Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Monotonie
Author: Oriani, Alfredo
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Monotonie" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                               MONOTONIE


                                 VERSI

                                   DI


                           OTTONE DE BANZOLE

                            (ALFREDO ORIANI)



                               IN BOLOGNA
                        PRESSO NICOLA ZANICHELLI
                              MDCCCLXXVIII



  SIGNORA


Il vostro nome era una virtù, la vostra vita un capriccio, la vostra
morte fu un martirio. Questo libro che mi chiedeste un giorno col più
spensierato dei vostri sorrisi lo depongo oggi sulla vostra tomba; non
lo leggerete; se foste viva non vi risovverreste più nè del poeta, nè
dell'uomo.

                                                   OTTONE DE BANZOLE.



    _Là dove altra volta l'artista disperò, là cominciarono
    la politica e la filosofia; là dove oggi il politico ed il
    filosofo disperano, là ricomincia l'artista._

                                                 RICCARDO WAGNER.



LO SCROFOLOSO


                Vien qui, divina
    bionda fanciulla dalla fronte pallida:
                vieni e ti china
    sull'infelice che t'amava incognito.

                Dalla finestra
    non veggo il sol, ma sento che dilegua...
                Oh! la tua destra
    mi pon sul capo, ancor morir non voglio;

                e se tramonta
    il caldo sole e, qual nella miseria
                amico, pronta
    fuggi la giovinezza e sul giaciglio

                dell'ospedale
    imputridisco — tu, severa monaca,
                l'ultimo vale
    del poeta deliba ed egli un bacio.

                Lo so, che puro
    come la neve delle alpine guglie
                un sacro giuro
    vuole il tuo corpo dall'amor degli uomini;

                che uno schifoso
    male mi cruccia e sul sembiante gonfio
                e sanguinoso
    abbuia l'idëal luce dell'anima.

                Ma sovrumano
    m'urge il bisogno di un tuo santo bacio:
                vergin, la mano
    ponmi sul capo e vuo' parlarti. Splendida

                una mattina,
    dalla triste soffitta uscivo all'aria
                pura; la brina
    di ricami vestiva i nudi platani

                del gran viale —
    ed io sognava una passione incognita,
                una spirtale
    beltà di donna qual non era e d'angelo,

                candida, mesta
    voluttuosa e alteramente vergine.
                La bella testa
    tua m'apparì, disparve in un patrizio

                cocchio elegante.
    Ed io t'amai d'immenso amor: quel rapido
                beato istante
    fu la mia vita — e qui sul letto incommodo,

                che la insolente
    carità dei felici mi elemosina,
                oh! finalmente
    qui ti riveggo dall'eccelsa immagine

                quanto mutata...
    Di gnomo il corpo con un volto d'angelo:
                o sciagurata
    vien qui ed amiamci, che la mia bell'anima

                val la tua faccia.
    Santo l'amore che consola il povero;
                fra le mie braccia,
    sposa di Cristo, ti rifugia e lagrima!

                Vuoi tu che il mondo
    per noi deformi non possegga un gaudio?
                Lacera al biondo
    crine le bende e sul guancial discioglilo

                del tuo morente,
    inutil vate e ci perdiam nell'estasi
                muta, fremente
    d'un insaziato, interminabil bacio.

                Fuori all'aperto
    crescan le rose ed armonioso palpiti
                il gran concerto
    della vita: per noi brutti, ridicoli

                nei corridori
    di un ospedale fra strazianti gemiti,
                chiusi dolori,
    di un disperato amor solo il delirio,

                sol ci rimane.
    O bella santa! se la tua disgrazia
                non rese vane
    degli afflitti le voci alle tue orecchie,

                e la malata
    vita sacrasti a consolar; se lagrima
                unqua asciugata
    ti fu rugiada all'arso fior dell'anima;

                e se la fede
    hai di un divino amor, che dove orribile
                la sferza fiede
    della natura ci soccorra un balsamo...

                m'ama: il tuo Dio
    certo il consente. Inorridita, trepida
                mi fugge... Addio!
    Muori, ti aspetta il sol, poeta inutile!

_Casola Valsenio 1876 10 Settembre._



LA VIOLA

(PER UNA FANCIULLA)


    Viola, che mediti
    fra l'erbe romita,
    col capo sì languido
    che sembri assopita?

    Il sole rifolgora,
    la vita è una gioia:
    e il fior primigenio
    di marzo si annoia?!

    Perchè? sei pur pallida...
    T'intendo, bel fiore;
    te, nata nei palpiti
    precoci di amore,

    emblema d'insipida
    modestia ti volle
    un volgo d'ignobili —
    E allor fra le zolle,

    dimessa la faccia
    ti festi romita;
    e i primi rammemori
    bei giorni, avvilita.

