comandò
  lo sciabecco _Robusto_ e riportò una ferita nella coscia.

  Nel 1788 combattette contro i barbareschi.

  Nel 1798, alla fuga del re Ferdinando IV da Napoli, il Bausan
  trovavasi a Palermo colla corvetta _Aurora_ per caricarvi armi.

  Durante la _repubblica partenopea_ stette col Caracciolo e dopo,
  promosso capitano di vascello, fu imprigionato ed esiliato in
  Francia.

  Coi Francesi tornò in Napoli e fu preposto al supremo comando delle
  forze navali.

  Vinse gli Inglesi ai 24 e 25 giugno 1809[59] e fu nominato barone
  da Gioacchino Murat con una donazione di 10,000 ducati in beni.

  Negli anni 1812-13-14 tenne il comando della flottiglia leggera e
  dei vascelli _Capri_, _Gioacchino_, e della fregata _Letizia_.

  Alla restaurazione del 1816 fu riformato e nominato giudice e
  presidente in diversi consessi di guerra e della marina.

  Nel luglio 1820, scoppiati i moti di Sicilia, fu richiamato in
  attività di servizio.

  Morí nel 1825; le sue ossa, trasportate nella chiesa di Santa Maria
  degli Angeli, non ebbero onore di marmi.

  BORRELLI PASQUALE. — Nacque a Tornareccio (Chieti) nel 1782 da
  Gaudenzio, dotto medico, e Concetta d'Antonio.

  Ebbe la prima educazione in seminario, e nel 1796 fu avviato nel
  collegio di Chieti per apprendervi le matematiche e la filosofia.
  Nel 1798 tornossene a Napoli, dove volle addirsi alla medicina.
  Studiò presso Onorato Ricci, presso il Guidi, fisico, e medicina
  col Macry e nello stesso anno pubblicò per le stampe: _Euricipia
  zooanosiae_[60].

  Compiuti appena gli studi di medicina, e divulgatosi il nome del
  Borrelli nella capitale, si vide tosto circondato da folto stuolo
  di giovani che lui volevano maestro nelle scienze mediche. E il
  Borrelli di buon grado secondò quelle istanze, insegnando, in una
  cattedra dell'ospedale di San Giacomo, la materia medica. Volgendo
  intanto l'anno 1805, gli amici lo persuasero ad entrare nel foro,
  dove la sua eloquenza avrebbe trovato un campo piú esteso, poiché
  prima prerogativa di lui era il parlare facondo e spontaneo.
  Epperò — tralasciati gli studi di medicina — divenne in breve tempo
  peritissimo in legge e nel _mestiere_ d'avvocato salí in gran fama
  non solo in Napoli, ma in tutto il regno.

  Amò nel 1807 passionatamente Rosina Scotti, bella e colta
  fanciulla, che immaturamente morí nell'età di ventuno anni. (Vedi
  VINCENZO FONTANAROSA: _Una congiura a Napoli nel 1807_).

  Fu inconsolabile il Borrelli di tale perdita e scrisse versi teneri
  e pietosi, bellissimi. Da quell'epoca egli lasciò il foro per
  tornare ancora una volta alla scienza ed alle lettere.

  Sul finire di quell'anno vennero in luce i suoi _Principii di
  zoaritmia_. Guidato dai risultamenti di vari trovati algebrici,
  egli spiega in quest'opera — mercé una tavola numerica — i fenomeni
  principali della vita sana e della inferma; e benché, sí la
  zoognosia, che la zoaritmia partono dal sistema di Brown, tuttavia
  sono sparse d'idee originali e vere.

  Nel 1809 comincia la vita pubblica di Pasquale Borrelli, perché
  fu eletto segretario generale della commissione feudale e quindi
  della prefettura di polizia. Nel quale impiego spiegò carattere
  di benignità verso i perseguitati e di liberalità verso i suoi
  subalterni; e si distinse sopra tutto per la eleganza di che faceva
  uso nella direzione degli atti amministrativi.

  Nel 1811, la biblioteca analitica di scienze e belle arti pubblicò
  una sua prolusione sui poemi di Ossian. La quale, essendo ricca
  di pensieri originali e nuovi, fruttò bellissima lode all'autore
  di eruditissimo letterato, nella stessa guisa che da tutti era
  riputato valentissimo nelle severe filosofiche discipline.

  Le sue cognizioni gli valsero la magistratura nel 1813, ed essendo
  giudice di appello, non sapremmo descrivere come fosse stato
  attivo, diligente ed accorto nel disimpegno del suo ministero.

  Cambiato l'ordine del governo, tornò uomo privato.

  Le piú stimabili e ragguardevoli persone della capitale lo
  visitarono; numerosa clientela ridomandò il suo patrocinio; fu
  accolto nel foro con una specie di trionfo e le sue arringhe,
  appena pronunciate, erano pubblicamente applaudite; e d'allora fu
  gridato sommo e profondo giureconsulto.

  Nelle vicende del 1820 e 1821 lo Stato, la provincia e il
  Parlamento ebbero bisogno di lui. Sicchè lo Stato lo elesse
  presidente di pubblica sicurezza, la provincia suo deputato ed il
  Parlamento suo presidente. Sulla sua condotta molto si è detto
  non che scritto con varietà di giudizio e di passioni, ma noi
  parleremo, in altro lavoro, piú a lungo e meglio di lui.

  Caduta la costituzione, andò in esilio a Gratz e vi stette tredici
  mesi, cinque a Baden e Vienna, e circa un anno e mezzo in Toscana.

  Intorno a quest'epoca scrisse il suo corso filosofico, del quale
  fin dall'età di 18 anni aveva tracciate le linee generali. Pe' tipi
  di Lugano, venne pubblicata la sua introduzione alla filosofia del
  pensiero, sotto il nome anagrammatico di _Pirro Lellabasque_.

  Dal 1825 al 1840 pubblicò le seguenti opere:

  — _I principii della scienza etimologica che coopera al gran
  Dizionario della lingua italiana pel ramo dell'etimologia._ — Anno
  1830.

  _L'anticholera. Osservazioni famigliari sul cholera di Napoli, sui
  vermi tricocefali rinvenuti nei cadaveri dei colerosi._

  _Il calendario dei principi, del quale venne in luce un solo
  semestre._ — Anno 1829.

  _La memoria letta all'Accademia delle scienze sullo stato fisico
  e morale degli uomini allevati senza l'uso della parola._ — Anno
  1832.

  _Altra memoria letta alla Pontaniana su la guerra considerata nelle
  sue relazioni morali._ — Anno 1839.

  _Gli elogi del chiar. cavaliere Giampaolo e del presidente Amadio
  Ricciardi._

  _Le note alla vita delle donne illustri della signora d'Abrantes._

  _Poche note alla medicina forense di Giovanpietro Frank._

  _Articoli di giornali._

  _Nella biblioteca analitica di sciente e belle arti_
  è una novella lepidissima dal titolo: _Breve storia
  morale-enciclopedico-sacro-profana, che va dalla creazione del
  mondo al 4 ottobre 1809, dedicata all'impareggiabile merito di chi
  vorrà lamentarsene_.

  Trentatré volumi di allegazioni forensi. Di queste memorie trovansi
  gli originali in Firenze, Bologna, Milano, Malta e Palermo.

  Nel 1801 fu nominato membro dell'accademia italiana, nel 1832
  socio ordinario dell'accademia delle scienze di Napoli, nel 1839
  socio dell'istituto storico di Francia e della Pontaniana di cui fu
  presidente dall'anno 1840.

  Morí nel 1849: ne scrisse l'elogio Ferdinando De Luca, negli atti
  dell'Accademia.

  BUONSANTO VITO[61]. — Nacque in San Vito di terra d'Otranto ai 22
  giugno 1762 da Oronzio Buonsanto, ricco mercante e da Lucia Prina.

  Vestí nella sua patria l'abito dei frati predicatori e, conseguiti
  gli ordini ecclesiastici superiori, pervenne ad essere Padre
  Maestro di teologia. Negli ultimi anni del secolo per scampare a
  persecuzioni popolari se ne venne a Napoli dove prese stanza nel
  convento di San Domenico Maggiore (1808), e, soppressi gli ordini
  religiosi, il Buonsanto si ritrovò in mezzo alla vita del mondo.
  Morí ai 29 maggio 1850.

  Di lui abbiamo:

  — _L'Istruzione morale, o metodo facile per istruire i fanciulli
  nella lettura e negli elementi della storia cristiana, arricchito
  di 40 figure ecc._

  _Il catechismo di grammatica italiana._

  _Gli elementi di grammatica italiana generale._

  _La guida grammaticale della lingua italiana._

  _La lessigrafia latina. L'etimologia e la sintassi della lingua
  latina._

  _L'antologia latina._

  La seconda categoria delle sue opere riguardo lo studio elementare
  dalla matematica, della geografia e della storia:

  — _Gli elementi d'aritmetica._

  _Introduzione alla geografia antica e moderna delle Due Sicilie._

  _Introduzione alla storia antica e moderna del regno di Napoli._

  _Gli elementi della storia cristiana._

  La morte lo colse quando attendeva alla composizione di un
  dizionario di frasi e di modi scelti di lingua ad uso delle scuole.

  CARACCIOLO GHERARDO. — De' duchi di Martina: ebbe Vietri per
  patria. La sua prima carriera fu la militare. Serví prima nella
  cavalleria dell'esercito di linea, indi passò col grado di
  colonnello nelle milizie provinciali. Colto nella scienza agraria,
  si ritirò dalla vita pubblica per attendere nella rustica sua
  solitudine _alle arti di Cerere e Minerva_. La agricoltura e la
  pastorizia ebbero in lui un illuminato ed appassionato cultore. La
  conoscenza che si aveva del suo caldo patriottismo il fe' ricercare
  nella solitudine dei suoi ozii campestri per essere inviato a
  rappresentare la provincia ov'ebbe la culla. Era cinquantenne nel
  1820.

  CONCILII (DE) LORENZO[62]. — Nacque ai 6 di luglio 1776 in Avellino
  da Donato e Maddalena Genovese. Ebbe i primi rudimenti di lettere
  da Ignazio Falconieri. Fu volontario nel reggimento Principe
  cavalleria (_i diavoli bianchi_) ai 24 d'agosto 1794 e fece la
  campagna di Lombardia.

  Ecco senz'altro il suo stato di servizio:

  — Cadetto, nello stesso reggimento 1796; primo tenente nel
  reggimento di cavalleria _Principe Leopoldo_ ai 27 dicembre 1798;
  primo tenente reintegrato nella cavalleria urbana ai 6 aprile
  1801 (campagna di Roma), capitano nel secondo leggiero 30 giugno
  1806, nei veliti a piedi 12 dicembre 1808; nei veliti a cavallo 19
  maggio 1809. Capo-squadrone nel terzo cavalleggieri 22 febbraio
  1812; tenente colonnello in Re cavalleria agli 8 d'ottobre 1816;
  colonnello nel secondo dragoni 14 d'ottobre 1820. Fu sospeso al 1º
  agosto dell'anno seguente.

  Fu colonnello della guardia nazionale al 6 maggio 1848; maggior
  generale al 1860, promosso tenente generale e collocato a riposo al
  1º novembre 1861.

  Vittorio Emmanuele II lo insigní della commenda dei Ss. Maurizio e
  Lazzaro.

  Morí in Avellino al 1º d'ottobre del 1866, novantenne.

  CERALDI PASQUALE[63] — Successore del Claresi nella rettorica del
  collegio cosentino nel novembre 1813 era rampollo di famiglia
  nobile di Fuscaldo. Abbracciata la carriera ecclesiastica, nel
  seminario di Napoli approfondí ed estese i suoi studi. Poscia
  attese sotto il Cavallari alla scienza legale e gli venne conferita
  la laurea dottorale. Montagna Francone vescovo di Cosenza,
  richiamandolo dalla capitale, nominollo professore di filosofia nel
  seminario. Per insinuazione del Lombardi e del cav. Michele Bombini
  segretario perpetuo dell'Accademia cosentina e per le autorevoli
  preghiere dell'intendente Flach, fu fatto rettore dell'Ateneo di
  Cosenza.

  Nel 1820 fu eletto fra i deputati.

  CATALANO VINCENZO[64]. — Nacque il 26 gennaio del 1769 a Fiumara in
  provincia di Reggio-Calabria da Antonio e Maria Cutellé. S'ebbe a
  maestri in Napoli Longano e Conforti. Esiliato pei fatti del '99,
  ebbe cattedra di diritto a Marsiglia e di lingua italiana in quel
  liceo. Tornato nel regno tu promosso giudice d'appello in Lanciano
  ed alla restaurazione del 1815 presidente di G. C. Criminale.
  Ma l'ingegno versato piú nel diritto civile gli fece chiedere ed
  ottenere di far parte della G. C. Civile degli Abruzzi.

  Fu poi procuratore generale a Catania e nel 1820 consigliere di
  Corte suprema a Catanzaro. Nel ventuno rinunziò a tutto e volle
  dedicarsi esclusivamente all'avvocheria.

  Come giureconsulto dettò eruditissime memorie _Sulle quistioni
  transitorie per la legittima dovuta ai figli sulle donazioni
  pie delle nuove LL.: quando la successione si fosse aperta sotto
  l'impero delle novelle_.

  È notevole di lui la raccolta delle decisioni della G. C. Civile
  degli Abruzzi.

  Morí ai 23 di agosto 1843.

  COLETTI DECIO. — Nato in Cisterna il 21 settembre 1753 fu educato
  nel seminario di Caiazzo, ove apprese le lingue dotte e le
  lettere; e quindi nel collegio di Capua, in cui venne ammaestrato
  nella filosofia e nelle matematiche. Compito il corso della
  giurisprudenza presso il professore Fighera, attese all'avvocheria.
  Nel 1799 però fu commissario del potere esecutivo a Capua, indi
  rappresentante del popolo nella Commissione legislativa.

  Esiliato in Francia, passò dopo alcuni mesi in Torino, e quivi
  divenne segretario-archivista nel tribunale della salute. Il
  suo merito non tardò ad essere conosciuto e quantunque straniero
  fu nominato primo professore di matematiche in quelle pubbliche
  scuole; e di _umane lettere_ nelle altre di Carignano.

  L'accademia di storia e belle arti di Torino l'ascrisse tra i
  suoi membri ordinari. Di là potè nel 1806 restituirsi nella terra
  nativa: ma il governo di allora togliendolo alla sua solitudine lo
  promosse tre anni dopo a procuratore generale sostituto presso la
  Corte di appello di Altamura, della quale poi tenne la presidenza
  dal 1810 al 1817, quando coi semplici onori di presidente passò
  giudice nella gran corte civile di Trani.

  Di là lo trassero i voti della provincia. Avvocato e matematico,
  poeta e magistrato seppe insieme conciliare le facoltà che sembrano
  tra loro piú insociabili.

  DELFICO MELCHIORRE[65]. — Nacque il 1º d'agosto 1744 in Leognano,
  castello baronale, da Bernardo e Margherita Civico, scampati
  all'invasione tedesca.

  Fu nominato alfiere appena nato da Carlo III.

  Fanciullo, fu inviato coi fratelli a Napoli, dove fu alunno del
  Genovesi e scrisse in favore del diritto sovrano riguardo ai limiti
  dello Stato vicino, incaricatone da don Ferdinando de Leon allora
  avvocato della Corona.

  Trovossi in Napoli nel 1779 presente all'eruzione del Vesuvio e vi
  tornava nel 1782.

  L'anno seguente scrisse una _memoria sui risi_ e fu nominato
  assessore militare del tribunale di milizia della provincia di
  Teramo (20 giugno 1783).

  Nel 1785 era nuovamente nella capitale. Scrisse nel 1787 una
  memoria sui _regî stucchi o sia sulla servitú dei pascoli invernali
  nelle provincie marittime degli Abruzzi_.

  L'anno seguente diede pubblicità ad un'altra memoria sul _tavoliere
  di Puglia_, ed un'altra sui pesi e le misure del regno.

  Nell'anno 1790 pubblicò delle _riflessioni sulla vendita dei feudi
  devoluti_ con una lettera dedicatoria, e pubblicata poi a parte, al
  duca di Cantalupo sullo stesso argomento.

  Nel 1791 diede alla luce le _Ricerche sul vero carattere della
  giurisprudenza romana_, libro stampato a Firenze e per la terza
  volta a Napoli nel 1815. Nel 1757 Ferdinando IV lo decorò delle
  insegne di cavaliere dell'ordine Costantiniano. Fu ascritto alla
  cittadinanza di San Marino e ne scrisse le _Memorie storiche_.

  Dettò in Firenze i pensieri sull'_Incertezza e sull'inutilità della
  storia_ che parve ardimento grande.

  Nel 1816 fece parte del Consiglio di Stato del regno di Napoli e si
  ha la stampa d'una sua memoria del 1809 sul sistema giudiziario che
  si riformava. Due anni prima era stato ascritto tra i primi soci
  dell'accademia Ercolanese rinata a vita novella e vi lesse parecchi
  lavori che per brevità omettiamo.

  Restaurati i Borboni nel 1815, rimase presidente della Commissione
  generale degli archivii e diè in luce le _Nuove ricerche sul
  bello_, ed ebbe assegnata l'annua pensione di 507 ducati con
  un'indennità di duc. 900 pel soldo che aveva di consigliere di
  Stato.

  Nel venti fu deputato, presidente della giunta provvisoria di
  governo. Tradita la costituzione, colse il pretesto della sua età e
  degli acciacchi per ritirarsi in patria.

  Altre lettere e memorie pubblicò durante la sua ultima e lunga
  dimora in Teramo fra le quali è degno di nota il _Saggio filosofico
  sulla storia del genere umano_.

  Colpito d'apoplessia ai 26 di maggio del 1830, dopo venticinque
  giorni di malattia morí ai 21 del giugno seguente.

  DESIDERIO GIUSEPPE[66]. — Non abbiamo precise notizie sulla nascita
  del Desiderio; sappiamo solo, che, adolescente, fu chiuso nel
  seminario di S. Agata in Sant'Agata dei Goti e, presi gli ordini
  superiori se ne venne in Napoli. Quivi, all'università, ebbe
  diploma di diritto civile e canonico, e, promosso al vescovado
  monsignor Pezzuoli lo volle seco come maestro nel patrio seminario.
  Fu subito promosso canonico e, nel 1814 primicerio cantore e poco
  dopo arcidiacono. Rinunziò al vescovado a Napoli ed a Roma; nel
  1820 fu deputato fra i preti. Morí il 1º settembre del 1836, in
  patria.

  DONATO TOMMASO.[67] — Nel 1793 fu ufficiale maggiore nelle poste di
  Basilicata e di Melfi, e quando il governo rivoluzionario sei anni
  dopo lo chiamava direttore generale di quelle di Napoli, si dimise.
  Uscí di Napoli e visse in Toscana e quindi a Marsiglia.

  Quivi fondò una casa di commercio, la quale durò solo quattro anni
  per le comunicazioni interrotte con la Sicilia dagli inglesi che
  l'avevano occupata.

  Recossi allora a Parigi ove fu ammirato dagli artisti dai quali
  ottenne ogni suffragio per le estese conoscenze che mostrò in fatto
  di pittura. Tornato in patria, gli si affidò il segretariato della
  camera di commercio novellamente istituita. Dopo qualchetempo,
  durante il regno di Murat, il duca di Gallo, ministro degli affari
  esteri, lo chiamò a sé dandogli il carico dei consolati e del
  commercio.

  Nel 1816 fu creato direttore del porto franco di Messina e nel 1843
  gli onori ed il soldo di amministratore delle dogane.

  Morí in patria, ai 12 d'ottobre 1844.

