Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Storia di Milano vol. 3
Author: Verri, Pietro
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia di Milano vol. 3" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                                 STORIA
                               DI MILANO


                               DEL CONTE

                              PIETRO VERRI


                          COLLA CONTINUAZIONE


                           TOMO III ED ULTIMO



                                 MILANO
                    PRESSO IL LIBRAIO ERNESTO OLIVA
                     Contrada de' Due Muri, N. 1044
                                  1850



CAPITOLO XXIII.

_Vicende infelici de' Francesi. Francesco II Sforza riconosciuto duca
di Milano. Venuta in Italia di Francesco I re di Francia, ed assedio di
Pavia._


(1519) L'odioso governo che il Lautrec faceva dello Stato di Milano
aveva fatto emigrare un buon numero di cittadini, o per sottrarsi alla
violenza o per aspettare un miglior tempo, sotto un meno arbitrario
governo. Girolamo Morone, il quale era _l'âme de toutes les intrigues,
et le véritable chef des mécontens_[1], dispose che questi esuli
malcontenti si radunassero in Reggio di Lombardia, città che allora
era posseduta dal papa, e quest'adunanza avea per oggetto l'espulsione
de' Francesi dall'Italia, e lo stabilimento della casa sforzesca sul
trono di Milano, col riconoscere per duca Francesco, duca di Bari,
fratello del duca Massimiliano e figlio del duca Lodovico Maria.
Per comprendere quali apparenze vi fossero da concepire quest'idea,
conviene dare un'occhiata alle combinazioni politiche generali di que'
tempi. L'imperator Massimiliano avea terminata la sua vita il giorno 12
di gennaio 1519, e, malgrado gli uffici della Francia, era stato eletto
imperatore il re di Spagna Carlo, il qual rese poi nelle serie de'
Cesari famoso il suo nome di _Carlo V_. Questo monarca, nel vigore del
ventesimo anno dell'età sua, favorito dalla natura d'un animo attivo,
elevato, passionato per farsi un nome, favorito dalla fortuna, che gli
avea dati i regni delle Spagne, quei delle due Sicilie, la Fiandra,
l'Olanda e gli Stati della Germania; questo imperatore potente, appena
innalzato al trono cesareo, rivolse lo sguardo all'usurpato dominio
di Francesco I nel milanese, feudo imperiale, dominato dal re senza
investitura o dipendenza dall'Impero. Nella Germania le nuove dottrine
di Lutero s'andavano spargendo; già varii sovrani le proteggevano; e
correva rischio il papa di perdere del tutto la Germania, se Carlo V,
vigorosamente opponendosi, non avesse posto al bando dell'Impero il
promotore de' nuovi dogmi, il quale «sarebbe stato facile, dandogli
qualche dignità o qualche modo onesto di vivere, di farlo pentire
degli errori suoi», dice il Guicciardini[2], se il cardinal Gaetano,
legato apostolico, colle ingiurie e colle minacce non l'avesse spinto
al disperato partito che prese dappoi. Il papa per questo gravissimo
oggetto della Germania avea bisogno di tenersi amico l'imperatore. Il
papa non perdeva di vista Ferrara, Parma e Piacenza, e, collegandosi
con Carlo V per discacciare i Francesi da Milano, otteneva di staccare
nuovamente dal ducato di Milano queste due città, già usurpate da
Giulio II, e di consegnare il rimanente del ducato a Francesco Sforza.
Secretamente si andava concertando la lega fra Carlo V e Leone X.
Francesco Sforza stavasene a Trento. L'imperatore gli assegnò centomila
scudi, ed ottantamila gliene assegnò il papa, colle quali somme potè
assoldare degli Svizzeri, a ciò aiutato dal cardinal di Sion[3]. I
Fiorentini, il marchese di Mantova entravano nella lega contro dei
Francesi. Molto confidavano e cesare e il papa sulla buona volontà
de' Milanesi, l'affetto dei quali molto doveva contribuire all'esito
della guerra. E questo motivo fu quello per cui dal Morone vennero essi
chiamati a Reggio, di che veggasi l'opera, poco sinora conosciuta, ma
che merita di esserlo, del Sepulveda: _De Rebus gestis Caroli V imp. et
regis Hisp._, autore contemporaneo, che scriveva i fasti del monarca al
quale serviva, e dal quale anche a voce poteva chiedere istruzione de'
fatti che esponeva in buon latino nel di lui regno. Della qual opera
v'era bensì la traduzione nella Spagna, ma a caso venne a trovarsi
manoscritta soltanto l'anno 1775, e si pubblicò dalla regia stamperia
di Madrid nel 4780, sotto la direzione della reale accademia di
storia[4].

(1520) Il maresciallo di Foix, ossia Lautrec, informato di questa
unione che si andava facendo in Reggio, quantunque le intelligenze
fra il papa e l'imperatore fossero segrete, senza rispetto alla
pace vigente, invase a mano armata il Reggiano, e si accostò alla
città con animo di sorprendere i Milanesi forusciti. Il Guicciardini
storico era allora comandante di Reggio, e seppe render vano il
progetto de' Francesi, le violenze de' quali, commesse in quella
infruttuosa spedizione, sono da lui medesimo descritte. Un tal fatto,
seguito nel seno apparente della pace e ad insulto sulle terre del
papa, cagionò negli animi sempre maggiore il ribrezzo verso della
dominazione francese, che sconsigliatamente il Lautrec aveva resa
disgustosissima ai popoli. (1521) Questa incauta scorreria sul Reggiano
seguì nel 1521, ed un fenomeno fisico, accaduto poco dopo in Milano,
si combinò sgraziatamente pei Francesi onde alienarne sempre più gli
animi degl'Italiani, colla persuasione di essere la stessa divinità
manifestamente nimica della dominazione francese. Erano stati poco
prima scomunicati dal papa Leone X gl'invasori del Reggiano[5]. La
vigilia appunto di San Pietro, cioè il giorno 28 di giugno del 1521,
due ore prima che tramontasse il sole, essendo il cielo quasi sgombro,
da una nuvola si scagliò un fulmine sulla massiccia torre di marmo che
stava sulla porta del castello di Milano. Quivi era a caso collocata
una porzione di polvere, destinata a spedirsi alle altre fortezze dello
Stato, che dal Gaillard si fa ascendere a dugentocinquantamila libbre.
Prese fuoco, e la esplosione fu orrenda. Il comandante del castello,
signor di Richebourg, e trecento soldati francesi acquartierati vi
rimasero sepolti[6]. «La torre era, come attesta il Guicciardini[7],
di marmo, bellissima, fabbricata sopra la porta, nella sommità della
quale stava l'orologio», il che produsse la rovina quasi totale del
castello, e la piazza del castello, sulla quale in quel punto trovavasi
molti al passeggio, rimase coperta di cadaveri e di tanti sassi, che
_pareva cosa stupendissima_[8]; alcuni sassi di smisurata grandezza
volarono lontani più di cinquecento passi. Il Burigozzo così descrive
il fatto: «Ma a dì 28 zugno 1521, che fu la vigilia de santo Pietro,
a due ora prima di notte, venne uno horribile tempo da sorte che la
sajetta dette in el torrazzo in mezzo della fazada del castello, dove
gli era gran quantità de polvere da bombarda, talmente che quella torre
sino al fondamento fu fracassata, et portò prede grandissime sino al
meno della piazza, e tutto el castello se squassò, adeo che per la
ruina grande che fu, moritte el capitaneo et da rocca et da castello,
sotto le prede qual ruinorno, el moritte innumerabile altra gente,
d'onde questo fu una gran cosa». E il Grumello riferisce il fatto
nel modo seguente: «A dì 28 junio 1521 da hore 23 dette la saietta
in la torre de le hore del castello di Porta Giobia de Millano, cossa
stupendissima et da non credere chi non la vide, et io la vidi con gli
occhii levar la media parte de dicta torre et li fondamenti insiema et
portarla oltra il revellino et la fossa, et gittarla in su la piazza
de dicto castello, et hebe occixo li doi castellani et il cavalero
Vistarino, quale hera ditenuto in prigione in epso castello, et foreno
occixi la più parte de le gente herano abitante in detto castello.
Le ruine de le stancie et tecti et muraglie non ne dicho niente. Più
ruina fece Iddio in un momento in epso castello, che non haveria facto
l'artellaria dil re gallico in un anno. De le ruine facte di fora dil
castello non ne scrivo, come ruinamenti de tecti, de ecclesie, caxe,
rompimenti di catenazi, de botteghe, invedriate, cose admirande[9]».
Di questo disastro ne scrive un'altra cronaca citata dal Lattuada[10],
ed è di Bernardino Forni, da Gallarate. Il papa non tralasciò di far
ravvisare la vendetta di san Pietro in questo avvenimento; e questo
ancora contribuì non poco a sgomentare i partigiani francesi, e ad
animare sempre più i loro avversari. Quindi côlta l'opportunità della
violazione fatta sulle terre pontificie, e datane ai Francesi tutta
l'odiosità, si pubblicò senz'altro la lega, e si radunò verso Bologna
la già disposta armata.

Il papa Leone X spedì seicento uomini d'armi papalini, toscani e
mantovani. Seicento altri uomini d'armi ne fece marciare da Napoli
l'imperatore Carlo V. Diecimila fantaccini vi erano, parte italiani,
parte spagnuoli, ed ottomila fantaccini oltramontani[11]. Prospero
Colonna comandava l'armata della lega pontificia, sotto di lui
comandava Ferdinando d'Avalos, marchese di Pescara; ed era già in
modo distinto in quell'armata Antonio da Leiva, soldato di fortuna, il
quale ebbe poi molta influenza nel milanese, come si vedrà. Il conte
Guido Rangoni, Giovanni de' Medici, principe della casa di Toscana,
Girolamo Morone, vi si trovarono parimenti. A questa armata si unì un
corpo di svizzeri condotti dall'ostinatissimo cardinale di Sion[12].
L'armata de' collegati prese Parma. Gli Svizzeri stipendiati da
Lautrec mancando di paga lo piantarono, dice Guicciardini. I collegati,
dopo ciò, poco penarono ad impadronirsi del milanese. Lautrec tentò
invano a Vaprio di disputar loro il passaggio dell'Adda. Giovanni de'
Medici, montato su di un caval turco, arditamente fu il primo a passar
l'Adda, il che animò l'esercito a seguirlo. Lautrec si ricoverò in
Milano, «dove arrivato, o per non perder l'occasione di saziar l'odio
prima conceputo, o per mettere con l'acerbità di questo spettacolo
terrore negli animi degli uomini, fece decapitare pubblicamente
Cristofano Pallavicino, spettacolo miserabile per la nobiltà della
casa, e per la grandezza della persona, e per l'età, e per averlo
messo in carcere molti mesi innanzi alla guerra[13]». Questo illustre
signore, parente della casa Medici, forse in odio del papa mandato
dal Lautrec al patibolo, aveva settantacinque anni[14]. Dopo l'affare
di Vaprio, Lautrec entrò in Milano il giorno 10 di novembre 1521, e
il giorno 11, due ore avanti giorno, venne il Pallavicino decapitato
sulla piazza del castello di Milano. Egli era stato fatto prigione
con insidia dal fratello di Lautrec, ch'era compare di lui. Stavasi
Cristoforo Pallavicino nel suo castello di Buffetto, dove accolse
l'insidiatore[15]. Già sino dal giorno 6 di luglio il di lui nipote
Manfredo Pallavicino era stato squartato vivo sulla medesima piazza del
castello, e le sue membra poste sulle porte della città; «et a molti
altri gentiluomini milanexi, piacentini, et dil Stato fureno tagliate
le teste[16]». Bartolomeo Ferreri, a detta del Guicciardini, insieme
col di lui figlio, aveva terminati per mano del carnefice i suoi
giorni. Insomma il Gaillard dice: «Le mareschal de Foix se ressasia de
vengeances cruelles, et combla le désespoir des malheureux Milanois,
le supplice fut le partage de tous ceux, qui avoient eu les moindres
relations avec Moron[17]».

Frattanto che il crudele Lautrec inferociva in Milano, l'armata de'
confederati s'accostò alla città. Io, come sempre, così al presente
tralascio di annoiare il lettore colla esatta descrizione delle mosse
e dei minuti avvenimenti marziali. Pare che gli scrittori prendono
un piacer singolare ad internarsi colle descrizioni in siffatte
carneficine, e nelle gloriose scelleraggini della guerra. La filosofia
c'insegna a non abituarci a mirare con insensibilità simili sciagure; e
forse il bene dell'umanità suggerirebbe di non consecrarle alla gloria,
ma di punirle col silenzio degli storici. L'armata de' collegati
s'impadronì di Milano il giorno 19 di novembre 1521. Vi entrarono
Prospero Colonna, il cardinale dei Medici, il marchese di Mantova,
«ignorando quasi i vincitori, dice Guicciardini, in qual modo o per
qual disordine si fosse con tanta facilità acquistata tanta vittoria».
Molte case vennero saccheggiate dagli Spagnuoli col pretesto che
fossevi roba de' Francesi. Venne proclamato duca Francesco II Sforza,
e Girolamo Morone vi comparve governatore in nome di lui. Lautrec
lasciò nel castello di Milano un presidio francese, sotto il comando
del capitano Mascaron, di nascita guascone. Cremona pure conservò nel
castello i francesi sotto il comando di Janot d'Herbonville; Como,
Pavia, Lodi, Alessandria, Piacenza e Parma vennero tosto in potere
della lega. Appena Leon X ebbe la nuova d'essersi occupate dalle armi
pontificie le città di Parma e di Piacenza, e d'essere in potere
della lega lo Stato di Milano, e proclamato lo Sforza, ch'ei morì
improvvisamente, all'età di quarantaquattro anni, il giorno 1.º di
dicembre 1521, non senza sospetto di veleno, per cui venne carcerato
Barnabò Malaspina, suo cameriere, deputato a dargli da bere. La morte
del sommo pontefice, che aveva somma influenza negli affari appena
innoltrati, cagionò non lieve inquietudine negli animi.

(1522) Al momento che gli avvenimenti cominciarono a mostrarsi
prosperi, Francesco Sforza, il quale coi denari somministratigli da
cesare e dal papa, aveva presi al suo stipendio seimila tedeschi dal
Tirolo, passò nella Lombardia; e come dice Sepulveda:[18] _Franciscus
quoque Sfortia, quem Germanorum sex millia sequebantur, Mediolanum
pervenit, singulari civitatis gratulatione; e ne adduce il motivo,
perchè era vir de cujus humanitate, temperantia et justitia, magna
erat hominum opinio._ Da Trento passò pel Veronese senza ostacolo con
seimila fanti tedeschi, ai quali i Veneziani non fecero opposizione,
indi per il Mantovano, Casalmaggiore e Piacenza portossi a Pavia.
Lautrec e alcuni corpi veneziani s'erano posti a Binasco per impedire
la venuta a Milano del duca; ma lo Sforza, côlto opportunamente il
tempo, passò a Milano il giorno 4 aprile 1522. «Dove è incredibile
a dire[19] con quanta letizia fosse ricevuto dal popolo milanese,
rappresentandosi innanzi agli occhi degli uomini la memoria della
felicità con la quale era stato quel popolo sotto il padre e gli
altri duchi sforzeschi, e desiderando sommamente di avere un principe
proprio, come più amatore de' popoli suoi, come più costretto ad
avere rispetto e fare estimazione dei sudditi, nè disprezzarli per la
grandezza immoderata»; e la cronaca del Grumello: «fece la intrata
in la città Mediolanense con allegria, et tutto il popolo con sonar
di campane, sparare di artellaria, parendo ruinasse il mondo. Mai fu
visto, ne audito tanto triumpho. Cosse da non creder fureno facte per
epsa repubblica mediolanense di allegria di Francisco Sforcia suo duca,
et domandando denari el Sforcia per paghare lo exercito cexario, da
gentillvomini, marchatanti, plebei et poveri herano portati danari,
collane, argento; ogniuno portava qualche cossa per far danari, che mai
fu visto tanta dimostrazione di amore, et di tutto hera tenuto bono
conto, et a tutti quali havevano dato danari, collane, argento, fu
a tutti facta la restituzione per Francischo Sforza, et così fu dato
pagha allo exercito cexareo, et ognuno fu di bono animo di combattere
contro i Galli[20]».

Frattanto Lautrec co' suoi Francesi, con ottomila Svizzeri, e coi
Veneziani s'era ricoverato a Monza, ove eranvi il Montmorenci, il
maresciallo Chabannes, il Bastardo di Savoia, il gran scudiere
Sanseverino, il duca d'Urbino, Pietro di Navarra[21], ed altri
illustri personaggi. L'armata della Lega, sotto il comando di Prospero
Colonna, aveva posto gli alloggiamenti alla _Bicocca_, luogo situato
fra Milano e Monza, e lontano circa quattro miglia della città; il
luogo era vantaggioso per la difesa. Lautrec aveva sin da principio
avvisato il re ch'ei non avrebbe potuto difendere lo Stato contro
l'armata che si andava formando, a meno che non gli venissero spediti
soccorsi dall'erario, onde stipendiare un numero conveniente di
Svizzeri; e dalle lettere era bensì stato assicurato di riceverlo, ma
realmente mai non l'ebbe. Egli teneva animati gli Svizzeri, mancanti
dei loro stipendii, con promesse di imminente arrivo di danaro; ma
essi, già troppo lungo tempo delusi, più non badavano alle lusinghe;
e minacciavano di abbandonarlo e ritirarsi alle loro case. Il signor
di Brantome, nella vita di Lautrec, ricorda il fatto dell'illustre
cavaliere Bayard a Pamplona, dove, essendosi ammutinati gli Svizzeri
che erano sotto i suoi ordini, egli, colla sua gendarmeria, benchè
non numerosa, seppe reprimerli. Lautrec in vece, secondandoli, volle
tentare una giornata: la tentò il giorno 27 di aprile 1522, venne
battuto e rispinto, e perdette il milanese. Brantome lo condanna per
non aver preso almeno il partito di starsene sulla difesa aspettando
nuovi soccorsi. A me sembra che il Lautrec abbia operato senta
prudenza; s'ei vinceva, avevano i collegati quattro miglia distante una
città amica dove ricoverarsi; se perdeva, era tosto abbandonato dagli
Svizzeri; i Veneziani freddamente l'avrebbero secondato, ei rimaneva
con un drappello di Francesi appena bastante per ricondurlo nella sua
patria. Come andasse quell'affare ce lo dicono minutamente più autori.
Francesco Sforza era in Milano. Avvisato che i francesi si movevano
verso de' Collegati, fece dar campana a martello in Milano, dove, e
per odio verso de' Francesi e per amore del duca, al momento uscirono
quanti cittadini potevano armarsi per combattere, e seimila se ne
contarono:[22] _Jussis igitur Sfortia popularibus, omnibus arma sumere,
peditum armatorum sex millia, et item quadrigentos equites educit:
cum his ad Bicocham in via, quae ducit Modoetiam, consistit_[23].
Ed il Grumello dice: «Mai fu visto tanto populo correr alle arme,
et il frate predicator di Santo Marco con il crocefisso in mane
facendo animo a Milanexi volessero combatter, che era il giorno de la
victoria et ch'hera certifichato che vincerebbono senza alchun dubbio.
El Sforcia, unito suo exercito, ussite de la citta Mediolanense,
et pigliò il cammino de la Bichoca con sua ordinanza[24]». Oltre i
seimila cittadini milanesi armati, che sortirono a piedi in seguito del
duca, quattrocento lo accompagnarono a cavallo[25]. Il duca co' suoi
giunse prima che cominciasse l'attacco. Egli si pose alla difesa di un
ponte, ed ivi infatti si scagliò col maggiore impeto il maresciallo di
Foix: ma sebben penetrasse, venne rispinto poi con tanto disordine,
che la battaglia diventò un macello, poichè dal ponte non potendovi
passare che tre uomini di armi di fronte, e ammucchiandosi per la
smania di uscire in salvo, si trovarono talmente stretti i nemici,
che nemmeno fu loro possibile il difendersi; quindi la maggior parte
vennero tagliati a pezzi. I Veneziani poco si mossero e rimasero
quasi spettatori[26]. Lautrec aveva fatto coprire di croci rosse il
corpo di battaglia: questa era la divisa dei collegati che sperava di
sorprendere. Ma Prospero Colonna, informato di ciò, fece porre a' suoi
un manipolo d'erba sull'elmo, e così venne delusa l'astuzia. Tremila
svizzeri rimasero sul campo. Gli altri il giorno seguente abbandonarono
l'armata. La battaglia della _Bicocca_ è rimasta nella memoria dei
Francesi, i quali, per significare che un sito costerebbe molto sangue,
e gioverebbe poco acquistandolo, soglion dire: _C'est un bicoque._ La
conseguenza di tal giornata fu che i Francesi interamente perdettero
il milanese. I Francesi occuparono Lodi, ma ne furono scacciati il dì
3 maggio 1522; indi perdettero Pizzighettone, poi Genova il giorno
23 giugno. Non rimase ai Francesi che il castello di Milano, che
evacuarono poi il giorno 15 d'aprile dell'anno seguente, ed il castello
di Cremona[27], il quale durò più tempo nelle loro mani. Le bandiere
acquistate alla Bicocca si collocarono in trionfo nel Duomo.

Ad animare il popolo molto giovò un frate agostiniano, che il
Guicciardini chiama Andrea Carbato[28]. Costui, eloquente predicatore,
mosso fors'anche dal sagacissimo Morone, aveva preso sopra del popolo
quel predominio che ebbe già in prima frate Jacopo de' Bussolari in
Pavia, come vedemmo nel secondo tomo, cap. XIII; e senza ricorrere ai
secoli trasandati, come l'ebbe in Napoli il gesuita Pepe, il quale,
padrone del popolaccio, a forza di biglietti stampati con alcune parole
pie, ammassò tanto da far gittare una statua d'argento di naturale
grandezza. Egli dal pulpito annunziò la morte del proposto Lodovico
Antonio Muratori, padre e maestro della critica e della erudizione,
onore dell'Italia, e lo annunziò _Franco Muratore_, e nemico della
vergine, _nemico de Mamma mia_. Lo stesso spirito mosse a declamare
altri da que' pulpiti contro Pietro Giannone, costretto a perdere la
patria, e ridotto a terminare i suoi giorni in un carcere in pena
d'averli spesi ad onore dell'Italia, patria nostra, sedotta dalla
interessata e sediziosa voce d'un sacro declamatore. Morone conobbe
quanta utilità poteva cagionare un tal mezzo, e l'adoperò. Questo
frate si pose a predicare con applauso, anzi con entusiasmo universale
in Milano, e confortava i Milanesi a difendersi contro dei Francesi,
che stavano per discendere dalle Alpi, ricordando che se erano stati
crudeli per lo passato, ora per odio e vendetta di aver abbracciato il
principe naturale non si sarebbero saziati di carneficine, nè appagati
con tutto l'oro, ed avrebbero con più ferocia rinnovata la memoria del
Barbarossa. Ricordava gli esempi de' valorosi antenati, assicurava la
salute eterna a chi moriva colle armi in mano per difesa della patria
e del suo legittimo sovrano. Comparve sommamente animato il corpo de'
cittadini milanesi formato dalla milizia urbana. «Era maraviglioso
l'odio del popolo milanese contro ai Francesi, maraviglioso il
desiderio del nuovo duca; per le quali cose, tollerando pazientemente
qualunque incomodità, non solo non mutavano volontà per tante molestie,
ma messa in arme la gioventù, ed eletti per ciascuna parrocchia
capitani, concorrendo prontissimamente giorno e notte le guardie....
alleggerivano molto le fatiche dei soldati».

Il duca Francesco Sforza l'anno 1522 confermò il senato; stabilì
che venisse composto di ventisette senatori, cioè cinque prelati,
nove cavalieri e tredici dottori. L'editto è del giorno 18 maggio
1522[29]. Questo corpo ebbe in quella occasione la pienissima
podestà di procedere, e giudiziariamente, ed anche per la via della
equità:[30] _Possitque ea omnia quae justitiae et aequitatis._
Creato, siccome vedemmo, nel principiare del secolo XVI, egli, sebbene
mutata la forma e ridotto a soli undici giureperiti de' quali nove
soli sedenti, durò sino alla primavera del 1786 per lo spazio di
ducent'ottantacinque anni. Gaillard, nella sua assai bella storia del
re Francesco I, ci informa di varii aneddoti, i quali hanno relazione
immediata cogli avvenimenti accaduti nel milanese, Lautrec, siccome
accennai, aveva da bel principio chiesto soccorsi di denaro al re,
protestandosi incapace di far fronte ai collegati senza di questo
mezzo, per mantenere l'armata ed accrescerla cogli Svizzeri. Il re
credeva che Lautrec avesse ricevuti quattrocentomila scudi, ch'egli
aveva comandato se gli spedissero; e restò sorpreso, allorchè intese
da Lautrec in sua discolpa che nulla eragli giunto, e che i Francesi
erano creditori dello stipendio di diciotto mesi. L'ordine l'avea dato
il re ad un vecchio ed onorato ministro di somma integrità, che il re
chiamava padre suo, cioè al sopraintendente Saint-Blançay, il quale,
interpellato dal suo monarca sulla spedizione di quella somma, tremando
e sbigottito, gli significò che la duchessa d'Angoulème l'aveva
obbligato a consegnarle i quattrocentomila scudi, comandandogli il
segreto, e rendendosi ella mallevadrice delle conseguenze. Il povero
ministro aveva la polizza segnata dalla duchessa, da cui appariva
lo sborso fattole. Sin qui si scorge un intrigo di corte per fare
scomparire Lautrec, fratello della favorita, a costo della perdita
d'una provincia e del sangue di migliaia di uomini. Luisa di Savoia,
madre del re, e duchessa d'Angoulême, secondò due personali passioni,
l'avidità del denaro, e la gelosia di comandar sola nell'animo del
re suo figlio. Qualche cosa ancora di peggio manifestò ella poi,
quando chiamò mentitore il Saint-Blançay, e sostenne che que' denari
erano un capitale suo che se le restituiva. L'orrore poi va al colmo,
sapendosi che quell'onoratissimo vecchio ministro venne impiccato
a Montfaucon[31]. (1523) La duchessa d'Angoulême, nel 1523, aveva
quarantasette anni, nudriva qualche passione pel duca di Bourbon,
contestabile di Francia, avendo essa contribuito a fargli avere degli
onori, dovuti alla nascita e merito suo, ma che il re da sè medesimo
dati non gli avrebbe, attesa la nessuna conformità fra l'umore
vivace del re e la grave fierezza del duca; aveva trentaquattro anni
il contestabile, allorquando le attenzioni della vedova duchessa
d'Angoulême divennero sì pressanti, che ei lasciò chiaramente scorgere
quanto importune gli fossero. La duchessa era tanto bella, quant'era
possibile all'età sua. Ma ella avea l'anima tanto bassa e plebea,
che pensò di vendicarsene, o di ridurre il duca a capitolare con lei
promovendogli de' mali. Cominciò a fargli sospendere le pensioni. Il
duca non se ne lagnò, anzi a dispetto di lei accrebbe il fasto e la
pompa, per mostrare quale ei fosse indipendentemente dai soldi del re.
Il contestabile invitò il re alla sua terra di Moulins, e lo accolse
con feste splendidissime[32]. La duchessa fece proporre al contestabile
la sua mano; egli sdegnò e derise queste nozze. Allora la donna in
furore, adoperando il cancelliere di Francia Duprat, uomo nemico del
contestabile, creatura della duchessa, e degno di tal protettrice,
intentò una lite a nome del re al contestabile per ispogliarlo di tutti
i suoi feudi, il Borbonese, l'Auvergne, la Marche, il Forêt Beaujolis,
Dombres e molte altre signorie. La lite cominciò collo spogliare il
contestabile, e porre i suoi beni sotto sequestro. Egli era il secondo
principe del sangue reale, il primo pel suo merito e contestabile
del regno. Carlo V, che avea rocchio sulla Francia, côlse il momento
opportuno, e, per mezzo del conte di Beaurein, fece al contestabile
le più vantaggiose proposizioni: si trattava d'invadere la Francia, e
colle armi spagnuole dare al contestabile la sovranità delle terre sue,
con aggiunta di altre: contemporaneamente Arrigo VIII dovea invadere
altre province, sulle quali l'Inghilterra avea delle pretensioni. Così
il re di Francia diventava un principe da non più contrastare a Carlo
V. La trama venne scoperta. Il contestabile a stento, trasvestito,
si pose in salvo nella Franca Contea. Il re Francesco avrebbe voluto
che il parlamento di Parigi fosse sanguinario contro i complici, e lo
mostrò tenendo un letto di giustizia, e rimproverando al medesimo le
sue mitigate sentenze. Coloro che credono siffatti intrighi di corte
invenzione dei tempi a noi più vicini, leggono meglio la storia.
Così debbe accadere ogniqualvolta un principe d'animo debole si
lasci dominare; e peggio poi, se da due opposti partiti. La duchessa
d'Angoulême voleva comandar sola. La contessa di Chateau-Briant voleva
aver parte al comando. Il duca di Bourbon, prendendo il partito di
Carlo V, comparve un fellone. In fatti egli lo era. Coriolano pure per
altra cagione tale si mostrò. Se non posso far l'apologia del duca di
Bourbon, posso almeno compiangerlo; egli meritava un miglior destino.
Gli storici nostri l'hanno insultato oltre il dovere.

Frattanto gli affari de' Francesi andavano ogni dì peggiorando. Il
presidio francese nel castello di Milano, il giorno 15 d'aprile 1523,
aveva ceduto il suo posto,[33] _Custodibus partim morbo absumtis,
partim morae taedio inopiaque cibariorum adactis_, dice Sepulveda[34].
Non rimaneva più alcuno spazio occupato dai Francesi, trattone il
castello. Il loro comandante, Janot d'Herbouville, signore di Bunon,
era morto. Erano in tutto quaranta francesi, e trentadue essendone
periti, i soli otto che rimanevano si obbligarono con giuramento di non
ascoltare mai proposizione di rendersi, e diciotto mesi si sostennero.
Così almeno ce n'assicura lo storico Brantome[35]. I Veneziani, vedendo
andare così alla peggio gli affari del re di Francia, informati della
indole del re, distratto dalle occupazioni, immerso nei piaceri,
dominato a vicenda da due donne, conobbero che erano passati i tempi
del buon Lodovico XII, e che l'essere collegati colla Francia non
poteva essere loro di verun giovamento, anzi riusciva di molto pericolo
attese le minacce del potentissimo ed attivissimo Carlo V. Veramente
non aveano i Veneziani alcun plausibile pretesto per mancare alla
lega che univali colla Francia; ma la Francia istessa, quattordici
anni prima, colla lega famosa di Cambrai aveva insegnato ad essi a
sostituire al codice del gius delle genti quello della convenienza.
Il re di Francia in oltre era minacciato d'una invasione per parte
degli Inglesi. A ciò si aggiungeva la moderazione che Cesare mostrava,
consegnando al duca Francesco Sforza le fortezze acquistate dai
Francesi, il che toglieva dall'opinione l'inquietudine che un monarca
troppo potente, occupando il milanese, no 'l ritenesse, e li rendesse
confinanti d'una terribile sovranità. Tutto ciò mosse i Veneziani
a collegarsi coll'imperatore, col papa Adriano, Francesco Sforza,
i Fiorentini, i Sanesi ed i Lucchesi. S'obbligarono a somministrare
seicento uomini d'armi, altrettanti cavalleggeri e seimila fanti per
la difesa dello Stato di Milano; e Carlo V si obbligò a difendere tutte
le possessioni de' Veneziani nell'Italia. Tal confederazione seguì nel
mese di luglio del 1523[36].

La duchessa d'Angoulême voleva che si ricuperasse il ducato di
Milano, come lo bramava pure il re; ma voleva che l'onore di
quest'impresa venisse accordato all'ammiraglio Bonnivet, e il re
al solito accondiscese. Trentamila fanti e duemila uomini d'anni
furono posti in marcia sotto il comando di Bonnivet, creatura della
duchessa d'Angoulême; e questo Bonnivet fu poi cagione della totale
irreparabil rovina de' Francesi e della prigionia dello stesso re,
siccome vedremo. Il vecchio generale de' collegati, Prospero Colonna,
non trovandosi forte a segno di sostener l'impeto di quest'armata, che
s'incamminava verso del milanese, divise nei presidii i soldati. Diè
Pavia da comandare al Leyva, per sè tenne il comando di Milano. Mentre
si disponeva questa invasione, il duca Francesco Sforza fu in pericolo
colla sua morte di lasciare più libero il campo alle ragioni del re di
Francia; poichè, venendo egli da Monza a Milano a cavallo, ed avendo
ordinato alle sue guardie di stargli lontane per non soffrire la polve
che alzavano col calpestio, se gli accostò Bonifazio Visconti, giovine
di nobilissima famiglia, e giunto ad un quadrivio, a tradimento sfoderò
una daghelta e tentò di percuotere il duca nella lesta; ma il movimento
del cavallo fe' sì che appena leggermente lo ferì sulla spalla.
Questo Bonifazio era _assai domestico dell'eccellenza del duca_, dice
Burigozzo, il quale asserisce essere accaduto il fatto nel giorno 21 di
agosto 1523. L'assassino profittò del velocissimo suo corsiero, e potè
salvarsi nel Piemonte[37]. Il duca ritornossene a Monza. Per Milano si
sparve nuova che il duca fosse morto o moribondo, e ciò produsse una
vera desolazione ne' cittadini. Tre giorni dopo il duca venne a Milano.
L'ammiraglio Bonnivet, senza contrasto alcuno, entrò nel milanese, e
direttamente si presentò sotto le mura di Milano per assediarla; ma la
plebe era _ardentissima con l'animo e con le opere contro i Francesi_,
dice Guicciardini[38]; e il Gaillard scrive: «L'infaticable Moron, plus
utile au duc de Milan, que les plus habiles généraux, encourageoit
et les bourgeois et les soldats, veilloit à l'approvisionnement de
la place, à l'avancement des travaux, et faitsoit de plus repentir
les François de ne lui avoir point tenu parole[39]». La comparsa de'
Francesi sotto Milano segui verso la metà di settembre; intrapresero
l'assedio: ma il giorno 12 di novembre cominciò a cadere gran copia di
neve, e continuò un tempo cattivissimo per tre giorni. Le opere che
aveano scavate i Francesi, erano impraticabili a cagione del fango
profondo. Assai malvestiti erano i Francesi, e non era possibile che
reggessero a questa stagione; quindi il giorno 14 di novembre 1523,
dopo otto settimane di assedio, si ritirarono ricoverandosi a Rosate ed
Abbiategrasso.[40] Bonnivet voleva ripassare le Alpi, e per assicurarsi
la ritirata propose a Prospero Colonna una tregua; ma il Colonna non
diede retta a tal partito, quantunque l'ammiraglio francese avesse
interposta a favor suo la mediazione di «Madonna Chiara, famosa per la
forma egregia del corpo, ma molto più per il sommo amore che le portava
Prospero Colonna[41]»; il quale innamorato aveva ottant'anni[42], ed
infatti fra pochi giorni spirò in Milano il 28 dicembre 1523[43],
essendogli succeduto nel comando il vicerè di Napoli Carlo Lannoy.
Circa a quel tempo venne a Milano il duca Carlo di Bourbon, già
contestabile di Francia, e luogotenente e governatore del milanese
sette anni prima; indi, in questo stesso anno 1523, col carattere di
luogotenente generale cesareo.

(1524) Rimanevano i Francesi acquartierati ad Abbiategrasso, non senza
molestia della città, la quale riceve una buona parte della provvisione
dal canale detto _Naviglio_, che passa appunto in Abbiategrasso,
quindi quella via rimaneva intercetta, a meno che non se ne facessero
sloggiare i Francesi. Il duca, amato e riverito da' suoi Milanesi,
pensò a quest'impresa. I Milanesi avevano somministrati novantamila
ducati al loro buon principe, che ne aveva bisogno per difendersi[44].
Nel mese di aprile del 1524 il duca Francesco II, con una scelta
squadra de' suoi Milanesi, marciò ad Abbiategrasso, e impetuosamente
per assalto se ne impadronì[45], e poco dopo l'ammiraglio Bonnivet
ripassò i monti, e così terminò questa spedizione[46]. Sgraziatamente
però terminò per Milano la vittoria di Abbiategrasso, poichè eravi
la pestilenza; ed i Milanesi vincitori la portarono nella patria,
la quale pestilenza fu una delle più funeste e micidiali. La strage
maggiore seguì nei mesi caldi di giugno, luglio ed agosto del 1524[47].
La cronaca del Grumello dice: «Et fu un pessimo sacco per la città
Mediolanense. Apichata fu peste crudelissima in epsa città per le
robe amorbate d'epso castello portate in dicta cittate, si existima
moressero de le anime octanta millia, et più presto de più che di
mancho[48]»; e Burigozzo fa ascendere la mortalità a più di centomila
persone. Una cronaca originale, che si conserva in Pavia presso la nota
famiglia dei conti Paleari, intitolata: «_Relazione delle cose successe
in Pavia dall'anno 1524 al 1528, del molto magnifico signor Martino
Verri_, dice che in Milano, per la pestilenza del 1524, morirono _la
metà delle persone, e quella durò per tutto il mese di agosto_. Il
Sepulveda asserisce che più di cinquantamila uomini vi perirono[49]. Il
Bascapè, nella vita di San Carlo, dice:[50] _Ut amplius quinquaginta
millia hominum in urbe interirent, praeter alios innumerabiles qui
in oppidis desiderati sunt_[51]. Questa insigne disgrazia forma una
epoca per la storia di Milano. Se per lo passato la città, ricca,
popolata, presentò i suoi cittadini animosi e non indegni della stima
altrui, dopo questo colpo fatale la città stessa, misera, spopolata,
languente, non mostrò più se non pochi cittadini, oppressi nell'animo,
e destinati, per le sciagure de' tempi, a invidiare la sorte dei loro
parenti uccisi dalla pestilenza. Così in fatti vedremo; e pur troppo
duolmi di dover occupare l'animo mio delle luttuose avventure che dovrò
riferire[52].

Carlo V, per dare al re di Francia di che occuparsi nel suo regno,
senza pensare al Milanese, spedì un corpo d'armati oltre i Pirenei.
S'impadronì di Fonterabia, che si arrese al contestabile di Castiglia
Inigo Velasco. Il comando di quell'armata venne in apparenza affidato
al duca Carlo di Courbon, e, secondo il trattato, dovevano occuparsi
Forêt Beajolis, Bourbonnois, Auvergne ed altri feudi del duca, il
quale voleva rapidamente marciare a Lione, e così di slancio occupare
la Francia meridionale, promessagli da Carlo V, confidandosi molto
nel cuore de' suoi sudditi, sdegnati contro l'ingiustizia del re, ed
affezionati a lui ed alla sua casa. Ma Carlo V temeva ch'egli, poichè
avesse ottenuto l'intento, non si accomodasse col re. Pescara eragli
a fianco, e ne attraversò l'idea. Si progettò di occupare le fortezze
poste alle spiagge, acciocchè l'armata per mare avesse la sussistenza,
la quale sarebbe stata in pericolo di esserle intercetta, qualora
avesse dovuto passar per le gole dei Pirenei. Si pose l'assedio a
Marsiglia. Il re di Francia, animato dall'ammiraglio Bonnivet, si
dispose a portare in persona la guerra nel milanese. Questo colpo,
che sembrava ardito ed inconseguente, nacque da uno di quei segreti di
Stato, i quali rare volte si indovinano dal pubblico, perchè non sono
parti di una sublime politica, alla quale soglionsi attribuire forse
con troppa generosità tutte le risoluzioni de' gabinetti; e rare volte
trovansi scrittori informati o coraggiosi a segno di pubblicarli. Il
segreto di questa risoluzione ci vien palesato dallo storico Brantome
nella vita dell'ammiraglio Bonnivet. Bonnivet fece venire al re la
smania di vedere la signora Clerici, la più bella donna d'Italia, la
quale esso ammiraglio aveva conosciuta ed amata in Milano prima che ne
partissero i Francesi[53].

L'armata francese, che scese dalle Alpi, guidata dal suo re in persona,
era composta di duemila uomini d'armi, tremila cavalli leggieri,
ventimila fanti, metà francesi e metà svizzeri, seimila fanti tedeschi
e cinquemila fanti italiani[54]. Alla metà di ottobre del 1524 passò
le Alpi. «A tal nuova, quantunque Milano fosse resa deserta dalla
pestilenza, e mancante affatto d'ogni provvisione, i pochi cittadini
che rimanevano, offersero al loro principe Francesco II la vita e le
sostanze»: ma il duca, seguendo anche il consiglio di Girolamo Morone,
suo gran cancelliere, ringraziò i cittadini, conoscendo che non era
più il tempo di opporsi, e che nella debolezza di allora si sarebbe
provocato inevitabilmente l'ultimo eccidio della patria comune. Comandò
dunque il duca ai Milanesi che non irritassero i nemici, piegassero
ai tempi, e confidassero nell'aiuto della Divinità e nella fortuna
di cesare. Egli partì da Milano il giorno 3 di ottobre, e si collocò
a Soncino nel Cremonese col vicerè di Napoli, Carlo Lannoy. Il re di
Francia entrò nel milanese il giorno 23 ottobre 1524. Si trattenne a
Vigevano, e spinse a Milano il marchese di Saluzzo[55]. Tutto ciò seguì
senza contrasto alcuno e senza spargimento di sangue, poichè pochi
erano gli armati e il fiore di questi si ricoverò in Pavia sotto il
comando di Antonio Leyva[56]. Ben è vero che il Bourbon e il Pescara,
appena intesero la marcia del re, che, abbandonando Marsiglia, per
le _riviere marittime_ passarono per aspri colli[57], e con mirabile
celerità volarono con rinforzo alla difesa del milanese, e in venti
marce, _vicenis castris_, dice Sepulveda[58], si trovarono a Pavia
nel giorno medesimo in cui il re giunse a Vercelli, cioè il giorno
20 di ottobre anzidetto[59]. I Francesi, impadronitisi della città di
Milano, posero l'assedio al castello, presidiato da seicento spagnuoli.
Dice il Guicciardini che il re dispose «con laude grande di modestia
e benignità, che ai Milanesi non fosse fatta molestia alcuna[60]». Il
povero nostro merciaio Burigozzo, ch'era testimonio di vista, scriveva
che i Francesi «fazevano tanto male per Milano, che non saria possibile
a poter narrare, e de robare et de logiare senza discrezione, et non
tanto il logiare, ma volevano le spese et denari, et andavano in le
caxe dove li era buon vino et lo volevono, et così d'altro, etc.» Pavia
era stata riparata; era luogo assai forte, ed ivi eranvi ricoverati
i soldati migliori. Il re si propose d'impadronirsene, sicuro che,
fatto un tal colpo, ei si rendeva assoluto padrone del milanese. Ma
tale era l'avversione che il crudele Lautrec aveva stampata negli
animi de' popoli per la dominazione francese, che tutti i cittadini, i
mercanti, le donne istesse esponevano la vita per difendersi contro dei
Francesi; il che si vide prima in Milano, poi in Pavia; dove, postovi
l'assedio dal re, talmente erano amici e confidenti i cittadini coi
soldati che vivevano come fratelli, s'esponevano ai pericoli, tutti
indistintamente, soldati e cittadini; il denaro dei cittadini era
offerto per accontentare i soldati che non avevano paghe; i mercanti di
panno vestivano i soldati, acciocchè reggessero al freddo, e vedevansi
prodigi di valore e di buona armonia. La cronaca del Verri descrive
un fatto in cui i soli cittadini respinsero i Francesi, i quali da
Borgo Ticino per un sotterraneo erano penetrati al disopra del ponte
levatoio; e, sbigottiti dalla sorpresa, alcuni pochi tedeschi che vi
stavano in fazione, essendo essi fatti prigioni, i soli cittadini,
diceva, si opposero, e diedero tempo al Leyva di accorrere co' suoi,
senza di che Pavia era presa. Il Tegio ci racconta che una delle più
illustri matrone, «Ippolita Malaspina, marchesa di Scaldasole, non
si sdegnò con quelle belle e bianche mani portare le ceste piene di
terra al bastione, e con parole ornate e piene di efficacia accendere
li animi de' cittadini e de' soldati alla difesa». Tanto male potè
fare al suo re il Lautrec, da rendere inespugnabile per l'animosità
de' cittadini una città, che ne' combattimenti di dominazione accaduti
prima e poi, non comparve mai una fortezza molto importante!

Il re da principio, profittando dell'ardore dei suoi soldati, cercò
d'impadronirsi di Pavia con assalti impetuosissimi e replicati;
poi, vedendosi vittoriosamente respinto e disperando di ottenere la
città con tal mezzo, si pose a battere le mura coll'artiglieria per
diroccarle ed aprirsi la strada; ma le rovine del giorno si andavano
con maravigliosa avvedutezza riparando la notte dagli assediati,
che, con fascine, cementi, travi, terra, riempivano i vani che si
andavano formando. Fralle altre prove della sconsigliata condotta del
re, vi è quella che mancogli la polve per continuare nell'impresa, e
se il duca di Ferrara non gliela somministrava, egli era costretto
a desistere[61]. Vedendo inutili gli assalti, delusa l'azione
dell'artiglieria, si rivolge al progetto di sviare il Tesino da Pavia,
cd inalvearlo tutto nel Gravellone, col mezzo d'una chiusa posta al
luogo ove si divide il fiume in due correnti. Il progetto fu d'un
tenente della compagnia d'uomini d'arme del signor d'Alençon, che aveva
nome _Silly_ baglì di Caen. Se riusciva il progetto, il re presentava
le sue forze dal lato debole della città, marciando nel letto del
fiume; ma una piena rovesciò la chiusa. Si tentò la seduzione; ma in
vano. Finalmente fu costretto il re di cambiare l'assedio in un blocco,
ed accontentarsi di cingere la città, aspettando che venisse costretta
a cedere per mancanza di viveri. Questa è la serie degli avvenimenti
presa nel suo tutto; e questo è il transunto di quanto si raccoglie dal
Tegio, dal Guicciardini, dal Gaillard, dalle cronache del Grumello,
del Verri e d'altri. Ma siccome per le conseguenze un tal assedio
si rese famoso, e forma una epoca memorabilissima, non solo della
storia d'Italia, ma della patria nostra singolarmente, così anch'io ne
scriverò alcune particolarità, di quelle che soglio ommettere ne' casi
comuni. All'oriente di Pavia, cioè a San Giacomo, a Santo Spirito, a
San Paolo, a Sant'Apollinare stavano i quartieri degli Svizzeri allo
stipendio de' Francesi; al nord stavano i Francesi, acquartierati a
Mirabello e Pantalena; da ponente stavano alloggiati alla badia di
San Lanfranco il re di Francia e il re di Navarra; a San Salvadore
alloggiava il principe di Lorena co' Svevi e Grigioni; a mezzodì
finalmente custodivano i posti, sotto il comando del marchese di
Saluzzo e di Federico di Bozzolo, gli italiani misti co' francesi[62].
Il giorno 8 di novembre in tre luoghi era aperta la breccia, tanto era
possente e replicato l'insulto di grossissima artiglieria! Tentarono
dalla parte orientale l'assalto, e già due insegne francesi erano
saliti sopra la rottura piantandovi le bandiere, e furono bravamente
rispinti e rovesciati nella fossa. Contemporaneamente il re diresse
l'attacco dalla parte occidentale. Fu impetuosissimo, e volle
accorrervi il comandante don Antonio de Leyva. Vennero scacciati i
Francesi, lasciando più di trecento morti sotto quelle mura[63]. Nè
sempre stettero sulla difesa gli assediati; fecero anzi delle uscite,
fralle quali una ne scrive la cronaca di Martino Verri, per cui
s'innoltrarono sino a Campese, e tagliarono a pezzi dodici insegne di
bellissima gente, onde ricoveraronsi nella città carichi di bottino,
trasportando due pezzi d'artiglieria. Il presidio di Pavia era di
seimila soldati[64].

In mezzo a tai felici successi però i Tedeschi presidiati in Pavia,
mancando di paghe, si mostravano malcontenti; fecero quanto potevano
i Pavesi radunando denaro per acquietarli. Il Leyva fece battere
l'argenteria sua in forma di denaro, stampandovi il nome proprio[65];
ma non bastavano questi sforzi a formare una somma corrispondente
al loro credito. Il giorno 22 di novembre tumultuarono a segno di
minacciare che avrebbero aperte le porte al nemico. Il comandante di
questi Tedeschi aveva nome Arzanes[66], ed era l'autore principale di
tal emozione[67]. Il vicerè Lannoy, informato di tal pericolo, raccolse
a stento tremila ducati d'oro; tant'era la penuria in cui trovavasi
l'armata; e per fargli entrare in Pavia si servì dell'opera di due
semplici fantaccini spagnuoli, i quali cucirono nella sottoveste questa
somma, e comparvero al campo francese come disertori, ed ivi, côlto il
momento d'una uscita che fecero gli assediati, s'immischiarono nella
zuffa, e nel ritirarsi che fecero i cesariani, con essi entrarono
in Pavia, e consegnarono il denaro al Leyva. La fede, l'onore, il
nobile sentimento di questi due uomini mi ha fatto bramare di sapere
i loro nomi; ma in varii scritti da me esaminati ho trovata bensì la
virtuosa azione, ma non i due nomi che meritavano luogo nella memoria
de' posteri. Con questo sebben tenue soccorso, distribuito come un
pegno del maggiore che aspettavasi per una sovvenzione dei Genovesi,
si calmarono gli animi; e pienamente poscia venne ristabilita la
tranquillità colla morte dell'Azarnes, procuratagli, come sembra, dal
Leyva, insidiosamente e per veleno. I costumi de' tempi si conoscono
dai fatti non solo, ma dal modo ancora col quale gli storici li
raccontano. Senza verun sentimento di ribrezzo un tale attentato del
Leyva si descrive come un rimedio prudentemente adoperato da lui[68].

Era impaziente il re d'impadronirsi di Pavia, e lo doveva essere,
perchè frattanto s'andavano accrescendo le forze de' cesariani,
siccome vedremo. Non giovando gli assalti, essendo delusa e riparata
l'azione dell'artiglieria, reso vano il progetto di deviare il Tesino,
allontanata la speranza di ottenere colla fame una città di cui il
presidio colle frequenti scorrerie, per lo più fortunate, riportava
nuovi soccorsi, pensò a vincere corrompendo il comandante. Questa
avventura sarà da me riferita colle parole del Tegio. «Il primo giorno
di dicembre il re di Francia mandò entro la città un frate dai zoccoli,
a cui soleva ogni anno confessarsi Antonio da Leva, ad esso Leva che
gli persuadesse a volerli dare la città, che altrimente esso, con
tutti i suoi, sarebbe stato tagliato a pezzi con tutti li cittadini, e
distrutta tutta la città sino alli fondamenti, non lasciando di fare
tutte quelle crudeltà che si potessero; il che s'egli avesse voluto
fare, oltra molto tesoro, gli avrebbe ancora donate molte buone entrate
nello stato di Milano: la cui ambasciata avendo bene isposta il frate,
Antonio da Leva, salito in gran collera, proruppe in tai parole: Se
tu non fossi nunzio regale, e tale, come io ho sempre creduto, di
buoni costumi et di santità di vita, io ti farei oggi finire la tua
vita sopra la forca: non pigliar mai più tale impresa; per hora vanne
senza veruna offesa; e dirai alla regia maestà ch'io mi maraviglio
molto di quella, che habbi mandata una tal ambasciata a me, il quale ho
sempre anteposto la fede a qualunque magistrato e dignità ed oro. Sia
lontano da me ogni nome di perfidia e di traditore; ch'io accetterei
piuttosto qualunque sorte di crudel morte. Pavia è di Cesare, e data al
sapientissimo Francesco Sforza, duca di Milano, e quella mi sforzarò di
conservargliela con ogni cura, studio e diligenza, e di rendergliela».
Malgrado però l'industria e il valore degli assediati i viveri erano
assai pochi in Pavia. Si vendevano alle macellerie carni di cavalli
e d'asini. Una gallina si vendeva per un ducato d'oro, le uova si
vendevano venticinque soldi l'uno. Mancava il burro, non v'era lardo nè
olio; di che Tegio minutamente c'informa. Tutto soffrivasi da'cittadini
però, anzi che ubbidire nuovamente al dominio di un re che Lautrec
aveva reso odiosissimo. In mezzo alla pubblica miseria Matteo Beccaria,
il giorno 12 dicembre 1524, insultò l'umanità, dando un convito
magnifico agli ufficiali del presidio. Il Tegio lo racconta come una
magnificenza nel modo seguente. «Lavate prima le mani con acqua nanfa,
posto in tavola primamente focaccine fatte col zuccaro et acqua rosata,
e marzapani et offellette e pane biscotto; lo scalco portò poi fegati
arrostiti di capponi, galline ed anitre, aspersi con sugo di aranci,
e lattelli di vitello, e contornici e tortore molto grasse, arrostite
nello spiedo; terzo, furono portati pavoni e conigli arrosto, e varii
piattelli di carne di manzo trita, condita con zenzevero, cannelle e
garofani; da poi capponi e lonze di vitello a rosto, con piattelli di
carne di caprioli, con uva in aceto composta. Poi petti di vitello,
capponi a lesso, con tortellette di formaggio e cinamomo, coperte con
bianco mangiare, ovvero sapore composto con mandorle, zucchero e sugo
di limone; poco da poi teste di vitello condite con passule e pignoli,
e gran pezzi di carne di manzo, con senape e ulive; da poi colombi,
anitre, lepretti acconci con pere, limoni e aceto. D'indi a poco
furono portati porcelletti arrosto intieri, coperti di salsa verde;
poco appresso papari grassi, cotti con cipolle e pepe; dopo lo scalco
fece portare i latticinj e fritelle fatte a modo tedesco, e cose fatte
di cacio di molte sorti. Ultimamente si posero mirabolani, citrini,
kebuli, e corteccie di cedro e zucche confettate. Ho tralasciato
il pane bianco come neve, e vini bianchi e rossi, al nettare o
all'ambrosia non cedenti, di che i tedeschi maravigliosamente se ne
godevano e con grande stupore. V'erano molti cantori e suonatori di
varie sorti con trombe e tamburi, che rallegrarono molto i convitati;
nel qual mangiarono certamente più di trecento uomini». Oggidì si
conosce meglio la virtù, e meglio s'imparano i doveri sociali. Un pazzo
che facesse altrettanto, avrebbe la esecrazione pubblica, e l'autore
che lo riferisse non lo farebbe certamente con lode.



AVVERTIMENTO

POSTO IN CALCE DEL TERZO VOLUME DELL'EDIZIONE DI MILANO DEL 1824


Il canonico teologo Frisi, editore del secondo volume in-4, stampato
nel 1798, fece alla fine di questo capitolo la seguente osservazione.

_Sin qui l'originale MS. ritrovato presso l'illustre autore di questa
Storia, il quale in Milano cessò di vivere ai 28 giugno del 1797, in
età d'anni 69, mesi 6 e giorni 17, mentre la stampa del presente volume
(secondo in-4) era di già principiata. Al compimento di esso mi sono
data la pena di fedelmente raccogliere la più parte di quanto siegue da
alcuni tomi in foglio MSS. ritrovati presso il defunto, nei quali aveva
egli distribuite nelle rispettive epoche l'ammassata materia per la
continuazione della sua Storia._

Il barone Custodi, nella vita dell'autore, scrisse (vol. primo, pag. 25
della presente edizione) che nel 1797 il conte Pietro Verri _intraprese
la stampa del secondo volume della Storia di Milano, che venne poi
condotto a termine dal di lui amico il canonico teologo Frisi, ec.
ec...._

Per rendere maggiormente interessante questa Storia patria, si prosegue
questo terzo ed ultimo volume colla continuazione del barone Custodi,
che arriverà fino alla morte dell'imperatore Giuseppe II, valendosi del
lavoro del canonico Frisi e degli altri materiali raccolti.



CONTINUAZIONE

DEL BARONE PIETRO CUSTODI



PREFAZIONE DEL CONTINUATORE


Allorquando l'anno 1804, nelle _Notizie_ premesse alle Opere Economiche
del conte Pietro Verri nella _Raccolta degli Scrittori classici
italiani di Economia Politica_ (tomo XV della Parte moderna) mi dolsi
della sfortuna accaduta alla di lui _Storia di Milano_, di essere stata
mutilata e interpolata da mano inesperta per la metà del secondo volume
della edizione originale, e spiegai il desiderio che fosse una volta
restituita nella sua integrità; era ben lungi dal prevedere che dopo
tanto intervallo di tempo avrebbe il caso recato a me l'incarico di
riformare e di compire questo lavoro. E quando vidi che gli editori
della ristampa della storia, confidando nella mia buona volontà,
nel chiudere il terzo volume contrassero col pubblico l'impegno di
dare riveduto e compito per mia mano il restante dell'opera, me ne
incaricai di buon grado senza che ben sapessi ciò che si sarebbe
potuto da me mantenere, e mentre non abbastanza conosceva sino a qual
segno avrei potuto giovarmi de' materiali lasciati dal conte Verri, nè
quanto avrebbe importato la riforma del centone del canonico Frisi.
Il che feci per quella costanza di affetto e di venerazione che mi
unirono all'autore nell'ultimo periodo della sua vita, e per un dovuto
ricambio della benevolenza con cui mi distinse, benchè io avessi allora
oltrepassato appena i ventiquattro anni; e da ciò altronde ne venne
che soltanto alcuni mesi dopo la fatta promessa mi trovai posto in
grado di dare incominciamento all'opera, coll'essermi stati dal figlio
dell'autore, istruito e cortese cavaliere, comunicati i manoscritti
contenenti le prime tessere da quello predisposte per il proseguimento
della storia. Ho quindi dovuto protrarre quasi d'un anno l'allestimento
di questa continuazione; nè altro da me si è potuto, per compensarne il
ritardo, se non che adoperarvi la possibile diligenza onde reggesse con
minore vergogna al paragone del lavoro che lo precede.

Nella seguente esposizione intorno all'opera del conte Verri e al
merito di essa, e di quanto si è fatto dal canonico Frisi e da me per
proseguirla, sarò possibilmente breve, e per tal modo con minor noia
de' lettori riuscirò più presto a sdebitarmi.


§ I.

_Della storia del conte Verri._

Pietro Verri pubblicò nel 1783 il primo volume in 4.º della _Storia di
Milano_. Tre anni dopo, avendo ottenuto quel riposo da ogni pubblico
incarico, che per oscure cabale era desiderato non meno da lui, che da
chi doveva concederlo, pareva che egli avrebbe con alacrità progredito
nel suo lavoro; ma il disgusto che ne avea preso, e di cui si dirà in
séguito, ne lo allontanò; sicchè dalle sue carte non si ha traccia che
se ne sia di nuovo occupato, se non nell'ultimo anno della sua vita,
nel quale intraprese la stampa del secondo volume, che era giunta alla
pagina 208, e fino all'epoca del 1524, allorquando, nella notte del 26
giugno 1707, cessò improvvisamente di vivere, essendo in età prossima
all'anno settantesimo. Il canonico Anton-Francesco Frisi, fratello
dell'insigne matematico e filosofo di questo nome, che sopravegliava
all'eseguimento della stampa, s'incaricò pure di compiere il volume, e
lo continuò con quell'esito del quale si renderà conto nel § III.

Dopo di avere trascorsa la miglior parte della sua vita in difficili e
importantissime incumbenze in servigio del sovrano e del suo paese, e
dopo di essersi meritato l'estimazione del pubblico come letterato di
fino gusto, e scrittore profondo di filosofia e di economia politica,
il Verri si preparò alla sua opera storica, esaminando con somma
pazienza le faragginose cronache comprese nell'insigne collezione
del Muratori, gli storici patrii che il precedettero, e in ispecie
il conte Giulini, cui rese la dovuta lode e il tributo della propria
riconoscenza nella prefazione alla Storia; e gli spogli che si propose
di farne, distinse e classificò in tre grossi volumi in foglio,
tutti scritti di sua mano, il primo de' quali intitolò _Cronache_, e
comprende i tempi anteriori al secolo XV, e un altro _Annali_ per i
tempi posteriori, ordinati per decennio. In un terzo volume scrisse
gli estratti politici ed economici, senza titolo speciale, e aventi la
sola data del 1777. In quest'ultimo fece nota di quanto le sue letture
gli offersero concernente il governo della città, le famiglie illustri,
i tributi, la popolazione, il commercio, le monete, l'agricoltura e
l'industria, le ricchezze e il lusso, la giurisdizione del clero, le
usanze e i costumi, e lo stato delle lettere e delle arti. Rare volte
ne' suoi estratti dà forma di abbozzo ad un frammenta di storia, ma
per la massima parte sono nudi sommari od epoche di fatti rimarchevoli,
scritti a volo di penna, e talvolta frammischiati di frizzi spontanei,
suggeritigli dalla sua naturale giovialità e schiettezza. Onde porre
chi legge in situazione di formarsene una chiara idea, ne riporterò i
pochi frammenti che seguono.

«Anno 1188.... V'erano in tutto in Milano sei monasteri di frati e
sette di suore. Al giorno d'oggi siamo assai più divoti, e se non vi
fosse la Giunta Economale lo saremmo ancora di più».

«1515. Morì Tristano Calco, nè potè condurre a fine la Storia di
Milano. Il conte Giulini è morto pure a messo il suo lavoro. Sarebbe
uno sproposito insigne se io pure facessi questa cattiva creanza di
abbandonare a mezzo i miei cortesi lettori. Per servir bene la nobiltà
loro bisogna passeggiare più che non faccio; mangiare più sobriamente
di quello che non soglio; lasciar andare il mondo comodamente col suo
moto: e allora staremo bravamente sani e saldi, ricordandoci che nostro
padre è morto di ottantotto anni, e nostro avo di novantadue. Esempi
imitabili veramente!»

«1621. Il 31 marzo muore Filippo III in età di anni quarantatre.
Morì per etichetta. Era convalescente, e si trovava a sedere nel suo
consiglio. Una bragiera di fuoco lo incomodava; era assente l'ufficiale
cui spettava maneggiare il fuoco; il re non volle moversi dal suo
posto; nessuno ardì di guastare l'ordine di corte, trasportando la
bragiera: infine il mamalucco morì».

Di siffatti spogli egli giovossi nello scrivere la Storia, senza
più essere costretto ad interrompere l'ordine e la scorrevolezza del
suo dettato per rintracciare nelle fonti i fatti e le discussioni di
essi. Che tale fosse il suo intento nella paziente e noiosa opera di
formare quegli spogli, apparisce chiaro dal vedersi ch'essi concernano
esclusivamente gli antichi e bassi tempi; e nel volume degli _Annali_,
che unico si estende oltre di quelli, dal principio del secolo XVI in
poi, le materie vanno rendendosi sempre più scarse, a segno che, per
gli ultimi due secoli, si risolvono in nude note cronologiche, e queste
pure incomplete, sparse raramente di qualche racconto di fatti parziali
o di cenni caratteristici di alcuni personaggi. E specialmente intorno
ai fatti del secolo XVI, di cui stava occupandosi nel proseguimento
del suo secondo volume, varii lunghi frammenti avea scritto l'autore,
in separati fogli, da inserirsi poi agli opportuni luoghi, diversi de'
quali mi furono mostrati dall'autore stesso mentre gli scriveva, come
li avrà veduti il canonico Frisi; ma di quelli non esiste più traccia.

Condusse il conte Verri il suo lavoro con sobria erudizione, con fina
critica e con moderata filosofia, quale si conveniva alla condizione
dell'illustre autore, e allo scopo da lui propostosi di ammaestrare
dilettando. Sprezzò le assurde e magnifiche favole delle origini
municipali, oggetto di comune ridicolo, compensato e reso muto in
ciascun municipio dal pericolo di un eguale ricambio; svolse dalle
tenebre de' primi e de' bassi tempi le istituzioni, le sorti, i costumi
che diedero luogo allo sviluppamento della successiva nostra civiltà,
talvolta nei fatti peggiore della prisca barbarie; chiarì la prepotenza
dei pochi a rendere sottomessa la massa della nazione, e la reazione
di questa, resa forte per l'industria, il commercio, l'unione, per
ristabilire l'egualità delle condizioni, siccome è il voto della
natura nella egualità della specie. Dimostrò le vicende del clero,
prima favoreggiato dai popoli come mediatore di pace, di concordia, di
consolazione; poi accarezzato dai sovrani come strumento per abbassare
l'orgoglio e contenere il soverchiar de' magnati; quindi costituitosi
difensore dei popoli contro le pretese e le vessazioni del partito
imperiale; reso in séguito audace per l'acquistato ascendente; giunto
a riclamare per sè maggiori prerogative di quelle contrastate ai nobili
e agl'imperatori; e infine, nella lotta tra esso e i sovrani d'accordo
coi popoli, sceso a moderare l'esorbitanza delle sue pretese, e a
limitarsi per gradi ad una preminenza di considerazione, che sola gli
è dovuta. Narrò come lo Stato di Milano, primo tra gli altri d'Italia,
al pari di essi, per la libera scelta, per i compri voti, per l'aperta
forza, passò alla piena obbedienza di coloro che, a riguardo de' propri
meriti e della dignità del casato, erano stati promossi ai consigli ed
alla direzione delle forze del comune; come i popoli furono per lungo
tempo zimbello dell'ambizione, de' raggiri e de' tradimenti de' loro
nuovi tiranni; e come questi furono successivamente con giusta vicenda
traditi e sottomessi da tiranni maggiori, e per ultimo tutti assorbiti
nel vortice delle grandi monarchie, che avrebbero pur recato ai popoli
la pace da tanto tempo sospirata, se non avessero scelta l'Italia a
teatro delle loro interminabili querele, non che de' capricci e della
rapacità de' loro generali e governatori. Era entrato l'illustre autore
a svolgere gli accidenti di quest'infausto periodo della nostra storia,
quando, sorpreso dalla morte, fu causa che al canonico Frisi e a me
toccasse l'incarico di un proseguimento, ingrato e difficile per il
soggetto, e assai più pericoloso per il confronto.

Non gli sfuggi la massima rammentata da Robertson nella Prefazione
all'_Istoria dell'America_, che _chi scrive gli avvenimenti delle
epoche rimote, non merita la confidenza del pubblico, se non avvalora
con testimonianze le proprie asserzioni_. E nel produrre queste
testimonianze fu egli esattissimo, non affastellando le citazioni
altrui, alla foggia di un suo invidioso censore, che ci occuperà nel
§ II, ma attingendole alle fonti, dopo che, non fidando alla critica
altrui, l'aveva affinata al crogiuolo del suo sperimentato criterio.
Opportuno fu in ciò il suo avvisamento, ed ottimo sarebbe riuscito,
se egli vi avesse aggiunto una diligenza di più, lasciando scorrevole
e piana la sua narrazione, e riservando alle note le discussioni e
le testimonianze, specialmente in lingue straniere, sicchè queste non
fossero d'inciampo ai lettori, con rendere quindi necessario per una
non piccola parto di essi l'espediente adottato dagli editori della
presente ristampa, di far eseguire da abile mano ed aggiungere in piè
di pagine la traduzione dei frequenti passi di latinità, per lo più
barbara, che si incontrano nel testo. Di due metodi di scrivere la
storia, intorno ai quali è da tanti secoli contrastata e disputata
la preferenza, egli prepose all'aridità delle cronache la spontanea
e ragionata esposizione de' fatti, quale è sporta dalla natura nella
famigliarità del discorso, dove il racconto si trova frammischiato
colle riflessioni suggerite all'opportunità dall'esperienza e
dall'ingegno del narratore. E in vero, il pretendere che la narrazione
sia arida e circoscritta ai nudi fatti, è contrario al principale
istituto dello storico, che è d'istruire cogli esempi, mentre nissuno
contenderà che novanta almeno sopra cento lettori sono incapaci di
concordare e commentare ciò che leggono; laddove per la maggior parte
possono appropriarsi e far tesoro per il loro ammaestramento delle
riflessioni che trovano pronte e naturalmente esposte frammezzo e
come conseguenze delle cose narrate. Colla riunione di tante doti
di talento, di dottrina, di esperienza e di filosofia, non è da
stupirsi se Verri è riuscito a primeggiare fra il popolo degli storici
particolari dell'Italia; chè ben popolo può chiamarsi lo sterminate
loro numero, a segno che il semplice catalogo di essi raccolto dal
Coleti in un grosso volume in 4.º appena ne racchiude circa la metà.
Ed egli, che sapeva quanto ingente fatica avesse sostenuto e quali
difficoltà superate per porgere a' suoi paesani, scevro d'ogni spino,
il racconto degli avvenimenti patrii e delle gesta dei loro maggiori,
non può dirsi al certo troppo presuntuoso se si lusingò di meritarsi da
essi qualche significazione di aggradimento. Per ben giudicare quindi
delle sue doglianze, conviene ricordarci del di lui carattere, che,
fortificato per il sentimento de' molti suoi meriti, era vivamente
ambizioso di estimazione e di lode, e che s'egli ebbe la prima nel
segreto de' buoni, che mai non mancano anche nella più trista società,
non ebbe della seconda alcuna palese testimonianza. L'abate Isidoro
Bianchi, nell'_Elogio Storico_ del nostro autore (pag. 210), dice che,
disgustato per tale ingratitudine, fu in procinto di dare al fuoco gli
esemplari del primo volume della storia e le preziose memorie preparate
per proseguirla, e che ne fu distolto dagli uffici degli amici. Io non
posso far fede di tanto; so bensì che in più luoghi degli scritti da
lui lasciati appaiono gli onorati suoi sdegni e le sue doglianze; e
basterà di qui riferire come un saggio, quanto scrisse sulla coperta
del rammentato volume delle sue _Cronache_: «Per la fatica di molti
anni, per molte spese fatte per consegnare nelle mani dei Milanesi
una storia leggibile della loro patria, e un libro che senza rossore
potessero indicare ai forestieri curiosi d'informarsene, io non ho
avuto dalla città di Milano nemmeno un segno che s'accorgesse ch'io
abbia scritto. Ma già lo sapeva prima d'intraprendere un tal lavoro,
e conosceva _rerum dominos gentemque togatam_. Nella Toscana, nella
terra-ferma veneta e nella romagna vi è sentimento di patria e d'amore
della gloria nazionale. Ivi almeno una medaglia, una iscrizione
pubblica, un diploma d'istoriografo, qualche segno di vita si darebbe,
se non altro per animare alla imitazione. Ma noi viviamo languendo
_in umbra mortis_. Non si sapeva il nome di Cavalieri; l'Agnesi è
all'ospedale; Frisi e Beccaria non hanno trovato in Milano che ostacoli
e amarezze. Il sommo bene di chi ardisce di far onore alla patria è se
ottiene la dimenticanza di lei. Io forse l'ho ottenuta......»


§ II.

_Giudizi della detta storia._

Il conte Verri, per ciò che appare da' di lui scritti, mostrò di
occuparsi soltanto della critica fatta ad un passo della sua storia
dal canonico Mario Lupi, dotto antiquario di Bergamo. Nell'osservare
quanto scarse e sterili sieno le memorie rimasteci del secolo decimo,
e la diligenza del conte Giulini intorno ad esse, egli aveva soggiunto
nel tomo I, pag. 57 della prima edizione (T. I, p. 94 della presente)
che «ben lungi dal farne io un rimprovero al saggio scrittore,
gli tributo l'encomio che ha meritato colla immensa fatica da lui
sopportata, e coll'esatta critica adoperata esaminando fatti che
meritavano la luce, e per essere preziosi avanzi di quei tempi, e per
la possibilità che servano a beneficio di private persone; _sebbene
non siano materiali servibili per tesserne una storia_». Era chiaro in
questo passo l'intendimento dell'autore, che non contendeva il merito
di cotali ricerche, ma solo dolevasi della poco utile messe che se
n'era conseguita. Ma il canonico Lupi, qual chi è avvezzo a misurare
l'importanza dei lavori dalla fatica impiegatavi, riguardò il concetto
del Verri come una sentenza di riprovazione degli studi antiquari, e
alla colonna 1040 del suo _Codice Diplomatico_ sortì colla seguente
doglianza:[69] _Propterea miror vehementer clarissimum Comitem Petrum
Verri, in recentissima sua Mediolanensi Historia, pag. 57, tradidisse,
hujusmodi monumenta ad historiam harum aetatum contexendam nihil
conferre, quod quidem adeo absonum mihi videtur, ut fateri cogar me
ignorare quidnam historiae nomine clarissimus auctor intelligat._ Si
meritò quindi una nota di risposta, dataci imperfetta dal canonico
Frisi e riprodotta intiera in questa edizione, che può leggersi al
capitolo vigesimosesto di questo terzo volume.

Qualora si prescindesse dall'avvertire che avevasi a fare con un
soggetto che avea trascorsa la più gran parte e la migliore della
sua vita tra le lettere, la filosofia e le gravi incumbenze di alte
e difficilissime magistrature, altre e più sode avvertenze potevano
esser fatte intorno alla sua opera storica, e alcuna se ne fece,
ma con quella moderazione che si addice agli uomini veramente dotti
parlando di persona rispettabilissima. Non meno l'abate cisterciense
Angelo Fumagalli, che il conte Gian-Rinaldo Carli, l'uno nelle
_Antichità longobardico-milanesi_, e il secondo nelle _Antichità
italiche_ rimarcarono e dimostrarono l'esagerazione sostenuta dal
nostro autore, d'essere stata Milano pressochè distrutta dalla vendetta
del generale de' Goti Uraia. Scarsa nella _Storia di Milano_, più
che non potevasi, è la parte storica e politica delle dominazioni
barbare, e alla sterilità delle notizie si aggiunse per i tempi dei
Longobardi l'adozione de' volgari pregiudizi intorno alla loro rozzezza
e brutalità, dimostrate insussistenti da una critica più diligente e
più severa; per i quali due oggetti merita particolar lode un altro
patrizio, il marchese Giuseppe Rovelli, il quale, nelle Dissertazioni
preliminari della sua _Storia di Como_, con meno alti voli, ma con
più pazienza, illustrò in particolare la legislazione de' Barbari
che tra noi dominarono. Mentre s'incontrano nella Storia dei Verri
varie discussioni di fatti oscuri o disputati, condotte con isquisita
diligenza, quale tra le altre è quella delle lunghe e sanguinose
contestazioni agitate tra il clero milanese nei secoli IX e X per il
celibato de' preti, alcune inesattezze vi si rimarcano all'opposto,
pure in argomenti parziali; e basterà il citarne alcuni esempi. 1.º Il
severo e ingiusto giudizio dato del governo della repubblica milanese
succeduta alla morte del duca Filippo Maria Visconti, riportando con
affettato studio le minuzie delle ordinarie prescrizioni municipali,
che sole per caso furono a notizia dell'autore, e non le varie utili
istituzioni, non la sagacità, il vigore e la costanza degl'istantanei
provvedimenti, non le leghe destramente conchiuse co'sovrani esteri,
non il valor militare in più occasioni dimostrato; con aggiungere per
tal modo verso quel breve governo il peso di non meritati rimproveri
al torto, già per sè grandissimo, di essere rimasto soccombente. 2.º
L'avere seguito la volgare opinione che attribuisce a Leonardo da Vinci
l'invenzione dei sostegni necessari a compensare il diverso livello
delle acque, per far comunicare la navigazione del naviglio della
Martesana con quella del naviglio grande per mezzo della fossa che
circuisce la città, mentre è provato che que' sostegni ingegnosissimi
esistevano più anni prima che il Vinci venisse ai servigi del duca di
Milano. 3.º L'asserzione che fosse stato eretto nella chiesa di Santa
Marta il monumento sepolcrale di Gastone di Foix, scolpito da Agostino
Busti, benchè consti che questo insigne lavoro, di cui tante belle
parti si conservano tuttora in più luoghi, non sia mai stato ridotto a
compimento; e infine la troppo facile giustificazione del tradimento
usato in Novara dagli Svizzeri a danno del duca Lodovico Maria
Sforza, dal quale erano stipendiati, d'onde venne la di lui miserabile
prigionia, che non ebbe fine se non colla morte: giustificazione così
gratuita, che neppure fu adottata dagli storici svizzeri, ultimo dei
quali è il Mallet. Ma queste inesattezze sono tanto più scusabili,
ove si rifletta che la polvere degli archivi copriva ancora nella
massima parte i documenti che sarebbonsi potuti allegare a difesa e ad
illustrazione di quella procellosa triennale repubblica, ecclissata poi
dalla vittoria e dalla magnificenza del nuovo governo sforzesco; che
l'insussistenza degli altri due fatti riferibili alle arti lombarde
risulta per prove emerse posteriormente all'epoca in cui il Verri
scriveva; e che l'indebita apologia delle milizie svizzere, le quali
in allora, per le facilità di mercanteggiare i loro servigi, per la
loro venalità, rapacità ed incostanza, potevano a ragione chiamarsi
gli Albanesi del secolo XV, è soltanto ripetibile dalla soverchia fede
prestata all'autorità di quell'ambizioso intrigante di Girolamo Morone,
che aveva per abito d'immischiarsi in tutto e di vantarsi di tutto
sapere.

Un nuovo censore surse contro la storia del Verri nel cavaliere
Carlo de' Rosmini, non tanto per quello che ne scrisse sotto il velo
più trasparente, che per quello che non scrisse. Questo letterato,
conosciuto con distinzione come scrittore diligente di varie istruttive
biografie, si produsse di recente con un'altra voluminosa _Storia
di Milano_. Qualche giornalista, e più delle parole di esso, la
non curanza del pubblico, l'ha certamente posta più al basso che
intrinsecamente non merita, come fatica di lunga lena, diligente in
più luoghi e con dettato abitualmente piano e dignitoso, se non fosse
guasto dalla coda spesso impiombata dei lunghi e strascicanti periodi
per una troppo servile imitazione del suo modello, il Guicciardini.
E a questi soli pregi dee star contento chi avrà la pazienza di
leggerlo; chè degli altri molti richiesti dagli uomini dotti di tutti
i tempi negli scrittori di storie, e per cui i buoni storici sono sì
rari, cominciando dall'imparzialità, si farebbe inutile ricerca in
que' quattro grandi volumi. I torti del cavaliere Rosmini verso il
conte Verri sono varii e gravi: non lo citò mai, e quel ch'è più, il
criticò talvolta senza nominarlo. Il primo rimprovero, come di semplice
ommissione, potrebb'essere trasandato, senza quel suo peccaminoso
compagno; quantunque abbia pur esso la sua dose di malizia in un'opera,
come la sua, lardellata quasi ad ogni pagina di copiose citazioni,
dove ha per costume di affastellare l'un dopo l'altro i cronisti della
Raccolta del Muratori, e il Bosso e il Calco e il Corio e il Giulini
e perfino il Ripamonti, il quale ognun vede che, fuori de' tempi
in cui visse, è di una stupenda autorità. Abuserei della pazienza
dei lettori se volessi estendermi a dimostrare come e quante volte
attinse egli all'opera del Verri, non citandola; onde mi circoscriverò
a recare un solo esempio della sua seconda colpa, ma sarà di tale
evidenza, che renderà superfluo il dirne di più. Fu quell'esempio già
in parte allegato dall'autore dei tre Articoli critici intorno alla
storia del Rosmini inseriti nella _Biblioteca Italiana_ (fascicoli
LXXXII, LXXXIII e LXXXV, di ottobre e novembre 1822, e gennaio 1823),
scritti con savia e sobria dottrina e brusca risolutezza; se non che
ai lettori imparziali parvero essi troppo turgidi e rimbombanti e più
strepitosi nel minacciare che nel ferir forti. Il passo del cavaliere
Rosmini, in cui è evidente l'allusione al capitolo decimosesto della
storia di Verri, è preso dal libro undecimo, al quale diede questo
incominciamento: «Qualche moderno storico, per servire ai tempi in
che fioriva, e per coprire la viltà di palpare i viventi colla non
pericolosa baldanza di mordere i trapassati, ha ripreso come ingiusto
ed insensato l'unanime consentimento de' Milanesi, dopo la morte
del duca Filippo Maria Visconti, di sottrarsi ad ogni soggezione di
principe, e puerili, stolte e cenobitiche ha dichiarate le leggi che
i capitani e difensori della libertà, la repubblica rappresentanti,
intorno al buon governo di essa han pubblicate: ec.» La critica essendo
chiarissima, non ha bisogno di commenti; vediamone l'applicazione.
Verso la fine di giugno 1797, quando fu sorpreso dalla morte, era
giunto il Verri alla metà della stampa del suo secondo volume; e dal
vedersi che il funesto caso interruppe nello stesso tempo la stampa
e lo scritto, per modo che tosto dopo ha dovuto il canonico Frisi
dar mano al proseguimento del lavoro, è chiaro che l'autore faceva
progredire nella stampa a misura che innoltravasi nel dettato della
storia; cosa tanto più eseguibile da esso per la somma facilità sua
nello scrivere, nota a quanti il conobbero. Questa osservazione servirà
a confermare il successivo mio discorso: intanto suppongasi ch'egli
abbia composto quel capitolo, ch'è il primo del suo secondo volume
(primo pure di questa ediz.) durante l'antico governo austriaco:
quali erano sotto di esso i potenti che l'autore settuagenario voleva
blandire? Forse i ministri, de' quali era disgustato? Forse i nobili,
coi quali ben poco simpatizzò? Altronde, quale sorta di blandimento
poteva esser quello che ancora non conoscevasi, e che anzi andava ad
esser reso pubblico dopo che quei ministri non erano più tra noi, dopo
che i nobili avevano perduta ogni prerogativa? — Tutto pertanto induce
a persuaderci che quella parte di storia, quella specie di satira de'
modi confusi, discordanti, tumultuari di uomini recentemente ordinati
ad istituto di repubblica, fu scritta dopo gli sconvolgimenti politici
incominciati nel maggio 1796; e siccome sotto le nuove istituzioni
doveva essere pubblicata, così, se pur v'era un'_allusione_, era quella
di fare ciò che i Francesi direbbono una parodia dei nuovi e strani
ordini che allora chiamavansi governo. Scopo era questo consentaneo al
carattere imparziale e franco di Verri, scopo degno del suo libero e
forte animo, perchè non senza pericolo. E gli sdegni che nel profondo
del petto gli fervevano per i deliri di quel tempo, e che a stento
comprimeva, de' quali io e i pochi altri suoi confidenti eravamo
continui testimonii, ben potevano aver avuto forza di farlo declinare
dalla severa imparzialità dello storico, per dare un'indiretta lezione
di saviezza a' suoi concittadini, del pari che si tentò da pochi altri,
e tra questi dal noto autore de' _Romani in Grecia_. Una più seria
doglianza a difesa della estimazione di un amico infelice debb'essere
da me fatta contro il signor Rosmini, e risguarda i molti documenti
ch'egli aggiunse alla sua storia del Magno Trivulzio, e alla posteriore
di Milano, limitati all'epoca sforzesca. Non è che verità il dire che
la ricerca, il rinvenimento, la scelta di que' molti pregevoli alti è
dovuta soltanto alla diligenza e al noto spontaneo zelo per i progressi
de' buoni studi delle antichità patrie di don Michele Daverio, che,
fino alla cessazione del regno d'Italia, presiedette alla direzione
del ricchissimo archivio di governo, detto di _San Fedele_, dove
la mole preziosa di tutte le carte procedenti dalla dinastia degli
Sforza trovavasi concentrata e pressochè intatta; e che il cavaliere
Rosmini appena salutò di uno sguardo alcuni de' copiosi documenti
stati trascritti ed editi a grandi spese dal suo generoso mecenate: la
quale cortesia egli rimeritò allora in più lettere (ch'io possiedo)
con profuso rendimento di grazie, ma nessuna menzione ne fece poi
nel pubblicarli; egli che si smania nel mostrarsi riconoscente verso
le viventi illustri persone che il fornirono di minimi aneddoti,
i quali con affettata premura inserì almeno nelle note della sua
prolissa istoria; egli che non aveva dimenticato il nome di quegli
cui di tanto era debitore, avendolo citato alla pagina 305 del volume
II, come raccoglitore di alcune Memorie stampate, però stortamente
indicandolo come _archivista della città_; egli che in tutte le sue
opere, e più nella storia di Milano, si mostra con ragione così tenero
dell'osservanza de' precetti della buona morale, tra i quali al certo
non è l'ultimo quello di dare a ciascuno il suo e la gratitudine de'
beneficii, e che tanto s'incollerisce allorquando si avviene in esempi
contrari; egli infine che, per la famigliare educazione di persona
ben nata, e per il consorzio di distinti signori che l'ammisero alla
loro dimestichezza, avrebbe dovuto avere avvezzato il proprio animo a
quella cortesia che piuttosto abbonda anzi che mostrarsi scarsa nel
rimeritare, almeno con officiose parole, i servigi che si ricevono.
E sia questa una specie di funebre olocausto che l'occasione offrì
e l'amicizia tributa alla memoria di Michele Daverio, che, fuori del
torbido de' tempi in cui visse, e in altro paese, avrebbe gioito della
stima dovuta al candore della sua anima, alle sue sociali e domestiche
virtù, alla purissima e fervida smania che il commoveva per il bene
della sua patria;... benchè in essa pochissimi sapranno ch'egli abbia
finito di subitanea morte la sua mondana carriera in Zurigo nei primi
giorni del cadente anno.

Un'altra censura fatta al conte Verri, non parziale alla storia, ma
estesa a tutte le sue opere, è quella di essere licenzioso scrittore
in fatto di lingua. La difesa ch'egli fece a sè e a' suoi colleghi nel
noto foglio periodico _il Caffè_, come pretendenti ad un illuminato
arbitrio, provocò gli sdegni di un giudizioso ma intemperante critico,
Giuseppe Baretti; il quale, dalla sua famigerata _Frusta letteraria_
in poi, continuò fino alla morte l'incessante suo chiasso per questa,
a suo dire, imperdonabile arroganza. Verri, in quei primi ardimenti
del suo ingegno, scriveva da filosofo, non da grammatico; forse errò
nel menarne vanto; ma nel calore di una fazione di guerra, quale era
quella propostasi dagli animosi e illustri giovani della società del
Caffè contro i parolai e i pedanti, come misurare le mosse a compasso
e pretendere che non trascendasi? Consimili cose erano state da me
dette nelle _Memorie_ biografiche che ho fatto precedere agli _Scritti
scelti_ del Baretti, pubblicati nel 1822, e sembravano di avere con
ciò servito abbastanza alla giustizia e all'imparzialità; nè credeva
che fosse necessario di ripetere ad ogni passo sempre lo stesso
avvertimento, imitando il costume de' legali nelle dispute forensi
colle parole solenni, come le avrebbero chiamate i giureconsulti
romani, d'_impugno_, _nego_, ec., per modo che il non opporle si avesse
per una confessione dell'assunto dell'avversario. Ma così non parve
all'anonimo che in due estratti inseriti nella _Biblioteca Italiana_
(numeri CII e CXII) rese conto di quel mio lavoro; e nell'estratto II,
non contento di quanto io aveva scritto a correzione delle invettive
del Baretti nei capi X e XVI, e in una nota all'articolo 25 del
capo XIX delle citate _Memorie_, altre annotazioni pretese che da me
_lombardo_ si fossero fatte _a difesa dei lombardi ingegni_. Premesso
incidentemente ch'io non ho l'onore di appartenere alla Lombardia se
non per la scelta del domicilio, essendo nato in un borgo del Novarese,
non so con quale logica si pretenda che le lodi e le difese degli
autori debbano prendere incitamento dell'accidentale affinità del
municipio, anzi che dalla ragione; e forse che, conseguenza di questa
logica, fu che l'autore di quegli estratti, per non essere lombardo, ha
creduto di potersi dipartire nel secondo di essi dalla decenza serbata
nel primo, e per cumulare qualche critica di più asserì, che raro è
unicamente ciò che è inedito, e che di cose inedite appena un terzo
si contiene in quella mia collezione, delle quali osservazioni dirò
soltanto che nella prima farneticò, e nell'altra mentì apertamente, non
essendo questo il luogo di estendermi in più copiose parole.


§ III.

_Continuazione del canonico Frisi._

Avendo il conte Verri lasciata interrotta la sua storia circa alla
metà del secondo volume, siccome si è detto, il canonico teologo
Anton-Francesco Frisi si assunse di proseguirla, e la condusse per
la succesione di quarant'anni sino al pontificato del cardinale
arcivescovo Carlo Borromeo, chiudendo il suo lavoro col di lui elogio
dettato colle parole di un vescovo francese e di un dottore della
Sorbona, e mettendo in luce il volume nel 1798. Ne scrisse quindi un
terzo volume, nel quale la storia è continuata fino al 1750, e questo,
che ha la data del 1813, rimase inedito e si conserva nell'archivio
della casa Verri. Nella nota alla pag. 208 del vol. II, dove il Frisi
ci avvisa della interruzione del lavoro per la morte dell'illustre
autore, soggiunse: _Al compimento di esso mi sono data la pena di
fedelmente raccogliere la più parte di quanto segue da alcuni tomi in
foglio manoscritti ritrovati presso il defunto_. Avendo io, vivente
l'autore, avuto il comodo di vedere quei tomi, aveva potuto convincermi
che l'asserita fedeltà non reggeva; quindi nelle _Notizie_ che scrissi
intorno alla vita e alle opere di Pietro Verri, colla franchezza che
si conviene alla manifestazione del vero, diedi pubblico rimprovero
al Continuatore (tomo I, pag. 25 di quest'edizione) «di aver violato
la protesta da lui fatta di trascrivere _fedelmente_ i frammenti
dell'autore, mentre osò di _mutilarli_». Sopravisse tredici anni ancora
il canonico Frisi, cioè fino al 20 luglio del 1817, e riputando la
difesa impossibile, non aprì mai bocca su quell'accusa, non ostante
che ben conosce l'opera nella quale fu pubblicata, e che egli cita
alla pag. 211 del rammentato tomo III inedito della sua continuazione.
Ho voluto estendermi in questi dettagli, mentre qualche lettore
superficiale avrebbe potuto oppormi a viltà l'accingermi a combattere
un morto; nè senza la presente occasione avrei più parlato di lui; e
nella necessità di parlarne e di giustificare la mia asserzione, il
farò più compendiosamente che mi sarà possibile.