_Bologna, 1876 8 Maggio._



AUTUNNO


    Vola, fuggiasca rondine,
    che verrò teco a vol.
    Tutto è qui morto — o rondine,
    dove dirizzi il vol?

    Lontan lontan ceruleo
    sorride il ciel; sorride
    più in alto il sole — o rondine,
    quale più ti sorride?

    Vola, fuggiasca rondine,
    fuggiasco volerò:
    tutto è qui morto — perdermi
    lontan, lontan io vò.

_Casola Valsenio 1876. Agosto._



IL COLTELLO


    Son lungo, son lucido,
    la punta sottile;
    mi appiatto in saccoccia,
    mi dicono un vile;

    mi offusco nell'aria,
    non soffro un vicino,
    la luce mi è in odio
    siccome al buon vino.

    Son tacito, gelido,
    robusto e leggiero,
    la lama bianchissima
    nel manico nero,

    e quasi somiglio
    nell'abito bruno
    la monaca pallida
    dal santo digiuno.

    La spada dal fodero
    è lenta ad uscire;
    poi romba nell'aria,
    bastone al colpire.

    Imita la vipera
    l'antico fioretto;
    ha il guizzo ed il sibilo,
    ma io sol son perfetto.

    Attendo invisibile
    in tasca sdraiato,
    immobil nel rischio
    mortal nell'agguato

    e irrompo, fiammeggio,
    baleno, dileguo
    nel corpo, nell'anima,
    divido, proseguo,

    ritorno, rosseggio
    scompaio... son muto,
    fumante, eppur gelido;
    ho vinto, ho perduto.

    Ma senza uno scoppio
    di suon, di scintille.
    Son chiuso: nel manico
    mi restan tre stille —

    domani tre macchie;
    sarò decorato,
    saran le medaglie
    che danno al soldato

    qual premio di gloria...
    ovver saran spie.
    Che importa? non mentono
    i forti — son mie.

    Guerriera è la sciabola,
    patrizio il fioretto,
    da sbirri o da comici
    la daga, il stiletto.

    Io sono del popolo:
    battendomi attacco,
    non paro, non simulo;
    mi dicon: vigliacco!

    Adoro le tenebre,
    gli orrori, i secreti:
    son come le nottole,
    gli spirti, i poeti.

    Severo, immutabile
    tal ier, tal domane;
    al colpo infallibile,
    fedel più di un cane.

    Non latro, non mangio
    nè polver, nè palle:
    m'avvento alla faccia
    al petto alle spalle

    e mordo insaziabile.
    Pistole strepenti,
    o tosse o sbadiglio,
    vi cascano i denti;

    e inutili, vacue
    ad ogni latrato,
    buon'arma pel vecchio,
    pel vil, pel soldato.

    Io sono lo slancio,
    la forza, il coraggio,
    violenza di fulmine,
    fulgore di raggio.

    D'intorno mi piovono
    condanne e disprezzo;
    d'intorno mi semino
    paura e ribrezzo...

    Coi vinti, coi poveri,
    coi servi ribelle:
    La vita è una insidia?!
    E pelle per pelle...

_Bologna 1878 Aprile 25 Marzo._



IDEALE


    Pure t'amai, incognita
    forma, d'immenso amor;
    ed un sublime tempio
    t'ersi nel vuoto cor.

    Là nelle notti assidua
    venivo a vigilar...
    spesso la calda guancia
    premendo al freddo altar.

    E là sull'arpa trepida
    la vergine cantò;
    povera Emilia! l'idolo
    il velo non alzò.



PALINODIA


    Ah! ridi e arrossi, Emilia!
    Mi piace il tuo rossor:
    egli è d'ebbrezza e luccica
    dei capelli fra l'or.

    Di lor ti vesti, spregia
    la cotta del pudor...
    È nudo il sol — dev'esserlo
    la voluttà e l'amor.

    Intorno al seno candido
    ti verrà il mio pensier
    battendo l'ali tremole
    di angoscia e di piacer.

    E tu lo chiama: docile
    l'amoroso sparvier
    vedrai.
            — Ah, pena inutile!
    vola il bruno corsier,

    s'alza la sabbia in nugolo,
    dilegua il cavalier...
    Povera Emilia, l'idolo
    svanisce e il cavalier!

_Faenza 1875._



BARCAROLA


    Soffia il vento nella vela,
    ride il cielo e ride il mar;
    la fanciulla ascolta anela
    la canzon del marinar.

    Poveretta! canta il vino,
    canta il mare traditor,
    la sua pipa, il suo destino,
    canta tutto e non d'amor.

    Soffia il vento nella vela,
    ride il cielo e ride il mar;
    la fanciulla il volto cela
    lagrimoso al marinar.