  FANTACONE GIOVAN CARLO. — Nel 1775 nacque in Roccaguglielma; fu
  educato in Napoli nel collegio di Caravaggio [_Barnabiti_] e si
  dedicò al fôro.

  Ritornato nella sua patria fu piú volte eletto a consigliere
  provinciale ed a deputato delle opere pubbliche. Era uno dei piú
  ricchi proprietari di Terra di Lavoro.

  FILIPPIS (DE) CARLO. — Nato in Serino nel 15 maggio 1773, fu
  educato nelle umane lettere da Ignazio Falconieri, morto sulle
  forche del 1799[68].

  Intraprese la carriera amministrativa e fu consigliere
  dell'intendenza di Basilicata; fece parte della deputazione di
  principato Ultra.

  FIRRAO GIUSEPPE, _cardinale vescovo di Petra_. — Nacque ai 20 di
  luglio 1736 da Pietro Firrao principe di Luzzi e da Livia Gallo dei
  duchi di Mondragone, in Fagnano, feudo di casa sua. Ebbe la prima
  educazione nel collegio Clementino di Roma, sotto la scorta dello
  zio paterno anche cardinale e segretario di Stato presso la suprema
  curia romana.

  A vent'anni, il N. fu prescelto a recare la _rosa d'oro_ al doge di
  Venezia ed un anno dopo fu nominato da Benedetto XIV vice-legato in
  Romagna.

  Nel 1791 fu da Pio VI consacrato arcivescovo di Petra, fu inviato
  nunzio apostolico a Venezia, carica che onorevolmente copri per 13
  anni; indi fu segretario a Roma della Congregazione dei vescovi e
  regolari.

  Pio VII lo creò cardinale; ed a Napoli, durante il periodo francese
  del decennio, fu grande elemosiniere di Corte e ben voluto da
  Carolina Annunziata, sorella di Napoleone e dal re Gioacchino
  Murat[69].

  Morí in Napoli ai 24 di gennaio del 1830 e ne recitò l'elogio il
  canonico Ciampitti dell'Università.

  FLAMMA PAOLO. — Nacque ai 17 gennaio del 1753 in Messina da Gaetano
  Flamma, dottore in medicina del reggimento svizzero Wirtz e da
  Marianna Giurlando.

  Volle darsi al sacerdozio e se ne venne colla madre, passata a
  seconde nozze con tale Bartolommeo Masnada, a Napoli, dove vestí
  l'abito monastico agli 11 settembre 1773. Nel 1795 dimise l'abito
  e restò prete secolare. Fra le sue carte, dopo la morte, non si
  trovarono che pochi suoi manoscritti scolastici, alcuni brevissimi
  rudimenti di metrica italiana, di mitologia, di logica e diritto
  naturale.

  Fu, in Parlamento, accanitamente avverso al mutamento di nomi delle
  provincie del regno. Morí nel novembre dell'anno 1836.

  GALANTI LUIGI[70]. — Fu l'ultimo dei dodici figli di Giambattista
  ed Agata Musacchi e nacque il 1º di gennaio del 1765 in Santacroce
  del Sannio. Ebbe la prima educazione nel convento di Montevergine,
  dove a 12 anni quei cenobiti ne erano ammirati. Nel 1777 ne vestí
  l'abito, nel 1781 fece la sua professione di fede monastica e partí
  per Roma a proseguire i suoi studi.

  Fu geografo e storico scrupoloso e rimasero di lui opere insigni.

  Nel 1801 fu elevato da papa Pio VII alla dignità di abate
  benedettino. Nel 1806 fu nominato professore di geografia nella
  regia università degli studi, revisore di libri esteri e membro
  della commissione creata per il restauro della pubblica istruzione.

  Nel 1811 fu professore di storia e di belle lettere sublimi nel
  reale istituto politecnico militare e membro del _consiglio di
  perfezionamento_.

  Fu rappresentante del Sannio al Parlamento del 1820, e consacrò
  l'onorario di 180 ducati ai veterani ed alle vedove dei soldati
  morti in battaglia.

  Morí in patria nel 1836.

  GALDI MATTEO. — Fu cavaliere della Corona di ferro, membro della
  giunta di pubblica istruzione, direttore della biblioteca della
  regia Università, socio dell'accademia Pontaniana e dell'accademia
  di Harlem.

  Nacque in Coperchia, in quel di Salerno, ai 5 di ottobre del 1766
  da Pasquale ed Eugenia Fiore, agiati proprietari.

  Ebbe a Salerno la sua prima educazione e poi a Napoli.
  Nell'occasione della morte di Carlo III scrisse un poema in versi
  sciolti che gli procurò l'applauso universale ed il favore della
  Corte.

  Abbracciò la carriera del foro, ma dovette abbandonarla nel 1794 e
  passare in Francia, dove iniziò la carriera delle armi, ottenendo
  perfino il grado di capitano.

  Fu spedito dalla repubblica in Olanda in missione di ministro
  plenipotenziario, ed essendosi ivi trattenuto dal 1799 al 1809,
  pubblicò un _quadro politico_ di quella nazione.

  Tornò nel 1809 in Napoli e fu nominato intendente della provincia
  di Molise e poi di Calabria citeriore; finché nel 1812 fu elevato
  al posto di direttore della pubblica istruzione e nel 1815
  direttore della biblioteca dell'Università col soldo di annui
  ducati duemila.

  Fu deputato e morí di mal di fegato ai 31 ottobre del 1821.

  Fu presidente dell'accademia delle scienze di Napoli, del reale
  istituto d'incoraggiamento, dell'accademia Ercolanese e della
  Pontaniana.

  Le sue opere pubblicate sono:

  — _Poema in versi sciolti per la morte di re Carlo III_, Salerno,
  1780, in 8º.

  _Analisi ragionata del codice Ferdinandeo per gli abitanti di San
  Leucio_, Napoli, 1789, in 8º.

  _Osservazioni sulla costituzione elvetica_, Milano, 1798, in 8º.

  _Vicende del teatro italiano_, Milano, 1798, in 8º.

  _Saggio del commercio d'Olanda_, Milano, 1809, in 8º.

  _Quadro politico dell'Olanda_, Milano, 2 vol., in 8º, 1809.

  _Pensieri sull'istruzione pubblica relativamente al regno delle Due
  Sicilie_, Napoli 1813, in 8º.

  _Due memorie sull'economia dei boschi._

  _Memoria sul sistema commerciale d'Europa._

  _Memoria su d'una nuova divisione geografica del regno di Napoli._

  GINESTOUS CESARE. — Figlio d'un negoziante francese stabilito in
  Napoli, nacque ai 22 gennaio 1765, e, compita la sua educazione,
  continuò la carriera del padre. La sua probità, i suoi modi dolci
  e concilianti, le sue commerciali cognizioni lo fecero chiamare ben
  presto ai pubblici impieghi.

  Nel 1798 fu posto fra i governatori del banco dello _Spirito
  Santo_; ed anche allora che il nome francese tanto periglio recava,
  egli fu rispettato sempre dal popolo.

  Creata in Napoli una camera di commercio in novembre 1808, egli fu
  dei primi che la composero. Nell'anno seguente entrò a far parte
  dei giudici del tribunale di commercio della capitale, quindi nel
  consiglio di commercio che nel febbraio 1811 fu nominato presso
  il ministero dell'interno. In quello stesso anno fu deputato al
  consiglio provinciale di Napoli, e sostenne con successo le ragioni
  della provincia che si voleva gravare della spesa della nuova
  strada di Posillipo, oggetto di delizia che altri, certo, non
  poteva interessare tranne la capitale.

  Chiamato nuovamente nel 1813 al tribunale di commercio, egli
  rinunciò a questa carica, e visse tranquillo e privato sino al 6
  settembre 1815, epoca in cui fu destinato per la seconda volta, ma
  dal re, al consiglio della provincia. Due anni, dopo il tribunale
  di commercio lo rivide fra i suoi giudici, in qualità di supplente,
  e nel 1819 egli ne rinunciò la presidenza.

  Convocate le assemblee parrocchiali, particolari faccende gli
  vietarono d'intervenirvi: ciò non ostante fu scelto per uno degli
  elettori di provincia, Questi avevano già nominato al Parlamento
  otto deputati, allorché unanime voce si alzò, chiedendo un
  negoziante. Fu allora che la maggior parte dei voti si riunirono in
  favore di Ginestous. È rimarchevole nella sua vita pubblica l'aver
  egli appartenuto al collegio elettorale dei commercianti, i quali
  nel 1810 doveano far parte della costituzione di Baiona.

  GIOVANE GIUSEPPE MARIA[71]. — S'occupò di scienze e di lettere.
  Fu arciprete, socio dell'accademia italiana delle scienze, e
  dell'istituto borbonico di Napoli.

  Nacque a Molfetta ai 23 gennaio 1753 da Giovanni e da Antonia
  Graziosi, nobili cittadini. Ebbe la prima educazione nella città
  nativa in un collegio dei gesuiti, e quando i seguaci di Loiola
  furono soppressi, egli, appena novizio, voleva uscire con essi
  dal regno. Invece fu trattenuto a Napoli in casa di Ciro Saverio
  Minervini, e riprese poco dopo il corso interrotto di matematiche
  e filosofia e fu elevato agli ordini minori. Apprese le scienze
  legali e vi si addottorò.

  Varie sue opere nel 1789 erano state date alle stampe, tra le
  quali furono apprezzate la _memoria_ sulla natura degli ulivi, la
  _lettera_ diretta a Saverio Mattei colla quale argutamente dimostrò
  che Cristo allorché paragonò gli apostoli al _Sale della terra_
  intese di voler parlare del... _sal-nitro_; l'avviso sui vermi che
  rodono la polpa degli ulivi, la memoria sulla nitrosità generale
  delle Puglie che fu persino riprodotta in francese dallo Zimmermam.

  Scrisse opuscoli sulla rosa prolifica e sulla pioggia rossa e varie
  memorie izziologiche e zoologiche che gli valsero fama ed onori.

  Fu uomo di vastissimo talento e di svariata erudizione sempre
  profonda.

  Nel 1804 era vicario generale della sua diocesi e sopraintendente
  del seminario e nel 1806 vicario apostolico di Lecce donde tornò in
  patria dieci anni dopo.

  Fece dono al seminario della sua ricca biblioteca, del museo di
  storia naturale e geologia, della raccolta di numismatica e dei
  vasi italo-greci.

  Fu deputato al Parlamento del 1820 e morí ai 2 di gennaio del 1837.

  JACUZIO FRANCESCO PAOLO. — Nel 1831 gli fu permesso di tornare nel
  regno. Era conosciuto un suo scritto: _A Carlo Alberto di Savoia...
  un Italiano_.

  Fu però sospeso l'ordine del rilascio del passaporto[72].

  IMBRIANI MATTEO[73]. — Nacque nel 1783 su un piccolo colle della
  Valle Caudina. S'occupò di lettere e filosofia. Rimangono di lui
  ancora inediti alcuni lavori intorno alla grammatica filosofica
  condotti con grande amore e con diligenza incredibile. Nell'antica
  biblioteca analitica e nell'effemeride che egli pubblicò durante
  gli anni 1820 e 21 si hanno bei saggi della sua mente.

  Fu deputato al Parlamento del 1820 e non si scostò mai da quella
  savia temperanza opposta agli impeti dei demagoghi ed alle insidie
  di coloro che vorrebbero spenta ogni giusta speranza.

  Visse a Roma e a Firenze in esilio in compagnia di Gabriele
  Pepe. Ebbe due figli: Emilio che sposò la figliuola del Poerio, e
  Rosario; morí nel 1847.

  LE PIANE VINCENZO. — Fu scrittore e traduttore in dialetto calabro
  del catechismo dei Carbonari. Fu canonico della chiesa cosentina,
  vicerettore del collegio di quella provincia e deputato nel 1820.

  Altre notizie non abbiamo di lui, senonché dagli _Annali
  di Citeriore Calabria_[74] sappiamo che nel 1811, riaperta
  l'Accademia Cosentina col nome di Reale istituto, «... si commise
  la vicepresidenza a Vincenzo Piane, vago piú di filosofare, che
  di ecclesiastiche elucubrazioni, concionatore persuasivo, meno
  elegante che semplice».

  LIBERATORE RAFFAELE[75]. — Era ex ufficiale di carico della reale
  segreteria degli Esteri col grado di _uffiziale di ripartimento_,
  destituito nel 1821, domandò di conseguire dalla reale clemenza il
  terzo del soldo che godeva: il re annuí alla domanda.

  LAURIA FRANCESCO[76]. — Nacque ai 6 di giugno 1769 da Giuseppe
  Lauria, avvocato, e Antonia Ribas, figliuola de fiscale
  dell'udienza di Montefuscoli di Principato Ulteriore. In tenera età
  perdette il padre e fu rinchiuso al seminario di Nusco; non lasciò
  per allora l'abito clericale sí da essere nel 1792 rivestito della
  dignità di canonico nella chiesa di San Giovanni del Vaglio, nel
  suo paese, quando ancora non aveva ricevuti gli ordini sacri. Poi
  si recò a Napoli, dove si diede agli studi legali, abbandonando ad
  altri il canonicato.

  La sua vita forense cominciò brillantemente nel 1794. La sua
  memoria era ferrea e gli effetti della sua eloquenza erano
  addirittura meravigliosi. Gli aneddoti sulla sua vita sono
  numerosissimi e non mette conto riportarli tutti. Fu insino al 1779
  con Pagano, Raffaelli, e Serio, che non lo vincevano in valore ed
  in tattica forense e la reazione lo trovò al suo posto fermo ed
  immutabile nei piú rigidi principî di giustizia e di diritto.

  I Francesi venuti dal 1806 al 1815[77] lo tennero in grandissimo
  onore. Nel 1807 fu professore di _dritto criminale_ nell'Università
  di Napoli, dettandone le lezioni nel piú puro e classico idioma
  latino.

  Scrisse poi _un commento_ al codice francese, e piú tardi i
  _pensieri su d'un codice criminale_, ed il _saggio sulla corruzione
  dei popoli_ letto nell'accademia Pontaniana ai 10 di ottobre 1810.

  Morí nel 1829 in Napoli e lasciò undici figliuoli.

  LUCA (DE) FERDINANDO. — Nacque ai 15 d'agosto 1785 in Serracapriola
  (Capitanata). Fu educato nei primi anni nel seminario di Troia,
  quindi in quello di Larino. Della età di 18 anni sostenne due
  pubbliche conclusioni di filosofia e teologia e nelle stagioni
  autunnali insegnava umanità e rettorica ai giovani della sua
  patria.

  Venne in Napoli nel 1806, si applicò allo studio delle leggi e
  cominciò quasi da capo a rifare la sua educazione scientifica,
  dandosi contemporaneamente allo studio delle matematiche, della
  fisica, della chimica e delle tre branche della storia naturale.
  Nel 1809 avendo scritto una memoria sulle ragioni e proporzioni
  colla teorica degli esperimenti, ed un'altra sulle applicazioni
  dell'algebra alla geometria, fu chiamato ad insegnare geometria
  nella scuola militare provvisoria; e nel 1811, essendosi ordinata
  la scuola politecnica, fu scelto per uno dei professori e gli
  fu affidato l'incarico di scrivere la geometria elementare, la
  trigonometria analitica e l'analisi a due coordinate. Durante tutto
  l'anno 1811 e parte del 1812, uscirono alla luce le accennate opere
  in quaderni separati che si stampavano come si componevano per
  farli studiare agli alunni. Sul finire del 1812, le tre accennate
  opere furono compiutamente stampate.

  Il de Luca dette alle stampe anche molte memorie di fisica e
  geografia e sopratutto della geografia egli pubblicò un corso
  compiuto, ma diviso in periodi.

  Appartenne a diverse accademie e dette alle stampe le seguenti
  opere:

  — _Geometria sintetica_, pubblicata in Napoli nel 1810.

  _Geometria piana trattata con l'analisi geometrica degli antichi_,
  1811.

  _Trigonometria analitica con un saggio di poligonometria_, 1811.

  _Geometria analitica trattata con l'analisi a due coordinate, e
  colla cartesiana_, 1811.

  _Analisi a due coordinate, con molti problemi generali_, un grosso
  volume di 35 fogli di stampa, 1812.

  _Agrimensura popolare ove il problema della divisione del poligono
  in data ragione è sciolto nella massima generalità ed in un modo
  geometrico_, Napoli, 1842.

  _Memoria per rivendicare alla scuola italica tutta l'antica
  geometria_, Napoli, 1845.

  _Geometria e trigonometria elementare sferica, dedotta da una sola
  formola analiticamente._

  _Pensieri sull'educazione, applicati all'istruzione dei seminarii_,
  anno 1826.

  _Piano di un'educazione compiuta religiosa, letteraria, scientifica
  e navale_, Napoli, 1835.

  _Sul miglior sistema di una pubblica istruzione_, Napoli, 1836.

  _Nuovi elementi di geografia, disposti secondo l'ordine
  dell'insegnamento_, Napoli, 1838.

  _Istituzioni elementari di geografia naturale, topografia politica,
  astronomica, fisica e morale, con un ramo per la geografia
  astronomica_, Napoli, 1845.

  _Elementi di geografia antica_, Napoli, 1834. _ Memoria per
  l'ordinamento degli studi geografici, letta nell'accademia
  Pontaniana._

  _Memoria della giusta nozione che bisogna dare alla geografia
  storica, letta nell'accademia delle scienze e commentata nel
  giornale dell'Istituto storico di Francia_, t. 5, p. 187.

  _Memoria fisico-matematica sulla meteora americana comparsa a
  Filadelfia in novembre 1833_, memoria prima e seconda letta alla
  regia Accademia delle scienze.

  _Memoria sul magneto-elettricismo_, letta nella regia Accademia
  delle scienze.

  _Memoria sui varii punti della storia delle matematiche_, inserita
  nel _Progresso_.

  _Tavola per la conversione reciproca dei pesi e delle misure
  antiche in quelle sanzionate dalla legge 6 aprile 1840._

  Prese parte al VII congresso degli scienziati, tenuto in Napoli nel
  1845 e morí nel 1869.

  LUCA (DE) ANTONIO MARIA. — Nacque nel comune di Colle e fu
  educato per opera dello zio, vescovo Lippi, nella congrega dei pp.
  Giuranisti. Iniziato nello stato sacerdotale, ottenne laurea in
  teologia, e poscia, mercé concorso, fu all'età di anni 30 nominato
  canonico penitenziere nella chiesa cattedrale di Policastro.

  Arrestato come liberale nella proscrizione del 1799, ottenne la
  libertà col trattato di Firenze.

  Nell'anno 1811 — morti quattro suoi fratelli — rinunziò alla
  carica ecclesiastica per dare opera alla domestica economia.
  Corrispondente della Società agraria dei Principati Citra ed Ultra,
  conosciuto per non aver giammai abbandonata la causa della libertà
  fu scelto a deputato nell'età di circa cinquant'anni.

  MACCHIAROLI ROSARIO di Bellosguardo, nel distretto di Campagna, di
  circa anni quaranta.

  I suoi primi studi furono per la carriera legale. Gli affari della
  sua famiglia lo richiamarono ancor giovane dalla capitale. Nel
  principio della dominazione francese fu eletto a capitano della
  legione provinciale; poscia trasferito nell'esercito di linea.

  Dopo il 1815 venne creato consigliere dell'intendenza di Salerno.
  Sospetto di principî liberali, egli era vicino a soggiacere alle
  persecuzioni della polizia, quando il 6 luglio 1820, a cui dicesi
  di aver dato mano, gli acquistò quell'opinione per la quale fu
  eletto a rappresentante della sua provincia.