Non è colpa del canonico Frisi se, per la diversità dell'educazione
e degli studi, e, diremo anche, per la sproporzione de' talenti, si
trovò egli inferiore di forze a sostenere lodevolmente un carico che
l'amicizia e la stima per l'illustre defunto gli fecero assumere; e
così se egli, credendo di far meglio, stemperò in circonlocuzioni e
frasi contorte e floscie il testo chiaro, preciso, robusto, evidente
del Verri; se come canonico e teologo, tanto nel proseguimento stampato
che nel tomo manoscritto, modificò o tacque ciò che di sfavorevole
incontrava in argomenti di giurisdizione ecclesiastica, riducendo
il suo lavoro ad un perpetuo panegirico de' governatori e degli
arcivescovi di Milano; se avendo trovato nelle memorie del Verri le
incisioni di quattro figure di danzatori ed una lunga di lui nota
intorno ai balli e ai teatri della fine del secolo decimosesto, non
ha potuto resistere alla bramosia di pubblicarle, e per riuscirvi
trasportò la nota racconciata a suo modo dall'anno 1598, cui spettava,
al 1545, con manifesto anacronismo; e se, vagando per tutta la storia
dell'Europa, impinguò il suo testo con lunghi riempitivi presi dal
Guicciardini e dal Muratori, senza riguardo al savio precetto del
Verri, nel tomo I (pag. 68 di questa edizione), ove dice: _Non avendo
io preso a scrivere una storia generale, ma unicamente quella di
Milano, nè per ora nè in séguito mi stenderò mai sugli avvenimenti
d'Italia se non di volo, e per quella connessione che ebbero colla
nostra città_. Siccome sbagli innocenti debbono pure riguardarsi
nel lavoro del Frisi diverse inesattezze di epoche o di nomi; quale
è, per esempio, quella a pag. 248, dove con aperta distrazione di
mente fa condurre da Lannoy, noto generale di Carlo V, un esercito
francese in Italia in servizio della Lega; quella alla pag. 263,
nell'avere indicato Francesco I qual possessore tuttavia di una buona
parte del milanese, invece del duca Francesco II, come dice il Verri
con più proposito; quella di aver detto alla pag. 269 che Clemente
VII creò cardinale il figlio del gran cancelliere Morone nel 1542,
mentre quel papa era morto fino dal 1534; e del pari l'altra, a
pag. 358, che il governatore duca di Sessa fosse giunto in Milano in
marzo dell'anno 1558, laddove il signor Salomoni, nelle sue _Memorie
storico-diplomatiche_, pag. 147, ha provato che quel duca nel mese di
giugno era ancora in Madrid: errore suo proprio, benchè minimo, non
essendovi traccia di esso ne' manoscritti del conte Verri.

Ma nelle ultime centosettantadue pagine del secondo volume della storia
di Milano, che comprendono l'opera del Frisi, s'incontrano ben più
gravi alterazioni in confronto de' frammenti che di quell'epoca in gran
copia ci rimangono nei manoscritti del Verri; alterazioni eseguite il
più delle volte avvertitamente per coscienziosi riguardi, e talvolta
pure senza un fine espresso e per la sola cagione di non avere inteso
il suo testo. Porgerò alcuni esempi delle une e delle altre. Delle
copiose memorie raccolte dal Verri intorno alla celebre battaglia di
Pavia, il suo continuatore molte ne traspose, altre ne ommise e in
generale le confuse. Alla pag. 225 dice che il re di Navarra comprò
la libertà dei militi cesariani del marchese di Pescara per settemila
scudi; laddove furono questi pagati dal marchese ai soldati per
avere il re in proprio potere, e quindi sottoporlo ad un esorbitante
riscatto. Riferisce a suo modo, alla pag. 228, le sollecitazioni allo
spergiuro fatte al re di Francia da chi meno il doveva; e mutila alla
pag. 231 il racconto delle trattative per la lega italica, tacendo
l'assicurazione data dal papa al Pescara di poter mancare di fede
all'imperatore, benchè fosse provata colla testimonianza di un prelato,
lo storico Sepulveda. Invece di riportare, alla pag. 240, i fatti che
sono ne' manoscritti del Verri, per mostrare la situazione disperata
nella quale trovavansi i Milanesi nel 1526, li tace in gran parte, ed
accenna seccamente le uccisioni notturne: i fatti all'opposto recano
maggiore convincimento, oltre che danno alla storia un interesse
drammatico. Con notabile mala fede ha mutilato, alla pag. 242, il
transunto della risposta di Carlo V al breve del papa, trasmessogli
per mezzo del suo nunzio Baldassare Castiglione; ed a convincersene
basta il confronto del suo e del mio testo, il qual ultimo è preso
letteralmente dai manoscritti del Verri. Nel racconto dell'assassinio
legale del Maraviglia, alla pag. 284-286, oltre le stemperature con cui
il Frisi sconciò abitualmente il testo del suo autore, ne travolse pure
il senso. Verri dice: «Sembra che il duca, sempre sotto gli occhi e la
sorveglianza di Antonio de Leyva, non potesse sopportare la meschina
figura che faceva, e cercasse pure qualche mezzo per liberarsi da sì
umiliante condizione, e a ciò debba attribuirsi la brama di avere
un ministro del re di Francia, col quale all'occasione prendere un
concerto; ma inopportunamente svelatasi la cosa, siasi il duca ridotto
al miserabile partito di tradire atrocemente il dovere più sacro
alla fine di disarmare lo sdegno dell'imperatore». Il Frisi, volendo
variare, secondo il suo costume, ne inverte del tutto il senso, dicendo
stranamente....... _Ma sciaguratamente svelatasi la cosa, siasi il duca
ridotto al miserabile ripiego di non si curare dei patti solennemente
giurati con Cesare, e di cercare a ogni modo pretesti di romperla seco
lui, ed impegnarlo in nuove guerre col di lui gran rivale Francesco
I._ Se non si avessero altre prove della cultura d'ingegno del canonico
Frisi, a giudicarlo dal riferito passo, si dovrebbe conchiudere ch'ei
non capiva quello che leggeva, nè quello che scriveva.

Un'altra insigne prova degli stravolgimenti usati dal continuatore
sia la seguente: Il Verri, nelle _Osservazioni sulla tortura_, § II,
entrando a parlare della peste dell'anno 1630, dice: _La storia di
questa sciagura conviene cominciarla da un dispaccio che dalla corte di
Madrid venne al marchese Spinola, allora governatore. Il dispaccio era
firmato dal re Filippo IV,_ ec. Il Frisi dà la colpa a quel dispaccio
di tutti i danni recati dalla peste; e se la famiglia del conte Verri
non avesse avuto il buon giudizio di lasciar manoscritto il terzo
tomo della storia, il pubblico avrebbe letto nel compendio di quelle
osservazioni ivi inserito il detto passo, tramutato come segue: «un
dispaccio che dalla corte di Madrid venne in questo tempo al marchese
Spinola, governatore dello Stato di Milano, _rese fatalmente quella
pestilenza una delle più spietate che rammemori la storia_, avendo essa
distrutti niente meno che due terze parti di cittadini. Il dispaccio
era firmato dal re Filippo IV, et.», e prosegue quindi la narrazione
come sta nell'opera di Verri.

Ancora un esempio, e darò fine. Negli _Annali_ riportò il Verri, sotto
l'anno 1617, il racconto di una misera cameriera, stata bruciata come
strega per avere ammaliato il senatore Melzi. Il Frisi l'ommise nel
manoscritto del suo terzo tomo, e lasciò negli _Annali_ del conte Verri
l'annotazione di averlo fatto avvertitamente, perchè _molte principali
persone vi fanno poco buona figura, e la notizia della strega non
interessa la storia_. Interessava meno la storia la nomenclatura de'
ballerini e de' balli del secolo decimosesto; eppure per non ommetterla
le diede un posto fuor di luogo, anticipandola di cinquant'anni. Il
vero è che quella nomenclatura faceva conoscere i costumi piacevoli
de' nostri maggiori; e il racconto della strega mostrava per il
contrario l'ignoranza e i costumi barbari di essi anche nelle classi
più eminenti. Sia però onore ai nostri tempi, poichè, se due secoli
fa chi aveva il supremo potere si compiaceva nel far arrostire i suoi
simili, e il riputava uno dei più sacri suoi doveri, la moda è talmente
passata, che si ha vergogna di parlarne. Tale è l'effetto dei progressi
dell'incivilimento, di ridurre alle forme del vero _gl'idoli della
fantasia_, come li direbbe il gran cancelliere Bacone, liberando così
gli uomini dalla tirannia delle false opinioni armate del potere, le
quali, dopo di averli oppressi per secoli, sono poi riconosciute per
assurdità. Così avvenne del diritto preteso dai papi di essere arbitri
dei troni, sciogliendo i popoli dall'obbedienza; del possesso in cui
per sì lungo tempo si mantenne il clero, di non contribuire ai pesi
dello Stato che lo proteggeva; del feudalismo de' nobili, del diritto
di tenere schiavi gli uomini, dell'esistenza delle streghe e perfino
degli indemoniati.


§ IV.

_Del mio lavoro._

L'opera da me impiegata fu di due maniere. Per l'epoca dal 1525 al
1565, intorno alla quale esisteva la stampa del Frisi, mi circoscrissi
a ristabilire nella loro integrità le parti spettanti al Verri col
confronto delle minute da lui lasciateci; e dove mi trovai mancante
di questa scorta, ridussi il testo alla dicitura che mi è sembrata
più naturale e conveniente, seguendo l'ordinario lume della critica,
che facilmente mi ha insegnato a distinguere lo stile stemperato e
da predica, ed a sostituirgli quello di una spontanea e compendiosa
narrazione. Il confronto che voglia farsi tra la stampa frisiana e la
mia, ne mostrerà la somma differenza. Il togliere, l'aggiungere, il
mutare fu opera di lunga lena e di gran noia, e quel ristauro importò
una fatica assai maggiore, che non sarebbesi usata nel fare di nuovo.
E il fu ancora di più, attesa la fedeltà propostami di conservare
scrupolosamente il testo del Verri, e perfino qualche trascuratezza di
lingua, riflettendo che l'emendare questi nêi nel solo terzo volume
avrebbe recato difformità in confronto degli altri; e sono altronde
macchie lievissime nel nostro storico presso qualunque lettore che
nelle storie richieda, come principal merito, pensieri, nervo, stile, e
non badi che per ultimo alle parole.

La stessa scrupolosa fedeltà ho osservato nell'inserire nel mio
successivo lavoro i frammenti che ho trovato servibili nelle note
del mio autore; ed oltre il fatto già accennato dell'uccisione del
Maraviglia, e il ragguaglio dello stato in cui erano in Milano l'arte
del ballo e del teatro al termine del secolo decimosesto, suoi sono i
racconti del fine tragico della contessa di Celano, dell'ingresso in
Milano dell'arciduchessa sposa del re Filippo III, della legazione a
Roma del senatore Giambattista Visconti, della cameriera del senator
Melzi bruciata nel 1617 come strega; la nota sul carattere de' nobili
circa la metà del secolo decimosettimo; i fatti della condizione
di Milano sotto il governatore Ponze di Leon; i caratteri del conte
di Fuentes, del duca d'Ossuna e di alcuni ministri sotto il governo
della casa d'Austria; la relazione della venuta e dimora in Milano
dei Gallo-Sardi nella guerra del 1733, e dell'imperatore Leopoldo II
nel 1791. In tutti questi frammenti non v'è altro di mio se non che
pochi adattamenti estrinseci per connetterli e conformarli al corpo
della narrazione; mai il fondo dei fatti, e in gran parte anche le
parole appartengono al conte Verri. Anzi fino alla metà circa del
secolo decimosettimo non ho voluto riportare altri fatti, fuorchè
quelli accennati da esso nelle sue Memorie, come destinati per il
proseguimento della storia; ma li riscontrai alle fonti, e diedi
loro quello sviluppamento che l'autore solevagli riservare nel dar
forma al suo lavoro. Perciò ho intralasciato più cose che poteva aver
pronte, e che (per valermi di una frase d'uso, benchè poco modesta)
avrebbero potuto illustrare maggiormente l'opera, come, per esempio,
l'esposizione de' tributi straordinari imposti allo Stato di Milano
nei regni infausti e turbolenti di Carlo V e di Filippo II, per cui
il solo _Mensuale_ fu quadruplicato sotto diversi nomi; mostrare
che in que' sovrani l'ambizione e l'alterigia erano pareggiate
dall'indifferenza sulla sorte de' popoli, sicchè le guerre erano per
sistema intraprese e condotte senz'alcuna predisposizione per gli
approvvigionamenti e per le paghe, e gli eserciti vivevano di rapina e
a discrezione a carico de' miseri sudditi; estendermi in maggiori prove
dell'annichilamento di tutte le sorgenti della prosperità pubblica,
allorchè i flagelli fisici, la fame e la peste, si collegarono
coll'inerzia e coll'indolenza quasi asiatica de' re successivi e colla
brutale onnipotenza de' governatori; svolgere l'influenza esercitata
sulla nazione dalla lunga durata e dalla scandalosa pubblicità delle
controversie giurisdizionali, e altri fatti recarne, quali furono
quelli col vescovo di Pavia per la dipendenza metropolitana di che
tratta Bernardo Sacco, e per l'immunità de' coloni ecclesiastici, che
diede occasione a un celebre consulto del Menochio, allora presidente
del senato.

Se le accennate ed altre ommissioni furono volontarie, di altre
diverse hanno debito le circostanze; ma sarebbe ora superflua cura
il farne discorso. Chiuderò quindi desiderando che, nell'accingersi
a giudicarmi, di due cose siano avvertiti i miei lettori: l'una,
che loro si presenta l'opera di un novizio in questa parte di studi;
l'altra, che vogliano disporsi ad una moderata aspettazione dal lato
dell'importanza de' fatti che ho avuto a narrare, i quali non avrei
potuto rendere più copiosi e interessanti, se non imitando il comune
difetto degli scrittori di storie particolari, coll'innestare nel mio
lavoro i fatti della storia generale.

  24 dicembre 1825.

                                                      PIETRO CUSTODI.



CONTINUAZIONE



CAPITOLO XXIV.

_Battaglia di Pavia. Il re Francesco I rimane prigioniero. È condotto
a Madrid. Sua liberazione. Vicende in questi tempi della lega di
Francesco II Sforza, duca di Milano, e di Girolamo Morone._


Leone X, alleato di Carlo V, avea terminata la vita, siccome si è detto
di sopra, nei tempo appunto in cui si otteneva lo scopo della Lega col
discacciare i Francesi dalla Lombardia. Adriano VI, suo successore,
nel breve suo pontificato d'un anno e mezzo, o poco più, si mostrò
piuttosto sacerdote che sovrano. Clemente VII Medici, cugino di Leone
X, fu creato sommo pontefice, mentre i Francesi, sotto Bonivet, se
ne ritornavano al loro paese, dopo un tentativo infelice per occupar
Milano. Dovevasi ognuno promettere che questo papa mantenesse la lega;
poichè ei da cardinale l'avea formata; ma così non avvenne. Clemente
VII si unì col re Francesco I, promettendogli il regno di Napoli, e
ricevendo dal re la guarentigia dello Stato ecclesiastico e della
repubblica fiorentina per la casa Medici. Tutto però segretamente
si fece nel tempo in cui durava l'assedio di Pavia. (1525) Frattanto
il vicerè Lannoy aveva sprovveduto il regno di Napoli di soldati, i
quali erano in marcia alla volta del milanese; laonde il re staccò
il principe Stuardo di Scozia, duca d'Albania, con ducento lance,
seicento cavalleggieri e quattromila fanti, e comandogli di marciare
verso Napoli per occupare quel regno; la quale sconsigliata impresa
lo indebolì poscia a fronte de' nemici, e fu una delle cagioni della
rovina della sua armata e della perdita della sua libertà. Il Lannoy
non si curò di far correre dietro al duca d'Albania, e unicamente rese
avvisati i comandanti de' presidii del napolitano per la difesa; per
tal modo schivò il pericolo di perdere il Milanese col Napoletano, e
poterono le forze rivolgersi tutte al soccorso di Pavia. La marcia
dei Francesi attraverso lo Stato pontificio, il transito delle
munizioni fatto per Piacenza e Parma, possedute dal papa, svelarono
agl'imperiali che il papa s'era unito col re, sebbene non apertamente
si fosse dichiarato di essere lui nimico dell'imperatore Carlo V.
Pensò il re di rinforzare la sua armata, ordinando che i suoi Francesi
acquartierati in Savona marciassero a Pavia, senza avvertire che,
dovendo coteste milizie passare ne' contorni di Alessandria, presidiata
da' cesariani, non erano sicure nella loro marcia. Infatti Gaspare del
Maino, comandante di quel presidio, fece prigioniero tutto quel corpo.
Frattanto al Lannoy giunsero dodicimila lanschinetti tedeschi, e quindi
si trovò alla testa di diciottomila fanti, settecento uomini d'armi
ed altrettanti cavalleggieri. I dodicimila tedeschi erano comandati da
Giorgio di Frandsperg, uomo di statura colossale, di forza prodigiosa,
di gran coraggio, luterano passionato; il quale venne a quell'impresa
coll'idea di far onta al papa, ed a tal fine portava seco un cordone
d'oro in forma di capestro, e lo mostrava dicendo: _A ogni signore ogni
onore._ Così mentre da malaccorto il re Francesco coll'indebolirsi,
andava preparando la propria sciagura, i nemici si rinforzavano. Al
difetto di prudenza nel re si aggiungevano la trascuratezza dei capi
dell'esercito, e l'indisciplina de' soldati. Bernardo Tasso, padre
dell'immortale Torquato, si ritrovava nell'armata del re di Francia,
mentre era sotto Pavia, ed in una lettera al conte Guido Rangone,
così gli scrive: «Questo esercito mi pare con poco governo, con
molta licentia, et più grande di numero che di virtù. Poca speranza
gli è rimasa di poter pigliare la città, hora che i nemici si vanno
avvicinando[70];» e poco dopo «Questo esercito mi pare piuttosto pieno
d'insolenza che di valore.... Io più tosto temo che spero del successo
di questa impresa; et quello che più mi fa temere è, che veggio che
apertamente Sua Maestà s'inganna nelle cose più importanti, giudicando
il suo esercito maggior di numero, et quel de' nemici minore di ciò che
in effetto sono.... Io vedo questo campo con quel poco ordine che era
quando i nemici eran lontani; nè a questa troppa sicurtà so dare altro
nome che imprudentia o temerità». Guicciardini[71], presso a poco,
dice lo stesso; «Risedeva il peso del governo dell'esercito presso
all'ammiraglio; il re, consumando la maggior parte del tempo in ozio o
in piaceri vani, nè ammettendo faccende o pensieri gravi, dispregiati
tutti gli altri capitani, si consigliava con lui: vedendo ancora
Anna di Momoransi, Filippo Ciaboto di Brionne, persone al re grate,
ma di picciola esperienza nella guerra: nè corrispondeva il numero
dell'esercito del re a quello che ne divulgava la fama, ma eziandio a
quello che ne credeva esso medesimo».

Ho procurato d'indagare come mai il duca Francesco Sforza, principe
che non mancava di valore, s'accontentasse di starsene quasi ozioso nel
Cremonese, mentre si disponeva il gran fatto d'armi che doveva decidere
del destino dello Stato suo. L'armata cesarea era comandata dal vicerè
di Napoli don Carlo Lannoy: ivi trovavasi il duca di Bourbon, ivi il
famoso don Ferdinando d'Avalos, marchese di Pescara, ivi il marchese
del Vasto; ed il duca Sforza, che alla Bicocca e ad Abbiategrasso
aveva superati coraggiosamente i nemici, ora erasi limitato a sgombrare
il fiume Po da ogni comunicazione co' Francesi. Non mi è accaduto di
trovare che alcuno degli scrittori avesse la medesima curiosità. Quindi
o convien supporre che gl'imperiali per gelosia e per sospetto non lo
bramassero, ovvero ch'egli non vedesse di sua convenienza il trovarsi
in un esercito, nei suoi Stati, senta averne il comando, e senza
nemmeno avere il titolo di generale al servigio di cesare.

Ai sovradetti indebolimenti dell'armata francese aggiungasi che
Sant'Angelo sul Lambro era presidiato da ottocento francesi, sotto il
comando di Pirro Gonzaga, e da ducento cavalieri. Fu preso d'assalto;
e il marchese di Pescara fu il secondo che ascese le mura, ed ebbe
l'abito forato da due archibugiate; la guarnigione uscinne disarmata,
coll'obbligo di non servire per un mese. Casal Maggiore era occupato
da' Francesi sotto il comando di Giovanni Lodovico Pallavicino, che
lo presidiava con duemila fanti e quattrocento cavalli. Alessandro
Bentivoglio, alla testa d'un corpo d'Italiani fece, con un fatto
d'armi, prigioniero il Pallavicino, caduto da cavallo, e disperse
affatto il presidio francese. Prima che si avanzasse l'armata cesarea a
Pavia, conveniva assicurarsi le spalle e non lasciar dietro i Francesi
in que' luoghi, d'onde difficoltavano le provvisioni. Se i Francesi
avessero avuta la stessa precauzione, non si sarebbero innoltrati a
Pavia, lasciando presidiata Alessandria da Gaspare del Maino, il quale,
siccome ho accennato poc'anzi, battè e disarmò un corpo di duemila
soldati, che erano in marcia venendo dalla Francia per unirsi al re.
Oltre a questi primi danni, cioè al distacco del principe Stuardo
di Scozia, spedito verso Napoli, alla perdita di due presidii di
Sant'Angelo e Casal Maggiore, alla perdita di duemila sorpresi verso
Alessandria, un nuovo accidente sventurato accadde al re e forse più
gravoso, cioè che quattromila soldati grigioni, che erano al di lui
stipendio, se ne partirono quasi improvvisamente. Giovanni Giacomo
Medici, che s'era reso signore del castello di Musso, con insidie s'era
altresì reso padrone di Chiavenna, città importante dei Grigioni. Per
la qual cosa con lettere della loro repubblica vennero immediatamente
chiamati i Grigioni in soccorso della patria, sotto pena di infamia e
di confisca. Così l'esercito francese si ridusse di numero quasi uguale
al cesareo.

Il duca di Borbone e il marchese di Pescara ricevettero frattanto
il rinforzo di ottomila tedeschi. Fecero radunare le truppe che
tenevano acquartierate in Cremona, Lodi ed altri luoghi; formarono
un corpo di ventiduemila fanti, oltre i cavalli, e per Sant'Angelo
marciarono a Pavia, e si collocarono vicini e di fronte al campo
francese, cosicchè le guardie avanzate nemiche si parlavano. Il
Guicciardini[72] scrive che Pescara s'avviò per la battaglia sotto
Pavia con settecento uomini d'arme, settecento cavalli leggeri, mille
fanti italiani, e più di sedicimila tra spagnuoli e tedeschi. Ivi
si mantennero per venti giorni, mettendo in allarme e inquietando i
Francesi,[73] _ut primum metu ac sollicitudine vexarent, deinde cum
vanum timorem consuetudine remissent, securiores offenderent, ubi visum
esset vero praelio lacessere_[74]. Il re Francesco stava ben munito
nel suo campo, situato nel parco, il quale, essendo cinto di mura,
non dava accesso a' cesarei, se non per alcune porte ben presidiate
da' corpi avanzati francesi. Sperava il re che, stando a fare la
guerra difensiva, e guadagnando tempo, l'armata imperiale, mancante
di stipendio e mal provveduta di tutto, dovesse sciogliersi da sè
medesima. Infatti i comandanti cesarei temevano lo stesso, e perciò
deliberarono di commettersi alla fortuna d'una battaglia[75]. Allora
i soldati erano mercenari e liberi. Nessun bottino potevano sperare i
francesi debellando i cesariani, mancanti di tutto. Per lo contrario
sommo profitto avevano in vista i cesarei battendo i francesi, il re,
i principali signori del regno, tutti radunati con immense ricchezze e
pompe, e ciò oltre il profitto del riscatto di sì illustri prigionieri.
I Francesi avevano la presenza del loro re ad animarli, l'ambizione
di segnalarsi sotto de' suoi sguardi, ma l'armata non era per la
maggior parte di francesi; v'erano tedeschi, svizzeri, italiani,
spagnuoli, ed oltre a ciò, i più erano affatto mercenari e gregari.
Perciò la condizione de' cesarei era migliore d'assai. Il quartiere
del re stava a Mirabello, delizia de' duchi di Milano. Il campo era
cinto di terrapieno con fossa, fuori che da un lato, che si credeva
bastantemente munito col muro del parco. Il marchese di Pescara, che da
ogni canto osservava la posizione del re, s'avvide che poco custodivano
i Francesi quella parte che credevano più sicura pel riparo del muro.
Se il muro si gettava a terra, il che non era difficile, era aperto
l'adito ad impadronirsi di Mirabello.

Confermatisi il duca di Borbone e il marchese di Pescara nella
risoluzione di avventurare la battaglia, passarono di concerto col
comandante di Pavia, Antonio Leyva, e si fissò il giorno di san
Mattia, 24 febbraio, giorno di gala per essere l'anniversario della
nascita di Carlo V. Frattanto negli otto precedenti giorni gl'imperiali
incessantemente, anche di notte, diedero l'allarme ai Francesi, e col
favore dello strepito di trombe e de' timpani guastarono per qualche
tratto le mura del parco, sicchè alla minima scossa cadessero poi.
Queste mosse ingannarono i Francesi, che credettero uno de' molti
falsi allarmi anche l'attacco importante del giorno 24. Per essersi
gl'imperiali accostati così d'appresso al campo francese, il re tenne
un consiglio nel quale Luigi d'Ars, il Sanseverino, il Galiot de
Genouillac, il maresciallo di Chabannes, il maresciallo di Foix, e il
famoso la Tremouille opinarono che fosse da abbandonarsi il blocco
di Pavia e ritirarsi a Binasco; ma prevalse il Bonivet, secondato
dal Montmorenci, da San Marsault e da Brion, i quali adularono
l'inclinazione del re, che già aveva promulgato per l'Europa, che o
prendeva Pavia, o vi periva[76].

L'ammiraglio Bonivet ebbe il comando di quella giornata. Il campo
francese, esteso più di tre miglia, era postato in guisa che impediva
l'ingresso da ogni parte in Pavia, comunicava col parco di Mirabello, e
dominava vantaggiosamente la campagna. Il duca d'Alençon col corpo di
riserva era a Mirabello; la prima linea era comandata dal maresciallo
di Chabannes, il corpo di battaglia lo era dal re. Il marchese di
Pescara si determinò di entrare pel parco di Mirabello, e di soccorrere
Pavia, con questa mira che, se i Francesi scendevano dal campo per
difendere il parco, perdessero il vantaggio della loro posizione,
ed egli desse loro battaglia; se non dipartivansi, facil cosa era
il superare il duca d'Alençon, ed alla vista de' Francesi portare
tutto il soccorso a Pavia. Tre ore prima del giorno il marchese di
Pescara si mise in ordine per attaccare il re. Divise l'esercito in
più corpi. Il primo lo diede ad Alfonso d'Avolo, marchese del Vasto,
di lui nipote, composto di cinquecento fanti e cinquecento cavalli.
Il secondo a Giorgio Frandsperg, di quattromila fanti. Un corpo di
riserva fu affidato al nipote del vicerè di Napoli. Il vicerè Lannoy
comandava un corpo di cavalli. Un altro corpo di cavalli lo comandava
il duca di Borbone. Altri minori drappelli dispose il Pescara, i quali
al cominciare l'attacco si trovarono alle spalle dei Francesi, alle
diverse porte del muro del parco. Il marchese avea fatto porre a tutti
i suoi una camiscia sopra le armi, perchè nella oscurità della notte
si potessero conoscere fra di loro: stratagemma imitato nella Slesia
nel 1757. Prima dell'alba del 24 febbraio, mentre si avanzavano a
Mirabello, gl'imperiali fecero de' finti attacchi con molto fragore di
artiglieria, acciocchè non si sentisse quanto accadeva a Mirabello.
All'aurora si videro gli Spagnuoli entrati nel parco per un'apertura
assai larga, fatta la notte precedente con tal destrezza e silenzio,
dice il Bugati[77], che appena da' nemici fu udito il rumore. Il
marchese di Pescara, innanzi a tutti, colla maggior parte della
fanteria italiana e spagnuola, diede dentro tra le guardie francesi;
il duca di Borbone, guidando la sua cavalleria, s'innoltrò da altra
parte del parco verso i quartieri del re cristianissimo, ma trovò che
il re e i suoi erano marciati contro il Pescara. Don Alfonso d'Avalos,
marchese del Vasto, s'impadronì di Mirabello. Un suo distaccamento
era già alle porte di Pavia, ma Brion, mandato dal duca d'Alençon, lo
battè. Galiot de Genouillac, che si era reso illustre nella battaglia
di Marignano, profittò del momento, e collocò una poderosa artiglieria
contro quel vano delle mura del parco per dove entravano gl'imperiali,
la quale talmente gli scompigliò, che disordinatamente si ricoverarono
in un luogo basso per essere salvi da' colpi del cannone. Il re, invece
di combattere contro il marchese del Vasto, per tal modo isolato,
sconsigliatamente uscì dal vano, e si diradò per la campagna con tutta
la gendarmeria; così l'artiglieria del Genouillac dovette cessare
per non offendere il suo re. Gl'imperiali s'avvidero dell'errore da
questi commesso. Il duca di Borbone co' lanschinetti, il marchese di
Pescara cogli spagnuoli, il vicerè Lannoy cogl'italiani attorniarono
il re. Il marchese del Vasto venne a prenderlo alle spalle. Il Leyva
vigorosamente uscì da Pavia, lasciando il magnifico e valoroso Matteo
Beccaria alla difesa della città. Allora il maresciallo di Chabannes
accorse a soccorrere il re, e se gli pose al fianco destro col corpo
ch'egli comandava. Il duca d'Alençon formò un'ala sinistra al re. Fra
il re e Chabannes v'erano le Bande Nere, cinquemila, tutte veterane
tedesche, che avevano combattuto a Marignano. Il duca di Suffolk
Rosabianca le comandava. Così fra il re e il duca di Alençon vi
era un corpo di diecimila uomini svizzeri comandati dal colonnello
Diespach. Un corpo di lanschinetti, guidati dal duca di Bourbon,
sconfisse totalmente le Bande Nere. Il conte di Vaudemont, il duca di
Suffolk rimasero estinti sul campo. Borbone si rivolse poi contro il
corpo di Chabannes che rimaneva staccato. Il bravo Clermont d'Amboise
cadde morto, e il maresciallo di Chabannes terminò di vivere nel modo
seguente. Egli ebbe ucciso sotto di sè il cavallo. Vecchio com'era,
cercò di combattere a piedi; ma Castaldo, luogotenente del Pescara,
lo fece prigione. Castaldo conduceva in luogo sicuro il suo prigione;
un capitano spagnuolo, per nome Buzarto, osservò Chabannes, il più
bel vecchio del suo secolo, nobile, magnifico, e riconobbe che doveva
essere un signore di distinzione, di coi diverrebbe lucrativo il
riscatto; pretese di essere associato al Castaldo, che lo ricusò; e il
Buzarto con una archibugiata gettò morto il maresciallo di Chabannes,
dicendo: «Ebbene, non sarà dunque nè mio, nè tuo[78]. Così terminò
i suoi giorni questo illustre francese, che s'era trovato a Fornovo
nel 1495, ad Agnadello nel 1509, a Ravenna nel 1512, dove comandò,
morto il duca di Nemours, a Marignano, alla Bicocca, ec. Egli aveva il
soprannome di _gran maresciallo di Francia_.

Il re faceva prodigi di valore, e si riconosceva da un manto di tela
d'argento (_cotte d'arme_), e dal cimiero fregiato di copiose e lunghe
piume. Di sua mano egli uccise Castriotto, marchese di Sant'Angelo,
ultimo discendente dagli antichi re d'Albania, che contava per suo avo
paterno Scanderbeg. Il re si battè lungamente con un gentiluomo della
Franca Contea, per nome Andelot, e lo ferì nella faccia. Il marchese
di Pescara con mille e cinquecento archibugieri baschi piombò sulla
gendarmeria del re. Costoro, scaricato l'archibugio, con mirabile
disinvoltura si nascondevano, caricavano, e ritornavano a ferire.
Il re, per coglierli, dilatò i suoi gendarmi; e gli archibugieri,
penetrati e sparsi per entro, in meno d'un'ora rovinarono il corpo
invincibile della gendarmeria francese. La Tremouille cadde ferito
nel cranio e nel cuore. Il gran scudiere Sanseverino cadde moribondo.
Guglielmo di Bellai Langey, vedendolo cadere, scese dal cavallo
per dargli soccorso: «Non ho più bisogno d'alcun soccorso, disse il
moribondo; pensate al re, e lasciatemi morire». Luigi d'Ars, il conte
di Tournon caddero morti. Il conte di Tonnerre appena potè essere
riconosciuto fra i morti, tante erano le ferite della sua faccia! Il
barone di Trans stavasene all'ala sinistra sotto il comando del duca
d'Alençon, assai malcontento di dover trovarsi nella inazione. Il
figlio suo unico era nel corpo del re, e, dopo d'aver combattuto ed
esaurite le sue forze, si ritirò presso del padre. Il barone di Trans
gli chiese dove fosse il re: «No 'l so», rispose, ansante e grondante
di sudore il figlio. «Va e sappilo, disse il padre severamente,
arrossisci di non lo sapere». Il figlio Trans s'ingolfa fra i
combattenti, s'accosta al re, e per un colpo d'archibugio cade a' suoi
piedi.

Il duca Carlo d'Alençon, primo principe del sangue, in vece di porgere
soccorso al re, si ritirò colla sua ala di cinquecento cavalieri[79],
«e fu il primo a vituperosamente fuggire[80]; se non fu maliziosamente
(dice il Bugati)[81], come tennero alcuni aspirando egli ad esser
re, morto che fosse il re Francesco». Tagliò il ponte di legno che
poco di sotto a Pavia era fabbricato a San Lanfranco, acciocchè non
l'inseguissero i cesarei. Perciò molti francesi, ivi giunti sulla
speranza di passarvi sicuri all'altra sponda, dovettero avventurarsi
ai gorghi del fiume e sommergervisi; poi vi erano a forza spinti dai
fuggitivi, che colla fiducia stessa correvano sulle loro traccie,
e vi si affogavano[82]. Gli Svizzeri, vedendo scoperto il loro
fianco sinistro per la ritirata del duca, e credendosi a tradimento
sacrificati all'odio dei Tedeschi di Frandsperg e Sith, che marciavano
loro incontro, non vi fu più modo di tenerli. Diespach disperatamente
si scagliò solo a farsi uccidere dai soldati di Frandsperg. Abbandonato
il re a pochi, perirono intorno di lui il maresciallo di Chaumont,
d'Amboise, Estore di Bourbon, il visconte di Lavedan, Francesco conte
di Lambesc, fratello del duca di Lorena e del conte di Guise, ed una
moltitudine di valorosi cavalieri. Il Bastardo di Savoia, gran maestro
di Francia, vi morì. Il maresciallo di Foix, col braccio fracassato e
mortalmente ferito, galoppava furiosamente per rinvenire l'ammiraglio
Bonivet, al quale attribuiva il disastro, per traforarlo col braccio
che gli rimaneva, e morire contento d'aver vendicato la Francia; ma
perdette tanto sangue, che cadde, e fu portato a Pavia, dove morì
nella casa della contessa di Scaldasole. Bonivet, vedendo perduta
ogni speranza, si scagliò quasi inerme fra i lanschinetti del duca
di Borbone, e si fece uccidere. Il duca di Borbone bramava di far
prigioniere Bonivet, e vedendolo steso morto esclamò: «Ah misero, tu
sei cagion della rovina della Francia e della mia!»

Il re, tenuto sempre di vista onde farlo prigione, rimase solo in
faccia de' nemici, avendo un parapetto di morti avanti di sè. Raggiunto
in un prato paludoso da un colpo di fucile, gli cadde finalmente
sotto il cavallo. Egli aveva due ferite in una gamba. Caduto che fu,
venne attorniato da un nembo di soldati tedeschi e spagnuoli; se lo
disputavano. Il re, ferito come era anche in fronte, combattendo a
piedi, si difendeva colla mazza di ferro. Per buona sorte sopraggiunse
il Lannoy, al quale egli si arrese prigioniero; e fu opportuno il di
lui arrivo, poichè altrimenti correva pericolo il re di essere fatto
in pezzi, tanta era la voglia che ciascuno aveva di possedere un tal
prigioniero. Due cavalieri spagnuoli, Giacomo ossia Diego d'Avila,
e Giovanni Urbieta Biscaino, conosciuto chi egli era, lo aiutarono
a salire a cavallo; ma il d'Avila gli tolse la spada e l'Urbieta la
collana del toson d'oro[83]. Il re rimase spogliato di quanto aveva
di prezioso. La di lui sopraveste fu squarciata in cento parti, e
i pennacchi dell'elmetto reale furono spaccati in minimi frammenti,
gloriandosi ciascuno di portare una memoria di così illustre presa.
Don Carlo Lannoy, smontato da cavallo, baciò rispettosamente la
mano al re inginocchiandosi; altrettanto fecero i primi signori che
ivi sopraggiunsero. Questa memorabile battaglia non durò due ore;
e rimasero in essa estinti novemila del campo francese. I feriti
e prigionieri furono, oltre il re di Francia, Enrico d'Albret,
re di Navarra, il gran Bastardo di Savoia, il principe di Lorena,
l'Ambricourt, Bonavalle, San Paolo, Galeazzo e Bernabò Visconti,
Federico Gonzaga da Bozzolo, Girolamo Aleandro, vescovo di Brindisi e
nunzio del papa, e varii altri signori. Degli imperiali solo mille e
cinquecento rimasero morti con due soli capitani di conto, cioè don Ugo
di Cardona e Ferrante Castrioto, marchese di Sant'Angelo.

Il re cristianissimo con molto rispetto fu condotto all'alloggiamento
del vicerè don Carlo Lannoy a San Paolo; dove, mediante le ferite,
scrisse alla duchessa d'Angoulème, sua madre, quella breve e terribile
lettera: «Signora, tutto è perduto, fuor che l'onore». Il duca di
Borbone presentò al re magnifiche vesti per disarmarsi; ed al pranzo
il vicerè Lannoy lo servì presentandogli il catino da lavar le mani,
il marchese del Vasto versò l'acqua, il duca di Borbone lo sciugatoio.
Il Borbone lasciava cader le lagrime, mirando prigioniero il re. La
sera il re volle che Lannoy e Vasto cenassero seco. Pescara venne
ad ossequiarlo senza pompa e con modeste maniere, e piacque al re
sopra ad ogni altro. Gli si concessero i suoi paggi, si ricuperarono
abiti, camisce e molte cose rappresagliate, che i soldati medesimi
generosamente presentarono, e fra queste una coppa d'oro, in cui soleva
bere il re, ed una croce d'oro che papa Leone gli aveva posta al collo
in Bologna, e così venne nobilissimamente trattato come se fosse stato,
non che libero, ma nella stessa sua reggia[84]. Tre giorni stette
nel monastero di San Paolo il prigioniero Francesco I; indi il 28 di
febbraio fu condotto nella fortezza di Pizzighettone, e collocato nella
Rocchetta, col gran maestro di Francia, il duca di Montmorenci, ove
dimorò sino al 18 maggio. Così il Grumello[85]; il quale aggiunge che
ne' giorni che ivi stette, sintanto che venissero da Spagna gli ordini,
il re giuocava _a varii giochi et maxime al ballono_. Il Muratori, ne'
suoi Annali, ne accerta altresì che al re Francesco furono concessi
«per sua compagnia venti de' suoi più cari, scelti da lui fra quelli
ch'erano rimasti prigionieri[86]». Una vittoria così compita, con tanta
strage dell'esercito francese, e poca perdita degl'imperiali, è troppo
naturale che producesse quanto afferma il Bugati[87], vale a dire che
«tutto il campo francese restasse in preda de' soldati, et più de gli
Spagnuoli, per cotal vittoria fatti sì ricchi et sì insolenti, quanto
altra fiera milizia che più fosse in Italia, minacciando apertamente
di cacciar di Stato il duca di Milano, se presto non gli soddisfaceva
di quante paghe dovevano avere»; e che i Francesi abbandonassero Milano
in un momento. Anzi v'è chi scrisse che il grido di questa vittoria fu
tale, che nel giorno medesimo restò libera dai Francesi, non solo la
città, ma tutto il ducato. Giunta a Madrid la gran nuova della presa
del re cristianissimo e della disfalla terribile del suo esercito, il
re augusto Carlo V non permise che si facesse pubblica allegrezza, ed
ei medesimo non seppe contenersi a segno, che meritò l'ammirazione:[88]
_Nullam ex more gratulationem publice fieri passus est, nec ipse
laetitia exultavit, sed gaudium moderate pro sua gravitate tulit_[89].
Il Tegio riporta la traduzione della lettera che la reggente Luisa,
madre del re, scrisse a Carlo V in quella occasione, ed è come segue:
«A monsignor mio buon figlio l'imperator Carlo. — Monsignore mio buon
figlio, dopo che io ho udito e saputo da questo gentiluomo presente,
portatore di questa mia, la fortuna la quale è occorsa a monsignore
il re mio figlio, io rendo grazie a Dio di questo ch'egli sia capitato
nelle mani di quel principe del mondo che io più amo, sperando che la
imperiale Maestà vostra ne debba tenere quel buon conto per lo mezzo
del sangue, confederazione e lignaggio il qual è tra voi e lui, et in
caso che questo avvenga (come io tengo per certo) ne seguirà un gran
bene et universale a tutta la cristianità dall'amicizia e riunione di
voi due; e perciò, mio signore e figlio, io vi supplico che lo abbiate
per raccomandato, e che in questo mentre comandiate che egli sia ben
trattato come il grado vostro e suo lo richiede, e commettiate che
egli sia servito in tal maniera ch'io possa spesso intendere del suo
ben stare e della sua sanità, e così facendo, voi vi obbligherete una
madre, la quale d'ogni ora voi avete così nomata: et ancora vi prego
che ora voi vi mostriate padre per affezione, come io a voi madre per
dilezione. Da San Giusto in Lione, il terzo giorno di marzo 1215. — La
vostra humil madre Lovisa». Fra i prigionieri fatti in questa battaglia
di Pavia, il principe di Bozzolo Federico Gonzaga, corrotte le guardie,
si pose in salvo. Il conte di San Paolo, principe del sangue, creduto
morto, venne mutilato da un soldato imperiale col taglio dì un dito
per levargli un anello; il dolore gli fece dar segni di vita, e potè
palesare al soldato chi egli era, il quale per godere solo del prezzo
del riscatto, lo custodì incognito, lo guarì dalle sue ferite, e
l'accompagnò in Francia. Il marchese di Pescara avea comprato dai
militi cesariani il re di Navarra per settemila scudi, e lo teneva suo
prigioniero nel castello di Pavia, cercando settantamila scudi per il
riscatto. Ma i fratelli Lonate, gentiluomini pavesi, colle scale di
corda, lo liberarono; indi lo scortarono con cavalli e servi sino in
Francia. Essi perdettero la patria; il re diede loro nella Francia con
che vivere[90].

Tanta felicità delle armi cesaree eccitò ben presto negli animi
di quasi tutti i principi d'Italia un ragionevole timore d'essere
l'uno dopo l'altro oppressi e soggiogati dal vicino esercito; ond'è
che, dopo varii ripieghi, specialmente progettati tra Clemente VII
ed i Veneziani, stimò più opportuno il pontefice di stabilire una
concordia cogli imperiali per mezzo di Gian-Bartolameo da Gattinara,
ministro di cesare in Roma, restando conchiuso quest'accordo il 1.º
di aprile 1525, pubblicato poi nel dì 10 di maggio dello stesso anno.
Le condizioni principali di questo trattato, nel quale fu compreso
Francesco Sforza qual duca di Milano, furono la scambievole difesa del
ducato di Milano e degli Stati pontificii, compresa Fiorenza coi Medici
che vi dominavano, e la contribuzione di centomila ducati da darsi
dai Fiorentini, con che le truppe cesaree partissero dai quartieri
occupati nelle terre di Parma e Piacenza. I Veneziani, ai quali era
stato lasciato il luogo d'entrarvi, intese le mire del re inglese
di collegarsi colla regina, madre del re prigioniero, sospesero di
determinarsi ad alcun partito. Frattanto gl'insorti lampi di speranza
per la tranquillità dell'Italia lasciavano luogo a qualche angustia
d'animo ne' ministri cesarei sulla sicurezza del re Francesco in
Pizzighettone. Infatti il Lannoy ragionevolmente sospettava che il
re da Pizzighettone non venisse o tolto per subornazione di qualche
generale, o per tumulto de' soldati, mal pagati e vinti dalla umanità
del re, o per effetto di qualche unione de' principi italiani, e
singolarmente dello Sforza, il quale poteva acquistarsi un sicuro
godimento dello Stato col liberare Francesco I, o coll'opera del
duca di Borbone, che potevasi riconciliare con tale beneficio. Forse
questi sospetti del vicerè Lannoy accelerarono nell'animo di Carlo
V la risoluzione di volere al più presto in Ispagna tradotto il re
prigioniero. Lannoy, vedendo il re impaziente della sua liberazione,
colse l'opportunità di persuadergli che in un'ora di colloquio
coll'imperatore si sarebbe terminato ciò che portava degli anni,
trattato ministerialmente. Quindi fecegli desiderare di andare in
Ispagna. Tutto fu segretamente concertato, fingendosi di condurlo a
Napoli per custodia più sicura. Venne destinato a scortare il re in
Ispagna, a preferenza del marchese di Pescara, a cui principalmente
dovevasi la insigne vittoria di Pavia. Preferenza ingiuriosa, e che
perciò produsse nel Pescara una palese malcontentezza di cesare,
ed un'inimicizia aperta col Lannoy, da cui poscia derivarono gravi
conseguenze. «Pertanto, sul fine di maggio, scrive il Muratori[91],
scortato esso re da trecento lance e da quattromila fanti spagnuoli,
fu menato a Genova, dove, imbarcatosi con dieci galee genovesi ed
altretante franzesi, ma armate dagl'imperiali, in compagnia del vicerè
Lanoy, arrivò poscia a Madrid»; dopo però di essere stato per qualche
tempo rinchiuso nella fortezza di Xsciativa nel regno di Valenza,
dove i re di Arragona anticamente custodivano i rei di Stato, siccome
è concorde testimonianza degli altri storici. Il capitano Alarçon
fu assegnato custode del re, da quando, prigioniero, fu tradotto a
Pizzighettone, fino al termine del suo destino in Madrid. La permanenza
del re in Pizzighettone fu di settantanove giorni, quanti se ne
contano dal giorno 28 febbraio sino al 18 maggio, in cui accadde il suo
trasporto in Ispagna[92].

Il papa Clemente VII, poco fidando nella precaria convenzione di Roma,
cominciò a temere che Carlo V, coll'occasione di venire ad essere
incoronato, non s'impadronisse della Romagna, e fors'anco della stessa
Roma, facendo rivivere le antiche pretensioni; il che non poteva avere
ostacolo, singolarmente colla dominazione ch'egli avea del regno di
Napoli. Il papa anche temeva per Firenze, la quale era già divenuta
una signoria della casa Medici. I Veneziani erano pure atterriti
da una tanto prevalente grandezza dell'imperatore, e temevano che
non cercasse di rivendicare le città della terra ferma, altre volte
costituenti parte del ducato milanese. In queste circostanze era in
Roma ambasciatore di Francia Alberto Pio, conte di Carpi, signore di
nascita illustre, al quale i cesarei avevano usurpato la contea; uomo
di molta sagacità ed eloquenza, e pratico de' politici affari. Questi,
con intelligenza della duchessa d'Angoulème, madre del re prigioniero,
gettò i primi fondamenti d'una lega per opporsi alla dominazione
dell'imperatore nell'Italia. Tutto si maneggiò segretamente. Il papa
ed i Veneziani non bastando, si tentò di far entrare nella lega il
re d'Inghilterra Arrigo VIII. Gl'interessi del re sarebbero stati
di unirsi anzi con Carlo V, e mentre era il re di Francia di lui
prigioniero, smembrare la Francia, togliendone la Provenza in favore
del duca di Borbone, e la Brettagna ed altri Stati pretesi dalla
corona d'Inghilterra, invadendoli contemporaneamente Arrigo stesso.
Così veniva depressa per sempre la potenza dei rivali francesi,
ed assicurato il dominio dell'Italia a cesare. Ma le pubbliche
mire cedettero anche allora, come suole comunemente accadere, alle
passioni personali. Era il re Arrigo VIII sdegnato contro di cesare,
perchè, avendo Carlo V sposata, d'anni sette, la principessa Maria
d'Inghilterra, sua figlia, non la volle dappoi per moglie, preferendole
Isabella, figlia del re di Portogallo, e come dice Sepulveda[93]:[94]
_Propter injuriam neglectae filiae, quam Carolo citra legittimam et
maturam aetatem cum spopondisset, non ille quidem neglexit, sed justis
de causis Isabellae, Portugalliae regis Emmanuelis filiae, posthabuit._
Quindi è che Arrigo s'unì col papa, co' Veneziani, co' Francesi per
far argine alla troppo estesa potenza dell'imperatore. Fattasi la lega,
che si volle chiamare santa, per esservi alla testa il papa, cominciò
questa col dare al re prigioniero consigli veramente poco santi, benchè
utili per quel momento:[95] _Nullum fidem, nullum jusjurandum, nullos
obsides dare recuset, modo se vindicet in libertatem; facile enim
fore jurisjurandi veniam a pontifice maximo, principe conspirationis,
qui hanc ipsam veniam ultro deferat, impetrare_: così il succennato
Sepulveda[96].

Carlo V venne in chiaro della lega per avere i collegati tentato
di trarre dal loro partito Fernando d'Avalos, marchese di Pescara,
vincitore del re Francesco, il quale a quel tempo era malcontento
dell'imperatore, perchè, senza riguardo ai segnalati servigi da
lui resi alla corona, avea confidato al Lannoy la custodia e la
trasmissione a Madrid del re di Francia. Anzi si era lasciato credere
al Pescara, che da Genova il re si dovesse trasportare a Napoli; nè
egli seppe il destino del re, se non quando lo seppe ognuno. Questa
diffidenza e questa ingratitudine di Cario V avevano lacerato l'animo
sensibile del marchese di Pescara. Il marchese era italiano; e la
nazionale gelosia tra Spagnuoli ed Italiani fu la cagione di un mistero
inopportuno ed ingiurioso. Perciò Girolamo Morone, gran cancelliere del
ducato ed intimo consigliere del nostro duca, uomo di molta eloquenza,
dignità e dottrina[97], fu dai collegati incaricato ad aprire discorso
col marchese di Pescara. Sepulveda ne riferisce il transunto[98].
Ricordò il Morone al Pescara, che a gran proposito era l'occasione;
che tutti i principi italiani erano pronti a far causa comune per la
patria; che altro non mancava se non un capitano d'animo, di cuore, di
sperienza, di celebrità, degno d'essere posto alla testa di un'armata;
che il marchese di Pescara era quegli che ciascuno eleggeva; che il
servigio ch'egli avrebbe reso all'Italia, oltre la gloria, non sarebbe
stato senza degna mercede, poichè, scacciati i barbari, nè rimanendo
più alcun dominio straniero in Italia, ed assicurato Francesco Sforza
e stabilito libero duca di Milano, il premio dell'invitto marchese
sarebbe stato il possedimento del regno di Napoli[99]. «Non è dubbio,
prosiegue il Guicciardini[100], che tali consigli sarebbero facilmente
succeduti, se il marchese di Pescara fosse in questa congiunzione
contro Cesare proceduto sinceramente». Il marchese di Pescara ascoltò
la proposizione con apparente favore; soltanto mostrò d'avere avanti
gli occhi la fortuna e la potenza di Carlo V, e le difficoltà da
superarsi. Si protestò interessantissimo per la salute della patria.
Per lo che il Morone gli svelò il piano della lega già fatta fra il
papa, i Veneti, i Fiorentini, lo Sforza, il re Arrigo d'Inghilterra
ed il regno di Francia. Il Pescara destinò di tenerne più comodamente
discorso in casa, attesochè questo primo cenno se gli era dato sulla
spianata del castello di Milano. Ma diffidando egli di un'impresa
dipendente da tanti interessi combinati e facili a sciogliersi, concepì
il piano di comparire fedele all'imperatore, ed ottenere in premio il
ducato di Milano, col pretesto della fellonia di Francesco Sforza[101].
All'intento quindi di aver le prove dell'ordita trama, nascose Antonio
De Leyva dietro i parati della stanza, ed ivi insidiosamente indusse
Morone a palesargli il piano della lega. Comunicato il fatto a cesare,
questi lodò la condotta del marchese di Pescara, il quale, per non
romperla col Morone, mostrossi pronto, soltanto che venissero tolte
le inquietudini ch'egli provava internamente col tradire l'imperatore
che lo stipendiava; al che si tentò dal papa di rimediare.[102]
_Pontifex, fallacibus quibusdam, sed a juris specie ductis argumentis,
Marchioni persuadere nititur id facinus ab ipso pie atque sancte
patrari posse_[103]. Gli ordini di cesare volevano che venisse
imprigionato il Morone per aver giuridicamente le prove della lega,
e soprattutto contro il duca Francesco Sforza. In questo mentre si
ammalò il marchese in Novara, e chiamò a sè il Morone, _nella persona
del quale si può dire che consistesse l'importanza di ogni cosa_[104].
Il Morone che se ne diffidava, e di cui aveva detto al Guicciardini
«non essere uomo in Italia nè di maggiore malignità, nè di minor fede
del marchese di Pescara», volle un salvo condotto da lui; il quale,
poichè ebbe ottenuto, in compagnia di Antonio de Leyva, cavalcò a
Novara il giorno 14 di ottobre 1525. Visitato che ebbe il marchese e
congedatosi da lui, mentre il Morone salutava il Leyva nell'anticamera
per andarsene, questi gli disse: «Venite a casa con noi»; il Morone
ringraziò dell'invito; il Leyva ripigliò: «Voi ci verrete, essendo
prigioniero dell'imperatore[105]». In tutto questo fatto il Pescara
si disonorò. Egli adoperò l'industria d'uno sbirro, anzichè mostrare
l'animo nobile e franco d'un illustre capitano. Proposizioni di
cotal fatta o non si dà luogo a farle, o, fatte, si accettano, o,
dispiacendo, la lealtà vuole che diasi avviso di abbandonare il
progetto, o di doverlo altrimenti palesare. Carlo V non ebbe torto
diffidando del Pescara. Chi è capace di servire da sbirro, è capace
di mancar di fede[106]. Il marchese di Pescara morì poi il 3 dicembre
di quell'anno, di morte sospetta[107]. Il duca Francesco Sforza spedì
a Novara il senatore Jacopo Filippo Sacco per ottenere la libertà del
suo gran cancelliere ch'egli dichiarava innocente verso l'imperatore;
ma il Pescara fieramente rispose, che Morone era reo, e che reo era non
meno Francesco Sforza. Datosi principio agli esami, nei quali, per via
di tormenti si venne in chiaro di ogni disegno de' congiurati[108];
e poscia da Novara tradotto il Morone a Pavia, quivi in presenza del
Pescara e del Leyva furono compiti i processi; la risultanza de' quali
fu che il Morone fosse condannato a perdere la testa. Nelle memorie
manoscritte del Morone trovasi l'apologia ch'ei fece di sè medesimo
colla data del 25 ottobre, undici giorni dopo la sua carcerazione.
Mostra dapprima che, non essendo egli nè vassallo nè suddito
all'imperatore, ma bensì del duca di Milano, non poteva riconoscere
nel Pescara e nel Leyva veruna legittima giurisdizione sopra di sè.
Poi, ricordando d'essere suddito non solo, ma gran cancelliere del
duca, dichiara che senza una perfidia manifesta e una infame violazione
de' suoi doveri, ei non poteva svelare i segreti del suo naturale
sovrano. In séguito espone un prospetto della vita propria e della
condizione presente degli affari pubblici; e con tanta energia, con
tanta evidenza si difese, che, giunto a morte il marchese di Pescara,
ordinò nel testamento all'erede marchese del Vasto, di supplicare Carlo
V per la liberazione del Morone. Ma il tardo buon volere del Pescara
poco avrebbe giovato a scampare il Morone dalla morte, se non fosse
venuto in pensiero al duca di Borbone, tornato di recente in Italia,
di mettere a prezzo il di lui riscatto; onde gli offerse la libertà
mediante il pagamento di ventimila ducati. L'irregolarità del giudizio
e l'improvvisa proposta fecero credere al Morone che tutto fosse una
finzione, ma sentendo che erasi già eretto il palco per la esecuzione
della capitale sentenza, pagò, e fu liberato dal carcere. La carica
però di gran cancelliere venne trasferita nel conte di Landriano,
Francesco Taverna.

Questa pericolosissima sciagura del Morone ebbe origine dallo sdegno
per le esorbitanti vessazioni con cui l'armata imperiale smungeva
lo Stato di Milano. Francesco Sforza non aveva che il nome di duca,
sebbene l'imperatore avesse preso le armi per lui. L'imperatore avea
posto un tributo di centomila ducati sul milanese, indi chieste somme
esorbitanti allo Sforza per l'investitura[109]. Inoltre il duca,
vedendo vessati sopramodo i suoi sudditi dall'esercito cesareo, avea
fatto un accordo col marchese di Pescara di pagargli altri centomila
ducati, con che, represse tutte le estorsioni, si prendesse egli la
cura di provvedere l'esercito di viveri e di stipendi[110].

La somma di queste disavventure ed oppressioni del duca Francesco si fu
che, giovandosi il marchese di Pescara ed Antonio de Leyva dei progetti
manifestati da Girolamo Morone, fecero, in un congresso tenuto in
Pavia, sentenziare di fellonia il duca Sforza, dichiarato sovrano del
milanese l'imperatore Carlo V. In conseguenza della quale dichiarazione
il marchese di Pescara fece domandare allo Sforza il castello di
Milano, quello di Cremona ed altri, presidiati dal duca. Il povero duca
appena cominciava a riaversi da una malattia mortale, quando gli venne
fatta sì terribile intimazione dall'abate di San Nazaro. Ricusò egli
di dare al Pescara i due nominati castelli: bensì accordò gli altri, e
disse che se l'imperatore voleva anche quelli, e a lui fosse constato,
non solamente i castelli, ma lo Stato eziandio e la vita gli avrebbe
dato; ch'egli era sempre stato ed attualmente era innocente e fedele
a cesare, e sperava che tale sarebbesi fatto conoscere. Si lagnò del
suo destino, che, bambino ancora, lo aveva portato esule lontano dalla
patria, colla prigionia e rovina del padre; poi, ricuperato appena lo
Stato nella sua adolescenza, il re di Francia ne lo aveva balzato.
Finalmente, fatto prigione il re, mentre credeva veder pacifici
i sudditi e ristorati dai sofferti lunghi danni, mentre credevasi
tranquillo, ecco una mortal malattia, ecco una calunnia a rovinarlo.
A malgrado di siffatte querele il marchese di Pescara volle entrare
in Milano. Lo Sforza chiedeva soltanto che si aspettasse la risposta
di Sua Maestà cesarea; che se quella comandava che egli fosse privato
dello Stato, era pronto a tutto cedere. Il Pescara ricusò di aspettare,
mandò tremila tedeschi ad assediare il castello, ove il povero duca
s'era ricoverato, e da mille altri tedeschi e cinquecento spagnuoli
fece occupare Cremona[111]. I nostri cronisti proseguono a dire che il
duca, assediato nel castello di Milano, faceva spesse sortite con grave
danno de' cesariani, mentovando un curioso cambio di prigionieri: il
duca rimise liberi cinquanta lanschinetti per cinquanta vitelli[112].

In queste turbolenze e desolazioni dello Stato di Milano, la disegnata
lega pensava seriamente a prevenire il pericolo di divenire bersaglio
delle vendette di cesare, e cesare stesso non ne ignorava gli sforzi
ed i pericoli; laonde, per allontanare il turbine che andavasi
formando, rivolse l'animo a trarre il pontefice in una nuova alleanza
per distaccarlo della contraria; il che tuttavia non ebbe effetto per
volersi troppo pretendere da ambi le parti. Uno però degli accordi più
importanti a quest'oggetto fu il trattato conchiuso della liberazione
del re Francesco, mosso l'imperatore a ciò fare dal vedere collegati
contra di sè tutti i principi d'Italia. Ma l'affare, per la esorbitanza
delle condizioni, andò lento. «Perciò, scrive il Muratori[113], esso
re, mal sofferendo questa gran dilazione, e forse più per non averlo
mai l'imperadore degnato di una visita, cadde gravemente infermo,
sino a dubitarsi di sua vita. Allora fu che l'augusto Carlo, non per
generosità, ma per proprio interesse, andò a visitarlo, e di sì dolci
parole e belle promesse il regalò, che a questa sua visita fu poi
attribuita la di lui guarigione». È qui da notarsi col Guicciardini
che Carlo V operò col suo prigioniero, come Ponzio Sannita co' Romani
alle Forche Caudine. Non l'oppresse nè lo trattò con generosità.
Conveniva o lasciar libero il re Francesco colla generosità di un gran
monarca, scortandolo con pompa ed onore sino a' suoi confini, senza
condizione alcuna e senza fasto insultante; ovvero conveniva tenerlo
prigioniero, e frattanto invadere la Francia, staccarne porzione pel
duca di Borbone, invitare Enrico VIII a staccarne altrettanto; indi
lasciare sul rimanente del regno un re liberato dalla prigionia e
tributario dell'imperatore. Carlo V prese il partito di mezzo, che
riuscì, come sempre, il peggiore. Vi fu chi gli consigliò il primo
generoso spediente; ed il parere di quell'accorto politico fu ricusato
come un'idea romanzesca dalla pluralità del consiglio di Stato. La
condizione de' monarchi è tale, che debbesi ascrivere a molta lode
dell'imperatore Carlo V che avesse uno nel suo consiglio capace
di pronunziare una tale opinione. In vece si ritenne prigioniero
il re; ebbe questi a soffrirne due malattie, dovette sopportarne
molte umiliazioni, sottoscrisse un trattato vergognoso, e a Carlo
V non lasciò poi che una carta inutile, scritta da un inimico
irreconciliabile. (1526) «Nel giorno adunque 17 di gennaio (epilogherò
questa grand'epoca colle succose parole del Muratori)[114] dell'anno
1526, e non già di febbraio, come ha il Guicciardino e il Belcaire,
suo gran copiatore, seguì in Madrid la pace fra que' due monarchi, con
aver ceduto[115] il re a cesare tutti i suoi diritti sopra il regno
di Napoli, Milano, Genova, Fiandra ed altri luoghi, e con obbligo di
cedergli il ducato della Borgogna con altri Stati; per tacere tante
altre condizioni, tutte gravosissime al re cristianissimo. Il gran
cancelliere Mercurino da Gattinara, siccome quegli che detestava sì
fatto accordo, ben prevedendo quel che poscia ne avvenne, con tutto
il comando e l'indignazione di cesare, non volle mai sottoscriverlo,
allegando non convenire all'uffizio suo l'approvar risoluzioni
perniciose alla corona. Il tempo comprovò per vero il suo giudizio. Fu
poi nel principio di marzo (altri vogliono il giorno 21 di febbraio)
condotto il re fino ai confini del suo regno, e rimesso in libertà;
consegnati per ostaggio a Carlo V il Delfino e il secondogenito del
cristianissimo, finchè fosse, entro un tempo discreto, data piena
esecuzione al concordato, con obbligarsi il re di tornare personalmente
in prigione quando non si eseguisse».



CAPITOLO XXV.

_Francesco II Sforza bloccato nel castello di Milano. Sollevazioni e
stato miserabile de' Milanesi. — Campo della lega a Marignano. Morte
del Borbone, e saccheggio di Roma. Disfatta de' Francesi. Pace di
Cambrai._


(1526) Continuava il duca Francesco Sforza a starsene bloccato nel
castello di Milano, d'onde coll'artiglieria, non che colle uscite,
inquietava gli assedianti. Nella città comandavano Antonio de Leyva
e Alfonso d'Avalo marchese del Vasto, succeduti al Pescara, e anche
l'abate di San Nazaro. La plebe amava il superstite, unico rampollo dei
principi sforzeschi. La sua bontà, il valore che aveva dimostrato, la
memoria delle guerre e dei mali sofferti sotto un'estranea dominazione,
la serie delle sue sventure, la oppressione in cui tenevasi, tutto
disponeva l'animo del popolo ad odiare i cesariani. S'aggiunse la
vessazione incessante colla quale il Leyva ed il marchese del Vasto
imponevano taglie, oltre il peso dell'alloggio degli indiscretissimi
soldati. Per lo che, saccheggiate le terre, esausti i sudditi,
emigrati i coloni, tutto portava all'impazienza, onde colla forza
rispingere la forza. Così accadde; e forse correva il pericolo di una
totale distruzione l'armata cesarea, se i nobili avessero secondati
i movimenti popolari, invece di reprimerli. Il giorno 24 aprile del
1526 cominciò a rumoreggiare la plebe verso il _Cordusio_, per avere
i fanti della guardia di corte commesse delle violenze nella casa di
un popolare, il quale discacciò a sassate. I fanti vennero soccorsi
da altri compagni, e vicini si unirono all'armi; si fece un grido nel
contorno: _All'armi, all'armi_, e si dilatò. Il giorno 25 il movimento
divenne maggiore; la plebe sforzò le porte della corte, e poichè erano
chiuse, le bruciò; rimasero molti morti, dal castello si fece una
sortita, gli Spagnuoli erano confusi. Un solo uomo di autorità si pose
a governare il movimento popolare, e fu messer Pietro da Pusterla,
il quale fu forse il solo nobile che prese questo partito: così il
Burigozzo. Accerta poi il Grumello che il popolare derubato al Cordusio
era un artigiano sellaro; che venne dal popolo saccheggiata la corte;
bruciate tutte le carte che vi si trovavano; forzate le carceri, e
data la libertà ai prigionieri. Antonio de Leyva e il marchese del
Vasto si appiattarono ne' loro alloggiamenti in porta Comasina, facendo
barricare con carri le strade all'intorno, presidiandole e ponendovi
artiglieria. Il popolo tutta la notte fu in armi, e alla più larga
imboccatura delle strade barricate con grande animoso impeto si spinse;
ma i cannoni obbligarono a piegare. Dal castello fecero un'uscita gli
sforzeschi verso porta Vercellina, ma la sostennero i tremila tedeschi
che custodivano il passo. Le truppe cesaree ch'erano di fuori, parte
chiamate, parte accorse all'annuncio del tumulto, irruppero nella
città, e la strada chiamata _dell'Armi_ (ossia _degli Armorari_)
perchè vi si trovavano molle officine e fondachi d'armi, in allora
doviziosissimi, posero a sacco[116]. S'interpose Francesco Visconte,
uomo di somma autorità, e venne fatto in nome di cesare un proclama,
per cui dichiarossi che non si sarebbero mai più imposte taglie, che
non si sarebbe castigato alcuno pel tumulto seguito, nè posto quartiere
in città per nessun soldato, fuori che la guardia del castello; che
nessun lanschinetto sarebbesi veduto girare per la città, se non per
necessità, ed unicamente colla spada e nessun altr'arme.

I capitoli per timore accordati dal Leyva e dal marchese del Vasto
non potevano rendere affezionato il popolo ai soldati, nè questi al
popolo; e la memoria delle violenze usate, e della pertinace ostilità
per cui si teneva bloccato il duca, teneva pronti ad avvampare di nuovo
i principii di una guerra civile. Una sera, andando Antonio de Leyva
per la contrada de' Bigli, vide un giovane con un giubbone di velluto
verde, e gli disse: _Che fai qui? vieni con me._ Il Leyva era scortato
da sessanta fucilieri. Il giovane rispose che non voleva altrimenti
venire, e si pose in fuga; i satelliti del Leyva lo uccisero. Un
altro giovane, sentendo il rumore, uscissene di casa colla spada, e
venne pure ucciso dai satelliti; altri concorrendo, si fece un grido:
_Italia, Italia!_ Il dì 16 di giugno il tumulto fu assai grande, e
tutta la notte fu la città sulle armi, e si sparse sangue alla Scala
e in porta Vercellina, e si fecero barricate attraverso le vie della
città con travi, fascine, botti, ec.; e la domenica, 17 giugno, essendo
gli Spagnuoli collocati sul campanile del Duomo, d'onde facevano i
segnali, la plebe si avventò contro la guardia di corte, ed il capitano
di essa, fingendosi favorevole ai Milanesi, diede loro _il Santo_,
col quale contrassegno li assicurò che quei del campanile l'avrebbero
consegnato senza opporsi. La plebe credette, e spedì un certo Macasora,
il quale salì, credendosi sicuro col nome del Santo; ma in riscontro
ebbe un'archibugiata, che lo distese morto: il che veduto dal popolo,
tanto sdegno prese pel tradimento, che, posto gran fuoco sotto di
quella torre, arrostì coloro che la presidiavano, indi s'impadronì
del capitano, e lo ammazzò tra il campanile e la guardia di corte. Vi
rimasero morti cent'otto soldati. Gli Spagnuoli diedero fuoco a diversi
quartieri della città, alla Scala, alle Cinque Vie, al Bocchetto. La
plebe allora si smarrì, tanto più che non aveva alcuno alla testa che
la reggesse; e molti cittadini, entrati nelle stalle del marchese del
Vasto, montarono su quei cavalli e fuggirono lungi da Milano. Pareva
Troia. Ardeva molta parte della città, ciascuno era occupato a salvare
la sua roba, gli spagnuoli ed i lanschinetti rubavano e disarmavano:
tutto era rovina[117]. Il Bugatti così descrive la situazione della
nostra città circa questo tempo: «Stava allora la città di Milano tutto
sotto sopra, essendo ogni giorno i Milanesi alle mani cogli Spagnuoli
et coi Tedeschi, per le insopportabili gravezze et mali portamenti,
in maniera che per tre notti (per intervallo di qualche giorno) si
combattè continuo, aiutando i suoi fin le donne dalle finestre......
Raffreddati i petti de' Milanesi, et deposte le armi per aver promessi
il Leyva e il Vasto di non imporre al popolo più gravezza, pian piano
detti capitani astutamente fecero venire alla città il restante delle
copie loro, sparse per varii luoghi dello Stato, et rompendo ogni
fede, accrebbero le taglie maggiori ai mercanti et a tutti quelli
che parve loro, eseguendo i soldati proprii le commissioni: il che fu
cagione che rinnovarono i tumulti, e si venne all'arme. Ma assaltata
la città davanti et da dietro, cioè da quelli dell'assedio et della
nuova milizia entrata, che prese le porte, stettero sotto i Milanesi,
parte banditi, altri proscritti, altri imprigionati, altri tormentati
et altri assassinati; di sorte che non fu ingiuria, oltraggio, danno
et crudeltà che i Milanesi non soffrissero dagli Spagnuoli et da
Tedeschi[118]».

Fino dal giorno 17 maggio 1526 erasi fatta la lega in Cognac fra
il papa, il re di Francia ed i Veneziani, per liberare l'Italia da
tante ostilità, ricuperare il ducato di Milano Francesco Sforza, e
ridurre in libertà i figli del re, ostaggi di Carlo V. Abbiamo da
Sepulveda[119] che Francesco I, appena liberato dalla prigionia e
giunto nel suo regno, trovò un breve del papa, in cui, dopo essersi
rallegrato della sua liberazione, lo esorta che, siccome ha ricuperato
coll'integrità del regno la libertà del corpo, così doveva riprendere
la libertà dell'animo, al fine di provvedere alla dignità e al comodo
proprio, e al bene pubblico del regno; che se nel tempo della sua
prigionia avesse fatta qualche promessa per forza o per timore,
quella non era da attendersi:[120] _Qua in re, ne forte, impeditus
religione, timidius ageret, se illum jurejurando; si quod forte
Carolo ad suam fidem adstringendam dedisset, auctoritate apostolica
liberare; proinde quasi re integra, nullo jurejurando, nulla fide
data, fortiter de suis rebus statueret. Multa praeterea in hanc, ut
gentium, sic divino juri adversam sententiam, mandatis, per epistolam,
addit, omnia persecutus quibus ille ad negligendum jus gentium,
fallemdamque fidem produci posse videretur._ Il re, contentissimo
per questo breve, aderì alla lega, approvò quanto aveva fatto il
suo ambasciatore in Roma Alberto Pio; e, caldo per la voglia che si
scacciassero onninamente dall'ltalia tutti gli spagnuoli e cesarei,
accondiscese a questo ancora:[121] _Ne Gallo quidem regi illum esset in
Italos imperium, sed annuis tributis esset contentus aureorum millium
quinquaginta, quae ipsi a duce Mediolanensi, septuaginia vero quae a
rege neapolitano, Italorum suffragio deligendo, penderentur_[122]. Il
giorno 24 di giugno, dedicato a San Giovanni Battista, giorno solenne
per Firenze, patria e sovranità del papa, era destinato dalla santa
lega a portar la guerra nel milanese, per soccorrere il duca Francesco,
rinchiuso nel castello di Milano già da sette mesi. Il duca d'Urbino,
Francesco Maria, comandava le truppe de' Veneziani, e Giovanni Medici
le pontificie. Clemente VII però non volle comparire aggressore, e
scrisse a Carlo V un breve, rammemorandogli le attenzioni che gli
aveva usate, le ingiurie che da esso aveva sofferte, il mancare ai
trattati, l'ambizione di conquistare l'Italia, e turbare la pace de'
cristiani, torti ch'egli attribuisce all'Imperatore, dicendo che,
dopo d'avere senza alcun profitto tentata ogni via per calmarlo,
costretto, suo malgrado, a prendere le armi, attestava Dio che lo
esortava a pensare a dar pace, ed ascoltare sentimenti più umani, e
provvedere alla propria fama. Questo breve venne spedito al nunzio
presso di cesare, ch'era l'elegante prosatore e poeta Baldassare
Castiglione. Tre giorni dopo il papa si pentì d'aver fatte delle
accuse insussistenti:[123] _Et alteram epistolam mittit aequiorem
et moderatiorem perpaucis verbis in eamdem sententiam sed calumniis
ex parte sublatis_, acciocchè, se era in tempo, sopprimesse il primo
breve e presentasse quest'ultimo; ma il Castiglione aveva già eseguito
il primo comando. L'imperatore pubblicò la lettera del papa e la
risposta, la quale conteneva che non era stato superato dai benefizi
del papa; anzi nulla aver fatto il papa che non contenesse l'utilità
del papa istesso. Avere santamente osservato cesare i trattati. Aver
sempre operato per la tranquillità e la pace fra i cristiani; non mai
aver fatto la guerra se non provocato. Si maravigliava come il sommo
pontefice facesse menzione di turbamento della pubblica pace, non
mentre ch'ei stesso, in mezzo alla quiete universale, aveva sollecitate
le città e i principi cristiani alla guerra, e il re di Francia a
violare i trattati e gli stessi giuramenti; la qual sorta di consigli
non pareva si dovesse aspettare da quello che rappresenta il vicario
di Cristo, autor della pace. Finalmente rispondeva che, se il papa
brama la pace, ciò dipende da lui; lasci le armi che ha imbrandite a
danno proprio e dei suoi, e l'imperatore si dichiara pronto ad ogni
equa condizione di pace. Se poi, invece di voler la pace, persiste a
promuovere il disordine, l'imperatore se ne appella al futuro sacro
ecumenico Concilio, e prega il sommo pontefice, in un tempo che lo
rende necessario alla religione per le dissensioni teologiche, e alla
repubblica cristiana per la sua tranquillità, a volerlo convocare; e
ne lo prega in nome di Dio immortale, che se ricusava d'ascoltarlo,
cesare, autorizzato dal rifiuto e dalle leggi, si sarebbe servito del
suo potere per porre rimedio a tanti pubblici mali. Tale è il transunto
del cesareo manifesto che allora venne pubblicato, e che si riferisce
dal Sepulveda[124].

Durante questo carteggio tra il papa e Carlo V, i Veneziani,
comandati dal duca d'Urbino, presero Lodi per sorpresa, e con segreta
intelligenza di Lodovico Vistarini, stipendiato cesareo, che tradì il
suo padrone. I Pontificii a tale annunzio passarono il Po a Piacenza e
si unirono coi Veneti; e tutti di concerto posero il campo a Marignano.
Frattanto i cittadini milanesi, spogliati delle armi e costretti ad
alloggiare nelle loro case i soldati, che ne depredavano a man salva
ogni cosa, furono ridotti a tali estremi, che non rimaneva altro
rimedio, fuorchè «cercare e fuggirsi occultamente da Milano, perchè
il farlo palesamente era proibito. Onde, per assicurarsi di questo,
molti dei soldati, massimamente spagnuoli, perchè nei fanti tedeschi
era più modestia e mansuetudine, tenevano legati per le case molti de'
loro padroni, le donne e i piccoli fanciulli, avendo anche esposto
alla libidine loro la maggior parte di ciascun sesso ed età. Però
tutte le botteghe di Milano stavano serrate; ciascuno aveva occultate
in luoghi sotterranei o altrimenti recondite le robe delle botteghe,
le ricchezze delle case, gli ornamenti delle chiese... d'onde era
sopra modo miserabile la faccia di quella città, miserabile l'aspetto
degli uomini, ridotti in somma mestizia e spavento; cosa da muovere
ad estrema commiserazione, ed esempio incredibile della mutazione
della fortuna a quegli che l'avevano veduta poco innanzi pienissima
di abitatori, e per la ricchezza dei cittadini e per il numero
infinito delle botteghe ed esercizi, per l'abbondanza e dilicatezza
di tutte le cose appartenenti al vitto umano, per le superbe pompe
e sontuosissimi ornamenti così delle donne come degli uomini, e per
la natura degli abitatori, inclinati alle feste ed ai piaceri, non
solo piena di gaudio e di letizia, ma floridissima e felicissima
sopra tutte le altre città d'Italia[125]». In Milano non vi era che
penuria e desolazione; e la fuga stessa non era sufficiente presidio,
poichè gli Spagnuoli diroccavano le case dei cittadini che altrove
ricoveravansi. Riuscì tuttavia di conforto ai Milanesi l'impensata
spedizione da Madrid del duca di Borbone con centomila ducati per
le paghe dell'esercito, sembrando loro che tale sussidio potesse
mitigare in parte tante gravezze ed acerbità. Egli avea la promessa
dall'imperatore di essere investito nel ducato di Milano, qualora ne
scacciasse lo Sforza[126]. Il Borbone, che sotto Francesco I dieci anni
innanzi era stato governatore di Milano, venne accolto come un padre
dai Milanesi, che da lui solo speravano la cessazione de' mali enormi
cui erano sottoposti. Il Guicciardini reca per esteso le supplicazioni
fattegli dai principali cittadini milanesi[127], ai quali il duca
rispose commiserando la loro infelicità; ma aggiunse che il solo mezzo
di tenere in freno i soldati era quello di pagarli; che non bastando
il danaro che avea seco recato per soddisfare gli stipendi arretrati,
gli abbisognavano ancora diecimila ducati, paga d'un mese, mediante
la qual somma avrebbe fatta uscire dalla città tutta la soldatesca.
Con molto stento si radunò questa somma dai Milanesi, e il duca, nel
riceverla, promise di far uscire dalla città i soldati, aggiungendo che
«se mancava, Dio lo facesse perire la prima volta che si presentasse
al nemico». Si considerò dal volgo come una punizione celeste la
morte che Borbone incontrò poi nello scalare le mura di Roma nel
1527, perchè non fu leale alla fatta promessa. Guicciardini conviene
che il duca di Borbone diede le disposizioni perchè fosse tolto
l'alloggiamento militare dalla città; «ma ciò non ebbe effetto, o non
tenendo conto Borbone della sua promessa, o non potendo, come si crede,
resistere alla volontà e alla insolenza dei soldati, fomentati anche
da alcuni de' capitani, che volentieri, o per ambizione o per odio,
difficoltavano i suoi consigli[128].

Intanto il duca Francesco II trovavasi a mal partito, mancando omai
di viveri nel suo castello. Quindi fece uscire ducento uomini di
notte, i quali attraversarono, dove meno era custodito, il passo, e
quasi tutti giunsero all'armata de' collegati, rappresentando loro
la estremità alla quale era ridotta la guarnigione, alleggeritasi
anche a tal fine con questa diminuzione. S'avanzarono verso Milano
i collegati, e posero il quartiere al Paradiso, di contro a porta
Romana. Dopo tre giorni Giovanni Medici si presentò alla porta, e
co' cannoni cominciò a tentare di atterrarla e farsi adito. I cesarei
invece spalancarono la porta. Questo fatto sorprese gli aggressori,
i quali, temendo insidia, non osarono di entrare; all'opposto
uscirono i cesarei e fecero piegare il Medici co' suoi; per lo che
l'indomani tornarono i collegati a scostarsi ed a ristabilire il
campo a Marignano, aspettando il soccorso degli Svizzeri che stava
per mandare la Francia. Sicchè l'infelice Francesco Sforza, mancando
totalmente di viveri, de' quali appena era rimasta la provvisione di
un sol giorno, si trovò costretto ai 24 luglio di rendere il castello
di Milano per capitolazione, salva la vita, la libertà e la roba sua e
di buon numero di nobili che quivi avevano voluto correre la fortuna
del loro principe. Nella capitolazione erasi convenuto che la città
di Como si lasciasse allo Sforza con trentamila annui ducati, infino a
che cesare avesse conosciute e giudicate le accuse fatte alla fedeltà
del duca; ma ceduto ch'ebbe il castello, se gli mancò dai cesarei alla
promessa. Il duca Francesco passò nel campo degli alleati, indi a Lodi,
nella quale città, cedutagli dai Collegati, ratificò per istrumento
pubblico la lega italica stabilita nel congresso di Cugnac. Breve fu
la dimora dello Sforza in Lodi, mentre giunti finalmente a Marignano
quattordicimila svizzeri assoldati dalla Francia in soccorso degli
alleati, non fu loro difficile, dopo diversi attacchi e vigorose
ripulse, di costringere Cremona alla resa. Questa seguì ai 25 settembre
del 1526, coll'uscir libero il presidio, a patto che per un anno non
guerreggiasse nella Lombardia. Cremona fu pure dai Collegati consegnata
al duca Francesco Sforza. Alla nuova dell'arrivo del rinforzo svizzero
a Marignano, con che l'esercito della lega si accrebbe a più di
trentamila fanti, oltre la cavalleria, parimenti superiore di numero
alla cesarea, le forze imperiali, limitate a cinquemila spagnuoli,
quattromila tedeschi e circa seicento cavalieri, si accamparono fuori
di Milano, onde star meglio in guardia contro un nemico tre volte più
poderoso e una città male affetta.

Oltre gli Svizzeri venuti in rinforzo dell'armata collegata, non
indugiò il re di Francia in quel torno a spedire in aiuto di essa,
giusta i patti, quattromila guasconi, quattrocento corazzieri, e
quattrocento cavalleggeri sotto il comando del marchese Michele Antonio
di Saluzzo. L'imperatore Carlo V, per impedire la guerra, col mezzo
di Ugo Moncada, avea fatto al papa Clemente la proposizione di dargli
lo Stato di Milano in deposito; frattanto che si esaminasse la causa
dello Sforza; che se egli fosse conosciuto innocente, súbito gli si
consegnasse il ducato; se poi fosse giudicato fellone, allora cesare
ne avrebbe investito, non già Ferdinando suo fratello, ma il duca
Carlo di Borbone: tanto era egli alieno dal volerselo appropriare.
Ma Clemente VII, confidando nella lega, nemmeno questo partito volle
ascoltare[129]. Il Moncada si portò verso il regno di Napoli, si unì
ai Colonnesi, fece una scorreria in Roma; il papa tremava in castel
Sant'Angelo senza soldati e senza viveri; nè sperando altronde pronto
soccorso, cercò allora l'amicizia di cesare, e richiamò le sue truppe.

Intanto che il pontefice, seguendo il suo costume, si piegava a nuovo
partito a seconda degli avvenimenti, l'esercito della lega, reso
potente pei successivi rinforzi pervenutigli, si lusingava di espugnar
Milano colla fame, cingendola da più lati per chiudere ogni adito alle
vittovaglie, quando seppe che Giorgio Frandsperg nel Tirolo radunava
un armamento in soccorso degli imperiali; il quale infatti nel mese di
novembre discese dal Tirolo in Italia con tredici in quattordicimila
fanti tedeschi, radunati colle promesse di gran preda; e per il
mantovano giunse a Borgoforte sulla riva del Po. Cambiaronsi allora
le speranze dei Collegati; e passarono dalla guerra offensiva alla
difensiva, in modo che il duca d'Urbino, lasciati in Vaprio i francesi
e gli svizzeri sotto il comando del marchese di Saluzzo, accorse col
restante dell'esercito a far argine ai tedeschi; ma il pronto accorrere
dei Collegati non valse a trattenerli mentre essi piombarono sul
Piacentino, non curandosi di Milano, già ridotto all'estrema indigenza,
risoluti di passare al saccheggio di Firenze e di Roma. Quest'esempio
eccitò ben presto un'egual brama nei soldati cesarei accampati nel
milanese: e l'estrema scarsezza dei viveri fra di noi fece nascere un
generale fermento ne' soldati, che attribuivano al papa i disagi e i
mali che sofferivano, e costrinsero i comandanti a marciare con essi
a quella vòlta[130]. Il Borbone, confidato il milanese al Leyva, si
pose alla loro testa. I soldati l'adoravano. Egli soleva dir loro:
«Figliuoli miei, sono un povero cavaliere, non ho un soldo, nè voi ne
avete: faremo fortuna insieme». Una così impensata e potente irruzione
di queste forze riunite costernò maggiormente l'animo di Clemente VII,
sì che acconsentì ad una tregua di otto mesi coll'imperatore, stipulata
coll'opera del vicerè Lannoy, luogotenente cesareo per l'Italia.
Spedì allora il Lannoy incontro agli imperiali coll'ordine di non
innoltrarsi, atteso l'armistizio concluso sotto pena d'infamia. Ma
l'armata, pronta a marciare senza capitani, minacciò di uccidere chi
parlasse di ordini contrari. Sepulveda porta opinione che il Borbone
accettasse il comando di questa armata per disperazione di miglior
partito, attesa l'assoluta deficienza degli stipendi; al che concorda
eziandio il Grumello[131].

(1527) Partì adunque da Milano il Borbone verso la metà di gennaio
del 1527, e andò ad unirsi verso Piacenza coi tedeschi di Giorgio
Frandsperg, seco conducendo cinquecento uomini d'arme, molti cavalli
leggieri, quattro o cinquemila spagnuoli, e circa duemila fanti
italiani; i quali, uniti co' tredici o quattordicimila fanti del
Frandsperg, formarono un potentissimo esercito; e d'accordo si
proposero, come fecero, d'inoltrarsi a Firenze ed a Roma, depredando
e saccheggiando per via tutte le città e luoghi del loro passaggio.
Il Frandsperg si ammalò in cammino, e fu trasportato a Ferrara per
farsi curare. Chi il disse colà morto d'apoplessia nel mese di marzo
1527[132], fu indotto in errore, mentre trovansi lettere di questo
capitano dei tedeschi, in data di Milano, delli 25 luglio dell'anno
seguente[133]. Il Borbone, costante nel suo proponimento, messosi alla
testa di tutta quell'armata, attraversò rapidamente gli Appennini, e
s'incamminò verso Firenze. La qual città trovando egli, fuor d'ogni
suo avviso, ben munita e pronta alla difesa, avendo l'armata della lega
vicina, neppur tentò di accostarvisi[134]. Giunto sotto Roma, il duca
spedì un araldo chiedendo al papa che mandassegli alcuno per concertare
seco le condizioni della pace. Ma nemmeno si permise che l'araldo
entrasse in città: tanto credevansi il papa e i Romani sicuri, perchè
i cesarei, senza artiglieria e mancanti di tutto, non potevano fare
assedio nè persistere, essendo vicino e pronto al soccorso l'esercito
confederato. Questa estremità di miseria de' cesarei fu appunto
motivo della presa di Roma, poichè la tentarono con sommo impeto, da
disperati.

Sembra che Carlo V nulla sapesse della spedizione intrapresa dal suo
esercito d'Italia contro Roma, nè che fosse in suo potere di liberare
il papa. L'esercito era composto di gregari stranieri, che non erano
sudditi dell'imperatore, che non erano pagati da lui, e che non
conoscevano se non i loro generali, e il Borbone sopra tutti. Le armate
allora erano collettizie, e radunate per un tempo e per un oggetto
determinato. Il vicerè Lannoy, a nome dell'imperatore, tentò invano di
distogliere il duca di Borbone dall'impresa, ed altamente riclamava
l'osservanza della tregua da lui falla con Clemente VII in nome
cesareo. A Carlo V nè doveva nè poteva piacere la mossa del Borbone e
dell'esercito suo verso di Roma, se non per altro, perchè nessun utile
egli ritraeva dalla oppressione del papa, e sommo odio acquistavasi
presso tutta la cristianità.

