Home
  By Author [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Title [ A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L  M  N  O  P  Q  R  S  T  U  V  W  X  Y  Z |  Other Symbols ]
  By Language
all Classics books content using ISYS

Download this book: [ ASCII ]

Look for this book on Amazon


We have new books nearly every day.
If you would like a news letter once a week or once a month
fill out this form and we will give you a summary of the books for that week or month by email.

Title: Vita mondana
Author: Benaglio, Ines Castellani Fantoni
Language: Italian
As this book started as an ASCII text book there are no pictures available.
Copyright Status: Not copyrighted in the United States. If you live elsewhere check the laws of your country before downloading this ebook. See comments about copyright issues at end of book.

*** Start of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Vita mondana" ***

This book is indexed by ISYS Web Indexing system to allow the reader find any word or number within the document.



                                _MEMINI_


                              VITA MONDANA



                                _MILANO_
                        LIBRERIA EDITRICE GALLI
                                   DI
                        C. CHIESA E F. GUINDANI
                         Galleria V. E., 17-80
                                  1891



                         _Proprietà letteraria_

                    STAB. TIP. E. TREVISINI — MILANO



Dilemma.


I.

Nella elegante portineria olandese, nicchiata nel verde, di fianco al
cancello del giardino, il sopraggiungere di Alberto Mentena non cagionò
meraviglia alcuna. — La linda portinaja si alzò premurosamente per
aprir l'uscio che metteva sul viale e accompagnò il giovane, sinchè
potè vederlo, colla benevolenza del suo vispo sguardo di vecchietta.
Alberto Mentena era simpatico a tutti, giovani e vecchi, ricchi e
poveri.

S'inoltrò con spedito passo pel giardino, veramente bello nella pompa
primaverile del suo verde. In fondo al viale, biancheggiava la villa,
a mezzo rivestita di arrampicanti, un vero nido di pace elegante.
La brezza temperava il calore del meriggio, mettendo delle molli
oscillazioni nei penduli rami della clematide in fiore e un fremito
continuo, sommesso, quasi musicale, nei cortinaggi di tela russa che
adombravano l'atrio. — Un domestico, vestito di nero passava grave
ed ozioso, a capo chino. Ma Alberto non lo chiamò. — Attese anzi per
procedere ch'egli si fosse allontanato. — Allora soltanto penetrò
nell'atrio e prese a destra, mettendosi per un'ampia fuga di sale.
Le attraversò senza fermarsi nè incontrare alcuno, sinchè giunse e si
trattenne in un salotto piccino che apriva su una specie di serra, o
meglio un piccolo giardino d'inverno, colle pareti ad invetriate.

In quella serra stava sola, una signora giovane, non bellissima,
snella, piuttosto piccina, con un volto pallidetto, di persona ammalata
o molto inquieta. Sedeva in una piccola nicchietta di verde, fra due
palme, in una poltroncina di giunco e ricamava, svogliatamente però,
un canovaccio campionato a disegni antichi, con delle tinte pallide e
vecchie.

Alberto non entrò in quel luogo. Si fè presso all'uscio, con
precauzione, perchè ella non lo udisse, non sapesse ch'egli fosse lì.
Si tenne celato dietro una portiera, rimuovendola solo quanto bastava a
concedergli la visione di quanto accadeva nella piccola serra.

La signora si credeva sola. Credeva ch'_egli_ fosse lontano assai.
E perciò viveva liberamente quell'ora di solitudine e di sofferenze
intime.

Tutto in lei contribuiva a tradire l'interna lotta. Il tremore
delle labbra, l'espressione speciale della fisonomia, l'inconscia
irrequietezza dei moti. Il lavoro fu lasciato e ripreso più di una
volta. — Ogni tanto un'idea passava, quasi tangibile, sulla sua
fronte, fissando negli occhi e sulle labbra semi aperte un'estasi vaga,
mettendo nella personcina fremente una súbita pace di riposo, contrasto
strano coll'agitazione sì viva che lo aveva preceduto...

Diana Contessa di Rezzano ebbe, finalmente un amaro sorriso, cui tenne
dietro un lungo e sconsolato sospiro. Afferrò un libro che giaceva
su un prossimo tavolino. Lo aperse, vi attese per dieci minuti, poi
i suoi pensieri tornarono in frotta, più eloquenti delle pagine del
libro. Essa lo depose, senza chiuderlo, su una poltroncina uguale a
quella da lei occupata e che le era vicinissima. La contemplò a lungo,
con una súbita, profonda attenzione la respinse alquanto, tornò ad
accostarsela.... poi, senza allontanarla se la mise di fronte e con una
mossa lenta, bizzarra, come esitante, depose la mano sul bracciale. Si
chinò alquanto come se parlasse a qualcuno che le stasse di fronte, su
quella poltroncina.

Sorrideva, inarcava le ciglia, pareva udire delle frasi, accoglierle...
rispondere ad esse. Un momento trasse a sè la mano, che posava sul
bracciale, rapidamente, come se l'avesse sfiorata il bruciore di una
favilla, poi la depose sull'altra, con una vaga tenerezza di gesto e la
baciò. Si scosse poscia ed ebbe uno scoppio di amare risa. S'alzò con
impeto ed uscì in giardino.

Allora soltanto, Alberto entrò nella serra e sedette al posto
solito, sulla poltroncina che aveva poc'anzi attirata l'attenzione di
Diana. Così attese. Il suo sguardo seguiva la gonna della Contessa,
volteggiante fra le ajuole.

Quand'ebbe colto, un po' a rifascio, un grosso mazzo di fiori, Diana
tornò lentamente indietro, guardandoli. Solo quando fu sulla soglia
dell'invetriata alzò gli occhi e vide Alberto.

S'arrestò; cogli occhi spalancati, col volto di cera! Mandò un piccolo
grido di gioia involontaria, tenerissima ed una súbita, suprema letizia
irradiò da tutto l'esser suo.

Ma ella non corse incontro ad Alberto. Stette ritta, fiera, sulla
soglia, aggrottò le ciglia e disse con aspro accento: Che fate qui?

Alberto sorrise, venne risoluto ad incontrarla e le porse la mano.

— Sono qui, le disse.

Ella tentò di ritrarsi d'un passo. Ma non potè, l'ira fuggiva
irresistibilmente da lei. Attratta, suo malgrado, mosse verso lui,
colle labbra anelanti.

— Alberto! disse a voce spenta, con un fioco accento di rimprovero.

— Sono qui, ripetè il giovane... Diana!... oh Diana! Le prese ambe le
mani e le depose sulle proprie spalle.

Il volto di Diana s'era acceso d'una fiamma rosea; ella guardava
Alberto intensamente, con una passione, un'affetto senza pari!...

— Alberto! disse ancora con voce tremante. Ma l'intenzione del
rimprovero, moriva, soverchiata dalla dolcezza suprema dell'appello
inconscio, innamorato.

Sono tornato, mormorò il giovane. Non mi sgridare, non mi tormentare.
Ho voluto ubbidirti, ho provato a stare lontano da te!... Ma non posso.
Non posso, intendi? E tu pure non puoi... nevvero... Diana?

Le sue parole avevano quell'intonazione rotta, confusa, susurrata, ch'è
la più fatale eloquenza dell'amore. — Pure ella tentò di reagire.

— Io?... lo posso... sì... perchè no?

Ma tutto smentiva la povera menzogna. Alberto sorrise. Le sue dita
stringevano i freddi polsi di lei e il suo sguardo ardente si fondeva
nella luce calda, umida, dell'occhio di Diana.

— Siediti qui, le disse, accennando col mento la poltrona.

— No, diss'ella a denti stretti, con irosa disperazione. — Egli
aggrottò le ciglia. — Allora Diana con una súbita scossa, liberò le sue
mani.

— Va via, gli disse con rauca voce, va via!

— È inutile, lo vedi. Tornerei ancora.

Diana tacque. Sentiva ch'egli aveva ragione. Il pensiero di ciò
ch'ella aveva sofferto, nell'assenza di lui, la colse vivido, pieno di
ribellione. Ed ora egli era tornato... era lì e per un momento la gioia
inconsulta, suprema, del suo ritorno irruppe unica in lei, cancellando
ogni altra impressione.

Egli leggeva, sorridendo, su quel libro aperto. Le si accostò e se la
strinse dolcemente, quasi rispettosamente al cuore. Tremava anch'egli,
vinto da un'emozione che non pensava a celare, nella sincerità
impetuosa del suo amore. Le sue labbra cercarono quelle di lei, che
parevano protendersi, ma che, irrigidite ad un tratto, si sottrassero
all'incontro.

Ed ella rizzandosi gridò superbamente. Non voglio!

Non voleva infatti. — Ma qualcosa in lei, qualcosa di ardente e di
indomabile _voleva_ a dispetto della _sua_ volontà; ed ella si esauriva
nello sforzo di quella ribellione, nella fatica della propria reazione
contro il cuore affascinato ed i sensi destati. Diana e Alberto si
amavano così da più mesi, con una verità ed una forza di passione che
nulla osteggiava in lui.

In lei combattevano, dilaniandole il cuore, l'innata purezza dello
spirito, l'influenza di una austera e religiosa educazione, l'istintivo
orrore della macchia. Ma ella avvertiva dal paro la forza spietata
che la trascinava ormai sulla rapida china dell'amore. E perciò; come
tante altre povere anime così grottescamente e miseramente create, ella
amava, soffriva e lottava tanto!

Per lui tutto ciò era una novità. Sentiva di aver scatenata una
tempesta vera nel cuore di una vera donna e conosceva abbastanza le
donne per apprezzare il valore e la verità del fatto. — Non aveva
deliberatamente tentata la conquista di Diana; s'era abbandonato, ad
occhi aperti però, alla dolcezza nuova di un sentimento, lasciando poi
ch'egli seguisse il corso della sua logica evoluzione. Aveva lasciato
venir l'amore senza sollecitarlo, serbando, anche quando l'aveva
ravvisato in volto, un rispetto gentile per la donna gentile che glielo
aveva ispirato. No, quell'amore non poteva essere per lui un episodio
volgare come i tanti che l'avevan preceduto. — Certo; non doveva
neppure essere un episodio eccezionale, ma tanto nel suo delicato
epicureismo della passione, quanto nella sincerità stessa del suo amore
per Diana, egli aveva trovate delle onorevoli ed eccellenti ragioni per
prolungare uno _stato quo_ del quale molti avrebbero potuto sorridere.

Aveva avuta, aveva tutt'ora una certa pietà di Diana e delle sue intime
lotte. Senonchè, da qualche tempo in qua, cominciava ad aver pure
una certa pietà di sè stesso... Bellissimo, curiosissimo in lei quel
contrasto di docilità all'amore e di ribellione alle sue esigenze,
ma durava da un po' di tempo e... come ammettere che avesse a durar
sempre?

Il marito... solito, che non sa... che non ci pensa, che nulla teme.
Cacciatore emerito, ora in Sicilia, ora in Sardegna, ora in Maremma.
Bello e giovane, d'indole gaia e spensierata senza finezza alcuna,
senz'altre cure che quelle del compiacimento proprio, di un'immoralità
comoda e larga, spesso infedele e bonariamente sorpreso che Diana
avesse a tanto adontarsene, tranquillo nel sereno convincimento
dell'innocuità dei suoi piccoli tradimenti di passaggio. — Ma Diana
l'intendeva altrimenti. S'era messo in capo una stramba idea, che
la fedeltà nel matrimonio dovesse esser obbligatoria per entrambi
i conjugi!.. Aveva ignorato molto, perdonato qualcosa, ma non
ammetteva la recidiva e il suo pseudo amore pel marito s'era smorzato,
bruscamente, nella collera di quelle replicate offese alla santità del
vincolo. — Uno scandaluccio di bassa lega, qualcosa che s'aggirava
tra una cameriera e una ballerina, aveva esasperato il risentimento
di Diana ed ella aveva creduto bene di ritirarsi nella sua tenda; cioè
nella sua villa di Rezzano.

Ed a ciò s'era limitata, solo per deferenza ai caldi consigli di sua
madre, poichè questa, la buona contessa Galli, osteggiava apertamente
la estrema risoluzione alla quale Diana aveva pensato dapprima. Diana,
quella benedetta figliuola, aveva parlato nientemeno che di una buona e
completa divisione. Quella povera creatura aveva un'antipatia istintiva
per le mezze misure e per le posizioni mal definite. Si sentiva
crudelmente offesa e voleva dimostrarsi tale.

Non erano dunque al tutto divisi. Leone, il marito, non desiderava
affatto una divisione. Vivevano assieme, scontenti, nel malessere di
quei mutati rapporti, nelle perenni difficoltà delle loro conseguenze.

Egli si dedicava molto alla caccia, faceva lunghe e frequenti assenze.
Si scrivevano solo quando occorreva, per affari, lettere cordiali,
freddine che cominciavano: Carissimo amico... ovvero: Mia buona Diana,
e non si aggiravano che su cose indifferenti. La buona Diana si era
isolata nel suo cantuccio della tenda comune e aveva iniziato un _modus
vivendi_ abbastanza frigido, che il marito aveva tacitamente accettato,
distratto in quel tempo da altre preoccupazioni e da quelli che a lui
parevano sufficenti compensi.

Ella aveva intensamente gioito, della riacquistata libertà e aveva
fatta una scoperta famosa... quella di poter viver _così_, a quel
modo, per sempre. Non temeva nè di sè, nè dell'avvenire. Si ubbriacava
d'acqua fresca e faceva delle orgie d'aria pura. Aveva degli
alti ideali, una grande fiducia nella fermezza dei suoi principi.
Conduceva a Rezzano una vita solitaria ed austera, occupandosi di
libri, di poveri, di fiori, credendo sinceramente di poterla durare
all'infinito... non felice no... ma tranquilla.

Ma così non la pensava nè poteva pensarla il destino che aveva dato a
quella donna un benedetto cuore, uno di quelli che sono per l'amore ciò
che l'elitropio è pel sole. Il cuore di Diana, ozioso, non tacitato,
illanguidiva come una persona che campa di troppo scarso alimento. Ella
non lo sapeva forse, ma soffriva intensamente.

E allora; al momento dato, era venuto Alberto e aveva posto piede a
poco, senza ch'ella dapprima lo avvertisse, nel vano di quella vita.

Era un antico conoscente di casa, compagno di liceo e di università, a
Leone Rezzano. Dimorava in una città poco lontana e avendo certi beni
nel vicinato, capitava di frequente da quelle parti. Nessuno ci trovava
a ridere e Leone non era affatto geloso.

Nella sua fiducia entravano parecchi elementi; quali buoni e quali
no. Aveva molta stima di sua moglie, sapeva ch'essa aveva passati,
incolumi, i primi anni del loro matrimonio, nutriva il convincimento
ch'ella fosse troppo bene educata, non solo, ma anche troppo freddina
per fare: uno sproposito — Poi... quella tal dose sopranumeraria di
cecità che hanno quasi tutti i mariti!... A dir vero; la sua fiducia
era abbastanza logica, ma la spensieratezza del suo carattere ne
esagerava alquanto le conseguenze.

L'amore s'era dunque presentato a Diana colla veste gentile ed il
sicuro aspetto dell'amicizia.

Passato un certo tempo, la cordialità, si accentuò fra Alberto e Diana,
divenne un intesa delicata e costante. Si meravigliavano, ingenuamente,
di scoprire ogni giorno, nuove comunanze di gusti, di simpatie, una
tenerezza latente metteva nei loro semplici, contegnosi colloqui delle
finezze squisite di segrete emozioni, assaporate con un acuità di
confuso desiderio, nelle assenze; sempre più rade, sempre più brevi.
Egli vide, ben prima di Diana ciò che avveniva nell'indole di quella
cara amicizia ma, accorto, benchè affascinato anch'egli lasciò che in
lei, male accorta, continuasse sinchè poteva, il dolcissimo inganno.

E veramente questo continuò a lungo. Ella ignorava ancora di amarlo e
già, da tempo, lo amava.

Per cento ragioni, tutte naturalissime. Perchè egli era amabile, per
quella crudele pietà ch'egli aveva di lei, perchè ella non aveva figli
ed era tradita, pressochè abbandonata dal marito!

L'amava, perchè il suo cuore ne aveva d'uopo e perchè egli era la sua
ora di amore... Lo amava finalmente, per quella suprema fra le ragioni
dell'amore... perchè di sì!..

Quando non potè più celare a sè stessa di amare Alberto, non seppe
neppur celarlo a lui. Il primo bacio era venuto a tradimento, per una
semplice quanto terribile forza delle circostanze.

Si fermarono lì... a quel punto; per uno di quei miracoli ai quali
il mondo non crede e che irride, beffardamente. Ma ella non si sentì
meno: perduta, perciò. Si sentì colpevole di tutto il male che non
aveva fatto, ma che si era posta in grado di fare. Non accattò scuse
di fronte a sè stessa, non si chiamò vittima, non si pensò giovane,
ardente, trascinata!... Non pensò che al pericolo. Riunì tutte le sue
povere forze, lottò e credette di aver vinto quando egli, obbedendo
alla disperata ingiunzione di lei, si allontanò da Rezzano. Dieci
giorni prima, essa gli aveva detto: va!.. Glielo aveva detto sì
efficacemente ch'egli era andato. Giudicava forse venuto il tempo in
cui la privazione di lui dovesse tornarle intollerabile e determinare
la situazione? Ovvero se n'era andato onestamente anch'egli, con una
cavalleresca ubbia di abnegazione e di salvamento? Chi lo sa! Fatto è
ch'era partito... Ma fatto pure che passati quei dieci intollerabili
giorni, era tornato. Senza idea preconcetta, forse. Ma era tornato e
ora; l'equivoco non era più possibile.

La situazione si era aggravata di tutta l'entità del fallito tentativo.
L'ambiente era più caldo, più pericoloso di prima, il bisogno di un
concreto avvenire s'imponeva al loro amore. Ciò sentivano entrambi,
mentre si guardavano negli occhi, accesi di un vago spavento.
S'interrogavano a vicenda, così, senza parlare, colle mani prese nella
forza di una stretta che pareva accentuare i loro pensieri.

Egli ardeva ed ella era gelata, colla violenta impressione di doverlo
amare ad ogni costo. Anelava forte. Ma si difendeva ancora, nel sublime
controsenso d'un diniego folle, ostinato, mentre egli ribatteva quel
diniego coll'onnipotente ardore di una sola parola.

T'amo.... t'amo.... t'amo!

Un'ubbriachezza la coglieva, e in pari tempo un'inesorabile lucidità
del pensiero. Una brutale risoluzione investì il suo cervello. Con un
subito, folle oblio di tutto ciò che non era Alberto ella chiese ad
Alberto: — Che vuoi?

Ed egli rispose sordamente: — Voglio te.

Tacquero entrambi. Poi Alberto le prese la faccia tra le mani e
l'accostò alle sue labbra.

Gli sguardi si smarrirono nell'infinito del reciproco ardore... le
labbra si protesero e il lungo forte bacio scoccò, col suo sapore
di dolcezze ineffabili. E appena divise, quelle labbra tornarono ad
unirsi, ancora... ancora... due, tre, dieci volte...

Finalmente ella si liberò da quella grandine. Mosse un passo addietro
ed ebbe un grande gesto di rinuncia, il gesto di una regina che abdica.

— Alberto, gli disse recisamente, portami via!

— Via?... chiese Alberto... tentando un altro bacio che essa evitò.

— Portarmi via, ripetè Diana. Dove vuoi... non importa ma via...
subito... intendi?...

Il giovane la guardava sbalordito, cercando dì raccapezzare le proprie
idee di fronte a quella strana domanda. Ella aggrottò le ciglia e
guardandolo con gli occhi pieni di delirio:

— Esiti?... gli chiese.

Era sì fremente, sì disperata, sì bella, ch'egli trovò, in
quell'istante, il coraggio di un'immensa follia.

— No... disse... ti amo!

Allora essa lo avvinghiò colle braccia, lo baciò con furiosa veemenza.
Poi si scostò e gli disse:

— Sta bene. Ora sono tua e per sempre. Domattina... alla stazione alle
otto. Partiremo assieme. Ora va... questa è casa sua.

Scomparve così ratta, dietro una porta vicina, la chiuse sì rapidamente
che Alberto non ebbe il tempo di raggiungere quella donna che fuggiva.
— Ma sapeva, ormai, che sarebbe sua.

Tornando a casa, il giovane era alquanto stordito dall'idea della sua
sconfinata felicità... Non sapeva bene s'egli stesso fosse un eroe
o un imbecille. A dir vero non aveva mai pensato alla possibilità
di _quella_ conclusione del suo romanzo con Diana, a quella fuga
chiassosa, romantica, che avrebbe avuto una sì inattesa importanza pel
suo avvenire. Comprendeva Diana e non l'accusava... ma tant'è... era un
po' forte... tutto ciò! Forse, se avesse saputo...

Ma non aveva saputo e ad ogni modo, ormai era tardi. Egli amava
realmente Diana e in quell'amore cercò un conforto di risoluzione
spensierata. Sarà quel che sarà! Ripeteva: domani... domani...
esaltandosi in quel pensiero, tanto che non pensò più ad altro. Si
chiuse in camera e dispose tutto per la partenza e per la vita nuova.


II.

Diana era sola, nella sua vasta e bella camera da letto. — Sedeva al
tavolino; su una seggiola poco discosta stava la sua valigia già fatta
e già chiusa. La Contessa non recava seco che lo stretto necessario, il
suo scrigno di fanciulla e pochi oggetti, esclusivamente suoi. S'era
tolte dalle dita i ricchi anelli, dalle orecchie i grossi solitari
donateli per le nozze. Non voleva nulla di lui. Di fronte a lei stava
uno specchio ed ella guardava ogni tanto, come attratta da un fascino,
la pallida faccia di quella sciagurata che, in un collo splendore dei
celebri giojelli, stava per lasciarsi dietro, nella casa abbandonata,
la intatta luce del suo passato, lo splendore della sua reputazione
di donna onesta. Il suo volto pareva quello di una condannata, visto
così nello specchio, nell'incerto chiarore del giorno che finiva
anticipatamente, abbujato da una minaccia di temporale.

Pensò un istante se dovesse scrivere a suo marito. — Ma che dirgli?
Accattare un pretesto? Muovergli dei rimproveri? No, tutto era
inutile... tutto era un'aggravante dell'oltraggio! — Meglio, di gran
lunga scomparire così, in silenzio. — E non solo per lui, ma per tutti.

Allora, ella pensò a sua madre.

Urtandosi a quell'immagine, il pensiero di Diana si smarrì, in
un'agonia di spasimo. Ella ebbe il ricordo, rapido, vivo come una luce
di lampo, dei giorni passati con sua madre, del suo amore, dei suoi
precetti, del suo esempio. Vide quella bella testa bianca, immacolata,
di vecchia e di signora, sentì l'intollerabile peso dello sguardo
materno, sì amoroso e sì austero. Grosse goccie di sudore le irrigarono
le tempie, ed ella strinse le mani tremanti, con una mossa forsennata.

Pensò alle sorelline... pensò a ciò che direbbero, quando fosse noto
anche ad esse...

Si contorse, nell'eccesso dell'ambascia che invadeva e disse ad alta
voce, come un'insensata: È impossibile.

Ma subito, le corse al pensiero che impossibile pure era il vivere
senza Alberto, impossibile il ritrarsi dall'estremo partito cui l'era
stato giuocoforza l'appigliarsi. Che fare, ora che lo amava, ora che
aveva risolto di esser sua?

La vita sua non doveva forse appartenergli?

Doveva ella abbracciare l'altro partito, quello della colpa, quale ha
corso nella società... la colpa plateale, sicura, ignobile, protetta
dall'ignoranza del marito? Due tradimenti anzichè uno solo, il buon
nome scroccato, l'impunità del giornaliero adulterio, quello che nulla
toglie, nulla altera nell'esistenza di una donna?...

No... oh... non scender sì basso, non questo estremo fra i gradini
dell'avvilimento, non questo vigliacco sistema d'impunità degradante!
Ell'era già troppo caduta col cuore e col pensiero, per poter fermarsi
sulla china, per poter tornare indietro, bisognava ora andare avanti
così, ciecamente, tragicamente sino alla fine!

Pure... gran Dio! sua madre! Ebbe un nuovo sussulto spasmodico. — Ma
disse stolidamente: Che farci? Si sentì impietrire e non pensò più ad
alcuno, nemmeno ad Alberto, per non odiarlo!

Le fu recata la lucerna accesa, ma non appena fu sola, Diana abbassò
il lucignolo, sì fattamente che non le tornò più possibile il
distinguer bene gli oggetti famigliari, le fotografie incorniciate
che si agglomeravano dovunque. Pure, le sentì ancora troppo vicine,
si allontanò. Si recò sul balcone e stette inerte, senza pensiero, di
fronte alla sera che calava, tormentata dal temporale in preparazione.
Un venticello caldo, afoso, errava all'impazzata pel giardino e
investendo il porticato, sollevava come uno spione i cortinaggi
delle tende, rincorrendo sulla lucentezza marmorea del pavimento le
foglie che vi aveva già spinte a suo diporto. L'immobilità delle cose
circostanti era rotta ogni tanto da una specie di galvanismo fugace,
inquieto, ingrato come un mal essere. Pure, nel boschetto lontano, una
capinera trillava qualcosa di amoroso e di gajo. Tacque; quando venne
la notte.

Verso le otto un facchino della prossima stazione venne alla villa.
Recava un telegramma per la Contessa.

Essa lo aprì e lesse:

                                        Morletta, ore 5 pomeridiane

                                                   REZZANO-BRIANZA.

      _Contessa Rezzano._

  Perdoni, Illus.ma Signora Contessa, ma la prego di venir subito. Il
  Signor Conte è qui, sta malissimo e non sappiano cosa fare.

  La riverisco.

                                                       LUIGI LOZZA.

Per un istante Diana rimase come intontita.

Luigi Lozza, il fattore della villa della Morletta... E Leone era
alla Morletta... Stava male! Moriva forse. Lui? Ma come... perchè? Era
ammalato... ferito?... Le aveva scritto da Cecina venti giorni prima...
stava benissimo, allora!

Per un momento, tutto, nel cervello di Diana fu confusione e disordine,
un cozzo vertiginoso d'incertezze. Leone stava male... Bisognava
dunque andar subito, telegrafare a Luigi Lozza, alla mamma — partire,
scrivere. E Alberto... la promessa... l'amore?...

Sì compresse forte le tempia, frenò l'irruenza dei suoi pensieri, si
sforzò a calmarsi ed a farsi un'idea precisa del dovere immediato. Vi
pervenne, dopo un certo tempo. Rilesse, più calma, il dispaccio. — Poi,
sedette allo scrittojo, mise il telegramma in una busta che sigillò e
sulla quale scrisse distintamente: Marchese Alberto Mentana. — Suonò
poscia e al domestico sopraggiunto impartì due ordini.

Di far recapitare quella lettera al suo destino nelle prime ore della
domane.

Di far attaccare il coupè pel momento voluto onde condurla alla
stazione per il prossimo treno serale, quello delle dieci. — Erano
ormai vicine le nove e la trottata richiedeva mezz'ora di tempo.

La notte si fè buja, tempestosa e la piova cominciava a cadere quando
l'oscurità della via, si vide corsa dalla luce fuggente di due fanali
accesi. I cavalli avevano presa una rapida andatura. La signora aveva
specialmente raccomandato al cocchiere di farla giungere in tempo per
la corsa. E nell'interno della carrozza, Diana abbandonata sui cuscini,
cogli occhi spalancati nel bujo, tentava di non pensare a nulla, di non
ricordarsi di nulla, di non chiedere a se stessa che significasse tutto
ciò, da _che_ la salvasse quel telegramma.

Giunse in tempo e partì colla corsa delle dieci.

                                   *
                                  * *

Nel lasciare la villa, il giorno prima e dopo quella brusca spiegazione
con Diana, Alberto era, come abbiamo detto, fortemente in dubbio
sull'epiteto che meglio lo avrebbe definito in quel momento. — Ma
non lo fu certo la mattina susseguente, quando lesse il telegramma
inviatogli da Diana. — Si morse forte le labbra e con mirabile candore
di apprezzamenti si diè dell'imbecille; sonoramente!

Una collera brutale si fe strada in cuor suo, assieme al convincimento
di aver giocata male, sbadatamente, la sua partita. Pensò
all'occasione, ch'era venuta tante volte a cercar di lui e ch'egli non
aveva mai afferrata. Non comprendeva più sè stesso, ora, nè la sua
pietà cavalleresca, davanti a quel bizzarro intervento del destino
che gliene strappava di mano, bruscamente, il compenso. Strano ma
vero; egli era ora adiratissimo con Diana, la rendeva quasi responsale
dell'accaduto, avrebbe voluto poterle fare scontare ad un tempo
il disappunto acerbissimo dell'oggi ed il folle sacrifizio che la
imperiosa determinazione di lei aveva imposto all'affascinata volontà
di lui. — Ah! se gli capitava ancora fra le mani... colei!...

Non si arrestò col pensiero al vantaggio della folle impresa evitata,
egli che aveva pure esitato ad acconsentirvi, sotto il fuoco stesso
dagli occhi di Diana. — Ora non sentiva che la stizza rabbiosa del
colpo fallito, l'aggiornamento della conclusione, fors'anche mal
sicura, ormai. Battè il piede sul suolo.

Ah no... questo no... Ora ella gli sfuggiva e ben gli stava. Ma lo
amava, questo era certo, egli aveva l'amore dalla sua. E la seconda
volta; quella poi.

Gli occhi gli scintillarono in fronte, per l'intima energia
dell'ingenerosa risoluzione.

Fece sfare il suo baule e rimase tranquillamente in casa, pensando al
modo di aver notizie dirette ed immediate del suo carissimo amico, il
conte Leone Rezzano.

                                   *
                                  * *

La Morletta, una vecchia e trascurata villa di pianura, dove i Rezzano
non solevano passare che una ventina di giorni d'autunno, profilava
nella scialba luce del mattino, le linee della sua tozza architettura,
quando una carrozzella, proveniente dalla prossima stazione si fermò
davanti al portone socchiuso. — La casa pareva disabitata, le imposte
erano chiuse. Il vetturino scese ed ajutò a scendere dall'interno, la
signora che aveva condotta. Poi risalì in serpa e partì. La contessa
Diana si guardò attorno, stanca del viaggio, sbigottita da quel
silenzio, nell'attesa vaga d'esser presso a subire una grande scossa.
Si spinse sotto l'atrio deserto, sotto il porticato, non trovò nessuno.
Salì lo scalone lentamente, con un tremore crescente, che le rendeva
difficile il passo. Sul pianerottolo s'incontrò con una contadina
ch'ella non conosceva e che vedendola rimase a bocca aperta. La
Contessa le si rivolse, trattenendola con un gesto imperioso.

— Ebbene?... chiese con angoscia profonda.

La donna spalancò i suoi stupidi occhi grigi.

— Io non so niente, rispose, sono forestiera, sono la sposa del fattore
nuovo. Mi hanno chiamata per dare una mano in cucina. Andrò a domandare
alla signora che è arrivata stanotte.

Diana ebbe un amaro sorriso.

— Ah!... una signora! No... chiama piuttosto il Luigi Lozza. Lo conosci?

L'altra accennò di sì.

— Bene, digli che...

Diana non prosegui. Un urlo formidabile giunto dall'appartamento
interno echeggiò nella sonora vastità dello scalone.

— Oh Signore! sciamò la donna, lo sente?..-È lui, il signor Conte!

E scappò via, lasciando la Contessa sola, atterrita.

A quel primo tenne dietro una serie di urli potenti rabbiosi,
l'espressione estrema di uno strazio fisico, manifestato da un uomo
vigoroso ed intollerante. Ella ascoltava, inchiodata al suo posto
dallo spavento e dal dubbio. Forse subiva un'operazione... forse era
impazzito!...

L'uscio di fianco s'aperse a un tratto con impeto e la signora giunta
nella notte corse verso Diana. — La signora era: sua madre.

Diana la guardò, colla pupilla dilatata, con un'interrogazione
suprema dello sguardo. — No... no, disse la contessa Galli. Artrite —
Dolorosissima, ma nessun pericolo.

Diana si accasciò alquanto su sè stessa. I suoi nervi, dopo la tensione
di tante ore ebbero un subito rilassamento.

— Come sei pallida! disse amorosamente sua madre. — Poverina, hai
viaggiato tutta la notte e con quello spavento! Figurati! Lozza ha
mandato un telegramma anche a casa mia, dubitando che tu potessi
esser meco. Son venuta subito col dottore. Qui avevano perso la testa,
sentendolo fare quei strilli... Ma ti ripeto, sta di buon animo, non è
che un attacco di artrite. Gli prese ieri, a un tratto. Sai... quelle
benedette caccie in palude. Hai mangiato qualcosa, tu? Vieni, scaldati,
riposati...

Diana si lasciò andare un istante, con un completo abbandono, sul petto
materno. Le grida tacevano.

— Vieni, insistè dolcemente la contessa Galli.

Diana sollevò il capo, emise un profondo sospiro, poi disse
quietamente: andiamo.

Leone tornava a strillare come un dannato.

Ma ella sapeva, ora, che suo marito non morrebbe.


III.

Un mese intiero alla Morletta, con sua madre e col marito ammalato.
Venti giorni e venti notti di quegli accessi saltuari che lo facevano
gridare come un ossesso e bestemmiare come un turco. Venti giorni
di atmosfera soffocante in una camera chiusa, di silenzi cauti nelle
fugaci ore del sonno di lui di attento studio dell'orologio, per non
lasciar passare l'ora del salicilato o della veratrina, venti giorni
di stretta vigilanza sui misteri della cucina e dispensa. Ma tutto ciò
tornava facile a Diana.

Ell'era mirabilmente atta al disimpegno di quanto havvi di preciso, di
determinato in un dovere od in una situazione. Quel tanto di suora di
carità che la donna o quasi ogni donna, alberga in un cantuccio anche
celato del cuore, s'era subito destato in Diana e per un momento,
giganteggiando nell'anormalità stessa delle circostanze, aveva tutto
assorbito nell'animo suo. — E fu quasi una tregua nelle mortali ambasce
che la agitavano — Quel povero essere immobile, dimagrato, stecchito
nel suo letto, che soffriva come un cane, non poteva muovere un dito
e aveva d'uopo per nutrirsi che lo imboccassero, assumeva per Diana
un aspetto inatteso e degno di pietà. Le pareva quasi un suo bambino,
piccolo ed ammalato. E nel segreto dell'animo suo, con quel misterioso
bisogno di espiazione che tortura e solleva a un tempo il cuore della
donna, quando essa ha l'intuizione del bene che non può fare e del
male che non dovrebbe fare, ella era istancabile nelle sue cure di
infermiera, vi si dedicava con un ardore, una intensità di abnegazione
senza pari, era veramente atta alla pratica del dovere verso una
persona che soffre. — Povera donna!... soffriva tanto anch'ella, senza
urlare!... Sua madre la secondava benissimo nella pia bisogna, cercando
a volte di moderare quell'ardore di sacrifizio, meravigliandone a
volta, traendone però buon augurio per l'esaudimento del suo più vivo
desiderio, quello cioè di una completa riconciliazione fra sua figlia e
suo genero.

Senonchè, all'acuta se non completa esperienza della contessa Galli
non erano sfuggiti certi indizî che tradivano talvolta, in sua figlia,
una preoccupazione propria e segreta, che colla malattia del marito
non aveva nulla di comune. Certi scatti involontarî, certi sussulti
nervosi, certi rossori subitanei e senza causa apparente, certi
accasciamenti molli della persona, certi sguardi erranti dapprima e che
si smarrivano poscia, arcanamente, verso un orizzonte lontano... Oh!...
cos'era tutto ciò. Tentò di scrutare lontanamente l'animo della figlia,
ma s'imbattè in una specie d'impenetrabilità, nuova affatto in Diana
e che alla contessa Galli non piacque punto... Pensò a un'infinità
di cose, poi le dispiacque di averci pensato. E se non fosse nulla?
Se fossero ubbie le sue? Madre e figlia occupavano la stessa stanza,
non si lasciavano mai, passavano intera la giornata nella camera di
Leone. Nulla, assolutamente nulla, pareva giustificare nella mente
della contessa Galli il vago sospetto concepito, un presentimento tutto
materno di sventure intime che minacciavano sua figlia, di pericoli
indefiniti, latenti che non era prudente accennare, per non suscitare
una diffidenza che avrebbe potuto deludere la vigilanza. La madre
pensava alla pace della propria gioventù, pace minacciata pure ai suoi
tempi, ma vagamente, da lungi, salvata da una maternità faticosa ed
assorbente. Ah!... se Diana avesse figli!...

Qui la buona Signora sospirava forte. Era la sua idea fissa, quella di
diventar nonna.

A volte, invece, rimproverava a sè stessa quella sorda inquietudine sul
conto di Diana. Ma che!... Diana era sua figlia... aveva dei principî
così solidi, aveva ricevuta una educazione sì solida, sì austera!
Ubbie! Diana sarebbe sempre la sua Diana!

Ora, tutto sarebbe andato forse a seconda dei voti della buona
Contessa, se le cose si fossero prolungate all'infinito, nell'attuale
loro andamento, colla madre e la figlia costrette al capezzale di
Leone, e questi costretto come una mummia nella sua fasciatura, coi
suoi versacci da condannato ad ogni crisi, colle sue sofferenze e colla
sua spossatezza di malato. Ma le cose, invece, mutavano celeramente;
l'artrite era vinta, gli accessi si facevano più rari e meno intensi,
il dottore e il salicilato avevan fatto miracoli. Leone si sgranchiva,
ricuperava ogni giorno un po' della sua forza.

Sentiva, con gioia inesprimibile di guarire, e di tornar lui... Il
bimbo docile ed inerte veniva meno gradatamente, e invece sua si
destava l'uomo, tornava, indocile, intollerante, padrone di se stesso
e padrone di casa... Leone parlava ora molto, chiassosamente e nelle
sue parole sopratutto finiva di morire il povero piccino infermo che
Diana aveva cullato nelle braccia della sua fantastica maternità. Pure
c'era un mutamento, ma un mutamento inatteso, terribile per lei. Leone
si ridestava alla vita e con lui si ridestava un essere ch'ella aveva
quasi scordato e creduto di poter scordare, si ridestava il marito.
Leone guariva ed era più gentile, più premuroso per lei di quanto nol
fosse mai stato. Dimostrava alla moglie una chiassosa gratitudine,
conciliante, piena di buon umore. I suoi pensieri erano evidentemente
modificati dalla circostanza, si foggiavano ad una specie di nuovo
apprezzamento della famiglia, della vita coniugale, si volgevano
verso un avvenire più normale del tempo trascorso. La malattia e le
sofferenze avevano avuto un eccellente risultato pel morale di Leone,
le sue idee s'erano alquanto modificate, egli non era cattivo in
fondo e le cure di Diana non lo avevano lasciato indifferente. Ciò
non sarebbe forse bastato per un mutamento quale avveniva nell'animo
o meglio nella fantasia di quell'uomo, se la gratitudine non si fosse
avvalorata in lui da uno di quei bizzarri capricci che si destano
talvolta, a un tratto per una persona alla quale non s'era attribuito
dapprima il potere di destarli. Sua moglie gli appariva sotto un
aspetto nuovo, ed attraente. Sorprendeva in sè stesso una specie di
ammirazione per lei, la facoltà di subire un fascino che non aveva
sino ad allora avvertito. Le pareva mutata, con un'espressione più
profonda, più calda, più appassionata. Quella specie di seconda vita
che le tempeste intime del cuore impartiscono alla donna, avevano dato
anche all'aspetto di Diana una specie di rilievo qualcosa irradiava,
qualcosa misteriosamente da lei. Leone era tutto lieto della sua
grande scoperta, si trovava in un certo modo il Cristoforo Colombo di
sua moglie. Quando ella era sola in camera, egli fingeva talvolta di
dormire, per poi tener gli occhi socchiusi e guardarla da lungi, come
studiandola, nella sua stuzzicante novità di attrattativa.

Ella sentiva confusamente tutto ciò, l'osservazione dal quale
era oggetto le arrecava un senso disgustosissimo di turbamento,
un'irritazione disperata e ribelle. S'avvide ch'egli preferiva di gran
lunga le sue alle cure della contessa Galli; piegandosi a prendere una
medicina disgustosa, Leone attribuiva unicamente a sua moglie il merito
della propria docilità! lo faceva soltanto per far piacere a Diana. —
Una volta, mentre essa gli porgeva una tazza di stillato, le loro dita
s'erano intrecciate attorno alla porcellana ed egli, con una leggera
pressione, aveva per così dire, sottolineato quel contatto di un
secondo. Ma quel secondo era bastato a rammentarle un caso consimile,
a proposito di Alberto e di una tazza di the. Una trasfigurazione era
passata sul suo volto, accompagnata da un violento rossore, nè tutto
ciò era rimasto inosservato da Leone.

Ma non se ne inquietò, se ne compiacque anzi, in cuor suo e parve non
avvertire la reazione di più sostenuta freddezza che Diana fe' tener
dietro a quel muto incidente. — Leone conosceva molto le donne; non
forse altrettanto la donna.

La convalescenza progrediva benone. Il conte di Rezzano s'alzava,
moveva qualche passo e non si opponeva per nulla all'annunciata
partenza di sua suocera.

Diana invece la combatteva con tutte le forze.

Supplicava, scongiurava... coprendo di baci quel caro vecchio volto...
No, mamma, non andar via... rimani.

La contessa Galli si difendeva, commossa da quell'insistenza, non
senza una vaga inquietudine di quel visibile terrore della solitudine,
che si tradiva in Diana. Invano cercava dimostrarle la necessità di
quella partenza, già più volte posposta, accampava la necessità di
attendere alla propria casa, le due sorelle erano sole da un mese colla
governante... gli affari... insomma, era impossibile!

Una volta Diana, nell'ardore delle sue istanze si lasciò sfuggire un:
non lasciarmi, sì spaventato, sì angoscioso che la contessa Galli ne
rimase davvero impensierita. Pensò che se non si batteva il ferro,
subito, ora che era caldo, chissà quando sarebbe tornata l'occasione.

— Non ti lascio sola, cara Diana, le disse teneramente, ti lascio con
tuo marito.

Diana si strinse le mani, con un gesto nervoso.

— Ma sai... sclamò... sai pure...

— Lo so... pur troppo... Ma non è possibile che abbia sempre a durare
così.

Diana ebbe un brivido.

— Mamma, disse. Ma tu vorresti?...

Si arrestò, mordendosi a sangue le labbra.

— Vorrei solo questo, continuò la madre con grande dolcezza, che tu ti
convincessi del quanto sia deplorevole, contraria alla normalità delle
cose l'attuale vostra posizione.

— Non son io che l'ho voluta, ribattè Diana seccamente.

— Infatti. Ma sei la prima a subirne _tutti_ gli inconvenienti.

Appoggiò alquanto sulla parola tutti, senza però cercarne gli effetti
sul volto di Diana.

Procedeva lentamente, con grande cautela, sentendosi al buio e pur
paventando la luce.

Diana tacque; come se non avesse più nulla a dire. Mandò un lungo
sospiro, del quale la madre si allietò sinceramente. Un principio di
rinunzia, forse, al tenace risentimento.

Ma Diana aveva sospirato, senza saperlo e solo per lo sconforto di
non poter fare intendere la vera causa dei suoi terrori. Più volte
avrebbe voluto confessarsi alla Contessa. Ma non osava, atterrita
dalla severità dei loro comuni principî, dall'austerità della vita
ch'ella aveva sempre condotto, dall'orgoglio di pura esistenza ch'ella
sapeva riposto in lei da sua madre. Temeva di arrecarle un colpo troppo
crudele, lasciandole vedere quanto ella fosse già calata nell'abisso.
Temeva di udirsi a condannare, di vedersi aborrita e respinta.

Errore! Dio solo sa quanto può intendere e perdonare chi, pur lottando,
non soggiacque! Ma Diana era giovane ed ignorava questo anche perchè
aveva, in tutto, delle idee troppo logiche e per conseguenza, estreme.

Un giorno, sola in giardino, aveva veduto alzarsi dietro una siepe
la pallida e tormentata faccia di Alberto. Non s'erano parlati, ma in
quella rapida apparizione essa aveva trovata la conferma dell'immutato
ed esigente amore di lui. No!... egli era sempre determinato, era quale
le era apparso a Rezzano, nell'ultimo istante. — Aspettava.

E così; ella si sentiva presa tra due fuochi.


IV.

Leone stava comodamente seduto in una lunga poltrona di giunco, sul
limitare del porticato aperto sul giardino. Aveva accanto un tavolino
carico di quanto potesse occorrergli e teneva fra le mani un giornale
spiegato. Ma egli non leggeva e il suo sguardo correva, furtivo e un
po' inquieto, dietro due figure femminili erranti pel giardino.

Egli era ora quasi al tutto guarito ed aveva incaricata sua suocera
di parlare a Diana in favor suo. La pecorella smarrita chiedeva di far
ritorno all'ovile.

La contessa Galli, lietissima della santa missione, aveva colta la
prima occasione, quella cioè della passeggiatina ch'ella e sua figlia
erano solito fare ogni giorno, dopo colazione, in giardino.

Giardino, per modo di dire. — C'erano i soliti comparti di bosso sì
cari ai nostri nonni, la solita montagnuola, fresca dell'ombra di un
vicinissimo boschetto di cipressi e d'ippocastani, ornato d'un tavolo
e di qualche seggio di pietra, nonchè di un parapetto, dal quale si
poteva godere lo spettacolo della pianura senza fine e quello di una
larga gora che stagnava all'esterno, costeggiando la base del muro di
cinta. I sentieri si serbavano a mala pena, tanto erano scarsamente
battuti.

La contessa Galli condusse sua figlia sulla montagnuola e sedette.
Diana rimase in piedi. Indovinava, a un dipresso, le intenzioni di sua
madre, sentiva venir la burrasca, senza poterla evitare.

Per un momento, quelle due donne stettero raccolte in un silenzio
grave. S'udiva, poco lungi di là, dietro il boschetto, lo strepito dei
cavalli che si governavano nelle vicine scuderie. Dalla lucentezza
immobile del fossato esterno saliva una frescura umidiccia ed un
musicale ronzìo di moscerini.

La contessa Galli fu affettuosissima colla figliuola e fe' rapida
strada nell'argomento. Le disse di aver avuto un lungo colloquio con
Leone, d'aver deplorato con lui le difficili e spiacevoli circostanze
della posizione. Parlò del sincero pentimento del genero, egli
riconosceva apertamente i suoi torti e nutriva vivo desiderio di
ottenere il perdono di sua moglie.