    Ridi, via! t'asciughi il vento,
    bella, il pianto del dolor;
    e all'ingenuo lamento
    chiuda l'uscio del tuo cuor

    la speranza d'altro amor.
    Oh! ti s'alza il fazzoletto
    svolazzandoti sul petto...
    Qual più ride di candor?



NEL BAGNO


    Se nuda sei, se libero
    il lungo crin t'innonda,
    non ti guardar, bellissima,
    non ti guardar nell'onda!

    Troppo la canda immagine
    ti parrà bella allor,
    e nel superbo fremito
    io ti cadrò dal cor.

    Bella, nel manto morbido
    de' tuoi capei ti stringi
    e la vezzosa lagrima
    della conchiglia fingi!

    L'acqua l'ignori — io pallido,
    io solo t'aprirò:
    e con un bacio, o lagrima
    sublime, io ti berrò.



BRINDISI


    Nevica sulla neve — un assassino
                 freddo s'insinua
    nelle soffitte: allegramente il vino
                 versiam nei calici.

    Versate, amici, il vino! ormai la testa,
                 fosca nel tacito
    cimitero del cor, alza e si desta
                 degl'inni il genio

    e resuscita. Un dì carco di fede,
                   d'amor, di floride
    speranze mise falsamente il piede,
                   e come un asino

    per troppa soma cadde. All'infelice
                   passo una femmina
    fu la cagione e si chiamava Bice.
                   Aristocratica,

    a me poeta preferì il cocchiere
                   di spalle erculee...
    Versate vino, empitemi il bicchiere —
                   un inno, Lazzaro!

    Nevica sulla neve — il freddo sprona
                   la fame ai poveri.
    La Provvidenza, che all'agnello dona
                   lana bastevole,

    i ricchi inspiri; nei caldi tinelli
                    tribune s'ergano
    pei poveri affamati — Siam fratelli:
                    il vangel predica!

    Mangeranno cogli occhi e colle nari
                    a due ganascie
    i ricchi: dunque non è il conto pari?
                    Ecco il rimedio.

    Nevica sulla neve — e noi la tazza
                    vuotiam dell'orgia:
    la voluttà vuolsi ubbriaca o pazza:
                    voglio il delirio

    di visïoni belle e forsennate,
                    e risa ciniche,
    gesti convulsi ed insolenti occhiate,
                    baci che mordano,

    un amor che s'uccide e sè disprezza...
                   Anch'io son asino,
    drizzo le orecchie e strappo la capezza:
                   signore, amatemi!

    ne val la pena e valgo il vostro amante;
                   non ho modestia:
    in alto levo il merto ed il sembiante,
                   sogghigno e raglio.

    Nevica sulla neve — e mi divora
                   la gola e l'anima
    una sete infernale: ancora, ancora
                   la tazza empitemi.

    Sento una fiamma che sferzando sale
                   dal cuore fumido
    al cervello e diggià vi abbrucia l'ale
                   alle libellule

    voluttuose. Mi ribolle il sangue,
                      prorompe l'odio —
    Tu che strisci pei fior, mortifer'angue,
                      mi presta il tossico

    della tua bocca e il canto avvelenato
                      lamba le orecchie
    ed avveleni. Tu, vile affamato,
                      cui la miseria

    non fa ribelle e sotto un nobil tacco
                      la fronte umilii
    supplicando: ho fame... ho figli — vigliacco,
                      muori... ti odio!

    E tu, ricco felice, che assapori
                      gli ardenti gaudii
    della giovane vita, e gloria, amori,
                      ed arte e studio

    di sublimi pensier: tu, che imbecille
                     o grande domini
    in alto sempre sopra mille e mille,
                     che muti soffrono...

    Ebben più vasto della tua ventura
                     ti porto un odio,
    che succhiai dal dolore e freme e dura
                     inestinguibile.

    Bada che presto ci battrem, fratello:
                     a te gli eserciti,
    i cannoni e le spade — a me il coltello;
                     Viva il petrolio!

    Nevica sulla neve — Oh qual dolore
                     la vita inutile!
    Mamma, quell'ora che ti vinse amore
                     era ben meglio

    di morir: tu, buona mamma, l'ebbrezza
                    della lussuria
    volesti; adesso la crudel stoltezza
                    paga tuo figlio

    e tu, mamma, godesti... Maledetta
                    l'ora del nascere,
    l'ora che piansi, che pensai l'abbietta,
                    nudità livida

    della vita vestir con illusioni
                    e vaghe e nobili;
    maledetto l'ingegno e le canzoni,
                    la fede e l'orgia!

    Maledetto quel sen che mi nutriva,
                    e il sen più tenero
    delle amanti di un dì — Sento la riva
                    sotto il piè cedere

    e trascinarmi nel fatal torrente.
                   Mena cadaveri
    giù negli abissi; nero e silente
                   lungi dilegua...