Appena il duca di Borbone fu alle mura di Roma, che fu ai 5 di
maggio, fece apprestar le scale, ed egli alla testa, spinse l'intiero
esercito ad entrar per forza dalle mura più basse nella città; ma
ferito in un fianco da un'archibugiata, rimase estinto nella fresca
età di trentott'anni. Il principe Filiberto di Oranges gli subentrò
nel comando, e diresse il sacco di Roma, che durò più settimane. Il
duca dì Borbone, «prima di dare la scalata a Roma (come racconta il
Grumello)[135], disse a' suoi capitanei che era sicuro che tutti
seriano ricchi et se caveriano la fame, ma li ebbe domandato una
gratia che non volessero saccheggiare dicta città se non per un giorno,
che li faceva promissione di darli tutte le sue paghe avanzavano con
Cesare, che erano circa dece overo dodece, et così fu stabilito per
li capitanei et militi cesarei.... Il povero Borbono, quale haveva
animo di salvar la città de le crudelitate, et forse contro la volontà
del Magno Idio, che voleva che Roma in tutto fosse distructa, per li
horrendi peccati regnavano in essa città.... rimase sul colpo». Giunto
a Carlo V la nuova del sacco di Roma, ordinò pubbliche preghiere in
tutta la Spagna per la liberazione del sommo pontefice, assediato
in castel Sant'Angelo dalla sua armata. Forse queste dimostrazioni
non furono una ipocrisia, come taluno ha creduto; ipocrisia che non
avrebbe fatto altro effetto, se non quello di macchiare la gloria di
Carlo V, degradandolo alla furberia d'un meschino e debole principe.
Probabilmente nè Carlo V comandò quest'impresa, nè se ne compiacque;
poichè l'insulto all'inerme sacerdozio non poteva ascriversi ai fasti
della gloria, e Carlo imperatore troppo la conosceva e l'amava. Che
che ne sia, il papa, per liberarsi, fu costretto a sottoscrivere nel
mese di giugno una capitolazione imperiosa e gravosissima col principe
d'Orange e co' principali offiziali, oltre al pagare fra tre mesi
all'armata quattrocentomila ducati.

Mentre il duca di Borbone aveva condotte a Roma le principali forze
di cesare, e che stavasene il Leyva a Milano con pochi armati, i
Veneziani s'inoltrarono, lo Sforza uscissene dal Cremonese, e si pensò
di cogliere il momento per discacciare l'imperiale potenza dall'Italia.
Anche il re cristianissimo a tempo assai opportuno, cioè verso la
fine di luglio, mandò in Italia Odetto di Fois, signore di Lautrec,
con mille uomini di armi e ventiseimila fanti. Passò questi le Alpi
con apparenza di liberare il papa; ma si trattenne in Lombardia,
prese Alessandria e Vigevano e si impadronì della Lomellina. Genova
pure ritornò ai Francesi, che ne affidarono il comando al maresciallo
Teodoro Trivulzio. Tutte le altre fortezze erano rimesse nelle mani
di Francesco Sforza, perchè i Veneziani e gli altri collegati non
avrebbero tollerato che rimanessero in potere dei Francesi. Lautrec
pose l'assedio a Pavia. Il conte Lodovico Barbiano di Belgioioso la
difendeva con diecisette bandiere d'italiani, ma non complete, e tutte
non formavano più di mille combattenti. Lautrec batteva la parte più
forte, cioè il castello, affine di prendere tutto in un sol colpo.
I cittadini pavesi odiavano i francesi, e combattevano come soldati.
Respinsero tre assalti con gloria, e nove insegne tolsero ai nemici.
Il conte Lodovico ne rese informato il comandante supremo don Antonio
Leyva, che governava Milano, «e quello gli mandò a dire, che avendo
fine a quell'ora riportato tanto onore e gloria contra i nemici, gli
pareva ben fatto, e così lo consigliava, anzi gli comandava, per aver
lui pochissima gente in aiuto della difensione di essa città, che
vedesse col miglior modo che avesse saputo ritrovare, di lasciare la
città in preda ai nemici, uscendone lui con la sua gente a salvamento;
suadendoli ancor questo per il meglio con questa ragione, che,
saccheggiando i nemici la città di Pavia, si sarebbero poi la maggior
parte di loro dispersi con li bottini fatti in essa la città, andando
alle loro patrie ricchi, laonde non si sarebbero poi fatto stima
di ritornar più al soldo dei francesi, di modo che esso Lotrecco,
ritrovandosi poi per detta causa con niuno ovver pochissimo exercito,
sarebbe stato sforzato a lasciar l'impresa di gire a Napoli, come
aveva supposto, la qual era di più importanza e di maggior danno che la
perdita d'essa città. Avendo dunque avuto detto conte Barbiano detto
avviso, anzi comandamento espresso, subito ricercò di avere e così
ottenne dai Francesi salvo condotto[136]». Si impadronirono pertanto
i Francesi di Pavia il giorno 5 di ottobre del 1527; e a pretesto di
espiar essi la precedente disfatta e la presa del loro re, la città
fu crudelmente posta a sacco, e poco mancò che non rimanesse affatto
distrutta. Il Lautrec il 18 ottobre abbandonò Pavia rovinata, lasciando
Milano bloccata e mancante di viveri, s'avviò a Piacenza, dove aggiunti
alla lega i duchi di Ferrara e di Mantova, proseguì la sua marcia
alla vôlta di Napoli. Giovandosi il Leyva della partenza di Lautrec,
uscì da Milano, respinse alcuni corpi nemici e s'impossessò di Novara,
scacciandone il presidio sforzesco coll'aiuto di Filippo Torniello.

L'unico vantaggio che risultò da questi alternanti successi furono le
trattative di pace intraprese tra l'imperatore Carlo V e Francesco I re
di Francia. Ma sì bella speranza si dileguò quasi appena mostratasi;
tantochè nel giorno 25 di gennaio del 1528 gli ambasciatori della
Francia stimarono in nome della lega nuova guerra all'imperatore, e
si riaprì più terribile che mai questo marziale teatro, specialmente
ad esterminio della misera Lombardia. L'imperatore, vedendo il re di
Francia mancare francamente alle promesse e ai giuramenti, prese il
ministro francese da solo a solo in Granata, e dissegli: «Dica al suo
re, che egli manca alla parola che mi ha data a Madrid, e pubblicamente
e da solo, ch'egli non opera rettamente, nè da un uomo bennato; e se
lo nega, mi esibisco di provare in persona a lui la verità, e terminare
la controversia col duello». Questa commissione diè luogo alla missione
di due famose lettere tra i due sovrani, che ci furono conservate dallo
storico Sepulveda[137].

Sentivano più che mai i Milanesi il flagello della fame, essendo
impedita la comunicazione con Lodi e con altre città e terre dello
Stato, quando Gian Giacomo de' Medici, guadagnato da Antonio de
Leyva, che gli consentì di fare la conquista di Lecco, abbandonò
il partito francese e si collegò cogl'imperiali: solite incostanze
degl'avventurieri di que' tempi. In benemerenza di che, radunata in
quelle parti gran copia di grano, lo spedì in soccorso del milanese.
Questo sussidio pose in grado Antonio de Leyva nel mese di maggio
di occupare Abbiategrasso, e di riacquistare Pavia, presidiata, è
vero, da' Veneziani per Francesco Sforza, ma quasi vuota d'abitatori.
Colà s'inoltrarono gl'imperiali sotto il comando del conte Lodovico
di Belgioioso con alcune bandiere tedesche, ed il giorno 25 se ne
impadronirono senza contrasto. Pavia, quantunque già esausta, non andò
immune da un nuovo saccheggio. Nel seguente mese mosse dalla Germania
in rinforzo degl'imperiali il duca di Brunswich con quattordicimila
tedeschi, destinati pel regno di Napoli, dove era pur giunto da Roma,
dopo una permanenza di dieci mesi, il principe di Orange coll'avanzo
del suo esercito, ridotto, per la pestilenza, a soli dodicimila
combattenti. Il duca di Brunswich, saccheggiati i territori di Brescia
e di Bergamo, ed entrato nel milanese, si pose all'assedio di Lodi,
presidiato da Gian Paolo Sforza, fratello naturale del duca di Milano.
Egli era stato persuaso dal Leyva a trattenersi nel milanese per
sgombrare i collegati da alcune fortezze che loro rimanevano[138];
il che fa conoscere che veramente i generali di Carlo V operavano con
molta indipendenza. In una monarchia vasta non può a meno che ciò non
accada, e nell'impero romano ne sono mille esempi. Brunswich e i suoi
si dileguarono tosto, assaliti da una specie di peste, detta male
mazzucco, che in meno di otto giorni fece di essi una orrenda strage,
cosicchè il residuo di quell'armata continuò sollecitamente la via del
suo destino. Ma intanto la visita del Brunswich aiutò a consumare i
sussidii di vettovaglie che aveva dapprima ricevuti Antonio de Leyva,
il quale non avendo più mezzi onde pascere le sue truppe, nè sapendo
più come smungere le borse degl'infelici milanesi, trovò l'espediente
di proibire, sotto pena della vita e della confisca de' beni, che niuno
potesse tener farina ne far pane in casa; quindi impose una rigorosa
ed esorbitante gabella in tutto lo Stato sul pane venale. Queste
vessazioni sono così narrate dal Guicciardini[139]: «In Milano, per
l'acerbità di Antonio da Leva, era estremità e soggezione miserabile,
perchè per provvedere ai pagamenti dei soldati aveva tirato in sè tutte
le vettovaglie della città, delle quali, fatti fondachi pubblici e
vendendole in nome suo, cavava i danari per i pagamenti loro, essendo
costretti tutti gli uomini, per non morire di fame, di pagare a'
prezzi che paresse a lui; il che non avendo la gente povera modo di
poter fare, molti perivano quasi per le strade, nè bastando anche
questi danari ai soldati tedeschi ch'erano alloggiati per le case,
costringevano i padroni ogni giorno a nuove taglie, tenendo incatenati
quegli che non pagavano; e perchè per fuggire queste acerbità e pesi
intollerabili, molti erano fuggiti e fuggivano continuamente dalla
città, non ostante l'asprezza dei comandamenti e la diligenza delle
guardie, si procedeva gli contro assenti alle confiscazioni de' beni
ch'erano in tanto numero, che, per fuggire il tedio dello scrivere, si
mettevano a stampa, ed era stretta in modo la vettovaglia, che infiniti
poveri morivano di fame, e i nobili male vestiti e poverissimi, e i
luoghi già più frequentati, pieni di ortiche e di pruni».

Mentre le cose nel milanese erano giunte a questo estremo, e i Francesi
facevano progressi nel regno di Napoli, il Lautrec morì colà di
malattia il 7 agosto del 1528. Gli successe monsignor di Vaudemont,
che presto egli pure morì, e rimase a comandare l'armata francese nel
regno il marchese di Saluzzo, dove per i cesarei comandava il principe
d'Orange. Ma dopo tante speranze di conquistare quel regno, le forze
galliche, diradate prima dalla pestilenza, furono annichilate vicino ad
Aversa il 28 agosto; tutta l'armata si rese a discrezione, ed i soldati
vennero lasciati in libertà con un giubbone ed un bastone bianco in
mano[140]. Frattanto un altro corpo di francesi, comandati dal conte di
San Pol, entra in Lombardia, prende Sant'Angelo, Marignano, Vigevano,
ricupera Pavia, e si presenta a Milano. Ma il pericolo di perder Genova
fece sì che i Francesi colà celeremente si trasferissero. Genova,
coll'aiuto dell'immortale Andrea Doria, scosse ogni giogo straniero,
e soppresse lo spirito di fazione in guisa che non vi rimase più dopo
quell'epoca vestigio alcuno de' Guelfi e Ghibellini, nè degli Adorni
e dei Fregosi. Si riconciliarono le famiglie, si formò un sistema
politico, cioè un determinato corpo presso di cui risiedesse la
sovranità, si stabilì il numero delle cariche e l'autorità di ciascuna
e il metodo delle elezioni. Tutto ciò fu per opera di Andrea Doria
che ricusò ogni carica. (1529) Da quel punto Genova diventò libera e
repubblica, e i Francesi la perdettero per sempre. Il conte di San Pol,
di ritorno dalla infausta spedizione di Genova, ridusse il Leyva alle
sole città di Milano e Como; il rimanente non era più dell'imperatore.
Leyva coglie il momento in cui il conte di San Pol coi Francesi era
a Landriano, avendo staccato una parte de' suoi; lo batte, lo prende
prigioniere coll'artiglieria e tutte le bagaglie; i Francesi furono
totalmente disfatti[141]. Il Leyva era tormentato dalla podagra, ed era
portato sopra una sedia da quattro uomini.

Ancora una buona parte del milanese rimaneva a Francesco II, acquistata
da' Francesi e da' collegati, onde facea duopo tuttavia di una serie
guerra per ispossessarnelo. Carlo V còlse il punto che i Francesi erano
stati disfatti nel regno di Napoli e nel Milanese, per far pace e lega
col papa, e si dispose a comparire nell'Italia da pacificatore e da
gran monarca, generoso e moderato. Egli concesse Margherita d'Austria,
sua figlia naturale, nata da Margherita Van-Gest, fiamminga, in moglie
ad Alessandro Medici, figlio naturale di Lorenzo II, e cugino di
Clemente VII, il qual papa era pure figlio naturale di Giuliano de'
Medici. Per tal modo il papa assicurò la sovranità di Firenze alla sua
famiglia. Fra gli altri patti vi fu quello per cui il papa obbligò il
milanese a comprare il sale di Cervia. Rispetto allo Sforza si stabilì
che l'imperatore avrebbe giudicato della di lui condotta, e se fosse
trovato innocente, si sarebbe restituito a lui il ducato; se fellone,
se ne sarebbe investita persona benevisa al papa. Con tai riguardi
cercò d'indennizzarlo de' mali cagionatigli dal duca Borbone. Il
trattato venne solennemente pubblicato in Barcellona il 29 giugno del
1529. Poi il 5 di agosto dell'anno medesimo fu segnata a Cambrai la
pace fra l'imperatore e il re di Francia, per cui questi riebbe i figli
suoi ch'erano in ostaggio in Ispagna, e cedette ogni ragione sul ducato
di Milano.

Disposte così le cose a diffondere la sospirata pace per tutte le
contrade d'Italia, fu trascelta la città di Bologna, dove Carlo V
avesse a ricevere di mano del pontefice la corona imperiale. Verso
la metà d'agosto navigò egli da Barcellona a Genova con mille cavalli
e novemila fanti, condotti seco per mare su ventotto galee, sessanta
barche e molti altri navigli. Il papa spedì colà tre cardinali legati,
Alessandro Farnese, che poi fu suo successore nel papato, Francesco
Quignone, spagnuolo, e Ippolito Medici. Cesare, pochi giorni dopo,
passò a Piacenza. Antonio de Leyva vi fu ben accolto dal suo sovrano,
nè gli fu difficile di ottenere l'assenso di riprender Pavia; cosa
che gli premeva assaissimo per suo privato interesse. Ritornato in
séguito il Leyva al governo del milanese, guidò le sue genti alla
conquista di Pavia, che presto riebbe e senza sangue, atteso che
Annibale Picenardo, comandante di quella città, disperando di poterla
difendere dall'aggressione de' cesariani, la cedette loro senza grande
resistenza[142].

Prima di conchiudere questo capitolo, giova di riferire il seguente
fatto, narrato dal Grumello[143], e che potrebbe servire di argomento
per una tragedia. Un mercante, nativo di Casale Monferrato, chiamato
Scapardone, da povero diventò padrone di più di centomila scudi.
Allora lo scudo era mezza doppia, e anche da ciò si vede qual messe
si raccoglieva allora nel commercio. Morì questo ricco mercante,
lasciando un'unica sua figlia erede. Questa era una giovine molto
bella e ancora più gentile, graziosa e amabile. Fu maritata in Milano
al signor Ermes Visconti, nobilissimo e ricchissimo, che la lasciò
giovine e vedova senza successione. Sposò poi un savoiardo, monsieur
di Celan, uomo degno e benestante; ed essa, dopo qualche tempo, fuggì
dal marito e portò seco gioie e denari. Si recò a Pavia, e abitò in
casa di Ascanio Lonate, suo parente, ed era in Pavia corteggiata da
ogni ceto di persone. Passò indi a Milano. Il signor di Massino,
che era venuto dalla Spagna col duca di Borbone, amava madama di
Celan; il conte di Gaiazzo era pure nel novero dei suoi adoratori,
e quest'ultimo era preferito; per lo che sdegnato, il Massino la
abbandonò, nè si conteneva di sparlare di lei. Ella, di ciò informata,
determinò di vendicarsi colla di lui morte, e animò il Gaiazzo a
meritarsi sempre più l'amor suo coll'eseguirla. L'amante non si oppose,
temporeggiò, lasciava sperare, ma non volle eseguire il delitto. La
Celan, doppiamente sdegnata, cercò di mettere la bellezza a prezzo
di un omicidio, e don Pedro de Cardono, figlio del conte Collinsan,
giovine valente, accettò il crudel partito, e uccise Massino. Il duca
di Borbone volle che non rimanesse impunito l'atroce fatto. Madama
di Celan fu imprigionata nel castello, regolarmente processata e
conosciuta rea; una sera il capitano di giustizia andò in castello con
un sacerdote e due monache, le annunziò la morte; essa chiese se con
denari si potesse salvarla, e le fu risposto che tutto l'oro del mondo
non lo poteva. Le fu troncata la testa sul rivellino del castello, indi
nella chiesa di San Francesco stette esposta, e pareva che fosse viva.
Svegliò molta compassione.



CAPITOLO XXVI.

_Congresso in Bologna per la pace. Incoronazione di Carlo V. Nuovo
congresso di Bologna. Matrimonio del duca Francesco II, e sua morte,
per cui cessa la linea sforzesca._


Eccoci, dopo tanti disastri, ad un'epoca apportatrice di pace alla
desolata Italia, e ridente foriera di più tranquilli tempi per la
nostra patria. Questo è il congresso apertosi in Bologna tra il
pontefice e Carlo V. Recossi pertanto a Bologna sul finire di ottobre
Clemente VII, col collegio de' cardinali, affine di maggiormente
condecorare la solennità del congresso, e di assistere in séguito
all'incoronazione dell'imperatore; e nel dì 5 novembre vi entrò
l'imperatore Carlo V. Prese egli alloggio nel palazzo del legato,
dove abitava il pontefice. Francesco II Sforza, duca di Milano (cui
quest'anno medesimo era mancato il fratello Massimiliano, morto
in Parigi in età di anni trentanove), da Cremona, ove soggiornava,
giunse egli pure in Bologna il giorno 22 di novembre, sì mal concio
di salute, che destava compassione in chi lo vedeva. Presentossi
il duca all'imperatore, e modestamente restituì a Carlo V il salvo
condotto che gli aveva spedito, nobilmente dichiarando che egli non
cercava miglior sicurezza che l'equità di Cesare e l'innocenza sua.
Fece cadere ogni colpa sul morto marchese di Pescara. Carlo V amava di
rendere fausta questa solennità, e farne l'epoca della pace d'Italia.
Il papa, i Veneziani lo persuadevano a ciò. Il solo Antonio de Leyva
incessantemente ne sconsigliava l'imperatore. Il Leyva poteva tutto
nel milanese finchè duravano le ostilità; cedendolo al duca Francesco,
era terminato il potere. Inoltre, dopo molti anni di condotta ostile,
era il Leyva male animato contro lo Sforza, e fors'anco gli era
insopportabile il duca, non pel male che ne avesse ricevuto, ma pel
gran male che sapeva di avergli fatto; il che rende assai più difficile
una sincera riconciliazione. Il Sepulveda espone tutti gli argomenti
del Leyva per distogliere l'imperatore dalla pace[144].

Mentre questi alti affari si trattavano in Bologna, il celebre Girolamo
Morone, essendo passato in Toscana onde unirsi coll'esercito pontificio
alla spedizione di Firenze in favore dei Medici, cessò di vivere in
San Casciano, il giorno 15 dicembre, in età di anni cinquantanove.
Egli fu onorato dal duca Massimiliano del titolo di conte di Lecco. Fu
commissario generale dell'esercito cesareo in Italia, creato da Carlo
V. Fu ambasciatore a Leone X e a Clemente VII, il quale promosse il di
lui figlio Giovanni al vescovado di Modena. Era uomo di molto ingegno,
ed elegante scrittore latino[145]. Non ostante la pertinace oppositione
del Leyva, dopo lunghe discussioni, fu la pace conchiusa il 25 dicembre
del 1529 tra l'imperatore Carlo V, il papa Clemente VII, la repubblica
di Venezia, Francesco II Sforza duca di Milano, il duca di Savoia, i
marchesi di Monferrato e di Mantova, lasciando pur luogo di entrarvi
ad Alfonso duca di Ferrara. Nello stesso giorno, essendosi Francesco II
Sforza abbandonato alla clemenza dell'Imperatore, ottenne da questi la
conferma dell'investitura del ducato di Milano, a patto che gli pagasse
entro un anno ducati quattrocentomila, e nei dieci anni consecutivi
cinquantamila ogni anno[146], «restando in mano di cesare Como ed il
castel di Milano, i quali si obbligò a consegnare a Francesco come
fussero fatti i pagamenti del primo anno[147].

Valse finalmente a calmare le ire e l'animosità del Leyva contro lo
Sforza la munificenza di cesare, che gli assegnò in feudo la città di
Pavia e la contea di Monza, colla dipendenza dal duca Francesco II;
donazione confermata in appresso dallo Sforza con diploma segnato in
Vigevano il 6 febbraio 1531.

Sollecitato l'imperatore Carlo V di restituirsi in Germania, volle che
seguisse la solenne incoronazione, uno dei principali oggetti della
sua venuta. Quindi il 24 febbraio fu incoronato colla massima pompa in
Bologna da papa Clemente VII, che era stato poco prima suo prigioniero.
In séguito definì le contestazioni tra il papa e l'Estense, confermando
a questo principe il ducato di Modena e Reggio, e ordinando che per
Ferrara il papa gli confermasse la investitura, mediante lo sborso di
centomila ducati[148]. Sentenziò che il duca d'Urbino fosse restituito
al possesso dei suoi Stati, e per metter fine alle turbolenze toscane,
sottopose quella repubblica alla sovranità di Alessandro de' Medici.
Partì da Bologna verso la fine di marzo. Nel passar da Mantova decorò
il marchese Federico Gonzaga del titolo di duca.

Terminato il congresso di Bologna, il duca Francesco Sforza si restituì
pure ne' suoi Stati, donde in settembre si recò a Venezia per alcune
pratiche tendenti a conservare il beneficio della pace; ma ben tosto
ritornò. Rivoltosi alla interiore sistemazione dello Stato, diè nuova
forma al senato, elesse abili magistrati, e soprattutto un abilissimo
capitano di giustizia, Giovanni Battista Speziano, per opera del quale
i malviventi sgombrarono le strade, e divenne sicuro il trasporto delle
derrate; il che anche contribuì a ricondurre l'abbondanza. Ma tale
era la spopolazione delle terre che dice il Burigozzo[149], «fu tanta
quantità di lupi su per lo paese, che era una cosa granda, e fazevano
tanto male in amazare persone, zoè puttini e donne, che quaxi se temeva
a andare in volta, se non erano 3 ò 4 persone insema, tanto era el
terror de questi lupi; et questa non era maraviglia, perchè nelle ville
erano mancade le persone». Ciò si conferma dal Bugati[150], dicendo che
que' «lupi voraci fin dentro de' borghi della città entravano.... Cosa
veramente crudele! imperocchè queste fere per la peste e per la guerra
(nelle quali periva gente assai) tanto familiare s'havevano fatto la
carne umana, che poi non trovandone, fecero cose grandi per divorarne,
come assaltar gli uomini armati, cavar dalle culle e dalle braccia
delle madri i fanciulli, ec.»

(1531) Sul principio del 1531 riuscì al duca Francesco Sforza, mediante
il raddoppiamento delle imposizioni, di pagare a cesare la convenuta
prima annata di quattrocentomila ducati per cui gli vennero consegnati
il castello di Milano e quello di Como. Ma quasi non bastassero
all'oppressione de' sudditi gli sforzi che avea dovuto fare il duca per
approntare quel primo gravosissimo sborso, sopraggiunse la guerra della
Valtellina, della quale fu cagione l'occupazione di Chiavenna fatta
da Gian Giacomo Medici, di già padrone di Musso e di Lecco. Perciò lo
Sforza fu necessitato di ricorrere a nuovi aggravii; onde, come attesta
il Burigozzo[151], il giorno 20 giugno «s'imposero alla macina soldi 50
per moggio, e soldi 32 per ogni brenta di vino; e ciò oltre il solito
tributo; per lo che un moggio di grano per essere macinato pagava lire
cinque». Questa nuova gabella eccitò una tale turbolenza nella plebe
di Cremona, che, impugnatesi le armi, furon uccisi molti di quelli
che presedevano al governo della città. Accorsero a tempo in sussidio
del castellano Paolo Lonato alcune truppe spedite da Milano, le quali
sedarono il tumulto, e col supplizio di cinque dei più sediziosi
l'ammutinamento ebbe fine. (1532) Ma non così presto cedette il Medici
alle sue usurpazioni, mentre potè resistere valorosamente per più mesi;
e finalmente dopo l'uccisione di Gabriele suo fratello, e di Luigi
Borserio, che comandava le sue navi armate, ottenne ancora dal debole
duca il perdono di tutti i trascorsi, trentacinquemila scudi d'oro in
compenso delle fortezze che andava a cedere, e la concessione di un
feudo di non minor reddito di scudi mille: ed ebbe poi Marignano col
titolo di marchese. Dopo quest'accordo, il Medici, nel mese di marzo
1532, si ritirò nel Vercellese. Il castello di Musso, ricovero ed asilo
del prepotente Medici, fu demolito[152].

L'imperatore Carlo V, informato che Francesco re di Francia non aveva
deposte le mire di riacquistare lo Stato di Milano, si determinò
di ritornare in Italia per stabilirvi una lega valevole a frenare
qualunque improvviso tentativo. Appena infatti ebbe egli liberata
Vienna da una minacciosa invasione dei Turchi, giunse, per la via del
Friuli, il 7 novembre, in Mantova, dove splendidamente fu trattenuto
per più giorni dal duca Federigo. Vi accorsero sollecitamente ad
ossequiare l'augusto Carlo, oltre Alfonso duca di Ferrara, Francesco
Sforza duca di Milano, il duca di Albania, Alessandro de' Medici
ed altri principi ed ambasciatori, i quali poscia lo compagnarono
alla volta di Bologna, nella quale città trovò giunto poco innanzi
il pontefice. Nel nuovo congresso si trattò infruttuosamente della
convocazione di un generale concilio; infruttuosamente pure instò
cesare che fosse data in moglie al duca di Milano Caterina de' Medici,
figlia legittima di Lorenzo il Giovane, e quindi nipote del papa,
mentre Clemente VII ricusò di aderirvi, persistendo nelle pratiche
già intraprese, e non ignote all'imperatore, d'imparentarsi per di
lui mezzo col re di Francia, dandola in isposa al duca d'Orleans, suo
secondogenito. (1533) Riuscì soltanto a conchiudere, non ostante il
dissenso de' Veneziani, la proposta lega co' principi d'Italia, la qual
fu pubblicata l'anno 1533, nel giorno 24 di febbraio. I principali
interessati In questa lega furono, oltre l'imperatore, il sommo
pontefice Clemente VII, Ferdinando re de' Romani, Francesco II Sforza
duca di Milano, Alfonso d'Este duca di Ferrara, i Genovesi, i Sanesi
ed i Lucchesi; come anco il duca di Savoia, il duca di Mantova, e
tacitamente pure i Fiorentini. Per ciascuna delle parti fu stabilito un
proporzionato contribuito a mantenimento di un esercito sociale, di cui
si elesse general capitano il celebre Antonio de Leyva, fissando la sua
ordinaria residenza in Milano. Pochi giorni dopo la conclusione della
lega, l'augusto Carlo, accompagnato dal duca Francesco Sforza, visitò
Milano con grande comitiva; e dopo la dimora di quattro giorni, il 14
marzo, passò a Genova per ritornarsene nelle Spagne[153]. Quanto poca
sicura fosse la fede nuovamente giurata dai collegati, e provato dal
contegno del pontefice, principale tra essi; mentre appena fu tornato
da Bologna a Roma, si determinò, _senza verun riguardo all'alta sua
dignità_[154], di portarsi a Nizza, indi in Marsiglia, per conferire
col re Francesco I, ed ivi conchiudere, come fece, il matrimonio
di Caterina de' Medici con Enrico duca d'Orleans, secondogenito del
re. «Così Clemente, bilanciandosi accortamente fra le contese di due
grandi emuli che sconvolgevano l'Europa, senza dichiararsi amico o
nemico d'alcun di loro, li faceva servire all'ingrandimento della sua
famiglia, coglieva le occasioni, non si esponeva alle vicende, non
dimenticava il sacco di Roma». Tali sono i sentimenti coi quali termina
questo punto di storia un vivente scrittore nel tomo III di un suo
inedito manoscritto, che abbiamo altrove annunciato[155].

Nel corso di quest'anno 1533 accadde in Milano un'atrocità che non
inopportunamente si vuol qui registrare. Un gentiluomo milanese,
della famiglia dei Maravigli[156], erasi stabilito in Francia sino dal
regno di Luigi XII, e vi si era arricchito servendo quel monarca e il
successore Francesco I. Egli era zio del gran-cancelliere Francesco
Taverna, cui vedemmo sostituito al Moroni. Taverna andò per commissione
in Francia; e trovandosi a Fontainebleau col re, si concertò che
questi facesse risedere in Milano un suo ministro, il che sarebbe
stato di genio del duca e di utilità al re, al quale non poteva essere
indifferente il vegliare sull'Italia. Questa proposizione piacque
a Francesco I, e, inoltrandosi per eseguirla, sì conchiuse che non
convenisse, per non insospettire Carlo V, nè spedire un francese nè
dargli uno scoperto carattere ministeriale. Maraviglia venne proposto,
non potendo essere misterioso il ritorno suo nella patria, e si stabilì
ch'egli verrebbe munito di doppie lettere, che le credenziali le
conserverebbe secrete e soltanto mostrabili all'occasione, e le lettere
da palesarsi sarebbero di semplice raccomandazione del re al duca. Ciò
fermato, e assegnato lo stipendio al Maraviglia, venne questi a Milano.
Egli vi si presentò con uno splendore pomposissimo. Vedevasi usare alla
famigliare col duca; sempre alla corte, sempre in sua compagnia in ogni
festa o divertimento. L'imperatore ne fu avvisato; ne chiese conto al
duca, il quale, sebbene gli facesse comunicare le lettere visibili di
raccomandazione, non potè tuttavia togliergli dalla mente il sospetto
di una nuova fellonia. Un gentiluomo di camera del duca, della famiglia
Castiglioni, vedendo il Maraviglia con sommo fasto e corredo passare in
compagnia del duca, voltosi ad un domestico del Maraviglia, lo investì
con parole insultanti il suo padrone. Nacque un alterco, e passato che
fu il duca, stavasi per venire alle mani fra i domestici d'una parte e
dell'altra. S'interposero alcuni cavalieri. Castiglione negò di aver
detta veruna ingiuria, e Maraviglia ne rimase soddisfatto. Il duca
comandò che non se ne parlasse più. Ma il Castiglione si pose a passare
più volte innanzi al palazzo del Maraviglia accompagnato da un branco
di bravi, coll'opera de' quali una sera attaccò e pose in fuga cinque
domestici del Maraviglia. Questi ebbe ricorso al giudice, che promise
pronta giustizia, e nulla fece. Castiglione comparve nuovamente ad
offendere i domestici del Maraviglia, i quali, prevenuti e armati, si
difesero, sì che il Castiglione rimase morto sulla strada. La mattina
seguente, che fu un venerdì, giorno 4 di luglio, lo stesso giudice
che non aveva voluto prevenire il male, viene, conduce prigione il
Maraviglia co' suoi, e pone i domestici alla tortura senza risparmiar
nemmeno un povero vecchio sordo, di ottant'anni. La domenica notte
va il giudice dal Maraviglia, gli fa troncar la testa nel carcere, e
fa esporre il di lui corpo il lunedì mattina 7 luglio sulla pubblica
piazza. Un parente del Maraviglia corre in Francia, ed avvisa il re
dell'insulto fattogli nel suo ministro. Sembra che il duca, sempre
sotto gli occhi e la sorveglianza di Antonio de Leyva, non potesse
sopportare la meschina figura che faceva, e cercasse pure qualche mezzo
per liberarsi da sì umiliante condizione; e a ciò debba attribuirsi la
brama di avere un ministro del re di Francia, col quale all'occasione
prendere un concerto; ma inopportunamente velatasi la cosa, siasi il
duca ridotto al miserabile partito di tradire atrocemente il dovere
più sacro affine di disarmare lo sdegno dell'imperatore[157]. Infatti
Francesco I ne fece altissime querele presso tutte le corti d'Europa, e
Carlo V, contento della condotta dello Sforza, decise di stringere seco
lui parentado con dargli una sua nipote in isposa.

Le nozze del nostro duca erano desiderate, per opposti interessi, da
tutti i membri della lega: dai principi italiani, perchè il ducato
non ricadesse al fisco imperiale, come avrebbe dovuto per i patti
dell'investitura quando fosse morto il duca senza successione maschile;
da Carlo V per rendersi più dipendente lo Sforza, e per isventare i
disegni del re di Francia, in cui scorgeva non per anco deposto il
pensiero di appropriarsi quello Stato. Parve a cesare opportuno a tal
uopo li matrimonio di Cristina o Cristierna, figlia del re Cristierno
II di Danimarca e di Elisabetta d'Austria, e perciò nipote di Carlo V,
fratello di Elisabetta. Le nozze appena proposte, furono conchiuse;
e il conte Massimiliano Stampa fu spedito da Francesco Sforza a
Brusselles ad isposare in suo nome la principessa Cristina. (1534)
Nella primavera dell'anno seguente la sposa reale si pose in viaggio
alla volta di Milano; e la città, benchè ridotta a grande inopia, fece
ogni sforzo per manifestare con magnificenza di apparati la comandata
allegrezza. La duchessa Cristina fece il suo solenne ingresso in Milano
nella domenica, giorno 3 di maggio, e non nel mese d'aprile, come
scrisse il Muratori[158]. Ne riporterò la descrizione del Burigozzo,
che ne fu testimonio[159]. «A dì 3 may, in dominica, circa a 21 hora,
fexe la entrata la duchessa nostra de Milano, e fu in questo modo:
Rivata che fu ditta duchessa, andò nel monastero de Santo Eustorgio, e
lì stette fino a hora debita, che fu pox el vespero del Domo. Finito
el dito vespero, congregato tutta la gierexia nel Domo, se comenzò a
partirse verso porta Ticinese, e rivati li signori Ordenari alla porta
della città, comenzò el trionfo a passare dentro, e avviarse verso el
Domo, et prima dui gran maggiori a cavallo, vestiti di veluto negro, e
poi seguitando ona compagnia grossa de milanexi, quasi tutti vestiti de
turchino con la banda turchina, poi un'altra compagnia con li armaroli
tutti in punto, e bella gente, e ben armati, con sua banda verde,
et erano queste due compagnie circa 400. Da poi uno numero grande
de signori, tutti a cavallo, a dui, a quattro passando, in punto più
l'uno che l'altro. Poi numero sei squadre di trombetti, qual sonavano a
loco e tempo. Poi una compagnia di gentil homeni de grandi de Milano,
tutti vestiti de bianco, con el suo penaggio biancho e la sua pieba
in mano; questi non havevano banda nessuna, se non li soy tamburi,
tutti vestiti de bianco, quali feveno un vedere troppo maraviglioso, ed
erano a numero circha 200. Poi la guardia del signor Antonio de Leiva,
sì lui, come anchora 8 gran maggiori. De poi el baldachino, portato
da dottori, qual erano in gran numero apparati per portare tal cosa,
sotto el qual baldachino ghera l'illustrissima duchessa, tutta vestita
de brocato d'oro e alla franzetta; e apresso da lei ghera el cardinal
de Mantova[160]. Per staffieri de sua excellentia gherano 12 conti de'
primi della città nostra, vestiti de veluto fodrato de brocato d'oro
recamato, con le sue barette con le penne dentro, che ciascheduno
de loro parevano un imperatore, e questi tali stavano appresso alla
persona de sua excellentia, talchè parea che sua excellentia fosse in
un boscho in mezzo de quelli baroni, per quelli penaggi bianchi tanto
grandi qual'havevano. Della bellezza de sua excellentia veramente e
più gera divina che umana, ma de pocha ettade. Poi seguitava el signor
presidente con altri episcopi e senatori, e molti altri gentil homeni,
e così rivando alla piazza del castello fu tirata l'artellaria de
allegrezza, ma innanzi che andasse in castello andò prima in Domo,
e già era retorenata la gierezia al Domo, e li la receptorno nella
ecclesia del Domo, dandogli la pase, con le orazioni solite. E così
se partì e andò al castello, e li restò, et el castello tirò gran
artellaria». Giunta la principessa al castello, le venne stentatamente
incontro il duca sposo, che appena reggevasi col bastone in piedi,
aspetto poco gradevole per una giovane di quindici anni. Il successivo
silenzio de' nostri cronisti, soliti a tener registro de' più minuti
fatti, ci lascia congetturare abbastanza l'infelicità di queste nozze.

Al volgere di quest'anno avvenne la morte del papa Clemente VII, del
quale abbiamo più volte parlato. Il di lui carattere fu descritto
con imparzialità storica dal Guicciardini e dal Muratori[161]. Gli
succedette il cardinale Alessandro Farnese, eletto il 12 ottobre,
col nomo di Paolo III. (1535) Da questo tempo fin quasi al termine
dell'anno 1535 nulla ci somministra la nostra storia che meriti di
essere riferito, fuorchè la perdita immatura e deplorabile per questi
Stati del duca Francesco II, il quale morì di consunzione nella notte
del 1.º novembre, essendo in età di anni quarantatre[162]. Principe
di cui gli scrittori ci lasciarono onorevole memoria per l'ingegno,
la perspicacità e la bontà del suo carattere. L'avversa sua sorte
non gli diè tempo nè mezzi di tramandare ai posteri alcun illustre
monumento. Ben è vero che tutti i principi nelle sciagure si mostrano
buoni, singolarmente allorchè sperano di veder cangiato l'aspetto delle
cose col mezzo della pubblica opinione. Quest'infelice principe, nella
tenera età di otto anni, vide rovinata la corte paterna, prigioniero
suo padre, sè stesso esule dalla patria e costretto a procacciarsi un
asilo in Alemagna. Ritornato in patria dopo dodici anni di esilio, vi
passò tre anni sotto il dispotismo del fratello sospettosissimo, col
soffrire la umiliante militar protezione degli Svizzeri. Scacciato
nuovamente dalla patria, ricominciò un secondo esilio per sette anni,
che terminò poi all'età di trent'anni, allorchè assunse il titolo
di duca, titolo che dovea rendere amarissime le sciagure proprie
e de' sudditi alle quali, mancando egli di forze e di denaro, non
potè rimediare. Terminò con questo sventurato principe, morto senza
successione, la grandezza della casa Sforza, che nel periodo di
ottantacinque anni ebbe principio e fine. Una imperatrice e due regine
nacquero da questa famiglia. L'imperatrice fu Bianca Maria Sforza,
figlia del duca Galeazzo Maria, e moglie dell'imperatore Massimiliano;
regina di Napoli fu Ippolita Maria Sforza, figlia del duca Francesco
I e moglie del re Alfonso II; e regina di Polonia, Bona Sforza, figlia
del duca Giovanni Galeazzo e moglie del re Sigismondo. Sei duchi Sforza
ebbero la signoria di Milano e del suo Stato; due dei quali, il primo
cioè e l'ultimo, morirono pacificamente, e gli altri terminarono la
loro vita trucidati o avvelenati o prigionieri in Francia. Osservai
nel tomo I[163] come otto de' dodici Visconti miseramente perirono;
osserviam ora che quattro de' sei Sforzeschi finirono con non minore
infelicità. Appena di tre principi uno potè terminare i suoi giorni
in pace tanto nella discendenza Visconti, quanto in quella degli
Sforzeschi. Ora mi si dica se è poi tanto invidiabile la sorte de'
grandi, e se abbiano torto i saggi di ogni età di dare il nome di aurea
alla mediocrità della fortuna, lontana ugualmente dalla inopia che
dall'ambiziosa grandezza!

Al conte Massimiliano Stampa, castellano del castello di Milano, fu
dato l'incarico delle disposizioni per le solenni esequie del defunto
duca Francesco; e a cagione degli apparati da farsi nella metropolitana
fu mestieri il differirle sino al 19 di novembre stesso. Intanto il
cadavero dello Sforza, chiuso in una cassa coperta di velluto nero,
fu di notte trasportato dal castello al Duomo, coll'accompagnamento
di tutto il clero metropolitano, e riposto in luogo appartato finchè
fossero celebrati i solenni suffragi; dopo de' quali il di lui
sarcofago, ornato alla ducale, venne collocato nella metropolitana
suddetta nel sito dov'era quello di Gastone di Foix, vale a dire fra
i pensili avelli de' duchi suoi predecessori. Per dare un'idea dei
costumi di quei tempi anche nelle pompe funebri, penso che non sarà
discaro il leggere qui l'esatta descrizione del funebre trasporto
del duca Francesco Sforza, stesa dal nostro Burigozzo[164]. «1535, a
dì 19 novembre, furon fatte le exequie di sua excellentia, e furono
fatte a questo modo. Prima la strata fu dal castello al Domo per la
strata dritta, zoè dalla contrà del Majno a Santo Nazaro Pietra Santa,
e verso Santa Maria Segreta, e al Cordusco insino alla Doana, e poi
dalla Dovana al Domo. Questo è quanto alla strata: seguita l'hordene.
Prima numero grande de croci de legno, poi mille poveri, tutti con
el capuzino negro e la torgia in mane, con uno ducal pento in carte,
attacado alla torgia, e andavano a dui a dui, poi li frati prima de
Santo Ieronimo, poi li altri ordeni de frati secondo el suo ordene, et
al fin de questi venne la fameia de tutta la corte, quali erano vestiti
de negro, el numero de quali fu grando, e questi tali avevano mantello
negro. Poi seguitò le abazie con le canoniche de Milano. Finido questi,
venne li offiziali de sua excellentia, zoè li grandi con el capuzo
in testa, e tutti havevano le veste longhe a terra, cosa grande da
vedere, el numero de quali fu grandissimo, et tutti andavano a dui a
dui. Poi venne la ecclesia del Domo, zoè li vegioni e le vegione, poi
li capellani, poi li mazachonisi, di poi li sacristani, poi li signori
Ordenarii, e poi li lectori, e qui finisce la gierexia. Poi seguitò
un giovinetto gentilhomo, tutto vestito de voluto negro, et haveva
una spada bellissima aposata alla sua spalla. Dredo a questo un altro
giovinetto, vestito simile al primo e lui e il cavallo, et haveva
un bastono in mano tutto indorato. Poi seguitò li cortesani de sua
excellentia, quali tutti, con le veste negra a terra, con la gran coda
e el capuzo in testa, tutti a dui a dui, el numero de quali fu assai.
All'ultimo di questi venne la sua guardia de Lanzinechi, vestiti de
negro, tutti in zupon, con le sue alebarde in spalla. Poi qui li era la
mula di sua excellentia, tutta coperta de veluto negro a terra con li
stafferi, come se propriamente li fosse stato sua excellentia, ma non
li era se non la mula vòta. Poi seguitò la guardia de cavalli legeri
a piedi, però con le sue zanette in spalla, e questi tali havevano
uno manto negro in dosso. Da poi seguita el corpo de sua excellentia,
ma non però che fosse el suo corpo, perchè non fu possibile poterlo
conservare insina a tanto, e per questo fu fatta una imagine a sua
similitudine; e quello fu fatto a tale effetto, era vestito de brocato
d'oro rizzo, soprarizzo, lungo a terra, fodrato di pelle di gran
valore, haveva uno saio de veluto cremero, un saion de raso cremexi,
un paro de calze de scarlato, con le scarpe de veluto cremexi, con
una bacchetta in mane, et haveva la baretta duchale in testa, qual
baretta era bizara, e fu portata la sua persona quatada de brocato
sotto el balduchino de tela d'oro, e questo balduchino, sì ancora sua
excellentia, fu portata dalli dottori dell'una e l'altra legge. Da poi
questo venno li condizionati signori. Prima el signor Joan Paolo Sforza
suo fratello, el signor Antonio de Leiva, li signori ambasciatori sì
de Veneziani, sì delle altre signorie, poi uno numero grande de altri
signori, che numerare non se potevano, pur tutti questi tali con le
veste a terra negre, et a questo modo fu finito le esequie de sua
excellentia». Il capitano generale Antonio de Leyva prese il possesso
dello Stato di Milano, in nome dell'imperatore.

Circa questo tempo ebbero origine o incremento varie religiose
instituzioni nella nostra città. Certo frate Bono di Cremona, dopo
di avere introdotte le orazioni dalle Quarant'Ore, diede principio
allo stabilimento del ricovero delle donne convertite, detto di Santa
Valeria, col mezzo di questue da lui fatte. Dipoi l'autorità pubblica
se ne ingerì improvvidamente, e si ha memoria di un decreto del senato
dell'anno 1561, prescrivente che, se una convertita di Santa Valeria
fuggisse, ovvero tentasse di fuggire, dovesse quella essere bollata
in fronte con un ferro infuocato[165]. Cominciarono pure a farsi
maggiormente conoscere i nuovi Cherici regolari, instituiti verso
il 1526, e che dal ricovero di San Barnaba, stato loro concesso nel
1538, si dissero poi Barnabiti[166]; ed inoltre una nuova associazione
di zitelle, che si chiamavano Dimesse, e furon dette in séguito le
Angeliche. Il Burigozzo così ne scrive[167]: «Si vedono certi preti con
abito abietto, con una berretta tonda in testa, e tutti senza capelli
e tutti vestiti a un modo, vanno con la testa bassa et habitano tutti
in sema verso Sant'Ambrosio (loro primo ricetto), e lì dicono che
fanno li suoi offizi, e lì viveno de compagnia, e sono tutti gioveni.
Poi un'altra compagnia de giovinette, qual ghe dicono Dimesse, vanno
alla cerca certi dì della septimana a certi suoi lochi, et vanno mal
vestite, con un patelazzo di lino in testa, la testa bassa, serrate
dinanzi sino sotto la gola, senza ornamento nessuno; attorno vanno per
Milano 4 e 6 alla volta, però con una compagnia di una o do vegette
dredo, et vanno con el volto descoperto: e queste tal compagnie sì de
preti sì de queste putte, pare che sia capo una contessa, qual ghe
dicono la contessa de Guastalla». Infatti la contessa di Guastalla
Lodovica Torella beneficò largamente i Barnabiti, fece fabbricare colla
spesa di ottantamila scudi d'oro l'insigne monastero di San Paolo per
le sue Dimesse, che cominciarono ad abitarvi nel 1535[168], e diciotto
anni dopo si ridussero a clausura con disgusto della fondatrice; e
successivamente fondò, nel 1542, il monastero del Crocifisso per le
Convertite, e nel 1557 il collegio per l'educazione di nobili povere
fanciulle, detto della Guastalla, dallo stato di questo nome ch'essa
avea ereditato dal suo padre Achille Torello, e che vendette al
principe don Ferrante Gonzaga per convertirne il prezzo in siffatte pie
beneficenze.



CAPITOLO XXVII.

_Tentativi e progetti per la successione nel ducato di Milano.
Congresso di Nizza, pace di Crespy, morte del duca d'Orleans,
dichiarato da cesare duca di Milano._


(1535) Dopo la morte del duca Francesco II Sforza, Giovanni Paolo
Sforza, marchese di Caravaggio, figlio naturale del duca Lodovico e
fratello del duca defunto, consigliato da molti amici, cavalcò per le
poste alla volta di Roma, affine di impegnare il papa presso cesare ed
ottenerne il ducato di Milano. Il diritto di successione avea in esso
minori ostacoli di quello che allegò in suo favore il primo Sforza, di
essere cioè marito di una figlia naturale di Filippo Maria Visconti.
Ma il marchese di Caravaggio era in tutto sfornito dell'alto presidio
della gloria militare di Francesco Sforza. Ben è vero che gl'interessi
del pontefice, de' Veneziani e de' Toscani consigliavano di dar opera
che il ducato di Milano non cadesse nel dominio di cesare, già sovrano
del regno di Napoli e di tant'altra parte del mondo. La Francia avrebbe
forse appoggiata una tal successione, disperando di avere per sè il
milanese; «ma passando (Giampaolo) gli Appennini, fu assalito da un
velenoso flusso, che gli tolse la vita[169]. Il conte Massimiliano
Stampa, castellano, fu spedito con altri deputati all'imperatore,
affine di riconoscerlo a nome della città e dello Stato per loro
sovrano, sì per le ragioni dell'Impero, come per commissione del
defunto duca. Cesare benignamente li accolse; diede il marchesato di
Soncino al conte Stampa, lo confermò castellano, e dichiarò il principe
d'Ascoli Antonio de Leyva suo luogotenente e governatore generale del
milanese. Questo cesareo rescritto giunse in Milano il 27 novembre
1535.

In quel torno di tempo era approdato a Napoli l'imperatore dopo la
gloriosa impresa di Tunisi, in cui vinse Barbarossa, terrore del
Mediterraneo, e ripose sul trono Muley Assan, che Barbarossa avea
deposto per regnare in sua vece. Presso di Carlo V era ambasciatore
di Francia il signor di Velly, il quale, spenta che fu la linea
de' Sforzeschi, intraprese a negoziare coll'imperatore, acciocchè
investisse del ducato di Milano il figlio secondogenito del re
Francesco I, duca d'Orleans, discendente dalla Valentina dal lato della
regina Claudia, sua madre e figlia di Lodovico XII. Chiedendosi il
ducato per il duca d'Orleans non si destava inquietudine tra' principi
italiani, i quali si sarebbero sgomentati invece se, chiedendosi
pel delfino, si riunisse al regno di Francia. Il duca d'Orleans avea
sposata Caterina de' Medici, unica legittima di quella famiglia. Il
re proponeva che rinunzierebbe alle sue ragioni sopra la Toscana e
il ducato d'Urbino. Carlo V tenne accortamente a bada il progetto:
più volte sembrò giunto il momento per concludere, ma rinascevano
poi nuove difficoltà. Ora voleva far duca di Milano il terzogenito
del re, duca d'Angoulème, e il re non voleva far torto al secondo.
L'imperatore insisteva sul pericolo che, morendo il delfino, il
milanese s'incorporasse alla corona di Francia; cedeva finalmente e
s'accontentava del duca d'Orleans, a condizione che Francesco I facesse
ritornare nella Chiesa cattolica Enrico VII, re d'Inghilterra, poi
che rinunciasse ad ogni pretensione come successore della Valentina, e
puramente riconoscesse il ducato dalla investitura imperiale. Inoltre
Carlo V pose in campo il re di Portogallo Giovanni III, suo cognato,
a chiedere il ducato di Milano per l'infante don Luigi suo fratello.
Insomma quando pareva che mancasse un filo al compimento, destramente
nasceva un motivo impensato di nuova trattativa. Si voleva che
Francesco I rompesse il matrimonio progettato fra una principessa della
casa di Vandome ed il re di Scozia, dandogli in di lei vece la duchessa
vedova di Milano, nipote di Carlo V. Il minuto racconto di questi
raggiri si può leggere nelle Memorie di Langey[170], che ebbe parte, e
soprattutto Gaillard[171].

Francesco I frattanto, cui adombrava l'irresoluzione di Carlo
V, ed anche per vendicare l'affronto fattogli nella persona del
Maraviglia, sul cadere del 1535 trovò maniera di aprire la strada
alla spedizione delle sue armate in Lombardia. (1536) Nel mese
di marzo del 1536 l'ammiraglio Filippo Chabot de Brion entrò nel
Piemonte con ottocentodieci lance, mille uomini di cavalleria leggera,
e ventitremila fantaccini francesi. Il duca di Savoia, alleato
dell'imperatore, abbandonò Torino, si ritirò a Vercelli, spedì la
moglie e il figlio a Milano, e i Francesi s'impadronirono di tutto
il paese sino alla Sesia[172]. Intesa da Carlo V in Napoli la nuova
impensata di questa irruzione, lasciò le feste colà principiate
per lo sposalizio da lui finalmente accordato della principessa
Margherita sua figlia con Alessandro de' Medici, duca di Firenze, e
si trasferì a Roma, ove giunse il 6 di aprile. Ivi erano il signor
Velly, ambasciatore francese, che lo seguiva, e il vescovo di Maçon,
ambasciator francese presso del papa. Carlo V entrò nella sala del
concistoro, dove erano radunati i cardinali aspettando il papa. Il
papa fece pregare l'imperatore d'entrare da lui, ma Carlo V rispose
che voleva ivi aspettare il santo padre, il quale tosto comparve col
numeroso suo corteggio. L'imperatore disse che aveva cose premurose
da esporre in presenza del sacro collegio; il papa voleva che tutti
uscissero, trattine i cardinali. «No, disse cesare, ciascuno rimanga:
bramo che il mondo tutto sappia quello ch'io sono per dire». Poi prese
a tessere la storia della condotta di Francesco I, la prigionia di
lui, la moderazione propria, il trattato di Madrid, la mancanza totale
di fede, la sfida e il rifiuto del re. Mostrò la uniforme costanza di
rettitudine e fede dal canto proprio, dipinse la insidiosa e subdola
politica del re; ricordò il vano pretesto dell'invasione nel milanese
per il supposto carattere pubblico del Maraviglia, la invasione attuale
fatta nel Piemonte minacciando il milanese, ad onta del trattato di
Madrid e di quello di Cambrai, la disposizione propria per la pace, al
qual fine, dimenticando ogni ingiuria, era pronto a dar l'investitura
del milanese a un figlio del suo rivale, ma non al secondo, acciocchè
non fosse prossimo il caso di aversi a riunire alla corona di Francia
quello Stato; e la ostinazione del re di volerne investito il duca
d'Orleans secondogenito. L'imperatore propose in fine tre partiti; o
la pace ed il ducato di Milano pel duca d'Angoulème, terzogenito del
re, o un duello fra lui e il re, ovvero la guerra. Il duello colla
spada e pugnale, e la guerra sarà tale ch'ei non deporrà le armi,
finchè o non abbia ridotto il nimico o non sia ridotto ei medesimo allo
stato del più povero gentiluomo dell'Europa; e proruppe, parlando dei
generali francesi, in queste animose parole: «S'io ne avessi di simili,
verrei sin d'ora colle mani giunte e la corda al collo a implorare
la misericordia del mio nemico». Il papa, i cardinali, i ministri
esteri, i prelati, e sopra tutti questi due ambasciatori francesi
rimasero attoniti, ammutoliti e confusi. Osservando l'imperatore questo
silenzio, rivolto a Velly e al vescovo di Maçon, disse che avrebbe
fatto consegnare loro in iscritto il discorso. Il papa prese a parlare,
e lo fece da padre comune e imparziale, insinuando la pace; e così
terminò questo famoso concistoro[173]. Ma per quanto s'interponesse
Paolo III affine d'indurre Francesco I a secondare le buone
disposizioni di cesare, persistendo egli nella dimanda che fosse data
l'investitura dei ducato di Milano al suo secondogenito, le speranze di
accomodamento e di pace si dileguarono.

Antonio de Leyva, che stava al governo dello Stato di Milano, veggendo
i rapidi progressi dell'esercito francese, radunate quante milizie
gli fu possibile, accorse, ai 30 di marzo, ad impedire ai nemici ogni
avanzamento, e pose un buon presidio in Vercelli, al mantenimento del
quale fu imposta nel milanese una taglia sopra la macina e il sale,
limitata poi per convenzione in seimila ducati la mese[174]; cosicchè
i Francesi, per le difficoltà di ulteriori progressi, retrocedettero,
fermo restando il campo cesareo in que' contorni. Il deciso contegno
del Leyva lasciò il comodo alla riunione dei rinforzi imperiali,
che l'imperatore, irritato, volle comandare in persona. Egli giunse
celeremente in Lombardia, e senza entrare in Milano, portossi da Pavia
in Asti per vegliare dappresso i Francesi. In meno di tre mesi si trovò
forte di oltre cinquantamila combattenti sotto il comando di rinomati
generali, Antonio de Leyva, Alfonso d'Avalos marchese del Vasto, Don
Ferrante Gonzaga vicerè di Napoli e il duca d'Alba. Fra i principi che
seguivano l'armata cesarea contavansi i duchi di Savoia, di Baviera e
di Brunswich, ai quali un accidente fece aggiugnere Francesco marchese
di Saluzzo; ed eccone il come. Inteso ch'ebbe il re di Francia il
grosso armamento di Carlo, richiamò a sè l'ammiraglio de Brion, per
l'assenza del quale il comando delle truppe francesi nel Piemonte
rimase al marchese di Saluzzo. Il marchese si lasciò sedurre da alcune
profezie che si sparsero, le quali assicuravano che in quell'anno
il re di Francia o sarebbe preso o sarebbe ucciso. Il marchese,
persuasissimo della profezia, credette di non dover combattere per
un principe abbandonato dal cielo. L'amicizia del re, la gratitudine
per l'ordine di San Michele, di cui l'avea decorato, la confidenza
d'avergli affidato il comando del suo esercito, vennero resi inefficaci
dal fanatismo per la profezia; se pur questa non fu un pretesto. La
religione guida l'uomo alla virtù; l'abuso della religione lo condusse
a soffocar la natura, a calpestare i doveri più sacri, e perfino a
perdere il rossore nel commettere il delitto. Veggansi le memorie del
Langey[175], dalle quali anche scorgonsi i discorsi tenuti dall'autore
inutilmente per disingannare il marchese. L'imperatore si decise
di portar la guerra in Francia; nè valsero a rimuoverlo da questo
proponimento tutte le ragioni che gli furono opposte concordemente da'
suoi generali, tranne il Leyva, per dissuadernelo. Quindi, dopo di aver
lasciato all'assedio di Torino il marchese di Saluzzo e Gian Giacomo
de' Medici, diresse Carlo V le marce in guisa, che l'armata entrò
appunto ne' confini di Francia il 25 luglio, giorno di San Giacomo,
protettore degli Spagnuoli, giorno in cui l'anno antecedente era giunto
nell'Africa e aveva cominciata l'impresa di Tunisi, gloriosamente
finita poi. Ciò gli servì mirabilmente per animare i soldati; ma il
successo non corrispose all'ardire. I Francesi devastarono la Provenza;
onde Carlo V, tuttochè si avanzasse senza contrasto, ritrovossi in
paese sprovveduto di tutto. Senza dare una battaglia, in breve cotanto
esercito si ridusse alla metà. La fame, le malattie, gli attacchi
continui de' montanari avevano cagionata questa diminuzione, senza
nemmeno aver tentato l'attacco del campo francese, trincierato verso
Avignone. Tra le persone distinte morirono in Provenza di malattia
il conte Pietro Francesco Visconte, capitano de' cavalleggieri, in
età d'anni 28, il conte Pietro Francesco Borromeo, in età di anni
30, e per ultimo il fomentatore di cotesta malaugurata intrapresa,
Antonio de Leyva, che cessò di vivere in Aix di Provenza il giorno 25
settembre,[176] _intollerandis miserabilis morbi doloribus, omnibus
artubus contractis et perpetuo occupatis_, siccome leggesi nella di
lui iscrizione sepolcrale. Dovette Carlo V abbandonar l'idea di far
conquiste in Francia, ripassare le Alpi vicine al mare, e ritornarsene
con pochi soldati sani da un'impresa di nessuna gloria e di rovina
per un gran numero d'uomini. Ricondotta che ebbe la sua armata
nell'Italia, e nominato il marchese del Vasto in luogo del Leyva,
l'imperatore per mare ritornò nella Spagna. Riuscì però questa guerra
assai grave anche al re di Francia, cui costò spese immense e danni
incalcolabili, e, quel che è più, l'innaspettata morte del delfino
Francesco, suo primogenito. Egli era disordinatissimo negli amori e
negli stravizi. Era in cammino per recarsi all'armata nel più cocente
della state. Fermatosi a Tournon, dopo di aver giuocato fervorosamente
alla palla, stanco e smaniante di caldo e grondante di sudore, bevve
molta acqua fredda, e in quattro giorni di febbre morì. Un onorato
gentiluomo modonese, il conte Sebastiano Montecuccoli, suo coppiere,
venne accusato d'averlo avvelenato ad instigazione di Antonio de Leyva
e dell'imperatore; e a forza di spasimi e di torture fu costretto a
confessarsi reo, e venne squartato in Lione per sentenza del 7 ottobre.
Furono presenti a tale scempio il re Francesco I, i principi del sangue
e tutti i prelati, ambasciatori e signori[177]: prova della rozzezza
de' tempi.

(1537) Inasprito piucchè mai Francesco I contro i cesarei, non solo
ordinò che fosse vigorosamente continuata la guerra nel Piemonte, ma
determinossi di recarvisi in persona. Il gran contestabile Montmorencì
scacciò gli Imperiali dal posto vantaggioso di Susa, e aperse il
passo all'entrata del re. Perciò il marchese del Vasto si ritirò sotto
Asti, abbandonando il paese fra il Po e il Tánaro. Indi il marchese
del Vasto e il marchese di Saluzzo, iti all'assedio di Carmagnola,
finirono quell'impresa assai infelicemente, lasciandovi il secondo
la vita, colpito da un'archibugiata. Interpostosi allora Paolo III,
riuscì dapprima a conchiudere tra i due sovrani belligeranti, il 16
novembre, una tregua di tre mesi[178]; indi propose loro un congresso
col suo intervento, nella città di Nizza in Provenza, che fu accettato.
(1538) Fissato il tempo, approdò il pontefice per il primo a Nizza il
giorno 17 maggio. Quindi giunse da Barcellona Carlo V, e dalla Francia
il re Francesco I. Per quanto insistesse il pontefice, non potè mai
indurre i monarchi ad abboccarsi insieme; onde gli convenne di trattare
gli affari con amendue separatamente in più conferenze. La pace fu
impossibile, perchè il re di Francia non ha voluto desistere dal volere
il Milanese per il suo secondogenito duca d'Orleans. Fu però conchiusa
una tregua di dieci anni, con che restasse ognuno in possesso di
quanto aveva preso coll'armi. La tregua, segnata il 18 giugno, piacque
universalmente, fuorchè al duca di Savoia Carlo III, il quale rimaneva
per sì lungo tratto di tempo spogliato degli Stati suoi, occupati parte
dai Francesi e parte dagl'Imperiali, non gli restando altra sovranità
che la contea di Nizza. Da quella tregua derivarono pure gravi danni
al Milanese[179]; imperocchè la maggior parte della fanteria spagnuola
del Piemonte, per mancanza delle paghe, postasi in libertà, in sul
finire di luglio passò il Ticino con animo di venire a Milano, onde
vivere a discrezione; ma trovando la nostra città su l'armi, piegò
verso il borgo di Gallarate, dove, fermatasi tutto quel mese, vessò
con frequenti scorrerie le terre di quel circondario, costringendole a
grosse contribuzioni. Per far cessare quest'anarchia e sedare un altro
forte tumulto dei soldati malcontenti nel seno stesso della città, fu
mandato ambasciatore a cesare Battista Archinto, dottor di leggi[180],
il quale ne riportò ordine al marchese del Vasto, che, imposta ai
Milanesi una taglia di centomila scudi, fossero questi ripartiti alle
truppe, parte delle quali dovesse poi essere spedita per la via di
Trento ai presidii del re Ferdinando in Ungheria contro i Turchi, e
parte a Genova, per unirle alla squadra navale di Andrea Doria.

Sempre rimaneva sospesa l'investitura del Milanese non ricusata mai,
nè mai decisamente concessa al figlio secondogenito del re Francesco.
(1540) Quando, giunta a Madrid l'infausta notizia della sollevazione
di Gand, Carlo V, per trasferirsi più sollecitamente nelle Fiandre,
pensò di attraversare la Francia, e Francesco I nel compiacque.
Nella breve dimora che fece l'imperatore in Parigi diede al re nuova
lusinga, pacificato il Brabante, di conferire al duca d'Orleans il
ducato di Milano; ma appena ebbe repressa e punita la ribellione
de' Gantesi, ne investì il proprio figlio don Filippo, sebbene ancor
pupillo, con solenne atto segnato in Brusselles gli 11 di ottobre[181].
Questa dissimulazione accrebbe il torto dell'imperatore nell'animo
di Francesco I, il quale grandemente s'irritò di nuovo per il fatto
seguente. (1541) Durante la tregua, essendo tuttora al governo dello
Stato di Milano il marchese del Vasto, e comandando a' Francesi nel
Piemonte il Langei, il re di Francia spedì due ambasciatori, uno a
Venezia, e fu Cesare Fregoso, cavaliere dell'ordine di San Michele e
cognato del celebre Rangoni; l'altro a Costantinopoli a Solimano II,
e fu Antonio Rincon, gentiluomo ordinario di camera del re. Questi,
attraversando sul Po il Milanese vicino allo sbocco del Ticino nel Po,
furono assaliti da due barche cariche di armati e massacrati. Tutti i
barcaiuoli vennero posti nelle secrete carceri di Pavia. Langei, che
avea resi avvertiti gli ambasciatori delle insidie, e invano cercato
di far loro prendere più sicura strada, aveva avuto la precauzione di
farsi consegnare le loro carte per non avventurare il segreto dello
Stato, le quali carte avrebbe spedite loro poichè fossero giunti a
Venezia. Malgrado la politica del marchese del Vasto, Langei trovò
mezzo di formalmente e per processo fare constare la perfida azione
eseguita per ordine del marchese, il quale cercava di avere le carte.
Ciò attestarono alcuni domestici degli ambasciatori che poterono
salvarsi, e particolarmente i navicellai che, per opera del Langei,
fuggirono e vennero da lui. Questo fatto diede l'ultimo impulso al
re Francesco I per ricominciare le ostilità sospese dalla tregua di
dieci anni, la quale avrebbe dovuto durare fino al 1548. Verso questo
tempo, determinatosi l'imperatore di portar la guerra in Algeri,
divenuto, dopo la conquista di Tunisi, il ricovero de' corsari, calò
di nuovo in Italia, e, corteggiato dal marchese del Vasto, da Ercole
II duca di Ferrara, da Ottavio Farnese duca di Camerino, dal duca
Francesco di Mantova e dal cardinale Ercole, di lui zio, entrò in
Milano il 22 agosto 1541, frammezzo ad un grande sfoggio di apparati.
Fu attribuito a modestia di lui il costume della sua nazione, essendo
stato veduto entrare sotto baldacchino _a cavallo, vestito de panno
nero, con un cappelletto de feltro in testa_[182]. In questo tempo
trovandosi compite e approvate dal senato le _Nuove Costituzioni_
per il dominio milanese, opera incominciata sotto il duca Francesco
II, furono presentate all'imperatore, che le sancì con diploma del 27
agosto, e vennero poi pubblicate dal governatore del Vasto il 5 del
seguente ottobre. Partito due giorni dopo, ebbe un abboccamento a Lucca
col pontefice Paolo III, che fu sterile d'effetto; indi si affrettò,
guidato dalla sua mala fortuna, ai lidi africani; imperocchè, sconfitto
sotto Algeri dai Barbareschi, e battuto in mare dalla tempesta, approdò
assai malconcio il 3 dicembre a Cartagena.

Il re di Francia Francesco I, giovandosi dei recenti disastri sofferti
da cesare, pubblicata una dichiarazione di guerra il 10 luglio del
1542, strinse lega con Solimano, gran signore de' Turchi, e fece
ricominciare le ostilità nel Piemonte, dove il marchese del Vasto
era alla testa degl'imperiali, e il Langei de' Francesi, in potere
dei quali era Torino. Continui furono gli attacchi; e, come suole
nelle ordinarie fazioni di guerra, alterni i successi. Ma divenuto
paralitico il Langei, sottentrò al comando de' Francesi D'Annebaut,
che poco dopo fu supplito da Boutières, e questi dal conte d'Enghien.
(1543) Nell'estate del 1543 Carlo V visitò ancora l'Italia di passaggio
per la Germania, e il 22 giugno ebbe una nuova conferenza col papa
in Busseto sul Po. In quel breve congresso l'ambizioso pontefice
cercò di far concorrere i bisogni di cesare ai vantaggi della propria
casa, interessando perfino le lagrime della figlia di Carlo V, la
duchessa Margherita, perchè concedesse lo Stato di Milano a Pier
Luigi Farnese o ad Ottavio suo nipote, offrendosi ad un gravosissimo
censo e all'immediato sborso di un'enorme somma; ma ogni progetto fu
vano. (1544) La guerra nel Piemonte nulla presentò d'interessante fino
all'anno 1544, avendo Francesco Borbone conte d'Enghien, il 14 aprile,
battuto a Cerisola gl'Imperiali, comandati dal marchese del Vasto. Il
marchese, rimasto ferito nella battaglia, dovette ricoverarsi fino
a Milano. Alcuni fanno ascendere i morti Imperiali a dodicimila. Il
primo vantaggio di tal vittoria fu che i Francesi si resero padroni
di Carignano e di quasi tutto il Monferrato. Però il re Francesco
I, sull'avviso che Carlo V, unito ad Enrico VIII re d'Inghilterra,
faceva grandi preparativi sul Reno per un'incursione nella Francia,
stimò opportuno di richiamare una gran parte delle truppe ch'erano
nel Piemonte, e così si rese inutile pei Francesi la carnificina di
Cerisola.

Da queste alternative vicende dei due monarchi belligeranti eccitato,
Paolo III rivolse piucchè mai le sue premure a tentar nuovi progetti di
una stabile pace, unico rimedio alle universali sciagure. A tal fine lo
zelante pontefice inviò due legati, cioè il cardinale Giovanni Morone
all'imperatore, e il cardinale Marino Grimani al re cristianissimo.
L'opera loro, secondata da personaggi distintissimi, sì ecclesiastici
che secolari, ottenne questa volta il bramato intento; di modo che
nel giorno 18 settembre del 1544, a Crespy, città dell'isola di
Francia, furono sottoscritti gli articoli della pace, pubblicati
poscia nel seguente ottobre per tutte le città della Lombardia con
sincere dimostrazioni di giubilo. Le convenzioni di questo trattato
relative alla nostra storia, erano che l'imperatore Carlo V avrebbe
dato in moglie a Carlo, duca d'Orleans, o la propria figliuola donna
Maria, principessa di Spagna, colla dote della Fiandra e de' Paesi
Bassi, ovvero Anna, figliuola di Ferdinando suo fratello, re dei
Romani, coll'assegnamento dotale dello Stato di Milano. La decisione
tra i due partiti doveva esser fatta da cesare entro un anno; e dove
fosse prescelto l'ultimo, riserbava Carlo V a sè i castelli di Milano
e di Cremona, finchè alla figlia del re Ferdinando fosse nata prole
maschile. (1545) Questa decisione fu più sollecita che non si credeva,
mentre verso il principio del 1545 l'imperatore dichiarò che avrebbe
data in moglie a Carlo duca d'Orleans la propria figlia donna Maria,
colla dote cotanto desiderata dello Stato di Milano. Per questa nuova
fu generale la gioia nel Milanese, ma fu passaggiera, essendo stata
poco dopo seguita dall'infaustissimo annunzio della morte del duca
d'Orleans, in età di ventitre anni, accaduta per febbre maligna gli 8
settembre, pochi giorni prima del tempo fissato alle sue nozze[183].
Temevasi per questo caso si promovessero dai Francesi novelle pretese
ed eccezioni alla pace di Crespy. Ma Francesco I, afflitto oltremodo
per tanta perdita, pressato dall'armi inglesi e in cattiva salute,
cominciò a pensare alla sua quiete; tantochè, composte le cose con
l'Inghilterra, pose ogni cura di mantenere la pace con Carlo V e vivere
seco lui in buona concordia.

Fin dal 1543 avea il sovrano approvate due instituzioni non meno
utili al regio erario, che al buon ordine dell'amministrazione; e in
conseguenza profittevoli ai contribuenti. Fu la prima l'erezione della
congregazione dello Stato, composta del vicario di Provvisione della
città di Milano e dei rappresentanti, ossia oratori e sindaci delle
altre città del ducato[184]. Questa magistratura avea l'incarico di
presiedere allo stabilimento delle imposizioni, e di curare l'interesse
de' pubblici, e non fu abolita che dopo duecentoquarantatre anni, nel
1786. L'altro non meno vantaggioso provvedimento fu l'ordine dato
dall'imperatore Carlo V, con dispaccio 13 marzo 1543[185], per la
riforma dell'estimo, base dei carichi generali e straordinari, la quale
però ebbe duopo di successivi eccitamenti; e tanti furono gli ostacoli
suscitati da chi avvantaggiavasi dell'ineguaglianza de' carichi, che il
nuovo estimo ha potuto appena essere pubblicato nell'anno 1599[186].

Il 13 dicembre 1545 si aperse il concilio di Trento, che durò diciotto
anni, essendo terminato nel 1563.



CAPITOLO XXVIII.

_Il principe don Filippo investito del ducato di Milano. Morte di
Francesco I. Entrata in Milano del nuovo duca. Nuova guerra in Italia.
Tregua di Cambrai. Abdicazione e morte di Carlo V._


(1546) La tanto sospirata pace non fu di alcun sollievo allo Stato di
Milano, mentre non cessavano le eccessive contribuzioni imposte dal
marchese del Vasto, per le quali innoltrarono i Milanesi fino al trono
le loro doglianze. Il marchese corse per giustificarsi in Ispagna, ma
ebbe ordine di tosto restituirsi in Italia per subire il sindacato
della sua condotta. Logorato però da un'interna febbre, appena fu
giunto a Vigevano, vi morì verso gli ultimi giorni di marzo, dopo un
governo di nove anni. Gli succedette don Ferrante Gonzaga, vicerè
di Sicilia e zio del duca di Mantova. Fu questi un signore colto e
buono, attentissimo al suo ufficio, di facili maniere[187]. Egli fece
costruire le nuove mura che tuttora circondano là città, e che furono
terminate nel 1555[188].

Atteso la morte del duca d'Orleans trovandosi ancora libera la
successione nel dominio dello Stato di Milano, l'imperatore Carlo V ne
dispose nuovamente in favore di suo figlio, il principe don Filippo.
L'investitura è in data di Ratisbona il 5 luglio 1546, e con successivo
atto 12 dicembre 1549, detto la Bolla d'oro, venne poi fissato
l'ordine della successione[189]. (1547) Circa questo tempo fu liberato
l'augusto Carlo del suo maggior nemico, il re di Francia Francesco
I, reso a stento placabile dal peso dell'età, fatto maggiore per le
malattie; il quale morì il 31 marzo del 1547. Ma non perciò mancarono
occasioni e attori per nuove guerre, ed una impensata ne sorse a
motivo dell'occupazione di Piacenza fatta dalle truppe cesaree il 12
settembre, appena due giorni dopo la tragica morte del duca Pier Luigi
Farnese. Imperciocchè il papa Paolo III strinse lega con Enrico II,
succeduto al trono di Francia, che fu poi cagione per l'Italia di nuove
combustioni.

(1548) I Milanesi, pressochè oppressi dalle imposizioni straordinarie
occorrenti per il comandato ristauro delle fortezze ed altri apparecchi
di difesa, ebbero occasione di rallegramento a un tempo e di maggiori
dispendi per la notizia avuta che il loro principe don Filippo era
partito dalla Spagna onde recarsi a visitare i suoi Stati d'Italia.
Il governatore Gonzaga si accinse tosto alle disposizioni per il
solenne suo ricevimento. Formò parte di queste l'abbellimento della
città. Allora si vide ampliata la piazza maggiore colla demolizione
dell'antica e cadente chiesa di Santa Tecla; si videro riattate le
strade, atterrate le logge, i veroni, i palchi e tetti che ingombravano
Milano, e impedivano la vista delle contrade. In tale occasione,
dice il Bugati[190], «fu in grandissimo pericolo di esser gettata
a terra quella bellissima anticaglia della colonnata del tempio di
San Lorenzo[191]: il che era un troppo errore, anzi fallo mortale;
conciossiachè se i grandi uomini di elevato spirito, spendono le
migliaia di scudi per una statua antica, e per un capo solo ritratto
di un qualche divo o diva, le centinaia, questa sì ampia di marmo,
non solamente non meritava ruina, ma di esser conservata in piedi fino
ad una scaglia, ancorchè sin qui non vegga animo eroico che cadendo,
la repari, nè del proprio, nè del comune, come nè anco molt'altre
anticaglie degne di memorie e di ristoro nella città, delle quali non
s'ha considerazione per una ignobiltà troppo vergognosa. Tuttavia,
avvertito di questo fatto il Gonzaga, lasciolla, anzi adornolla questa
colonnata in foggia d'arco e d'uno portico molto superbo, pel quale
passò il re Filippo poi». Dopo ventidue giorni di navigazione, don
Filippo d'Austria, duca di Milano, sbarcò in Genova il 22 novembre,
e in principio del successivo mese fece la sua solenne entrata nella
nostra città. Maravigliose e veramente reali furono per l'invenzione,
la varietà e la magnificenza le feste date al real principe. Egli partì
da Milano il giorno 8 gennaio 1849, e, passando per Cremona, Mantova e
Trento, s'incamminò verso Brusselles, dove trovavasi l'imperatore suo
padre.

(1550) Il cardinal del Monte era succeduto, col nome di Giulio III, nel
papato a Paolo III, che morì in ottandue anni. (1551) La lega stretta
dal suo successore col re di Francia fu confermata dal duca Ottavio
Farnese; e non sussistendo più i medesimi interessi, il nuovo papa si
collegò invece coll'imperatore contro il Farnese e la Francia, per cui
il governatore don Ferrante Gonzaga non fu tardo ad occupare Brescello
e Colorno, ed investire Parma colle truppe cesaree. Così fu rinnovata
la guerra, alla quale pure diedero principio i Francesi, coll'avere
spedito in Piemonte un grosso corpo d'armata, comandato dal signor di
Brissac, e il riacceso incendio si estese in Toscana, in Germania e in
Ungheria. (1552) La scarsezza delle truppe nel Milanese pose eziandio
in prossimo pericolo gl'Imperiali, sull'entrare dell'agosto nel 1552,
di essere, per sorpresa dei Francesi, cacciati dal castello di Milano.
L'affare seguì in questo modo[192]. Lodovico Biraga, milanese, al
servizio di Francia, uomo assai intraprendente e voglioso di celebrità,
e che per varie segnalate imprese erasi distinto nel Piemonte, seppe
che il castello di Milano era mal custodito dalle guardie. Accertatosi
col mezzo di fidi esploratori della verità del fatto, si pose in animo
di sorprendere quel forte; quindi tratto al suo partito un certo
Giorgio Senese, soldato arditissimo, che dimorava in Milano e che
colle sue accorte maniere erasi procacciata la confidenza di molte
famiglie nobili, e segnatamente di Giovanni de Luna, castellano del
forte, nel quale giorno e notte entrava ed usciva solo senza alcun
ostacolo, commise il Biraga a questi l'esecuzione dell'impresa. Era
il disegno di scalare con sufficiente numero d'armati uno sperone di
esso castello, di uccidere la sentinella e il castellano, e superato
il corpo di guardia, calar il ponte onde introdurvi altri appostati
soccorsi. Premesse in fatti alcune squadre scelte e coraggiose, venne
il Biraga con altri prodi armati clandestinamente dal Piemonte per
la via degli Svizzeri, ed appiattatosi in città, aspettava l'avviso
dell'esito dell'impresa. Entrò frattanto il Senese colle sue genti
nel buio della notte nella fossa del castello, ed appoggiate le scale
alle mura, trovaronsi corte al montarle; laonde insorto non so qual
bisbiglio negli aggressori, questo fece sì che per la confusione e
il sospetto d'essere sorpresi, si diedero subitamente alla fuga. Le
scale ivi abbandonate porsero indizio della trama: Giorgio Senese
venne carcerato, e previo processo fattogli da Niccolò Secco, capitano
di giustizia, fu squartato vivo. Salvaronsi gli altri, uscendo
precipitosamente dai confini dello Stato; e Lodovico _Biraga_, termina
il Bugati, «fu gridato ribelle della patria per commission di cesare e
del senato».

È nella natura de' popoli l'attribuire al ministro presente la colpa
delle soverchie imposizioni, o comandate dal lontano padrone, o rese
necessarie dalle difficoltà de' tempi. (1554) Perciò i Milanesi si
associarono al castellano Giovanni de Luna, ch'era mosso da altri
fini di rivalità e di ambizione, e di concerto con esso innoltrarono
al sovrano forti rimostranze contro il governo del Gonzaga. Fu questi
chiamato in Ispagna a giustificarsi, e durante la di lui assenza
furono severamente sindacati in Milano tutti gli atti della sua
amministrazione. Venne dichiarato innocente, ebbe dall'imperatore
premii e distinzioni; ma non fu repristinato nel suo governo. Egli si
ritirò a menare vita privata in Mantova, e passò poscia a Brusselles,
dove morì il 15 novembre del 1557.

Il fiero turbine di guerra, da cui era percossa o minacciata nelle
varie sue parti la vasta monarchia spagnuola, influì ad accelerare
l'eseguimento della magnanima risoluzione che l'augusto Carlo andava da
qualche tempo volgendo nell'animo, di alleggerirsi del peso di tanti
regni. Quindi, nel corrente anno 1554, rinunciò a favore del figlio
Filippo II gli Stati d'Olanda e dei Paesi Bassi, il regno di Napoli e
il ducato di Milano, per cui nell'ottobre dello stesso anno fu spedito
a Milano don Luigi di Cardona per ricevere il giuramento di fedeltà al
nuovo sovrano. (1555) La guerra co' Francesi nel Piemonte proseguiva
alternata da reciproci vantaggi e perdite; ma nel 1555 la fortuna si
mostrò più volte contraria agl'imperiali; nè valse l'avere richiamato
dalla Toscana il famoso Gian Giacomo de' Medici, marchese di Marignano,
per porlo alla testa dell'esercito, poichè verso gli 8 novembre cessò
di vivere in Milano pochi giorni dopo il di lui arrivo[193]. Egli
conseguì poscia l'onore di un magnifico sepolcro, che gli fu fatto
erigere nel Duomo di Milano dal papa Pio IV, di lui fratello[194].
I vantaggi riportati dai Francesi non furono senza gravi sagrifizi;
quindi gli animi de' monarchi belligeranti si trovarono disposti ad
accogliere le proposizioni per un accomodamento, che loro vennero fatte
di commissione del papa dal cardinale Reginaldo Polo, arcivescovo di
Cantorberì, che poco prima avea riconciliato l'Inghilterra colla sede
Romana. (1556) Ne fu conseguenza la tregua quinquennale conchiusa a
Cambrai il 5 febbraio del 1555, secondo l'era fiorentina e veneta,
e del 1556 secondo l'era comune[195]. L'imperatore Carlo V colse
quest'istante per compire la rinuncia al figlio Filippo II del restante
de' vasti suoi dominii insieme colla corona di Spagna e della corona
imperiale al fratello Ferdinando I, re dei Romani, d'Ungheria e di
Boemia. Quest'atto solenne fu eseguito in Brusselles, donde Carlo V si
recò per mare a Vagliadolid nel regno di Castiglia. Bastarono quattro
mesi di dimora in quella città per portare al colmo il suo disinganno
delle cose mondane, mentre gli si ritardava la corrisponsione degli
appuntamenti ch'egli s'era riservati; e rara era la concorrenza dei
cortigiani, che nulla più avevano a sperar da lui. (1558) Perciò si
decise di farsi un merito della necessità, e ritirossi nel monastero
de' Girolamini di San Giusto nell'Estremadura, ove fu talmente
macerato dalla noia, che volle farsi celebrare, lui vivo e presente, le
funebri esequie, e dopo diciannove mesi di dimora in quella monastica
solitudine diede fine alla procellosa sua vita il 21 settembre 1558,
avendo di poco oltrepassati gli anni cinquantotto.

I governatori spediti nel Milanese dopo la partenza di don Ferrante
Gonzaga furon don Giovanni di Figueroa, il duca d'Alva, il cardinale
Cristoforo Madrucci, principe e vescovo di Trento, e Gonsalvo Ferrante
di Cordova, duca di Sessa; ma il loro governo non lasciò traccia
che meriti una speciale ricordanza. Sotto di essi, benchè senza
loro partecipazione, fu fondato nel 1889 dal conte Ambrogio Taegi il
collegio di San Simone per dodici poveri e nobili fanciulli[196]; nel
1554 furono istituite due cattedre di logica e di filosofia morale,
dette dal loro fondatore Paolo Canobbio le _Scuole Canobbiane_, per le
quali fu eretta un'ampia e magnifica aula, che esiste tuttora, coperta
dappoi di un'elegante cupola nel 1681[197]; e nell'anno seguente il
genovese Tommaso Marini, che s'era stabilito in Milano fin circa il
1525 per dirigere il negozio de' prestiti fatti sulle rendite dello
Stato, ed in quello arricchitosi, fece fabbricare il magnifico palazzo
che porta tuttavia il suo nome, essendone stato architetto Galeazzo
Alessi Pellegrino[198].

Verso la fine del 1550 finì i suoi giorni in Pavia il celebre
giureconsulto Andrea Alciati, non avendo compito l'età di
cinquantott'anni[199], e fu eretto alla di lui memoria un elegante
monumento di marmo, che ancora esiste nei portici di quell'università.
Il 4 aprile del 1555 morì in Milano Marc'Antonio Maioraggio, d'anni
quarantuno. Egli fu pubblico professore di belle lettere, rinomato per
l'eleganza del suo scriver latino. Molte opere di lui ci rimangono in
versi e in prosa. Bayle gli ha dato luogo nel suo dizionario. Egli fu
battezzato col nome di Antonio Maria, e il cangiamento che ne fece per
genio di latinità gli fu cagione di una seria molestia, per cui dovette
difendersi avanti il Senato, e mostrare che non per ciò egli ricusava
il culto alla Vergine Maria[200].



CAPITOLO XXIX.

_Pace tra la Spagna e la Francia. Il cardinale Carlo Borromeo
arcivescovo di Milano. Contese di giurisdizione tra esso e i
governatori regii. Soppressione dell'ordine degli Umiliati. Morte di
Filippo II re di Spagna. Venuta in Milano di Margherita d'Austria sposa
del re Filippo III._


(1559) La tregua di Cambrai, procurata dal papa, fu presto rotta
dagl'intrighi dei di lui nipoti, i quali lo indussero a collegarsi
colla Francia; ma le vittorie degli Spagnuoli sgominarono
quest'effimera alleanza; sicchè, quattro anni dopo, nella stessa
città di Cambrai fu, il 3 di aprile del 1559, conchiusa la pace tra la
Francia e la Spagna, essendosi in quella convenuto che ciascuna delle
sovranità d'Italia ricuperasse la propria città e i luoghi perduti
durante la guerra. A questa cagione di rallegramento per la città di
Milano un'altra se ne aggiunse fra pochi mesi, mentre, essendo morto
Paolo IV, gli vide surrogato col nome di Pio IV il cardinal Gian-Angelo
de' Medici, suo concittadino. Questo papa nel breve suo regno di circa
sei anni, la beneficò in più modi. Primieramente colla nomina di tre
cardinali milanesi tosto dopo la sua elezione, tra i quali fu il di
lui nipote Carlo Borromeo; poi di altri cinque nel 1565. Concesse
inoltre al collegio de' giurisperiti, cui era stato ascritto, molti
privilegi e distinte rendite, oltre un fondo sufficiente per erigere la
maestosa fabbrica per la sua residenza, la quale, ridotta a compimento
nel 1564[201] sotto la direzione dell'architetto Vincenzo Seregno,
sussiste tuttora. Elesse l'altro suo nipote conte Federico Borromeo,
capitano generale di Santa Chiesa, ed accumulò talmente nel cardinal
Carlo i benefizi ecclesiastici, le dignità, i feudi, le pensioni, che,
allorquando questi si decise a rinunciarvi per dedicarsi del tutto alle
cure della sua chiesa milanese, che insieme col cardinalato gli era
stata conferita, trovavasi investito del grado di legato _a latere_
per tutta l'Italia, protettore di molti ordini regolari, e titolare di
dodici commende; onde possedeva di redditi ecclesiastici la insigne
somma di novantamila zecchini,[202] _quibus, cum haberet_, conchiude
il Bescapè[203], _insignis fuit, et cum dimisisset, insignior_. E
nell'alto stesso di rinunciarvi ha potuto ancora, col favore dello
zio, convertirli in benefizio stabile del suo paese, siccome avvenne
dall'abbazia di Calvenzano, che applicò alla fabbrica del collegio
Borromeo in Pavia, cui nel 1564 avea dato principio.

(1560) L'anno 1560 fu contrassegnato dalla morte del gran cancelliere
Francesco Taverna, conte di Landriano. Egli nasceva da una nobile
famiglia, e per la via della toga fu dottor collegiato, poi fiscale,
indi senatore, poscia presidente del magistrato straordinario, creato
per ultimo gran cancelliere del duca Francesco II, e confermato da
Carlo V. La probità, i talenti, l'attività, il cuore e la prudenza
di questo degno ministro si conobbero in varie legazioni ch'egli
felicemente eseguì presso la Repubblica Veneta, a Roma presso Clemente
VII, presso il re di Francia e presso dell'imperatore, conciliando
trattati di pace e alleanze. Egli ebbe del suo principe la nobilissima
commissione di firmare il trattato di nozze colla principessa di
Danimarca. Nissun soggetto meritevole di speciale menzione porsero
per più anni di séguito i governatori, marchese di Pescara, e
duchi di Sessa e di Albuquerque, l'ultimo dei quali morì nel 1571,
dopo un governo di sette anni; e fortunatamente sono estranee alla
nostra storia le orrende scene della regia famiglia di Madrid e le
carneficine dell'Olanda. (1563) Noi abbiamo solo a narrare che sono
riusciti inutili i tentativi del duca di Sessa per dare una più ampia
consistenza al tribunale dell'Inquisizione, che fino dal 1559 era stato
fondato nel convento delle Grazie dal cardinale alessandrino Michele
Ghislieri, poi Pio V[204].