Diana sorrise. Ora!... disse con profonda amarissima ironia.

La madre, sconcertata un'istante da quell'enigmatica parola e più
ancora dall'accento col quale era stata profferita, riprese con somma e
dolce cautela, le proprie argomentazioni.

Leone aveva errato, senza dubbio, aveva crudelmente offesa la sua
povera Diana. Chi, più della madre, aveva sofferto dell'infelicità,
della figlia? Ma ora tutto ciò era passato, finito. Dio aveva
parlato al cuore di Leone, le cure, l'affetto della moglie lo avevano
richiamato sulla via del dovere, cancellando in lui ogni traccia del
passato. Diana trionfava ora, nel pentimento e nel ravvedimento del
marito.

E con questo riferto, alquanto amplificato, a dir vero, sul tracciato
della missione affidatale, la buona signora credette d'aver tagliata la
testa al toro.

Ma Diana non rispondeva. Appoggiata al parapetto, guardava non già
sua madre, ma qualcosa che a lei sola era visibile, nelle sfumature
dell'orizzonte. Stava rigida, immota colle ciglia aggrottate, il suo
volto era duro, contratto, recava una espressione che turbò la madre,
più assai di quanto nol lasciasse scorgere.

— Ebbene? chiese questa, cercando di sorridere e di parlare
scherzevolmente.

— È impossibile!... disse Diana con accento vibrato.

— Impossibile?... Oh che parolone, mia cara Diana. Ma perchè?

— Perchè è impossibile. Doveva pensarci prima. Ora, è tardi.

— Non è mai tardi per pentirsi. È naturalissimo ch'egli, rinunziando
alle colpevoli leggerezze che ti hanno tanto afflitta, desideri il tuo
perdono e lo implori. E tu... sei sua moglie.

Diana ebbe un moto di rabbia convulsa. Strappò di terra alcuni fili
d'erba e li gettò con un aspro gesto nel fossato.

— Sei sua moglie, continuò dolcemente la vecchia signora. Questo stato
t'impone dei doveri speciali... dirò anche, dei sacrifici. Non puoi
esimertene.

Diana si morse le labbra e non rispose che dopo un istante, con impeto.

— Egli si è liberato da questi legami, li ha infranti, egli... pel
primo.

— Vero. Pur troppo; verissimo. — Ma quando tu lo hai sposato, mia
povera Diana, quando hai giurato di esser sua, per sempre, non hai
fatte condizioni speciali, non hai messe clausole preventive? Hai
giurato, semplicemente ed illimitatamente. — Poi?... Egli fu debole ed
infedele, mentre tu serbavi incolume, illibata la tua personale dignità
di donna e di moglie.

Sotto la sferza di quella lode materna, Diana impallidì e la sua
persona ebbe un breve guizzo nervoso.

— Egli, continuò imperturbata la madre, ebbe la sventura di cadere, non
trovò, per difendersi contro le passioni la forza che tu, insidiata da
esse, avresti attinte alla nostra fede, ai nostri principi. Perciò ti è
serbato l'alto privilegio del perdono. E questo; pietosamente accordato
da te, può ritrarre per sempre tuo marito dal male, può essere la
salvezza del suo avvenire e... del tuo.

— Il mio?... gridò Diana.

— Il tuo, sì. — Ascoltami, sia sincera. Sei contenta dell'attuale tua
posizione? Guardami in faccia, rispondi.

Ella non rispose, nè guardò in faccia sua madre. Alzò le spalle
bruscamente, come nello sforzo di un singhiozzo.

— Non puoi essere contenta, Diana... non lo sei. — E perciò, dimmi;
cosa intendi fare?

— Io?... Che vuoi ch'io faccia? Che posso dire? Ma scordare, tornar
come prima è impossibile. — È impossibile! ripetè esasperata.

— Ebbene, ammettiamo. È impossibile. — Ma allora, in questo caso, quali
sono i tuoi progetti.

— I miei progetti?... balbettò Diana. Ma non so, non ne ho. — Vivere a
Rezzano, così... nome ora.

— Sola?

— Sì... sola...

— Ma s'egli non volesse? Può venirci o condurti via, a piacer suo. Non
siete separati legalmente.

— E se mi separassi legalmente?

— Non puoi farlo senza il suo consenso e senza un motivo legale.
Anche nei suoi disordini, egli ha rispettata la dimora coniugale. Egli
ha avuti dei torti, e tu hai tutte le ragioni, ma con tutto ciò, la
legge è per lui e non per te. E quand'anche ottenessi una separazione
amichevole, che faresti poscia?... Penseresti forse di venir con me?...
Ma io ti amo troppo, figlia mia, per acconsentire a questo falsissimo
passo.

Diana ebbe un grido.

— Tu non mi vuoi?... tu?

— No Diana, non ti voglio così. Non voglio per te una posizione
ambigua, che il mondo giudicherebbe sinistramente. Ricusando di
accettare il pentimento di tuo marito, rinunzieresti a tutti i
privilegi della tua posizione e ne incontreresti una di gran lunga
peggiore. E ciò potrebbe altresì recar danno all'avvenire delle tue
sorelle.

— Io potrei recar danno...?

— Certamente, Diana. — È difficile, in qualunque condizione, il
collocamento delle ragazze. Ma più ancora quando un primo matrimonio in
casa avesse fatto cattiva prova. Il mondo...

Diana ebbe un gesto di fiera noncuranza.

— No cara, non possiamo scordarlo, nè sfidare le sue condanne, anche
se ingiuste, anche se erronee. E sai tu che si direbbe di te, qualora
tu respingendo il pentimento di tuo marito, volessi continuare
un'esistenza indipendente? Che colla scusa dell'infedeltà del marito,
vorresti libero l'esercizio della tua!

— Mamma! gridò Diana con un'angoscia piena di spavento.

— Sì, proseguì spietatamente la contessa Galli, il mondo direbbe
questo. Sarebbe una menzogna; ma alcuni la crederebbero. Non quelli che
ti conoscono... non io, appunto perchè più di ogni altro ti conosco;
perchè sei mia figlia, perchè è impossibile che tu cada.

Tacque un istante, sopraffatta dalla sua emozione, dal segreto terrore
che sorgeva e cresceva in lei davanti all'attitudine atterrita di
Diana, davanti al suo curvo capo, al suo silenzio disperato.

— Questo solo è impossibile, proseguì concitata. — È impossibile per
te. Fra tutte le sventure che possono accadere ad una donna, questa è
la peggiore. Bada, parlo di noi, donne oneste, che abbiamo una fede,
che amiamo il bene, che soffriamo del male, anche se lo commettiamo.
Non siamo fatte per il peccato, quand'anche peccassimo. Il suo orrore
ci ucciderebbe, prima o poi. Ed io vedi, io, tua madre, preferirei
saperti morta! Ma non dico questo per te, Diana! Io lo so... tu lo sai
pure che non puoi cadere!

Tremò visibilmente, nella gloriosa audacia di quell'asserto. Diana alzò
sulla madre uno sguardo spento. — Così era infatti. E per ciò appunto;
come dirle il vero?

Non lo disse. Tacque.

— Allora, continuò la vecchia signora, cercando di frenarsi, ti rimane
aperta una sola via. Tornare con tuo marito.

Diana si ribellò.

— Ma non lo amo, intendi?

— Il dovere non si chiama sempre amore. Ed egli è tuo marito.

Certo. Leone era suo marito. Di lì, non si esciva!

Diana si sentì invasa da una lassezza infinita, incrociò le mani sulle
ginocchia con un gesto di scoramento che parve all'illusa madre un
principio di rassegnazione. — Rianimata da quella speranza, prosegui
con accento non più austero ma affettuosissimo:

— È una sventura che tu non l'ami, figlia mia. Ma si può vivere senza
l'amore. Pur di volere, gagliardamente, ad ogni costo. Sii forte e per
poterlo essere; prega. Dio ti darà la forza, ti darà la pace, ti darà
forse la grazia che gli ho sempre chiesta per te, la grazia che tanto
muta, tanto appiana nel cuore della donna, ti darà la maternità.

La maternità! pensò Diana. Sì. Ma a qual prezzo...!

Non parlava più, ora, persuasa di aver detto tutto ciò che poteva
dire, compresa dall'onta di ciò che l'era d'uopo tacere, spaventata
dalla gravità dell'ammonimento che la previdenza materna aveva celato
sotto l'apparenza di una lode, convinta, nell'intimo del cuor suo,
dell'inesorabile vero delle materne parole. Ma convinta pure e con pari
forza di convincimento di amare Alberto, di non amare Leone e di non
poter vivere con lui, senza amarlo.

                                   *
                                  * *

— Ho inteso; disse lietamente Leone a sua suocera, il giorno prima
della partenza di questa, ho inteso. Va tutto benone. Ora, lasci fare a
me.

La contessa Galli non bramava però ch'egli dasse troppo ampia
latitudine alla relazione testè fattagli del colloquio con Diana. Le
pareva ch'egli corresse alquanto la posta.

— Ma bada, sai, ti raccomando. — Non ho mica detto che Diana...

— Eh! non importa. Ho inteso, le dico. La conosco sa, è una buonissima
creatura, un po' testarda è vero ma a saper fare, se ne viene a capo.
Non ammetterà mai, a voce, di rinunziare a una sua idea, ma poi...
s'intende, capirà anche lei! E tanto meglio se non ci sono spiegazioni
fra noi, le ho sempre aborrite anch'io. Così; ce le risparmiamo a
vicenda. Si mette una pietra sul passato e non se ne parla più. È la
più bella soluzione che si possa immaginare.

— Intendo. — Ma capirai che ora, naturalmente, la questione è sempre
abbastanza scottante, per cui ci vorranno dei riguardi speciali e...

— Diavolo! lo so anch'io. Oh che sono un ragazzo? Naturalissimo! Diana
è nei suoi diritti. Per conto mio, la intendo benissimo. Creda, sono
proprio dolente delle mie... ehm. Del resto, tutti capricci, sa, roba
di passaggio — Le ho sempre voluto bene, anche allora! Scappate, nulla
più. A volta anche Diana (mi scusi veh...) era un poco freddina, non
c'intendevamo. Mentre ora, si è fatta tanto carina in questi ultimi
tempi, ha acquistato un certo non so che, un _chic_, un sentimento che
non aveva, anni sono. E poi, sarei proprio un ingrato, dopo le tante
cure che mi ha prodigate. Sento che saremo proprio felici!

— Sì, ma...

— Che ma d'Egitto, lasci fare a me, le ripeto. Vedrà che belle novità
le porteremo a Monsoldo, questo autunno!

Rideva, d'un bel riso sonoro di convalescente felice, baciando, da
genero galante, la magra mano di sua suocera.

La contessa Galli aveva avuta parecchie volte, nei giorni scorsi, una
mezza voglia di ritardare la sua partenza. Non era al tutto contenta
nè della muta, accigliata docilità di Diana, nè dell'assoluta fiducia
di Leone in una già avvenuta soluzione della crisi. Le pareva che tutto
andasse troppo bene. — Ma d'altra parte, a che avrebbe giovato una più
lunga dimora alla Morletta? Ora, toccava a loro due! Forse, suo genero
non aveva torto, meglio lasciar fare a lui, cioè no, a Domeneddio. Ella
aveva fatto quant'era in poter suo per preparare la via ad una completa
riconciliazione, il resto verrebbe forse da sè.

Partì e nel lasciare sua figlia, che l'aveva accompagnata alla
stazione, le mormorò all'orecchio una calda preghiera.

— Farò quel che potrò, rispose Diana a stento, con voce cupa ed alzando
le spalle.

La contessa Galli avrebbe forse voluto aggiunger qualcosa ma il treno
si metteva in moto ed ella ebbe a mala pena il tempo di dare un bacio,
l'ultimo, a sua figlia.

                                   *
                                  * *

Otto giorni dopo i Rezzano ebbero una bella visita.

Alberto Mentana, il quale si recava a Milano per le corse, ebbe la
gentile idea di allungare alquanto il suo viaggetto, recandosi alla
Morletta, per costatare, _de visu_ la perfetta guarigione dell'amico.

Rimase soltanto a colazione, resistendo a tutte le insistenze di Leone,
perchè si trattenesse almeno un giorno intiero. — Ma quelle due ore
furono proprio piacevolissime, si fecero grandi progetti per Rezzano,
ove si ritroverebbero tra breve. Leone pregò l'amico di aiutarlo a
convincere quella testarda di sua moglie che voleva sempre ritardare
la partenza per Rezzano, temendo per lui la fatica del viaggio. Come se
non fosse guarito ora... perfettamente guarito! Si stava freschi a dar
retta alle donne e alle loro paure!

Leone parlò molto di sua moglie, con una specie di lepida insistenza,
piena di buon umore. Narrò a lungo della sua malattia, delle infinite
cure prodigategli dalla sua infermiera.

Alberto ascoltava, sorridendo, coll'occhio alquanto socchiuso.

— Allora... a rivederci a Rezzano, disse nell'accomiatarsi e
rivolgendosi alla moglie dell'amico.

Non eran rimasti soli un secondo, non s'erano scambiati una parola
furtiva, ma Diana, colla mano ancora tremante della stretta di addio
che Alberto le aveva data al momento della partenza e sotto gli occhi
del marito, sapeva di certa scienza che non certo in Alberto avrebbe
trovato un ajuto contro sè stessa e ch'egli l'amava ormai senza pietà
nè misericordia!


V.

— Allora, diciamo martedì eh? Va bene, martedì prossimo.

S'era al sabato.

— Martedì, ripetè Diana lentamente, come trasognata.

— Sì. — Martedì. — Sono stufo di star qui che non ne posso più e voglio
trattenermi un poco a Rezzano prima di andare ad Acqui. Anche tu hai
bisogno di cambiar aria. Sei pallidina, da qualche tempo in qua. A
Rezzano, se non altro, c'è un po' di gente, ora. Poi c'è Alberto, che
verrà a farci compagnia, inviteremo qualcuno, troveremo qualcosa da
fare. Vuoi che facciamo addobbare a nuovo quell'anticaglia del nostro
appartamento?

— No, disse Diana, trasalendo, no, lascialo stare.

— Oh bella! e perchè no? Credevo che voi altre donne aveste tutte la
manìa dei cambiamenti. Pare che tu sia un'eccezione. Ovvero, ti spiace
forse perchè colà abbiamo iniziata la nostra luna di miele?

Ed ammiccò, ridendo.

Una vampa passò sul volto di lei e gli occhi ebbero un lampo di uragano.

Egli continuava a ridere, canzonando sua moglie, trovandola bella,
sotto l'impeto di quel colpo di sangue, guardandola coll'espressione
speciale che tornava ormai sì frequente negli sguardi di lui.

— Suvvia! che bisogno ci è di arrossire a quel modo. Non già che
t'imbruttisca, sai. Eri bellina anche allora, un bocciolino di rosa,
con quell'arietta da educanda, ti ricordi? Ma adesso sei molto più
simpatica, e ti prometto che a Rezzano non te la passerai troppo male.
Sarà la nostra luna di miele N.º 2! No... che sciocca, non alzarti,
cos'hai?

Ma ella, malgrado l'ammonimento di Leone, s'era alzata e si dirigeva
verso l'uscio.

Egli volle trattenerla, ma Diana non cedette.

— Lasciami, ti prego, gli disse con voce fioca, non mi sento bene.

La guardò. Qualcosa, nel volto di lei, giustificava l'asserto.

— Cos'hai? Ti ha fatto male qualcosa a colazione? le fragole, forse.

— Sì... le fragole, mormorò Diana.

Diavolo! pensò Leone tornando in sala dopo aver accompagnato sua moglie
sino all'uscio della sua camera, che si ammalasse lei, ora!

                                   *
                                  * *

Ma Diana non si ammalò e il martedì la trovò pronta pel viaggio di
Rezzano.

Ell'era docile e quieta quanto si poteva desiderare. La tacita
riconciliazione pareva aver tutto sistemato fra quei due. — Al passato
non si alludeva mai. Leone non ci pensava più e forse non ci pensava
più neppur Diana. Il presente, col suo nodo gordiano, sì stranamente
aggrovigliato dalla fatalità, assorbiva tutte quante le facoltà
dell'anima sua.

Leone, dal canto suo, memore forse dei saggi consigli della suocera,
aveva avuto il buon senso di non accentuar troppo, presso Diana, la
parte di marito ravveduto. — È vero che Diana, col suo contegno non lo
incoraggiava soverchiamente, ma egli s'era fitto in capo che tutto ciò
potesse stare, finchè si stava alla Morletta. A Rezzano, poi...

Egli attribuiva il contegno riserbatissimo della moglie ad un miscuglio
di risentimento pei vecchi torti, ovvero ad un fermento di gelosia
retrospettiva e il suo amor proprio, lusingato, accettava facilmente
quella facile spiegazione. Supponeva altresì in sua moglie un'astuzia,
recentemente acquisita, di farsi valere, un'arte sagace di farsi
desiderare, una rivincita dell'amor proprio femminile sull'umiliazione
d'aver sì lungo atteso, nell'abbandono.

Quasi egli sapeva grado a Diana di essere diventata un po' più simile
alle altre, l'aveva tanto imbarazzato a volte, con quella sua cieca
fiducia, con quelle sue ingenuità dell'altro mondo!

Ma ora, interpretata così, a modo suo, Diana gli piaceva sinceramente.
Parola d'onore, era carina sua moglie, quasi quanto potrebbe esserlo la
moglie di un altro!

Ella era dunque già vestita pel viaggio e sedeva sotto l'atrio, nella
lunga poltrona chinese. Teneva fra le mani un grosso mazzo di garofani,
testè recatole dalla moglie del fattore.

Era assai pallida, una perplessità estrema si leggeva sul suo povero
volto.

— Diana! chiamò Leone dal giardino, sei pronta?

— Sì, rispose Diana, si va?

— Non subito, fa ancora troppo caldo. Ho detto che attacchino per le
tre. C'è un'ora buona e io vado col fattore, per certe cosuccie.

S'avviò frettolosamente, ma si trattenne tosto.

— Leone! aveva chiamato lei, con voce vibrata.

— Che c'è? chiese Leone attonito.

— Leone, ripetè la misera donna, supplichevolmente, lascia che
telegrafi alla mamma.

— A tua madre? Ma perchè?

— Per dirle di venir subito da noi... a Rezzano.

Leone guardò sua moglie come si guarda una bimba capricciosa ed
esigente.

— Di venir subito! Ma sei matta?

— No, non son matta. Credilo... Lascia almeno che le scriva di venire.

— Ma ti ripeto che sei matta! Non è stata qui or ora più di un mese?

— Non importa. Sarei così contenta. Non posso dirti... Ma tu se
sapessi... Leone!

— So che sei un bel tipo e che tutti i giorni ne inventi una nuova.
Neppure per idea. Verrà più tardi, quest'autunno. Ma per questi primi
giorni, non voglio gente in casa. Mi basti tu, hai inteso?

Ella aveva inteso. Non insistè. Ebbe un semi sorriso, indefinibile.

Leone era già andato pei fatti suoi col fattore.

Diana stava lì, sotto l'atrio, perchè non sapeva più dove stare.
Le sale a terreno erano già chiuse e le grandi coperte di tela
biancheggiavano come marmi di tomba, sui mobili accatastati al centro.
Al piano superiore le cameriere e la fattora scorazzavano pei corritoj,
accudendo alle ultime disposizioni della partenza. Si sentivano
sbattere degli usci e ogni tanto, l'aspro cigolìo delle grosse chiavi
girate nelle serrature dei grevi armadi di noce. Nell'atrio, già
denudato degli accessori, regnava un silenzio freddo e un'anticipata
malinconia di assenza.

Diana guardò l'oriolo. Appena suonate le due! Impossibile rimanere
colà per un'ora intera. S'alzò, depose sulla poltrona i garofani ed un
giornale che non aveva potuto leggere. Prese il parasole ed escì.

Errò alquanto nel giardino, passando svogliatamente pei sentieri
chiazzati dal tenace verde delle gramigne, giunse all'ombrosa
collinetta e vi fè sosta, appoggiandosi al parapetto che dava sul
fossato, al luogo stesso dove ella aveva avuto con sua madre il
colloquio a proposito di Leone e del suo ravvedimento.

Tutto era quiete e silenzio assonnato in quell'ora di pomeriggio. Non
faceva troppo caldo, era piovuto durante il mattino e il parapetto di
sasso serbava tuttora una tinta cupa ed una lieve umidità. Diana ne
risentì la sgradita impressione quando, appoggiati i gomiti sovr'esso,
prese a guardare attorno a sè, per l'aperta campagna.

Dinanzi a lei, dietro lo sforacchiato velame dei pioppi, la pianura si
stendeva a perdita d'occhio, solcata da una uniforme vicenda di gelsi
e di gabbe biancheggianti ad ogni lieve spirar del vento. Il fossato
era colmo per la recente piova e rifletteva luminosamente il cielo,
corso da grossi e lenti nuvoloni, tutti sporgenze di soffici candori
inargentati. L'azzurro assumeva nell'acqua una più turchina intensità
di tinte, ed i pioppi del margine si rispecchiavano capovolti con
un'esattezza fotografica, le foglie avevano una riproduzione dei loro
più intimi tremori. In quello stretto spazio d'acqua stagnante, capiva
tutta un'imitazione ideale di lassù e Diana ebbe una strana, assurda
idea di abisso celeste. Un fascino la prendeva dinanzi a quel miraggio.
Per un momento, contemplandolo, non pensò e fu quieta.

A un tratto, diè un guizzo. Aveva udito un fischio nella direzione
delle scuderie, laggiù dietro gli alberi.

Conosceva il significato di quel fischio. Chiamavano i palafrenieri per
approntare la carrozza pel viaggio di Rezzano.

Diana ripiombò bruscamente nella tortura del suo vivere, ebbe l'idea
netta, precisa della propria angoscia, la visione esatta di Rezzano, di
ciò che l'attendeva colà, inesorabilmente.

Pensò ad Alberto, lo vide colle bramose labbra in cerca delle sue,
colle mani cordialmente strette in quelle di Leone! E di nuovo il
dilemma crudele l'afferrò, la coscienza dell'imminente incontro con
Alberto al fianco di Leone, la certezza di non poter rinunziare
al bacio del primo, nè evitare quello del secondo. Pensò alle
torture che l'attendevano, alle proprie ribellioni di coscienza,
di sensi, d'immaginazione. Pensò che dovrebbe adattarsi, adottare
la insopportabile idea del duplice tradimento. Ovvero l'altra, la
prima, l'aperto scandalo, l'ignobile fuga coll'amante, la bassa
esistenza irregolare che la segregherebbe da ogni onesto consorzio.
E sulla soglia di quel tempestoso lembo di orizzonte purchessia,
ella vedeva alzarsi l'immagine terribile della madre, svergognata da
lei, insultata nei suoi principî, nell'educazione, nell'esempio che
le aveva dati, costretta a veder peccatrice la figlia ch'ella aveva
creduto impeccabile. Poi il castigo, scontato dalle sorelle, due stemmi
macchiati, un bianco velo infranto, un crocefisso infranto e più tardi
finalmente la punizione in agguato, un vago gesto di uggia, sfuggito
alla mano stessa di Alberto!

Un raccapriccio la vinse; la fece ripiegar tutta sovra sè stessa,
come una foglia verde che si accartoccia davanti alla fiamma. Il suo
pensiero trovava sbarrata ogni via di scampo.

Oh! se avesse potuto essere come le altre, fare come avevano fatto
loro, non pensare a Dio, nè alla coscienza, nè alla perdizione!
Ovvero attingere al pensiero di Dio, della coscienza, al terrore della
perdizione una forza più gagliarda e più efficace, la forza di amare
Leone o quella di odiare Alberto.

Attaccavano. — S'udiva lo scalpiccio dei cavalli, le risate e i motti
dei cocchieri che allestivano l'attacco. Un mozzo cantarellava: Oje
Carulì.

Certo, ell'era inesorabilmente condotta a degradarsi, per l'amore di
quei due. In entrambi lo stesso cieco egoismo si valeva dei diritti,
inconsciamente accordati. Lo stesso intento era scatenato in uno dal
codice e dal capriccio ravvivato, nell'altro dall'amore condiviso.
Quanto di appassionato e sublime esisteva nei suoi affetti, nella
sua cecità di attaccamento, pareva cancellarsi ora, nella feroce
bassezza della conseguenza, in quella soluzione che sarebbe sempre,
inevitabilmente una caduta. Per un secondo, ella odiò entrambi e
parimenti quei due, odiò la vita, odiò sè stessa per la violenza della
tenerezza che l'aveva strascinata sì lungi, sì fuor di strada, odiò
chi le aveva insegnata la bellezza del bene e la laidezza del male,
odiò i suoi sensi ribelli all'animo suo, odiò il suo sangue ardente e
il suo cuore appassionato, la sua viltà d'obbedienza all'amore. Tutto
era dunque più forte di lei, il bene ed il male, il dovere e la colpa
l'avrebbero dunque resa infelice dal pari inesorabilmente?

Le giunse all'orecchio un gajo scampanío di bubbôli. Mettevano le
sonagliere.

Ecco; glielo aveva detto la mamma... lì... a quel posto: Noi non siamo
fatte pel peccato, quand'anche peccassimo.

Certo; così era. Non valentía di sofismi, non ebbrezze di sensi, non
delirii del cuore varrebbero a cancellare in lei l'innato senso del
bene. L'amore la traeva alla colpa ed ella amava, irresistibilmente.

Un'altra cosa le aveva detto sua madre: Preferirei vederti morta.

Strinse le mani alle tempie, costringendo gli occhi all'insù. Vide il
cielo, ed ebbe un folle slancio dell'anima per quell'altezza lontana,
pura, senza macchia, senza ricetto pei bassi enigmi della vita.

Ma l'altezza sorrideva, insuperabile, nel vuoto! Ella pensò: Ora hanno
finito di attaccare. Poi chinò gli occhi verso il fossato. Vi ritrovò
il cielo e le nuvole, che si succedevano lente nel profondo. Ancora
le occorse il pensiero dell'abisso celeste ma prossimo, immediato,
accessibile. Una lontana idea scattò tetra e micidiale, in quella
povera mente turbata.

Prima di concretarla bene nel suo cervello, Diana gettò attorno uno
sguardo, quieto, attento, che interrogava. Attese. — Ma l'erba e le
piante vicine, la villa lontana, le farfalle vaganti, nulla seppero
risponderle.

Guardò ancora in giù. Nell'abisso celeste l'azzurro incupiva,
lumeggiato dall'argento delle nubi che s'indugiavano ora, come se
aspettassero qualcosa o qualcuno.

Diana sorrise.

Aspettano me... disse. E sali sul parapetto.

Non idea netta di suicidio. Più che altro, un'allucinazione, un supremo
bisogno di riposo, di fine alla lotta intima che la dilaniava. Le
parve che tutto l'attraesse, la invitasse là dentro, che il crudele
dilemma si sarebbe quietato nel suo capo, quando ella avesse adagiato
questo, mollemente, sul candore di quelle nubi. Pensò a sua madre che
preferiva vederla morta, pensò a Dio che certamente la capiva e perciò
le perdonerebbe il peccato commesso solo per salvarsi da un peccato
peggiore. Pensò ad Alberto e a Leone, complessivamente per così dire,
confondendo entrambi nell'infinito di un amore come lo si prova solo
agli ultimi momenti della vita, quando davanti alla morte vicina
galoppa un misterioso guastatore per farle la via e abbatte a destra
e a sinistra tutte le barriere onde sono segnati i vari comparti del
cuore. Così ella pensò a loro, con un ineffabile amore che già non
offendeva più alcuno.

Non volle spiccare un salto indecoroso nè che facesse strepito.
Si lasciò scivolare giù all'esterno, tenendosi alle colonnine del
parapetto. Solo quando sentì che l'acqua le lambiva i piedi, aperse le
braccia e si abbandonò.

Povera Diana! Non trovò l'azzurro nè le nubi fugate dalla sua caduta.
Trovò bensì l'acqua limacciosa, l'erbacce viscide, la fanghiglia fetida
e nera, gli immondi rospi spaventati. Trovò ancora l'impressione
e l'orrore della morte imminente ed ebbe un dibattimento folle
che l'aiutò ad annegare, mentre un disperato desiderio di vita la
richiamava a galla per ben due volte. La terza fu solo una mano di
lei che, bianchissima, tremò un secondo oltre il livello dell'acqua e
scomparve poscia ad un tratto, come una ninfea subitamente sbocciata e
subito sommersa.



Spiraglio.


Nella viuzza solitaria, ove s'indugiava l'ombra del mattino, il passo
del professore Lerskine risuonava alto e cadenzato. La vecchia moglie
del droghiere, seduta dietro la bacheca della sua botteguccia ed
intenta a far calza, non sollevò il capo udendo quel noto passo. Disse
soltanto fra sè e sè: — Sono le nove. Il forestiero va a far scuola.

Egli si recava ogni mattina, alle nove, all'Istituto tecnico e dava ai
giovani una solida lezione di matematica, qualcosa che s'imprimeva a
forza nelle menti più ottuse. La maschia bruttezza del professore, la
sua calma glaciale, il suo perfetto possesso della cifra, stavano bene
in cattedra ed imponevano un freddo rispetto, senza simpatia di sorta,
non scevro però da una specie di ammirazione involontaria. Ma fuori
dell'Istituto, lungi dai pochi luoghi ove egli insegnava l'algebra,
la geometria, l'inglese ed il tedesco, i suoi pregi di scienziato e
di linguista non bastavano più a salvarlo dall'antipatia diffidente
che ispirava l'individuo; lo straniero propriamente detto, che _vuole_
rimaner tale. Nessuno aveva voluto, o forse potuto stringere amicizia
con quell'uomo strano, indecifrabile che aveva degli occhi sì freddi,
dietro lo schermo degli occhiali azzurri.

Nella piccola città italiana ch'egli abitava da più anni e dove
spadroneggiava una grassa borghesia trafficante, segretamente alleata
ad un prepotente elemento clericale, contro un radicalume puerile e
piazzaiuolo, le opinioni nuovissime del Lerskine, la sua esasperata
filosofia di ribelle, non potevano trovare eco, nè sfogo. Perciò egli
le taceva colà. Non si sapeva se avesse, o no, legami di famiglia. Si
buccinava soltanto ch'egli fosse obbligato, per ragioni politiche,
a dimorare lungi dalla sua patria. Chi lo diceva russo, chi tedesco
d'origine. Era di mezza età; ma pareva quasi vecchio, coi suoi capelli
tra biondi e bianchicci, con quei grandi occhiali azzurri, che posavano
perpetuamente sul naso un po' rincagnato.

Egli si recava dunque all'Istituto, quando s'udì ad un tratto chiamare
forte, festosamente, dal lato opposto della via.

— Professore, signor Lerskine!

Alzò il capo, con un brusco moto. La voce gli era nota, ma gli tornava
tanto inattesa in quell'ora, in quel luogo, ch'egli dubitò per un
secondo. Pure, no... era proprio lei, una delle sue poche allieve di
tedesco, la più giovane e la meno studiosa fra tutte, Maria di Bruvo.
La giovanetta aveva da parecchi anni persa la madre. Il padre suo
possedeva una splendida villa nei dintorni e Lerskine soleva da più
mesi recarvisi due volte la settimana, per la lezione.

Maria di Bruvo traversò la via, raggiunse il professore e l'arrestò.
Sedicenne, non ancora bella, ma già attraentissima, colla grazia
enigmatica della sua età; fusione delicata e bizzarra di bimba
che finisce e di donna che comincia. Innocentemente audace nel suo
attillato costumino inglese, originalissima nella precoce disinvoltura
dei suoi modi, disinvoltura fatta ad un tempo di purezza e di
capriccio, dell'abitudine d'una grande libertà e di quella dell'omaggio
del prossimo.

— Mi son persa! — annunziò trionfalmente.

Lerskine non si commosse affatto.

— È sola? — chiese soltanto.

— Solissima. Oh! tutta una storia. La colpa è della cameriera, che
iersera non ha chiuse bene le imposte nella mia camera. Per cui,
all'alba, dallo spiraglio, una gran luce. Chi avrebbe dormito più?
M'alzo, apro la finestra, vedo uno splendore di mattino!... Mi vien
subito una famosa idea, una trottata coi miei cavallini e col _panier_.
Mi vesto, scendo in scuderia. Pietro, sa bene, il nostro vecchio
cocchiere, mi fa delle prediche, ma io ho detto «voglio così.»

Battè sul lastricato, forte, col piedino. Tic, tac, categorico
imperativo. E proseguì:

— Guidavo io, s'intende. Si filava, oh, una cosa divina! Senonchè,
sul più bello, un carro di melloni, con un mulo..., s'immagini! Il
carrettiere ubbriaco, credo. Insomma, un urto tremendo, un crac di
carro e _panier_. Pietro bestemmia, il carrettiere bestemmia; si scende
tutti. Niente, non s'era fatto male nessuno; ma il _panier_ aveva avuto
la peggio; rotto un parafango, stortato un montatoio, che so io. Allora
s'è dovuto venire in città, per le riparazioni immediate. Pietro ha
promesso di tacere, ma se papà vedesse il _panier_ in quello stato,
sarebbe capace di proibirmi di guidare, e allora..., capisce?

Lerskine accennò che capiva, chinando il capo.

— Siamo andati all'Albergo dei Tre Re, — continuò Maria, — e il fabbro
ha detto che ci volevano almeno due ore e mezzo. Pensi, che gusto!
Una noia, a quell'Albergo, un puzzo di scuderia, d'untume! La padrona
che mi voleva tener compagnia, immagini; una folla di villani, che mi
guardavano come la bestia rara. Me ne sono andata a zonzo per la città,
_flânant_. Oh Dio, scusi, come si dice in italiano? Alla lunga, però,
mi seccai, e, ad un tratto, m'avvidi di non raccapezzarmi più in quel
dedalo di stradette sudicie. Cominciavo a disperarmi, quando vidi lei.
Un faro nella tempesta, quei suoi occhiali turchini!

E Maria rideva di gran cuore, nella sua contentezza.

Egli, con un sorriso forzato, si mise a disposizione della signorina.

La signorina non fece cerimonie.

— Grazie, professore. E questo benedetto Albergo è lontano, nevvero?
Non ce ne sarebbe un altro qui accanto?

— No.

— Un _restaurant_, un caffè?

— Neppure.

— Dio, che paese! Come fare? Sono stanca e ho un appetito feroce.

Lerskine non suggeriva nulla. Guardava con bizzarra attenzione quella
personcina minuta, fremente d'incertezza e di noia.

A un tratto, essa gli chiese:

— Oh, scusi, lei dove abita?

— Qui — rispose l'altro, accennando al fondo della viuzza.

Maria battè le palme, festosamente.

— Ma allora, va benone; andiamo a casa sua.

— A casa mia? — echeggiò Lerskine, con una specie di subito sgomento.

— Oh bella! perchè no? A meno che, — soggiunse la giovanetta,
coll'altera prontezza, della signora che teme d'essere stata
indiscreta, — a meno che ciò non avesse a recarle il menomo disturbo.

Egli si morse le labbra.

— Vuol favorire? — disse subito — è qui a due passi.

Due passi, veramente. Una casetta piccina, il primo uscio, tre scalini
da salire, poi una porticina a vetri, colle cortine di un vecchio
tulle di cotone ingiallito. Nell'aprirsi, quella porticina suscitò uno
scampanellío.

Il Professore introdusse la sua allieva in uno stanzone nudo, con
due finestre, colle pareti imbiancate. Un ampio scrittoio di noce,
sul quale regnava un disordine di libri e di fascicoli. Presso allo
scrittoio, un grande seggiolone di cuoio. Addossato alla parete di
faccia, un divano largo, massiccio, con due tiratoi alla base. A
destra, un lavabo e una guardaroba; a sinistra, un tavolino ed una
credenza a vetri. Sul davanzale del camino, molti libri ammonticchiati,
una conchiglia rosea del mar d'Azof e due candelabri d'ottone.
Null'altro.

Maria corse a crogiolarsi nel seggiolone, con un profondo sospiro di
sollievo. Poi si mise a ridere, tutto ciò la divertiva un mezzo mondo.

— Aaaah!... Come si sta bene qui! Ella ci passa molte ore, nevvero?

— Molte.

— Si capisce. Questo è il suo studio?

— Non è soltanto il mio studio, è tutta la mia abitazione.

— Questa stanza sola?

— Questa.

Maria si voltò rapidamente, percorrendo tutto quanto il locale, collo
sguardo indagatore. Cercò un istante, per mero istinto di gentilezza,
qualcosa che potesse meritare un complimento, purchessia. Ma questo
solo solo potè dire: — C'è una gran luce. — Infatti, così era.

— Perdoni, — chiese poscia, — allora lei dorme?...

— Dormo sui... — disse Lerskine, con una specie d'acre e calma
compiacenza. — Quello è il mio letto — soggiunse accennando il divano.

— Quello? — ripetè Maria, guardando con viva curiosità il mobile a due
usi. Non ne aveva mai veduti.

— Vi si dorme bene? — chiese poscia.

— Benissimo.

— Ah, davvero?

Tornò a nicchiarsi nel seggiolone, frenando un piccolo sbadiglio
nervoso. Poi, spinta da una subita curiosità, prese a rovistare
nei libroni. N'accostò uno, l'aprì, e lo respinse con una comica
smorfietta.

— È in tedesco! — sclamò. — Ma oggi, niente lezione. L'ospite è sacro,
nevvero?

— Certo, — rispose Lerskine lentamente.

— A proposito, son già due volte ch'ella manca alla lezione. E, a
farlo apposta, giovedì scorso avevo fatto il dovere. Parola d'onore, mi
spiacque, quasi, ch'ella non fosse venuto. Oh perchè non è venuto? Non
si sentiva bene?

Egli esitò per un secondo, poi mormorò:

— Infatti.

— Mi spiace. Ma ora sta meglio, nevvero? E quest'altro librone?
vediamo. Oh questo non è in tedesco. Russo, probabilmente. Come sono
curiose queste parole. E un poeta?

— Già, — diss'egli con acerbo sarcasmo. — Un poeta — Bakunine.

Maria non fè cenno alcuno. Quel nome formidabile giungeva ignoto alla
sua spensierata, ignoranza.

— E quell'altro laggiù, così ben legato?

— Lassalle.

— Ah. E quello rosso, là, in fondo?

— Hertzen.

— E questi giornali?

— _Zemlia y volia_.

— Perdoni.... ha detto?...

— _Zemlia y volia_ — ripetè egli.

— Oh, che nome buffo... Cosa vuol dire? Oh, non importa. Ma quanto
è carino il russo! Vuole insegnarmelo, professore? Già, pel tedesco,
è inutile. Ho una testa refrattaria, come dice papà. Ed io compiango
lei... di cuore.

— Mi compiange. E di che? — chiese Lerskine, con uno scatto, impetuoso
ed amaro.

— O bella... la compiango d'aver un'allieva della mia forza. Mi
conosco, sa?

La fanciulla diceva il vero. Traversava un periodo di umiltà schietta e
bonaria. Provava un confuso pentimento della propria negligenza, delle
leziose ostilità colle quali essa soleva mascherare la sua avversione
allo studio e vendicare la segreta soggezione che le ispirava il
maestro. Sino a quel giorno aveva trovata uggiosa, insopportabile
quasi, la compagnia di quel severo pedagogo; non gli perdonava di
non rider mai durante la lezione. Ma ora, in quel povero stanzone, la
colpiva un'intuizione vaga della forte e misera esistenza di colui,
una segreta pietà del suo isolamento, delle privazioni patite, della
tolleranza colla quale egli aveva sopportati i suoi capricci, la sua
pigrizia smorfiosa, sempre a caccia di pretesti. E il digiuno, il moto
prolungato, la lunga trottata, le mettevano addosso uno spossamento
molle, una grande facilità ad intenerirsi e ad effondersi.

— Professore... — disse, porgendo la mano a Lerskine, con un abbandono
sorridente.

Egli prese quella mano, non la strinse. La lasciò andare subito, ma non
bruscamente.

— Creda, non è già... — disse Maria.

Uno sbadiglio nervoso, irresistibile le mozzò la parola, ed ella
appoggiò la testina allo schienale, come una persona stanchissima o
presso a venir meno.

Egli vide scolorirsi quel visetto soave. E con una voce sommessa, più
giovane di quella solita, una voce in cui vibrava uno sgomento, le
chiese premurosamente:

— Cos'ha?

Ella rise, arrossì, esitò. Poi disse, colla dolcezza d'una confidenza:

— Ho fame. Professore, ho fame.

Egli sorrise pure. Un sorriso buono, trionfante, che illuminò tutto il
suo volto.

— Le piace il latte? — chiese alla giovinetta.

— Se mi piace? Ma l'adoro. Ne avrebbe, per caso?...

Lerskine non rispose. Corse alla credenza, l'aprì con impeto, ne trasse
un bricco colmo di latte, poi un piccolo servizio di caffè e latte,
già pronto su di un vassoio e corredato di tre panini. Con un gesto
energico respinse a rifascio, sullo scrittoio, libri e giornali; poi
sullo spazio sgomberato, davanti a Maria, posò il vassoio.

Ella mandò un piccolo grido di gioia, qualcosa che somigliava al rotto
spionciare d'un passerotto al quale si getta del miglio. Si rizzò a
sedere, rinvigorita, battendo festosamente le palme.

— Allora... permette? — chiese al Professore.

Questi non rispose, ma prese a mescere il latte nella tazza. Ed una
strana gioia, quasi dolorosa, gli morse subitamente il cuore, mentre
Maria addentava un pezzo di pane.

Ella non faceva complimenti. Spinta dal prepotente appetito dell'età
sua, mangiava di lena, interrompendosi ogni tanto per rivolgere al
Professore qualche chiacchieretta gentile e lieta. Il suo sguardo
s'era ravvivato; essa stava ritta sulla persona, e un lieve color di
rosa saliva sulle sue guancie. Lerskine, invece, si faceva sempre più
pallido. S'era tratto in disparte, per lasciarla in libertà, e per la
coscienza d'un'impressione indefinibile, che gli rendeva intollerabile
quello spettacolo. La guatava da tergo, con certe occhiate
strane, formidabili, ove una specie di cupa estasi si confondeva
coll'irritazione. Finalmente, con uno sforzo irresistibile, e che gli
costò pure uno spasimo, egli afferrò il cappello e si diresse verso la
porticina.

Maria si voltò rapidamente.

— Va via? — chiese con accento di rammarico.

Lerskine rimase come inchiodato sulla soglia.

— Sì — disse. — Mi perdoni, se la lascio... Ma devo... bisogna ch'io
vada.

— La prego — interruppe vivamente la giovane — non faccia complimenti,
non si dia pensiero di me. Ho rimorso di averle già arrecato tanto
disturbo. Sono una vagabonda indiscreta.

Inesprimibilmente attraente, la vagabonda indiscreta, colla sua
faccetta biricchina, tutta un sorriso, colle labbra semiaperte,
sulle quali s'indugiava il biancheggiamento perlaceo di una goccia di
latte...

Una lieve contrazione passò sul volto del Professore. Egli girava e
rigirava il manubrio dell'uscio. Subitamente, si spiccò dalla soglia
e venne a piantarsi, grave, massiccio, a fianco di Maria. E la sua
voce vibrava cupa, intensamente accentuata, mentre egli rivolgeva alla
Contessina una bizzarra domanda.

— Contessina... ella dunque non _ha paura_?

Maria depose la tazza sul tavolino. Poi, sollevando verso quell'uomo la
serenità attonita del suo sguardo:

— Paura!... — disse — Di che?...

Un secondo di silenzio, durante il quale Lerskine trasalì, ma
impercettibilmente, come avrebbe trasalito, in Siberia, sotto un colpo
di knut.

— Ah! capisco — proseguì Maria ridendo — Ella crede ch'io abbia paura
a restar sola. Ma le pare!... Ci sto tante ore, sola, in camera mia.
Piuttosto, se qualcuno venisse a cercar di lei, che devo dire?

— Non verrà nessuno, — rispose l'altro sommessamente.

— Allora, va benissimo. Ella non si prenda pensiero di me. Abbia solo
la bontà d'insegnarmi la via più breve per tornare al grande Albergo
dei Tre Re.

— Andrò io stesso, se crede, all'Albergo e dirò che la carrozza passi a
prenderla qui.

— Gliene sarei proprio grata. Ella m'ha ridata la vita con questo
delizioso asciolvere. Ma ora sono tanto stanca... tanto!... Non ne
faccio più di queste imprese... sa? Ella vada, dunque. Ma tornerà,
nevvero, prima ch'io vada via?

Lerskine chinò il capo, e Maria gli porse la mano, ch'egli prese,
strinse nervosamente, una, due, tre volte. Ebbe anche l'impulso
di baciarla, ma questo represse sì prontamente che la giovane non
l'avvertì neppure.

S'allontanò rapidamente. — Se si annoia, — le disse da lungi — quando
fu presso all'uscio, — là..., dietro gli altri, ci sono dei libri
francesi.

Escì, ma si trattenne ancora sul primo gradino, mentre il suo sguardo
tornava ostinatamente indietro. E così, dietro le trasparenze del
cristallo e della cortina, egli vide, una bianca figuretta di fanciulla
seduta al suo scrittoio, vide due manine impazienti che frangevano
l'ultimo pane!... Digrignò i denti, scese la brevissima scala. Dapprima
camminò lento, posato, come al solito. Ma allo svolto della via, prese
a correre, come se fuggisse.

Passò all'Istituto, per scusarsi della mancata lezione. Passò
all'Albergo dei Tre Re, e accennò al cocchiere di casa Bruvo il luogo
preciso ove la carrozza dovrebbe recarsi a prender la signorina.

— Sì, signore, — rispose Pietro. — Ma ci vorrà ancora una buona
mezz'ora.

— Per lo meno — confermò il fabbro tuttora affaccendato attorno al
_panier_.

Lerskine non fece commenti. Un cenno di capo e via.

Camminava lento, ora. Ma le sue gambe muscolose parevano muoversi,
meccanicamente, contro il voler suo, verso una nota direzione, verso
casa. Più volte egli mutò strada, ma un sottile tradimento dei propri
intenti lo rimise sempre nel retto cammino. E quasi senza saperlo,
si trovò finalmente nella viuzza, affatto solitaria, e vide da lungi
le finestre della sua dimora. Rallentò bensì il passo, con un feroce
sforzo di volere, ma due minuti bastarono per condurlo sino a quella
dimora. S'arrestò, ansante, cercando di raccogliere le proprie idee, di
ribellarsi contro l'incerta bramosia che le andava scompigliando ogni
momento più.