    Ebben m'inghiotta — la fangosa sponda
                   scema, precipita:
    l'onda m'inghiotta, ma vaghi sull'onda
                   la mia bestemmia!

_Casola Valsenio 1876 Agosto._



BIANCA!


                    Pallida come il raggio
    dell'alba sulle eternamente nivee
    cime dei monti la tua gota, o Silvia,
                    e come il ciel di maggio

                    la cerula pupilla.
    Quieto splendor, quasi velata e tremola
    profondità — incanta, non affascina;
                    riluce e non scintilla,

                    Eppur sei bella! Spesso
    inavvertito d'ostinato ed avido
    sguardo ti stringo, e sul tuo bianco gelido
                    erro, erro perplesso

                    al par del vïatore
    per le balze scoscese e le voragini
    mentite dalle nevi — arcani brividi
                    scuotono mente e cuore.

                    E sul tuo freddo bianco,
    sotto lo sguardo immensamente cerulo
    de' tuoi begli occhi il febbril desiderio
                    cade gelato e stanco.



LA VESTIZIONE


    . . . . . . . . . . . . . . . .
    . . . . . . . . . . . . . . . .
    . . . . . . . . . . . . . . . .
                . . . . . . . . . .

    Prega il tuo vecchio Dio; da lunghi secoli
    alla tua casa si mantenne amico;
    . . . . . . . . . . . . . . . .
                . . . . . . . . . .

    . . . . . . . . . . e tu lo supplica,
    che dal libro tremendo della storia
    il tuo nome cancelli. Una miseria,
                    frate, è la gloria:

    una miseria di peccato, un orrido
    rossor d'incendio la sua luce, un grido
    spaventato di poveri lo strepito
                    confuso, infido

    de' suoi trionfi — e tu lo sai, che, estranio,
    di Carlo quinto risalisti il trono
    e lo scendesti di un tumulto civico
                    al primo tuono.

    Va, fàtti frate — per cento battaglie,
    per ogni terra ogni nemico infranto,
    con due mondi prostesi alle ginocchia
                    stette; ed il manto

    imperïal gittando, nel silenzio
    di tutti scese pallido severo
    di uno sprezzo sublime e in sulla soglia
                    del monastero

    fra i mendichi aspettò mendico — principe
    di poco nome, re fuggiasco, vinto
    guerrier d'Italia vuoi la doppia gloria
                    di Carlo quinto?

    Va, fàtti frate: del titano l'epiche
    orme ricalca in umiltà mentita,
    ripeti al mondo la vasta tragedia
                    della sua vita.

    Il mondo applauda nel convulso gaudio
    di spettacolo insano al nuovo attore:
    della tomba nel pensoso silenzio
                    l'imperatore

    ti sorrida — Va, fàtti frate, umilia
    la tua testa di re: di Dio sei degno;
    tu sulla terra, ne' svelati empirei
                    ei senza regno!

    Noi procediamo, i lombi di coraggio
    cinti, dell'avvenir sulla collina,
    il baleno negli occhi, ai piedi il sangue
                    per la ruina

    di cento mondi, e nella densa marcia
    principi e grandi cadon soffocati...
    urla la plebe indomita e si slancia
                    pei dirupati

    sentieri all'ardua vetta — il sol purpureo
    ride agli sforzi giganteschi, esulta
    la natura e ci guarda lusinghevole
                    la storia adulta.

    Avanti, avanti, nella irremeabile
    tenebra fuggendo Dio s'è ritratto:
    è la scienza con noi, con noi la gioia
                    di un nuovo patto.

    Avanti, avanti, sulla fosca traccia
    di Dio fuggiaschi vanno i privilegi
    dell'avaro lavor, dell'ozio nobile,
                    e preti e regi.

    Avanti, audaci pionieri, martiri
    fatali, eterni di un pensier negato,
    alte le scuri, nudo il braccio e l'animo
                    insazïato!

    è l'estrema battaglia di uno splendido
    novello mondo sulle sante porte:
    È nostra la vittoria, il vinto muoia...
                    Viva la morte!