  MAZZIOTTI GHERARDO. — Nato in Celso a quaranta miglia da Salerno,
  portossi in Napoli a percorrere la carriera forense. Nella
  rivoluzione del 1799 fu creato giudice di pace, indi imprigionato
  come liberale e bandito dal regno. Tornato in patria, nella
  organizzazione giudiziaria del 1809 venne eletto a giudice civile,
  e poco dopo elevato a giudice criminale in Campobasso, donde fu
  trasferito colla stessa carica in Avellino. Promosso a presidente
  del tribunale civile della provincia di Lecce, domandò di tenere la
  magistratura nella città capitale della sua provincia. Volendo il
  governo inviarlo a Reggio rinunziò alla toga ed esercitò in Salerno
  l'avvocheria. Egli toccava quarantacinque anni quando fu eletto
  deputato.

  MERCOGLIANO ANTONIO. — Vide la luce in Nola nel 1784, e dopo gli
  studi preliminari compiuti in provincia si recò a Napoli a studiare
  medicina. Andria e Cattolica furono i suoi maestri. Nel 1799,
  coinvolto nei tumulti, fu esiliato per quindici anni e risedette in
  Toscana.

  Nel 1818 — scoverto di far parte d'una società segreta — fu
  rilegato in Pantelleria a disposizione del re.

  Nell'agosto del seguente anno potette tornare in patria.

  NICOLAI DOMENICO, _marchese di Canneto_[78]. — Di lui esiste il
  seguente documento: «Supplica del figlio Carlo affinché il padre
  carico di anni e quasi cieco torni in patria in seno all'ammiserita
  famiglia.»

  La supplica non fu accettata perchè il richiedente fu «...
  _immoderato_ nelle discussioni parlamentari!»

  Dalla corrispondenza dell'ex-magistrato Pisa emergono alcune
  lettere che il Nicolai e de Conciliis indirizzavano a Lucenti ed al
  Pisa mentre erano in Ispagna. Nel 1829 il Nicolai era a Barcellona
  in seguito di misura generale presa dal governo spagnuolo contro
  gli esiliati. Nel 30 dicembre 1830 trovavasi a Marsiglia. Il
  ministero degli esteri era convinto che il Nicolai fosse l'autore
  d'alcune stampe per la _indipendenza italiana_.

  PESSOLANI SAVERIO ARCANGELO. — Atena fu il luogo dei suoi natali.
  Istruito nelle leggi, reputato per maturità di consiglio e per
  disinteresse a niuno secondo nel suo distretto, difese per molti
  anni i diritti dei privati ed in particolare quelli dei poveri.
  Toccava il quarantesimo anno di età.

  PEPE col. GABRIELE. — Sannita e degno emulo di Florestano e di
  Guglielmo, calabresi. Combatté a Civita-Castellana e ad Otricoli
  contro i Francesi. Difese la Repubblica partenopea a Nola, a Torre
  Annunziata ed a Portici[79], ove fu ferito.

  Combattette poi anche a Marengo nella legione italiana e fece
  la campagna del 1815. A Tolentino riportò quattro ferite d'arma
  bianca.

  A Firenze sfidò a duello il Lamartine che osò chiamare l'Italia: —
  _La terre des morts!_

  POERIO GIUSEPPE. — Ebbe i natali in Belcastro (Catanzaro) ai
  6 gennaio 1775 da Carlo e Gaetana Poerio. Fu, adolescente, nel
  collegio dei nobili di Catanzaro ed a sedici anni esordí perorando
  nei tribunali e salvando un fanciullo di dodici anni, imputato di
  omicidio volontario.

  Raggiunse nel 1799 lo Championnet e diventò suo aiutante di campo.
  Proclamata la repubblica fu nominato commissario in Catanzaro
  e tornò a Napoli per via di mare quando seppe della marcia del
  cardinal Ruffo.

  Fu condannato a morte dalla Giunta di Stato, ma la pena gli fu poi
  commutata in ergastolo a vita col Torelli e con l'Abbamonte. Dopo
  22 mesi di duro carcere, dopo la battaglia di Marengo, per gli
  accordi di Firenze, gli fu concesso di tornare in patria.

  Tolse a moglie Carolina Sossisergio del Poggiando[80], e nel 1806
  fu nominato da Giuseppe Bonaparte intendente e preside di Molise
  e Capitanata. Nel 1808 re Gioacchino lo prescelse a primo avvocato
  generale della Gran Corte di cassazione con Sirignano, Raffaelli,
  Cianciulli ed altri grandi. Contemporaneamente ottenne di essere
  relatore al Consiglio di Stato, indi regio commissario nelle
  Calabrie; e poi presidente della Commissione per la riforma del
  Codice penale, ed a 35 anni procuratore generale di Cassazione.
  Consigliere del re sostenne contro il Briot: — _non potere senza
  acquistare nazionalità ottenere cariche e preminenze gli stranieri
  nel regno._

  Fu anche in Bologna come commissario straordinario dei dipartimenti
  italici ed in prosieguo uno dei sette direttori del Consiglio di
  governo sedente in Roma col carico della giustizia.

  Tornati i Borboni, il Poerio emigrò per Parigi e di là per Ginevra,
  dove ebbe notizia d'essere stato condannato all'esilio perpetuo.

  Gli fu offerto, per rientrare in Italia, la cittadinanza della
  repubblica di San Marino, ma egli non accettò e si stabilí a
  Firenze fino al 1820.

  Ai 19 marzo 1821 dettò la protesta con la quale dichiarava che
  — _i corpi e non gli animi avevano ceduto alla forza del nemico;
  disciogliersi il Parlamento per la presenza del nemico, per volontà
  del principe, per mancata cooperazione del potere esecutivo;
  protestare contro la violazione del diritto delle genti, rimettersi
  alla giustizia di Dio la causa del trono e della indipendenza
  nazionale._

  Fu arrestato, imprigionato per circa tre mesi e inviato a Trieste
  ed indi a Gratz con la moglie ed i figli[81], e finalmente ottenne
  di poter risiedere a Firenze.

  Ai 14 novembre 1830, scacciato di Toscana, riparò in Francia
  col figlio Alessandro, mentre la moglie rimpatriava. Visitò
  l'Inghilterra e dopo 13 anni di esilio Ferdinando II gli permetteva
  il ritorno ai 28 ottobre 1833, ripigliando fervorosamente
  l'avvocheria.

  Morí ai 15 d'agosto 1843, dopo un anno di languore e di sofferenza.

  PERUGINI PIETRO PAOLO. — Di anni 48, nativo di S. Lorenzo Minore,
  nel distretto di Piedimonte. Si applicò alla medicina. Esiliato
  in Francia, nel 1799 tornò nella patria in grazia della pace di
  Firenze. Appartenne alla legione della sua provincia ove pervenne,
  di grado in grado, a maggiore. Egli era agiato proprietario ed
  esercitò le funzioni di consigliere distrettuale e provinciale.
  Socio corrispondente dell'accademia di Terra di Lavoro, della
  Cosentina e del reale Istituto d'Incoraggiamento di Napoli.
  Pubblicò nel 1819 una _memoria sulle acque minerali di Telese_.

  PICCOLELLIS OTTAVIO. — Nacque in San Nicola la Strada ai 4 di
  giugno 1786 e si ascrisse volontario alle guardie di onore nel
  1806. Nello stesso anno fu tolto a tenente nel secondo reggimento
  dei cacciatori a cavallo; indi a capitano delle cennate guardie
  d'onore, nel quale grado fu inviato nel 1812 alla campagna di
  Russia. Nella sera del 6 dicembre, rimasto Napoleone in mezzo ad
  una boscaglia, intirizziti i suoi aiutanti di campo dal freddo,
  morti i vetturali, il de Piccolellis, che era al seguito, lo salvò
  menandolo a Vilna. Nel 1813 prese parte alla campagna di Germania.
  Distinto nelle tre famose giornate di Lipsia del 14, 16 e 18
  ottobre, ricevé sul campo di battaglia la Legion d'onore dalle mani
  di Bonaparte e l'Ordine delle Due Sicilie da Gioacchino Murat.

  Elevato da questi al grado di maggiore nel 4º reggimento
  cavalleggieri intervenne in Italia ai fatti d'arme di Reggio e del
  Taro.

  Nel 1815 fu nominato tenente colonnello nel reggimento di
  cavalleria _Principe_.

  PELLICCIA ALESSIO. — Ebbe in Napoli i natali nel 1744. Educato
  nelle filosofiche discipline dall'abate Genovesi e nelle
  ecclesiastiche dal vescovo Giuseppe Rossi, diessi a coltivare,
  in preferenza degli altri, gli studi della diplomatica, ed ogni
  maniera di archeologiche dottrine. Innalzato al sacerdozio,
  dopo aver data prova dei suoi talenti e di sue cognizioni con
  due pubblici esperimenti l'uno in etica e l'altro in dritto
  canonico, fu chiamato a reggere nel 1781 la cattedra di antichità
  ecclesiastica nella reale Università di Napoli. Avido di conoscere
  le patrie memorie, visitò i grandi archivi del regno, ove raccolse
  grande messe di notizie preziose. Nel 1812 fu eletto professore di
  diplomatica e nello stesso anno a provicario generale della chiesa
  e diocesi di Napoli; poscia presidente del giurí di esame nella
  commissione dell'istruzione pubblica, carica che occupò sino alla
  fine del decennio.

  Istituita una commissione per sovraintendere agli archivi,
  Pelliccia fu tra i membri di essa.

  Si debbono a lui le seguenti opere:

  — _Dissertazione della disciplina della chiesa intorno alla
  preghiera pubblica pel sovrano_, Napoli, 1760 (tradotta in tedesco
  nel 1760 per ordine dell'imperatrice Maria Teresa e stampato a
  Vienna; e recata in latino dall'autore medesimo, Napoli, 1789).

  _Corso di antichità ecclesiastiche_, tomi 4, in-8º, Napoli, presso
  Morelli.

  Quest'opera comprende sei libri, e vi sono descritti tutti i rami
  della polizia ecclesiastica dei riti greco e latino, principalmente
  per quello che riguarda la parte piú oscura, cioè i tempi di mezzo.
  Nel terzo e nel quarto tomo si leggono varie dissertazioni, in una
  delle quali è data una specie di istituzione lapidaria del medio
  evo; un'altra riguarda i tempietti portatili degli antichi; la piú
  insigne è quella sulle vecchie catacombe di Napoli, lavoro di molti
  anni, durante i quali l'autore passò lunghi giorni nelle tenebre di
  quelle caverne.

  _Cronache e diarj del regno di Napoli_, cinque tomi in-4º, Napoli,
  stamperia del Perger (tale raccolta serve di continuazione a quella
  degli storici napoletani del Gravier, e contiene molti codici, la
  maggior parte di autori contemporanei all'epoche di che scrissero).

  _Dissertazione sul ramo degli Appennini che termina dirimpetto
  all'isola di Capri_, Napoli.

  _Dissertazioni sopra l'antica città di Equi_, Napoli.

  _Dissertazioni sul vero significato della_ SHEOL _nel testo
  ebraico._

  _Del culto della chiesa verso la Vergine,_ Napoli, 1820.

  _Istituzioni della scienza diplomatica_, Napoli, 1821.

  Promise il marchese Maffei una istituzione della scienza
  diplomatica, ma non la formò prima del Pelliccia.

  _La topografia di Napoli e sobborghi._

  _Origine e vicende della proprietà dalla discesa dei Longobardi_
  (queste due ultime opere sono inedite).

  ROMEO SANTI[82]. — Nacque in Messina il di 25 febbraio 1775. Suo
  padre Domenico professò medicina, ed ebbe nome di felice e sagace
  interprete della natura. Giovane ancora, Santi ascoltò le lezioni
  paterne con l'alacrità che muove gli spiriti cui sprona vivo
  genio e nascente amore di sapere. Compiutamente istrutto nelle
  scienze che concernono direttamente l'arte di curare le malattie,
  o servono a quella di aiuto e sostegno, venne in Napoli, città in
  quei dí fiorentissima nelle mediche discipline e udí Cotugno e lo
  sventurato Cirillo, ed ebbe particolare dimestichezza con Antonio
  Sementini, splendidissimo lume dell'Università nostra.

  Reduce in patria, fu troppo presto salutato erede dell'ingegno e
  del nome paterno.

  Jenner aveva dato al genere umano l'antidoto contro la peste
  vaiuolosa. A vincere l'ostinata renitenza di gran numero di
  madri contro quella pratica salutare, Santi tradusse le _ricerche
  storiche e mediche di Huxon sulla vaccina_ nelle quali aggiunse
  doti teoriche, che comparò con belle e giudiziose osservazioni, le
  quali accrebbero i pregi della versione in tal maniera divenuta
  originale. La peste di Malta richiamò Romeo da quella specie di
  inerzia, in cui cade lo scienziato quando si consacra di soverchio
  all'esercizio della pratica. Le sue _Ricerche_ sopra grave
  questione, se la peste bubbonica possa comunicarsi ai bruti come
  agli uomini, parvero spargere nuova luce sopra difficile soggetto,
  intorno al quale la medicina era ancora fanciulla. Malgrado la
  guerra che era allora di ostacolo ad ogni maniera di commercio,
  le _Ricerche_ in quella occasione pubblicate vennero altamente
  commendate in tutte le opere di medicina.

  Ottennero fortuna anche maggiore i suoi pensieri intorno alla
  febbre micidiale che nel 1817 visitò tutta l'Italia e che non
  infierí meno nel grande ospedale di Messina.

  Obbligato dallo stato di salute ad allontanarsi per qualche tempo
  dalla patria, visitò le principali università della penisola, e si
  conciliò l'amicizia di tutti i professori italiani che visitò.

  Nelle sue peregrinazioni scrisse utili ma semplici istruzioni
  per le genti di campagna della Sicilia, ad oggetto di prevenire
  i guasti che a quei giorni di là dal faro facea una feroce
  _epizoozia_.

  Poco dopo aggiunse una dotta nota sulle fumigazioni solforose,
  le quali aveva nella sua dimora in Napoli sperimentato sommamente
  proficue sotto la cura del chiarissimo cavaliere Assalini.

  Parecchie altre sue scritture date a stampa, o concernono
  l'utilità pubblica o tendono a campare i creduli dalle facili
  imposture dei falsi medici. Appartengono a questa classe la sua
  _Relazione sull'ipocondria di un tal Lamaestra_, ed un suo secondo
  ragionamento sullo stesso soggetto edito dal Nobili.

  Fu professore di medicina nel ginnasio di Messina, medico di quel
  grande ospedale civico e consultore fisico della deputazione di
  salute.

  Fu uno degli ultimi eletti e prese parte alla memorabile tornata
  dell'8 dicembre 1820.

  RICCIARDI AMODIO. — Nacque nel 1756 a Palata nel Molise. Furono
  suoi genitori Paolo e donna Diana Carunchio. Venne in Napoli
  adolescente per darsi agli studi legali ed abbracciare la carriera
  nobilissima del foro.

  Nel 1790 interruppe i suoi trionfi d'avvocato per esulare in
  Piemonte donde tornò nel 1808 e fu nominato da Murat procuratore
  generale presso la corte d'appello di Napoli. Nel maggio del
  1812 fu creato consigliere di cassazione e nel 1817 destinato
  a presiedere — la reazione era incominciata — la gran corte di
  Aquila.

  Il Parlamento lo ebbe fra i suoi piú ardenti e costanti membri,
  e poco dopo il suo ritorno nella capitale morí nel 1835 ai 3
  d'agosto, di mattina.

  RUGGIERI (DE') PETRANTONIO. — Mirabella, nel Principato ulteriore,
  fu la sua patria, e vi nacque ai 20 luglio 1766. Formato alla
  cultura delle lettere in paese, venne poi a compiere gli studi a
  Napoli, ove intraprese la carriera dell'avvocheria cogliendone
  non pochi allori. Nel 1814 fu nominato giudice del tribunale
  civile della Capitale ed indi a poco promosso pubblico ministero
  nel medesimo collegio. Amò piuttosto la difesa libera dei civili
  diritti che il penoso uffizio di magistrato al quale rinunziò
  spontaneamente. Conosciuto per la liberalità delle idee e per la
  inviolata probità della sua condotta, nei primi dí della riforma
  politica fu chiamato a far parte della commissione di pubblica
  sicurezza e conseguí l'approvazione generale nei piú difficili
  momenti.

  La nazione lo designava alla rappresentanza e fu presto
  unanimemente eletto a deputato della provincia di Napoli. Era anche
  decorato dell'ordine gerosolimitano.

  RONDINELLI BENEDETTO. — Nacque in Campagna nel dí 20 giugno del
  1772. Dedicatosi agli studi ecclesiastici fu nel 1805 creato
  canonico della cattedrale della sua patria.

  Poscia nel seminario di quel comune insegnò per molti anni gli
  studi filosofici e le matematiche discipline. In appresso, tenne
  anche la carica di pievano nella mentovata chiesa, e nel 1818 fu
  dal governo eletto a giudice conciliatore.

  SONNI DOMENICO ANTONIO. — Nacque in Falerno ai 12 giugno 1758, e
  nel 1776 entrò nel seminario di Tropea, (Calabria ulteriore). Fu
  ordinato sacerdote nel 1784 ed un anno dopo portossi in Napoli.
  Vi riuscí valoroso nelle scienze positive, tanto che con real
  dispaccio del 29 luglio 1792 fu chiamato a dettare matematica
  sublime nell'Università. Nel 1796 ebbe laurea di teologo e fu
  educatore del duca di Spezzano e de' principi d'Ischitella e
  Pignatelli.

  Fu nominato professore di matematiche nella reale accademia
  militare con decreto 1º novembre 1802, regio revisore delle stampe
  ed esaminatore degli aspiranti al magistero delle matematiche nel
  1805: fu professore trattatista ed esaminatore della r. accademia
  delle guardie marine (24 novembre 1806), esaminatore dei libri
  della biblioteca di San Severino ai 19 marzo 1807, membro della
  commissione per la statistica generale del regno (1808). Socio
  residente del R. Istituto d'incoraggiamento e della Pontaniana
  (11 luglio 1809). Nel 1815 tornò ad essere revisore della
  stampa, ispettore generale e segretario interino dell'istruzione
  pubblica, esaminatore del concorso alla cattedra dei concilii
  e successivamente delegato alla ispezione degli stabilimenti
  d'istruzione delle Calabrie, di Principato Citra e di Basilicata.

  Colto da apoplessia mentre camminava, in Napoli, per la strada di
  Toledo, morí addí 4 febbraio 1840.

  SPONSA DIODATO. — Fu tra gli esiliati a Tunisi e tornò in patria
  dopo il 1831.

  SEMMOLA MARIANO. — Del comune di Brusciano nel distretto di Nola.
  Dopo aver appreso nella patria i rudimenti delle lettere, fu dal
  vescovo Lopes inviato in Napoli agli studi delle scienze: all'età
  di anni 21 fu richiamato per insegnarle al seminario nolano.
  Intrapresa la carriera ecclesiastica dopo aver passato circa
  quattro lustri in quell'uffizio di professore al seminario, si
  riportò in Napoli ove die' un pubblico esperimento per ottenere la
  cattedra di fisica nella Regia Università degli studi, e benché non
  fosse riescito nell'intento ne ottenne riputazione, onde messosi
  privatamente ad insegnare le scienze filosofiche ebbe frequenza di
  giovani allievi.

  Non molto dopo, conseguí nella stessa Università la sostituzione
  alla cattedra di logica e metafisica. Nel decennio francese fu ivi
  incaricato dell'insegnamento della _Ideologia_, e riconfermato
  poscia, dopo la espulsione dei Francesi, nell'insegnamento
  dell'antica logica e metafisica. Si hanno di lui pubblicate per le
  stampe in varie edizioni le istituzioni di logica e metafisica ad
  uso del suo studio privato.