Gli parve d'esser forte, e disse imperiosamente a sè stesso: — Va!

Andò. Giunto al secondo uscio.... picchiò sommessamente, come avrebbe
picchiato all'uscio d'un estraneo. Attese, non ebbe risposta.

Invaso da un'inquietudine, spinse l'uscio; ma sì lievemente che non
suscitò il solito scampanellio. Il campanello interno ebbe solo una
sorda oscillazione. Lerskine entrò, in punta di piedi.

Il suo sguardo volò allo scrittoio, ma subito si rimosse e corse
ansioso per tutta la stanza, in cerca di Maria. Un insano spasimo
traversò, come un lampo, l'animo del Professore, ma solo per dar luogo
ad un non meno insano succedersi di gioia..., poi d'ira appassionata.

No... essa non era andata via. Era sul divano e dormiva!...
Naturalissimo ch'egli non l'avesse subito veduta. Stava nicchiata,
tutta raccolta colla personcina, nelle profondità del mobile: a due
usi. Non coricata, poggiata soltanto nell'angolo formato dal cuscino
di spalliera e da uno dei laterali, sorretta così nella vita, ma col
capo reclino a destra, sì che il profilo delicato spiccava, cesellatura
vivente, sulla cupa tinta della stoffa. I capelli, un po' arruffatini,
gettavano una carezza d'ombreggiatura sulla fronte. Il busto, magro
ancora, ma già modellato dalla casta femminilità verginale, si
sollevava e si abbassava, col ritmico ritornello del sonno calmo e
sano. Nessun disordine nell'abbandono di quell'assopimento, pieno d'una
compostezza riposata e fiduciosa.

Una mano posava leggiadramente sul petto, l'altra giaceva fra le pagine
d'un libro semichiuso e che dal grembo della dormente era evidentemente
scivolato lungo il suo fianco destro. Essa dormiva sodo, colle labbra
socchiuse e l'atmosfera tutta della camera pareva vibrare dolcemente
della sommessa armonia del suo respiro.

Lerskine si accostò cautamente al divano. Gettò un'occhiata sul libro.
Era il _Contratto sociale_ di Rousseau. Essa l'aveva preso a caso fra
quelli da lui accennati, e naturalmente, non ne aveva capito nulla.
L'arida noia di quella lettura, la comoda posizione sul divano, la
stanchezza eccessiva, la solitudine, il silenzio della casa e della
via; tutto aveva contribuito al sonno repentino di Maria. Come poc'anzi
l'appetito, così l'aveva testè sopraggiunta il sopore, insidioso e
prepotente. Ed essa non aveva lottato, aveva reclinato un pochino più
il capo sul cuscino, e s'era addormentata. Nulla di più evidente, nulla
di più semplice.

Infatti; nulla di più semplice. Ma l'ospite, il padrone di casa, era
tornato, e lei non s'era destata. Egli le era presso, la guardava
senza testimoni... solo con lei, in preda ad una specie d'estasi
febbrile, combattuta ed avvivata ad un tempo da una collera sorda, che
cresceva... cresceva a dismisura.

Dalle aride labbra di lui escivano dei rotti e sommessi accenti, quasi
un selvaggio brontolio di orso, che vede invasa la sua tana da una
bianca cucciolina. Un'ira impetuosa, nera, lo assaliva, un'ira spietata
verso sè stesso, per l'onta delle sue emozioni, per la vergogna del
suo turbamento, di quel fascino maledetto ch'egli provava, e non
già per la prima volta...! Sin dalle prime lezioni, la grazia e la
bellezza di Maria, la sua capricciosa purezza, la sua intelligenza
sbrigliata e pure tanto casta, avevano scosso il Professore, avevano
insultata la sua sprezzante serenità d'uomo attempato, avevano ferito
a morte il suo triplice orgoglio d'uomo povero, di sapiente e di
ribelle... Così era stato punito della sua sovrumana alterigia di
novatore, che vuole sopprimere l'individuo in sè stesso, immolandosi
all'entità sovrana d'un principio sovversivo. Ebbro di quel nulla, in
fondo al quale sognava confusamente un tutto, Lerskine aveva ad esso
sacrificata la sua patria, la sua famiglia, l'orizzonte delle passioni.
Era giunto così sino ai quarantanni. Allora... allora soltanto egli
aveva incontrata la brutale ironia del suo destino. Una follia l'aveva
colto a tradimento. Una passione era nata in lui, una di quelle folli,
rabbiose incongruenze del cuore che lo dilaniano, lasciando intatto
il retto senso delle cose, che straziano e non acciecano, che destano
a un tempo lo spasimo dell'amore e l'indignazione di provarlo. Certo,
così era! Ignazio Lerskine amava Maria di Bruvo, la sua indocile ed
ignorante allieva.

Aveva subito avvertito quell'amore, prima che niun altro al mondo
avesse potuto concepirne il più lontano sospetto. Avvertitolo, aveva
subito pensato al _suo_ rimedio: sopprimere. Cessare repentinamente le
lezioni. Non vederla più. E quella sarebbe la fine, il _nihil_ della
sua passione.

Senonchè, la cosa era andata altrimenti. Egli s'era invano astenuto dal
recarsi alla villa, il caso aveva ricondotta presso di lui l'abitatrice
della villa. La fanciulla ch'egli non voleva più rivedere era venuta a
lui, gli aveva stretto la mano, gli aveva chiesto il pane ed il sale,
era ospite in casa sua. Ell'era venuta, senza paure, senza intenti di
sorta. Nella desolazione della sua solitudine, in quel buio covo di
biechi pensieri e di sogni formidabili, essa aveva recato lo scompiglio
e l'antagonismo della sua dolce presenza, la macchia abbagliante della
propria luce, l'oltraggio sanguinoso e sorridente della sua calma
perfetta. Pura come una neonata, provocante, ben più d'una cortigiana,
nella sua divina e folle imprudenza, essa era venuta, inconscia, non
chiamata, a stuzzicare la belva nel suo rifugio. In quell'incendio
silenzioso, soffocato sotto la cappa d'acciaio di un volere indomabile,
essa era venuta a dar aria, a rimuover la brace, ad attizzare la
fiamma... Ma essa nulla sapeva di tutto ciò. Dormiva... sul divano a
due usi, sognando forse dei lieti sogni, sotto lo sguardo, caldo come
il vento del deserto, dell'uomo che l'amava e che non temeva nè Dio, nè
gli uomini, nè la morte...

Nessuno potrebbe dire ciò che passò nella mente di lui. Nessuno. La
tempesta si scatenava, ecco tutto!

A un tratto, l'atmosfera parve farsi irrespirabile nella camera, il
silenzio divenne subitamente tragico, nell'incerto orrore d'un'attesa.
Gli atomi luminosi di polvere, cozzanti nei vani soleggiati delle
finestre, ebbero un folle rivolgimento di rotazioni, come se due fluidi
avversi s'urtassero combattendo nell'aria, come se uno spirito custode
l'agitasse violentemente, collo sbattere dell'ali fuggenti...

Lerskine guardava sempre la fanciulla. Un lungo brivido corse tutta la
sua persona. Egli si irrigidì... reagendo contro quel brivido. Le sue
mani potenti, vellose, imprigionò fortemente l'una nell'altra, con uno
stiracchiamento convulso dei muscoli.

La guardò ancora... ancora... La bocca di Lerskine ebbe un
contorcimento sublime e grottesco... il _rictus_ d'un sorriso di
sprezzo. Poi... egli corse all'uscio, l'aperse al suono d'una violenta
scampanellata, e s'accampò sulla soglia, colla mossa di chi entra.

Maria si destò di botto. — Per un secondo rimase immobile, come
trasognata, guardandosi attorno. Poi si rammentò. E, mal desta ancora,
prese a ridere.

                             . . . . . . .

Lerskine si diresse lentamente verso lo scrittoio. Giuntovi, s'appoggiò
col palmo della mano ad uno dei grossi libroni... quello forse a
proposito del quale Maria Bruvo aveva detto poc'anzi, ridendo: —
L'ospite è sacro.

Con voce ferma e fredda, il Professore annunziò alla giovane il
prossimo giungere della carrozza. Poi: da quel rustico pedante ch'egli
era, cadde pesantemente a sedere sul suo seggiolone e prese a sfogliar
dei giornali.

La carrozza giunse infatti, pochi minuti dopo. Allora soltanto
egli s'alzò, mentre Maria, senza celare la sua fretta di lasciare
quella dimora ospitale, ma poco divertente, si assestava in testa il
cappellino.

Se non che, la giovinetta, giunta presso alla soglia, si tratteneva
ancora, per ringraziare l'ospite. E il delicato istinto della
cortesia le metteva in bocca delle frasi leggiadre, ch'ella musicava
inconsciamente colla voce.

— No, non scorderebbe mai quanto egli era stato buono per lei. Sperava
di non avergli arrecato troppo disturbo. Ora, poi, voleva correggersi
davvero della sua pigrizia, mettersi a studiare sul serio. Egli se ne
avvedrebbe subito, alla prossima lezione.

Lerskine scosse il capo.

— Le nostre lezioni sono finite, — disse freddamente.

— Finite! — sciamò la giovane — finite! Ma perchè?

Il Professore frenò un piccolo tremore nervoso ed alzò alquanto le
spalle.

— A cagion mia? — continuò impetuosamente Maria, — per la mia
negligenza?... Ma ora muterò... glielo prometto.

Colla dolcezza irresistibile del suo sorriso essa stese al Professore
la mano, quasi arra della promessa.

Egli si sentiva nuovamente inferocire davanti a quella cieca insistenza.

— No... — mormorò.. — non per lei...

— Allora, — chiese ella ancora, vieppiù dolce, vieppiù insistente, —
allora... perchè?

Un'esasperazione lo vinse. Con un gesto rapidissimo, pazzo, egli
sollevò sulla fronte gli occhiali. Dalle pupille grigie, giovani,
maschie, scaturì, libero e brutale, il fuoco dei suoi sguardi...
Piombò, si confisse nel volto della giovane subitamente sbigottita,
come gli artigli del falco sulle carni della sua preda. Per un
secondo, quello sguardo la possedette. Poi, su quel furioso balenìo
d'incandescenze, ricadde, smorzandole d'improvviso, il velo dei
cristalli azzurri.

— Perchè vi odio! — disse Lerskine a voce alta e chiara, aprendo
l'uscio innanzi alla giovinetta.


Più tardi, quando conobbe l'amore, Maria si rammentò di quell'odio. Se
ne rammentò con un sorriso e con un fremito.



Zenit.


Eravamo in aprile: io aveva diciotto anni e mi trovavo al mercato.
Colla nostra servetta, ben inteso.

Avevo fatto felicemente (almeno così mi parve) la nostra piccola
spesa di famiglia, ed esaurita la lista degli acquisti prescritti da
Camilla. Pure, non so come, mi rimanevano in mano cinquanta centesimi.
Caso rarissimo, più unico che raro, poichè Camilla non sbagliava
_mai_ i conti. Ma, stavolta, s'era sbagliata; la cosa era evidente,
ed io serrava forte fra le dita i cinque soldoni, lottando coll'aspra
tentazione di spenderli a modo mio, di darli, cioè, alla fioraia
dirimpetto, in cambio di _tutti_ i suoi lillà bianchi.... cinque grossi
ramoscelli, ch'essa vendeva dieci centesimi l'uno.

Nervosa, m'indugiavo davanti al banco, lottando onestamente contro la
violenza di quella tentazione. Immaginavo la canzonatura pungente di
Albertina, il sorriso di compassione che avrebbero scambiato Camilla e
Lidia. Avrei potuto, con un soldo o due, comperare una quantità quasi
equivalente di violaciocche e di rosmarino. Ma la tentazione consisteva
appunto nell'alto valore dei lillà, nella loro superba e pallida
uniformità di tinta, nella squisita finezza della loro leggiadria,
nell'acuto e sottile profumo che solo li tradiva in mezzo ai forti
odori, alle forti chiazze di colore di tutto ciò che li attorniava. Dio
mi perdoni, non seppi neppur tirar di prezzo! Un'audacia mi vinse, un
desiderio irresistibile d'esser felice, comperandoli. Li comperai.

Quando li ebbi, quando sentii ch'erano miei, quando il violento
profumo salì direttamente dalle mie nari al cervello, allora persi
ogni scrupolo, scacciai ogni rimorso. Mi avrebbero sgridata. Ebbene;
pazienza! Ma era tanto tempo che sentivo il bisogno d'una gioia
cosiffatta, d'un piacere delicato, intenso, tutto mio! Ero gloriosa
ora, fiera della mia stravaganza. Traversai il mercato quasi a corsa,
stringendomi sul petto il mio tesoro d'olezzi, con una gran letizia
esaltata. Camminavo come sulle nuvole, leggermente inebriata, non so
bene se dal tepore dell'aria, dallo splendore del mattino, dal profumo
dei miei fiori o da quello dei miei diciotto anni.

Forse un poco di tutto ciò.

Quando fui presso alla nostra piccola casetta però, smisi alquanto
di quella folle baldanza. Già; ora bisognava sentir loro.... Il cuore
batteva un po' più forte del solito. Camilla.... che direbbe Camilla?

Camilla non era a terreno quando rientrai. Corsi rapidamente nel
salotto per mettere subito in fresco i miei fiori. Ma in salotto c'era
Albertina, che s'immaginava di spolverare i mobili. La bimba mi guardò
un momento, guardò il mio grosso mazzo. E subito escì, trascinandosi
frettolosamente, colla gambetta zoppa. Ahimè, non c'era il minimo
dubbio, essa andava a _dirlo_ a Camilla.

Dio!... che tormento era alle volte quella povera piccina! Pure era
il nostro idolo, la reliquia vivente di nostra madre, morta nel darla
alla luce. Era malaticcia, e papà non tollerava la vista d'una sua
lagrimuccia. Bellina tanto di viso, aveva tanta grazietta morfiosa,
sapeva sì bene approfittare dei suoi tristi privilegi! E aveva una
linguetta quella bimba!... una linguetta!...

Non m'ero ingannata, pur troppo. Camilla scese poco dopo, proprio
al momento in cui io, disponendo sul tavolo di cucina i miei
acquisti gastronomici, mi avvedevo, con vero terrore, d'aver per
l'appunto scordato il cavolfiore che Camilla mi aveva _specialmente_
raccomandato. Ciò spiegava la misteriosa rimanenza dei cinquanta
centesimi. Ma che direbbe Camilla, gran Dio, che direbbe!

Pel momento, Camilla non diceva nulla. La sorella maggiore, la
Saviezza, come la chiamavamo noi, abbracciava, col suo sguardo d'aquila
sagace, l'assieme delle provvigioni. E a farla apposta, per mia
disdetta, una brezza improvvisa, che veniva dal giardino, recava in
cucina, passando dal salotto, l'olezzo dei miei poveri fiori. Camilla
aveva già avvertita l'assenza del cavolfiore, e il suo naso lungo e
magro aspirava il profumo delatore dei lillà. Io teneva chinati gli
sguardi, il mio cuore batteva sempre più forte.... Ora, ora.... diceva
ironicamente quel cuore turbato.... ora viene il buono.

Ma il buono, non venne.

Forse la mia dolorosa confusione impietosì Camilla, forse era scritto
che nulla, nulla al mondo dovesse turbare il ricordo di quel giorno.

La Saviezza sorrise e disse soltanto: — Cos'hai fatto, balorda?

Non dissi quel che avevo fatto, ma feci qualcosa, nell'eccesso
della mia gioia, per quella insperata indulgenza. Corsi presso
Camilla, l'afferrai alla vita, la baciai con veemenza in volto, poi,
trascinandomi dietro quella Saviezza incomparabile, volteggiai in su
e in giù per la stanza. Mia sorella, stordita da quel ratto inatteso,
non oppose dapprima resistenza di sorta. Ma, subito dopo, la sua lunga
persona si ribellò, si fe' rigida ed ella si sciolse bruscamente dalla
mia stretta.

— Cos'hai — chiese — sei matta?

— Sì — risposi con trasporto. — Ma è così piacevole esser matti!

La Saviezza mi guardò, attonita.

— Dovresti piuttosto — disse con un subito ritorno all'usata severità —
non perder tutta la mattina a questo modo. Sai che c'è tanto da fare.

Innegabile! c'era tanto da fare! Pettinare Albertina, farle recitar
le lezioni, aiutar Bettina a far le camere, ad allestire la colazione.
Ma, quel giorno, tutto ciò mi pareva facile, gradito a farsi. Schizzavo
di qua e di là, ridendo e cantando. Sotto le mie mani, i letticiuoli
rifatti diventavano lisci e tesi come tavoli da bigliardi, le ciocche
indocili di Albertina diventavano treccie solide e garbate e la bimba,
divertita dai miei pazzi racconti e dai vivi dialoghi ch'io facevo
tenere ai suoi codini d'oro, scordava d'imbizzirsi e di strillare. Così
che, prima ancora delle undici, Albertina aveva recitata con pochissimi
errori mezza la storia di Ruth, le stanze eran tutte all'ordine, e la
colazione di papà era pronta. Pronto pure il suo tavolino, e su questo
il giornale scientifico, gli occhiali, la papalina ricamata da noi e
destinata a quella serena testa di scienziato, che il dolore, i crucci
della vedovanza e le lunghe fatiche intellettuali avevano fatto sì
presto incanutire.

Papà giunse un po' più tardi del solito. Io era tanto lieta quel
mattino che non mi meravigliò affatto il ravvisare sul volto di lui
l'espressione d'una gioia inusitata e misteriosa. Appena entrato,
gli gettai le braccia al collo. Credo anche che, baciandolo, gettassi
inconsciamente un piccolo grido di gioia. Può essere.... ero capace di
tutto, quel giorno!

Egli non mangiava, non si metteva la papalina, non aveva neppur rotta
la fascia del giornale, non ancor chiesto come aveva dormito la bimba.
Lidia era testè entrata, e Camilla aspettava, ritta, col piatto in
mano, pronta a servir la colazione.

Egli ci guardava, interrogando con arcana compiacenza le nostre mal
frenate curiosità. Finalmente disse:

— Oggi abbiamo gente a pranzo.

Una gamma variata di oh! echeggiò nel salotto. Camilla mise un sospiro
lieve, ma irrefrenabile, e mi guardò. I miei sguardi ignoravano
ostinatamente quelli della Saviezza. Ma sapevo ciò ch'essi, cercandomi,
mi gettavano sulla coscienza: l'oblìo del cavolfiore, lo sperpero dei
cinquanta centesimi!

— Quante persone? — chiese poscia Camilla, grave, pensando già al da
farsi.

— Una sola — rispose mio padre. — Ma occorre un pranzo finito; cinque
piatti, dolci, _dessert_ e Marsala.

— Ma papà.... papà! — esclamò Camilla, atterrita.

— Forse — continuò papà tranquillamente — forse sarebbe meglio il
Bordeaux. Ma è d'uopo che sia un pranzo signorile, come li mangia lui,
ogni giorno, a casa sua.

Una specie di grandioso sgomento invase gli animi nostri, una curiosità
febbrile di sapere chi fosse questo misterioso visitatore che mangiava
ogni giorno cinque piatti.... E il dolce, in più.

— Ho capito — disse Lidia. — È il Rettore.

— No.... assai più.

Ella tacque un momento, pensando. Poi, trionfalmente:

— Il Provveditore agli studî.

— No — ribattè papà.

Poi, incapace di tener più a lungo celato il suo glorioso segreto,
gridò con esplosione d'orgoglio e di gioia:

— È Folco! Folco di Roccalba!

Nessuno rispose. Fu un vero sbalordimento di meraviglia e di letizia.
Se ci avessero annunziata la visita di Re Umberto in persona, colla
corona in capo e lo scettro in mano, non avrebbero potuto destare in
noi impressione maggiore. Assolutamente no.

                                   *
                                  * *

Dovevamo tutto ai Roccalba.

In un certo senso, noialtri giovani dovevamo loro persino il
privilegio di esistere, poichè è indubitato che, senza l'impiego da
essi ottenuto a mio padre e la dote da essi fatta a mia madre, papà,
allora precettore in casa Roccalba, non avrebbe mai potuto permettersi
il lusso di un matrimonio colla giovane maestrina di musica, ch'egli
amava in silenzio da cinque anni. E chi aveva fatto il corredo alla
mamma? Chi le aveva regalato quel famoso pianoforte di Tomascheck che
noi tenevamo in sala, colla coperta di flanella verde? La marchesa
Camilla di Roccalba, se vi piace. Chi pagava la retta al collegio di
Milano, ove erano educati i nostri due fratellini? Casa Roccalba, per
disposizione testamentaria della marchesa Camilla. Perchè la Saviezza
si chiamava Camilla? Perchè la marchesa Camilla, non altri, l'aveva
tenuta a battesimo. Figurarsi, dunque!

Noi non avevamo mai veduto Folco, l'allievo di papà. Dopo il
matrimonio di questo, il giovane s'era recato a Bologna per compiere
i suoi studî; poi era andato in diplomazia, aveva preso a viaggiare.
Ma la nostra casa era piena delle memorie di Folco: la fiamma del
focolare, scoppiettando, ci diceva, da mattina a sera, il nome dei
nostri benefattori. La religione della nostra gratitudine per quella
famiglia si era concentrata su Folco, dopo l'immatura morte dei suoi
genitori. Era tutto un santuario di ricordi. Nostra madre, i Roccalba,
la cattedra di professore ch'essi avevano ottenuta per mio padre,
formavano una trinità indissolubile di glorie. Quell'intrinsichezza
d'affetti, quella continuità di relazioni con una delle più grandi
e nobili famiglie lombarde metteva una nota grandiosa nel nostro
orgoglio borghese, nella segreta alterigia del nostro stato, povero,
ma dignitoso, di gente che insegna. Noi eravamo troppo numerosi
in famiglia, eravamo nati troppo _addosso_ l'uno all'altro, nostra
madre era morta troppo presto, perchè ci potesse venir risparmiata a
lungo la conoscenza dei crudi doveri della vita; ma tutta la poesia,
il lusso dei più splendidi ricordi infantili avevano solleticate le
nostre piccole immaginazioni, colla storia, continuamente narrataci,
dell'infanzia di Folco. La nostra nidiata era cresciuta un po' alla
spartana, come comportavano gli scarsi mezzi di famiglia; ma nulla
ci era ignoto di quanto vien prodigato ad un figlio unico da genitori
tenerissimi e straricchi. Sapevamo tutto di Folco: gli studî nei quali
riesciva e quelli in cui durava fatica, le stravaganze di lusso che
lo avevano sempre attorniato, gli splendidi premi, i tenui castighi.
Conoscevamo tutti gli splendori di rappresentanza che la casa dedicava
all'erede, il fasto de' suoi divertimenti, la ricchezza e la varietà
de' suoi giocattoli, de' suoi libri, degli accessorî della sua
educazione. Tutto ciò metteva come una vaporosa poesia di grandezze
nella nostra ristretta esistenza. Avevamo tutti per quell'incognito,
tanto noto alle nostre immaginazioni una specie di adorazione
fantastica, riflesso ad un tempo di quella che i suoi avevano sempre
avuta per lui e della nostra perenne gratitudine verso casa Roccalba.
E ora, lui stesso, quel semidio delle nostre menti, quell'idolo delle
nostre ardenti gratitudini, scendeva bruscamente dall'Olimpo, si
rivelava agli occhi nostri, veniva a pranzo _da noi_!

A noi pareva un sogno, una di quelle combinazioni che si danno
esclusivamente nei romanzi. Pure era la cosa più semplice di questo
mondo. Egli era giunto nella nostra piccola città, la mattina stessa,
per un affare da sbrigarsi in poche ore e contava ripartire alla sera,
con uno degli ultimi treni. Nostro padre, nell'uscire dall'Università,
s'era imbattuto con lui e non l'aveva riconosciuto. Ma l'altro gli
aveva messo le braccia al collo, dicendogli: «Sono Folco, il suo
antico allievo.» S'eran trattenuti un pezzo per via, commossi, poi
s'eran lasciati; ma Folco aveva accettato l'invito di mio padre, aveva
promesso di venire a pranzo da noi!... con noi.

                                   *
                                  * *

Come passarono quelle cinque o sei ore, prima ch'egli venisse?..,.
Non saprei dirlo: eravamo in uno stato di grande eccitamento, esaltate
dalla gioia e dall'agitazione dell'attesa. Camilla sola serbava un po'
di sangue freddo: non so cos'avremmo concluso noialtre, senza la sua
imperiosa impassibilità. Il tempo stringeva, bisognava darsi d'attorno.
La Saviezza emanava gli ordini, e noi tutte li eseguivamo, a suon di
battiti di cuore. Albertina aiutava davvero. Lidia stessa, la nostra
bella indolente, lavorava di lena.

La tavola fu preparata con estrema cura; fu buttato all'aria l'armadio
della biancheria, per trovare la tovaglia di Fiandra, quella dove
non c'era neppure un rammendo. Io aveva un grande orgoglio, un
gran vanto.... la folle spesa dei lillà era diventata per tutti
un'ispirazione, quella stravaganza imperdonabile si mutava, di fronte
alla visita di Folco, in un lusso ragionevole. Lidia però non mancò di
osservare che avrei potuto pagarli meno. Ma che importava ora... Che
importava!.... Era come una vertigine di grandezze e di prodigalità. A
me fu devoluta la cura di spolverare i ritratti del Marchese e della
Marchesa, appesi alla parete, sopra il sofà. Non eran che due vecchi
dagherreotipi. Situati in luce non favorevole, impalliditi dal tempo,
presentavano allo sguardo una confusione abbagliante di lucentezze
grigiastre, dalle quali emergeva poco più della bonaria faccia del
Marchese, mentre della Marchesa erano solo visibili i _volants_ a
scacchi bianchi e neri d'un vestito teso, come il _taffetà_ d'un
pallone areostatico, sulla mostruosa circonferenza del crinolino. Ma
questo che importava? Non erano forse i loro ritratti, fatti all'epoca
del loro matrimonio? Li avevan dati loro stessi a mia madre, e poche
cose al mondo erano a noi più sacre e più care. Ed io, spolverando
in quel giorno quelle due povere larve di ritratti, le baciai
furtivamente, dicendo loro, con una specie di rapita scempiaggine, che
si rallegrassero, che tra poco avrebbero veduto lì, con noi, il loro
Folco.

Quando ci penso!... Eppure avevo già diciotto anni!

                                   *
                                  * *

Li avevo certamente, ma chi ci pensava, chi se ne accorgeva? Nessuno;
non me ne accorgevo neppure io. Non avevo, in famiglia, importanza di
sorta. Non ero nè bella come Lidia, nè saggia come Camilla, nè malata
come la povera Tina. Dovevo ubbidire sempre alle sorelle maggiori
e farmi ubbidire dalla piccina, ed era così difficile a volte il
conciliare quelle due opposte mansioni! Dovevo portare gli abiti
smessi da Lidia, ma portarli con gran cura, perchè potessero esser
trasmissibili ad Albertina. La mia esistenza era un continuo stato di
transazione senza colore.

Non sapevo mai dove cacciarmi, nè come figurare; avevo una terribile
facilità d'entusiasmi che finivano sempre con qualche catastrofe
e un'immaginazione inquieta che macinava nuvole da mattina a sera.
Avrei avuto per lo studio un vero trasporto, e papà, che mi voleva un
grandissimo bene, m'insegnava nei ritagli di tempo un po' di latino;
ma Camilla non approvava questo mio bizzarro divertimento. Anzichè
il _Lexicon_, preferiva vedermi fra le mani il cucito o il piumino da
spolverare. Papà stava molto all'Università, dava lezioni private, e io
stavo tutto il santo giorno in casa, dove Camilla pensava ad occuparmi
secondo i dettami della sua portentosa saviezza. Perciò i miei diciotto
anni, non avendo gran cosa a fare, dormivano.

Non sempre, però. Ogni tanto alzavano il capo dicendo: eccoci.
Erano insistenti a volte, mi andavan suscitando in capo delle idee
fantastiche, una prepotenza d'impressioni vaghe, sconnesse fra di loro,
eppure misteriosamente collegate allo stato generale d'incertezza che
teneva inquieto l'esser mio. Soffrivo e godevo acutamente, a proposito
di tutto, a proposito di nulla. Provavo delle scosse violenti, senza
causa o per cause di lievissima importanza; delle grandi emozioni
indefinite traversavano, come lampi, la gaiezza e la serenità
caratteristiche dell'indole mia. Non avevo il tempo di studiarmi, nè
di cercare altrove la soluzione dei bizzarri problemi che inquietano il
mio spirito. La nostra posizione, la mancanza della madre di famiglia,
i severi principî di papà, ci costringevano ad una vita ritiratissima
e quasi claustrale. Il nostro ambiente, così isolato, si manteneva
pratico ed austero, serbava purissime le nostre menti. Qualche volta
pensavo all'amore, chiedendomi cosa fosse. Non lo sapevo affatto. Avevo
bensì un vago e misterioso desiderio di saperne qualcosa.

                                   *
                                  * *

Folco Roccalba venne, e pranzò con noi.

Al primo momento, vedendolo entrare, fu quasi una disillusione. Per una
di quelle assurdità fantastiche cui soggiace a volte il pensiero, noi
tutte avevamo scordato ch'egli aveva ormai trent'anni, ci aspettavamo
quasi di dover accogliere l'adolescente dei nostri pensieri. E quando
Folco si presentò, uomo fatto, grande, forte, bellissimo, ma d'una
bellezza che aveva già attraversato tutto ciò che la sorte e la natura
anticipano ad un giovane quale egli era, la impressione fu urtata,
quasi spiacevole!

Per me fu un rimescolío strano, una sorpresa violenta, pressochè
un terrore. Ebbi un confuso impulso che mi suggeriva di fuggire, di
rinserrarmi in camera mia e di non scendere più. Ma invece rimasi al
mio posto, immobile, compresa da una soggezione inesprimibile, col
cervello vuoto d'ogni pensiero che non fosse: i Roccalba.

Man mano, egli si fece riconoscere, divenne qualcosa che somigliava al
Folco dei nostri pensieri. La sua bellezza era gaia, la sua giovialità
sapeva sciogliere ogni gelo di timidità rispettosa. Veramente gran
signore, era d'una affabilità piana e calma, di quelle che sembrano
avocar le anime a sè, chiamarle come a raccolta. La sua intelligenza
e il cuor suo gli dicevano senza dubbio ciò che la sua visita era per
noi, quale sincerità ed ardore di gratitudine animassero la nostra
accoglienza. Egli doveva sentirsi sovrano in quel salotto, in mezzo a
tutte noi. Papà non celava la sua gioia, era raggiante e quando Folco
si rivolgeva alle mie sorelle od a me, il tremore della voce che gli
rispondeva doveva pur rivelargli qualcosa del soave orgoglio onde
eravamo comprese! — Naturalmente; Folco si occupò in modo speciale
delle sorelle maggiori e Tina, colle sue grazie languidette di bimba
malata, seppe accaparrare la sua attenzione. Ma egli ebbe anche per
me delle premure cortesi, mi trattò proprio da signorina e per la
prima volta in vita mia, sentii di esser qualchecosa più di nulla.
Egli pareva prendere un certo interessamento alle pochissime frasi
che mi riescì di emettere; rammentai poscia d'aver veduto il suo
sguardo interrogare più volte il mio aspetto come alla sfuggita, e con
una curiosità umoristica. Egli ci parlava con una bizzarra dolcezza
di modi cavallereschi; per papà aveva una deferenza affettuosa,
che si riferiva perennemente, con una specie di cordialità seria,
poetizzata, ai loro antichi rapporti di maestro e d'allievo. Il passato
risuscitava gradatamente nella conversazione generale; Folco pareva
rifarsi fanciullo in questa evocazione continua, fatta dal nostro
culto per tutto ciò ch'era stato lui. Ritrovava incolume, nella pia
riverenza della nostra memoria, anche ciò ch'era sfuggito alla sua, le
impressioni, fugaci per lui, durature per noi, nella tenacità religiosa
del nostro culto. Lidia non ebbe forse il coraggio di chiedergli che
fosse avvenuto di Svir? Egli stette un momento sopra pensiero... chi
era Svir? Allora Albertina gli disse trionfalmente essere Svir quel tal
cavallino sardo, che gli era stato regalato in premio d'un bellissimo
esame, ma che un giorno l'aveva balzato di sella e gettato nel bel
mezzo della macchia di gerani, al centro del parterre. E Folco rise a
lungo, memore allora di Svir e della sua avventura, incoraggiandoci a
narrargliene altre, narrandone alla sua volta, e narrandoci pure del
padre nostro, delle sue lezioni, delle cure prodigate a lui, fanciullo
indocile bene spesso e sventato. Folco non aveva pretese di sorta, la
sua gaia famigliarità aveva subito trovate le vie dei nostri cuori.
Egli ci soggiogava ora per conto suo, senza bisogno del passato: questo
rimaneva solo lo sfondo luminoso sul quale campeggiava più famigliare
quella figura attraente, che non somigliava a nulla di ciò ch'io
avessi mai veduto, e che pure aveva un'arcana affinità con tutto quello
ch'io avevo provato... no... neppur provato... confusamente sognato,
d'emozioni incerte e soavi, misteriosamente pungenti nel segreto
dell'animo mio!

Il pranzo riuscì benissimo; senza nessuno di quegli inconvenienti che
danno delle sì terribili distrazioni alle povere padrone di casa. Una
grande gioia serena era nei nostri cuori; son certa che nessuna di
noi fece il più lieve confronto mentale, pensando al nostro solito
ordinario. Non parlo di me. Credo che l'animo sedesse quel giorno, per
la prima volta, al grande banchetto della vita.

Verso la fine, ci fu una gaia serie di brindisi. Folco ne fece uno
brillantissimo, dedicato alle leggiadre figlie del suo amato maestro.
Ed io alzai bravamente il mio bicchiere, ove danzava l'ondicciuola
color d'ambra d'un dito di vecchio Marsala, quel vino generoso che
mette nei pensieri una giocondità festosa e che l'accende negli
sguardi.

Il caffè fu servito nell'orticello, all'aria aperta; poi si tornò nel
salottino a terreno, e fu allora ch'io vidi il marchese Folco fermarsi
dinanzi alla finestra, presso il tavolino sul quale era stato deposto
il vaso contenente i miei lillà.

— Come sono belli! — disse con ammirazione. Poi tuffò anch'egli il
bellissimo volto nelle grosse ciocche bianche, come avevo fatto io più
volte durante il giorno, e sempre con un folle trasporto di delizia.
Aspirò anch'egli, con visibile delizia il profumo.

— Sono del giardino? — chiese poscia a Camilla.

— No, — rispose papà ridendo, ed accennandomi. — Sono un colpo di testa
della mia Giulietta. Una testina romantica se mai ve ne furono, ma
che morde al latino, meglio assai di quanto ci mordesse lei, Folco, ai
nostri tempi.

— Oh papà... papà traditore!... Avrei voluto nascondermi sotto terra...
ero diventata di bragia.

— Davvero? — disse il nostro ospite, ridendo alla sua volta e
rivolgendosi a me col suo sguardo azzurro, scintillante, con una
espressione divertita ed ironica ad un tempo. — Le faccio i miei
complimenti, signorina. Ma permetta che glieli faccia anche per questi
fiori. Mi rammentano la nostra villa di Serate. Si ricorda, professore?
Erano la passione di mia madre, ed io l'ho ereditata da lei. Non posso
vedere dei lillà bianchi senza..

La sua voce ebbe un lieve tremito, il suo sguardo un lampo di
malinconia. Poi egli mi disse dolcemente... oh quanto dolcemente: — È
permesso rubare, signorina? Vorrei uno di questi fiori, per ricordo di
questa bella serata.

Una follìa di soave orgoglio mi fece battere disordinatamente il cuore.
Presi tremando l'intiero mazzo e lo offersi a Folco.

— Sono troppi davvero, — diss'egli ridendo, colla sua grazia
affascinante. — Guardi... basta così. — Schiantò un piccolo ramoscello
fiorito, lo mondò delle foglie e lo passò alla bottoniera dell'abito.

Poi, prendendo dalle mie mani malferme il grosso mazzo di lillà, lo
rimise nel vaso.

Mi sorrise ancora, colla carezza enigmatica e turbatrice del suo
sguardo, e disse soltanto: — Grazie.

Oh mio Dio... Una parola umana poteva dunque racchiudere in sè
un'armonia sì perfetta! Come! Ma come mai?

                                   *
                                  * *

Albertina s'era addormentata improvvisamente, sulle ginocchia di papà.

Giulietta! chiamò Camilla sottovoce.

M'alzai di scatto, scotendomi come una persona che si sveglia di
soprassalto. Andai a prendere la piccina, sollevandola dolcemente per
non destarla, la portai di sopra, e la misi a letto.

Essa si destò, ma solo per un momento e si lasciò spogliare, inerte.
Solo, mentre io la stendevo adagino nel suo letticciuolo, con ogni
cautela, per non offendere la sua gamba ammalata, ella socchiuse
gli occhi, e guardandomi come trasognata, mormorò — Come è bello...
nevvero? come è bello!

— Sì, — mormorai, con profonda emozione. E mi chinai, con impeto
inconsulto, per baciare quella boccuccia cara.

La bimba dormiva già. Quel mio bacio incerto, tremante, non la destò.

                                   *
                                  * *

Mentre scendevo le scale, per tornare in sala, udii ad un tratto un
suono inaspettato, e che mi fece rimanere immobile, coll'orecchio
intento. Era il suono del pianoforte che i Roccalda avevano donato a
mia madre.

Chi suonava? Lui, senza dubbio. Lidia soleva esercitarsi ogni tanto,
colle sue mani grassoccie e belle. Ma io conoscevo i suoi invariabili
preludi, e m'erano, ahimè, troppo note le prime battute della sua
eterna _Prière d'une vierge_, il solo pezzo ch'ella attaccasse davanti
ad un pubblico qualsiasi. Ma, ora, era tutt'altra cosa. Il vecchio
strumento aveva una nuova poderosità di voce e d'accenti, la tastiera
era corsa da una virile gaiezza di note brillanti, dalle quali pareva
sprigionarsi una festosità senza pari, un folle invito ad una folle
gioia. Un motivo di danza, ma complicato, ardente, qualcosa che pareva
mettere nel silenzio della nostra casetta una prepotente invasione di
sonorità inneggiante.

Ascoltavo rapita, cogli occhi sbarrati nell'oscurità, sentendo levarsi
nell'anima mia un armonia confusa, misteriosamente esplicativa, fatta
di consensi arcani. E daccapo quel tremito interno, quello sgomento
intimo, ch'era a un tempo di gioia e dolore, scienza e ignoranza,
speranza e timore. Non avevo provato mai nulla di simile!

Allorchè cessò il suono, scesi lentamente. Ma non rientrai in sala;
passai nel giardino.

Noi lo chiamavamo in quel modo, ma in realtà non era gran cosa
più d'un umile orticello. C'era tanto verde, questo sì, una vite
americana tappezzava colle sue larghe foglie la facciata della casa,
incorniciando a terrena le finestre e l'uscio che metteva alla cucina.
V'erano otto o nove alberi fruttiferi, una pineta di tre cipressi,
qualche rosaio, un conato di montagnuola, e un bel panchetto rustico,
appiè d'una delle finestre che dalla sala davan sul giardino. Mi feci
appresso a quella finestra, e sedetti su quel panchetto. Potevo così,
pur rimanendo all'aperto, non perder nulla della visione che rendeva sì
stranamente eccitante l'ambiente del nostro salottino. Vedevo tutto,
e credevo di non esser vista, mercè il grosso mazzo dei miei lillà,
posato all'interno, sul tavolino che occupava il vano della finestra.

Era venuta la notte, eravamo in aprile, e c'era il plenilunio. La
celestiale luce bianca attraversava lo scarso fitto delle piante,
gettando a terra un delicato traforo d'argento, che l'arietta in moto
scomponeva ogni tanto, sparpagliandolo in un rincorrersi di guizzi
luminosi alternati a striature d'ombre irrequiete. Alcune lucciole
erravano qua e là, s'udiva un musicale ronzio d'insetti. Un umidore
fresco irrorava le erbette, facendole lucenti al bacio della luna;
la terra piangeva soavemente la secreta piova del vespro, bagnandosi
appena, come l'occhio di chi piange, non già per dolore, ma per
intima e delicata emozione. Non più la gioia clamorosa del mattino,
quell'esplosione di buon umore e di benessere che m'aveva fatta
correre e danzare come una pazza. No... oh no... era qualcosa di
affatto diverso, qualcosa che, invece di darmi forza ed energia, pareva
tradursi insidiosamente in una stanchezza molle del corpo. Un languore
strano s'impossessava dell'esser mio, una grande tenerezza diffusa,
una strana e luminosa comprensione dei segreti blandi di quell'ora,
un'amorosa facoltà di tutto intendere della vita, dei suoi sogni, delle
sue speranze, delle sue felicità supreme.

Continuava a sedere, fiacca, sul panchetto, e vedevo tutto ciò che
accadeva nell'interno del salotto. Egli stava sempre al pianoforte,
poco lungi dalla finestra. Aveva tralasciato di suonare. Le sorelle
e papà gli stavano d'attorno, e parevano chiedergli con insistenza
qualcosa. Spinsi maggiormente il capo oltre il davanzale, procurando
però di celarmi dietro il mazzo dei miei lillà bianchi. L'olezzo, più
violento che mai, mi investiva direttamente. Io guardavo il pianoforte,
guardavo lui, Folco, col suo sorriso di gran signore, colle bianche
mani erranti sui tasti, ove suscitavano un'armoniosità vaga di accordi
sommessi e tronchi. Un raggio di luna si spingeva sul davanzale
disegnando attorno a me la frastagliatura delle foglie di vite. Avevo
recata una mano al cuore con un gesto innocente e appassionato, senza
sapere quel che facessi...

Folco di Roccalba girò attorno a sè un rapido sguardo. Mi vide, ebbe un
sorriso ancor più rapido; poi, come decidendosi all'improvviso, prese a
cantare.

Avevo udita una sol volta una voce consimile. Avevo udito in chiesa,
con grande emozione religiosa, la voce d'un tenore celebre, dire a Dio,
in latino, delle cose sublimi e tristi. Ma ora quelle stesse sonorità
larghe e dolci echeggiavano ancora al mio orecchio, non più rivolte
a Dio, bensì rivolte a me, cercandomi dov'ero, recandomi delle folli
frasi di lamento amoroso. Folco cantava la serenata del _Don Pasquale_.
Io non mi intendo di musica. Non so se quella voce fosse realmente
quale echeggiava allora al mio orecchio. So che essa mi parve la somma
di tutte le dolcezze possibili ad un accento umano. Folco cantava. Nel
silenzio rispettoso del salotto, nel silenzio fresco del giardino, egli
rappresentava il personaggio più simpatico del melodramma, l'innamorato
che rivendica, colla gaia congiura d'un finto intrigo, i suoi diritti
al cuore di Norina. La musica è dolcissima, d'una bellezza senza pari,
possiede un fascino inesprimibile di freschezza e di sentimento. Le
parole della serenata hanno tutta la deliziosa assurdità delle frasi
amorose di libretto. Quell'idillio celeste e sgrammaticato comincia
così:

                    Com'è gentil
    Questa notte d'april!

e finisce con una squisita grazia disperata:

    Ma sarò morto allora e piangerai.

Pure, nessuno piange, Ernesto non morrà; dice per chiasso, e la
musica tradisce solo un grande amore soave, tutta dolcezza, con uno
spizzico d'ardore, ma sempre trattenuto nella semplicità ineffabilmente
affettuosa della frase dominante. Quell'amore non urla, nè strilla mai,
il suo è un _pathos_ languido, senza smorfie, ricco d'un'arte finissima
di sottinteso che, senza nulla togliere alla tristezza amorosa e
querula del lamento, lascia intendere ch'esso non ha nulla di veramente
tragico, che a quella dolcissima serenata non terrà dietro una
catastrofe, bensì un sereno duetto di amore. E quelle note, modulate
con grande sentimento artistico, giungevano sino a me. S'impregnavano,
passando, dell'olezzo insidioso dei lillà, morivano nelle penombre e
negli splendori della: notte gentil, nei tepori profumati del: mezzo
april. Giungevano là dove la luna irradiava e dove i tralci fremevano
oscillando alla brezza; giungevano là dove un povero cuore di fanciulla
batteva in tumulto, irretito nella terribile novità, nella dolcezza
senza precedente di quella rivelazione. Ogni tanto, Folco mi guardava
da lungi, sottolineando coll'accento le più gentili melodie della sua
voce, inviandole sino a me, coll'espressione d'una grande tenerezza
sottomessa, che vuole impietosire. Egli non credeva certamente di farmi
del male cantando e guardandomi così; forse fu, in quel momento, una
mia immaginazione, un'audacia presuntuosa del mio pensiero, un'insidia
del mio stesso esaltamento. Forse egli scherzava soltanto; a volte mi
pareva che il suo sorriso, tornato ironico ed umoristico, smentisse la
sua voce ed i suoi sguardi, lasciandomi in un'incertezza spasmodica di
gioia e di angoscia! Dei leggeri brividi percorrevano tutta quanta la
mia persona, il respiro si esalava a stento dalle labbra riarse. E i
fiori vicini al mio volto continuavano a profumare, con un'intensità
che mi dava il capogiro, ma che io avrei voluto più forte, ancora
più forte. Sentivo crescere, incalzare in me una gioia strana,
disordinata come una follia. L'oppressione crebbe, uno smarrimento
che aveva del delirio confuse tutto nella mia mente, divenne qualcosa
d'inesprimibilmente acuto, forte, divino. Vissi uno di quei momenti
indescrivibili, in cui l'anima sembra levarsi a volo, come un alcione
sull'infinito d'un oceano di luce, di gioia ineffabile; vissi un minuto
di estasi squisita, perfetta... senza macchia nè dissonanza; vissi lo
Zenit della mia povera vita... Poi svenni quietamente sul panchettino.

Quando mi riebbi, non tornai in sala. Salii lentamente... come
trasognata, nella mia cameretta. Mi coricai subito. Quando udii salire
Lidia (dormivamo nella stessa camera) finsi d'essere addormentata.

Non ho mai più riveduto Roccalba.