(1565) Benchè il cardinale Borromeo fosse stato investito fin dal mese
di febbraio del 1560 dell'arcivescovato di Milano per rinunzia del
cardinale Ippolito II d'Este, nella di cui casa era rimasto in commenda
per più di sessant'anni, egli dovette rimanere in Roma presso lo zio
come suo segretario di Stato; e soltanto il 23 settembre del 1565,
essendo in età d'anni ventisei[205], potè recarsi alla sua diocesi per
assistere al concilio provinciale, la di cui convocazione avea, stando
in Roma, ordinata. Il suo ingresso fu sontuosissimo. Le vie della
basilica di Sant'Eustorgio fino alla chiesa metropolitana erano ornate
magnificamente e affollatissime di popolo. Oltre la lunga comitiva del
clero secolare e regolare che il precedeva, ebbe l'accompagnamento del
governatore, del senato e delle altre magistrature e di quasi tutta la
nobiltà, tra la quale furono scelti quelli che splendidamente vestiti
e a piedi facevano corteggio intorno della sua persona, e reggevano
il baldacchino che lo copriva[206]. Egli stesso ebbe cura di far
avvertito il vescovo di Como che il «governatore, cavalcando alla di
lui sinistra, si teneva costantemente ad un minor passo, per modo che
la parte posteriore del suo cavallo restava allo scoperto»; e i sensi
della maggiore soddisfazione ne scrisse del pari al cardinale Altemps,
«commendando in ispecie la religione e la pietà del governatore, e
che di averlo trovato devotissimo a sè ed al pontefice sommamente
si compiaceva[207].» I vescovi che si considerarono suffraganei di
Milano al primo sinodo tenuto dall'arcivescovo Borromeo furono delle
seguenti città: Acqui, Alba, Alessandria, Asti, Bergamo, Brescia,
Casale, Cremona, Lodi, Novara, Piacenza, Savona, Tortona, Ventimiglia,
Vercelli e Vigevano. Appena, finito il concilio provinciale, avea il
cardinal Borromeo dato principio alle riforme in quello stabilite, fu
sollecitamente richiamato a Roma dalla notizia della grave infermità
del papa, e giunse in tempo di assistere alla di lui morte, avvenuta
il 9 dicembre, e per prendere una parte attivissima all'elezione
del successore. Uno scrittore contemporaneo, e apparentemente bene
informato, ci è testimonio che il cardinale Borromeo avea somma
autorità, e si era proposto di far papa il cardinale Giovanni Morone,
milanese[208]; il quale per le vicende della fortuna, dopo di essere
stato perseguitato e fatto carcerare da Paolo IV, come eretico,
richiamato in favore sotto Pio IV, avea, come legato apostolico,
presieduto e posto termine al concilio di Trento. (1566) I due che più
potevano erano il cardinal Farnese e il Borromeo. Aderivano al primo
gli elettori fiorentini, inclinando a far nominare il cardinale di
Montepulciano; erano per il secondo, Altemps, suo cugino, e le creature
di Pio IV. Tra queste gare prevalse un terzo partito, che innalzò alla
sede pontificia il cardinale Ghislieri, col nome di Pio V.

Restituitosi il cardinale arcivescovo alla sua diocesi di Milano,
riassunse tosto il pieno esercizio delle sue funzioni con quello zelo
vivace ed insistente ch'era proprio del di lui carattere. E siccome
l'antica milizia ecclesiastica, i Francescani ed i Domenicani, non
avevano la di lui confidenza, così prese a suoi coadiutori i Gesuiti,
la di cui istituzione era stata approvata da Paolo III. Fin dal 1563
egli erasi fatto precedere in Milano da un drappello di essi, sotto
la direzione del padre Palmio. Ad essi conferì la soprintendenza
del seminario; tre anni dopo la loro introduzione li traslocò dalla
modesta casa di San Vito ed altre presso San Fedele, dove apersero
pubbliche scuole; e dopo altri tre anni fece dar principio, sul disegno
dell'architetto Pellegrino, alla bella chiesa che tuttora vi esiste, e
di cui egli stesso pose solennemente la prima pietra[209]. Intervenne
poco dopo opportuna a fornire i mezzi di presto ridurla a compimento la
catastrofe degli Umiliati, de' quali la serie delle accadute vicende mi
trae a far parola.

L'ordine degli Umiliati, che dalla Lombardia erasi esteso in
diverse parti d'Italia, fu in origine un consorzio di persone pie,
viventi in comune sotto l'osservanza di alcune regole religiose,
il di cui principale istituto era l'occuparsi delle manifatture di
lana. Applicarono in séguito al negozio delle loro merci; con che
arricchirono, e l'ordine degenerò. All'epoca della quale trattasi,
allorchè per lunga consuetudine i capitoli, i monasteri e i vescovadi
più ricchi erano dati in commenda ai cardinali e ad altri favoriti
della corte di Roma, anche le prepositure degli Umiliati erano passate
quasi in patrimonio di varie potenti famiglie, che, con assenso
del papa, le trasmettevano in appanaggio ai figli cadetti[210]. Il
cardinale, che per propria natura era inclinato alla magnificenza, vide
nella riforma di quest'ordine la possibilità di ritrarre i mezzi che
gli mancavano per eseguire le grandiose opere da lui divisate; e fin
da quando era in Roma presso Pio IV fu sollecito d'informarsi della
situazione di esso, e ne ritrasse che gli Umiliati non oltrepassavano
fra tutti il numero di cento individui, compresi i prevosti, e che
dai conti fatti sui loro redditi, di sessantamila scudi d'oro, una sì
scarsa famiglia veniva assai parcamente pasciuta, siccome ne scrisse
al prelato Ormaneto, suo confidente[211]. Il Borromeo era protettore
dell'ordine. (1567) Si fece fare delegato apostolico per riformarlo,
e predisposti i mezzi a render nulla ogni resistenza[212], radunò
il capitolo generale a Cremona, ove promulgò la riforma, per la
quale i prevosti perdevano ogni proprietà e venivano soggettati alla
vita monastica. Era naturale che, come di cosa insolita e per essi
sommamente nociva e umiliante, ne concepissero gravissimo sdegno non
meno i prevosti che le nobili famiglie cui appartenevano[213]; quindi
ne emersero grandi susurri e querele e maldicenze infinite; il papa
fu sollecitato a rimettere in parte la severità dei nuovi statuti;
i principi, instigati a non lasciar ledere la loro giurisdizione;
e quando per nessun'altra via ha potuto aver sfogo il soverchio
degli umori, questi proruppero poi e finirono in un attentato vile e
vituperevole, colla rovina dei suoi autori.

Con non minore severità diede opera alle altre parti delle meditate
riforme: e senza partecipazione o assenso de' magistrati facea citare
i laici per titoli appartenenti al suo foro; altri ne facea tradurre
alle proprie carceri; accrebbe di molto il numero del satellizio
arcivescovile, e pretese che a queste fosse lecito di portare, oltre
le altre armi, anche le astate e l'archibugio, che da regii ordini
erano generalmente proibite[214]. All'inflessibilità del governo, alla
severità dei tribunali oppose l'arcivescovo la scomunica. Da entrambe
le parti ne fu scritto al re ed al papa, e varie e gravi mormorazioni
corsero nel pubblico[215]. (1569) Nuovi e maggiori scandali insorsero
per aver voluto l'arcivescovo visitare solennemente il capitolo della
Scala, che, come di regio padronato e per privilegio pontificio,
tenevasi esente dalla giurisdizione arcivescovile[216]. Frattanto un
accidente estraneo, il tentato assassinio del cardinale Borromeo, rese
preponderante la sua causa sì nell'opinione del pubblico, che presso le
corti che doveano giudicarne.

Quattro religiosi umiliati, Clemente Mirisio, prevosto di Caravaggio,
Lorenzo Campagna, prevosto di San Bartolomeo di Verona, Girolamo
Legnano, prevosto di San Cristoforo di Vercelli, e il diacono Gerolamo
Donato, sornomato Farina, che insieme abitavano nella loro casa di
Brera in Milano,[217] concepirono il disegno di vendicarsi contro
il riformatore del loro ordine, uccidendolo, e il Farina incaricossi
dell'esecuzione. Il fatto è così narrato in un vecchio codice[218].
«Ultimamente il Farina (e fu il 26 di ottobre), aiutato dal tempo
tenebroso ed oscuro, si condusse nel palazzo dell'illustrissimo
cardinal Borromeo, et salendo le scale, prive di lume, et per
l'oscurità non visto da alcuno camminò alla porta della cappella nella
quale, circa un hora di notte, slava con la famiglia il cardinale
in oratione, cantandosi in musica alcuni motteti;... et havendo
preso tra il legno et l'apertura della porta la mira nella schiena
dell'illustrissimo cardinale, che avea la faccia verso l'altare, gli
sparò l'archibugietto, carico di una balla et di molti pernigoni,
che, come a Dio piacque, non l'offese niente, et la balla gli ammaccò
uno poco la carne, et li pernigoni senz'offesa si sparsero per il
rocchetto et per le vesti, unde miracolosamente ne scampò: et ciò
fatto, l'illustrissimo cardinale con tutto il rumore restò intrepido,
nè volse che niuno se movesse, ma si dovesse finire la oratione: nel
cui tempo il Farina con l'altro archibugietto in mano, qual s'era
riservato per sua difensione, aiutato pure dall'oscurità et con una
maschera nel volto per non essere conosciuto, scese le scale, nel fondo
delle quali vi si ritrovò uno servitore che teneva uno cavallo, a cui
dando uno urtone, ne sfugì per la porta incontro al Domo». Nella notte
medesima e ne' giorni successivi il governatore fece eseguire le più
diligenti e severe ricerche per la scoperta e manifestazione del reo;
ma riescì il sicario Farina di rifugiarsi in Civasso nel Piemonte, dove
si arruolò nelle truppe del duca di Savoia. Essendosi poi pubblicato
un breve pontificio contro quelli che avessero notizie intorno al
commesso attentato e non le palesassero, il Legnano e il Mirisio,
prevosti di Vercelli di Caravaggio, «temendo di non essere per altra
via scoperti (prosegue il citato manoscritto), consultatisi insieme,
determinarono di dire ogni cosa all'illustrissimo cardinale, il quale
benignamente et con molta carità gli ascoltò nella sua camera, et gli
promisse che, non solo haveria tenuto secreto tutto quello che sopra di
ciò gli raccontassero, ma che s'essi ci havevano parte, come ne davano
inditio le loro parole, senza nominare li suoi nomi, haveria procurato
per loro l'assoluzione di Nostro Signore; ma essi, negando d'havervi
partecipazione niuna, accusavano solamente il Farina per malfattore. Et
venendo dopo un altro breve di sua santità, che scomunicava ciascuno
che per qualsivoglia via sapesse di questi particolari, delegando il
rev. vescovo di Lodi per giudice; il cardinal Borromeo, che sapea di
questi trattati dalli detti prevosti ciò che si è detto di sopra;
dubitando, se non rivelava il fatto, d'incorrere nelle censure di
scomunica posta da sua santità nel detto breve, si risolse di far
chiamare a sè li detti di Vercelli et Marisio, li quali di nuovo exortò
a dire la verità sinceramente, perchè li haveva aiutati presso Nostro
Signore: et essi negavano sempre. Ultimamente poi fece intendere che
si haveva da pubblicare presto il detto breve, per il quale loro erano
tenuti in coscienza di revelare al vescovo di Lodi tutto quello che
havevano detto a sua signoria illustrissima, ec.» Essi presentaronsi
al vescovo[219], e furono carcerati. Un altro breve pontificio mandato
al duca di Savoia procurò la consegna del Farina. Tutti rimasero
nelle prigioni dell'arcivescovato sette mesi, _et horridamente
tormentati_[220]. (1570) Finalmente li tre prevosti e il Farina,
degradati dal delegato pontificio e rimessi alla corte secolare,
furono, il 2 di agosto sulla piazza di San Stefano, il Legnano e
il Campagna, decapitati per esser nobili, il Merisio e il Farina,
appiccati, previo a quest'ultimo il taglio della mano avanti la porta,
dell'arcivescovato. Questo fatto a tal segno operò sulle menti, che da
quel punto venne il Borromeo considerato come visibilmente assistito
dalla Divinità, e se gli spianarono le vie, nonostante che alcuni, che
si davan pregio di fino intelletto, asserissero temerariamente, esser
ciò un artificio del prelato per procacciarsi opinione di santo[221].
Nell'anno seguente il pontefice Pio V, con bolla del 7 febbraio[222],
soppresse intieramente l'ordine degli Umiliati. Il principal frutto
di quella generale abolizione fu conseguito dal Borromeo; che, per
concessione pontificia, ebbe facoltà di disporre de' beni delle
prepositure esistenti nella Lombardia, dell'annuo reddito di oltre
venticinquemila zecchini[223], a favore di molti pii ed ecclesiastici
stabilimenti, e per le nuove magnifiche fondazioni già incominciate
o intraprese ne' seguenti anni, tra cui la fabbrica del Seminario,
principiato nel 1570, e presto ridotto a compimento col disegno
dell'architetto Giuseppe Meda, salva la porta principale tuttora
esistente e ornata secondo il cattivo gusto del tempo, che vi fu
aggiunta circa un secolo dopo dall'arcivescovo Alfonso Litta[224].

(1572) Essendo morto dopo la metà del 1571 il governatore duca
d'Albuquerque, gli successe, nell'aprile dell'anno seguente, don
Luigi di Requesens, commendator maggiore di Castiglia, uomo destro e
stimabile[225], ma zelatore non meno fervido, e perseverante della
giurisdizione regia, di quello che il cardinal Borromeo il fosse
della ecclesiastica[226]. Perciò le controversie giurisdizionali
sì riprodussero ancora più vive: e desse continuarono, benchè meno
clamorose, anche sotto il moderato governo del marchese di Ayamonte,
che succedette al commendatore de Requesens, e resse queste province
per otto anni. (1575) Il senato mandò espressamente a Roma, nel 1575,
il senatore Politone Mezzabarba, uomo di gran merito, per far valere
le sue ragioni[227]. All'opposto le parti del Borromeo erano vivamente
protette a Madrid da monsignore Ormaneto, già suo residente in Roma,
cui era riuscito di far nominare internunzio apostolico a quella
corte. Nel 1581 vi spedì inoltre l'altro suo familiare Carlo Bescapè,
prevosto generale de' Barnabiti, e che fu poi il migliore storico
della sua vita. Narrasi da questi di aver avuto replicati congressi
col domenicano Diego Clavesio, confessore del re, e da lui delegato
ad ascoltarlo; e possono leggersi presso di esso i modi moderati e
conciliatori coi quali fu licenziato[228].

A calmare maggiormente queste scandalose contese, rivolgendo la comune
attenzione ad un oggetto infinitamente più grave e funestissimo,
sopraggiunse la pestilenza. (1576- 1577) Questa fu promossa da una
delle non insolite sue cause, lo straordinario concorso di gente a Roma
per il Giubileo dell'anno avanti. Si manifestò dapprima nei monti di
Trento, e, propagatasi a Verona e Mantova, palesò i primi suoi segni
verso la fine di luglio in Milano, dove da piccola scintilla divampò in
un baleno a vastissimo incendio. Egualmente pronti, benchè non tutti
provvidi del pari, furono gli ordini dati dalla pubblica autorità. Le
unzioni venefiche che illusero la rozzezza de' Romani nel principio del
quinto secolo della loro esistenza, e che centoventiquattro anni dopo
l'epoca della quale trattiamo, furono argomento in Milano stessa della
più orrenda tragedia, eccitarono l'attenzione del marchese d'Ayamonte,
che, con editto del 12 settembre, proposti insigni premii ai delatori,
minacciò gravissime pene ai rei; e per la nissuna scoperta di essi si
lusingò d'averli frenati. Ma fuori di questo tributo pagato dal saggio
governatore all'ignoranza del secolo, tutti gli altri e non pochi
provvedimenti emanati sì da lui che dalla magistratura civica resero
testimonianza non men di zelo che di saviezza. Era allora vicario di
Provvisione Giambattista Capra, che meritò la riconoscenza de' posteri
pel bene che fece[229]. Si ordinò che ciascuno non uscisse dalla sua
casa. Frequenti erano le guardie per tenere in freno il popolo; le
forche, erette in più luoghi della città, indicavano ai disobbedienti
la qualità e la prontezza dei castigo. Furono fissate le persone cui
era permesso di girare liberamente, sì per servire i relegati nelle
case, che per ogni pubblico bisogno. Era cosa miseranda il vedere
una città poc'anzi soprabbondante di popolo, lieta di ogni dovizia,
florida, vivace, sfarzosa, frequentatissima, ridotta in un istante in
un'immensa solitudine. Due terzi de' suoi abitanti per poco che ne
avessero i mezzi, si rifugiarono alla campagna, e quelli che furono
costretti a rimanere, nella noia del loro forzato ricovero, fra la
vicendevole mestizia, nella continua angoscia, cagionata dalla tema di
essere istantaneamente sopraggiunti dal mortifero morbo, non avevano
altre distrazioni che il periodico pulsare alle porte di chi recava
loro un misurato alimento, o il lento trascorrer dei carri per le
vie carichi di morti o di semivivi, lo stridore delle di cui ruote
era stato reso maggiore coll'arte, affinchè all'appressarsi di quelli
ciascuno più prontamente s'allontanasse. Non bastando il vastissimo
lazzaretto a contenere i malati, fuori d'ogni porta della città si
dispose un recinto dove gli altri si trasferivano. Un difficilissimo
oggetto fu pure la cura delle vittovaglie. Per più di sei mesi circa
cinquantamila persone furono a spese pubbliche alimentate; e non
bastando le rendite civiche, le elemosine dei facoltosi, l'entrate
de' luoghi pii, la città vi destinò altresì i capitali che ritrasse
dalla vendita de' suoi dazi. Il dispendio prodotto da questo sommo
disastro fu calcolato di quasi un milione di zecchini[230]. Il morbo
non si estinse del tutto che dopo diciotto mesi. I morti nella
sola città ascesero a circa diecisettemila; e il Bescapè, che ho
particolarmente seguito in questo doloroso racconto, aggiunge che in
quello spazio di tempo v'ebbero quattromila e trecento nati[231]. A
questa sciagura debbono i Milanesi l'esistenza di una bella chiesa,
quella di San Sebastiano, eretta per voto del corpo civico sul disegno
dell'architetto Pellegrino de' Pellegrini, e dotata di ricchissimi
arredi[232]. Verso il principio del 1577, però senta colpa della peste,
morì Girolamo Cardano, di settantacinque anni, illustre per il suo
sapere, per il suo ingegno e per la sua esimia credulità nelle scienze
occulte.

Durante quel gran disastro rifulse splendidissima la somma carità del
zelante pastore verso l'afflitto suo gregge, cui dedicò ogni sua cura,
soccorse colle sue largizioni e cercò persino di giovare colla erezione
delle croci ne' quadrivi (con poca opportunità rese poi stabili),
perchè i rinchiusi nelle case potessero in qualche modo assistere
alle sacre funzioni che si celebravano innanzi ad esse: mezzo assai
adatto di distrazione e di rincoramento agli animi sbigottiti; e se la
piena del suo zelo non fosse trascorsa a dar causa di più propagarsi
il contagio colle processioni, la sua lode sarebbe molto maggiore e
intemerata. Nè perciò interruppe l'esecuzione de' molti suoi benefici
e magnifici progetti, ed ogni anno era segnato dall'esecuzione di
più d'uno di quelli, con una gloria ben più solida e vera che non
nel farsi campione delle ambiziose pretese del sacerdozio. Oltre
il collegio Borromeo e il Seminario, de' quali s'è già parlato, si
succedettero le fabbriche di San Martino degli Orfani, delle convertite
di Santa Valeria, ampliata di poi della chiesa jemale del Duomo,
però a spese della Fabbrica; de' monasteri di Santa Marcellina, di
Sant'Agostino Bianco e di Santa Sofia, allora Orsoline; del collegio
delle Vedove, del conservatorio delle fanciulle alla Stella, del
palazzo arcivescovile, e del collegio Elvetico, fabbrica delle più
insigni, disegnata per l'interno da Fabio Mangoni, pel di fuori da
Francesco Richini; dotandolo coi beni delle prepositure degli Umiliati
de' santi Jacopo e Filippo di Ripalta in Monza, di Santa Croce in
Novara, di Sant'Antonio in Pavia, e dell'abbazia di Mirasole, per
rinunzia ottenuta da suo cugino il cardinale Altemps. Fondò pure le
cappuccine di Santa Prassede e di Santa Barbara, e con assai maggiore
utilità la Congregazione della dottrina cristiana. Costante nella sua
massima di preferire i nuovi istituti religiosi, introdusse in Milano i
Teatini; distinse, arricchì e favorì i Barnabiti, de' quali approvò le
costituzioni; instituì in San Sepolcro la congregazione de' sacerdoti
obblati, legati con ispecial voto di obbedienza all'arcivescovo e a'
suoi successori, a di cui beneficio nell'anno della sua morte pose la
prima pietra della vasta ed elegante chiesa di Rhò, tuttora esistente,
architettura del Pellegrini. Ma più di tutti ebbero il suo favore i
Gesuiti. Erano appena trascorsi tre anni dacchè avea fatto erigere
per essi il collegio e l'elegante chiesa di San Fedele, e la città li
vide da lui trasferiti nella più bella prepositura degli Umiliati, in
Brera, dotati di molti beni, e tra gli altri di quelli dell'abbazia
gentilizia di Arona, per rinunzia del commendatario cardinal Chiesa,
non che dell'altra abbazia de' Santi Gratiniano e Felino di Arona
stessa, che destinò in casa di Noviziato[233]. Ingrati! che gli
resero in séguito amaro il beneficio; sì che gli scriveva monsignor
Speciano da Roma nel 1579, ch'essi erano in quella città i suoi più
sfrenati detrattori[234]. (1585) Consunto da un ascetismo smoderato
in un gracile temperamento, il cardinale arcivescovo Carlo Borromeo
mancò di vita il 5 novembre dell'anno 1584, dopo una breve malattia,
avendo oltrepassato di pochi giorni gli anni quarantasei. Pastore pio,
generoso e sommamente rispettabile; il volgo ammirò la severità della
sua vita e la pompa estrema della sua pietà; ma l'uomo di Stato loderà
in esso il filantropo e il benefattore de' suoi concittadini. Ventisei
anni dopo la sua morte fu egli da Paolo V canonizzato.

Avendo cessato di vivere il governatore d'Ayamonte nell'aprile del
1580, tenne il suo luogo, per quasi tre anni, il castellano don Sancio
di Guevara, del quale l'arcivescovo Borromeo era assai contento, come
appare da una di lui lettera a monsignor Speciano; ad un suo cenno
furono banditi ciarlatani, commedianti, e tolto ogni divertimento, il
che non avea potuto ottenere dagli altri governatori. È gaio l'aneddoto
riferito dal marchese Lorenzo Isimbardi nella sua cronaca[235], in
proposito de' figli del marchese d'Ayamonte. Trovavasi egli alla sua
villa del Cairo in Lomellina, quando «occorse avere ad alloggiare in
casa una notte li figlioli del marchese d'Ayamonte, governatore dello
Stato di Milano; il qual, essendo morto pochi giorni prima, questi
figlioli se ne ritornavano in Spagna, de' quali il maggiore era di
circa dieci otto anni. Ed essendo a tavola, cenando, successe caso
assai ridicoloso, ma tanto più misterioso, quanto che procedette da
semplicità contadinesca; perchè, trovandosi a caso in quell'ora sotto
al portico un contadino, qual, veduto venire dalla credenza quattro
paggi senza cappello o berretta in testa, con torce accese in mano, che
accompagnavano nel mezzo di loro un altro, pur scoperto, qual teneva
in mano una tazza d'argento, coperta, sopradorata, e questi passando
per detto portico per entrar in sala a dar da bere al padrone, con la
cerimonia che suol usar alcuni grandi di Spagna, il buon contadino, non
sapendo altro, sùbito all'improvviso si buttò a terra in ginocchione,
col cappello in mano, battendosi il petto; il quale, interrogato
perchè facesse tal atto, ed ammonito di levarsi su, rispose: Non volete
ch'io adori ed onori il mio Signore? Persino le bevande che dovevano
entrare nello stomaco di un grande di Spagna erano onorate, venerate,
adorate quasi! Dopo il Guevara venne al governo del Milanese il duca di
Terranova, che, per esser dottore, prediligendo il senato, ordinò non
doversi esso più intitolare serenissimo re, ma potentissimo re, stabilì
il titolo di magnifici ai senatori, e altre cose simili; gli successe
Juan Fernando de Velasco, contestabile di Castiglia, che governò per
otto anni, sebbene interrottamente. Egli diede il nome ad una delle
contrade della città, aperta al suo tempo, ed emanò varii ordini per
contenere gli ecclesiastici, e, tra gli altri, nelle congregazioni si
posero gli assistenti regii[236].

Nominato, verso la fine del 1584, monsignor Gaspare Visconti al vacante
arcivescovato di Milano, alla metà del seguente anno ne prese il
possesso. (1590) Cinque anni dopo, la nostra città vide promosso alla
Santa Sede il cardinal Nicolò Sfondrati, col nome di Gregorio XIV.
Questo fu il quinto papa milanese, essendo stati i quattro precedenti
Anselmo da Baggio, che, nel 1061, prese il nome di Alessandro II,
Uberto Crivelli, innalzato nel 1185 col nome di Urbano III, Goffredo
Castiglioni, fatto papa l'anno 1241, col nome di Celestino IV, e Pio
IV, ch'era in prima Gian-Angelo Medici, creato l'anno 1559, del quale
si è parlato nel capitolo precedente. Sotto l'arcivescovo Visconti, la
chiesa di San Lorenzo, caduta nel 1573, fu rifabbricata sul disegno di
Martino Bassi[237]; furono pure erette le chiese del Paradiso e della
Maddalena[238], e il convento dei Cappuccini in Porta Orientale[239];
i Somaschi a Santa Maria Secreta, e stabiliti i religiosi
ospitalieri, detti _Fate bene Fratelli_[240]. (1595) Il Visconti resse
l'arcivescovato di Milano fino al 1595, e gli fu dato in successore
il cardinale Federico Borromeo, in età d'anni trentuno, che governò la
chiesa Milanese per il lungo corso di anni trentasei. Nel 1587 morì lo
scultore Annibale Fontana, e fu sepolto nell'insigne tempio di Santa
Maria presso San Celso, ove osservansi varii bei lavori della sua mano;
e il 17 aprile del seguente anno cessò pure di vivere, nel convento di
Sant'Eustorgio, frà Gaspare Bugati dell'ordine de' Predicatori[241],
che nelle sue storie mostrò generalmente un criterio ed un'imparzialità
superiore alla sua condizione.

(1598) In tutta quest'epoca, sterile di notizie civili, null'altro ci
si offre da riferire se non che l'ingresso in Milano di Margherita
d'Austria, sposa dell'infante don Filippo, che fu poscia Filippo
III; e la morte quasi contemporaneamente accaduta in Madrid del
re Filippo II, dopo lunga malattia, essendo d'anni settantadue.
L'arciduchessa era stata sposata in Ferrara dal pontefice Clemente
VIII, che, in quell'anno medesimo, aveva tolto quella città alla casa
d'Este, fece l'entrata in Milano il 30 novembre, e vi si trattenne
per circa due mesi. Per questa occasione il corpo civico fece erigere
dall'architetto Martino Bassi, a foggia di magnifico arco, la Porta
Romana, quale ancora si vede, ornata con emblemi ed iscrizioni in cui
la moda per simili solennità andò d'accordo coll'ampolloso gusto del
secolo. L'arciduchessa e regina entrò alle ore ventidue, accompagnata
dall'arciduchessa Maria di Baviera, sua madre, dall'arciduca
Alberto, dal cardinale Aldobrandino, nipote del papa e legato, dal
governatore di Milano, contestabile di Castiglia, e da un gran numero
di principesse e principi: i tribunali andarono in séguito. V'erano
centocinquanta giovani principali milanesi, vestiti superbamente
di bianco con ricami d'oro, di perle e di gemme. Ciascuno portava
un'accetta dorata, coll'asta coperta di velluto bianco e ornata
a frange d'oro[242]. Poi venti cavalieri milanesi, in uniforme di
scarlato riccamente trinato d'oro. La regina sedeva sopra di una chinea
bianca, era vestita a lutto per la morte di Filippo II, e marciava
sotto un baldacchino di seta d'argento ricamato d'oro a gran frange.
I dottori di collegio portavano il baldacchino, ed erano vestiti
con vesti lunghe di damasco, foderato di velluto, e col cappuccio
d'oro, foderato di vaio[243]. Per onorare la sposa, venne pure il
duca di Savoia, Carlo Emanuele, col principe Amedeo, suo figlio, il
marchese d'Este, e molti principi e vassalli, al numero di trecento.
L'arciduca Alberto andò alla porta della città ad incontrarla, col
governatore, col principe d'Orange, e con tutta la nobiltà, forestiera
e milanese[244]. Le feste furono varie e magnifiche; e, per renderle
più splendide, il contestabile fece fabbricare un teatro in corte, che
durò fino al 1708, nel quale anno rimase distrutto da un incendio.

In que' tempi le arti cavalleresche, e singolarmente il ballo, avevano
la loro sede in Milano. A convincersene, basta leggere il libro già
rammentato di Cesare de' Negri, che contiene i precetti del ballo,
varii balletti, relazioni di mascherate e feste de' suoi tempi, e i
nomi delle più distinte dame e cavalieri che ballavano sotto della
di lui scuola. Qui si vede che i Francesi, i Romani, gli Spagnuoli
imparavano allora il ballo dalla scuola milanese. Pietro Martire,
milanese, era il ballerino stipendiato dal duca Ottavio Farnese in
Roma sotto il pontificato di Paolo III. Francesco Legnano, milanese,
fu stipendiato da Carlo V e da Filippo II, e venne largamente
premiato. Lodovico Pavello fu caro al re di Francia Enrico II e al
re di Polonia. Pompeo Diobono, pure milanese, era d'una nobilissima
e graziosissima figura dalla testa ai piedi, di somma agilità e
leggerezza nei movimenti. Il re Enrico II di Francia lo fece maestro
del suo secondogenito, il duca d'Orleans, che, fatto poi re col
nome di Carlo IX, lo amò sempre. Enrico III pure gli confermò le
pensioni. Virgilio Bracesco, milanese, insegnò il ballo al re Enrico
II di Francia e al primogenito, il delfino. Francesco Giovan Ambrogio
Valchiara fu preso al soldo del duca di Savoia Emanuele Filiberto, e
fatto maestro del principe Carlo Emanuele, suo figlio. Gian Francesco
Giera, milanese, fu maestro di Enrico III, prima re di Polonia, poi di
Francia, e sempre da lui stipendiato. Beccaria, milanese, fu maestro
della corte di Rodolfo II, imperatore; Claudio Cozzo, milanese, maestro
stipendiato alla corte di Lorena. Anche in ciò la cultura e l'eleganza
cominciarono nell'Italia, d'onde le altre nazioni le presero. Allora
il ballo comprendeva molti altri esercizi ginnastici, come volteggiare
il cavalletto, la scherma e simili. Il Negri descrive[245] come il
giorno 8 dicembre, mentre la regina donna Margherita d'Austria era nel
palazzo ducale di Milano, vi si portò con otto valorosi giovani, suoi
scolari, ed ivi, alla presenza della regina e dell'arciduca Alberto,
«fecero mille belle bizzarrie, e fra l'altre un combattimento colle
spade lunghe et pugnali, et un altro con le baste, aggiungendovi poi
certe altre inventioni nuove di balli». I balli avevano i loro nomi.
Alcuni, presi dall'imitazione delle nazioni, come la _Spagnoletta_,
l'_Alemanna_, la _Nizzarda_, ec. Altri, da argomento d'amore: il
_Torneo amoroso_, la _Cortesia amorosa, Amor felice_, la _Fedeltà
d'amore_, ec. Altri, a capriccio, come la _Barriera_, il _Brando
gentile_, la _Pavaniglia_, il _Bianco fiore, Bassà delle ninfe, So ben
io chi ha buon tempo_, ec: argomenti e nomi tutti di balli descritti
dal Negri. Gli abiti dei ballerini d'allora erano assai gentili.
Il Negri stampa la lista delle dame e dei cavalieri, ballerini e
ballerine ne' suoi tempi in Milano. Sotto il governo del contestabile
di Castiglia, cioè dopo il 1592 sino al termine di quel secolo, i
cavalieri che ballavano sono centoquindici nominati dall'autore[246],
e le dame sono sessantasei, oltre trentasei zitelle; in tutto centodue
donne. Osservo che i nomi delle dame allora erano meno divoti che non
sono oggidì, ma più eroici:_ Cornelia, Livia, Lelia, Giulia, Aurelia,
Camilla, Virginia, Lavinia, Ottavia, Flaminia, Emilia, Claudia,
Drusilla, Lucilla, Deidamia, Elena, Ippolita, Diana, Artemisia,
Dejanira, Zenobia, Andronica, Olimpia, Beatrice, Costanza, Ersilia,
Bianca, Laura, Vittoria, Violante, Silvia, Delia._ In Roma fino dal
1553 era uscito un _Trattato di Scienza d'armi_ di Camillo Agrippa,
milanese[247]. Quest'opera, corredata di molte figure assai ben
disegnate, comprende i precetti della scherma, presso a poco quali si
osservano anche presentemente; tratta delle diverse maniere di battersi
con spada e pugnale, spada e mantello, con due spade, colla spada e
lo scudo, colle alabarde, ec. Si vede che l'arte allora era anche più
coltivata e variata di quello che non lo sia presentemente.

(1599) Nel mese di luglio del seguente anno furonvi nuove feste in
Milano per l'ingresso dell'infanta donna Isabella d'Austria, sposata
coll'arciduca Alberto, che venne con lei[248]. Per questa occasione nel
teatro di corte si fece una bellissima festa con maschere a quadriglie,
oltre una rappresentazione teatrale, intitolata: l'_Armenia_. Parmi di
vedere il primo germe dell'opera in musica ne' due intermezzi, i quali
vennero cantati. Si scelsero due argomenti adattati alla musica. Il
primo fu l'Orfeo, il quale con flebil canto sfoga il suo dolore per la
morte della cara sua Euridice. L'Eco rispondeva, e un dialogo tra Orfeo
ed Eco insegnò al vedovo sposo che colla magia del suo canto poteva
tentar la via d'Averno, placare i mostri e rivedere Euridice. S'accosta
all'antro funesto, e al suono della sua lira si spalancano le porte,
si scopre quella terribile contrada. Plutone, Proserpina in trono, i
giudici, le furie, Caronte, Cerbero, insomma tutto vedevasi quello
che Virgilio e Ovidio hanno cantato. La soavità del canto d'Orfeo,
gradatamente interrotta dalle grida infernali, poco a poco vince,
e, ammutoliti gli spiriti, sembrano resi umani dalla dolcezza della
voce d'Orfeo, il quale supplichevolmente implora Euridice. Un basso
risponde in musica, concedendo la grazia col noto patto ch'egli non la
rimiri sintanto ch'entrambi non siano usciti dall'Averno; e qui, dice
il Negri[249]: «E se ben non pare che il decoro et virisimilitudine
della favola admetta musica in Plutone, fu ciò introdotto per maggior
soddisfazione degli aspettatori et ascoltanti, e per gusto di chi
poteva comandare»; il che sembrami che dimostri non essere stata prima
di quel tempo cantata un'intiera azione drammatica presso di noi. Il
secondo intermezzo rappresentava il viaggio degli Argonauti, e, per
introdurvi un tratto di musica, si posero le Sirene su varii scogli,
col loro canto cercando d'invitare i passaggieri ad accostarvisi. Orfeo
si pose sulla prora della nave, e sciogliendo una voce imperiosa con
canto sublime, rincorò gli Argonauti a proseguire l'impresa immortale,
e a non curare l'insidioso canto. L'abate Arteaga, spagnuolo, nella sua
opera sulle _Rivoluzioni del teatro musicale italiano_, c'insegna come
sotto Leone X in Roma siasi rappresentata in musica la _Disperazione di
Sileno_, poesia di Laura Guidicioni, dama lucchese, posta in musica da
Emilio del Cavalieri. Questo dramma allora riuscì male; si abbandonò il
tentativo, onde poteva in Milano comparire una vera novità. Nell'anno
1646 il cardinal Mazzarino fece rappresentare, nel palazzo reale a
Parigi, delle opere in musica da cantori che fece venire dall'Italia,
e Voltaire dice che «questo nuovo spettacolo era da poco tempo nato in
Firenze[250]».



CAPITOLO XXX.

_Governo del conte de Fuentes e de' suoi successori. Morte del re di
Spagna Filippo III. Fondazioni pubbliche, reggendo l'arcivescovado di
Milano il cardinale Federico Borromeo. Progresso delle controversie
giurisdizionali. Peste del 1630._


(1600) La massima di non lasciar troppo a lungo una stessa persona ne'
grandi governi, si trovò d'accordo colla gelosia del duca di Lerma,
favorito del re Filippo III; onde, destinato ad altre funzioni il
contestabile di Castiglia che reggeva il milanese da otto anni, fece
nominare in sua vece don Pietro Enriquez de Azevedo, conte di Fuentes.
Allontanò così un uomo, sebbene settuagenario, ardito, avveduto e
d'animo elevato, e che, non avendo figli, faceva professione di parlar
franco. Egli godeva inoltre d'un gran credito alla corte per aver avuto
la confidenza di Filippo II, che correva voce si fosse meritata col
prender parte alla morte dell'infante don Carlos. Perciò il senatore
Giambattista Visconti, che seguirò particolarmente nel parlare di
questo personaggio, dicea di esso: «Et di lui è costante fama, che
acquistasse la grazia di Filippo II col macchiarsi la mano nel sangue
di persona, la di cui morte per interesse d'onore egli comandò[251]»:
tant'era, in prossimità del fatto, generale e indubitata l'opinione che
don Carlos fosse perito di morte violenta, che che ne dica un recente
storico sulla fede dei registri dell'inquisizione, quasi che l'arte
delle reticenze non fosse antica quanto il mondo.

Il conte di Fuentes fece il solenne ingresso in Milano il 16 ottobre.
Volle che il consiglio, benchè non fosse che un aggregato di ministri
scelti e non avesse rappresentanza, facesse corpo con lui e precedesse
il senato. Già erasi mostrato aspro e impaziente, senza cortesia,
co' deputati che gli erano stati spediti incontro a Genova per
complimentarlo, e nell'entrata pure con cinica sincerità mostrò di
non pregiar nulla delle disposizioni onorevoli fatte per lui. (1601)
Le circostanze dell'Italia gli porsero tosto occasione di dar prove
di quel risoluto vigor d'animo che gli era proprio, stante la guerra
mossa dal re di Francia Enrico IV al duca di Savoia per la successione
nel marchesato di Saluzzo. (1602) Col tenere l'esercito forte, pronto
e sotto buoni ordini, serbò in credito le armi spagnuole; acquistò il
Finale e la piccola, ma allora importante, città di Monaco; e ricuperò
Novara, che trovò ipotecata al duca di Parma. (1603) I Grigioni, che
già stavano sotto la protezione della Francia, essendosi collegati
coi Veneziani, eccitarono la di lui gelosia; egli fece appoggio
di molto apparato militare alle negoziazioni, e quasi all'estrema
sponda del lago di Como, di fronte alla Valtellina, fece erigere
un forte (1604) chiamato dal di lui nome, che, dopo di aver servito
talvolta come prigion di Stato di minor ordine a comodo de' lontani
padroni, fu demolito nel 1797. Con questi modi ridusse i Grigioni
ad accondiscendere ad un accomodamento, che fu segnato in Milano dai
loro deputati, e garantito dagli Svizzeri. Reso più libero dalle cure
esterne, attese a procurare l'ornato della città. Fra le disposizioni
di questo genere eseguite sotto il suo governo si noverano il
riattamento della strada che dal palazzo di giustizia conduce alla real
corte, e che ha ancora il nome di _Strada Nuova_, e la ricostruzione
di quel palazzo. (1605) Egli volle che la memoria di queste opere
fosse tramandata alla posterità con due iscrizioni, nelle quali il
gusto ampolloso del secolo sembra aver preso i suoi colori dallo stile
orientale. Leggesi nella prima che il governatore «aperse quella via
dalla reggia al pretorio, per rendere più facile e certo l'accesso e
il ritorno dalla giustizia alla clemenza[252]»; e nell'altra, che il
governatore stesso, «vincitore dell'esterna guerra e domatore invitto
della guerra domestica, amabile colla destra, formidabile colla
sinistra, regnando Filippo III, potentissimo re delle Spagne, pose di
fronte le porte delle carceri alla regia corte, perchè l'occhio del
principe vigilante è la più fida custodia della giustizia[253]». Rimase
senza titolo onorifico un altro beneficio probabilmente procurato dal
conte di Fuentes, la donazione fatta dal re alla città di Milano della
vasta casa che oggidì chiamasi _il Broletto_, e altre volte fu del
conte di Carmagnola[254]. Essa era allora destinata ad uso di pubblici
granai; ivi nel 1714 venne collocato il banco di Sant'Ambrogio, e
circa l'anno 1772 vi si trasferì il consiglio generale, il tribunale di
Provvisione, e tutti gli uffici civici che prima stavano alla Piazza
de' Mercanti. Egli fece mettere i parapetti ai ponti della città,
tentò di abolire i varii pesi, e di dare al commercio il comodo di
un peso uniforme, siccome di abolire le stadere e di sostituirvi le
bilance; ma non vi riuscì. Col proibire l'esportazione delle armi,
rovinò la famosa e ricchissima manifattura di esse[255], al segno di
non più risorgere. (1607-1608) Con infelice esito fu pure sotto di
lui incominciato il canale che da Milano dovea decorrere a Pavia, «ma
per non voler credere a chi doveva, et governarsi col parere di chi
gli piaceva, fu ingannato, et gittò gran somma di danari[256]». Ce ne
rimane l'inscrizione senza l'opera, poichè immaturamente da quella si
volle incominciare. In essa è detto che «con questa insigne opera le
acque dei laghi Maggiore e di Como, fin qui condotte, furono immesse
nel Ticino e nel Po, fiumi irrigatorii e navigabili, all'oggetto
di ampliare, colla facilità delle comunicazioni e del commercio, la
feracità e l'abbondanza de' campi, l'industria degli artefici, e la
ricchezza pubblica e privata[257]». Ciò che nel 1608 fu onorato di
una lode gratuita e precoce, si verificò dopo due secoli; e il canale
di Pavia, incominciato e proseguito oltre due terzi dell'opera sotto
il regno d'Italia, fu dal presente governo felicemente ridotto a
compimento.

La figura del conte era alta, capo piccolo, faccia sanguigna,
occhi piccoli e vivaci, e guardatura fiera, voce acuta, stridula e
femminile. Vestiva semplice; a mezzodì e mezzanotte pranzava e cenava,
e stipendiava cuochi eccellenti. Teneva lontani i medici. Ogni sabato
sentiva la messa a San Celso, le altre volte nella cappella pubblica.
Per via amava assai d'essere corteggiato da' ministri, nè gliene
mancava mai buon numero; e amava d'essere ascoltato a rimproverarli,
mentre, strada facendo, parlava d'affari. Egli era frizzante e
motteggiatore. Aveva una prodigiosa memoria. Era facile ad ammettere
chiunque, ma riusciva difficile il parlargli, perchè d'ordinario
interrompeva e rimandava malcontenti e strappazzati. Sebbene non
inclinasse ai divertimenti, pure dilettavasi delle pubbliche feste
e de' balli, come mezzi di palesare la sua magnificenza, e vi si
tratteneva tutta la notte. Il suo carattere era quello degli uomini
forti e superbi, dispotico. Non seguiva altra legge che il suo volere.
Fece carcerare il tesoriere, perchè pagò il dovuto senza l'ordine
suo; relegò un questore nel castello di Finale, perchè co' suoi amici
avea parlato in di lui biasimo; fece porre nel castello di Milano il
vicario e i XII di Provvisione, perchè non gli consegnarono gli atti
che cercava, e un'altra volta perchè si opposero ad una gravezza da
lui posta senz'assenso della corte[258]. Da sè e indipendentemente dal
senato condannava alla galera; nè valsero a frenarlo le rimostranze di
quella suprema magistratura, nè le ammonizioni di Madrid. Vegliava sul
fisco per incassare, e le paghe non si davano che quasi per grazia;
onde nacquero due vizii, corruzione e adulazione, inevitabili dovunque
i pagamenti sono incerti e debbonsi al favore. Anche sulla zecca
procurò di profittare, e introdusse la moneta di puro ramo, che fu
allora un peggio non conosciuto dapprima. Lasciò che gli ecclesiastici,
che sapevano corteggiarlo e mostrargli ossequiosi, dilatassero le
usurpate esenzioni; e perciò, malgrado lo spirito fiscale, l'erario
fu sempre esausto. Il re gli donò il marchesato di Voghera. Egli non
riceveva regali, ma «fu servito da secretari avarissimi... Oltre di
ciò mise mano clandestinamente et da sè stesso all'erario, come si
vede dal suo testamento, dal quale anco si conosce che generalmente
intaccò di danari tutti quelli che puotè et i suoi più domestici et
favoriti[259]». Era astutissimo, e sapeva accomodare le parole e i
gesti alla opportunità, e quando avea bisogno di alcuno era il più
gentile e grazioso uomo del mondo. Teneva molte spie, e si curava di
sapere le più minute e private curiosità delle famiglie. Aveva uno
sbirro, al quale avea data somma autorità. Alcuni gravissimi delitti
pubblicamente protesse. Ma generalmente mantenne l'ordine nella città,
contenne i _bravi_, e sotto di lui si godè della sicurezza maggiore che
permettesse la condizione di quei tempi facinorosi.

Durante il suo governo si collocarono sovente negli impieghi uomini di
nessun merito, stante che nella scelta egli preferiva i più sommessi
ad ogni sua opinione e volere, siccome diceva Tacito di Tiberio[260];
così gli animi più vili ed abbietti ascesero e s'impadronirono
degl'impieghi. «Avvelenato da una certa falsa gloria di autorità e
protezione, dice il senator Visconti, et quasi affettando il titolo
d'onnipossente in questo Stato, come che tutto dipendesse da lui,
per radicare negli uomini questa opinione ha innalzate persone
indegnissime, che s'hanno saputo accomodare all'adulazione e altre arti
et servigi troppo vili... _ma in pari tempo si vide_ tirare ogni cosa
a sè, turbando gli ordini dei negozi e de' tribunali. Il che, sebbene
egli fece con incredibile vigor d'animo, vigilanza, assistenza, memoria
e cura, tuttavia fu necessario che errasse infinite volte, come fece,
oltre il patire le male conseguenze che ne risultano. Perciocchè, così
facendo, un governatore si tira addosso un'occupazione intollerabile,
contrae particolar obbligo di render conto a Dio e al mondo d'infinite
cose che non gli toccano, et s'acquista grandissimo odio non solo
dei particolari offesi, ma ancora dei magistrati. Dei particolari,
perciocchè dei tormenti, privazioni dei beni, esiglj et morti, quando
vengono per corso ordinario di giustizia et quasi dalla mano del
giudice et tribunali frapposti tra il principe, et il delinquente,
niun odio ne tocca al principe che pare non ne habbia parte se non
la obbligazione di fare che si renda giustizia, la quale è cosa
favorevole et non odiosa; dove che, facendo egli quasi immediatamente
et fuori degl'instituti della provincia, ne segue che i delinquenti,
non potendo scaricare l'odio sopra il ministro che dovrebbe esser di
mezzo tra la suprema podestà e le persone private, tutto lo indirizza
contro di lui: e tanto più che, facendo il governatore quello che
per l'ordinazione dei tribunali non gli dà occasione di sospettare
et dire che così faccia non per zelo di giustizia, ma per passione
et capriccio proprio, al quale il vulgo sempre vuol trovare qualche
cagione poco honorevole. Dai ministri parimente odiato, perchè parendo
loro in questa guisa di essere da lui offesi nella riputazione, alcuni
ancora, sentendo il danno dei propri interessi, alienano gli animi
da lui; et se bene scopertamente et dincontro non puonno offenderlo,
tuttavia quest'odio pubblico s'interna in maniera nei petti loro, che
poi quasi naturalmente gli vanno difficoltando tutti i negozi, et gli
praticano contro, tanto in materia di stimazione et gusto, quanto nella
sostanza delle cose. Finalmente questo stesso fatto di che parliamo,
mette i tribunali et ministri in vilipendio et mala opinione appresso
a' sudditi, i quali quasi col testimonio del governatore gli stimano
mali huomini et con l'esempio suo li dispregiano: dal che nascono
pessime conseguenze nella repubblica. Laddove, contentandosi (parlo
per ordinario) il governatore della soprintendenza, del riprenderli e
castigarli quando inciampano, et frattanto honorarli et ben trattarli,
et lasciar correre i negozi a' suoi tribunali, viene a tener bene
accordata quest'armonia civile. Del resto la giustizia oggidì potrebbe
esser meglio amministrata, poichè, non havendo molti officiali le parti
che bisognano a chi maneggia la repubblica, non è meraviglia che i
giudicii hanno tardissima espedizione. I giudici s'allontanano senza
rispetto dalle leggi et statuti, et giudicano quasi per loro opinione.
Non vale alcune volte l'autorità delle leggi e la dottrina, poichè si
vince piuttosto con arti ed ambiti machinati, che per buona guerra
di giustizia, et si può dubitare che appresso ad alcuni più valga
l'avidità della pecunia, che il piacere che nasce dall'azione virtuosa.
Et è sempre stata cosa certa appresso ai savii che chi previene
ai magistrati per male arti, cerca l'oro come pasto dell'avarizia,
quasi rimborsandosi di quello che ha speso per ottenerlo; laddove
l'uomo giusto et retto stima le leggi et la giustizia, et l'esercita
virtuosamente, quasi per rimunerare il principe dell'honore che gli
ha fatto colla collazione della giurisdizione. Dalle cose di sopra
dette è seguito nel governo suo, che molti intimiditi e disgustati
da lui non pensavano nè curavano il servitio di sua maestà, nè del
pubblico, e godevano degli errori che gli vedevano commettere».
Così quell'uomo saggio, il senatore Giambattista Visconti, tanto più
stimabile quant'erano allora più rare ed oscure le cognizioni di Stato.
Se il passo surriferito mostra il profondo politico, ne produrrò un
altro a far prova del suo retto pensare in uno de' punti disputati
della pubblica economia, l'annona granaria; ed eccone l'occasione.
Nel decennio di cui governò il conte di Fuentes, fu una costante
fertilità. Tuttavia egli volle imbarazzarsi nel fissare il prezzo de'
grani, inclinando a tenerlo sempre più basso. Questa violenza, fatta
pure senza specie di bisogno alla libertà delle contrattazioni, porse
argomento al senator Visconti di così ragionare: «Circa al prezzo
et valore ho sentito uomini savi e molto versati in questa materia
affermare che non è bene nè utile in comune che si riduca a gran viltà,
et io ne son persuaso, imperciocchè questa viltà di prezzo è dannosa
alla maggior parte dei sudditi. I nobili et possessori dei beni non
ponno mantenere il loro stato se non cavano mediocremente dai loro
frutti. L'infima plebe et tutto quel popolo che vive con le opere
diurne, non trova da lavorare, perchè non havendo il ricco denaro non
può spendere. Dei contadini, quelli che sono fittaiuoli (che sono
per lo più ne' paesi irrigati dalle acque) non ponno soddisfare ai
fitti e s'impoveriscono totalmente; gli altri che lavorano a parte
(et è tutto quel tratto di provincia che non s'irriga) non hanno con
che far denari per comprar bovi, vestiti, pagar carichi camerali et
far altre simili spese, se non col prezzo di poco frumento che avanza
loro; poichè la maggior parte, pagato il fitto, consuma in semente;
et la segale, miglio ed altri grani simili appena bastano per vivere
poveramente. Il vino, quando si raccoglie (che, oltre il ricercare
spesa grande, è sottoposto a tante ingiurie del cielo), pagava i
debiti contratti col padrone negli anni sterili e calamitosi, in modo
che, se col pochissimo frumento che gli avanza, non sovviene alle
altre sue necessità, è spedito. Il resto dei contadini con le braccia
si vede per ferma esperienza che, se il pane è a gran buon mercato,
non voglion fare opera, et abbandonano il fittaiuolo ne' maggiori
bisogni dell'agricoltura, o il tiranneggiano con prezzi eccessivi;
dal che siegue maggior danno, spendendosi molto per raccoglier frutti
che valgon poco; in modo che questa gran viltà de' prezzi non giova
ad altri che a quella specie di huomini che, exercitando mercanzie,
comprano pane e vino, perchè essi, vendendo caro nè più nè meno le
merci loro et spendendo poco nel vivere, arricchiscono. Hora giovare
ad un membro et nocere a tutti gli altri non è medicina, ma uccidere:
laddove con prezzi mediocri tutta questa corrispondenza civile resta
ben proporzionata. Basta dunque curare che le cose abbondino, et
impedire i prezzi troppo eccessivi, che veramente sarebbono perniciosi.
Di quest'uomo che seppe tanto, io non posso credere che ignorasse
questa verità, et pure curò tanto di ridurre i prezzi al nulla, non so
se per amore d'una certa inane fama appresso al vulgo ignorante, o per
odio de' nobili, che stimasse troppo agiati».

Ho voluto trattare a lungo del governo del conte di Fuentes, come del
più celebre e forse del miglior governatore mandato dalla Spagna in
questi Stati, per dare una più estesa e chiara idea di que' tempi e
di que' governi, e perchè tengo ferma opinione che non solo le cose
utilmente operate, ma ancor più gli errori degli uomini grandi, sono
sorgente ai futuri di più sicuro ammaestramento. (1610) Egli morì in
Milano nell'età di oltre ottant'anni, il 21 luglio del 1610, avendo
conservato grandissima fortezza d'animo, e regolato gli affari sino al
fine. Lasciò un esercito effettivo di ventiquattromila uomini, cioè
dodicimila fanti italiani, seimila lanzchinetti, seimila svizzeri e
trecento corazze borgognone. I suoi successori, per tutto il periodo
di tempo compreso in questo capitolo, trapassarono oscuri; ed alcuni,
che più sembravan promettere, non ebbero campo sufficiente di mostrare
quanto valessero. Primo tra essi è il contestabile di Castiglia,
venuto per la seconda volta, il di cui carattere dolce e umano traeva
maggior risalto dalla recente ricordanza del carattere opposto del
suo predecessore; ma, per malattia, gli si scemò la mente. Si hanno
di lui delle gride vincolanti per i grani, e proibì l'industria de'
cambiavalute, dove regnava l'arbitrio della zecca. (1612) Venne dopo
due anni, e governò per un triennio, don Giovanni di Mendozza, marchese
de la Hynojosa, personaggio cortese e senza fasto. Era dotato di
vivacità, di molto ingegno e memoria, facile ad ascoltar chiunque,
e indefesso nel suo ministero. Amava i milanesi, e nel tempo stesso
(associazione di doti non comune) era fedele e zelante per il servizio
del re. Teneva i suoi domestici modesti, lasciava il corso regolare
agli affari, promoveva agl'impieghi uomini degni di occuparli. Ebbe
fama d'uomo debole, e forse mancava, nel dimenticarsi della propria
dignità e nel manifestare quello che sapeva e pensava. (1614) La
guerra del Monferrato gl'impedì di lasciar vestigio notabile del
suo governo, tranne la milizia civica da lui istituita in Milano,
allorchè, per l'occasione di quella guerra, dovette sguernire di truppe
i presidii del milanese: istituzione mantenuta di poi, e decorata
di privilegi e di distinzioni. (1616) Dopo la pace d'Asti, divenuto
sospetto alla corte di parzialità per il duca di Savoia, fu richiamato,
e si mandò in sua vece don Pietro di Toledo Osorio, marchese di
Villafranca. La potenza di questo governatore era tale, che, senza
previa notizia nemmeno del re, levò l'ufficio di gran cancelliere a
don Diego Salazar, che n'era investito fino dal 1592, e lo conferì a
don Giovanni di Salamanca, presidente del magistrato straordinario.
Il senato rappresentò gli ordini reali contrarii; il re, informatone,
comandò che si restituisse al suo posto il Salazar; ma il Toledo
fu irremovibile[261]. Egli da sè condannava alla galera; «anzi, un
certo bravo marchese del Maino, inimico d'un cerio Parpaione, ch'era
divenuto genero del suo secretario Montio, sotto pretesto che fosse
disertore di milizia, da sè stesso lo fece impiccare senza corso di
giustizia nè partecipazione del senato[262]». Sotto di lui i soldati
mancavano di stipendio, e illimitatamente saccheggiavano il paese.
Frattanto il senato, quasi d'accordo col dispotismo del governatore
a far inselvatichire più presto la nazione, occupavasi del processo
d'una strega, e, «mosso a compassione per la frequenza de' sortilegi ed
altre arti infernali che infestavano la città e l'intiera provincia»,
sentenziava che fosse bruciata[263]. (1618) Governò il Toledo due
anni e mezzo, e fu supplito da don Gomez Suarez de Figueroa, duca
di Feria; il quale, benchè durasse per otto anni in questa carica,
distratto nell'esterne guerre, poco e interrottamente potè occuparsi
dell'amministrazione. (1620) La prima fu la guerra della Valtellina,
che, piccola e ravvivata a riprese, durò dal 1620 al 1625; con quella
si complicò quindi l'altra del genovesato, condotte entrambe senza
piano e senza vigore, sicchè inutilmente ingoiarono uomini e danari,
e recarono danni incalcolabili allo Stato di Milano col pretesto di
conservarlo. (1621) Erano quelle guerre nel loro principio, quando
giunse la nuova dell'immatura morte del re Filippo III, cui succedette
il suo primogenito col nome di Filippo IV, in età di soli sedici anni;
ma per questa rimota provincia, un tale avvenimento non recò altro
effetto, che di veder mutato il nome del sovrano nell'intitolazione
degli atti pubblici, e di sapere che vero re delle Spagne, com'era
stato il duca di Lerma sotto il padre, era divenuto sotto il figlio il
conte d'Olivares. (1626-1629) Dopo il duca di Feria, si succedettero
e trascorsero oscuramente don Gonzalo de Cordova, per tre anni, don
Ambrogio Spinola Doria marchese de los Balbases, per un anno, e (1630)
don Alvaro Bazan, marchese di Santa Croce, per tre mesi. Soltanto
si rammentano gli editti vincolanti del Cordova intorno ai granai;
egli permise quasi il saccheggio de' granai, tassando il prezzo: così
credette quel signore di rimediare alla carestia.

Il personaggio più illustre di quel tempo, ad onore di Milano, è
un suo concittadino ed arcivescovo, il cardinale Federico Borromeo.
Ricco, di pietà soda e senza ostentazione, saggio, prudente, generoso,
protettore degli studiosi, dotto, giudizioso e laborioso scrittore egli
stesso, promosse, non solo gli studii ecclesiastici, che per istituto
dovea prediligere, ma altresì ogni maniera di lettere, di scienze
e di arti, e rese glorioso il suo lungo pontificato coll'erezione
della biblioteca Ambrosiana, stabilita sopra un piano sì esteso, che
pochi sovrani pareggiarono, e non ha altro esempio in un privato.
Biblioteca doviziosissima di preziosi manoscritti, raccolti con sommo
dispendio, non solo dall'Italia, ma da tutta l'Europa, dalla Grecia
e dall'Asia più rimota, e cui dotò di sufficienti rendite; aggiunse
un collegio di dottori, una scuola di lingue orientali, un museo
di naturali curiosità, una tipografia lautamente assortita, anche
di caratteri esotici; e un'accademia di belle arti, a corredo della
quale cumulò un tesoro di capi d'opera, specialmente di disegno e di
pittura. In sei anni la maestosa fabbrica fu ridotta a compimento,
sicchè nel 1609 la biblioteca fu aperta al pubblico; ed esatto è il
giudizio che dell'architetto di essa, Fabio Mangoni, fu dato da un buon
intendente[264]: «Quest'uomo, che si cangiava in ragione de' differenti
usi delle fabbriche e della varia ubicazione ed estensione de' luoghi,
seppe così entrare nello spirito della cosa, che, sopra la più bislunga
e stretta area che veder si possa, ideò ed eseguì una biblioteca che
può servir di modello a chiunque ama di unire la magnificenza alla
comodità. Dopo tanta generosità, si rende ancor più notabile alla
modestia del cardinale, mentre non denominò quello stabilimento nè
Federiciano, nè Borromeo, come a buona ragione e più che altri il
potea, ma preferì di chiamarlo dal nome del santo titolare e protettore
della chiesa milanese[265].

Al tempo dell'arcivescovo Federico Borromeo, e in parte per la sua
influenza, vide Milano ricostruita la chiesa di Santo Stefano sul
disegno di Aurelio Trezzi, eretta la vasta chiesa di Sant'Alessandro,
disegno di Lorenzo Biffi o Binago, barnabita; non che l'altra di San
Giuseppe presso la Scala, opera dell'architetto Francesco Richini;
fabbricati il convento de' Carmelitani Scalzi, e il monastero di San
Filippo Neri; chiamati i Somaschi a San Pietro in Monforte, ed aperte
nell'anno stesso della biblioteca Ambrosiana le scuole Arcimbolde
presso la chiesa di Sant'Alessandro, avendone fornito i mezzi un legato
di monsignor Giambattista Arcimboldi, chierico di camera di Clemente
VIII. In quelle insegnavano dapprima i Barnabiti umanità e rettorica;
vi aggiunsero, nel 1625, la grammatica, e dieci anni dopo la filosofia,
la morale e la teologia. Per cura del cardinale, nel predetto anno
1625, fu pure nobilmente riedificata la chiesa di Santa Maria Podone,
posta dirimpetto al palazzo della sua famiglia.

Le controversie giurisdizionali si suscitarono a diversi intervalli
anche sotto il cardinale Federico; ma appena fu egli assunto
all'arcivescovato, si mosse alle pratiche di un sincero accordo: al
qual fine delegò per conferire co' ministri regi i monsignori Carlo
Bescapè e Marsilio Landriani, vescovo il primo di Novara, l'altro
di Vigevano, savii e dotti uomini. In seguito, col consenso del re
cattolico, venne rimesso l'esame a Clemente VIII per uno stabile
trattato di concordia. Il sommo pontefice mostrò molto impegno;
le congregazioni tenevansi avanti di lui, ed erano frequenti;
l'arcivescovo di Milano fu chiamato ad intervenirvi, e stette
quattr'anni in Roma; ma quantunque il papa abbia vissuto ancora
ott'anni dacchè si incominciarono queste pratiche, morì nel 1605
senz'aver nulla conchiuso. Gli fu sostituito Paolo V. Le troppo famose
sue contese coi Veneziani e l'interdetto che fulminò contro quella
Repubblica, mostrarono tosto che poco si aveva a sperare da esso
per la concordia giurisdizionale del milanese, la quale infatti fu
protratta di molti anni ancora; e finalmente sollecitata con infinite
cure e sommi dispendii[266] dal cardinale Federico in Milano, a Roma,
a Madrid, fu segnata nel 1615, sancita due anni dopo dal re e dal
papa, e pubblicata il 10 febbraio del 1618, senza quasi aver effetto
per le nuove contestazioni che immediatamente dopo sopravennero. Esse
ebbero origine dalla pretesa degli ecclesiastici che il privilegio
dell'immunità si estendesse ai loro coloni. Gli amministratori rurali
vi si rifiutarono, perchè il carico sostenuto dai soli laici sarebbe
riuscito insopportabile a cagione del tributo sovrimposto per le
guerre del Piemonte. I membri del clero, insorgendo l'uno dopo l'altro,
intimarono e promulgarono le censure ecclesiastiche contro i deputati,
consoli e sindaci de' comuni; i parochi ricusarono di amministrar loro
i Sacramenti, i vescovi di assolverli dalle censure, se non previo
il ristauro dei danni e data cauzione di astenersi per l'avvenire.
Il senato di Milano s'indirizzò al re esponendo di aver maturamente
esaminato l'affare, ed essere l'opinione più vera e più generalmente
ricevuta che sia in podestà del principe di esigere la _colletta_
dai coloni della Chiesa sul valore dei frutti ad essi spettanti, così
osservarsi in altre province; e così pure essersi osservato in quei
tempi poco rimoti in molte parti di questo dominio, e in tutti molti
anni addietro. Contuttociò, vedendo il senato che i vescovi e lo stesso
sommo pontefice persistevano nelle censure, nè sapeva come rimoverli
dal loro proposito, nè con quali mezzi difendere contro di essi i laici
che perseveravano nell'esigere i carichi, invocava in tali angustie
le prescrizioni di Sua Maestà[267]. Il re Filippo III, con dispaccio
del 2 febbraio 1619, prescrisse che dove lo esiga il servizio militare
per difesa dello Stato, anche nelle case de' coloni ecclesiastici
si pongano a quartiere i soldati, e che pure i detti coloni siano
sottoposti al tributo limitandolo all'ottava parte de' frutti.
Stabilì in quelle altre norme, che poi lascia al governo d'ampliare o
restringere col parere del senato, come si sarebbe trovato conveniente
per acquietare gli ecclesiastici. Il governatore duca di Feria più
volte intervenne in senato a trattare di ciò, e si concluse di spedire
a Roma un senatore. Fu questi il più volte nominato Giambattista
Visconti, che vi si recò col fiscale Schiaffinati, e molto appoggio
ebbe dal duca d'Albuquerque, allora ministro di Spagna alla Santa
Sede. Ma a Roma non si fece altro se non tenerli a bada. S'andavano
riunendo delle congregazioni per guadagnar tempo, e frattanto si faceva
agire a Madrid il nunzio apostolico col debole re. Il governatore duca
di Feria consultava tutto col senato. Gl'invidiosi, che il senatore
Visconti aveva e meritava, perch'era uomo d'ingegno e di lettere, come
si conosce dal suo scritto, mal sofferendo la commissione datagli dal
governatore, e attraversandone l'esito, facevano che il senato desse
pareri atti a rompere le negoziazioni, che si sciolsero in fatti. A
Roma si sapevano le consulte del senato dai cardinali prima che il
Visconti ricevesse le lettere corrispondenti.

Fervevano ancora quelle moleste contese, allorchè venne di nuovo
ad affliggere i Milanesi la pestilenza, e più sterminatrice di
quella che avevano sofferto cinquantaquattro anni avanti. (1629) Per
soprabbondanza di mali fu dessa preceduta dalla carestia e accompagnata
dai disastri della guerra che combattevasi nel vicino Piemonte. La
plebe di Milano, ridotta a pascersi d'erba e nel pericolo di morir
di fame, siccome alcuni se ne trovarono morti per le strade[268],
diede il sacco ai prestini, ed assalita la casa del signor Lodovico
Melzi, vicario di Provvisione, e atterratene le porte, fu in procinto
di assassinarlo[269]. Il consiglio generale della città si affrettò
di approvvigionare di grano il Lazzaretto fuori di porta Orientale,
e colà raccolse la più mendica plebe; nè bastando quel vastissimo
recinto al numero eccessivo degli affamati, destinò allo stesso fine
lo spedale della Stella. Si distinse in questa pubblica calamità
l'arcivescovo Borromeo coi soccorsi di cui fu prodigo, sì che
meritossi d'esser chiamato il padre dei poveri[270]. Ma le incessanti
querele di que' mendichi a pretesto della cattiva qualità del pane,
la loro insubordinazione, i loro feroci clamori, facendo temere più
gravi eccessi, indussero il governo della città a scioglierli dai
loro pietosi ergastoli, restituendoli tutti alla beata libertà del
mendicare. Fra una turba sì grande di popolo, estenuata dalla fame
ed oppressa da ogni genere d'indigenza, la peste che sopraggiunse
non potea trovare più pronti veicoli per diffondere rapidissimamente
il mortal suo veleno. Questa volta fu essa recata in Italia dalle
truppe imperiali per la guerra di Mantova, e un soldato milanese
di quell'esercito, venuto a visitare i suoi, la recò in Milano nel
novembre del 1629. Sì egli che gli abitanti della casa dove alloggiò,
tutti morirono; e queste furono le prime vittime[271]. (1630) La casa
fu isolata da ogni comunicazione; ma poco più vi si badò; e le feste,
che anche in tanta miseria si celebrarono nel principio del seguente
anno per la nascita dell'infante primogenito di Spagna[272], fecero
che facilmente quel funesto avviso fosse posto in dimenticanza. Il
fatal vulcano rimase sopito, o almeno diede segni non osservati fino
al mese di marzo, quando l'esplosione si fece in un tratto violenta
ed invase tutte le parti della città. Il popolo, compreso dallo
stupore, s'attenne per lungo tempo al partito che più s'accomodava
alla sua ignoranza e pigrizia, il non credere; e allorchè fu tratto
d'inganno per lo spaventevole moltiplicar de' malati e de' morti, e
col produrre agli occhi di tutti i marciosi cadaveri, esponendoli
lungo le vie, o facendoli condurre intorno ammucchiati e scoperti
sui carri, si abbandonò ad ogni sorta di deliri e di eccessi.
Quell'ostinata e prolungata incredulità lasciò libero al contagio
di estendersi immensamente, e fu in ciò secondata dall'indolenza
dapprima, poi dagli scarsi, inefficaci o improvvidi ordini de'
magistrati. La lunga successione de' cattivi governi avea fatto
dilatare l'avvilimento, l'inerzia, la stolidezza dalla plebe alle
classi superiori, per modo che in quelle difficilissime circostanze
il consiglio generale, il tribunale di Provvisione, quello di Sanità,
il senato, il governo, tutti non si mostrarono che plebe, ed ebbero
con essa comuni le stravaganze e i vaneggiamenti. Tranne il ricoverare
gli appestati nel Lazzaretto, nessun altro opportuno provvedimento
fu adottato in quest'occasione di quelli che pure il furono nella
peste del 1576. A reggere quella repubblica di appestati fu delegato
un frate con illimitata autorità, il padre Felice Casati, guardiano
de' Cappuccini di porta Orientale[273]. «Si è comandata con una
mal intesa pietà una processione solenne, nella quale si radunarono
tutti i ceti de' cittadini, e trasportando il corpo di san Carlo per
tutte le strade frequentate, ed esponendolo sull'altare maggiore
del Duomo alle preghiere dell'affollato popolo, prodigiosamente
si comunicò la pestilenza alla città tutta, ove da quel momento si
cominciarono a contare sino novecento morti ogni giorno[274]». Il
cardinale arcivescovo avea ricusato di aderirvi, ma tali furono le
sollecitudini e le istanze, che, quasi forzato, vi acconsentì[275].
Il Ripamonti ci fa fede che da quel giorno la pestilenza ha acquistato
tal forza e predominio, che veramente corrispondeva al suo nome[276].
E soprabbondando il numero degli appestati che presentavansi ogni
giorno al Lazzaretto, «arrivarono ad essere un tempo nel detto luogo
quattordicimila e cinquecento annoverati, restandone più volte le
centinaia di fuori attorno a quella fossa, aspettando che la morte
facesse loro qualche luogo[277]». Per la qual cosa fu duopo erigere de'
Lazzaretti sussidiari a San Barnaba al Fonte, a San Vincenzo in Prato
e alla Trinità. Un altro ne fu fatto disporre dal cardinale arcivescovo
nel seminario della canonica per gli ecclesiastici.

Ma il delirio più scandaloso, e ch'ebbe più tragici effetti, fu
quello delle unzioni venefiche. La storia ci attesta che si è prestata
credenza a questa sciocca cagione in altri contagi, ed abbiamo veduto
che l'opinione ne corse anche nella peste del 1576. Ora a darle maggior
voga venne un dispaccio del re Filippo IV, che avvisava il governatore
di far invigilare che non s'introducessero nel milanese alcuni uomini
portatori di unguenti pestiferi, ch'erano stati veduti in Madrid e di
là fuggiti[278]. Queste precedenze erano più che sufficenti perchè
si asseverasse che siffatte unzioni già facevansi in Milano, e così
avvenne. Un editto del tribunale di Sanità, del 19 maggio, asserendo
il fatto per indubitato, promise il premio di ducento scudi a chi
avrebbe data certa notizia de' rei, e di più l'impunità al denunciante
qualora fosse uno de' complici, ma non il principale[279]. Poche
settimane dopo, per racconto di donne, si divulgò che il commissario
della Sanità, Guglielmo Piazza, era stato veduto a far tali unzioni;
egli confessò ne' tormenti che l'unto gli era somministrato dal
barbiere Gian-Giacomo Mora; e questi e molti altri sono pur carcerati
e tormentati. La compassionevole narrazione di questo nefando processo
è già nota[280] e qui basterà il dire che il Piazza e il Mora, e altri
non pochi, dichiarati rei di un delitto impossibile, furono condannati
ad essere condotti al patibolo su di un alto carro; ad aver nel cammino
arse le carni da tenaglie roventi, tagliata la mano destra; indi
fracassati dalla ruota, e intessuti ancor vivi fra le gaviglie della
ruota stessa, scannati dopo sei ore, finalmente abbruciati, e sparse le
ceneri al vento. Tutto ciò fu eseguito; e stando i miseri fra le mani
del carnefice si protestarono innocenti innanzi al popolo, e di morir
volontieri per gli altri peccati loro, ma di non avere mai esercitata
l'arte di ungere, nè aver pratica di veleni o sortilegi[281]. Quanto
possedevano quelle due vittime fu confiscato; la casa del Mora,
distrutta dai fondamenti, e sull'area di essa eretta una colonna per
pubblico decreto dichiarata infame, accompagnata da un'iscrizione
in marmo per tramandare la memoria del fatto alla posterità. E la
posterità l'ha giudicato: nel 1778 la colonna si trovò clandestinamente
atterrata; l'iscrizione fu levata di poi, la casa rifabbricata; onde
non rimane più traccia visibile dello scellerato giudizio[282]. Nè
il Piazza e il Mora, e i molti soci ch'ebbero nel processo furono
soli sacrificati al fanatismo del volgo e all'ignoranza togata. Si
volle scoprire un disturbatore d'unzioni anche tra gli appestati del
Lazzaretto, Gian Paolo Rigotto, il quale «andò al patibolo li sette
di settembre, e l'accompagnò il padre Felice, cappucino, con un altro
padre teatino, che là dentro amministrava li Sacramenti; et affermarono
questi che, al solito degli altri aveva costui rivocata la confessione
e sin all'ultimo fiato protestato di morire innocente[283]».
Quali tempi, quai giudici, e quanto infelice nazione! A compiere
l'orrenda scena basterà che si sappia aver quella pestilenza mietuto
centoquarantamila vite di cittadini milanesi, secondo il più moderato
calcolo che desunse il Ripamonti dalle tabelle del tribunale della
Sanità[284], mentre il Somaglia l'accresce di altre quarantamila. La
città non fu del tutto sana che circa due anni dopo, nel 1632.

Le persone notabili morte ne' decorsi trent'anni furono frà Paolo
Moriggia, gesuato, autore di molte opere mediocri o cattive sulle
Antichità milanesi, morto nel 1605, d'anni settantanove; Carlo
Bescapè, vescovo di Novara, che morì il 6 ottobre 1618, contando
sessantacinque anni di età e ventidue di episcopato, uomo assai dotto
e pio, e il più sincero scrittore della vita di san Carlo, benchè ne
fosse famigliarissimo e ammiratore; e Giovanni Pietro Carcano, morto
il 5 agosto 1624, che destinò le sue molte ricchezze a beneficare
splendidamente lo spedale Maggiore e la chiesa metropolitana di Milano,
e ad erigere un monastero di vergini, dette dal nome del fondatore
le _Carcanine_. Chiude questa lista necrologica il più grande e il
più utile cittadino del suo tempo, il cardinale arcivescovo Federico
Borromeo, che cessò di vivere il 21 settembre del 1631, nell'età di
circa anni sessantasette.



CAPITOLO XXXI.

_Successione di governatori. Guerre nel Piemonte, nella Valtellina e in
Lombardia. Morte del re Filippo IV. Governo del duca di Ossuna. Morte
del re Carlo II. Sacre e pie fondazioni, e morti di persone distinte._


Nel progredire in questa storia, la materia che debbo trattare quasi
mi scoraggisce. Sterile ed ingrata necessariamente per la condizione
del paese dopo l'estinzione de' principi sforzeschi, lo diviene ancora
maggiormente, giacchè alla mancanza de' fatti storici va succedendo
quella dei grandi caratteri, rimarchevoli per sublimi virtù o per vizii
illustri; onde il vasto, fertile e già ricco stato di Milano in questa
epoca non può essere rappresentato da una più vera imagine di quella di
un gran podere, quasi in ira al cielo e agli uomini, abbandonato dalla
non curanza di uno sconosciuto padrone, all'imperizia e al capriccio
dei succedentisi amministratori. Nel corso di quasi settant'anni,
su cui versa questo capitolo, i buoni governatori furon rari, e
per maggiore sventura del paese sono quelli che vi fecero più breve
dimora. I danni del milanese crebbero per le guerre che ripetutamente
si suscitarono in questo intervallo nella Valtellina e nel Piemonte,
tanto per i campeggiamenti e le rapine degli eserciti, quanto per
doverli provvedere di viveri e di soldo, giacchè se anche ne' migliori
tempi di Carlo V e di Filippo II ben poco danaro era qui spedito dalla
Spagna, a quest'epoca non poteva aspettarsene sussidio veruno, non
bastando neppure le scarse rendite di quell'indolente e degenerata
nazione a saziare l'avarizia de' favoriti e dei cortigiani. Tali poi
furono gli effetti di più di un secolo di cattivo governo straniero,
dell'agricoltura in più luoghi abbandonata, della scoraggiata
industria, della sofferta fame e di due pestilenze sterminatrici,
che rese esauste tutte le sorgenti della pubblica prosperità: la
popolazione per la penuria del vivere non potè riprodursi; e Milano,
che da lungo tempo e per tutto il secolo decimoquinto fu ricca,
florida e popolosa di oltre trecento mila abitanti, nel decimosettimo
non giungeva a centomila, e in questo limite se ne stette quasi
stazionaria, mentre l'indistruggibile fertilità del suolo impedì
all'ignoranza e al mal volere degli uomini di farla maggiormente
retrocedere.

(1632) Il vacante arcivescovato di Milano fu, il 28 novembre del
1632, conferito dal papa Urbano VIII al patrizio milanese Cesare
Monti, già insignito della dignità di patriarca d'Antiochia e nunzio
apostolico nella Spagna, e nell'anno seguente fatto cardinale. E
poichè la storia civile non ci offre altra occasione di parlar di lui,
soggiungeremo ch'egli resse la chiesa milanese con pace e dignità per
quasi diciotto anni, fece ridurre a compimento le chiese del Lentasio
e di Sant'Agnese, stabilì il conservatorio di Santa Febronia per le
figlie povere, eresse la chiesa e il convento di Concesa e il monastero
di Santa Maria di Loreto, istituì il seminario di Monza, e, morendo,
legò per testamento agli arcivescovi suoi successori una scelta
raccolta di ducentoventun quadri, il di cui catalogo leggesi presso il
Lattuada[285], e che, riordinata e ristaurata pochi anni sono da mano
maestra, forma tuttora un magnifico ornamento al palazzo arcivescovile.

(1633) Nel 1631 era tornato al governo di questi Stati don Gomez
Suares di Figueroa e Cordova, duca di Feria; ma dopo due anni avendo
egli dovuto, d'ordine del re cattolico, recarsi in Germania in
soccorso dell'imperatore Ferdinando II con un esercito di diecimila
fanti e mille e cinquecento cavalli, parte spagnuoli e lombardi, e
parte napoletani, venne in suo luogo il cardinale infante di Spagna,
fratello del re; ma non rimase al governo che circa un anno, essendo
passato a governare le Fiandre. Dal poco che ci rimane delle sue
leggi, appare ch'egli avea di mira l'esatta amministrazione della
giustizia. I successivi governatori fino al 1670 furono il cardinale
Egidio Albornoz, il marchese don Diego di Leganes, il duca d'Alcalà, il
conte don Giovanni di Sirvela, il marchese di Velada, don Bernardino
Fernandez de Velasco, contestabile di Castiglia, il conte di Haro,
don Luigi Benavides, marchese di Caracena, il cardinale Teodoro
principe Trivulzi, il conte di Fuensaldagna, il duca di Sermoneta,
don Luigi de Guzman Ponze di Leon, il marchese d'Olias e Mortara e
don Paolo Spinola, marchese de los Balbases, duca del Sesto. Sono in
trentasei anni quattordici governatori, tra i quali il marchese di
Caracena durò per otto anni, e il conte di Fuensaldagna per quattro.
L'inettitudine, l'inesperienza, il breve governo, la distruzione delle
guerre furono cagione che que' signori fecero poco bene al paese, e
lasciarono intatti i disordini, se pure non li accrebbero. Gioverà
a dare un'idea del loro modo di governare il sapersi che mentre la
provincia, rovinata dai disastri della peste, dalle lunghe guerre
e dalla pessima e tenebrosa amministrazione, esigeva i più seri
provvedimenti, il marchese di Caracena non trovò altro di meglio a fare
per il ben pubblico che vietando alle meretrici di andare in carrozza
ai corsi, e il conte di Fuensaldagna di proibire che nel carnevale si
ballasse dopo la mezza notte, e che alcuna donna si mascherasse da
uomo, o uomo da donna. Quel marchese accrebbe le fortificazioni del
castello di sei mezze-lune. Più importanti furono i provvedimenti del
governatore Ponze di Leon. All'intento di soccorrere alle angustie
del pubblico banco di Sant'Ambrogio, che, disordinato e soccombente
sotto il peso de' suoi debiti, avea ridotto alla metà il pagamento
degl'interessi, ordinò, con decreto del 18 luglio 1662, che i fondi e
i dazi destinati dalla città di Milano per dote di quello, passassero
in libera amministrazione di una congregazione da lui delegata; con
che per allora fu assicurata la pubblica fede. Egli fu autore di un
altro insigne beneficio a suggerimento del conte Bartolommeo Arese,
presidente del senato, personaggio di gran senno ed influenza, ed
amantissimo del suo paese, l'instituzione del così detto _Rimplazzo_.
Esso regolava l'alloggiamento militare sotto la direzione di un
provveditore generale, il quale forniva d'alloggio l'esercito in tempo
di pace ad un determinato prezzo per ciascuna razione da pagarsi in
via d'imposta sopra tutto lo Stato, secondo la fatta ripartizione. Così
furono procurati opportuni e comodi alloggiamenti alle truppe, liberati
i pubblici e i cittadini dalle vessazioni, e assicurata l'uguaglianza
del carico. Ma questo Ponze di Leon era uomo sì arbitrario e violento,
che, senza rispetto alla giurisdizione de' tribunali e del senato,
facea esercitare la giustizia a suo piacere: e ne basti un esempio.
Un cieco, conosciuto col nome di Alessandrino, andava cantando per le
vie della città una canzone popolare in cui deridevansi gli Spagnuoli.
Il governatore se lo fece condurre innanzi, gli fe' dar a bere e
volle udir la canzone; indi ordinò che immediatamente fosse condotto
alla piazza de' Mercanti, ed alla mezza notte, a porte chiuse, fosse
impiccato e súbito seppellito. Egli stesso nel giorno vegnente a
comune terrore, fece dare pubblicità alla sentenza ed all'esecuzione.
È però da confessarsi che i tempi erano convenienti per simili
violenze; e i nobili in ispecie, resi brutali dall'ignoranza, invasi
dalla boria spagnuola e degradati dalla prepotenza valorosa dei loro
avi, eransi abituati alla prepotenza facinorosa, che col mezzo di
mani mercenarie procacciasi comoda e senza pericolo la vendetta, la
quale infame costumanza si mantenne in vigore fin oltre la metà del
secolo scorso[286]. Per siffatte prepotenze la città di Milano era
in tanto disordine, che i privati cautamente si facevano scortare
per le strade da uomini armati. Persino il residente del gran duca di
Toscana, Gian-Francesco Rucellai, in porta Vercellina, verso mezzodì,
venne assalito da molti armati, per cui, dopo valida resistenza,
costretto a sottrarsi al maggior numero, il governatore e il senato,
mancando di altro mezzo, fecero pubblicare «che chiunque suddito del re
cattolico avesse in quest'occasione prestata assistenza al residente,
sarebbe stato dalla maestà sua assai gradito»; e il marchese Annibale
Porroni lo fece servire da certo capitano Ampio con un centinaio di
bravi, e così scortato, il residente prese congedo dal governatore,
dall'arcivescovo e dal presidente del senato. La stessa scorta lo
accompagnò fino a Piacenza; il fatto avvenne nel 1656[287].

(1634) Per essere più libero e sicuro d'impiegare le sue forze nella
Germania e ne' Paesi Bassi, il re di Spagna si era adoperato per trarre
al suo partito il duca di Savoia, e già il principe Tommaso, uno de'
fratelli di esso, impegnatosi a militare nelle Fiandre in favore del
re cattolico, avea mandato a Milano la consorte ed i figli, quasi
ostaggi in garanzia della sua promessa. (1635) Ma al principio del
1635 una nuova ed aspra guerra insorse tra la Spagna e la Francia,
suscitata dall'ambizione o dalla rivalità degli onnipotenti ministri
delle due corti, il cardinale di Richelieu e il conte Olivares. In
conseguenza il re di Francia Luigi XIII si collegò con varii principi
protestanti e coll'Olanda a danno de' Paesi Bassi, e spedì un esercito
nella Valtellina, comandato dal duca di Rohan, per attaccare lo stato
di Milano; riuscì pure a ridurre nella sua lega il duca di Parma
Odoardo Farnese e il principe Carlo Gonzaga, duca di Mantova, che
varie cagioni avevano di dolersi della Spagna. Anche il duca di Savoia,
disapprovata altamente la condotta del principe Tommaso, e privatolo
de' suoi stipendi e possedimenti nella Savoia e in Piemonte, aderì alla
Francia e fu fatto comandante generale delle armi francesi e collegate
in Italia. Il governatore di Milano cardinale Albornoz non fu lento
a guernire i confini dello Stato, e costrinse i Francesi a desistere
precipitosamente dall'intrapreso assedio di Valenza. All'opposto, gli
Spagnuoli nella Valtellina, benchè rinforzati da quattromila fanti e
quattrocento cavalli tedeschi sotto il barone di Fernamont, riportarono
dai Francesi una grave sconfitta. (1636) In principio del nuovo anno
uscì in campo il duca di Parma, ma fu respinto con perdita dagli
Spagnuoli spediti dal milanese, associati al duca di Modena Francesco
I. In questo apprestamento di un vasto incendio, che minacciava tutto
all'intorno lo stato di Milano, l'interposta mediazione del papa Urbano
VIII e di Ferdinando II, gran duca di Toscana, riuscì a conciliare una
tregua, che fu seguita da una pace effimera, mentre, per il pretesto
del compenso dei danni recati dagli Spagnuoli nel Parmigiano e nel
Piacentino, il duca di Savoia e il maresciallo di Crequi invasero nel
mese di giugno il pavese e il novarese, e passato il Ticino, spezzarono
il grand'argine, per cui da quel fiume si conduce a Milano il naviglio
grande; onde la nostra città ne fu costernata. Il governatore marchese
di Leganes si oppose ai nemici a Tornavento, ove, il 23 di quel mese,
seguì un sanguinoso contrasto; e benchè la vittoria fosse rimasta
indecisa, l'effetto ne fu che i Francesi e i Savoiardi di lì a pochi
giorni si ritirarono. In questo grave pericolo fu di nuovo instituita
in Milano la milizia civica, nella quale si videro in breve ascritti
più di seimila cittadini, e dal governatore ebbe, con decreto del 29
settembre, confermati i suoi privilegi. Il duca di Parma, che aveva
invaso il Cremonese e il Lodigiano, sconfitto da don Martino d'Aragona
colla mediazione del papa e del gran duca, fu ammesso a far pace
separata cogli Spagnuoli, ai quali cedette Sabbionetta, piazza in
allora importante, tra Casalmaggiore e Mantova. Anche il duca di Rohan,
assalito dai Grigioni, dovette ritirarsi dalla Valtellina.

(1637) Reso libero da que' due nemici il governatore marchese di
Leganes, e trovandosi al comando di dieciottomila fanti e quasi
cinquemila cavalli per rinforzi avuti dalla Spagna, dalla Germania e
da Napoli, si decise a spingere con vigore la guerra nel Piemonte,
colla lusinga di facili progressi per la morte accaduta del duca
Vittorio Amedeo, lasciando due figli in età infantile sotto la
tutela della madre. Prese quindi il forte di Breme nella Lumellina,
invase il Monferrato e assediò Vercelli. (1638) Poi, collegatosi
col cardinale Maurizio e col principe Tommaso, zii del piccolo duca,
applicò a diverse imprese, vagando per il Piemonte, finchè, accintosi
all'acquisto di Casale di Monferrato con segreta intelligenza della
vedova duchessa di Mantova, venne ivi raggiunto dall'esercito francese
comandato dal maresciallo d'Harcourt, e posto in piena rotta colla
perdita della cancelleria (1640), delle argenterie, della cassa regia,
de' cannoni e d'ogni equipaggiamento, rinvenuti dai vincitori nel
campo di San Giorgio verso Pontestura. (1641) Il marchese di Leganes
fu richiamato. Ma più che da questa sconfitta, venne il re di Spagna
determinato a tal passo dai gravi turbamenti insorti nell'interno
della monarchia, la sollevazione dei Catalani e la ribellione del
duca Giovanni di Bragranza, la quale produsse poi la separazione del
Portogallo dalla Spagna, avendo la sorte delle armi e i fini politici
delle altre potenze persuaso il riconoscimento legittimo di quel
ribelle. (1642-1645) Per questi avvenimenti l'esercito francese, reso
più animoso, unito a' Savoiardi, ridusse in breve tempo gli Spagnuoli
alla difensiva, e, ricuperate di seguito le fortezze del Piemonte,
penetrò nello stato di Milano, prese Tortona e Trino, indi, varcata
la Sesia, Vigevano. La costernazione fu grandissima in Milano. Il
governatore marchese di Velada accorse a Mortara, a Novara e ai passi
della Sesia a far fronte ai nemici, i quali, per la difficoltà delle
vittovaglie, si ritirarono; (1646) nel principio del nuovo anno anche
Vigevano fu ricuperato. Nè i danni de' Milanesi si ristrinsero alla
paura. La devastazione delle campagne ove seguirono gli osteggiamenti,
le vettovaglie somministrate agli eserciti nemici ed amici, gli
approvvigionamenti e le opere di difesa alle fortezze minacciate, e il
soldo delle truppe che per intiero dovevasi fornire dal paese, furono
tali pesi, che più non bastando a supplirvi le ordinarie rendite e
le contribuzioni straordinarie, si ebbe ricorso all'alienazione de'
dazi ed altri diritti regali. In quest'anno e ne' quattro seguenti si
fecero le più grandiose vendite delle regalie, che mai fossero fatte
per l'addietro o in seguito. Dal prospetto che se ne stese nell'anno
1772, quando per ordine dell'imperatrice Maria Teresa furono tutte
ricuperate alla regia camera, si riconobbero centosessantasei regalie
vendute in que' quattro anni: quasi la terza parte delle alienazioni si
fecero allora. Durante tutto il secolo precedente e fino alla metà del
XVII se ne alienarono sole cinquantuna. Nel rimanente di quel secolo si
trovò comodo, e forse fu necessità di proseguire in siffatte vendite; e
dall'anno 1649 al 1700 ne furono distratte altre centosessantanove.