  TAFURI MICHELE. — Figliuolo del barone Tommaso di Melignano e di
  Teresa Perrone, nacque il dí 27 di maggio 1769 a Nardò (Lecce)
  nel cui seminario fu educato e poi inviato a Napoli, per studiarvi
  diritto canonico e poi prendervi gli ordini; invece egli s'accinse
  agli studi legali per la carriera del foro. Sposò nel 1799 Rosa
  di Masi. Durante il decennio, ministro nel 1807 il commendatore
  Pignatelli lo volle al ministero di grazia e giustizia e cosí anche
  Zurlo e Ricciardi.

  Nel 1815, tornati i Borboni, si dimise e tornò a vita privata.
  Fu nominato, quindi, giudice della corte criminale di Salerno e
  nell'anno seguente (1816) andò alla corte criminale di Trani. Solo
  nel 1818 passò alla corte civile della medesima città.

  Fu deputato nel 1820, e nella sessione che seguí tornossene, per
  sempre, a vita privata.

  Morí di bronchite ai 7 settembre 1857.

  TRIGONA SALV. GIUSEPPE, _marchese di Camicaro e Dominamare._ —
  Nacque in Noto (Sicilia) nell'anno 1792. Fra gli agi della famiglia
  non obbliò che la istruzione e lo studio aggiungono pregio alla
  nobiltà dei natali e si diede alacremente a coltivare le belle
  lettere, la filosofia e le leggi. La economia politica alla
  quale l'età nostra aggiunge importanza, divenne la sua precipua
  occupazione. Temperò quest'arduo studio coltivando la poesia, per
  la quale sentiva inclinazione particolare.

  Visitò Parigi, Londra, vide tutta Italia, e dopo otto anni reduce
  in patria, si diede con molto impegno all'azienda dei domestici
  affari ed all'esercizio delle cariche municipali.

  Dichiarato nel 1820 deputato del Parlamento non fu studioso che
  del bene del suo paese. Venne nominato ricevitore generale della
  provincia, ed ebbe tre volte la presidenza del consiglio generale
  della medesima, fu deputato delle opere pubbliche provinciali e
  della commissione di salute.

  Queste serie occupazioni se lo distrassero al seguire con ardore i
  suoi studi, non lo tolsero interamente alle accademie scientifiche
  e letterarie. Fu ascritto all'Arcadia di Roma, ai Trasformati di
  Noto, e fra i pastori Aratusei. Fu socio ordinario della società
  economica del suo paese, corrispondente di quella di Girgenti. Fu
  ascritto anche al VII congresso degli scienziati.

  Nel 1843 era stato nominato gentiluomo di camera, con esercizio,
  del re delle Due Sicilie Ferdinando II.

  VASTO TOMMASO. — Ebbe la cuna nel comune di Cardinale in sul finire
  del 1757. Fu educato nel seminario di Nola, ove professò poi, per
  ben trent'anni, diritto civile e canonico. Nel 1820 era canonico
  decano di quel capitolo e vicario generale della diocesi.

  VISCONTI FERDINANDO. — Nacque a Palermo ai 9 di gennaio 1772
  da Domenico Visconti capitano del reggimento di fanteria _Real
  Napoli_. Nel 1778 fu nominato _cadetto_.

  Dieci anni dopo entrò nella Reale accademia militare in cui
  compí l'educazione e gli studî, premio dei quali fu il grado
  di sottotenente nel reggimento _Re_ del corpo reale di genio ed
  artiglieria, conseguito ai 27 febbraio 1791.

  Come sospetto di professare dottrine liberali, nel 1794 fu posto
  in giudizio, congedato dal servizio militare e condannato alla
  reclusione d'un decennio nel castello di Pantelleria. Ivi passò
  sette anni ed alla pace di Firenze fu posto in libertà; ma non
  potendo trovare impiego in Napoli, andò a cercarlo a Milano. Al 1º
  settembre 1802 venne nominato tenente nel corpo degli ingegneri
  topografici della repubblica italiana. I suoi talenti superiori
  nelle scienze esatte non tardarono a farsi conoscere, sí che nel
  1805 fu destinato per aggiunto al capo di quel corpo topografico
  per la parte riguardante le osservazioni astronomiche e le
  operazioni trigonometriche. In quell'anno istesso seguí a Bologna e
  nel Veneziano lo stato maggiore dell'esercito, comandato dal viceré
  d'Italia. E quando nel seguente anno tutti i Napoletani impiegati
  in Francia ed in Italia vennero congedati, egli meritò l'onorevole
  eccezione conceduta a pochissimi, di rimanere agli stipendi del
  regno italico.

  Ricevette allora la missione di recarsi in Vienna per ottenere
  la consegna delle carte e dei documenti topografici relativi allo
  stato Veneto, i quali, pel trattato di Presburgo, l'Austria dové
  cedere all'Impero francese. Tornato a Milano con quelle spoglie,
  non rimase a lungo inoperoso. Dal maggio 1808 fino al gennaio 1809
  egli percorse tutte le coste dell'Istria, delle isole del Quarnero,
  della Dalmazia e dell'Albania, determinando con osservazioni
  astronomiche la loro posizione geografica, affine di costruire la
  carta idrografica dell'Adriatico. Fu nominato cosí capitano _in
  secondo_ nel corpo degli ingegneri geografici.

  Nel 1810 gli venne affidata altra commissione allorché sotto
  gli ordini del generale Danthouard attese a stabilire nel Tirolo
  la nuova linea di confine tra il regno italico, la Baviera e le
  provincie illiriche; ciò che gli valse la promozione a capitano in
  primo nel corpo accennato e quindi nell'anno successivo quella a
  sotto direttore del deposito generale della guerra.

  Nel 1813 fu capo squadrone nel corpo degli ingegneri geografi e
  nello stesso anno compí una ricognizione generale militare sulle
  frontiere delle provincie illiriche da Villach fino allo sbocco
  dell'Unna nella Sava.

  Nel maggio del 1814 tornò in Napoli, dopo ripetute e vivacissime
  insistenze di re Murat[83]. Fu nominato capo-battaglione dello
  stato maggiore dell'esercito e direttore del gabinetto topografico
  per la morte di Rizzi-Zannoni[84]. Nel 1815 fu promosso colonnello
  di stato maggiore.

  Creato deputato supplente, rimpiazzò il Bausan. Fu anche socio
  ordinario dell'Accademia delle scienze, della Società reale di
  Napoli e della Pontaniana.

  VIVACQUA FRANCESCO. — Nacque in Tarsia e si addisse all'avvocheria.
  Asceso di poi alla magistratura, fu giudice di gran Corte
  criminale, segretario della Corte di cassazione, e quindi
  procuratore generale in Catanzaro.

  Nel 1820 fu deputato. Socio dell'accademia Cosentina, vi lesse
  parecchie disquisizioni e discorsi di apertura che si fecero
  apprezzare per erudizione e per acume giudizioso.

  Destituito, spogliato di ogni pubblico ufficio, dopo i moti del
  1820, visse privatamente in patria, dove morí nel 1851.



PARTE TERZA

LA FINE DEL PARLAMENTO.



PARTE III


I due documenti che seguono sono riprodotti da due foglietti volanti.
Riguardano la partenza del Re per Lubiana. Ferdinando B. imbarcato a
Napoli, sostò, a causa del pessimo tempo di mare, a Pozzuoli, dove —
ornato l'abito della coccarda dei carbonari — ricevette la commissione
del Parlamento con queste parole:

_— Era inutile incomodarvi, con questo tempo, di venire fin qui!_

E la rassicurò intorno alle buone intenzioni sue e del suocero.

I deputati, sospettosi d'un tranello, discesero dalla regia nave
abbastanza male ed il malumore s'estese subito in tutta la capitale.

Fu allora che re Ferdinando scrisse la lettera e fu pubblicato il
rapporto che riproduco:

  FERDINANDO I ECC. ECC.

  AI MIEI FEDELI DEPUTATI DEL PARLAMENTO.

  Ho con infinito dolore dell'animo mio appreso che non tutti han
  riguardato sotto un aspetto la mia risoluzione a voi comunicata in
  data di ieri, 7 del corrente.

  Ad oggetto di dileguare ogni equivoco, dichiaro che non ho mai
  pensato di violare la Costituzione giurata; ma siccome nel mio real
  decreto dei 7 luglio, riserbai alla rappresentanza nazionale il
  potere di proporre delle modificazioni che essa avrebbe giudicato
  necessarie, alla Costituzione di Spagna, cosí ho creduto e credo
  che la mia intervenzione al congresso di Laybach potesse essere
  utile agli interessi della patria, onde far gradire anche alle
  potenze estere progetti tali di modificazioni che, senza nulla
  detrarre ai diritti della nazione, respingessero ogni cagione di
  guerra; bene inteso che in ogni caso, non potesse essere accettata
  alcuna modificazione che non fosse consentita dalla Nazione e da
  me.

  Dichiaro inoltre, che, nel dirigermi al Parlamento, intesi ed
  intendo di conformarmi all'art. 172, § 2, della Costituzione.

  E, finalmente, dichiaro che non ho inteso d'insinuare la
  sospensione (durante la mia assenza) degli atti di governo
  legislativo, ma di quelli solamente che riguardano le modificazioni
  della Costituzione.

      Napoli, 8 dicembre 1820.

                               FERDINANDO

             _Il segretario di Stato, ministro degli affari esteri_
                                               DUCA DI CAMPOCHIARO.

                                 —————

  RAPPORTO TELEGRAFICO[85]

  SUA ALTEZZA REALE IL DUCA DI CALABRIA AL TENENTE GENERALE COLLETTA

  Il Re, sovrano di Napoli, è stato chiamato al Congresso che sarà
  riunito a Laybach nell'impero austriaco; e parte col _consenso del
  Parlamento ai termini della Costituzione_.

      Napoli, 12 dicembre 1820.

                                                Per copia conforme:
                                      _Tenente generale:_ COLLETTA.

                                 —————

Ecco ora un elenco esatto del personale che intervenne al Congresso.
Naturalmente non vi possono essere comprese quelle persone
diplomatiche, le quali, senza avere alcuna relazione col congresso,
furono chiamate a Lubiana solo dagli affari correnti delle loro Corti
e dei rispettivi gabinetti; e neppure quelle che vi furono condotte da
oggetti di tutt'altra indole e senza speciali commissioni.

  _Austria_, il principe di Metternich. Co-incaricato il barone
  Vincent, generale di cavalleria, ministro alla Corte di Francia.

  _Russia_, il segretario di Stato, conte di Nessehode; il conte Capo
  d'Istria, il signor Pozzo di Borgo, luogotenente generale, ministro
  russo alla Corte di Francia.

  _Prussia_, il principe di Hardenberg, cancelliere di Stato; il
  conte Bernstorff, ministro degli esteri. Co-incaricato il signor
  di Kresemark, luogotenente generale, ministro presso la Corte di
  Vienna.

  _Francia_, il conte di Blacas, ambasciatore francese presso la
  Santa Sede ed il re delle Due Sicilie, il marchese di Caraman,
  ambasciatore alla Corte di Vienna; il conte La Ferronaye, ministro
  a Pietroburgo.

  _Gran Brettagna_, Lord Stewart, ambasciatore inglese a Vienna; on.
  R. Gordon, ministro incaricato presso la stessa Corte.

  _Roma_, il cardinale Spina, legato pontificio a Bologna.

  _Sardegna_, il marchese di Saint Morsan, ministro degli affari
  esteri, il conte d'Aglié.

  _Toscana_, il principe Neri Corsini.

  _Modena_, il marchese di Molza.

                                   *
                                  * *

  Il signor di Gentz ebbe l'incarico di stendere il protocollo e gli
  altri documenti.

Articolo tolto dal giornale del 1820-21 _La Minerva napoletana_, vol.
II, p. 139 (fondata da Giuseppe Ferrigni con Carlo Trova e Raffaele
Liberatore).

      Napoli, febbraio 1821.

                     IL MINISTERO

                     _..... solve senescentem mature senus equum, ne
                     peccet ad extremum ridendus et illa ducat._

                                                         HORAT.

  La patria è in pericolo! A questo annunzio debbono cessare le
  virtú timide: _La Minerva napoletana_ è stata forse troppo moderata
  fin'oggi, e forse non aveva abbastanza di lodi verso i ministri:
  oggi i di lei doveri sono cangiati!

  Lungi da noi l'idea che il ministero tradisca la nazione, o che
  l'essersi eletti nel 10 dicembre gli uomini rispettabili onde è
  composto, sia da riguardarsi come un secondo e piú funesto _colpo
  di Stato!_ Cotal pensiero appartiene ai nemici.

  Ma i ministri non possono per la loro età presiedere al movimento
  degli spiriti: questa sola ragione basta perché debbano rassegnare
  le cariche.

  In un momento in cui forse una nuova religione politica, come la
  nostra, in un momento in cui nuovi Diocleziani senza talenti, si
  preparano ferocemente dall'Istro ad apprestarle i primi martirî e
  quindi un sicuro trionfo, egli è fuori di proposito che i vecchi,
  con deboli mani, si facciano a dirigere la gran lotta. Godano
  essi la ricompensa della loro probità, siano circondati dalla
  pubblica stima e riconoscenza, pei loro consigli si abbia il dovuto
  riguardo; ma cessino finalmente, se amano il loro paese, cessino di
  credersi atti a sostenere un peso — ahi! — cosí grave!

  Se il signor Acclavio, già designato ministro dell'interno, avesse
  voluto scusarsi a cagione della sua età, qual migliore cittadino di
  lui?

  Ma no: egli non adduceva tale pretesto, ed altro motivo gli
  attribuisce la fama. Noi siamo lieti che questo uomo del foro sia
  restato fra i suoi processi.

  Legga egli Cuiacio; altri penseranno ad amministrare la cosa
  pubblica.

  In verità, non si può pensare senza raccapriccio che un ministero
  cosí importante come quello dell'interno, sia stato quasi privo
  di capo per piú di due mesi. Il marchese d'Auletta non dovea
  sovrintenderlo che per pochi giorni. Non potendo servir di secondo
  ad Acclavio il ritroso, era facile il concepire che gli tornava
  impossibile di spiegare tutto lo zelo necessario a tempi tanto
  difficili. Ma la nostra causa è bella! Invano tardano i ministri
  di accorrere al loro posto, invano alcuni antichi intendenti si
  mostrano pigri a secondare il nobile impulso delle provincie:
  cresce in esse l'ardore quanto piú mancano gli stimoli dei loro
  amministratori!

  Alla fine, gli affari interni sono stati affidati al cavaliere de
  Thomasis. Il Parlamento lo ha sciolto dall'accusa di aver preparato
  il 7 dicembre; ma la sua condotta per l'avvenire sarà la migliore
  delle assoluzioni.

  Il ministero degli affari stranieri dà luogo a riflessioni di ben
  altra natura. L'antico uomo di corte[86] che oggi l'occupa sarebbe
  mai divenuto adoratore di libertà?

  La storia del suo viaggio a Layback non somministra pruove assai
  forti di questa sua novella passione.

  Arrestato lungamente in Gorizia, doveva egli sentire per lo meno
  al pari di noi l'indegnità dell'oltraggio, e se qualche cosa poteva
  consolarlo in quella infame prigione, era senza dubbio la speranza
  di alzare un giorno la voce per la sua patria. E il giorno giunse,
  ed egli è chiamato al congresso: ascoltatelo!...

  _ — Se io potessi parlare... — _egli dice. Ma niuna forza fisica
  gli si faceva, onde tacesse; ov'egli avesse aperto la bocca niuno
  il minacciava sia dello _Knout_ sia del bastone. _Se io potessi
  parlare!..._ cosí quel ministro compiva la sua orazione e cosí
  sosteneva i nostri diritti. Che se egli non parlava, perché dunque
  non preferiva di scrivere? Sarebbe stata inutile, noi lo sappiamo,
  qualunque protesta; ma almeno la dignità della nazione non era
  offesa con quella importuna reticenza!

  L'egregio difensore della sovranità del popolo!

  Se a lui non si concedeva di favellare, chi non l'obbligava di
  dare orecchio a tante diplomatiche insolenze contro di noi? Perché
  durare la lettura delle istruzioni destinate ai tre plenipotenziari
  presso la nostra corte? Un uomo, il quale sapeva sacrificarsi,
  ed avrebbe interrotto il leggitore ed esclamato che non aveva
  intrapreso cosí malagevole cammino per vedere insultati ed il suo
  re e la sua patria!

  E fate che io ritorni alla mia prigione — rispondeva Filosseno
  a Dionigi. — Fate che io vi ritorni; i vostri scritti sono
  insoffribili! — Ma no; il ministro pregava, onde gli fosse
  _accordata copia_ di quelle istruzioni gentili, come se diligenti
  corrieri non fossero già pronti a recarli in Napoli! Ecco ciò che
  chiedeva il nostro inviato, ecco ciò che a lui si negava.

  Fedele istorico del suo silenzio, egli giungeva intanto fra noi.
  Grandi oggetti debbono richiamare le sue cure; grandi speranze si
  offrono alla nostra diplomazia.

  Vedremo se il ministro saprà trattare gli uni e fecondare le altre:
  ma i principî non sembrano lieti.

  Il principe di Partanna nostro rappresentante in Berlino persiste
  ostinato nel rifiuto di giurare la costituzione delle Due Sicilie:
  figlio della moglie del re, non per questo la sua sorte dev'essere
  diversa da quella dei due Ruffo di Parigi e di Vienna.

  I primi figli dei re sono i popoli, diceva l'imperatore d'Austria,
  cosí quando comandava a sua figlia di sposare l'altrui marito,
  come quando le strappava dal seno l'unico figlio, relegando quel
  marito al di là dell'Oceano. Quindi giova sperare, e ciò riguarda
  la _responsabilità_ del ministro d'affari esteri, che non sarà
  tollerato il novello _insulto_ alla nazione; e che non si farà
  ingiustizia ai principi Ruffo e Castelcicala con l'impunità del
  principe di Partanna!

  La nomina dei nostri agenti presso le Corti straniere merita del
  pari l'attenzione del ministero.

  Coloro i quali partirono prima che il Parlamento s'aprisse, non
  sono i piú atti: essi non han veduto coi loro occhi ciò che dopo
  quel giorno avvenne tra noi, e forse non prestano fede a quel che
  loro si narra dello spirito della nazione.

  Lo stato delle nostre relazioni politiche con le potenze neutrali
  è piú difficile di quel che sembra. Se ivi ci amano i popoli, ci
  detestano i gabinetti. L'oligarchia non è oggi che una specie di
  monachismo o, se si vuole, di massoneria sparsa in tutta l'Europa.
  Riti, misteri, linguaggio occulto ed universale, nulla le manca:
  bisogna quindi combattere dapertutto il mostro _proteiforme_, e, se
  sarà possibile, far comprendere alle Corti il loro vero interesse
  di stare uniti coi popoli.

  Noi non sappiamo qual sia la condotta del nostro ministro, riguardo
  ai Portoghesi; ma ormai ella dovrebbe esser palese. Un inviato del
  Brasile ostenta in Napoli la sua burbanza contro gli avvenimenti
  del Portogallo; o ignorando o facendo mostra di obliare che i
  Portoghesi concedevano il trono alla casa di Braganza, costui
  avvisa di chiamarli ribelli, or che chieggono di non essere piú
  colonia del nuovo mondo! Noi non dobbiamo vedere queste cose, né
  predicare la nostra felice costituzione ad altri popoli; ma se
  spontanei questi l'adottano, certamente non possiamo trascurare di
  chiamarli nostri fratelli. Se Giovanni VI non ancora ha sanzionata
  la costituzione del Portogallo, bisogna credere che lo farà in
  appresso; ma a noi non è lecito di respingere i voti e forse i
  soccorsi di quella generosa nazione.