Ora sono vecchia. Non ho mai amato. Ovvero... forse... non ho mai più
amato.



Metempsicosi.

                                                    _As you like it._


Questa storia non è accaduta a me. Ho assistito a qualcuna delle sue
fasi. Probabilmente, se me l'avessero narrata o se l'avessi letta, ci
avrei pensato prima di credervi, tanto essa si allontana dalle solite
consuetudini del cuore. Pure non è che la schietta storia di un cuore.
Qualcuno l'intenderà.... forse.

Mi trovavo, venti anni or sono, a Firenze, presso alcuni stretti
parenti. Ero giovane; il carnevale era brillantissimo, e vedevamo
sempre molta gente che si divertiva in cento modi, anche facendo del
bene. Ero patronessa d'una lotteria di beneficenza e raccoglievo doni a
dritta e a sinistra. A dir vero, ne raccoglievo molti e n'ero lieta pei
miei poveri e per me, cioè pel primo amor proprio di patronessa.

Un giorno, mi giunse uno splendido invio. Un gruppo di statuette di
Vieux Sèvres, colle due sue brave spade a tergo del piedestallo. Ebbi
un grido d'ammirazione e d'entusiasmo.

Chi mandava quel dono principesco, accompagnato dalla più deliziosa e
lusinghiera letterina di questo mondo? Lo mandava Ninì Montelmo... — La
Duchessina.

Rimasi alquanto meravigliata. Non mi aspettavo da lei un simile dono.
Non era certo un oggetto di quelli che sogliono donar le signorine in
simili occasioni.

Poi non eravamo affatto intime, io e Ninì Montelmo. Ci conoscevamo da
tempo, eravamo coetanee e ci trovavamo spesso assieme in società. Mia
zia e la nonna di Diana si scambiavano qualche visita, ma fra noi non
esisteva intrinsichezza di sorta. Come tutti, ammiravo Ninì, subivo il
fascino della sua bellezza e del suo ingegno; la difendevo talvolta
contro i tanti invidiosi che volentieri sparlavano di lei, ma nulla
più.

Corsi a mostrare il gruppo alla zia. Essa lo ammirò al par di me; però,
quando accennai all'obbligo d'una visita di ringraziamento in casa
Sualta, mi rispose tranquillamente: — Ma certo, vacci pure oggi stesso;
se vuoi, con Mademoiselle.

La quale Mademoiselle era la governante francese delle mie cuginette.

Avrei preferito e sarebbe stato più corretto (socialmente parlando)
che la zia mi accompagnasse dalla Duchessa di Sualta, la nonna di
Ninì. Ma mi era nota la poca tenerezza di mia zia per quella vana
e frivola vecchietta, che aveva tanto vissuto per il mondo, tanto
sciupato di quattrini e di cuore! Perciò non insistetti. Scrissi un
rigo di ringraziamento a Ninì e l'indomani ci andai con Mademoiselle;
cioè, questa mi accompagnò sino al portone del palazzo, promettendo di
passare a riprendermi dopo la passeggiata delle cugine.

Era per l'appunto: il giorno della Duchessa di Sualta, ed essa riceveva
in uno straricco salotto di damasco rosso.

C'era ressa di eleganti visitatrici e la padrona di casa era
evidentemente soddisfatta di quel concorso. Non stava mai quieta;
s'alzava, rideva, tornava a sedere, chiacchierava, gesticolava, con
inesauribile vivacità. Era piccola, curva, pareva decrepita nella
ricchezza gaia della sua splendida veste da ricevere. Ma una vera
contentezza irradiava il suo visetto di scheletro, tutto infarinato
di _veloutine_, pieno ancora d'una futile ed inimitabile grazia,
del sorriso di un'incorreggibile civetteria senile. Certo; la vita
diventava più intensa per lei in quell'ora di ricevimento, nella
soddisfazione di essere centro di quell'accolta tanto mondana. Ell'era,
io credo, veramente felice.

Cercai subito Ninì, collo sguardo. Ma il suo posto solito era occupato
dalla signora Niuti, la dama di compagnia della Duchessa.

Questa non notò certo, forse non avvertì, l'assenza di mia zia. Fu meco
d'una compitezza veramente carezzevole, s'informò di tutti i miei, mi
chiese crucciosamente se mi divertivo, se ero stata a tutte le feste.
Poi, con quel suo fare rotto, saltellante, escì a dire di Ninì:

— Era su, poveretta, stava nel suo salottino, non le aveva permesso
di scendere a nessun patto. Oh! non si scherza colle infreddature!
Ci mancherebbe altro che non potesse andare al ballo in costume di
casa F.! No, non lo poteva dire, il costume di Ninì. Era un segreto,
vedrebbero. Ieri Ninì era stata a letto, oggi no... ma non scendeva.
Aveva avute anche lei le sue amiche, tante amiche.

Le nominò tutte, una filza, con grande compiacenza.

Poi mi chiese se volevo salire io pure. Ninì ci avrebbe tanto piacere;
era sola.

Assentii di gran cuore, e poco dopo mi trovavo al secondo piano del
palazzo, in quel famoso salotto che avevo tanto udito vantare. Lode,
però, invariabilmente corretta dall'osservazione che, decisamente, non
era un salotto da signorina.

Innegabile! Troppo bello, troppo elegante, troppo raffinato in tutto.
Una reginetta non sarebbe stata a disagio in quel nido di peluscio
azzurro antico, a riflessi argentei, seminato di rose d'un pallore
appassito, nicchiate in un leggero contorno di verde tenero. Una
profusione di statuette di Sassonia, tutte bianche, qualche gruppo
di antico Capodimonte, qualche gingillo moderno, scelto col gusto
più raffinato. Certi mobili strani, piccoli, fragili all'occhio, una
biblioteca tutta bianca, colma di libri rilegati in pergamena bianca,
una piccola scrivania in certosina, un pianoforte bianco pure, con
certi fregi, a colori tenerissimi, nel più puro stile Vatteau, un
tappeto bianco di velluto. Tutto ciò era disposto, presentato nel
modo più squisito; l'assieme aveva un significato artistico dei più
rari, era come una fantasticheria di eleganze candide, di delicatezze
supreme. Vedendolo, si pensava: Ma cosa potrà ella avere di più bello
e di più squisito in avvenire? Pure era qualcosa di così casto... di
così ideale!... La Miranda di Shakespeare avrebbe potuto dimorare colà,
ed offrirvi giornalmente una tazza di the ad Ariele. Ciò non avrebbe
meravigliato alcuno.

— Buon giorno, cara! — disse a un tratto, dietro a me, una voce
melodiosa.

Mi voltai e vidi Ninì Montelmo. Era in veste da camera.

Ora, ai miei tempi (non remotissimi, veh!) le fanciulle non portavano
veste da camera. Giustissimo; per cento e una ragioni. Ninì non era
dunque vestita da fanciulla, colla sua stupenda vestaglia sciolta alla
vita, guarnita d'una profusione di Chantilly, colla sua fila di grosse
perle al collo, colle perle alle orecchie, con quel rifulgentissimo
brillante che le metteva come un piccolo sole sull'anulare della mano
destra. Un'altra, così vestita, sarebbe parsa un figurino teatrale,
Mignon quando è pazza, o la figlia di Rantzau quando è malata d'amore,
o Violetta quando s'indugia, sì pateticamente, a morire. Ma Ninì non
era altro che sè stessa, e nessun pensiero teatrale sorgeva dinanzi
alla sua gloriosa originalità di tipo. Anche così vestita, ell'era
inesprimibilmente fanciulla e damigella. Io la guardavo rapita, ed
ella mi sorrideva dolcemente con un affetto gaio, di compagna, quasi di
sorella.

Interruppe subito i miei ringraziamenti. Oh! era stata così lieta di
potersi rammentare a me, per mezzo dei nostri poveri! Le avevo sempre
ispirato della simpatia.

Certo, uno strano fascino faceva tepido e dolce l'ambiente attorno a
noi. Era come se ci fossimo conosciute da un pezzo. Prendemmo subito a
chiacchierare, con un grande abbandono, con un piacere squisito e con
una confidenza che s'improvvisava, impetuosa quasi, nella schiettezza
bizzarra del suo impulso. Io la trovavo un incanto. Glielo dissi e le
dissi pure che mi era sempre parsa tanto, tanto diversa dalle altre
ragazze!

Ella si mise a ridere. — Infatti, — disse, — sono originale. Cioè, ho
il coraggio di esser me stessa. A volte, per gli altri, lo sono troppo.
Infatti, non è un merito. È solo un orgoglio, forse. Ma come si può
rinunciare a sè stessi? Che ne dite? Lasciate che vi dia del voi, come
faccio a Napoli. Più tardi, quando ci ameremo ancora di più, ci daremo
del tu. Ma sin d'ora, mi piacete tanto; per questo e per quest'altro.

Disse, a modo suo, con quella sua mirabile e festosa originalità, i
perchè della sua simpatia per me. Ripeterli ora, qui, sarebbe alquanto
ridicolo, naturalmente. Voi, lettore amico mio, non siete Ninì
Montelmo, per esser meco tanto indulgente e chissà se Ninì Montelmo,
ella stessa, e le sue idee e la sua storia non vi parranno tutto un
assurdo, da cima a fondo?...

Continuavamo a chiacchierare, con vera passione. A un tratto, ella mi
chiese tranquillamente:

— V'hanno detto molto male di me, nevvero?

Colta all'improvviso, arrossii, come una stupida e tentai un cenno di
diniego; ma ella si mise a ridere.

— No, cara. Per questo appunto mi piacete, perchè nè voi, nè la vostra
faccia sanno dir bugie. V'hanno detto... Volete che ve lo dica io, cosa
v'hanno detto di me?

— Ma, cara Ninì, vi accerto...

— Oh lo so... nulla di grave. Decisamente, la società non ha per ora il
diritto di mettermi in quarantena. Vi avranno detto soltanto che sono
sprezzante, vana, eccentrica, capricciosa, spensierata, calcolatrice,
maleducata, stravagante, insolente.

Ebbi un comico gesto di disperazione, ma ella proseguì:

— No, no lasciatemi dire, non sapete come ciò mi diverte! So d'aver
tanti nemici, e questo forma la mia consolazione. _It is the zest of
life._ Tante trame da sventare, tante insolenze da umiliare, tante
bassezze da punire.

Tacqui, ma il mio volto parlò forse per me.

— Ebbene? — diss'ella interrompendosi.

Arrossii... non so perchè, e dissi timidamente:

— Sta bene. Ma mi pare che nella vita ci sia qualcosa di meglio di
tutto ciò.

Ella taceva, pensando. Un vago sorriso socchiudeva le altere sue
labbra. Continuai.

— Il _zest_ della vita non sta forse nell'animosità.... anche la più
nobile, la più equa. C'è qualcosa di meglio, Ninì cara, nella vita.

Ella sollevò il capo, dolcemente.

— C'è l'amore — disse adagio, mentre il suo sguardo assumeva una
soavità.

— C'è l'amore — ripetei come un'eco.

Non arrossimmo, nè io nè lei, pronunziando quella audace parola.
Entrambe avevamo pensato a quell'infinito dell'amore che, simile ad
una madre, culla fra le sue braccia e nutre del suo latte l'anima
dell'umanità tutta quanta.

Per un istante rimanemmo entrambe assorte nell'impressione grave di
quella parola.

A un tratto ella mi chiese:

— Andrete al ballo in costume?

La guardai.... mi parve strana quella domanda, in quel momento. Pure
dissi:

— Credo di sì. E voi?

— Farò il possibile per andarci. Adoro i balli in costume. Quando un
costume non è ben scelto o non sta bene, è grottesco, ma quando invece
è adattato e dà veramente l'idea del tipo che rappresenta, è una
bellissima cosa.... è quasi una metempsicosi artistica. Ma con tutto
ciò, non andrò al ballo se non sarò perfettamente guarita. Ho bisogno
della mia salute.

— Perchè? — le chiesi ridendo.

— Pel mio avvenire — rispose ella, senza ridere.

Poi tornò a parlar dei costumi e mi descrisse il suo. Doveva esser
qualche cosa d'ideale.... La nonna non pensava ad altro, da venti
giorni.

— Povera nonna mia!... — disse Ninì con una tenerezza che aveva
qualcosa di materno, — È così buona per me, mi ama tanto, sapete?

Lo sapevo, e però assentii. Ma sapevo pure quanto tutti criticassero
quel cieco, imprevidente amore di vecchia mondana, che non aveva mai
pensato al poi; che all'oggetto delle sue puerili tenerezze non aveva
preparato nè un saldo appoggio, nè benessere reale di posizione, per
l'avvenire.

— Povera nonna... — disse ancora Ninì, — mi ama tanto. A proposito,
cara, non avete mai pensato se veramente sia meglio amare qualcuno a
modo suo, anzichè a modo nostro?

— Sì — risposi. — Ma non ho mai potuto trovare una risposta
soddisfacente. E voi?

— Neppur io. Credo che dev'essere un sacrifizio supremo il rinunziare
alla nostra maniera di sentire l'amore ed assumerne un'altra. Non so se
potrei farlo. Non so.

Si faceva tardi, una semi penombra invadeva il salotto, velando i
suoi delicati biancheggiamenti. In quell'ambiente tanto _sentito_, in
quell'ora che lo faceva più teneramente bello, io avvertivo fra me e
Ninì un'intesa intima e dolcissima.

Ad un tratto ella s'alzò, quasi bruscamente e mi disse:

— Volete vedere la mia camera da letto?

Attonita, mi alzai pure e le chiesi:

— Somiglia forse a questo salotto?

— Vedrete — diss'ella, precedendomi per un ampio corritoio.

Ecco cos'era la camera di Ninì Montelmo. Era uno stanzone grande,
basso, col soffitto e le pareti imbiancate a calcina. Due grandi
finestre, senza parati nè cortine, lasciavano entrare una cruda luce,
senza attenuazione. Il lettino, di ferro, piccolo, senza ornamenti
di sorta, con una copertina di percallo lucido a fiori. Una Madonna
bizantina e un grande crocifisso nero. Niente tappeto. L'ammattonato
senza lucido, qua e là, accanto al letto e sotto il tavolino qualche
pezzo di stuoia. Sei seggiole di Chiavari e un tavolo grande, coperto
di libri. Tre piccole fotografie incorniciate e appese alla parete.
L'ambiente freddissimo. Non potevo credere a' miei occhi. Guardavo, con
una specie di sgomento e Ninì sorrideva, raggiante.

— È un capriccio? — le chiesi finalmente.

— Non è un capriccio, — rispose tranquillamente Ninì. — Qui penso a
ciò che l'avvenire può arrecarmi e cerco foggiare l'animo mio, in modo
che l'eventualità non giunga impreveduta. Mi alzo alle sei, studio sino
alle due e mi preparo all'esame che prenderò, ma non qui, per non dar
dispiacere alla nonna. Ella non sale mai, e dedica le ore della mattina
alla sua toeletta. Dalle due in poi, appartengo alla nonna e abito le
sue sale, ovvero il mio salotto; ricevo, esco, vado ai pranzi, alle
feste, a teatro.... Conduco di fronte due diverse esistenze, in vista
di ciò che può accadere.

Questo poteva accadere: ch'ella sposasse un re di corona, o un
principe, o chiunque s'imbattesse ad amare. Ovvero ch'ella non sposasse
nessuno e rimanesse sola, senza un tetto e senza un soldo, poichè
la Duchessa di Sualta aveva sì gaiamente sperperate la propria e la
sostanza dei figli. La rendita ch'ella godeva era vitalizia e non
bastava certo alle sue abitudini di lusso e di sperpero. Le ipoteche
gravavano il palazzo in città, divoravano la villa coll'accumularsi
degli interessi non pagati. In seguito ad un compromesso con certi
creditori, gli arredi, gli oggetti d'arte, le mobilie, i giojelli eran
lasciati in godimento alla Duchessa, sinch'ella campasse. E toccava
quasi settantacinque anni! Ninì era orfana, non aveva altri parenti,
all'infuori della nonna e di uno zio che non aveva mai dato segno di
vita, nonchè di parentela.

La baciai, con profondo ed amoroso rispetto.

— Studiate per l'insegnamento? — le chiesi, cercando di frenare la mia
intima emozione.

— Sì, ma in pari tempo cerco di approfondire i miei studi letterari,
temo d'esser troppo artista per la pedagogia.... Un momento ho pensato
all'arte... ma non so altro che cantare!

Ebbe un gesto involontario ed altero. La intesi. Il pubblico,
l'impresario, il compagno di scena! Oh no. Ninì Montelmo e il
teatro!... Impossibile!

— Sarà quel che sarà, — disse. — Ma ad ogni modo, potrò far da me.

L'occhio suo scintillò di un nobile orgoglio.

— Ammenochè... — dissi sorridendo.

Ella sorrise.

— Può essere... — rispose con grande candore. — Non ho delle tendenze
nichiliste e amo troppo le cose belle per rinunciarvi facilmente.
Poi... lottare colle piccole necessità della vita. Pure preferisco ciò,
al rischio d'un matrimonio come si fanno oggi. Sapete... dicono che ho
delle idee tanto originali.

— Ebbene; — le dissi gaiamente — farete un matrimonio d'amore, vivrete
in mezzo alle belle cose e non darete lezioni a dei bambini dispettosi.

Ella arrossì, qualcosa di incerto, di dolcissimo passò sul suo volto.
Non parlò che dopo un istante.

— Come fa freddo qui. Andiamo di là.

Tornammo nel salotto, e poco dopo un domestico venne ad avvertirmi che
la signorina mi attendeva. Nel congedarmi da Ninì, la strinsi al cuore,
e con effusione vivissima le dissi ciò che pensavo di lei. E fu uno dei
più cari momenti della mia vita. Le parlai, come sentivo, di quella sua
strana alternativa di modi di vivere.

— Oh — diss'ella ridendo. — È quasi una metempsicosi, nevvero?

Mi trattenni un momento.

— È la seconda volta che sento quest'espressione in bocca vostra. Ci
credete forse?

— Oh — rispose ella, ridendo — perchè no? Ma mi dorrebbe troppo
rinunziare alla mia personalità, anche per assumerne una migliore.
Sarebbe una prova eccessiva pel mio orgoglio, ch'è infinito... in
tutto. Sono contenta che mi approviate. Ci rivedremo spesso, nevvero?

M'indugiavo ancora. Ma bisognò pur andare, e andai, recando meco un
monte di pensieri nuovi, una salda amicizia e il fascino di quella
creatura ideale nella sua vestaglia bianca, nel suo salottino di
reginetta, con tutte quelle cose sì belle e sì candide. E ricordavo,
entusiasta la mente splendida di lei, la sua mano da fata, la sua voce
sì nobile, il suo sguardo sì fiero, mentre ella mi diceva ridendo: —
È soltanto una precauzione... — guardando bravamente in faccia al suo
crudele avvenire.

Nello scendere, feci una breve sosta al primo piano, per salutare la
Duchessa. Era sfollato assai nel salone rosso. Accanto alla padrona
di casa e fatta segno delle più premurose gentilezze, stava una
signora sulla cinquantina. La sua persona aveva qualcosa di sfinito,
il suo volto distintissimo era di un pallore cereo. Essa parlava poco
in francese, con un filo di voce, che pareva venir da lontano, con
uno stretto e fioco accento britannico. La Duchessa le diceva del
raffreddore di Ninì ed ella ascoltava attentamente.

— Chi è? — chiesi alla signora Niuti, mentre, dopo aver fatti i miei
saluti, mi allontanavo.

— Mrs. Spear, la madre di...

— Ah sì? la madre di sir Alan Spear? Quella signora sì malata, sì
buona, che adora suo figlio, lo segue nei suoi viaggi...

— E vorrebbe dargli moglie... — soggiunse la signora Niuti, con un
sorriso suggestivo, ma discreto.

Pensai a Ninì. Naturalmente. Grazie!.. altro che far la maestrina!
Uno dei più bei nomi e una delle più belle fortune dell'Inghilterra. È
una bellezza. Dio!... come starebbero bene assieme; quei due. Dovrebbe
amarlo, oh sì!.. E se per l'appunto... ella lo amasse?


II.

Per l'appunto; essa lo amava.

Credè che nessuno se ne fosse accorto. Pure, quando ella me lo disse,
io lo sapevo.

Egli pareva creato pel cuore di Ninì. Era di una bellezza grandiosa,
bionda, serena. Pareva un antico Vitikindo. Nel suo aspetto era
qualcosa di stranamente semplice e forte. A dir vero, eravamo tutte
un po' innamorate di lui. Ma egli, benchè inglese, non _flirtava_ per
nulla. Era gentile con tutte, ma si occupava specialmente di Ninì, ciò
era visibile, e pareva naturalissimo a tutti quanti.

Inutile negarlo... Ninì era sempre la prima fra noi. Quando ella
compariva in una sala, produceva sempre, invariabilmente, una
sensazione. Le ragazze si difendevano da quell'effetto, che gettava
sempre un po' di ombra attorno a loro, le mamme; in silenzio,
ne soffrivano. Si criticavano molto le sue toelette, ma ai balli
susseguenti ce n'erano sei o sette imitazioni, e parevano sempre mal
riescite. Gli uomini facevan ressa attorno a lei, essa li trattava
con una cordialità un po' fiera, tenendoli molto a posto, alcuni
dicevano che Ninì Montelmo era insopportabile, altri chiedevano
s'ella avesse dote, e udito che no, scomparivano dal suo corteo.
Parecchi avevano paura del suo spirito, altri del suo lusso, alcuni
s'erano innamorati di lei senza chiedergliene il permesso e poi....
parevano cani scottati. Ell'era sempre brillantissima e trionfante.
Ma scontava i suoi trionfi con quella specie di animosità generale
ch'ella combatteva, serbandosi calma. Nulla pareva avere il potere
di trascinarla. Non faceva pompa alcuna della sua rara coltura; ma
le frivole ignoranze dei più restavano sconcertate dal senso intimo
di quella sua splendida superiorità. Era acerbamente discussa,
criticata e nel modo più contradditorio. Era troppo originale, troppo
manierata, fredda, eccessiva in tutto, era vana, era civetta, non lo
era abbastanza. Aspirava troppo alto, non pensava al suo avvenire. Si
rimproveravano molte cose a Ninì: il passato leggerissimo della sua
nonna, la frivolità ed il lusso della esistenza che conduceva con lei.
Aveva delle pretese incompatibili colla sua situazione, aveva rifiutato
degli eccellenti partiti, non aveva saputo farsi sposare da chi più le
sarebbe convenuto. S'era presa il divertimento di umiliare Guarinaldi.
Un po' sboccato, a dir vero, quel Guarinaldi... il terrore dei mariti
e delle mamme, ma Ninì non avrebbe forse potuto difendersi con garbo,
senza dargli una sì acerba lezione? Ma no... gliela aveva proprio
voluta dare ed egli era diventato, naturalmente, un nemico. No, ella
non sapeva trar partito dei propri vantaggi. Pure doveva premerle di
mettersi a posto. Poichè se moriva la nonna... In miseria, mia cara,
in miseria! E che farebbe allora, colla sua educazione, colle sue
abitudini?

Il cruccio di tutti quanti. Che farebbe Ninì Montelmo quando fosse
crollato il suo castello di cartone? Come escirebbe dal suo salottino
di peluscio coi mobili bianchi?

Guarinaldi sorrideva cinicamente quando si parlava di questo.

Ma ella pareva vivere solo nel presente. Si difendeva soltanto
quando non poteva farne a meno. Allora; puniva. Di scatto, con un
frizzo sanguinoso, con uno sguardo, con un subito silenzio, non
più; ma il castigo era sempre efficace. Per gli amici e le amiche
era cordialissima, leale sempre e discreta; di una lealtà che aveva
qualcosa di maschio, di forte e in pari tempo un'affettuosità al tutto
femminile.

Quando si vide che Alano Spear si occupava di Ninì Montelmo, la cosa
parve ostica a molti, ma a tutti naturale.

Per gli amici fu un'esultazione. Per molte compagne nostre e per le
madri loro, fu uno strazio, temperato dalla speranza che fosse l'ultimo
di quel genere. Per _lui_ non era certo questione di dote. Tutto un
concerto di: sta bene.

Si sapeva positivamente che Mrs. Spear, conscia della gravità del
proprio stato di salute, desiderava ardentemente di veder accasato suo
figlio. Ella non celava le sue simpatie per Ninì, nè il desiderio di
poterla chiamare sua nuora. Ninì non poteva desiderare nulla di più
splendido, di più adeguato a lei, alle sue più audaci speranze. Si
attendeva di giorno in giorno l'annunzio ufficiale del matrimonio. Ma
l'annunzio tardava. Ciò meravigliava alquanto me pure, perchè io sapevo
che ella amava Alano Spear.

Io e Ninì avevamo stretta una vera amicizia, benchè le singole nostre
occupazioni e il diverso ambiente non ci consentissero un'assoluta e
continua intimità. Ma un'intesa esisteva fra noi e quando ci vedevamo,
scaturiva subito dai nostri cuori. Stavamo assieme in società e
talvolta, la mattina per tempo, la sorprendevo mentre era immersa nei
suoi studi e la conducevo meco a passeggio ai Colli, o alle Cascine,
ovvero fuori di qualche porta. E allora che gaiezza di passi e di
parole, quanti soggetti ora sfiorati, ora approfonditi! E come eravamo
bimbe talvolta!...

Me lo disse per l'appunto alle Cascine, in uno di quei grandi boschi
remoti che l'umidità vicina dell'Arno serba sì freschi e sì belli. Era
proprio una giornata di tempo fiorentino, vario cioè e bizzarro, col
sole caldo e l'aria fresca. Gli alti cipressi, le quercie denudate
spesseggiavano attorno a noi, rivestite dei loro tenui paludamenti
d'edere, salite ad altezze incredibili. Il fiume, non visto, si
tradiva, coi suoi odori umidi e coi suoi susurri. Nelle alte siepi
ancor rivestite qua e là del velame delle antiche foglie, il vento
metteva un piccolo stormire metallico. Laggiù; verso il tempietto
dell'Indiano, una coppia d'innamorati s'internava a casaccio nello
sfondo del viale, delle bimbe tedesche, bianchissime, ruzzavano poco
lungi. Un vecchio leggeva, seduto su un panchetto. Lontano lontano, una
fioca eco di scampanìo festoso, una voce di chiesa di villa, giungeva,
non so d'onde, sino a noi.

A un tratto, in un viale laterale, riserbato ai cavalieri e serrato fra
due alte siepi, s'udì il passo mirabilmente ritmico d'un cavallo fino.

Ninì alzò bruscamente il capo, ma non guardò oltre la siepe. Stette
soltanto, con visibile tensione di nervi.

Io guardai, riconobbi sir Alano Spear. Il suo torso potente, la
forte testa di re nordico erano soli visibili oltre la siepe. Passò,
lentamente, tenendo la mano sull'anca, guardando diritto avanti a sè:
Non ci vide. Poco dopo, s'udì il trotto regolare ch'egli aveva fatto
assumere al suo cavallo.

— Sir Alano, — dissi alla mia compagna.

Ella chinò il capo. — Lo sapeva. Un lievissimo tremito passò sulle sue
labbra, il suo sguardo ebbe un'espressione indefinibile, una specie di
vaga estasi... Poi mi sorrise, rossa come una fragola ed era sì bella,
sì cara, sì donna in quell'istante, ch'io me le feci accanto, le presi
la mano e gliela strinsi forte, così forte da farle male. Ella mi diè
un rapido sguardo di gratitudine, poi la sua testina si protese verso
il viale ove veniva meno, allontanandosi, lo strepito di quel trotto.

Allora; essa mi disse che lo amava... L'aveva subito amato, appena
conosciuto!

Subiva completamente il suo fascino. Tutto le piaceva in lui, la
persona, il volto, i modi, quella stessa sua rigidità britannica un
po' accentuata, quella sua calma perfetta, non immune di una leggera
sfumatura di malinconia. Non sapeva come nè perchè... ma lo amava!...
ecco... lo amava!

Oh! com'era dolce ed umile Ninì Montelmo mentre parlava del suo amore,
mentre, più ancora a sè stessa che a me, ella veniva narrando ciò
ch'era finalmente accaduto nell'altero suo cuore, il turbamento primo,
le evoluzioni del dio ignoto, il tremore sì dolce della passione! Ella
poteva esser gloriosa di quel sentimento, tutto si conteneva in esso,
stima, simpatia, ammirazione! Le pareva così giusto, così semplice di
amare quell'uomo! Era come una suprema giustizia, un compenso della
Provvidenza. Poichè ella aveva sofferto tanto... sempre... di tutto!
Aveva tanto sofferto della mancanza dei genitori, delle circostanze,
della censura dei maligni.

Aveva sempre sentito, col suo raro buon senso, l'anormalità
della propria situazione, l'ambiguo stato di celata difensiva cui
l'astringeva... Ella, sì orgogliosa, sì impetuosa, sì ardente! Ma ora,
ora!...

La sua voce aveva delle grandi vibrazioni larghe, musicali. Il suo
volto raggiava di quella luce che ogni grande manifestazione accende
nei volti sinceri. — Sì... ciò ch'ella diceva era sincero ed umano,
era quella sì rara, sì divina cosa: l'accento dell'amore. Ninì era
in quel momento d'una bellezza meravigliosa, mentre si abbandonava
all'effusione irrefrenabile di un sentimento fatto per lei e che
l'investiva tutta ormai, tutta quanta.

— Ebbene; — le dissi, quando, vinta dalla violenza stessa del suo sfogo
ella tacque, tremante come le corde d'una lira testè deposta. — Ebbene;
Ninì, tutto è per il meglio nel migliore dei mondi. Tu l'ami, egli ti
ama.

Con mia grande sorpresa, vidi un'ombra posarsi sulla fronte di Ninì.
Qualcosa dell'intensa luce d'un momento prima, venne meno nei suoi
sguardi.

— Sì — disse lentamente — l'amo.

— E lui ama te.

Ella tacque.

— Ti ha chiesta in sposa!

— Sì.

— Lo ha detto a te!

— Sì.

— Ma dunque?

Ninì ebbe un gesto vago, dubbioso.

— Hai accettato? — insistei.

— Non ancora, ho chiesto un indugio.

Tutto ciò mi pareva impossibile. La guardai, come si guarda un fenomeno.

— Ma Ninì, tu scherzi.

Ci amavamo molto, ora, e ci davamo del tu.

Ella scosse il capo.

— Non ho mai scherzato coll'amore, ma non posso dir di sì, prima di
esser certa.

Esitò, visibilmente turbata. Poi a voce sommessa, come se parlasse a sè
stessa:

— E se non mi amasse? — chiese angosciosamente.

Guardai fiso Ninì. Non so come, in quel momento mi parve malata. Cercai
a lungo, ma non trovai che una risposta.

— Ma se ti ha chiesta in sposa!

— Sì, — diss'ella, ravvivandosi per un secondo. Ma soggiunse, con
infinito scoramento: — E se non mi amasse!

Una fissazione, evidentemente. Assunsi il tono di chi parla ad un
fanciullo caparbio.

— Suvvia Ninì, non sciupare, con quelle ubbie senza base, la tua vera,
la tua rara felicità. Non essere sragionevole. Sir Alano è padrone di
sè stesso, della sua volontà. Nessuno lo costringe a prender moglie. Ti
ha scelta fra noi tutte. Se non ti amasse non ti sposerebbe... Tutti lo
vedono e lo dicono: Egli ti ama.

Ella sorrise, con un subito ritorno all'estasi di poc'anzi.

Tacemmo alquanto.

— Mi ama? — chiese, ella a un tratto, con un abbandono quasi
angoscioso, come un neofito che, malato di scrupoli, chiedesse al
confessore: Padre salverò l'anima mia?

Stavolta alzai le spalle; decisamente. Non sta bene, ma le alzai.

Non capivo come ella potesse rivolgermi quella domanda.

— Ma, Ninì mia, si possono chieder queste cose? Non son cose che
s'imparino... si sentono. Ogni donna _sa_ se è amata o se non lo è.

— Non sempre, — disse meditativamente Ninì. — Si sa sempre, se si è o
no simpatica ad un uomo. Questo è vero. Ma non si sa sempre se egli vi
ama, specialmente quando voi lo amate tanto... così!

— Ma qual prova più evidente che il volerti sua?

— Infatti... Ma se non mi amasse!?...

Un grande spavento, un'angoscia nera passò nei suoi occhi. Ella ebbe un
lungo fremito.

Non sapevo più che dirle; io stessa ero impensierita da quella strana
insistenza di Ninì.

Tacqui.

Allora essa mi disse:

— Sei in collera con me?

— Oh Dio! no... Ma mi duole vederti così turbata e così sragionevole.
Mi pare che hai torto, in tutti i modi.

— Può essere — mormorò Ninì, con profonda umiltà. — Ma vedi, cara, in
amore il non essere convinti... è terribile. E se sapessi; io ho tanto
orgoglio... tanto!

— Troppo, — ribattei prestamente.

Le sue spalle ebbero un piccolo moto nervoso, quasi convulso.

— Dio mi aiuti — disse poscia. — Andiamo.

E si alzò.

Ce ne andammo, senza parole, pel silenzio mattutino dei viali.

Prima di lasciarla, presso al portone dei suo palazzo, le dissi,
stringendole la mano:

— Pensaci, Ninì. Non sciupare la tua vita e il tuo avvenire. Non
chiedere troppo. Ama più semplicemente.

Ella mi guardò con profonda angoscia.

— Hai ragione, — mi disse.

Le sorrisi, e stavo per lasciarla su quella buona parola, quando ella
mi trattenne e mi disse: — Sai quanti sensi abbiamo?

Trasecolavo.

— Tu credi che siano cinque, nevvero? Ebbene, sbagli; sono sei. C'è il
senso intimo, ignoto, quello che sta di casa nel cuore della donna e di
lì, parla ed avverte.

— E se invece fosse la voce della nostra presunzione, del nostro
orgoglio?

— Oh! — gridò quasi Ninì, — se avessi ragione tu!...

Una donnetta che passava udì e si voltò, meravigliata. Ninì si mise a
ridere.

— Vedi — mi disse — diamo spettacolo. Ora; addio. Penserò a ciò che mi
hai detto. Mi hai fatto del bene. Ci vediamo in casa C. domani sera?

— Sì, certo. Sia ragionevole e non esserlo fuor di luogo. Ti voglio
bene. A domani sera.


III.

All'indomani sera c'incontrammo in casa C. Ai ricevimenti di casa C.
non c'è mai folla; è forse la società più esclusivamente scelta di
Firenze. Una delle spose di casa è inglese ed ha naturalmente recato
con se un po' di elemento britannico, assieme ad un nome storico
come è storico quello da lei assunto, sposandosi. Due belle armonie
aristocratiche. I grandi nomi della nobiltà inglese, di passaggio a
Firenze, echeggiano bene nella vastità sonora dei grandi saloni di casa
C., ospitali del paro all'aristocrazia del carattere e dell'ingegno.
Ma John Büll, istivalato, chiassoso, testè arricchito, che sa di
_porter_, lo sciame leggero delle Mistress e delle Miss erranti per
la comoda indulgenza delle città d'inverno e che sembrano incaricate
della missione di darci una sì sconfinata idea dell'emancipazione
femminile... oh! tutta questa gente ammira moltissimo, passando sul
Lung'Arno, la splendida facciata esterna del palazzo C. Più, due volte
alla settimana, ha libero l'accesso alla celebre Pinacoteca di casa.

Non folla adunque, ma il fior fiore di Firenze e della società
forestiera. Si fa musica, non troppa, nè d'un solo genere, e
sopratutto, senza pretesa. Alcune fra le signore C. sono musiciste
emerite, mi rammento d'aver udita una volta mirabilmente, classicamente
eseguita da un'adorabile tribù di bimbi e bimbe di casa, la sinfonia
dei giuocattoli di Haydn. Che cara e squisita cosa e che spettacolo
gentile! Ma scusate, divago un pochino, nevvero?

Quella sera venni presto. Ero inquieta, per Ninì, s'intende. Avevo
ormai preso ad amare davvero quella strana creatura, tanto tormentata
dall'ironia del caso, tanto atta a tormentare sè stessa. La sentivo
in pericolo, mi spaventava l'idea ch'ella potesse, per una sì sottile
esagerazione dell'amor proprio del cuore, rinunziare ad una sorte
che la Provvidenza stessa pareva essersi compiaciuta a creare per
lei. Poichè in tutto e per sir Alano era adatto a lei. Non solo per
la splendida posizione, oh Dio!... no! quello era il meno. Ma pel
carattere serio, dolce, veramente maschio, per lo spirito nobilissimo
e colto. Aveva viaggiato molto, pubblicati parecchi volumi di viaggi,
rappresentava al Parlamento inglese un'opinione che aveva già notorietà
ed autorità proprie. Ed era sì bello! Nessuno avrebbe potuto sognare,
nè bramare un marito migliore per Ninì.

Ed ella, amandolo, esitava!

Non veniva mai; quella benedetta Ninì. Il crocchio delle ragazze s'era
formato nel primo salotto, io aveva veduto entrare Sir Alano e colto
al volo lo sguardo indagatore ch'egli aveva gettato sul nostro gruppo.
Ero distratta, rispondevo un po' a casaccio e non m'interessavo punto
al cicaleccio delle mie compagne. Parecchi giovani erano venuti a
raggiungerci e le chiacchiere si facevano più vive. Finalmente, mentre
stavo per farmi visibilmente inquieta, ecco giungere Ninì Montelmo.
Venne, s'intende, con quello sfarzoso e lieto cadavere vivente che si
chiamava la Duchessa di Sualta.

Chiudo gli occhi e rivedo Ninì, qual'era in quella memoranda sera,
colla sua veste in _voile de religieuse_ rosa, senza fiocchi, senza
guarnizioni di sorta. La sua persona pareva contenuta in un grande
petalo di rosa, perfettamente assestato. La vita non era scollata,
saliva a serrare castamente la nuca nobilissima. Ella aveva due
piccoli, fulgentissimi brillanti alle orecchie, non penduli ma infissi
a perno nel lobo; due salde goccie di rugiada accanto alla sfumatura
rosea delle sue guancie. Mi sorrise, passando, gettandomi, con
un'affettuosa occhiata, un cenno quasi impercettibile d'intesa.

Una gioia m'invase il cuore. Mi parve che quello sguardo volesse dirmi:
— Sono decisa, sai?

E anche ora, dopo tanto tempo e a dispetto di tutto, io ne son certa.
Son certa che Ninì, entrando quella sera in casa C., era decisa a
sposare sir Alano Spear.

Mentre ella passava, tutti tacquero, per un momento. Ognuno scordò
sè stesso, per guardar lei. Quando non si vide più, due o tre di noi
mandarono un respiro, come al cessar d'un'oppressione.

Si parlò subito di lei, naturalmente, ma poco, con cautela. Ognuno
pensava al probabile domani di Ninì, a quel glorioso avvenimento che
avrebbe in sì acerba guisa castigata ogni malevolenza dell'oggi.

L'attenzione fu poscia distratta dall'entrata di una coppia
giovanissima, che tutti accolsero con un coro di acclamazioni festose.
Dino degli Ardinelli e la sua piccola moglie. Il romanzo dell'anno
scorso che tornava dal viaggio di nozze, in Inghilterra. Quanto
avevano fatto parlar di loro, quei due monelli, otto mesi prima! Essa
era inglese, sedici anni, minutissima, un niente di personcina e di
dote. Lui; vent'anni, un nome da trovare ad ogni pagina del Berni o
del Boccaccio, ma undecimo figlio nella arcinobilissima casata. Poi;
l'età... figurarsi! I rispettivi genitori avevano fatto l'impossibile
per impedire il matrimonio, ma sì! avevano fatto tanto chiasso, quei
due, lei s'era messa a intisichire con tanta grazia, lui a informarsi
sì risolutamente delle navi in partenza per l'America, che s'era dovuto
venire a patti e dir di sì... Il bello è ch'erano innamorati davvero,
coll'impeto e la crisi d'un'acuta malattia d'amore: qualcosa di assurdo
e di reale, sul gusto di Giulietta e Romeo. Appena sposati e per farsi
perdonare s'erano andati a nascondere in Inghilterra da una ricca zia
della sposa, parente anche degli Spear. Ora tornavano; più bimbi, più
spensierati, più felici che mai, con delle visibili novità a palazzo
e colla prospettiva di andar a tubare per dieci mesi dell'anno in una
microscopica villetta del Casentino. Ma ciò non li sgomentava affatto.

I profeti piagnucolosi, la gente previdente e assennata, tutti coloro
che avevano predetta l'imminenza del terribile risveglio, non erano
punto soddisfatti. L'imprudenza del piccolo Dino e della piccola
Alice non era peranco stata raggiunta dal castigo, zoppo forse od
impietosito. Erano anzi tanto felici da riuscire ridicoli, e da
disarmare gli avversari; la maternità, nella piccolissima personcina
della sposa, contrastava in modo strano coll'inesprimibile gioventù di
lei, col suo fare da bimba, coll'espressione fanciullesca del visetto.
E lui... che futuro papà per ridere! Erano gloriosi e patetici nel loro
trionfo di ragazzi sposati, nella loro enorme avventatezza di cuore,
nella temerità della loro presa d'assalto della vita!... Ma come li
festeggiavano, com'eran chiamati, canzonati, invidiati a dritta e a
sinistra! Si rideva, teneramente, di loro.

Un crocchio di maestose matrone aveva accaparrata la sposa ed essa
scompariva quasi, affondata in mezzo ai grevi broccati, ai velluti
e alle trine di quelle grandi autorità benevole. Dino, per un subito
ritorno alle antiche abitudini, era venuto nel crocchio nostro, tutto
di ragazze e giovanotti scapoli. Ci narrava, saltando deliziosamente di
palo in frasca, una vera miscela d'impressioni di cuore, di viaggi, di
caccie, di concerti, di corse, di usi inglesi, di feste fatte a lui e a
sua moglie.

Ah! quante volte tornava in campo il nome di lei, colla carezzevole
intonazione toscana che lo faceva diventare: Alisce!

Quel caro Dino, faceva di tutto per esser saggio e prudente, per non
parlar troppo a noi, povere ragazze, della sua felicità e di quella di
Alisce; ma che!... ogni momento gli pigliava il morso ai denti, quella
biricchina di felicità e via!...

Una delle padroncine di casa venne a pregarci di passare nel gran
salone. Si faceva musica.

Obbedienti all'invito, ci recammo tutti di là, nella vastissima
sala ove si riunivano tutti quanti gli invitati ed il nostro gruppo
si scompose; sparpagliandosi qua e là. Accanto a me, non rimasero
che due o tre ragazze e Dino, il quale aveva stabilito con Alisce
una corrispondenza telegrafica di non dubbio significato. Infatti,
tanto armeggiò quella cara Alisce che riescì a sbucar di mezzo alle
matrone e procedendo con infinita cautela, evitando scogli ed intoppi,
sbarazzandosi gentilmente degli importuni, finì col venir a raggiungere
suo marito. Accaparrarono subito, lì accanto, una di quelle duplici e
complici poltrone ad S e non giurerei, che pure accogliendo con grazia
infinita i nostri affettuosi complimenti, quei due spensierati non si
stringessero ogni tanto, celatamente, la mano. Io non vedevo nulla,
s'intende. A dir vero, non mi occupavo troppo di loro. Quelle erano
le pecorelle sul monte, a me premeva la _mia_ pecorella; quella che
si trovava, sola, sull'erto e spinoso sentiero. Parevo prestare la più
religiosa attenzione alla bella _suite_ di Moskoswski che la contessa
Balzi e Poppino Denzato eseguivano con rara maestria, una sul piano,
l'altro col violino, ma in realtà tenevo dietro, attenta e soddisfatta,
ad un altro duetto: quello di Ninì e di Alano Spear.

Erano quasi dirimpetto a me e sedevan vicini. Attorno a loro, s'era
formato un piccolo vuoto. Egli si chinava ogni tanto a parlarle
sommessamente ed ella rispondeva volgendo il capo verso lui, con una
mossa soave, quasi docile, con dei sorrisi sereni e paghi, lo sguardo
sollevato, aveva una lenta e luminosa dolcezza!... Ah!... così la
volevo; senza alterigia, senza sarcasmo, senza ironia, evidentemente
soggiogata dal suo sentimento... così ella era degna del suo destino.

Finito Moskoswski; venne la seconda Rapsodia di Liszt, un po'
tempestata, a dir vero, su quel povero Erard, da un dilettante
semi-maestro, poi la Marcia del Tannhauser eseguita a otto mani,
poi vidi una delle padrone di casa dirigersi verso Ninì e rivolgerle
qualche frase. Evidentemente; le chiedeva di cantare.

Ninì si alzò tosto.

Non soleva farsi pregare, e non accampava mai le solite scuse delle
altre dilettanti di musica. Andò diritto al piano.

Prese a cantare. Il suo maestro, Barbirolli, l'accompagnava.

Scelse la romanza di Melilotti: «Ad una stella.» Dopo tutti i clamorosi
pezzi testè eseguiti, dopo quella musica straniera, sapiente e
tormentata, quella delicata composizione, sì prettamente italiana e
melodica, giunse a tutti inattesa e gratissima. Si sparse per la sala
come uno squisito olezzo musicale, parve all'orecchio del pubblico
una carezza blanda, una di quelle cose che parlano non a tutti, ma ad
ognuno, intimamente.

Ninì non aveva molta voce, ma il suo mezzo soprano era d'una purezza e
d'una freschezza grandi. Aveva avuta un'eccellente educazione musicale
e il suo squisito sentimento artistico le tornava di grande aiuto.
Il timbro della sua voce possedeva una specie di sentimento proprio,
genuino, un non so che di appassionato e di commosso ch'ella frenava,
velandolo, ma che pur si tradiva. Vocalizzava mirabilmente e le parole
sì caste e pur sì innamorate della romanza stavano tanto bene in bocca
sua:

    La stella è in cielo e non si può toccare!

E mentre così cantava, ella stessa pareva poggiare su una serena altura
siderea; era, luminosa e pura come una stella fissa, ma col palpito
scintillante d'un pianeta. E dalla terra, la voce dell'intensa brama
saliva umile, piena di preghiera, affidando alle nubi il messaggio
amoroso:

    «Ditele in cortesia gli affetti miei.

Chiedendo che la stella» fatta mortale «scendesse sino a lei; ma
subito, quasi correggendosi» implorando l'ali «per salire _così_, se
non altrimenti, a raggiungere l'astro!»