(1647) Il cardinale Mazzarino, succeduto al defunto cardinale
Richelieu nella suprema direzione del regno di Francia, accrebbe un
nuovo fomite alla guerra in Italia coll'essere riuscito a far entrare
nella lega contro gli Spagnuoli Francesco I d'Este, duca di Modena.
Perciò i gallo-estensi occuparono con grandi forze Casalmaggiore, che
tennero per due anni, e assediata inutilmente Cremona, disertarono il
Cremonese. Ma la vigorosa resistenza opposta dal governatore marchese
di Caracena, l'occupazione da esso fatta di più terre del Modonese,
e gli uffici dei duchi di Mantova e di Parma indussero il duca di
Modena a rappacificarsi colla Spagna. (1649) Liberati dalle angustie
di questa nuova guerra potettero i Milanesi prestarsi più alacremente
a festeggiare l'arrivo della loro sovrana, l'arciduchessa Marianna
d'Austria, che da Vienna recavasi a Madrid, sposa del re Filippo IV.
Essa fece il suo ingresso in Milano il 30 maggio del 1649, il quale
è così descritto dal Brusoni[288]: «Entrò la regina privatamente
in Milano per porta Tosa, a causa delle grandissime pioggie che
diluviarono in quei giorni: e fece poscia la sua solenne entrata per
porta Romana, incontrata dal marchese di Caracena, governatore, con
tutti i tribunali, e dal clero in processione. Il governatore, messo
piede a terra, presentò alla Maestà Sua diciotto cavalieri, coperti
di scarlatto guernito di broccato, e altri sessanta, vestiti di tela
d'argento, destinati a servirla. Dopo che, collocata sovra una chinea
dai duchi di Machedea e di Terranova, venne salutata da una salva di
mille e ducento mortaletti e da tutto il cannone della città. Per
tutte le contrade e le piazze per le quali passò la regina, oltre
agli addobbi che le adornavano, si vedevano spallierate le milizie
della città e dell'esercito sotto i loro maestri di campo e generali,
con vaghissima e superba mostra. Fu servita fino al Duomo, e poscia
al palazzo di sua abitazione, con ordine e pompa veramente regia
e meravigliosa. Fermossi la regina per alcuni giorni in Milano con
Ferdinando IV re d'Ungheria e di Boemia, suo fratello, onorata dai
principi d'Italia o personalmente o per ambasciatori. Durante la sua
dimora mostrò di commiserare la sorte di don Odoardo di Bragranza,
fratello del nuovo re di Portogallo, e benemerito dell'imperatore suo
padre, il quale da sette anni gemeva in stretta carcere nella rocchetta
di quel castello, e forse sarebbesi a di lui favore interposta
presso il re suo sposo, se in quel tempo appunto non fosse morto dopo
brevissima malattia[289]. (1650) Il 16 di agosto dell'anno seguente
morì pure il cardinale arcivescovo Cesare Monti, in di cui vece fu
promosso alla sede arcivescovile monsignore Alfonso Litta. Questo
prelato, nel lungo pontificato di ventott'anni, accrebbe di comodi ed
ornamenti il Seminario maggiore, ristaurò il cadente Seminario della
Canonica, ed aggiunse nuovi redditi al Collegio de' nobili. Negli
affari ch'ebbe a trattare in corte di Roma e ne' varii conclavi ai
quali intervenne, si meritò lode di zelo e d'accorgimento; e nelle
emergenze di dispareri giurisdizionali si condusse generalmente con
moderazione; che se nel fatto che vado a narrare si mostrò dapprima
animato da soverchio calore, non fu tardo a piegarsi al più maturo
consiglio della saviezza.

Era stato ucciso con una pistolettata il cavaliere Uberto dell'Orto su
la porta del procuratore Gadolini, vicino a San Giorgio in Palazzo.
Il sospetto cadeva sopra un Landriani che si pose nell'asilo di San
Nazaro. Il governatore Ponze di Leon ordinò che il Landriani venisse
ad ogni modo imprigionato, e gli sbirri lo presero sull'altare mentre
s'era attaccato al tabernacolo. L'arcivescovo ne fece fare acerbe
doglianze, accolte dal governatore trascuratamente. Minacciò scomuniche
e interdetti, ma il governatore non gli badò. Fece intimare il primo
monitorio al capitano di giustizia Clerici, e fu sprezzato. Intimò il
secondo monitorio, che venne accolto come il primo. Venne un prete
per intimare il terzo monitorio, e gli alabardieri del capitano di
giustizia lo ferirono. L'arcivescovo era smanioso. Il governatore
gli fece dire che se scomunicava avrebbe fatto impiccare alle porte
dell'arcivescovato il Landriani. Stando così le cose, entrò di mezzo il
presidente del senato, Bartolommeo Aresi; e persuase all'arcivescovo
pensieri più miti, poichè alle chiese si deve rispetto, ma non per
ciò che servano di ricovero agli scellerati; che in Venezia non
si conosceva immunità, ed eravi anche per le scomuniche l'esempio
di Venezia stessa nell'interdetto di Paolo V; e infine che questi
privilegi, non avendo altro appoggio che la tolleranza del re di
Spagna, non conveniva di compromettere la dignità sua con maggiore
insistenza. Il qual unico partito fu seguitato dalla saviezza
dell'arcivescovo. Il papa Alessandro VII, nella promozione di cardinali
che fece nel principio del 1664, vi comprese anche il coraggioso
monsignor Litta, _quantunque la prudenza gli suggerisse di tenerselo
in petto fino a men sospetta occasione_[290]; onde la di lui promozione
non fu pubblicata che dopo due anni.

Il milanese trovavasi ridotto alla condizione più compassionevole
per i danni e gli eccessivi dispendi cagionati dalla guerra. (1651)
Avendo esaurito ogni mezzo di dar danari, e sopraccaricato di debiti,
al di cui soddisfacimento non bastavano le continuate vendite delle
regalie, l'avere impegnato le sue rendite ne' partiti Balbi e Ceva,
e le sovvenzioni procuratesi coll'erezione del monte di San Carlo, fu
d'uopo staccare dallo Stato Pontremoli col suo distretto, vendendolo
al gran duca di Toscana. Venne in seguito da Madrid una regia carta di
pien potere, per obbligare ed anche vendere qualunque fondo camerale,
estendendosi questa facoltà anche alla concessione de' feudi. Farà
sorpresa ai lettori che in sì estreme angustie non siasi mai pensato
al più semplice e natural rimedio, il metter fine a una guerra che
durava da tanti anni più o men viva, regolata dal solo capriccio, senza
piano o stabile condotta, in cui erano sì rari i tratti di valore e di
perizia militare nei capi, e nella quale null'altro v'era di certo se
non che la distruzione degli averi e delle vite dei sudditi. Ma questo
pensiero troppo ripugnava ai fini personali de' governatori di questo
Stato, ai quali premeva di perpetuarsi (come dice opportunamente il
Muratori) «nel lucroso mestiere di comandare un'armata». (1652) Perciò
il marchese di Caracena non ebbe ritegno di destare il quasi sopito
incendio con muoversi a discacciare i Francesi da Casale di Monferrato,
giovandosi del favore che incautamente gli prestava in questo progetto
il duca Carlo II di Mantova, padrone di quella città, e che, per il
matrimonio di sua sorella Leonora coll'imperatore Ferdinando III, erasi
necessariamente affidato al partito spagnuolo. La mossa improvvisa
fu coronata da un felice esito, e nel principio d'autunno sì la
città che i forti caddero in potere degli Spagnuoli. (1653) Ma ciò
ch'erasi temuto, avvenne, mentre appena due mesi dopo, i Francesi,
sollecitamente rinforzati, calarono ad infestare il territorio
alessandrino e trascorsero fino alle porte di Novara. I due eserciti
altro non fecero per la maggiore parte dell'anno seguente che starsi
vicendevolmente in osservazione per esser pronti ad ostare dall'una
parte e dall'altra a qualunque avanzamento. Il torbido e impaziente
Caracena profittò di questa calma per muovere briga al duca di Modena
col pretesto di chiedere spiegazioni per le milizie che assoldava e
il fortificare di Brescello. (1655) Invaso il territorio del duca,
minacciò di assediare quella piazza e di bloccar Reggio; ma le copiose
pioggie della primavera e il crescere del Po lo costrinsero a levare
il campo e a ripassare il fiume precipitosamente dopo una spedizione
di soli venti giorni, e di aver ridotto un amico sospetto a divenire
nemico dichiarato. E di là appena a due mesi trovò ben molto più a
fare in casa propria, mentre il principe Tommaso di Savoia alla testa
di un esercito francese, che si disse forte di dieciottomila fanti e
settemila cavalli, passato il Ticino dalla parte di Vigevano, cominciò
a scorrere il territorio milanese, portando dovunque il terrore e la
desolazione. Ma la città di Milano, in cui la confusione era cresciuta
per le monache sub-urbane che, in folla e tumultuariamente vi si
ricoverarono, fu presidiata, e possibilmente munita per la difesa,
e i sacerdoti nelle chiese esortavano i cittadini a prender l'armi.
Fortunatamente la furia francese declinò da questa direzione, e si
rivolse all'assedio di Pavia. Varii accidenti concorsero a liberare
il marchese di Caracena dal cattivo passo, ove dalla sua imprudente
temerità era stato condotto. I Francesi, distratti nello scortare fino
in Piemonte un grosso convoglio di bestiami predati nella Lomellina,
furono tardi nell'investire la città mentre era meno provveduta
de' mezzi di difesa. Un rinforzo di trecento cavalli sotto il conte
Galeazzo Trotti, generale della cavalleria di Napoli, che, passando
per caso da Mortara, si unì al presidio di Pavia, l'inaspettato
avvicinamento dal Finale di alcune truppe spedite dalla Spagna,
l'essere rimasto ferito da una palla di falconetto il duca di Modena,
che fu trasportato in Asti, la malattia sopraggiunta al principe
Tommaso nella sua grave età di oltre sessant'anni, tutte queste
cause, alle quali si aggiunse la difficoltà delle vittovaglie per gli
appostamenti fatti dal Caracena a Cassine sulla strada di Pavia, e
ne' castelli di Binasco e Chiarella, determinarono i Francesi a levare
improvvisamente l'assedio, ch'era durato dal 22 luglio al 15 settembre,
abbandonando nel campo una immensa quantità di attrezzi militari, di
viveri e di bagagli. L'esercito gallo-estense si ritirò parte nel
Modonese e parte a Torino col principe infermo, il quale il 22 del
seguente gennaio se ne morì. (1656) Le rimostranze che i Milanesi
fecero giungere al trono del sovrano, produssero il richiamo del
marchese di Caracena, che passò al governo all'armi in Fiandra, sotto
il supremo comando di don Giovanni d'Austria, figlio naturale del re
cattolico.

L'allontanamento di quell'ambizioso governatore, se sparse di qualche
balsamo le esulcerate piaghe della misera Lombardia, non valse a
impedire il nuovo incendio di guerra che si suscitò tosto dopo il
ritorno del duca di Modena da Parigi, ov'erasi recato appena fu
sano della sua ferita. Prima impresa de' collegati fu l'investire
Valenza sul Po, che, ostinatamente difesa, dovette arrendersi il 7 di
settembre. (1658) Nei due anni successivi, stando le armi spagnuole
unicamente sullo schermirsi, molti danni sofferse lo stato di Milano
dalle scorrerie nemiche; quando, nel 1658, l'accorto ed audace duca
Francesco venne in risoluzione di condurre la sua parte d'esercito,
che consisteva in settemila fanti e cinquemila e ottocento cavalli,
a' quartieri d'inverno sul Mantovano. Il duca di Mantova, sorpreso
all'improvviso, invocò e ottenne dal governatore di Milano qualche
soccorso di truppe, ma insufficiente; laonde fu costretto a stipulare
la propria neutralità, ciò che l'espose alla collera dell'imperatore
e lo privò del titolo di vicario dell'Impero. Resi sicuri per questa
convenzione dal lato del duca di Mantova, i gallo-estensi minacciarono
di penetrare nel cuore della Lombardia col passaggio dell'Adda, fiume
distante solo dieciotto miglia da Milano. Il governatore munì in fretta
le fortezze di Pavia, Lodi, Pizzighettone e Cremona, e fortificò varii
posti sul fiume tra Lodi e Rivolta, e da Castelleone a Cassano. Le
acque della Muzza, spezzato l'argine, furono travolte in Adda per
ingrossare il fiume. Ma il duca di Modena, superato per sorpresa il
passo a Rivolta, si stabilì con tutto l'esercito sulla riva opposta, e
si fece appoggio del forte e ben munito castello di Cassano, che gli si
arrese. Valicata l'Adda, si accinsero tosto i vincitori a deviare le
acque del naviglio della Martesana, facendo con una mina rovinare il
suo sostegno; e una parte dell'esercito, sotto gli ordini del duca di
Noailles, spinse le sue ricognizioni fino ai sobborghi di Milano, e si
ripiegò con sì buon ordine, che neppure fu inseguita. Si riunì quindi
col restante dell'esercito per Marignano a Sant'Angelo, e tutt'insieme
avviaronsi ad aprire le comunicazioni del Ticino più dirette e più
brevi col Piemonte. Tragittato il fiume il 1.º di agosto, cinsero
d'assedio Mortara, che dopo quindici giorni si arrese; indi presero
Vigevano, di cui distrussero le fortificazioni perchè non servissero
agli Spagnuoli nel prossimo inverno. Il conte di Fuensaldagna,
governatore di Milano, che, come un'opportuna diversione avea tentato
di prendere per sorpresa la città di Valenza, ne era stato respinto
con grave perdita. La morte inaspettata del duca di Modena, avvenuta
in Santià il 14 ottobre, essendo in età di soli quarantott'anni, pose
fine alle vittorie dei Francesi. Successe negli Stati paterni e nel
generalato dell'armi collegate il giovane duca Alfonso IV. Principe di
animo più mite, acconsentì a pacificarsi colla Spagna a vantaggiose
condizioni, limitandosi ad una perfetta neutralità, nel qual partito
fu indotto dallo stesso ministro francese il cardinale Mazzarino, che
stava negoziando lo stabilimento di una pace generale fra la Francia
e la Spagna, la quale, conchiusa il 7 novembre dello stesso anno, è
celebre sotto il nome di pace de' Pirenei.

(1661) Dopo la pubblicazione della sospirata pace cominciò a respirare
l'oppresso popolo milanese, il quale ottenne pure di veder limitata
l'obbligazione dell'alloggiamento militare a quattromila fanti e
duemila cavalli, con reale dispaccio 30 novembre del 1661. A questo
beneficio tenne dietro il _Rimplazzo_, ossia la sistemazione del
riparto dell'alloggiamento, di cui si è di sopra parlato, ove si
discorsero in compendio le successioni de' governatori. (1665)
Null'altro ci si offre di notabile fino al 1665, in cui giunse
in Milano la nuova che il re di Spagna Filippo IV avea pagato
l'inevitabile tributo alla natura, essendo morto il 17 settembre in
età di sessant'anni. Principe pio, ma dominato quasi per tutta la sua
vita da un pessimo ministro, il conte d'Olivares, che soltanto poco
tempo prima di morire privò della sua grazia. Principe detto grande
dall'adulazione, e in fatti grandissimo nelle disavventure, per aver
regnato continuamente frammezzo alla miseria pubblica, cui non volle o
non seppe mai sovvenire, e circondato dal pubblico malcontento; onde
si vide successivamente spogliato del Portogallo e del Rossiglione,
ribellata la Catalogna, in continua agitazione l'Aragona, conculcata
la sua autorità dalla più infima plebaglia di Napoli, avvolta nella
desolazione e in continue mormorazioni la Lombardia; e finalmente,
dopo tanto sangue sparso e tanti tesori profusi dal padre e dall'avo,
costretto a dar la pace agli Olandesi ed a riconoscerne l'indipendenza.
Gli succedette l'unico figlio Carlo II, in età di quattr'anni, sotto la
tutela della madre, che fu l'ultimo, egualmente inetto e per esso mal
fortunato rampollo di quella famiglia.

Magnifici furono i funerali celebrati in Milano per il defunto re.
Nel seguente anno ebbero i Milanesi occasione di facile rallegramento
nelle feste fatte per l'arrivo dalle Spagne, di passaggio per Vienna,
dell'infante donna Margherita d'Austria, sposa dell'imperatore
Leopoldo. Il governatore fece perciò ristaurare splendidamente il
palazzo ducale. (1668) Senza rispetto per la miseria pubblica, il lusso
sfoggiato dalla nobiltà spagnuola e milanese, e dagli ambasciatori
de' sovrani d'Italia nel ricevimento di quella principessa, fu
straordinario: e basti per un esempio, che il conte Filippo d'Aglié,
ministro del re di Sardegna, si mostrò con un seguito di trecento
persone, e il pomposo corteggio di cento tiri-a-sei. Due anni dopo morì
il governatore Ponze di Leon, e dopo tre mesi di governo morì pure il
suo successore Francesco de Oronco, marchese de Olias, Mortara e San
Reale. Fu allora mandato il duca del Sesto, don Paolo Spinola, marchese
de los Balbases, il quale appena trascorso un anno cedette la carica a
don Gaspare Tellez Giron, duca d'Ossuna, nome reso celebre dal di lui
avo don Pietro, vicerè di Napoli. La regina vedova lo spedì governatore
a Milano, per consiglio del gesuita Everardo Nitard, confessore,
ch'essa avea condotto dalla Germania, e ciò per allontanarlo da don
Giovanni d'Austria, ch'erasi insinuato nella confidenza del piccolo
re. Governò per quattro anni. Quello che siamo per dire di lui è
preso da un raro libretto, venuto allora in luce, che, quantunque
sia principalmente un epilogo di scandalose storielle tendenti alla
diffamazione di alcune gentildonne e cavalieri milanesi, contiene varii
fatti storici che hanno tutta l'apparenza della verità[291]. Fu assai
pomposa l'entrata ch'ei fece in Milano. Precedevano alcune compagnie
di cavalleria colla pistola alla mano, la corazza sul petto e la celata
in capo. Poi venivano più di cento cavalli, carichi di arredi, coperti
di panno scarlatto trinato d'oro, colle funi di seta intrecciate
d'oro. Ogni cavallo aveva un palafreniere che lo conduceva, vestito
in uniforme scarlatto, trinato d'oro e pennaccio nel cappello. Poi
venivano i cavalli del duca, coperti pure di scarlatto trinato d'oro
con simili palafrenieri. Indi seguivano i carabinieri, con lucidissime
armature e ricchi ornamenti. In séguito, in magnifica gala, cavalcavano
i gentiluomini milanesi, accompagnati da numeroso stuolo de' loro
palafrenieri. Poi venivano tre carrozze del duca superbissime. Il carro
e le ruote erano intagliate con sommo lusso, e tutto il legno dorato e
i ferri smaltati; i cerchi delle ruote erano d'argento, e gli apparenti
e rilevati chiodi nella prima erano d'oro, nelle due altre d'argento
dorato; l'interno delle carrozze era tutto ricamato a profusione
d'oro. Donna Mizia, moglie del duca, era nella prima carrozza con due
sue figlie, e il duca cavalcava, superbamente bardato, alla portiera
destra, costeggiati dalla guardia svizzera. Veniva in séguito la
compagnia delle lance, indi altra soldatesca. La corte era stata
mobigliata da esso duca in modo che un monarca non avrebbe potuto avere
di più.

Questa pompa sorprendente annunziava nel nuovo governatore un
personaggio ricchissimo o un ladro; forse fu l'uno e l'altro. Per ogni
mezzo egli cercava di far danari; il conte Antonio Trotti, per essere
eletto generale, dovette sborsargli ottantamila genovine[292]. Il
consiglio secreto procurò di porvi qualche argine; ne furono portate
forti rimostranze a Madrid, per cui il duca una volta soccombette,
avendo dovuto disfare dodici capitani che aveva creati di suo
capriccio. Dovette pur scomparire un'altra volta, e pare a torto. Un
suo domestico avea percosso un cane della principessa Trivulzi, e i
domestici di essa lo uccisero. Il duca ordinò al capitano di giustizia
la carcerazione degli omicidi; il capitano si portò nella casa della
principessa e li fece imprigionare. La principessa era spagnuola,
spedì un corriere alla corte, venne l'ordine che dovessero i detenuti
ricondursi nella casa Trivulzi, e il capitano di giustizia ne chiedesse
scusa. Così rovesciavasi ogni idea di giustizia e di buon governo
per una raccomandazione. Scemato per tal modo il rispetto verso il
governatore, si videro affisse delle satire contro di lui; e non
potendosi trovare indizio dell'autore, malgrado i premii proposti, il
duca ebbe ricorso a un negromante, il qual ciurmatore fece credere
che un frate fosse il colpevole. Per caso nominò un frate contro
cui, secondo le opinioni religiose di que' tempi, non si poteva altro
castigo imporre che il bando, e l'ebbe il padre Giudici, crocifero,
sulla prova del mago, ben pagato per questo. Il duca non era affabile,
nè cortese; era violento, capriccioso, orgogliosissimo, giuocatore
vizioso, scostumato, rapace: così ce lo dipinge l'autore. Come
vivessero i popoli sotto il di lui governo e quali esempi ricevessero,
è facile il comprenderlo. Se recò maraviglia in Milano il trovarsi
quattordici lire nella tesoreria generale alla partenza del duca del
Sesto, molto più fece sorpresa l'erario totalmente esausto lasciato
dall'Ossuna in tempi meno infelici. I costumi della nobiltà milanese
erano allora assai ritirati e gelosi. Fu cosa che spiacque, e che non
ebbe seguito, una conversazione che il duca d'Ossuna aprì una sola
volta.

(1674-1698) Dalla partenza del duca d'Ossuna nel 1674 fino al termine
del secolo, vide Milano succedersi cinque governatori, che tutti
trapassarono insignificanti, il principe di Ligne, i conti di Melgar
e di Fuensalida, il duca di San Lucar, marchese di Leganes[293],
e don Carlo Enrico di Lorena, principe di Vaudemont, che, venuto
nel 1690, durò nel governo per otto anni. Quest'ultimo abbellì la
corte ducale, introdusse società fra i nobili inselvatichiti, fece
conoscere costumi gentili e colti, e la nazione passò dalla rusticità
al libertinaggio. È celebre la memoria della villa fuori di porta
Orientale, la _Belingera_, ove quel principe passava l'estate; i
giardini erano frequentati da cavalieri e dame. Prima non conversavano
i due sessi se non tra prossimi parenti. Il conte Verri, che ci ha
lasciati questi cenni, ci è pure testimonio di avere egli stesso
ascoltate le declamazioni sul costume allora corrotto. Nello stesso
periodo di tempo si succedettero tre arcivescovi, e furono i cardinali
Federico Visconti nel 1681, Federico Caccia, eletto nel 1693, ma che
trovandosi nunzio a Madrid, si è recato alla sua sede soltanto tre anni
dopo, e Giuseppe Archinto nel 1699, che resse poi per tredici anni la
Chiesa milanese. Intorno alla solenne entrata che fece in Milano il
cardinale arcivescovo Caccia, l'11 dicembre del 1696, abbiamo un libro
pubblicato dal segretario del consiglio generale dei LX decurioni,
Baldassare Paravicini[294]. Può esser grato alla boria municipale il
sapere che in tale occasione fu mandato a Roma ambasciatore della città
di Milano il conte Uberto Stampa, il quale era cavaliere d'Alcantara,
maestro di campo nelle armate spagnuole, e sedeva nel consiglio
secreto. Il duca di Medina-Celi, ambasciatore cattolico in Roma, gli
diede ogni assistenza, così pregato dalla città. Lo Stampa partì per
Roma, accompagnato dal conte Vincenzo Ciceri e da don Guido Brivio.
L'ambasciatore del re cattolico e i prelati nazionali spedirongli
incontro le loro mute, i cardinali gli spedirono i loro gentiluomini,
e l'ambasciatore milanese andò all'udienza del papa Innocenzo XII
coll'ombrella e cuscino di velluto nero trinato d'oro. Egli entrò
con spada e cappello e presentò le credenziali della città. Visitò i
cardinali e venne da essi visitato, come lo fu anche dall'ambasciatore
cesareo e da altri ministri esteri.

Nel restante di questo secolo rimase il milanese quasi libero dalle
guerre, se non che la cessione di Casale nel Monferrato fatta alla
Francia dal duca di Mantova Ferdinando Carlo, e l'occupazione di
quella città per parte de' Francesi sotto gli ordini del marchese di
Bouftiers e del signore di Catinat, obbligarono la Spagna a far più
grosso l'esercito in Italia; col quale poi prese parte alla guerra
suscitatasi nel 1690 tra la Francia e Vittorio Amedeo di Savoia in
causa delle aderenze da lui strette coll'imperatore, da cui era stato
innalzato al rango di re, e successivamente per essersi questo sovrano,
con un'improvvisa mutazione di partito, nel 1696, confederato di nuovo
colla Francia, avanzandosi minaccioso alla testa di un forte esercito
di francesi alle frontiere della Lombardia; e avendo cinta d'assedio
Valenza, dal quale pericolo fu questa provincia inaspettatamente
salvata dalla neutralità stipulatasi nel trattato di Vigevano del 7
ottobre, mediante il pagamento di trecentomila doppie, ripartite a
carico de' principi italiani, de' Genovesi e Lucchesi, e degli altri
minori vassalli dell'Impero. Ma pur troppo avremo ad occuparci nel
seguente capitolo de' fieri turbini di guerra addensatisi e scoppiati
sulla misera Italia, attesa la morte del re Carlo II, con cui si
estinse la linea austriaca de' sovrani di Spagna. Questo principe,
che all'età di sedici anni, sdegnando di stare sottomesso alla tutela
della regina Marianna sua madre, l'avea rilegata indecorosamente in
un monastero, che due anni dopo, nel 1679, condusse in isposa Maria
d'Orleans, nipote del re di Francia Luigi XIV, per cui si fecero grandi
feste in Milano, colla quale convisse dieci anni, essendo morta senza
successione; (1700) trasse poscia una vita neghittosa ed infermiccia
fino al primo giorno di novembre del 1700, in cui, nell'età di soli
trentanove anni, fu rapito dalla morte.

Oltre le sacre e pie fondazioni dovute alla munificenza de' cardinali
arcivescovi Monti e Litta, di cui abbiamo fatto cenno, si ha a
commendare l'istituzione fatta, nel 1637, dal patrizio Giovanni
Ambrogio Melzo di un luogo pio, che portava il di lui nome, per
distribuire ai poveri, specialmente vergognosi, larghi sussidii
di viveri, panni per decentemente coprirsi, e varie doti per il
collocamento di oneste zitelle[295]. La chiesa di Santa Maria alla
Porta fu ricostruita nel 1652 sul nobile disegno di Francesco Richini,
essendo concorso alla spesa con ragguardevol somma il conte Bartolomeo
Aresi, che n'era parrocchiano. Lo stesso conte, dopo di aver giovato
colle sue ricchezze all'abbellimento o al ristauro di varie altre
chiese, sì dentro che fuori della città, eresse, nel 1665, nella
basilica Porziana di San Vittore, col disegno di Gerolamo Quadrio, la
ricca cappella gentilizia dedicata alla Vergine Assunta[296]. Quattro
anni dopo fu ridotta a compimento la chiesa della Vittoria a spese
del cardinale Omodeo, che vi aveva una sorella, essendone architetto
Giambattista Paggi[297]. Nel 1674 si eresse il monastero delle
Carmelitane Scalze; nel 1688, essendo caduta la basilica Naboriana,
detta poi di San Francesco, fu rialzata con maggiore eleganza e maestà;
e nel 1698 si fabbricarono i nuovi sepolcri dell'ospedale Maggiore,
essendo il maestoso portico di essi stato perfezionato ventisette
anni dopo da Giambattista Annone, ricco mercante di seta, che non
avea prole. Infine, in occasione del solenne ingresso del cardinale
arcivescovo Federico Visconti, fu demolita l'antica facciata del Duomo,
che rimaneva tre arcate più interna della facciata presente.

Primo tra le persone distinte mancate di vita in questo tratto di
tempo ci si presenta quel Lodovico Settala, protomedico, che sì male
ha figurato nel processo della strega da cui si disse ammaliato il
senator Melzo; ma la sua credulità alle arti magiche, quasi generale
in allora, non gli toglie il merito di uomo dottissimo in più scienze
e anche nella politica, e di essersi col massimo zelo adoperato in
favore de' suoi concittadini nelle pestilenze del 1576 e del 1630. Egli
morì il 12 settembre del 1633, nell'anno ottantesimo della sua età,
essendo nato il 27 febbraio 1882[298]. Circa la fine dei 1641 cessò di
vivere il canonico Giuseppe Ripamonti, autore di molte opere, descritte
dall'Argellati[299]: cattivo ragionatore, buon latinista, cronista
inesatto, ma sincero espositore delle cose de' suoi tempi[300].
Bonaventura Cavalieri, allievo del Galileo e di Benedetto Castelli,
autore della _Geometria degl'Indivisibili_, maestro di Stefano degli
Angeli e del Torricelli, lasciato oscuro nella sua patria, dove
soltanto gli fu offerto dalla filantropia del cardinale Federico
Borromeo un posto di dottore nel nuovo collegio dell'Ambrosiana,
del tutto estraneo a' di lui studi, morì professore in Bologna il 3
dicembre del 1647, di soli quarantanove anni[301]. Il conte Bartolomeo
Arese, più volte nominato, uomo di grand'ingegno e destrezza, che
fu per molti anni reggente nel supremo consiglio d'Italia, e quindi
presidente del senato, dopo di essere stato assai volte adoperato
in commissioni difficilissime ed importantissime, giunto all'anno
sessantesimoquarto di età, finì di vivere il 23 settembre del 1674.
Essendo prossimo agli ottant'anni terminò pure il mortal corso, il 16
febbraio 1680, il canonico Manfredo Settala. Era figlio dell'illustre
protomedico Lodovico. Fu allevato a Siena. Viaggiò l'Italia, la
Sicilia, l'Egitto, Cipro, Candia, Negroponte, Costantinopoli, Smirne,
la Siria, e ritornò in patria ricco di cognizioni, scrivendo bene
più lingue e conoscendo le orientali. Possedeva la musica, aveva
molta abilità delle sue mani, e moltissimo ingegno e amore delle
curiosità naturali o esotiche. Fu egli che formò il museo tuttora
celebre sotto il suo nome, descritto da Paolo Maria Terzago e da
Pietro Francesco Scarabelli, e del quale fece dono alla biblioteca
Ambrosiana[302]. Il di lui funerale fu decorato con orazione recitata
dal padre Giambattista Pastorino, gesuita, e il marchese Giovanni
Battista Visconti descrisse e stampò la relazione di queste solenni
esequie. «Pare che allora (dice il conte Verri) vi fosse qualche
senso di stima e di gratitudine verso di un cittadino che onorava la
patria». Il 22 aprile del 1699 morì infine, di sessantanove anni, il
segretario del senato Carlo Maria Maggi. Avea fatto i suoi studi in
Bologna, e vissuto lungamente nella sua gioventù in Roma e Napoli.
Era dotto nella letteratura greca, latina e italiana; dee però la sua
maggiore celebrità alle commedie e poesie che scrisse nel dialetto
milanese, in cui con tanto corredo di sapere non è meraviglia se sia
così ben riuscito. Non dee escludersi da questa lista necrologica un
milanese d'altissimo ingegno e meritevole di compassione più pe' suoi
deliri che per le sue tristi vicende, il cavaliere Giuseppe Francesco
Borri. Egli fu il Cagliostro del secolo XVII. Eretico, visioniario,
alchimista, medico, ebbe la sorte di guarire in Roma il duca d'Estrés,
dato per ispedito dagli altri medici, e per di lui interposizione gli
fu cambiato il perpetuo carcere nella prigionia in castel Sant'Angelo,
dove morì di settant'anni, il 20 agosto 1695[303].



CAPITOLO XXXII.

_Cause della guerra detta di Successione. Guerra in Italia. Morte
dell'imperatore Leopoldo I, cui succede il figlio Giuseppe I.
Liberazione di Torino. Il principe Eugenio di Savoia governatore dello
Stato di Milano, conquistato dagl'Imperiali. Carlo VI imperatore. Nuova
guerra d'Italia. Pace di Vienna._


Mentre, essendo tolta ogni speranza di successione, declinavano
rapidamente la salute e la vita del re di Spagna Carlo II, l'ambizione
delle principali potenze di Europa non fu lenta a predisporre macchine
e leghe onde ripartirsi i possedimenti della vasta monarchia spagnuola;
e già fino dal mese di marzo del 1700, dopo una negoziazione di due
anni, il re di Francia avea conchiuso un trattato col re d'Inghilterra
e gli Olandesi, in cui, tra l'altre disposizioni, aveasi convenuto che
il milanese fosse dato al duca di Lorena invece della Lorena, che dovea
incorporarsi alla Francia. Ma diversi erano i titoli che si allegavano
dai sovrani esteri, e specialmente dal re di Francia e dall'imperatore,
in appoggio delle loro pretese[304], e giova di riferirli brevemente.

Di due prime figlie avute dal re Filippo IV, le infanti Maria Teresa
e Margherita, la prima era stata data in isposa al re cristianissimo
Luigi XIV, la seconda all'imperatore Leopoldo I. Per volere del padre
l'infante Maria Teresa aveva rinunciato alle ragioni che le competevano
al trono di Spagna, ciò che all'altra figlia non era stato richiesto.
In conseguenza da entrambi que' sovrani aspiravasi alla successione;
dal re di Francia, a favore dell'unico suo figlio il Delfino, riputando
inattendibile la rinuncia; e dall'imperatore, per l'arciduca Carlo che
gli era nato nel 1685. Conoscendosi che il re Carlo II si avvicinava al
termine della sua vita, crebbero gl'intrighi e le pratiche dalle due
parti. Per trovarsi libero all'imminente nuova lotta, non ostante la
memorabile vittoria di Zenta, conchiuse l'imperatore col gran Turco la
tregua di Carlowitz. Il re di Francia, all'opposto, strinse con fina
astuzia un nuovo trattato con l'Inghilterra e l'Olanda, di cui base
era lo smembramento della Spagna, non perchè questo avesse effetto, ma
al solo fine che la nazione spagnuola, per ciò sbigottita, si volgesse
a favorire la successione del Delfino, siccome avvenne. Aggiunse a
questo maneggio due altre arti, la promessa che, premorendo il re di
Spagna, il Delfino ne avrebbe sposato la vedova, e una dichiarazione
procuratasi dal papa, che giudicava prevalente la pretesa della
Francia e convenevole al bene comune. Questa dichiarazione finì di
vincere l'animo irresoluto dell'infermo re di Spagna, per cui, il 2
ottobre del 1700, istituì, con secreto testamento, erede di tutta la
monarchia spagnuola Filippo di Borbone, duca d'Aniou, secondogenito
del Delfino, intanto che non cessava di assicurare l'imperatore della
sua predilezione. (1701) Manifestatasi la testamentaria disposizione
dopo la morte del re Carlo II, avvenuta, come si disse, il primo giorno
del successivo novembre, non era ancora la corte imperiale rinvenuta
dalla sorpresa per questo inaspettato avvenimento, che il duca Filippo,
proclamato in Parigi re delle Spagne col nome di Filippo V, era di
già partito per Madrid, dove fece il suo solenne ingresso il 14 del
seguente aprile. L'imperatore oppose a questo fatto la pubblicazione
di un manifesto, in cui dimostrava la prevalenza delle sue ragioni,
intanto che dalle due parti preludevasi all'imminente guerra coi più
formidabili apparecchiamenti.

I Gallo-Ispani, avendo per generalissimo il duca di Savoia, sotto il
comando del maresciallo di Catinat, marciarono alle rive dell'Adige
per opporsi all'esercito imperiale, che, sotto gli ordini del principe
Eugenio di Savoia, giovane in allora di circa trent'anni, si avanzava
rapidamente. L'opposizione riuscì inutile, poichè il principe Eugenio,
lasciato il nemico in disparte, per strade credute impraticabili,
discese senz'ostacolo, il 9 luglio, nella pianura veronese, e dieciotto
giorni dopo, valicato il Mincio, si stese nelle ubertose campagne
del bresciano, e mise a contribuzione lo Stato di Mantova. (1702)
Il maresciallo di Villeroi, mandato in successore al Catinat con un
rinforzo di nuove truppe, trovò gl'Imperiali trincerati a Chiari, e
volendo forzarli, fu battuto colla perdita di circa diecimila uomini,
tra morti, feriti e prigionieri; indi, appena uscito da' quartieri
d'inverno, si lasciò sorprendere e far prigione in Cremona, benchè
gl'Imperiali non abbiano potuto riuscire ad impossessarsi della città.
Nuovi rinforzi vennero spediti di Francia col principe di Vendome, al
quale tenne dietro lo stesso re Filippo V per dar maggior vigore alle
offese colla sua presenza. Corteggiato dal governatore principe di
Vaudemont, egli fece il suo solenne ingresso in Milano il 23 giugno,
e dopo pochi giorni, si trasferì al campo. L'esito della battaglie di
Luzzara, per cui ricuperarono Guastalla, riconfortò i Gallispani; e il
re Filippo V, tornato a Milano e trattenutovisi per alquante settimane,
sul principiare dell'inverno si restituì in Ispagna. Anche il principe
Eugenio partì per Vienna, lasciando al comando dell'esercito imperiale
il maresciallo conte Guido di Staremberg. (1703) Egli vi giunse
opportuno per essere impiegato a rendere più vigorosa e più corta la
guerra in Ungheria contro il ribelle Ragotkì, intanto che la corte di
Vienna dava uno sviluppo più vasto al piano della guerra contro la
Francia, collegandosi da una parte colla regina Anna d'Inghilterra
e col re Pietro II di Portogallo, e dall'altra facendo inclinare
a suo favore la versalità della casa di Savoia, per cui il duca
Vittorio Amedeo, scosso tra le altre cause, dalle laute promesse
degl'imperiali, ed irritato dall'insultante iattanza de' generali
francesi, e dallo sprezzo con cui erano trattati gli affari suoi dai
ministri di Versailles[305], accedette alla nuova lega. In ricompensa
della sua adesione, nelle solenni stipulazioni degli 8 novembre, gli
fu promessa dall'Austria tutta la porzione del Monferrato spettante
al duca di Mantova, le città di Alessandria e Valenza, la Lomellina e
la Valsesia, e oltre ciò un sussidio mensile di ottantamila ducati di
banco. E già fino dal 12 settembre l'imperatore Leopoldo e il di lui
figlio Giuseppe, re de' Romani, aveano ceduto all'arciduca Carlo ogni
loro diritto sopra la monarchia spagnuola, ond'egli assunse il titolo
di re col nome di Carlo III; nel mentre che un forte esercito inglese
e imperiale radunavasi verso le frontiere francesi nel Belgio, sotto
gli ordini di due sommi capitani, il duca di Marlborough e il principe
Eugenio, dai quali fu poi nell'anno seguente vinta la celebre battaglia
d'Hochstedt, in cui settantamila francesi, comandati dal maresciallo di
Tallard, ebbero una piena sconfitta.

(1704) Mosso il re di Francia dal doppio intento di deviare il turbine
che assembravasi verso le sue frontiere del Reno, e di vendicarsi
del duca di Savoia, spedì contro di questi il duca di Vendome, di cui
prima istruzione e mossa fu di intercettargli le comunicazioni collo
Stato di Milano. Il maresciallo conte di Staremberg, coi soccorsi che
fu pronto a condurre in Piemonte per l'interdetta e malagevole strada
del lago Maggiore, fece più commendevole la sollecitudine che notabile
il vantaggio; tanto era il contrasto delle forze nemiche. Queste si
estesero e stabilironsi successivamente in una gran parte del Piemonte.
Trino, Vercelli, Susa, la Brunetta, le città d'Ivrea e d'Aosta, e il
forte di Bard caddero in loro potere. (1708) Verrua e Guerbignano,
piazze assai forti, strette di lungo assedio e difese con vigore,
dovettero pur cedere. Il duca di Savoia fu obbligato di ritirarsi a
Civasso, e lasciar Crescentino in mano ai nemici. Non mancava che di
assediar Civasso perchè fosse libero ai Gallispani di penetrare fin
sotto Torino. La politica che reggeva allora il gabinetto austriaco,
era evidente di lasciare che il nuovo amico e il naturale nemico
egualmente si consumassero, sicchè il primo restasse in fede, o, quando
mai se ne dipartisse, non fosse temibile, e l'altro, assalito poi con
forze intiere, potesse facilmente esser vinto. Ma quando il duca di
Savoia trovavasi ormai ridotto a non poter dir proprio che lo spazio
occupato dallo stanco e infiacchito suo esercito, vide la corte di
Vienna che un più lungo temporeggiamento poteva mettere in pericolo la
somma delle cose, per cui si decise a rispedire in Italia il principe
Eugenio con nuove forze, senza che l'imperatore Leopoldo potesse
vederne l'esito, avendo cessato di vivere il 5 maggio nell'età di quasi
sessantacinque anni, succedendogli nell'impero il figlio Giuseppe I.

Il principe Eugenio, coll'usata sua celerità, per la via di Roveredo
si condusse sul territorio di Brescia prima che il nemico si fosse
trovato in tempo d'impedirglielo. I due eserciti si scontrarono il 16
agosto a Cassano, dove seguì un'aspra ed ostinata battaglia, della
quale sì l'uno che l'altro si attribuirono la vittoria. Ne fu bensì
effetto che nessuna impresa importante venne più tentata da essi per
il resto dell'anno. (1706) Anzi il principe Eugenio, dopo un fatto
sfavorevole sostenuto a Lonato al principio della nuova campagna, stimò
prudente di ritirarsi sul Tirolo, finchè, raggiunto dagli aspettati
rinforzi, ripassò l'Adige il 6 di luglio con un esercito di trentamila
uomini. Quasi contemporaneamente il duca Luigi d'Orleans, nipote
del re, e il maresciallo di Marsin, successori del duca di Vendome,
ch'era passato al comando dell'armi francesi in Fiandra, giunsero
al campo che assediava Torino, e di là scesero nel mantovano, dove
il principal nerbo del loro esercito erasi concentrato. Il principe
Eugenio trasse abilmente partito dalla esitazione che suole preoccupare
i corpi guerreggiati al mutarsi del supremo capitano, e posto il Po di
mezzo tra esso e la maggior oste nemica, giunse al Finale di Modena,
entrò vittorioso in Reggio, e a grandi marce giungendo in Piemonte
verso la fine d'agosto, congiunse il florido suo esercito alle poche
spossate milizie che rimanevano al duca di Savoia, di lui cugino. Parve
all'audacia e alla fidanza francese indecoroso di levar l'assedio di
Torino senza tentar la sorte di una battaglia, e questa avvenne il 7
novembre. Dopo di essersi fieramente e a lungo combattuto dalle due
parti sotto i trinceramenti stessi degli assedianti, i Gallispani
furono vinti e rotti colla perdita di quattromila e cinquecento morti
e settemila prigionieri, contando tra i feriti il duca d'Orleans e il
maresciallo di Marsin, che morì il giorno dopo. Centocinquanta cannoni,
un'immensa quantità di attrezzi militari, tutto l'attendamento,
molt'argenteria e la cassa vennero in potere de' vincitori. E la
costernazione e il terrore erano a tal segno, che i Francesi non
d'altro si curarono che di ripassare l'Alpi precipitosamente per le
vie più brevi, lasciando esposta l'altra parte del loro esercito
che trovavasi nella Lombardia e nel Modonese. Questa sconsigliata
condotta rese ad essi estremo ed irreparabile il danno della sofferta
sconfitta, e ai nemici loro rapidissimo il progresso della vittoria.
Circa due settimane dopo, quasi tutto il Piemonte era stato ricuperato,
la Lombardia conquistata, avendo il duca di Savoia e il principe
Eugenio fatto il loro ingresso in Milano il 24 dello stesso mese di
settembre. Anche Pavia, Pizzighettone, Alessandria, Tortona e Casale
di Monferrato, dopo breve resistenza, si arresero. (1707) Il principe
Eugenio fu dall'imperatore Giuseppe I nominato governatore dello Stato
di Milano e suo capitano generale in Italia, e tra i primi suoi atti
fu la proclamazione di Sua Maestà il re Carlo III in duca di Milano.
Nè solo in Italia avea la vittoria disertato dalle armate francesi,
mentre fin dal 23 maggio avean essi egualmente perduta la battaglia di
Ramillies; e fu allora osservato che se la battaglia d'Hochstedt avea
fatto perdere ai Francesi il paese dal Danubio al Reno, la battaglia
di Ramillies li avea scacciati dalle Fiandre, e per quella di Torino
perdettero l'Italia. E le piazze forti che in essa erano tuttavia
custodite dai loro presidii, cioè il castello di Milano, Mantova,
Cremona, Sabbionetta, Mirandola e il Finale di Genova, dovettero essere
sgombrate e rimesse agl'Imperiali per la convenzione conchiusa in
Milano il 13 marzo del 1707 tra il principe Eugenio e i plenipotenziari
gallispani, ratificata il dì seguente in Mantova dal principe di
Vaudemont, e il 16 in Torino dal duca di Savoia. Questo fine ebbe la
prima guerra d'Italia del corrente secolo, dove l'imperizia e l'avversa
fortuna concorsero a fare che l'ambiziosissimo Luigi XIV e il di lui
nipote Filippo V tutto vi perdessero, costretti a lasciarlo a chi
poco prima non vi possedeva un palmo di terreno. Secondo la varia
sorte dell'armi diversa fu pur quella de' minori principi italiani,
che s'eran fatti ausiliari delle potenze belligeranti; e mentre la
famiglia Gonzaga, dopo quattro secoli di sovranità, posta al bando
dell'Impero, fu per sempre spogliata di tutti i suoi Stati, il duca
di Modena non solo ricuperò per intiero i suoi dominii, ma acquistò in
séguito la Mirandola; e gli Stati del duca di Savoia vennero ampliati
coll'aggregazione di Valenza e di Alessandria e loro territorii,
della Lomellina e della Valsesia, staccate secondo i patti dal ducato
di Milano; contro il quale smembramento varie rimostranze furono
fatte dal magistrato de' decurioni milanesi all'imperial corte, e
inutilmente, come era da attendersi, mentre alle supreme ragioni di
Stato e all'interesse generale della monarchia non potevano opporre che
titoli di convenienza municipale. L'imperatore volle anzi abbondare in
generosità verso un alleato che tanto gli fu utile; ed avendo l'armata
navale inglese presa l'isola di Sardegna e posta a di lui disposizione,
la cedette al duca di Savoia; e del pari gli compiacque, benchè con
minore spontaneità, coll'acconsentire all'occupazione da esso pretesa
de' feudi del Monferrato e di alcune parti di territorio del contado
di Vigevano; per cui lo Stato di Milano ebbe a soffrire una nuova
limitazione. (1711) Null'altro avvenne di memorabile per i Milanesi
ne' successivi tre anni, se non che l'inaspettato passaggio per la
capitale del re Carlo III, che recavasi ad occupare il trono imperiale
col nome di Carlo VI, attesa l'immatura morte dell'imperatore Giuseppe
I, avvenuta di vaiuolo, il 17 aprite del 1711, nell'età di soli
trentatre anni. Egli entrò in Milano accompagnato dalle dimostrazioni
convenzionali di apparato, di festeggiamento e di tripudio, solite
a praticarsi in tali occasioni. I principi d'Italia, tra i quali si
distinse il sommo pontefice Clemente XI, il complimentarono per mezzo
di ambasciatori straordinari, felicitandolo, non solo come imperatore,
ma altresì come re delle Spagne, benchè fosse in quelle parti sul
declinare della sua fortuna. Lasciò Milano il 10 novembre, per recarsi
a Francoforte sul Reno, dove, circa un mese dopo, fu colle consuete
solenni cerimonie incoronato.

(1712) Le mutate circostante persuasero le potenze guerreggianti
a' pensieri di pace. (1713) Al qual fine, i loro plenipotenziari,
nel mezzo dell'inverno, si unirono in congresso ad Utrecht, e, dopo
nove mesi di trattative, fu dapprima conciliata una sospensione
d'armi, seguita poscia dalla pace, conchiusa l'11 aprile del 1713.
Il 2 di questo mese entrò in Milano l'imperatrice, che dalla città
di Barcellona andava a raggiungere il consorte in Vienna, lasciando
abbandonata la Catalogna ai suoi nuovi destini. Le tennero dietro varie
migliaia di esuli spagnuoli; per provvedere alla cui sussistenza, fu
staccato dal milanese il Finale, venduto alla repubblica di Genova per
un milione e duecentomila pezze da lire cinque di Milano, riservato
il vano titolo di feudo all'Impero. (1717) Distratto il principe
Eugenio nella nuova guerra in cui erasi impegnato l'imperatore in
sussidio de' Veneziani contro il Gran Turco, nel corso della quale
l'accostumata sua prodezza ed intelligenza si distinse colla vittoria
di Petervaradino, indi colle conquiste di Temeswar e di Belgrado,
risolvette di rinunziare al governo dello Stato di Milano; laonde
fu supplito dal conte Luigi di Vendome, poscia da una real giunta
dei primari magistrati, e in fine dal principe Massimiliano Carlo
di Lewestein, che incominciò il suo governo nel gennaio del 1717.
L'avvenimento più rimarchevole ne' fasti di quest'anno per la felicità
della casa austriaca, e per il futuro bene de' popoli, fu la nascita
dell'imperiale arciduchessa Maria Teresa, accaduta il 13 maggio. «Se la
filosofia, scrisse l'abate Paolo Frisi[306], non avesse già dissipato
le vanità de' civili pronostici, si sarebbe preso per un augurio
felice che la nascita di Maria Teresa fosse stata preceduta di pochi
mesi dalla vittoria di Petervaradino. Il vero augurio del regno di
essa fu la bontà naturale del suo cuore, la prontezza e la vivacità
dell'ingegno, la fermezza del carattere e l'applicazione agli affari,
che mostrò sino dalla sua prima gioventù».

La prima intrapresa del governatore principe di Lewenstein in Milano,
fu la costruzione del teatro di corte, che era stato consunto dalle
fiamme il 5 gennaio 1708, e che, dopo avere sussistito per quasi
sessant'anni, soggiacque ad un'uguale sciagura il 24 febbraio del
1776. Nè d'altro potè occuparsi, essendo sorpreso dalla morte il 26
dicembre dello stesso anno. Questo fu il nono governatore morto durante
il suo governo, dopo estinta la linea de' duchi sforzeschi. Gli otto
antecessori furono il cardinale Caracciolo, il duca di Albuquerque,
il marchese d'Ayamonte, il conte di Fuentes, don Ambrogio Spinola, il
cardinale Trivulzi, don Luigi Ponze de Leon, e il marchese d'Olias e
Mortara. Lewenstein fu tumulato in San Gottardo; gli antecessori lo
furono in Duomo, a Santo Stefano, alla Scala, alla Pace, a San Celso,
ai Cappuccini di porta Vercellina. (1719) Gli fu dato in successore il
conte Gerolamo di Colloredo, che giunse al suo posto sul finire della
primavera del 1719. Egli cinse di sbarre la fossa interna della città,
a difesa de' passeggieri, e, dopo sei anni di buon governo, partì in
cattivo stato di salute per recarsi a morire a Vienna, succedendogli il
maresciallo conte Daun.

La nascita d'una terza figlia, avendo quasi tratto di speranza
l'imperatore Carlo VI di aver prole maschile, s'indusse egli a
stabilire con solenne atto, conosciuto sotto il nome di _Prammatica
Sanzione_, una legge di successione, per la quale, in mancanza di
maschi, sono chiamate le figlie con ordine di primogenitura; legge
garantita non solo dalla Dieta dell'Impero, ma pur dall'Olanda, dalla
Francia, dalla Spagna e dall'Inghilterra; e più efficacemente lo è
stata in séguito dalla forza dell'armi. (1725) Una segreta convenzione
stipulata il 30 aprile 1725 tra Carlo VI e Filippo V confermò al
primo tra gli altri vantaggi in Italia il possedimento dello stato di
Milano; il che diede causa ai Lombardi di sinceri tripudii, fondandosi,
più che nelle sempre incerte speranze dell'avvenire, nella lusinga
della stabilità della condizione presente. (1729) Questi fausti
presagi furono sconvolti da un turbine improvviso, avendo la prossima
estinzione delle famiglie regnanti de' Farnesi negli Stati di Parma e
Piacenza, e de' Medici in Toscana, ravvivate le pretese dell'imperatore
Carlo VI, contro le quali la Francia, la Spagna e l'Inghilterra
convennero in secreto trattato, conchiuso in Siviglia il 9 novembre del
1729. Perciò da ogni parte si pose cura agli apprestamenti guerreschi,
e l'imperatore si mostrò nell'attitudine più imponente. Per di lui
ordine il governatore conte Daun fece ristaurare le piazze forti del
mantovano e del milanese, radunò magazzini copiosissimi e si accinse
con ogni diligenza ad ammassar denaro. L'esercito imperiale in Italia,
accresciuto con rinforzi venuti di Germania, fu presto numerosissimo,
e si disse ascendere a sessantamila fanti e ventimila cavalli. (1730)
Il conte di Mercy, generalissimo, lo distribuì in un accampamento
continuo lungo il Po, da Ostiglia sino a Pavia, avendo fatto centro in
Cremona per il deposito delle vittovaglie e d'ogni corredo militare.
Così, quantunqne le ostilità non abbiano incominciato che assai tempo
dopo e per effetto di altri ravvolgimenti politici, la Lombardia
soggiacque a tutti i danni della più aspra guerra guerreggiata. La
_diaria_, convenuta pagarsi dallo Stato per la difesa del paese, fu
aumentata dalle tredici alle sedicimila lire al giorno, per cui ascese
ad annui cinque milioni e ottocentoquarantamila lire milanesi. Nella
ripartizione di un sussidio straordinario di quattordici milioni
di fiorini imposto alla monarchia, due milioni dovette contribuire
l'Italia austriaca. I frequenti passaggi delle truppe, le requisizioni
de' generi e in ispecie dell'avena, accrebbero i dispendii e le
vessazioni. Tutte le casse pubbliche erano esauste, e la regia camera
sospese i pagamenti ai creditori che per l'indisputata liquidità
de' loro titoli erano detti di _giustizia_. A questi mali s'aggiunse
che fino dal 1726 i creditori, o come chiamavasi i _reddituari_ de'
monti di San Carlo, per conseguire almeno una parte de' loro redditi,
aveano dovuto accondiscendere alla riduzione de' capitali al sessanta
per cento, e degl'interessi dal cinque al tre, e che da più anni
l'intiera provincia soggiaceva al sopraccarico delle spese per il
nuovo censimento, le quali dal 1718 al 1733 salirono alla somma di sei
milioni. Altri minori aggravii s'introdussero in allora; essendo stata
privata la camera de' mercanti di Milano dell'antichissimo possesso
di avere un proprio corriere per la corrispondenza nella Germania, e
stabilita la nuova gabella di affrancare le lettere, laddove prima si
pagava soltanto al riceverle, non a spedirle.

(1733) In questo stato di guerra senza guerra aperta si durò per tre
anni, fino al 1733, quando l'influenza esercitata dalla corte imperiale
per l'elezione del re di Polonia Federico Augusto III, in onta de'
maneggi del gabinetto di Francia, fu il grano di polvere che mancava
a far accendere la mina, da tanto tempo accumulata, e mentre altresì
l'esercito austriaco in Italia, poc'anzi sì formidabile, erasi, per
varie cause, di molto diminuito. Questa volta la politica della corte
austriaca fu vinta dall'astuzia e dalla simulazione degli avversari.
Il re di Francia Luigi XV, il re Filippo V di Spagna e il nuovo re di
Sardegna, Carlo Emmanuele, si collegarono, il 16 settembre, con segreto
trattato di alleanza contro la maestà cesarea; e fu questo talmente
segreto, che gli armamenti intrapresi dal re sardo si riputarono
in Vienna fatti in difesa propria e dello stato di Milano contro i
Francesi, al segno che, avendo le stesso re chiesto di estrarre dal
milanese circa trecentomila moggia di grano, dai ministri imperiali
fu tosto ordinato che vi si acconsentisse. E in quest'erronea opinione
stettero così ostinati, che quando il conte Daun, chiarito dall'inviato
cesareo in Torino della contratta lega, della quale il re di Sardegna
era stato eletto generalissimo, ne diede avviso alla corte, non fu
creduto. Spedì corrieri, spedì suo figlio, tutto fu riguardato e
deriso come un sogno e un terror panico del governatore; e la procella
sopraggiunse tanto precipitosa, che appena egli ebbe tempo di porsi
in salvo, rifugiandosi a Mantova il 22 ottobre. A tale inaspettato
sconvolgimento tutti i ministri e il paese furono in costernazione.
I sessanta decurioni di Milano si radunavano ogni giorno: si destinò
la milizia urbana alla custodia delle porle della città, si fece una
processione a Sant'Ambrogio e si concertò come avevasi a far buon viso
ai nuovi padroni. Il 2 novembre i delegati di Milano rendettero omaggio
al re di Sardegna presso Abbiategrasso, accolti con distinzione,
avendo voluto che si coprissero; e furono tenuti due ore con lui,
mentre sfilavano otto battaglioni francesi e quattro savoiardi
destinati ad occupare la città. Dopo la presa di Pizzighettone, l'11
di dicembre, il re fece la solenne entrata in Milano, e due giorni
dopo vi giunse il maresciallo di Villars, che avea ottantatre anni.
V'erano nella città oltre duemila ufficiali con alloggio presso i
privati, dal qual peso i patrizi tennero sè stessi esenti. (1734) Il
castello, bloccato dapprima, dopo quattordici giorni di aperto assedio
si arrese il 2 gennaio, trovandosi il presidio, per le perdite fatte
e la molta disserzione, ridotto a novecento uomini. La città ebbe a
soffrire qualche danno, e ben maggior paura dalle artiglierie degli
assediati; ed oggetto di grave doglianze fu per essa successivamente
la tassa imposta a' facoltosi in determinate somme, da pagarsi fra otto
giorni, in via di prestito al sei per cento, onde soddisfare al debito
arretrato per la diaria. Fra quelli, i più tassati furono il presidente
Clerici per lire centocinquantamila, il conte di Brono per altrettante,
il conte Brentano e Pietro Andreoli in lire centomila per ciascuno.
Ma pochi pagarono, e la successione degli avvenimenti fece lasciare
quest'espediente in dimenticanza.

I Gallo-Sardi, quanto furono celeri nell'invasione, altrettanto
si mostrarono lenti nell'approfittare degl'improvvisi riportati
vantaggi, e della sorpresa e debolezza degli Imperiali, che in tutto
non avevano in Italia quattordicimila uomini. Si lasciò loro il tempo
di riprender lena, di raccogliere le sparse, benchè tenui forze de'
diversi presidii, e di far di Mantova il centro d'unione de' soccorsi
spediti in fretta dalla Germania. Anche il re di Sardegna fu sollecito
ad accrescer forze all'esercito collegato colle copiose leve eseguite,
non meno ne' suoi Stati della Savoia e del Piemonte, che nel ducato di
Milano, dove, non ostante l'avversione del volgo ai Piemontesi e ai
Francesi per antiche gare ed animosità, il reclutamento fu numeroso.
Avvenne sul finire dell'anno la battaglia campale di Guastalla,
egualmente gloriosa per le due parti, ma senz'esito decisivo. Però
il partito imperiale in Italia soggiacque ad un colpo funesto per
la spedizione marittima partita di Spagna alla conquista de' regni
di Napoli e di Sicilia a favore dell'infante don Carlo. Entrò questi
infatti vittorioso in Napoli, il giorno 15 maggio, donde era fuggito
il vicerè conte don Giulio Visconti, e cinque giorni dopo venne
proclamato re delle due Sicilie fra gli urli d'applauso e di tripudio
di quella plebe sfrenata e selvaggia, abituata da tanti secoli a
festeggiare i presenti e a maledire chi si ritira, quando l'occasione
non le sia propizia per fargli un male maggiore. (1735) All'uscire
da' quartieri d'inverno l'armata cesarea si trovò accresciuta di
alquante migliaia di soldati, che retrocedevano da Napoli col capitano
generale duca di Montemar, e all'opposto giunse di Francia in Milano,
verso la fine di marzo, il maresciallo di Noailles, e ai primi di
maggio in Cremona il re di Sardegna. Incalzati gl'Imperiali dai
Gallo-Sardi, furono dal loro maresciallo Koningsegg, _con lodatissima
provvidenza_[307], concentrati verso il Tirolo, avendo prima posto
in salvo i bagagli, i malati, i cannoni, e ogni altro attiraglio e
impedimento militare. Gli succedette nel comando il generale conte
di Kevenhüller, al tempo del quale null'altro accadde fuorchè la
conquista della Mirandola, riuscita al duca di Montemar, intanto che
gli alleati consumavano il tempo e le forze nel blocco di Mantova.
Questa lentezza, non accostumata al carattere delle due nazioni,
non era senza mistero; e questo fu in parte svelato, allorchè, il
16 dicembre, il duca di Noailles spedì al conte di Kevenhüller il
gradevole avviso di una sospensione d'armi, la quale fu tosto seguita
dalla pace. Quest'esito era stato preparato dai segreti maneggi del
cardinale di Fleury, primo ministro del re cristianissimo, cui si
trovò pronto ad aderire il gabinetto austriaco, che dalla sbilanciata
sua fortuna era ridotto a più moderati consigli. La somma delle cose
convenute sul terminare del 1735 nel celebri preliminari di Vienna,
e tosto dopo ratificata nel congresso di Parigi, fu la seguente. I
ducati di Lorena e Bar vennero ceduti e aggregati alla Francia, e il
regno delle due Sicilie confermato al re Carlo di Borbone. Al duca
di Lorena Francesco Stefano fu assegnato in cambio il gran ducato di
Toscana, e stante lo svantaggio del cambio, gli fu dato da cesare la
lusinga di un partito di più alta importanza, che ebbe poi effetto.
Il re di Sardegna, oltre il Monferrato, l'Alessandrino, la Lumellina
e la Valsesia, acquistati nel 1707, ottenne le città e i territori
di Novara e Tortona, con nuova diminuzione dello stato di Milano. A
queste condizioni ebbe l'imperatore la conferma o la restituzione del
mantovano e della restante parte del milanese, la cessione di Parma
e Piacenza, e la garanzia della prammatica sanzione. (1736) Le corti
di Madrid, di Napoli e di Torino trovarono nella reale convenienza di
questi patti un congruo risarcimento all'offeso amor proprio per non
essere state consultate, e vi aderirono. Successivamente le città di
Parma e Piacenza furono lasciate libere dalle armi dell'infante don
Carlo, cedute agl'Imperiali dai Gallo-Sardi Cremona e Pizzighettone,
e il 7 di settembre la città di Milano, avendo alcuni giorni prima il
re di Sardegna licenziata e ringraziata la giunta di governo istituita
durante la conquista, col proclama che si riporta nella nota[308].
Fu certamente onorevole per questa Giunta l'essere stata confermata
dal conte di Kevenbütter, supremo comandante cesareo in Italia fino
all'arrivo, che seguì il 17 dicembre, del nuovo governatore capitano
generale conte Otto Ferdinando Traun, al di cui governo vennero uniti
il ducato di Mantova e quello di Parma e Piacenza, sotto la dominazione
di Lombardia-austriaca. Altri due avvenimenti memorabili di quest'anno
furono la morte del maggior capitano di quel tempo, il principe Eugenio
di Savoia, avvenuta in Vienna il 21 aprile, essendo egli in età di
anni settantadue, e le nozze faustissime seguite il 12 del precedente
febbraio tra l'arciduchessa Maria Teresa, primogenita dell'imperatore
Carlo VI, già entrata nell'anno diciottesimo, e il principe di Lorena
Francesco Stefano, che ne avea ventisette; con che le illustri case di
Lorena e d'Austria si unirono in un solo tronco.

Ne' decorsi trentasei anni vide la città di Milano un solo nuovo
arcivescovo, monsignor Benedetto Erba Odescalchi, già nunzio apostolico
in Polonia, e poco dopo promosso al cardinalato. Egli fu eletto il
18 aprile 1712 in luogo del defunto cardinale Giuseppe Archinto, e
resse la Chiesa milanese per anni ventiquattro, finchè, nel 1736, reso
inabile per un insulto apopletico, rinunziò al pontificato. Nell'anno
seguente alla sua installazione diede questo prelato il conservatorio
di Santa Sofia all'istituto della Visitazione, ed aperse il collegio
degli Obblati missionarii annesso alla insigne chiesa di Rho. Sotto
di lui fu aperto da' Barnabiti in Milano, nel 1723, il collegio
de' Nobili, col nome di collegio imperiale; nel 1724 si stabilirono
le Orsoline presso Santa Maria alla Porta; nell'anno seguente si è
fabbricata la chiesa di Campo-Santo, e infine nel 1735 si viddero
erette le chiese di San Bartolomeo e di San Pietro Celestino, e ridotta
a compimento quella di San Francesco di Paola, tutte col disegno
dell'architetto Marco Bianchi, romano[309], il quale colle linee curve
e coi cartocci, benchè non disgiunti da una certa maestà, rese un
abbondante tributo al cattivo gusto che andava allora dilatandosi nella
pratica dell'architettura.



CAPITOLO XXXIII.

_Morte dell'imperatore Carlo VI, al quale succede negli Stati ereditari
la primogenita Maria Teresa. Altra guerra in Italia, ch'ebbe fine colla
pace in Acquisgrana. Condizione e governo della Lombardia. Giuseppe II
imperatore; sue riforme. Breve regno e morte di Leopoldo II._


(1737) Restituito lo stato di Milano in seno alla pace, fu
necessariamente, per varii anni, privo di avvenimenti degni di essere
ricordati, per cui appena si ha a far parola dell'ingresso in Milano
del nuovo arcivescovo, Carlo Gaetano Stampa, accaduto il 10 maggio del
1737. Il 6 luglio dello stesso anno morì Giovan-Gastone, ultimo gran
duca di Toscana della casa Medici, succedendogli, per le precedute
convenzioni, il duca di Lorena, sposo dell'arciduchessa Maria Teresa.
È non meno meritevole di ricordanza la morte, accaduta in Milano, del
gesuita Tommaso Ceva, nella grave età d'ottantotto anni. I piacevoli
suoi costumi, i suoi versi latini, qualche produzione matematica,
e il suo buon gusto nelle belle lettere, del quale ci fan prova i
precetti conservatici dal Muratori nella di lui vita, lo resero uomo
distinto. (1739) Due anni dopo, l'arciduchessa Maria Teresa d'Austria
e il gran duca Francesco di Lorena, di ritorno dai loro Stati di
Toscana, onorarono, nel mese di maggio, la città di Milano colla loro
presenza, e furono accolti cogli accostumati festeggiamenti. (1740)
L'anno 1740 fu di funesto presagio per l'Italia, mentre all'esito
infelice della guerra turchesca, colla perdita di Belgrado, si
aggiunse, il 20 ottobre, la morte dell'imperatore Carlo VI, essendo
d'anni cinquantacinque, dopo una malattia di soli tre giorni. Con esso
ebbe fine la linea maschile dell'augusta casa d'Austria, la quale,
nel corso di quattrocentosessantasette anni, diede al romano impero
sedici Cesari e sei re alla Spagna. Appena divulgata la funesta nuova,
l'arciduchessa Maria Teresa, come primogenita, secondo la prammatica
sanzione, fu proclamata e riconosciuta regina d'Ungheria e di Boemia,
e principessa sovrana di tutti i regni e Stati già appartenuti
all'augusto genitore. Due suoi dispacci, spediti due giorni dopo la
di lei assunzione al trono, giunsero in Milano; col primo de' quali
ordinava la celebrazione de' funerali e le dimostrazioni del lutto per
l'estinto monarca; e col secondo confermò il conte Traun in governatore
dello Stato. Con altro dispaccio del 7 dicembre annunziò a questa città
la generosa risoluzione di aver promosso il real consorte a coreggente
in tutti gli acquistati dominii, senza lesione della sovranità o
pregiudizio della prammatica sanzione. (1741) Di là a pochi mesi
ebbero i sudditi lombardi motivo di nuova allegrezza per la notizia
della successione assicurata alla casa austriaca, colla nascita di un
arciduca primogenito, avvenuta il 13 marzo, che fu poi l'imperatore
Giuseppe. Il conte Verri, mosso da ciò che quest'augusto prometteva
nell'aurora del di lui regno, registrò nelle sue Memorie la nascita
di esso, appellandolo _il Giusto e l'Amico degli uomini_. Ma dietro
quest'aura di prosperità, e sotto quest'apparenza di ciel sereno,
sorgeva minacciosa la più funesta procella, suscitata dalla concorde
ambizione di tanti altri sovrani, per dividersi il ricco patrimonio
di tanti regni. Stromento immediato riputavasi il re di Sardegna; e il
caso volle che, per lasciarlo maggiormente libero di seguire gl'impulsi
della sua politica, morisse a quel tempo la regina Elisabetta Teresa.
Non fu tarda la corte di Vienna a proporgli un nuovo parentado colle
nozze dell'arciduchessa Marianna, secondogenita del defunto Carlo VI;
ma una tale proposizione non ebbe effetto, benchè per questa volta
la fede serbata all'Austria si trovò d'accordo cogl'interessi della
sua corona. Vide allora l'augusta Maria Teresa essere inevitabile il
turbine di usa guerra accanita, e imminente lo scoppio; al che, come
al più pronto rifugio, prese la memorabile risoluzione di ricorrere
alla magnanimità della nazione ungherese; e, coll'occasione che il 25
di giugno fu essa coronata a Presburgo, si presentò agli Ordini della
nazione, nuovamente radunati, tenendo fra le braccia il reale infante,
della sola età di due mesi, e con tale dignità ed energia perorò per la
sua causa, che da quell'assemblea, commossa fino alle lagrime, ottenne
un unanime sfoderar di sciabole, accompagnato dal noto giuramento:
_Moriamur pro rege nostro Maria Theresia._

(1742) La prima esplosione della procella seguì nella Germania,
cumulandosi allo sforzo dell'armi gli effetti delle macchinazioni
politiche. Nello stesso tempo che l'invasa Boemia apriva ai nemici
le porte della sua capitale, gli elettori, radunati a Francoforte,
proclamavano all'impero il duca di Baviera, col nome di Carlo VII.
Intanto la Lombardia era minacciata dagli Spagnuoli, partiti dal
Napoletano e radunatisi in Romagna, ai quali fece fronte il governatore
di Milano, maresciallo conte Traun, possentemente sussidiato dal re di
Sardegna, avendo instituita, per rappresentarlo nell'amministrazione
dello Stato, una real giunta di governo. La milizia civica fu posta
a presidiare il castello; nella quale onorevole incombenza durò per
dieci mesi. Quasi contemporaneamente un altro esercito spagnuolo
invase la Savoia; il che costrinse il re sardo ad accorrere alla
difesa de' propri Stati. (1743) Il 23 dicembre di quest'anno morì,
più che sessagenario, l'arcivescovo cardinale Stampa, cui dal sommo
pontefice Benedetto XIV, il 15 del successivo giugno, fu sostituito
l'arciprete della chiesa metropolitana, Giuseppe Pozzobonelli, promosso
tre mesi dopo al cardinalato: onorificenza ormai consueta ai titolari
di questa sede arcivescovile. Circa la metà dell'anno, videro pure i
Milanesi cambiato il loro governatore, il quale passò al comando degli
eserciti in Germania, «lasciando in queste parti grata memoria del suo
discreto ed onorato procedere, della sua moderazione ed affabilità,
del suo disinteresse, e di molta carità verso i poveri[310]»; ed ebbe
in successore il principe Giorgio Cristiano di Lobkowitz, che tosto si
recò al campo contra gli Spagnuoli, confermando la giunta di governo
già stabilita. Nè a ciò limitandosi la previdenza di Maria Teresa, si
fece forte nel trattato di Worms, firmato il 12 settembre, co' sussidii
navali e pecuniarii dell'Inghilterra, estesi anche al re di Sardegna,
suo alleato; e, per vieppiù tenersi questo in fede, acconsentì di
eseguire, a suo favore un terzo smembramento dello stato di Milano,
concedendogli Bobbio, Voghera e Vigevano coi loro territorii, per modo
che l'intiero corso del Ticino, dal lago Maggiore al suo confluente nel
Po, fosse la linea di confine tra i due Stati; e di questa concessione
venne il re di Sardegna posto in possesso nel principio del seguente
anno. (1744) I consigli dell'attenta sovrana erano pure secondati
dalla fortuna, venendo la guerra in Italia condotta con tale indolenza
dai Gallo-Ispani, che consumarono l'intiera estate nell'inutile
investimento di Cuneo; onde ha quella potuto mantener grossi e
concentrati i suoi eserciti per un maggiore sforzo nella Germania.
(1745) Sopraggiunse ancora più fausta per essa la morte avvenuta in
Monaco il 20 febbraio del 1745, di Carlo VII, il quale, sebbene non sia
mai stato che una larva d'imperatore, era tuttavia di continuo e grave
inciampo a' suoi disegni. Fu quindi facile alla di lei destrezza di
far eleggere al trono imperiale il proprio consorte duca di Lorena, il
quale infatti fu incoronato a Francoforte il 4 ottobre, e prese il nome
di Francesco I.

Queste felici combinazioni politiche, certamente influenti al buon
esito definitivo della gran lotta, non valsero a dissipare la fiera
procella che da tanto tempo ci sovrastava. Le corti di Francia e di
Madrid, costanti nel proponimento di fondare una seconda sovranità
borbonica in Italia in vantaggio dell'infante don Filippo, strinsero
ad Araniuez un trattato colla repubblica di Genova, obbligandosi a
pagarle un sussidio mensile di centomila scudi[311], e si decisero ad
assalire con una massa preponderante di forze l'esercito austro-sardo,
al di cui comando era venuto di recente il conte di Schulembourg in
vece del principe di Lobkowitz, il quale eia stato pure separatamente
supplito nel governo della Lombardia dal tenente maresciallo conte Gian
Luca Pallavicino, con titolo di ministro plenipotenziario e autorità di
governatore. Attesa l'alleanza coi Genovesi, nuovi rinforzi francesi
e spagnuoli ebbero facile e sicuro il passo per la via d'Oneglia, ed
unitisi col nerbo militare già esistente, e coi contingenti di Napoli,
di Modena e di Genova, fecero centro in Acqui. Fra tutti ascendevano a
settantamila combattenti, comandati da Francesco III duca di Modena,
dal general conte di Gages e dal maresciallo di Maillebois. Di là il
duca di Modena, scacciati gli Austro-Sardi da Savona, da Novi e da
Tortona, si diresse alla conquista di Piacenza e Parma; nei mentre
che il conte di Gages, con tremila granatieri e qualche cavalleria,
gettato un ponte sul Po alla Stella verso Belgioioso, nella notte
del 22 settembre sorprese Pavia, essendosi quel presidio ritirato in
fretta nel castello. A tale nuova il conte di Schulembourg, comandante
gli Austro-Sardi accampati in Bassignana, mandò tosto a presidiare
il castello di Milano, e con tutta la sua artiglieria per la Pieve
del Cairo si appressò a Vigevano, ed incalzato da' nemici, ritirossi
quindi verso Casal-Monferrato. Queste mosse difensive lasciaron luogo
all'infante don Filippo d'investire Alessandria e Valenza, di acquistar
Asti ed altri castelli in que' contorni, e di estendersi a suo
piacere nella Lombardia, abbandonata anche dal plenipotenziario conte
Pallavicino, ch'erasi rifugiato in Mantova.

Mentre i supremi comandanti della lega nemica, radunati in Pavia,
divisavano di progredire nelle operazioni militari coll'occupar Modena
e Reggio, riservando il facile conquisto di Milano come una conseguenza
dell'assicurata vittoria, giunse loro un ordine pressante della corte
di Madrid di eseguirlo di preferenza e senza ritardo. Ciò procedeva
dall'impazienza della regina Elisabetta di accelerare lo stabilimento
dell'infante suo figlio, e procurargli un dovizioso appanaggio; e
con questa improvvida risoluzione si lasciò il campo alla fortuna
austriaca di risorgere in Italia. Occupate pertanto le rive del Ticino,
il conte di Gages fece avanzare l'esercito verso Milano, dove il 16
dicembre entrò il generale di Camposanto con molti fanti e cavalli e
parte degli equipaggi del principe, e in egual tempo due altri corpi
furono spediti a prender possesso di Lodi e di Como. Mancando ancora la
grossa artiglieria per intraprendere l'assedio del castello, munironsi
di palafitte le strade interne che a quelle conducevano, e le due
vicine porte della città vennero murate. Il vicario di Provvisione co'
delegati civici si trasferì, il 18 dicembre, a Magenta, per adempire
alla solita cerimonia della presentazione delle chiavi all'infante don
Filippo, il quale nel giorno seguente entrò con gran pompa nella città.
È inutile il dire che la popolazione si mostrò giuliva e plaudente,
che la nobiltà e le magistrature ai presentarono al novello principe
col sorriso sul labbro e con sommo rispetto, e ch'egli accolse i loro
omaggi con graziosa clemenza. Questi uffici e siffatte dimostrazioni
sono di tutti i tempi; fu però speciale di quella circostanza la grida
pubblicata il 24 dicembre dalla Giunta interinale allora instituita,
con cui fu aumentato il valore di tutte le monete correnti, e valga per
saggio il filippo stabilito al prezzo di lire otto: col qual ordine il
nuovo governo fece prova di essere ignorante o truffatore.

(1746) Ma benchè gli Spagnuoli fossero in possesso della capitale e
si estendessero per un gran tratto di paese, gli Austriaci tenevano,
oltre il castello di Milano, Pizzighettone, Cremona e Mantova; il re
di Sardegna occupava la cittadella di Alessandria, e il principe di
Lichtenstein erasi ritirato col suo corpo verso Trino e Crescentino,
donde poteva agir di concerto coll'esercito austro-sardo non molto di
là discosto. Inoltre l'imperatrice regina, pacificatasi opportunamente
sulla fine di dicembre col re di Prussia, si trovò libera di spedire
copiosi sussidii di gente in Italia; i quali, a malgrado de' rigori
dell'inverno, giunsero in febbraio sul mantovano, e senza far
posa, oltrepassato il Ticino, recaronsi al campo del principe di
Lichtenstein. Con tali aiuti il principe, unitamente ai Piemontesi,
ha potuto sorprender Asti, liberare Alessandria, riprender Acqui
e stringere i nemici tra Gavi e Novi, senza però essere riuscito a
toglier loro le comunicazioni col Genovesato e coi Napoletani. Da un
altro lato il tenente maresciallo conte Pallavicino, che comandava nel
mantovano, avanzossi alla destra del Po verso Guastalla, rinforzò la
parte dell'esercito ch'era nel cremonese, e ricuperò Modena. Nel corso
di queste operazioni, che andavano rendendo sempre peggiori le sorti
della federazione nemica, l'infante don Filippo passava il tempo in
Milano, ristorandosi dai disagi de' campi ne' tripudii delle feste e
de' teatri, finchè, avendo gli Austriaci riacquistato Codogno e Lodi,
e spinte le loro scorrerie fino alle porte di quella metropoli, il
generale conte Gages fu costretto, nella notte precedente al 19 marzo,
di annunziare al real principe la necessità di una pronta partenza;
la quale fu eseguita nell'alba seguente con tale precipitazione e
scompiglio, che, se fosse avvenuta dopo la perdita di una battaglia
campale, non poteva essere più disastrosa. Così, dopo soli tre mesi di
effimera occupazione spagnuola, tornò la Lombardia sotto il dominio
austriaco, e tosto riassunse le cure del governo la real Giunta, che
il conte Pallavicino avea eretta nella città all'atto di abbandonarla.
I primi ordini da quella emanati, che ora, per i posteriori esempi,
sarebbero riguardati per abituali ed indifferenti, riuscirono allora di
sorpresa nel pubblico. Prescrivevasi in uno di essi che, nel termine
di tre giorni, dovessero notificarsi tutti gli effetti, danari o
mobili spettanti agli Spagnuoli, e che presso alcuno degli abitanti
esistessero; e, con altro, erano dichiarati invalidi e nulli tutti
gli atti seguiti nel tempo dell'invasione nemica. E a questa nullità
fu data una sì precisa esecuzione, che, avendo l'infante don Filippo,
ad istanza della contessa donna Clelia Grillo Borromeo, dama allora
celebre per coltura e vivacità di spirito, fatta grazia della vita a
un chierico Didino, condannato alle forche per causa d'omicidio con
ruberia, volle il senato che si eseguisse la sentenza. Si è proceduto
altresì con molto rigore contro le persone che prestarono favore ai
nemici; e diverse ne furono punite con varie pene, tra le quali si
conserva ancor viva la ricordanza del conte Giulio Antonio Biancani,
uno de' questori del magistrato ordinario di Milano, che da una
commissione speciale, autorizzata dall'augusta sovrana, fu condannato
al taglio della testa ed alla confisca de' beni, come disertore e
fellone.

Dopo lo sgombramento di Milano, abbandonarono di seguito i Gallispani
il restante della Lombardia, ritirandosi a Piacenza. Verso la stessa
città furono incalzati gli altri loro corpi che occupavano Guastalla,
Reggio e Parma. Un fatto d'armi, avvenuto il 15 giugno, al collegio
di San Lazaro presso Piacenza, e un altro, il 9 agosto, a Rottofredo,
entrambi vantaggiosi agli austriaci, decisero la piena ritirata de'
collegati, resa ancor più sollecita per la notizia ricevuta a Voghera
della morte del re Filippo V. Onde, per la stessa via della Riviera di
Ponente, che sette mesi addietro aveano percorso, avanzandosi gonfi di
tante speranze, non più si ristettero finchè giunsero nella Provenza.
La repubblica di Genova, che aveva aperto e favorito il passaggio ai
nemici, non doveva andare impunita. Investita per mare e per terra, si
arrese, e fu occupata dagli austriaci. Ma questi presto la perdettero,
essendone scacciati dalla popolazione, irritata per l'eccesso delle
contribuzioni e delle vessazioni, ed eccitata clandestinamente
dall'influenza francese; nè dee tacersi che, a stancare per tal modo la
pazienza de' Genovesi, fu principale stromento un nobile italiano, il
marchese Botta Adorno di Pavia, che comandava gl'imperiali. (1747) Egli
fu allora privato d'ogni comando; ed essendo poi stato trasferito al
governo delle Fiandre, venne colà egualmente in esecrazione, così che,
non ostante la protezione della corte, dovette esserne rimosso. Questo
ministro era attaccatissimo agl'interessi dell'augusta padrona, ma avea
la sfortuna di rendersi ovunque sommamente odioso, e parea nato a posta
per far sorgere de' tumulti[312]. Per l'esito della guerra in Italia,
era il gabinetto austriaco pressato da due opposte cure: avrebbe
voluto trarre pronta vendetta dello smacco di Genova, che offendeva
l'onor delle sue armi, non meno per le cause che negli effetti; e
l'incalzava la brama di portare il flagello della guerra nel paese
del nemico. Fece dar opera all'uno e all'altro divisamento, e nessuno
gli riuscì. Furono senza buon esito i campeggiamenti nella Provenza,
per la novità dei luoghi, per la difficoltà de' viveri, per le scarse
forze; e mancò del pari l'impresa di Genova, per essere stata condotta
senz'unità di piano, fra la rivalità delle corti e la gelosia de'
comandanti. Nè i Francesi e gli Spagnuoli si distinsero con alcun fatto
memorabile, se si eccettua il funesto capriccio del maresciallo di
Bellisle di aver voluto far superare a forza i trincieramenti del Colle
dell'Assietta, tra Exilles e Fenestrelle, difesi valorosamente dagli
Austro-Sardi sotto gli ordini de' conti di Colloredo e di Bricherasco,
senz'altro esito che di avere sagrificato infruttuosamente cinquemila
francesi, e insieme con essi il proprio fratello. Questa vittoria fu,
a buon dritto, festeggiata con varii _Te Deum_ sì in Piemonte che in
Lombardia[313].

Se la perdita di Genova fu cagione della disgrazia del generale Botta
Adorno, il non averla ricuperata portò il richiamo del comandante
supremo, conte di Schulembourg, cui venne sostituito il conte di Traun,
e del ministro plenipotenziario, conte Gian Luca Pallavicino, caduto
forse in sospetto per essere di nascita genovese, entrambi partiti per
Vienna a render conto del loro operato. Per il governo della Lombardia
fu creata una real Giunta, composta del gran-cancelliere, conte
Beltrame Cristiani, stato assunto a questa carica fino dal 1744, dai
presidenti del senato e dei magistrati ordinario e straordinario, ed
altri otto soggetti. Lasciò il Pallavicino fama d'uomo disinteressato
e magnifico, ed eguale la mantenne allorchè, di là a tre anni,
restituito in grazia, tornò alla primiera carica in Milano. Nel
triennio intermedio a questi due suoi governi, la carica congiunta di
governatore e di capitano generale della Lombardia austriaca fu coperta
dal conte Ferdinando Bonaventura di Harrach, venuto il 19 settembre.
Egli fu un buonissimo signore, senza fasto, umano, amico dell'ordine
e della tranquillità, nemico delle novazioni. La contessa di lui
consorte, giovane, vivace, e anche bella e galante, diffuse l'allegria
nel paese, e introdusse la moda di cavalcar le dame anche in città, e
di girare pe' palchi le maschere al carnevale[314].

Non solo l'Italia, ma l'Europa intiera era stanca ed estenuata dalla
guerra, laonde l'ambizione dovette ricevere la legge dalla necessità.
(1748) Tutti i sovrani erano, nel loro cuore, concordi nel voler la
pace, e per conseguirla meno svantaggiosa, fecero un ultimo sforzo,
ponendosi ciascuno nell'attitudine più guerresca. Fu essa sottoscritta
in Acquisgrana dai ministri plenipotenziari delle varie potenze, e
il 23 ottobre il fu dal conte di Kaunitz per l'imperatrice regina,
la quale, per quel trattato, conservò tutti gli Stati ereditari, ad
eccezione della Slesia e della contea di Glatz, cedute alla Prussia;
ricuperò i Paesi Bassi, ma rinunziò alle conquiste che avea fatte in
Italia; cedette i ducati di Parma, Piacenza e Guastalla, da erigersi
in sovranità a favore dell'infante don Filippo, e confermò le cessioni
fatte al re di Sardegna. (1749) L'esecuzione di questo trattato, quanto
all'Italia, rese necessario un parziale congresso, apertosi nel mese
di dicembre in Nizza di Provenza, che tutto sistemò con buon ordine,
per cui, nella seguente primavera, eseguite le rispettive cessioni
e represtinazioni, ha potuto anche la nostra Lombardia gustare i
beneficii della pace, dietro la quale avea per otto anni inutilmente
sospinto. (1752) E per vieppiù consolidarla, strinse l'augusta Maria
Teresa un trattato di alleanza e di commercio coi re di Spagna e di
Sardegna, sottoscritto ad Aranjuez il 27 aprile del 1752[315], al quale
accedettero in seguito (come era stato loro riservato) il re delle
Due Sicilie, il gran duca di Toscana e il duca di Parma. In quello,
oltre la reciproca garanzia e difesa di quanto ciascuno possedeva,
fu stipulato che, in caso di ostile aggressione, dovessero, due mesi
dopo esserne richiesti, accorrere in soccorso della potenza minacciata
con un determinato numero di truppe, che non poteva esser minore, per
ognuna delle tre principali potenze, di ottomila fanti e quattromila
cavalli; quanto al re delle Due Sicilie, di quattromila uomini di
fanteria e milleduecento di cavalleria; e di mille uomini a piedi e
cinquecento a cavallo per parte dell'infante don Filippo; con facoltà
inoltre di dare, invece di soldati, ottomila fiorini d'Impero al mese
per ogni mille uomini a piedi, e ventiquattromila per altrettanti a
cavallo, da essere rimessi mese per mese ne' banchi di Genova fino al
termine della guerra. E per riguardo al commercio, si convenne che
i rispettivi sudditi godrebbero presso le altre potenze contraenti
dei maggiori privilegi accordati alle nazioni amiche. In particolare
poi si conchiusero dall'imperatrice colle corti di Napoli e di Parma
alcuni vicendevoli matrimonii, da pubblicarsi ed eseguirsi a suo
tempo, e si fissò che tanto il regno delle Due Sicilie, quanto il gran
ducato di Toscana, formassero in avvenire due secondogeniture della
casa d'Austria e di quella di Borbone del ramo spagnuolo, reversibili
alle rispettive discendenze, onde avessero sempre il proprio sovrano
naturale. (1753) Anche la situazione famigliare della casa ducale
d'Este, ridotta ad un'unica figlia e fuori di speranza di aver
altra successione, non fu trascurata dalla perspicacia del ministero
austriaco; e, più destro o più fortunato del gabinetto di Parma, che
mirava allo stesso intento, riuscì a stipulare una convenzione, per
la quale le corti di Vienna e di Modena strettamente si collegarono, a
condizione che la principessa Beatrice, figlia del principe ereditario
Ercole Rinaldo, ed erede presuntiva di tutti i dominii estensi, nata il
7 aprile 1750, sposerebbe l'arciduca terzogenito, e a questi sarebbe
stata conferita la carica di governatore e capitano generale della
Lombardia austriaca, da essere supplita durante la sua minore età dal
duca di Modena Francesco III. E tutto ciò ebbe immediato effetto, a
segno che questo principe, trasferitosi a Milano il 4 gennaio 1754,
entrò tosto in possesso della sua nuova dignità, e il conte Beltrame
Cristiani, ch'ebbe il merito di aver negoziato quel vantaggioso
partito, dalla carica di gran cancelliere del governo, che fu
soppressa, venne promosso a quella di ministro plenipotenziario nella
Lombardia. Con distinti trattati furono regolati inoltre i confini col
re di Sardegna, col duca di Parma, cogli Svizzeri e co' Veneziani. Ma
le amichevoli intelligenze e i varii vincoli di parentela e d'interesse
contratti colla Spagna e colle potenze italiane non avrebbero
bastato a rendere sicura l'Italia nell'emergenza di nuove guerre in
Europa, se non riuscivasi a rendere anche la Francia partecipe di
siffatti accordi; e a quest'oggetto avendo rivolto l'Austria ogni suo
intendimento, vi riuscì con pari felicità: e l'alleanza fra le due
corti per tanto tempo rivali, che sempre più si consolidò, se non ha
meritato un'unanime approvazione ne' rapporti degli interessi eminenti
della monarchia, fu senza dubbio del più deciso vantaggio per la quiete
d'Italia. Un altro oggetto della saggia previdenza di Maria Teresa
fu di antivenire al caso, benchè rimoto, della successione al trono
imperiale, la quale restava quasi assicurata alla sua discendenza se
avesse potuto far nominare l'arciduca Giuseppe, suo primogenito, in
re de' Romani. Ma questo progetto, messo in campo circa l'epoca di
cui trattiamo, e caldamente favoreggiato dall'Inghilterra, potea con
difficoltà essere accolto dagli elettori per l'età del principe, che
appena giungeva ai dodici anni, ed ebbe un insuperabile contradittore
nel re di Prussia, onde soltanto nel 24 maggio 1764, dopo la pace
d'Hubertsburgo, che pose fine alla famosa guerra dei sette anni,
ha potuto aver esecuzione; abbastanza però ancora in tempo, mentre
l'imperatore Francesco I morì l'8 agosto dell'anno seguente. Questo
avvicendamento di combinazioni politiche, con tant'arte preparate e
condotte ad un solo scopo, fu cagione che la pace d'Italia non fosse
più turbata per il corso continuo di quarantotto anni fino al 1796;
e tanto la rammentata disastrosissima guerra dei sette anni, che
l'altra per la successione nella Baviera, e la turchesca, unicamente
un'influenza pecuniaria esercitarono nell'austriaca Lombardia per i
sussidii che ha dovuto somministrare. Per la qual causa, congiunta ai
buoni ordini introdotti, de' quali siamo per parlare, e alla tranquilla
indole degli abitanti, ebbero pur merito i Lombardi d'essersi mantenuti
in una costante obbedienza e fedeltà, allorchè, per le riforme
dell'imperatore Giuseppe II, eransi ribellati i Paesi Bassi, fervevano
gli Stati ereditari, e sì altamente querelavansi gli Ungheri, che fu
duopo accondiscendere a' loro gravami.