  Il papa intanto che fa? Comincia egli a vedere quali ospiti sono
  i Tedeschi? Permetterà che Ancona e Civitavecchia siano occupate?
  Se noi saremo costretti di toccare i suoi dominii, non siamo stati
  certamente coloro i quali, primi, gli han chiesto ospitalità, e
  non vi combatteremo che per la nostra salvezza. Una volta i papi
  scioglievano i popoli dal giuramento di fedeltà verso i re della
  terra, oggi essi sciolgono i re dal giuramento di fedeltà verso la
  patria; segno evidente che i popoli sono divenuti i piú forti!

  Quindi, giova ripeterlo, i monarchi debbono unirsi alle loro
  nazioni e saranno invincibili. Forse il pontefice comprende questa
  verità: ma la teocrazia cui egli presiede, gli vieta di recarla
  ad effetto, e forse non si aspetterà il termine della sua vita per
  punirlo di aver egli aperto l'adito a truppe straniere.

  Allorché si é perduto il pudore politico fino al segno di essersi
  decretata l'impresa contro Napoli, qual piú agevole cosa di
  spogliare il papa, se le Sicilie saranno vinte?

  Per farlo, basta che l'Austria comandi qualche movimento intestino
  negli Stati di lui, allorché egli griderà che i _carbonari_ lo
  hanno prodotto; e poiché, per diritto divino ed imprescrittibile,
  le sponde del Po appartengono a Cesare, egli sarà evidentissimo per
  l'_Osservatore austriaco_, che Cesare deve occupare gli stati del
  papa con un esercito amico o con un esercito conquistatore.

  Ma il papa fa vista di non comprendere nulla; e sembra desiderare
  la guerra contro Napoli. Si narra che egli ha ordinato di
  ristaurarsi la via che conduce a Ceprano; e ciò senza dubbio rende
  piú agevole il movimento dell'artiglieria tedesca. Grazie sieno
  rese al pontefice: egli ha cura della nostra gloria, e c'invita a
  combattere! E quindi giungono sommamente opportuni i richiami del
  suo agente in Napoli, perché il concordato fosse eseguito! Intanto,
  il nostro ministro di affari esteri o non domanda conto alla corte
  di Roma delle di lei intenzioni, o nasconde ancora al Parlamento,
  come non si trattasse delle nostre frontiere, quali sono i di lui
  provvedimenti intorno ad un soggetto di sí alta importanza.

  Noi consigliamo al ministro di non compromettersi con alcuno. Alla
  sua età si è avuto il tempo d'imparare ad esser _prudente!_

  Qui volevamo noi parlare del ministro di guerra e marina, per
  rendere omaggio ai suoi talenti ed alle sue virtú, ma egli si è
  ritirato; e quindi il nostro elogio non sarà riputato meno sincero.
  Egli ha saputo bene meritare della Patria; e gli succede un uomo,
  in cui tutti ripongono la fiducia di vedere in brevi giorni recato
  ad effetto ciò che il suo predecessore non aveva potuto compiere
  per la sua vecchiezza.

  Il nuovo ministro combatterà certamente la calunnia sparsa dai
  timidi, che possano mancare le sussistenze all'esercito in un
  regno come quello di Napoli! Egli dee conoscere la furfanteria e
  l'avarizia degli appaltatori e degli abbondanzieri; non si tratta
  se non di dar esempi rigorosi, e di mozzare il capo, come vuole la
  legge, ai convinti di tradimento. Il maresciallo di Turenna disse
  una volta ad uno di costoro, che lo avrebbe fatto impiccare per la
  gola...

  — _Vostra Altezza_, quegli rispose, _dev'essere persuasa che non
  si può impiccare un uomo il quale in questo momento può spendere
  centomila scudi!_

  E non fu il maresciallo ch'ebbe ragione.

  La difesa della capitale è uno dei piú alti soggetti, dei quali
  deve occuparsi il ministro della guerra. Bisogna persuadere al
  nemico che la capitale non è nulla in questa guerra: che Napoli
  può essere bruciata come Washington e come Mosca, senza che ciò
  riguardi la causa della libertà. Che per salvar Napoli, si debba
  commettere una viltà? No, sarebbe questo un vilissimo tradimento!
  Quindi conviene prepararsi; e poiché il Reggente ha sanzionato il
  decreto di doversi trasportare il Parlamento a Salerno, perché non
  si comincia da ora?

  Perché non si fortificano le alture, onde Napoli è coronata? Né
  solo é necessario di togliere le armi e gli oggetti di guerra della
  capitale, ma le cose preziose appartenenti alla nazione, statue,
  preziosi quadri, manoscritti... Chi non sa di quali tesori la
  corte di Vienna s'impadroní sotto il regno di Carlo VI? L'insigne
  biblioteca dei manoscritti del cardinale Scripando in San Giovanni
  a Carbonara non formano oggi forse l'orgoglio della biblioteca
  viennese? L'Austria non solo vorrebbe rapirci l'onore, ma tutte
  le nostre ricchezze; che buon paese era per esso questo regno di
  Napoli! E qual rabbia di vederlo libero!

  Noi parleremo altra volta de' ministeri di giustizia e di finanze;
  ma giova toccar brevemente la condotta di tutto il ministero
  riguardo al consiglio di Stato.

  Questo è l'unico consiglio del Re; e dee principalmente trattar
  gli affari di guerra e di pace. Intanto dall'ozio e dal lento
  passeggiare dei consiglieri di Stato, scorgiamo che essi non sono
  di altro aggravati se non di qualche provvista di abati e di altri
  piccoli ufficiuzzi. Né si parla se non del consiglio de' ministri?

  Speriamo che questo ordine di cose voglia cessare, e la
  costituzione aver tutto il suo effetto fra poco: senza di ciò vi
  potrebbe esser luogo ad accusa legale.

                                                          C. T.[87]

Al messaggio del re, pubblicato poc'anzi, il Parlamento rispose col
Rapporto che segue:

                                RAPPORTO
               DELLA COMMISSIONE DEL PARLAMENTO NAZIONALE
                       PER L'INTERVENTO DI S. M.
                      AL CONGRESSO DI LEYBACH[88].

      _Signori,_

  Il messaggio che S. M. vi diresse nello scorso giorno, era ben
  giusto che occupasse tutti i vostri pensieri. Desideroso di
  rispondervi con quella calma prudente che non può essere divisa
  dalla maturità del consiglio, voi nominaste a tale uopo una
  commissione novella. Non potrei esibirvi i motivi della di lei
  opinione, se non riproducessi nella vostra mente la storia di
  taluni fatti notabili.

  I rapidi e luttuosi avvenimenti, i quali distinsero la fine del
  secolo scorso, aveano alterato sensibilmente la marcia della nostra
  vita politica. La pietà ed il terrore aveano scossi gli spiriti;
  il sentimento patrio era diventato piú energico, e le cognizioni
  piú estese; la coscienza della propria forza non era piú muta nel
  popolo: e gli svantaggi d'una libertà intemperante avevano imparato
  a desiderarne un'altra piú moderata e piú cauta.

  Le sempre nuove e sempre varie vicende che hanno sconvolta
  l'Europa, non avean fatto che fortificare questa disposizione del
  popolo. Essi non eran che errori della democrazia o della monarchia
  assoluta; ed eran quindi i piú atti ad indicare il bisogno d'un
  partito intermedio. Era facile d'altronde osservare, che contro
  gl'incerti fenomeni di talune repubbliche efimere reggea tuttora e
  prosperava la costituzione d'Inghilterra.

  Mentre tali riflessioni serpeggiavano oscure nelle menti dei piú,
  gli amici del potere arbitrario o non erano capaci di scorgerle, o
  trovavano nel dissimularle il proprio vantaggio. Sorgeva quindi,
  fra l'opinione ed il governo, quel sordo e grave contrasto che
  annunzia sempre vicini i grandi cangiamenti. Invano il vigore di
  Gioacchino Murat e la sua premura di mostrarsi popolare avevan
  cercato di estinguere l'effervescenza degli animi. Invano il
  tentativo di rendersi liberi aveva richiamato negli infelici
  Abbruzzi la rabbia del despotismo militare. Il capo del governo
  era stato costretto ad accorgersi che la civilizzazione dei popoli
  non può mai essere illusa dagli artifizi delle Corti e molto meno
  superata dalla violenza. Dopo di aver vacillato per lungo tempo
  fra i voti del regno ed i propri, fra l'ambizione e il dovere,
  ei cadde in fine dal trono. Fu allora che lasciossi sfuggire una
  costituzione apparente, come l'avaro inseguito si lascia sfuggire
  un deposito che ha lungamente negato.

  Il re legittimo si preparava intanto a rientrare nell'eredità dei
  suoi avi. Era per lui il coraggio di quegli eserciti immensi che
  avevan rotta la fortuna del conquistatore dell'Europa, ed avean
  cangiata la politica dell'universo. Ma la bontà naturale del di lui
  cuore, era stata perfezionata dalla sofferenza dei mali: egli aveva
  meditato per due lustri interi nel piú incomodo, ma piú istruttivo
  gabinetto dei principi, io vo' dire nel gabinetto della sventura.
  Ei conosceva la smania degli antichi suoi sudditi per isciogliere
  i vincoli del proprio servaggio. È dunque fama che riprendendo la
  comunicazione con essi, accarezzò la piú cara delle loro speranze,
  quella di essere liberi. Furon chiare le voci che, per quanto
  i fogli assicurano, egli emanò nel proclama del 1º maggio 1815,
  essendo ancora in Palermo. Egli promise la sovranità al popolo, e
  _la piú energica e piú desiderevole costituzione allo Stato_.

  Professò anzi che avrebbe solo ritenuta per sé medesimo la piú
  bella e piú modesta facoltà dei monarchi, quella di serbare intatte
  e fare eseguire le leggi.

  Una dichiarazione sí nobile e sí generosa, non mancò di produrre
  le conseguenze piú utili. Fu dessa e non il valore alemanno, che
  nei piani di Macerata dissipò ad un tratto le schiere dei nostri
  campioni.

  Cosí la mano di Ferdinando IV impugnò di nuovo lo scettro: e la di
  lui anima non dimenticò le intenzioni con cui lo aveva racquistato.
  Si sa, infatti, che solamente fra i tristi la fortuna è la morte
  delle promesse.

  Sventuratamente, dei rapporti fallaci, e non di rado maligni,
  della situazione dei suoi popoli, gli persuasero la necessità di
  ritardare l'effetto dei suoi proponimenti. Se le cose in seguito
  occorse han potuto occasionargli alcun dispiacere, è stato
  solamente quello di non aver prevenuti i desiderî coi beneficî.

  Continuati intanto ed accesi, erano questi desiderî. Ciò non
  ostante rimasero in certa guisa inattivi, fino a che il governo
  blandilli con una condotta liberale. Non si tosto cominciarono a
  venire irritati dalla persecuzione, che proruppero all'improvviso
  in uno scoppio violento.

  Egli è vero, che i primi segni ne apparvero su le vette dei colli
  di Monteforte. Ma venner prodotti da un movimento comune alle
  provincie finitime, e propriamente a quelle di Capitanata, Avellino
  e Salerno. Fu il popolo che dié la spinta a' 140 individui del
  reggimento Borbone; ed è perciò che la bandiera da essi inalberata
  non tardò a circondarsi di centomila proseliti.

  Chi ritrova la origine di questo avvenimento nella diserzione
  militare, deduce in vero il principio della sua conseguenza. Ei
  crede nata la marea in quel punto del lido in cui l'onda s'è rotta.

  Il grido del riscatto arrivò tosto alla Reggia, e risvegliò la
  memoria delle antiche promesse. Non tardò ad apparire l'effetto nel
  decreto de' 7 luglio 1820.

  In esso il re si compiacque di fondare nei suoi Stati la
  costituzione di Spagna con quelle sole modificazioni che la
  rappresentanza nazionale avesse potuto proporre.

  Era questa la maggior parte del regno allora quando venne scossa
  da questa nuova: né ascoltolla dai valorosi di Monteforte, ma dal
  proprio sovrano. In tal caso la libertà, che in alcuni siti era
  stata chiamata, giunse in altri inattesa: ma in tutti fu accolta
  con quel vivo entusiasmo che accompagna la soddisfazione delle
  lunghe speranze.

  La riconoscenza del popolo superò la sua gioia.

  Non acclamò egli giammai la costituzione di Spagna, senza mescervi
  il nome di colui che gliel'avea accordata; e Ferdinando I non mai
  potè tanto sulla sua nazione, che quando mise una legge al proprio
  potere.

  Sentí egli la sua gloria ed accumulò tutti i mezzi di consolidarla.
  Sette giorni appena eran corsi, da che egli aveva adottata
  la costituzione di Spagna, ed innanzi alla Giunta provvisoria
  recentemente creata, ei ratificò la sua scelta col giuramento.

  Tutti i principi suoi figli seguirono l'esempio: e la sua famiglia
  ed il suo popolo non ebbero quindi che un patto.

  Comparve il giorno piú celebre nei nostri annali politici, il primo
  di ottobre. Nel volto d'infiniti spettatori si vedea brillare la
  sorpresa, la riverenza ed il gaudio. Un tenero e taciturno contegno
  era visibile nei vostri sguardi ed in tutti i vostri movimenti.

  La conferma della costituzione di Spagna uscí appena dalle labbra
  del re; ebbe egli appena invocato il tremendo nome di Dio, ed un
  immenso concerto di voci che tutte insieme esprimeva gli affetti
  piú cari, scosse le mura del tempio. Egli vide che la piú soave
  sensazione di un monarca è il grido festoso e spontaneo della
  riconoscenza di un popolo.

  Fa d'uopo osservare che sorbí egli la soddisfazione fino all'ultima
  stilla. Un fiore non fu sparso, non fu emesso un accento che non
  risvegliasse nel di lui cuore un piacere distinto. Egli adornò con
  l'augurio della vostra salute la giocondità della mensa; protestò
  che i suoi sonni eran divenuti piú dolci; non si nascose il
  vantaggio di aver vestito il suo trono d'una luce novella.

  Fin da' 7 luglio dell'anno corrente aveva egli approvati con
  anticipazione quegli atti che il suo vicario generale avesse
  creduti opportuni per mandare ad effetto lo statuto di Spagna.
  Fu spiegato ai 22 luglio il piú importante fra essi: fu stabilita
  in fatti la pratica dell'elezione dei deputati, e fu determinata
  la formola de' vostri poteri. Il governo medesimo credette allora
  limitarli a mantenere salde le basi di quello statuto politico; né
  veruna modificazione vi lasciò in dritto di fare, quando non fosse
  richiesto dalla necessità di adattarlo alle circostanze del regno.

  Unisoni a questa formola furono i vostri poteri: unisoni a questi
  poteri furono i vostri giuramenti, ed unisoni a questi giuramenti
  furono quelli del re ed il decreto del 7 luglio. L'obbligo di
  rispettare i principî dello statuto di Spagna, e l'impossibilità
  di sottometterlo a delle riforme importanti è dunque radicato nel
  nuovo patto sociale, nella stessa indole de' vostri mandati, nella
  religione del re e nella vostra.

  So che l'invidia del bene ha posto in opera ogni macchina della
  calunnia.

  So che la gloria di un monarca, il quale affrancava il suo popolo,
  si è deturpata con la taccia della violenza. I posteri crederanno
  appena che l'ardimento della menzogna sia stato condotto si
  oltre da voler togliere alla notorietà la sua evidenza. Ma se la
  natura istessa dei fatti non rispondesse all'accusa, gioverebbe a
  smentirla un documento della maggiore importanza.

  Modificando la costituzione di Spagna, il Parlamento aveva
  prescritto che per ogni provincia si eleggesse un consigliere
  di Stato. S. M. si persuase che questa norma restringesse le sue
  prerogative. Non si stette allora in silenzio, e non si contentò di
  protestare. Usando anzi francamente dei regi suoi diritti, richiamò
  alla memoria dell'assemblea il patto sociale, il giuramento comune,
  l'inviolabile dovere di conservare le fondamenta della costituzione
  adottata. Mostrò in tal guisa di non essere egli men libero,
  allora quando aderiva alla rappresentanza del popolo, che allora
  quando resisteva alla di lei opinione. Se l'unità di questo caso è
  sufficiente ad escludere la soggezione del sovrano, non lo è meno
  a render noto l'accordo fra i due principali poteri che dirigon lo
  Stato.

  Era questa la marcia sempre posata e prudente del nostro regime,
  allorché delle nuvole incominciarono a stringersi verso il nostro
  orizzonte politico. Gelosi della nostra indipendenza, non avevamo
  offesa l'altrui. Né ragioni di fratellanza, né opportunità di sito,
  né utilità di dominio ci avevano indotti a ricevere sotto il nostro
  patrocinio le città sollevate di Benevento e Pontecorvo.

  Gli ambasciatori dei sovrani di Europa avevano goduto nelle nostre
  contrade di tutta la stima e di tutti i vantaggi che il loro grado
  esigeva. La nostra libertà era del pari innocente, che urbana e
  tranquilla.

  Eppure i rappresentanti della nostra nazione trovavano chiuse le
  porte di varie Corti di Europa. Eppure delle penne vendute alla
  menzogna ed al biasimo, non tralasciavano di ventilar la fama della
  nostra anarchia.

  La curiosità di sapere il motivo di questi modi spiacevoli,
  pareggiava la certezza di non averli meritati. Fra i nostri agenti
  diplomatici vi fu chi prese ad appagarla.

  Ecco ciò che in data de' 14 novembre egli scriveva sull'uopo:
  «L'avversione dei gabinetti di Europa, a cagione del modo con cui
  la Costituzione si è ottenuta, sembra formare il nodo piú forte
  della questione europea per la sua essenza.

  «La Camera unica dei deputati, le restrizioni della prerogativa
  reale, l'incoerenza di partecipare ad un'assemblea, le negoziazioni
  diplomatiche, la deputazione permanente, la nomina agli impieghi,
  dei quali dispone il Parlamento, l'inceppamento del potere
  esecutivo, l'odiosità del veto lasciato al solo governo, e questo
  veto anche inefficace, perché solamente sospensivo, ed altre
  disposizioni della costituzione spagnuola, si trovano dalle
  varie potenze come tanti germi di discordia e di anarchia, e come
  incompatibili con la tranquillità dell'Europa».

  L'autore del rapporto indicava i mezzi opportuni a riparare
  questi mali: « — mi sembra, egli diceva, di potere asserire
  che tutti questi mezzi si riducono ad uno solo; la rifusione
  della costituzione spagnuola, o piú tosto la formazione di una
  costituzione napolitana. Mi pare che il punto decisivo sia questo.
  E riguardo a questo punto il dilemma è breve: o venire incontro
  con dignità ai desideri dell'Europa, o aspettarsi la guerra e
  le conseguenze che ne verranno; o modificare da noi stessi la
  costituzione o aspettare che altri venga a modificarla».

  Il nostro agente diplomatico aggiungeva un consiglio. Era quello
  di domandare l'intervento d'una gran potenza dell'Europa, onde,
  in compenso delle riforme che avremmo apportate alla nostra legge
  politica, ci procurasse la pace.