Ninì disse tutto ciò con grande semplicità e con profondo sentimento,
modulò colla sua tenera voce, tutte le tenerezze desiose della musica,
pareva che la sua voce e la sua anima fossero una cosa sola. Tacevano
tutti, sotto l'impero e il fascino di quelle semplici note.

Guardai Sir Alano. Era molto pallido ed ascoltava intensamente, cogli
occhi serrati.

Lo sapevo appassionatissimo di musica, e più d'una volta avevo
osservato in lui quella strana particolarità di tener chiusi gli
occhi, quando cantava Ninì. Li riapriva, non appena ella aveva finito
di cantare, ma la sua fisonomia serbava per qualche minuto un aspetto
strano, speciale, qualcosa, come s'egli fosse tuttora sotto l'impero
d'un sogno.

Quando le note, vibranti e pure, s'ammorzarono nella dolcezza estatica
della cadenza finale, l'applauso irruppe spontaneo, più caldo forse
di quanto lo consentano le discrete consuetudini della società. Molti
furono d'attorno a Ninì, congratulandosi seco lei. Ella era ancor tutta
vibrante d'emozione, stordita, confusa da quei battimani; arrossiva,
rispondendo con perfetta modestia ai premurosi elogi della padrona
di casa e di quanti le stavano attorno. Io m'ero alzata di scatto,
impaziente di andarle a dire una calda parola di simpatia. Dino mi
tratteneva e in pari tempo interpellava Alisce.

— Alisce... ma senti, bimba... oh non ti par la sua voce, tal e quale?
Dio! come canta bene! Ma nevvero, a chiuder gli occhi si potrebbe
giurare ch'è lei?

Alisce assentiva, trovava ch'era una cosa stranissima, che Dino aveva
cento ragioni, ch'era tal e quale la voce di Mrs. Alloys.

Non udii altro, avevo veduto libero il passaggio e fui in un lampo
presso Ninì.

Ella mi strinse la mano, nervosamente. Poi mi disse: — Andiamo.

Voleva involarsi a quella grandine di mirallegro?... Ovvero le pareva
d'essere stata abbastanza a lungo con Sir Alano, isolata quasi con lui,
dalla complice benevolenza degli amici?

La condussi al mio posto, sedetti accanto a lei. Osservai che Sir Alano
non la perdeva d'occhio.

Va bene, disse il mio cuore esultando, tutto va bene!

Ahimè, no!... tutto andava a rotoli.

Dino e Alice s'erano fatti attorno a Ninì e la colmavano di
complimenti. Battevano, ribattevano su quel chiodo, la perfetta
somiglianza della sua voce con quella di Mrs. Alloys, lo stesso timbro,
la stessa intonazione.

Ninì si mise a ridere e si protestò felicissima di questa somiglianza
con Mrs. _pardon_;... avevano detto?...

La piccola copia cascava dalle nuvole.

— Come! Ninì non aveva sentito parlare di Mrs. Alloys, la _professional
beauty... la great attraction_ dell'ultima _season?_... l'artista
impareggiabile che aveva fatte le delizie dei concerti di Londra?

— Ah! una cantante — disse Ninì, con un'ombra di gaia canzonatura.

Dino prese fuoco e fiamma. — Ma niente affatto, una cantante!...
nevvero, Alisce? Una signora distintissima, di eccellente famiglia
che aveva avuto dei rovesci di fortuna; un marito indegno, il quale
era morto, per fortuna. Dava concerti e faceva girare il capo a mezza
Londra. Una bellezza, per giunta e più bel tipo inglese che si potesse
immaginare. Ne chiedessero un po' a Sir Alano Spear!

Trasalii; voltandomi verso Dino, angosciosamente.

Ma egli non sapeva nulla e nulla intese. Ninì era rimasta immobile...
d'una serenità glaciale.

— A Sir Alano Spear? — disse dopo un istante e con perfetta calma. — E
perchè?

— Perchè n'era innamorato morto — ribattè Dino — nevvero, Alisce?

Alice assentì, energicamente.

— Certo, una vera passione, voleva assolutamente sposarla.

Mi sentivo venir freddo. Feci uno sforzo disperato per stornare quel
soggetto di conversazione, ma Ninì m'interruppe alla sua volta, con una
dolcezza risoluta.

— No cara, ti prego, lascia che udiamo i dettagli di questa
interessante notizia. Allora... lei diceva, Ardinelli...?

Gettai a Dino uno sguardo sì turbato, che egli comprese, così in
confuso, d'essere su un terreno scottante. Ma era troppo inesperto per
togliersene con disinvoltura.

Esitò un istante ed Alice venne alla riscossa.

— Ma sicuro, la voleva sposare... Sua madre non voleva; per cento
ragioni, ma lui... ostinato. Sfido! un uomo del suo carattere ed era
una vera passione; una di quelle che si hanno una sol volta in vita.

E guardò tragicamente il suo bel maritino.

Ninì aperse il ventaglio e lo rinchiuse, con una piccola crispazione
della mano.

— Perchè non si sono sposati? — chiese con una voce senza accento...
stranamente pallida.

— Perchè Mrs. Alloys morì, — s'affrettò a dire Dino, — morì d'una
malattia fulminante. Eh! ci furono dei funerali splendidi, i giornali
erano pieni di notizie sul conto di quella poveretta. Si susurrò che
Sir Alano...

Interruppi stavolta, recisamente; Ma ancora Ninì mi fe' cenno di
tacere, ancora si rivolse a Dino. — Ebbene? — disse.

— Sua madre lo condusse via. Vedo che sono qui, ora. Quella povera
donna, mezza morta com'è, non lo lascia mai. Poi, siccome chiodo
caccia, chiodo, vorrebbe, prima di chiudere gli occhi, fargli prender
moglie. Ma è certo che non la prenderà per ora... ammenochè...

— Ammenochè? — chiese Ninì, che s'era fatta assai pallida.

— Ammenochè non trovi una persona che som... Tò!... che si fa ora?

Quel rapido mutamento di parole era cagionato da un movimento generale
delle persone riunite nel gran salone. Alcuni valletti avevano
allontanato il piano e andavano rimovendo i mobili dal centro della
sala.

— Scommetto che si balla! — sclamò Alice entusiasmata.

Si ballava infatti. C'era molta gioventù quella sera, avevan chiesti ed
ottenuti i tradizionali quattro salti.

Le vicende di quella danza improvvisata mi separarono tosto da Ninì e
dagli Ardinelli. Credo che i miei ballerini furono quella sera assai
scontenti di me. Ballavo come un automa, senza prestar loro la minima
attenzione, assorta, qual'ero, nell'angoscia del recente e sciagurato
episodio. Serbavo bensì una vaga speranza che Ninì non avesse dato gran
peso alle chiacchiere di quei due ragazzi, ma in pari tempo pensavo
al morboso orgoglio della mia amica, alla sua strana, assoluta idea
dell'amore. I miei sguardi erano sempre in traccia di Ninì, cercavo
indovinare qualcosa nei suoi moti, nei suoi gesti. Ma nulla traspariva
in lei dell'interna tempesta, ella danzava, chiacchierava colla solita
sua calma regale.

Il cuore mi battè forte quando vidi che Sir Alano veniva ad invitarla.
Essa lo accettò, come aveva accettati gli altri, la coppia bellissima;
volteggiante, passò più volte dinanzi a me, seguita da molti sguardi
ammirativi.

Mi parve osservare che Ninì danzasse con una specie di rigidità,
insolita in lei, che il suo corpo avesse una mossa dura e stecchita.

In un momento di sosta potei raggiungerla. Essa parlava tranquillamente
col suo ballerino, il conte Rinaldi. Parlavano delle prossime corse.
Stava ritta davanti a una seggiola.. A un tratto; con un brusco
movimento, sedette su quella seggiola, poggiò il capo alla spalliera,
e per un secondo chiuse gli occhi. Ma subito li riaperse, sorrise e
disse: — Che bell'idea, quella di ballare stasera, nevvero?

— Certo — rispose Rinaldi. — Fa molto caldo però. Crede?

Si chinò, offrendole il braccio. Ella s'alzò di scatto, e quei due
s'allontanarono assieme, scherzando e danzando.

E così, sino alle due di notte.

Un istante, mentre non vedevo Ninì e la cercavo cogli sguardi, sentii
una mano tremante posarsi sulle mie spalle. Mi voltai; era lei. Sola...
per un minuto. Il suo ballerino s'era trattenuto poco lungi a combinare
con un amico, pel _vis a vis_ della quadriglia.

Ella mi guardava fisso; con degli occhi grandi, esterrefatti, le sue
guancie avevano una tinta brillantissima.

Cercai di prenderle la mano, ma ella la ritrasse e disse ridendo —
No... no! — E subito; con voce bassa, smarrita, susurrò: il sesto
senso! Poi rivolgendosi al suo cavaliere che, lasciato l'amico, veniva
in cerca di lei:

— Ebbene, ha combinato per la quadriglia?

— Tutto combinato — disse quegli lietamente. E la condusse nella sala
da ballo, ove la musica dava il segnale.

Una volta e non più la vidi ancora con Sir Alano. Stavano ritti,
silenziosi, uno accanto all'altra. Ella pareva di marmo. Sentii un gran
freddo al cuore e dissi fra me: È finita.

Quando la zia mi chiamò per andar via, Ninì ballava tuttora. Pareva
sempre una rosa, ma, non so come, nè perchè, pensai ad una rosa
che, brancicata, si sfogliasse. Udii ancora parlare con invidia e
ammirazione del suo matrimonio... sicuro ormai.

Nell'atrio, mentre aspettavamo la carrozza, udii da un giovane, che
dietro noi scendeva le scale, cantarellare (maluccio a dir vero) la
romanza di Ninì:

    Mi sono innamorato d'una stella.

Sentii gli occhi farmisi gonfi di pianto. Prima d'entrare in carrozza,
guardai il cielo. Era tutto nero di nubi.


IV.

Forse sorriderete, leggendo quanto sono per scrivere. Soffersi
crudelmente, in quei giorni, a cagione di Ninì.

Avevo preso ad amarla, con grande e sincero amore, con quella strana
sorta di amicizia che assume talvolta, tra fanciulle, un non so che di
passione. Impossibile definire questa specie di sentimento, esso si
urta necessariamente a troppe incredulità di apprezzamenti, ovvero,
peggio ancora, a delle interpretazioni tanto erronee da sconcertare
ogni ragionamento in proposito. È una cosa dolce ed acuta, una bizzarra
entità di fatti e di cure, è una preoccupazione costante di: _lei per
lei_, un assieme di tenerezze, capricci, crucci, gelosie, sacrifici,
anche gravi, se occorre, trasporti, grandi scosse intime, sincere,
cementate sopratutto da quell'indispensabile elemento d'ogni forte
senso del cuore, la convinzione, che debba durare eternamente.

Più tardi; da lontano, passato qualche anno, passati alcuni dei veri
casi della vita, si pensa talvolta a quelle strane passioni, cadute in
oblìo o ridotte alle proporzioni reali dell'amicizia, e non si sa più
cosa siano veramente state. Chiediamo anche al nostro cuore: Come mai?
— Egli non risponde, perchè non si rammenta neppur lui — Pure; così
fu!...

Dunque; soffrivo.

Sopratutto: di non sapere.

Dopo quella sera fatale, non avevo più veduta Ninì. Non era più venuta
da me ed io non ero più andata da lei. Un senso intimo, un istinto,
più che altro, mi diceva che ella, vedendomi, doveva soffrire d'avermi
detto: l'amo.

Pure; avrei dato non so che per vederla, per stringerla al cuore!

Per qualche tempo non l'incontrai nè alle Cascine, nè alla Pergola, non
venne neppure al concerto di Tofano, il che mi fece un certo senso.
E non si videro neppur i Spear. Non osavo chiedere; avevo desiderio
intenso e in pari tempo terrore grande di sapere il vero.

Lo seppi, ciò nullameno, in capo a cinque o sei giorni.

Ahimè! il mio terrore era più che giustificato dai fatti.

Ninì aveva formalmente rifiutata l'offerta di Sir Alano e gli Spear
avevano già lasciato Firenze per l'Inghilterra. La Duchessa di Sualta
era ammalata, e non lievemente.

Non si parlava che di Ninì Montelmo e per biasimarla, con tutta
l'asprezza possibile. La reazione del guardingo silenzio, dovuto
all'incertezza di prima, si palesava ora, compensandosi e vendicandosi.
Tutte le invidiuzze, le basse ire, le segrete animosità si scatenarono,
all'unisono, in quella propizia occasione. Oh! il sogghigno di
Guarinaldi, il suo breve, sibilante commento del rifiuto, i mal frenati
sorrisi che raccolsero! Avrei dovuto fingere di non intender colui,
qualcuno sorrise fors'anche del violento rossore che m'imporporò la
fronte, quando udii quelle attossicate parole! Capisco; avrei dovuto
fingere di non capire o imitare la piccola Maria S. colla sua schietta
risata e il suo innocente: Oh bella!... e perchè non poteva sposarlo?

Ma tutto ciò non me lo dissi che più tardi. In quel momento non seppi
che arrossire, e deplorare di non essere un uomo, per poter ricacciare
nella sozza gola di colui la frase che n'era uscita a proposito di
Ninì!

Che giorni furono quelli per me! Non si poteva por piede in un salotto,
nè ricevere tre persone senza che quel fatale argomento non tornasse
a galla. Aveva prese le proporzioni di uno scandalo. L'amarissima
critica, le ingenue meraviglie, il discreto deplorar del fatto,
s'alternavano di bocca in bocca. Crudeli, ingiusti quasi tutti, verso
quella gloriosa creatura che avevan tanto temuta, tanto invidiata per
l'addietro!... Ma ella non era presente, i maligni non subivano il
freno de' suoi freddi sguardi, della sua schiacciante ed orgogliosa
purezza. I molti suoi amici la difendevano, ma nulla potevano
asseverare sui moventi del suo rifiuto e l'interpretazione di questo
era libera a tutti; buoni e cattivi. Circolava pure a suo carico un
po' di virtuosa indegnazione per la malattia della Duchessa, malattia
notoriamente attribuibita al dispiacere da lei provato pel fatale
capriccio della nipote. Si davano dei dettagli commoventi, la buona
vecchietta s'era gettata ai piedi di Ninì per scongiurarla ad accettare
la mano del giovane inglese. Ma Ninì (che ingratuccia... nevvero?)
era stata durissima per la sua povera nonna e questa se n'era accorata
tanto da ammalarne!..

Il medico aveva bensì detto qualcosa di una bronchite, dovuta al freddo
vento insidioso delle Cascine, ma l'altra storia, quella della crudeltà
di Ninì, trovava più facili e volenterosi ascoltatori.

Intanto la povera Duchessa peggiorava e tutti accennavano vagamente
all'incerto avvenire di Ninì, alla punizione sì pronta delle sue
esigenze e della sua cecità. Era in molti come una bassa angoscia di
attesa, un parossismo di crudele curiosità. Invano qualche amico di
casa osservò che Ninì passava i giorni e le notti al capezzale della
sua nonna, che le prestava instancabili, amorosissime cure. Questo non
edificò, non meravigliò nessuno. Anzi tutto; era stretto dovere, e poi,
specialmente adesso, a chi più che a Ninì Montelmo doveva premere che
si prolungasse l'esistenza della buona Duchessa di Sualta?

Ogni tanto, e solo per aver nuove della Duchessa, scrivevo a Ninì. Mi
rispondeva, dandomi, breve e preciso, qualche particolare.

Un momento; quei biglietti si fecero vieppiù brevi e angosciosi.

Quella antica facella parve lì lì per spegnersi. Ma la Duchessa di
Sualta amava tanto la vita e perciò forse, le venne fatto di non
morire. Il piccolo, tenuissimo filo, non si spezzò.

Un bel giorno di quaresima, in una giornata eccezionalmente bella,
si rivide alle Cascine, nel solito _landeau_ verde oliva, una nota
larva di vecchietta, avvolta in un greve cachemire bianco, col capo
coperto d'un amore di cappello bianco, tutto piume svolazzanti, e sotto
al quale s'agitava, salutando a dritta e a sinistra, una specie di
teschietto sorridente. Era la Duchessa; rediviva e a caccia d'un'altra
bronchite. Accanto a lei Ninì, con una toilette primaverile delle più
splendide, un vero poema in grigio e celeste. Essa stava molto ritta e
figurava gloriosamente, pareva tutta rosea dietro il suo velo di garza
maria... sapete, quella garza finissima, lucida, color di perla che
getta sul volto dei riflessi così dolci, così freschi!... Sul sedile
dirimpetto alle signore stava accoccolata, tutta freddolosa nella sua
gualdrappina di velluto celeste, la levriera favorita della Duchessa.
Accanto a lei giaceva un enorme mazzo di giacinti bianchi e di lillà.

Tutto ciò sortì un grande effetto; si parlò molto di quella
risurrezione, si disse che Ninì era più bella, più fresca che mai.
Certo, non aveva sofferto troppo della malattia della nonna; chi mai
aveva detto che si fosse tanto affaticata? quello non era viso da
veglie nè da fatiche. E che magnifica toilette le aveva regalata la
Duchessa!...

Scambiammo un saluto di volo, mentre le nostre carrozze s'incrociavan
sul viale, il suo gesto fu tanto affettuoso ma mi parve un po' stanco.
L'equipaggio della Duchessa fece una brevissima sosta sul Piazzone, a
una certa distanza dalla nostra _calèche_. Vidi molte persone affollate
ai suoi sportelli, era un continuo dimenío delle piume bianche. Ma
l'altro cappellino, quello grigio e celeste, stava immobile... Oh
non poterla veder da vicino, non poterle parlare!... Avrei pianto di
rabbia!

Aspettavo con ansia indicibile il sabato della prossima settimana,
perchè si sapeva che in quel giorno appunto, la Duchessa avrebbe
ricominciati i suoi ricevimenti. Senonchè, alla sera del lunedì, ebbi
un bigliettino da Ninì.

Essa mi pregava di passare da lei alle nove dell'indomani mattina.
Voleva salutarmi.

Non dormii quella notte. L'indomani, alle nove, nel salire le scale
del palazzo della Duchessa, sentiva quasi mal fermi i passi, tanto mi
pulsava il cuore. Come troverei Ninì, che mi direbbe?

La sua cameriera venne a ricevermi e m'introdusse nel famoso salottino
di velluto azzurro.

Poi udii una voce dolcissima: — Falla passar qui.

Passai nella sua stanza, quella nuda e povera stanza ove ella soleva
vivere, la vita preparatoria per l'ignoto.

S'alzò, con una mossa un po' forzata, dal grande tavolo ove stava
scrivendo, e venne ad incontrarmi. Non mi baciò in viso ma mi strinse
forte le mani.

Dio! com'era pallida e dimagrata; pareva quasi cresciuta, tanto
era lunga ed esile nella sua succinta veste da casa. Ebbi una viva,
dolorosa impressione ch'ella fosse stranamente invecchiata. Pensai
al velo di garza e al colorito roseo che avevo veduti alle Cascine.
Fu meco affettuosissima, ma non trovai più in lei quella specie di
effusione brillante, alla quale mi aveva abituata. Due mesi soli erano
passati, ma il suo accento aveva tanti anni di più. Pure; sentivo che
mi amava sempre, forse più di prima, perchè rappresentavo qualcosa
dell'indole stessa del suo dolore. Mi parlò a lungo della malattia
di sua nonna. Disse che il medico, impensierito dell'incostanza
della stagione, consigliava un clima più caldo. Partivano dunque, in
settimana, per Napoli.

Rimasi senza parole; i miei occhi si velarono di pianto. Qualcosa
brillò pure nei suoi, ma non piangemmo. C'intendevamo, però;
stranamente.

Non mi trattenni molto. Era un soffrire acuto per me, forse anche per
lei, quel colloquio in cui le parole suonavano così vane, davanti alla
reciproca impressione del pensiero taciuto.

Le chiesi dei suoi libri, dei suoi studi; ella mi mostrò uno stupendo
Atlante, testè giuntole. Mentre stava mostrandolo, io guardavo il
profilo emaciato di lei, la trasparenza della pelle, la sfumatura
azzurra che si stendeva sotto l'occhio, tanto illanguidito; osservai
pure quanto fosse smagrita la mano che volgeva i fogli. C'era, in
tutta la sua persona, qualcosa d'inesprimibilmente stanco, di vinto, di
domato. Ella mi spiegava, colla sua solita forma sì chiara ed elegante,
i pregi di quella pubblicazione. La sua voce era sempre pura, soave,
armoniosa, ma io evocavo il ricordo d'un accento, d'una vibrazione
speciale che mancavano ora, assolutamente.

Le chiesi di scrivermi per darmi notizie della Duchessa. Promise di
farlo. Il nostro colloquio era calmissimo, si parlava sempre, sfiorando
vari soggetti, pur di evitare i lunghi, consci silenzi di un tempo.
Non le parlai nè della sua salute, nè del suo avvenire. Quando mi alzai
ella non mi disse: rimani. Ma non gliene seppi male.

Ero certa del suo affetto per me, ma sapevo pure quanto le tornasse
doloroso il ricordo di ciò che entrambe sapevamo. Poichè a niun altro
al mondo ella aveva mai detto del suo amore.

E d'una cosa appunto io mi feci certa, in quel calmo colloquio, durante
il quale non fu mai pronunciato il nome di Sir Alano. Ch'essa lo
amava tuttora, più che mai, con quell'amore tenace e prepotente che
si addiceva alla sua forte tempera, al suo caldo cuore; coll'amore
(sì raro nella fanciulla d'oggi) che non subisce, nè riconosce legge
alcuna di circostanze. Pure, ella aveva rinunziato a Sir Alano, e quel
rifiuto era forse una superfetazione del suo stesso sentimento. Ovvero
l'orgoglio era stato più forte? Chi potrebbe dirlo? Senonchè, la causa
persisteva in quanto aveva sopravvissuto a quel mal riescito suicidio
del cuore. Ed ella si dibatteva ora coll'assurdo, folle, disperato
rammarico del proprio operato. Provava ora cos'è l'amore quando vive e
non ha più ragione di vivere; quando sta nel più profondo del nostro
cuore e non è più nel limite della nostra azione, quando è in noi e
non ci appartiene più, e pure serbiamo chiaro, preciso il senso di
ciò che è, di ciò che avrebbe potuto essere nella nostra vita, se non
l'avessimo rinunziato.

Ninì mi accompagnò sino all'anticamera. Traversammo assieme il
salottino azzurro, idealizzato dai riflessi miti del mattino. Ella
mi parlava sempre di cose indifferenti, con quella sua nuova voce,
scolorita e stanca. Ci baciammo quietamente e ci salutammo senza
indugiarci. Poi mosse una mano senza parlare con un fiacco gesto
d'addio, mi sorrise e si ritrasse.

Scesi le scale, tenendomi forte all'appoggiatoio di velluto rosso.


V.

Mi scrisse da Napoli, brevemente. La Duchessa stava meglio e sarebbero
partite presto per Castellammare. Risposi, ma stavolta attesi più a
lungo la risposta di Ninì.

Strano a dirsi; non sapevo mai _che_ dirle quando mi accingevo a
scriverle. L'esclusione di _quel_ soggetto pareva escludere anche il
rimanente. Le mie lettere riuscivano miserabilmente vuote e vane e
le sue tradivano pure un segreto sforzo. E così, a poco a poco, quasi
insensibilmente, la corrispondenza illanguidì e venne meno tra noi.

Ho detto che questa non è la mia storia. Ma ora debbo dirvi qualcosa
anche di me. A dire il vero, lo faccio un po' a malincuore, perchè
è una cosa più vera che aggradevole e temo ch'essa mi renda un po'
antipatica al vostro pensiero. Pure, debbo dirla.

Ecco, questo è: Che coll'andar del tempo, col succedersi di tanti
avvenimenti, grandi e piccini, la mia passione per Ninì Montelmo si
ridusse gradatamente a delle proporzioni più ragionevoli. Cominciò col
cessare dall'essere il pensiero dominante, poi si mescolò cogli altri e
visse con loro, d'amore e d'accordo, senza soverchiarli.

Più tardi ancora, si rincantucciò in uno di quei profondi recessi del
cuore, ove la memoria scende volenterosa e lieta, ogni tanto, a cercare
l'emozione di ciò che non è morto, ma soltanto: passato. Quivi rimase e
rimarrà sempre il ricordo di Ninì Montelmo. Anzi, a misura che il tempo
passa ed io procedo nella vita, questo ed altri ricordi di quel tempo
vanno ritrovando una coloritura e un profumo speciali, una luce normale
li illumina e li ravviva, rivelando la grazia e la bellezza reale delle
loro proporzioni. Torno ad occuparmene e a sentirli; con quella più
serena cognizione della vita che bene spesso, quando è sincera e reale,
ci riconduce per l'appunto all'indole primitiva delle nostre sensazioni
e alla semplicità elementare delle nostre impressioni.

Non mi fraintendete, ve ne supplico. Io ho sempre, in ogni tempo, amata
Ninì Montelmo, anche quando il mio pensiero di lei non fu più unico,
nè tanto assorbente. Ogni suo appello mi avrebbe trovata pronta a fare
l'impossibile per lei.

Ma ella non mi chiamò, mai, mai, mai!...

Lasciai Firenze e non ci tornai più. Un anno circa dopo la mia
partenza, ebbi la partecipazione stampata della morte della Duchessa di
Sualta.

Allora fu un risveglio inquieto, turbinoso del mio caldo interessamento
per Ninì. Gran Dio! che farebbe ora quella poveretta?

Le scrissi un'affettuosa e lunga lettera di condoglianza. Oh!, di ciò
potevo parlarle! Dalla sua risposta compresi infatti tutta l'entità,
la tenerezza del dolore di Ninì. Ma ella non mi faceva cenno alcuno dei
suoi progetti d'avvenire.

Avevo i brividi pensando a ciò che sarebbe di lei, pensando ch'era
venuto inesorabilmente per lei l'istante di tradurre in atto la sua
grande risoluzione, di cominciare la sua seconda, terribile vita. La
vedevo fra le aride pareti di una scuola, nella solitudine fredda d'una
stanzuccia al quarto piano, la vedevo, umile, dinanzi all'autorità
pedantesca d'un ispettore scolastico.

Cioè, no; non potevo pensarla umile. Ma che sarebbe di lei!...

Scrissi, per avere informazioni, ad un nostro amico di Napoli. E le
ebbi sì strane, sì insperate che ci volle un po' di tempo per decidermi
a crederle.

Quasi contemporaneamente alla povera Duchessa di Sualta era morto quel
lontano parente di Ninì, che non s'era mai curato di lei. Agli ultimi
giorni di sua vita, Dio sa per qual misterioso ragionamento di morente,
egli aveva testato in favore della fanciulla, e questa ereditava
quietamente oltre a mezzo milione.

Pensai a Guarinaldi e compagni, con un grido di trionfo. Ero
elettrizzata da quel grande atto di giustizia del destino! Oh! la
Provvidenza lo sapeva bene che Ninì Montelmo non poteva far la
maestrina... Oh brava, cara Provvidenza! come aveva colpito nel
segno!...

Alcuni mesi dopo quel lieto avvenimento, _qualcosa_ si fe' strada
nella mia vita e tutto ciò che a quello non si riferiva impallidì e si
ritrasse in silenzio. Pensando allora a Ninì, mi adiravo quasi con lei.
Trovavo che aveva avuto tanto torto... non la comprendevo più.

Un bel giorno ch'io mi ero tutta vestita di bianco e coronata di fior
d'arancio venne: _qualcuno_ e mi condusse via.

Mandai a Napoli la partecipazione di quel bizzarro evento, ma dopo un
mese la busta mi ritornò tutta chiazzata di bolli e illustrata da una
laconica frase d'impiegato postale: Sconosciuta al portalettere. Mi
rivolsi al solito amico partenopeo. Ninì Montelmo viaggiava, con una
dama di compagnia. Si trovava attualmente a Colonia.

— Le scriverò domani, dissi a me stessa. Ma ero sì felice... e sapete
che razza di risoluzioni si prendono allora! Fatto sta, che quel domani
si protrasse tanto che lo smarrii di vista... (Ora, vi do un po' ai
nervi... dite la verità!) Che volete! Pure; questo posso dirvi, che se
non scrissi, pensai molto a Ninì con una pietà nuova affatto, profonda.
Qualcuno mi parlò di lei e mi parve, con un po' d'invidia. Era ricca,
libera ormai!

Sì! Era libera e ricca. Ma tant'è..., povera Ninì... ah! povera Ninì!

Quel tal _egli_ che mi aveva portata via nel giorno in cui m'ero tutta
vestita di bianco, cominciava allora, in un colla carriera coniugale,
anche quella dei consolati. Bellissima carriera, non scevra però
d'alcuni inconvenienti, specialmente in fatto di lontananze.

Mi condusse seco in una sequela di luoghi divini e impossibili, dove
ebbimo a risolvere nei più bizzarri modi i più elementari quesiti
della vita solita. Tutto ciò ci divertì immensamente, sulle prime, poi
cominciai a fantasticare un po' della nostra decrepita prosa europea.
La posta capitava di rado in quei paesi; bensì capitava ogni tanto,
in vece sua, l'annunzio che s'era persa per via, ed era un grave
pensiero quello di ciò che avrebbe potuto recare quella posta perduta.
Il ricordo dei parenti, degli amici giganteggiava in quell'infinita
latitudine di esiglio. Pure; gli anni passavano, veniva l'abitudine di
quella vita orientale, venivano i bimbi. La famiglia nuova non soffriva
di nostalgia nè ci lasciava il tempo di soffrirne. Il Ministero era
benevolo per mio marito, lo faceva crescer di grado ad ogni mutar di
stazione, ma pareva che facesse apposta a tenerci laggiù, isolati a
rappresentare l'Italia in certe stupende regioni, ove l'Italia era
proprio l'ultimo dei fastidi della brava gente che le popolava. In quei
tempi non s'era ancora inventata la politica africana e in mancanza
di quella distrazione, l'Oriente ci annoiava senza ambagi, ne avevamo
proprio fin sopra ai capelli. Eravamo sempre felicissimi, ma per nostro
conto esclusivamente. Infatti; quando in capo ad otto anni qualcuno:
fra coloro che ponno, si rammentò dei poveri sposini depositati in
Arabia, fu per noi un grande, un faustissimo evento. Mio marito fu
richiamato in Europa e destinato a Cadice, previo però un buon permesso
di due mesi ch'egli si dispose a passare in casa sua, in Savoia, colla
sua vecchia e colla sua nuova famiglia.

Quando giungemmo colà; era d'inverno e nevicava.

La nostra lunga dimora nei paesi caldi ci aveva fatto scordare
il freddo e i suoi pericoli. Lo sentimmo tutti immensamente e più
di tutti, mio marito il quale non poteva rassegnarsi alle cautele
richieste dalla rigida stagione. S'ammalò infatti e di bronchite,
fortunatamente lieve però, e della quale guarì in breve tempo. Ma
risolvemmo, dopo ciò, di passare a Nizza, anzichè a Torino, quanto
rimaneva del suo congedo e del verno.

Il gennaio ci trovò dunque lietamente installati in un delizioso
villino del quartiere Carabacel.

Il contrasto era violento e a dirla schietta non mi tornò troppo
discaro. Si ha un bel dire, ma non è facile difendersi contro il
fascino di quel cosmopolitismo spensierato, giocondo, che sembra darvi
l'idea riassuntiva di tutto il cielo delle eleganze europee. Si può,
si deve rattristarsi della funesta larghezza d'ospitalità che il vizio
trova negli elementi stessi di quel centro, ma per chi sa scordare il
male, per chi sa scegliere la società quale gli conviene; dove trovarne
una più simpatica, più interessante per la sua varietà, per le sue
tante risorse? E se volete isolarvi, quale opportunità trovereste,
maggiore della libera esistenza dei grandi _hôtels_, ove nessuno si
occupa del vicino, ove ogni dettaglio di personalità va perso nel
mare magnum dell'eterno via vai? E l'azzurro intenso del cielo, il
tepore sì dolce dell'aria e le palme sì frequenti e i fiori... Oh!
quella sterminata quantità di fiori che costano sì poco e profumano
sì acutamente, e nei giorni di corso danzano attorno a voi come una
nevicata rigirata dal vento! E quell'altro perpetuo sboccar di ville
in seno ai giardini! Quei bei villini bianchi, giocondi, che traspaiono
dagli uliveti e si stendono, si disperdono sempre più lungi dalla città
invadendo le distese dei campi, accesi dalla fiamma degli aranceti!
Quelle casettine misteriose, suggestive che vanno a celarsi nella
vaghezza appartata dei colli, sin là dove questi assumono una subita
selvatichezza, formando un paesaggio eroico di montagna, un po' scenico
e pur sì grandioso, valli tetre e profonde, accatastamenti granitici,
misteriosi corritoi che si prolungano stretti ed umidi, nelle viscere
dei monti, passaggi segreti, da contrabbandieri e da rivoltosi, ricchi
d'una cupa poesia ariostesca, con certe sfuggite d'ombre e di luci
quali fa piovere il Dorè sulle sue pagine!

E il porto piccino, delizioso, incassato fra le verdi alture,
bello della gloria leggendaria di un'umile casetta, che si addita
ai forestieri pronunciando un nome che sembra evocare sovr'essa la
folgore di faro di una luce italiana... Oh! Nizza è bella ed è bello
il viverci, sopratutto quando si è felici. Se siete tristi, se siete
veramente malati, non andate a Nizza, andate piuttosto a Cannes. È
lì... a due passi.

Un giorno ci eravamo spinti passeggiando sino al porto, con certi
amici italiani che volevano per l'appunto vedere _quella_ casetta,
la casetta ov'è nato Garibaldi. Tacevamo, contemplandola, quando la
nostra attenzione fu distratta da un incidente, l'arrivo, cioè, d'un
bellissimo yacht a vapore che entrava gloriosamente in porto. Recava
bandiera inglese e accanto a quella nazionale, una grande insegna
bianca, sulla quale stava scritto il nome del yacht: _Lux._ La stessa
parola si leggeva, fiammeggiante d'oro, sulla elegantissima prora.
Alcuni curiosi s'erano riuniti sulla riva e, appoggiati al parapetto,
guardavano la manovra d'ancoramento, brillantemente eseguita da
una frotta di marinai in assisa privata. Accanto a noi, un signore,
vecchiotto, col capo coperto d'un berretto a foggia marinaresca, tolse
di tasca un cannocchiale a tubo e guardò a lungo il yacht, lasciandosi
sfuggire delle esclamazioni entusiastiche. Qualcuno dei circostanti gli
rivolse la parola in proposito, ed egli di buon grado e con visibile
compiacenza diede alcune spiegazioni tecniche ch'io non intendevo,
ma che interessarono mio marito, appassionato ed intelligente amatore
di quanto riguarda la navigazione. Egli pure rivolse la parola a quel
signore e subito s'intavolò un colloquio di circostanza. Il possessore
del cannocchiale lo offerse cortesemente a mio marito, poi, leggendomi
forse in viso una curiosità, pregò di passarlo a: _Madame_.

_Madame_ non aveva mai avuto per le mani un cannocchiale sì
meraviglioso. Portava sì vicine le persone e le cose che pareva quasi
di poterle toccare colla mano stessa. Senonchè; ella non sapeva fermar
bene l'obbiettivo, e le suddette persone e cose danzavano un balletto
singolare dietro le lenti. Pure, qualcosa vidi. A bordo c'erano delle
signore, vedevo un lusso d'abiti bianchi, vedevo delle testine bionde,
dei visetti carnicini di bimbi che transitavano sul ponte, festosi
della gioia dell'arrivo. Vidi avanzarsi a prora, con lento passo,
un signore alto, massiccio, imponente, con una gran barba bionda,
appoggiato al braccio d'un uomo in assisa di capitano.

Il sole batteva sfolgorante sul ponte, e dava forse noia al signore
biondo, perchè egli teneva chiusi gli occhi. Poco lungi da lui, stava
adagiata in una lunga poltrona chinese, una signora vestita di bianco.
Non so come, provai un senso di ardente attrazione, tutte le facoltà
del mio pensiero si concentrarono sovra quella signora. Risentii una
vaga scossa morale, un'incertezza magnetica che per un istante mi tolse
il respiro.

Mi sovvenne tosto ch'io tratteneva soverchiamente il cannocchiale.
M'affrettai a porgerlo a mio marito, il quale lo restituì al
proprietario. E sempre sotto l'impero di quell'emozione senza capo
nè coda, diedi retta agli entusiastici elogi che il vecchio capitano
(s'era dato per tale) prodigava alla struttura ed alberatura del
yacht. Ma mi pareva ora che l'elegante vascello si fosse bruscamente
allontanato dal luogo ov'era venuto ad ancorare. I miei poveri occhi
miopi cercavano con uno sforzo quasi penoso, di concentrare ogni loro
facoltà visiva su quel punto bianco, della signora seduta e che,
piccolissimo ormai, quasi confuso fra i molti biancheggiamenti del
ponte, mi attirava sempre da lungi, tormentoso, insistente come una
malía!

Avevamo gente a pranzo quel giorno, e si parlava, naturalmente,
dell'arrivo dello splendido yacht inglese. Fedor Zarenine, uno dei
nostri ospiti, un vecchio amico del Cairo (vecchio per modo di dire,
aveva una trentina d'anni) ci favoriva, evidentemente ascoltati, dei
dettagli in proposito. Conosceva il bastimento, uno dei più belli
fra quanti avessero mai preso a muover l'elice sotto lo sguardo di
Minosse del R. M. C. Ce lo descrisse con entusiasmo, narrò dei suoi
fasti, del lusso favoloso dell'interno. Conosceva pure il proprietario;
Lord Helvellyn. Il più simpatico gentiluomo di questo mondo, ricco
sfondato, cacciatore, scrittore, oratore. E, dettaglio curiosissimo, il
proprietario di _Lux_ era... cieco!

— Cieco! — sclamai rammentando quell'alta e dignitosa persona che avevo
traveduta sul ponte e alla cui vista, un pensiero assurdo, di ricordo,
aveva per un semi-secondo urtato alla porta del mio cervello.

— Cieco, — ripetè Zarenine, — irrimediabilmente cieco! Da pochi anni
e per un accidente di caccia. Ma il più calmo, il più eccezionale dei
ciechi. Sopporta la sua sventura con una rassegnazione, un coraggio
che assumono le proporzioni di una letizia. Alcuni sostengono che Lord
Helvellyn si mostri non solo, ma sia pienamente felice.

— Felice! — ripetei con accento sì incredulo che Fedor si mise a ridere.

— Sì... Perchè no? È un originale, vedete, e se gli manca la vista,
ha, in vece sua, un monte di belle cose ch'io non ho e ardentemente
desidero. Una fortuna regale, per esempio, e una moglie adorabile,
ch'egli non vedrà invecchiare.

— Quanto siete egoisti, voialtri uomini, — gli dissi ridendo. — Allora;
Lady Helvellyn è bella?

— Ecco una domanda che mi aspettavo. Non è bella, bellissima.

— Inglese?...

— Sì. Cioè; scusate, non lo so precisamente. Ci sono dei dispareri
in proposito. A prima vista è il più bel tipo inglese che si possa
immaginare: conoscendola un pochino più, si direbbe che ha pure
qualcosa, un non so che, di meridionale. Ma il male è questo, che non
si ha mai il tempo di conoscerla un pochino più del pochino: più.
Viaggiano sempre, e sulla propria nave, per cui capirete, a meno
d'essere un delfino o un pesce cane...

Diceva, con tono assai comico, queste sciocchezze. Vide che ridevo e
proseguì:

— Ho conosciuto gli Helvellyn in Islanda. Viaggiano sempre verso il
freddo. Fui invitato ad una colazione a bordo del _Lux_ e non ho mai
visto un più perfetto _home_ inglese a fior d'acqua. Lady Helvellyn
canta come un angiolo.

— Inglese? — chiesi con un'ombra di malizia, poichè al piano superiore
abitavano certe miss miagolanti che avevan fatto talvolta scambiare fra
me e Fedor Zarenine degli sguardi pieni di una cupa rassegnazione.

— No. Canta come un angiolo colle ali. La sua voce ha un timbro
speciale, tenerissimo. Una volta sola, anni sono, a Londra, in un
concerto, udii una voce simile e pensandoci mi chiedo se...

S'interruppe, tacque un istante poi mi chiese, ridendo:

— Dite la verità: avete una gran voglia di vedere gli Helvellyn?

— Sì — risposi candidamente. — Sapete se si trattengono per qualche
tempo?

— Non ne so nulla. Andrò oggi stesso a portar le mie carte a bordo
e m'informerò se si può visitare il bastimento. E se verrò a capo di
saper qualcosa, ne farò immediato omaggio alla vostra curiosità, in
premio del vostro candore.

La sera di poi, venne da noi un momento, prima di recarsi a quel
malaugurato _Cercle Massena_, ove, poveretto, lasciava quasi ogni sera,
con celebre disinvoltura, sì larghi brandelli del suo patrimonio.

— Si trattengono otto giorni, non si può visitare il bastimento, ma
li vedrete lo stesso. Il presidente del _Cercle de la Mediterranée_
li conosce e pare abbia ottenuta la promessa del loro intervento alla
_matinée_ di giovedì.

Tutto ciò col più comico mistero di questo mondo; pareva un vero
congiurato di operetta. Era divertente, aveva veramente dello spirito
e tante buone qualità... Pure, com'è finito presto e male, povero Fedor
Zarenine!...

Di pien meriggio, ma al chiarore di innumeri candelabri accesi in un
salone sì ricco, sì straricco di dorature che quasi ve ne dolgono gli
occhi. In alto, invisibile e irresistibile, un'orchestra delicata suona
a ballo. In un angolo del vastissimo locale un glorioso _buffet_ vi
invita ospitalmente. C'è folla e la più strana e varia di questo mondo,
e ciò che più vi colpisce in essa, è la immensa latitudine lasciata
alla gamma dell'acconciatura. Quivi potete studiare l'eterno figurino
femminile in tutte le sue più caratteristiche manifestazioni. Vedete
delle spalle nude e delle spalle coperte di una spolverina da viaggio,
delle teste cosparse di gioielli e di fiori, e accanto a queste delle
sobrie testine, coperte di berrettine di pelo. Nello stesso gruppo una
signora tutta in nero, che credereste giunta da una grande funzione
religiosa, un'altra in toeletta da teatro, una quarta in assetto da
gita montanina, una quinta che diresti avviata ad un ballo in costume,
una sesta che ti dà l'idea d'essere testè escita da un ricevimento
a Corte. Alcune tengono circolo, altre si isolano nella folla, altre
guardano, moltissime si fanno guardare.

Le solite regole della _toilette_, l'indirizzo generale
dell'acconciamento qual'è prescritto dall'indole qualsiasi d'una
riunione, non esiste in quella bizzarra accolta. È un allagare
fantastico dell'iniziativa personale; ritrovate colà le più inattese
rivelazioni della coscienza artistica della donna. Incongruità
fantasiose dell'assieme, finezze trascendentali d'accessori, squisite
arditezze artistiche, stravaganze bene o male riuscite, eccentricità
dissonanti, capricci idealmente tradotti, audacie fortunate o punite
nella tonalità dell'innovazione. Ogni tanto tocchi rivelatori del rango
o della nazionalità; qui lo sfarzo ultra parigino dell'americana,
là l'invincibile orientalismo della russa, il preraffaellitismo e
la tendenza pratica dell'inglese. Indovinate la francese dal suo
infallibile indizio, la grazia perfetta e l'armonia, la svizzera
dalla sua semplicità quasi silvestre, complicata da un aggravante
di romanticismo vecchio tedesco, mentre la tedesca propriamente
detta, è riconoscibile per la modernità mal riescita del suo vestire.
Tutte queste rappresentanze femminili si guardano, si criticano,
si sorridono, si salutano e si parlano facilmente ma senza mai
amalgamarsi. Non è certo l'incongruo _pêle mêle_ che è impossibile
evitare, dalle quattro alle sei, sulla _Promenade des Anglais_... oh
no, ogni socio del _Cercle de la Mediterranée_ assume in certo modo la
responsabilità delle persone che egli fa ammettere alle _matinées_,
e ciò dà all'ambiente una tonalità bastevole di per bene, ma nessuna
intimità reale può sussistere in un luogo ove è sì fluttuante, sì
facilmente mutata la maggioranza di quelli che vi intervengono; sono
strane feste, senza carattere proprio, ma specialmente interessanti.
In quel po' di tutto c'è inevitabilmente del bello; è come una
bizzarra rappresentazione di quadri plastici della vita d'oggidì. Se
avete un amico paziente e ben informato egli potrà procurarvi anche
delle emozioni, vi designerà ogni tanto, nella folla, una faccia che
guarderete poscia con meraviglia insaziabile, ripensando al nome testè
udito, collegandola al ricordo, all'espressione di fatti che hanno
occupato o travagliato il mondo. Ivi un accenno, un campione di tutti
i generi di celebrità, pensatori ed artisti, monopolizzatori d'oro
o d'idee, trachee trascendentali, scrigni giganteschi, passioni che
hanno fatto chiasso e che hanno appassionato il pubblico, stravaganze
che l'hanno colpito, audacie che l'hanno conquistato, idoli effimeri e
sdegnose vittime dell'opinione, autori applauditi, notabilità appena
battezzate che attendono la consacrazione, tutto ciò troverete alle
_matinées_ del _Cercle de la Mediterranée_.

Non era la prima volta ch'io andava al _Cercle_. Avevo dei ciceroni
cortesi ed informati, conoscevo ormai, anche di persona, buona parte
delle celebrità che passavano, come meteore, in quel neutro ambiente.
Non mi stancavo di quello spettacolo, perchè n'eran sempre mutati
i personaggi, e perchè vi trovavo ogni volta qualcosa che colpiva
facilmente la mia fantasia. Quel giorno la pazza di casa teneva dietro
a due apparizioni che si contendevano gli sguardi del pubblico.
Un'africana, nera come la fuliggine, con due vampe di occhi e un
_pariginismo_ incensurabile di _toilette_ moderna. Poi, una bellezza di
Bordeaux, la figlia d'un ricco armatore, una signorina: _très bien_.
Certo; era bella, idealmente bella, bella in modo trascendentale!
Vestita, atteggiata squisitamente, nell'intonazione perfetta di un
quadro di Van Dyck. Ne possedeva in tutto i requisiti tradizionali, la
posa, il colorito, la forma, le stoffe, i gioielli. Era bianchissima,
un po' pallida, come se la poesia del tempo avesse illanguidite le
tinte, sulla tela del suo volto. Parlava pochissimo, senza muover
le labbra, senza sorridere oltre i limiti del suo vago sorriso
permanente, nella coscienza serena, forse annoiata, della sua perpetua
rappresentazione artistica. Non arrossiva sotto l'insistenza e la
universalità degli sguardi, più curiosi che altro, danzava con perfetta
arte di posa, serbando tutto il suo idealismo di splendida immagine
anche nella grottesca assurdità di gruppo ch'ella formava col suo
ballerino, un giovinotto volgare e brutto. Poco lungi stavano i parenti
di lei, grossi, bonari, plateali anch'essi. Solleciti, ma sicuri del
trionfo, guardiani amorosi del tesoro, pazienti direttori di quella
sacra passeggiata del capo d'arte della famiglia, nella placida attesa
dell'amatore intelligente che ne vorrebbe adornare il proprio museo,
mentre ella danzava serenissima, sorridendo esclusivamente a sè stessa!