_Casola Valsenio Agosto 1877._



DOPO


    Oh! ti ricordi quella bianca stella
                lontanamente splendida
    che guardammo una notte? Eri pur bella,

    pallida, seria e meditavi. Lente
                in alto si curvavano
    le cime dei cipressi e nel fremente

    silenzio lussuriose moribonde
                parlavan le gardenie
    pur cogli odori: dalle treccie bionde

    il tuo profumo mi salia pel volto,
                 e l'anima fantastica
    d'una ignota passion da te, dal folto

    giardin rapiva, come il vento invola
                 alla rosa le foglie,
    in alto in alto; e in quel viaggio sola

    col tuo profumo nel languor sveniva
                 d'una indistinta, gracile,
    misteriosa carezza. In sulla riva

    di quella canda stella ancor più canda
                 radïavi sul limpido
    oceàn dell'azzurro; un'aura blanda

    tradia d'un bacio le tue molli forme:
                 l'immenso mar ceruleo
    morìati a' piedi ed i pianeti a torme

    vi navigavan — Naufrago morente,
              a un vago desiderio
    aggrappato, lontan, lontanamente

    io ti vedevo bella bella bella...
              e invan le stanche braccia
    agitavo nuotando inver la stella

    lontanamente splendida. Sfinito
              in quell'immenso, inconscio
    desiderio, nel placido infinito,

    fra gli astri innumerabili, nel vasto
              luminoso silenzio,
    del tuo bel volto nel pallido fasto

    io mi perdea, e, del tuo biondo odore
              nelle carezze tenui,
    dell'ignoto naufragio il mio dolore

    consolavo e consolo — E tu la stella
                  lontanamente splendida
    di quella notte li ricordi, o bella?...

_Casola Valsenio. Agosto 1877._



A GIOSUÈ CARDUCCI

(ODI BARBARE)

RISPOSTA DI UN BARBARO


I.

    Sprona il tuo sauro dalle nari ardenti
    e la lunga criniera, e via pel cielo
    corri siccome una fatal cometa
                        orribilmente bella,

    sola: le stelle fremano curiose
    al furiar della corsa e le saette
    rispondano lontane agli anelanti
                        nitriti del corsiero;

    mentre le genti dalle grasse valli
    alzin gli sguardi e a te meraviglianti
    accennino con trepido sussurro
                         di fede e di speranza.

    Sprona: la soglia d'ignorati mondi
    batti colla sonora unghia ferrata,
    quindi improvviso delle reggie avvalla
                         a scalpitar sui tetti,

    bianco di spuma, il morso insanguinato,
    l'occhio di fuoco e la criniera al nembo...
    e tu, poeta, calmo nel pallore
                         d'invincibil veggente.

    Bello! le turbe leveranno il grido
    della tempesta a salutarti, e lungi
    l'arcangelo di dio ritto sul tempio
                         fiammante di baleni

    sentirà della destra un dì possente
    cadere il brando arrugginito, mentre
    il re si cerchi con convulsa mano
                la corona sul capo.

    A che pei colli ove la magra capra
    bruca i cespugli incarogniti e ignaro
    d'ogni passato ed avvenir fischiando
                il capraro si svaga;

    o per deserta via nota al mercante
    di selvagge vaccine, o nella calva
    prateria che i ruscelli apron fetenti,
                verdi, brevi ed immoti;

    perchè sul collo del bel sauro lente
    le redini trapassi e l'occhio al suolo
    cercando le vestigia di una strada
                trionfale di Roma?

    È morta Roma: l'edificio immane
    del suo impero crollò, che il sol vitale
    ai popoli rapiva, invan sparuti
                    nell'odio e nella fame:

    Roma patrizia che la immonda plebe,
    siccome una gragnuola di locuste,
    scagliava alle provincie, e nei teatri
                    di marmi istoriati,

    dei vinti regi al calice prezioso
    beveva il sangue di un venduto eroe,
    barbaro lo chiamando e la sua gente
                    lontana all'orizzonte,

    con un sorriso di pensier superbo.
    Roma pagana dalle dotte leggi,
    schiava regina d'infiniti schiavi,
                    parassita del mondo,

    cadde. Lo sguardo dalle vette alpine
    abbassa intorno e làgnati, poeta,
    del rovinato imperio e delle tante
                  vaste nazioni sôrte

    dalle macerie. Primo fior la croce
    sui rottami del tempio apollinèo
    bruna s'aderse e ignoto nazareno
                  v'apparve nuovo Dio.

    Quindi i selvaggi vincitor di Roma
    piegâr le fronti; una tepente brezza
    aleggiò sulla terra e i conculcati
                  sorrisero di fede,

    invano sempre! Il martire giudeo,
    nella corrotta aura del tempio antico,
    risorgeva tiranno al par di Giove
                  dai tristi sacerdoti:

    ed ei più triste di dolor demente
    l'anime invase, maledisse al mondo,
    l'immortale terror in sul confine
               chiamando della vita

    a precluder lo scampo. I dì passaro
    del cristiano impero. Un freddo vento
    boreal dalla croce il secco Dio,
               qual foglia inaridita,

    dall'albero divelse. Indarno i bronzi
    tuonan festosi dalle sacre torri
    richiamando le turbe nella vasta
               chiesa parata a festa...