  Noi non fummo persuasi dell'esistenza dei mali, e detestammo i
  rimedi. L'unità della Camera aveva per noi un supplemento nel
  Consiglio di Stato; non ci sembrava ristretta la prerogativa reale,
  ma il potere dei ministri; non leggevamo prescritta la necessità
  d'indicare all'assemblea legislativa le negoziazioni diplomatiche,
  ma di renderle conto dei risultamenti di esse: trovavamo incapace
  di essere molesta al governo una deputazione destinata alla sola
  vigilanza: ignoravamo che il Parlamento nazionale avesse sugli
  impieghi altro diritto, fuorché quello di presentar le terne per
  lo stesso Consiglio: se la forza esecutiva è inceppata nel male,
  la vedevamo sciolta nel bene; o il veto non ci si mostrava sotto
  l'aspetto di odioso, o credevamo che la odiosità dovesse ferire
  il Consiglio assai piú che il monarca; ma ci era dato infine il
  convincerci della inefficacia di un atto che poteva differire per
  anni la sanzione delle leggi, e che necessitava con questo mezzo al
  consenso i due poteri sovrani.

  Era ben lungi dalla nostra mente il pensiero che gli alti alleati
  d'Europa volessero gradire il progetto dell'autore del rapporto.
  La indipendenza del nostro regno è tanto sacra per essi, quanto
  il dritto delle genti e l'opinione illibata della loro giustizia.
  Quella storia, che avara per le generose azioni, ha profuso il suo
  lusso per gli illustri misfatti, non ci presenterà l'aspetto di un
  principe che abbia snudata la spada per costringere una nazione ad
  avvilire le sue leggi. L'abolizione dei sacrifici umani coronò una
  volta il trionfo d'un re di Siracusa: e fu scritto che egli allora
  stipulava per l'umana natura. La servitú insanguinata d'un popolo,
  disonorerebbe il piú grande di tutti i trionfi: e si scriverebbe
  che si è combattuto e si è vinto per lo vitupero del buon senso o
  per l'infortunio dell'uomo. Chi osò mai di supporre disposizioni sí
  tristi nei magnanimi regolatori dell'Europa attuale?

  Che se aveste obliata la loro virtú e la di loro grandezza, non
  avreste potuto non sovvenirvi dei vostri poteri. Voi avreste
  sempre letta nel tenore di essi l'impossibilità di aderire ad un
  cangiamento essenziale del vostro statuto. Voi avreste riputato
  contrario alla dignità di quel popolo che rappresentate ed alla
  vostra costanza l'andare incontro all'intervento d'una potenza
  straniera, per offerirle di permutare la libertà con la pace.

  Riceveste adunque con gratitudine quel messaggio reale, che dimandò
  il vostro parere sulla mediazione. Ma quando il ministro che vi
  presentò il soglio, congiunse ad esso i progetti dell'autore del
  rapporto, tutti i vostri sentimenti vi sboccarono dal cuore, e mi
  suggerirono l'indirizzo dei cinque novembre.

  Esprimeste in esso l'attaccamento ai vostri doveri, la vostra piena
  fiducia ne' giuramenti reali, la decisione irremovibile dei vostri
  committenti: la vostra.

  I troni di Austria, di Russia e di Prussia erano stati fin
  qui circondati da un cupo silenzio. La prima voce che da essi
  ci venne, fu la prima testimonianza della loro giustizia. Non
  c'internò quello sdegno che non abbiam meritato, ma il desiderio
  di accordare un posto nel di loro consesso al nostro monarca. Fu
  questo un introdurre nel gabinetto di Laybach la santità dei di
  lui giuramenti, la legittimità del nostro cangiamento politico,
  l'indipendenza e l'autorità del nostro patto sociale.

  S. M. ci diresse il messaggio dei 7 ottobre, e noi vi scorgemmo due
  punti. Manifestò l'uno il disegno di consentire all'invito dei suoi
  alti alleati: manifestò l'altro le basi d'una costituzione novella,
  e ci premurò a sospendere alcuna delle nostre incombenze.

  La vostra commissione, o signori, non può ravvisare nell'una
  che le intenzioni reali; non può ravvisare nell'altra che un
  dispiacevole equivoco del direttore del foglio. È sicuramente degno
  del cuore di Ferdinando I l'abbellire l'adunanza dei signori del
  mondo, ed il prendere parte nella sublimità dei loro consigli.
  Ma come mai avrebbe egli pensato di essere in caso di aderire ad
  una costituzione novella? Avrebbe egli cancellato il decreto dei
  7 luglio, i suoi giuramenti solenni, le sue ripetute proteste,
  la nobiltà del proprio carattere? Piú non tornerebbero alla di
  lui rimembranza quelle lagrime di tenerezza, le quali vennero
  sparse nel primo di ottobre, quelle acclamazioni solenni che
  accompagnarono la conferma dello statuto di Spagna, quegli accenti
  interrotti, que' fiori che tanto interessarono il di lui cuore
  commosso?

  La virtú e la condotta del capo della vostra nazione piú non
  sarebbero sinonimi? E colui che godeva chiamarsi il fondatore e
  protettore del vostro statuto, presterebbe la mano a divellerlo?
  E voi destinati, obbligati a mantenerne intatte le basi, potreste
  voi consentirvi? Un cangiamento preparato da 20 anni diventerebbe
  adunque per vostra colpa o per vostra negligenza retrogrado?

  Rispetto, o signori, alla lealtà, alla fermezza del vostro Monarca.

  Tutto ciò che è contrario alla di lui dignità, è per lui
  impossibile. Se egli è pronto a partire per il congresso di
  Laybach, non può essersi proposto che il generoso disegno di
  dileguare le calunnie dei vostri nemici, di rendere sicura la
  felicità con l'indipendenza del regno e di provare all'Universo che
  non il palpito del timore, ma lo slancio della gloria gli dirigeva
  la mano, allorché egli aderiva liberamente alla costituzione di
  Spagna. Immaginare in lui altri fini è non riputarlo inviolabile:
  è trasandar lo statuto. Non evvi infatti profanazione maggiore
  della persona sacra d'un Re, che il supporlo non ricordevole della
  propria parola.

  Quale è dunque lo stato della controversia che voi avete a
  risolvere? Negherete all'unione dei sovrani il desiderio di chi ha
  stabilito fra voi il regime attuale, e vi priverete del piú grande
  difensore della vostra indipendenza?

  Perderete la opportunità di spedire un argomento vivente del
  vostro buon diritto? Ed alla chiamata della giustizia risponderete
  ferocemente col grido di guerra?

  No, cittadini, non è tale il parere che la vostra commissione
  m'impone di esporvi.

  Ella ha creduto di unire nel decreto di cui vi rassegno il
  progetto, la vostra dignità, la vostra intrepidezza, la vostra
  fiducia nella virtú del monarca e de' suoi alti alleati, la
  franchezza e l'onore del popolo da cui tenete i poteri.

  Il vostro criterio ne giudichi: il Dio della verità e della buona
  fede assicuri il vostro giudizio.

                                       PASQUALE BORRELLI, relatore.

                                   *
                                  * *

_La commissione cui questo parere appartiene, era composta dei signori
Galdi, Poerio, Berni, generale Begani, colonnello Bausan, di Donato,
presidente Ricciardi, colonnello Visconti e Borrelli relatore._

                                 —————

                            L'ULTIMA SEDUTA
                DEL PARLAMENTO NAPOLETANO DEL 1820[89].

                            _15 marzo 1821._

                   _Presidenza del signor_ ARCOVITO.

  Gli atti della tornata precedente sono approvati.

  Il _signor Poerio_ è invitato dal presidente a dare gli ultimi
  ragguagli venuti alla conoscenza della commissione di guerra sullo
  stato dei nostri eserciti. L'onorevole deputato è alla tribuna.

  — Le ultime nuove del secondo corpo d'esercito recano che le gole
  di Popoli sono tuttavia libere; che i marescialli di campo Russo
  e Montemajor, ed il colonnello Manthoné concentrano le loro forze
  in Solmona: che un reggimento e due battaglioni di linea marciano
  da Venafro a Castel di Sangro; che il corpo del generale Verdinois
  era il di 12 del corrente in Ascoli; che l'intera legione Teramana
  comandata dall'intendente colonnello Lucente sotto gli ordini di
  quel generale e numerosa di seimila uomini era pronta a seguirlo.
  Il movimento retrogrado di quel corpo fatto non piú per il lungo
  cammino degli Abruzzi marittimi, ma per la strada consolare che
  conduce nel cuore degli Abruzzi, ed il movimento progressivo dei
  corpi che s'avanzavano da Castel di Sangro e da Solmona, uniti ai
  rinforzi che sicuramente spedirà il governo, faranno ben presto
  riprendere a quel nostro esercito le sue antiche posizioni.
  Confidiamo perciò — ha aggiunto l'oratore — nella previdenza
  di S. A. R. nell'accordo, nell'esperienza e nel patriottismo
  dei generali, nel valore e nella buona volontà delle truppe.
  Non dubitiamo dello slancio di tutte le milizie per la fantasia
  alterata di pochi battaglioni, né disperiamo della salvezza della
  patria per un disastro d'un sol momento e d'un sol luogo. Bandiamo
  le diffidenze. Vinciamo con la nostra calma l'altrui costernazione;
  e sopratutto non perdiamo di vista, che noi difendiamo la piú santa
  e la piú bella delle cause; quella della politica indipendenza
  del trono e della nazione. Rispetto profondo al Re, calda
  resistenza agli stranieri, moderazione nella prosperità, fortezza
  nell'infortunio; ecco i nostri doveri.

  Adempiamoli, e costringeremo i nostri stessi nemici a stimarci. Può
  essere incerta la sorte delle armi; ma non deve essere incerta mai
  quella dell'onore!

  (_L'onorevole deputato discende dalla tribuna in mezzo ai vivissimi
  applausi_).

  Il _signor Borrelli_. Voi avete emesso un decreto concernente la
  formazione delle guerriglie; ma voleste che ognuna di esse fosse
  formata di picciol numero di uomini. Ciò non potrebbe conseguire
  il grande oggetto di tribulare fortemente il nemico. Io vi propongo
  di aggiungere a quella saggia ed utile disposizione l'altra che vi
  presento nel progetto di decreto, il quale è diretto ad autorizzare
  la creazione di corpi franchi piú numerosi, e capaci perciò di
  recare al nemico grave danno, e di ritardarne in tutti i punti il
  cammino.

  Comandati quei corpi da cittadini ardenti di concorrere alla
  salvezza della patria, serviranno essi di singolare aiuto ai corpi
  regolari dell'esercito, co' quali opereranno in tutti i punti di
  accordo. Ecco il progetto di decreto:

                                   *
                                  * *

  Considerando che niun mezzo dee trascurarsi per la difesa del regno
  e per la salute della patria.

                        IL PARLAMENTO NAZIONALE

  decreta:

  1. Il ministro della guerra è autorizzato ad ordinare, dovunque
  il creda opportuno, dei corpi franchi; preporre ai medesimi delle
  persone, le quali abbiano la sua fiducia e quella della nazione, e
  disporne in generale i movimenti.

  2. La sussistenza di tali corpi franchi si regolerà come quella
  delle guerriglie; giusta il metodo prescritto dal decreto degli 11
  dello stesso mese. (_Approvazioni_).

  Il _segretario Tumminelli_. Legge officio del ministro della
  finanza, di risposta ad altro del Parlamento concernente i gravi
  inconvenienti che avvengono nella posta della Sicilia, ove nulla
  o poco è rispettato il segreto delle lettere. Il ministro domanda
  che gli sieno date specifiche indicazioni, perché possa procedere
  secondo la legge, contro gli impiegati infedeli.

  Il _signor Trigona_. I deputati non possono rivelare i casi
  specifici; eglino indicarono al ministro la norma da seguirsi,
  quando lo tennero avvertito degli inconvenienti avvenuti. Nel
  nostro segretariato sono depositate prove contro parecchi impiegati
  delle poste.

  Il _signor Morici_. Gli atti del Parlamento non giunsero mai in
  regola nelle provincie; essi o arrivarono in ritardo, o mancarono
  affatto. Noi abbiamo molte doglianze di questa natura.

  Il _signor Vivacqua_. L'on. ministro avrebbe fatto meglio, se
  invece di chiedere notizie specifiche dal Parlamento, avesse
  inviato circolari ed ordini severi per far cessare tali colpevoli
  abusi e far serbare la fede e l'esattezza che si richiede nel
  servizio delle poste. La dimanda fatta dal ministro può solo
  fomentare gli abusi, e far crescere la speranza dell'impunità nei
  rei. Il Parlamento non può trasformarsi in autorità giudiziaria,
  cui spetta raccogliere le prove delle infrazioni delle leggi e
  punirle. Bisogna ripetere al ministro i medesimi uffizi in termini
  generali ed invitarlo a rendere esatto, regolare e fedele il
  servizio delle poste. (_Approvato_).

                                   *
                                  * *

  Il reggimento del terzo leggiero si duole di essere stato lasciato
  in Palermo; chiede di essere chiamato a far parte dell'esercito
  destinato alla difesa della patria.

  Il _presidente_. Si rimetta la dimanda al ministro della guerra.

  Il _signor Colaneri_. Non basta rimetterla al ministro della
  guerra. Quei soldati ed ufficiali valorosi, e vecchi alle armi,
  credono onta rimanere oziosi in Sicilia, privi dell'onore di
  aver parte in una lotta dalla quale dipende la indipendenza della
  nazione e del trono. Il loro zelo è degno della vostra estimazione,
  e simili domande meriterebbero la vostra approvazione. (_Onorevole
  menzione al ministro della guerra_).

  Il _signor Poerio_ osserva che il Parlamento in questa tornata
  deve attendere all'esame degli stati discussi di due anni: quello
  dell'anno 1821 e del prossimo 1822; osserva che la nazione ha
  diritto a conoscere lo stato delle sue finanze; egli domanda con
  istanza, che le commissioni attendano di urgenza a questo soggetto.

  Luigi Alfonso chiede di armare un legno in corso contro il nemico
  (_al ministro di guerra e marina_).

  Il _signor presidente_. Il ministro di grazia e giustizia fece
  conoscere al Parlamento la necessità d'una riforma nelle nostre
  leggi penali, per render queste accomodate alla nostra costituzione
  politica. La vostra commissione di legislazione vi presenta un
  progetto di appendice a quella parte del nostro codice.

  Ecco il progetto della Commissione:

                                   *
                                  * *

  _Appendice alle leggi penali del regno delle Due Sicilie._

  Art 1. La seconda parte dell'art. 1º delle leggi penali è riformato
  nel modo seguente:

  Ogni reato sarà punito con pene criminali, correzionali e di
  polizia.

  La commissione, sul rapporto del ministro di grazia e giustizia,
  osservando che la seconda parte dell'articolo primo delle
  leggi penali, in cui si dice _nessuna pena é infamante_, sia
  contraddittoria coll'articolo 221 delle leggi civili: _La
  condanna di uno dei coniugi a pene infamanti potrà essere causa di
  separazione..._

  Considerando che non è nelle mani del legislatore il dichiarare o
  il togliere l'infamia da un'azione o da una pena, è di parere di
  sopprimere la seconda parte dell'art. 1º del codice penale.

  _Il signor Mazziotti_. — Io credo doversi conservare in quel primo
  articolo le parole: _nessuna pena è infamante_, come si legge nel
  codice. I legislatori non possono comandare alla pubblica opinione.

  I _signori Berni e Vivacqua_ sostengono il progetto della
  commissione ed opinano perciò di sopprimere le parole indicate.
  (_Rimane approvato il parere della commissione_).

  2. L'art. 3º delle medesime leggi sarà espresso cosí:

  Le pene criminali sono:

      1. La morte.
      2. L'ergastolo.
      3. I ferri.
      4. La reclusione.
      5. La relegazione.
      6. L'esilio dal regno.
      7. L'interdizione dei diritti pubblici.
      8. L'interdizione dai pubblici offizi.
      9. L'interdizione patrimoniale.

  Il _signor Saponara_. L'ergastolo non fu mai conosciuto dai codici
  dettati con filosofia ed umanità. Si lasci tal sorta di pena ai
  barbari legislatori. Ad una nazione libera mal si conviene una pena
  la quale, isolando per sempre dal consorzio degli uomini le vittime
  di privati delitti, toglie alla legge il singolare beneficio
  dell'esempio. Non si devono sottrarre dallo sguardo del popolo le
  tristi conseguenze a cui conduce il delitto. Io propongo di abolire
  la pena dell'ergastolo e sostituire ad essa i ferri a vita.

  Il _cardinal Firrao_ e molti altri onorevoli deputati secondano
  il preopinante. (Il Parlamento decide di sostituire alla pena
  dell'ergastolo quella dei ferri a vita).

  Il _signor Vivacqua_. Adottata la pena dei ferri a vita, rimane a
  vedere se si debbano conservare le gradazioni nel codice prescritte
  per la pena dei ferri. Il _maximum_ oggi giunge fino ai 30 anni.

  Tolto l'ergastolo — pena intermedia — dai ferri a tempo alla morte,
  si passa per salto. L'ergastolo non viene rimpiazzato dai ferri a
  vita, i quali certamente si confondono coll'ultimo grado di questi
  a 30 anni. Io propongo ridurre il massimo dei ferri a tempo a 20
  anni. Allora il primo grado sarà sino a 5 anni; il secondo sino a
  10; il terzo sino a 15; il quarto sino a 20. (Il Parlamento approva
  il parere della commissione e la pena temporanea dei ferri rimane
  da 7 a 20 anni).

  3. La pena di morte si esegue colla decapitazione, salvo le
  disposizioni dello statuto militare intorno alla fucilazione.

  Sono aboliti tutti i gradi di pubblico esempio, stabiliti dall'art.
  6º delle leggi penali.

  L'esecuzione sul luogo del commesso misfatto, o in luogo vicino,
  potrà essere, secondo le circostanze, ordinata dal giudice.

  Il _signor Saponara_. Saggia é la disposizione del codice francese
  per rendere esemplare e terribile la pena del parricida. Si
  conservi la benda nera e la veste rossa e tutto il triste apparato
  da quei legislatori sapientemente prescritto.

  (_Il Parlamento approva l'art. 3º, con l'aggiunzione indicata dal
  Saponara_).

  Il _Signor Tumminelli_. La commissione di finanza ha preso in
  considerazione il rapporto del ministro dell'interno, il quale
  chiede fondi necessari all'acquisto di molti frumenti che trovansi
  sopra bastimenti destinati a consumare la loro contumacia di
  osservazione nel lazzaretto di Nisida.

  La commissione è di parere di chiedere all'on. ministro
  schiarimenti sui bisogni dell'esercito e sui mezzi per avere i
  fondi richiesti.

  Il _signor Poerio_. Prego il Parlamento perché ponga la piú matura
  ponderazione in questo esame. Noi abbiamo grande bisogno di danaro
  per l'esercito. Chi potrebbe consigliare di versarne ingente
  somma in mano dello straniero, comperando cinquantamila tomoli di
  frumento? Prima di deliberare intorno a sí grave oggetto, è d'uopo
  che il ministro della guerra ci faccia sapere in questa parte i
  bisogni dell'esercito. Lo zelo e l'energia del sindaco di Napoli
  ha già scoperto grandi magazzini e conserve di frumento in questa
  capitale. L'acquisto di quella derrata non è perciò oggi, come
  prima credeasi, d'urgenza. Non veggo la necessità di emettere oggi
  stesso la vostra decisione sulla domanda del ministro.

  (_È adottato il parere della commissione_).

  L'adunanza si scioglie.

La Costituzione era finita. I tre ultimi documenti che riporto, segnano
il principio del..... ritorno all'antico; d'una reazione ben più mite —
in verità — di quelle del '99, ma che valse ancora essa a preparare le
giornate del 1848 ed il trionfo unitario del '60.

                        MINISTERO DELLA GUERRA.