Ero così immersa nella contemplazione del Van Dyck, che non mi accorsi
dei ripetuti cenni fattimi da Fedor Zarenine, il quale farfalleggiava
poco lungi da me. Tanto che egli mi venne accanto e mi diede un
poderoso _shake hand_, uno dei suoi soliti.

— Ebbene, — mi disse mentre scotevo la mano indolenzita, — non avete
veduto?

— La mora? Sì, ma è orribile. Preferisco il Van Dyck. È una signorina;
_benissimo_, sapete?

Egli si mise a ridere.

— Dico se avete veduto gli Helvellyn? Sono testè giunti.

Mi voltai. — Dove?... dove?... — chiesi con ansia.

Egli mi additò un gruppo abbastanza compatto che s'era formato presso
uno degli usci d'entrata.

— Là... da quella parte. Fanno sensazione anche loro! Ora li vedrete.
Venivano a questa volta, ma egli s'è trattenuto a parlare col
Maresciallo Bazaine. Ora ha finito, proseguono.

Proseguivano infatti. Un signore alto, di forme poderose, appoggiato
al braccio d'una signora. Davanti all'incerto passo del cieco, la
folla riverente e curiosa s'apriva, facendo ala, lasciando libero il
varco a lui e alla moglie che lo guidava colla dolcezza guardinga d'un
Antigone.

Li vidi io pure, e provai un sentimento impossibile a definire.

— Ma è Sir Alano Spear!? — gridai quasi a Zarenine.

— Sì, — rispose questi meravigliato della mia veemenza, — cioè; era Sir
Alano Spear. Da pochi anni, per la morte d'un cugino, è diventato Lord
Helvellyn, sapete che in Inghilterra il titolo...

Non proseguì, perchè non gli badavo. Tutte le facoltà dell'animo mio,
tutta la potenza de' miei sguardi erano concentrati sulla signora che
accompagnava Lord Helvellyn. Era... non era Ninì Montelmo?

Un'incertezza acuta come uno spasimo, mi mozzava il respiro. Per mero
istinto, senza sapere quel che volessi fare, mossi all'incontro di
quei due... E a caso, pur di sapere, ad ogni costo, quando ella, senza
vedermi mi passò d'accanto, io dissi forte, vibrato: — Ninì!

Ella si fermò, e la vidi trasalire. Si voltò e mi vide... ci guardammo.
Non pareva lei, pure _sentii_ ch'era lei, che mi aveva riconosciuto. Un
pallore venne sul suo volto. Non mi rispose, non mi salutò. Alzò solo
la mano, con un cenno lieve, vago, un piccolo gesto che poteva esser
comando o preghiera... Poi, chinò gli sguardi, e passò, impassibile.

Non capivo, provavo come una vertigine e un'imperiosa voglia di
piangere.

Zarenine mi guardò attonito e mi chiese se mi sentissi male.

Gli dissi di no, ridendo nervosamente. Ma lo pregai di trovar mio
marito e di mandarmelo. Volevo andar via, subito, subito. Quell'afa,
quella folla, mi soffocavano. Era tutto una confusione, tutto. Non era
più certa che quella donna che aveva trasalito e mossa la mano fosse
Ninì Montelmo. Ma allora chi era?


VI.

La mattina dipoi, m'alzai per tempo. Non aveva punto dormito ed era
giorno di festa, volli dunque recarmi a messa. Passando sotto l'atrio,
vidi un marinaio in assisa bianca e col berretto ornato d'un nastro
sul quale era la parola: _Lux_. Pareva attender qualcuno. Infatti;
attendeva me e, non appena gli fui accennata, egli venne ad incontrarmi
e mi presentò un biglietto: _from Lady Helvellyn_.

Il biglietto recava queste parole:

      «_Amica carissima_,

  Ti attendo oggi alle due per abbracciarti e darti la spiegazione di
  quanto accadde ieri. Intanto non accusarmi. Troverai al primo scalo
  del porto una lancia del _yacht_ che ti condurrà a bordo. Vieni.

                                          NINÌ MONTELMO HELVELLYN.»

Risalii e tracciata su un biglietto di visita una laconica frase
d'assenso, consegnai il biglietto al marinaio. Poi, andai a messa coi
miei bambini. Ogni tanto, quando n'era d'uopo, accennavo loro di non
distrarsi. Ma; Dio mi perdoni; quanto ero, in cuor mio, più distratta
di loro!...

                                   *
                                  * *

Ci vado ripensando ora e mi par tutto un sogno la gita sul _quai_ sino
allo scalo indicato, la elegantissima lancia che mi attendeva cogli
otto marinai in bianco, il breve tragitto per l'azzurro del porto sino
al _yacht_... il battere quieto dei remi e quello tempestoso del mio
cuore, la visione di Ninì, curva sulla balaustrata della tolda. Mi
aspettava, ed io non vidi più che lei. Salii, posi piede sul cassero.
Ella mi porse dapprima una mano, poi ci abbracciammo forte, per impulso
reciproco, con un'emozione stranissima, con un subito febbrile ritorno
a _tutto_ il passato. Ella mi disse rapidamente: vieni, e s'ingolfò per
la prima nella scaletta che calava sotto coperta. Le tenni dietro, come
se mi avesse trascinata per mano.

Eravamo sotto coperta, a prora, nel suo salottino privato, in mezzo a
un mondo di splendidi cose ch'io non guardava. Ricordo solo le ampie
sfuggite di luce e d'azzurro che concedevano allo sguardo i vani
delle tre finestrine aperte dal lato del largo, di fronte all'immenso
orizzonte acqueo. Pareva d'essere in alto mare. Le onde, appena
sommosse da un leggero venticello, danzavano carezzevoli attorno alla
carena, gettando all'interno una tremula sequela di riflessi dorati
e un mormorio festevole d'acqua in pace, cui teneva bordone il gaio e
perpetuo sbattere, quasi musicale, di certi freschi cortinaggi di tela
russa, calate a mezzo sulle finestrine e sempre accartocciati dalla
brezza.

Non rammento altro delle cose esterne. Vedevo solo Ninì e la guardavo
con un senso angoscioso, indefinibile della sua dissomiglianza
colla Ninì di un tempo. Era bionda ora, ed io l'avevo lasciata
castana. Doveva essersi continuamente incipriata, pensai perfino
all'_auro-come_. Era pettinata con una foggia speciale, bizzarra, che
le stava bene, ma non somigliava più alla sobria forma greca della
testina di Ninì fanciulla. Il personale era bellissimo, maestoso,
e il vestire aiutava visibilmente l'effetto, tendente al matronale.
Il continuo uso della lingua inglese aveva dato alle labbra un non
so che di più energico, di più serrato, ma il sorriso tornava ogni
tanto all'antica, indimenticabile espressione. Ninì si teneva in
un'attitudine speciale che nulla aveva di manierato e neppure di
acquisito, eppure, cercando nei miei ricordi, non trovavo quello di
questa attitudine. Essa era nuova per me.

— Siamo sole — mi disse Ninì. — Alcuni amici di mio marito sono venuti
a prenderlo stamane e lo hanno condotto a Cannes. I bambini sono a
terra e torneranno più tardi. Perchè non hai condotto i tuoi? Parlami
di loro, del tuo passato.

Le parlai di tutto ciò a lungo, a cuore aperto. Quando ebbi finito,
ella mi prese le mani, le strinse con dolcissimo affetto e mi disse
sorridendo: — Cara, sei sempre la stessa!

Le resi la sua stretta con effusione, e stavo per dirle qualcosa, ma
m'interruppi a un tratto, sentii quanto ciò che ero per dirle non fosse
vero. Ella comprese, mi sorrise ancora e mi disse: — No, è inutile.
Sono un'altra persona, ora, lo so. — Poi sussurrò: — Ti ricordi di ciò
che ti dissi un giorno della Metempsicosi?

— Se mi ricordo? Ma fu la prima volta che venni da te, Ninì, e...

Ella m'interruppe.

— Non chiamarmi più Ninì. Mi ha fatto tanto male, ieri, l'udire quel
nome, il male che si prova udendo il nome d'una persona morta. Sai come
mi chiamo ora?

Mi fissava, interrogandomi stranamente, con un'angoscia nello sguardo.

Perplessa, sgomentata all'estremo, tacqui.

— Mi chiamo Grace, — disse Ninì tranquillamente. — Sono lady Helvellyn.
Ma prima, un tempo, mi chiamavo Mrs Alloys, Grace Alloys.

Tacque. Le guardai gli occhi; non recavano traccia alcuna di follìa.
Erano pensierosi, profondi; nulla più.

                                   *
                                  * *

— Ho bisogno di dirti tutto, — mi disse tranquillamente. — M'intenderai
o no; ma ad ogni modo mi crederai. Ci sono dei momenti in cui la
percezione delle cose non è esatta in noi stessi e si ha bisogno di
dire a qualcuno: — Ditemi, ve ne prego, dormo o son desta? — Questo
momento venne ieri per me, quando ti vidi e ti udii. Fu come una
voce nel sepolcro. Ed egli non doveva avvedersi di te, nè che alcuno
chiamasse, al suo fianco, Ninì Montelmo.

Poi, prese a narrare.

L'ascoltavo. La sua voce aveva un accento speciale e melodioso.
L'ora era calda, il sole sfolgorava sul mare. Provavo un vago ritorno
all'impressione snervante, semi-assopente dei meriggi orientali.

                                   *
                                  * *

«Quando morì, la mia povera vecchia nonna, compresi una seconda volta
che non bisogna discutere l'amore. Questo imparai, quando mi trovai
sola, senza il _suo_ affetto. Credetti giunto il tempo di provvedere a
me stessa, mercè gli studi fatti. Ma le difficoltà sorgevano inattese,
impensate, ed io tentavo di ritemprarmi nella violenza stessa di quegli
urti, quando divenni erede di un ricco patrimonio. Non fu una gioia per
me, nè, ritengo, un vero beneficio. Le acerbe sensazioni della lotta mi
attiravano, erano favorevoli ai miei segreti orgogli. Sia come vuolsi,
certo è che nell'ozio, nel vuoto, nella _facilità_ della mia nuova
vita, il verme roditore si ridestò.

Ero sola ormai, colla mia libertà, colle ricchezze che tutti
m'invidiavano ed alle quali agognavano parecchi.

La società si ravvedeva, tornava a sorridermi, immemore delle spietate
lezioni che mi aveva inflitte un tempo. Ma io le rammentavo. Senza
rancore, però, con un vago convincimento che non tornava conto di
soffrire anche per ciò. Risolsi di viaggiare, colla speranza che una
vita attiva, svagata, intellettuale, sarebbe forse stata giovevole a
liberarmi dal mio sciagurato amore per Alano Spear.

Perchè quell'amore era un'angoscia, una fiera ed incessante angoscia.
Così, come mi aveva presa, incrudeliva meco. Soffrivo di quell'amore in
cento modi e nei modi più contradditori. Alcune di quelle sofferenze
m'erano ignote nell'indole propria, non ne conoscevo la fonte.... ne
soffrivo ciò nullameno. Tutto mi mancava colla sua mancanza, tutto
era vano ed enigmatico. Invano cercai di ubbriacare il mio spirito
colla contemplazione dei tesori dell'arte. Lo spirito non si poteva
scompagnare dal cuore, già immerso nella grande ebbrezza dell'amore.
Ricordati; non avevo altri al mondo da amare. Egli era per me,
esclusivamente, universalmente: l'amore. E ora, nel grande vuoto,
egli tornava, si riaffermava, tornava ad essere l'unico _perchè_ della
vita!... Allora... mi pentii.»

Tacque un istante e un pallore si stese sulla sua fronte.

Sì, quella donna doveva aver sofferto!... Era stata punita acerbamente
dell'orgoglio suo.

Proseguì.

«Lottavo, sai?... lottavo gagliardamente. Evocavo di continuo, per
darmi ragione, l'immagine di quella donna. Ma essa non mi salvava
più... ora! Aveva scatenata l'effimera tempesta, bastevole per mandare
a picco la mia felicità, ma che non bastava a spegnere l'incendio del
mio amore. Avevo tutto sacrificato. Avevo creduto di esser stata forte,
mi accorsi d'esser stata vile, nulla più, di aver sacrificato un amore
vero ad un fantasma vano. Ma era tardi.

Viaggiavo con una dama di compagnia, vero automa di rispettabile
nullità. Percorrevo sbadatamente le più belle città dell'Europa, senza
accalorarmi per nulla. Ero infelice, stanca di tutto, oppressa da
un'uggia malsana e crudele. E lo amavo sempre, assai più di prima!

M'era balenato un pensiero: chiudermi in un convento e consacrarmi
tutta a qualche grande opera di beneficenza. L'avrei forse fatto, se
non avessi letto in un giornale, per mero caso, che sir Alano Spear
aveva persa la vista, in seguito ad un accidente di caccia. Allora,
presi una risoluzione; mi recai in Inghilterra, andai dalla madre
dell'uomo che amavo, le dissi tutto... le offersi di sposare suo
figlio. Ell'era presso a morire... accettò. Egli pure, forse per farle
cosa grata. Ci sposammo al letto di morte di quella povera donna.»

— E fosti felice? — chiesi con impeto.

— Per qualche tempo, sì. Assolutamente felice. Quell'uomo era mio!...
Quel cieco mi apparteneva. Poi, a un tratto, divenni ancora gelosa di
lei, di quella morta.

Ella mi perseguitava sempre. Il fantasma si vendicava, tornava, si
metteva fra noi due. Io era gelosa di Mrs Alloys.

— Ma come, perchè? Egli dimostrava... accennava forse...?

— No, nulla giustificava apparentemente il mio sospetto. Non era forse
che una suggestione del mio demone famigliare, il sesto senso. Ma
l'antico terrore tornava a dilaniare il mio cuore.... ch'egli potesse
amare soltanto _lei_.

Come combattere nella tenebra? Il mio sguardo non giungeva ad indagarne
il fondo, non era in poter mio afferrare le immagini che passavano
dietro le spente pupille di mio marito. Lo studiavo con un'attenzione
cupida e febbrile. Studiavo le sue immobilità pensose, i suoi silenzi,
i suoi pallori, scrutavo l'animo suo nelle sue parole, nei suoi
gesti, origliavo a volte, durante i suoi sonni, in attesa della parola
inconscia che può tradire il sogno. Nulla mi sfuggiva d'ogni incidente
dell'anormale tenor di vita, dovuto alla sua infermità. Un giorno, la
sua mano si posò lenta, esitante sul mio volto. Lo chiamai per nome,
egli mi accennò con un gesto, quasi involontario, di tacere. Tremai.

La mia parola turbava forse un sogno del suo pensiero, un ricordo,
l'immagine che non era la mia?

È terribile, amare un cieco ed esserne gelosa! È una delle più crudeli
e difficili posizioni della vita. È sì strana, sì cupa la sensazione
che si prova, scrutando il volto privo di luce, di quella luce al
chiaror della quale l'animo si svela e si tradisce. È una notte anche
per noi e invano, brancolando, cerchiamo di orizzontarci. Mi dibattevo
io pure, nell'oscurità di Alano! Unico conforto mio era quello di
giovargli!

Ma se invece fossi per lui un tormento, se nelle lunghe visioni della
sua cecità egli vedesse un'altra... non me? Ed io l'amavo... non avrei
potuto vivere senza di lui...

L'interruppi:

— Ma tu non chiedesti, non cercasti di sapere?...

— No... Fui cento volte sul punto di farlo, cento volte mi trattenne
un'invincibile esitanza. L'ultima rivincita cui non volevo rinunziare
era appunto questa: il dubbio... la possibilità che non fosse!.
Credevo d'aver ucciso il mio orgoglio, ma esso aveva d'uopo, per morire
davvero, di una ferita più profonda. Non tardai a toccarla.

«Un giorno, mi venne tra le mani una romanza per canto che l'autore
aveva dedicato a Mrs Alloys e che recava sul frontispizio il ritratto
della celebre cantante. Era una semplice ballata irlandese ch'ella
eseguiva di frequente nei suoi concerti e che incontrava sempre il
favore del pubblico. Studiai la romanza di nascosto, coll'aiuto d'un
maestro di canto il quale aveva udita più volte Mrs Alloys. Attonito
della somiglianza della voce di lei colla mia, egli m'insegnò a cantare
quel pezzo, come soleva cantarlo la donna che tanto aveva torturato
l'animo mio. Si valse del suo metodo, mi apprese ad imitare i suoi
effetti. Allora tentai la prova... rammentando la strana ammirazione
che Alano aveva avuta, a Firenze, per la mia voce.

Un giorno, mentre eravamo soli, mi posi improvvisamente al piano e
cantai quella romanza, come l'avevo imparata.

Vidi mio marito trasalire dapprima; poi, con un impulso subitaneo di
volontà, frenare il tradimento di quel fremito. Vidi alcune goccie di
sudore imperlare la sua fronte, mentre le palpebre calate si dilatavano
come in un disperato sforzo per spalancarsi.

Continuai a cantare; mentre sentivo il cuore morirmi in seno... Egli
s'era calmato, un vago sorriso d'estasi errava sulle sue labbra.

Quand'ebbi finito mi alzai, mi feci accanto a lui e gli presi la
mano, in silenzio. Egli alzò la mia mano a livellò delle sue labbra e
lentamente, con dolcissima passione.... la baciò.

Io non parlai... per una vaga pietà del suo sogno, poi perchè nulla
irrompesse della confusa bufera d'odio che si scatenava nell'animo
mio!»

Lady Helvellyn tacque, strinse le mani una nell'altra. Forse soffriva
ancora, al solo ricordo della tortura di quel momento.

— Da quel giorno, — continuò dopo un istante — cominciò la mia aperta
lotta col fantasma di Mrs Alloys. Come Giacobbe coll'angelo, lottavamo
in silenzio, nella notte, nella sua notte, contendendocene il possesso.
M'intendi?

Assentii, chinando gravemente il capo. La intendevo allora, in quel
luogo, in quel momento.

Ella proseguì:

— La mia rivale fu più forte di me.... mi vinse. Forse lo credetti
soltanto, forse tutto ciò non era che un sogno febbrile del mio amore.
Sia come vuolsi, io credetti che nella tenebra di Alano ella imperasse,
escludendomi. Per qualche tempo giacqui in un'inerte disperazione.
Poi pensai ad andarmene, a scomparire. Ma egli si era abituato alle
mie cure. Aveva bisogno di me. Io non avevo ancora avuti figliuoli.
Ora nell'amore _vero_ della donna c'è sempre qualcosa della madre...
nevvero?

Assentii di nuovo. Poichè così è veramente, per quanto sembri strano ed
incredibile.

— Egli era cieco, aveva d'uopo di cure amorose, aveva d'uopo di me.
Rimasi al suo fianco, con una pietà infinita di lui. Forse egli pure
lottava, nell'isolamento della sua notte... Ammalò in quel tempo
e temetti di perderlo. E allora fu che per la prima volta balenò
nella mia mente un'idea, l'idea d'incarnarmi nella sua illusione,
di risuscitare per lui in quella morta, alla quale non avevo saputo
sostituire me stessa...

Le afferrai violentemente la mano.

— Tu?... — gridai — tu?

— Io... — rispose sorridendo e con volto dolce, indulgente. — Povera
Ninì Montelmo, nevvero? Dapprima, non voleva morire. Si ribellò a
lungo. La sua agonia fu lunga, stentata. Rammenti quanto era tenace,
vigorosa in lei la vita personale... il sentimento del proprio essere?
Pure, acconsentì...

— Ma come? — interruppi con impeto — come hai potuto...

— Non me lo chiedere.... Lo ignoro. Questo so, che raggiunsi lo
scopo, perchè lo volli, perchè amavo Alano, perchè lo volevo felice, a
qualunque costo.

Successe una pausa. Ella anelava alquanto. Ma subito proseguì:

— Volevo una completa metempsicosi. Volevo diventar lei... quella
morta. Non mi limitai a rappresentare il personaggio, una parte di
commedia non sarebbe bastata. Bisognava che mi tramutassi nell'esser
suo, quale era stato. Recisi della mia vita tutto ciò che non era il
mio intento, non pensai più al paese, al passato, agli affetti di Ninì
Montelmo. Acquistai quanti ritratti potei trovare di quella donna,
la copiai nelle sue acconciature un po' eccentriche, ne' suoi gesti,
nelle attitudini descrittemi da chi l'aveva conosciuta. Lessi, rilessi,
studiai a mente tutte le sue biografie, quanto i giornali avevano
pubblicato sul conto suo. Seppi di una governante, vissuta lunghi anni
con lei, e tanto feci ch'ella venne ai miei servigi. L'aveva molto
amata. Grace Alloys era una di quelle donne che, anche senza volerlo,
si fanno amare universalmente. Dall'affetto che le aveva poetato quella
donna, dai suoi minuti e garruli ricordi, io ebbi tutte le nozioni
giovevoli al mio scopo, essa fu il mio pubblico di prova, quando volli
tentare il primo effetto della mia metempsicosi. E il giorno in cui
ella, guardandomi attonita, commossa, mi disse che le rammentavo tanto
la sua povera signora, quel giorno trionfai e piansi... piansi a lungo.

— E tuo marito — chiesi — non s'avvide?...

— No, non s'avvide. Guarì, e mi parve che a misura ch'io m'addestravo
alla mia nuova parte, egli fosse più sollevato, meno oppresso dalla
sua sventura. Cantavo di frequente ed egli me ne pregava talvolta.
Osservai che a poco a poco egli tralasciò di chiamarmi per nome; diceva
semplicemente: mia cara. Il nome di quella donna non varcò mai le sue
labbra, ma egli non parlava mai dell'Italia, nè delle circostanze del
nostro matrimonio. Gradatamente, tutto ciò che riguardava il passato
venne meno nelle sue parole. Vidi che l'illusione sorgeva tacita,
insinuante, attorno a lui... che lo cullava delle sue segrete dolcezze.
Avevo prese tutte le abitudini della vita inglese, vivevamo con una
grande intimità soli, nel solo presente, nell'orbita dell'illusione che
entrambi alimentavamo, vivendola in silenzio, come in un sogno.»

La voce di lady Helvellyn s'era fatta debole ed inespressiva, pareva
che ella stessa parlasse come in sogno e il suo sguardo aveva la
fissità languida di quello di una persona che sta per addormentarsi.

Si scosse però tosto e un'espressione perplessa, quasi angustiata,
mutò, ad un tratto, la sua fisionomia.

— Ci fu un tempo terribile, — proseguì — un tempo di mortale angoscia,
dei giorni in cui, non ancora ben divelta dal mio primo ente, non
riuscivo a penetrare che in parte nello spirito del secondo. Lo spirito
mio oscillava spaventato fra quelle due frazioni, avverse, ostili una
all'altra, di scissa personalità. Mi accadde talvolta, tant'ero presa
all'amo della mia menzogna, di non sapere più precisamente chi io
fossi... Ma non posso spiegarti tutto ciò... non posso...

Si torceva le mani, compresa del suono assurdo, incredibile delle
sue parole. Pure io la credevo, allora, come noi donne crediamo a
ciò che non possiamo intendere, per una misteriosa simpatia del solo
sentimento.

Si calmò e mi sorrise.

— Ma quel tempo passò, e venne la quiete, il senso della mia entità
di un tempo si assopì gradatamente in me e la ribellione si acquetò.
Divenni madre e scordai il tempo in cui non lo ero stata. Le
circostanze, l'ambiente, l'isolamento, tutto contribuiva a favorire la
fantastica esistenza che ci eravamo fatta. La seconda delle mie bambine
era alquanto delicata, i medici consigliavano l'aria di mare. Alano
acquistò il _yacht_ e volle chiamarlo _Lux_, dicendo che veramente in
esso si conterrebbe la sua luce... Cominciammo a viaggiare, contenti di
questa esistenza che perpetua ovunque il nostro isolamento e che giova
alla salute di tutti noi. Da sei anni erriamo così... veri zingari dal
mare. Egli non mi propose mai di navigare verso l'Italia. Nè io glielo
chiesi. Ora andremo a visitare i porti della Scandinavia. Ed egli è
felice... credo.

— E tu? — chiesi per un impulso irresistibile, pentendomi subito
dell'indiscreta domanda.

Ma ella non parve trovarla tale.

— Io pure, — disse con fermo accento. — Mi sono fatta al mio destino,
l'ho accettato in tutta la sua incredibile anormalità. Non ho
rimorsi... Nè Dio, nè gli uomini potrebbero chieder più da una donna.
Ho amato, e non a modo mio. Ti ricordi dei consigli che mi desti
un tempo, d'esser docile, di amare come si può, non come si vuole?
Ebbene, così ho fatto. Ho rinunziato alla mia ed ho assunta l'entità
di un'altra persona, perchè il ricordo di questa persona era più caro
di me stessa all'uomo che io amavo. Ti pare ora ch'io sia abbastanza
semplice... elementare?

La guardai, ma non la vedevo bene; avevo gli occhi velati di lagrime.

— Perchè piangi? — mi disse con grande semplicità. — Sono felice
adesso: l'amarezza della morte è passata. E, chiunque io sia.... egli
_mi_ ama!

Ora aveva finito e si riposava. Mi alzai e mi feci presso ad uno dei
finestrini. I piccoli spettri solari danzavano sempre sulla parete e
le cortine si torcevano, folli e musicali, nella stretta del vento. Il
Mediterraneo palpitava sfolgorante di sole, movendo verso la infinita
luminosità dell'orizzonte celeste. Ed io pensai che più profondo, più
luminoso, più infinito del cielo e del mare riuniti è talvolta l'amore.

Una voce risuonò sul ponte.

— _Boat... ooh!_

Lady Helvellyn si alzò e venne a raggiungermi. Le accennai una lancia
che pareva dirigersi alla volta del yacht.

— I bambini — disse — ora li vedrai.

Suonò un campanello ed impartì alcuni ordini. Poco stante, si udì
sul ponte un gaio brusìo di vocette infantili e un momento dopo
la brigatella irruppe nel salotto, seguita da un piccolo stuolo di
governanti. Tre amori di creaturine! Si aggrupparono attorno alla madre
con visibile adorazione, ed ella me li presentò tutti e tre, con mal
celato orgoglio. Poi chiese alle governanti dei loro diporti.

Parlava inglese, ora, un inglese stretto, genuino, che mi parve mutasse
ad un tratto il suono stesso della sua voce. Sul suo volto non rimaneva
traccia alcuna della recente emozione; era un'espressione al tutto
calma, impassibile, quella che il giorno prima, al Cercle, mi aveva
resa sì crucciosamente incerta. La persona aveva nuovamente assunta
l'attitudine che non le conoscevo. Compresi che Lady Helvellyn era
tornata, volontariamente o no, ad immedesimarsi della sua seconda
esistenza. E, stranissima cosa, la mia stessa emozione si era calmata
in quel frattempo, mi pareva di essere accanto ad una persona che
avessi da poco conosciuta, quasi un'estranea. Pure, dopo un istante,
ripensando intensamente a Ninì... la ritrovai in quella estranea.

Mi sentivo turbata, affaticata. Tutto ciò mi faceva male. Quella
vicenda sì rapida, sì balenante d'impressioni urtate, stancava
nervosamente il mio spirito, come la perpetua danza dei riflessi acquei
stancava il mio sguardo. Dissi che bramavo far ritorno a casa.

Ella non si oppose, ordinò che fosse approntato il canotto. All'ultimo
momento, mentre eravamo sul cassero, presso la scala d'approdo, ella si
chinò al mio orecchio, e mi susurrò una strana parola:

— Scordami.

Ma poi, con subito impeto appassionato, mi strinse al seno, in un
veemente abbraccio. La sua mano afferrò un lembo della mia giacchetta,
come se volesse trattenermi, il suo sguardo acceso, bramoso, mi avvolse
tutta, mi afferrò, mi ricercò, m'impregnò di un'onda magnetica di
rammarico, di scongiuro, d'incertezze folli... Fu un lampo. Lasciò
andare la mia giacchettina, ci sorridemmo scambievolmente con un
sorriso vago... come stanchissimo.

Scesi, e subito rivolsi il capo all'insù, per guardarla, per vederla
ancora una volta. Ma ella aveva già lasciato il cassero.



Vecchia celia.


Il treno ripartì.

Sulla piattaforma della piccola stazione, la viaggiatrice, testè
discesa da una carrozza di prima classe, rimase immobile, come incerta.
Nessuno degli impiegati la conosceva. Era sola e non aveva bagaglio.
Una borsa da viaggio ricchissima. Inglese, attillata la foggia della
spolverina. Un ampio velo marrone le era calato sul volto non più
freschissimo, ma fino ed affascinante. E, nel complesso della persona,
come nel più minuto dei particolari, era in lei il marchio inimitabile
della vera signora, la rivelazione di tutte le raffinatezze di
un'esistenza finamente mondana.

Qualcosa pure, però, d'una stanchezza languida ed uggita.

S'avviò con lento passo verso l'uscita. Nel varcarla, chiese al
bigliettario:

— Ci sarebbe una carrozza per recarsi in paese?

— Sì, signora. È venuto il vetturino. Guardi.

Davanti all'entrata esterna della stazione, stava infatti uno
sgangherato calessino e un giovanotto sventolava, con un fazzoletto
di cotone azzurro, i fianchi d'una vecchia cavalla, corsi da continui
scotimenti nervosi, sotto le rabbiose punture delle mosche cavalline.

— Comanda, signora? — chiese alacremente il giovane, agitando lo
scudiscio davanti a lei, che, nuovamente immobile, guardava la campagna
circostante, come per orientarsi.

— Comanda, signora?

A quel secondo appello, ella si scosse e fece un cenno di adesione,
senz'altro.

Il vetturino era già in serpa. Si voltò:

— Dove comanda?

— Monteforte, alla villa.

Un _ahoo_ imperioso, una chioccata di frusta, e via.

La strada era bella, tutta vaghezza di colli e pompa autunnale di
campagna. Ma pareva triste in quel giorno senza sole, nella bianchezza
afosa del tempo rannuvolato.

La signora interpellò ad un tratto il cocchiere:

— Siete il solo vetturino di Monteforte?

L'uomo, un buon diavolaccio, che amava le chiacchiere coi suoi clienti,
rispose prontamente:

— Sì, signora! E ce n'è anche di troppo, coi bei tempi che corrono,
e queste ferrovie e tram che si cacciano dappertutto. Son cinque anni
che abbiamo la stazione. Per quel che fa, potevan lasciar di farla e di
rovinar noi altri poveretti. Non c'è commercio da queste parti. Miseria
grande, e altro.

— Non ci sono signori, dunque?

— Oh di quelli ce ne sono... Ma son tutti signori di denari, soltanto,
son venuti su dal niente e taglierebbero un quattrino in croce. C'era
bensì, una volta, una casata di signori veri, i conti di Monteforte,
che venivano l'autunno; allora si stava allegri e andava bene per
tutti, ma adesso...

— Adesso? — continuò la signora, che pareva prendere un certo
interessamento al colloquio.

— Adesso la cuccagna è finita. Da quindici anni, non ci vengono più, e
chi la fa grassa sono gli agenti e i fittabili.

— Lo so — disse la signora. E davvero lo sapeva.

— Mah! — proseguì il vetturino. — Succede sempre così, a non guardarci.
I padroni non capitavano mai... mangia tu che mangio anch'io; fatto sta
che ora la casa e i terreni, è tutta in vendita.

— Lo so — disse ancora la signora. Tacque, rannuvolata in viso.

Il vetturino ebbe un lampo d'ispirazione. Quella era venuta per visitar
la villa, per comperarla, s'era di suo genio.

Contento della sua trovata, prese a lodare con astuzia diplomatica il
paese, l'aria, i terreni, la campagna.

— Brava gente, sa... rispettosi, lavoratori. Tante persone pulite, fior
di gente! Il prevosto, il coadiutore, il curato... C'era un certo Don
Giulio, un po' vecchio ormai, ma ch'era sempre il maneggione di tutto.
Famoso pei malati e per scongiurar le talpe. Corpo!... non c'era il
compagno. Poi un curatino...

S'interruppe ad un tratto ed arrestò la cavalla.

— Guardi, signora. Di qui si vede bene. Quella è la villa.

Accennava, collo scudiscio, un'amenissima altura, e, a mezzo del
pendio di questa, un vasto caseggiato signorile, attorniato da un
ampio giardino. Un lungo viale di ippocastani finiva dinanzi al portone
della casa, e davanti alla facciata meridionale di questa si stendeva
un'ampia terrazza, cinta d'una balaustra di ferro leggiadramente
intagliata e coperta di arrampicanti. I portoni serrati, le finestre
chiuse tutte quante.

La signora si rizzò a sedere sui cuscini e fissò a lungo gli sguardi su
quella villa.

— Bel luogo... eh!... — suggerì il vetturino. — Vedrà all'interno poi,
che bellezza, che specchi, che mobili! Io veramente non ci sono mai
stato; ma mio padre, che ci andava sempre per portar le lettere ai
signori...

— Che! — interruppe vivamente la viaggiatrice — sareste mai il
figliuolo del Gaspare?

Il vetturino si voltò, meravigliato.

— Per l'appunto. Ma allora, scusi..., lei ci è stata da queste parti?

La signora chinò il capo, con un fare svogliato e s'allungò sui cuscini.

Per un buon tratto di strada, fu silenzio. La cavalla trotterellava,
scotendosi dietro la carrozza sul terreno disuguale e sassoso. La
signora non reagiva punto contro i villani sobbalzi, dovuti alle
pessime molle del legno, la sua persona abbandonata pareva anzi
assecondare quelle brusche scosse.

Un giovane, di civile aspetto, passò sulla via, gettando nell'interno
della carrozza uno sguardo attonito e curioso che corse poscia ad
interrogare il cocchiere.

Questi scosse il manico della sferza, per salutare il giovane, e lo
interpellò ad alta voce:

— E così?

L'altro alzò le spalle, con un gesto espressivo.

— È andato? — insistè il vetturino.

— No... ma poco ci manca.

Non ebbe tempo di dir altro; rimase addietro sulla strada..

— È un mio cugino che sta male — disse bonariamente il vetturino. — E
quello lì è il nostro dottorino, vede! Gli ho chiesto... perchè quel
poveretto, quello che sta male, sarebbe proprio ora che se ne andasse!

Ella sorrise alquanto.

— È molto vecchio? — chiese.

— Oh no! sulla quarantina, se pure. Ma è mezzo... — Si voltò, e recò
la mano alla fronte, sventolandola energicamente. — Sono due anni ch'è
ammalato, e tre mesi che sta a letto. È ridotto che fa paura. Ma era
un bravo giovane, sa?... di talento, di studio; meno che non aveva la
testa a casa. Dicono che fosse diventato così per uno scherzo che gli
fecero dei buontemponi del paese, anni addietro, d'intesa coi signori
qui della villa... dei signori giovani, che ridevano volentieri!

La signora si rizzò bruscamente a sedere.

— Come si chiama? — scattò a chiedere.

— Si chiama Lattanzio. Il _maes_ Lattanzio, che insegnava alle
Comunali. Bravissimo del suo mestiere, faceva anche delle poesie!
Ma!... era sempre stato una testa un po' matta. Dico io!... andar a
immaginarsi che la signora Contessa....

Una brusca interrogazione gli troncò a mezzo la frase:

— Siamo ancor lontani dalla villa?

— No, signora — rispose attonito il vetturino — un mezzo chilometro, a
dir molto.

— Spicciati; ho fretta.

L'accento era sì duro, sì imperioso che il loquace vetturino ammutolì e
la punta dello scudiscio accarezzò le orecchie della cavalla.

— Che tipo curioso! — pensò il giovane — ora sa, ora chiede, ora vuole,
ora non vuole. Chi diamine può essere?

Lo seppe poco dopo, quando furono all'entrata del viale e quando il
vecchio custode, capitato finalmente, dopo lunghe chiamate, col mazzo
delle chiavi, per aprire il cancello, se le lasciò cader di mano, in
atto d'altissima meraviglia, udendo una nota frase sulle labbra della
signora che scendeva dal legnetto. Non certo ancora, aguzzò lo sguardo
ansiosamente. Ella, ridendo, rimosse il velo... Allora il vecchio
giunse le mani e sclamò, gridò quasi:

— Ah Madonna! è proprio lei... la padrona!

— Corpo! — pensò il vetturino, inebetito dalla meraviglia. — E io che
la piglio per un'acquirente, e a momenti le conto la storia di maes
Lattanzio!...

                                   *
                                  * *

Proprio lei... in persona... la contessa Fulvia di Monteforte. La
fattora l'accompagnava in casa, sbarrava gli usci, spalancava le
imposte nelle sale a terreno, suscitando galoppi udibili di sorci e
fughe disperate di grossi ragni. Il tanfo del rinchiuso si esalava
caldo e nauseante, la rabescatura bianchiccia del salnitro si accusava
sui pavimenti e sugli zoccoli delle pareti e da esse pareva emanare una
piccola frescura, acuta e malsana. Informi cataste di mobili avvolti in
vecchie tele, rompevano qua e là il nudo e il vuoto degli ambienti.

L'assenza dei padroni era stata pretesto a qualche usurpazione dei
custodi. In un piccolo _boudoir_ chinese, un odore acre, intollerabile,
rivelava la presenza del raccolto dell'aglio. Il fattore aveva
impiantato nello stanzino del bagno una specie di rustico studiolo.
In una vasta antisala, dipinta a fresco, eran rizzate delle tavole di
graticci a più piani, sui quali era distesa l'uva, fresca ancora della
recente vendemmia; ma l'ingrato odore dei bozzoli, che avevan primi
occupato il luogo, perdurava.

Le fine nari della Contessa ebbero delle non dubbie vibrazioni, ma
essa nulla espresse del suo scontento, se pure ne risentì. Solo un
istante, come se sentisse bisogno dell'aria pura, venne fuori, e diede
un'occhiata al terrazzo.

Peggio che mai! L'incuria dei fattori, il vandalismo dei villani
avevan presto avuta ragione della regolarità leggiadra dei comparti; la
gramigna aveva invase e divorate le macchie, e i fagiuoli coprivano,
colla tenacità dei loro tenui steli attorcigliati, le cime degli
arbusti di lusso; le bordature eran diventate di prezzemolo e di
insalata, e dai grandi vasi di limoni si riversava un'arruffata
vegetazione di pomidoro. Solo il gelsomino e i due rosai, piantati
appiè delle colonne del porticato, avevan vissuto per conto proprio, a
dispetto dell'incuria. I rosai erano in piena fioritura, e il gelsomino
era tutto in vaga costellazione bianca, e un cespo d'amorino, alla base
d'uno dei rosai, metteva la sua nota pura ed intensa in quel terzetto
di profumi. Un vecchio montone, sporco, colla lana arruffata, pascolava
e dava capate in un piccolo recinto di vecchie canne di granoturco,
addossato al piedestallo d'una muschiosa statua di Bacco. Su una
cordicella tesa fra due colonne del porticato, asciugava, all'afa delle
ore meridiane, tutto un bucatino di robicciuole infantili.

L'agente, che un ragazzo era andato a chiamare, capitò in fretta e
furia, accatastando scuse e complimenti. Era ai prati, pel terzaruolo.

La Contessa congedò la fattora. E così, sui due piedi, l'agente
seppe che la villa e la tenuta erano state definitivamente vendute a
certi fratelli Robins, industriali. Nella vendita era pur compreso il
mobilio, ma, per una convenzione speciale col marito, la Contessa aveva
diritto a rilevare quanto le piacesse del detto mobilio, a prezzo di
stima.

Era venuta per dare le sue disposizioni in proposito. Si tratterrebbe
un giorno soltanto. Lascerebbe a lui la lista dei capi prescelti, e
sarebbe sua cura lo spedirli...

— A Milano? — suggerì premurosamente l'agente.

No.... nè a Milano, nè alla villa sul lago. A un indirizzo nuovo che
avrebbe mandato poi.

Il ricordo d'una bizzarra diceria, penetrata sino a Monteforte,
sul crescente disaccordo fra la contessa Fulvia ed il marito, tornò
repentino alla mente del signor Perelli, l'agente. Ma non ne fè cenno
alcuno, naturalmente.... aveva ben altro pel capo, poveraccio.

Tentò invece di esprimere un decente rammarico per l'avvenimento, che
lo separava dai suoi riveriti padroni. Ma il freddo contegno della
signora non lo incoraggiava a grandi espansioni di rammarico. Due cure
martellavano il buon uomo: la inevitabile resa dei conti e la curiosità
di sapere che sorta di roba sarebbero i nuovi padroni. Stava lì, non
sapendo come congedarsi dopo quel po' po' di notizia. La osservava
perplesso, girando i pollici delle mani incrociate, trovandola magra,
invecchiata, con una ciera brutta.... O che aveva da guardarlo così?
Poichè ella, distratta, lo fissava con aspra attenzione, pensando alle
dilapidazioni che rimarrebbero senza castigo.

Si congedò finalmente con grandi inchini e con grande senso di
sollievo. Era già in giardino, quando s'avvide d'essersi scordato
di offrire la sua governante pei servigi della signora Contessa. Fu
lì lì per tornare indietro. Ma diè una buona crollata di spalle.
Oh s'ingegnasse un po' anche lei. Tanto, non era più la padrona.
Scuserebbe la fattora!

Scusava infatti, la fattora; ma che croce era mai, la buona donna,
con quel suo mulinello di parole! Una ossessione, quelle sue continue
domande.

— La illustrissima signora Contessa comanda di pranzare? A che ora?...

— Alle quattro. Facessero venire qualcosa dalla Trattoria del Leon
d'Oro...

— E dormire? La illustrissima signora comandava?

La illustrissima ebbe un brusco moto d'impazienza.

— Dovunque, non importa. Per una notte sola.

— Oh Signore! Solo per una notte, proprio? Dopo tanto che non venivano,
e ch'eran tanto desiderati?...

Di questo, a dir vero, la Contessa non s'era accorta. Le pareva che
Monteforte avesse fatto benissimo i fatti suoi senza di loro. Ed ella
era scontenta d'esser venuta.

La negletta casa le era parsa una tomba; tutto in essa era triste,
mal destato, dopo quindici anni di vuoto e di sonno. Desinò sola, nel
tinello grande, ove la fattora aveva voluto apparecchiare. Mangiò poco,
serbando un silenzio quasi accigliato, che contrastava coll'incessante
cicaleccio della buona donna. Lo ruppe solo, quasi involontariamente,
quando udì annunziare, fra gli altri avvenimenti, la disgrazia del maes
Lattanzio.

— Ma non è ancor morto! — disse vivacemente.

— No, ma quasi. In agonia, si può dire, da quindici giorni. Quanti
soldi era costata la sua malattia! E che vite gli avevan fatte quelle
due donne, la sorella e la cugina Cesira!

Quel nome non giunse nuovo alla Contessa.

— Una bella giovine, nevvero? la fidanzata di maes Lattanzio? Ma non
s'erano sposati?...

— Mai più. Lui non aveva voluto più saperne quando s'era cominciato
a scaldar la testa. Lei, per la gran passione, fece una malattia e
non volle sposar più nessuno. Quando furono morti tutti i suoi e il
Lattanzio cominciò a star male, ella venne in casa, come serva della
sorella di lui. Tanti la criticarono e le tolsero il saluto. Ma ormai
era vecchia e brutta, poteva anche farlo. E adesso vedesse cos'è
diventata... a furia di nottate e di strapazzi.

La Contessa chiese il caffè, che le fu recato trionfalmente dalla
fattora. L'aveva fatto lei ed era un'abbominevole cosa. Ma Fulvia non
s'inquietò e non disse nulla. Tanto, era l'ultima volta.

— Per fortuna! — pensò con un piccolo brivido.

                                   *
                                  * *

Curiosità, o senso di dovere. I notabili del paese vennero, in corpo,
a riverire la signora Contessa. Essa li vide farsi avanti sul viale.
Solo a misura che s'accostavano, avvertì i mutamenti ed i vuoti. Don
Giulio, il prete che non aveva rivali per scongiurar le talpe, s'era
fatto tutto bianco, ma la robustezza portentosa della tempra serbava
alle forti membra, alle marcate fattezze l'antico marchio, quasi
brutale, di forza e di energia. Piero Massini, il ricco fittabile,
già così grosso, s'era fatto enorme ora, e camminava a stento, come
un vecchio bue. Il tempo pareva invece aver sempre più assottigliati
i contorni della scarsa persona del signor Tapretti, l'ex-sindaco,
e la mobilità nervosa, fuggente, dello sguardo palesava sempre la
nota fondamentale del carattere, una conigliesca insana paura di
tutto. Il famoso Giovannino Prè, il bell'umore, il brillante della
compagnia, proprietario-dell'albergo del Leon d'Oro, c'era non solo,
ma non pareva punto invecchiato; portava ancor bene la snella persona
di ex-militare e la sua faccia accesa, sensuale, aveva serbata la
ilarità maligna di canzonatore spietato, sempre a caccia di grosse
mistificazioni. Fra i mancanti, il farmacista pettegolo, famoso per le
sue distrazioni, il vecchio dottore, facile al bicchiere e celebre per
le sue imprese amorose. Mancavano pure l'astuto, malefico segretario, e
il maestro di scuola, maes Lattanzio. Fulvia pensò a lui, e lo rivide
col pensiero. Rivide l'esile persona, il pallore malsano, le acute
fattezze del magrissimo volto, adombrato da una zazzera divisa in due
portentosi ciuffi, ondulati e lucenti. Vide il suo sguardo ardente
e spiritato, quell'indefinibile assieme di pretesa, di sussiego, di
timidità; rammentò le sue frasi ampollose, arzigogolate, il suo fare
tra impacciato e impudente, quei suoi scatti nervosi che avean del
convulso. Sorrise per un secondo, evocando quella grottesca figura
di pedagogo sentimentale, poi aggrottò le ciglia, pensando che
egli, che il Giovannino Prè, che tutti gli altri di quella volgare
combriccola di buontemponi erano stati per un anno intero ospiti
quotidiani della villa. Rammentò l'acre avversione che aveva dapprima
provata per la loro compagnia. Ma Roberto non tollerava la solitudine.
Rideva di sua moglie e delle sue riluttanze, trovava ridicole le sue
arie scandalezzate, fuor di luogo affatto: Naturalmente, eran gente
impossibile, villani rifatti. Ma giacche non c'era altro, bisognava
prenderli com'erano, e giovarsene, per non morir di noia. Sinchè si
stava in campagna, bisognava adattarsi.