È gradito incarico allo storico imparziale, dopo di aver dovuto
narrare i vizi e gli errori de' potenti e la conseguente oppressione e
l'impoverimento de' popoli, di poter talvolta ricreare la mente propria
e quella de' lettori colla rappresentazione di tempi meno infelici, e
col racconto di un genere di pubblica amministrazione più consentaneo
alla dignità e al ben essere degli uomini. Questa lode è meritamente
dovuta al regno di Maria Teresa, la quale, a malgrado delle lunghe
guerre da cui era bersagliata la monarchia, si mostrò costantemente
intenta a dar migliori ordini ai varii rami del suo governo. E fu
in ciò provvidamente secondata dalla sorte, mentre, avendo risoluto
di liberarsi del referendario Bartenstein, che colla sua prepotente
arroganza avea svergognato la diplomazia austriaca sotto Carlo VI,
assunse, nel 1753, al supremo ministero il conte, indi principe Antonio
Venceslao di Kaunitz-Rietberg. Questo grand'uomo, nato nel 1711, che
resse con gloria per lo spazio di quasi quarant'anni i consigli della
casa d'Austria, era dotato di molto ingegno, d'uno zelo instancabile
e dì somma integrità; abile negoziatore, profondo dissimulatore senza
parerlo, impenetrabile ne' suoi secreti, ma ricco d'amor proprio, e
perciò presuntuoso ed altiero: così ci è descritto dal Coxe[316] sulla
fede de' documenti ufficiali del ministero inglese. Ei possedeva a
tal segno la confidenza della sua sovrana, che, essendo ella piissima,
ha potuto tuttavia intraprendere e compire con mano ferma le riforme
più delicate nelle materie ecclesiastiche. Per ciò che concerne la
Lombardia, il compimento del catastro delle proprietà fondiarie, come
base della giusta ripartizione del principale tributo, occupò le prime
cure dell'imperatrice regina. Questa grande opera, tentata quasi due
secoli prima dagli Spagnuoli con informi elementi, instaurata nei
primordii della dominazione austriaca, era rimasta interrotta, dopo la
spesa di più milioni, per le vicende belliche del 1733. Fu riassunta
nel 1749 coll'erezione di una nuova Giunta del censimento, cui fu dato
a presidente un dottissimo giureconsulto, Pompeo Neri, espressamente
chiamato dalla Toscana, ove copriva la carica di secretario del
consiglio di reggenza. Nello stesso tempo fu questi incaricato di
esaminare i mezzi più opportuni per una sistemazione del corso delle
monete, colla quale fosse posto rimedio al gravissimo danno che si
soffriva dal pubblico per il valore arbitrario di esse. A tal fine
molte conferenze e molti esperimenti furono allora eseguiti, di
concerto colla real corte di Torino, dove un altro gran ministro, il
conte Giambattista Bogino, fece ogni sforzo perchè il provvedimento
da adottarsi fosse a comune beneficio esteso a tutta l'Italia. Però
le corte viste e le piccole gelosie fecero riuscire a vuoto la saggia
proposizione; onde questo gravissimo oggetto, rimasto allora deserto,
con principii più sicuri, ma circoscritto alla sola Lombardia, fu
poscia sistemato soltanto nel 1778.

(1758) Erano quasi ridotti al loro termine i lavori del censimento
colle assidue cure di nove anni, quando, essendo il Neri richiamato
a Firenze, la Giunta fu sciolta, e sostituita una governativa
delegazione; a questa fu dato l'onore di proclamare il compimento
dell'opera, e s'incominciò nel 1790 a ripartire il tributo prediale sul
nuovo catastro. Contemporaneamente alla partenza del presidente Neri,
Milano rimase priva di un altro illustre ministro, il plenipotenziario
conte Beltrame Cristiani, morto il 31 luglio, dopo una lunga malattia,
che lasciò alternare speranza e timore. La sua morte fu da uomo
senza la minima imbecillità. Spedì gli affari con mente serena fino
all'ultimo giorno. Egli da un'umile condizione col suo merito e colla
sua prudenza giunse al sommo grado di essere padrone del milanese.
Gli fa onore il ricordare ch'egli cominciò nel 1725 come podestà di
Borgonuovo, feudo del marchese Giandemaria di Parma. Poi fu impiegato
in Piacenza, dove il conte Trotti, governatore, lo conobbe e lo fece
conoscere ai comandanti degli eserciti austriaci che guerreggiavano.
La fermezza del carattere, la sagacità de' ripieghi, la fedeltà sua,
gli utili servigi che rese, lo fecero ben presto ammirare. Il duca di
Modena, incautamente unitosi agli Spagnuoli, avendo abbandonato i suoi
Stati, ne fu commesso il governo al Cristiani, che seppe accontentare
l'imperatrice, il duca e il paese. Popolare e disadatto nel suo
aspetto, distratto talvolta e balbuziente, senza fasto, e memore sempre
del suo primo stato, cercò di placare l'invidia, e l'implacabile superò
coll'ingegno. Fu spedito a Vienna colla lusinga che la grossolana
figura, anche sucida per l'uso del tabacco da masticare, dovesse
dispiacere alla imperatrice regina, e che l'ignoranza del tedesco e del
francese lo dovesse far comparire un meschino curiale. Ma egli superò
il sorriso che avea destate fra le colte persone, e l'imperatrice gli
si rese affetta dopo che gli ebbe parlato. Egli non poteva sperare
di essere governatore di Milano per difetto de' natali. Le aderenze
colla casa di Modena gli diedero occasione di formare il progetto di
far venire a governar stabilmente il milanese il duca Francesco III
col titolo di amministratore. Il duca s'annoiava a Modena, amava il
soggiorno di Milano, e questo se gli offriva nel luminoso carattere
di amministratore del governo, con soldo assai cospicuo, con tutti
gli onori, purchè lasciasse ogni cura al Cristiani e concedesse la
principessa Beatrice sposa a un arciduca. Si presentò dall'altra parte
all'imperatrice un matrimonio per un figlio cadetto, e con esso gli
Stati di Modena, Reggio, Mirandola, Massa e Carrara. Richiedevasi
l'animo del conte Cristiani per condurre a termine e fermare tali idee.
Questo sempre più gli acquistò il cuore e la confidenza dell'augusta
sovrana, della quale teneva delle firme in bianco da riempiere,
occorrendo un dispaccio. Sin ch'egli visse, lasciò tutte le apparenze
al duca, che ognuno credeva che comandasse. Questi mezzi, uniti
alla sua mente e operosità, lo fecero trionfare de' nemici. Era uomo
generoso, e fedele alla sua parola. Aveva la politica grande, e non
pareva nè imbarazzato nè circospetto. Era capace di domandare scusa
anche ad un povero, se in un impeto di collera l'avesse ingiustamente
offeso. Chi riceveva un'ingiustizia da lui per precipitazione o
prevenzione, era sicuro, non solamente d'essere risarcito, ma di fare
qualche fortuna. Non era per altro nè colto, nè sensibile in conto
alcuno al merito di un letterato o d'un artista. Sapeva il latino,
l'italiano, la legge e un po' di storia e nulla più; ma sapeva l'arte
di conoscere gli uomini.

(1759) Fu dato in successore al conte Cristiani nella carica di
ministro plenipotenziario nella Lombardia il conte Carlo di Firmian,
che giunse in Milano il 16 giugno del 1759. Figlio cadetto di una
famiglia nobile tirolese, egli avea passato la sua gioventù in
Roma come aspirante nella carriera prelatizia senza far fortuna.
Di carattere pusillanime e di scarsi talenti, amava più la
rappresentazione che gli affari, ed avea l'arte di coprire le qualità
che non possedeva colla compostezza, colle scarse e misurate parole,
e con un officioso sussiego. In altri tempi, quando i governatori
erano i despoti e i legislatori del paese, questa mediocrità poteva
nuocere; ma dacchè il conte di Kaunitz fu assunto al supremo ministero
della monarchia, le disposizioni legislative e di buon governo
procedevano dall'alto, e i ministri nelle provincie divennero semplici
referendarii ed esecutori; onde tutto il male che poteva farsi da essi
limitavasi a qualche sfavorevole relazione alla corte, e a qualche
abuso di minuta polizia, della quale erano lasciati arbitri. Durante
il ministero del conte di Firmian furono eseguite le più importanti
riforme; e in queste si fecero procedere di pari passo le materie
civili e le ecclesiastiche. Si fece sparire ciò che ancora rimaneva
delle immunità personali e reali del clero; si proibirono le carceri
private alle comunità religiose; fu abolito l'asilo sacro: istituzione
incompatibile coi nuovi tempi, e per lo più scandalosa nella pratica.
(1762-1768) Il Santo Ufficio dell'Inquisizione venne soppresso. Si
limitò la giurisdizione ecclesiastica e il diritto di acquistare alle
mani-morte, e si sottoposero le spedizioni di Roma alla cautela del
regio _exequatur_, senza il quale non potevano essere eseguite[317];
fu delegata una Giunta per le materie ecclesiastiche miste[318], cui
fu poscia sostituita una Giunta economale[319], con giurisdizione
privativa ed inappellabile; s'instituì in fine una Giunta subalterna
per la riforma dei luoghi pii e delle parrocchie[320]; e queste diverse
disposizioni, dopo l'esperienza di sei anni, furono dall'autorità
sovrana definitivamente stabilite e confermate[321].

(1769) Forse il caso e forse la precoce antiveggenza dell'imperatore
Giuseppe II a raffermare gli animi de' sudditi, fu cagione del primo
viaggio che fece quel sovrano in Italia. Partito da Vienna sul fine
di febbraio, sotto il nome di conte di Falkenstein, che conservò
sempre ne' viaggi successivi, trascorse senza fermarsi a Mantova e
Firenze, e fu diritto a Roma con piccolissimo séguito, dove dopo Carlo
V nissun altro cesare erasi mostrato. L'improvviso arrivo, la modestia
dell'accompagnamento, l'affabilità de' modi, il rifiuto d'ogni pomposa
onorificenza furono argomenti di generale sorpresa e meraviglia.
Giuseppe II, osservate le cose più insigni di Roma, e di Napoli,
visitate le nuove fortezze costruite sull'Alpi dal re di Sardegna, si
trattenne nel ritorno nella sua Lombardia nel 23 giugno al 15 luglio.
Egli vi si fece ammirare come amico dell'ordine e della giustizia,
desideroso del pubblico bene, nemico degli abusi, di un'attività
straordinaria, e singolarmente ricco di utili cognizioni. E poichè i
fatti parziali sono talvolta più istruttivi di un'intera storia, così
non è da tacersi che quel sovrano, il quale, appena ebbe dalla madre
nella prima gioventù il potere di ordinare tutto ciò chè concerneva
l'esercito, ad imitazione del sistema prussiano, volle introdotta la
coscrizione militare in tutti gli Stati austriaci, ad eccezione de'
Paesi Bassi, dell'Ungheria, del Tirolo e del Milanese[322]. Avendo,
nella visita de' monasteri fatta in Milano, osservato che le monache
non occupavansi se non di poco utili esercizi, mandò ad esse una gran
quantità di tela affinchè ne preparassero camicie per i soldati[323].
Una inclinazione guerriera, associata ad un istinto di beneficenza e di
novità, fu infatti il caratteristico di questo sovrano.

E le riforme proseguivano. Fino dal 1765 era stato creato un supremo
consiglio di economia: in questo dicastero, trasformato poscia in
magistrato politico camerale, sedettero successivamente gli uomini che
maggiormente onorarono il paese, Gian-Rinaldi Carli, Cesare Beccaria e
Pietro Verri. (1770) Si eresse un nuovo monte dei creditori camerali,
che, dal nome della sovrana, si disse di Santa Teresa, e in esso furono
trasportati i creditori del monte civico e del banco di Sant'Ambrogio,
salvo a quelli che non amassero il nuovo investimento di ritirare
fra un mese i loro capitali[324]. Si ordinò che nello stesso monte
fossero versate le somme di riscatto dei debiti di mani-morte, de'
quali era permessa la redenzione[325]; e vi furono pure inscritti a
credito de' possessori, coll'interesse del sei per cento, i capitali
rappresentanti i dazi, i pedaggi e le altre gabelle d'ogni sorta,
che nel corso di due secoli e mezzo erano stati venduti, e che furono
rivocati alla regia camera[326]. L'esame delle entrate e delle spese
delle diverse amministrazioni dello Stato e de' pubblici, che da prima
era generalmente avvolto nel mistero, confuso e arbitrario, fu ridotto
in un solo centro e ad un metodo uniforme coll'istituzione di una
camera de' conti[327]; e fu una prova del merito di essa, frammezzo a
tante mutazioni successive, la continuata sua sussistenza. Per fine
le pubbliche finanze, che nella sola vista di servire al bisogno
presente erano state, nel 1751, date in appalto ad una compagnia di
speculatori, i quali, da una condizione oscura, salirono poi a grandi
onori e ricchezze, furono per esse gradatamente richiamate allo Stato;
prima, nel 1766, coll'averle ridotte ad una Ferma mista, con un terzo
di utili e un rappresentante regio; e quindi, nel 1771, con una piena
emancipazione, che recò inoltre al regio erario centomille zecchini di
maggiore benefizio. (1771) Questo lucro servì all'appannaggio del reale
arciduca Ferdinando, che nell'anno stesso si stabilì in Milano, dove
il 16 ottobre contrasse, secondo le convenzioni, il matrimonio colla
principessa estense Maria Beatrice Riccarda, ed entrò nell'esercizio
della carica di governatore e capitano generale della Lombardia.
Nè perciò si restituì a' suoi dominii il vecchio duca di Modena che
lo avea fino allora rappresentato; ma alternando la sua dimora tra
Milano e la sua villeggiatura di Varese, morì in quest'ultima, di
ottantadue anni, il 22 febbraio del 1780. A questo tempo ebbe pure
effetto un'istituzione di grande e permanente utilità, il pio albergo
Trivulzio, aperto ai poveri de' due sessi che hanno oltrepassata l'età
di sessant'anni. Benchè questo stabilimento sia in origine dovuto
alla privata munificenza, fu esso dalla provvidenza sovrana assai
favoreggiato, sia coll'assenso prestato per i beni soggetti a vincolo
feudale e assegnatigli in dote, sia coll'unire a quello l'antico
ospitale de' vecchi e con altre proficue assistenze[328]. Si vide
allora una celebre donna dedicarsi spontaneamente in quell'albergo
alla soprintendenza del quartiere femminile, e poscia ella stessa
ricoverarvisi per essere più pronta a que' servigi. Fu dessa Maria
Gaetana Agnesi. Nata in Milano, di nobile famiglia, nel 1718, educata
alle lettere e nello studio delle matematiche dal dottissimo e modesto
Ramiro Rampinelli, avea di trent'anni pubblicate le sue _Istituzioni
analitiche_, che, neppure avvertite in patria, riscossero altissime
lodi dalle primarie società scientifiche dell'Europa. Visse poi il
restante della lunga sua vita nell'albergo Trivulzi, indifferente alla
dimenticanza de' suoi concittadini, dividendo ogni sua cura tra le
assunte opere di pietà e gli studi sacri, ai quali erasi intieramente
dedicata, finchè tardi venne la morte a raggiungerla nell'ottantesimo
primo anno della sua età.

(1773-1779) La presenza e l'attività del reale arciduca diedero moto
a provvedimenti più immediatamente utili al paese. Ne' sette anni
dal 1773 al 1779 si prepararono colla maggiore maturità i lavori,
che diedero poi all'Italia nella moneta milanese i più bei tipi e il
più ben calcolato sistema monetario che allora si conoscesse[329]. Si
instituì un magistrato generale degli studi, e l'università di Pavia fu
riorganizzata, ampliata, arricchita[330]; e salì poi ad altissima fama
pei sommi uomini che onorarono le sue cattedre, Tissot, Gian-Pietro
Frank, Mascheroni, Spallanzani, Volta. Milano, che fino dal 1766 area
avuta una specola astronomica, fondata sotto la direzione di Ruggiero
Boscovich, vide quella ampliata dopo la soppressione dei Gesuiti
nel 1773, data una nuova e più ampia consistenza alle loro scuole
col titolo di real Ginnasio, raccolta e aperta al pubblico con gran
dispendio nel loro collegio di Brera una copiosissima biblioteca, e
applicati i beni di essi alla pubblica istruzione. Le scuole Palatine,
nelle quali era stata eretta qualche anno addietro una cattedra[331] di
economia pubblica col titolo di Scienze Camerali (seconda in Italia,
dopo quella di Napoli, instituita da un privato filantropo), n'ebbero
un'altra per ammaestrare nell'esercizio dell'arte notarile[332];
all'instituzione della quale succedette il provvidissimo stabilimento
di un generale archivio per la custodia degli atti de' notari civili
di lutto il ducato[333]. Nel 1773 venne fondato presso le scuole di
Sant'Alessandro un museo di storia naturale e di mineralogia, e di là
a tre anni si vide eretta una _Società patriottica_ per i progressi
dell'agricoltura, delle arti e delle manifatture, con una dotazione
per i premii da distribuirsi annualmente, e l'assegno di un terreno
per gli esperimenti[334]: fondazione di gloriosa ricordanza per i
beneficii da essa recati al paese, e di cui è comune vergogna il
trascurato repristinamento, dacchè e Firenze e Torino e Verona hanno
restituito in fiore le loro società e accademie agrarie. Nello stesso
anno, 1776, dopo quasi tre secoli trascorsi in isterili progetti e in
infelici tentativi, fu resa perfetta la navigazione dall'Adda a Milano
coll'apertura del canale detto di _Paderno_, tagliato nel margine
del monte, per cui le navi dal bacino di Lecco scendono liberamente
nell'antico naviglio della Martesana. Le arti e le manifatture
ebbero più sorta d'incoraggiamenti con premii, con privilegi, con
sovvenzioni in danaro. E tra le belle arti l'architettura in ispecie
godette del più deciso favore. Era di già stato chiamato da Napoli
il migliore architetto che allora avesse l'Italia, Luigi Vanvitelli,
a dirigere gl'importanti ristauri che si fecero nel palazzo di
corte per l'arrivo del reale arciduca[335]. Si chiamò poscia il più
distinto de' suoi discepoli, Giuseppe Piermarini di Foligno, il quale
cogli esempi de' molti nobili lavori che eseguì nel corso di più di
vent'anni[336], potentemente in ciò sussidiato dagli abili professori
ed allievi della nuova accademia delle belle arti, restituì in onore
l'architettura tra noi, purgandola di quanto ancora le rimaneva degli
stupri Borromineschi, benchè nè l'uno nè gli altri fossero riusciti
ad elevarla alla maestà dei grandi modelli. Sono opere di Piermarini
la regia ducale corte, la real villa di Monza, il compimento del
palazzo di Brera, il monte di Santa Teresa, il nuovo gran teatro
costruito dove esisteva la collegiata della Scala, di cui ritenne il
nome, compito nel 1778, e l'altro della Canobbiana, aperto al pubblico
nell'anno seguente. I privati signori si volsero, com'è il solito,
a corteggiare il gusto di chi presiedeva al governo dello Stato,
imitandolo; onde si viddero più antichi palazzi ristaurati o rinnovati,
e tra questi meritano speciale menzione i due palazzi del principe e
del conte generale di Belgioioso, l'uno eretto circa i tempi di cui
parliamo, sotto la direzione di Piermarini, l'altro nel 1790 (salito
poi all'onore di real villa) dall'architetto Leopoldo Polack, di cui
bell'opera fu pure la facciata dell'insigne tempio di Rho, ch'era stata
lasciata imperfetta dal celebre Pellegrini.

Gli effetti di un tal regime illuminato e benefico erano rapidi e
progressivi. La popolazione accrescevasi; le moderate imposizioni,
e l'impiego della parte di esse eccedente le spese dello Stato,
in opere pubbliche di strade, canali, fabbriche di ogni sorta,
nell'arricchire le biblioteche, i musei, i gabinetti scientifici,
in sovvenzioni e premii a promovere l'agricoltura e le manifatture,
diffondevano l'istruzione, l'agiatezza e la prosperità in tutte le
classi: beati tempi, allora non conosciuti, nè apprezzati abbastanza,
non tanto per la naturale abitudine degli uomini di adattarsi al
bene con indifferenza, quanto per l'apatia propria dei Lombardi, e
che, per la forza di più secoli di pessimo governo, era divenuta in
essi una seconda natura. (1780) Tuttavia fu questa vinta dalla forza
de' benefizi; e i Milanesi, che avevano già dato prova di affettuosa
sensibilità verso la loro sovrana quando nel 1767 era stata posta dal
vaiuolo in grave pericolo della vita, accorrendo in folla ai tridui,
che allora celebraronsi in tutte le chiese, mostrarono un sincero
dolore all'inaspettato annunzio ch'essa avea cessato di vivere per
idropisia di petto il 29 novembre del 1780. Essa avea settantatre
anni, quaranta de' quali ne trascorse tra le cure del governo de' vasti
suoi dominii. Si mostrò costante e prudente, non meno nella contraria
che nella prospera fortuna. Economa per abito, sapeva all'opportunità
essere liberale. Fu zelante osservatrice della religione, e amante
della giustizia; ma diede un'importanza eccessiva alle minute pratiche
di quella, e si mostrò talora intollerante; dava pure facile orecchio
alle segrete delazioni, e con predilezione occupavasi de' piccoli
affari. Ebbe perciò alcuna volta a lagnarsi di essersi ingannata nelle
sue scelte, e che le sue intenzioni fossero state male intese o mal
eseguite. Con tutto ciò il regno di Maria Teresa è il secolo d'oro dei
popoli della casa d'Austria[337]. In essa si estinse l'illustre casa
d'Absburg, dopo però di essersi quasi propaginata e già riprodotta in
quella di Lorena, ora regnante. Il conte Gherardo d'Arco, Paolo Frisi
e monsignor Turchi ne scrissero l'elogio, e ognuno di questi dotti
uomini vi si mostrò quale doveva essere, colto e giudizioso patrizio,
scrittore filosofo, frate panegirista.

L'indole del successore, l'augusto Giuseppe II, inclinato fervidamente
a beneficare i suoi sudditi, temperò il danno della fatal perdita; se
non che l'impeto e la precipitazione con cui soleva operare, resero
spesso spiacevole, e talvolta agli occhi del volgo travisarono il
beneficio. Con non lunghi intervalli si susseguirono tre altre morti,
che per la Lombardia furono memorabili. (1782) La prima è quella del
ministro plenipotenziario conte di Firmian, avvenuta il 20 giugno
del 1782. Alcuna cosa già si disse del di lui carattere, al che poco
rimane ad aggiungere. La sua autorità, che ne' primi dieci anni fu
sufficientemente estesa in molti oggetti di minuto dettaglio, si
attenuò dopo la venuta del reale arciduca. La di lui bontà permise che
alcuni suoi scrivani favoriti abusassero della sua confidenza. Coloro
che confondono la bibliomania coll'amore delle lettere, il tennero e
il dissero un mecenate. I Milanesi lo compiansero. Fu sostituito al
conte di Firmian il conte di Vilzek, personaggio mediocre al pari di
quello, e che lasciò fama di non aver fatto nè bene nè male. (1783) Nel
seguente anno morì pure il cardinale arcivescovo Giuseppe Pozzobonetti,
dopo di avere presieduto alla chiesa milanese per il lungo corso di
anni quaranta: prelato saggio, attento e unicamente occupato del sacro
suo ministero. Il 1.º settembre dell'anno medesimo gli fu dato in
successore monsignore Filippo Visconti, in di cui lode basterà il dire
che ne' tempi burrascosi successivi al 1796 egli si meritò di essere
pubblicamente difeso da un vecchio filosofo, il conte Pietro Verri,
contro le forsennate invettive de' demagoghi rivoluzionarii. (1784) Non
molto dopo morì l'insigne letterato e matematico Paolo Frisi, che non
potendo soffrire gl'incomodi di una fistola dolorosa, si sottopose ad
un'operazione che in brevissimi giorni, in ancor fresca età, il trasse
al sepolcro. Il poc'anzi citato conte Verri, di lui amico, supplì alla
solita noncuranza della città onorata dalla nascita e dagli studii di
quell'uomo illustre, tessendo di lui un nobile elogio, ed ergendogli un
modesto monumento in Sant'Alessandro, chiesa de' Barnabiti, alla di cui
congregazione aveva il defunto appartenuto per qualche tempo.

Fece Giuseppe II due nuovi viaggi in Italia, l'uno in quest'anno,
l'altro nel successivo. Nel primo corse fino a Roma, dove ricusò il
ricambio di onorificenze che il papa voleva prestargli per quelle
a lui usate in Vienna due anni addietro. Conchiuse però con esso un
concordato, col quale fu conceduta ai duchi di Milano la nomina ai
vescovati e ai beneficii della Lombardia austriaca, che prima spettava
alla Santa Sede[338]. Stipulò pure colla Toscana, il 4 dicembre,
a favore della Lombardia stessa, un trattato per le reciproche
successioni de' sudditi nei due Stati[339], del pari che erasi
precedentemente stabilito colla Francia e la Prussia[340], col governo
Sardo[341] e colla repubblica di Venezia[342]. (1785) Egli si trattenne
in Milano dal 19 febbraio al 9 marzo. L'ultimo viaggio fu limitato alla
Lombardia, con una permanenza di soli sette giorni: la più lunga fu
quella del primo viaggio nel 1769, che ne durò ventuno. In quest'anno
vendette l'imperatore al papa i possedimenti della Mesola nel Ferrarese
per novecentomila scudi[343]; e il re e la regina di Napoli, visitando
per piacere l'Italia, si trattennero in Milano dal 1.º settembre al
23 luglio, festeggiati con sontuosa magnificenza. Prima di partire
da Vienna per il suo secondo viaggio, lasciò Giuseppe II ai capi dei
dicasteri aulici la legge de' suoi voleri, che, tradotti dal tedesco,
circolarono allora per l'Italia. Appare in essi ad ogni passo il suo
amore per l'ordine, per il buon servigio e per il pubblico bene; e,
nella certezza di farne un gradito dono ai lettori, si riportano in
fine di quest'ultimo capitolo (pag. 285).

L'imperatore in que' viaggi raccoglieva e maturava gli elementi per
compire le sue riforme. Intanto le parti di esse ch'erano già in
corso presso il ministero, andavansi successivamente pubblicando e
mettendo in esecuzione. Erano queste d'ogni specie, scientifiche ed
economiche, di beneficenza e di polizia, civili e religiose, e si
estendevano dai minimi ai massimi argomenti. A rendere più comune
l'arte di frenare e regolar le acque, che in ispecie devastavano
frequentemente il mantovano, fu eretta una cattedra d'idrostatica ed
idraulica[344]. Perchè i piccoli commercianti di seta non fossero più
posti nella necessità di vendite precipitose, s'instituì un Monte o
Depositorio delle sete, da cui, mediante un tenue pro, potevano avere
in prestito quasi l'intiero loro capitale per alimentare le successive
speculazioni[345]. Fu proclamata la tolleranza dell'esercizio
delle diverse religioni separate dalla Chiesa romana[346]. Si
proibì di ricorrere a Roma per le dispense agl'impedimenti canonici
de' matrimoni; indi fu stabilita su quest'oggetto una speciale
legislazione[347]. Si tolse pure alla corte di Roma la collazione de'
benefici, restituendola ai vescovi diocesani per quelli in cura d'anime
o portanti dignità capitolare, e attribuendo quella de' semplici al
governo; e tutti per concorso[348]. E di tolleranza, e di matrimoni,
e di benefizi, e di ricorsi a Roma si trattò di nuovo in successivi
ordini, chiarendo, modificando, confermando[349]. Anche l'università di
Pavia ebbe confermati ed ampliati i suoi regolamenti[350]. E i monti
di Pietà che esistevano per antica istituzione in varie parti dello
Stato, e in particolare quello di Milano, furono riorganizzati, estesi
e muniti di provvide norme[351].

(1786) Il torrente delle innovazioni proruppe nel 1786. Tutti gli
ordini civili furono sconvolti e obbligati a subire una nuova forma.
Il magistrato politico camerale, la commissione ecclesiastica, il
tribunale araldico, quello della Sanità, la Commissaria generale e la
Congregazione dello Stato vennero soppressi, e le loro attribuzioni
concentrate in un consiglio di governo; conservarono soltanto una
separata esistenza la Camera de' conti, l'intendenza generale delle
finanze e una congregazione di Patrimonio per ciascuna città[352].
S'istituirono otto intendenze politiche in altrettante province, nelle
quali fu diviso il paese[353]; e si eresse in Milano un nuovo ufficio
generale di polizia, conforme a quello stabilito nella Germania, donde
fu mandato un buon numero di soldati invalidi per fare le funzioni
di guardie, che con denominazione francese chiamaronsi di _police_, e
procedevano armati di bastone[354]. Nuova forma, nuovo metodo, nuovi
vocaboli ebbero i tribunali giudiziari. Il senato fu soppresso. Questo
corpo rispettabile per la ruggine dell'età, e che aveva introdotto
il dispotismo nel santuario della giustizia, vantandosi di giudicare
_tamquam Deus_, si estinse dopo ducentottantacinque anni di esistenza,
senz'aver lasciato memoria di un solo beneficio recato allo Stato. Si
crearono più giudici o tribunali di prima istanza, uno d'appellazione
ed un supremo di revisione per i casi che le due precedenti sentenze
fossero discordanti; le cause di commercio e di cambio ebbero ne'
tribunali mercantili una prima istanza separata[355]. Un regolamento
giudiziario civile stabilì le norme per la procedura, e queste per
la chiarezza dell'ordine, per l'esclusione d'ogni arbitrio, per la
sobria tutela prestata ai litiganti meritarono gli encomii de' saggi
giureconsulti. Di un conio meno felice fa il codice criminale. Mentre
questo proscrisse quasi la pena di morte, riservandola ai soli delitti
di ribellione[356], surrogò ad essa una lenta morte con durissimi
supplici, esercitata nei segreti degli ergastoli, e perciò senza
pubblico esempio[357]. Dopo di avere stabilito la giusta massima che
la pena non può colpire che l'autore del delitto, così che «il castigo
e il supplizio stesso del malfattore non debbano recar danno alla
moglie, ai figli, ai parenti, agli eredi[358]», ordina pei delitti
di lesa maestà e di ribellione la confisca de' beni, «senza riguardo
alcuno che vi siano figli[359]». Si aggiunsero come inasprimenti di
pena la marca infame della forca da imprimersi con un bollo a fuoco
sulle guance o ne' fianchi[360], un più rigoroso digiuno, e bastonate
e nervate e vergate, delle quali e della loro ripetizione è lasciato
arbitro il giudice colla sola riserva di non oltrepassare i cento colpi
per volta[361]. Il qual malaugurato esercizio del bastone s'incontra ad
ogni passo in quel codice criminale, e figura non meno distintamente
nel codice de' delitti politici, che a quello succede; onde, dopo di
avere con filosofica idea dichiarato doversi i bestemmiatori trattare
come frenetici, imprigionandoli nello spedale de' pazzi[362], vuole
che alle pene della prigionia più o meno dura e del lavoro pubblico,
decretate contro gli sprezzatori della religione, gli scandalosi, i
rei di delitti venerei, i banditi disubbedienti, sia sempre aggiunta
l'altra delle bastonate[363]. Un inasprimento di pena non accennato nel
codice, e che sarà stato ordinato da posteriori istruzioni, ricordomi
di aver veduto in Milano nella mia prima gioventù, nell'essere condotti
i rei a ricevere in pubblico l'impressione della marca infame, distesi
sopra un graticcio, e strascinato da un cavallo al luogo del supplizio.

(1786-1789). Le cose ecclesiastiche, argomento favorito in allora del
ministero austriaco e prediletto dall'imperatore, furono in quell'anno
soggetto di tanti ordini, editti, regolamenti, che sembrava che, dopo
il molto ch'erasi già operato da venticinque anni in poi, nulla ancora
si fosse fatto. Fino dal 1782 erasi dato mano a sopprimere i conventi
e monasteri, specialmente i più ricchi, come Certosini, Cisterciensi,
Olivetani e simili. Fattesi ora le soppressioni più numerose, s'intimò
un'egual sorte alle monache, quando non si prestassero a rendersi
utili nell'educazione femminile[364]; e talmente prevalse l'abitudine
al tedio dell'ozio claustrale, che il più gran numero preferì
di essere soppresso, rendendosi generalmente oggetti di ludibrio
per l'imperizia de' costumi sociali, e a molti di compassione. Si
espulsero i seminaristi elvetici dal loro collegio, e vi s'installò
il consiglio di governo. Fu stabilito un nuovo compartimento delle
parrocchie; si determinò lo stipendio de' parrochi, e sulle rendite
de' regolari soppressi fu supplito alle mancanti congrue; si vietò
l'ordinazione de' cherici quando non avessero fatto il corso de' loro
studi nel seminario generale eretto in Pavia; tutti i consorsi, che
vari e sotto diversi nomi esistevano presso le chiese, furono aboliti,
salve le confraternite delta carità o della dottrina cristiana,
che si dissero poi del Santissimo[365]. Una legge sontuaria fa
emanata pe' funerali[366]; la tumulazione nelle chiese, già dapprima
abrogata[367], fu di nuovo proibita severamente, sostituendovi i
cimiteri da erigersi fuori dell'abitato[368]. Il numero de' giorni
festivi fu ridotto; limitate le funzioni sacre e le processioni,
vietate le novene, le ottave, i tridui; fissato il tempo di suonare le
campane, e l'orario per tener aperte le chiese[369]. Queste minuzie,
bensì opportune, ma disdicenti alla maestà del sovrano, spiacquero
al volgo più che le grandi riforme, sparsero di ridicolo i di lui
regolamenti, e giustificarono il frizzo di Federico II, re di Prussia,
che usava chiamarlo: _mio fratello il sagrista_. Provvedimenti che
più generalmente ottennero la pubblica soddisfazione, furano la
sistemazione de' dazi e l'erezione delle scuole normali. La prima,
contro il solito, procedette per gradi, e non fu fissata che dopo
lunghi e maturi esami; durò quindi più che ogni altra. Si fece
precedere l'abolizione dei dazi intermedi tra i territorii dell'una
e dell'altra città; si soppressero varie minute gabelle locali, di
sostratico, di pascolo, sui quadrupedi, detta della dogana viva,
su molti prodotti indigeni, sulle manifatture, sui pellami, sulle
telerie, sul sapone, sui nastri e perfino sugli zolfanelli[370]. Fu
quindi pubblicata una nuova tariffa daziaria, con lo stabilimento di un
dazio unico e la libertà dell'interna circolazione delle merci[371].
L'istruzione elementare erasi in addietro abbandonata alla tirannia
de' pedanti, si volle rendere ragionevole, più generale ed uniforme;
il che si ottenne colle scuole normali, benchè abbiasi voluto fare una
distinzione tra il povero e il facoltoso, prescrivendo per quest'ultimo
l'obbligo di un meschino annuo pagamento[372], abrogato poscia nel
1791. Non furono trascurati l'ornato e la decenza della città, e ciò
che spetta alla polizia amministrativa. Le case furono numerizzate,
le lampade dell'illuminazione poste per le strade, formato un
giardino pubblico dove prima era il ritiro delle Celestine. La libera
circolazione ed esportazione de' grani fu proclamata e regolata[373].
Non meno le farmacie, che l'esercizio della medicina e della chirurgia
ebbero una nuova sistemazione[374]. Con saggio intendimento fu
deciso di togliere la mendicità questuante, ma non si provvide a
sufficienza per renderla operosa. Perciò i cittadini con compassione
ed isbigottimento videro gli agenti della _police_ dare la caccia ai
pitocchi per le strade e strascinarli in carcere; ma per risparmiare
il pane che consumavano, rilasciavansi in breve con giuramento di non
più mendicare; quindi, con quasi ridicola vicenda, imprigionavansi di
nuovo per aver contravvenuto al giuramento, costretti dalla necessità.
Prima di dar mano a tante mutazioni, e frattanto che si eseguivano le
più clamorose, si trovò conveniente che il reale arciduca governatore
partisse per un viaggio. Egli lasciò la sua residenza il 29 dicembre
1785; andò da Genova a Nizza, dove passò l'inverno, poi dopo un viaggio
in Francia, Inghilterra e Germania, ritornò in Milano la sera del
16 dicembre dell'anno successivo. La popolazione, riguardando la sua
assenza come una disapprovazione delle fatte novità, gli andò incontro
con immenso concorso.

Questo generale sconvolgimento, e ricostituzione degli ordini di uno
Stato, non operatasi nella sola austriaca Lombardia; anzi non fu che
l'applicazione ad essa di quanto erasi già posto in pratica nella
Germania. I motu-propri, gli editti, le istruzioni, i regolamenti, i
decreti furono colà del pari così varii e moltiplicati, che colla loro
unione si formò una raccolta assai voluminosa[375]. Nè queste altresì
erano le sole cure che occupavano l'ardente, inquieto e risoluto
animo del sovrano. Nel breve e tumultuario suo regno di dieci anni,
egli impegnò gravi discussioni coll'Olanda per la libera navigazione
della Schelda; assistette nell'acquisto importantissimo della Crimea
l'imperatrice delle Russie, che male il rimeritò; drizzò le più
diligenti macchine politiche ad impossessarsi della Baviera in cambio
de' suoi Paesi Bassi, e ne rimase deluso per l'astuzia e l'opposizione
del vecchio re di Prussia; e mentre già trovavasi in gravi imbarazzi
per la ribellione dei Fiamminghi, la brama di partecipare colla Russia
allo smembramento della Turchia l'impegnò improvvidamente in una guerra
disastrosa e disgraziata che divorò uomini e tesori, per i cui danni
inestimabili non ebbe specie di compenso, e nel corso della quale
l'onore dell'armi fu appena salvato dalla vittoria sociale di Rimnick,
e dalla presa di Belgrado, seguita il 9 ottobre 1789. Fu questa una
scarsa consolazione all'animo afflitto e abbattuto dell'imperatore per
l'offeso amor proprio, per la delusa ambizione, per le perturbazioni
e disobbedienze interne, essendo esausti e malcontenti i popoli, più
provincie rovinate dalla guerra, e voto l'erario. (1790) I disagi del
corpo nei campeggiamenti militari, ai quali infaustamente ha voluto
prender parte nella guerra turchesca, la soverchia applicazione
agli affari, e le angustie e le afflizioni morali aveano logorato la
robustezza del suo fisico temperamento, e lo ridussero a morire di
consunzione il 20 febbraio del 1790, essendo appena giunto all'età
d'anni quarantanove. Sembra che Giuseppe II avrebbe dovuto essere fra
i sovrani il più facile ad essere giudicato, perchè fece più fatti;
pure fu quello su cui i giudizi rimasero più divisi, perchè le sue
opere erano talvolta fra sè contraddicenti, e perchè le passioni, una
religione male intesa, e gli offesi interessi presero parte a que'
giudizi. Tutti si accordano nell'attribuirgli un carattere dispotico,
inflessibile, irrequieto, novatore. Era economo e temperante, avea
modi disinvolti e famigliari, e discorsi insinuanti. In generale le
sue intenzioni furono migliori che i fatti, e questi migliori dei
modi usati nell'eseguirli. Chi disse ch'egli avea voluto procurare
la felicità dei sudditi a colpi di bastone, disse il vero con acerbe
parole. Uno de' primi suoi atti fu, nel 1780, l'abolizione della
servitù feudale ne' suoi Stati della Germania. Fece costruire a grandi
spese strade e canali, incoraggì il commercio e le manifatture, e rese
aperte e libere le comunicazioni tra le provincie. Protesse, senza
ostentarlo, le lettere e le scienze in tutti i suoi Stati, instituì
cattedre, scuole, biblioteche, o accrebbe le esistenti; promosse
la libertà della stampa e la pubblica istruzione; e, per una delle
sue abituali contraddizioni, proibì ad ognuno dei suoi sudditi il
visitare paesi esteri prima di aver compito i ventisette anni[376]. Non
ostante la sua filantropia, le sue massime diplomatiche si trovarono
al livello di quelle de' gabinetti di Berlino e di Pietroburgo.
Ebbe pure rimprovero di simulazione e di doppiezza, non meno nelle
relazioni cogli esteri che coi propri sudditi[377]. Il molto bene che
fece e le sue utili riforme, benchè duramente eseguite, male accolte,
contrastate, e in parte rivocate, furono un seme che fruttificò
largamente, e un frutto certissimo e indistruggibile sarà quello per
cui la magia e la tirannia delle opinioni vennero dissipate per sempre.
Più amara fu la ricompensa raccolta dall'autore di tanti cangiamenti,
mentre n'ebbe dispiaceri infiniti, e prima di morire vidde ne' varii
suoi dominii disdegnate le sue riforme, generale il malcontento per i
danni di una guerra sconsigliatamente intrapresa e peggio condotta,
e, sordo, ma sensibile, fra i sudditi un fermento, che esprimeva il
bisogno di cangiar sorte.

Restituire la calma fra i popoli, metter fine alla guerra e ad ogni
spesa straordinaria, ristaurare le fonti della rendita, furono le
prime cure di Leopoldo II, giunto a Vienna il 12 marzo. Dopo di aver
formato nel lungo governo di venticinque anni la felicità della
Toscana, egli recava sul trono austriaco la più bella riputazione
di un sovrano filosofo e filantropo, ed ebbe in questa il miglior
mediatore per riuscire nel suo intento. Eletto il 30 settembre
all'Impero, ricevette il 15 novembre la corona d'Ungheria, e partì da
Buda pienamente riconciliato con quella generosa nazione. Ristabilì
come potè e gli parve la sua autorità nelle province belgiche; e
nell'estate seguente fermò la pace co' Turchi, con restituir loro
Belgrado e le altre conquiste. In questa sistematica riconciliazione
del sovrano co' suoi sudditi la Lombardia non fu trascurata. I corpi
civici furono invitati ad esporre in iscritto le loro rimostranze, e
queste furono recate a Vienna dai deputati loro, colà espressamente
chiamati[378]. (1791) Nè tardarono ad essere conosciute le sovrane
risoluzioni[379]. La congregazione dello Stato di Milano, abolita nel
1786, venne repristinata. Si confermarono le prerogative ai corpi
civici. L'amministrazione de' luoghi pii fu restituita ai capitoli
e alle congregazioni, conservato in Milano il corpo elemosiniere.
Soppresse le intendenze politiche provinciali, ne furono delegate
le incombenze ai pretori; così la polizia di Milano passò nelle
attribuzioni del capitano di giustizia. Fu modificato il regolamento
per le scuole normali, e queste rese gratuite indistintamente[380]. A
tali provvidenze seguì dappresso una nuova sistemazione del governo,
coll'erezione di una conferenza governativa e la repristinazione del
magistrato politico camerale, cui furono aggregate le attribuzioni
del soppresso consiglio[381]. Anche i Mantovani furono rimandati
contenti, coll'essersi separata l'amministrazione della loro provincia
da quella del Milanese, alla quale era stata aggregata sei anni avanti,
colla sola dipendenza dal governo generale della Lombardia[382]. Ho
creduto di dover esporre con un preciso dettaglio la storia sommaria
della legislazione austriaca in questo paese, incominciando dal
regno di Maria Teresa, per più ragioni. Primieramente perchè finora
questo lavoro non era stato fatto; inoltre perchè corre di quella una
confusa celebrità, mentre i contemporanei in generale, per la rapida
successione, e l'affastellamento delle cose, se ne formarono un'idea
poco diversa da quella del caos; e finalmente perchè, oltre qualche
nascita o morte di persone illustri, e qualche caso o istituzione
patria, le fasi e i fatti dell'amministrazione interna sono i soli
elementi per la storia di uno Stato di provincia. Chè se quelli tra i
miei lettori, non avvezzi a siffatte discussioni, a questa parte della
mia narrazione si saranno annoiati, io confesso con verità che ben più
di essi mi sono annoiato scrivendola.

In quest'anno, per la morte della principessa Maria Teresa Cibo
Malaspina, vedova del duca di Modena Francesco III e signora del ducato
di Massa e Carrara, la di lei figlia Maria Beatrice, consorte del
reale arciduca Ferdinando, le succedette in que' dominii. Nel mese di
aprile venne l'imperatore in Italia, accompagnando a Firenze il suo
secondogenito Ferdinando, nuovo gran duca di Toscana. Passò da Venezia,
dove ritrovossi col re e colla regina di Napoli; nel ritorno dalla
Toscana visitò Mantova, indi Cremona, Lodi, Pavia, e il 28 maggio entrò
in Milano. Ammise primo all'udienza l'arcivescovo, quindi il ministro
plenipotenziario, poi il comandante delle armi; in séguito tutti ad
un tratto i consiglieri, e finalmente in corpo i ciambellani. La vita
che menò in Milano era uniforme. Alla mattina visitava i pubblici
stabilimenti, poscia ammetteva chiunque all'udienza. Nell'anticamera
vi era tutta la cortesia, e il primo venuto era il primo introdotto,
col solo riguardo che le donne precedevano. La sera poche volte fu in
teatro, e fu veduto a piedi girare per le strade della città colla sola
compagnia di due arciduchi suoi figli, che seco avea condotti. Questo
principe non amava di accostarsi nè i magnati, nè i militari, nè i
prelati, nè alcuna persona che si desse per importante; e preferiva
di ammettere alla famigliarità persone che non avessero pretensione
alcuna. Era co' suoi figli affettuoso senza sovranità, ed essi lo
trattavano come un amico. Visitò minutamente le carceri, ma non fece
liberare alcuno. Parve che le opinioni teologiche e le teorie criminali
fossero le due cose che sopra le altre lo interessassero. Si trattenne
in Milano fino alla sera del 28 giugno. Partendo lasciò il popolo a sè
affezionato, ed ha potuto conoscerlo dalla folla accorsa alla partenza,
e dalle voci che mostravano desiderio della sua felicità e brama del
suo ritorno.

Nè egli, nè il popolo sapevano che salutavansi per l'ultima volta. Non
era per anco tornato a Vienna che s'avvide della mala riuscita delle
pratiche da lui mosse per frenare il torrente della rivoluzione di
Francia a difesa di sua sorella e di un cognato che sedevano su quel
trono[383], e d'essersi tirato addosso la guerra che voleva evitare.
(1792) Essendo in quest'angosciosa agitazione d'animo, egli esalò in
Vienna il 1.º di marzo l'ultimo fiato, in tre soli giorni di malattia,
dopo due anni del nuovo regno, e circa quarantacinque di età. Chi
il disse morto di malattia di petto, chi di dissenteria; e come è
costume del volgo nel giudicare delle morti precipitose dei grandi,
non mancò chi pretese di attribuirla ad una causa straordinaria[384].
Egli lasciò i popoli più tranquilli, ma angustiati dalle esigenze dei
preparativi guerreschi, e agitati per la prospettiva di un procelloso
e sinistro avvenire. E non s'ingannarono; mentre l'eredità che da lui
conseguirono il successore e i sudditi furono ventidue anni di guerre
distruggitrici e di calamità senza fine e senza esempio. Fu principe
di carattere pacifico, affabile, amante dell'ordine e dell'economia.
Col suo fratello e antecessore ebbe comune il rimprovero di essere
stato troppo amico delle novazioni e troppo minuzioso ne' regolamenti,
come la lode di avere fondato tra i popoli un migliore governo. Più
del fratello rispettò la pubblica opinione, e non meno fermo di lui,
si mostrò più avveduto e più prudente. La stima che lasciò di sè come
imperatore, fu inferiore a quella che aveasi acquistato come gran
duca. A giustificare questa differenza possono allegarsi più cause:
la brevità del nuovo regno, la confusione e gli imbarazzi in cui l'ha
trovato, la somma difficoltà de' tempi, che preludevano al più grande
sconvolgimento politico, e alla successiva più grande catastrofe che
abbia mai veduto il mondo; ma quando si osservi che ne' fatti pubblici
di que' due anni (che pure molti ne operò) non fece mostra Leopoldo di
alcun lampo di quel genio che sfavillò di sì bella luce nella Toscana,
sembra potersi accostare di più alla verità, dicendo che il nuovo
teatro delle sue azioni fu per esso troppo vasto; e avvenne di lui
ciò che sarebbe accaduto nel regno delle belle arti a Giulio Clovio,
miniatore eccellentissimo, se la sorte lo avesse costretto ad eseguire
le gigantesche imprese di Michelangelo.


  FINE DELLA STORIA.


_Disposizione di S. M. I. A. l'imperatore Giuseppe II ai capi de'
dipartimenti, sul modo di trattare gli affari pubblici, data in
dicembre 1783, prima della sua partenza per l'Italia._

Sono già tre anni dacchè ho assunto il governo della monarchia, e in
questi con non poca fatica, sollecitudine e pazienza ho esposto i miei
principii e le mie intenzioni; nè mi sono accontentato di ordinare agli
altri, ma ho lavorato io stesso per scoprire e bandire i pregiudizi
derivati da inveterate consuetudini. Quindi ho cercato d'insinuare a
tutti l'amore che nutro per il bene generale dello Stato.

Ho dato a tutti i capi dei dipartimenti la mia confidenza, e tutta
l'autorità sopra i loro subalterni, come pure la scelta dei medesimi.
Ho però sempre ricevute le rappresentanze e sentita la verità, che
mi è sempre cara, non solo dai presidenti, ma anche dagli altri; e
a quest'oggetto sono sempre stato pronto a sentire i loro rapporti e
dilucidare i loro dubbi.

Ma oltre di ciò, trovo di mio dovere, per quel vero zelo che in
tutte le operazioni ho consacrato al bene dello Stato, di seriamente
promuovere l'adempimento di quelle massime e di quegli ordini che
non senza mio dolore veggo ancora tanto negletti; dal che ne derivò
la necessità di emanare tanti replicati comandi: perchè i capi de'
dipartimenti eseguiscono così meccanicamente e servilmente le loro
incombenze, che, ben lontani di aver di mira il bene dello Stato
e di farlo intendere a chi conviene, altro non fanno che quel puro
necessario, che appena basta per non essere processati e deposti dai
loro impieghi.

Perciò, chiunque brama continuare nel mio servigio nei dicasteri
aulici ed in provincia, come presidente, vice-presidente, cancelliere,
consigliere, capitano circolare, intendente, ec., tanto nell'economico,
come nel civile o militare, dovrà esattamente uniformarsi ai seguenti
miei ordini:

1.º Ciascuno d'ora innanzi, giusta il confidatogli dipartimento,
dovrà rilevare nei registri tutte le sovrane Normali e Risoluzioni,
raccoglierle e leggerle con quello studio e con quella attenzione che
basti per impossessarsi del vero e legittimo loro senso e degli oggetti
a cui tendono.

2.º L'esperienza ha già pur troppo provato che non pochi, invece di
cercare nelle sovrane Risoluzioni il sostanziale e di penetrarne
il vero senso, spiegarlo secondo le massime generali d'equità e
sollecitarne l'eseguimento, la prendono in senso opposto, senza
domandarne le opportune spiegazioni, e renderne intese le persone che
vi potrebbero contribuire; anzi per lo contrario a queste si rilascino
istruzioni senza principio, oscure ed inseguibili, non considerando
che il sovrano co' suoi ordini palesa semplicemente le sue massime
e i suoi sentimenti, e che i dicasteri aulici e provinciali sono
espressamente costituiti per meglio spiegare i due voleri, e mettere in
pratica tutti quei mezzi che tendono al loro più sollecito ed accurato
adempimento. Se a questa indolenza non si ponesse riparo, sarebbe non
solamente inutile ma anche assai dannoso all'economia dello Stato il
mantenere tanti dicasteri aulici e provinciali, e tanti subalterni a
sì gravi spese, non per altro che per produrre maggiori confusioni,
ed arrestare piuttosto che promuovere l'amministrazione degli affari.
Se dunque i tribunali si tengono alla sola esecuzione materiale, se
non agiscono e non accudiscono meglio alle loro funzioni, sarebbe
espediente di congedarli, e così risparmiare dei milioni per diminuire
le contribuzioni dei sudditi, nel qual caso senza tanti impiegati
le relazioni potrebbero essere direttamente rimesse alla corte dai
governatori e capitani circolari: quindi, stampati gli ordini sovrani,
decidere degl'interessi de' particolari con maggior vantaggio del
sistema presente; in forza del quale, dopo una lunga circuizione,
ben sovente comparisce un'insipida ed insignificante relazione
di un capitano circolare, e questa tal quale viene, dall'aulico
dipartimento si rassegna alla corte, senza alcun dettaglio e senza
istruzione o spiegazione. Dal medesimo se ne spediscono in provincia
le Risoluzioni, cosicchè tutto questo giro ad altro non serve che
a perder tempo, e a salariare una truppa di persone per minutare,
rivedere, copiare e finalmente soscrivere le carte. Ma se, come spero e
seriamente voglio, in avvenire tutti questi individui salariati dalla
corte si applicheranno con tutte le loro forze allo studio del loro
ufficio, all'eseguimento degli ordini ed allo schiarimento delle loro
commissioni, allora il loro numero e il loro soldo sarà opera della
sovrana paterna cura, dalla quale ogni individuo della monarchia ne
ritrarrà il suo utile e vantaggio.

3.º Da ciò ne segue che ciascun impiegato deve avere un tale
interessamento e premura negli affari del suo ufficio, che non deve
misurare il suo lavoro a ore, giornate o pagine, ma deve impiegare
tutte le sue forze nell'eseguire le sue incombenze come si deve, e
come esige il suo giuramento. E quando non avrà incombenze pressanti,
allora prenderà quel respiro che le circostanze permetteranno, ma che
qualunque sia, gli sarà tanto più dolce qualora sia certo d'aver fatto
il suo dovere. Chi non avrà premura per il servizio della patria e de'
suoi concittadini, chi non ne procurerà il bene con particolar zelo,
questi non è fatto per gl'impieghi pubblici, e non è degno di portare
que' titoli onorifici, nè di percepire assegnamenti.

4.º L'interesse proprio è la rovina degli affari ed il delitto più
imperdonabile in chi serve lo Stato. Oltre all'avidità del denaro, vi
sono anche degli altri riflessi che inducono gl'impiegati a tacere o
palliare la verità, a negligentare i proprii doveri, a procrastinare
gli affari e ritardare il vero bene. Chiunque è reo di tale delitto,
è un soggetto pericoloso nel servizio dello Stato; siccome lo è pure
quegli che lo vede il disordine e non lo palesa, e va col reo di
concerto per motivi d'interesse e di connivenza. Un presidente che
tollera tali mancamenti in un subalterno, è un perfido che non merita
alcun riguardo e misericordia; un subalterno che non denunzia un suo
superiore mancante in ufficio, tradisce il sovrano e la patria.

5.º Chi serve allo Stato non deve occuparsi in oggetti estranei alla
sua carica, in affari personali, in divertimenti che lo distolgano
dal suo ufficio principale: quindi non deve puntigliarsi in contese
d'autorità, in etichette di cerimoniali o preminenza di rango. Chi
opera meglio per ottenere il fine primario, chi è il più zelante, chi
sa conservare il miglior ordine tra i suoi subalterni, quegli è il più
distinto ed il più rispettabile. Deve ad ogni uomo saggio importar poco
se un altro impiegato tratti con lui degli affari piuttosto con l'una
o con l'altra delle diverse formalità che si usano nelle cancellerie,
se si presenti in abito di cerimonia o di confidenza de' subalterni,
essere paziente e indulgente coi deboli e cagionevoli; e siccome non ha
da sorpassare come bagattelle le cose sostanziali, così non deve far
caso di tutte le minuzie, ma aver di mira l'essenziale in tutti gli
affari. Allora insomma sarà degno di presiedere ad un dipartimento,
quando saprà presiedere a tutti i subalterni che ne formano i diversi
rami.

6.º Siccome è dovere d'ognuno di dare sicure relazioni, e giudicare
di tutti i fatti giusta le massime fondamentali, con dire francamente
il suo parere, così è pur dovere di ministro dello Stato ch'egli pensi
ad abolire gli abusi che impediscono il vero adempimento degli ordini,
a scoprire i trasgressori e finalmente a tutto quello ch'è di maggior
vantaggio dei suoi concittadini, al servizio dei quali noi siamo tutti
destinati. Esige il buon ordine che il subalterno possa produrre il
suo parere al suo superiore, il quale deve convenirlo e correggerlo
da padre, se s'inganna; ma se trova che il parere del subalterno sia
bene appoggiato, deve approfittarne. Ogni presidente sarebbe degno di
punizione se si portasse altrimenti, o rigettasse per amor proprio o
per capriccio le utili riflessioni de' suoi subalterni, senza far loro
giustizia.

7.º Il dovere d'ogni presidente è ch'egli noti tutto l'inutile e
superfluo e ne proponga l'abolizione, siccome pure è dovere del
subalterno di proporre al suo capo le cose che imbarazzano gli affari,
gli allontanano dallo scopo primario, e cagionano scritture inutili
con perdita di tempo; affinchè si levino tali impedimenti e non siano
inutilmente impiegate le mani di quelli che hanno bisogno del tempo per
pensare ad oggetti di maggior importanza.

8.º Siccome il bene non può essere che un solo, cioè quello che forma
la felicità generale; siccome tutte le provincie della monarchia
formano un solo tutto e collimano ad un sol fine, così debbono cessare
fra le provincie, le nazioni e i dipartimenti tutte le gelosie e tutti
i pregiudizii, che hanno cagionato tante inutili scritture. Deve essere
una massima fissa, che il corpo civile è come il naturale, in cui ogni
parte deve contribuire alla salute del tutto e il tutto a quella delle
parti: non si deve perciò avere riguardo a nazione o a religione, e
come tutti fratelli, in una monarchia uno deve aiutar l'altro.

9.º Falsamente si conoscono, e spesso vengono confuse tra di loro
le diverse parti dell'amministrazione, e i doveri che ne risultano.
Principiando dal sovrano, si crede che basti per essere più moderato,
ch'egli non riguardi la proprietà dello Stato e de' sudditi come sua
propria, e non s'immagini che la Provvidenza abbia creati per lui tanti
milioni d'uomini: ma deve altresì pensare che appunto egli stesso per
servire questi milioni è stato dalla Provvidenza elevato all'eminente
suo posto. Tra' ministri poi quello vien creduto di coscienza più
delicata, il quale per rendersi grato al suo sovrano non medita che di
aumentare il di lui tesoro. Entrambi credono adempire bastevolmente il
loro dovere, se considerano l'entrate dello Stato come un interesse
che a loro riviene a giusto titolo dallo Stato medesimo, e perciò si
danno tutte le pene possibili affinchè l'interesse del suo capitale
sia portato al maggior grado. Così lo stato civile considera in tempo
di pace il militare, destinato per le conquiste e per allontanare
i nemici, come una vera sanguisuga dello stato contribuente; e
all'incontro il soldato si crede in diritto di conseguire dal paese il
maggior vantaggio. Il doganiere non pensa se non ad aumentare l'entrate
delle confidategli finanze, e quello che per conto regio presiede
alle miniere, cerca solamente di aumentare il liquefatto metallo e di
cavarlo colla minor spesa possibile. Finalmente il giudice si applica
solamente a mantenere l'autorità delle leggi e le formalità della
giustizia.

Questi sono i principali soggetti che regolano l'amministrazione di uno
Stato; ed appunto perchè non pensano che a sè stessi in particolare,
e mai al bene in generale, perciò giudicano con massime falsissime del
maneggio degli affari.

Lo stato militare è composto di più migliaia di persone formate e
mantenute per il bene dello Stato. Il poco di salario che hanno, lo
consumano nel paese; il poco che il paese loro somministra in natura,
cioè nutrimento, vestiario, ad eccezione di pochi capi, si produce,
si manifattura e si fabbrica in paese: anzi il congedo dei soldati
procura alle arti e all'agricoltura un maggior numero di mani e le
facilitazioni dei matrimoni. Le finanze non vengono da me considerate
sotto lo stesso aspetto che vengono prese dal maggior numero; ma
lo considero che, siccome le imposizioni e l'uso delle pubbliche
entrate dipende dall'arbitrio del sovrano e del dipartimento delle
sue finanze, così ogni individuo che ha delle possessioni ed ha mezzi
di procurarsi la sussistenza nel paese, non dee confidare con cieca
fiducia il suo patrimonio lasciatogli dai parenti o acquistato col
suo sudore e industria nelle mani del sovrano; ma al contrario deve
soltanto contribuire ciò che è assolutamente necessario per mantenere
l'autorità, la sicurezza, l'amministrazione della giustizia, l'interno
buon ordine e l'avanzamento di tutti il corpo, del quale ognuno forma
una parte. Io credo adunque che, eccettuati i surriferiti oggetti, il
monarca non debba prodigare nulla, ma che debba levare le contribuzioni
nel modo meno gravoso, e badare al bene dello Stato in tutte le sue
parti; ch'egli sia obbligato di render conto a tutti e a ciascuno
individuo dell'uso delle finanze, e debba rinunziare perfino alla
predilezione verso certe persone, anzi verso gli stessi bisognosi,
sebbene sia questa una delle principali virtù di chi è benestante,
perchè il sovrano non è che un puro amministratore delle rendite dello
Stato; e nel resto, non gli è lecito di soccorrere i bisognosi che col
suo proprio patrimonio, in qualità di particolare.

Che se, dopo d'aver provveduto all'esigenza della monarchia in tutte
le parti, potesse il principe fare delle riguardevoli diminuzioni
nelle imposte, egli è obbligato di farlo, mentre ciascun cittadino
non è obbligato di contribuire che per il puro necessario e non per il
superfluo dello Stato.

Così un presidente delle dogane deve considerare i dazi come un
puro mezzo di regolare il commercio e l'industria nazionale, e deve
riflettere che la diminuzione eventuale della finanza daziale viene
sicuramente e doppiamente ricompensata, allorchè avrà accresciuti i
mezzi dell'interna industria de' sudditi, e promossi i loro vantaggi
con giusta distribuzione.

Quindi la mira del presidente di finanze deve solamente tendere
a proibire i contrabbandi, e diminuire l'introduzione delle merci
forastiere, siccome dannosa al mantenimento dei sudditi. Così il
direttore delle miniere deve considerare la produzione de' metalli come
una fabbrica nella quale ciascun lavoratore o possessore delle miniere
ha il diritto di ritrarne il suo maggiore profitto, senza essere
sforzato di rinunziare alla sua propria convenienza per fornire una
maggior quantità di metallo o di sale.

Così finalmente il giudice non deve aver di mira tanto la forma, quanto
l'esercizio della giustizia; e siccome la parola giustizia comprende
in sè la maggior equità, così deve pensare al più sollecito e meno
dispendioso servizio dello Stato.

10.º Negli affari dei servizii dello Stato non deve avervi alcuna
influenza ne l'inclinazione, nè l'avversione personale: e, in
quella guisa che i diversi caratteri e le diverse maniere di pensare
nell'umana società non impediscono che gli uni contraggano amicizia
con gli altri, così negli affari deve regnarvi l'armonia, e ognuno deve
avere per oggetto la loro esatta e fedele esecuzione.

Questo è il dovere de' superiori verso i loro subalterni. Quelli che
sono poi in egual rango e carattere fra di loro, devono avere la stessa
attività e assiduità negli affari e lavorare insieme d'accordo, senza
puntigli di preminenze o d'etichette. Devono trattare frequentemente e
convenire fra di loro, e uno instruire l'altro, senza lamentarsi l'uno
dell'altro; anzi dimenticarsi di tutto per far avanzare l'affare di cui
si tratta. Essi devono scambievolmente perdonarsi le loro debolezze,
compatirsi a vicenda, trattarsi da amici e da fratelli, e tutti tendere
di conserva al medesimo scopo.

11.º L'amor proprio non deve accecare nissuna persona addetta al
servizio dello Stato, in guisa che uno abbia vergogna d'imparare
qualche cosa dall'altro, sia suo pari o suo inferiore. La buona
riuscita che farà taluno nelle sue operazioni deve far tanto piacere
agli altri compagni e confratelli, quanto a lui per aver contribuito
alla meta principale, cioè al miglior servizio dello Stato.

12.º La spedizione degli ordini, le domande ed i rapporti che
occorreranno da farsi fra i rispettivi uffici, e le risposte non
devono essere riservate materialmente, come sinora, per i soli giorni
di consiglio, tanto più se si tratta di casi d'importanza; ma quello
stimolo che spinge ognuno a fare il suo dovere, deve animarlo ogni
giorno senza perdita di tempo.

13.º Essendo un punto essenzialissimo che gli ordini vengano bene
intesi e bene eseguiti, e che gl'individui vengano ben conosciuti,
giudicati, e impiegati secondo la loro maggiore o minore capacità,
perciò ogni anno, ed ogni volta che vi sia sospetto non esservi in
qualche provincia il buon ordine, o che vi si operi lentamente o
contra il fine proposto, è indispensabile che il signor presidente
stesso o un commissario, mandato sul luogo provinciale o al generale
comando, esamini le circostanze, provi gli ufficiali impiegati, ascolti
ognuno, tolga i disordini, ammonisca tutti, e mi annunzi le risultanti
difficoltà d'importanza, e si dimettano dall'impiego que' soggetti che
saranno ritrovati incapaci. Nella stessa guisa i governi provinciali
dovranno procedere verso i comitati o capitanati circolari, o andando
i governatori nel luogo in persona, o mandando un fido commissario ad
osservare negli uffici subalterni tutto quello che i dicasteri aulici
osservano verso di loro; prendendo massimamente di mira che siano ben
tenuti protocolli e ben osservati gli ordini prescritti.

In occasione di tali ricerche specialmente debbono rettificarsi le
liste de' buoni diporti degli ufficiali, con rilevare la stima che
godono presso il pubblico i diversi impiegati. Nella stessa conformità
i comiti o vice-comiti e i capitani circolari debbono invigilare sopra
i commissari circolari, e giudici loro sottoposti, e fare la visita
ogni anno sul luogo, formando dappertutto la lista de' buoni e perfetti
uffiziali, massimamente sopra i due seguenti punti, cioè, se hanno
eseguito accuratamente i comandi, e se siano uomini ragionevoli e
giusti; giacchè que' signori che non possono amministrare personalmente
i loro beni, e perciò debbono affidarsi ai loro prefetti e fattori,
facendosi mallevadori delle loro azioni, saranno dalla corte obbligati
di congedarsi, qualora si trovino in essi dei disordini.

14.º Ogni buon ufficiale dello Stato ed onesto uomo, in tutti i suoi
piani di rettificazione e di miglioramenti, che conducono al ben
generale in materia d'imposizione e contribuzioni, deve riflettere ai
mezzi più utili, più semplici e economici di promuovere l'azienda;
non deve pensare al suo personale interesse e beneficio, proponendo
quello che gli è di comodo e rigettando quello che gli è gravoso;
ma deve sempre misurarsi giusta il gran principio ch'egli sia un
semplice individuo del corpo intiero, che il vantaggio del maggior
numero dei sudditi vale più del suo e di ogni particolare, anzi più
di quello dello stesso sovrano considerato come persona particolare;
deve finalmente riflettere che procurando il comun bene procura anche
il suo proprio, e quand'anche non partecipasse dell'utile comune sul
principio, ne sarà poi partecipe in séguito.

Queste sono in breve le mie intenzioni, all'eseguimento delle quali
mi obbliga il dovere e la persuasione. Io sarò il primo a metterle in
pratica sicuramente, ed il proprio mio esempio servirà a comprovare
lo realtà delle mie parole. Chi dunque pensa come penso io e come
deve pensare un vero servo dello Stato, si dedicherà intieramente al
di lui servizio, mettendo da parte ogni particolar riflesso; e allora
comprenderà facilmente la forza de' miei principii, e non troverà, come
io non la trovo, difficoltà nell'eseguirli.

Quegli però che non aspira se non all'utilità e onorifico annesso al
suo impiego, e che considera il servizio dello Stato come una cosa
accessoria, farà meglio disimpiegarsi a tempo e rinunciare ad una
carica per la quale egli non è fatto e della quale non è degno, essendo
necessario per il bene dello Stato di avere un'anima fervorosa, e
rinunciare totalmente a sè stesso e ai suoi comodi.

Questo è tutto ciò che trovo opportuno di far sapere a tutti, acciò
il tanto essenziale governo dello Stato venga, da ognuno che sarà
destinato a promuoverlo, portato alla sua perfezione.

                                                    _Sign._ GIUSEPPE.



TAVOLA GENERALE

DELLE COSE PIÙ OSSERVABILI CONTENUTE IN QUEST'OPERA

(I numeri romani indicano i volumi, gli arabici i capitoli.)


A

Abbiategrasso, suo castello, abitato dal duca Filippo Maria Sforza, II,
15; — costretto alla resa dal conte Sforza, II, 45; — colà si ritirano
i Francesi, III, 23.

_Abdictus_, tributo su la navigazione, I, 8.

Abiti de' dottori collegiati e delle matrone alle nozze di Lodovico il
Moro, II, 18.

Abruzzo, vi guerreggia Sforza, padre di Francesco, II, 16.

ADALBERTO, marchese d'Ivrea; — proclamato re d'Italia I, 3.

ADALBERTO, figlio di Berengario secondo, I, 4.

Adda, fiume, combattimento tra i Veneziani e Lodovico decimosecondo,
II, 23; — la città di Milano chiede di renderlo navigabile, II, 22.

ADORNI Raffaele e Barnaba, genovesi, lettera ad essi scritta nel tempo
della carestia in Milano, II, 16, nota (1) _alla pag. 202_.

ADRIANO primo, papa, invita Carlomagno a combattere i Longobardi, I, 2.

ADRIANO quarto, papa, incorona l'imperatore Federico, I, 7.

ADRIANO sesto, papa, suo breve pontificato; piuttosto sacerdote anzichè
sovrano, III, 24.

Affori ed altre terre del milanese, invase dagli Svizzeri, II, 21.

Agnadello e Mirabello, terre ove i Veneziani sono sgominati da Lodovico
decimosecondo, II, 20.

AGNESI Gaetana Maria, matematica, lodata, III, 33.

Agricoltura del territorio milanese nel secolo decimosecondo,
I, 8; — come e da chi migliorata nel decimoterzo, 9; — promossa
dall'arcivescovo Giovanni Visconti, II, 9.

AICARDI, francescano, arcivescovo di Milano, scomunica Matteo primo,
II, 11; — muore esule dalla sua chiesa, 12.

ALARCON, capitano destinato alla custodia del re Francesco primo, III,
24.

ALBANIA (d') duca, spedito ad occupare Napoli, III, 24; — ossequia
Carlo quinto in Mantova, 26.

ALBERTO, conte del Tirolo, collegato con Federico primo, imperatore, I,
7.

ALBERTO, re dei Romani, conferma a Matteo primo il diploma di vicario
imperiale, I, 1O.

ALBRET (d') Enrico, re di Navarra, tratto nel castello di Pavia, III,
24; — fugge nella Francia, _ivi_.

ALBOINO, re de' Longobardi, invade l'Italia, I, 2.

ALDORNOZ Egidio, cardinale, governatore di Milano, III, 28.

ALBUQUERQUE (d') duca, governatore di Milano, III, 29; — sua morte,
_ivi_.

ALCIATO Andrea, II, 19; — sua morte, suo mausoleo, III, 28.

ALDOBRANDINO Giovanni, monaco, detto da poi _Igneo_, I, 6.

ALEANDRO Girolamo, vescovo di Brindisi, nunzio del papa, ferito e
prigioniero nella battaglia di Pavia, III, 24.

ALLEGRE (d') duca dei Francesi, recasi alla conquista d'Imola, II, 20;
— muore col figlio sotto Ravenna, 21.

ALESSANDRINO, podestà di Milano, come trattato da Barnabò Visconti, II,
13.

ALESSANDRO terzo, papa, riconosciuto nel consiglio di Anagni, scomunica
Federico primo, I, 7.

ALESSANDRO quarto, papa, sua influenza su la chiesa milanese, I, 9.

ALESSANDRO sesto, papa, tenta frastornare la discesa di Carlo ottavo
in Italia, II, 18; — si collega con Lodovico decimosecondo e coi
Veneziani; sue pretese, 19.

ALFONSO, re di Napoli, collegato contra il duca Filippo Maria Visconti,
II, 15; — fatto prigioniero, acquista la libertà, _ivi_.

ALMODORO, astrologo prediletto da Lodovico il Moro, sua falsa
predizione, II, 20.

ALVA o Alba (d') duca, governatore di Milano, III, 28.

ALVIANO (d'), duce dei Veneti, II, 20; — chiamato in soccorso da
Francesco primo alla battaglia di Marignano, 22.

AMBOISE (d') Carlo, gran maestro, comandante le armi francesi in
Italia, quarto governatore di Milano, muore in Correggio: suo funerale
in Milano, II, 21.

AMBOISE, conte, ucciso nella battaglia di Marignano, II, 22.

AMBRICURT, ferito e prigioniero nella battaglia di Pavia, III, 24.

AMBROGIO (sant') stabilisce la liturgia della chiesa milanese: sua
condotta con Teodosio, I, 7.

AMBROGIO (sant'), monastero de' Cistercensi eretto ai tempi di Lodovico
il Moro, II, 19, nota 2 _alla pag._ 253.

ANAGNI, concilio ivi tenuto, I, 7.

ANDREA, arcivescovo di Milano, suo testamento come scritto latinamente,
I, 3.

Angeliche, pia associazione di zitelle, loro origine, III, 26.

ANGERA (d') conti, origine della cronaca loro, II, 14.

ANGIÒ (d') Carlo, re di Sicilia, eletto per cinque anni signore di
Milano, I, 10.

ANGIÒ Renato, scacciato dal regno da Alfonso di Aragona, è accolto in
Milano come amico e alleato dal duca Sforza, II, 17.

ANGUISSOLA conte Carlo, lodato, II, 20.

ANGOULEME (d') duchessa di Savoia, madre di Francesco primo, re di
Francia, scrive a Carlo quinto per la prigionia del figlio, e coopera
alla lega detta _Santa_, III, 24.

ANGOULEME (d') duca, terzogenito di Francesco primo, proposto a duca di
Milano, III, 27.

ANNONE Giambattista, ricco mercante di seta in Milano, riduce a
compimento il portico dello Spedal Maggiore, III, 31.

ANTELMINELLI Castruccio, signore di Lucca ed amico dei Visconti, II, 11.

ANTIQUARIO Jacopo, segretario di Lodovico il Moro, II, 19.

APPIANO (da) Giovanni, suo pessimo governo, II, 16.

ARAGONA (d') Isabella è promessa sposa a Giovanni Galeazzo Maria Sforza
in età d'anni quattro; celebra le nozze in età d'anni venti; feste
pompose in quella occasione; convive con Beatrice, moglie di Lodovico
il Moro; dissapori tra di esse; di lei sventure; relegata nel castello
di Pavia, perde il marito estinto da consunzione, II, 18; colà ode
la proclamazione del Moro a duca di Milano a pregiudizio del proprio
primogenito; si ritira a Bari colle due figlie, II, 19.

ARCELLI Bartolomeo, perchè appiccato sotto Piacenza, II, 15.

ARCELLI Filippo, signore di Piacenza, II, 15.

ARCELLI Giovanni, sua funesta morte, II, _ivi_.

ARCHINTO Battista, ambasciatore a Carlo quinto, III, 27.

ARCHINTO Giuseppe, arcivescovo di Milano, III, 31.

ARCIMBOLDI Guido Antonio, arcivescovo di Milano, erige il palazzo
arcivescovile, II, 19, nota 2 _alla pag._ 253.

Arco Romano, sua origine, I, 6; — preso dagli Imperiali sotto
Barbarossa, 7.

ARDERICO, arcivescovo di Milano, motivo delle insidie ad esso lui tese
in Pavia, I, 3.

ARDUINO, marchese d'Ivrea, elettore d'Italia, sue vicende, I, 4.

ARESI Bartolomeo, conte; lodato, sua morte, III, 31.

ARETINO Leone, architetto, opera sua insigne, III, 28, nota 2 _alla
pag._ 153.

ARIALDO, diacono, contrario al matrimonio dei preti, I, 5.

ARIBERTO, arcivescovo, come si soscrive nel concilio di Pavia; sua
indole generosa e benefica; fonda un ospedale, fatali conseguenze della
sua nomina al vescovado di Lodi; suo splendido vivere; sua condotta con
alcuni supposti eretici; sue militari spedizioni; arrestato in Pavia;
fatto libero, prende il partito dei nobili; è scacciato dalla città;
sua religione, suo carattere, sue militari imprese; invenzione del
carroccio, ad esso lui dovuta, I, 4.

Armille o braccialetti, uso e valore loro, II, 18.

ARMAGNAC (d') conte, comanda i Francesi contra Galeazzo, ed è fatto
prigione, II, 14.

ARNALDO, arcivescovo di Magonza, collegato di Federico primo,
imperatore, I, 7.

ARNOLDO, duca di Baviera, è vinto da Ugone re d'Italia, I, 3.

ARNOLFO primo, arcivescovo di Milano, va ambasciatore a Costantinopoli,
e porta a Milano un antico monumento tuttora esistente, I, 4.

ARNOLFO secondo, arcivescovo, da chi consacrato, I, 3.

ARRIGO, vescovo di Trento, II, 3.

Arti e manifatture, stato loro nel decimo secolo, I, 3; — loro
progressi sotto Azzone Visconti, II, 11; — sotto l'arcivescovo
Giovanni, 12; — poi sotto i tre duchi di quella famiglia, 15.

Atrio di Sant'Ambrogio, sua origine, I, 2.

ATTENDOLO Giacomo, padre di Francesco Sforza, II, 15.

ATTILA, re degli Unni, incendia e distrugge Milano, I, 2.

ATTONE, creato illegittimamente arcivescovo di Milano, I, 5.

AUTARI, re dei Longobardi, I, 2.

AVOGADRO conte Luigi, dà Brescia ai Veneziani; suo infelice fine e dei
propri figli, II, 21.

AVVOCATI, famiglie potenti in Novara, I, 10.

AZARNES, comandante dell'armata tedesca in Pavia, muore non senza
sospetto di veleno, III, 23, nota 4 _alla pag._ 30, e nota 1 _alla
pag_. 31.

AZZONE Visconti, sua nascita, I, 10; — come salvato nella presa di
Piacenza; sua prigionia e liberazione; compra la carica di vicario
imperiale, e si rappacifica con Giovanni vigesimosecondo; nominato
signore di Milano, la cigne di nuove mura; sue nozze, sue conquiste,
suo governo; sconfigge, e come ribelle punisce il cugino suo Lodrisio;
estensione del suo dominio, suo amore per le arti; fa innalzare la
torre di San Gottardo; protegge gli artefici e l'industria; sua morte;
è il primo dei Visconti a far imprimere nelle monete il suo nome e le
sue insegne, II, 11.


B

BAGGI Andrea, congiurato contra il duca Giovanni Maria Visconti, II, 15.

BAGGI Paolo, come sopra, II, _ivi_.

BAGGIO (da) Anselmo, fatto pontefice col nome di Alessandro secondo,
contrario al matrimonio dei preti, I, 5.

BALDUCCI Giovanni, scultore pisano, II, 11.

BALSAMO (da) Carlo, I, 9.

BARBARO Ermolao, ambasciatore, suoi versi latini in lode di Lodovico
Sforza, II, 19.

BARBATO Andrea, agostiniano, detto Andrea da Ferrara, predicatore
eloquente, eccita i Milanesi contra i Francesi, III, 23.

BARBIANO (di) Alberico, conte di Cunio, II, 15; — diede il soprannome
di Sforza al padre del conte Francesco, che militava sotto il di lui
comando, III, 16.

Barbieri, legge che proibisce ad essi il radere la barba nei giorni
festivi, III, 16, nota 1 _alla pag._ 181.

BARNABÒ Visconti, sospetto di congiura contra lo zio, viene esiliato e
perseguitato; richiamato in patria, conduce a sposa Regina della Scala,
ed è scomunicato da Clemente sesto, II, 12; — divide il principato co'
fratelli; riceve in Milano l'imperatore Carlo quarto; gli Imperiali
sono battuti da lui a Casorate; suoi tentativi per recuperare Bologna;
sue discordie col fratello; è due volte scomunicato; delitti a lui
imputati; crociata contra di esso pubblicata; si rappacifica col
pontefice; lega dei principi italiani contra di lui; nuova scomunica;
è spogliato dall'imperatore di ogni titolo; atroce sua condotta, e
suo tirannico governo; confronto fra esso ed il fratello; fabbrica il
castello di Trezzo; altri fatti, III, 13; — fatto prigione dal conte
di Virtù, viene tradotto nel castello di Trezzo, ove perisce; suoi
palazzi, saccheggiati dal popolo, II, 14.

BASSI Martino, famoso architetto, III, 29.

BAYARD, cavaliere, ferito alla battaglia di Marignano, II, 22.

BAZAN Alvaro, marchese di Santa Croce, governatore di Milano, III, 30.

BECCARIA, famiglia potente in Pavia, I, 10; — suo splendore in essa
città nel decimoquarto secolo, e sue persecuzioni: esiliata dal
marchese di Monferrato, II, 13.

BECCARIA marchese don Cesare, lodato, II, 13; III, 33.

BECCARIA Matteo insulta la pubblica miseria dei Pavesi con un convito
magnifico: sua descrizione, III, 23.

BELGIOIOSO (di) conte Carlo, spedito da Lodovico il Moro a Carlo
ottavo, compie con destrezza la sua missione e in cinque soli giorni
ritorna da Parigi, II, 18.

BELISARIO, duce dell'Imperio contro i Goti, I, 2.

BELLINZONA (da) Giovanni, segretario di Stato di Lodovico il Moro, II,
19.

BELLISLE (de) maresciallo, comandante de' Francesi, sua disfatta al
colle dell'Assietta, III, 33.

BENEDETTO ottavo incorona l'imperatore Enrico primo; suo concilio, I, 4.

BENZONE Giorgio s'impadronisce di Crema a danno del proprio zio, II, 15.

BERENGARIO primo, duca del Friuli, eletto re d'Italia; sue imprese;
mite e generoso suo governo; sua deplorabile morte, I, 3.

BERENGARIO secondo, marchese d'Ivrea, sua astuta e nefanda condotta; è
proclamato re d'Italia, I, 3; — abborrito da' sudditi pei suoi delitti,
è costretto alla fuga; viene colla moglie relegato nella Germania, I,
4.

BERENGARIO cardinale, destinato a processare Matteo Visconti, II, 11.

BERNARDO (san), stabilimento de' suoi frati in Milano; ricusa la
dignità di arcivescovo, I, 6.

BESCAPÈ Pietro, milanese, poeta, saggio dei suoi versi. II, 12.

BESCAPÈ Carlo, vescovo di Novara, scrittore della vita di san Carlo,
III, 30.

BIANCA di Savoia, moglie di Galeazzo secondo, II, 13.

BIANCA Maria, sposa del conte Francesco Sforza, riconosciuta col
marito duchessa di Milano; accoglie in Milano il re Renato d'Angiò;
rimasta vedova, richiede il favore di tutti i principi d'Italia a pro
del suo primogenito Galeazzo, I, 7; — tristo guiderdone riceve delle
sue materne cure, e cessa di vivere in Marignano, mentre disegnava di
stabilirsi a Cremona, I, 8.

BIANCHI Matteo, architetto in Milano, di gusto corrotto. III, 32.

BIANDRATE (di) conte Guido, duce de' Milanesi durante il blocco di
Federico primo, viene distinto dall'imperatore, I, 7.

BIASSONO (da) Ansperto, arcivescovo, ristoratore di Milano; sue lodi;
atrio di sant'Ambrogio da esso fabbricato, I, 2.

BIGLIA Andrea, citato, II, 15.

BIRAGO Lampugnino, spedito onde sedare i malcontenti, salva la vita a
stento, II, 16.

BIRAGA Lodovico, sua ardita impresa, III, 27.

BLANÇAY (Saint), suo miserando fine, III, 23.

BOCCANEGRA Simone, doge di Genova, II, 13.

BOCCARDO Mainerio, suo testamento citato, I, 5.

BOISIO (da) Anselmo, arcivescovo di Milano; esito infelice della
spedizione da lui intrapresa per consiglio del papa; muore in
Costantinopoli; suo carattere, I, 6.

BOLTRASIO Antonio, pittore, II, 19.

BONA di Savoia, sposa il duca Galeazzo Maria Sforza, II, 17; — vedova e
tutrice del nuovo duca, in tutto si affida a Cicco Simonetta; ammette
alla sua confidenza Antonio Trassinio, odiato da Cicco; disavventure
prodotte dalla imprudente di lei condotta; conseguenze, II, 18.

BONATE (da) Arderico, consolo in Milano, I, 7.

BONIFACIO ottavo, papa, regola a suo capriccio la Chiesa milanese, I,
10.

BONIFACIO, marchese della Toscana, collegato di Ariberto arcivescovo,
I, 4.

BONO, frate, fonda il ritiro di Santa Valeria in Milano, III, 26.

BONNIVET, duce dei Francesi, III, 23.

BONSIGNORE Niccolò, sanese, ministro di Enrico settimo, suoi maneggi e
come ricevuti, I, 10.

BORRI cavaliere Giuseppe Francesco, riguardato come il Cagliostro del
secolo decimosettimo; suo alto ingegno, suoi errori, sua morte, III,
32.

BORROMEO Vitaliano, uomo illustre e fautore della libertà; costretto a
salvarsi colla fuga, II, 16.

BORROMEO Giovanni, amico di Cicco Simonetta, sua condotta, lodato dal
Corio per le sue virtù, accompagna alle staffe Giovanni Galeazzo Maria
Sforza ed Isabella d'Aragona nelle loro nozze, II, 19.

BORROMEO Giberto, nominato senatore, II, 19.

BORROMEO Federigo, eletto capitano generale della Chiesa, III, 29.

BORROMEO (san Carlo), figlio del conte Giberto e di Margherita dei
Medici, nepote di Pio quarto, eletto cardinale; nominato arcivescovo
di Milano, entra al possesso di siffatta dignità; sua condotta, sue
istituzioni e riforme; congiura ordita a di lui danno; sua generosa
condotta durante il contagio, e sue pie e magnifiche fondazioni; sua
morte; doti esimie del suo grand'animo. III, 29.

BORROMEO Federico, cardinale, arcivescovo di Milano, III, 29; —
sua protezione accordata alle scienze, alle lettere, alle arti;
erige la biblioteca Ambrosiana; altre numerose sue fondazioni; suo
viaggio a Roma onde venire ad accordo col papa su le giurisdizionali
controversie; sua pietosa condotta durante la peste che afflisse
Milano; sua morte, III, 30.

BORSANO Francesco, milanese, genere del Petrarca, II, 12.

BOSSI Teodoro, avverso al governo monarchico, II, 15; — scoperto
ch'egli era d'intelligenza col conte Sforza; suo funesto fine, II, 16.

BOSSI Luigi porta a Milano in trionfo le insegne di San Marco, II, 16.

BOSSI Giacomo, decapitato come ribelle alla patria, II, 16.

BOUFFLERS (di), comandante i Francesi in Italia, III, 31.

BOURBON (di) principe, governatore di Milano; viene richiamato, III, 30.

BRAMANTE da Urbino, chiamato a Milano da Lodovico il Moro come maestro
di architettura, II, 19.