    Un lungo lagno sepolcral s'eleva
    dall'organo: l'altar divenne bara;
    bruciano i ceri, olezzano le rose
               funebri — è morto Cristo.

    E tu, poeta dall'acuto sguardo,
    che fóra l'avvenir, fascio di luce,
    onde balena ai popoli la strada
                     dell'incognita meta,

    tu vedi ancor Cristo ed Apollo in lotta
    mortal ferocemente abbrancolati
    come atleti nel circo, e buon pagano
                     scommetti per Apollo?

    Ancor republicano il Campidoglio
    di Roma antica fantasioso sali,
    aspettando la candida quadriga
                     del console vincente;

    che in cor ti freme il lubrico sorriso
    di Lidia bianca dalle rosee braccia,
    cura d'Orazio? È morta Roma, il biondo
                     Apollo è morto, è morto

    Cristo, l'estremo degli Dei: lo sdegno
    cesse e la beffa sui caduti — è morta
    Lidia, cura d'Orazio; e la tua bianca
                Lidia è di bianco marmo.


II.

    Lascia, poeta, l'aere muffoso
    della scuola e gli antichi oscuri libri;
    fremon le vie, sorride il ciel, sorride
                 il sol, la vita è fuori.

    S'urtano le passioni; dagli sguardi
    balzan rosse scintille, dalle labbra
    rosse parole e nel clamor la nota
                 s'ode di un fresco bacio,

    che lungi il vento gitta alla sonora
    chioma della foresta ed ai narcisi
    ripetono le rose coll'olente
                 sussurro delle foglie.

    Ama: vezzosa popolana ride
    nel logoro corsetto: imbaccuccata
    nello scialle fiorito, a brevi passi,
                 in pugno le sottane,

    s'affretta la sartina e par sul prato
    allodola che salti e al sol nascente
    mandi un vispo saluto. Altera e bella
                 di negletta eleganza,

    nel gemmeo pallor gli occhi languenti,
    odorosa di sete e di un febbrile
    mister di voluttà, passa la dama,
                 novissima pagana.

    Ama: di puro, di lascivo amore,
    mesto, giocondo; alla menzogna credi,
    menti tu stesso e la ragion correggi
                  nel senno del demente.

    Vita è follia ed il dolor peccato,
    virtù la gioia... Oh se fatale il giorno
    della luce ti fu, se in cor ti rugge
                  l'ira della sventura,

    lascia le strade popolose, ai neri
    borghi ti cala e le soffitte cerca
    note alla fame, tu feroce ignoto
                  fra incogniti feroci.

    Odi, interroga, scruta — ogni soffitta
    ha la sua storia di dolori, antica
    storia dei vinti di ogni dì, dei morti,
                  di color che morranno

    nella battaglia della vita inermi.
    Anime e corpi scruta: ai sozzi cenci
    delle speranze e delle vesti ardito
                    poni la mano: origlia

    alle coscienze e sentirai compressa,
    profondamente con sordo rimbombo,
    ribollir di vulcani insospettati
                    l'irosa onnipotenza...

    ed esci — Invano con convulse dita
    tenti la cetra del tuo biondo Apollo
    a tal canto di morte — o mio poeta,
                    è d'avorio la cetra!

    L'unghie ti caccia in cuore e il cuor ti sbrana
    ferocemente e col zampil di sangue
    ti prorompa la nota, unico e primo
                    urlo di un altro mondo.

    Canta la fame dei poppanti, orrenda
    fame di vecchi e di malati, orrenda
    fame di luce, di saper, d'amore,
                la fame della vita:

    canta, risali i secoli, divaga
    per ogni terra, ogni nazione illustre
    od umile di storia; e ovunque l'eco
                il canto ti ripeta

    e tu coll'eco addoppia il tristo canto.
    Canta, poeta, la leggenda arcana
    dei vinti eterni, dei vincenti presso
                al giorno della morte;

    belli nel manto del trionfo, il capo
    inghirlandato e nello sguardo il riso
    di un vasto mondo di pensier di gloria,
                sonnambuli felici;

    mentre tremoto sotto i monti e sovra
    nube infinita di procella nera
    freme l'odio immortale e vittorioso,
                sola virtù dei vinti.

_Casola Valsenio Ottobre 1877._



NINA — NANNA


    Fuma presso la cesta una candela
                  lercia di sego e sgocciola;
    fuori la notte sonnecchiando gela
                  ravvolta nelle tenebre.

    È freddo: il vento dalla chiusa imposta
                  brontola come un povero
    ed allo spento focolar s'accosta
                  soffiando nella cenere,

    che s'alza: la candela alle pareti
                  sbatte l'ombre fantastiche,
    mentre i bambini dormono quïeti
                  nel cesto della paglia.