Fulvia aveva capita la lezione e coll'andar del tempo aveva finito
coll'adattarsi anch'essa. Non si ribellava più contro la noia di quelle
insulse conversazioni, contro il ridicolo del grossolano incenso
delle adulazioni, le bizze, i pettegolezzi, le acri piccinerie, le
volgarità serene, inconscie, dei suoi ospiti. Roberto, lietissimo,
rideva di loro e se li aveva sempre d'attorno. Una gaia brigata;
questo sì, sollazzevoli, a modo loro. Si facevano l'un coll'altro degli
scherzi gustosissimi, che Roberto incitava e che lo facevan sbellicar
dalle risa. Il Giovannino Prè era famoso per le trovate... certe
finte citazioni al farmacista, all'ex-sindaco, tanto pauroso, degli
spauracchi da fargli venir la terzana. E così, a furia di pensarne e di
farne, era andato ad inventare la più bella fra tutte le celie, quella
di persuadere maes Lattanzio che la contessa Fulvia fosse segretamente
innamorata di lui!...

A dir vero, maes Lattanzio era un soggetto: unico per ogni specie
di mistificazione. Malsano di mente e di corpo, estroso, un misto di
strane audacie e di codardie, coll'immaginazione male in arnese, con
un vacuo disordine di sogni e di aspirazioni. Era grottesco in tutto,
nell'aspetto e nei modi; solenne nel parlare, pedantesco, con una
spruzzatura di sentimentalismo, che dava l'ultima mano di ridicolo a
quella infelice macchietta di pedagogo.

Sulle prime la Contessa aveva preso a proteggerlo, vedendolo fatto
segno ai dileggi dei buoni amici. Lo aveva fatto per buon cuore e
per spirito di contraddizione, sbadatamente; si divertiva della sua
gonfia gratitudine, dell'ammirazione svenevole ch'egli le tributava.
Non s'era nemmeno accorta dell'esaltamento vago, indeterminato, che la
stessa bontà di lei aveva messo in quel povero cervello. Non avvertiva
ch'egli diventava ogni giorno più brutto, che i suoi ciuffi prendevano
delle dimensioni sempre più torreggianti, e che gli sguardi, già un
po' loschi, del povero maestro avevano delle contorsioni sentimentali
del più bell'effetto.... Ma, in vece sua, se ne accorsero gli amici e
Roberto, il quale apprese pel primo, a Fulvia, ridendo come un matto,
la bella conquista da lei fatta. E Giovannino Prè, cogli altri amici,
ordirono tutto il piano della congiura. Si circuì l'infelice, si
soffiò a piene gote nel suo focherello, a piene mani vi si gettò esca
e paglia; tanto si disse e si fece, ch'egli finì col cader nella rete.
Confidò a Giovannino il suo amore per la Contessa, e il Giovannino finì
col confidargli ch'egli aveva forti motivi di credere che la Contessa
nutrisse pure una segreta, ma violenta passione per l'erudito maes
Lattanzio.

Figurarsi l'infelice maestrucolo!... Quel po' di buon senso, ch'egli
poteva aver serbato, naufragò completamente nella piena dello smisurato
suo trionfo. Egli credette. Tutto abboccò ciecamente di quell'esca
grossolana e crudele. Una spina soltanto in quella grandinata di
rose... la troppo giusta gelosia del marito.

Roberto figurava d'esser solo insospettito. Ogni tanto, saettava
occhiatacce truci al maestro, che allibiva. E dopo queste scene
mute, quando maes Lattanzio, sgomentato, se la batteva discretamente,
perchè non succedessero disgrazie, quale immenso scoppio d'ilarità
fra i congiurati! Come rifacevano le mosse, gli attucci, il contrasto
di mimica amorosa e cauta di quell'imbecille. Tanto che la Contessa
doveva finire col ridere anche lei del successo della celia.... Ella
pure vi recitava la sua particina. La recitava maluccio, esagerandola,
come tutte le esordienti; ma il maes Lattanzio, nella serenità del
suo convincimento, non badava pel sottile: credeva e tirava via! E
così il divertimento si prolungò all'infinito. Solo quando ne furon
sazi, quando si vide il Maestro pressochè esasperato dalle speranze
sempre deluse dal caso, si combinò con vera abilità una specie di
catastrofe. Una lettera intercettata, le smanie gelose di Roberto,
che giurava di sterminar l'audace..., la disperazione, le lagrime
dell'innamorata Contessa..., la possibilità, anzi l'inevitabilità
di un duello. Il Giovannino aveva quasi rapito il Lattanzio, l'aveva
costretto ad allontanarsi, sinchè si fosse potuto placare l'adirato
consorte. Il Maestro s'era generosamente adattato ad allontanarsi per
salvare la Contessa, e intanto gli amici avrebbero placato il Conte.
Intanto, invece, era venuta la fine della dimora in villa, il Conte e
la Contessa erano partiti; e chi si rammentava più di maes Lattanzio e
di Monteforte, nella gaia ed elegante baraonda d'un carnevale passato
a Napoli? Solo per qualche tempo i due sposi rammentarono, ogni tanto,
ridendo, quell'episodio. Poi venne un tempo in cui Fulvia e Roberto non
risero più assieme. Ognuno rideva ormai per conto suo, e non certo a
proposito di una vecchia celia, scordata da entrambi!

Ma lì, in paese, la ricordavano sempre, e, durante la visita dei
notabili, tornò in campo anch'essa, frammezzo ai ricordi dei lieti
giorni e ai rammarichi per la lunga assenza dei signori. Quanto si
erano divertiti, quanto avevan riso alle spalle di quel povero maestro
Lattanzio, eh! eh!

Ridevano ancora, in coro, con dei grossi scoppi d'ilarità chiassona,
triviale, ai quali la Contessa non era più abituata, e che
determinavano nell'intimo suo delle lievi crispazioni nervose. Pure,
per un acre senso di curiosità, ascoltava non solo, ma interrogava.

— Ah! E poi, cos'era accaduto?

Il Giovannino Prè la informò minutamente di tutto, con grande
compiacenza. Era accaduto che quel poveretto, tornando dall'esiglio e
non trovando più la signora contessa, era rimasto «di carta», e s'era
disperato. Poi, un po' per la paura avuta, un po' per lo strapazzo del
correr dietro a quell'eterno appuntamento sempre mandato a male da un
caso impreveduto, s'era buscata una fiera malattia, e poco mancò non
andasse al mondo di là sin d'allora. Poi, quando fu ben guarito, gli
amici dissero ch'era stata tutta una buffonata, una cosa per ridere.
Credevano di fargli un bene... eh! una carità perchè si desse pace.

— Già!... E lui?

— Lui invece... la prese tutta a rovescio. Avesse visto che occhi,
che furie! Diventò come disperato; cominciò a far il diavolo in casa,
in scuola. Già, era sempre stato un po' strambo; ma d'allora in poi
divenne così inquieto che alcuni parlavano di farlo ritirare, ma i
suoi non vollero. Sua sorella e sua cugina, una giovane ch'egli doveva
sposare... la Cesira... si ricorda?...

Ella assentì con un cenno. — E poi?

— E poi, rimase sempre così, come scombussolato nel cervello; ma
a poco a poco diventò più quieto. Tutti lo canzonavano, si sa, ma
egli canzonava noi, dicendo che s'era benissimo accorto della nostra
malignità, che parlavamo per invidia, mentre tutto ciò ch'era accaduto
era vero verissimo. E per quanto gli dicessimo, non si volle mai
ricredere. Sicchè, può immaginare quanto abbiam riso ancora!

— Però — disse timidamente il fittabile Massini — dopo si persuase.

— Si persuase un corno — ribattè vivacemente Giovannino. — Non
parlò più, perchè noi gli eravamo subito addosso a minchionarlo; ma
faceva certe faccie... che si capiva che nel suo cuore, era certo...
certissimo, benchè...

Ammiccò maliziosamente, ma qualcosa, nello sguardo della Contessa, gli
suggerì di soggiungere in fretta:

— Matto da legare, s'intende... Mah! poveretto!

La visita fu lunga; per quel benedetto vezzo che hanno certe persone di
non saper mai trovare il momento buono per andarsene. Pure non era per
alcuno una visita piacevole. Ognuno pensava, guardando la Contessa: non
è più lei. Non tanto per gli anni trascorsi, nè pel mutamento fisico,
era ancora bellissima; ma qualcosa d'indefinibile aveva fatto della
gaia sposina d'un tempo una donna inquieta e inquietante nella stessa
sua calma. Era gentile, e s'informava dei fatti d'ognuno con mirabile
sforzo di memoria; pure, sentivano d'esserle diventati al tutto
estranei. Poi non sapevano come interpretare la sua venuta a Monteforte
e come chiederle di Roberto; ella stessa avea parlato sì fuggevolmente
di suo marito!

I visitatori erano molti, ma parevano sfumare nella nuda vastità della
sala, a mala pena rischiarata da una lucernetta, la sola che la fattora
avesse saputo approntare. Si parlava a mezza voce. Seduto accanto
alla contessa, il brillante Giovannino Prè tentava invano di animare
la riunione. Parecchi rammentarono che a quel posto soleva stare bene
spesso maes Lattanzio. A proposito; peggiorava sempre e si dubitava che
potesse passar la notte.

Finalmente se ne andarono, in corpo come erano venuti, incerti,
disorientati. Ella disse che sarebbe partita la domane, senza
aggiungere schiarimenti di sorta. Non s'incomodasse pure nessuno, non
aveva fissata l'ora della partenza. Sperava di rivederli, era grata del
buon ricordo... Ma essi avvertivano in quelle parole qualcosa che le
rendeva vane, e pareva dare una smentita indefinibile al loro stesso
significato.

Ella rimase sola nel grande salotto, fatto tepido dalla dimora di
tante persone. Avevan fumato, e l'odore dei sigari rimaneva, acre,
disgustoso... La Contessa si ritirò subito. Era stanchissima.

                                   *
                                  * *

Aveva detto che non gliene importava nulla, che dormirebbe dovunque.
Pure, quando vide che la fattora le aveva preparata l'antica camera
coll'alcova, quella ch'ella aveva occupata un tempo con Roberto, ebbe
una impressione sgradita. Il letto era fatto, la fattora aveva messi i
lenzuoli grandi, d'un sol telo, coi quattro cuscini ricamati, recanti
sulla fodera le cifre intrecciate _R. M._ (Roberto Monteforte). Fu
quasi per dirle: — Mettimi altrove. — Ma poi disse a sè stessa: — Che
importa? sono stanca, dormirò subito.

Ma non dormì subito. Il sonno se n'era andato ad un tratto, ed ella
guardava attorno a sè. La camera era vasta, gaia, semplicemente
arredata. Le pareti eran dipinte a paesaggio, una campagna aperta,
con molto cielo. L'alcova figurava una grotta di tufi chiari, e dagli
interstizi di questi pendevano dei ciuffi d'un verde tenerissimo,
imitazione molto libera di felci e di capelvenere. Qua e là, per
figurare forse le segrete linfe, lumeggiavano dei pezzi di specchio
incastrati nella parete. Sopra il letto un baldacchino bianco,
sostenuto da freccie di legno dorato. Ai lati due acquasantini
d'argento con due angioletti di stucco, oranti, coll'ali tese.

Uno sgomento colpì improvvisamente Fulvia, quando l'alto silenzio
della notte l'ebbe al tutto isolata in quel calmo ambiente. Le
parve di trovarvi una grave eloquenza di paragoni e di accuse. Si
sentì giudicata da quella quiete, le parve che tutte quelle cose,
rivedendola, non la riconoscessero più; si rammentò di quanto essa
aveva troppo, irremediabilmente scordato e sentì la nota dissonante
ch'ella recava in quella pace, piena ancora della purezza e dei sogni
del passato. Un rammarico acuto la colse, un inesplicabile senso di
tenerezza amara per quel luogo, per quelle pareti. Poichè ella quivi...
quivi soltanto era stata veramente felice! Illusioni, forse. Anzi,
certo... Ma lì aveva vissuta quella vita d'illusioni, e forse non le
avrebbe perse tutte, se fosse rimasta nel loro nido. — Ora tutto se
n'era andato. Illusioni e il resto. Venduto anche il nido..., l'altare
dell'ultima fede. Per qualche giorno soltanto aveva il diritto, la
possibilità di restarvi. Non era già più suo.

Se ne doleva ora e volle poscia deridere in sè stessa quello strano
senso di cruccio. Ma non le venne fatto... Tenne a lungo lo sguardo
fisso sul lucignolo vacillante della pessima candela che le aveva
data la fattora. Si scosse, le parve di sentire un gran caldo nella
persona. Aprì la finestra di centro e vi si affacciò. Una cupa notte,
ingombra di nubi tenebrose. L'atmosfera era umida per la pioggia già
caduta e per quella imminente. Sulla fuliginosa bassura dell'orizzonte
spiccava il vasto tracciato della campagna, cogli accavallati profili
dei colli. Tutto il rimanente: un nereggiamento cupo e caotico. Ogni
particolare naufragava nell'oscurità; le grandi linee emergevano sole
da quell'oceano silenzioso delle tenebre.

Ella vide quel nero, e si ricordò. Nella tenebra della sua mente, del
suo cuore, vide alzarsi nude, gigantesche, isolate nell'ombra le grandi
linee della sua vita.

Pure rammentava anche un grande e caldo sfolgorio di luce.... Oh le
estasi, le gaiezze dei primi tempi del suo matrimonio, quando era
passata, senza transazione, dal chiostro a Monteforte, dalla solitudine
alle braccia di Roberto! Oh le rivelazioni del dio ignoto... di se
stessa, del mondo intero! Il suo pazzo amore per Roberto! Che paradiso
le era parso Monteforte!... come aveva sognato di vivere colà in
perfetta solitudine con lui, bastandogli in tutto come in tutto egli
era bastevole a lei! Una consacrazione reciproca, tale era stato il
sogno di quel folle cuore. Ma Roberto era più saggio di lei. Sapeva
che siffatti metodi non sono possibili, e glielo disse non solo, ma
glielo provò. Per previdenza, per farlo durar più a lungo, egli anacquò
il vino della sua felicità. Escluse l'idea dell'isolamento; ricercò
invece la compagnia degli amici. Volle compagni, commensali, corteo di
clienti, grati e festevoli.

Li aveva sempre d'attorno, sempre; ed ella finì coll'abituarsi. Fece,
giorno per giorno, delle concessioni, piccole, ma continue, tolleranze
bonarie di motti e di frasi equivoche, ovvero della grossa libertà
di espressioni che gli ospiti usavano talvolta, incoraggiati dal suo
silenzio, dalla sua indulgenza sconfortata. E così, di concessione in
concessione, s'era giunti sino all'episodio di maes Lattanzio.

Ella era quasi insorta, allora; un innato senso morale, una ripugnanza
istintiva le aveva suggerito di non prestar mano a quell'ignobile
tranello. Ma poi Roberto, gli amici, una malsana curiosità di provar sè
stessa...

Alla lunga, finì col divertirsi ella pure delle assurde smanie del
maestrucolo. Cominciò a metterci un certo impegno, come una bimba
che si prova a far la signora. Fece _in corpore vili_ l'esperienza
dell'esercizio d'un potere che a lei stessa si rivelava solo a misura
ch'ella andava esercitandolo, s'impossessò dell'arte di sedurre senza
amare, di quanto, cioè, havvi nella donna di più basso e sleale. E, in
quel gioco crudele, ella e gli altri perseverarono ridendo. Poi, quando
ebbero riso a sufficienza dell'imbecille che aveva osato credere,
quando ebbero irritate, esasperate sino alla follia le assurde passioni
di colui, la celia non ebbe tempo di farsi stucchevole. Finì ad un
tratto, senza inconvenienti, per la partenza dei signori.

Erano stati assenti per 15 anni. Che le era accaduto in quel frattempo?
Nulla di speciale, nè di strano. Era entrata in società, il mondo
l'aveva presa e presto foggiata a modo suo. Roberto l'attorniava
ancora dei suoi amici. Senonchè ora, questi erano giovanotti garbati,
educatissimi, bei nomi, belle fortune, modi attraenti; talvolta avevano
dello spirito, o l'arte di simularne il possesso. Tutti avevano delle
avventure. Le signore che la attorniavano, ch'ella prendeva subito
ad amare, erano giovani, elegantissime, non tutte incolumi dal soffio
della maldicenza, alcune avevano anzi un passato alquanto discusso e
un presente discutibile. Essa le imitava per piacere a Roberto. Roberto
s'era presto emancipato, a dir vero, dal legame dell'amor conjugale, e
la voragine mondana ebbe facile ragione degli ultimi suoi scrupoli. A
un tratto, bruscamente, Fulvia si seppe tradita.

Credeva di morire, tanto ne sofferse... Ma non morì. Voleva separarsi
da suo marito; non si separò. La prima volta perdonò, perchè l'amava
ancora; la seconda, perchè non lo amava più. La terza, ahimè, la
terza!...

Tutto ciò era venuto lentamente, a furia di piccole rinunzie, di
concessioni successive. Un po' colpa sua, un po' di Roberto, degli
amici, delle amiche..., dell'aria che respirava. Anche in quel nuovo
ambiente, ella aveva avute dapprima delle ribellioni intime, qualche
velleità di lotta, che abbandonò poscia, come aveva abbandonato quelle
di Monteforte. E in fondo, in fondo, guardando bene, mutate le forme,
le parvenze, il vestito, il linguaggio, era pur sempre la stessa cosa!
Il feroce egoismo, la bramosia dei facili piaceri, il vuoto delle
menti, l'orrore alla semplicità ed alla serietà, il segreto cinismo
degli animi. A conti fatti, era tutt'uno... Ella non lottò e non vinse,
nè a Monteforte, nè altrove.

Fulvia fu indolente e sfortunata; non seppe trovare nè amici sinceri,
nè consiglieri leali; non fu atta a suscitare, in chi l'attorniava,
affetti duraturi e giovevoli. Soffrì talvolta.... Fu offesa,
sinistramente giudicata da alcuni, e incrudelì, alla sua volta, con chi
non lo meritava. Si perdette in dettaglio, a spizzico: senza unità, nè
grandiosità d'immolazione.

Credette d'amare e s'accorse, troppo tardi, che, ciò che aveva creduto
una passione, non era stato nulla più che un capriccio; provò delle
ebbrezze manchevoli, incomplete, ravvisò bene spesso bruscamente dietro
le parvenze d'una cavalleresca poesia d'adorazione, un feroce vero di
brutalità. S'abituò a disistimare tutti, ed a vivere placidamente in
mezzo alle persone distimate, si fece un'amara e beffarda idea della
vita e del cuore. Mentì per vezzo, per spirito di difesa e di vendetta.
Tra essa ed il marito, dopo le prime scene violente, una bella pace di
tomba, una tacita e bassa convenzione di libertà reciproca.... purchè
fosse evitato lo scandalo.

Ma nello scandalo appunto ell'era di recente incappata. Uno scandalo
volgare, del quale le amiche ridevano dietro il ventaglio, dicendo che
quella povera Fulvia si era proprio resa impossibile, ormai!

In quel lento naufragio era andato travolto, oltre il patrimonio
morale, anche il ricco censo dei Monteforte. Scialaquo, noncuranza,
rovinoso bisogno di continui svaghi. Roberto s'era accorto, un bel
giorno, che sua moglie tornava ormai troppo cara alla sua dignità
e alla sua borsa. Allora si pensò al rimedio, e questo fu pronto ed
efficace. Così l'amore, il dovere, il legame eterno, tutto finiva in
una grande liquidazione generale.

E dopo quella: ognuno per sè e Dio per tutti!

Fulvia non si ribellò... Alzò le sue belle, bianchissime spalle. Un
sollievo, quasi, quella completa rottura col passato e con Roberto.
Non si fermò a pensare. Andrebbe avanti ancora, come prima, ciecamente.
Parte della sua dote era rimasta incolume. Vivrebbe a Parigi, a Nizza,
a Roma. Ebbene, meglio così!

Ma ora, lì a Monteforte, affacciata alla finestra dell'antica sua
camera, ella non diceva: meglio così! Misurava tutta l'estensione
della sua sventura. Si sentiva sola e indifesa, sentiva tutto ciò che
aveva perduto. La vecchia dimora aveva risuscitato il vecchio tempo,
ridestate le antiche voci. E una sincerità nuova, crudele pareva
levarsi dal fondo di quel baratro nero, ch'ella involontariamente
interrogava e che le rispondeva la verità. Tutto ciò ch'ella aveva
scordato, negletto nel suo pensiero, si ridestò colla tortura d'un
nuovo aspetto. Ella rammentò i primordi puri e beati, l'intorbidarsi
primo della serenità del cuore e della coscienza, la prima menzogna,
la prima bassa condiscendenza. E la vecchia celia, commessa così alla
leggera, per ridere, scordata da tanto tempo, campeggiò nettamente in
quella vertigine di ricordi angosciosi, parve capitanare tutte le altre
avventure della sciupata esistenza di quegli anni, le vere cadute, le
debolezze vergognose e codarde, i capricci insensati e dannosi, tutto
ciò che a gradi a gradi aveva mutato e pervertito quel fiacco animo
di donna, e resolo ciò ch'ella era oggidì, ciò che si sentiva ora
chiaramente nella pace immutata e nella solitudine dell'antica dimora!

Curvò la testa sul davanzale e colle aride mani si costrinse la fronte.
Per un minuto s'inabissò nel vuoto della sua disperazione. La sua
perfetta immobilità parve una morte di più, nella quiete sepolcrale
della notte.

S'alzò poscia, chiuse la finestra e si coricò.

Aveva seco un libro, e si provò a leggere, per conciliare il sonno o
per distrarsi, ma non raggiunse nè l'uno scopo, nè l'altro. Le venne
invece una strana ossessione. Le parve d'esser la Fulvia di allora, la
sposa innamorata e felice.

A un tratto, di fuori prese a piovere. Ma, sulle prime, ella non
riconobbe lo strepito della piova; balzò a sedere sul letto origliando,
con un violento battito del cuore. Le goccie cadevano rade ancora,
picchiavano regolari e frettolose sulla ghiaia del vialetto che correva
sotto le finestre, imitando quasi lo strepito di un passo baldo,
spigliato.

A Fulvia parve per un secondo il passo di Roberto. Tornava così, la
sera tardi, dopo una seduta cogli amici al Leon d'Oro. Tornava, e
lei, che lo aveva sì a lungo atteso, riconosceva il suo passo con
un delizioso tremore. Diceva a sè stessa, esultando: è qui! Dava una
rapida occhiata agli specchietti più vicini, le stava bene la cuffia,
così? Si accomodava in fretta, poi giù, cogli occhi serrati, a finger
di dormire per fargli dispetto, per esser destata, come al solito, con
un gaio bacio. E mentre egli saliva le scale, il cuore di lei, quel
folle, sciocco cuore batteva, batteva.

Ricadde a giacere, con un beffardo sorriso. La piova cadeva
regolarmente ora, e non somigliava più ad un baldo passo.

Nella turbata mente di Fulvia era passata soltanto, come un razzo nella
notte, l'immagine di Roberto, colla sua bellezza d'Apollo e col suo
sorriso di amante. L'ombra era nuovamente infestata da un disordine di
vacue larve. Ma torreggiante, distinta, perdurava la precisione d'un
ricordo simile ad un incubo: la pallida faccia, la smorfia sentimentale
e grottesca, gli occhi spiritati ed i lucidi ciuffi di maes Lattanzio.

                                   *
                                  * *

La notte era trascorsa e l'ospite attesa, la grande ospite nera, non
aveva puranco picchiato alla porta di maes Lattanzio. Un alto silenzio
regnava nella casetta del docente, e nella sua camera pareva quasi
avverarsi una sosta dell'angosciosa aspettazione. L'inquieta veglia
finiva in una calma quasi serena.

Tutto in ordine, pulito e ravviato. Due seggiole accostate ai letto,
un lavoro di donna tuttora giacente sul copripiedi, facevano fede
d'una sorveglianza femminile e recente. La sera prima avevan recato
il viatico, e la camera serbava ancora un leggero profumo d'incenso.
Una coperta a fiorami era sciorinata sullo scrittoio, e i libri
del maestro, ammonticchiati uno sull'altro, formavano una specie
d'altarino, tuttora sormontato da un piccolo crocifisso.

L'ammalato era quieto, immobile nel letto pulitissimo e cogli occhi
languidamente socchiusi, collo sguardo nitido ancora, ma già attonito,
già stanco forse di trovarsi a contatto delle cose umane. La luce del
giorno fatto entrava, grigia e malinconica, dalle finestre, solo a
mezzo schermita dalle imposte accostate, e nel suo semi-chiarore moriva
quello d'una lucernetta d'ottone a petrolio, tuttora accesa e posata
a terra in un canto. Una donna, seduta davanti a un tavolino, dormiva.
Il sonno doveva averla colta a tradimento. La mano distesa sul tavolino
serrava un rosario intralciato fra le dita, e il capo posava con grave
abbandono sull'avambraccio. Il respiro della dormiente suonava lieve e
regolare; quello dell'ammalato aveva delle lunghe intermittenze; pareva
per qualche secondo, cessare affatto, poi ricominciava, lievissimo
dapprima, più forte poscia e quasi roco, alzandosi finalmente sino al
diapason d'un piccolo rantolo. Poi, daccapo con quella strana, brusca
interruzione.

Egli non dormiva. Viveva e sentiva. E tese l'orecchio, udendo, ben
prima d'ogni altro, un passo leggerissimo, esitante, che veniva
accostandosi alle scale poi un — Si può? — sommesso, che aspettava, e
si ripeteva poscia, senza alzarsi oltre la misura di un bisbiglio.

Qualcosa come una leggera contrazione passò sul volto di maes
Lattanzio; il suo sguardo ebbe un'attenzione intensa, quasi
soprannaturale.

— Cesira! — egli chiamò — Cesira!

Quel filo di voce fu bastevole a destare la giovane. La persona ebbe
una scossa brusca, il capo s'alzò con impeto, lo sguardo corse al letto
con un'interrogazione angosciosa.

Rassicurata, la Cesira balzò in piedi, venne accanto al letto, chinando
sull'ammalato la sua faccia stravolta.

— Sono qui, eccomi, ti occorre qualcosa?... Vuoi la Margina?

Ma egli scosse il capo. Accennò l'uscio, presso il quale il timido — Si
può? — si iterava, dolce e musicale.

— Va ad aprire.

La Cesira obbedì. — Un momento dopo, campeggiò sulla soglia l'alta
figura della contessa Fulvia di Monteforte.

Le due donne si ravvisarono subito, si guardarono incerte, quasi
ostili, per un secondo. Ogni traccia di gioventù e di bellezza era
scomparsa nella Cesira. Nei suoi poveri panni, la persona s'allungava,
magrissima, ascetica quasi, nell'estremo affinamento delle forme.
Ell'era pallida e vecchia. Stanca delle lunghe veglie, stanca di avere
sì a lungo lottato per allontanare la morte. Stanca come Giacobbe, dopo
la vana lotta coll'Angiolo.

La Contessa pure era pallida e sbattuta. Non aveva chiuso occhio, e
solo un capriccio morboso e prepotente l'aveva chiamata colà. Ma la
vita è così fatta che la Cesira, obbedendo al fascino d'un istinto,
s'inchinò, mormorando una frase di saluto ossequiente, davanti a quella
donna che per niente, per ridere, le aveva tutto tolto nella vita. Così
il vicino povero salutò forse il vicino, padrone d'innumeri armenti,
che gli aveva rapito l'unico agnello, per imbandirlo all'ospite suo.

— Come va? — chiese Fulvia a voce bassa.

Quella di Cesira non tremò, nè fu incerta nel rispondere. Essa alzò il
capo, con una mossa altera e ribelle.

— Muore — disse laconicamente, raccogliendo le mani sul grembo.

                                   *
                                  * *

Fulvia non poteva spiccarsi di là.

Margina, la sorella del maestro, scesa poc'anzi, le aveva accostato un
seggiolone appiè del letto. Ella vi sedeva, immersa in una specie di
fredda contemplazione, collo sguardo fisso sul morente. Egli giaceva
disteso e composto. Sul candore del guanciale la zazzera incolta,
cresciuta a dismisura, metteva un'ampia macchia d'un nero lucido
d'inchiostro. Il volto era mutato, ma riconoscibile; serbava tuttora
l'impronta della crucciosa caricatura dell'espressione. Lo sguardo
errava attorno alla Contessa, con visibile sforzo, assumendo una strana
indole di dubbiosità. Una mano, del colore della cera, posava quieta,
lunghissima, sulla rimboccatura del lenzuolo.

La Cesira s'era messa a fianco del guanciale, la sua posa era dura,
rigida; ella pareva davvero una sentinella della morte. La Margina
s'era allontanata alquanto; piangeva, col volto rivolto verso la
finestra. Ma le sue lacrime scorrevano senza strepito. Il solo che
s'udisse era quello rotto, incalzante del respiro di maes Lattanzio,
quella vicenda alternata di crescendo e diminuendo, la solfa, quasi
musicale, dell'ultimo appello.

                                   *
                                  * *

Non andò guari che la piccola camera fu quasi piena di gente.

Gli amici, venuti per udire l'annunzio della sua morte, salirono,
udendo con sorpresa come egli fosse ancor vivo. Ma l'aspetto di lui non
valse a rasserenarli, ed essi rimasero senza parola dinanzi a lui, e
dinanzi alla strana visitatrice che sedeva immobile, taciturna, appiè
del letto. Come mai... la Contessa?...

E quel silenzio sì grave, sì assoluto impressionava i sopraggiunti. La
grossa persona di Pietro si dissimulava dietro il tavolo, e Giovannino
Prè chiedeva notizie alla Cesira, abbassando la voce sino ad un
susurro. La faccia dell'ex sindaco era tutta un tremito di piccoli
contorcimenti nervosi. Don Giulio conferiva in segreto colla Margina.
Le pareva... sarebbe ora per gli olii santi?..

A un tratto, con una mossa che non diè strepito di sorta, la Contessa
si alzò e si fece presso al malato, per salutarlo. Depose la destra
inguantata sulla nuda e livida destra di lui.

Allora accadde una strana cosa... La mano di Lattanzio, con una
lentezza stecchita di movimento, si ritrasse..., si alzò, si
sovrappose, _essa_, sulla mano di Fulvia.

La Contessa taceva e non si moveva, come se quel contatto l'avesse
tutta impietrita. Un ipnotismo generale inchiodava su quelle due mani,
così unite, tutti gli sguardi degli astanti.

Maes Lattanzio sollevò alquanto il capo, e il suo sguardo, lottante
colla prossima tenebra, si confisse in quello della Contessa. Dalle sue
labbra violacee, che parevano ogni secondo più ritrarsi di fianco alle
gengive, escì netta, precisa, una domanda: — Era vero?

Una vampa di fuoco passò sul volto di Fulvia, lasciandolo poscia d'un
pallore appena secondo a quello del morente. La sua persona ebbe un
piccolo spasimo visibile. Esitò un secondo...., e ciò ch'ella visse in
quel secondo le sarà forse contato nel gran giorno.

Ma l'errore, l'esitanza, tutto fu vinto.

— Sì, — disse chiaro, lentamente — Era vero.

Allora egli, con un inesprimibile sforzo, rimosse lo sguardo da lei e
guardò Giovannino Prè. E nella contrazione convulsa delle fattezze che
si alteravano rapidamente, nei prodromi faticosi della fine, un sorriso
funebre e grottesco, un sorriso di trionfo e di scherno, si disegnò
sulla bocca di lui.

Si disegnò e rimase.

                                   *
                                  * *

Poche ore dopo, la Contessa partiva. Temeva di perdere il treno, e il
vetturino, lo stesso che l'aveva condotta, costringeva alacremente al
corso la magra cavalla. Il legnetto fuggiva, sobbalzando forte sulla
strada maestra. E come se tuttora lo inseguisse, giungeva sempre più
fievole dal paese, discosto ormai e celato dalle alture, il rintocco
lento di un'agonia!...



Gita Estiva.


I.

A Firenze, in un caldo meriggio di giugno. Passando a caso per _quella_
via il barone Leonardo Folgardi alzò lo sguardo verso il palazzo e vide
aperte alcune finestre del primo piano.

Attraversò la via, varcò la soglia del portone ed entrò in portineria
per chieder ragguagli.

La portinaja non ne fu avara. Donna Costanza era in città da due
giorni, sola. — La contessa Clelia era rimasta in villa a Terbeno.
Desiderava far passare ambasciata?

Egli rimase alquanto perplesso. Desiderava di riverir donna Costanza,
certamente, e gli pareva strano ch'ella non lo avesse fatto avvertito
del suo passaggio in città.

— Riceve donna Costanza? — chiese finalmente.

La portinaia esitò alla sua volta. Veramente, aveva ricevuto ordini....
Ma trattandosi di lui, proverebbe.

Si accostò al portavoce e la chioccia frase s'ingolfò nel tubo.

Dopo un istante di attesa la donna si voltò e disse:

— Passi, signor Barone.

Leonardo salì il ricco scalone di marmo e trovò sul pianerottolo
Gaetano, il vecchio domestico, il quale lo salutò col rispetto dovuto
ad un intimo amico di casa e lo informò che donna Costanza contava di
ripartire all'indomani mattina.

Nulla infatti era stato mutato dell'assetto di riposo degli
appartamenti. I velluti e i broccati dei mobili stavano appiattati
sotto lo schermo delle coperture. Gli specchi, i candelabri, le lumiere
tralucevano dietro il velame delle garze che le avvolgevano. — Le
ampie e fastose sale parevano assopite nel silenzio fresco della loro
penombra. Il barone fu introdotto nel salottino verde, quel bel salotto
ove ella riceveva gli amici e dove egli aveva passate tante buone e
simpatiche ore. Com'era vuoto ora, pareva devastato! Coperti tutti
i mobili, scomparsi gli innumeri ninnoli. Un tavolino soltanto era
scoperto e sovr'esso giacevano alla rinfusa alcune lettere.

Il barone attese alquanto, poi vide alzarsi una portiera e farsi avanti
una bella signora che lo salutò cordialmente, porgendogli la mano.

Egli s'inchinò e baciò quella mano.

— Buon giorno, Leo — disse gaiamente donna Costanza. — Come avete fatto
a snidarmi?

— Per caso. Passavo, vidi aperte le vostre finestre e venni a chieder
di voi. Perchè non mi avete scritto?

— E chi vi dice ch'io non v'abbia scritto?'

— Ma non ho ricevuto niente.

— Accade talvolta che una lettera non sia subito recapitata. Guardate,
eccola qui, la vostra lettera.

Prese una fra le parecchie buste che stavano sul tavolino e la mostrò
a Leonardo, il quale vi lesse infatti il proprio indirizzo. Allungò
la mano, quasi istintivamente per prenderla, ma Donna Costanza, con un
rapido gesto, ritrasse la busta.

— No, lasciate stare, non importa ora. Sedete piuttosto e
chiacchieriamo un pochino.

Ma egli non sedette.

— Non voglio disturbarvi. Chissà quanto avrete da fare. Non potrei fare
qualche cosa per voi? Venni solo per mettermi a vostra disposizione.

— Vi ringrazio. Ma non mi occorre nulla. Ho fatto tutto in questi due
giorni.

— E vi riposate?

— Non ancora. Mi riposerò meglio.... più tardi.

— Domani?

— Domani — rispose donna Costanza lentamente, come trasognata — domani?

— Contate di ripartire domani?

Essa lo guardò un istante come incerta — poi disse a bassa voce:

— Sì, partirò domani.

La sua voce aveva un accento che sorprese Leo e gli fe' lievemente
aggrottare le ciglia.

— Non so che dirvi — osservò poscia — per quanto me ne dolga
personalmente, comprendo che con questi calori desideriate di tornar
presto al vostro delizioso Terbeno. Che c'è di nuovo, laggiù? Che fa la
contessa Clelia?

— Oh! la zia sta benone! Ma si annoia assai. È troppo giovane per star
volentieri in campagna.

— Scusate, è sui sessanta... se non erro.

— Non importa. Tutto sta nel carattere, nevvero? Per ora, non c'è
male. L'ho lasciata alle prese colla conversione politica del nuovo
Cancelliere.

— Ma quando il nuovo Cancelliere sarà convertito?

— Oh allora!...

Corrugò la fronte, con impeto bizzarro. Poi sorrise sedendo, con una
mossa piena di abbandono, sul piccolo sofà coperto.

— Troverà.... si occuperà altrimenti, farà benissimo anche senza di....

Si arrestò bruscamente e mutò accento.

— Andiamo, via, non sorridete, non la canzonate così, quella mia povera
Zietta. Vi accerto che vale assai più di me. In realtà, son io che ho
la sua età ed ella ha la mia.

— Trentatrè anni — disse Leo. — Strana cosa, una donna che dice la sua
età. È vero che potete dirla....

E poteva dirla, in fatti. Donna Costanza era bella. La sua persona
serbava proporzioni snelle ed armoniche, l'assieme aveva un fascino
speciale, una delicata proprietà di attrattive. Certo, non era più
giovane, scorgevi qualche indizio di piegoline sull'epidermide del
volto, qua e là più marcate, specialmente attorno agli occhi ed in
lotta perpetua coll'ardente luminosità di questi, un'impronta come
di intime e misteriose lassezze. Molti capelli bianchi, specialmente
sulla fronte. Ma con tutto ciò, nulla di vinto, di finito in lei. Tutto
il suo essere tradiva un'individualità risentita ed emanava una vaga
seduzione, fatta ad un tempo di forza e di femminilità speciali.

Non piaceva sempre nè a tutti. Era molto giornaliera, aveva facile la
stanchezza, pur essendo vivacissima talvolta e piena di brio. Parecchi
n'erano stati innamorati e avevano tentato invano di farsi amare.
Pareva nata per l'amore, certi momenti, pure ella era o più saggia o
più forte della propria attitudine.

Vedova da cinque anni, assai ricca, era da tutti preconizzata ad un
secondo matrimonio, ed a questo la spingevano incessantemente parenti,
amici e voce pubblica. Era stata più volte richiesta in isposa, aveva
sempre detto di no, soggiungendo modestamente: per ora.

Sacrificava alle esigenze del pubblico, vivendo con una sua vecchia zia
ch'era, in fondo, molto più mondana di lei.

Andava molto in società, recandovi una perfetta serenità di spirito
che alcuni chiamavano non sincera. Riceveva degli uomini d'ingegno e
di cuore, aveva, fra essi, alcuni saldi e veri amici. — Si sparlava
un poco, vagamente di lei, senza nulla precisare, attribuendole ora
una perfezione nell'arte del simulare, ora una freddezza innata ed un
orgoglio smisurato.

Taluni erano scontenti, come aizzati dall'incerto che emanava da quella
signora, tanto donna nel suo aspetto, tanto statua nel suo vivere e nel
suo contegno. Perchè non si maritava? perchè non faceva come le altre?
come mai destava, senz'averla, l'idea della passione! Qualcuno aveva
sorriso, parlando di donna Costanza Varalli e di Leone Folgardi.

Ma il sorriso non si propagava, cadeva, solitario, nel vuoto. Qualcosa,
nella severa grazia di quella donna imponeva il rispetto alla parola
non solo, ma anche al pensiero.

I suoi amici dicevano di Leonardo, ch'era timido. Le amiche di lei,
dicevano che quella cara Costanza era troppo abile per compromettere
l'avvenire; il momento cioè in cui si deciderebbe a sposare quell'uomo.

La verità vera?... Questa:

Egli l'amava e l'aveva sempre sognata sua. Lo sognava tuttora.

Ma aveva presa l'abitudine di rispettare profondamente quella donna,
sin da quando ell'era la moglie dell'amico suo. Sapeva ch'ella non
poteva amare suo marito, ma sapeva altresì che lo stimava, che viveva,
tranquilla con lui, se non felice. — Quando ella fu libera, Leo tentò
più volte di fargli intendere quanto egli sarebbe fiero e beato da
poterle dare il suo nome. D'altro.... non si parlò mai fra quei due.

Erano veramente amici.. Essa ne aveva parecchi, ma fra essi Folgardi
teneva un posto distinto, l'amicizia ch'essa gli dimostrava aveva
profumo speciale, una vaga, quasi aerea, forma di affettuosità.

E questa era sì cara, sì teneramente necessaria a Folgardi che egli
tremava di perderla, di alterare quel bizzarro statu quo, in seno al
quale gli anni, quasi cullati, erano trascorsi dormendo.

Non passione, dunque: no. Ma un sentimento speciale, bizzarro, tutto
sui generis, uno di quelli che non sono l'amore tutto quanto, ma forse
la più delicata frazione di esso, l'amore cioè senza il suo dispotismo.

Questi sentimenti vivono di poco assai, coloro che li provano soffrono
sempre alquanto, ma dolcemente, con una continua ed intima voluttà,
fatta insieme di una vaga rinunzia e di una vaga attesa. — Il più degli
uomini ridono di questi amori e ancor più ne ridono il più delle donne.
Ma non importa, esistono.

Donna Costanza però non ne rideva. Solo a volte, ella, sì intelligente,
pareva stranamente ancorata nella serenità della sua: non intesa. Le
era accaduto di pensare in modo commovente all'avvenire del suo amico,
gli aveva fatto parola or di una or d'altra amica sua, delle signorine
tanto care, così bene educate, tanto atte a fare la felicità di un
gentiluomo! Ma il gentiluomo in questione si trincerava alla sua volta
in un sistema di non intesa, e assentiva con sì languido entusiasmo
agli elogi delle damigelle tanto carine che donna Costanza aveva perso
ogni speranza di convertirlo. — Forse, in fondo, proprio in fondo al
suo cuore di donna, era una vaga compiacenza che l'amico fosse così
impenitente. Chi lo sa?

Così si eternava, fra quei due, quel vago incerto di amore, che non
impediva loro di essere amici e di vedersi di frequente con una cara
e reale cordialità, cui non nuoceva una specie di segreta tendenza a
contraddirsi vicendevolmente.

Anche stavolta, per esempio, si stuzzicavano e ridevano. Egli l'aveva
un po' amara con donna Costanza perchè ella non gli aveva scritto della
sua gita a Firenze.

Poi c'erano delle aggravanti. — Egli era lì da due ore (benchè avesse
detto d'essere venuto solo per un momento) e non aveva ancor nulla
indovinato del perchè della non preannunziata escursione. E gli pareva
pallida colei, aveva certi inquieti sguardi, certi subitanei tremori
nella voce. Una espressione strana, diversa dal solito, certi momenti,
d'una serenità voluta, forzata, che non gli garbava affatto.

Parlavano di cose indifferenti. A un tratto, egli troncò quei discorsi
vani e le chiese reciso:

— Cos'avete?

Ella arrossì, come una colpevole, ridendo, però.

— Io?... Ma nulla. Voi sognate, mio caro!...

Gli occhi di lui ricercarono l'anima di quella donna.

Ella tralasciò di ridere, sorrise dolcemente. Poi soggiunse con grande
quiete:

— No, indovinate; ho in mente una quantità di cose, di progetti....

S'arrestò a un tratto, obbedendo ad un'intima esitazione.

Egli insistè, cautamente, come scherzando:

— E non si potrebbe sapere...? Sono tutti misteri?

— Sì — disse ella gajamente. — Misteri.... per l'appunto.

— Ma brava!... Mi rallegro.... E non volete dir nulla? Nemmeno agli
amici? Pensereste forse a emanciparvi?

Ella battè forte le mani:

— Precisamente! Ecco; avete trovata la parola. Mi emancipo.

Aveva assunto, per dir ciò, un fare biricchino, quasi provocante, col
suo visetto animato, cogli occhi accesi di un vago fuoco di sfida. Egli
aggrottò le ciglia e rimase muto per un istante, poi tentò d'indagare,
attenendosi al tono di celia:

— E non temete di essere sgridata tornando a casa domani? che dirà
donna Clelia?

Con sua grande, somma sorpresa, Leonardo vide un'espressione angosciosa
passare sulla fronte dell'amica. Essa ebbe un sospiro, poi un sorriso,
poi un lieve brivido.

— Si abituerà.... — disse poscia.

— Che!? — sclamò Leo.

— Si abituerà — ripetè Costanza. Tacque alquanto, poi soggiunse
gravemente: — Nessuno è indispensabile a questo mondo, sapete? Ed è
meglio così.... pel caso mio.

— Ah! c'è un caso vostro, attuale?

— Mio, attualissimo, palpitante di attualità.

— Un segreto?...

— Un segreto se volete.

— E se non volessi?

Ella esitò un secondo, come sconcertata.

— Oh! vi prego di volere — disse poscia ridendo. — Si tratta di sì
breve tempo!...

— Ah! una sorpresa, allora? Piacevole?.... Per tutti o solo per me?

— Ma come siete curioso? Non sarebbe più una sorpresa se ve ne dicessi
qualcosa.

— È vero, sono indiscreto.

Tacquero.... ridendo entrambi. Ma subito il loro riso venne meno. Si
guardarono con uno strano sgomento. Ed ella abbassò gli sguardi ed il
suo petto si sollevò, anelante.

Una tristezza senza nome invadeva il cuore di Leonardo, un'irritazione
dell'enigma doloroso che emanava da quella donna. Ella sorrideva
tuttora, con visibile sforzo, il labbro aveva un piccolo tremito
convulso.

Egli si alzò, ed ella nulla fece per trattenerlo. Gli chiese solo
sommessamente:

— Andate?

— Sì, è tardi e dovete aver bisogno di riposarvi. Niente incombenze
dunque?

— No, grazie.

— Neppur dalla sarta? Incredibile: ovvero ci siete già stata? Questa
toilette è nuova e vi sta benissimo.

Involontariamente, lo sguardo di donna Costanza corse allo specchio più
vicino; ma il cristallo n'era velato, ed ella si mise a ridere.