BRISSEY Antonio, ministro, maneggia alla dieta elvetica il colpo
decisivo onde detronizzare Lodovico il Moro; onde quel duca è tradito e
fatto prigioniero in Novara, II, 20.

BRIVIO Tommaso, vicario dell'arcivescovo, come trattato da Barnabò, II,
13.

_Brolo_, che significhi, I, 2.

BUONAROTTI Michel Angelo, suo disegno del deposito di Gian Giacomo de'
Medici, III, 28, nota 2 _alla pag._ 153.

BUSSOLARI (de') Frà Giacomo, agostiniano, sua influenza e
considerazione nella città di Pavia; muore in carcere, II, 13.


C

CACCIA Frà Bartolomeo, domenicano; sue efficaci perorazioni al popolo a
favore di Estore e Giovanni Visconti, II, 15.

CACCIA Antonio, senatore, II, 19.

CACCIA Federico, arcivescovo di Milano, III, 32.

CAIMO Eusebio, ucciso dai sicari del duca Filippo Maria Visconti, II,
15.

CACCIA Giovanni, decapitato come ribelle alla patria, II, 16.

CALCHI o Calco Tristano, storico milanese, citato, II, 19.

CALCHI Bartolomeo, istituisce scuole pubbliche in Milano; segretario di
Stato di Lodovico il Moro, II, 19.

CALCONDILA Demetrio, protetto e beneficato da Lodovico il Moro, II, 19.

CAMPAGNA Lorenzo, prevosto, uno dei congiurati contra san Carlo
Borromeo, III, 29.

CANE Facino, comandante al servizio di Giovanni Maria Visconti, governa
come sovrano; sua morte, I, 15.

CANOBBIO Paolo fonda in Milano le _scuole Canobbiane_, III, 28.

CAPRA Giambattista, vicario di Povvisione, lodato, III, 29.

CARACENA (di) marchese, governatore di Milano; si oppone con fortuna
ai Gallo Estensi; altre sue guerresche imprese; passa al governo delle
armi in Fiandra, III, 31.

CARAVAGGIO (da) Polidoro, scolaro del gran Leonardo, II, 19.

CARCANO Pietro assegna tutte le sue ricchezze ad opere pietose, III, 30.

CARDANO Girolamo, letterato illustre, II, 19; sua morte, II, 12.

CARDONA (di) Raimondo, duce de' crocesignati sotto Milano, II, 11.

CARDONA (di) Luigi viene e Milano a ricevere il giuramento di fedeltà a
Filippo secondo re di Spagna, III, 28.

CARLO quarto, imperatore, viene in Italia; istigato invano a danno
de' Visconti; come accolto ed onorato; donativi fattigli dai Visconti;
li dichiara vicari imperiali; incoronato re d'Italia; feste eseguite;
torna in Germania; perchè priva i Visconti del vicariato, II, 13.

CARLO quinto, imperatore, sue qualità; pretende usurpato il dominio del
milanese da Francesco primo; stringe lega col papa, II, 22; — recasi al
congresso in Bologna, III, 26 — dà l'investitura del ducato di Milano
al proprio figlio don Filippo, III, 27; — rinunzia al figlio Filippo i
suoi dominii; sua morte, III, 28.

CARLO ottavo, re di Francia, eccitato alla conquista del regno di
Napoli, passa, in Italia; è accolto da Lodovico il Moro, sua visita al
duca Gian Galeazzo infermo in Pavia II, 18; — si impadronisce del regno
di Napoli; fatti ivi occorsi; ritorna da Napoli e quindi in Francia;
sua morte, II, 19.

CARLO secondo, re di Spagna, sua morte, suggetto di aspra guerra per la
successione in quel regno; sua condotta e carattere, III, 31.

CARLO sesto, imperatore d'Austria, sua morte, III, 33.

CARMAGNOLA Francesco, nominato conte e generale di Filippo Maria
Visconti; sorprende Bergamo; assedia e prende Genova; caduto in
sospetto al duca, passa al servizio dei Veneziani; confisca de' suoi
beni; è insidiato dal duca; creato capitano generale de' Veneziani,
prende Brescia; sconfigge totalmente l'armata ducale; sua indegna
condotta e decapitazione, II, 15.

CARRARA (da) Francesco, signore di Padova; suo miserando fine, 11, 14.

CASATI Felice (P.), guardiano de' cappuccini, nominato all'assoluto
governo degli appestati in occasione di nuovo contagio in Milano III,
30.

CASTELNOVATO (da) Florio, sua decapitazione, II, 16.

CASTELLO (da) Pietro, come inumanamente trattato dal duca Galeazzo
Maria, II, 18.

CASTIGLIONE (da) Guido, adottato siccome figlio dall'arcivescovo Ottone
Visconti, I, 10.

CASTIGLIONE Guarnerio, uno dei triumviri della repubblica, costretto a
salvarsi colla fuga, II, 16.

CASTIGLIONE Stefano, come onorato da Lodovico decimosecondo, II, 19.

CATINAT (di) comandante le truppe francesi in Italia, III, 31.

CAVALIERI Bonaventura, matematico, lodato, III, 31.

CAVALAZZI, potente famiglia in Novara del secolo decimoterzo, I, 10.

Celso (San), tempio, quando fabbricato, II, 19, nota 2 _alla pagina_
253.

CHIUSA (della) Jacopo, I, 9.

CLEMENTE secondo, papa, da chi innalzato, I, 5.

CLEMENTE quinto, papa, sue pretensioni riguardo all'imperatore, II, 11.

CLEMENTE sesto, papa, perchè scomunica Giovanni Visconti, II, 12.

CLIRORO Manfredo, I, 9.

COLA Montano, suo odio e sua congiura contro il duca Galeazzo Maria
Sforza; ignorasi qual fine si avesse, II, 18.

COLLEONI, famiglia potente in Bergamo nel decimoterzo secolo, I, 10.

COLLOREDO (di) Girolamo, conte, governatore di Milano, III, 32.

COLONNA Prospero, al servizio di Massimiliano Sforza, II, 21; fatto
prigioniero dai Francesi, II, 22.

CONCESA (da) Rodolfo, podestà di Milano, I, 9.

CONFALONIERI Stefano, perchè bandito, e sua congiura contro
l'inquisitore, I, 9.

CORRADO imperatore, assedia Milano e fa scomunicare l'arcivescovo
Ariberto; sua morte, I, 4.

CORRADO, figlio di Enrico terzo, si ribella al padre, ed è incoronato
in Milano, I, 6.

CORRADO, duca di Franconia, incoronato in Milano ed in Monza; passa
all'impresa di Terra Santa, I, 6; — muore in Bamberga, I, 7.

CORIO Bernardino, storico milanese, II, 19.

CORTE (da) Bernardino cede vilmente il castello di Milano a Gian
Giacomo Trivulzi, II, 19.

COTTA Innocenzo, partitante del regime repubblicano, II, 15.

COTTA Pietro, creato dal consiglio generale uno de' suoi capi; creato
capo de' malcontenti, II, 16.

_Credenza di Sant'Ambrogio_, e de' consoli, che fosse, I, 9.

CRISTIANI Beltrame, conte, lodato, III, 33.

CRIVELLI Ambrosolo, cancelliere di Galeazzo secondo, come trattato, II,
13.

CRIVELLI Ambrogio, decapitato, I, 9.

CRIVELLI Antonio ed Ugolino, taglia pubblicata contro di essi, II, 16.

CRIVELLI Alessandro, nemico del Trivulzi, II, 20.

CRIVELLI Bernardo, vicario di Provvisione, II, 22.

CRISTINA di Danimarca, moglie di Francesco secondo Sforza, III, 26.

CUSANO Giacomo, legato de' Milanesi allo Sforza, II, 16.


D

DAMASO secondo, papa, I, 5.

DAUN, maresciallo, governatore di Milano, III, 32.

DAZIO, vescovo di Milano, spedito a Roma per scacciare i Goti d'Italia
I, 2.

DONATO Gerolamo, detto Farina, diacono, tira un'archibugiata al
cardinale Carlo Borromeo, III, 29.


E

EDOARDO, re d'Inghilterra, accolto in Milano dai Torriani, I, 9.

EMILIO Giulio, letterato, protetto da Lodovico il Moro, II, 19.

ENRICO primo, incoronato in Pavia re d'Italia, sua legge che proibisce
il matrimonio de' preti, I, 4.

ENRICO secondo, imperatore, suoi maneggi, sua venuta in Italia, I, 4.

ENRICO terzo, sue disgrazie, sua morte, suo carattere, I, 6.

ENRICO quarto, suo pessimo reggimento, 1, 6.

ENRICO quinto, celebra in Milano i suoi sponsali, ed ivi è incoronato,
I, 8; — suo livore contra i Milanesi, I, 9.

ENRICO sesto, ribellasi al padre; suo amore ai Milanesi; sua morte, I,
9.

ENRICO di Lucemburgo, incoronato in Milano re d'Italia; congiura ordita
contro di esso, 1, 10; — perchè concede la carica di vicario imperiale;
sua morte, II, 11.

ENZO, figlio di Federico secondo, fatto prigione, e poi posto in
libertà dai Milanesi, I, 40.

ERLEMBALDO, suoi maneggi e sua perfidia a danno della Chiesa milanese;
rimane ucciso, I, 5.

ERMENGARDA, vedova di Adalberto marchese d'Ivrea, suoi nefandi
artificii, I, 3.

ESTE BEATRICE, suo matrimonio con Lodovico il Moro, II, 18; — sua
morte; onori funebri e mausoleo, II, 19.

EUGENIO, principe nominato dall'imperatore Giuseppe primo, governatore
dello stato di Milano, III, 32.

EZELINO da Romano, proposto a signore di Milano, I, 10.


F

Fabbriche d'oro e di seta, quando introdotte in Milano, I, 20.

FARA (da), suo artificioso discorso, I, 18.

FEDERICO primo, imperatore, suo decreto contro i Milanesi e sua discesa
in Italia; incoronato a Roma dal papa Adriano quarto; suo ritorno in
Italia con poderosa armata; blocco di Milano; dedizioni della città e
patti vergognosi di quella; dieta di Roncaglia; dichiara i Milanesi
ribelli; distruzione di Milano, I, 7; — lega conchiusa da ventitre
città lombarde a danno di Federico; ascolta proposizioni di pace; è
sgominato a Busto Arsizio dai Milanesi; suo ritorno in Germania e pace
di Costanza; suo ritorno pacifico in Milano; osservazioni su la sua
condotta, I, 8.

FEDERICO secondo imperatore, sue imprese e crudeltà, I, 9.

FERDINANDO arciduca d'Austria, governatore di Milano, III, 13.

FIAMBERTO con atroce ingratitudine uccide il re Berengario, I, 3.

FIESCHI Isabella, moglie di Luchino Visconti, rimandata alla sua
patria; sua condotta in Verona, e sospetti contro di essa intorno alla
morte di suo marito, II, 12.

FIGUEROA (de) nominato al governo di Milano, III, 28.

FILIPPO Maria Visconti, sua trista situazione e sua timidezza; sposa
la vedova di Facino Cane onde ottenere il ducato; condanna a morte con
nera ingratitudine la moglie; sua condotta, suo carattere, sua morte,
II, 15.

FILIPPO d'Austria, duca di Milano, sua solenne entrata in questa città,
III, 28; — sua morte, III, 29.

FILIPPO terzo re di Spagna, sua morte, III, 30.

FILIPPO quarto re di Spagna, sua morte, III, 31.

FIRMIAN (di) conte, governatore della Lombardia; sua morte, lodato,
III, 33.

FOGLIANO Francesco, perchè appiccato, II, 14.

FOGLIANO Guido, signore di alcuni distretti del Reggiano, II, 14.

FOIX (di) Gastone, governatore di Milano; suoi fatti; sua morte, e suoi
funebri onori, II, 21.

FONDULO Gabrino, signore di Cremona, vende la signoria al Visconti; è
decapitato in Milano, II, 15.

FONTANA Annibale, celebre scultore, sua morte, III, 29.

FRANCESCO primo, re di Francia, sua discesa in Italia; entra
solennemente in Milano; sua condotta, II, 22; — fatto prigioniero alla
battaglia di Pavia, è tratto a Madrid; è posto in libertà, III, 24; —
sfida Carlo quinto a duello; lettere dei due monarchi, III, 25, e nota
(1) _alla pag. 105_.

FUENTES (di) conte, nominato governatore di Milano; suo carattere, sua
condotta, sua morte, III, 30.

FUENSALDAGNA (di) conte, governatore di Milano, III, 32.

FUENSALIDA, conte, governatore di Milano, III, 32.


G

GALEAZZO primo Visconti, sue nozze con Beatrice d'Este; sua elevazione
e sue vicende, I, 10; — acclamato signore di Milano; sua prigionia;
liberato; sua morte, e riflessioni su la sua condotta, II, 11.

GALEAZZO secondo Visconti, sospetto di congiura contra Luchino, suo
zio, viene esiliato, II, 12; — porzione di dominio a lui toccato; sua
condotta in Pavia; paralello tra esso e il fratello suo Barnabò; sua
morte, II, 13.

GARBAGNATE (da) Francesco, esiliato come partitante dei Visconti, sua
condotta, I, 10.

GIOVANNI Visconti, arcivescovo, regge in comune con Luchino la signoria
di Milano; rimane solo nel reggimento; richiama gli esuli nepoti;
sua magnanima condotta; viene scomunicato; sue militari imprese; sua
possanza e sua morte, II, 12.

GIOVANNI GALEAZZO secondo, conte di Virtù, sua dissimulazione e
condotta a danno di Barnabò; sue mire ambiziose; sue guerriere imprese;
innalzato alla dignità di duca; fa comporre la genealogia del suo
casato; fabbrica il Duomo e la Certosa di Pavia; grande estensione del
suo potere; sua morte; pittura del suo carattere, II, 14.

GIOVANNI MARIA Visconti perde quasi tutte le città lasciategli dal
padre; sue orribili crudeltà; sospetto di parricidio; inutili ricordi
lasciatigli dal Malatesta; sua condotta eguale a quella di un pazzo
furibondo; congiura contro di lui ordita e sua uccisione, I, 15.

GIOTTO, celebre pittore al servizio di Azzone Visconti, II, 11.

GIUSEPPE primo, imperatore d'Austria, sua morte, III, 32.

GIUSEPPE secondo, arciduca, quindi imperatore d'Austria; sua nascita;
suo viaggio in Italia; eletto imperatore; altri suoi viaggi in Italia;
sue disposizioni per la condotta de' pubblici affari, nota (1) _alla
pag. 285_; — suo reggimento e sue saggie riforme; sua morte, III, 33.

GONSALVO Ferrante di Cordova, governatore di Milano, III, 28.

GONZAGA Feltrino vende Reggio a Barnabò Visconti, II, 14.

GONZAGA Francesco, unito contra Giovanni Galeazzo; come sconfitto, II,
14.

GONZAGA Carlo, sue mire al dominio di Milano, II, 16.

GONZAGA Ferrante, governatore di Milano, III, 28.

GONZALO de Cordova, governatore di Milano; suoi perniciosi editti
intorno ai grani, III, 30.

GOTOFREDO, arcivescovo di Milano, perchè scomunicato, I, 5.

GOZZADINI (da) Beno, podestà di Milano, sue belle opere, suo miserando
fine, I, 9.

GRASSI Tommaso, erige scuole pubbliche in Milano, II, 19.

GROSSOLANO, vescovo di Savona, e reggente la diocesi di Milano, è
nominato arcivescovo, I, 4.

Guerra detta di _Successione_, fatale anche all'Italia, III, 33.

GUIDONE, arcivescovo di Milano, I, 5.

GUGLIELMINA, boema, culto religioso a lei prestato; dissotterrata per
ordine dell'Inquisizione, ed incendiata; opinione popolare intorno la
medesima; errori della stessa, I, 9.

GUZMAN (de) Ponze di Leon, governatore di Milano, III, 32.


H

HARO (di) conte, governatore di Milano, III, 32.

HARCOURT (d') maresciallo comandante l'armata francese in Italia, III,
32.


I

ILDEBRANDO, cardinale, suo carattere, suoi talenti e maneggi; eletto
pontefice, I, 5.

ILDESHEIM, vescovo, scomunica le città non comparse alla dieta
generale, I, 9.

INCISA (d') Manfredo, marchese, creato signore di Milano per tre anni,
I, 9.

INNOCENZO terzo, papa, sua condotta coi Milanesi, I, 9.

INNOCENZO sesto, papa, perchè scomunica Barnabò Visconti, II, 13.


K

KAUNITZ-RIETBERG, conte, eletto supremo ministro, suo carattere, sue
lodi, III, 33.


L

LAMBERTO, arcivescovo di Milano, suoi maneggi contra Berengario, I, 3.

LAMPUGNANO Giorgio, uno de' fautori del governo repubblicano, II, 15; —
come traditore è decapitato, II, 16.

LAMPUGNANO Giovanni Andrea, uno de' congiurati contro Galeazzo Maria
Sforza, suo tragico fine, II, 18.

LAMPUGNANO Oldrado, sua perfida condotta con Fondulo, signore di
Cremona, II, 15.

LAMPUGNANO Isabella, arruotata viva ed abbruciata, II, 22.

LANCIA Manfredo, marchese d'Incisa, signore di Milano, _Vedi_ Incisa.

LANDO Bianchina, attentato contra di essa di Galeazzo, II, 11.

LANDOLFO anima il popolo contra gli ecclesiastici, I, 5.

LANDRIANO Antonio favoreggia l'elevazione al ducato di Lodovico Sforza,
II, 19.

LANDRIANO Girolamo, frate, nimico del Trivulzio, II, 20.

LANGOSCO (di) conte, I, 10.

LANNOY Carlo, vicerè di Napoli, duce dei Cesarei; scelto a scortare il
prigioniero Francesco primo a Madrid, III, 24.

LAVELLO Cristoforo, generale al servizio di Filippo Maria Visconti, II,
15.

LAUTREC, governatore di Milano, nemico del Trivulzio; suo dispotico
reggimento; sue guerriere imprese; sua atroce condotta, II, 22; — è
sconfitto, II, 23.

Lazzaretto fabbricato da Lodovico il Moro, II, 19.

LEGANES (di) Diego, duca d'Alcala, governatore di Milano; sue
guerresche imprese; sua sconfitta; viene tolto dal governo di Milano,
III, 26.

LEGNANO Girolamo, prevosto, uno de' congiurati contra san Carlo
Borromeo, III, 29.

LEONE decimo, papa, sua lega con Carlo quinto, II, 22.

LEOPOLDO primo, imperatore d'Austria, sua morte, III, 23.

Leopoldo secondo, imperatore d'Austria, suo governo; suo soggiorno in
Milano; sua morte, III, 33.

LEWENSTEIN (di) principe, governatore di Milano, III, 32.

LEYVA (di) Antonio, uno de' duci della lega, III, 23; — sua condotta in
Milano, III, 25.

LIGNE (di) principe, governatore di Milano, III, 31.

LIGNY (di) conte, duce de' Francesi, nimico del Trivulzi; sua
capitolazione con Lodovico il Moro; distrutta dal Trivulzi, II, 20.

LIPRANDO, prete, come si libera dall'accusa di simonia colla prova del
fuoco, I, 6.

LITOLFO, figlio del re Ottone, scende in Italia contra Berengario;
sospetti intorno la sua morte, I, 4.

LITTA Alfonso, arcivescovo di Milano; sua prudente condotta, III, 31.

LOBKOWITZ (di) principe, comandante le armi austriache in Italia, III,
33.

Locuste, irruzione loro nel milanese, II, 13.

LODOVICO quinto il Bavaro, sua entrata in Milano, vende ad Azzone
Visconti il vicariato imperiale, II, 11; — sua morte, II, 12.

LODOVICO decimosecondo, re di Francia, suo ingresso in Milano, II, 19;
— sua condotta e sue militari imprese, II, 20; — sua morte, II, 21.

LOMAZZI Paolo, pittore, II, 22.

LOTTARIO di Sassonia, riconosciuto in re d'Italia dai Milanesi, I, 6.

LOTTERÍE o Tontine, per qual motivo introdotte, II, 16, e nota (2)
_alla pag. 185_.

LUCHINO Visconti, proclamato signore di Milano; sua condotta nel
reggimento; congiura ordita a suo danno; come sventata; caccia in
esilio i suoi nepoti; sua improvvisa morte, lodato, II, 12.

LUINO Bernardino, pittore, II, 19.

LUNA (de), castellano di Milano, III, 28.


M

MADRUCCI Cristoforo, cardinale, governatore di Milano, III, 28.

MAESTRO Omobono, legato lodigiano alla dieta di Costanza, I, 7.

MAGGI Carlo Maria, segretario del senato, lodato, III, 31.

MAINO (del) Agnese onorata come sposa da Filippo Maria Visconti, II,
15; — sua morte, II, 16.

MAINO Bertolino, squarciato dai cani per comando di Giovanni Maria
Visconti, II, 15.

MAINO Francesco, congiurato contro Giovanni Maria Visconti, II, 15.

MAINO Luchino, come sopra, II, 15.

MAIORAGGIO Marcantonio, professore di belle lettere in Milano, vi
muore, III, 28.

MALASPINA Giovanni, duce di Giovan Galeazzo Visconti, II, 14.

MALATESTA Antonia, moglie di Giovan Maria Visconti, II, 15.

MALATESTA Carlo, suoi ricordi politici a Giovan Maria Visconti, II, 15.

MALATESTA Carlo, iuniore, generale di Filippo Maria Visconti, II, 15.

MALATESTA Pandolfo, cede Brescia al Visconti, II, 15.

MANDELLO (da) Ottone, con risoluto consiglio anima i Milanesi a uscire
in campo contro Federico secondo, I, 9.

MANDELLO Ottone, duce di Gian Galeazzo Visconti, concorre ad arrestare
Barnabò Visconti per comando di Gian Galeazzo, II, 14.

MARAVIGLIA, gentiluomo milanese, suo fasto, e tristo fine, III, 26.

MARGHERITA d'Austria, sposa dell'infante don Filippo; suo solenne
ingresso in Milano, e descrizione delle feste fatte in quell'occasione,
III, 29.

MARIA Teresa, arciduchessa d'Austria, poscia imperatrice, sua nascita,
III, 32; — nominata imperatrice; suo savio governo; sua morte, III, 33.

MARIANNA d'Austria, sposa del re di Spagna Filippo quarto, viene in
Milano; descrizione del fattole ricevimento, III, 31.

MARINI Tommaso, genovese, direttore del negozio dei prestiti sulle
entrate dello Stato, fabbrica in Milano un magnifico palazzo, III, 28.

MARLIANI, famiglia potente in Milano, II, 16.

MARQUARDO, vescovo d'Ausburgo, vicario imperiale, fatto prigione dai
Visconti, II, 13.

MATTEO primo Visconti, sua elevazione; nominato capitano del popolo
per cinque anni; suo esteso dominio, e sue ambiziose mire; confermato
nella sua carica; costretto ad abbandonare Milano; riconciliazione tra
i Torriani e i Visconti, I, 10; — dopo l'eccidio dei Torriani; Matteo è
dichiarato vicario imperiale di tutta la Lombardia; assume il titolo di
_signore generale_; sua condotta; sua morte, II, 11.

MATTEO secondo Visconti, occupa il principato in un coi fratelli; sua
nefanda condotta; sua morte, II, 13.

MATILDE, contessa, suoi maneggi a danno di Milano, I, 6.

MEDICI Gian-Giacomo, celebre guerriero, sua morte, suo mausoleo, III,
28, nota (2) _alla pag. 153_.

MEDICI Caterina, strano e barbaro processo formato contra di essa; è
abbruciata qual fattucchiera, III, 30.

MEDO, sognato capitano fondatore di Milano, I, 1.

MELGAR, conte, governatore di Milano, III, 31.

MELZO Ambrogio Giovanni, patrizio milanese, sua pia fondazione, III, 31.

MENDOZZA (di), marchese de la Hynoiosa, governatore di Milano, sua
nobile condotta, III, 30.

MERCY, conte, generalissimo delle armi austriache in Italia, III, 32.

MERULA Giorgio, letterato, protetto da Lodovico il Moro, II, 19.

MEZZABARBA Politone, senatore, mandato a Roma dal senato per far valere
le ragioni della giurisdizione civile contro l'arcivescovo san Carlo
Borromeo, III, 19.

MINUZIANO Alessandro, letterato, protetto da Lodovico il Moro, II, 19.

MIRISIO Clemente, prevosto, uno de' congiurati contro san Carlo
Borromeo, III, 19.

MISSAGLIA Bernardino, sua missione in Ungheria, II, 18.

MONDILA, duce dell'Imperio contro i Goti, I, 2.

MONFERRATO (di) marchese, eletto signore di Milano, poscia scacciato;
suo miserando fine, I, 10.

MONFERRATO (di) marchese, figliuolo del precedente, signore di Pavia,
II, 13.

MONTECUCCOLI Sebastiano, suo miserando fine, III, 27.

MONTI Cesare, arcivescovo di Milano, sua munificenza e sue pie
fondazioni, III, 26; — sua morte, III, 31.

MORA Gian-Giacomo, barbiere, nefando processo contra di esso formato, e
sua tragica fine, III, 26.

MORIGIA Paolo, gesuato, letterato milanese, III, 26.

MORONE Bartolomeo, uno dei fautori del governo repubblicano, II, 16.

MORONE Girolamo, primo avvocato fiscale in Milano; sua elevazione, sua
condotta, suoi maneggi, II, 20; — suo discorso per trarre al partito
della lega il marchese di Pescara; sua prigionia e condanna; sua
liberazione, III, 24; — sua morte, lodato, III, 26, nota (2) _alla pag.
116_.

MUSOCCO (di) conte, figlio del Magno Trivulzio, II, 20.


N

NARSETE, suo reggimento in Italia, I, 2.

NEGRI (de) Cesare, citato, III, 29.

NERI Pompeo, presidente della Giunta di censimento, lodato, III, 33.

NOAILLES (di) duca, comandante i Francesi, giugne coi suoi armati sin
presso i sobborghi di Milano, e quindi dietreggia, III, 31.


O

OLANO, sognato fondatore di Milano, I, 1.

OLDERICO, conte del palazzo, I, 3.

OLGIATO Girolamo, congiurato; sua coraggiosa morte, II, 19.

OLIAS e MORTARA (d'), marchese, governatore di Milano, III, 31.

OMODEO, cardinale, riduce a compimento la chiesa della Vittoria in
Milano, III, 31.

OROMBELLO Michele, sua debolezza a danno dell'infelice Beatrice Tenda,
e suo tristo fine, II, 15.

OROMBELLO Giobbe, come traditore, decapitato, II, 16.

ORTO (dall') Oberto, illustre giureconsulto, I, 6.

OSORIO (don Pietro), marchese di Villafranca, governatore di Milano,
pessimo suo reggimento, III, 30.

OSSONA (da) capo dei popolani, II, 16.

OSSUNA (d') duca, governatore di Milano; sua pomposa entrata nella
città; suo rapace e pessimo reggimento, III, 31.

OTTONE primo, imperatore, coronato re d'Italia; sua condotta, I, 4.

OTTONE secondo, imperatore, I, 4.

OTTONE terzo, imperatore, manda l'arcivescovo di Milano ambasciatore a
Costantinopoli a chiedere per isposa la principessa Elena; sua morte,
I, 4.

OTTONE quarto, come accolto e amato dai Milanesi, I, 9.

OTTONE Visconti, arcivescovo di Milano; sua valorosa condotta; rinunzia
la signoria a Matteo Visconti, I, 10.

OZENO (da) Stefano, prete, suo miserando fine, II, 13.


P

PAGANI Cristoforo, uno dei capi del popolo. II, 16.

PAGANO da Lecco, I, 9.

PAGGI Giambattista, architetto della chiesa della Vittoria in Milano,
III, 31.

PALLAVICINO Gian Francesco, II, 18.

PALLAVICINO Cristoforo, crudelmente mandato a morte dal Lautrec, II, 22.

PALLAVICINO Gian Luca, conte, governatore di Milano, III, 33.

PALMIO P. Benedetto, della compagnia di Gesù, spedito a Milano da san
Carlo Borromeo, III, 29.

PANIGAROLA Arrigo induce i Veneti alla pace coi Milanesi, II, 16.

PATTA Roberto, imputato di eresia, I, 9.

PELAVICINO Oberto, eletto signore di Milano, I, 10.

PELLEGRINO Galeazzo Alessi, architetto, III, 28.

PELLEGRINO de' Pellegrini, architetto insigne, lodato, III, 29.

PEPOLI Giovanni vende Bologna all'arcivescovo Giovanni Visconti, II, 12.

PEREGO (da) Leone, arcivescovo di Milano, I, 9.

PERGOLA (della), duce di Filippo Maria Visconti, II, 15.

PESCARA (di) Ferdinando, marchese, sue militari imprese. III, 23; — sua
nefanda condotta col Morone; sua morte, III, 24.

PETRARCA Francesco, accolto in Milano da Giovanni Visconti; onori e
distinzioni ad esso compartiti, II, 20.

PIATTI Tommaso istituisce in Milano varie pubbliche cattedre, II, 19.

PIATTO Giorgio, suo osservabile discorso, II, 17.

PIAZZA Guglielmo, commissario della sanità. _V. Mora Gian-Giacomo._

PICCININO Nicolò, duce di Filippo Maria Visconti, II, 15.

PICCININO Francesco, sue imprese militari, II, 16.

PIETRO Martire (san), inquisitore, trucidato, I, 9.

PIO quarto (Giannangelo de' Medici), milanese, creato pontefice; elegge
parecchi cardinali milanesi, e benefica con dotazioni ed edificii la
sua patria; sua morte, III, 29.

PIO quinto (Ghislieri), alessandrino, eletto pontefice; da cardinale
avea fondato l'Inquisizione in Milano, III, 29.

PIROVANO Oberto, arcivescovo di Milano, I, 8.

POGGETTO (del), cardinale, sua violenta condotta, II, 11.

POL (san) o Paul, conte, duce francese, III, 24.

PONZE di Leon, governatore di Milano, suoi gravi provvedimenti, suo
carattere arbitrario e violento, III, 31.

PORRO Alberto, I, 9.

POZZOBONELLI, arcivescovo di Milano, sua morte, III, 33.

PUSTERLA Anselmo, arcivescovo, sue disavventure, I, 6.

PUSTERLA Francesco, da chi offeso nell'onore; sua congiura e suo
miserando fine, II, 12.

PUSTERLA Giovanni, castellano di Monza, sua morte infelice, II, 15.

PUSTERLA Giovanni, nepote del suddetto, congiurato contra Giovanni
Maria Visconti, II, 15.

PUSTERLA Guglielmo, onorevole sua riputazione, I, 10.

PUSTERLA Pietro, uno de' triumviri, II, 16.


R

RAINERIO, inquisitore, espulso da Milano, I, 10.

RAINOLDO, arcivescovo di Colonia, trasporta in Germania le reliquie dei
re Magi, I, 8.

RANGONI Guido riceve lettere da Bernardo Tasso, III, 14.

REQUESENS don Luigi, governatore di Milano, zelante della giurisdizione
regia, si oppone all'arcivescovo san Carlo Borromeo, III, 29.

RICHINI Francesco, architetto, lodato, III, 31.

RICCIO Zanino, pessimo consigliere di Filippo Maria Visconti, II, 15.

RICCIO Michele, eletto senatore, II, 19.

RIGONI Simone uccide il Landriano, II, 20.

RIGOTTO Gian Paolo, con barbaro esempio giustiziato, siccome creduto
altro de' propagatori della peste in Milano, III, 26.

RIPA (da) Buonvicino, frate, suoi versi citati, II, 12.

RIPAMONTI Giuseppe, canonico cronista, lodato, III, 31.

RIVAROLO (da) Manfredo, de' conti di San Martino, podestà della città e
ducato, II, 16.

RO (da) Anselmo, arcivescovo di Milano; sua pessima condotta, I, 3.

RODOALDO, arcivescovo di Milano, I, 6.

RODOLFO imperatore fa lega con Ottone Visconti, I, 17.

RODOLFO, re di Borgogna, ingannato da Ermengarda, rinuncia ad ogni idea
su l'Italia, I, 3.

RONCAGLIA, dieta ivi tenuta dall'imperatore Federico primo, I, 7.

ROSMONDA, regina de' Longobardi, suo tradimento e sua morte, I, 2.

RUSCA, famiglia potente in Como nel decimoterzo secolo, I, 17.


S

SACCHELLA Guidotto, I, 16.

SANSEVERINO, comandante gli Svizzeri a favore di Lodovico il Moro, II,
22.

SAVERGES (di) Pietro, vescovo di Luçon, gran cancelliere sotto Lodovico
duodecimo, II, 19; — opera a danno del Trivulzio, II, 20.

SCALIGERA, famiglia illustre, distrutta dalle macchinazioni di Galeazzo
Visconti, II, 13 e 14.

SCHEINER Matteo, cardinale di Sion, sua vita e suo carattere, II, 21,
nota (1) _alla pag. 305_; — comanda gli Svizzeri in nome della _Lega
Santa_; sua condotta nel reggimento di Milano; sua crudeltà collo
Sforza vescovo di Lodi, II, 21; sue imprese militari; suoi maneggi, II,
22.

SCOTTI Francesco, signore di Piacenza, II, 11.

SERMONETA (di), duca, governatore di Milano, III, 26.

SESSA (da) Consalvo Ferrante di Cordova, governatore di Milano,
III, 28; — si sforza invano di dare all'Inquisizione una più ampia
consistenza, III, 29.

SESTO (da) Manfredo, I, 9.

SESTO (da) Cesare, celebre pittore, II, 19.

SETTALA (da) Enrico, arcivescovo di Milano, perchè bandito, I, 9.

SETTALA Francesco, proposto arcivescovo di Milano, I, 10.

SETTALA Lodovico, protomedico, lodato, III, 31.

SETTALA Manfredo, canonico, suo museo, sue lodi, III, 31.

SFORZA Francesco, notizia intorno alla sua famiglia e cognome; sue
vicende, II, 15; — sue imprese e suo innalzamento, II, 16; — suo
ingresso pubblico in Milano; sua condotta come duca; suo carattere; sue
eccellenti qualità; sua morte, II, 17.

SFORZA Galeazzo Maria, prime imprese nella sua gioventù; riconosciuto
per duca, II, 17; — sua magnificenza e suo fasto; sua tragica fine;
cenni su la congiura contro di esso ordita; osservazioni sul suo
carattere e su la sua condotta, II, 18.

SFORZA Giovanni Galeazzo Maria, proclamato duca in età di sei anni,
sotto la tutela della madre e del Simonetta; suo matrimonio; sue
sventure; sua morte, II, 18.

SFORZA Lodovico, detto il Moro, sua perfida condotta contra il nipote;
suo matrimonio, II, 18; — co' suoi nefandi maneggi giugne al ducato;
suo illustre governo; forma una lega col papa e co' Veneziani; la sua
equivoca ed imprudente condotta lo sforza a ritirarsi ad Inspruck,
III, 19; — sua pusillanimità nelle sventure; ritorno in Milano; suo
carattere incerto nell'avversa fortuna; è tradito; cade prigioniero, e
vien condotto in Francia; colà giugne a fuggire, ma ripreso è rinchiuso
nel castello dl Loches, ove finisce i suoi giorni, II, 20.

SFORZA Massimiliano ottiene il ducato; pessimo suo reggimento, II, 21;
— costretto ad accettare un asilo in Francia, ivi muore; pittura del
suo carattere. II, 22.

SFORZA Francesco secondo acquista il ducato; gioia dei Milanesi per
quell'avvenimento; sue ottime disposizioni; corre pericolo della
vita, III, 23; — sua dubbiosa condotta; costretto a cedere a patti il
castello di Milano, III, 25; — rientra ne' suoi Stati; suo matrimonio;
sua morte; osservazioni, III, 26.

SFORZA Francesco, abate di Marmontiers, II, 18 e 19.

SFORZA Ascanio, cardinale, sua prudente condotta, fatto prigione, viene
condotto in Francia, II, 20.

SFORZA Ottaviano, vescovo di Lodi, barbarie contra di esso del
cardinale di Sion, II, 21.

SFORZA Gian Paolo, marchese di Caravaggio, sua valorosa condotta e sua
morte, III, 25 e 26.

SFORZA Ermes, ambasciatore a Napoli, II, 18.

SICHER, ministro di Federico primo, I, 7.

SIMONETTA Francesco, detto il _Cico_, ministro ed amico del duca
Francesco; sua condotta; suo tragico fine, II, 18.

SIRVELA (di) Giovanni, conte, governatore di Milano, III, 26.

SISTI (da) Bertolino, suo attentato come punito, II, 13.

SISTO (di San) cardinale, sua amicizia con Galeazzo Maria e sua morte,
II, 18.

SORDO Giovanni, cancelliere di Barnabò Visconti, chiuso per comando di
lui in una gabbia di ferro con un feroce cignale, II, 13.

SORESINA (da) Guglielmo, proposto signore di Milano, I, 10.

SPEZIANO Giambattista, egregio capitano dì giustizia in Milano, III, 25.

SPINOLA Doria Ambrogio, marchese de Los Balbanes, governatore di
Milano, III, 30.

SPINOLA Paolo, duca del Sesto, governatore di Milano, III, 31.

STAMPA cardinale, arcivescovo di Milano, III, 33.

STAMPA Marco, decapitato, II, 16.

STAMPA Giovanni, partitante de' malcontenti, II, 16.

STAMPA Massimiliano, onorevole sua missione, III, 26.

STAMPA Uberto, sua ambasciata al papa per la città di Milano nel 1696,
III, 33.

STAREMBERG Guido, maresciallo, comandante gli imperiali in Italia, III,
32.

STANGA marchese, spedito da Lodovico il Moro all'imperatore
Massimiliano, II, 19.

SUARDI, famiglia potente in Bergamo nel decimoterzo secolo, I, 10.

SUAREZ de Figueroa, duca di Feria, governatore di Milano, III, 30.


T

TAEGGI Ambrogio erige in Milano il collegio di San Simone, III, 28.

TARLATI Guido, vescovo di Arezzo, incorona Lodovico il Bavaro, II, 11.

TASSO Bernardo, padre dell'immortale Torquato; sua lettera al conte
Guido Rangone, III, 24.

TAVERNA Francesco, gran cancelliere; sua morte; sue lodi, III, 29.

TEALDO, arcivescovo di Milano, come operi contro le scomuniche del
pontefice, I, 6.

_Telonei_, significazione di questo vocabolo, II, 15.

TENDA Beatrice, vedova di Facino Cane e sposa di Filippo Maria
Visconti; suoi prudenti consigli; accusata di nefando delitto, viene
decapitata, II, 15.

TEODORICO, figlio del re de' Goti, suo prudente reggimento, I, 2.

TEODOSIO, imperatore, sue vicende con sant'Ambrogio, I, 1.

TEOFANIA imperatrice, madre di Ottone terzo, I, 4.

TERUFFINO Giovanni, sua descrizione della carestia in Milano, II, 16,
nota 1 _alla pag._ 202.

TERUFFIO Giovanni Jacopo, segretario di Stato camerale, II, 19, nota 1
_alla pag._ 259.

TERZAGO (da) Antoniolo, cancelliere di Barnabò Visconti, chiuso per
ordine di lui in una gabbia di ferro con un cignale feroce, II, 13.

TIEPOLO Pietro, podestà di Milano, fatto prigioniero da Federico
secondo, come trattato, I, 9.

TITO Livio scrive su la fondazione di Milano, I, 1.

TIZZONI, potente famiglia in Vercelli nel decimoterzo secolo, I, 10.

TORELLA Lodovica, contessa di Guastalla, dispone tutto il suo in pie
fondazioni, III, 26.

TORELLO Guido, duce di Filippo Maria Visconti, II, 15.

TORNELLI, famiglia potente in Novara, I, 10.

Torre di San Gottardo; primo orologio su la medesima collocato, II, 11.

TORRE (della) Cassone, arcivescovo di Milano; sua lettera minacciosa a
Matteo Visconti; passa al patriarcato d'Aquileia, II, 11.

TORRE (della) Errecco, invade il milanese, I, 10.

TORRE (della) Filippo, creato in perpetuo podestà dì Milano; sua morte,
I, 10.

TORRE (dalla) Francesco, sospettato di congiura, fogge, I, 10.

TORRE (dalla) Guido, creato in perpetuo capitano del popolo, sua
condotta; come si presenta a Enrico primo; fugge l'impeto degli
Imperiali, I, 10.

TORRE (della) Martino, eletto anziano della Credenza; sua morte, I, 9 e
10.

TORRE (della) Mosca, invade le terre del milanese; sua morte, I, 10.

TORRE (della) Napo o Napoleone, anziano perpetuo del popolo, sua
splendidezza e come atto al governo; creato vicario imperiale; fatto
prigione dai Visconti; sua misera fine, I, 10.

TORRE (della) Pagano, soccorre i Milanesi ed è eletto protettore del
popolo contra i nobili; sua morte, e pubblica testimonianza di amore
lasciata dai Milanesi alla di lui memoria, I, 9.

TORRE (della) Pagano, vescovo; sua condotta mentre è arrestato dai
Tedeschi, I, 10.

TORRE (della) Raimondo, proposto all'arcivescovato di Milano, I, 10.

TORRE (della) Simone, congiurato, salvasi in Montorfano, I, 10; —
rimane ucciso, II, 11.

TOSCANO Galeotto, uno dei triumviri; suo miserando fine, II, 16.

TRANS (di) baroni, padre e figliuolo, III, 24.

TRASSINO Antonio, suoi maneggi e sua imprudente condotta; sua fuga, II,
18.

TRAVAGLINO, barbiere di Galeazzo Maria; crudeltà usatagli, II, 18.

TREMOUILLE (della), duca, comandante dei Francesi, II, 21.

Tribunale di Provvisione, creato nel 1270; sua antichità e suoi
attributi, I, 10.

TRIVULZI Carlo, citato, II, 15.

TRIVULZI Antonio, uno dei fautori del reggimento repubblicano, II, 15.

TRIVULZI Francesco, uno de' capi degli ammutinati, II, 16.

TRIVULZI Gian Giacomo entra in Milano come duce supremo dell'armata
francese; creato marchese di Vigevano; nominato governatore nella
Lombardia, II, 19; — abbandona Milano; aspra sua condotta verso
Lodovico il Moro prigioniero, II, 20; — accusato presso il re, muore;
suo carattere ambizioso; ruina della sua patria; la sua nuora e i suoi
nepoti sono arrestati a Vigevano, II, 22.

TRIVULZI cardinale, governatore di Milano, III, 26.

TROTTI Galeazzo, conte, generale della cavalleria napoletana, III, 31.


V

VALPERTO arcivescovo di Milano, I, 4.

VALVASSORI, ordine di cittadini nella repubblica di Milano, I, 9.

VASTO (del), marchese, governatore di Milano; suo gravoso reggimento,
III, 27.

VAUDEMONT (di) principe Enrico, governatore di Milano; suo nobile e
savio reggimento, III, 31 e 32.

VELADA (di), marchese, governatore di Milano, III, 31.

VELASCO (de) Fernandez, contestabile di Castiglia, governatore di
Milano, III, 31.

VENDOME (di) principe, comandante de' Francesi in Italia, III, 32.

VANNE (dal) Luchino, duce di Galeazzo secondo, II, 13.

VERME (dal) Jacopo, sua condotta a danno di Barnabò; sue militari
imprese, II, 14.

Verzè, significazione di questo vocabolo, I, 2.

VIALTA Oberto, podestà di Milano, I, 9.

VIGNATE (da) potente famiglia in Lodi, I, 10.

VIGNATE Giovanni, suo miserando fine, II, 13.

VILLA, moglie di Berengario secondo, I, 4.

VILLEROI (di), maresciallo, comandante i Francesi in Italia III, 32.

VILZECK conte, governatore di Milano; suo carattere, III, 33.

VINCI (da) Leonardo, chiamato in Milano da Lodovico il Moro, II, 19.

VISCONTI. _Vedi_ Galeazzo, Giovanni, Ottone, Giovanni Galeazzo, Matteo,
ec. ec.

VISCONTI Uberto, piacentino, podestà di Milano, I, 9.

VISCONTI Stefano, sua morte improvvisa, II, 11.

VISCONTI Estore e Giovanni, entrambi duci di Milano, durante un mese,
II, 15.

VISCONTI Margherita, moglie di Francesco Pusterla; suo miserando fine,
II, 12.

VISCONTI Lodrisio, liberato dal carcere, II, 12; — sua vittoria contro
gl'imperiali a Casorate, II, 13.

VISCONTI Roberto, arcivescovo di Milano; Barnabò sel fa inginocchiare
dinanzi per fargli l'Intemerata del _Nescis poltrone_, II, 13.

VISCONTI Carlo, uno dei congiurati contra Galeazzo Maria Sforza, II, 18.

VISCONTI Gaspare, saggio dei suoi poetici talenti, II, 19.

VISCONTI Bernardino acqueta una sedizione in Milano, II, 20.

VISCONTI Bonifazio tenta di uccidere Francesco Sforza, III, 23.

VISCONTI Gaspare, eletto arcivescovo di Milano, III, 29.

VISCONTI Federico, arcivescovo di Milano, III, 31.

VISCONTI Filippo, arcivescovo di Milano, lodato, III, 33.

VISCONTI Sacromoro, comandante il blocco del castello di Milano,
traditore, premiato dal re di Francia, II, 21.

VISCONTI Giambattista, senatore, citato e lodato, III, 30.

VISTARINI, famiglia potente in Lodi nel decimoterzo secolo, I, 10.

VITANI, famiglia potente in Como nel decimoterzo secolo, I, 10.

VITIGE, re de' Goti, sue conquiste in Italia, I, 2.

VITTORIO Amedeo di Savoia, duca, sua nuova ed improvvisa lega colla
Francia, III, 31.


U

URAIA, distruttore di Milano, I, 2.


Z

Zecca di Milano antichissima, monete ivi coniate sotto i Cesari; sotto
i Longobardi, I, 1 e 2.

ZENDADARIO Ottone, giudice imperiale, I, 8.

Zocco o ceppo, usanza antica milanese di porlo sul fuoco la vigilia del
Natale, I, 4, e II, 10.


  FINE DEL TOMO TERZO ED ULTIMO.



INDICE DI QUESTO TOMO


  CAPITOLO XXIII.

  _Vicende infelici de' Francesi. Francesco II Sforza
    riconosciuto duca di Milano. Venuta in Italia di
    Francesco I re di Francia, ed assedio di Pavia_        Pag.   5

  _Avvertimento_                                            »    34

  CONTINUAZIONE DEL BARONE CUSTODI

  _Prefazione del Continuatore_                             »    37
  §   I. _Della storia del conte Verri_                     »    38
  §  II. _Giudizii della detta storia_                      »    44
  § III. _Continuazione del canonico Frisi_                 »    53
  §  IV. _Del mio lavoro_                                   »    59

  CAPITOLO XXIV.

  _Battaglia di Pavia. Il re Francesco I rimane prigioniero.
    È condotto a Madrid. Sua liberazione. Vicende in questi
    tempi della lega di Francesco II Sforza, duca di Milano,
    e di Girolamo Morone_                                   »    63

  CAPITOLO XXV.

  _Francesco II Sforza bloccato nel castello di Milano.
    Sollevazioni e stato miserabile de' Milanesi. Campo
    della lega a Marignano. Morte del Borbone, e saccheggio
    di Roma. Disfatta de' Francesi. Pace di Cambrai_        »    89

  CAPITOLO XXVI.

  _Congresso in Bologna per la pace. Incoronazione di Carlo V.
    Nuovo congresso di Bologna. Matrimonio del duca Francesco
    II, e sua morte, per cui cessa la linea sforzesca_      »   113

  CAPITOLO XXVII.

  _Tentativi e progetti per la successione nel ducato di Milano.
    Congresso di Nizza, pace di Crespy, morte del duca
    d'Orleans, dichiarato da cesare duca di Milano_         »   139

  CAPITOLO XXVIII.

  _Il principe don Filippo investito del ducato di Milano.
    Morte di Francesco I. Entrata in Milano del nuovo duca.
    Nuova guerra in Italia. Tregua di Cambrai. Abdicazione e
    morte di Carlo V_                                       »   149

  CAPITOLO XXIX.

  _Pace tra la Spagna e la Francia. Il cardinale Carlo
    Borromeo arcivescovo di Milano. Contese di giurisdizione
    tra esso e i governatori regii. Soppressione dell'ordine
    degli Umiliati. Morte di Filippo II re di Spagna. Venuta
    in Milano di Margherita d'Austria sposa del re Filippo
    III_                                                    »   156

  CAPITOLO XXX.

  _Governo del conte de Fuentes e de' suoi successori. Morte
    del re di Spagna Filippo III. Fondazioni pubbliche,
    reggendo l'arcivescovado di Milano il cardinale Federico
    Borromeo. Progresso delle controversie giurisdizionali.
    Peste del 1630_                                         »   179

  CAPITOLO XXXI.

  _Successione di governatori. Guerre nel Piemonte, nella
    Valtellina e in Lombardia. Morte del re Filippo IV.
    Governo del duca di Ossuna. Morte del re Carlo II.
    Sacre e pie fondazioni, e morti di persone distinte_    »   208

  CAPITOLO XXXII.

  _Cause della guerra detta di Successione. Guerra in
    Italia. Morte dell'imperatore Leopoldo I, cui succede
    il figlio Giuseppe I. Liberazione di Torino. Il
    principe Eugenio di Savoia governatore dello Stato di
    Milano, conquistato dagl'Imperiali. Carlo VI imperatore.
    Nuova guerra d'Italia. Pace di Vienna_                  »   231

  CAPITOLO XXXIII.

  _Morte dell'imperatore Carlo VI, al quale succede negli
    Stati ereditari la primogenita Maria Teresa. Altra
    guerra in Italia, ch'ebbe fine colla pace in Acquisgrana.
    Condizione e governo della Lombardia. Giuseppe II
    imperatore; sue riforme. Breve regno e morte di
    Leopoldo II_                                            »   247

  _Tavola generale delle cose più osservabili contenute in
    quest'opera_                                            »   293



NOTE:


[1] Gaillard, tom. II, pag. 217.

[2] Lib. XIV.

[3] Cronaca di Antonio Grumello, cittadino pavese. MS. Belgioioso.

[4] _Nec parvi momenti apud Leonem Carolumque ea ratio fuit, quod
Sfortiarum nomen in magna gratia esse apud omnes fere populares
Mediolanensis ditionis constabat, quorum studium ad bellum conficiendum
magno usui fore non dubitabatur. Quibus rebus proponendis et
commemorandis Hieronymus Moronus civis Mediolanensis, vir magni
consilii et auctoritatis, per litteras et nuncios principes italicos ad
bellum pro Francisco Sfortia, cujus erat valde studiosus, suscipiendum
e Tridento cohortabatur: Mediolanenses vero ut a rege Gallorum, cui
Moronus erat infensus, deficerent, cunctis rationibus sollicitabat. —
Johannis Genesii Sepulvedae Cordubensis Opera cum edita tum inedita,
accurante Regia Historiae Academia. — Matriti, ex Typographia Regia,
anno 1780._ — _Vol. I, pag. 124 et 125._

(Nè di poco vigore fu presso _Leone_ e _Carlo_ quella ragione, che il
nome degli _Sforza_ si sapeva essere in gran favore presso tutto quasi
il popolo della giurisdizione milanese, del quale non dubitavasi che
l'attaccamento sarebbe il grande aiuto per la guerra che fare dovevasi.
E a proporre e rammemorare queste cose contribuiva _Girolamo Morone_,
cittadino milanese, uomo di alto consiglio e di grande autorità, il
quale con lettere e con avvisi da Trento esortava i principi italiani
ad intraprendere la guerra per _Francesco Sforza_, al quale era molto
attaccato. I Milanesi poi con tutti gli argomenti esortava il _Morone_
a staccarsi dal re dei Francesi, al quale egli era avverso. — Opere di
_Giovanni Genesio Sepulveda_, di Cordova, tanto edite, quanto inedite,
pubblicate per cura della Regia Accademia di Storia. — Madrid, dalla
Regia Tipografia, 1780.)

[5] Gaillard, tomo II, pag. 209.

[6] Così dice Gaillard, tomo II, pag. 209. Il Guicciardini dice più di
centocinquanta fanti, lib. XIV. Mi attengo al francese, perchè l'esatta
relazione sarà stata data anzi al re, che al governatore di Reggio.

[7] Lib. XIV.

[8] Guicciard., lib. XIV.

[9] Cronaca di Antonio Grumello. MS. Belgioioso, foglio 102, tergo.

[10] Descrizione di Milano, tomo IV, pag. 444.

[11] Guicciard., lib. XIV.

[12] Guicciard. — Gaillard. — Sepulveda. — Cronaca Grumello, foglio
106, tergo.

[13] Guicciard., lib. XIV.

[14] Gaill., tomo II, pag. 234.

[15] Cronaca Grumello, f. 103.

[16] Grumello, fogl. 104.

[17] Tomo 2, pag. 217.

[18] Anche _Francesco Sforza_, che seguitato era da seimila tedeschi,
giunse a Milano con singolare rallegramento della città, (e ne adduce
il motivo) perchè era uomo della cui cortesia, temperanza e giustizia,
grande era l'opinione nel popolo.

[19] Così il Guicciard., lib. XIV.

[20] Grumello, Cod. MS. Belgioioso, fogl. 112.

[21] Vedi Gaillard, tomo II.

[22] Avendo adunque comandato lo _Sforza_ a tutto il popolo di pigliare
le armi, menò fuori seimila armati e così pure quattrocento cavalli, e
con questi fermossi alla Bicocca, sulla strada che conduce a Monza.

[23] Sepulveda, pag. 131.

[24] Grumello, Cr. MS. Belgioioso, fogl. 115.

[25] Guicciard., lib. XIV.

[26] Gaillard.

[27] Le date le attesta Burigozzo.

[28] Lib. XII. — Gaillard lo nomina _Andrea de Ferrara_, tomo II, pag.
286.

[29] Veggasi il MS. del senatore Visconti nella Collezione Belgioioso
d'Este, pag. 181 e 195. Nella Collezione medesima, MS. Miscellanea,
tom. I, num. 21, si legge il contratto per la somministrazione del sale
fatto fra il duca e Domenico Saule, genovese. Ogni anno s'introducevano
circa staia 330 mila sale, metà rosso e metà bianco, di Tortosa a soldi
20 lo staio posto alle gabelle. Col ducato a lire 5 potrà il Sauli
estrarre 6000 some metà frumento e metà riso fatto, e ciò _gratis_.
Pagherà il Sauli al duca per onoranza annue lire 25 mila; le tratte
però non siano libere, se non sinchè il frumento non passi nel prezzo
lire 5. 10. Se il Saulo da Venezia farà consegnare st. 150 mila sale di
Cipro, sarà tenuto in computo di quelle di Genova, e similmente pagato.

[30] E far possa tutto ciò che sarà d'equità e di giustizia.

[31] Brantome, _Vie de François Premier_, dice che Saint-Blançay _en
paya la menestre per après, car il fut pendu a Montfaucon_.

[32] _Brantome, Hommes illustres._

[33] Essendo i custodi in parte consunti da malattia, in parte sfiniti
per tedio della lunghezza e per inopia dei cibi.

[34] Pag. 139.

[35] _Vie de l'amiral Bonnivet._

[36] Veggansi Guicciard., lib. XV. — Burigozzo. — Sepulveda. —
Gaillard, tomo III.

[37] Guicciard., lib. XV. Gaill., tom. III.

[38] Lib. XV.

[39] Gaillard, tom. III, pag. 102.

[40] Burigozzo.

[41] Guicciard., lib. XV.

[42] Gaillard, tom. III, pag. 113.

[43] Sebbene Gaillard, tom. III, pag. 117, dica seguita la morte di
Prospero Colonna il 30 dicembre, io credo al Burigozzo, che vivea
allora in Milano, e la dice seguita il 28.

[44] Guicciard., lib. XV.

[45] Gaillard, tom. III, p. 136. — Guicciard., lib. XV.

[46] In questa ritirata morì in un fatto d'armi fra Gattinara e
Romagnano il cavaliere Bayard, illustre per la magnanimità, per la fede
e per il valor suo. Di esso molto parlano le storie di quei tempi.

[47] Burigozzo.

[48] MS. Belgioioso, fogl. 129.

[49] _Sfortia ipse cum Mediolanensium non contemnenda manu.
Expugnatoque ponte quo Ticinus ad Abbiagrassum committitur (nam et hic
gallico praesidio tenebatur), oppidum ipsum magno impetu oppugnare
aggreditur, captumque, deleto praesidio, militibus diripiendum
permisit, atque ea victoria laetus, Mediolanum cum praeda magna
quidem, sed Mediolanensibus perniciosa revertitur; pestis enim, quae
Abbiagrassum afflixerat, Mediolanum ex contagione tam vehementer
invasit, ut supra quinquaginte hominum millia ex hac urbe, grassante
morbo, absumerentur._ — Sepul., pag. 149.

(Lo _Sforza_ medesimo con uno numero non ispregievole di milanesi.
Ed espugnato il ponte che trovasi sul Ticino presso Abbiategrasso
(perciocchè anche questo tenuto era da presidio francese), quel borgo
stesso con grande impeto si accigne ad assalire, e preso avendolo
e distrutto il presidio, ai soldati ne concedette il saccheggio; e
lieto di quella vittoria, torna a Milano con grande preda bensì, ma
ai milanesi perniciosa; perciocchè la peste, che Abbiategrasso aveva
afflitto, invase Milano con un contagio di tale veemenza, che più
di cinquantamila uomini di questa città, imperversando quel morbo,
perirono.)

[50] Che più di cinquantamila uomini nella città perirono, oltre
innumerabili altri che mancarono nei villaggi.

[51] Lib. IV, pag. 175.

[52] _Milan n'étoit plus cette ville florssante, qui suffisoit
autrefois à sa defense, et dont les bourgeois étoient autant de
soldats. Les ravages qui y avoient été faits par la peste l'avoient
changée en un vaste désert_. Gaill., tom. III, pag. 184.

[53] _Ce fut luy seul qui conseilla au roy de passer les monts, et
suivre monsieur de Bourbon, ayant lassé Marseille, non tant pour le
bien et service de son maître, que pour aller revoir une grande dame de
Milan, et des plus belles, qu'il avoit faite pour maitresse quelques
années devant, et en avoit tirè plasir, et en vouloit retaster. J'ay
ouy dire ce conte à une grande dame de ce tems-la, et mesme qu'il avoit
fuit cors au roy de cette dame (qu'on dit que s'appelloit LA SIGNORA
CLERICE, pour lors estimée des plus belles de l'Italie), et luy en
avoit, fait venir l'envie de la voir, et coucher avec elle: et voilà la
principale cause de ce passage du roy, qui n'est à tous connue. Ainsi,
la moitiè, du Monde ne sçait comment l'autre vit; car, nous cuidons la
chose d'une façon, qui est de l'autre. Ainsi, Dieu qui scait tout, se
mocque bien de nous._

[54] Veggasi l'opera di Francesco Tegio, fisico e cavaliere, stampata
in Pavia per Giovanni Andrea Magri, 1655, intitolata: _Pavia assediata
da Francesco I Valois, re di Francia_.

[55] Le date sono del Burigozzo: del rimanente vedi Gaillard, tom. III,
pag. 184.

[56] _Vix dum erant Caesariani Mediolano per portam quae Romana
dicitur, ordine servato, ne profectio similis fugae videretur,
digressi, cum per Ticinensem et Vercellensem Galli succedebant; nec
tamen rex ipse Mediolanum est ingressus, sed, imposito praesidio, quod
arcem simul obsideret, paucis diebus ante novembris kalendas exercitum,
oppugnandi gratia, Papiam inducit._ Sepulveda, pag. 153 e 154.

(Appena erano usciti i Cesariani da Milano per la porta che si
nomina Romana, mantenendo buon ordine, affinchè l'andata loro simile
non sembrasse ad una fuga, che per la porta Ticinese e Vercellina
sottentrarono i Francesi; nè tuttavia il re stesso entrò in Milano, ma
postovi presidio, che al tempo stesso assediare dovesse il castello,
pochi giorni avanti le calende di novembre l'esercito, affine di
combattere, condusse a Pavia.)

[57] Tegio.

[58] Pag. 153.

[59] La Cronaca di Martino Verri dice che nello stesso giorno in cui
il re passò il Tesino dalla parte d'Abbiategrasso, gl'imperiali lo
passarono alla Stella sul Pavese.

[60] Lib. XV.

[61] Secondo Gaillard il duca di Ferrara somministrò polvere pel
valore di ventimila fiorini d'oro, e cinquantamila ne somministrò
effettivi. La Cronaca del Grumello dice che vennero sotto la scorta
del Bonneval trasportate cento some di polvere da Ferrara al campo
del re. Il Sepulveda dice: _Alfonsus Æstensis, Ferrariae dux, ad
Papiae commodiorem expugnationem petenti regi amicitiae gratia ex
maxima scilicet copia submittebat. Alfonsus enim tormentis fabricandis
oblectabatur, atque ejus artificii scientissimus erat._ (_Alfonso
d'Este_ duca di Ferrara, alfine di espugnare più comodamente Pavia,
al re, che ne lo richiedeva, in virtù dell'amicizia, in grandissima
quantità (_polvere da cannone_) somministrava. Perciocchè _Alfonso_
dilettavasi di fabbricare cannoni, e in quel genere di artifizi era
sapientissimo.)

[62] Tegio.

[63] Tegio; e il Sepulveda dice: _Ter milites irrumpere jussi,
conatique, ter a Caesarianis, magno accepto detrimento repulsi._ (Tre
volte i soldati ricevettero l'ordine di assalire, e fecero i loro
sforzi; tre volte dai Cesariani furono con grande perdita respinti.)

[64] Tegio.

[65] _Hoc oppidum Antonius Leiva custodiendum susceperat, ibidem
Germunorum qui agmen nostrum subsequebantur ad quinque millibus,
Hispanisque circiter quingentis et quadringentis equitibus retentis.
Ita cum hum quoque Caesariani pleraque tormenta et plurimum bellici
apparatus contulissent, recepta Papia, bellum confectum fore rex sibi
persuadebat._ Sepulveda.

(Questa città aveva preso a difendere _Antonio Leiva_, ritenuti avendo
colà circa cinquemila dei Tedeschi, che l'esercito nostro seguivano, e
circa cinquecento Spagnuoli e quattrocento cavalli. Così avendo anche
colà i Cesariani trascinati molti cannoni e grandissimo apparato di
guerra, il re persuadevasi che, ottenendo egli Pavia, la guerra sarebbe
finita.)

[66] Gaillard, tom. III, pag. 204.

[67] _Germanos qui erant in Papiae praesidio, quamvis obsidionis initio
oppidanorum sumtibus alerentur, stipendium tamen efflagitare, urbem,
nisi sibi satisfiat, hostibus sese tradituros minitantes._ Sepulveda,
pag. 156.

(I Tedeschi che erano nel presidio di Pavia, sebbene al cominciare
dell'assedio fossero nutriti a spese dei cittadini, lo stipendio
tuttavia con istanza chiedevano, minacciando di cedere la città ai
nemici, se non accordavasi la loro domanda.)

[68] _Accepta excusatione, parvâque pecuniâ, aequo animo ad bellum
confectum stipendii solutionem expectarunt, praesertim post ipsorum
praefecti mortem, qui per eos dies ardentissima febri correptus,
nec sini veneni suspicione interiit: Sic enim increbuit Antonium hac
ratione voluisse sine tumultu ancipiti moto mederi, eo scilicet sublato
de medio, qui seditionis auctor fuisse putabatur._ Sepulveda, pag. 158.
Il Bugatti nella Storia Universale, libro VI, con indifferenza uguale,
dice: _Havendogli rimediato la subita morte del loro colonnello, tolto
di mezzo destramente, per essere il primo in sospetto di tradigione._

(Ammessa avendo la scusa e ricevuto un poco di danaro, di buon animo
accordansi ad attendere il pagamento dello stipendio alla fine della
guerra, massime dopo la morte del loro prefetto, il quale in que'
giorni, assalito da ardentissima febbre, morì non senza sospetto di
veleno; perciocchè così la voce si sparse che _Antonio_ avesse voluto
in quel modo rimediare a un doppio male senza tumulto, cioè togliendo
di mezzo quello che autore della sedizione riputavasi.)

[69] Perciò mi maraviglio grandemente che il chiarissimo conte Pietro
Verri nella sua recentissima Storia milanese, abbia insegnato, non
essere quei monumenti di alcun giovamento a tessere la storia di quelle
età: il che veramente tanto strano mi sembra, che costretto sono a
confessare di non sapere quello che il chiarissimo autore intenda sotto
il nome di Istoria.

[70] Lettere di messer Bernardo Tasso. Venezia, presso Lorenzini da
Turino, 1561, pag. 4.

[71] Lib. XV.

[72] Lib. XV.

[73] Per vessarli da prima col timore e coll'agitazione; quindi, dopo
che essi si sarebbero colla consuetudine spogliati di quel vano timore,
offenderli con maggiore sicurezza, allorchè fosse sembrato opportuno
assalire i nemici con vera battaglia.

[74] Sepulveda, pag. 166.

[75] In Pavia mancava la polvere. Perciò i cesarei staccarono
sessanta cavalieri spagnuoli, ciascuno dei quali portava all'arcione
un sacchetto di polvere. Questi, incamminatisi verso Pavia, caduti
in mezzo ai francesi, dieder loro a credere d'esser del signor Gian
Giacomo Medici; al che venne prestata fede, e così portarono quel
soccorso a Pavia. Le truppe del Medici servivano la Francia, come
presentemente farebbero lo truppe leggeri di ussari, croati, ulani,
calmucchi, cosacchi; e, poco avvezze alla militare disciplina, erano
sconosciute all'esercito, col quale guerreggiavano colle scorrerie,
anzi che colla riunione in un solo corpo d'armata. Il Medici,
ferito d'archibugiata in una coscia il 20 febbraio, mentre cercava
di rappresagliare alcuni pavesi, fu trasportato a Parma per essere
medicato, e così evitò fortunatamente il destino della battaglia 24
febbraio (_Cronaca di Martino Verri, e Tegio_).

[76] Brantome, _Hommes illustres_, art. _Bonnivet_.

[77] Stor. Univ., lib. VI, pag. 778.

[78] Brantome, _Hommes illustres_, art. _La Palice_.

[79] Sepulveda, pag. 168.

[80] Tegio, pag. 64.

[81] Stor. Univ., lib. VI, pag. 779.

[82] Bugati (lib. VI, pag. cit.) dice che il d'Alençon, giunto _di
lungo in Francia, convinto di malvagio animo contro il suo re, gli fu
poi tagliata la testa_. Il che è dimostrato falso dai Maurini: _Art
de vérifier les dates_, pag. 573, i quali scrivono che nel tempo della
prigionia del re Francesco I il conte d'Alençon, Carlo Borbone, avo di
Enrico IV, fu capo del Consiglio di Reggenza nella Francia.

[83] Brantome e Sepulveda.

[84] Tegio.

[85] Fogl. 143, tergo.

[86] All'anno 1525.

[87] Lib. VI, pag. 779.

[88] Non soffrì che gli si facesse pubblicamente, secondo il costume,
alcuna congratulazione, nè egli si abbandonò all'allegrezza, ma la
gioia moderatamente sostenne colla sua gravità.

[89] Sepulveda, pag. 171.

[90] Grumello, fogl. 142 e 143.

[91] Ann. d'Ital., tom. XIV, pag. 212.

[92] Grumello, fogl. 143, tergo.

[93] Pag. 174 e 210.

[94] Per cagione dell'ingiuria della figlia negletta, la quale essendo
stata promessa a Carlo, non ancora giunta a legittima e matura età,
egli realmente non trascurò, ma per giuste cagioni pospose ad Isabella,
figliuola di Emanuele re di Portogallo.

[95] Che non ricusi di dare alcuna fede, alcun giuramento, alcun
numero di ostaggi, purchè in libertà possa ricuperarsi; perciocchè
facilmente potrà impetrare l'assoluzione del giuramento del pontefice
massimo, capo della congiura, il quale ultroneamente egli stesso
quell'assoluzione concederà.

[96] Pag. 173.

[97] Guicciard., lib. XVI, fogl. 473, tergo.

[98] Pag. 177. _Sibi esse in animo, si qua ratione iniri possit,
Italiam a crudeli dominata et intolerabili avaritia Barbarorum in
libertatem asserere; de quorum in Italos anime, fideique eorum in se
opinione, si non aliunde Marchio didicisset, lamen domestico, suoque
exemplo potuisse nuper edoceri, cum de transvehendo in Hispaniam
Gallorum Rege tam diligenter fuisset a Carolo Caesare celatus, propter
suspectam ipsius, ut caeterorum Italorum, fidem. Qua Barbarorum
suspicione Itali, si qua ratio dignitatis haberetur, satis sui officii
admoneri possent; nam cui dubium esse suspicionem illum ex timore
barbarorum ortam, ne Itali resipiscant aliquando, et vires suas orbi
reliquo, adsit modo concordia, non tolerandus agnoscant, et memores
veteris majorum glorias, unanimes ad arma concurrant, et Italiam, ab
ipsis Barbaris servitute oppressam, vindicent in libertatem?_

(Avere in animo, se in qualche modo far si potesse, di liberar l'Italia
dalla crudele dominazione ed intollerabile avarizia de' Barbari;
del cui animo contro gl'Italiani e della opinione che quelli avevano
della loro fede, se il marchese non ne fosse altronde ammaestrato,
avrebbe potuto con domestico ed anzi suo proprio esempio recentemente
istruirsi, quando fu così diligentemente tenuto al buio da Carlo cesare
intorno al trasportare in Ispagna il re di Francia, a motivo della
sospettata fede di lui e degli altri italiani. Dalla qual sospezione
de' Barbari gl'Italiani, se alcun riguardo di dignità si avesse,
sarebbero abbastanza avvertiti del dover loro, imperocchè a chi poteva
esser dubbio nascere quella sospezione dal timore concepito dai Barbari
che gli Italiani non faccian senno una volta e conoscano essere le
proprie forze, perchè siavi fra loro concordia, irresistibili al resto
del mondo e memori dell'antica gloria dei maggiori, corrano unanimi
all'armi, e rivendichino in libertà l'Italia, oppressa dal servaggio
degli stessi Barbari?)

[99] _Praemium suae virtutis, consensu Italiae, regnum Neapolitanum
accepturus_: (Che ricevuto avrebbe, col consentimento dell'Italia, in
premio del suo valore il regno napoletano): Sepulveda, pag. 178. Notisi
che il Pescara era italiano bensì, ma la casa d'Avalos, originaria
di Catalogna, era spagnuola, stabilita in Napoli dagli avi suoi sotto
Alfonso I, avanti la metà del secolo XV.

[100] Lib. XVI. pag. 447.

[101] Gaillard, _Vie de François I_, tom. III, pag. 317.

[102] Il pontefice, con alcuni argomenti fallaci, ma dedotti da una
specie di diritto, si sforza di persuadere al marchese, che piamente e
santamente poteva da esso commettersi quella sceleratezza.

[103] Sepulveda, pag. 181.

[104] Guicciardini, lib. XVI, pag. 476, tergo.

[105] Grumello.

[106] La risposta di Cesare a Catilina, che lo invita ad associarsi
a lui, è nobilissima: _Je ne peux le trahir, n'exige rien de plus._ —
Catilina, _de M. de Voltaire, acte II, sc. 3_.

[107] Sepulveda, pag. 181.

[108] _Intentatis tormentis, conjuratorum consilia plenius et
apertius indicata._ (Adoperati i tormenti, conosciuti più ampiamente e
chiaramente i disegni de' congiurati). Sepulveda, pag. 182.

[109] Guicciard., lib. XVI, pag. 473. — Gaillard, tom. II, pag. 299.

[110] Il duca Francesco II in un suo editto si doleva nel seguente
modo delle proprie sciagure: _Franciscus Secundus Sfortia Vicecomes,
Dux Mediolani, etc. Posteaquam Divina Clementia, et sacratissimi
Caroli Caesaris auxilium ad avitum paternumque Mediolanense restituti
fuimus Imperium, tanta nos temporum calamitas et bellorum vis
undique afflixit, ut difficile hactenus dijudicare possimus plus ne
felicitatis in adipiscendo Statu, an eo jam adepto miseriae simus
assecuti. Nam post Status recuperationem singulis annis renovato ab
hostibus nostris bello, et quidem semper graviori atque acerbiori,
perturbati adeo et vexati sumus, ut de nostra ac subditorum salute
saepe numero fuerit pene desperatum; et ne ullum nobis respirandi
tempus reliqueretur, accessit pestis post hominum memoriam saevissima,
etc._ (_Francesco II Sforza Visconti_, duca di Milano, ec. Poichè
per divina clemenza e per l'aiuto del sacratissimo Carlo cesare fummo
ristabiliti nell'avito e paterno milanese dominio, tanto ci afflisse
da tutte le parti la calamità dei tempi e l'impeto delle guerre,
che difficilmente finora possiamo giudicare, se maggiore felicità
conseguita abbiamo nell'acquistare lo Stato, o maggior miseria dopo
l'acquisto ottenuto. Perciocchè, dopo di avere recuperato lo Stato,
rinnovata essendo ogni anno dai nemici nostri la guerra, e sempre
ancora più grave e più acerba, per tal modo fummo turbati e molestati,
che più volte si perdette quasi la speranza della salute nostra e di
quella dei sudditi; ed affinchè alcun momento di respiro non ci fosse
conceduto, si aggiunse una peste la più crudele che mai a memoria di
uomini si provasse, ec.) Passa indi a dire che, dovendo egli sborsare
all'imperatore Carlo V la tassa per l'investitura del ducato, quindi
impone che ogni feudatario o possidente fondi donati dal sovrano
paghi il frutto di sei mesi del suo feudo o podere (_MS. Belgioioso,
Miscellanea, vol. I, num. 4_). Dalla carta poi num. 6 dello stesso
codice vedesi che impose anche un testone, ossia un zecchino per
focolare, _et le subventione quale intendemo ne facciano tutte le
persone ecclesiastiche del dominio nostro, eccettuati li reverendissimi
cardinali_.

[111] Sepulveda, pag. 183.

[112] Grumello e Burigozzo.

[113] Annali, l'anno 1526, pag. 213.

[114] Annali al 1526, pag. 215.

[115] Du Mont, Code diplomatique.

[116] Sepulveda, pag. 191.

[117] Grumello e Burigozzo.

[118] Lib. VI.

[119] Pag. 86.

[120] Nella qual cosa, affinchè, forse trattenuto dalla religione,
troppo timidamente non si conducesse, egli da quel giuramento, se
alcuno per avventura dato ne aveva a Carlo per assicurare la sua fede,
coll'autorità apostolica lo scioglieva; e quindi non altrimente che
se la cosa fosse intatta, non dato alcun giuramento nè alcuna fede,
con fermezza stabilisse intorno agli affari suoi. Molte cose aggiunse
inoltre in questa sentenza, non meno al diritto delle genti che al
divino contraria, co' suoi mandati per lettere, tutti raccogliendo gli
argomenti coi quali sembrava potersi indurre a trascurare il diritto
delle genti ed a mancare di fede.

[121] Che neppure il re francese ottenesse alcun dominio su gli
Italiani, ma contento fosse degli annui tributi dei cinquantamila
ducati d'oro, che pagati ad esso sarebbono dal duca di Milano, e di
altri settanta che pagati sarebbono dal re napoletano, da eleggersi coi
suffragi degli Italiani.

[122] Sepulveda, pag. 188.

[123] E mandò altra lettera più equitativa e più moderata, che in
pochissime parole racchiudeva un eguale sentimento, ma tolte di mezzo
in parte le calunnie.

[124] Pag. 193.

[125] Guicciardini, lib. XVII, pag. 18.

[126] Dopo la vittoria di Pavia il Borbone erasi recato a Madrid.
L'imperatore voleva alloggiarlo con distinzione, e chiese al marchese
di Villena il suo palazzo per l'alloggio di quel principe. Il marchese
rispose: _Non posso ricusar cosa veruna alla Maestà Vostra: unicamente
la supplico di concedermi, che, sloggiato che egli ne sia, io
l'abbruci, come luogo infetto di perfidia e indegno d'essere abitato
da uomini d'onore._ Gli Spagnuoli generalmente così giudicavano del
contestabile duca di Borbone.

[127] Guicciardini, lib. XVII, pag. 18, 19 e 20.

[128] Guicciardini, luogo citato.

[129] Sepulveda, pag. 201.

[130] Sepulveda, pag. 215.

[131] _Borbonius, posteaquam nec a militibus ut ab incepto itinere
ac proposito desisterent impetrare, nec eos, ut erat, stipendio non
suppetente, praecarius imperator, coercere posset, non putavit nec ad
suum officium et dignitatem, nec ad Caroli Caesaris rationes interesse
ut ipse quoque ab exercitu discederet, ne si tanta multitudo sine
imperio ferretur, obvia quaequae devastans atque diripiens, in omnem
injuriam et maleficium intolerantius irrueret, et pontificiae ditionis
populis, contra inducias factas et Caroli Caesaris voluntatem, longe
gravius noceretur._ Sepulveda, pag. 215.

(Il _Borbone_, poichè non potè impetrare dai soldati che
dall'intrapreso viaggio e dal disegno proposto desistessero, nè
credette di poterli costringere, essendo egli precario comandante,
mentre non correano le paghe, nè giudicando che fosse convenevole
al suo ufficio e alla sua dignità, anzi importante per i diritti di
Carlo Cesare, che egli ancora dall'esercito non si partisse, affinchè
una truppa così numerosa, rimasta senza comando, non si portasse a
devastare i luoghi che incontrava, o facesse qua e là irruzione in modo
più intollerabile, rubando con ogni sorta d'ingiustizie e di malvagità,
e si nuocesse così assai più gravemente, malgrado la tregua stabilita
e la volontà di Carlo Cesare, ai popoli della giurisdizione pontificia,
ec.)

_Ritrovandosi il Borbone di pessimo animo per non haver da dar paga
allo exercito di Cexare, corno più et più fiate li avea promisso, hebe
deliberato di levar suo exercito de la Romandiola et pigliar il camino
di la città di Florencia, pensando di aver danari da essa Repubblica._
Grumello, fogl. 163.

[132] Continuatore della Stor. Eccl. del Fleury, tom. XIX, lib. 131, §
10, pag. 211.

[133] _Memorie storiche di Monza e sua corte_, del canonico Antonio
Francesco Frisi, tom. I, cap. XVII, pag. 198, e tomo II, docum. 254,
pag. 230.

[134] _Vedendo il duca di Borbono non essere alchuno rimedio di aver
danari da essa città, per dar paga allo exercito cexareo, affamato et
quasi perso, hebbe facta deliberatione di pigliar il cammina di Roma._
Così Grumello, al luogo citato.

[135] Fogl. 163 tergo.

[136] Cronaca MS di Martino Verri.

[137] Pag. 263. e segg. — Sono esse le seguenti: «Franciscus Rex
Gallorum Carolo Romanorum imperatori designato Hispanorumque regi,
salutem.

Renuntiatum mihi est a legatis quos ad te de pace misi, le, conditiones
aequissimas aspernantem, excusationem attulisse, quod ego istine
violata fide profugerim; quamobrem ut meae famae consulam, quae falsis
a te obtrectationibus et calumniis graviter impetitur, hanc ad te
provocandi causa epistolam mittere constitui. Nam licet nemo cui sint
custodes impositi, data fide teneatur, qua ratione id meum factum vel
sola purgari posset; tamen meae famae consultum esse cupiens, cuius
magnam semper habui habeboque dum vita supererit rationem, ut hominum
de me opinioni satisfaciam, sic tecum agere decrevi. Si me fidem datam
violasse jactasti, vel jactas, aut contempta fama quidquam fecisse quod
virum nobilem, bonae famae studiosum non deceat, te turpiter mentiri
dico, et quoties dixeris mentiturum. Quoniam igitur falso meam famam
laedere conatus es, nihil amplius mihi scribas, sed locum certamini
idoneum, tutumque deligito; ego arma utrique deferam. Ac ne a quid
posthac temere in meam contumeliam voce vel scripto jactes, Deum
hominesque testor per me non stare quominus inter nos controversia
singulari certaminus dirimatur. Vale. Lutetiae, quinto kal, aprilis,
Anno MDXXVIII».

«Carolus Romanorum imperator designatus, Germaniae Hispaniarumque Rex,
Francisco Gallorum Regi S. D.

Epistolam tuam, cui dies erat adscriptus ad quintum kal. aprilis, mihi
reddidit Gienna, caduceator tuus, sexto, idus junii, longo scilicet
intervallo, ad quam eadem fere quae eidem caduceatori dixeram,
rescribam. Quod legatis et caduceatoribus quos ad me de pace misisti,
quaedam ad tuam contumeliam pernitentia me tibi, purgandi causa,
jactasse scribis, ego nec caduceatorum tuum quemquam vidi praeter cum,
qui Burgos ad me venit ut tuis verbis bellum nobis indiceret, nec erat
cur me tibi, quem nunquam per injuriam offenderam, purgarem; te autem
si nihil aliud, tua certe ipsius culpa accusat et condemnat. Quod autem
fidem quam mihi dederas me requiere dicis, est, ut ais: requiro enim
illam quam mihi Madritii foedere dedisti, te in meam potestatem, ut
meum capitivum, justo bello captum, rediturum nisi, liberatus, pacta
conditionesque foedere acceptas perfecisses, ut scriptura publica
tuaque manus testimonio est. Me vero jactasse te contra fidem datam ex
custodia profugisse commentitium est; non ego in hoc tuam perfidiam
esse dico, sed in eo quod foedus non servas, et jusjurandum fallis,
in quo nulla est necessitatis execusatio: quam enim quisque fidem
hosti dederit, temporibus adductus, hanc ut praestet jus gentium esse
constat, et proborum hominum consuetudinem, qua sublata, tollitur ratio
bella semel confiata sine summa hominum pernicie dissolvendi. Quod vero
si te dico aut dixero fidem datam violasse aut contemta fama quidquam
fecisse quod virum nobilem et bonae famae studiosum non deceat, me
turpiter mentiri, et quoties dixero mentiturum, ego, quam sis coeteris
in rebus quae ad me non pertinent boni nominis studiosus et officii
cultor, non laboro: illud citra mendacium affirmo, quod fidem quam
mihi Madritii tum publice, palamque, tum privatim separatimque dedisti,
fallas, quod pacta foederaque et jusjurandum violes, te nec boni viri,
nec generosi munere fungi; hoc si tu verum esse negabis, scriptura
publica tuaque manu redarguente, non ego tuam illiberatem, vixque
gregario milite dignam orationem imitatus, te turpiter mentiri dicam,
quamquam hoc, me tacente, res ipsa loquitur, tuumque tibi factum,
plurimum ab oratione discrepans, aperte dicit: profiteor autem me, ut
caeterorum Christianorum sanguini parcatur, tecum de veritate armis
viritim disceptaturum et controversias diremturum, ad quod dumtaxat te,
qui cum meus captivus sis, pugnare cum altero praeter meam voluntatem
communibus legibus prohiberis, idoneum reddo. Quod me amplius ad
te scribere vetas, sed aequum tutumque pugnae locum praebere, teque
dicis arma utrique deportaturum; patiaris oportet haes ad te scribi,
tuaque malefacta, dum res postulat, memorari. De loco certaminis
conditionem accipio, daboque operam, quantum erit in me, ut loco
injuria omnesque absint insidiae. Erit autem idoneus locus, ut jam
nunc nobis condicatur, in confinio regnorum nostrorum ad parvum sinum
qui est inter Fonterabiam et Andajam, qua parte, et qua ratione inter
nos convenerit, et ad parem conditionem tutamque ab insidiis rationem
pertinere visum fuerit; quem locum nihil est quod recuses, cum ibidem
et tu dimissus fueris, et filios foederis obsides tradideri; quo ex
utraque parte viros nobiles et rei militaris peritos mittere licebit,
quorum judicio omnia quae ad parem pugnandi conditionem pertinebunt,
et utrius sit arma utrique deligendi, quod ego potius meum esse dico
quam tuum, et dies pugnae et caetera quae ad negotium conficiendum
faciant, constituantur. Tuum igitur erit ad haec primo quoquo tempore
respondere; quod si ultra quadragesimum quam tibi haec epistola
reddita fuerit distuleris, jam omnes intelligent per te stare quominus
singulari praelio decernatur. Vale. Ex Montisone, pridie nonarum julii,
Ann. Christi nati MDXXVIII».

(Francesco, re de' Francesi, a Carlo destinato imperatore dei Romani e
re di Spagna, salute.

Dai legati che a te ho spedito intorno alla pace, mi è stato riferito
che tu, sprezzando le più eque condizioni, hai addotto la scusa
che io di costà, violando la fede, sia fuggito; per la qual cosa,
geloso di provvedere alla mia fama, gravemente da te attaccata con
falsi rimproveri e calunnie, ho stabilito di mandarti questa lettera
provocatoria. Perciocchè, sebbene alcuno al quale sono date guardie
per custodirlo, non sia tenuto alla data fede, per la quale ragione,
anche sola, quello che da me fu fatto potrebbe purgarsi da qualunque
taccia, tuttavia, bramando di meglio provvedere alla mia fama, della
quale ebbi sempre ed avrò, finchè vita mi rimanga, grandissima cura, ho
stabilito di agire teco in questo modo, affinchè all'opinione pubblica
intorno alla mia persona soddisfaccia. Se tu ti vantasti, oppure ti
vanti ch'io violata abbia la fede data, o che, sprezzatore della fama,
alcuna cosa io abbia fatto che non degna sia di uomo nobile e della
buona fama curante, dico che turpemente tu menti, e mentirai qualunque
volta tu lo dicessi. Poichè adunque falsamente la mia fama ti sei
sforzato di offendere, più non iscrivermi alcuna cosa, ma scegli un
luogo al certame idoneo e sicuro; io porterò le armi per ambidue. E
affine che più in avvenire di alcuna cosa non ti vanti temerariamente a
mia contumelia, in voce nè in iscritto, chiamo in testimonio Dio e gli
uomini, che da me non dipende che la controversia tra noi diffinita non
venga con singolare certame. Sta sano, Parigi, il quinto giorno delie
calende di aprile dell'anno MDXXVIII.

Carlo, imperatore dei Romani designato, re della Germania e Spagne, a
Francesco, re de' Francesi, salute.

La lettera tua, colla data del quinto giorno delle calende di aprile,
recommi Gienna, araldo tuo, il dì sesto degl'Idi di giugno, dopo
cioè un lungo intervallo, alla quale le stesse cose a un dipresso
risponderò che già dette aveva allo stesso araldo. Quanto a quello che
tu ora scrivi, che cogli ambasciatori e cogli araldi che a me mandasti
intorno alla pace, io mi sia vantato di alcune cose che tornavano a
tua contumelia affine di scusarmi, io nè mai vidi alcun tuo araldo,
fuorchè quello che venne da me in Burgos, affinchè colle parole a noi
la guerra intimasse, nè ragione vi aveva che io mi scusassi con te, che
mai ingiustamente offeso non aveva: quanto a te, se pure niun'altra
cosa, certamente la tua stessa colpa ti accusa e ti condanna. Quanto
poi alla fede che data mi avevi, e che tu dici che io ora reclamo,
la cosa è come tu dici; perciocchè reclamo quella fede che a me con
un trattato desti in Madrid, che tu esistente in mio potere, come mio
prigione, pigliato in giusta guerra, saresti tornato, qualora, fatto
libero, non avessi adempiuto i patti e le condizioni in quel trattato
accettate, come lo attestano la scrittura pubblica e la soscrizione
fatta di tua mano. Che io poi mi sia vantato che tu fossi dal carcere
fuggito contro la data fede, ella è una pretta impostura: non dico io
già che in questo consista la tua perfidia, ma bensì in quello soltanto
che il trattato non mantieni, ed il giuramento hai violato; nel che
addurre non si può alcuna scusa per titolo di necessità: conciossiachè
quella fede che chiunque data avesse ad un nemico dalla necessità de'
tempi indotto, questa certamente egli dee prestare per diritto delle
genti e per la consuetudine degli uomini probi, tolta la quale si
toglie ancora la ragione di troncare le guerre una volta insorte, senza
grandissima strage degli uomini. In quanto poi a quello che tu dici,
che io villanamente mentisca, qualora io dica o pure dirò che tu hai
violata la fede data, o che, sprezzando la fama, hai fatta cosa indegna
di uomo nobile e della buona fama sollecito, e che tante volte mentirò,
quante volte il dirò; io non mi curo punto che tu sii in tutte le altre
cose che a me non appartengono, studioso del buon nome e adempitore
del dovere; quello bensì senza alcuna menzogna affermo, che tu manchi
alla fede che mi desti in Madrid, tanto in pubblico ed in palese,
quanto privatamente ed in separato colloquio; che tu violi i patti e i
trattati e il giuramento, ed in questo non ti mostri nè uomo onesto nè
generoso: se tu negherai che questo sia vero, la scrittura pubblica e
la tua mano deponendo contra di te, non imiterò già io la tua maniera
di parlare illiberale e degna appena di un fantaccino, dicendo che tu
menti turpemente, sebbene questo, anche in mezzo al mio silenzio, viene
annunziato dalla cosa medesima, ed il tuo fatto, troppo dissonante dal
tuo parlare, apertamente lo dichiara; professo tuttavia la massima
che io, affinchè si risparmi il sangue degli altri cristiani, teco
verrò su la verità delle cose a discutere colle armi, e a definire le
controversie; al che solamente, essendo tu mio prigioniero, e quindi
dalle leggi comuni impedito dal pugnare con alcuno senza mio volere,
ti rendo e ti dichiaro idoneo. Siccome poi mi vieti di scriverti più
oltre, ma m'inviti ad assegnare un luogo convenevole e sicuro alla
pugna, e dici che tu le armi per l'uno e per l'altro porterai, è d'uopo
che tu soffra che queste cose ti si scrivano e si rammemorino, mentre
la cosa stessa il richiede, le tue azioni sconvenevoli. Io accetto
la condizione relativa al luogo del duello, che, per quanto da me
potrà dipendere, procurerò che riparato sia da qualunque offesa, e che
lontane sieno tutte le insidie. Sarà poi idoneo il luogo, a ciò che da
noi venga fin d'ora stabilito, sul confine dei regni nostri, in quel
piccolo seno che è situato tra Fontarabia e Andaia, da quella parte
e in quel modo che tra noi si converrà, e che sembrerà appartenere
all'eguaglianza delle condizioni e alla sicurezza delle insidie. Il
qual luogo tu non puoi in alcun conto ricusare, giacchè colà tu fosti
lasciato libero, e i figliuoli dèsti in ostaggi del trattato: in quel
luogo dall'una e dall'altra parte sarà lecito il mandare uomini nobili
e periti delle cose militari, al di cui giudizio si rimetteranno tutte
le cose appartenenti alla parità delle condizioni nella pugna, e da
essi saranno scelte le armi per ciascuno, il che a me piuttosto che
a te si apparterrebbe, e stabiliti saranno il giorno della pugna e le
altre cose tutte che servire possono alla conclusione di questo affare.
A te dunque tocca il rispondere quanto prima a queste domande; che
se ritarderai oltre il quarantesimo giorno dopo che questa lettera ti
sarà rimessa, intenderanno tutti da te solo dipendere che in singolare
certame non si definisca la controversia. Sta sano. Da Montisone il
giorno avanti le none di luglio dell'anno della natività di Cristo
MDXXVIII.)