    Affagottati dentro una sottana
                  non han più freddo, e ridono
    sognando chi sa cosa nell'arcana
                  vacuïtà dell'anima.

    Ma la vecchia rimasta col corsetto
                  e la corta camicia,
    strette le mani nello scarno petto
                  e il petto alle ginocchia

    invano si rannicchia e sui piccini
                  fisa l'occhio sonnambulo —
    È troppo freddo, i due biricchini
                  han spogliato la vecchia;

    e tepidi abbracciati in una gioia
                  senza pensier l'uccidono;
    ieri s'urlava in piazza: morte al boia...
                  Ed i bambini ridono.

                  È freddo, nina-nanna:
    per coperta non ho che la camicia
                  e il letto m'è la scranna.

                  Il vento come un cane
    nelle gambe mi sfrega e si rannicchia
                  cercando le sottane...

                  O cane, va in malora:
    apposta per istrada la pelliccia
                  di una vecchia signora

                  e vi ti caccia, e s'ella
    non ti vuol dispettosa, tu la morsica
                  di sotto la mammella.

                  È freddo, nina-nanna;
    Il vento fischia e brontola lo stomaco,
                  la fame non s'inganna.

                  Nè pane, nè minestra
    da ieri; in casa una polenta candida
                  di neve alla finestra,

                  che pare il primo fiore
    del grano — è stata l'ultima elemosina...
                  anche Dio è un signore!

                  Mezzanotte suonata.
    È tardi: quando l'alba strizza il ghiaccio,
                  strizza, sarò ghiacciata.

                  È freddo, nina — nanna:
    La mamma e il babbo sotto terra scordano,
                  dormendo, la condanna.

                  Che neve quella sera!
    Il sangue aveva macchiato giù la manica...
                  babbo morì in galera.

                  la mamma era di latte:
    portava le sottane alle ginocchia,
                  battendo le ciabatte,

                  che la gente guardava,
    e più d'un bel signor le diede un bacio
                  Allora si mangiava...

                  È freddo, nina — nanna
    i baci sulla becca le marcirono,
                  la vita di una spanna...

                  è morta all'ospedale.
    Io v'ho raccolti e adesso manca l'olio
                  al lume e manca il sale.

                  Buona notte! persino
    mi son cavata la camicia e muoio
                  nuda come il mattino.

                  Ma, bimba, tienti a mente
    che finirai come la mamma, marcia
                  dai baci della gente.

                  e tu da galeotto...
    Per noi poveri in terra si sta peggio
                  di sopra che disotto.

                  Si dorme almen, la neve
    fa da lenzuolo bianco che abbarbaglia
                  al letto e non è breve

                  che scappin fuori i piedi.
    Dormiamo in pace, i nostri conti tornano;
                  ci penseran gli eredi.

                  Siamo morti del male
    di stomaco digiuno o del rimedio,
                  galera ed ospedale:

                  È freddo, nina — nanna;
    con Dio, col mondo ci rimane un credito,
                  scontata la condanna...

_Casola Valsenio Novembre 1877._



CURIOSITÀ


    Dove mel credi, o bionda indifferente,
    il tentator mistero che ti affascina;
                        nel cuore o nella mente?
                        nella faccia o nell'anima?

    Come il riso del tuo occhio sereno
    e l'oro caldo dei capelli morbidi,
                        bianca come il tuo seno
                        ti fu la vita inconscia.

    Musica e fiori, eterna primavera,
    continuo oblio di un continuo bacio,
                        la mattina e la sera
                        confuse nel crepuscolo

    di un solo amor come profumo solo
    di un vario mazzo: sempre fiori e musica,
                        api e farfalle a stuolo,
                        oblii, capricci e gioie.

    Ed or curiosa sul mio bruno viso,
    inchina coi lunghi ricci l'interroghi,
                        lo sguardo ed il sorriso
                        tentando colla ingenua

    ansia del cuore che la vita ignora.
    Non vi badar, se quando l'occhio umido
                        ti accarezza e t'implora,
                        improvviso mi striscii

    un ghigno sulla bocca. All'alte vette
    delle montagne inabitate mesconsi
                        nubi, aquila, saette,
                        fior sulla neve, mobili

    scheggie di sole, turbini dementi,
    bianchi silenzi ed ululanti dialoghi...
                        guardan raro le genti
                        giù dalla valle e fremono.

    Ama sempre, fanciulla — il tentatore
    mister non dimandar che in me ti affascina,
                        non origliarmi al cuore,
                        non m'obliarti in faccia.

    Musica e fiori, eterna primavera,
    baci odorosi, ebbrezze mute, spasimi,
                       capricci di pantera,
                       canti di balli scenici...

    Ecco l'amore, o bionda indifferente:
    ama scherzando coll'oblio nell'animo —
                       forse il mister ti mente
                       un poeta maniaco.