— Ben mi sta, vedete? Ancora Eva e sempre Eva.

— Eva è immortale ed è la più cara creatura che sia mai esistita.
Quell'abito è fatto secondo le più prette regole dell'estetica. Oserei
chiedervi come si chiama quella stoffa?

— Foulard des Indes — rispose donna Costanza. E con un gesto
involontario, quasi tenero, fe' correr lenta la mano sulle morbide
pieghe della sua gonna.

Ma tosto, precipitosamente la ritrasse, mordendosi le labbra.

Egli la studiava ancora, ritto, col cappello in mano, col cuore pieno
di dubbiose impressioni.

— Dunque vado — disse finalmente. — Non divulgo il segreto della vostra
dimora?

— No, ve ne prego.

— Devo ripassare stasera? Fareste una trottata dopo pranzo? No?...
Ebbene, riposate. Se posso giovarvi, comechessia, onoratemi dei vostri
comandi.

Aveva ancora di quelle vecchie formole e stavano bene in bocca sua. Si
chinò a baciare la mano di donna Costanza. Gli parve che quella mano
tremasse un poco, che fosse arida, calda sotto le sue labbra. Gli occhi
avevan pure qualcosa di febbrile, lo sguardo una specie di smarrimento
vago, doloroso.

— Siete stanca? — gli chiese — soffrite?

— No; addio.

Ma non ritrasse la mano, ch'egli teneva tuttora fra le sue.

Quei due si guardarono ancora, col fascino delle loro arcane angoscie.
Egli, sopratutto, cercava d'imporle la forte potenza della sua
penetrazione di indovinare il mistero di lei. Ma essa lo celava,
rigida, fissando lui.

Leonardo lasciò andare la mano di quella donna. Gli era venuta una
strana tentazione, quella di serrarla sì forte da attirar lei, tutta
quanta, sul suo cuore. E quando ella fosse lì, chiederle aspramente:

— Ma cos'hai, tu, cosa intendi di fare?

Non fece nulla di ciò. Fece bensì qualcosa di insolito, le disse
qualcosa che non aveva mai osato dirle.

— Sentite, donna Costanza. Oggi non vi intendo. Mi parete un'altra,
non siete voi. Qualcosa vi turba, questo è certo. Parmi avvertire che
abbiate presa una risoluzione. Quale sia, non lo so. Questo so e vi
dico: Che il giorno in cui abbiate d'uopo di un cuore devoto, tutto
vostro, in qualunque modo, sotto qualunque titolo, ebbene, quel giorno
ricordatevi di me. E ora: a rivederci e buon viaggio.

Costanza non finse, stavolta, di non aver capito. Una fiamma rosea
le aveva suffuso il volto. Il suo sguardo profondo seguì Leo sino
all'uscio. Ma quando vide ch'egli aveva girata la maniglia, ella ebbe
un appello imperioso ed irresistibile.

— Leo!

Egli si voltò, ma non tornò indietro.

— Donna Costanza?

Ella attese un istante, poi gli disse, assai calma:

— Vorrei pregarvi di un piacere. Intendo fare un viaggio.... un piccolo
viaggio. Sareste libero domani?

— Liberissimo e a vostra piena disposizione.

— Vi dorrebbe di accompagnarmi?

— Donna Costanza!... Ma che bella idea!

— Aspettate a lodarla. Non sapete neppure dove andiamo.

— Dovunque vi piaccia. Attendo i vostri ordini.

— Veramente? Ebbene, allora.... sia. Ma devo dirvi: È un mio capriccio,
sapete, un'ubbia. Non v'importa di non saper nulla, di lasciarvi
condurre dove voglio? Più tardi.... capirete.

— Non ho nessun bisogno di capire nè di sapere. Mi basta d'aver l'onore
di accompagnarvi. Sarebbe dunque per...?

— Per domani alle dieci. Passate a prendermi. Provvedete per un giorno
o due di vagabondaggio. E qualunque cosa accada, checchè vediate,
checchè pensiate, non vi meravigliate di nulla. Non mi chiedete dello
scopo del mio viaggio, non mi parlate dell.... dell'avvenire....
nevvero?

Si arrestò un istante, anelando, poi ripetè «energicamente: — Nevvero?

Egli s'inchinò:

— Così sia. Non più di ciò.... vi prego. Vi ringrazio, domani sarò qui,
alle dieci, e voi mi guiderete dove vorrete.

— Sta bene. A domani.

Pareva, ora, che la presenza di Leonardo recasse a quella donna
un'impazienza dolorosa.

Egli se ne andò sbalordito, felice.... Ma inquieto pure; stranamente
inquieto.


II.

Le dieci.

Echeggiavano ancora nell'aria mattutina quando un landeau di rimessa
si fermò dinanzi al portone di casa Varalli. Dalla carrozza scese tosto
il barone Leonardo. Salì lo scalone, e venne introdotto da Gaetano nel
salottino di donna Costanza.

Essa lo attendeva colà, già in assetto di viaggiatrice, seduta e
calzandosi i guanti. Sulla scrivania non più carte nè lettere. Nulla.

Non era sola. Una cameriera, la vecchia Rita, riponeva qualcosa in un
elegante sacco di cuojo. Il mastro di casa, monsù Polè, ascoltava,
ritto, impalato, dinanzi alla signora, le istruzioni che questa gli
andava impartendo. Ma ella s'interruppe per salutare Folgardi.

— Buon giorno, Leo; siete veramente esatto. Permettete un momento?

Leo s'inchinò, ritraendosi, e mentre ella continuava a parlare col
mastro di casa, egli si permise di contemplarla da lungi.

Era stupendamente vestita per la circostanza, tutta avvolta in un'ampia
spolverina di seta grigia che sapeva essere ad un tempo maestosa e
leggera. Il cappello, grigio parimenti, con un grosso nodo di velluto e
un'ala bianca di colomba. Era assai bella, quel giorno, donna Costanza
Varalli di Terbeno.

Finita la conferenza il maggiordomo chiese se dovesse far avanzare una
carrozza.

— Ci sarebbe la mia — s'affrettò a dire Folgardi.

— Benissimo, — rispose donna Costanza, — mi gioverò della vostra. Oggi
bisogna che a tutto pensiate voi. Hai finito, Rita?

— Sì, signora — rispose una voce tremante, mezzo affogata nel pianto.

Donna Costanza si voltò. — Oh Rita, cosa vedo?...

Questo vedeva: che Rita si asciugava gli occhi colla cocca del
grembiule.

— La signora mi scuserà;.... Ma vede; son tanti anni che la servo ed è
la prima volta che lei va via così... senza di me.

Donna Costanza ebbe un piccolo pallore fuggitivo.

— Ti rincresce... povera Rita? — disse con accento commosso,
dolcissimo. — Ma ti accerto che non è perchè io sia scontenta di te.
Sai, che ti ho sempre voluto bene. Non pensarci, Rita... passerà...
Tutto passa.

Si arrestò, represse un piccolo tremore, poscia proseguì:

— Suvvia, sta di buon animo, non accorarti così. Addio, mia buona Rita,
ricordati di... di tutte le raccomandazioni che ti ho fatte. E ora,
vogliamo andare, Leo?

Egli le offerse premurosamente il braccio e il mastro di casa spalancò
dinanzi a loro i dorati battenti.

Traversarono la lunga fila di appartamenti. Mentre passavano da un
gabinetto di raso celeste, ella alzò gli occhi ad una parete e vide il
suo ritratto ad olio, in grandezza naturale, in veste da ballo, coi
suoi brillanti. — Glielo aveva fatto Guglielmo De Sanctis, a Roma,
pochi anni addietro. Era riuscito stupendamente, di una perfetta
rassomiglianza, trattato coll'intonazione armonica e grandiosa che
caratterizza tutte le opere del celebre ritrattista romano. Donna
Costanza gettò sul ritratto uno sguardo rapido, profondo. Ebbe un lieve
rossore d'orgoglio, sorrise e passò oltre.

Quando furono sullo scalone, ella rallentò il passo. Sul ripiano, si
fermò.

I suoi sguardi percorsero tutto quanto il vasto ambiente, salirono
sino al soffitto, coll'affresco olimpico popolato di Dei in iscorcio,
scesero lentamente, circuendo e come accarezzando tutto; la grande
lanterna antica di ferro, i banchi stemmati, le statue ed i fregi della
balaustra.

Poi ella chinò le palpebre, e così scese l'ultima scalinata.

Quando fu in carrozza si lasciò andare nel suo cantuccio, come una
persona affranta dalla stanchezza. Ma subito si riscosse e si rizzò a
sedere, in quella posa dignitosa e squisita che tutti solevano ammirare
vedendola a passare in carrozza e che le sue amiche cercavano invano di
imitare.

Respirò fortemente e disse al suo compagno:

— Che bella giornata!

Veramente; era una bella giornata. Nella notte c'era stato un forte
acquazzone e s'era lasciato dietro nell'atmosfera una frescura ed una
tersità mirabili. La luce aveva una letizia gloriosa e verginale, la
gente che passava, la frettolosa industre gente del mattino subiva
inconsciamente quell'influenza, i passi erano alacri, serene, ilari le
fisonomie.

Le lastre e le bacheche dei negozi erano brillanti della recente
ripulitura, le cose fantasiose e gentili esposte in vendita avevano una
provocante civetteria di prima offerta. I fiorai giravano, colle ceste
scoperte, colme ancora d'immacolati mazzi di fiori.

Donna Costanza guardava tutto ciò sorridendo, evidentemente rianimata
da tutta quella gaja frescura mattutina. Era un po' pallida, come lo
sono bene spesso, nelle prime ore del giorno, le persone delicate,
ma ciò non le disdiceva e neppure le disdiceva la lieve ombreggiatura
azzurra che si stendeva sotto i suoi occhi. Forse, non aveva dormito
tutta intera la notte.

Ma s'era fatta animatissima ormai, aveva anzi un non so che di
dolcemente biricchino, nuovo affatto in lei e che Leo andava studiando
attentamente. Ogni tanto lo coglieva un dubbio. Cos'era tutto ciò?
Un capriccio crudele? Una prova?... Perchè l'aveva voluto con lei in
quel giorno? Non capiva — benchè avesse trascorso insonne la notte,
pensandoci... Avrebbe sperato molto, con un'altra signora. Ma _lei_ non
era un'altra, era lei... Pensò che era meglio di non pensare. Ed ebbe
ragione... forse.

Scesero alla stazione, ed ella guardò subito l'orologio.

— Le dieci e venti! — sclamò, — manca una buona ora alla partenza del
nostro treno.

— Avete sbagliato i vostri calcoli? — le chiese Leo ridendo.

— No, affatto. Ho calcolato tutto. Avremo così il tempo di far
colazione al Restaurant.

— Il Restaurant della Stazione?... Ma non so se....

— Oh, non importa. Oggi è una giornata... speciale. Ho un appetito!.. E
si fa un pochino _l'école buissonnière_... nevvero?

Facendogli quella strana domanda, ella sorrideva in un modo non meno
strano, un modo determinato, con una sì calma e sì misteriosa audacia
ch'egli ne rimase trasecolato.

Una domanda gli salì impetuosa alle labbra, ma egli non la formulò. Gli
sovvenne ciò ch'ella le aveva sì nettamente imposto il giorno prima, di
non chieder nulla, di non meravigliarsi di nulla. Tacque.

Condusse la signora nella sala del Restaurant e sedette con lei ad un
tavolino già allestito per due persone.

— Comandate voi, — disse donna Costanza, — oggi non voglio prendermi
nessuna briga.

Si toglieva i guanti, lentamente, mentre il suo sguardo errava pel
vasto ambiente, sì diverso da quelli ov'ella viveva. Guardava il
lusso plateale dei sedili di velluto rosso, le dorature annerite, le
volgari cornici dei grandi specchi. Il _buffet_ grandissimo, di marmo,
colle sue innumeri e gaje note di colori, gli aranci, le fragole,
le nespole giapponesi, le albicocche primaticcie, piccine. Sulle
pareti una cervellottica illustrazione di _réclames_, le mostruose
capigliature del rigeneratore Allen, i verdi impossibili dei paesaggi
di stazioni balnearie. Al banco sta la padrona, decorosa e grave, che
tutto vede ed osserva, senza mai toglier gli sguardi dal suo delicato
lavoro di uncinetto. L'impiantito di legno esala il fresco umido della
recente spazzatura, i tavolini piccini, già preparati, invitano, col
candore delle biancherie, coi riflessi lucidi e gai del vasellame. Gli
avventori sono molti, vari, frettolosi, famiglie intere che i papà e le
mamme cercano di sfamare con evidente inquietudine per la scarsità del
tempo, squadre di viaggiatori avvezzi, che non si confondono, aspetti
annojati di oziosi, venuti senza scopo, meste faccie di rimasti che
assaporano il primo senso reale della separazione, qualche tipo di
irrequieto, che un'impazienza imperiosa ha condotto alla stazione prima
assai dell'arrivo di _quel_ treno e che cerca d'ingannare l'attesa
davanti ad un moka o ad un cognac.

Ogni tanto la voce stentorea dell'impiegato, che annunzia le partenze
imminenti, si eleva oltre il brusio delle tante voci. Allora è uno
scindersi di crocchi, un elevar di saluti, s'ode schioccare qualche
bacio di addio, la gente si precipita, affollandosi verso l'uscita.
Al di fuori, dietro le invetriate, corrono le nere moli dei treni,
s'odono il cigolío stridente delle ruote, i fischi brevi, secchi del
vapore che sfugge dai robinetti, le esalazioni gorgogliate, asmatiche
che sprigiona il fumo delle locomotive. Poi, l'entrata chiassosa del
rivenditore di giornali e di orari, quella più pacata, del coltellinajo
ambulante e persino del fiorajo. — Certo; il vecchietto dell'angolo di
via Rondinelli che si spinge il mattino sino alla stazione, in cerca di
viaggiatori sentimentali e di sposi in partenza.

Passa davanti a donna Costanza, la ravvisa e si ferma, salutandola con
grande ossequio ma anche con una certa famigliarità, perchè ella suole
comprar molto da lui, e viene bene spesso in anticamera a scegliere i
fiori ch'egli le reca a palazzo.

Donna Costanza fa colazione. Mangia volentieri un po' d'aragusta, e
ogni tanto si reca alla bocca un bicchieretto di Bordeaux. Quella donna
possiede il raro dono di mangiare con arte. Almeno così pensa Leonardo,
e pensa pure che cara cosa sarebbe il poter far colazione ogni giorno
con lei, non già al Restaurant, ma soli, nella sala da pranzo della
baronessa Folgardi.

Leo ha delle idee nuove e strane. Ieri ciò pareva sì lontano, sì
impossibile; ma oggi essa è con lui, fa colazione con lui... fra poco
partiranno assieme. Per quali estranii lidi? Non può essere, in lei, un
mero capriccio. Ella non è capricciosa. Dunque, perchè?...

Ecco, discorre col fiorajo, ora. Anche per quel vecchietto cencioso
ha una musica sommessa di buone parole, una luminosa bontà di sorriso,
mentre ella ammira le belle, freschissime rose della paniera.

Leonardo diventa audace:

— Permettete, donna Costanza?

Certo, donna Costanza permetteva a Leo Folgardi di offrirle qualche
rosa. Lasciò che egli ammonticchiasse sul tavolino, davanti a lei,
i più belli esemplari della Flora del vecchietto. Solo quando n'ebbe
tante, proprio tante, protese la mano e disse dolcemente:

— Basta ora, vi ringrazio.

Il fiorajo si congedò, con mille complimenti e mille raccomandazioni
che lo facesse avvisato quando tornava di villa, perchè potesse recarle
subito la prima Gran Bretagna.

Ma ella nulla promise. Disse solo: — Addio, fiorajo.

Gli tenne dietro collo sguardo, a lungo, mentre s'allontanava, poi
riannodò con Leo le fila di una buona, ilare conversazione. Prendevano
il caffè ora, lietamente, animati. Intesi solo uno all'altra, si
isolavano, in mezzo alla folla, sempre mutata e che non aveva il tempo
di occuparsi di loro.

In quella giunse ancora un treno; l'onda dei viaggiatori passò davanti
al _buffet_. Alcuni fra quelli di prima classe entrarono. Nel novero,
un giovanotto elegante, con una faccia lunga, pallida ed intelligente.

Entrando, vede quei due. Apparteneva al loro mondo, li riconobbe e
un lampo di viva meraviglia passò nei suoi sguardi, ma per dar tosto
luogo ad una voluta impassibilità. Non salutò, finse di non vederli,
di esitare e di ritrarsi per conto proprio. Quanto era mai avveduto e
discreto, quel caro Peppino Tremiati!

Essi l'avevan veduto, ma Leonardo non ebbe il tempo di salutarlo.
Egli guardò la sua compagna. Ell'era subitamente tornata al pallore di
poche ore prima e la sua mano giaceva un po' tremante, sopra le rose.
Tacquero un momento, col reciproco senso di ciò che pensavano... col
pensiero dei pensieri di Tremiati.

Il colloquio non tardò a ricominciare. Ma non sì franco, sì scorrevole
come prima. In capo a qualche tempo, donna Costanza guardò ancora
l'oriuolo.

— A momenti parte la corsa per Bologna.

Raccolse le sue rose e si alzò.


III.

Soli, nella carrozza di prima classe.

Il treno correva. — S'erano perfettamente aquartierati, sedevano di
faccia nell'angolo del waggon. Le sacche, i scialli, gli ombrelli
giacevano al sicuro nelle reti, le rose prendevano aria, assicurate
alle finestre, davanti alle quali s'incorniciavano, passando, i
paesaggi idillici della campagna toscana, per dar poi luogo alle più
severe prospettive dell'Appennino. I due viaggiatori godevano veramente
di quel viaggetto.

Non pensavano più a Peppino Tremiati, nè a quanto avrebbe narrato
agli amici, del recente incontro. Chiacchieravano sereni, con perfetta
fiducia e completa libertà di spirito.

Almeno, così pareva.

Cominciarono i tunnels.

Non appena il treno s'ingolfava fischiando nella galleria, Leo alzava
il cristallo della finestra. Tacevano entrambi, cullati dal moto
ritmico del treno, dal cupo mormorio delle ruote. I fiocchi delle
cortine danzavano freneticamente sui cristalli, risuonanti come piccoli
tamburi assordati, e la scarsa fiamma della lucerna ad olio metteva
nella carrozza una semi-luce sobbalzante, piena di tremori.

Donna Costanza stava immobile, rannicchiata nel suo angolo colla testa
appoggiata all'indietro, colla mano penzoloni, fuori del gallone,
appeso di fianco alla finestra. S'era tolta il cappello. Il colore e la
linea del suo abbigliamento andavano del paro confusi in quell'incerto
chiarore. Ella pareva vestita d'ombra. Nella bianchezza del volto
suo, gli occhi parevano grandissimi e fissavano come ipnotizzati la
fiamma della lucerna. Il corpo aveva un grande abbandono di posa,
ma questa perdeva molto del suo significato, così accompagnata alla
calma spettrale dello sguardo. Leo avrebbe dato dieci anni di vita per
scrutare l'arcano di quella piccola fronte, sì intensamente pensosa,
come immersa nella contemplazione di cose misteriose e lontane. Egli
non osava interrompere quel silenzio, che pur gli faceva quasi paura;
si sentiva pressochè irrigidito egli stesso, in uno smarrimento austero
della mente, mentre il cuore gli batteva, con un palpito turbato, che
pareva accompagnarsi al frettoloso e cupo rombo del treno nelle viscere
del monte.

All'escita dalla galleria, il fascino si rompeva.

Donna Costanza si chinava con vivace movimento verso la finestra
della quale Leo abbassava prestamente il cristallo. Le due teste si
riavvicinavano, coll'identico desiderio d'aria libera, gli sguardi si
cercavano impulsivamente, come se il giorno ricominciasse da lì!...
la parola tornava facile, eloquente, il colloquio ricominciava vivo,
confidenziale. L'impressione della natura esterna li riafferrava, si
accennavano a vicenda la maestà delle masse granitiche, la dolcezza
verde dei declivi, l'incomparabile bellezza di vedute che la celerità
del treno faceva sfilare davanti a loro, come una rapida successione
di quadri. Spaventosi precipizi, sul lembo dei quali un'accolta di
casupole si penzolava, come un gruppo di curiosi attratti dalle visioni
del profondo. Qualche casetta bianca, ideale, perduta sul profilo del
monte o pel cupo verde di una boscaglia; qualche grande spazio di arido
terreno bruciato dal sole, colla tetra poesia di una maledizione di
sterilità, la maestà d'antenna, superbamente ritta d'un pino isolato
su un'altura, forse l'_einsam baum_ di Heine assorto nel pensiero
fantastico della palma africana. S'interessavano a tutto dalla via,
alle cascatelle irruenti, alle chiesette che pajono sì eloquenti
di Dio, lassù quei luoghi ove sì poca gente sale, faticosamente, a
pregare. Il Reno attirava di continuo i loro sguardi, coi suoi infiniti
meandri di piccolo fiume che assume mille aspetti, che si dà aria di
torrente, di ruscello, di fossato, ora gonfio, ora esile, ora a destra,
ora a sinistra del treno, capriccioso nel suo corso dietro a questo,
come un cane che accompagni il padrone alla passeggiata.

Guardavano e commentavano tutto ciò, ridendo, respirando l'aria acuta
dei monti, colla coscienza di goderne anche perchè la respiravano
assieme. Leonardo si abbandonava con un'intima gioja piena di speranza
alle impressioni di quella gita. Evitava con cura ogni frase che
potesse turbare la serenità di donna Costanza, quel suo perfetto e
fiducioso abbandono. Aspettava: quel capriccio doveva pure significare
qualcosa, approdare a qualche riva.

Erano consci entrambi dell'anormalità della loro posizione, sapevano di
parere due innamorati, ma nessuno di essi accentuava la propria parte
nel duetto.

Forse Leo non era veramente innamorato di quella donna, l'ho già
detto, ma gli pareva assai cara e piacente e fatta per lui. Il mistero
capriccioso di quella gita odorava vagamente di lieto fine, solo
lo turbava l'aspetto strano ch'ella assumeva nella semi-tenebra dei
tunnels, quella inesprimibile malinconia dello sguardo di lei!

I _tunnels_ sono innumeri sulla linea Firenze-Bologna e annojano
terribilmente i viaggiatori. Pure, quei due non parevano affatto
annojati ed il treno entrò nell'aperto sorriso della campagna
bolognese, senza che fra essi fosse avvenuto incidente alcuno. Cioè
no.... sbaglio, ci fu un incidente. Ma sì lieve lieve!...

Solo questo: In una discesa, il treno ebbe, non so come, una
piccola scossa. I viaggiatori sobbalzarono sui loro cuscini, le rose
sobbalzarono pure e fecero atto di cadere fuori della finestra. Due
mani si protesero a un punto per trattenerle, di quelle mani, una
era più grande e l'altra più piccina. Stettero un secondo a contatto,
poi la mano piccina si ritrasse e l'altra la seguì, con una piccola
insistenza tremante che a rigore poteva essere un eccesso di zelo, per
la tutela delle rose, ma la mano di donna opinò che le rose fossero
abbastanza tutelate.

Dopo di che, donna Costanza chiese al suo cavaliere se Bologna fosse
finalmente in vista.

— Siete stanca del viaggio? — le chiese Leo non senza una certa ironia.

— Sì.... — disse semplicemente donna Costanza.

Null'altro... Ma l'accento era sì strano, che Leonardo non fece
commenti. Chiese a sè stesso il perchè della tenerezza malinconica di
quell'assenso, ma non chiese nulla alla sua compagna.

— Siamo giunti — disse di lì a poco, alzandosi per prendere le sacche.

— Siamo giunti! — diss'ella come un'eco. Prese le rose e ne aspirò a
lungo il profumo.

Scesero all'_Italia_, un hôtel simpatico, vecchio, che somiglia poco
a un hôtel, ma ha serbato il carattere di ciò ch'era un tempo, il
palazzo d'un gran signore. Chiesero tre camere, due da letto, separate
da un salottino. Trovarono tutto ciò e s'installarono nel salottino
o meglio sul balcone di pietra che percorreva tutta la lunghezza
dell'appartamento e dava sulla stretta via. Dirimpetto, c'era un
palazzone tanto fatto. L'hôtel e quel palazzo si guardavano di fronte,
da presso quasi minacciosamente, come se stessero per dar di cozzo,
troppo grandi e maestosi entrambi per l'angustia e la miseria della
via sottostante, immagini forse delle vecchie idee nei tempi odierni.
L'hôtel aveva certamente la peggio, in fatto di dignità, con quel suo
aspetto di palazzo: utilizzato colle sue porte numerizzate, col suo
andirivieni di omnibus, colla volgarità delle tabelle e degli affissi
che profanavano la maestosa grandiosità dell'androne, col suo volgare
tramestìo di camerieri. Ma era vivo, e il suo compagno dirimpetto era
morto. Un'uggia malinconica esalava dalle chiuse finestre. A terreno
una sequela di grosse inferriate, tutte ruggine e ragnatele. Da una
di quelle finestre soltanto, quelle forse del custode, sporgeva tra le
sbarre il verde pallido di un vaso di garofani e s'alzava, assieme ad
un cattivo odore d'olio fritto, un eterno e picchettato strepitio di
macchina da cucire. Al sommo del portone, dietro l'ampia corona che
sormontava lo stemma del padrone, una colomba s'aveva fatto il nido e
covava, immobile collo sguardo di madre, attento e patetico.

Leonardo stava alle convenzioni, non chiedeva nulla, non si
meravigliava di nulla. Solo le pareva strano ch'ella dopo aver detto
d'esser stanca, non volesse andarsi a riposare.

E come egli insisteva, donna Costanza ebbe una bizzarra forma di
rifiuto.

— No, voglio restar con voi.

Così, non andò a riposare e rimase con lui, di fronte al vecchio
palazzo disabitato.

La quiete della via pareva salire sino a loro ed avvolgerli in
una maestosa serenità di assopimento. Senz'avvedersene smisero a
poco a poco di mutar parola, smisero pure di pensare, forse per la
stanchezza cagionata dalle gravi tensioni degli animi loro. Ci sono
di questi strani momenti che si vivono così, anche in due, come in
un'indeterminata incoscienza di sogno, colla stessa sensazione d'essere
in vacanza dal pensiero e dal sentimento, in un'accalmia completa
di tutto l'organismo, col senso di esistere, ma senza ingerirsi
dell'esistenza propria. Ciò si prova, talvolta in piena vita, in
piena tempesta di vita. Per un po' piace.... è un momento di tregua.
Alla lunga, sgomenta e la si scuote, perchè somiglia alquanto alla
sensazione della morte.

Leo la scosse pel primo.

— Ebbene, donna Costanza... che si fa...?

Ella lo fissò un momento, senza pensare a lui, il suo occhio semichiuso
aveva un languore eccessivo.... un po' strano. Ci sono varie specie di
stanchezze che si somigliano un poco nei loro sintomi.

Leo si destò completamente e balzò in piedi. Il cuore gli martellava
forte.... Mosse un passo verso di lei.

Essa era completamente desta ed egli non vide dinanzi a sè che la sua
calma amica donna Costanza Varalli di Terbeno.

Sorrisero entrambi. Ognuno aveva ritrovato sè stesso. Leo chiese a
donna Costanza se si dovesse ordinare il the. Sapeva ch'era solita
prenderlo a quell'ora, alle quattro.

Ma ella fece un breve cenno di diniego, poi soggiunse: — Grazie; non lo
prendo più.

— Oh! come mai queste novità? Ma se era la vostra passione. Vi
rinunziate così facilmente?

— Facilmente?... — rispose ella come un'eco. Tacque e il suo sguardo
assunse una espressione di dolore, ineffabile e sacro.

Ma subito ella si scosse e disse a Leo:

— Volete escire?

— Con voi?

— No, escirò stasera.

— Bramate riposare ed esser sola?

— No, affatto!

— Allora, lasciatemi restar con voi.

— Sì — diss'ella con una soddisfazione quasi tenera — restate con me.

Restarono dunque assieme, e pranzarono nel salotto. Un fine
desinaretto. Al centro del desco, in una carafa d'acqua stavano le
rose. Donna Costanza e Leonardo mangiarono lietamente come avevan
mangiato il mattino alla stazione, meglio ancora, cioè, senza la
visione della pallida faccia di Tremiati. Parlarono di cento cose,
godendo delle chiacchiere scambiate, dell'odore e della vista delle
rose, del riposo, di tutte le contentezze del momento. Il che è
certamente quanto di più saggio ed opportuno si possa fare in hac
lacrymarum valle.

Dopo pranzo, calato il sole, escirono in carrozza. Dissero al cocchiere
che andasse a piacer suo ed egli percorse tante belle vie, tutti
palazzoni austeri e monumentali, bucati alla base dei porticati, sì
caratteristici, dentro i quali la penombra del pomeriggio s'allungava
già, progressivamente, come un serpe che distende le anella del suo
corpo. Ogni tanto l'automedonte accennava la tal piazza, la tal chiesa,
la tal via. Commentava ed illustrava a modo suo, con quella parlantina
strascinata nell'accento, ma sì italiana nella frase, che tutti, anche
la gente del popolo, hanno sì facile a Bologna. Ma a poco a poco,
vedendo che i suoi avventori non gli rispondevano, tralasciò di parlare
e un dubbio surse nell'animo suo, che quei due potessero essere due
novelli sposi o semplicemente due innamorati. Non era ben certo, però;
non gli pareva mai d'aver udito, dietro la sua schiena lo schioccare
furtivo di un bacio.

Ciò nullameno, li condusse ai giardini, pressochè deserti in quella
stagione, e lasciò ch'essi godessero in pace di quella meravigliosa
prospettiva di colli lontani e prossimi, tempestati di ville,
dell'ampiezza larga e fresca dei viali, dell'estesa, sì ricreativa allo
sguardo, dei prati testè falciati. Il giorno finiva, grandioso e in
silenzio come un giusto rassegnato. Presso alle cascatelle si levava
una diafana velatura di nebbioline, dalla macchia venivano assieme ai
profumi acuti dell'acacia in fiore, alcuni rotti preludî di gorgheggi.
Nell'immensa frazionatura dei sobborghi qua e là si accendeva un
lumicino, nell'intenso azzurro del cielo, appena velato dal primo
pallore vespertino, qua e là si accendeva una stella.

Quando furono presso il cancello d'escita, il cocchiere si voltò.

Ma la signora disse:

— Ancora un giro.

Fecero quel secondo giro in silenzio, come se la muta dolcezza del
luogo e dell'ora avesse compreso anche le anime di quei due. Vieppiù
si accentuava, in quel momento, la strana sensazione di vivere in
sogno, che già più volte in quel giorno li aveva blanditi e quasi
addormentati. Una voluttà di arcani languori alitava sui loro spiriti,
qualcosa come il fresco sventolio dell'ali di un vampiro sulle tempia
del dormiente, mentre il sangue succhiato se ne va stilla a stilla e
la vittima non sa far altro che morire! Dolcemente però, nella piena
coscienza di sè stessa, sentendo che uno sforzo, un gesto, basterebbe
a salvarla, ma sentendo pure di non poter fare nè quello sforzo nè quel
gesto. Tutto ciò nella più perfetta libertà reciproca, nell'impressione
amorosa della notte.... soli.... vicinissimi. Null'altro che la forza,
la volontà per un secondo. Un impulso, un lieve moto delle persone, uno
stender di mani, un sospinger di labbra, una fusione di due aliti e....
tutto sarebbe stato detto. Ma ciò non avvenne. Perchè?... Quale strana
possa paralizzò in quell'istante la possa di quelle due volontà? Perchè
si ribellarono a loro stessi, ai loro cuori, ai loro sensi? Perchè non
si amarono in quell'istante? Come possono essere queste follie negative
dell'animo? Rispetto o disprezzo dell'amore, coraggio o codardia,
eccesso di vita, o misteriosa insufficienza di essa?...

Così se ne tornarono tranquillamente alla locanda. Nel salire le
scale donna Costanza tradiva nel volto, nel passo, in tutta quanta
la persona un'estrema lassezza. Pareva essersi fatta quasi vecchia,
le sue fattezze erano come stiracchiate, un piccolo tremito nervoso
scoteva le sue labbra, l'occhio aveva una specie di terrore inerte. Ma
ella sorrideva ancora, pallidissima, sul ripiano del grande scalone e
porgendo la mano a Leo, per salutarlo.

— Buona notte, — disse Leo, — riposate bene ed a lungo. Vi alzerete
tardi domattina, nevvero?

Ella assentì, con un lieve cenno del capo.

— Mi manderete i vostri ordini, quando vi piacerà. Spero che dormirete
benissimo.

La cameriera aspettava, accanto a loro, tenendo la bugia accesa fra le
mani. Quando vide che quei due avevano finito di salutarsi aprì l'uscio
della camera di donna Costanza.

Allora questa si scosse, la sua persona si eresse vigorosamente, parve
farsi alta, imponente. Non più traccia dell'abbattimento di un momento
prima — non più stanchezza. L'occhio ebbe un fulgore, risoluto e
sovrano!

Con voce chiara, vibrata, donna Costanza salutò Leo Folgardi.

— Buona notte... — gli disse.

Null'altro.

Poi ella varcò la soglia e la porta si chiuse.


IV.

Leo non poteva decidersi a coricarsi. Faceva molto caldo, in camera
sua. Aprì la finestra e passò sul lungo balcone. Chiuse ermeticamente
le finestre del salotto e quella della camera di donna Costanza.

Era mezzanotte; ogni tramestio era venuto meno nell'Hôtel. Un po' di
lume lunare scendeva di sbieco nella via, sbattendo sulla facciata del
palazzo di fronte un angolo di pallore luminoso. I colombi dormivano,
appollaiati dietro la corona. Giù nel nero della viottola transitavano
scorrazzando delle piccole forme feline, inseguentesi con delle acute
note miagolanti di feroce amore. Da un giardino non lontano giungeva
ad intervalli una indefinita tenuità soave di olezzi e di canti
d'usignuoli... Parve a Leo che giù in fondo alla via, in prossimità
d'un lento e cauto passo, una finestra si andasse aprendo adagio adagio
con ogni cautela.

Tutto ciò lo irritava, senza ch'egli ne sapesse il perchè. Il suo
sigaro gli parve cattivo, lo gettò via. Un vago scontento lo invadeva,
assieme al pensiero di quanto fosse uggiosa la sua solitudine in quel
momento. Ripensava, con una beffarda ironia, a tutti gli incidenti
di quella bizzarra, insulsissima gita. Tutto ciò era stupido in
complesso. Si sentiva vagamente deluso e chiedeva a sè stesso s'egli
non vi figurasse in modo un po' ridicolo, dopo tutto. Come aveva potuto
lasciare che la cosa s'impiantasse a quel modo? Si adirava ora seco
stesso, per esser stato sì obbediente, sì docile allo spirito delle
ingiunzioni di donna Costanza.... Ovvero... fino a qual limite si
stendevano queste ingiunzioni. E se invece?...

Pensò ad un tratto a Peppino Tremiati. Rivide la sua snella persona,
il suo volto lungo e magro, pensò alla celata ironia del suo sguardo.
Pensò a ciò che aveva detto, a ciò che direbbe di lui e di donna
Costanza. Si morse le labbra, sotto l'impressione d'un dubbio brutale
che si accampava dinanzi alla sua esperienza mondana. Si rammentò uno
degli assiomi favoriti di Peppino Tremiati... per l'appunto. O la donna
colpevole o l'uomo imbecille!... Ora; egli rispettava infinitamente
donna Costanza, non poteva ammettere neppur col pensiero ch'ella
fosse... ciò che diceva Tremiati, ma se per caso, se, dopo tutto,
Leonardo Folgardi fosse, egli... ciò che diceva Tremiati?

Leonardo Folgardi si recò all'altra estremità del balcone. Si appoggiò
col dorso alla balaustra di sasso, dirimpetto alla finestra di donna
Costanza.

Guardò e pensò: le gelosie, i vetri, poi le imposte. Dietro le imposte,
la camera. Nella camera... lei.

Il suo pensiero turbato, sconvolto, divampò come una fiamma d'incendio.
— Ella dormiva certamente a quell'ora.... Era stata tanto stanca, sul
ripiano dello scalone. Eppure, all'ultimo momento, che energia suprema,
inattesa, aveva subitamente ravvivato tutto l'esser suo!

L'_essere_ di quella donna, la sua bellezza sì grave e sì pura, la sua
dolcezza pensosa, come assopita, dove si suscitava a un tratto incerta,
velata, una larva di passione che pareva sempre in fuga.

Sulla calma fondamentale dei sentimenti ch'egli aveva sempre avuto per
lei, passò un nuovo, caldo soffio di tempesta. Egli provò un beffardo
pentimento d'averla amata così... sì a lungo...

Derise fieramente sè stesso per la sua pazienza, per l'annientamento
in cui s'era adagiato, della sua contemplazione di devoto. Ebbe un
violento, cattivo ardore di brama.

Colle mani tremanti brancicò le persiane, ne tentò le forti sbarre.
Ma combaciavano perfettamente, tutto era serrato, tutto sfidava il
rabbioso volere delle sue mani. Allora pensò ad un vecchio dramma di
Dumas che nessuno più legge ora, nè ode. Pensò che avrebbe dovuto fare
come Antony.

Senonchè, egli non era Antony. Era un uomo di quarant'anni, saggio e
posato... E poi: far saltare un cristallo, sollevare un manubrio, a
proposito di donna Costanza!

Sorrise dinanzi all'idea schiacciante di quell'assurdo. Sorrise e
ritrasse le mani da quella persiana. Ma la tempesta non si ritrasse sì
tosto dal cuor suo, ed egli lasciò che imperversasse.

Disse solo vagamente: domani, quella parola sì vasta, sì vacua. Certo,
domani egli non sarebbe più com'era stato oggi. Domani, in un modo o
nell'altro egli punirebbe quella donna!

Punirla?... Ma di che?... D'aver avuta tanta fiducia in lui?

Rimase immobile a lungo in una perplessità crudele, profondamente
umiliante per lui. Poichè è duro sempre, per un uomo di quarant'anni,
il momento in cui egli chiede a sè stesso, se ha presa la vera o la
falsa via dell'amore. Poichè ne ha fatta molta ormai e non ha più il
tempo di ritornare sui suoi passi.

Ripetè ancor febbrilmente, con tutte le animosità e il desiderio di un
fanciullo la parola: domani. Risolvette di mancare alla sua promessa,
di chiedere imperiosamente all'amica il perchè di quella gita. Sentì il
bisogno di essere severo, aspro per lei, di chiederle conto della sua
attesa, dei lunghi anni perduti, del languore inerte in cui ella aveva
assopito il cuore, addormentati i sensi di lui. Si sentì ribelle, e un
odio si levò nel suo cuore.... Pure, forse solo in quel momento egli
amò completamente donna Costanza.

Rientrò in camera. — Si addormentò solo a giorno fatto e si destò nelle
tarde ore del mattino. Si vestì in fretta, scese a terreno e chiese di
donna Costanza.

Con sua somma sorpresa udì ch'ella era escita due ore prima, verso le
otto.

— Sola? a piedi?

— A piedi e sola.

— Non aveva lasciata ambasciata alcuna per lui?

— Sì. Aveva lasciato il buon giorno e la preghiera di non attenderla a
colazione.

Leo non volle tradire, davanti all'ossequiosa faccia del portinajo,
l'ingrata sorpresa di quell'informazione.

— Sta bene, — disse. E passò nella _salle à manger_.

Sedette a un tavolino e ordinò qualcosa.

Ma non mangiò guari. Guardava ora la seggiola vicina, ora l'uscio
d'entrata. Ad ogni muover del battente provava una scossa, si attendeva
a veder tosto incorniciata nel vano quell'alta, elegante persona. Ma
no... era sempre qualcun'altro e una sorda collera ribolliva nel cuore
di lui. Ogni tanto, con un violento sforzo, cercava di acquietarsi, col
pensiero di un capriccio, di uno scherzo di lei. Tornerebbe fra poco,
confusa, sorridendo, vantandosi delle sue prodezze. Gli venne l'idea
di andarla a cercare, doveva esser poco lungi, nei pressi dell'Hôtel.
Abbreviò la colazione, escì in fretta, girò a lungo nei pressi
dell'Hôtel. Poi tornò frettolosamente all'_Italia_... forse ella era
venuta durante la sua assenza...

Si arrestò davanti alla stolida faccia del guardaporte che sollevava il
suo berretto gallonato.

— La signora?

— Non è tornata.

Sentì qualcosa di molto freddo che gli sfiorava il cuore. Passò oltre,
salì lentamente le scale e si avviò verso la sua camera.

La cameriera gli tenne dietro ed aprì l'uscio.

La prima cosa che colpì lo sguardo di Leo fu, al centro del tavolino,
il mazzo di rose ch'egli aveva il giorno avanti donate a donna
Costanza. Accanto alle rose, una lettera indirizzata a lui.

— Chi ha recato quei fiori e quella lettera? — chiese impetuosamente
alla donna.

— Io... — rispose questa, — per ordine della signora Varalli. Stamane,
prima di escire, mi disse di portarli in camera sua, ma non prima del
tocco. Ora è il tocco e mezzo.

Egli tacque un istante, come tace un uomo quando ha ricevuto sulla nuca
un colpo violento. Poi disse:

— Sta bene, andate pure.

Quando fu solo, aperse quella lettera. Donna Costanza gli scriveva così:

      _Amico Carissimo_,

  «Avete promesso di non meravigliarvi di nulla e di non chieder
  nulla. Perciò vi scrivo.

  «Ora, vi prego di perdonarmi il dolore che proverete udendo ch'io
  lascio definitivamente voi, gli amici ed il mondo. Mi faccio
  monaca.

  «Ciò parrà a molti una follìa. Può essere che lo sia. Ma la mia
  vita e l'anima mia hanno d'uopo di ciò, per l'appunto, nulla di
  meno sarebbe bastevole nè giovevole per me. Di ciò sono, oggi,
  profondamente convinta. Quali, quanti siano i motivi di questa mia
  risoluzione, come si sia creata, invigorita in me, sarebbe lungo,
  inutile il dirvi. Di questo solo vi accerto, che la tempesta fu
  forte, troppo forte per me... che ho bisogno di toccare un porto,
  anche prima che sia finito il viaggio. Non accuso nè il caso, nè me
  stessa, nè persona alcuna, mi congedo dal mondo senza amarezza di
  sorta.... Stanca soltanto... con un assoluto bisogno di riposo.

  «Prima di scordarmi, un quarto d'ora prima, il nostro piccolo mondo
  riderà un poco di me. Ma questo che m'importa? Ero tra la guerra e
  la pace, ho eletta la pace, ero malata, mi guarisco con una vecchia
  ricetta, che ora non si usa più, ma che per certe anime giova
  ancora. Avrei potuto far altre cose, ma ho scelto di far questa: un
  matrimonio di capriccio... con Dio, ecco tutto. Ma credo che non ci
  pentiremo... nè io... nè lui.

  «Fra molti, foste il mio migliore amico. Ier l'altro quando mi
  offriste voi stesso, pensai che vi dovevo qualcosa, e risolsi di
  darvi quanto mi restava di vita nel mondo. Perciò passai con voi la
  giornata di ieri. Credevo che fosse più facile passarla così, tutta
  con voi. Ma ora so che non tornerò più indietro. È l'una di notte,
  scrivo e vi odo passeggiare sul balcone.

  «Siete il primo a sapere della mia risoluzione, ditela pure a
  tutti, anche a Tremiati. Non temete, non diventerò nè pettegola, nè
  bigotta. Non cercate nè di vedermi, nè di scrivermi, ma pensate a
  me con affetto.

  «Tutto ciò è molto: _old style_, veramente. Povera Rita, come
  piangeva, nevvero?

  «Rammentatevi di me, questo sì. Se vi garba, comprate la mia
  cavallina nera. Amerei saperla in mani vostre. Vi ringrazio di
  tutto. Non mi difendete quando mi accuseranno... quando udrete i
  loro perchè della mia risoluzione. Non importa, sapete? tutto ciò
  che finisce è si breve!...

  «Addio, amico carissimo. Se vi ho fatto del male, perdonatemi. Mi
  pare però di non avervene fatto... tanto. — Ho fatto testamento; a
  voi lascio le nostre rose del viaggio.

  «Buona notte, Leo.»

                                       COSTANZA VARALLI DI TERBENO.

                             . . . . . . .

Leo lesse, rilesse... tornò a rileggere.

Davanti a lui, sul tavolino, le rose mandavano ancora un lieve
profumo.....


  FINE.



INDICE


  Dilemma                             _Pag._   1
  Spiraglio                             »     71
  Zenit                                 »     99
  Metempsicosi                          »    133
  Vecchia celia                         »    245
  Gita Estiva                           »    293



Nota del Trascrittore

Ortografia e punteggiatura originali sono state mantenute, correggendo
senza annotazione minimi errori tipografici.





*** End of this Doctrine Publishing Corporation Digital Book "Vita mondana" ***

Doctrine Publishing Corporation provides digitized public domain materials.
Public domain books belong to the public and we are merely their custodians.
This effort is time consuming and expensive, so in order to keep providing
this resource, we have taken steps to prevent abuse by commercial parties,
including placing technical restrictions on automated querying.

We also ask that you:

+ Make non-commercial use of the files We designed Doctrine Publishing
Corporation's ISYS search for use by individuals, and we request that you
use these files for personal, non-commercial purposes.

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort
to Doctrine Publishing's system: If you are conducting research on machine
translation, optical character recognition or other areas where access to a
large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the use of
public domain materials for these purposes and may be able to help.

+ Keep it legal -  Whatever your use, remember that you are responsible for
ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just because
we believe a book is in the public domain for users in the United States,
that the work is also in the public domain for users in other countries.
Whether a book is still in copyright varies from country to country, and we
can't offer guidance on whether any specific use of any specific book is
allowed. Please do not assume that a book's appearance in Doctrine Publishing
ISYS search  means it can be used in any manner anywhere in the world.
Copyright infringement liability can be quite severe.

About ISYS® Search Software
Established in 1988, ISYS Search Software is a global supplier of enterprise
search solutions for business and government.  The company's award-winning
software suite offers a broad range of search, navigation and discovery
solutions for desktop search, intranet search, SharePoint search and embedded
search applications.  ISYS has been deployed by thousands of organizations
operating in a variety of industries, including government, legal, law
enforcement, financial services, healthcare and recruitment.



Home