Il re Francesco non volle accettare la lettera, dichiarando che nessuna
risposta avrebbe ricevuta, se non conteneva le uniche parole del luogo
e del tempo pel duello.

[138] Sepulveda, pag. 281.

[139] Lib. XVIII, pag. 70 e 71, e Cronaca MS. del Burigozzo.

[140] Grumello, fogl. 181.

[141] Guicciardini, lib. XIX, pag. 85, e seg.

[142] Guicciardini, lib. XIX, pag. 97.

[143] Fogl. 159, all'anno 1526.

[144] Pag. 286.

[145] Per dare un'idea del merito di Girolamo Morone trascriverò alcuni
squarci delle lettore di lui, che tuttora ai conservano manoscritte.
Nel 1507 il Morone vegliava su quanto facevasi in Costanza, acciocchè
gli Svizzeri non ascoltassero le proposizioni dell'imperatore
Massimiliano, ma perseverassero nella fede col re di Francia, duca
di Milano. Su di ciò scrisse al gran maestro, Carlo d'Amboise,
luogotenente e governatore: «Fuit conventus Constantiensis acriter
perturbatus ambigua subdolaque Helvetiorum responsione, nullamque
eorum rationem habendam censuit: dissimulandum tamen judicavit, ne
eo magis Regi jungantur, quo se ab Imperio neglectos perspiciant.
Sed jam dissimulatio ipsa dissimulari amplius non potest, innotuitque
omnibus Helvetiis nullam Caesarem in eis fidem reponere, nec stipendia
eis daturum, et quando Caesaris legati capitaneos, vexilliferos,
peditasque Helvetiorum conscribunt, risum jam omnibus parant. Nec
tacent pueri, illos descriptos quidem esse, stipendiatos minime, igitur
quod Helvetios attinet, res in tuto est; habebimus eos, si voluerimus,
supra spem numerosiores et fideliores. At inter principes legatosque
Germaniae eo usque deventum est, ut promiserint Caesari subministrare
stipendia semestria octo millium equitum et viginti quinque millium
peditum in Italicam expeditionem traducendorum, quam in mensem
februarii differendam censuerunt, ut interea pecuniae, arma, et caetera
ad bellum necessaria parari possint. A principibus illis quos noris,
certior factus sum opera sua dilationem interpositam fuisse, quod eam
putent rebus regiis valde profuturam: pollicitique sunt se curaturos,
quod milites nec eodem tempore convenient, nec de bello gerendo
concordabunt, sed alius alium longo intervallo sequetur, contrariisque
sententiis inter se dissidebunt, et potius ad servandam formam, quam
ad bellum Regi inferendum progredientur; laudantque ut in claustris
Italis praesidia ponantur, cum non dubitent Caesaris exercitum, si
aliquantisper in montanis oris arceatur, brevi dilapsurum. Haec illi;
sed isthaec ex eorum parte incerta sunt, ex nostra autem sine Venetis
haud fieri possunt. Quare repeto quod Rex Venetos adsciscat oportet.
Vale. Turregi, IV Idus augusti MDVII».

(Fu il concilio di Costanza gravemente turbato dalla risposta ambigua
e maliziosa degli Svizzeri, e fu d'avviso che non se ne dovesse
tenere alcun conto: giudicò tuttavia che fosse d'uopo di simulare,
affinchè al re tanto più non si unissero, quanto più si vedessero
dall'imperio negletti. Ma già non è più possibile il dissimulare la
stessa dissimulazione; e a tutti gli Svizzeri noto si rendette, che
niuna fede cesare in essi ripone, nè è disposto ad accordare ad essi
stipendi; ed allorchè i legati di cesare scrivono i nomi dei capitani,
de' vessilliferi e dei fanti elvetici, muovono a tutti il riso. Nè
tacciono i fanciulli medesimi, che quelli sono bensì coscritti, ma non
stipendiati. Per quello adunque che appartiene agli Elvezi, la cosa è
al sicuro; gli avremo se pure li vorremo, oltre ogni speranza, numerosi
e fedeli. Ma tra i principi e legati della Germania si è venuto fino a
questo punto, che a cesare promisero di fornire i semestrali stipendi
di ottomila cavalli e venticinquemila fanti che passare potessero nella
spedizione italica, la quale furono d'avviso di differire sino al mese
di febbraio, affinchè intanto preparare si potessero i danari, le armi
e tutte le altre cose necessarie alla guerra. Da quei principi che tu
conosci, sono stato informato che per opera loro è stata interposta la
dilazione, perchè la reputano agl'interessi del re assai vantaggiosa,
ed hanno promesso altresì di procurare che i soldati nè allo stesso
tempo si riuniranno, nè andranno d'accordo sul modo di fare la guerra,
ma gli uni seguiranno gli altri con lungo intervallo, e con opposti
pareri verranno tra di loro a discordia, e si avanzeranno piuttosto
per una certa formalità che per muovere la guerra al re. Lodano
pure e approvano che nelle gole dell'Italia si pongano presidii, non
dubitando essi che l'esercito di Cesare, qualora respinto venga, anche
debolmente, nelle gole de' monti, in breve si scioglierà. Queste cose
dicono essi, ma queste dalla parte loro sono incerte, e dalla nostra
poi non possono farsi senza i Veneti. Laonde ripeto che il re dee far
di tutto per attaccarsi i Veneti. Sii sano. Zurigo, il quarto giorno
delle idi di agosto, MDVII.)

Il Moroni era affezionato al re Lodovico XII, dal quale senza ch'ei
vi pensasse era stato collocato nella importante carica di avvocato
fiscale. Era stato discepolo di Giorgio Merula. Descrivendo egli in
una sua lettera a Giacomo Antiquario, del 1.º novembre 1499, la sua
sorpresa nel vedersi fatto avvocato fiscale, prosiegue così: «Quare
si quid huius muneris assumptione peccatum est, vides non consulte,
nec mea voluntate, nisi coacta, factum, et potius fatorum necessitati,
quam ambitioni, aut culpae tribuendum est. At quaeso videamus quid sit
hac in re non probabile; an illud ipsum quod Gallis inserviam? Quasi
non oporteat ut omnes illis serviamus, aut quasi caeteri cives, etiam
primates, munia etiam majora ab eisdem non ambiverint, et Sfortianam
memoriam non abjecerint etiam ii de quibus Sfortiani meritissimi
sunt, et qui summis magistratibus et honoribus, auspiciis eorum,
functi sunt. An vero forte ipsa officii vis, et fiscalia jura tuendi
necessitas, suapte natura odiosa, te commovit? Sed age; nosti mores
meos ad obsequendum pronos; nosti illam quam in me admirari soles
vim, maledicta de me refellendi, consilia et gesta mea justificandi.
Dabo operam ut plurimum prosim, nemini obsim, et si cui nocendi
necessitas fuerit, minus laedam, quam alius quilibet fecisset, haeque
ratione efficiam, ut ille, quasi modeste et necessario damnificatus,
beneficium abs me propterea accepisse putet. Quod si vereris ne a
forensi exercitatione repente nimis discesserim, scito magnam esse
hujus muneris cum illo similitudinem, majoremque exposci ab advocato
Fisci quam ab aliis proptitudinem et rerum copiam, quod plerumque de
subitis et insuetis casibus extempore sibi disserendum est, et quo
magis excelso ipse loco eminet, auditoresque sunt illustriores, eo
magis ornate facundoque colloquio declamare orareque eum oportet; ob
id, vel invitus, cogor longa majorem operem rhetoricae studiis navare,
quam si inforo cum Bartolis et Baldis permansissem. At non videris
rebus Gallieis diuturnitatem polliceri, durumque mihi fore auguraris,
cum magistratus fastum gustavero, privatam vitam agere, et quasi
ad forensem formulam redire. Ædepol! Non licet mihi pronosticari,
neque Italica libertas quando vindicari possit divinare; veruntamen
Venetorum, Helvetiorum foedera, quae Regis arbitrio pendere accepi,
multum mihi ad longinquitatem facere videntur; nec, si vera loqui
fas est, conjectura in praesentiarum assequi licet, quibus Galli
viribus aut quando Italia pelli possint. Sed sit breve, quantum lubet
illorum imperium; talem me ostendam in magistratu virum, tantum in
communi prodero, tantumque Gallis ipsis dominis fidem praestabo, quod
successor, quicumque fuerit, et bene de me concipiet, et obsequia
mea non aspernabitur. Ubi vero aut temporum qualitas, aut dominantis
mores me a republica amoveant, non erit mihi grave, praestantissimorum
virorum imitatione, quibus idem contigit, ad honestum me otium
convertere, et ad prima studia redire; domesticoque tuo et parentis
mei exemplo utar, qui cum ritus et instituta Sfortianorum, in quibus
educati estis, jamque obdurnistis, exuere et commutare nequeatis,
laudatissimam tamen et jucundissimam vitam in otio ducitis, tantasque
praecedentia dignitatis reliquias retinetis, ut pauci sint qui
praesenti gloriae vestrae non aemulentur etc.»

(Per la qual cosa, se l'assumere questa carica si è in alcun modo
peccato, tu ben vedi che non è a bella posta nè per mia volontà, se non
forzata, che questo si è fatto, e piuttosto attribuire dovrebbesi ad
una fatale necessità, che ad ambizione o a colpa manifesta. Ma vediamo
di grazia qualcosa v'abbia in questo che approvare non si debba; forse
quello stesso titolo che io servo ai francesi? Come se necessario
non fosse che tutti ad essi servissimo, e come se tutti gli altri
cittadini, anche primari, maggiori cariche ancora da essi non avessero
ambite, e la memoria degli Sforza postergata non avessero anche coloro
dei quali gli Sforza sono sommamente benemeriti, e che sotto i loro
auspici hanno esercitate altissime magistrature e goduti sommi onori!
Forse che la stessa gravità dell'ufficio e la necessità di difendere i
fiscali diritti, odiosa di sua natura, ti commuove? Ma via: tu conosci
i miei costumi inclinati all'ossequio; tu conosci quella forza che
in me stesso suoli ammirare, di respignere le censure che contra di
me si lanciano, di giustificare i miei consigli, le mie azioni. Io mi
studierò di fare che molto giovamento io possa arrecare, non nuocere
ad alcuno; e se pure sarò costretto a nuocere, meno il farò di quello
che qualunque altro fatto avrebbe, ed in questo modo operando, farò
sì che quello, siccome danneggiato con moderazione e per la sola
necessità, credasi di avere da me ricevuto beneficio. Che se tu temi
che troppo repentinamente io mi sia allontanato dall'esercizio forense,
sappi che con quello la nuova mia carica ha grandissima simiglianza,
e che maggiore prontezza ed erudizione si richiede dall'avvocato
del fisco, che non dagli altri, perchè ben sovente trattare egli dee
estemporaneamente di casi subitanei ed impensati, e quanto più eccelso
è il luogo in cui egli splende, quanto più illustri sono gli uditori,
tanto più è d'uopo che egli declami e perori con facondo ed ornato
sermone; per questo, anche a mio malgrado, forzato sono ad attendere
maggiormente agli studii della rettorica, che se nel foro rimasto
io mi fossi coi Bartoli e coi Baldi. Ma tu non sembri promettere una
lunga durata al regime dei Galli, e mi predichi che grave mi riuscirà,
dopo di avere gustato il fasto della magistratura, menare una vita
privata, e quasi tornare alle formule forensi. Per verità a me non è
lecito il pronosticare, nè l'indovinare quando mai possa rivendicarsi
la libertà italica: tuttavia i trattati coi Veneti e cogli Svizzeri,
che ho udito pendere interamente dall'arbitrio del re, mi sembrano
molto contribuire alla diuturnità; nè, se è lecito dire il vero, si
può al presente conoscere per congettura, da quali forze i Francesi,
o in qual tempo dall'Italia possano essere cacciati. Ma sia quanto si
vuole breve il loro dominio, tale io mi dimostrerò nella magistratura,
tanto in generale io gioverò, tanta fedeltà serberò agli stessi padroni
francesi, che il successore, qualunque egli fosse, buona idea di me
concepirà, nè sprezzerà i miei ossequi. Qualora poi, o la qualità dei
tempi, o i costumi del dominante, me dalla gestione della cosa pubblica
allontanassero, grave non mi riuscirà, ad esempio de' chiarissimi
uomini ai quali toccò una sorte uguale, il passare ad un onesto ozio,
il tornare ai primi miei studi; e mi gioverò del familiare tuo esempio
e di quello del padre mio, i quali lasciare non potendo nè cangiare i
riti e le istituzioni degli Sforza, nei quali siete stati educati e già
indurati, tuttavia una vita onorevolissima e giocondissima nell'ozio
conducete, e sì grandi reliquie ritenete della precedente dignità, che
pochi sono i quali non portino invidia alla vostra gloria presente,
ec.)

In una lettera che il Morone scrisse il 17 dicembre del 1499 a Girolamo
Varadeo, si vede con quanta chiarezza e verità conoscesse gli affari
pubblici, e prevedesse l'esito infelice, che ebbero poi i tentativi
immaturi di Lodovico il Moro per discacciare Lodovico XII dal milanese:
«Equidem in bonam partem accepi quod ad me scripsisti, ne tanta
rerum Gallicarum fiducia ducar, quod Sfortianos contemnam, de quibus
feliciora eventa sperari ais; neque enim pro tua in me benevolentia
quodpiam mihi suaderes quod e re mea fore non existimares, nec pro tua
prudentia vanis rumoribus aut figmentis fidem adhiberes. Ego etiam
ea Thoma fratre nonnulla acceperam de Ludovici Sfortiae et amborum
cardinalium motibus, quodque propediem novum et magnum exercitum
contracturi sunt, cataphractos scilicet Germanos, Burgundosque
conducturi, et peditum Helvetiorum delectum in civitato Coriae facturi;
jamque machinas et caetera ad usum belli quam maximi paravere: et
quod suspicionem auget, ipse frater, me insalutato et quidem inscio,
Mediolano excessit, et ut audio, ad eos pergit, futurus eis in omni
fortuna comes: quod utique facinus hoc tempore non commisisset, nisi
aliqua intellexisset, quae eum in meliorem spem erexissent. Veruntamen,
quaeso, pro tua sapientia et rerum usu cogita et diligentius mente
revolve quem exitum sit habiturus hic, quem diximus, Sfortianorum
motus, quem sententia mea tumultuarium esse oportet. Peculium
Ludovici et Ascanei perexiguum est, si rem et gentem illam respicis;
quod provincia ardua est, locaque sunt expugnanda situ atque arte
munitissima, quibus adversarius Gallorum rex, potens et ferox, non
facile, nec brevi tempore pelli poterit; exercitusque Germanorum,
cessantibus forsan stipendiis, vix durare poterit. Spes autem quae
de habendis suppetiis a civibus et populis haberi videtur, semper
mihi vana et periculosa visa est, quod ut plurimum privata comoda
publicis anteferre, et ad tributi nomen obdurescere consuevimus. Caesar
non multam opem ferre potest, eamque etiam in praesentia praestare
non licet per inducias quas cum Gallis fecit, et in kal. junii
duraturas. Helvetii nuper foedere Gallis obstricti sunt, quod eos tam
repente violaturos minime crediderim, et quoscumque ex iis Sfortiani
contraxerint collectitios et profugas esse oportet. Praeter hos, nullos
habent Sfortiani fautores, adversarios vero et hostes plurimos; Venetos
in primis, eo formidabiliores quod sunt viciniores, auxiliaque eorum
in promptu sunt; praeterea Alexandrum, Florentinamque rempublicam et
Jannensem, ac Bononiensem, Lucensem, Pisanum, Senensemque regulos,
Gallis amicos et auxiliares fore nemo ignorat. Ipsos etiam Ferrariae
ducem et Mantuae Marchionem, quorum alter Ludovici socer, alter
sororius est, cum rege conspirare intellexi. Quid igitur? Profecto
videntur mihi Sfortiani provinciam viribus suis longe imparem aggredi,
atque immature nimis belli fortunam tentare, etc.»

(Io veramente pigliai in buona parte quello che a me scrivesti,
affinchè guidato io non sia da tanta fidanza delle cose francesi,
che gli Sforzeschi disprezzi, dei quali tu dici sperarsi più felici
eventi: nè certamente per la benevolenza colla quale mi riguardi,
alcuna cosa tu potresti persuadermi che non reputassi alla mia
situazione convenevole, nè per la tua prudenza fede presteresti a
vani rumori o a finzioni. Io ancora dal mio fratello Tommaso alcune
cose udite aveva intorno ai movimenti di Lodovico Sforza, e dell'uno
e dell'altro dei cardinali, e che ben presto erano per riunire un
nuovo e grande esercito, per arruolare cavalli di pesante armatura,
tedeschi e borgognoni, e per formare uno stuolo di fanti svizzeri
nella città di Coira, e già prepararono le macchine e le altre cose
tutte che fanno d'uopo per una grandissima guerra; e quello che mi
accresce il sospetto è che lo stesso fratello mio, senza congedarsi
da me ed anche all'insaputa mia, partì da Milano, e, come mi si dice,
da essi se ne va onde rimanere loro compagno in qualunque fortuna;
la quale stravaganza egli non avrebbe commesso certamente, se udite
non avesse alcuno cose che a migliore speranza sollevato lo avessero.
Ora però ti prego che colla tua sapienza e colla tua pratica delle
cose vogli più diligentemente rivolgere nella mente, e considerare
quale esito sia per avere quel movimento degli Sforzeschi del quale
abbiamo parlato, e che a mio avviso debb'essere tumultuario. L'erario
di Lodovico e di Ascanio debb'essere poverissimo, qualora tu riguardi
la cosa in sè stessa, e tutta quella gente di cui abbisognano: più
ancora osserva che la provincia è ardua, ed espugnare si debbono
luoghi per la loro situazione e per le opere dell'arte munitissimi,
dai quali l'avversario loro, re de' Francesi, potente e feroce, non
facilmente nè in breve tempo potrà essere cacciato, e l'esercito dei
tedeschi, mancando forse gli stipendi, appena potrà mantenersi. La
speranza poi che sembra aversi di ottenere soccorsi dai cittadini e
dai popoli, mi è paruta sempre vana e pericolosa; perchè più sovente
i privati comodi si antepongono ai pubblici, e al nome di tributo
siamo accostumati a indurire i cuori nostri. Cesare non può recare
loro molto aiuto, nè questo al presente potrebbe nè pure prestare,
per la tregua che conchiuse coi Francesi, e che durare dee fino alla
calende di giugno. Gli Svizzeri di recente si sono legati in alleanza
coi Francesi, la quale alleanza io non crederei che essi fossero per
violare sì repentinamente, e tutti quelli tra essi che arruolati si
fossero dagli Sforza, essere non potrebbono se non soldati collettizi
e disertori. Fuori di questi, altri fautori non hanno gli Sforzeschi,
ma hanno bensì moltissimi avversari e nemici; prima di tutti i Veneti,
tanto più formidabili, quanto più sono vicini, e che pronti sono i loro
aiuti; inoltre Alessandro, la repubblica fiorentina e la genovese, ed
i regoli di Bologna, di Lucca, di Pisa e di Siena, i quali, amici dei
Francesi, non può dubitarsi che saranno ausiliari loro. Anche lo stesso
duca di Ferrara e lo stesso marchese di Mantova, dei quali l'uno è
suocero, l'altro cognato di Lodovico, io ho udito che col re di Francia
cospirino. Che dunque? A me sembra certamente che gli Sforzeschi
un'impresa assumano di gran lunga sproporzionata alle loro forze, e che
troppo immaturamente vogliano tentare la sorte dell'armi, ec.)

[146] _Coronatorum noningenta millia intra decennium._ Sepulveda, pag.
291.

[147] Guicciardini, lib. XIX.

[148] Paolo Giovio, nella _Vita Alphonsi ducis Ferrariae_.

[149] Lib. III, fogl. 70, tergo.

[150] Lib. VI.

[151] Lib. IV, fogli 73 e 74.

[152] Bened. Giovio, _Hist. Patr._, lib. I, in fine. — Galeazzo
Capello, _de bello Mussiano_, lib. II.

[153] Burigozzo, lib. IV, fol. 78 e 79.

[154] Muratori, all'anno 1533, pag. 280.

[155] Tom. I, pag. 69 di quest'edizione. — È ovvio il comprendere che
ivi si parla del cavaliere Alessandro Verri, fratello dell'autore. (_Il
Continuatore_).

[156] In Milano trovasi anche al presente una contrada che porta
il nome di questo casato, come lo sono altre, dette dei _Visconti_,
degli _Stampi_, dei _Moroni_, _Porrotti_, _Resta_, _Piatti_, _Medici_,
_Bigli_, ec.

[157] Trattano di questo fatto Montaigne, _Essais_, lib. I, cap. 9
_des Menteurs_. — Il du Bellay, _Mémoires_, lib. IV. — Arnold. Ferron.,
lib. VIII. — Valois e Beaucaire, lib. XX, num. 50, e Gaillard, _Vie de
François I_, tom. IV, pag. 246, da cui viene citata la lettera scritta
su tal proposito da Francesco I al suo ambasciatore d'Inghilterra, del
16 luglio 1533.

[158] Annali, al 1534, pag. 285. — Vedi Tatti, _Annali di Como_, decade
III. — Giulini, _Annali d'Alessandria_. — Cicereio, _Epistolae_, tom.
II, pag. 123, e un MS. presso il signor don Carlo Trivulzi, intitolato:
_Memorie Fossane_.

[159] Lib. IV, fogl. 82-85.

[160] Ercole Gonzaga.

[161] Guicciardini, lib. XX. — Muratori, _Annali_, 1534, pag. 287.

[162] La morte del duca Francesco II Sforza viene fissata dai Maurini
(_Art de vérifier les Dates_, pag. 840) al giorno 24 di ottobre del
1535; dal Bugati, pag. 827, nel fine di ottobre; dal Morigia (Storia
di Milano, pag. 105) all'ultimo di ottobre, e finalmente da altri,
il 2 novembre. Sebbene io non creda di tanta importanza per il
progresso delle umane cognizioni il dilucidare simili oggetti, quanto
per avventura lo crede il signor canonico Lupi di Bergamo, che in un
volume in foglio stragrande ha fatto conoscere d'aver consunta la sua
vita, e adoperata la sua inesausta pazienza per indovinare simili
punti, realmente indifferentissimi per conoscere bene la storia,
nondimeno, per trovare la verità con minor tempo e pena possibile,
ho fatto ricerca nell'archivio arcivescovile, ed ivi nel diario A
del 1534 al 1580, al fogl. 36, tergo, ho trovata l'annotazione che
il duca Francesco II morì il giorno 1.º di novembre 1535. Se il
signor canonico avesse ben intesa la pag. 57 ch'ei cita del mio primo
volume (_pag. 93-94 di questa edizione_), e se egli distinguesse la
cronologia della storia, non si sarebbe fatte le meraviglie ch'egli,
innocentissimamente, si è fatte alla colonna 1040 del suo immenso
tomo. Il Muratori, padre e maestro della erudizione d'Italia, pubblicò
nella sua opera _Rerum Italicarum Scriptores_ i materiali per la storia
italiana, e non sono della specie di quelli che vorrebbe il chiarissimo
signor canonico ch'io trovassi buoni a tal uso. Se mai alcuno leggerà
l'opera del signor Lupi, sappia che altra storia di Milano, ch'ei mi
pone in confronto, è stata da me donata alla biblioteca Ambrosiana,
dove ciascuno che il voglia potrò profittarne.

[163] Tom. II, pag. 142 e 143 di quest'edizione.

[164] Lib. IV, fogl. 89 e 90.

[165] Lattuada, _Descrizione di Milano_, tom. IV, pag. 7.

[166] Lattuada, tom. III, pag. 98.

[167] All'anno 1535, lib. IV, fogl. 86.

[168] Morigia, nella di lei Vita.

[169] Morigia, _Storia di Milano_, pag. 103.

[170] Lib. V.

[171] Tom. IV, pag. 273 e seg.

[172] Burigozzo, lib. IV, fogl. 92 e 93.

[173] Su di ciò veggansi Beaucaire, lib. XXI, num. 22 e seg. — Sleidan,
_Commentar._, lib. X. — _Mémoires_ de Langey, lib. V. — Gaillard, tom.
IV, pag. 305 e seg.

[174] Burigozzo, lib. IV, fogl. 92.

[175] Lib. V.

[176] In mezzo a intollerabili dolori di un morbo miserando, con tutte
le membra contratte e totalmente assiderate.

[177] Veggansi le _Mémoires_ de Bellay, lib. VIII. — Sleidan,
_Comment._, lib. X. — _Mémoires_ de Langey, lib. VII. — Beaucaire, lib.
XXI. num. 52. Gaillard, _Vie de Franc. I_, tom. IV, pag. 449 e seg.

[178] Du Mont, _Corps Diplomat._

[179] Burigozzo, lib. IV, fogl. 102.

[180] Bugati, lib. VII, pag. 866.

[181] Du Mont, tom. IV, part. II, pag. 200. — Appartiene a quest'anno
la seguente memoria che leggasi scolpita in marmo in Vermezzo, terra
del Milanese: _MDXL. Annus hic bisextilis fuit, et luminare majus fere
totum eclipsavit. A septimo idus novembris ab septimum usque aprilis
idus nec nix nec aqua visa de coelo cadere: attamen praeter mortalium
opinionem, Dei clementia, et messis et vindemia multa._ (MDXL.
Quest'anno fu bisestile e il luminare maggiore quasi tutto si eclissò;
dal settimo giorno delle idi di novembre fino al settimo delle idi di
aprile, nè neve, nè acqua si è veduta cadere dal cielo. Tuttavia contra
l'opinione de' mortali, per clemenza di Dio, e la messe e la vendemmia
furono abbondanti.) L'ecclissi seguì il 7 aprile e fu centrale;
come può vedersi a suo luogo nella grand'opera intitolata: _L'art de
vérifier les Dates_; ma il totale ecclisse fu visibile soltanto verso
il polo artico. Una simile siccità avvenne dall'ottobre del 1733 fino
al maggio del 1734, a segno che le sorgenti ed i fiumi si disseccarono,
e si penava a macinare il grano: e tuttavia fu abbondante il raccolto.
Poi, dal 30 novembre 1778 fino al 3 maggio 1779, non cadde mai neve
nè acqua, e, malgrado questi cinque mesi di aridità, il raccolto fu
egualmente copioso. Pare adunque che la siccità del verno giovi alla
feconda vegetazione delle nostre terre.

[182] Burigozzo.

[183] Robertson, _Storia di Carlo V_, tom. II, pag. 293.

[184] Bellati, _Serie de' governatori di Milano_, pag. 2, nota 3.

[185] Somaglia, _Alleggiamento dello Stato di Milano_, articolo
_Mensuale_, pag. 160.

[186] Somaglia, _Alleggiamento_, ec; _Relazione del Censimento del
1750_, cap. II. e IV.

[187] Veggasi la di lui vita, scritta dal suo segretario Goselini.

[188] Ripamonti, pag. 118. — Casati, _Annotationes ad Epistolas
Francisci Cicerei_, tom. II, pag. 25.

[189] Lunig. _Codex Italiae diplomat._, tom. I, sect. II, class. I,
cap. 1, num. 51 e 52. — Gaillard, _Vie de François I_, tom. V, pag.
399.

[190] Stor. Univ., lib. VII, pag. 960.

[191] Vedi il tom. I, cap. I, pag. 52.

[192] Bugati, _Storia Universale_, lib. VII, pag. 970 e 971. —
Lattuada, tom. IV, pag. 452.

[193] Bugati, _Stor. Univ._, lib. VII, pag. 994.

[194] Quest'insigne deposito è disegno dell'immortale Michelangelo
Buonarroti, eseguito da Leone Aretino, milanese, e da esso terminato
nel 1564 al prezzo di settemila ed ottocento scudi d'oro, oltre le sei
colonne donate da Pio IV. Ciò rilevasi dall'istrumento di convenzione
per questa grand'opera, seguita il 12 settembre 1560, tra il cardinale
Moroni e Gabrio Serbellone a nome di Pio IV, e Leone Aretino, figlio
di Giovanni Battista, milanese, della parrocchia di San Martino in
Nosigia. Così nell'archivio di casa Medici, cartella segn. C. I., num.
8. — (_Nota dell'abate Frisi_).

[195] Dumont, _Corps diplomatique_.

[196] Camillo Sitoni in _Chronic. Coll. Judic._, citato dal Lattuada,
tom. IV, pag. 10.

[197] Saxius, _De studiis mediolanensibus_, cap. XI, col. 48.

[198] Lattuada, tom. V, pag. 441.

[199] Bugati, _Storia Universale_, lib. VII, pag. 965.

[200] _De mutatione nominis, oratio etc. coram senatu habita;
Mediolani_, 1541 e 1547, in 4.º — Argellati, _Bibl. Script. Mediol._,
tom. II, col. 839 e seg.

[201] Lattuada, _Descrizione di Milano_, tom. V, pag. 170.

[202] Pei quali, mentre li possedeva, insigne, e dopo averli rinunziati
più ancora insigne egli fu.

[203] _De vita et rebus gestis Caroli S. R. E. cardinalis tit. S.
Praexdis, archiep. Mediol., libri VII. Carolo a Basilica Petri,
praeposito gen. Congr. Cler, Reg. S. Pauli, auctore. Ingolstadii, ex
officina Davidis Sartorii_, 1592, lib. I, pag. 25 e 26.

[204] Lattuada, tom. III, pag. 197.

[205] Bescapè, Vita citata, p. 27.

[206] _Idem_, luogo citato.

[207] Oltrocchi, nelle note alla versione latina della _Vita del
cardinale Borromeo, scritta da Gio. Pietro Giussani_; Milano, 1751,
lib. I, col. 51, nota b, e col. 52, nota d. Ecco letteralmente il
testo: _Eadem qua Carolus tegebatur umbella Gubernator ad Antistitis
laevam impari gressu equitans, ut medius ex umbella postrema equus
extaret. Ita scribit Carolus ad Cardinalem Novocomensem... Et fusius
ad Altempsium Cardinalem triduo post in hanc sententiam scripsit:
«... Me praecipue Gubernatoris religio et pietas sibi devinxit;
quem mei et Pontificis observantissimum nactus summopere recreor»_
(Sotto il baldacchino medesimo dal quale Carlo era coperto, il
governatore, a sinistra del prelato, cavalcava con minor passo acciò
la metà del cavallo rimanesse fuori per di dietro dal baldacchino.
Così scrive Carlo al cardinale di Como.... E più copiosamente
scrisse tre giorni dopo al cardinale Altemps in questi termini: «...
Sopratutto la religione e la pietà del governatore a lui mi strinse,
il quale sommamente rallegromi aver trovato di me e del pontefice
devotissimo».). Indi conchiude l'annotatore: _Tanta itaque fuit omnium
Ordinum in eo excipiendo pompa, ut Hieronimus Vida, invidiosa ferme
sententia, testatum fecerit biduo post in epistolas «tanta Borromeum
celebritate exceptum, ut vix a reguli pompa differret»_ (Tanta fu
dunque la pompa di tutti gli ordini nell'accoglierlo, che Gerolamo
Vida, certo con invidiosi termini, attestò in una lettera data due
giorni dopo, con tanta celebrità essere stato accolto il Borromeo, che
appena si distingueva da una regia pompa.).

[208] _Storia di varii conclavi_, cominciando da quello del 1522, in
cui Adriano VI fu dato successore a Leon X, fino al conclave del 1592,
in cui fu eletto Clemente VIII: Manoscritto esistente presso il signor
principe di Belgiojoso d'Este.

[209] Lattuada, tom. IV, pag. 7, e tom. V. pag. 261 e 433. — Giussani,
_Vita di S. Carlo_, lib. III, cap. I.

[210] Bescapè, opera citata, pag. 56, e gli altri storici contemporanei.

[211] Oltrocchi, nelle Note alla _Vita latina di S. Carlo_, lib. II,
cap. XIV, col. 144, nota _d_.

[212] _Praesidiis ante paratis, si quis forte promulgationi vellet
resistere_ (Predisposti i mezzi pel caso che alcuno volesse per
avventura resistere al bando.): Bescapè, pag. 55.

[213] _Res longe gravissima iis (Praepositis) videbatur ex eo
statu quem sibi proposuerant cum ei se Ordini addixerunt, ademptis
beneficiis quae consueta coeterorum via obtinuerant, tantis detractis
commodis et facoltatibus, ad eam vitam compelli, in qua et tenue
esset quo quis uteretur, et idipsum non esset proprium, quaeque
severis altis contineretur institutis. Nihil enim minus sive ipsi,
sive parentes iis dignitatibus quaerendis fortasse spectaverant,
quamvis spectare debuissent, quam monasticam coenobiticam disciplinam.
Sed quemadmodum vulgo de aliis fieri solet sacerdotiis quae legibus
eiusmodi coenobiticis libera sunt, id sibi suisque comparare plerumque
studuerant, quod vitae commoditati nobilitatique sustentandae
deserviret. Cognati quoque ipsi, qui Praepositorum opes ad familiae
suae splendorem pertinere videbant, casque ad juniores eiusdem familiae
deinceps transferendas sperabant, sancitas leges, quantum poterant,
dissolvere conabantur_ (Sembrava loro (a' Proposti) cosa eccessivamente
gravosa che da quella condizione la quale si era proposta quando
abbracciarono quell'ordine, tolti loro i benefizi, che avevano per
la consueta via di tutti gli altri ottenuti, e levati loro tanti
commodi e facoltà, fossero ridotti a quella vita in cui e tenue era
ciò che da ciascuno doveva usarsi, e quest'esso non proprio, e la
quale veniva raffrenata da altre severe istituzioni. Imperocchè a
nulla avevano, sia essi che i loro parenti, mirato meno nel ricercare
queste dignità (benchè avessero dovuto mirarvi) che alla monastica
cenobitica disciplina. Bensì come suole comunemente avvenire rispetto
agli altri sacerdozi, che da siffatte cenobitiche leggi sono liberi,
avevano per lo più posto la mira a procacciarsi tal cosa che giovasse
a sostentamento dei comodi della vita e della nobiltà. I congiunti
altresì, che le ricchezze dei proposti vedevano rivolte allo splendore
delle loro famiglie, e speravano quelle trasferire in appresso ad altri
più giovani delle stesse famiglie, sforzavansi di mandare a vuoto, per
quanto potevano, le stabilite leggi). Bescapè, pag. 56. — Vedansi anche
il Bossi, _Vita latina di San Carlo_, lib. II, cap. XIV, col. 145-146,
e Bugati, _Storia Universale_, lib. VIII, pag. 1079.

[214] Bescapè, pag. 40.

[215] _Idem_, pag. 42 e 49.

[216] _Idem_, pag. 65, 66 e 68.

[217] Tiraboschi, _Vetera Humiliatorum Monumenta_, tom. I, dissert.
VIII. _De Humiliatorum extinctione_, pag. 416.

[218] MS. esistente nella cospicua collezione del signor principe
Belgioioso d'Este, che ha per titolo: _Processo per la coniura fatta
dai frati Umiliati_, ec.

[219] Il vescovo di Lodi, delegato pontificio per il processo della
archibugiata, fu Antonio Scarampi, e parte dell'esame fatto dal
cardinale Borromeo venne pubblicata dal P. Branda nella _Confutazione
de' Ragionamenti apologetici del dottore Baldassare Oltrocchi_. Pavia,
1755, alla pag. 245.

[220] Manoscritto citato.

[221] _At fuere etiam, qui dum cauti atque intelligentes videri
perverse vellent, in maximum inciderent temeritatem Caroli id fuisse
artificium ut sibi opinionem quaereret sanctitatis._ (Ma furonvi
anche di quelli i quali, nel voler apparire perversamente acuti ed
intelligenti, caddero nella massima temerità di pensare, questo essere
stato un artificio di Carlo per acquistare riputazione di santo.)
Bescapè, pag. 77.

[222] La bolla d'abolizione è nel _Bollar. Roman._, tom. II, foglio
328. Vedansi Bescapè, pag. 87. Lattuada, tom. V, pag. 260 — Tiraboschi,
tom. I, dissert. VIII, pag. 427.

[223] Bescapè, luogo citato.

[224] Oltrocchi, nota _b_ alla _Vita latina di S. Carlo_, lib. II. pag.
210 — Lattuada, tom. I, pag. 190 e seguenti.

[225] _Art de vérifier les Dates_, art. _Philippe II_.

[226] Bescapè, pag. 202 e 203. — Lettera del cardinale di Como
all'arcivescovo Borromeo, che leggesi nella _Confutazione de'
Ragionamenti apologetici pubblicati dal dottor Baldassare Oltrocchi_,
pag. 436.

[227] _Cronaca del marchese Lorenzo Isimbardi, di varii successi dal
1569 in avanti_: MS. presso la casa Isimbardi in Pavia.

[228] Bescapè, pag. 224.

[229] Vedi Gaspare Bugati, _Fatti di Milano al contrasto della Peste_.
— Giacomo Filippo Resta, _Vera narrazione del successo della Peste_. —
Cicerei, _Epist._, tom. II, pag. 248.

[230] Bugati, _Aggiunta alla sua Storia Universale_, Milano, 1571, pag.
167.

[231] Pag. 145, 146, 147 e 173.

[232] Bescapè, pag. 145. — Lattuada, tom. III. pag. 122.

[233] Vedi gli storici della sua vita, e specialmente il Bescapè, pag.
193, 194, 195, 290 e 363; e inoltre il Lattuada, tom. IV, pag. 47, 68,
212, 318, e tom. V, pag. 111, 262, 407; e il Bugati, _Aggiunta_, ec.,
pag. 143.

[234] Lettera 4 luglio 1579, tra le _Lettere del glorioso arcivescovo
di Milano S. Carlo Borromeo, cardinale di Santa Prassede_. Lugano, per
l'Agnelli, 1762.

[235] Cronaca citata, all'anno 1580.

[236] Sotto il contestabile di Castiglia fu stampato, nel 1597,
il libro: _Quaderno de varias escrituras en las deferencias de
Jurisdiciones ecclesiastica y real del estado de Milan._

[237] Atti della visita del cardinale Federico Borromeo del 1608.

[238] Bianconi, _Guida di Milano_, pag. 122 e 157.

[239] Lattuada e Bianconi, pag. 79.

[240] Lattuada, tom. V, pag. 284.

[241] _Fr. Cicereji, Opera_, tom. II, pag. 183.

[242] Il seguente avviso fu dal vicario di Provvisione distribuito agli
eletti per l'entrato della regina: «Volendo questa città di Milano
ricevere con tutti questi segni di riverenza e d'onore che si devono
la serenissima principessa, moglie del principe nostro signore, la
cui venuta in breve s'aspetta, ha stabilito, fra le altre cose, che
si eleggano ducento e più cavalieri nobili, di età di quattordici
anni in su, che vadino ad incontrarla, vestiti a spese loro, tutti di
seta bianca ed oro come meglio a ciascuno parerà, purchè habbino calze
abborsate con tagli, et calzette di seta bianca, berretta di velluto
nero solio con piume bianche, spade, pugnali et azze dorate in spalla,
ogni cosa guernita di velluto solio bianco, et scarpe di corame bianco.
E perchè fra queste si trova eletta la persona di V. S., d'ordine anche
di sua eccellenza, l'avvisiamo di tale elezione, assicurandoci che per
servire al proprio signore e principe naturale e alla patria insieme,
per i quali è tenuto ogni persona a spendere non solo le facoltà, ma
il sangue e la vita ancora, ella accetterà volontieri questo carico e
onore, col provvedersi dei vestimenti et ogni altra cosa necessaria,
nel modo che di sopra si è detto di qua alli 25 di novembre presente,
al più tardi, acciocchè quando giungerà sua altezza, la quale si ha
nuova certa che di già è partita, si trovi V. S. pronta insieme con
gli altri a fare il suddetto compimento. Avvisandola che sua eccellenza
ha dichiarato il signor marchese di Caravaggio capo di questi nobili,
_e avvertendola che contra gli inobbedienti ha ordinato che si proceda
alla pena di cinquecento scudi, e maggior pena ancora all'arbitrio suo,
alla quale saranno tenuti i padri per i figliuoli. Nè si admetterà
alcuna escusazione, perchè S. E. così comanda._ Anzi ha ordinato che
quelli che sono uomini di arme, entrano in questo numero, esentandoli
da quel carico per adesso. E per rispetto delle azze potrà V. S.
far ricapito dal spadaro al segno del Leon d'oro nella contrada dei
Spadari.

Et inoltre sarà S. V. contenta di ritrovarsi in casa del suddetto
signor marchese martedì prossimo, che sarà alli 3 del presente mese,
dopo il desinare, per intendere quanto se le vorrà dire in questo
particolare.

  In Milano, alli 2 di novembre 1598.

                _Sott._ Il vicario e dodici di Provvisione eletti dai
                                                signori Sessanta, ec.

                                                 GIO. JACOMO CHIESA».

[243] _Le grazie d'Amore_, di Cesare de' Negri, milanese, detto il
_Trombone_: Milano, presso Ponzo e Piccaglia, 1604 in fol., pag. 12 e
seg.

[244] Libro citato, pag. 35.

[245] Opera citata, pag. 13.

[246] Pag. 25.

[247] _Trattato di Scientia d'arme, con un dialogo di filosofia, di
Camillo Agrippa, milanese:_ Roma, presso Antonio Blado, stampatore
apostolico, in 4.º

[248] Negri, opera citata, pag. 14.

[249] Pag. 287.

[250] _Siècle de Louis XIV_, cap. XXV.

[251] _Stato della repubblica milanese l'anno 1610_, MS. del citato
senatore, esistente nell'archivio dell'illustre casa Belgioioso d'Este;
Cap. dei _Governatori_, fog. 331, _tergo_. — Di quest'opera dà conto
l'Argellati nella _Biblioteca degli scrittori milanesi_.

[252] .... _Ut aditus et reditus a justitia ad clementiam facillimi
certissimique paterent, viam hanc e Regia ad praetorium aperuit._

[253] _Philippo III, Hispaniarum Rege potentissimo, imperante D. Petrus
Enriquez Azevedius, Fontium Comes, externi belli victor domestici
extinctor invictus, dextra amabilis, sinistra formidabilis.... carcerum
fores regiae curiae objecit, ut principis advigilantis oculus fidissima
est jusitae custodia._

[254] Lattuada, tom. V, pag. 26 e seg.

[255] MS. del senator Visconti, fol. 279.

[256] Visconti, MS. citato, fol. 337.

[257] _Philippo III, Hispaniarum et Indiarum Rege, Mediolani Duce,
Regnante, D. D. Petrus de Enriquez Azevedius, Provinciae Mediol.
Gubernator et Fontium Comes, opere hoc praeclare Verbani et Larii
huc deductas aquas irriguo navigabilique Ticino ac Pado immiscuit,
ubertatem et jucunditatem agrorum, artificum studia, publicas ac
privatas opes accessu et commercio facili amplificando._

[258] Visconti, MS. citato, fol. 284, _tergo_.

[259] Detto MS.

[260] _Quanto quis servitio promptior, opibus et honoribus
extollebatur._

(Quanto più pronto era taluno alla servilità, più era innalzato di
ricchezze e d'onori).

[261] Visconti, nel citato MS. fol. 349.

[262] MS. suddetto, fol. 350.

[263] Caterina Medici, che viene chiamata «impurissima femmina,
strega e fattucchiera funestissima, avvelenatrice inumanissima; che
da quattordici anni, abbiurata la religione cristiana, e obbligatasi
al principe delle Tenebre, ha frequentato i luoghi infernali e i
conciliaboli dei demonii, li ha nefandamente adorati, e danzato,
mangiato e giaciuta con essi, e con arti diaboliche e veneficii ha
tratto o procurato di trarre molti uomini ad amarla, ed ha affascinati
ed uccisi molti bambini col sottrarre dai lori corpicelli il vital
sangue; e finalmente tali e tanti delitti ha commesso, che il senato,
nell'udirne il racconto, inorridì. Perciò statuitole un termine alla
difesa, e fatta difendere d'ufficio (poichè nessuno si presentò per
farlo), questa sacrilega detestabil donna fu condannata, previo la
tortura ad arbitrio della curia per la manifestazione d'altri delitti
e dei complici, ad essere, con mitra in capo, avente l'iscrizione del
reato, e cinta di figure diaboliche, condotta al luogo del pubblico
patibolo sopra un carro, percorrendo le vie principali della città,
tormentata, durante il cammino, con tenaglie roventi, e per ultimo
bruciata. E avendo la detta strega confessato molte cose pertinenti
all'ufficio della Santa Inquisizione, il senato ordinò che fusse prima
consegnata al rev. padre inquisitore, il quale, compite le cose da
compirsi, l'abbia a riconsegnare all'egregio capitano di giustizia».
Così nella sentenza, di cui ecco il tenore: _Retulit in Excellentissimo
Mediolani senatu egregius capitaneus justitiae longam atque integram
seriem et processum causae instructae adversus impurissimam foeminam,
Catharinam Mediceam, Papiensem, strigem lamiamque leterrimam, et
veneficam immanissimam, quae ex pluribus et perspicuis inditiis ac
testimoniis atque ex propria confessione cognita es, jam supra annos
quatuordecim cristianam fidem ejurasse, seque principi Tenebrarum
devinxisse, tartarea loca, daemonum conciliabula una cum alijs strigis
et lamiis frequentasse, eos nefarie adorasse, et cum eis saltasse et
comessatam fuisse ac concubuisse; multosque homines diabolicis artibus
st veneficiis in sui amorem traxisse, vel certe trahere studuisse;
multos item infantes, subtracto e corpusculis vitali sanguine,
fascinasse atque necavisse... Demum tot ac tanta scelera patrasse, ut
senatus ipsa audiendo cohorruerit. Retulit pariter idem capitaneus
statum fuisse praedictae mulieri aliquod spacium ad se defendendum,
quo in tempore cum nihil egerit, curiam de ea in suffragium ivisse,
sententiamque suam protulisse, quam ibidem recitavit, judicioque
eiusdem excellentissimi ordinis submisit. Qui misertus ac pertaesus
harum calamitatum artiumque infernarum, quae passim jam per Urbem
hanc et Provinciam universam grassantur, statuit ad exemplum et ad
terrorem huiusmodi monstrorum maxime pertinere ut huic sacrilegae et
detestandae mulieri digna malefactis suis suplicia erogentur. Omnibus
igitur et singulis rebus suprascriptis diligenter ac mature perpensis,
censuit praedictam Catarinam Mediceam, denunciata morte, super aliis
criminibus et criminum sociis torquendam arbitrio Curiae, habitaque
pro repetita et composita seu confrontata.... plaustro imponendam,
mitratamque ad infamiam, cum inscriptione criminis, ac figuris
diabolicis redimitam, ad locum pubblici patibuli trahendam esse per
regiones Urbis insigniores, atque interim pluries forcipe candenti....
vellicandam donec eo pervenerit, ibique demum flammis concremetur....
Verum quia praedicta Lamia multa fassa est quae ad cognitionem Sanctae
Inquisitionis Officii pertinent, censet idem Senatus eam prius tradi
debere rev. P. inquisitori, ut prefectis perficiendis ipsam egregio
capitaneo justitiae restituat._ — Signat. _Io. Baptista Saccus_. Questa
sentenza fu eseguita il 4 marzo 1617, e, avendo essa la data del 4 di
febbraio, è da credere che il mese che trascorse prima dell'esecuzione
siasi consumato presso il Santo Officio. Il fatto è il seguente.

Nell'autunno del 1616 il senatore Melzi si ammalò con dolore allo
stomaco: non aveva febbre, ma inappetenza, poi dimagrò e perdette il
sonno. Il medico che lo assistiva, era il fisico collegiato Giacomo
Angelo Clerici, ma vennero consultati anche i due fisici di collegio
Lodovico Settala e Giambattista Selvatico. Erano passati due mesi da
che languiva per quest'incomodo il senatore, quando venne, verso la
metà di dicembre, a visitarlo il capitano Vacallo, il quale, vedendo
che il senatore aveva per cameriera Caterina Medici, da lui altre
volte conosciuta, avvertì il senatore essere quella una famosissima
strega, e la peggiore che si potesse trovare, poichè aveva maleficiato
lui mentre stava in sua casa. Due figlie del senatore, monache in San
Bernardino, informate di questo, si fecero mandare i cuscini del di lui
letto, e vi trovarono dei nodi di piume e filo con carboni e pezzetti
di legno, i quali, portati al curato di San Giovanni Laterano, ch'era
esorcista, furono tosto giudicati opera diabolica di stregheria. Si
venne in formalità ad abbruciarli nella stanza del senatore cogli
esorcismi, e mentre si bruciavano crebbero i dolori allo stomaco
dell'ammalato. Allora il dottor collegiale Lodovico Melzi, figlio
del senatore, imprigionò in una stanza di casa Caterina Medici, e le
disse che si sapeva già ch'ella aveva maleficiato il senatore, e che
_o lo disfaccia; se no, per giustizia si sarebbe fatta abbruciare.
Ed a principio negò essa Caterina_..... Il processo non dice con quai
terrori venne poi costretta quell'infelice ad accusare sè medesima, ma
si vede che si accusò prima che fosse posta in prigione. Si pretendeva
che fosse marcata diabolicamente sulla schiena, ed ella asserì che
potevano essere state le coppette tagliate. Il curato di San Giovanni
Laterano venne a due ore di notte, e, dopo di averla esorcizzata, la
obbligò a stendersi per terra, ed ei, calpestandola, le pose un piede
sul collo, e, in quella positura, l'obbligò a rinunciare alle supposte
promesse fatte al diavolo.

Il motivo per cui il capitano Vacallo si credeva maleficiato fu perchè,
avendo in sua casa questa Caterina Medici, n'era innamoratissimo, onde
si consigliò col P. Scipione Carrera, col P. Albertino e col signor
Girolamo Omati, _e mi levarono di casa la Caterinetta, et la menarono
nel refugio: et le notti seguenti vuolsi morire di spavento, de tremori
et de passione di cuore, et gridava che pareva mi fosse strepato il
core, et così penai tutta la notte. Et la mattina seguente andai dal
curato di San Giovanni Laterano et li confessai guanto passava, et
lui, dopo havermi letto ed esorcizato, mi disse che ero malamente
maleficiato; et venne a casa mia, et nel letto et piumazzo trovò molte
porcarie, et fra le altre cose un filo lungo al circolo del mio capo
con sopra tre nodi distinti, uno stretto, l'altro meno e il terzo
più vano, et mi disse detto curato che se il terzo nodo si stringeva
più, sarei stato sforzato a sposarmi con detta Caterina o morire. Et
veramente a me pareva che se avessi havuto tutto il mondo da una parte,
et dall'altra la detta Caterina, havrei pigliato lei et lasciato tutto
il mondo. Egli se ne partì da Milano per andare in Ispagna, e mentre
andavo a Genova per andare a Spagna, pareva che io fossi menato alla
forca, et colà mi venne tentazione di gettarmi nel mare, et mi venivano
certe passioni di cuore come fossi stato per morire._

Mentre la Medici stava rinchiusa in una stanza nella casa del Melzi, e
assediata da una moltitudine di domestici e famigliari, venne forzata
a insegnare il modo per guarire il senatore, ed ella disse: _che
bisognava tor una fascia nuova et con essa misurare il signor senatore
per larghezza et per lunghezza et farli porre tre volte le braccia in
croce prostrato prima in letto con la pancia in giù; et che lei lo
avrebbe levato dal letto facendoli dire in quell'istante tre Pater
et tre Ave Maria da duoi figliuoli vergini a onore della Santissima
Trinità, et che lei nell'atto che havesse levato il senator dal letto
con la fascia sotto la pancia avrebbe detto:_ — Chi leva Senic et chi
la sanità: — _et che in tal modo il maleficio restava disfatto, et il
signor senatore sarebbe guarito._

Il medico Lodovico Settala, esaminato il giorno 28 dicembre 1616,
avendo egli circa sessantaquattr'anni, espone così: «Io più d'una
volta ho sentito dal signor senatore che pativa dolori di stomaco
stravaganti; che all'improvviso sopragiungevano et all'improvviso si
partivano, restando libero come se non avesse avuto male, e che pure
non vi dava alcuna occasione; per la qual cosa domandò aiuto e a me
e a al signor medico Clerici, perchè s'andava ogni giorno smagrendo e
consumandosi. Facessimo colleggio dieci o dodici giorni fa, nel quale,
sebbene attentissimo alla cura come a male naturale, restassimo però
con qualche maraviglia della maniera dei dolori; poichè, sendo così
stravaganti, ci pareva esservi dentro cosa che ben bene non si poteva
ridurre a soli principii naturali; sendo ancora che lui non haveva mai
avuto febbre. Ma da pochissimi giorni in qua mi fu detto che si era
scoperto quella malattia havere origine da causa sopranaturale, sendosi
scoperta in casa sua una donna sospetta di strega. Per il che subito
me ne andai dal detto signor senatore per intendere i particolari
e certificarmi della verità di questo, confermandomi nel mio dubbio
primiero delle stravaganze de' passati accidenti, potendoli ridurre
a questa causa sopranaturale delle malìe, tanto più avendone visto
molti altri esempi in questa città, ne' quali essendoci noi affaticati
invano con rimedii naturali, scoperti poi esser causati da malìe,
si rendevano curabili con esorcismi soli, e intesi come questa donna
aveva confessato la verità di aver fatto i maleficii a questo signore.
Anzi di più, sendosi trovato presente alla mia visita un religioso
esorcista di molto valore, mi disse havere scoperto questa donna essere
strega famosa e professa, anzi essere delle segnate e marcate dal
demonio, e però non mi maraviglio che il male del dotto signor senatore
non cedesse». Lo stesso medico Settala, in altro esame, così disse:
«Considerando io la qualità de' dolori che ha il detto signor senatore,
la continuità loro, la parte offesa che è tutto il ventricolo, parte
principalissima che comunica col cuore, ch'è destinata dalla natura ad
uso necessariissimo, cioè alla preparazione e digestione de' cibi, dico
tale infermità esser tale, che senza dubbio alcuno era per apportar la
morte per la veemenza de' dolori, per l'impedimento delle azioni e per
l'impedimento del dormire; che già si vedeva per il principio della
magrezza e della consumazione della carne. Anzi credo io certo questi
maleficii non esser fatti _ad amorem_, come spesse volte si fanno, ma
_ad mortem_, come sogliono le maghe promettere al diavolo tanto l'anno;
perchè, per la lunga esperienza che ho avuto in varii casi occorsimi,
i maleficii _ad amorem_ portano accensione di spiriti, commozione di
sangue, passione di cuore, alienazione qualche volta di mente, con
desiderii carnali, et in particolare con rabbiosi affetti verso alcuno;
non dolori di stomaco, non simili accidenti, in tutto contrari, se non
qualche volta per errore fatto da qualche maga non esperta, come non
è verisimile esser costei; havendo inteso dall'esorcista che con lei a
lungo ha trattato, costei essere strega pratica et professa et marcata,
che vuol dire esser dottorata in simil arte. E perciò concludo tali
maleficii più tosto esser stati _ad mortem_, come sogliono, come ho
detto, fare e promettere in grazia del demonio. E questo è quanto posso
dire, colto dall'esperienza e pratica che ho avuto in simili casi,
e per quello che ho letto ne' gravi scrittori che di questa materia
trattano».

Questa infelice doveva avere circa quarantaquattro anni quando fu
giuridicamente assassinata. Ella era nata in Brono da Giovanni de'
Medici, maestro di scuola. Da principio negli esami si dichiarava
innocente, poi venne tormentata, e il decreto del senato fu: _1617
die decima januarii. Senatus mandavit ad relationem Egregii Capitanei
Justitiae dictam Catharinam Torturae subjici debere, adhibita ligatura
canubis ac etiam taxillo, arbitrio curiae, pro habenda ulteriori
veritate, ac etiam super aliis;_ (1617, il dì 10 gennaio. Il Senato,
per relazione dell'egregio capitano di giustizia, comandò doversi
sottoporre alla tortura la detta Caterina, adoperando la legatura
di canape ed anche il randello, ad arbitrio della Curia, per avere
l'ulterior verità, ed altresì sopra altre cose.) e nel giorno stesso
10 gennaio esaminata, _negat scire quid sit ludum vulgo Barilotto,
negat etiam scire formam liberandi D. Senatorem a praedicto maleficio.
Negat_ che il demonio fosse assistente, _ec. Redarguta, perseverat
in negativa.... Tunc fuit ei comminata tortura ad formam, ec. ubi non
dicat veritatem.... Respondit_ non ho fatto altro.... _et cum propterea
fuerit ei funis brachio dextero applicata, et jam stringeretur, dicit:
Dirò la verità, fatemi desligare; et sic soluta, ec......_ (Nega
sapere che cosa sia il gioco volgarmente detto _Burilotto_; nega
pure di sapere il modo di liberare il signor senatore dal predetto
malefizio. Nega che _il demonio fosse assistente_, ec. Redarguita,
persiste nella negativa.... Allora le fu minacciata la tortura nella
forma, ec., quando non dica la verità.... Rispose, _non ho fatto
altro...._ ed essendole perciò applicata la fune al braccio destro, e
già strignendosele, disse: _Dirò la verità, fatemi desligare;_ e così
sciolta, ec.) e allora recitò una lunghissima fila di _Barilotti_ e
maleficii i più pazzi e strani.

[264] Bianconi, _Nuova Guida di Milano_, pag. 258.

[265] Bosca, _De origine et statu Bibl. Ambr._, lib. II, pag. 566. —
Saxius, _De studiis literariis Mediol._, cap. XII, col. 54. — Lattuada,
_Descrizione di Milano_, tom. IV, pag. 94.

[266] Sopra un volumetto che contiene gli atti dell'indicata
controversia, prezioso MS. esistente nella biblioteca Ambrosiana,
trovasi scritto di mano propria del cardinale Federico: _Questo libro
costa centomila scudi_; con che è venuto egli a dichiarare le spese
fatte per venire a capo della concordia. — _(Nota del canonico Antonio
Francesco Frisi)._

[267] La consulta è del 9 agosto 1618, ed ha questo principio:
_Cum ecclesiastici paulatim, unus post alium adversus impositionem
onerum pro parte colonica bonorum Ecclesiae insurgerent, comminando
e promulgando censuras contra deputatos, consules et syndicos
Communitatum... et cum parochi ecclesiarum recusarent Sanctissima
Sacramenta Deputatis ministrare, Episcopi verò absolutionem a Censuris
denegarent nisi refectis damnis... et nisi praestita cautione quod
in futurum ab ea abstinuissent; senatus, omnibus denuo attente
consideratis, pro eo quod pertinet ad Justitiam, licet non desint qui
Ecclesiae partes tueantur, cognovit tamen veriorem et magis receptam
sententiam hanc esse, ut possit princeps Collectam exigere a colonis
Ecclesiae pro valore fructuum ad eos spectantium, et ita servari in
aliis provinciis: immo vero ita jamdiu servatum fuisse in multis huius
Dominii partibus, et in omnibus a multis annis citra. Sed vidit etiam
episcopos et ipsum summum pontificem ita persistere in censuris, ut
neque per nos ab eis removeri possint ullis rationibus, neque nobis
remedia ulla supersint, quibus defendere ab illis valeamus laicos
in exactione onerum perseverantes, neque nostram quasi possessionem
in qua sumus, satis tueri, ec..._ (Essendochè gli ecclesiastici a
poco a poco, un dopo l'altro, contro l'imposizione degli aggravii
per la parte colonica dei beni della chiesa insorgevano, minacciando
e promulgando censure contra i deputati, consoli e sindaci della
comunità... ed essendochè i parochi delle chiese ricusavano di
amministrare i Santissimi Sacramenti ai deputati, e i vescovi poi
negavano l'assoluzione delle censure, se pria non erano risarciti i
danni, e se non si prestava sicurtà che in futuro di quella sarebbono
astenuti; il Senato, ogni cosa di nuovo attentamente considerata per
quello che appartiene alla giustizia, benchè non manchino di quelli
che difendono le parti della Chiesa, riconobbe tuttavia essere più
vera e più assentata questa sentenza che possa il principe esigere la
colletta dai coloni della Chiesa pel valore dei frutti loro spettanti;
e così essere l'osservanza in altre provincie, che anzi così essere
stata già da lunga pezza la pratica in molte partì di questo dominio,
ed in tutte molti anni addietro. Ma vide altresì che i vescovi ed il
sommo pontefice stesso così persistono nelle censure che nè si possono
per noi rimuovere da esse con veruna ragione, nè a noi rimedio alcuno
sopravanza col quale possiam difender da quelle i laici perseveranti
nell'esazione degli aggravii, nè difendere abbastanza il nostro quasi
possesso in cui siamo, ec.) e termina quindi concludendo: _Reliquam est
ut Majestas Vestra, re tota intellecta, quit nobis inter has angustias
agendum sit praescribere dignetur._ (Rimane che la Maestà Vostra,
ogni cosa considerata, si degni prescrivere che cosa dobbiamo fare fra
queste angustie.)

[268] Ripamonti, _De Peste_, ec., pag. 20.

[269] _Ibid._, pag. 41, e annotazioni MS. a un vecchio Diutile presso
la casa Verri.

[270] Rivolta, _Vita di Federico Borromeo_, lib. V, cap. XXI, p. 168.

[271] Ripamonti, pag. 50 e seguenti. Nel citato Diutile, scritto
da un medico chirurgo, essendovi notate le visite di Santa Corona,
leggesi MS. quest'annotazione: «1629, 7 novembre. Nel bettolino di
San Francesco sul corso di porta Comasina, passato il Carmine, morì
improvvisamente uno venuto da luogo infetto. Non si conobbe ch'ei
fosse morto di peste. Fra alcuni giorni l'oste e garzoni s'ammalarono e
morirono».

[272] Si fecero giuochi, tornei, allegrezze grandi. Si cantò il
_Te-deum_ a Santa Maria presso San Celso. Sulla piazza del Duomo si
diede un fuoco artificiale stupendo, che rappresentava il monte Etna.
Il ragguaglio ed il disegno della macchina sono stampati. Il gesuita
Emanuele Tesauro, celebre maestro di eloquenza in quei tempi, recitò
la orazione; e per dare un'idea del suo modo di scrivere, ne riporterò
alcuni tratti. Fra le altre cose disse: _Ma che in questi anni, meglio
che in altri, sia la fortuna appassionata per questa casa reale,
facciane fede, non altri, l'abbattuta eresia della Germania, sopra
cui, passando la ruota dell'austriaca fortuna, hormai le ha frante le
armi e tolto il fiato. O giustissimi sdegni e trionfali vendette della
zelante fortuna! Tempo fu che, ritardato il valor della doglia, assai
più attese la fortuna dello Impero a medicar le ferite de' suoi con
la prudenza, che a ferire i rubelli con la spada: a guisa di perita
nocchiera, che, non potendo correre un vento intiero, corre una quarta.
Ma ora al prospero soffio dell'austro gonfia tutta la vela, scorrendo
liberamente, non pure il Reno e il Danubio e l'Albi, ma il gelato mare
di Dania; anzi ne' monti ongarici et boemi per un mar di sangue rubello
felicemente veleggia_ (pag. 12). Egli, lodando il conte d'Olivares,
dice che _trasse il nome dagli olivi, perchè ne' consigli di guerra et
di pace dell'una et dell'altra Pallade merta l'oliva_. Finalmente del
nato bambino, ei narra ch'_è figlio delle Grazie, candidato dei paterni
regni, gemma incomparabile della maggior corona del mondo, fondamento
delle speranze, speranza et voto dei popoli, humano angioletto et
mortal Dio_. Il panegirico è pieno di passi d'Orazio, di testi di
Platone, di allusioni alle favole, di esagerazioni e adulazioni, e,
sebbene recitato in San Celso, non vi è tratto veruno nè del candore
evangelico, nè perfino di religione.

[273] In una patente del tribunale di Sanità, sottoscritta dal
presidente Giovanni Sfondrati e dal cancelliere Giacomo Antonio
Tagliabò, del 20 maggio 1632, che conservavasi presso de' padri
Cappuccini di quel convento, si legge che il padre Felice Casato,
guardiano, comandò nel Lazzaretto per commissione del tribunale di
Sanità, e cominciò _alli 30 marzo con carico di reggente e governatore
di detto Lazzaretto, con ampia autorità concessagli da questo tribunale
di comandare, ordinare, provvedere e fare tutto quello che dalla
singolare sua prudenza fosse stimato necessario.... havendo avuto
sotto il suo governo et comando tal'hora più di sedicimila anime, et
governato nel detto spatio di tempo centomila persone e più, ec._

[274] Così il conte Verri verso il fine del § II dell'opera intitolata:
_Osservazioni sulle torture, e singolarmente su gli effetti che
produsse all'occasione delle unzioni malefiche, alle quali si attribuì
la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630._ Questo scritto, ch'era
rimano inedito per riguardi di famiglia onorevoli all'autore, fu per
la prima volta pubblicato come un'appendice alle Opere Economiche del
conte Pietro Verri, nella Raccolta degli _Scrittori Classici Italiani
di Economia politica_, Parte moderna, tom. XVII.

[275] _Memorie delle cose notabili successe in Milano intorno al male
contagioso l'anno 1630_, ec., _raccolte da D. Pio La Croce_, pag. 54.
Un fanatismo simile a questo si vide in Mosca, allorquando, l'anno
1771, la pestilenza recatavi dalla guerra co' Turchi desolava quella
città. Il popolo si pose alla mente che un'immagine miracolosa dovesse
liberarlo, e la folla del concorso comunicò la pestilenza ai sani, e
accrebbe la sciagura. L'arcivescovo di Mosca, uomo illuminato e umano,
che avea sottratto l'immagine al popolo, dovette nascondersi per
schermirsi dal suo furore; ma le turbe forzarono il monastero ov'erasi
ricoverato, e lo trucidarono. — Veggasi Levesque, _Histoire de Russie,
tom. V, Paris_, 1782, pag. 133.

[276] _Pestilentia vim, et nomen, et regnum verè suum obtinuit_, lib.
VI, pag. 67.

[277] _Ragguaglio dell'origine e giornali successi della peste di
Milano, dal 1629 al 1632, di Alessandro Tadino_, ec., lib. II, cap. 15
e 30, pag. 57 e 100.

[278] Ripamonti, pag. 112.

[279] L'editto, pubblicato dal Lattuada (_Descrizione di Milano_, tom.
III, pag. 322), è il seguente: «Avendo alcuni temerari o scellerati
avuto ardire di andare ungendo molte porte delle case, diversi
catenacci di esse e gran parte dei muri di quasi tutte le case di
questa città con unzioni, parte bianche e parte gialle, il che ha
causato negli animi di questo popolo di Milano grandissimo terrore e
spavento, dubitandosi che tali unzioni siano state fatte per aumentare
la peste che va serpendo in tante parti di questo Stato; dal che
potendone seguire molti mali effetti et inconvenienti pregiudiziali
alla pubblica salute: a' quali dovendo li signori presidente e
conservatori della Sanità dello stato di Milano per debito del loro
carico provedere, hanno risoluto, per beneficio pubblico e per quiete
e consolazione degli abitanti di questa città, oltre tante diligenze
sin qui d'ordine loro usate per mettere in chiaro i delinquenti, far
pubblicare la presente grida, con la quale promettono a ciascuna
persona di qualsivoglia grado, stato e condizione si sia, che nel
termine di giorni 30 prossimi a venire dopo la pubblicazione della
presente metterà in chiaro la persona o le persone che hanno commesso,
favorito, aiutato, o dato il mandato, o recettato o avuto parte o
scienza, ancorchè minima, in cotal delitto, scudi ducento de' denari
delle condanne di questo tribunale; e se il notificante sarà uno de'
complici, purchè non sia il principale, se gli promette l'impunità,
e parimente guadagnerà il suddetto premio. Et a questo effetto si
deputano per giudici il signor capitano di giustizia, il signor podestà
di questa città et il signor auditore di questo tribunale, a' quali
o ad uno di essi averanno da ricorrere i propalatori di tal delitto,
quali, volendo, saranno anche tenuti secreti. Dat. in Milano 19 maggio
1630.

                                 Firm. _M. Antonius Montius Praeses._

                               Sott. _Jacobus Tagliabos. Cancellar._»

[280] Veggasi la citata opera del conte Verri: _Osservazioni sulla
tortura_, ec.

[281] Ripamonti, pag. 64.

[282] Darò qui la studiata e non inelegante iscrizione latina che
leggevasi scolpita in una gran tavola di marmo, e il faccio ancor
più volentieri perchè nella prima edizione della citata opera _Sulla
tortura_, contro la manifesta intenzione dei tre superiori magistrati
che sancirono quel legale assassinio, è mancante de' loro nomi, e così
mutila fu poscia ristampata.

                      HIC VBI HAEC AREA PATENS EST
                        SVRGEBAT OLIM TONSTRINA
                            JO. JACOBI MORAE
         QUI PACTA CVM GVLIELMO PLATEA PVB. SANIT. COMMISSARIO
                       ET CVM ALIIS CONSPIRATIONE
                       DVM PESTIS ATROX SAEVIRET
              LAETHIFERIS VNGVENTIS HVC ET ILLVC ASPERSIS
                    PLVRES AD DIRAM MORTEM COMPVLIT
               MOS IGITVR AMBOS HOSTES PATRIAE IVDICATOS
                          EXCELSO IN PLAVSTRO
                   CANDENTI PRIVS VELLICATOS FORCIPE
                        ET DEXTRA MVLCTATOS MANV
                             ROTA INFRINGI
               ROTAEQVE INTEXTOS POST HORAS SEX JVGVLARI
                             COMBVRI DEINDE
             AC NE QVID TAM SCELESTORVM HOMINVM RELIQVI SIT
                            PVBLICATIS BONIS
                       CINERES IN FLVMEN PROJICI
                             SENATVS JVSSIT
                    CVIUS REI MEMORIA AETERNA VT SIT
                     HANC DOMVM SCELERIS OFFICINAM
                              SOLO AEQVARI
                     AC NVMQVAM IN POSTERVM REFICI
                           ET ERIGI COLVMNAM
                          QVAE VOCETVR INFAMIS
                          IDEM ORDO MANDAVIT.
                        PROCVL HINC PROCVL ERGO
                               BONI CIVES
                      NE VOS INFELIX INFAME SOLVM
                               COMMACVLET
                        M DC. XXX. KAL AVGVSTI.

  R. justitiae capitaneo
  JO. BATT. VICECOMITE.

  Praeside senatus ampliss.
  JO. BABT. TROTTO.

  Praeside pubblico sanitatis
  MARCO AN. MONTIO.

                      (Nel luogo di questo spazio
                    Sorgeva altre volte la barbiería
                         Di Giovan Giacomo Mora
      Il quale con Guglielmo Piazza pubblico Commissario di Sanità
                     E con altri avendo conspirato
                 Mentre imperversava atroce pestilenza
                Con venefici unguenti qua e là applicati
                       Molti a cruda morte spinse
            Entrambi pertanto nemici della Patria giudicati
                           Comandò il Senato
                     Che sopra di un elevato carro
                Abbrostiti da prima con tanaglia rovente
                      E mutilati della mano destra
                      Colla ruota fossero infranti
        E nella ruota intrecciati dopo sei ore scannati fossero
                          E quindi abbruciati.
         Ed affinchè nulla rimanesse di uomini tanto scelerati
                           Confiscati i beni
             Volle che le ceneri gettate fossero nel fiume.
               Della qual cosa onde eterna sia la memoria
                 Questa casa, officina di sceleratezza
                        Lo stesso Ordine decretò
                      Che adeguata fosse al suolo
                Nè mai potesse in avvenire rifabbricarsi
                        E si ergesse una colonna
                         Che detta fosse infame
                      Lungi adunque, lungi di qua
                           O buoni cittadini
                    Affinchè l'infelice infame suolo
                           Non vi contamini.
                              M. DC. XXX.
                         Alle calende di agosto

                               _Essendo_

  R. capitano di giustizia
  GIO. BATT. VISCONTI.

  Presid. ampliss. del senato
  GIO. BATT. TROTTI.

  Pubbl. presid. della sanità
  MARCO ANT. MONTI.)

[283] _Memorie, ec._, di _D. Pio La Croce_, di sopra citate, pag. 51.

[284] _Coniectura tamen aestimatioque communis fuit, centum quadraginta
milia capitum fuisse quae perierunt, reperique ita prescriptum in
tabulis rationibusque iisdem, unde haec mihi petita sunt omnia
quae retuli._ (Fu tuttavia congettura ed opinione comune, che
centoquarantamila anime fossero perite, e così trovai registrato
nelle tavole e conti medesimi dai quali trassi tuttochè ho riferito.)
Ripamonti, lib. IV, pag. 228.

[285] _Descrizione di Milano_, tom. II, pag. 66 e seg.

[286] Si conosce il costume de' tempi e singolarmente l'orgogliosa
opinione de' nobili, i quali si consideravano di natura diversa degli
uomini della plebe, dal viglietto seguente, che il signor don Pietro
Fossani ha ritrovato in sua casa, come originale di un simile che un di
lui antenato scrisse a certo Paolo Besozzi: «Intendo andare attorno una
scrittura data da ti Paolo Besozzi in confidenza ad alcuni pochi, alla
quale non posso adequatamente rispondere per non essere arrivata alle
mie mani. Pure, con quei dogmi che sono necessari alla gente vilissima
e poco pratica delle corti e del trattare civile, ti dico che è solito
de' buffoni e solo lor proprio privilegio farsi pari e superiori a'
lor maggiori, lasciando di dargli i dovuti titoli, e presumendo di
arrogarli alle loro vilissime persone, ma, inavveduti, si scordano
di quel che veggono tutto di praticarsi, che, stanchi i maggiori
delle loro buffonerie e arroganze, non per vendetta, ma con animo
tranquillissimo li fanno ricordare; altre volle danno di mano ad un
bastone per pigliarsi spasso delle loro carni. Il simile farò con te io
infrascritto, non conoscendoti l'essere e il procedere tuo al merito,
e nella qualità ed essere mio altra obbligazione. — 6 luglio 1649 —
Antonio Francesco Fossani affermo, ec.» — _(Nota del conte Verri)_.

[287] Vedi _la Verità Svelata_, ec., edizione di Venezia, 1684, p. 70.

[288] _Storia d'Italia_, lib. XVII, pag. 583.

[289] Brusoni, _Storia d'Italia_, pag. 588.

[290] Frisi, _Tomo Terzo_, ossia, _Continuazione della Storia di
Milano_, MS. presso la casa Verri, pag. 336-339.

[291] Ha per titolo: _Il governo del duca d'Ossuna dello stato di
Milano: in Colonia, appresso Battista della Croce_, 1678, di pag. 125,
in 12.º

[292] Scudo d'argento. _Vedi_ Carli, Neri, ed altri.

[293] Allorchè fu qui soppressa l'Inquisizione, si trovò nell'archivio
di essa la commissione data all'arcivescovo di Valenza, inquisitore
generale in tutti i regni e dominii di Sua Maestà cattolica,
all'inquisitore generale di Milano di ricevere il giuramento di
questo governatore, come bargello maggiore (_Alguazil mayor_) del
Santo Officio, e il processo verbale dell'esecuzione. Questo secondo
documento, che può bastare ad un'erudita curiosità, è come segue:
«Nella città di Milano, nel giorno 3 del mese di marzo dell'anno 1697,
il rev. P. Maestro frà Prospero Leoni, inquisitor generale dello Stato
e dominio di Milano, in virtù della commissione dell'eccellentissimo
signor don frà Giovanni Tommaso de Rocaberti, arcivescovo di Valenza,
inquisitore generale, ricevette il giuramento nelle dovute forme di
giustizia da S. E. il signor don Diego Filippo di Gusman, duca di
S. Lucar la Maggiore, affinchè bene, fedelmente e diligentemente sii
per usare e per esercitare l'uffizio di barigello maggiore del Santo
Ufficio dell'Inquisizione della città di Siviglia, nella quale è stato
nominato dal detto eccellentissimo signor inquisitore generale, e che
osserverà il secreto di tutto ciò che S. E. saprà, vedrà, intenderà
e gli sarà conferito riguardo al Sant'Ufficio dell'Inquisizione,
che esattamente si deve conservare, e che aiuterà e favorirà i suoi
ministri; e promise di ciò fare e adempire, e fu avvisato delle pene e
censure poste nelle lettere pubblicate dal Sant'Ufficio contro quelli
che non osservano il secreto: e S. E. lo firmò, essendo testimonii
don Giuseppe de Zambrana, cavaliere dell'ordine di San Giacomo, don
Giovanni di Villamor e don Giovanni Saller, tutti tre abitanti in
questa città.

  _Firm._ Il duca di San Lucar,
  marchese di Leganes.

  Frà Prospero Leoni
  inq. gen. di Milano, suo stato
  e dominio.

_Sott._ Frà Angelo Battiani, vicario generale del Sant'Ufficio di
Milano, in luogo di segretario del medesimo Santo Tribunale.

[294] Il titolo è: _Milano sempre grande_, ec. Nella stamperia della R.
ducal corte, in 4.º

[295] Lattuada, _Descrizione di Milano_, tom. IV, p. 20.

[296] _Vita del presidente Arese_. Colonia, 1681, in 12.º — Argellati,
_Bibl. Script. Med._, tom. I, pars. II, col. 88 e seg.

[297] Lattuada, tom. III, pag. 251.

[298] Argellati, _Biblioth., Script. Mediol._, tom. II, pars I, col.
1322-1324.

[299] Tomo II, col. 1230 e seg.

[300] Verri, _Osservazioni sulla tortura_, ec., § 2.

[301] _Elogio del Cavalieri_, dell'abate Paolo Frisi. Milano, 1779, in
8.º

[302] Argellati, _Biblioth._, ec., tom. II, pars I, col. 1328 e seg. —
Bosca, _De origine et statu bibliothecae Ambrosianae_, lib. V.

[303] Brusoni, _Storia d'Italia_. Torino, 1680, lib. XXIX, pag. 724 e
seg. — Bayle, Argellati, Mazzucchelli, Tiraboschi, ec.

[304] Ottieri, _Istoria delle guerre avvenute in Europa, ec., dal 1696
al 1725_, tom. I. — _Storia della Lombardia austriaca_, MS. del conte
reggente senatore Gabriele Verri, tomo IV. Frisi, _Continuazione della
storia di Milano_, tom. III, MS. pag. 398 e seg.

[305] Denina, _Rivoluzione d'Italia_, lib. XXIV, cap. I. — Voltaire.
_Siècle de Louis XIV_, cap. XVIII.

[306] _Elogio dell'imperatrice Maria Teresa._ Pisa, 1783, in 8.º

[307] Muratori, _Annali d'Italia_, tom. XVI, all'anno 1735.

[308] _Il re di Sardegna, di Cipro e di Gerusalemme, ec. ec._

«Illustre Giunta di Governo: L'esecuzione degli articoli preliminari
firmati in Vienna fra S. M. imperiale e S. M. cristianissima, il dì
3 di ottobre dell'anno scaduto, a cui abbiamo voluto dal canto nostro
contribuire, portando ora l'evacuazione di cotesto ducato dalle armi
alleate, eccettuatine il Novarese e Tortonese, che da' medesimi ci sono
stati destinati pria che questa sortisca intieramente il suo effetto,
onde abbia a sciogliersi questo consesso, che essendo stato da noi con
singolare studio prescelto fin dal cominciamento per l'onorevole non
meno che importante incarico del governo che gli avevano confidato, ha
così lodevolmente corrisposto alla nostra aspettativa: vogliamo, per
soddisfare a que' sentimenti di stima che nelle diverse occasioni ci ha
dato un giusto motivo di concessione, assicurarlo de' medesimi, e del
pieno nostro aggradimento per la servitù che ci ha resa.

Il zelo per una ben nota amministrazione di giustizia, ed il
particolare interessamento che tutti e cadauno di voi ha fatto
conoscere, non meno pel sollievo di cotesti popoli, che nel
sostenimento de' loro giusti diritti e prerogative, avendo secondato
le nostre mire, siccome eccitò in noi que' sentimenti, così ci lascia
una grata rimembranza di quelle pubbliche cure e sollecitudini, che ad
un tale oggetto avete impiegate. Di tanto noi stessi abbiamo voluto
accertarvi, pregando di più il Signore che vi conservi e vi ricolmi
delle sue benedizioni.

Torino, 1.º settembre 1736.

                                               _Segnat._ C. EMANUELE.

                                                      _Sott._ ORMEA».

[309] Lattuada, _Descrizione di Milano_, tom. V, pag. 350 e 379. —
Bianconi, pag. 74.

[310] Muratori, _Annali d'Italia_, tom. XVI all'anno 1743.

[311] Coxe, _Storia della casa d'Austria_, tom. VI, cap. CVI all'anno
1745.

[312] _Istoria politica, ecclesiastica e militare del secolo XVIII_,
dell'abate Francesco Beccatini. Milano, 1796, vol. II, lib. II, p. 167.
— Bonamici, _De bello Italico_.

[313] Muratori, _Annali d'Italia_, tom. XVI, all'anno 1747.

[314] Sì questo che gli altri caratteri de' governatori, dati in questo
capitolo, sono presi dalle _Memorie_ del conte Verri.

[315] Questo trattato leggesi non solo nelle Raccolte diplomatiche, ma
anche nella citata _Storia del secolo XVIII_ dell'abate Beccatini, vol.
II, pag. 164 e 165.

[316] _Storia della casa d'Austria_, di Guglielmo Coxe, tom. VI, cap.
CIX.

[317] Regia prammatica, 30 dicembre 1762; e reali dispacci, 3 agosto
1767 e 17 luglio 1769.

[318] Real dispaccio, 30 novembre 1765.

[319] Altro real dispaccio, 3 agosto 1767.

[320] Altro del 30 settembre 1767.

[321] Reali dispacci, 31 marzo e 23 giugno 1768.

[322] Coxe, _Storia della casa d'Austria_, tom. VI, cap. CXVIII, in
fine.

[323] Bossi, _Storia d'Italia_, tom. XIX, pag. 364.

[324] Gride 20 aprile e 17 settembre 1769, 24 febbraio, 28 settembre e
29 ottobre 1770.

[325] Grida 17 febbraio 1768.

[326] Gride 26 gennaio 1768, 28 gennaio 1769 e 16 febbraio 1771.

[327] Regio dispaccio, 28 dicembre 1770.

[328] _Esposizione dell'Operato degli esecutori testamentari del
principe Trivulzi_, 31 marzo 1791, in-fol. — Sulla porta del pio
albergo leggesi la seguente iscrizione:

                ALENDIS . IN . CONTVBERNIO . PAVPERIBUS
                      VIRIBVS . SENIOQVE . FRACTIS
                        ANT. PTOLOM. TRIVVLTIVS
               S. R. I. ET . VALLIS . MESVLCINAE PRINCEPS
                            AEDES . HAS SVAS
                   VNA . CVM . CENSV . ET . PRAEDIIS
                     REGIAE . CLIENTELAE . OBONXIIS
                       M. THERESIA AUG. ANNVENTE
                     SVPREMA . VOLVNTATE . LEGAVIT
                 IN VIRI . EIDEM . EXEQVENDAE . DELECTI
                       PIIS . VSIBVS . APTAVERVNT
                               MDCCLXXI.

                    (A nutrire in convitto i Poveri
                        Grami per età e di forze
                         ANT. TOLOMEO TRIVULZI
             Del S. R. I. e della Valle Mesolcina Principe
                            Queste sua case
                     Insieme con capitali e poderi
                         Soggetti a regio feudo
                    Con assenso dell'AUG. M. TERESA
                          Legò per testamento
              I quattro esecutori della sua ultima volontà
                    Ai voluti pii usi le adattarono
                             nel MDCCLXXI)

[329] Cinque gride, tutte nella stessa data del 23 ottobre 1778, altre
del 5 e 20 novembre e 13 dicembre dello stesso anno; 21 febbraio, 22
marzo, 23 aprile, 6, 8 e 22 giugno 1779.

[330] Real dispaccio e relativo piano, 4 novembre 1773; altra grida 14
febbraio 1774.

[331] Real dispaccio, 1.º novembre 1768.

[332] Real dispaccio, 3 dicembre 1770.

[333] RR. Dispacci, 22 maggio 1769 e 12 settembre 1771. — Grida, 1.º
ottobre 1775.

[334] R. Dispaccio, 2 dicembre 1776.

[335] _Vita dell'architetto Luigi Vanvitelli_. Napoli, 1823, in 8.º,
pag. 45 e 46.

[336] Bossi, _Guide de l'Étranger à Milan_, ec., in più luoghi.

[337] Paolo Frisi, Coxe, Bossi, Coppi, ec.

[338] Martens, _Recueil diplomatique_, tom. III, pag. 732. — Coppi,
_Annali d'Italia_, tom. I, pag. 152.

[339] Coppi, luogo cit., pag. 133. — Editto 20 febbraio 1785.

[340] Grida 17 febbraio 1767.

[341] Grida 5 agosto 1771.

[342] Grida 22 aprile 1772.

[343] Coppi, _Annali_, tom. I, pag. 158.

[344] Regio dispaccio 9 aprile 1781.

[345] Regio dispaccio degli 8, e grida del 23 maggio 1781.

[346] Grida 17 ottobre 1781.

[347] Grida 8 ottobre 1781. Legge o costituzione sui matrimoni, 17
settembre 1784, e dilucidazioni 22 giugno 1785. Grida 26 novembre 1784,
21 gennaio e 11 febbraio 1787.

[348] Regio dispaccio 9 maggio 1782, e grida 6 gennaio 1783.

[349] Regio dispaccio 30 maggio 1782, e grida 20 febbraio 1783.

[350] Piano 19 novembre 1784, regolamento 27 giugno 1786.

[351] Regolamento 25 aprile e 27 dicembre 1785; 5 aprile e 11 giugno
1787.

[352] Grida 18 aprile 1786.

[353] Editto 26 settembre 1786.

[354] Editto 24 dicembre 1786.

[355] Piano 11 febbraio e grida 13 marzo 1786.

[356] _Codice dei delitti e delle pene_; Vienna e Roveredo, 1787, parte
I, § 20 e 53.

[357] Ivi, §§ 25 al 27.

[358] Ivi, § 16.

[359] Ivi, §§ 42 e 46.

[360] Ivi, § 24 e 39.

[361] Ivi, § 30 e 32.

[362] Codice citato, parte II, § 61.

[363] Ivi, §§ 63, 72, 74, 76 e 80.

[364] Ordini 24 gennaio 1786.

[365] Risoluzione di S. M. 4 ottobre, ed editto 31 ottobre 1787; editti
30 luglio e 2 agosto 1788.

[366] Grida 31 ottobre 1787.

[367] Ordini 11 ottobre 1768, 30 dicembre 1778, 15 settemb. 1779.

[368] Gride 31 marzo e 24 aprile 1787, 8 luglio 1788.

[369] Gride 23 maggio e 25 settembre 1786.

[370] Gride 26 gennaio 1768, 28 gennaio 1769, 15 febbraio e 30 dicembre
1771, 11 maggio 1775, 13 novembre 1781, 19 febbraio 1784 e 24 ottobre
1785.

[371] Editto 9 dicembre 1786, regolamento e tariffa, ec. in-fol.

[372] Ordini 2 e 22 dicembre 1786, 29 gennaio, 30 marzo 6 agosto e 19
ottobre 1787; 4 e 15 febbraio e 18 marzo 1788, 31 ottobre 1789.

[373] Grida 4 aprile 1786.

[374] Piano di regolamento per le farmacie della Lombardia
austriaca: Milano, 1788, in 4.º — Piano di regolamento del direttorio
medico-chirurgico, come sopra, in 4.º

[375] _Codice di S. M. l'imperatore Giuseppe II, tradotto dai tedesco
da Bartolommeo Borroni_; Milano, presso Galeazzo, 1787 e seg., vol. X,
in 8.º

[376] Coxe, _Storia della casa d'Austria_, tom. VI, cap. CXXIV.

[377] _Idem._ Storia citata, cap. CXXVIII e CXXIX.

[378] Real dispaccio 6 maggio 1790.

[379] Real dispaccio 30 gennaio 1791, portante le sovrane Risoluzioni
sulle domande de' pubblici, ec.

[380] Citato real dispaccio 30 gennaio 1791; editti 30 gennaio e 23
luglio dello stesso anno.

[381] Editto 20 marzo 1791; piano del magistrato politico camerale, ec.
in-fol.

[382] Grida 23 agosto 1785; decreto 24 gennaio 1791.

[383] Veggansi la sua lettera circolare agli altri sovrani dell'Europa,
in data di Padova 6 luglio 1791, e la sua dichiarazione fatta
unitamente al re di Prussia, data in Pilnitz, il 27 agosto dello stesso
anno. — Coxe, _Storia_ ec., tom. VI, capitolo CXXXIII.

[384] Coxe, luogo citato. — Bossi, _Storia d'Italia_, tom. XIX, p. 411.



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Storia di Milano vol. 3" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home