_Bologna Aprile 1878._



SILENTIUM


    Musa, silenzio; muor la sera, rade,
    semispente le stelle nell'azzurro
    guardan lungi sul mondo un'altra stella
                        muta ed inutile;

    mentre per l'infinita ombra un deserto
    infinito si allaga e non par moto,
    nè voce s'alza di tranquilla vita
                        o di naufragio.

    Forse le stelle si annegar, che smorte
    galleggiano sul cielo: onde, tempeste,
    lidi svanir, inanime deserto...
                        Musa, silenzio!



MEMENTO

(11 MAGGIO. 2 GIUGNO 1878)


    Lo sai tu, santo imperator, qual mano
    t'abbia raggiunto? Dalle cime fulgide
    della tua gloria non volgesti il guardo
                        giù nella valle,

    dove ferve del popolo la vita
    intensa e oscura? Quel perenne fumo
    di vulcano passandoti sul volto,
                        nera carezza,

    l'anima vecchia e sul sepolcro curva
    l'infinito a spiar dell'indomani
    mai non ti cinse e la irritò col torbo
                        ondar? Scintille

    rosse, guizzanti quasi d'occhi accesi
    e schiacciati ad un punto, in fuga, in folla
    vi salian turbinando e al ciel svaniano
                        per entro il fumo,

    come inutil dilegua e inascoltata
    nel voto immane la bestemmia. O vecchio
    vittorioso guerrier, sull'elmo acuta
                        porti una punta,

    che sorride col ciel, riso d'acciaro
    al sorriso fiammante della folgore;
    bada alla terra — le saette irrompono
                        su dagli abissi!

    E tu chi sei? Qual dalla bieca fronte,
    greve di allori e di corona, orrendo
    stranier nel mondo e re, qual ti somiglia,
                        o imperatore?

    Come la donna dal lascivo cuore
    e i dotti sensi, te fanciullo vide
    la fortuna ed amò: con improvvisa
                        viltà l'antico

    pallido amante di fatali giorni
    e di notti fatali empia tradendo,
    fra gli ululati, il cozzo, il vespro, il buio,
                        lo scroscio pazzo,

    d'una battaglia e di un imper più vasto
    d'un sogno e bello più del sol, fanciullo
    principe, a' piedi ti gittò sfinito
                        Napoleone

    e col vento furial della vittoria
    la imberbe guancia ti lambia perversa
    di molli baci. Nel deserto livido
                        dell'oceàno

    misterïoso e solitario sparve
    una sera col sol lo smisurato
    vinto Titano. Dai cadenti azzurri
                        dell'orizzonte

    sprizzâr baleni, e un mormorio dall'acque
    sommesso ascese, che svanì nel soffio
    d'un lamento infinito — Hai vinto, hai vinto
                        ovunque e sempre

    Paride imbelle e Priamo tremante.
    Hai vinto: bada, l'oceàn talvolta
    schianta lo scoglio: ti vacilla il capo
                        sotto l'elmetto

    e sotto i piedi il trono, altar maggiore
    della tua chiesa. Con delirio arcano
    vi si sfracella una tempesta: bada,
                        re sacerdote,

    che in cor l'orgoglio degli aviti regi
    e dei percossi ammicchi in ciel con Dio —
    sulle tempeste della terra ghigna
                        ateo il sole!

    E preme il vento e l'uragano; l'aria
    fosca s'aggreva: pei silenzi sacri
    ignorati dell'alte cattedrali,
                        dei monumenti,

    l'alme grandi dei morti erran fremendo
    di un'altra morte e fin sul regio letto
    a notte intendi sibilar tremanti
                        le tue bandiere.

    È notte, è caldo: delle scolte il grido
    lungi si tocca e si allontana: forse
    domani all'alba ti battranno; vigila,
                        imperatore...

_Bologna 18 Giugno anniversario di Waterloo._



INDICE


  Lo scrofoloso                             pag.   3
  La viola (per una fanciulla)               »    11
  Autunno                                    »    15
  Il coltello                                »    19
  Ideale                                     »    27
  Palinodia                                  »    31
  Barcarola                                  »    35
  Nel bagno                                  »    39
  Brindisi                                   »    43
  Bianca!                                    »    53
  La vestizione                              »    57
  Dopo                                       »    65
  A Giosuè Carducci (Odi barbare) risposta
    di un Barbaro                            »    71
  Nina — Nanna                               »    87
  Curiosità                                  »    97
  Silentium                                  »   103
  Memento (11 maggio, 12 giugno 1878)        »   107



  _Finito di stampare
  il dì 15 ottobre MDCCCLXXVIII
  nella tipografia Zanichelli e soci
  in Modena_



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Monotonie" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home