      _Eccellenza_,

  Ieri fui a Torricella fino alle 4 e mezza pomeridiane; ritornai
  quindi a Casalanza per i movimenti della divisione d'Ambrosio.
  Nella notte mi è giunto rapporto dal tenente generale Filangieri
  da Torricella, col quale mi dava parte che quella brigata quasi
  in totalità s'era sbandata, tirando fucilate sugli uffiziali e
  particolarmente su di lui: fucilate che traforarono, a centinaia,
  la porta della stanza dov'egli abitava. Intanto, mi giungeva
  rapporto, che la brigata leggiera del generale Costa aveva avuto
  avvenimento simile verso Sessa.

  E, mentre mi contristava di tutto ciò, intesi a poca distanza
  numerose fucilate, e verificai subito che queste partivano dai
  cinque battaglioni della 1ª divisione, arrivati e bivacquati a
  Casalanza, che i soldati dirigevano sui proprii ufficiali.

  Di lí ad un momento furono caricati da quella canaglia i quartieri
  generali del generale d'Ambrosio e mio. Il generale d'Ambrosio fu
  salvo per una compagnia di zappatori che fu fedele ai suoi doveri,
  ed io il fui per una ventina di gendarmi che fecero fuoco sui
  soldati, i quali vili quanto iniqui si dispersero per la campagna.
  Ordinai allora alla cavalleria che li caricasse: ed in questa guisa
  ne ho raccolti molti e ricondotti nei ranghi: ma V. E. rifletta,
  che sono questi gli stessi uomini ammutinati e sbandati un'ora
  innanzi.

  La prego di stabilire delle pattuglie di cavalleria sulla strada di
  Napoli ad Aversa: io farò altrettanto da Aversa a Capua: il dippiú
  è nelle mani di Dio.

  Si degni V. E. di dar subito conoscenza di tutto ciò a S. A. R. il
  principe reggente.

      Capua, 18 marzo 1821.

                                                        CARRASCOSA.

      A S. E. il segretario di Stato
      ministro della guerra.

      Per copia conforme:
      _Il ministro della guerra_
      COLLETTA.

                                 —————

                               FRANCESCO
                  DUCA DI CALABRIA REGGENTE DEL REGNO.

  Le paterne intenzioni del Re, mio augusto genitore, vengono ad
  essere pienamente rischiarate con le ultime sue manifestazioni
  fattemi in data de' 19 corrente da Firenze e recatemi dal generale
  Fardella. Io credo non solo glorioso per Sua Maestà che utile
  a rassicurare tutti gli animi, il farle note, trascrivendole
  letteralmente:

      _«Figlio carissimo,_

  «Ho ricevute le lettere delle quali è stato da voi incaricato
  il generale Fardella. Dal contenuto delle vostre del 13 corrente
  rilevo col massimo dolore quanto voi mi esponete sullo stato in cui
  attualmente si trovano i miei amati sudditi. I ragionamenti che mi
  fate par che vogliono indicar me per causa de' mali della guerra,
  che affliggono il mio regno.

  «È per l'appunto per evitar questi mali che io mi sono adoperato,
  e che vi scrissi la lettera del 28 gennaio da Lubiana, alla quale
  disgraziatamente nessuna attenzione si è fatta. Le ostilità non
  provocate sono state commesse dalle nostre truppe, e ciò su d'un
  territorio neutrale e ad onta fin anche del mio proclama del 23
  febbraio.

  «L'armata dei miei augusti alleati veniva come amica; i sovrani lo
  avevano dichiarato. Io avevo esplicitamente annunziato le loro e le
  mie intenzioni. A chi si devono attribuire i disastri? Chi ne ha la
  colpa?

  «Le potenze alleate ed io abbiamo fatto di tutto per porre in
  veduta le circostanze infelici alle quali venivano esposti i
  miei popoli. Abbiamo offerto il modo di evitarle ed abbiamo fatto
  conoscere, che il bene ed il vantaggio del mio regno esigevano che
  _la ragione dettasse l'immediata cessazione di tutto ciò che_ costà
  si era innovato. Ma con mio sommo cordoglio ho veduto che sordi
  alle voci magnanime dell'augusto Congresso, ed a quello dell'animo
  mio paterno, una cieca ostinazione ha presentato la resistenza la
  piú inutile e la piú fatale a quanto si è suggerito per la salvezza
  e pel vero interesse dello Stato.

  «Che si dia una volta ascolto alle voci sincere d'un padre
  affettuoso. Tale sono sempre stato, e tale mi troveranno sempre gli
  amatissimi miei sudditi. Si abbiano presenti le mie esortazioni, i
  desiderii ed i voti che vi ho espressi.

  «La mia lettera da Lubiana ed il mio proclama contengono tutto ciò
  che può e deve servire di norma ad una condotta che reclamano gli
  interessi del regno, i voti dei buoni e quelli che io non cesso di
  formare per la tranquillità dei miei Stati.

  «Son sicuro, carissimo figlio, che contribuirete dal canto vostro,
  perché si pervenga all'ottenimento di ciò che non può essere
  disgiunto dai vostri serii ed ardenti desiderii. Teneramente vi
  abbraccio, vi benedico e sono il vostro

  «Firenze, 19 marzo 1821.

                                          «_affezionatissimo padre_
                                                    «FERDINANDO B.»

                                 —————

                       REGOLAMENTO DELLE TRUPPE.

  La guardia reale continuerà a prestare il servizio al quale essa è
  destinata e ad eseguire quello della guardia del Re e del palazzo.

  L'entrata delle truppe austriache a Napoli, non lasciando la
  possibilità di acquartierarvi le truppe napoletane che vi si
  trovano tuttora, queste riceveranno oggi l'ordine di uscirne e
  saranno messe per l'ulteriore loro destino agli ordini di S. E. il
  comandante generale barone di Frimont.

  Gli ordini dati da S. A. R. il principe reggente per l'entrata
  delle truppe austriache nelle piazze di Gaeta e di Pescara saranno
  rimessi domani prima dell'ingresso dell'armata nella città di
  Napoli a S. E. il comandante generale barone di Frimont, da S. E.
  il tenente generale Pedrinelli governatore di Napoli.

  Le dette piazze e la città di Napoli saranno occupate nel modo
  fissato dalla convenzione del 20 marzo seguita innanzi Capua.

  Le guarnigioni delle mentovate due piazze seguiranno la sorte delle
  altre truppe napoletane.

  Fatto, conchiuso, e segnato in doppio tra S. E. il tenente generale
  Pedrinelli, governatore di Napoli ed il signor conte di Figuelmont,
  general maggiore, tutti e due muniti dei poteri necessarii a
  quest'oggetto.

  Segnato ad Aversa, il 25 marzo 1821.

                                            PEDRINELLI. FIGUELMONT.

      Per copia conforme:
      _Il tenente generale capo dello stato maggiore generale_
      F. PEPE.



INDICE

DEI NOMI E DELLE COSE NOTEVOLI


A

AVELLINO, città nel Molise, 4.

ASCOLI (D'), vedi _Marulli_.

ABATEMARCO ANGELO, fe' parte della giunta di governo, 11.

ASTARITA MICHELE, comandante d'una bombardiera, 16.

ACCLAVIO DOMENICO, del. giunta provvisoria di prep. terra di Bari, 17.

ARCOVITO, marchese, del. giunta prep. Abruzzo Ultra I, 17, riceve il
re, 36, comm. di legislazione, 51, ab., 55, biografia, 63.

_Articoli_ della costituzione spagnuola sul sistema delle elezioni, 18,
31.

ALCAIDE, 19, 23.

ANTONIETTA, principessa di BORBONE, assiste alla cerimonia d'apertura,
36.

ANGELINI, dep. riceve il re, 37, comm. di commercio, 51, ab., 57,
biogr. 73.


B

_Borbone_, reggimento cavalleria squadrone disertato, 3.

BENTHNEIM, principe, 10.

_Bandiera_ tricolore, 10.

BAUSAN, doma la rivolta di Palermo, 16, comm. di marina, 51, ab. 56,
biogr. 66.

BARTOLINI GEROLAMO, delegato giunta prep. valle di Siracusa, 17.

_Biblioteca di Monteoliveto_, 33.

BEGANI, dep. riceve il re, 36, comm. di guerra, 51, ab., 56, biogr., 63.

BRANCACCIO DON NICOLA principe di Ruffano, primo cavallerizzo del re,
36.

BERNI, dep. riceve il re, 37, segr. del Parlamento, 38, comm. IX, 52,
ab., 55, biogr., 65.

BRASILE, dep. riceve il re, 37, VIII commissione, 52, ab., 58.

BORRELLI PASQUALE, dep. comm. sicurezza interna, 51, ab., 56, biogr.,
66.

BUONSANTO, dep. VI commissione, 52, ab., 58, biogr., 70.

BISCARI (principe di), ab., 59, biografia, 65.


C

_Costituzione_, il grido di luglio, 3, 4, 5, di Spagna, 14, 23.

CONCILIIS (DE), ten. colonnello, 4, riceve il re, 37, comm. di guerra,
51, ab., 56, biogr., 72.

COLLETTA P. Si cita la sua storia del reame, 4, contro le elezioni, 33,
sua critica al discorso di Galdi, 43, 44.

_Carbonari_ alla Reggia, 5.

CIRCELLO (marchese di), convince il re a dare la costituzione, 7.

CALABRIA (duca di), vicario, 8, 9, sceglie i componenti la giunta di
governo, 11, duchessa, segue il re alla cerimonia di apertura, 35,
parla in risposta a Galdi, 44, 49, a San Carlo il 1º d'ottobre, 50, 55,
manifesto al popolo, marzo, 21, 129.

CAMPOCHIARO (principe di), ministro luglio, 10.

CARASCOSA, generale, ministro luglio, 10.

CARDOSA, vescovo di Cassano, fe' parte della giunta di governo, 11.

CAMPOREALE (principe di), fece parte della giunta di governo, 11.

CIANCIULLI CARLO, delegato per la giunta prep. di Terra di Lavoro, 17.

CASSITTI GIULIO, delegato per la giunta prep. di Capitanata, 17

CARELLI SAVERIO, del. giunta prep. Basilicata, 17.

COMINELLI MAURO, deleg. giunta prep. Vallo di Caltanissetta, 17.

_Compromessorii_, elezioni per compromessi, 19.

CORTI, camere del Parlamento, 19, 23, 26.

CARLO DI BORBONE, principe reale di Capua, assiste alla cer.
d'apertura, 35.

CRISTINA, principessa, assiste alla cer. d'apertura, 35.

CERALDI, dep. riceve il re, 36, comm. di legislazione, 51, ab., 55,
biogr., 73.

CASSINI, dep. riceve il re, 36, ab., 58.

CESARE (DE), dep. riceve il re, 36, comm. di legisl., 51, ab., 55.

CAPECE MINUTOLO, don Giuseppe principe di Ruoti, generale comandante
delle guardie del corpo, 36.

CACCAMO monsignor don SALVATORE, confessore del re, 36.

CARLINO, dep. riceve il re, 37, VIII comm., 52, ab., 58.

CASTAGNA, dep. riceve il re, 37, VIII comm., 52, ab., 59.

COMI, dep. ab., 57.

COLETTI, 37, 51, 57, 74.

CATALANO, 37, 51, 55, 73.

CANTÙ, 44.

_Commissioni parlamentari_, 51.

CORBI CARLO, 51, 57.

COLETTA abate MICHELE, 51.

CARACCIOLO dep. V commissione, 51, 57, 71.

COLANERI, 55.


D

_Danimarca_ (principe di) a Napoli, 10.

DELFICO MELCHIORRE, 11, VII commissione, 52, 58, 74.

_Deputati_, s'indicono le elezioni dei, 13.

_Delegati_ speciali per la giunta provvisoria, 17.

_Deputazione_, per ricevere il re, 36.

DRAGONETTI, 36, 51, 57.

DESIDERIO, 37, VI commissione, 52, 58, 76.

DONATO, 37, 51, 76.

_Diario del Parlamento_ (nota), 51, 121.

_Diploma dei deputati_, (nota), 52.


E

_Elezioni_, s'indicono le..., 14.

_Elettori_ di Napoli, 27.

_Ecclissi_, 8 settembre, 32.


F

_Foggia_, un reggimento che si ribellò, 4.

FERDINANDO I, 7, 8, 11, 32, 33, 34, risponde al discorso di Galdi, 44,
scene ai dep., 101.

FARDELLA, ten. generale, 11.

FILIPPI (DE), 17, IX commissione, 52, 58, 77.

FERRARI, barone, 17.

FINOCCHINO SALVATORE, 17.

FERDINANDO, duca di Noto, 36.

FIRRAO, cardinale, 36, 51, 56, 77.

FANTACONE G. C., 36, VIII commissione, 52, 59, 77.

FLAMMA, VI comm., 52, ab., 58, 78.


G

GALLO, duca di, 11.

GRAVINA DON GABRIELE MARIA, cappellano di Corte, 11.

_Giuramento_ del re alla Costituzione, 12, formola, 38.

_Giunta_ preparatoria del Parlamento, 15.

GRANO, monsignore, Vallo di Messina, 17.

_Giunta elettorale_ di Parrocchia, art., 18, 22, _di partito_, 22, 26,
_di provincia_, 26, 31.

_Guardie d'interna sicurezza_, 27.

GIOVINE, dep., 36, 57, 81.

GERARDI, 36, 51.

GRIMALDI, 36, 57.

GAETANI don ONORATO, duca di Miranda, cacciatore maggiore del re, 36.

GALOI, 38, 43, 49, 55, 79.

GINESTOUS, commissione finanze, 51, 57, 70.

GERONE, 51.

GALANTI, dep. VII commissione, 52, 58, 78.

GIORDANO, 57.


H

HORATIIS (DE), 58.


I

_Influenza_ dei ministri e dei carbonari sugli elettori, 32.

IMBRIANI, 36, VII commissione, 52, 58, 82.

INCARNATI, 37, 51, 57.

IANNANTUONO, VI commissione, 52, 58.

IACUZIO, 57, 82.


L

LEOPOLDO, principe di Salerno, 11, 35, 50.

LISO (DE) TOMMASO, 17.

LOMBARDO GIUSEPPE, 17.

LAURIA FRANCESCO, dep., 36, 51, 55, 83.

LOSAPIO, 37, 51, 57.

LOZZI, 37, V commissione, 51, 57.

LEPIANE, VI commissione, 52, 58, 83.

LUCA (DE), deputato, VIII commissione, 52, 55, 58, 84, 86.

LIBERATORE, 83.

_Lubiana_, congresso, 101, 103.


M

MORELLI, sottotenente disertore, 3, 4.

MINICHINI, prete, 3.

_Mercogliano_, prima tappa dello squadrone disertato, 4.

_Molise_ in rivolta, 4.

MAYER, 56.

MARULLI don TROIANO, duca di Ascoli, 5, cavallerizzo maggiore, 36.

MACEDONIO, cav. ministro di luglio, 10.

MARTUCCI GIACINTO, 11.

MANGARELLI BENEDETTO, del. giunta preparatoria di Terra d'Otranto, 17.

MEZZANOTTE FRANCESCO, Abruzzo Citro, 17.

_Mappe_ coi nomi degli elettori, 18.

MASTRILLI don VINCENZO MARIA, marchese della Schiava, capitano degli
alabardieri del re, 36.

MAZZIOTTI, 37, comm. di sicurezza interna, 51, 56, 87.

MACCHIAROLI, 37, commissione di guerra, 51, 56, 87.

MORICE, 37, 51.

MATERA, 37, 51, 57.

MAZZONE, 37, IX commissione, 52, 58.

MERCOGLIANO, 37, VIII commissione, 52, 58, 88.

MELCHIORRE, 37, 51, 57.

MOLINARO DEL CHIARO LUIGI, (nota), 50.

MARUGGI, 52, 58.

_Minerva Napoletana_, giornale, estratti di articoli, 60.

_Ministero_, art. della _Minerva_ della guerra ordine del giorno, 128.


N

NUNZIANTE marchese VITO, 4, 5.

_Nunzio_ apostolico in Napoli, 10.

NETTI, dep., 37, 51, 57.

NICOLAI, VII commissione, 52, 58, 88.

NATALI, 55.


O

_Opuscolo_ pubblicato nel '20 per modificare alcuni articoli
sull'elezione dei deputati, 30 (in nota).

ORAZIO, dep. IX commissione, 52, 58.


P

_Puglie_ (in rivolta), 4.

PEPE gen. GUGLIELMO, 5, 10, 13, 34, 37, critica il discorso del Galdi,
44, rinunzia al comando in capo dell'esercito costituzionale, 49.

PEPE GABRIELE, 59, 89.

_Ponte della Maddalena_, 8.

PICCOLELLIS (de), duca, genero del duca d'Ascoli, 7, 56.

PARISE, generale, incaricato di formare la giunta di governo, 10.

PEPE FLORESTANO, 11, è inviato a Palermo, 16.

PARRILLI FELICE, 11.

_Parlamento_ (vedi _Elezione_ e _Deputati_), 52, ultima seduta,
_resoconto_, 121.

_Palermo_, insorge, 16, s'arrende, 16.

PALAZZOLO EUGENIO, 17.

PAGLIARI CARLO, 17.

_Partito_ o distretto, 22.

PERUGINI, 36; commissione militare provvisoria, 51.

POERIO, 36, 51, 56, 89.

PESSOLANI, 37, 51, ab., 57.

PICCOLELLIS (de), 37, commissione di sicurezza interna, 51, 91.

PELLICCIA, 51, 55, 91.

PETRUCCELLI, VI commissione, 52, 57.

PERUGINI, 56, 91.


Q

QUINZIO, marchese, delegato giunta preparatoria, Abruzzo II Ultra, 17.


R

_Reggia_ di Napoli, 4, 11.

RICCIARDI, conte; ministro di luglio, 50, 39, 58, 95.

RUSSO GIOVANNI, 11.

ROSSI GREGORIO, Calabria Ultra 2ª, 17.

_Reggitori_, eletti a sorte, 21.

RUGGIERI, 36, VII commissione, 52, 58, 73.

RIOLO, 37, V commissione, 51, 55.

ROSSI FRANCESCO, 37, 51, 56.

ROSSETTI GABRIELE, suoi versi, 38.

RICCIARDI AMODIO, dep. VII commissione, 52.

RONDINELLI, VIII commissione, 52, 58, 93.

ROMEO SANTI, biografie, 93.

_Rapporto del parlamento al congresso di Lubiana_, 111.

_Regolamento delle truppe_, marzo 1821, 131.


S

_San Carlo_, teatro, 10, 13, 50.

SETTIMIO RUGGIERO, ministro di luglio, 10.

STAITI, cap. di vascello, 11.

SACCO GIACINTO, 17.

SALEGGIO GIUSEPPE, delegato giunta preparatoria, valle di Girgenti, 17.

SANT'EREMO, marchese di, accompagna gli elettori alla messa dello
Spirito Santo, 27.

_Spirito Santo_, chiesa in cui ebbe luogo l'apertura del Parlamento, 35.

SCRUGLI, 36, 51, 55.

SEMMOLA, 36, VI commissione, 52, 58, 97.

STRANO, 36, VI commissione, 52, 55.

STATELLA don FRANCESCO principe di Cassaro, maggiordomo maggiore del
re, 36.

SANGRO don NICOLA dei duchi di...., Somigliere del corpo, 36.

SPONZA, dep., 37, 51, 56, 96.

SONNI, dep., 37, VI commissione, 52, 58, 96.

SAMARA FELICE, 51.

_Suggello del Parlamento_, 52.

SAPONARA, 55.


T

_Terra di Lavoro_, si ribella, 4.

TOMMASI, marchese, segretario di Stato firma l'editto del 6 luglio '20,
8.

TROYSE, proc. gen. della S. C. di G., 11.

_Teatri di Napoli_ in luglio, 13.

TAFURI, 36, 51, 55, 97.

TRIGONA, 37, VIII commissione, 52, 59, 98.

TROYA, direttore del giornale La Minerva, 60.

TORELLI VINCENZO, direttore dell'_Omnibus_, 61.


U — W

WINSPEARE, barone, incaricato di formare la giunta di governo, 11.


V

VISCONTI FERDINANDO, colonnello, 11, 58, 99.

VILLAFRANCA principe di, perseguitato, 17.

VECCHIO GIUSTINIANO, 17.

VASTA, 37, VII commissione, 52, 58, 98.

VIVACQUA, 37, commissione sicurezza interna, 51, 56, 100.


Z

ZURLO conte GIUSEPPE, ministro di luglio, 10.



NOTE:


[1] V. Appendice II in fine del presente lavoro.

[2] P. COLLETTA, _Storia del Reame di Napoli dal 1754 al 1825_, lib.
II, cap. I.

[3] I popolani ignoranti, che non sapevano che si fosse la
Costituzione, la chiamavano: _Cauzione_, quasi garanzia, salvaguardia,
malleveria del Sovrano verso il popolo.

[4] Il marchese Vito Nunziante nacque il 17 aprile 1775 a Campagna e
morí il 22 settembre 1836 a Torre Annunziata. I suoi genitori erano
poveri e d'origine oscura. Nel 1794 s'arrolò in un reggimento di
fanteria e fu licenziato alla fine della campagna del 1798. Tornato
a casa riuní un migliaio d'uomini dell'antico esercito, si nominò
egli stesso colonnello di questa truppa improvvisata e la mise a
disposizione del cardinale Ruffo, che s'affrettò a confermarlo nel suo
nuovo grado. Alla testa del suo reggimento assistette all'assedio di
Capua e nel 1800 al combattimento di Siena per poco scampò dalle mani
dei Francesi che l'avevano fatto prigioniero.

Nel 1806 diede il consiglio di lasciar Napoli senza resistenza e di
ritirarsi nelle Calabrie; la retroguardia che egli comandava essendo
stata dispersa a Campotenese, egli si gettò in Reggio e partecipò col
resto del reggimento _Real-Sannita_ alla difesa di questa piazza.
La bravura e la fedeltà di cui diede prova gli valsero i gradi di
brigadiere (1807) e di maresciallo di campo (1814). Dopo il ritorno dei
Borboni a Napoli (1815) Nunziante nominato comandante superiore della
Calabria fu incaricato di presiedere al giudizio contro Gioacchino
Murat e seppe in tale penosa circostanza conciliare i suoi doveri col
rispetto per una sí grande sventura.

Dopo quest'epoca la Corte lo colmò di favori. Oltre a considerevoli
pensioni, nel 1815 ottenne il titolo di marchese e nel 1819 il grado
di tenente generale e la gran croce di San Giorgio. Nel 1820 ebbe il
comando di Salerno.

All'epoca di cui trattiamo, spedito a Nola, ricevette l'ordine di
marciare contro gli insorti, ma avendolo abbandonato, per via, i
soldati, egli tornò a Napoli redigendo il rapporto di cui abbiamo piú
sopra tenuto parola. Dopo avere comandato le divisioni di Siracusa
e Palermo divenne ispettore generale dell'esercito, quartier mastro
generale, nel 1830 fu vice-re di Sicilia e fu creato nel 1831 Ministro
di Stato col comando di tutte le truppe del Regno.

[5] _Giornale delle Due Sicilie_, 6 luglio 1820, N. 161.

[6] Ecco la lettera:

Mio diletto ed amatissimo figlio Francesco, duca di Calabria. — Per
indisposizione di mia salute, essendo io obbligato per consiglio
dei medici, di tenermi lontano da ogni seria applicazione, crederei
essere verso Iddio colpevole, se in questi tempi non provvedessi al
governo del regno in modo che anche gli affari di maggior momento
abbiano il loro corso, e la causa pubblica non soffra per le dette
mie indisposizioni alcun danno. Volendo io adunque disgravarmi dal
peso del governo sino a che a Dio non piaccia restituirmi lo stato
di mia salute adatto a reggerlo, non posso ad altri piú condegnamente
che a Voi affidarlo, mio dilettissimo figlio, e per essere Voi il mio
legittimo successore e per l'esperienza che ho fatto della Vostra somma
rettitudine e capacità.

Laonde di mia piena volontà vi costituisco e fò in questo mio regno
delle Due Sicilie, mio Vicario generale, siccome lo siete stato altre
volte in questi dominii ed in quelli oltre il Faro, e vi concedo ed in
voi trasferisco colle pienissime clausole dell'_Alter Ego_ l'esercizio
d'ogni diritto, prerogativa, preeminenza e facoltà al modo istesso che
da me si potrebbero esercitare.

Ed affinché questa mia volontà sia a tutti nota e da tutti eseguita,
comando che questo mio foglio da me sottoscritto e munito del mio
real suggello sia conservato e registrato dal nostro Segretario di
Stato, Ministro cancelliere, e ne sia da Voi passata copia a tutti
i Consiglieri Segretari di Stato per parteciparlo a chiunque loro
convenga.

Napoli, 6 luglio 1820.

                                               _Firmato_: FERDINANDO.

[7] PEPE G. — _Memorie_, I, 265-266.

[8] Colori essenzialmente fissati dai Carbonari: poiché, come diremo
in un prossimo lavoro, il _rosso_ significava la fiamma, il _nero_ il
carbone, l'_azzurro_ il fumo.

[9] Era capo dei carbonari nella provincia di Foggia fino a tutto il
Gargano.

[10] I superstiziosi dissero che una Costituzione giurata in un giorno
nefasto (il 13) non poteva avere un esito felice!

[11] _Giornale costituzionale delle Due Sicilie_, 14 luglio 1820, Nº. 6.

[12] Op. cit. I. 419.

[13] _Mss. Certosa di San Martino. Opere rappresentate nei teatri
di Napoli fino al 1860_. L'opera la _Giardiniera abruzzese_ era di
soggetto tutto carbonaro; poiché _giardiniere_ chiamavansi fra di loro
le mogli dei settari.

[14] Giovedí 27 luglio 1820.

[15] Un decreto dell'ottobre 1820 stabiliva che le sessioni del
Parlamento Nazionale si tenessero in San Sebastiano alle spalle del
largo Mercatello (piazza Dante).

[16] _Bibl. Naz. di Napoli. Msc. 190. E. 1_, foglio volante. Di questa
insurrezione dovuta ai carbonari di Sicilia ed alle loro idee di
indipendenza da Napoli dirò piú ampiamente altrove.

[17] Errico de Cosa.

[18] Decreto 22 luglio 1820.

[19] Coll. 190. E. 1.

[20] _Della costituzione politica della Monarchia Spagnola tradotta
per ordine del Governo_ (Edizione ufficiale, 1820). È preceduta da una
breve spiegazione delle varie parole, che avrebbero potuto non essere
comprese nel regno.

Riportiamo per intero gli articoli per essere importantissimi e
avvertiamo che la traduzione in italiano venne fatta dal Masden di
Barcellona.

[21] S'intendono quegli individui nei quali i cittadini depositavano
le loro volontà per nominare gli elettori parrocchiali. Questo modo di
elezione si diceva _per compromesso_.

[22] Erano i principali agenti dell'amministrazione civile e della
giudiziaria; ma piú particolarmente della prima come risulta dall'art.
309 della Costituzione: — «pel governo interno vi saranno degli
aggiuntamenti composti dell'_alcaide_ dai reggitori e dal sindaco
procuratore: queste riunioni saranno presiedute dal capo politico, ove
questo vi fosse ed in sua assenza dall'_alcaide_ o dal piú antico di
essi, quando ve ne fossero due».

[23] È lo stesso che distretto.

[24] Martedí, 29 agosto, gli elettori parrocchiali di Napoli riuniti
nella sala delle adunanze in San Domenico Maggiore, si recarono
all'arcivescovado per assistere alla messa dello Spirito Santo. Il
corpo degli elettori fu scortato da un drappello di cavalleria della
Guardia di sicurezza interna. Il marchese di Sant'Eramo, sindaco di
Napoli, prese parte al corteggio. (_Giorn. Costituzionale delle Due
Sicilie_, giovedí 31 agosto n. 47).

[25] Abbiamo questo caso, proprio nel Parlamento napoletano del '20:
Melchiorre Delfico era deputato di Napoli e dell'Abruzzo Ulteriore;
Matteo Galdi di Napoli e di Principato Citeriore; Antonio Ruggeri di
Napoli e Principato Ulteriore.

[26] Un opuscolo, d'innominato autore che vide la luce appunto nel
1820, censura questo mandato colle seguenti parole:

«Presso di noi, che per l'opposto debba adattarsi alle circostanze del
Regno lo statuto politico, i poteri dei deputati debbono essere altri.
Quindi gli stessi termini non ci convengono».

Difatti il governo con decreto del 7 luglio med. anno modificò cosí:
_I deputati dovranno portare le ampie facoltà degli elettori secondo
la formola inserita nelle istruzioni che accompagnano il presente
decreto._

[27] Leggi: Napoletana.

[28] L'art. 328 della Costituzione Spagnuola era il seguente:

«L'elezione di tali individui si farà cogli elettori di _partito_ nel
giorno seguente a quello de' deputati delle Corti, e nella stessa guisa
che si pratica per la nomina di questi deputati».

[29] S'era annunziato anche per questa giornata un'ecclisse di sole
visibile a Napoli; però l'ecclisse si limitò ad essere... anulare, pei
Napoletani, quantunque fosse attesa con grande curiosità.

[30] V. 2ª parte di questo lavoro.

[31] A Londra nel 1820 vide la luce un opuscolo: _Sketch of the late
revolution of Naples by an Eye Witness_. A proposito dell'elezione dei
deputati, a carte 18 dice:

«Similar difficulties are to be totted to, in the mode of electing
the deputies for the new Parliament, and in the establishement of
prerogatives, which a people unused to advantages to novel, will be but
too prone to abuse».

[32] Aveva dichiarato di lasciare il comando in capo dell'esercito
Costituzionale sin dai primi del settembre.

[33] È posto di rimpetto quasi al Palazzo d'Angri.

[34] _Largo di palazzo (San Ferdinando); largo della Carità, largo del
Mercatello (piazza Dante)._

[35] _Ordinanza del prefetto di Polizia (Arch. di Stato gen. di
Napoli)._

[36] Nata il 6 luglio 1789.

[37] Fu il famoso Ferdinando II penultimo dei Borboni nel regno di
Napoli.

[38] Nato ai 2 di luglio 1790 e sposato ai 28 luglio 1816 con Maria
Clementina, arciduchessa d'Austria nata il 1º di marzo 1798.

[39] Fecero parte di questa prima deputazione:

Scrugli, Firrao, Dragonetti, Perugini, Ceraldi, de Filippis, Poerio,
Begani, Ricciardi, Cassini, Lauria, Ruggieri, Giovine, Tafuri, Semola,
de Cesare, Strano, Arcovito, Gendano, Imbriani, Fantacone e Grimaldi.

[40] Vi appartenevano il maggiordomo maggiore Don Francesco Statella,
principe di Cassaro; il cavallerizzo maggiore don Trojano Marulli,
duca d'Ascoli; il somigliere del corpo don Nicola dei duchi di Sangro;
il generale comandante delle guardie del corpo don Giuseppe Capece
Minutolo principe di Ruoti; il cacciatore maggiore don Onorato Gaetani
duca di Miranda; il capitano degli alabardieri don Vincenzo Maria
Mastrilli marchese della Schiava; il primo cavallerizzo don Nicola
Brancaccio principe di Ruffano; ed il confessore del Re monsignor don
Salvatore Càccamo arcivescovo di Melissa.

[41] ..... era facile scorgere che re, esercito e popolo sforzavansi a
vicenda di far mostra di reciproca confidenza ed amore.

[42] Facevano parte di questa seconda commissione: Riolo, Vasto,
Desiderio, Pergolani, De Conciliis, Mazziotti, Sponsa, Macchiaroli,
Berni, Angelini, Netti, Losapio, Carlino, Francesco Rossi, Sonni,
Brasile, Paglione, Morice, Matera, Lozzi, Incarnati, Castagna,
Vivacqua, Mazzoni, Mercogliano, Coletti, Donato, Melchiorre, Catalano,
De Piccolellis, e Trigona.

[43] Il Rossetti (Gabriele) che era stato impiegato al Museo Borbonico
di Napoli, scrisse questi versi:

      Volontario distese la mano
    Sul volume dei patti segnati,
    E il volume dei patti giurati
    Della patria sull'ara posò.
      Una selva di lance si mosse
    All'invito del bellico squillo:
    Ed all'ombra del patrio vessillo,
    Un sol voto discorde non fu.
      Da fratelli si strinser la mano,
    Dauno, Irpino, Lucano, Sannita,
    Non estinta, ma solo sopita
    Era in essi l'antica virtú.

[44] Questo discorso fu detto «lungo» dal Colletta, che aggiunge (lib.
IX, cap. II): «ed il re di tempo in tempo affermava col cenno».

Il Pepe dice al proposito (_Mem._ II, 6):

— ... il Galdi profferí un discorso che fu piú lungo del dovere, ma
pieno d'erudizione e di sensi patri.

Il Cantú scrisse:

— ... il re udito un discorso piú gonfio che sostanzioso...

[45] Ecco come il Pepe, nelle sue _Memorie_, racconta il fatto della
rinunzia:

— «... venne infine la mia volta. Io avevo scritto discorso affatto
conciso ed energico, ma spiacque al conte Zurlo ministro dell'interno,
il quale m'appuntò di parlar troppo da Spartano. Allora il pregai di
scriverne uno per me dicendogli che io non sapevo scrivere ciò che
non sentivo e però lessi poche parole non mie ma di Zurlo. E non potei
leggerle con energia.»

[46] LUIGI MOLINARO DEL CHIARO nella sua _Raccolta di canti popolari
napoletani_, ne riporta uno che è proprio di quest'epoca:

    _'O re 'e Napule è re d'è maccarune_
    _Vò fà la guerra senza un cannone_
    _'O re e' Napoli è re d'è maccarune_
    _Guerra vò fare contr'à Nazione!_

[47] _Il diario del Parlamento nazionale delle due Sicilie 1820_,
Napoli nella stamperia Nazionale.

Questa copia è incompleta perché giunge alla seduta del 3 dicembre
1820, inclusivamente, cui sono aggiunti tre ordini del giorno delle
sedute del 22 gennaio, 5 marzo e 17 marzo 1821. Il parlamento tu chiuso
ai 31 gennaio 1821; poi riaperto, a causa delle decisioni dei sovrani
alleati a Laybach, il 13 del febbraio seguente. È completa poi, invece
quella di Carlo Colletta.

[48] Il popolo ed il Re vestito alla Francese che si stringono le
destre.

[49] Era imbarcato.

[50] Era scritto da G. Trova e Giuseppe Ferrigni. Debbo la visione
dell'intera raccolta alla cortesia del professore Amerigo de Gennaro
Ferrigni.

[51] Non fu possibile attuare questo desiderio!

[52] CES. MORISANI, _Notizie biografiche di Girolamo Arcovito_, Reggio
Calabria, stamp. Silari.

[53] V. FONTANAROSA, _Vita di Domenico Cirillo_, Napoli, 1899.

[54] V. FONTANAROSA, _Studi sul decennio_, 1899, op. cit. 2ª ed.

[55] È di prossima pubblicazione un nostro studio sulla _Difesa di
Gaeta_ nel 1815, con copiosi documenti inediti.

[56] C. MINIERI-RICCI, _Accademie napoletane_, fino al secolo XVIII, in
_Arch. stor. nap._

[57] V. C. DE STERLICH, op. cit., pagg. 37 e seg.

[58] V. FONTANAROSA, _Studi sul decennio_, 2ª ed. — _La marina
napoletana nel 1809_, _Italia Marinara_ editrice, 1897.

[59] FONTANAROSA, op. cit.

[60] Riporto le notizie biografiche di lui da GAETANO GIUCCI: _Degli
scienziati italiani formanti parte del VII congresso in Napoli,
nell'autunno del MDCCCLXV_, pp. 70 e seguenti.

[61] P. E. TULELLI, _Elogio di Vito Buonsanto, accademico Pontaniano_.
— Napoli, stamperia del Fibreno, 1851.

[62] VINCENZO CANNAVIELLO, _Lorenzo de Concilii_, Avellino, tip. G.
Pergola, 1898.

[63] LUIGI M. GRECO, _Tentativo dei carbonari ecc._

[64] RAFFAELE LOSCHIAVO, _Discorso pronunziate sulla spoglia mortale
di Vincenzo Catalano_. — Stampato per cura di Domenico Corrado, cognato
dell'estinto, 1843.

[65] _Della vita e delle opere di Delfico Melchiorre_, Teramo presso
Ubaldo Angeletti, 1836.

_Annali civili del regno delle Due Sicilie_, p. XIV — pp. 121 e seg.

[66] ANGELO BALLETTA, _Elogio funebre dell'arcidiacono Giuseppe
Desiderio_.

[67] V. C. DE STERLICH, _Commemorazione di persone ragguardevoli,
mancate alle Due Sicilie dal 3 novembre 1843 al 2 novembre 1844_.

[68] V. FONTANAROSA, _Studii sulla rivoluzione del 1799_ in giornale
_Roma_ (maggio-ottobre 1799), Napoli.

[69] V. FONTANAROSA, _Studi sul decennio (cronache dell'entrata in
Napoli di re Gioacchino)_, Napoli, 1896, _It. Marinara_, editrice.

[70] ALFONSO FILIPPINI, _Elogio di Luigi Galanti_.

[71] GIOVANNI GIOIA, _Elogio dell'arciprete G. M. Giovane_, Napoli, a
cura della Società filomatica, 1837.

— _Annali civili del regno delle Due Sicilie_, anno 1837: fog. 35 e
seg., fasc. XXV.

[72] Dal protocollo di polizia generale in _Arch. di Stato_.

[73] SAVERIO BALDACCHINI, _Morte di Matteo Imbriani_, Roma, tipografia
delle Belle Arti, 1847.

[74] L. M. GRECO, _Annali_, ecc.

[75] _Arch. di Stato_, Protocollo 1831, aff. est. vol. IX.

[76] _Elogio di Domenico Tartaglia_, Napoli, presso Raffaele Miranda,
1830.

[77] VINCENZO FONTANAROSA,_ Studi sul decennio, Italia Marinara_
editrice, 1897.

[78] ARCHIVIO DI STATO, _Protocollo di polizia generale_ vol. XV, 1831.

[79] FONTANAROSA, op. cit.

[80] V. VINCENZO FONTANAROSA, _Le rime d'un martire_ (Alessandro
Poerio), 1896, Napoli, in-8º.

[81] V. FONTANAROSA, op. cit.

[82] Dalla _Minerva_ del 1821, op. cit.

[83] v. VINC. FONTANAROSA, _Studi sul decennio_, 1897, _Italia
marinara_ editrice.

[84] Op. cit.

[85] In documenti Ferrigni, cit.

[86] Il duca di Gallo.

[87] _Carlo Troja_.

[88] Napoli 1821. Nella stamperia del Parlamento nazionale (9 dicembre).

[89] _Diario del Parlamento nazionale delle Due Sicilie negli anni
1820-21_. Edizione fatta per cura di CARLO COLLETTA, Napoli, dalla
stamperia dell'_Iride_, 1864.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Il Parlamento Nazionale Napoletano per gli anni 1820 e 1821 - memorie e documenti" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home